Inserire l'importanza dell'educazione fisica a scuola i bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD)

0
2656
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

LIMA, Heleno Rodrigues de [1], VIANA, Fabiana Cury [2]

LIMA, Heleno Rodrigues de; VIANA, Fabiana Cury. Importanza dell'educazione fisica a scuola bambini inserire con disturbo dello spettro autistico (ASD). Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 01, numero 11, vol. 10, pp. 261-280. Novembre 2016. ISSN: 2448-0959

L'autismo è caratterizzata da anomalie nello sviluppo, che si verificano prima dell'età di tre anni, viaggiando in tutta la vita di un individuo. Tra queste anomalie comprendono tre aree di sviluppo: interazione sociale, linguaggio e comunicazione, presenza o repertorio di comportamenti stereotipati ed interessi limitati e ripetitivi. Educazione fisica mira a stimolare lo sviluppo psicomotorio e, come un principio fondamentale, suscitare la creatività di educatori, nonché a contribuire alla formazione integrale dell'allievo. Mira a contribuire allo sviluppo fisico, mentale ed emozionale. Con la regolarità della pratica dell'attività fisica, i bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) migliorano semplici comandi, fornendo un miglioramento nel coordinamento e nella comunicazione. Questo studio si propone di analizzare lo sviluppo dell'autismo e l'importanza dell'attività fisica per lo stesso. Dopo la ricerca bibliografica, si può realizzare che attività fisica diretta verso l'autistico, insieme al metodo di intervento appropriato, porta ad un miglioramento della qualità della vita di questi bambini.

Parole chiave: educazione fisica, intervento di autismo.

1. INTRODUZIONE

L'autismo è caratterizzata da anomalie nello sviluppo. Inizio in anticipo di tre anni e per la vita dell'individuo. All'interno di queste anomalie comprendono tre aree di sviluppo: interazione sociale, linguaggio e comunicazione e la presenza o il comportamento di repertorio e interessi limitati, ripetitivi e stereotipati.

L'attività fisica è un comportamento per la prevenzione e il mantenimento della salute e dovrebbe sottolineare la partecipazione, decisione, autonomia e indipendenza. Pertanto, l'educazione fisica offerto dalle scuole devono includere il corpo, il movimento e la giocosità come inseparabili aspetti educativi e offrire opportunità educative adatte per lo sviluppo integrale e il perseguimento di un obiettivo partecipazione e integrazione sociale (WINNICK, 2004)

Le lezioni di educazione fisica di lavoro attraverso il banter playful e contemplano un gran numero di manifestazioni dello spettro, cercando di soddisfare ogni bambino nella loro particolarità, attraverso giochi collettivi e individuali. Sappiamo che non solo le manifestazioni giocose presentano il tuo libro consentendo ulteriore sviluppo dei legami tra l'insegnante di educazione fisica e facoltà che hanno ricevuto orientamenti educativi.

Un altro aspetto importante di questo studio è quello di fornire le correlazioni del gioco e i processi di sviluppo motorio dei bambini con i loro risultati in un ambiente favorevole per lo stimolo, molto espressivo per la vita futura del bambino.

Mangiare la pratica di attività fisiche, inoltre per ottenere un grande beneficio per la salute, c'è anche un miglioramento significativo di psicomotorio, sociale e aree cardiovascolare, inoltre diminuire i comportamenti come disattenzione, impulsività e iperattività di bambini che hanno un'immagine clinica dell'autismo.

Attività fisica per i bambini con autismo, deve essere attivo per condizionamento fisico, equilibrio e movimenti di base, lo sviluppo di locomotores e movimenti fondamentali. Ozio e sedentarietà, sono estremamente dannosi per il bambino autistico. È fino all'insegnante di educazione fisica contribuiscono a questo gioco del capretto e produttivamente, tutte le proposte di attività (WINNICK, 2004)

Il presente studio mira a causare riflessi e approccio il gioco in lezioni di educazione fisica come intervento giocoso e fornire miglioramenti per bambini diagnosticati con disturbo dello spettro autistico (ASD), attraverso l'educazione inclusiva al fine di stabilire i parametri per un migliore allineamento in lezioni di educazione fisica.

2. METODOLOGIA

La revisione di letteratura è stata usata come una metodologia, con articoli e lavori di ricerca della conclusione naturalmente pubblicato in dati scientifici online basi. Lo sfruttamento letterario tenuto in quei campi era di massima importanza per il completamento del lavoro.

Le fonti considerate per questa ricerca sono stati:

2015 "> articoli scientifici sul database di Google Scholar pubblicati tra il 2000 e il 2015.

Sono stati usati come una parola chiave: educazione fisica; Autistico; Intervento.

Per la selezione delle fonti sono stati considerati come criteri le bibliografie che si avvicinò educazione fisica come un metodo di integrazione per i bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD).

I materiali saranno raccolti tra febbraio e ottobre 2016.

E ' stato successivamente eseguita lettura analitica per ordinare le fonti di informazione, al fine di ottenere risposta al sondaggio. I dati raccolti sono stati confrontati e discussi, per trovare conclusioni circa i metodi di inserimento per l'educazione fisica di bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD).

3. AUTISMO E FORME DI APPROCCIO FISICO-FORMAZIONE E INTERVENTO

L'autismo è un disturbo che si pone all'inizio nei primi anni di vita e che coinvolge la perdita significativa nella comunicazione, la socializzazione e la capacità immaginativa. Per Calegaro, Stolaruk e Zeni (s/d).  Inoltre, secondo Assumpção Jr et al. (1999, s/p) "tua emersione si verifica prima dei 3 anni di età, con prevalenza stimata in 4-5/10000 e predominanza nei maschi (3 a 4 a 1), essendo legate alla pre, peri e post-natali fattori."

Secondo le statistiche in Brasile deve essere autistico 65.000 a 195.000, sulla base di studi effettuati in proporzioni internazionali, dal momento che nessuna indagine di questo tipo si tenne nel paese.

I bambini autistici, nella maggior parte casi l'assenza o il ritardo di lingua orale, l'uso ripetitivo del linguaggio, difficoltà in contatto visivo con gli altri, mancanza di interesse nei rapporti tra coppie, assenza di spontaneità e la definizione in determinati oggetti.

Per Ellis, sono naturalmente i deficit di interazione sociale, comunicazione e immaginazione sociale e comportamenti ripetitivi e rigidi, sono il nucleo centrale dello spettro autistico, presentando anche altre variabili caratteristiche. In relazione alle caratteristiche socio-emozionale individui autistici generalmente, punto isolato, aggressivo, disinteressato; eludere i principali contatti fisici e affettivi; hanno movimenti inappropriati; Non mostrare paura di pericoli reali; brontolare; ridere in modo inappropriato; abitudini alimentari strani presenti; avere attacchi di pianto e di dolore senza motivi apparenti.

Legge n. 12.764, che istituisce la politica nazionale di tutela dei diritti della persona con disturbo dello spettro autistico, sancito nel dicembre 2012, porta a seguire che autistici sono considerati ufficialmente disabilitata, essendo il diritto di tutti politiche di inclusione nel paese, tra questi, quelli di formazione, così l'autismo è venuto a essere considerato come un handicap, e tutta la scuola pubblica, sia pronto o no, è tenuto a includere gli studenti con tali disabilità.

Secondo 10 classificazione internazionale delle malattie (ICD-10) del 1991, autismo riceve la classificazione F84-0, essendo considerato come un disturbo pervasivo dello sviluppo anormale e impegnato, prima dei tre anni di età.

Bambini e giovani con bisogni speciali educativi (SEN) devono avere accesso alle scuole regolari e devono adeguarsi, attraverso una pedagogia incentrato sul bambino in grado di soddisfare queste esigenze. Le scuole ordinarie, seguendo questo orientamento incluso è i più in grado di contrastare gli atteggiamenti discriminatori, creazione di comunità aperta e coesa, costruendo una società inclusiva e assicurare l'istruzione per tutti.

Abbiamo bisogno di una maggiore riflessione sulla realtà attuale e le proposizioni della legislazione, che induce a pensare, in modo che in questo modo possiamo costruire strategie che saranno tonificare il professionista per essere più sicuri sulle modifiche e le regolazioni della al giorno d'oggi. Pertanto, cerchiamo di raggiungere efficacemente l'inclusione che è molto difficile da svolgere e che ha generato molte polemiche. (10)

Che cosa è presentato da Gómez e Terán, che sottolineano l'importanza dell'insegnante nella preparazione e realizzazione di attività di apprendimento dello studente perché egli insegnava sarà di grande valore, come vi aiuterà nella maturazione del sistema nervoso centrale e nella strutturazione di il bambino è conoscitivo, di lavorare secondo le esigenze dell'ambiente in cui vive il bambino. Ha sottolineato l'importanza dell'insegnante so passare per lo studente non solo come lui dovrebbe fare e cosa fare, ma passando anche perché è facendo e come lo farà nel prossimo futuro. Per questo, l'insegnante dovrebbe avere la formazione necessaria per poter lavorare non solo nei deficit dello studente, ma anche nell'individuare il loro potenziale e nella preparazione dell'educatore per il processo di mediazione, come sostenuto Vygotsky.

L'insegnante spesso non può affrontare le sfide che sorgono quando uno studente con bisogni educativi speciali, si sente impreparato e incapace di creare le condizioni per un efficace il tuo inserimento.

Formazione dell'educatore coinvolge un processo continuo, in cui il professore ha bisogno di andare di là di feedback e la tua presenza in corsi e sì azioni volte a cambiamenti nel processo di insegnamento-apprendimento.

Quindi c'è una connessione tra coloro che sono coinvolti, per migliorare l'interazione insegnante-studente, sarà necessario sviluppare alcune abilità per il processo di apprendimento. In primo luogo, l'insegnante deve distinguere l'importanza del vostro ruolo e può raggiungere significativo processo. E per raggiungere questo obiettivo è necessario proporre attività che farà una differenza e allo stesso tempo Mettetevi al posto dello studente, con che la lettura della rabbia di sviluppo del mondo, fare linee guida semplice, oggettive e frammentato alla vostra comprensione migliore. Utilizzare tutte le risorse valide, allora per fornire lo sviluppo delle loro capacità e abilità. Innanzitutto è consigliato che l'insegnante prendere la conoscenza della realtà per il coordinamento della scuola, sullo sfondo hanno un incontro con i docenti, di coordinamento e di genitori degli allievi e, successivamente, per stabilire i parametri in modo da possono soddisfare questo Studente pedagogicamente.

Al fine di ospitare il bambino correttamente, abbiamo bisogno di capire che alcuni degli aspetti che rendono il processo di inclusione degli studenti con bisogni speciali nelle scuole sono la mancanza di una formazione professionale adeguata, mancanza di risorse e materiali adatti, barriere architettoniche e fisiche, umane barriere attitudinali che pervadono le pratiche pedagogiche in materia di inclusione, tra gli altri.

La famiglia possa collaborare modo molto speciale per lo sviluppo dei bambini con autismo nella scuola, principalmente fornendo i professionisti informazioni sulle forme di comunicazione dal bambino. Andando su almeno una forma di comunicazione utilizzato dal bambino, altri possono essere sviluppati. "La famiglia è, quindi, il fattore determinante alla detonazione e manutenzione- o, piuttosto, per il fuorigioco del processo di integrazione".

Per identificare ciò che uno studente ha bisogni educativi speciali, la scuola (presidi, assistenti e insegnanti) dovrebbe organizzare una rete di assistenza efficiente, compresa la famiglia. Questo include ottenere un Consiglio tecnico da esperti provenienti da diverse aree, ove necessario, e, in alcuni casi, tale assistenza deve essere continuo.

La partnership tra scuola e famiglia è sottolineata dalla dichiarazione di Salamanca e coinvolgimento tra le due parti garantirebbe una partecipazione attiva dei genitori nel processo decisionale e nella progettazione didattica dei loro figli, con l'adozione di una comunicazione chiara e Aperto.

"Le attività degli individui con disabilità mentale bollire giù a casa-scuola-casa (…) Questa restrizione è a causa di varie difficoltà, come la mancanza di tempo per dedicarsi ad attività di tempo libero con i loro figli, la mancanza dell'opzione appropriata per il tempo libero e difficoltà finanziarie ".

Le scuole non sono preparate a ricevere questi studenti con bisogni educativi speciali, perché manca una rifusione dei criteri di valutazione e un team ben addestrato, in modo che può essere giocato un adeguato lavoro con questi studenti.

Ci sono diversi vantaggi nei bambini che vivono nel disordine dello spettro autistico (ASD) con altri dello stesso gruppo d'età, dal rispetto per l'unicità di ogni bambino. Questo contatto fornisce modelli di interazione, stimolando positivamente interattività, prevenire l'isolamento continuo e l'esercizio di abilità sociali durante questo scambio nel processo di apprendimento sociale. Al contrario, i bambini con sviluppo tipico sono anche favoriti, nella misura in cui essi vivono insieme e imparare dalle differenze, ridurre il pregiudizio e la discriminazione.

Una raccomandazione è che l'insegnante è consapevole che sono nelle lezioni di educazione fisica non è sufficiente adattare la disciplina, ma è l'adozione di un punto di vista didattico che valorizza la diversità e si impegna a costruire una società inclusiva.

Un altro punto da considerare che l'insegnante di educazione fisica si riferisce al modo di presentare i contenuti, con attenzione per la selezione e la modifica di stili che forniscono i maggiori benefici educativi a tutti gli studenti di insegnamento.

È nell'interazione con il bambino tenendo conto dei seguenti fattori: è suggerito che l'insegnante si sente lo studente lato o dietro di lui, preferibilmente sedersi nella parte anteriore, dato che la posizione di quest'ultima può diventare pericolosa. È necessario sottolineare le attività che sono di interesse per lo studente con autismo: musica, escursioni, ecc.

Con l'educazione inclusiva appaiono maggiori richieste e le sfide per le scuole e per gli insegnanti. È necessario che gli attori educativi per pianificare un programma di studi che risponde alle caratteristiche degli studenti.

"Empower insegnanti e scuole, lavorando con un curriculum che risponde a questi requisiti sono la grande sfida per i servizi di supporto e scuola". Pianificare l'apprendimento e la partecipazione di tutti gli studenti senza ricorrere a risposte stereotipate e pre-laminati, cercare i modi migliori per adattare o modificare il curriculum alla diversità delle esigenze degli studenti, lavorando in collaborazione con altri professionisti o servizi, promuovere la collaborazione e la condivisione di informazioni e di esperienze tra insegnanti, aumentare la produzione di curriculum materiali, osservazione congiunta delle lezioni, l'emergere di partenariati educativi, incoraggiare la sperimentazione e innovazione pedagogica, sono alcune delle attività chiave negli insegnanti, indipendentemente dalle loro specifiche funzioni, devono essere coinvolti attivamente e collaborare si.

4. INCLUSIONE-AUTISMO E SUOI MOLTI SPETTRI

Che l'integrazione scolastica è una realtà, oltre a un cambiamento di mentalità, per quanto riguarda l'accesso e per il successo dell'educazione per tutti, è necessario creare le condizioni e risorse appropriate ad ogni situazione. Una delle caratteristiche che consiglia di Porter è la creazione di "insegnanti di metodi e risorse", nominato per le scuole in base al numero di studenti (1/150-200) di agire come "consulente di supporto con l'insegnante di classe regolare è responsabile per averlo aiutato sviluppare strategie e attività che supportano l'inclusione degli studenti con bisogni speciali in classe regolare ".

Parametri di curriculum nazionale, definiti curriculari adattamenti come "strategie didattiche e criteri di prestazione, consentire che le decisioni che creano opportunità di adattare l'azione alle peculiari modi di apprendimento educativo scuola degli studenti, considerando che l'insegnamento apprendimento presuppone di soddisfare le esigenze di diversificazione degli studenti a scuola. "Credo per l'istituzione di un'efficace inclusione per gli studenti affetti da disturbi dello sviluppo dilagante, che sarebbe necessario discutere di questo" necessario supporto all'azione educativa "Se stai parlando, così come di quello che sarebbe stato il" adattamenti "richiesto curriculum. Una scuola veramente inclusiva sarebbe disposta a gestire l'eterogeneità e diversità.

L'educazione inclusiva implica scuole aperte a tutti, dove studio tutti insieme, indipendentemente dal tipo di problema, perché l'atto educativo si concentra sulla differenziazione inclusive curriculum, costruito secondo i contesti di studenti, allocazione di metodi differenti della scuola per rispondono alla diversità culturale, alla ricerca di metodologie diverse che hanno contemplazione sull'attenzione per i ritmi e gli stili di apprendimento degli studenti.

Mezzi di supporto,

"Una diversità di risorse – insegnamento di materiali, attrezzature speciali, ulteriori risorse umane, insegnare metodologie o altri organizzatori di apprendimento che possa aiutare nell'atto di apprendimento. Il supporto si riferisce a tutte queste risorse, ma soprattutto coloro che sono oltre l'insegnante da solo in grado di fornire.

L'immagine è confusa e inciter agli educatori che si identificano con l'argomento e nonostante le metodologie educative non forniscono risultati adeguati quando si verificano singolarmente, senza di loro è molto difficile da realizzare progressi in elemento portante di bambino Autismo. Anche la presenza di tanta difficoltà a mangiare, ci sono molti motivi per favorire l'inclusione di questi bambini. Motivi che passano attraverso l'evoluzione dei nostri concetti circa l'invalidità, sostenerli in vari documenti legali e l'importanza di condotta pedagogico.

Cooperazione e la condivisione di esperienze e conoscenze sono un modo per incoraggiare il no all'isolamento e alla creazione di spazi di formazione, ricerca, azione e riflessione. (30). Per le risposte ai problemi incontrati sono pertinenti, tempestive e adattato, devono essere costruite in contesti in cui si sviluppano problemi e con coloro che sono interessati nella vostra risoluzione, che richiede cambiamenti metodologici e organizzativi.

Soprattutto nelle famiglie che hanno bambini con autismo, la reciproca emotiva e la comunicazione è carente diventa l'impasse più grande. Gli autistici hanno problemi caratteristica di comprendere diversi affetti umani. Ci sembra non essere sentimenti, ma in verità, questo comportamento sembra essere un risultato di disabilità cognitiva

(…) comprendono non è semplicemente inserire una persona nella vostra comunità e in ambienti destinati per educazione, salute, tempo libero, lavoro, includono applica ospitare tutti i membri di un determinato gruppo, indipendentemente dalle sue peculiarità; è da considerare che le persone sono esseri unici, diversi gli uni dagli altri e quindi in grado di essere classificati.

L'insegnante di educazione fisica può anche aiutare dando suggerimenti alla famiglia come essi possono comportarsi a casa, quindi ottenere coinvolti nel processo di inclusione dei loro figli. Spesso i meccanismi educativi che vengono sviluppati in Aula non hanno nessun thread all'interno. (19)

L'ambiente di intervento motor è un luogo dove gli individui ricevono cure specialistiche per attività fisica programmate e mirate, che mira a un miglioramento nella loro capacità motorie. Uno spazio incluso che utilizza la giocosità al fine di agevolare lo sviluppo del bambino autistico, così all'interno di questo processo è attività fisica, per lavorare lo sviluppo motorio nei ambiti globali.

Studi sulla circolazione delle persone con deficit motori sono assemblati team multidisciplinari nel tentativo di comprendere il funzionamento del sistema nervoso centrale (SNC) i processi adattivi creati da questi individui per il movimento e interazione con l'ambiente, avendo come scopo quello di sviluppare procedure metodologiche che agevolano il controllo motore e apprendimento in presenza di disturbi del movimento.

5. STRATEGIE DI INTERVENTO PER I BAMBINI AUTISTICI

In cerca di migliori metodi di insegnamento per i bambini con autismo prima dovrebbero iniziare da "identificare che cosa abbiamo bisogno di insegnare ad un bambino con autismo, che è un compito complicato e delicato, dal momento che non si adattano le forme usuali della valutazione".

Una volta che diagnosticato i criteri adottati sono stati di presentare un modello più semplice, è molto utile quando non riusciamo a trovare un altro più efficace. Secondo Jordan, l'insegnante deve sistematizzare e organizzare i metodi di insegnamento al fine di insegnare in modo efficace.

Tutte le forme di valutazione ci darà informazioni sufficienti per definire gli obiettivi, se vengono scelti sulla base dei seguenti criteri: idoneità all'evoluzione del bambino; presentazione della normale evoluzione; funzionalità, per quanto possibile e adattamento del bambino con autismo ad ambienti naturali.

Questa zona che è un'area prioritaria di intervento essendo richiesto inizialmente per "sbloccare" processo, vale a dire, creare un'affinità tra l'educatore e il proprio figlio, riuscendo ad ottenere c'è per lei. L'educatore/insegnante compete con il bambino in una relazione che è facilmente comprensibile da questo, perché tutto è ordinatamente stabilito e non al caso; limiti alla loro condotta non adattato; rafforzare, nella quale figurano i loro comportamenti adeguati e funzionali; pianificazione di situazioni stabili e strutturati; Guida il bambino a frenare la autogratificações e capire quale dei loro comportamenti e atteggiamenti è capricci non ammessi; per essere sicuri, gli ordini e le istruzioni che dà il bambino; avere un atteggiamento nella pianificazione delle attività e durata politica. (

La selezione di obiettivi e attività in questo settore fornirà strategie di apprendimento per gli obiettivi futuri e più complesse situazioni naturali, oltre a fornire gli obiettivi specifici di sviluppo.

Insegnanti generalmente presentano difficoltà in termini di conflitto quando si tratta con il "diverso". Professor tende ad adottare strategie che inibiscono l'espressione di "sintomi autistici" (Ex: "tenere gli studenti occupati"), più come un tentativo di "take over" tali sentimenti rispetto come una pratica pedagogica, focalizzata sulle esigenze della studente. Idee preconcette, soprattutto da parte dei media, influenzano le aspettative di insegnante circa le prestazioni dei loro studenti, condizionando l'efficacia delle loro azioni in materia di promozione delle competenze.

"Le pratiche inclusive scuola sono emancipatore e adattato a diversi studenti, compresi quelli con disabilità, al posto della conoscenza, che sono stati eliminati, a scuola o fuori di esso."

[…] un tipo di intervento con i bambini con problemi di sviluppo-psicosi, bambini con tratti autistici, pós-autistas e bambini con problemi biologici connessi con fallimenti nella costituzione soggettiva, è un insieme di pratiche interdisciplinari trattamento, con particolare enfasi sulle pratiche educative, ha puntato la ripresa dello sviluppo globale del bambino o la ripresa della struttura psichica interrotta per lo scoppio della psicosi infantile o il supporto minimo del soggetto un bambino può essere costruito.

L'acquisizione della lingua è sottomesso alla funzione simbolica, che si è riportata nello sviluppo dell'imitazione e il gioco come i meccanismi verbali. Identifica gli inizii della rappresentazione del bambino in imitazione, pensiero simbolico e inconscio. Durante questo periodo la vita mentale individuale processi predominano sopra i fattori collettivi, che porta alla formazione di relazioni interindividuali, ma senza loro derivazione senza ambiguità. Così, nel gioco e nell'imitazione può continuamente seguire il passaggio del sensitivo-motore per il pensiero rappresentativo. Questo inizia quando non c'è differenziazione e coordinamento tra significanti e significati, essendo il primo significativo distingue sarebbe stato fornito da imitazione e il derivato, l'immagine mentale, mentre il significato sarebbe stato fornito dalla assimilazione predominante nel gioco. "È questa congiunzione tra imitazione, o mentali, di un modello mancante e i significati forniti da varie forme di assimilazione che permette la creazione della funzione simbolica".

Implica che insegnamento e apprendimento, come un'unità sul professore, è considerato inscindibile, rendendo le relazioni più complesse. Quindi se lo studente non impara, è anche un problema per l'insegnante. Il rapporto con il sapere deve essere differente dalla forma tradizionale praticata dalla scuola. (37). Si riferisce per rendere l'insegnamento e l'apprendimento più investigativo, in quanto l'insegnante deve essere guidata dal confronto di situazioni problema per cui le risposte sono insufficienti.

Nel caso di autismo c'è difficoltà di lavorare con i giochi perché essi hanno difficoltà nelle regole di comprensione, oltre a presentare il tuo deficit di competenze più motore. È anche noto che la disfunzione motore può contribuire ad un ritardo del linguaggio e della comunicazione.

Strumenti di valutazione dovrebbero informare l'attuale sviluppo del bambino, il modo si affronta alcune situazioni di apprendimento, le risorse e il processo che utilizza in una determinata attività. Sapere cosa è in grado di fare, anche se con la mediazione degli altri, permette lo sviluppo di strategie d'insegnamento e in particolare del caso per ogni studente.

La lingua/comunicazione è la chiave per l'interazione sociale e culturale. Tuttavia, è uno dei maggiori ostacoli l'autistico. Anche se molti sviluppano verbale competenze e molto può svilupparsi solo abilità di comunicazione non verbale.

L'uso del giocattolo promuove il contatto, diventando oggetto di espressione del bambino, che esprimerà il modulo reale, simbolico di fantasie, desideri ed esperienze. Pertanto, il gioco è fondamentale per lo sviluppo del bambino, per quanto riguarda gli aspetti della crescita, della salute e della socializzazione, come pure essendo una forma del soggetto e comunicare con gli altri. Si è osservato che l'aspetto ludico è importante per lo sviluppo del bambino, perché permette il ravvicinamento con i professionisti che fanno parte della vostra routine e il processo di sviluppo, l'espressione di sentimenti ed emozioni, nonché a promuovere la socializzazione di contatto con altri bambini a scuola, nella Comunità, a casa e altre posizioni che il bambino frequenta. Socializzazione possa essere realizzati in attività come lavoro in dinamiche di gruppo, giochi, giochi e giocattoli.

Per Vygotsky, il gioco presenta impronta per bambini per bambini di apprendimento, non solo l'educazione sistematica che può sviluppare l'apprendimento, ma anche l'atto di gioco, vale a dire, anche può e dovrebbe essere considerato paramount in apprendimento e bambino sviluppo, pur non essendo l'aspetto predominante dell'infanzia, egli esercita un'enorme influenza sullo sviluppo del bambino.

Lo sviluppo e l'apprendimento di autistics bisogno di tempo e spazio per accadere, perché essi sono processi complessi. (44). È importante che l'insegnante sa come mediare e interagire con la pupilla e per soddisfare le sue caratteristiche, per aiutarvi nel processo di insegnamento e di apprendimento.

Il gioco può essere usato come una strategia metodologica nell'insegnamento apprendimento, generando la zona di sviluppo prossimale, cioè le opportunità di apprendimento. Inoltre, quando si utilizzano giochi educativi come funzionalità didattico-pedagogico, l'educatore può promuovere l'apprendimento e lo sviluppo di tutte le potenzialità e le capacità degli studenti. A tal fine, il gioco deve essere praticato in maniera costruttiva e non come una serie di attività senza senso, che mira allo sviluppo delle capacità fisiche e intellettuali, non dimenticando l'importanza della socializzazione.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Questo lavoro ha cercato di mostrare le difficoltà e le irregolarità che ha motore il bambino con autismo, così come la visione che ha del proprio corpo.

Attraverso la comprensione disfunzione del motore che può contribuire ad un ritardo del linguaggio e della comunicazione, analizziamo il processo di acquisizione del motore competenze è sviluppato in un modo che è parte integrante dei programmi di sostegno pedagogico per bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD).

Per l'attuazione degli obiettivi proposti, si è reso necessario di fare una riflessione della storia e della evoluzione fisica dalla vostra origine fino ai giorni nostri, dimostrando che si tratta di una disciplina essenziale per qualsiasi tipo di insegnamento, che utilizza fisico e delle risorse naturali per prevenire le malattie e che questa disciplina può consentire l'autistico, superando nelle loro difficoltà quotidiane, dando una migliore qualità della vita.

Educazione fisica fornisce a autistiche nuove forme di espressione, oltre a ottenere un grande beneficio per la salute e migliora aree sociali, psicomotorie e cardiovascolari, diminuendo i comportamenti come: disattenzione, impulsività e iperattività.

Lo sviluppo di questo studio ha permesso di valutare l'importanza dell'educazione fisica professionale in ambito educativo e lo sviluppo di autistici che, attraverso la pratica positiva dell'attività fisica agisce in modo da migliorare la qualità della vita e funzionalità degli elementi portanti di questo disordine.

Fronte di quanto precede, è necessario condurre ulteriori ricerche legate all'argomento per i professionisti che si occupano di questi bambini hanno scelte più mirate durante le loro lezioni, permettendo di migliorare lo sviluppo psicomotorio del suoi studenti.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, i. f. m. partecipazione degli allievi di Sen nelle attività collettiva della scuola normale. (Tesi di laurea) Lisbona: Graduate Institute di scienze psicologiche, sociali e vita-ISPA; 2015. Disponibile a: <http: repositorio.ispa.pt/bitstream/10400.12/3972/1/19775.pdf="">letta: 08 mai.</http:> 2016.

WINNICK, J. P. Organization e gestione di programmi. In: WINNICK, J. P. (org.). Educazione fisica e sport per disabili. Barueri: Manole, 2004. p. 21-36.

LÔ, N. E.; GOERL, b. d. rappresentazione emozionale dei bambini autistici all'esterno di un programma di intervento acquatica motore. Laurea rivista, v. 3, n. 2, 2010. Disponibile a: <http: revistaseletronicas.pucrs.br/ojs/index.php/graduacao/article/viewarticle/7902="">letta: 07 mai.</http:> 2016.

SZABO, c. b. autismo: un mondo strano. 2. Ed. São Paulo: EDICON, 1999, 58p.

Martins, c. faccia a faccia con autismo: è l'aggiunta di un mito o una realtà? (Tesi di laurea) Londra: Scuola di formazione Giovanni di Dio; 2012. Disponibile a: <https: comum.rcaap.pt/bitstream/10400.26/2562/1/claudiamartins.pdf="">letta: 07 mai.</https:> 2016.

SZABO, c. b. l'autismo. São Paulo: MAGEART, 1995, 117 p.

Brasile. Legge n. 12.764, 27 dicembre 2012. L'istituzione della politica nazionale di tutela dei diritti della persona con disturbo dello spettro autistico; e che modifica il comma 3 dell'art. 98 della legge 8.112, dell'11 dicembre 1990. Distretto federale: Diário Oficial da União, CXLIX. n. 250, sezione 1. p. 2, 2012. Disponibile a: <http: pesquisa.in.gov.br/imprensa/jsp/visualiza/index.jsp?data="28/12/2012&jornal=1&pagina=2&totalArquivos=192">letta: 04 Jun.</http:> 2016.

SERRA, D.G. L'inclusione di un bambino con autismo nella scuola normale: le sfide e i processi. (Tesi di Master). Rio de Janeiro: Rio de Janeiro State University. 2004. Disponibile a: <http: www.proped.pro.br/teses/teses_pdf/dayse_carla_genero_serra-me.pdf="">letta: 15 mai.</http:> 2016.

UNESCO & MEC-Spagna. Dichiarazione di Salamanca e linea di azione su particolari esigenze educative. Brasilia: CORDE, 1994. Disponibile a: < http://portal.mec.gov.br/seesp/arquivos/pdf/salamanca.pdf=""> letta: 15 mai. 2016.

MINETTO, f. m. Curriculum sull'integrazione scolastica: la comprensione di questa sfida. 2. Rev a cura. corrente. AMPL. Curitiba: Ibpex, 2008.

GÓMEZ, a. s. m. & TERÁN, n. e. disturbi di apprendimento e autismo. São Paulo: Ed. Gruppo culturale, 2014.

VYGOTSKY, l. s. sviluppo psicologico nell'infanzia. São Paulo: Ed. Martins Fontes, 1992.

HONNEF, rapporti c. degli insegnanti sull'insegnamento di gestione in una realtà di educazione speciale nella prospettiva dell'integrazione scolastica. Rivista di gestione e valutazione educativa. Santa Maria, v. 2, n. 3, 2013. Disponibile a: <http: cascavel.ufsm.br/revistas/ojs-2.2.2/index.php/regae/article/view/10390/pdf="">letta: 21 mag.</http:> 2016.

Scaramelli, m. a. con la parola l'insegnante: le loro credenze, le loro azioni. (Tesi di dottorato). São Paulo: Universidade Estadual de Campinas (UNICAMP); 1997. Disponibile a: <http: www.bibliotecadigital.unicamp.br/document/?code="vtls000115926">letta: 22 mag.</http:> 2016.

Brasile. Ministero della pubblica istruzione. Conoscenze e pratiche di inclusione: sharp apprendimento Difficoltà-autismo. Brasilia: Ministero di educazione speciale. Educazione della prima infanzia. 2003. Disponibile a: <http: www.autismo.org.br/site/images/downloads/mec%20autismo.pdf="">letta: 21 mag.</http:> 2016.

GOLDBERG, K.; PATEL, L. R. S.; BOSA, A. C. Il professore di educazione speciale e la tua visione su una disabilità di lavoro. Prospettiva rivista, Erechim, v. 29, p. 59-68, 2005.

PETEERS, t. autismo: comprensione teorica e intervento educativo. Rio de Janeiro: cultura medica, 1998.

GLAT, R.; Duca, m. r. vivere con i bambini: lo sguardo paterno. Rio de Janeiro: Sette Letras, 2003.

AIELLO, L.R. famiglia inclusive. In: PACKARD, S.; MAHER, S.C.F. integrazione scolastica. San Carlos: EdUFSCar, 2002, 286p.

MENDES, AD ES.; FERREIRA, J. R.; NARAYANAN, L. R. P. integrazione/inclusione: la rivelazione la tesi e tesine in psicologia ed educazione. In: NUNES SOBRINHO, F. P. (org.). Inclusione educativa: ricerca e interfacce. Rio de Janeiro: libera espressione, 2003. p. 98-149.

CUNHA, e. autismo e inclusione: pedagogia e pratiche educative nella scuola e nella famiglia. 4 ed. Rio de Janeiro: Wak, 2012.

CAMARGO, S. P. H.; BOSA, c. a. competenza sociale, l'inclusione scolastica e autismo: Revisione critica della letteratura. & Psychology Society. Porto Alegre, v. 21, n. 1, p. 65-74, 2009. Disponibile a: < http://www.scielo.br/scielo.php?script="sci_arttext&pid=S0102-71822009000100008"> letta: 14 maggio. 2016.

CHACON, José Francisco. Inclusione in educazione fisica: costruzione di percorsi. (Tesi di dottorato). Collegio di educazione, Università di Sao Paulo-USP; 2005. Disponibile a: <http: seer.ufrgs.br/movimento/article/download/3760/2123="">letta: 28 mag.</http:> 2016.

HEWITT, s. comprensione autismo: strategie per gli studenti con autismo nelle scuole regolari. Porto: Porto Editora, 2006, 112p.

Correia, l. m. difficoltà specifiche di apprendimento: contributi a una definizione. Porto: Porto Editora, 2008, 64p.

SANCHES, I.; Teodoro, gli indicatori per l'integrazione scolastica: pratiche degli insegnanti di sostegno educativo. Giornale portoghese dell'educazione, vol. 20, n. 2, p. 105-149, 2007. Disponibile: <http: www.scielo.mec.pt/pdf/rpe/v20n2/v20n2a05.pdf="">acceduto a sopra: 04 Jun.</http:> 2016.

Brasile. Educazione fondamentale Segretariato. Parametri di curricolo nazionale: Introduzione al curriculum nazionale parametri fondamentali istruzione Segretariato. – Brasilia: MEC/SEF, 1997, 126 p. Disponibile a: <http: portal.mec.gov.br/seb/arquivos/pdf/livro01.pdf="">acceduto a sopra: 25 Jun.</http:> 2016.

RATTI, m. differenziazione curriculare e inclusione. In: RODRIGUES, prospettive di inclusione d. (ed.): di formazione alla società. Porto: Porto Editora, 2003, 240p.

DELL'UNESCO. Istruzione per tutti: l'impegno di Dakar. Brasilia: UNESCO, CONSED, Ação Educativa, 2001. Disponibile a: <http: unesdoc.unesco.org/images/0012/001275/127509porb.pdf="">letta: 28 mag.</http:> 2016.

AINSCOW, M. Da loro a noi: uno studio internazionale di inclusione nell'istruzione. Londra: Routledge, 1998, 280p.

MANTOAN, l'inclusione scolastica di m. e. t.: che cos'è? Perche '? Come fare?. São Paulo: Moderna, 2003, 95 p.

TEIXEIRA-ARROYO, C.; OLIVEIRA, g. r. s. attività acquatica e la psicomotricità in bambini con paralisi cerebrale. Motivi, Rio Claro, v. 13, n. 2, p. 97-105, 2007. Disponibile a: <http: cecemca.rc.unesp.br/ojs/index.php/motriz/article/viewfile/751/757="">.</http:> Accesso a: 22 mai. 2016.

MARQUES, disturbi dello spettro autistico di c. e.: un intervento di sviluppo costruttivista con le madri. Coimbra: Routledge, 2000, 283p.

MAXFIELD, v. l. m. p. strategie per promuovere l'inclusione di uno studente con autismo. 2011 (tesi di master). Londra: Scuola di formazione Almeida Garrett. Dipartimento di Scienze dell'educazione; 2011. Disponibile a: <http: recil.grupolusofona.pt/handle/10437/1356="">letta: 05 Jun.</http:> 2016.

KUPFER, formazione di m. c. d. per il futuro: psicoanalisi e formazione. São Paulo: Ascolta, 2001, 162p.

PIAGET, J. La formazione del simbolo del bambino: imitazione, gioco e sogno, immagine e rappresentazione. Rio de Janeiro: Zahar, 1978. (ed. org. 1945)

Lago, m. autismo nella scuola: azione e riflessione. (Tesi di Master). Porto Alegre: Universidade Federal do Rio Grande do Sul; 2007. Disponibile a: <http: lume.ufrgs.br/bitstream/handle/10183/13077/000638908.pdf="">letta: 21 mag.</http:> 2016.

MOSTOFSKY, s. h. et al. Prova per il deficit di apprendimento in bambini ed adolescenti con autismo procedurale: implicazioni per il contributo cerebellare.  Giornale della società internazionale neuropsicologici, v. 6, n. 07, p. 752-759, 2000. Disponibile a: <http: journals.cambridge.org/abstract_s1355617700677020="">letta: 05 Jun.</http:> 2016.

TUCHMAN, R.; RAPIN, I. autismo: Approccio neurobiologico. Porto Alegre: New Haven, 2009, 376p.

OLIVEIRA, S. R.; Campi, t. e. valutazione in educazione speciale: il punto di vista dell'insegnante degli studenti con disabilità. Studi di valutazione educativa, v. 16, n. 31, p. 51-77, 2005. Disponibile a: <http: www.fcc.org.br/pesquisa/publicacoes/eae/arquivos/1222/1222.pdf="">letta: 11 Jun.</http:> 2016.

ORRÚ, S e autismo, lingua e formazione…: interazione sociale nella vita quotidiana. Rio de Janeiro: Editora Wak, 2007, 183p.

RAMIREZ, c. l.-Mediatore del bambino autistico. (Tesi di laurea) Rio de janeiro: Universidade Cândido Mendes-AVM integrati College, 2012. Disponibile a: <http: www.avm.edu.br/docpdf/monografias_publicadas/t208174.pdf="">letta: 12 Jun.</http:> 2016.

REGO, t. c. Vygotsky: una prospettiva storica e cultura dell'istruzione. 6 ed. Rio de Janeiro:.1995 voci, 140p.

SANTOS, r. m. l'apprendimento giocoso della persona con autismo: un'analisi sulle loro potenzialità e le possibilità. (Articolo) Lauro de Freitas: UNIBAHIA-Faculdades Integradas Ipitanga; 2012. Disponibile a: <http: www.webartigos.com/artigos/o-ludico-na-aprendizagem-da-pessoa-com-autismo-uma-analise-sobre-suas-potencialidades-e-possibilidades/91595/="">acceduto a sopra: 18 Jun.</http:> 2016.

CAIXETA, j. e. sulla formazione dei concetti, di costruzione di conoscenza e di giochi. Testo inedito. Planaltina: UnB facoltà di Planaltina, 2012.
Masashi KISHIMOTO, t. m. gioco ed educazione della prima infanzia. São Paulo: Pioneer Thomson Learning, 2003, p 62.

[1] Studente del corso di laurea in educazione fisica laurea presso la facoltà di Patos de Minas.

[2] Esperto di sanità pubblica di professore del lavoratore e terapia fisica in trauma-Ortopedia e neurologia.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here