L’inserimento femminile nel mercato del lavoro e le sue implicazioni nelle abitudini alimentari della famiglia

0
306
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SOUZA, André Luiz Alvarenga De [1]

SOUZA, André Luiz Alvarenga De. L’inserimento femminile nel mercato del lavoro e le sue implicazioni sulle abitudini alimentari della famiglia. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 07, Vol. 12, pp. 49-64. luglio 2019. ISSN: 2448-0959

Questo articolo tratta delle abitudini alimentari delle donne inserite nel mercato del lavoro e di coloro che lavorano a casa hanno detto “da casa”. La metodologia utilizzata è quantitativa, attraverso il campionamento pratico, in cui il ricercatore ha effettuato la distribuzione e la raccolta dei questionari dall’invio tramite Google Docs via e-mail e queste e-mail sono state selezionate attraverso un elenco di Posta elettronica riferendosi ai contatti del ricercatore. Il questionario utilizzato era un questionario strutturato, in cui gli intervistati hanno scelto le opzioni di risposta. La tecnica di analisi dei dati utilizzata era la distribuzione della frequenza e il crossover dei dati. La ricerca è stata condotta nella città di Campo Grande/MS, capitale del Mato Grosso do Sul, che ora ha una popolazione totale stimata di 786.797 abitanti (IBGE, 2010) con una proiezione per il 2015 di 853.622 (IBGE, 2015). La questione guida o problematica di questo articolo è stata quella di discutere l’impatto sulle abitudini alimentari delle famiglie derivanti dall’inserimento di donne nel mercato del lavoro.

Parole chiave: abitudini alimentari, mercato del lavoro, donne.

1. INTRODUZIONE

La popolazione femminile arriva ogni giorno crescendo di più e secondo le statistiche del proprio (IBGE, 2010) indica una popolazione femminile totale di 97,348,809 in Brasile, dati che comprendono da 0 a 80 anni o più e di tutte le razze, già la popolazione maschile nella stessa gamma e e le gare sono 93.406.990. Ciò dimostra la grande domanda femminile per i più svariati tipi di servizi, occupazione e reddito.

Se facciamo un’analisi storica riferendosi all’inserimento delle donne nel mercato del lavoro, possiamo osservare che nel 1827 nasce la prima legge che permette alle donne di frequentare le scuole e avere una sorta di convivialità sociale diversa dalle loro faccende domestiche (EDUCATING FOR CRESCITA, 2009).

Il Brasile è un paese con una forte mancanza di documenti e informazioni storiche, ma se andiamo in profondità possiamo osservare che la lotta della donna brasiliana per il suo riconoscimento e il successivo ingresso nel mercato del lavoro viene da molto prima della proclamazione della Repubblica, il Che culminò con l’elaborazione di due grandi leggi, firmate dalla principessa Isabel: (LEGGE del WOMB GRATUITO 1871) e (LAW -UREA 1888).

La donna ha sempre occupato e occupato un ruolo importante nella società e nelle famiglie, in 1.962, con l’entrata in vigore dello statuto della donna sposata, la donna è stata liberata dall’autoritarismo maschile, che è culminato con leggi successive a suo favore fino alla promulgazione di Costituzione federale di 1.988, che rafforza il ruolo delle donne nella società. Uomini e donne sono uguali in diritti e obblighi(ART 5 o C. F1988).

In questo momento dal riconoscimento dei loro diritti le donne hanno avuto accesso a innumerevoli informazioni e benefici relativi alla società che contribuisce alle varie modifiche nella struttura familiare che possiamo vedere oggi. Nel SECOLO NINETEENTH c’è stato un movimento che si riferiva alla rivoluzione culturale femminile, che ha beneficiato dell’intera condizione delle donne lavoratrici che gradualmente hanno acquisito diritti e apprezzamento professionale.

Nel verificare questo contesto storico, possiamo affermare che la scomparsa della società artigiana ha portato le donne a cercare lavoro nelle fabbriche e nelle industrie, che le hanno costrette ad accettare salari inferiori a quelli degli uomini. Tutto ciò ha portato allo sfruttamento del lavoro femminile e dei mali del tempo legati al femminismo che culmina nell’inserimento delle donne nella società industriale.

Con l’occupazione del padre e della madre nei posti di lavoro dell’industria, l’educazione dei bambini era sotto controllo, perché il paese (uomo) ha cominciato a delegare l’educazione dei loro figli le madri, madri che hanno iniziato a lavorare fuori. Nella prima guerra mondiale, inviando i suoi precettori ai campi di battaglia le donne sono obbligate a svolgere le funzioni ore esclusiva degli uomini e anche le funzioni di uffici, mestieri, servizi pubblici e anche professioni liberali, che ha potenziato L’elevazione del loro grado di istruzione e di conseguenza le loro aspirazioni economiche e personali, muovendosi per svolgere un altro ruolo all’interno della famiglia.

Con la fine della seconda guerra mondiale, essi vedono assicurato nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, la consacrazione dei loro diritti, senza distinzione di sesso, eguagliando, a tutti gli effetti, uomini e donne.

As Established (DICHIARAZIONE UNIVERSALE DI DIRITTI UMANI 1948, ART 23):

§1.     Ogni persona ha diritto al lavoro, libera scelta dell’occupazione, condizioni di lavoro eque e favorevoli e protezione contro la disoccupazione.

§2.     Ogni persona, senza distinzione, ha diritto alla stessa retribuzione per la parità di lavoro.

§3.     Ogni persona che lavora ha diritto a una remunerazione equa e soddisfacente, che gli assicuri, così come la sua famiglia, un’esistenza compatibile con la dignità umana e che aggiurerà, se necessario, altri mezzi di protezione sociale.

Tuttavia, l’inserimento femminile nel mercato del lavoro è uno degli esempi che possono contribuire all’alterazione delle abitudini alimentari delle donne e delle loro famiglie, perché ancora molte donne sono responsabili, anche lavorando all’esterno, dalla preparazione e dalla direzione Il menu della tua famiglia il giorno per giorno della casa. (LELIS, TEIXEIRA E SILVA 2013, p. 102), affermano che “le donne, per tradizione, sono le principali responsabili delle attività alimentari della famiglia in generale”.

Questo è chiaro anche se visto dal prisma di (SILIPRANDI apud. LELIS, TEIXEIRA E SILVA 2013, p. 101), quando afferma che “le donne sono viste come uno ” strumento ‘ con il quale si raggiungerà la sicurezza alimentare delle famiglie, cioè tendono ad essere custodi del benessere degli altri membri della famiglia”.

(GARCIA 1997) sostiene che il collocamento professionale e l’indipendenza delle donne influenzano direttamente la struttura del cibo e causano un’organizzazione di valori e abitudini che possono portare conseguenze nel modello alimentare familiare.

Così i costi e i tempi dedicati alla famiglia e alla preparazione del cibo, sono direttamente legati alla domanda di tempi di preparazione più brevi, perché la donna moderna vuole partecipare più attivamente alla vita della sua famiglia e dimostrare alla società un maggiore impegno di Punto di vista affettivo per la famiglia. Di conseguenza, ciò porta all’ingestione da parte della famiglia di prodotti trasformati e spesso anche al fast food.

In (BORGES e FILHO 2004), lo studio delle abitudini alimentari è essenziale non solo in termini di alimenti, ma anche nei fattori che permeano la scelta di questi alimenti.

Altri autori come (RODRIGUES e KNOW 2006) e (SCHLINDWEIN e KASSOUF 2007), sottolineano che quando le persone si nutrono di casa, stanno intrinsecamente acquisendo valori personali nella loro vita quotidiana e che con l’inserimento delle donne nel mondo del lavoro e la mancanza di di tempo per la scelta del cibo, questo ha influenzato l’alimentazione delle famiglie e il modo di preparare il cibo nelle loro case. Questo denota che l’alimentazione lontano da casa con la famiglia ha cessato di essere sporadica per diventare qualcosa di abituale tra le famiglie del XXI SECOLO.

Che è direttamente sostenuto nella salute della famiglia e anche nella sua dieta dietetica. Per (LAMBERT, et al 2005), c’è una modifica della dieta tradizionale per una dieta in cui le persone preferiscono prodotti pronti a

Consumo o prodotti che richiedono poca dedizione durante la loro preparazione, come quelli già cotti o precotti.

Nell’ambito dell’analisi e dell’indagine della condizione femminile nel mercato del lavoro, possiamo orientare che la ricerca si basava sulla popolazione femminile che lavora fuori casa e sulle donne considerate “a casa” che in qualche modo lavorano e producono Qualcosa per la società.

Il problema guida o problematico di questo articolo sono le abitudini alimentari delle famiglie delle donne che lavorano all’esterno e di coloro che lavorano solo a casa. L’obiettivo è quello di controllare le abitudini alimentari delle famiglie con casalinga che lavora fuori e con la casalinga che non lavora fuori.

2. METODOLOGIA

La metodologia utilizzata è quantitativa, attraverso il campionamento pratico, in cui il ricercatore ha effettuato la distribuzione e la raccolta dei questionari dall’invio tramite Google Docs via e-mail e queste e-mail sono state selezionate attraverso un elenco di Posta elettronica riferendosi ai contatti del ricercatore.

Il questionario utilizzato era un questionario strutturato, in cui gli intervistati sceglievano le opzioni di risposta, un questionario contenente 20 domande.

La ricerca è stata condotta nella città di Campo Grande/MS, capitale del Mato Grosso do Sul, che ora ha una popolazione totale stimata di 786.797 abitanti (IBGE, 2010) con una proiezione per il 2015 di 853.622 (IBGE, 2015).

Campo Grande è una città considerata un centro agricolo, con molte università e principalmente focalizzata sui servizi e sul funzionalismo pubblico, essendo la sua economia focalizzata su questi punti salienti. Il pubblico specifico del presente studio era composto da donne che lavoravano nelle aree più diverse e nei segmenti economici di Campo Grande/MS e nelle più svariate professioni e donne considerate “casa”.

Nel processo di ottenimento dei dati sulle donne, abbiamo optato per i dati del (IBGE, 2010) che indica una popolazione femminile di 263.241 nella città di Campo Grande/MS, nell’età di 20-65 anni o più, di cui 126.464 sono economicamente attivi e formalmente ( ROOT/MTE, 2014).

I campioni sono stati raccolti con totale imparzialità, segretezza ed etica e tutto questo processo di raccolta dei dati ha avuto luogo dal 01/10/2015 al 02/12/2015 e ha portato a un totale di 100 questionari inviati e con 40 completati e convalidati. Nel processo di presentazione dei questionari, è stato spiegato il motivo per cui la ricerca è stata condotta e se erano interessati alla partecipazione spontanea.

I dati sono stati analizzati attraverso il profilo socioeconomico delle donne, essendo osservate e studiate le variabili come, l’età degli intervistati; Stato civile; istruzione Situazione occupazionale attuale; reddito in salari minimi; Numero di bambini; Numero di bambini che vivono con loro; Se hanno una cameriera e se la cameriera cuochi per loro; Quanti pasti fai di solito ogni giorno con la tua famiglia; Con il quale di solito esegue i pasti; La presenza della famiglia durante i pasti è considerata importante; Chi è responsabile dell’acquisto di cibo da casa tua; Che tipo di cibo è più acquistato, consumato nella vostra casa; Mangiare fuori casa (self-service, fast food, a la carte), tu e la tua famiglia, di solito nutrite con quale frequenza; Se le piace fare i pasti fuori casa, lei le piace fare i pasti fuori casa sua, e Se lei la considera e il nutrimento della sua famiglia sana; Quanto in media spende per un pasto come il pranzo o la cena quando esce con la sua famiglia o anche da sola; Se lei e la sua famiglia hanno l’abitudine di mangiare a tavola, e se Se lei e la sua famiglia, durante la settimana o fino al fine settimana hanno l’abitudine di mangiare marmitex.

Quello che cercava di identificare e chiarire la luce della ricerca scientifica i cambiamenti che avvengono nelle abitudini alimentari della famiglia di questi ricercati con il loro inserimento nel mercato del lavoro e i tipi di cibo consumati dalle loro famiglie. Sono stati intervistati i due gruppi di donne che lavorano all’estero e le donne che lavorano a casa. Un altro dettaglio importante sollevato è stato anche se questo pubblico ama nutrirsi della loro residenza e i valori che sono disposti a spendere su di esso. Controllato anche la differenza dei pasti del fine settimana e durante la settimana la loro abitualità.

3. QUADRO TEORICO

La donna oggi occupa diversi ruoli nella società, ma oggi c’è una grande distinzione quando si parla di donne inserite nel mondo del lavoro.

Possiamo osservare che (SOARES e I’AKI 2002), rafforza la questione delle donne nel mondo del lavoro nella loro citazione:

Uno dei cambiamenti più notevoli nell’offerta di lavoro del dopoguerra è stato il grande aumento della partecipazione femminile alla ricerca di occupazione e occupazione. Anche se il fenomeno era già incipiente prima della seconda guerra mondiale, poco dopo le donne entrarono pesantemente nel mercato del lavoro. Secondo Goldin (1990), negli Stati Uniti, le donne sono passate dal 18% della popolazione economicamente attiva (PEA) nel 1900 al 32% nel 1960 e al 46% nel 1992. Si è trattato di un cambiamento verificatosi in tutto il mondo occidentale e il Brasile non è sfuggito ai suoi effetti: in Brasile le donne erano il 32% del PAA nel 1977 al 46% nel 2001, chiudendo in 24 anni la pausa che le donne americane hanno chiuso nel 32. Si tratta di un fenomeno di grande importanza, perché il suo impatto è stato avvertito nelle due istituzioni più presenti nella vita della maggior parte degli individui: la famiglia e il posto di lavoro.

Possiamo affermare che l’aumento espressivo delle donne nel mercato del lavoro è qualcosa che deriva dal cambiamento della società nel suo insieme, le nuove famiglie sono costituite da diversità che generano anche un grande impatto sociale e abitudini.

I cambiamenti sociali influenzano le abitudini alimentari e, per esempio, possiamo evidenziare il fenomeno dell’urbanizzazione e di altre circostanze della modernità delle città. Le circostanze della vita quotidiana hanno implicazioni nel rapporto dell’individuo con l’ambiente in cui vive, riflettendosi in questo modo, principalmente nell’atto di mangiare e relazionarsi con l’alimentazione, causando alterazioni di questi aspetti (MARINHO et al., 2007).

Sappiamo che la donna è la persona che decide cosa manerà la famiglia, il menu della settimana.

Questa stessa donna lavora all’esterno e non ha il tempo a disposizione per effettuare queste separazioni e la preparazione di questi alimenti, come sarebbe l’alimentazione delle famiglie in questo caso.

Il fatto è che l’intensificazione della popolazione aumenta, l’aumento dell’urbanizzazione delle città e la partenza della donna da casa al mercato del lavoro hanno cambiato le dinamiche delle famiglie nel contesto delle relazioni e anche del cibo. Possiamo sottolinearlo in base a (LAMBERT et al. 2005), la mancanza di regolarità dei pasti e il loro carattere individuale sono anche conseguenze del cambiamento nel ritmo di vita degli individui.

Ciò denota che sono necessarie ulteriori indagini in termini di inserimento femminile nel mercato del lavoro e le sue implicazioni per le abitudini alimentari della famiglia.

Secondo Lelis, Teixeira e Silva (2013), secondo l’indagine sul bilancio familiare (POF) condotta da IBGE, i brasiliani hanno diversificato il loro cibo, diminuendo il consumo di materie prime tradizionali e più basilari, come riso e fagioli. Nell’area urbana si è constatato l’aumento del consumo di prodotti pronti o trasformati, come pane salato, biscotti ripieni, yogurt, vitamine, panini, fritti e salati arrostiti, pizze, bibite analcoliche, succhi di frutta e birra (IBGE, 2011).

Questi dati indicano una forte domanda familiare di alimenti pronti, semi-pronti e fastfood, che in realtà genera un cambiamento nella caratterizzazione degli alimenti delle famiglie del XXI secolo.

Tabella 1: Demissioni e variabili per l’analisi dell’inserimento femminile nel mercato del lavoro e delle sue implicazioni nelle abitudini alimentari della famiglia.

Dimensioni Variabili
Socio-demografico Livello di scolarazione;

Reddito in salari minimi;

Sesso

età

Ha figli;

Stato civile;

Quanti anni hanno i tuoi figli che vivono ancora con te?

Comportamentali Numero di bambini che vivono o meno con l’intervistato del questionario;

Hai una cameriera? E lei cucina per te?

Quanti pasti fai di solito ogni giorno con la tua famiglia?

Con chi fai di solito i pasti?

Ritiene importante la presenza della famiglia durante i pasti?

Chi è responsabile dell’acquisto di cibo da casa tua?

Che tipo di cibo viene acquistato, consumato in casa tua?

Quando mangi fuori casa (Sel fservice, fast food, a la carte), tu e la tua famiglia, mangiate spesso con quale frequenza?

Ti piace cenare fuori dalla tua casa?

Consideri sano il tuo e l’alimentazione della tua famiglia?

Quanto in media spendi per un pasto come il pranzo o la cena quando esci con la tua famiglia o anche da solo?

Tu e la tua famiglia avete l’abitudine di mangiare a tavola?

Tu e la tua famiglia, durante la settimana o fino ai fine settimana avete l’abitudine di mangiare Marmitex?

Fonte: elaborata dall’autore stesso

La tecnica di analisi per il trattamento dei dati, che è stata utilizzata, si riferisce all’analisi della distribuzione della frequenza e del crossover dei dati.

4. DISCUSSIONE E RISULTATI

Tabella 1: Intersezione P7 con P8

Conteggio di P 8 P 8
P 7 3 o più pasti Fino a 2 pasti
Non ho una cameriera e sono io che cucina il cibo della mia famiglia. 30,77% 69,23%
Sì, ho una cameriera e lei cucina per me. 28,57% 71,43%
Sì, possiedo cattiva cameriera io sono me stesso che cucino i cibi della mia famiglia 0,00% 100,00%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

In questa tabella attraverso le croci delle variabili P7 e P8, possiamo osservare che il 100% degli intervistati che hanno cameriere, anche facendo loro fare un punto di preparare il cibo di famiglia quando fa fino a 2 pasti insieme, da 3 I pasti o più 28.57% preferiscono la cameriera per preparare il pasto.

Un altro dato considerevole da osservare è il rapporto tra il 69,23% delle donne che non hanno una governante domestica e cucinano il cibo della loro famiglia.

Tabella 2: Incrocio P8 con P9

Conteggio di P 9 P 9
P 8 Con marito e figli (famiglia) Con gli amici Al lavoro soltanto
3 o più pasti 100,00% 0,00% 0,00% 0,00%
Fino a 2 pasti 60,00% 3,33% 3,33% 33,33%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Nella tavola 2, attraverso le croci delle variabili P8 con P9, riferendosi al numero di pasti e con cui, abbiamo osservato che fino a 3 pasti le donne fanno con la propria famiglia e che fino a 2 pasti fanno con gli amici, al lavoro o anche da soli.

Tabella 3: Crossover P8 con P12

P 8
P 12 3 o più pasti Fino a 2 pasti
Io stesso 3 13
Io stesso, mio marito 7 17
Totale complessivo 10% 90%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Attraverso l’intersezione di queste variabili P8 e P12, che si riferiscono al numero di pasti e che fanno gli acquisti per la casa, un’inversione rispetto alla tabella 2. Qui abbiamo scoperto che il 90% responsabile degli acquisti relativi agli alimenti per la casa sono le donne stesse e il 10% di questo totale è condiviso con mariti che fanno anche acquisti nazionali.

Tabella 4: Incrocio P8 con P13

Incrocio delle variabili P 8 CON P 13 percentuale
Cibi surgelati di varie categorie e semi pronti 33,9%
Verdure, verdure e frutta 87,5%
carne 51,9%
In scatola e intarsiato (prosciutto, salsiccia, mortadella) 60,0%
Alimenti biologici 32,5%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Questa tabella ci porta uno dei principali dati riguardanti il tipo di consumo alimentare effettuato dalle famiglie di queste donne intervistate, mostrandoci una panoramica dell’alimentazione di fronte a una panoramica delle famiglie.

Questi dati provengono dall’intersezione delle variabili quantità di pasti fatti ogni giorno con tipi di cibo acquistati nei supermercati. Dati abbiamo rilevato che l’87,5% degli intervistati consuma verdure, verdure e frutta nelle loro case e che prima di un’abitudine considerava sana un elemento richiamato l’attenzione che è il consumo di tipo in scatola e intarsiato (prosciutto, salsiccia, mortadella) che non sono Considerato sano con una percentuale del consumo del 60%.

Di fronte alle carni che questo pubblico aveva un comportamento di consumo riferito al 51,9%, ciò significa che la percentuale è direttamente collegata al consumo di proteine animali e che in oltre il 50% delle famiglie intervistate è presente nella dieta quotidiana delle famiglie.

Nel consumo di alimenti surgelati di varie categorie e semipronti abbiamo una percentuale del 33,9% del consumo da parte delle famiglie intervistate un indice superiore a quello degli alimenti biologici a cui hanno risposto gli intervistati che si comportano con percentuali di consumo in 32.5%.

Tabella 5: Incrocio di P15 con P17

Conteggio di P 15 P 15
P 17 No
Da R 10.00 fino a R 30,00 USD 36,36% 63,64%
Da R 101,00 fino a R 300,00 USD 28,57% 71,43%
Da R 31,00 fino a R 50,00 USD 30,77% 69,23%
Da R 51,00 fino a R 100,00 USD 22,22% 77,78%
Totale complessivo 30,00% 70,00%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Quando ci prendiamo cura delle cose e le colleghiamo ai valori, abbiamo l’impressione del valore percepito che le persone danno o mettono nelle cose. In considerazione di ciò possiamo verificare che la percentuale di persone che preferiscono mangiare fuori che rappresenta il 70% degli intervistati è molto più alta di coloro che preferiscono cucinare e preparare il proprio cibo a casa che rappresentano il 30% di loro e anche non si preoccupano del Valore finanziario del cibo consumato dalla famiglia o da soli quando si consuma da soli nei ristoranti, ma c’è una percentuale di spesa molto espressiva per un singolo pasto che corrisponde a R 51,00

Fino a R 100,00 e questo al 77,78% degli intervistati che preferiscono mangiare fuori casa. Se osserviamo coloro che non amano mangiare al di fuori della loro casa rileviamo che questi ricercati sono nella gamma di consumo dei pasti con un prezzo di R 10,00 fino a R 30,00 e corrispondono al 36,36% degli intervistati.

Tabella 6: Incrocio P8 con P14

Conteggio di P 14 P 14
P 8 Sopra 5 volte a settimana Fino a 2 volte la settimana MA Da 3 a 5 volte a settimana
3 o più pasti 0,00% 80,00% 20,00%
Fino a 2 pasti 3,33% 80,00% 16,67%
Totale complessivo 2,50% 80,00% 17,50%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Nella variabile che misura il numero di pasti a scapito del numero di volte in cui gli intervistati di solito mangiano fuori casa da soli o con la famiglia abbiamo le variabili nel numero di volte nella settimana che ci mostra che l’80% fa 2 a 3 pasti nella settimana lontano da casa. Per quanto riguarda il numero di 3-5 volte nella settimana abbiamo 17.50% che fanno 2 fino a 3 pasti fuori casa e sopra 5 volte a settimana abbiamo 3.33% degli intervistati che mangiano fuori.

Tabella 7: Incrocio P8 con P17

Conteggio di P 17 P 17
P 8 Da R 10.00 fino a R 30,00 USD Da R 101,00 fino a R 300,00 USD Da R 31,00 fino a R 50,00 USD Da R 51,00 fino a R 100,00 USD
3 o più pasti 40,00% 40,00% 10,00% 10,00%
Fino a 2 pasti 23,33% 10,00% 40,00% 26,67%
Totale complessivo 27,50% 17,50% 32,50% 22,50%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Questa tabella si riferisce al tavolo 5, ma qui abbiamo la quantità di pasti fatti settimanalmente a scapito del prezzo pagato dalla ricerca per mangiare fuori casa.

Abbiamo verificato che l’enfasi è sui feed che prestigioso i prezzi di R 10.00 fino a R 30,00 e R 101,00 fino a R 300,00 con una percentuale di 80% degli intervistati. Coloro che compongono fino a 2 pasti preferiscono il prezzo di R 31,00 fino a R 50,00 e corrispondono al 40% degli intervistati.

Tabella 8: Incrocio

Conteggio di P 20 P 20
P 8 1o grado 2o grado dottorato Istruzione superiore completa Istruzione superiore incompleta Maestri laureato
3 o più pasti 0,00% 10,00% 30,00% 30,00% 10,00% 0,00% 20,00%
Fino a 2 pasti 16,67% 16,67% 10,00% 16,67% 6,67% 6,67% 26,67%
Totale complessivo 12,50% 15,00% 15,00% 20,00% 7,50% 5,00% 25,00%

Fonte: elaborata dall’autore stesso

Come si vede in molte ricerche, questa tabella denota l’importanza della scolarità nella vita delle persone, perché è un fattore determinante per la salute degli individui.

Si osserva in questo studio che più alto è il livello di scolarità è anche più lungo è il tempo di presenza nel cibo con la famiglia, perché gli intervistati che hanno dottorato e post-laurea corrispondono al 50% degli intervistati che fanno 3 o più pasti a casa con La famiglia. Le persone che possiedono il primo grado fino al livello superiore completo, passando per il superiore incompleto e maestro, hanno un totale di 50%, l’osservazione è valida perché qui abbiamo preso 3 categorie in modo diverso da quello precedente che misurava solo 2.

Quando confrontiamo fino a 2 pasti con la famiglia, all’interno delle variabili 1o grado, secondo grado e istruzione superiore incompleta, abbiamo verificato che il valore corrispondente è il 40% degli intervistati. Rispetto a coloro che possiedono, completa livello superiore, post laurea, master o dottorato, il livello di 2 pasti con la famiglia sale al 60,01%.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Nell’ambito dell’oggetto di studio di questo articolo, che è direttamente legato all’inserimento femminile nel mercato del lavoro e alle sue implicazioni nelle abitudini alimentari della famiglia, questo studio può concludere che la donna è un fattore preponderante nell’alimentazione della sua Famiglia, è direttamente e indirettamente responsabile della salute di tutti in casa, lavora fuori o solo a casa.

Questo è stato molto chiaro nello studio sulle variabili studiate e incrociate, in cui abbiamo osservato che le donne sono responsabili dello shopping nei supermercati e che amano anche uscire a mangiare fuori dalle loro case, avendo un’incidenza in questa abitudine del 70% in Totale delle ricerche.

Questo studio ha anche trovato un punto molto importante che sono le abitudini alimentari della ricerca e le loro famiglie ci mostrano che nel 50% delle famiglie del sondaggio il consumo di proteine animali nella carne Natura è frequente e l’87,5% delle indagini Consumare verdure, verdure e frutta nelle loro case che è un’abitudine considerata sana. Nel 60% degli intervistati il loro cibo e la famiglia hanno anche dosi di tipo in scatola e intarsiato (prosciutto, salsiccia, mortadella) che non sono considerati così sani. Un altro punto forte dello studio è il consumo di alimenti surgelati di varie categorie e semi-pronti abbiamo una percentuale del 33,9% del consumo da parte delle famiglie intervistate contro il 32,5% degli alimenti biologici consumati dagli intervistati.

Questo documento presenta i suoi limiti di ordine metodologico, che deriva dal fatto che le persone tendono a rispondere nel modo in cui considerano socialmente corretto e in questo caso, non segnalano specificamente la loro realtà (LIMA FILHO 2009). Lo studio mirava a sottolineare l’importanza anche del grado di educazione delle persone a scapito del numero di pasti che fanno ogni giorno e ha ottenuto dati importanti che corroborano per la ricerca futura nel contesto del consumo alimentare e delle abitudini Le donne nel mercato del lavoro e le loro famiglie.

RIFERIMENTI

BRASIL. Constituição (1.988). Constituição da República Federativa do Brasil. Brasília, DF: Senado, 1.988. BRASIL. Código Civil. Organização dos textos, notas remissivas e índices por Yussef Said Cahali. 2ª ed. São Paulo: RT, 1.999.

BORGES, C. M.; LIMA FILHO, D. O. Hábitos alimentares dos estudantes universitários: um estudo qualitativo. In: SEMINÁRIOS DE ADMINISTRAÇÃO, 7., 2004, São Paulo. Anais…, São Paulo, FEA/USP, 2004.

DECLARAÇÃO UNIVERSAL DOS DIREITOS HUMANOS. Disponível em: <http://www.direitoshumanos.usp.br/index.php/Declara%C3%A7%C3%A3o-Universal-dos-Direitos-Humanos/declaracao-universal-dos-direitos-humanos.html >.Acesso em: 15 Out. 2015.

GARCIA, R. W. D. Práticas e comportamento alimentar no meio urbano: um estudo no centro da cidade de São Paulo. Cadernos de Saúde Pública, Rio de Janeiro, v.13, n.3, p. 455-467, jul./set. 1997.

INSTITUTO BRASILEIRO DE GEOGRAFIA E ESTATÍSTICA (IBGE). [email protected] Campo Grande MS: IBGE, 2011. Disponível em: <http:// www.ibge.gov.br/cidadesat/topwindow.htm?1>. Acesso em: 15 Out. 2015.

LAMBERT, J. L. et al As principais evoluções dos comportamentos alimentares: o caso da França. Revista de Nutrição, Campinas, v.18, n. 5, p. 577-591, out. 2005.

LAMBERT, J.L.; BATALHA, M.O.; SPROESSER, R.L.; SILVA, A.L. da; LUCCHESE, T. As principais evoluções dos comportamentos alimentares: o caso da França. Revista de 45 Nutrição, Campinas, v. 18, n. 5, p. 577-591, 2005.

LELIS, C.T.; TEIXEIRA, C.M.D.; SILVA, N.M. • A inserção feminina no mercado de trabalho e suas implicações para os hábitos alimentares da mulher e de sua família, 2012.

LIMA FILHO, D.O. Valor percebido e o comportamento do consumidor de supermercado: um estudo exploratório em uma média cidade brasileira. Tese (Doutorado em Administração). São Paulo, Fundação Getúlio Vargas, 1999.

MARINHO, M. C. S.; HAMANN E. M.; LIMA, A. C. DA C. F. Práticas e mudanças no comportamento alimentar na população de Brasília, Distrito Federal, Brasil. Revista Brasileira de Saúde Materna e Infantil, v.7, n.3, Recife, 2007.

MINISTÉRIO DO TRABALHO E EMPREGO Disponível em: <http://bi.mte.gov.br/bgcaged/caged_isper/index.php>.Acesso em: 15 Out. 2015.

RODRIGUES, F. S.; SABES, J. J. S. A percepção do consumidor de alimentos “fora de casa”: um estudo multicaso na cidade de Campo Grande/MS. Caderno de Administração, Bauru, v. 14, n.2, p. 37-45, 2006.

REVISTA ELETRONICA EDUCAR PARA CRESCER. Disponível em: <http://educarparacrescer.abril.com.br/politica-publica/revolucao-escola-475912.shtml#>. Acesso em: 15 Out. 2015.

SCHLINDWEIN, M. M. Influência do custo de oportunidade do tempo da mulher sobre o padrão de consumo alimentar das famílias brasileiras. 2006. 119 p. Tese (Doutorado em Ciências) – Escola Superior de Agricultura Luiz de Queiroz, Universidade de São Paulo, Piracicaba, 2006.

SCHLINDWEIN, M. M.; KASSOUF, A. L. Influência do custo de oportunidade do tempo da Mulher sobre o padrão de consumo alimentar no Brasil. Pesquisa e Planejamento econômico, Rio de Janeiro, v.37, n.3, p. 489-520, dez. 2007.

SILIPRANDI, E. Políticas de segurança alimentar e relações de gênero. In: FARIA, N; NOBRE, M. (Orgs.). A produção do Viver. São Paulo, 2004.

SOARES, Sergei; IZAKI, Rejane Sayuri, A PARTICIPAÇÃO FEMININA NO MERCADO DE TRABALHO, 2002 , ISSN 1415-4765.

[1] Dottorato in Formazione, master in Business Administration, laurea post-laurea in formazione a distanza, post-laurea in gestione delle persone, laurea in amministrazione, lavoro sociale, tecnologia nella gestione delle risorse umane, pedagogia.

Inviato: Aprile, 2019.

Approvato: luglio 2019.

Dottorando in Scienze della Formazione, Master in Economia Aziendale, Laurea specialistica in Formazione a distanza, Laurea specialistica in Gestione delle persone, Laurea in Economia aziendale, Assistenza sociale, Tecnologia in Gestione delle risorse umane, Pedagogia.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here