L’istruzione superiore brasiliana alla luce di Bourdieu ai tempi del COVID-19

0
12
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

BUSQUET, Leandro Martins Cota [1]

BUSQUET, Leandro Martins Cota. L’istruzione superiore brasiliana alla luce di Bourdieu ai tempi del COVID-19. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol. 11, pp. 26-33. dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/listruzione

Questo articolo contribuisce alla comprensione dell’istruzione superiore pubblica in Brasile sulla base dei pensieri di Pierre Bourdieu nel bel mezzo della pandemia di COVID-19. Attraverso un’analisi politica, la subordinazione storica brasiliana ai desideri dei paesi egemonico è evidenziata. In questo contesto, dimostra che il sistema capitalista cerca di mantenere il suo progetto di socialità come qualcosa di inesorabile e nell’istruzione superiore questo non è diverso. La prevedibilità neoliberale è esposta nascondendo le sue vecchie linee guida di mercato sotto un pregiudizio fallacemente più umanizzato. Le misure per ridurre il contagio da virus sono state affrontate attraverso le linee guida del sistema sanitario unificato. Sono state mosse critiche per indurre il lettore a identificare la precarietà delle università pubbliche a scapito del progresso e del favoritismo giuridico dell’apprendimento a distanza. L’articolo conclude che il dibattito e la costruzione di un quadro dialettico teorico-metodologico operativizzano i mezzi per affrontare gli attacchi del sistema neoliberale all’istruzione superiore pubblica.

Parole chiave: Istruzione superiore brasiliana, Pierre Bourdieu, COVID-19, Neoliberismo, Università Pubblica.

1. INTRODUZIONE

L’istruzione superiore brasiliana, a lungo rappresentata da autori affermati nella zona, è sempre stata influenzata dai dettami delle grandi imprese e delle organizzazioni finanziarie internazionali. In tempi di COVID-19, situazioni che un tempo potevano passare inosservate al grande pubblico iniziano a guadagnare espressione. In vista dell’analisi di una società sempre più critica, vengono esposti nuovi elementi, però camuffati nel tentativo del neoliberismo di conformare la classe operaia con il soprannome di: “fai da te”, “sei capace da solo”, “hai disciplina”, tra molti altri.

Sotto questo pregiudizio, cominciano a sorgere alcune domande che, di passaggio, contribuiscono a chiarire ed erodere le strutture primarie del tentativo neoliberale di perpetuare il sistema come qualcosa di naturale. Ecco uno studio che può collaborare sia per la spiegazione dei fatti che per il miglioramento della strumentalità di tutti coloro che intendono trasformare questo progetto di socialità. In questo modo:

Questo è ciò che credo di esprimere quando descrivo lo spazio sociale globale come un campo, cioè, allo stesso tempo, come un campo di forza, la cui necessità è imposta agli agenti coinvolti in esso, e come un campo di lotte, all’interno del quale gli agenti si affrontano, con mezzi e scopi diversi a seconda della loro posizione nella struttura del campo di forza , contribuendo così alla conservazione o alla trasformazione della sua struttura (BOURDIEU, 2011a, p. 50).

A questo proposito, secondo l’autore, siamo agenti sociali, cioè non abbiamo ruoli predefiniti nella società. Siamo esseri premurosi. Pertanto, l’analisi di questo contesto attraverso una prospettiva procedurale dialettica è necessaria in modo che non vi sia una prospettiva a tenuta stagna della realtà brasiliana, cioè qualcosa senza contraddizioni e, quindi, senza macchia riguardo al nostro istituto di istruzione superiore.

2. BRASILE: UNA BREVE STORIA DI CLIENTI

Storicamente, il Brasile è sempre stato subordinato ai precetti dei paesi egemonico, in particolare degli Stati Uniti e delle organizzazioni finanziarie internazionali. Ciò si è verificato in tutti i settori, nell’istruzione non era diverso. Con l’ingresso di grandi capitali c’è un massiccio tentativo di sfruttarlo che è diventato una fonte inesauribile di risorse. Si possono sempre più osservare la demolizione forzata delle istituzioni accademiche pubbliche e il favoritismo delle grandi organizzazioni universitarie private. Non c’è niente di nuovo.

Tuttavia, la società, in particolare la classe operaia, sta diventando sempre più “sfaccettata”. Questa espressione ci ricorda ciò che Bourdieu  et. al. (1963) ha detto a proposito della questione algerina: tracciando un parallelo con questa realtà con quella del nostro Paese, si può osservare come qualcosa che è successo decenni fa possa essere così attuale ai nostri giorni. Il sistema capitalista è perverso, ma è anche prevedibile: ci sono crisi che sono inerenti al suo mantenimento e riproduzione. In questa dinamica, la più colpita è la classe operaia, attraverso lavori precari, sottoccupazione, ecc.

L’idea è proprio questa: diluire per conformarsi e portare alla fortezza una certa stranezza con la realtà in cui si vive, cioè il sentimento di non appartenere a una classe sociale storicamente degradata in diritti socialmente conquistati. Questa analisi può essere eseguita immediatamente o permeata da interessi inerenti al sistema, perché dopo tutto sono progetti antagonistici di socialità, o come giustamente afferma Bourdieu (1989), i “campi”, poiché:

Comprendere la genesi sociale di un campo e cogliere ciò che rende specifico il bisogno della convinzione che lo sostiene, del gioco del linguaggio in esso giocato, delle cose materiali e simboliche in gioco che ne sono generate, è spiegare, rendere necessario, sottrarre dall’assurdità dell’arbitrario e dell’immotivato gli atti dei produttori e le opere da essi prodotte (BOURDIEU , 1989, p. 69).

Queste correlazioni di forze permeano le varie aree sociali, e l’istruzione, più specificamente l’istruzione superiore del nostro paese, non è esterna. Non c’è niente di più alienato e alienante che rimanere in questo “assedio”. Il sistema dei capitali non spreca nulla e nessuno, al massimo ci sono agenti sociali che sono ai margini e, se necessario, vengono reintegrati. Ciò può avvenire attraverso l’alienazione, lo sfruttamento o (l’auto) sfruttamento.

3. PANDEMIA PER IL NUOVO CORONAVIRUS

Con la pandemia causata dal COVID-19 c’è stata anche un’intensificazione della disperazione, incertezze, un aumento significativo delle cosiddette fake news e altri fattori che confermano l’innesco di una serie di questioni che emergono nella nostra società storicamente deteriorate dal sistema capitalista. Secondo il sito del Ministero della Salute:

I coronavirus sono una grande famiglia di virus comuni a molte specie diverse di animali, inclusi cammelli, bovini, gatti e pipistrelli. Raramente, i coronavirus che infettano gli animali possono infettare le persone, come MERS-CoV e SARS-CoV. Recentemente, a dicembre 2019, è stato trasmesso un nuovo coronavirus (SARS-CoV-2), che è stato identificato a Wuhan in Cina e ha causato COVID-19, che è stato poi diffuso e trasmesso da persona a persona. COVID-19 è una malattia causata dal coronavirus, chiamato SARS-CoV-2, che ha uno spettro clinico che va dalle infezioni asintomatiche alle condizioni gravi. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la maggioranza (circa l’80%) dei pazienti con COVID-19 può essere asintomatica o oligosintomatica (pochi sintomi) e circa il 20% dei casi rilevati necessita di cure ospedaliere perché ha difficoltà respiratorie, di cui circa Il 5% potrebbe aver bisogno di supporto ventilatorio. (BRASILE, 2020)

Così, fino all’arrivo di un vaccino efficace e alla conseguente immunizzazione del popolo brasiliano, sono state necessarie misure per ridurre il contagio, al fine di prevenire il “gonfiore” e il collasso del Sistema Sanitario Unificato (SUS), nonché la saturazione del settore privato. L’uso di maschere e rigide misure igieniche ha dovuto essere adottato dalla popolazione. In questo contesto, diverse espressioni (misure) sono emerse precedentemente sconosciute da molti brasiliani, tra cui: isolamento sociale, quarantena e blocco. Secondo il sito dasa:

      • Isolamento sociale: È una raccomandazione medica per le persone che potrebbero aver avuto contatti con un paziente infetto o sono in attesa dei risultati del test (sulla contaminazione da parte del nuovo Coronavirus) o hanno confermato la diagnosi. In questi casi, si raccomanda di isolarli dagli altri ed evitare la diffusione della malattia. L’isolamento può essere sia a casa che in ospedale, a seconda della gravità di ogni caso […]
      •  Quarantena: le persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti dal virus o sono state in regioni con focolai della malattia devono rimanere in quarantena. La durata della quarantena è determinata in base al periodo di incubazione (tempo in cui la malattia si manifesta) e può variare da 1 a 14 giorni. L’obiettivo è quello di osservare nei giorni se la persona presenta sintomi e quindi controllare la diffusione del nuovo Coronavirus.
      • Lockdown: È una misura imposta dallo Stato. Se l’isolamento sociale e la quarantena non sono sufficienti o rispettati, lo Stato interviene per limitare la circolazione della popolazione, che comprende la chiusura delle strade (che vieta gli spostamenti non essenziali) e dei luoghi pubblici e privati. (DASA, 2020)

3.1 L’ESPOSIZIONE DELLA PRECARIETÀ DELLA NOSTRA ISTRUZIONE SUPERIORE PUBBLICA E IL TENTATIVO NEOLIBERALE DI NASCONDERE QUESTA CONDIZIONE: BREVE ANALISI

In questa nuova realtà imposta, le università pubbliche sono diventate ancora più esposte. Nella vita quotidiana, le difficoltà sono estreme: maggiore accesso all’istruzione pubblica di persona rispetto alle precarie condizioni delle strutture fisiche, senza offrire qualità strutturale, oltre agli insegnanti sovraccarichi. Questo vertiginoso passo avanti verso la “rottamazione forzata” avviene nella stessa misura in cui l’apertura dell’apprendimento a distanza nei corsi di laurea e laurea lato sensu viene ampliata come un modo per svalutare il dibattito critico attraverso la diluizione tra pubblico-privato.

Tutto questo va avanti da molto tempo, ma nella pandemia di COVID-19 l’apprendimento a distanza viene ulteriormente rafforzato come un modo per rimuovere dal “campo” del dibattito la persistenza del sistema neoliberale nel mantenere il suo progetto di socialità come qualcosa di naturalizzato.

In una formazione sociale determinata, l’opera pedagogica con cui avviene l’azione pedagogica dominante ha sempre la funzione di mantenere l’ordine, cioè di riprodurre la struttura delle relazioni di forza tra gruppi o classi, nella misura in cui tende, sia per inculcazione che per esclusione, ad imporre ai membri dei gruppi o delle classi dominato il riconoscimento della legittimità della cultura dominante. , e per farli interiorizzare, in misura variabile, discipline e censure che servono sia al meglio agli interessi, materiali o simbolici, dei gruppi o classi dominanti, quanto più prendono la forma di autodisciplina e autocensura. (BOURDIEU; PASSERON, 2011, p.63)

Quando si riflette su questi temi, l’apprendimento a distanza inizia a riformulare fallacemente come qualcosa di “messianico”. Se parliamo di accesso a Internet nel nostro Paese, che resta alquanto precario, è interessante notare che la questione della precarietà era già stata analizzata da Pierre Bourdieu (1963) a partire dagli anni Sessanta. Tuttavia, quando si analizzano i più recenti quadri politico-legali che avvolgono tutto questo problema, non possiamo dimenticare il ruolo del Ministero dell’Istruzione (MEC) come partecipante a questa impresa neoliberista “umanista”, vale a dire: la creazione di meccanismi che generano condizioni per mantenere tutto com’è. Questo ci riporta all’analisi di Bourdieu (1996) di quella che viene chiamata “violenza simbolica”, cioè un tipo di dominio che può essere disseminato da un certo gruppo dominante e accettato in modo totalmente inconscio come qualcosa di naturalizzato dalla classe operaia.

Tracciando un parallelo con questa realtà, si può esemplificare l’allerta dell’Associazione dei Professori della Sezione Federale Università/Unione Fluminense dell’Andes-SN (ADUFF/SSIND), dove informano su tale sito web che il MEC ha recentemente lanciato, il 23 ottobre 2020, attraverso l’Ordinanza 434, un gruppo di lavoro che asduce lo sviluppo di alcune attività:

Il Ministero dell’Istruzione (MEC) ha istituito un gruppo di lavoro per discutere, elaborare e presentare strategie per espandere l’offerta di corsi di istruzione superiore, in modalità di istruzione a distanza (IAD), nelle università federali. L’ordinanza 434 del Segretariato dell’istruzione superiore (Sesu / MEC) è stata pubblicata venerdì (23) nella Gazzetta ufficiale dell’Unione ed entra in vigore il 3 novembre. “Questa ordinanza rappresenta un altro passo del governo per concretizzare ciò che ANDES-SN denuncia dall’inizio della pandemia: il governo federale approfitterà della situazione imposta dal nuovo coronavirus per approfondire la precarietà e mercificazione della Pubblica Istruzione e per promuovere l’attuazione dell’istruzione a distanza nelle istituzioni educative federali ”, critica Antonio Gonçalves, presidente di ANDES-SN. Secondo il decreto, il GL, di natura consultiva, avrà il compito di individuare le potenzialità e proporre strategie per ampliare l’offerta dei corsi di alta formazione a distanza, presso le università federali; assistere nella costruzione di indicatori e meccanismi per monitorare i risultati del progetto di espansione dell’istruzione superiore, attraverso mezzi digitali, al fine di consentire il monitoraggio dell’istruzione a distanza; tra gli altri. Il gruppo sarà composto da rappresentanti di Sesu / MEC, University Network Association (UniRede), Brazilian Distance Education Association (Abed), National Teaching and Research Network (RNP) e rappresentanti delle università federali, essendo un titolare e un supplente per regione . Il gruppo di lavoro avrà 180 giorni per presentare la conclusione dei lavori. La scadenza può essere prorogata da Sesu / MEC. (ASSOCIAÇÃO DOS DOCENTES DA UNIVERSIDADE FEDERAL FLUMINENSE/SEÇÃO SINDICAL DO ANDES-SN, 2020).

Questa essenza spesso non è assimilata da tutti. Così, “la violenza simbolica è una violenza che si esercita con la tacita complicità di coloro che la subiscono e anche, spesso, di coloro che la esercitano nella misura in cui l’uno e l’altro non sono consapevoli dell’esercizio o della sofferenza” (BOURDIEU, 1996, p. 16). Il sociologo francese va oltre affermando che “quella che io chiamo violenza simbolica o dominazione simbolica, cioè forme di coerzione che si basano su accordi non consapevoli tra strutture oggettive e strutture mentali” (BOURDIEU, 2012, p. 239). Ecco perché sostiene che lo Stato agisce come uno stato che governa sia la violenza fisica che simbolica, e questo si può trovare anche nel sistema educativo.

4. CONSIDERAZIONI FINALI

Secondo quanto è stato esposto, è necessaria una riflessione mediata da un approfondimento delle analisi di Pierre Bourdieu sulla precarietà del lavoro e su tutti gli altri fattori che possono integrare questo problema. Analizzare l’istruzione superiore brasiliana in modo olistico (all’interno e all’esterno della pandemia) è comprendere i vari campi in continue controversie. Tali questioni devono essere assimilate e discusse in modo da non introdurre meccanismi tra di noi che avremo difficoltà a declassare in seguito. Pertanto, costruire un quadro teorico-metodologico con strumentalità nell’affrontare il dibattito è necessario da parte di tutti coloro che desiderano la trasformazione di questa specifica realtà del nostro Paese.

RIFERIMENTI

ASSOCIAÇÃO DOS DOCENTES DA UNIVERSIDADE FEDERAL FLUMINENSE/SEÇÃO SINDICAL DO ANDES-SN. MEC cria grupo de trabalho para ampliar oferta de EAD nas universidades federais. Disponível em: http://aduff.org.br/site/index.php/notocias/noticias-recentes/item/4308-mec-cria-grupo-de-trabalho-para-ampliar-oferta-de-ead-nas-universidades-federais. Acesso em: 25/11/2020

BOURDIEU, P., DARBEL, A.; RIVET, J. P. Travail et travailleurs ein Algérie. Mouton. 1963.

BOURDIEU, Pierre; PASSERON, Jean-Claude. A reprodução: Elementos para uma teoria do sistema de ensino. 4ª ed. Petrópolis: Vozes, 2011.

BOURDIEU, Pierre. O poder simbólico. Rio de Janeiro: Bertrand Brasil, 1989.

______. Razões práticas: Sobre a teoria da ação. 11ªed. Campinas: Papirus, 2011.

______.Sur l’État. Cours au Collège de France (1989-1992). Paris: Raisons d’Agir/Seuil. 2012.

BRASIL. Ministério da Saúde. Sobre a doença. Disponível em: https://coronavirus.saude.gov.br/sobre-a-doenca#o-que-e-covid. Acesso em: 25/11/2020.

BRASIL. Portaria 434, de 22 de outubro de 2020. Institui Grupo de Trabalho com a finalidade de subsidiar a discussão, a elaboração e a apresentação de estratégias para a ampliação da oferta dos cursos de nível superior, na modalidade de educação à distância – EaD, nas universidades federais. Disponível em: https://www.andes.org.br/diretorios/files/renata/setembro/portariaMECEAD.pdf Acesso em: 25/11/2020.

DASA. Lockdown durante a pandemia do Coronavírus: o que é e quais países adotaram. Disponível em: https://dasa.com.br/blog-coronavirus/lockdown-coronavirus-significado. Acesso em: 25/11/2020.

[1] Master in Scienze dell’Informazione, Laureato in Bibliotecaria e Documentazione e laureato in Lavoro Sociale.

Presentato: dicembre 2020.

Approvato: dicembre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here