Dall’esclusione al sogno della proprietà abitativa, una panoramica del programma FNHIS nella città di Rochedo – MS

0
19
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SOUZA, André Luiz Alvarenga de [1], MASSUDA, Sabrina Inácio [2]

SOUZA, André Luiz Alvarenga de. MASSUDA, Sabrina Inácio. Dall’esclusione al sogno di proprietà della casa, una panoramica del programma FNHIS nella città di Rochedo – MS. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 12, Vol. 01, pp. 67-81. dicembre 2019. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/economia-aziendale/sogno-della-casa-propria

 Lo studio ha verificato come la popolazione della città di Rochedo/MS, attraverso un periodo di tempo, ha risposto all’intervento di edilizia sociale, che aveva come attore principale il Fondo nazionale per l’alloggio di interesse sociale. La ricerca è stata condotta attraverso un confronto della banca dati tra il 2009 e il 2013, quando si è svolto il progetto di costruzione di unità abitative popolari e la consegna di queste unità a quelle previste nel comune di Rochedo/MS. È preponderante affermare che le politiche pubbliche sono strumenti che lo Stato deve intervenire nella realtà sociale. Nel Mato Grosso do Sul, non potrebbe essere diverso dal resto della federazione, perché è presente anche la disuguaglianza regionale. Questa ricerca ha i suoi scopi legati alla natura esplorativa, con tecniche quantitative e qualitative per l’interpretazione dei dati. Si è constatato che l’intervento attraverso i processi del lavoro tecnico sociale era di grande valore per la comunità. L’evoluzione dell’HDI di questa popolazione è conclusa, portando lo sviluppo e l’aspettativa di vita alla comunità.

Parole chiave: tecnico sociale, alloggio, politiche pubbliche, lavoro sociale.

 INTRODUZIONE

 Questo studio ha lo scopo di verificare come la popolazione della città di Rochedo/MS risponda a un intervento sociale, che ha come uno dei principali attori il Fondo nazionale per l’alloggio di interesse sociale (FNHIS), che consente di servire le famiglie che non hanno un reddito comprovato o vivono ancora di qualche tipo di beneficio fornito dalle politiche pubbliche federali, statali e comunali. Questa ricerca ha avuto luogo attraverso un confronto della banca dati già formulata tra il 2009 e il 2013, quando si è svolto il progetto di costruzione, il lavoro tecnico sociale e la consegna di case nel comune di Rochedo MS.

Il Brasile sta suvatrando un importante cambiamento nel suo scenario sociale, si sta attraversando una crisi politica e, di conseguenza, la crisi economica che sta erodendo i salari dei lavoratori mettendolo in allerta. Di fronte a questo fragile contesto economico e alla grande voglia di acquisire beni immobili, tutto questo scenario mette il lavoratore dipendente o anche colui che riceve una sorta di assistenza sociale monetaria in disarmonia con il desiderio di realizzare uno dei più grandi sogni dei brasiliani, che è quello di avere una casa propria. Casa propria che può, diventare solo una residenza, ma come il sogno è grande, e va oltre, diventa così una casa. Tuttavia, affinché questo sogno si realizzi, il governo deve fornire politiche pubbliche per renderlo possibile. Tra le politiche pubbliche che esistono oggi in Brasile, dobbiamo sottolineare che sono interconnesse e che devono essere dovute al loro carattere sociale, agli strumenti di inclusione e liberazione.

Come possiamo vedere Nabil Bonduki (1998) mette in evidenza la disuguaglianza sociale come segue:

La disuguaglianza sociale delle città brasiliane ha le sue cause nei modi in cui la società è stata organizzata, in particolare, nel modo in cui è stato costruito lo Stato brasiliano, segnato dal patrimonialismo, in cui l’interesse pubblico e privato sono confusi, nelle dinamiche di sfruttamento del lavoro imposte dalle élite dominanti fin dalla colonia e, soprattutto, nel controllo assoluto di queste élite sul processo di accesso alla terra , sia rurale che urbano. (Bonduki, 1998, p. 56).

Questo post afferma che nella Costituzione federale brasiliana del 1988: “I diritti sociali sono l’istruzione, la salute, il cibo, il lavoro, l’alloggio, il tempo libero, la sicurezza, la sicurezza sociale, la protezione della maternità e dell’infanzia, l’assistenza agli indifesi, sotto forma di questa Costituzione”.

SFONDO E PROBLEMATICO

Mato Grosso do Sul, per tradizione, è uno stato focalizzato sull’agroalimentare e per sua natura uno stato molto eclettico, essendo anche uno stato ricco di estensione territoriale che ha come vocazione l’accoglienza di diversi brasiliani dalle più varie regioni del Brasile e stranieri per confinante con Paraguay e Bolivia. Negli anni ’60, durante il governo di Juscelino Kubitschek (JK) c’è stato un grande investimento nello sviluppo industriale che ha portato all’apertura dell’economia al capitale internazionale e con diverse multinazionali che si stabiliscono in Brasile. Il risultato fu un grande esodio rurale che portò le persone dalle loro case all’interno delle città, facendole andare nei grandi centri. I migranti in fuga dalla disoccupazione erano alla ricerca di lavoro e migliori condizioni di vita, questo processo si è esteso fortemente negli anni ’70 e ’80.

Come punto focale della ricerca, abbiamo optato per la città di Rochedo /MS perché è una città di interni distanti 74 km dalla capitale Campo Grande, che ha avuto un aumento significativo della popolazione riferendosi all’anno 2010 con 4.928 abitanti per una stima nel 2014 di 5.205 abitanti, con un aumento del 5,6% rispetto al 2010 IBGE (2010 e 2014) e che ha ricevuto il beneficio del Programma Nazionale del Fondo Per l’Interesse Sociale (FNHIS) a un gruppo di 50 famiglie. Tra i vari approcci, è stata stabilita la rilevanza della ricerca di questo tema, giustificando lo salvo se si considera che l’atto di vivere è intrinseco e allo stesso tempo un fenomeno indispensabile per la vita umana. Tuttavia, è un diritto umano mondiale, garantito e protetto dalle Convenzioni internazionali e dalla Costituzione federale brasiliana del 1988.

Gli obiettivi sono di misurare le dinamiche sociali presenti nelle famiglie coinvolte dopo l’intervento sociale nel comune di Rochedo/MS e di valutare una serie di indicatori predeterminati che indichino l’evoluzione della famiglia nel postintervento. In primo luogo, lo studio è caratterizzato e vengono presentate le fasi di ricerca, che descrivono la popolazione e il campione, le variabili studiate, le procedure di raccolta dei dati e le tecniche di analisi. Questa ricerca utilizzerà metodi quantitativi per ottenere i risultati iniziali e finali. Questo approccio ha il concetto noto come positivista e, post-positivista al giorno d’oggi e per Creswell (2007) questa premessa “hanno governato le affermazioni su ciò che garantisce la conoscenza”.

I dati secondari sono stati utilizzati anche per l’analisi della ricerca e sono stati ottenuti attraverso agenzie federali, libri e articoli sui programmi di edilizia popolare di interesse sociale. Questa ricerca ha i suoi scopi legati alla natura esplorativa.

Per Vergara (2007) la ricerca esplorativa, che non deve essere confusa con la lettura esplorativa, viene effettuata in un settore in cui le conoscenze accumulate e sistematizzate sono scarse. La ricerca esplorativa è di fondamentale importanza perché consente un’indagine sui fatti che hanno ancora bisogno di maggiori informazioni.

La raccolta dei dati, che di questa ricerca è stata un questionario strutturato per le 50 famiglie intervistate, mentre l’analisi e l’interpretazione dei dati raccolti ha avuto luogo attraverso un confronto con una banca dati esistente che è stata elaborata durante il progetto tra gli anni 2010-2013.

POLITICA SOCIALE PUBBLICA E LO STATO

L’ordine pubblico risale agli anni sessanta e settanta, emergendo come un importante sottocampo all’interno della disciplina della scienza politica come afferma Sabatier (1995), aggiungendo che Daniel Lerner e Harold Lasswell sono dimostrati da alcuni studiosi come pionieri nelle opere al riguardo. Dal momento in cui ci mettiamo e siamo disposti a studiare la politica pubblica, verifichiamo i passi che compongono il processo di formulazione, approfondiamo e conosciamo l’attività principale dello Stato, che è quello di preparare le politiche e di conseguenza di mediarle, attuarle, monitorarle e valutarle.

Secondo Silva (2014), questa è la parte procedurale, costruita con fasi delimitate, che razionalizza un ordine in modo da poter avere il minimo organicità in quella che chiamiamo politica pubblica. In primo luogo, va notato che la politica pubblica è un insieme di decisioni e non una decisione isolata, si interconnette con altre politiche che insieme formano un complesso virtuoso di inclusione sociale.

Rua (2009) afferma che, sebbene una politica pubblica implichi una decisione politica, non tutte le decisioni politiche costituiscono un’ordine pubblico.

Attraverso varie prospettive, è essenziale stabilire la necessità di conoscere alcuni dei diversi approcci dati al significato della politica pubblica. Per comprendere e valutare le politiche pubbliche e sociali attuate da un determinato governo, è fondamentale comprendere la politica pubblica statale e sociale che sostiene tali azioni e programmi. Tra le molte funzioni svolte dallo Stato, il ruolo che svolge nella nostra società ha subito numerose trasformazioni nel tempo. Con l’approfondimento e l’espansione della democrazia, le responsabilità dello Stato si sono profondamente diversificate di fronte all’intero contesto socio-culturale e al dinamismo umano, è comune affermare che il ruolo dello Stato è quello di promuovere la politica per il benessere della società.

Lo Stato è un concetto complesso, storico e relazionale in questo senso Pereira (2008) definisce lo stato come segue:

Lo Stato è sia un rapporto di dominio, sia l’espressione politica del dominio del blocco al potere, in una società territorialmente definita, sia un insieme di istituzioni che mediano e regolano questa dominazione, con attribuzioni che vanno anche oltre la coertità. In questo contesto, il governo acquisisce la propria personalità giuridica, separata sia dalla personalità fisica del sovrano che dall’istituzione statale. (PEREIRA, 2008: 148).

Lo Stato nasce trasversalmente dalla necessità di rottura tra barbarie e civiltà. Si percepisce che lo Stato non esiste scollegato da un processo storico e non ha le stesse caratteristiche ovunque. Le politiche sono di competenza dello Stato per quanto riguarda l’attuazione e il mantenimento del processo decisionale che coinvolge enti pubblici e diversi organismi e agenti della società, relativi alla politica attuata. Tra i passi che lo Stato proviene dall’interno delle politiche pubbliche è importante sottolineare che lo Stato ha il potere di controllarli, gestirli e creare metodi e procedure per applicarli. Così, possiamo considerare che le politiche pubbliche sono lo Stato in azione, e in particolare lo Stato che attua un progetto governativo, attraverso programmi, azioni volte a settori specifici della società. Le politiche sociali attuate in Brasile hanno grandi ripercussioni internazionali copiate da diversi paesi, queste politiche (di solito intese come quelle dell’istruzione, della sanità, della sicurezza sociale, dell’alloggio, dei servizi igienico-sanitari, ecc.) si riferiscono ad azioni che determinano lo standard di protezione sociale attuato dallo Stato, con l’obiettivo di ridurre le disuguaglianze strutturali, prodotte dallo sviluppo socioeconomico e promuovere la politica sociale del paese. Non vi è alcuna divergenza significativa in quanto la responsabilità e la necessità di interferenze statali nel processo di lotta alla povertà; discussioni si concentrano su come lo Stato dovrebbe effettuare tale intervento. È un dato di fatto che le politiche pubbliche, strumenti a disposizione dello Stato per interferire nella realtà sociale ed economica, sono proprio dove risiedono le principali divergenze. In Brasile, più specificamente a Mato Grosso do Sul, non potrebbe essere diverso dal resto del Brasile, perché la disuguaglianza regionale è presente in molti livelli e dimensioni diverse.

Un altro punto importante che vale la pena di riprendere è che l’ONU all’interno della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nell’articolo 25 afferma che: “ogni persona ha il diritto a uno standard di vita in grado di garantire a se stesso e alla sua salute e al suo benessere familiare, compresi cibo, abbigliamento, alloggio, cure mediche e servizi sociali indispensabili (…)” (ONU, 2011).

In Brasile, la Costituzione federale del 1988 è una pietra miliare estremamente importante per l’intero sistema di protezione sociale che troviamo stabilito oggi, ma ancora a causa delle conseguenze burocratiche e della corruzione, ci sono alcuni fattori che possono in congiunzione espandere o ridurre le possibilità di servire i diritti dei lavoratori a basso reddito che cercano questa assistenza sociale nella speranza di cambiare la loro vita.

Secondo Ribeiro (2007), è un fatto che la questione dell’edilizia abitativa focalizzata sugli estratti più poveri delle classi subalterne integra le preoccupazioni dei governi brasiliani fin dall’era imperiale.

Dal punto di vista dell’inclusione sociale e della lotta contro la povertà, essi devono necessariamente passare attraverso la fornitura di alloggi in condizioni adeguate per la popolazione in uno stato di vulnerabilità sociale, poiché è un bene di forte impatto sulla riduzione della povertà in qualsiasi località in Brasile. Possiamo sottolineare che esistono importanti documenti di protezione internazionale dei diritti umani, come il diritto all’alloggio previsto nella Dichiarazione di Vancouver sugli insediamenti umani (1976), la dichiarazione allo sviluppo (1986), l’agenda 21 (1992) e riconosciuta come diritto umano soprattutto nell’Agenda Habitat adottata dalla Conferenza delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani , Habitat II26, tenutosi in Turchia nel giugno 1996.

Nell’Agenda Habitat II, la prima menzione del diritto all’alloggio si trova nel capitolo II per quanto riguarda gli obiettivi e i principi come parte del paragrafo 13, come segue:

Riaffermiamo e siamo guidati dagli scopi e dai principi della Carta delle Nazioni Unite e riaffermiamo il nostro impegno a garantire la piena realizzazione dei diritti umani da strumenti internazionali, in particolare in questo contesto, il diritto all’alloggio stabilito nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, e previsto dall’Alleanza internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, te[…]nendo conto del fatto che il diritto all’alloggio incluso negli strumenti internazionali sopra citati deve essere progressivamente realizzat[…]o.

L’Agenda Habitat II, un documento frutto della Conferenza delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani, ha presentato come uno dei temi globali “Adeguati alloggi per tutti”, offrendo nella sua arte. 43, il seguente concetto di ciò che è adatto alloggiamento:

  […]adeguata privacy, spazio adeguato, accessibilità fisica, sicurezza adeguata, compresa la sicurezza del mandato, la durata e la stabilità strutturale, un’adeguata illuminazione, riscaldamento e ventilazione, infrastrutture di base adeguate, nonché l’approvvigionamento idrico, i servizi igienico-sanitari e il trattamento dei rifiuti, un’adeguata qualità ambientale e sanitaria, nonché un adeguato noleggio per quanto riguarda il lavoro e i servizi di base e tutti questi componenti dovrebbero avere un costo accessibile e conveniente.

Pertanto, la comprensione dei diritti umani, in particolare nell’Agenda Habitat II adottata dalla Conferenza delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani, ci ricorda che il diritto all’alloggio deve essere promosso e tutelato dallo Stato brasiliano in quanto stabilisce questo nella sua Costituzione.

Verificare che i diritti economici, sociali e culturali siano pienamente efficaci, generando l’obbligo immediato nei confronti del Brasile di stabilire le misure necessarie e attuare questi precetti. Eppure le esclusioni e le ingiustizie intollerabili, la tensione sociale si profila inevitabile, e sotto l’impunità storica così spesso punteggiata, immaginando chi conosce un giorno la vera uguaglianza tra le classi.

 POLITICA SOCIALE NELL’EDILIZIA ABITATIVA

Data la prospettiva di consentire politiche di alloggio pubblico, la più conosciuta oggi è il Programma Minha Casa Minha Vida (PMCMV), creato dalla legge n. 11.977 del marzo 2009, con lo scopo di promuovere l’alloggio per la popolazione a basso reddito. Questo programma fornisce finanziamenti immobiliari popolari con bassi tassi di interesse alle famiglie con un reddito mensile fino a 10 salari minimi, che risiedono in qualsiasi comune brasiliano, fornendo così il loro inserimento nel programma.

Vale la pena di risaltare alcuni aspetti storici sulle abitazioni popolari in Brasile prima di tutto, nel 1960 che si è verificato per la prima volta nel paese, la strutturazione di una politica immobiliare nazionale: legge federale n. 4.380 del 21/08/1964 ha creato la Banca Nazionale Housing – BNH. Con la carenza di chiare proposte di intervento nel settore dell’edilizia abitativa, bnh viene estinta nel 1986, essendo incorporata da caixa Econ-mica Federal. Con l’estinzione della BNH nel 1986, il governo federale era assente dalla formulazione di una politica abitativa pubblica che andava oltre programmi isolati che subirono continui cambiamenti. Negli anni ’80, ’90 e primi anni 2000, le favelas sono cresciute in modo esplosivo a causa della bassa crescita economica e della mancanza di investimenti nelle politiche abitative. L’anno 2005 è stato una pietra miliare nella questione immobiliare, è stato attuato la nuova politica abitativa nazionale attraverso la legge n. 11,124/2005 che prevede per il sistema nazionale di alloggio di interesse sociale – SNHIS e nel 2006 attraverso la legge n. 11.124 ha creato il Fondo Nazionale per l’alloggio di interesse sociale – FNHIS e istituisce il Consiglio di gestione del FNHIS. Questo disegno di legge, che ha trascorso 13 anni al congresso nazionale, essendo il primo disegno di legge di iniziativa popolare che ha aspettato il più lungo numero di anni per essere approvato. Si ritiene che l’istituzione del sistema nazionale di alloggio di interesse sociale possa essere considerata un progresso per la politica nazionale brasiliana basata sul rafforzamento dell’accordo federativo. Il FNHIS è legato al SNHIS e al NHP (National Housing Plan), sia mettendo in comune le risorse pubbliche per sovvenzionare l’alloggio alle famiglie a basso reddito, sia definendo un modello di gestione decentralizzato che incoraggia la partecipazione di diversi agenti al fine di superare il deficit abitativo del paese. (BRASILE, 2010 b, p.6).

Secondo Abiko (1995), il termine “alloggiamento di interesse sociale” rappresenta un concetto che va oltre la fornitura di alloggi alla popolazione a basso reddito.

Il Fondo Nazionale per l’Alloggio di Interesse Sociale (FNHIS) soddisfa gli interessi di molti Comuni e residenti in condizioni non ideali come stabilito dall’ONU e dalla Costituzione federale del Brasile, in questo contesto possiamo osservare che Matos (2001) indica una definizione chiara sull’alloggio:

 (…) l’alloggio è vissuto e abitato, e in questa doppia dimensione si costruisce la sua identità e la propria funzione sociale. L’alloggio soddisfa, nella società in cui è integrato, un insieme di funzioni, come riparo e riproduzione della famiglia, ed è anche un elemento fondamentale nella costruzione della personalità individuale, dell’integrazione sociale e della socializzazione, oltre ad essere uno spazio di consumo, produzione di beni e servizi, tempo libero e comunicazione. (MATOS, 2001, p. 2)

L’osservazione che si può fare sul soddisfare le esigenze abitative espresse delle classi lavoratrici ci porta a questioni complesse e strutturali, legate al funzionamento delle società capitalistiche e delle loro nel loro complesso attraverso il pensiero storico. La produzione abitativa ha un rapporto diretto con la produzione di spazi urbani, che costituisce un elemento primordiale per l’assegnazione e il benessere sociale degli individui, dando loro dignità. Si osserva la crescita della popolazione del paese, la popolazione urbana che era di 18,8 milioni nel 1950 sale a 160,9 milioni di abitanti nel 2010 e con una prospettiva di 220 milioni per il 2019.

VULNERABILITà FAMIGLIA E COSTRUZIONE DI FAMILY SOCIAL INDICATOR

Lo sviluppo degli indici di sviluppo sociale attraverso i dati del censimento è migliorato ogni anno, ma il problema principale di questi indici è il grande ritardo nella sua finestra temporale, non essendo più veramente uno strumento che mostra il vero volto sociale in quell’anno o momento esatto. Da questo punto di vista, lo studio presenta la costruzione della diagnosi sociale di 50 famiglie beneficiate da FNHIS nella città di Rochedo all’interno del Mato Grosso do Sul. Possiamo evidenziare che la misurazione dei dati della popolazione è qualcosa di storico ed è direttamente legata allo sviluppo dell’uomo nella sua pienezza. L’indice di sviluppo umano (HDI) interiorizza le variabili riconosciute a livello internazionale che sono di fondamentale importanza per le variazioni del reddito pro capite e del grado di povertà applicabili ai contesti più o meno sviluppati.

Jannuzzi (2003) aggiunge che un indicatore sociale è una misura generalmente quantitativa con significato sociale sostanziale, utilizzata per sostituire, quantificare o rendere operativo un concetto sociale teorico (per gli studi accademici) o programmatico (per la formulazione delle politiche pubbliche).

Alla luce dei fatti esposti, sottolineiamo il concetto di vulnerabilità di fronte agli indicatori sociali che sono stati molto affrontati e impiegati in numerose situazioni diventando un oggetto centrale di altri studiosi, ma per quanto riguarda la creazione di indicatori c’è soprattutto uno sforzo per identificare i gruppi e gli spazi vulnerabili (luoghi e regioni) e le loro principali cause. La valutazione delle condizioni di vita delle popolazioni, nei luoghi in cui vivono, rimane una priorità dell’analisi nelle scienze sociali applicate, anche quando tutto indica che l’esclusione economica è maggiore della garcia di inclusione; Matos (2007).

Il Brasile è un paese con grandi estensioni territoriali e concentra le popolazioni con le culture e le condizioni socioeconomiche più distinte, questi fattori confermano la situazione di significativa disuguaglianza sociale del paese.

È comune affermare che il Brasile è un paese caratterizzato da disuguaglianze. (…) il problema degli squilibri del paese cita lo squilibrio tra gli individui (…) e lo squilibrio tra le regioni, vale la pena dire, il problema della disuguaglianza di reddito interregionale. (PESSOA, 2001).

In vista della presentazione concettuale sulla vulnerabilità della famiglia e della costruzione di un indicatore per la misurazione dell’evoluzione familiare, possiamo affermare che un indicatore ha la prospettiva di espandere concetti astratti, trasformandoli in numeri. Di fronte a questi aspetti, sono state definite tre dimensioni fondamentali per l’indicatore: l’istruzione, il reddito e l’alloggio. Data la formulazione di un indicatore che valuta gli indici di inserimento sociale, è essenziale capire che la copertura familiare dei risultati è un’informazione preziosa.

STORIA DEL ROCK

Secondo IBGE, Demographic Census 2010, la formazione del villaggio di Rochedo iniziò nel 1931, quando un’ondata di nord-orientali, in particolare Bahiani, Alagoani e Pernam, si accampò sulla riva destra del fiume Aquidauana, nel tentativo di scoprire possibili moccasinconi di diamanti come quello che era già accaduto lungo la rotta di quel fiume. Gli sforzi di queste persone, dopo l’esplorazione, sono stati compensati dalla scoperta di ricchi depositi di diamanti. Più tardi i resti di questo villaggio rivolsero la loro attenzione all’agricoltura, al bestiame e all’estrazione del legname.

La storia di Rochedo è molto interessante, ma i suoi aspetti umani e sociali lasciano molto a desiderare per quanto riguarda la dignità della persona umana, perché è un comune povero con pochi posti di lavoro e opportunità. Possiamo osservare che il comune ha anche un deficit abitativo significativo perché è un comune con meno di 10.000 (diecimila) abitanti. Secondo i dati dell’IBGE Census 2010, la popolazione totale del comune era di 4.928 abitanti, di cui 152 in condizioni di estrema povertà, ovvero con un reddito familiare pro capite inferiore a 70,00 milioni di euro. Ciò significa che il 3,1% della popolazione viveva in questa situazione. Sul totale dei poverissimi, 86 (56,7%) vivevano in zone rurali e 66 (43,3%) nell’ambiente urbano. Il censimento ha inoltre rivelato che nel comune c’erano 17 bambini in estrema povertà nell’intervallo da 0 a 3 anni e 3 nell’intervallo compreso tra 4 e 5 anni. Il gruppo di età compresa tra i 6 e i 14 anni, a sua volta, ha totalizzato 18 persone in condizioni di estrema povertà, mentre nel gruppo di età compresa tra i 15 e i 17 anni c’erano 18 giovani in questa situazione. Dodici persone di età superiore ai 65 anni sono state registrate in condizioni di estrema povertà. Questi dati confermano ancora di più per la ricerca, in quanto mostrano una realtà sociale attraverso il prisma di un istituto governativo ufficiale. Lo studio è in linea con i desideri della stragrande maggioranza delle popolazioni che vivono ai margini della società, in esclusione sociale di fronte al loro volto abitativo. Possiamo osservare l’evidente fragilità sociale di persone di età di produzione estrema che vanno dai 18 ai 59 anni, per un totale del 55,5% della popolazione. Sul numero totale di persone estremamente povere nel comune, 76 sono donne (49,7%) e 77 sono uomini (50,3%). Della popolazione totale in condizioni di estrema povertà nel comune, 49 (32,2%) classificati come bianchi e 103 (67,8%) come neri e 17 (11,2%) dichiarato nero e 86 (56,6%) Browns. Un dato che attira molta attenzione anche in relazione all’inclusione e all’esclusione sociale è che, secondo il censimento del 2010, c’erano – individui estremamente poveri con qualche disabilità mentale; 13 ha avuto qualche difficoltà a vedere; 6 per ascoltare e 9 per andare in giro.

Un altro dato sorprendente del comune sollevato dal CENSUS 2010 è stata la scolarazione di individui che, di persone di età superiore ai 15 anni in estrema povertà, 15 non potevano leggere o scrivere, che rappresenta il 14,7% dei estremamente poveri in questa fascia di età. Tra loro, 12 erano capifamiglia. Tra gli altri dati raccolti dalla stessa indagine nel 2010 c’era che nel comune c’erano 17 bambini da 0 a 3 anni in estrema povertà che non frequentano l’asilo nido, che rappresenta il 100,0% dei bambini estremamente poveri in questa fascia di età. Tra le persone di età compresa tra i 4 e i 5 anni, c’erano 03 bambini fuori dalla scuola (100,0% dei bambini estremamente poveri in questa fascia di età) e, nel gruppo da 6 a 14 anni, ce n’erano 03 (17,1%). Infine, tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 17 anni in condizioni di estrema povertà, 03 erano fuori dalla scuola (17,7% dei giovani estremamente poveri in questa fascia di età). Un’altra informazione che si inserisce anche in un livello di importante rilevanza, questo riguarda attrezzature sociali, come l’elettricità, l’acqua, le acque reflue, la raccolta dei rifiuti e il numero di bagni in casa, il CENSUS 2010 è che 3 persone estremamente povere (2,0% del totale) vivevano senza luce, 27 persone (17,5%) 128 persone (84,0%) non aveva accesso alla rete fognaria o alla cisterna settica e 90 persone (58,9%) non hanno fatto la raccolta dei rifiuti e in relazione al numero di bagni in casa 6 persone estremamente povere (4,0% del totale) non avevano un bagno nelle loro case.

Attraverso questi dati possiamo fare un confronto riferendoci alla banca dati fornita dalla società Triady Consult, relativa a un gruppo di 50 famiglie della città di Rochedo – MS che è stato il beneficiario di un programma sociale di alloggi popolari nel 2013 con la consegna di 50 case che servivano un gruppo di 50 famiglie per un totale di un numero di intervento riferito a 163 persone , portando queste famiglie fuori dalla povertà estrema e dando loro dignità. Il Lavoro Tecnico Sociale è l’insieme di azioni che mirano a promuovere l’autonomia e il protagonismo sociale, volte a creare meccanismi in grado di consentire la partecipazione dei beneficiari ai processi decisionali, all’attuazione e alla manutenzione di beni/servizi, adattandoli alle esigenze sociali e alla realtà.

Attraverso la ricerca sul campo condotta con il 100% della popolazione ha beneficiato di comporre il lavoro tecnico sociale, tra il 2010 e il 2011 sono stati sintetizzati i seguenti dati:

  • La popolazione è composta per il 94% da donne Capi di Famiglia, 6% maschi, 2% portatori di Necessità Speciale /Disabili e 8% di anziani.
  • Per quanto riguarda l’età, la popolazione è prevalentemente adulta, con il 23% fino a 25 anni, il 21% tra i 26 e i 30 anni, il 22% tra i 31 e i 40 anni, il 18% tra i 41 e i 50 anni, il 10% tra i 51 e i 60 anni e il 6% sopra i 60 anni.
  • Del 36% della popolazione è single, il 26% è amichevole, il 22% è sposato, l’8% si separa, il 4% divorziato, il 2% vedovo e il 2% un’unione stabile.
  • La composizione familiare della popolazione beneficiaria è composta come segue: il 32% della popolazione vive con 02 persone in casa, il 22% vive con 03 persone, un altro 22% vive con 04 persone, il 10% vive con 05 persone, il 6% vive con 06 persone e il 2% vive con 07 persone e il 6% vive da solo. Abbiamo anche scoperto che il 32% della popolazione ha 02 figli che vivono insieme, il 26% ha 01 figli che vivono insieme, il 26% ha 03 figli che vivono insieme, lo 04% ha 03 figli che vivono insieme e il 12% non ha figli che vivono insieme.
  • Di istruzione, il 18% è alfabetizzato, il 48% ha una scuola elementare incompleta, il 2% ha completato la scuola elementare, il 2% ha una scuola superiore incompleta, il 24% completa la scuola superiore e il 6% ha completato l’istruzione superiore.
  • Il reddito familiare mensile dei beneficiari è basso reddito, la maggior parte non riceve l’importo di un salario minimo, il 46% ha un reddito familiare mensile da 100,00 a 500,00, 32% da 501,00 a R. 700,00, 16% da 101,00 a 1.000,00 R. Per quanto riguarda la situazione socioeconomica della popolazione beneficiaria, il 26% è disoccupato, il 50% è un lavoratore autonomo, il 26% è occupato, il 4% è in pensione.
  • Il Segretariato di Assistenza Sociale del Comune di Rochedo ha riferito che i beneficiari delle unità abitative partecipano a programmi sociali, il 64% dei quali partecipa no ai programmi e il 36% non partecipano.
  • Nell’aspetto abitativo, il 25% dei beneficiari vive in una casa che è stata data/presa in prestito e il 25% in alloggi in affitto.
  • Come mezzo di trasporto usano biciclette, dal momento che il comune non ha mezzi pubblici e nessuno dei beneficiari ha un’auto o una moto.

Possiamo caratterizzare che questi dati ottenuti tra il 2010 e il 2011 riflettono la realtà temporale di quel tempo in cui non avevano ancora ricevuto le 50 unità abitative di interesse sociale.

CONSIDERAZIONI FINALI

Dato l’intero scenario presentato dalla ricerca, si è scoperto che l’intervento attraverso tutti i processi del lavoro tecnico sociale era di grande valore per la comunità. I dati ottenuti dopo l’occupazione, compongono un database favoloso, dove ci mostra l’evoluzione dell’HDI di questa popolazione, portando la luce dello sviluppo e una nuova aspettativa di vita alla comunità. Un’indagine post-occupazione è stata condotta in 44 delle 50 unità abitative al 20 luglio 2014, le 06 case che non sono state visitate sono state chiuse, ma tutti i 50 beneficiari si sono già trasferiti nelle unità abitative. Durante la visita, hanno risposto al questionario di visita in cui è schedato nelle pagine successive e hanno firmato un elenco di visite post-occupazione, in cui è annesso a questa relazione. Tutti gli obiettivi proposti nel PTTS sono stati raggiunti, in cui tutte le attività proposte nel PTTS sono state sviluppate in modo efficiente ed efficace. Nel corso dello sviluppo del progetto ci siamo trovati di fronte a situazioni positive di realizzazione, in cui i beneficiari sono stati entusiasti e attivamente partecipativi con i temi delle campagne educative, dei workshop e dei corsi di generazione di reddito. Ogni incontro era motivante a vedere e sentire ogni persona consegnata con entusiasmo, occhi luminosi e resoconti di aiuto nella vita degli altri, è stata molto gratificante.

Le sfide incontrate possiamo dire che era al momento delle campagne politiche, quando c’erano elezioni a sindaco c’erano molte voci che i beneficiari che non erano del partito tali non sarebbero stati contemplati con le case, con questo abbiamo avuto molte conversazioni e incontri illuminanti con i beneficiari per capire il reale funzionamento del programma e demistificare tali voci. La metodologia scelta in ogni fase era adeguata e soddisfaceva gli obiettivi proposti nelle attività. La comunità è stata coinvolta ed è stato molto motivante il ritorno al team di tecnici sociali coinvolti, professionisti e partner coinvolti hanno anche risposto alle nostre aspettative con aiuto e grandi partnership. Un punto molto importante sollevato all’interno degli incontri con i mutuatari beneficiari del programma, era la dimensione delle case, perché nel caso di famiglie con un livello di istruzione molto carente, molti hanno un alto numero di bambini, che all’interno delle case fornite dal programma finiscono per essere piccoli per ospitare tutta la famiglia.

Il punto di miglioramento presentato dai mutuatari che beneficiano del programma era che la dimensione della terra è grande, ma la dimensione della casa deve essere rivista. Alla luce di tutta la sistematizzazione dell’opera esposta, vale la pena ricordare che nell’Agenda Habitat II, un documento frutto della Conferenza delle Nazioni Unite sugli insediamenti umani, presentato come uno dei temi globali “Adeguato Alloggio per tutti”, offrendo nella sua arte. 43.

Concludendo questo lavoro, possiamo chiaramente sottolineare che la questione dell’alloggio è uno dei fattori predominanti per la dignità della persona come cittadino e della sua famiglia, attraverso questo aspetto molto particolare e affrontando le nuove sfide da affrontare con continui tagli di fondi pubblici per progetti sociali per pensare a nuove strategie per migliorare la qualità della vita della popolazione in uno stato di vulnerabilità sociale.

RIFERIMENTI

ABIKO, Alex. Introdução à Gestão Habitacional. São Paulo: EPUSP Departamento de Engenharia de Construção Civil, 1995.

BONDUKI, Nabil. Origens da habitação social no Brasil: arquitetura moderna, lei do inquilinato e difusão da casa própria. São Paulo: Estação Liberdade, 2004.

BONDUKI, Nabil. Política habitacional e inclusão social no Brasil: revisão histórica e novas perspectivas no governo Lula. 2008.

CRESWELL, J. W. Projeto de Pesquisa. Porto Alegre: Artmed, 2010.

GARCIA R. A. e MATOS R.; Mensurando a inserção social dos migrantes brasileiros; Unicamp; 2007; IBGE <http://biblioteca.ibge.gov.br/visualizacao/dtbs/matogrossodosul/rochedo.pdf>, acesso em (07/05/2015).

JANNUZZI, P. M. Indicadores sociais no Brasil – Conceitos, Fontes de dados e Aplicações. Alínea: Campinas, 2003.

MATOS, Fátima Loureiro de. A Habitação no Grande Porto: uma perspectiva geográfica da evolução do mercado e da qualidade habitacional desde finais do séc. XIX até o final do milénio. 2001. Tese (Doutoramento em Geografia) – Universidade do Porto, Porto, 2001.

MINISTÉRIO  das cidades  <http://www.cidades.gov.br/index.php/sistema-nacional-de-habitacao-de-interesse-social-snhis.html>, acesso em (07/05/2015).

ORGANIZAÇÃO DAS NAÇÕES UNIDAS – ONU. Declaração Universal dos Direitos Humanos. 1948. Disponível em: <www.direitoshumanos.usp.br >, Acesso em: 31 julho. 2015.

PEREIRA, P. A.P. Política Social e Democracia. 2. ed. Rio de Janeiro: Cortez, 2008.

RIBEIRO, Edaléa Maria, A POLÍTICA DE HABITAÇÃO POPULAR NO BRASIL EM TEMPOS DE GLOBALIZAÇÃO NEOLIBERAL. III JORNADA INTERNACIONAL DE POLÍCAS PÚBLICAS QUESTÃO SOCIAL E DESENVOLVIMENTO NO SÉCULO XXI, 2007.

RUA, Maria das Graças. Políticas Públicas. Florianópolis: Departamento de Ciências da Administração / UFSC, 2009. 130 p.

SILVA, Jose Irivaldo Alves Oliveira Formulacao de politicas publicas / Jose Irivaldo Alves OliveiraSilva. – Florianopolis : Departamento de Ciencias da Administracao /UFSC, 2014.Portal Participar   <http://www.participa.br/articles/public/0007/9445/Agenda_Habitat_para_Munic_pios_Brasil.pdf>, acesso em (07/05/2015).

______. Lei Federal 11.124, de 16 de junho de 2005. Dispõe sobre o Sistema Nacional de Habitação de Interesse Social – SNHIS, cria o Fundo Nacional de Habitação de Interesse 15 Social – FNHIS e institui o Conselho Gestor do FNHIS. Disponível em <www.cidades.gov.br>, acessado em (Agosto de 2015).

[1] Dottorato in corso nell’Educazione. Laurea magistrale in Business Administration. Specializzazione in corso in TEA – Laurea in Disturbo dello spettro autistico. Specializzazione nell’educazione a distanza. Specializzazione in MBA People Management. Laurea in corso in Pedagogia. Laurea in Business Administration. Laurea in Lavoro Sociale. Laurea in Gestione delle Risorse Umane.

[2] Specializzazione in Specializzazione nell’Educazione a Distanza. Laurea in Psicologia. Laurea in Psicologia.

Inviato: Ottobre, 2019.

Approvato: dicembre 2019.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here