L’importanza di scegliere indicatori per la valutazione efficiente delle politiche pubbliche

0
77
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Rate this post
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

CARVALHO, Rogério Galvão de [1], LEAL, Cícero Pereira [2]

CARVALHO, Rogério Galvão de. LEAL, Cícero Pereira. L’importanza di scegliere indicatori per la valutazione efficiente delle politiche pubbliche. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 04, Vol. 09, pp. 213-221. aprile 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/economia-aziendale/indicatori-per-la-valutazione ‎

Con l’aumento della popolazione e la crescente domanda di servizi pubblici sempre più sofisticati associati alla scarsità di risorse, i governi devono essere efficienti nella gestione delle politiche pubbliche. La ricerca mirava a valutare l’importanza della scelta degli indicatori: sociali, economici e ambientali, per il successo nella gestione delle politiche pubbliche. L’articolo inizia la discussione dal problema o dalla domanda socioeconomica, identificata e inserita nell’agenda centrale del governo, attraverso il processo di: elaborazione, formulazione, implementazione e monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamento) dell’esecuzione delle azioni dei progetti e programmi di detta politica. Questo processo, se ben adattato, consente la soluzione efficiente, cioè con un elevato rendimento e un basso costo, sia dal punto di vista privato che ambientale, come presentata la domanda sociale o il problema socioeconomico. Inoltre, l’articolo mirava a svolgere una breve analisi teorica recente e a sottolineare i principali problemi nella scelta degli indicatori, per misurare efficacemente l’impatto delle politiche pubbliche, al fine di fornire future decisioni politiche.

Parole chiave: Indicatori, Valutazione, Politiche Pubbliche.

1. INTRODUZIONE

È essenziale, nella gestione delle Politiche Pubbliche, utilizzare strumenti adeguati per contribuire al monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamenti), in modo che raggiungano i loro obiettivi strategici in modo assertivo, spendendo poche risorse e raggiungendo alti livelli di rendimento. A tal fine, la scelta di indicatori efficienti che contribuisca alle valutazioni e alle previsioni di questa politica sarebbe vitale per il processo decisionale, per quanto riguarda l’efficiente gestione delle politiche pubbliche.

È emerso a metà del XX secolo (con l’intensificazione delle attività di pianificazione del settore pubblico e con la formulazione di politiche pubbliche a lungo termine) lo sviluppo e l’uso di indicatori sociali come metodo (BAUER, 1967; BUSTELO, 1982). Secondo Jannuzzi e Pasquali (1999), gli indicatori sociali hanno la funzione di: (1) sostenere lo sviluppo di piani di sviluppo urbano e piani pluriennali di investimento; 2) valutare gli impatti ambientali derivanti dall’attuazione di grandi progetti; (3) giustificare il trasferimento di fondi federali per l’attuazione e il monitoraggio dei programmi sociali; e (4) affrontare la necessità di mettere a disposizione altre risorse pubbliche specifiche nel corso dell’attuazione dell’ordine pubblico in questione.

È di fondamentale importanza comprendere i limiti di un indicatore sociale (WHO, 1996; JANNUZZI, 2001) gli indicatori sociali dovrebbero: (1) avere un livello di copertura demografica adeguato agli scopi dell’ordine pubblico; 2) essere sensibili all’ordine pubblico desiderato; 3) essere specifici degli effetti dei programmi settoriali di politica pubblica; (4) essere intelligibili agli attori politici e al pubblico; 5) essere aggiornabile di tanto in tanto a costi ragionevoli; 6) essere ampiamente disaggregati in termini geografici, socio-demografici e socioeconomici; (7) godere di una certa storicità per consentire confronti intertempo.

Secondo la letteratura sull’argomento, viene quindi percepita l’importanza del processo di scelta di indicatori pertinenti, validi e affidabili per aumentare la probabilità di assertività nella risoluzione del problema o della domanda identificati nell’agenda centrale del governo e proposti nell’elaborazione delle politiche pubbliche.

Sono necessarie informazioni specifiche in modo tempestivo nel processo decisionale durante le diverse fasi del ciclo di gestione delle politiche pubbliche: identificazione della domanda (problema), inclusione nell’agenda centrale del governo, preparazione e formulazione della politica e infine monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamenti) dell’attuazione di questa politica pubblica.

Pertanto, è importante notare che non solo gli indicatori sociali dovrebbero essere utilizzati nel monitoraggio delle politiche pubbliche. È importante notare che, secondo Louette (2007), gli indicatori dovrebbero includere essenzialmente 03 (tre) aspetti: sociale, ambientale ed economico.

In Brasile, ad esempio, alla fine del XX secolo, con l’inserimento dell’efficienza come principio nella Costituzione federale, l’efficienza nella gestione pubblica ha iniziato ad essere legalmente richiesta. Gli effetti dell’adozione costituzionale di questo principio sono stati rafforzati dall’articolo 2 della legge n. 9.874/99, che si occupa del processo amministrativo a livello federale, che ha inserito anche l’efficienza come uno dei principi guida della pubblica amministrazione.

Il concetto di efficienza utilizzato in questa ricerca è l’efficienza produttiva pareto-Koopmans, proposta dalla França (2005), che evidenzia la proposta di Koopmans nel 1951, per la specializzazione microeconomica del concetto di efficienza pareto, per la produzione di beni e servizi generati da un’organizzazione, dove un’azienda è efficiente quando ottimizza la produzione generata rispetto ai consumi necessari.

Gli studi, sempre secondo la França (2005), sull’efficienza produttiva di Pareto-Koopmans si basano su due aspetti: (1) Efficienza tecnica, che evita sprechi, sia nella quantità di insum (maggiore del necessario), sia nella produzione di beni o servizi (inferiori a quelli ritenuti possibili); e (2) efficienza economica o allo-allocation, che si riferisce alla massimizzazione delle entrate e alla riduzione al minimo dei costi che comportano quantità e prezzi ottimali, sia degli insum consumati che dei prodotti generati.

D’altro canto, Marinho e Façanha (2000) evidenziano difficoltà nell’analizzare l’efficienza delle allocazioni in settori difficili di determinazione dei prezzi. Inoltre, essi vengono sottolineati che, in generale, in termini di entità, le inefficienze delle allore sono inferiori a quelle di possibili inefficienze tecniche.

Inoltre, Torres e Cavalieri (2015) presentano, attraverso una valutazione critica, problemi in due indicatori comuni nella letteratura economica brasiliana: la partecipazione dell’industria al PIL e il rapporto valore trasformazione industriale (VTI) / valore lordo della produzione (VBPI). Nella prima misura rivelano oscillazioni brusche a causa di cambiamenti metodologici e nel secondo sembra l’impossibilità di cogliere le differenze interindustriali. Pertanto, secondo gli autori, tali indicatori possono portare a conclusioni fuorvianti sulla struttura produttiva nazionale.

Secondo Guimarães e Januzzi (2005), che eseguono un’altra analisi critica, in particolare l’indice municipale di sviluppo umano, ci sono problemi di natura sia concettuale (e metodologica) che l’uso di indicatori sintetici come criteri di ammissibilità dei comuni per l’attuazione di alcune politiche pubbliche. Pertanto, vengono sottolineate la necessità di creare indicatori sia fonti secondarie standardizzate che la produzione di dati personalizzati all’interno dei programmi stessi.

2. PROCESSO DI SCELTA DEGLI INDICATORI

Secondo Jannuzzi (2014), se il programma o il progetto produce risultati e impatti, è necessario analizzare i costi coinvolti nell’operatività per produrre le unità di risultati e gli impatti in un periodo in quello spazio. Si tratta di informazioni fondamentali per valutare la sostenibilità della politica pubblica in questione.

Per chiudere il ciclo di gestione delle politiche pubbliche, nel monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamenti) delle politiche pubbliche, l’indicatore è una parte fondamentale, poiché sia le diagnosi che i risultati e le previsioni saranno tecnicamente meglio sostenuti, per una rivalutazione sistematica del processo.

Accade, secondo Nepp (1999), che il processo sia, allo stesso tempo, molto più complesso e fallibile di quanto raccomandano i modelli di pianificazione classici, perché nel processo c’è l’interferenza di molti fattori che vanno oltre le questioni tecnico-scientifiche, producendo un certo pregiudizio nei risultati ottenuti. Secondo Cotta (1998), in Brasile, ad esempio, in pratica, le valutazioni di queste politiche pubbliche generalmente non supportano la scelta nel processo decisionale, perché producono risultati inadeguati, attribuiti all’inefficienza nella scelta del sistema di indicatori.

Come riferisce Carvalho; Leal e Souza (2021), ci sono ambienti che non favoriscono la formulazione e l’elaborazione delle politiche pubbliche, soprattutto perché la cultura organizzativa del governo non favorisce l’implementazione e il monitoraggio di programmi a lungo termine, in grado di raccogliere le informazioni e i dati necessari, il cui orizzonte temporale era oltre i cicli tradizionali: o un mandato di governo o il Piano Pluriennale.

Affinché un indicatore funzioni le sue funzioni e abbia le sue metriche appropriate, nel monitoraggio della gestione delle politiche pubbliche, è importante tenere presente la funzione degli indicatori, che, secondo Borba (1999), è quello di produrre informazioni specifiche sulle prestazioni ricorsive del programma, del progetto o dell’azione di una politica pubblica, che aiutano a misurare i cambiamenti osservati. Secondo Pontes (2013), l’articolazione tra monitoraggio e valutazione è fondamentale per il sistema di gestione delle politiche pubbliche.

La scelta degli indicatori dovrebbe basarsi su una sorta di calibrazione per adeguare la domanda o il problema proposto nell’agenda governativa come politica pubblica, i più comuni sono i Principi Bellagio, secondo Hardi e Zdan (1997), sono linee guida dalla scelta degli indicatori, attraverso l’interpretazione e la valutazione dell’intero processo, fino alla comunicazione dei risultati finali. Questo principio mira al monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamento) delle organizzazioni pubbliche, private o della società civile (senza scopo di lucro). I Principi Bellagio guidano diverse opere soprattutto nel settore degli indicatori di sostenibilità (BECKER, 2004; BELL and MORSE, 2008; CEZARE et al., 2007; GUIMARÃES, 2010; LOUETTE, 2009).

La scelta degli indicatori, che fa parte del ciclo delle politiche pubbliche, come ampiamente confermato in letteratura, è preceduta dalla definizione dell’agenda politica, da parte del stakeholders. Nella scelta, un trade-off sta nella personalizzazione o standardizzazione degli indicatori. Secondo Resende (2013), ogni programma, o politica pubblica, richiede un sistema di indicatori specifici per la sua gestione. Ciascuno dei passaggi richiede inoltre indicatori con caratteristiche diverse, rendendo difficile la creazione di modelli standardizzati, applicabili in qualsiasi situazione.

Il parametro principale, per individuare il punto ottimale tra standardizzazione e personalizzazione degli indicatori è quello proposto da Januzzi (2004), che utilizza tre fattori per differenziare gli indicatori: (1) valutare l’efficienza dei mezzi e delle risorse impiegate; 2) valutare l’efficacia nel conseciare gli obiettivi fissati nell’ordine pubblico; e (3) per valutare l’efficacia sociale del programma.

3. CONCLUSIONE

Data la discussione promossa in questa indagine, è chiaro, l’importanza di scegliere buoni indicatori per l’utilizzo, soprattutto nella fase di monitoraggio (monitoraggio, valutazione e adeguamento) dell’attuazione delle politiche pubbliche, al fine di ottenere risultati più assertivi, in relazione alla misurazione dei risultati delle politiche pubbliche dell’agenda centrale del governo. Come osservato, esistono, in letteratura, meccanismi che garantiscono una scelta ottimale per l’agente governativo, ma in pratica le incongruenze degli indicatori possono costituire distorsioni nei risultati che porterebbero a distorsioni della scelta.

Ma c’è ancora un problema, che non è stato affrontato, o almeno esaurito, nelle discussioni sull’argomento, che sarebbe il dilemma, il trade-off, tra personalizzazione e standardizzazione delle metriche utilizzate negli indicatori.

Da un lato, la mancanza di standardizzazione degli indicatori per quanto riguarda i documenti procedurali, raccomandata da studi tecnici, è un ostacolo al loro utilizzo in altre politiche pubbliche. D’altra parte, il fatto che, nelle metriche, siano gli indicatori personalizzati, facilita la comprensione del processo e aumenta l’affidabilità e l’assertività della misurazione, sia dell’azione che del progetto, nonché dei programmi relativi a quella specifica politica.

RIFERIMENTO

BAUER, RAYMOND. Social indicators. Cambridge, MIT Press, 1967.

BECKER, J. Making sustainable development evaluations work. Sustainable Development, v. 12, n. 4, p. 200–211, nov. 2004.

BELL, S.; MORSE, S. Sustainability Indicators: Measuring the Immeasurable? 2. ed. London: Earthscan, 2008. CEZARE, J. P.;

BORBA, M.L.  Indicadores Sensíveis ao Gênero, IICA.  (Instituto Inter-americano de Ciências Agrícolas), Ministério de Meio-Ambiente e IRC (International Water and Sanitation Center), Brasília: IICA, 1999.

BUSTELO, E. S. Planejamento e política social. In: Bromley, R. & Bustelo, E. S. Política x técnica no planejamento. São Paulo, Brasiliense/Unicef, 1982. p. 132-52

CARVALHO, R. G. et al. Política pública de atração de investimentos em Brasília: erros e acertos. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Ano 06, Ed. 02, Vol. 01, pp. 21-59. fevereiro de 2021. Disponível em: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/ciencias-sociais/erros-e-acertos.

FRANÇA, J. M. F. Um modelo para avaliar o impacto da assimetria de informação na gestão de organizações sociais com aplicação às universidades federais brasileiras. 2010, Tese (Doutorado em Engenharia de Produção). Programa de Pós-graduação em Engenharia de Produção, Universidade Federal de Santa Catarina, Brasil, 2005.

GUIMARÃES, P. B. V. Avaliação de políticas públicas para a gestão integrada de recursos hídricos sob a ótica das dimensões institucional e ambiental. 2010. 179 f. Tese (Doutorado em Recursos Naturais) – Centro de Tecnologia e Recursos Naturais, Universidade Federal de Campina Grande, Paraíba, Brasil, 2010.

GUIMARÃES, R. S. J.et al. Indicadores Sintéticos e Suas Aplicações em Políticas Públicas. Uma Análise Crítica. Revista Brasileira de Estudos Urbanos e Regionais, vol. 7, núm. 1, maio, 2005, pp. 73-90.

HARDI, P.; ZDAN, T. Assessing Sustainable Development: Principles in Practice. Winnipeg: IISD, 1997. Disponível em: https://www.iisd.org/system/files/publications/bellagio.pdf.

JANNUZZI, P. M; PASQUALI F. A.   Estimação de demandas sociais para fins de for mulação de políticas públicas municipais.  Revista de Administração Pública. Rio de Janeiro, FGV, 33(2):75-94, mar./abr. 1999.

JANNUZZI, P. M. Indicadores sociais no Brasil: conceitos, fonte de dados e aplicações. Campinas, Alínea, 2001.

JANNUZZI, P. M.  Verbete avaliação. In: BOULLOSA, R. F. (Org.). Dicionário para formação em gestão social. Salvador: CIAGS, 2014, v. 1. p. 24-27

LOUETTE, A. Indicadores de Nações: Uma contribuição ao diálogo da Sustentabilidade. 1. ed. São Paulo: WHH (Willis Harman House), 2009. p. 116

LOUETTE, A. Ferramentas de Gestão de Responsabilidade Socioambient: Uma Contribuição para o Desenvolvimento Sustentável. São Paulo: WHH (Willis Harman House), 2007.

MARINHO A.; e FAÇANHA L. O. Hospitais universitários: avaliação comparativa de eficiência técnica. Economia Aplicada 2000; 4: 315-349.

NEPP/Unicamp. Modelo de avaliação de programas sociais prioritários: relatório final. Campinas, 1999

PONTES, G. Instrumentos para monitoramento e avaliação das políticas e programas do Ministério da Educação. Revista Brasileira de Monitoramento e Avaliação, v. 1, p. 142-159, 2013

RESENDE, L. M. Monitoramento e avaliação do Proinfância: uma proposta metodológica. 2013. Dissertação (Mestrado Profissional) – Faculdade de Educação da Universidade de Brasília, Brasília, DF, 2013.

TORRES, R. L.; e CAVALIERI H. Uma crítica aos indicadores usuais de desindustrialização no Brasil. Rev. Econ. Polit. vol.35 no.4 São Paulo, 2015. Disponível Em https://www.scielo.br/scielo.php?pid=S0101-31572015000400859&script=sci_arttext

WHO (World Health Organization). Catalogue of health indicators. Geneva, 1996.

[1] Dottorando in Scienze aziendali, Master in Economia, Specialista in Diritto Pubblico, Laurea in Economia.

[2] Dottorando in Scienze Sociali – Unisinos – Master in Gestione Economica dell’Ambiente; Laurea in Economia. Tecnico in Sicurezza sul Lavoro. Professore della Scuola Superiore di Management ed Esperto Giudiziario.

Inviato: Febbraio 2021.

Approvato: Aprile 2021.

Rate this post
Dottorato di Ricerca in Scienze Aziendali e Sociali. Universidad de Ciencias Empresariales y Sociales, UCES, Argentina. Master in Economia. Università Cattolica di Brasília (Conceito CAPES 6), UCB/DF, Brasile. Specializzazione in Specializzazione in Diritto Pubblico. Centro universitario Estacio Brasília, Estácio Brasília, Brasile. Laurea triennale in Economia. Centro universitario di Brasilia, UniCEUB, Brasile.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here