Ben oltre il gancio: scienza e calcio nella copertura sportiva del Pará

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/comunicazione-it/ben-oltre-il-gancio
5/5 - (3 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SOUSA, André Laurent Souza Lopes [1], SANTOS, Ana Lucia Prado Reis dos [2], DENDASCK, Carla Viana [3], OLIVEIRA, Euzébio de [4], BAHIA, Mirleide Chaar [5]

SOUSA, André Laurent Souza Lopes. Et. Ben oltre il gancio: scienza e calcio nella copertura sportiva del Pará. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 03, Vol. 11, pp. 135-167. marzo 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/comunicazione-it/ben-oltre-il-gancio, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/comunicazione-it/ben-oltre-il-gancio

RIEPILOGO

Le relazioni relative alla scienza e al calcio non sono frequenti nella copertura sportiva del Pará. Comprendere le cause di questo problema è l’obiettivo principale di questo studio. Dalla rassegna letteraria delle scienze sportive nel calcio, l’interdisciplinarietà che per decenni contribuisce a studi rilevanti che hanno portato non solo alla comprensione dei problemi dello sport, ma anche all’aumento delle prestazioni dei calciatori e delle squadre. In un secondo momento, il lavoro porta il dialogo tra cultura scientifica (VOGT, 2003) e giornalismo, dal punto di vista scientifico (BUENO, 2009) e del giornalismo sportivo (BUENO, 2005; MALULY, 2005), al fine di evidenziare la provocazione di Messa (2005), che attribuisce al giornalismo sportivo di carattere scientifico, al giornalismo sportivo-scientifico, la possibilità di andare oltre lo spettacolo per gli appassionati-spettatori. Tuttavia, è necessario comprendere, da interviste semi-strutturate, i fattori limitanti della copertura sportiva a Pará e le ragioni per cui la scienza ha poco spazio. Una possibilità di ampliare i contenuti che coinvolgono la scienza e il calcio è la competenza e il rapporto tra giornalisti e membri dei comitati tecnici delle squadre di calcio di Pará.

Parole chiave: scienza dello sport, divulgazione scientifica, giornalismo scientifico, giornalismo sportivo.

INTRODUZIONE

Una volta, ha detto un’emittente esperta nella trasmissione del match tra Paysandu e Castanhal, il 25 febbraio, per il Campeonato Paraense 2018, dopo che Pedro Carmona è stato sostituito nel primo tempo: “ha sentito un gancio alla coscia sinistra”. In conferenza stampa, dopo il match, l’allora allenatore di Paysandu, Dado Cavalcanti, ha mostrato preoccupazione per il ginocchio slogato di Carmona. Il club non ha fornito un medico per are interviste ai giornalisti.

La stagione era ancora all’inizio. La squadra aveva giocato solo la nona delle 61 partite della stagione 2018 e aveva già subito un cambio nel comitato tecnico (Dado Cavalcanti è stato assunto per sostituire Marquinhos Santos). Il giorno seguente, a Carmona fu diagnosticata una lesione mediale del legamento collaterale collaterale (CML). All’epoca, i titoli evidenziano l’assenza di Carmona dall’allenamento, il risultato del test e il tempo in cui sarebbe stato in recupero: 30 giorni. Un indizio di ciò che potrebbe aver causato la ferita si è riduceta a uno scivolo sul prato.  Anche se non è stato sottoposto a un intervento chirurgico, Carmona ha impiegato più tempo, circa tre mesi, per poter tornare a giocare.

Per Villardi (2004), i continui cambiamenti nelle commissioni tecniche derivano dalla necessità per i club di ottenere risultati a breve termine. Tuttavia, queste modifiche modificano i metodi di allenamento, rendendo impossibile lo sviluppo di un programma di lavoro individualizzato, anche per gruppi di atleti con caratteristiche simili.

L’effetto di bruschi cambiamenti nel carico di lavoro e di non osservazione dell’individualità e della specificità nella formazione, aggiunti o meno a fatti predisponenti, può causare l’equilibrio tra la capacità di assorbimento degli stimoli ripetitivi e la soglia di ogni individuo, determinando i leoni per uso eccessivo (VILLARDI, 2004, p. 173).

La copertura sportiva, in situazioni come questa, spesso devia la strada dal buon giornalismo sportivo all’intrattenimento. Le cause dell’infortunio perdono terreno per il momento in cui si approprierà della squadra. Lo spettacolo prende il comando a causa della facilità delle notizie che attraversano la linea di intrattenimento.

Così come l’infortunio non può essere visto isolatamente (VILLARDI, 2004), anche il calcio e lo sport no. A partire dall’introduzione dell’educazione fisica in Brasile, che assomiglia agli interessi delle classi dominanti dei paesi europei. La sofferenza, inoltre, l’influenza delle teorie positivistiche, l’idea di formare individui forti, sani e importanti per lo sviluppo della nazione possono essere osservati nelle leggi, emerse con l’intenzione di valorizzare lo spirito del nazionalismo. Nelle parole del Presidente Vargas, “aumentare l’educazione civica delle nuove generazioni organizzando i giovani al fine di costituire una riserva facilmente mobilizzabile, ogni volta che c’è un obiettivo patriottico da raggiungere” (CASTELLANI FILHO, 2006, p. 89).

Nel periodo militare, quando questo intervento si intensificò, oltre al nazionalismo, ci furono altre pretese, sia politiche che economiche. Il nuovo campionato è stato utilizzato anche nel Piano nazionale di integrazione, servendo per integrare club di diversi stati brasiliani, piazzandosi nelle squadre di competizione delle regioni in cui l’Arena era cattiva nei sondaggi, al fine di vincere voti, il che ha portato all’incredibile numero di 94 club (da 21 degli allora 22 stati) nell’edizione del campionato del 1979, all’epoca in cui la Confederazione Sportiva Brasiliana (CBD) era comandata da Heleno Nunes. La costruzione di grandi stadi di calcio in regioni in cui lo sport non era popolare o l’Arena era impopolare, era molto frequente.

Il calcio è stato anche un affare, come disse una volta Mário Gobbi, allora presidente del Corinthians/SP, giustificando la vendita di tre importanti giocatori della squadra che vinse il Campeonato Paulista e la Copa do Brasil nel 2009.  Quasi dieci anni dopo, Gobbi la classificò come una frase molto forte per la nostra cultura, se ne rammaricò e ritirò ciò che disse. Tuttavia, gli aspetti economici continuano ad entrare nella composizione del gioco e nella copertura mediatica. Un rapporto sul sito “Valor Econômico” rivela le dimensioni di questo mercato: i ricavi delle prime 22 squadre di calcio del paese sono cresciuti del 2,7% nel 2017. Nell’anno precedente l’aumento è stato ancora più elevato: 30%. Con questo, questi club hanno totalmente un fatturato di R $ 5,11 miliardi. Coloro che riusciranno a far entrare in affari le loro finanze e ad adottare pratiche di buon governo potranno formare un’élite all’interno dell’élite del calcio brasiliano nei prossimi anni, con ripercussioni decisive sul denaro e sui campi.

Pertanto, l’obiettivo centrale di questo lavoro è capire perché la copertura sportiva a Pará riserva così poco spazio alla scienza nello sport. Da una rassegna bibliografica interdisciplinare della scienza dello sport nel calcio, il dialogo con i concetti di cultura scientifica e giornalismo è contestualizzato, soprattutto scientifico e sportivo, che in un primo momento sembra non avere connessioni oltre il giornalismo specializzato, ma, come provoca Messa (2005): è possibile fare giornalismo sportivo con carattere scientifico?

Così, abbiamo cercato di conoscere il profilo dei giornalisti e delle emittenti che lavorano nei media di Pará, comprendere la routine delle redazioni e identificare i fattori che limitano e delimitano le questioni che saranno all’ordine del giorno nella copertura sportiva. Per questo, 16 professionisti associati all’ACLEP (Associazione cronisti e annunciatori sportivi di Pará) avevano risposto a interviste semi-strutturate.

Alcuni risultati erano già attesi, è vero. La scienza dello sport non è all’ordine del giorno e il calcio del Clube do Remo e del Paysandu Sport Club detiene l’egemonia nella copertura sportiva del Pará.

Tuttavia, l’analisi dei dati ha contribuito a smantellare due ipotesi: la prima che i professionisti non erano d’accordo sul fatto che la scienza fosse presente nello sport e, quindi, non avrebbe identificato i modi in cui si manifesta nelle partite quotidiane di allenamento e calcio. Il punto centrale è la divergenza che è stata stabilita è nella percezione del pubblico, dove il dibattito si chiede se lettori, spettatori e ascoltatori abbiano un interesse per la scienza nello sport.

Dai dialoghi di questo lavoro è possibile suggerire un primo passo per il giornalismo sportivo di natura scientifica. L’applicazione delle conoscenze scientifiche allo sport è una delle funzioni dei professionisti che compongono i comitati tecnici delle squadre di calcio. Pertanto, il rapporto tra giornalisti e emittenti e comitati tecnici è un modo per raggiungere questo obiettivo. Dopo tutto, i professionisti che hanno legami con accademie e istituti di ricerca a Pará sono rari. È possibile stabilire un rapporto non solo di fonte giornalistica, ma anche di fonte di conoscenza scientifica, anche basata sulla cultura scientifica. È possibile, sì, andare oltre il gancio.

METODOLOGIA

Secondo l’Association of Chroniclers and Sports Announcers of Pará (ACLEP), lo stato ha circa 150 professionisti registrati e in grado di richiedere l’accreditamento nelle partite organizzate dalla Confederazione calcistica brasiliana (CBF) o dalla Federazione del calcio paraense (FPF). Ai sensi dell’articolo 6, comma VII del Regolamento Generale dei Concorsi CBF, spetta espressamente alle federazioni approvare gli elenchi inoltrato dagli enti locali di classi rappresentative di professionisti programmati al lavoro, con l’obiettivo di accreditare e supervisionare l’accesso allo stadio e al prato (CBF, 2019).

Nonostante la difficoltà di specificare informazioni rilevanti, come veicoli di comunicazione e programmi sportivi che partecipano alla copertura delle partite di calcio organizzate da FPF e CBF, ACLEP ha presentato una timida panoramica di professionisti e associati accreditati che lavorano direttamente nella copertura.

Tabella 1: Classificazione dei ruoli professionali

Funzione Quantità
Reporter 36
Editore 20
Narratore 18
Commentatore 10

Fonte: ACLEP, 2019

Da questi dati sono stati selezionati 16 professionisti per l’applicazione di interviste semi-sepolte. La scelta è stata di tipo non probabilistico, intenzionale da criteri di rappresentatività e accessibilità (BRUYNE et al., 1977). Il numero di partecipanti è stato definito in base al criterio della saturazione dei dati, cioè quando le risposte sono diventate ripetitive, l’applicazione delle interviste viene terminata, poiché “la ricerca qualitativa può utilizzare risorse casuali per fissare il campione. Cioè, cerca una maggiore rappresentatività del gruppo di soggetti che parteciperanno allo studio” (TRIVIÑOS, 1997, p. 132).

Questo documento ha definito come metodologia qualitativa l’applicazione di interviste semi-strutturate (semi-direttiva o semi-aperte), in cui “si combinano domande aperte e chiuse, in cui l’informatore ha la possibilità di discutere il tema proposto” (BONI & QUARESMA, 2005, p. 75), osservando ciò che Lakatos propone (1996) in relazione alla scelta dell’intervistato, all’opportunità del colloquio e alla preparazione della sceneggiatura con le domande principali , e riconoscendo che si riceve il ritratto del mondo dell’informatore, e spetta al ricercatore valutare il grado di corrispondenza delle dichiarazioni di realtà oggettiva o fattuale (BONI & QUARESMA, 2005). Così, l’intervista semi-strutturata segue la linea teorica storico-culturale (dialettica), con l’obiettivo di determinare razioni dirette e indirette, favorendo non solo la descrizione dei fenomeni sociali, ma anche la spiegazione e la comprensione della totalità, oltre a mantenere la presenza consapevole e attiva del ricercatore nel processo di raccolta delle informazioni (TRIVIÑOS, 1987).

Per questo studio sono stati presi in considerazione i seguenti criteri per la definizione degli intervistati: (i) Intervistare almeno il 10% dei professionisti accreditati o dei membri dell’ACLEP; — contemplare tutti i tipi di veicoli (TV, radio, stampa e web); — intervistare almeno una donna per ogni tipo di veicolo (TV, radio, stampa e rete); (iv) Considerare l’integrazione dei media (TV e web; stampa e web), diversificare le funzioni, pagarne vicino all’accumulo (reporter e presentatore; editore e produttore) e osservare l’esperienza professionale (principianti, esperti e veterani).

È stato quindi composto un campionamento eterogeneo, con uomini e donne che sono recentemente entrati nel mercato del lavoro o si stanno avvicinando a 50 anni di carriera; lavorare in AM, FM e web radio, stazioni televisive commerciali e pubbliche, giornali stampati che distribuiscono anche contenuti anche su Internet da siti di notizie; hanno iniziato la loro carriera in radio e sono in TV; formato o sono in formazione accademica in Giornalismo o in altre aree che non sono legate alla comunicazione sociale, senza trascurare coloro che non hanno avuto la possibilità di passare attraverso l’Accademia; e accumulare due o più funzioni nelle redazioni.

Tabella 2: Elenco dei professionisti intervistati

Nome Funzione Veicolo Età Carriera Formazione
Agripino Furtado Reporter Radio Liberale 67 anni 47 anni Mezzo pieno
André

Júnior

Commentatore Radio metropolitana 27 anni 11 anni Superior Complete (Amministrazione)
Andréia Espírito Santo Reporter Giornale liberale 29 anni 9 anni Superior Completo (Giornalismo)
Bruna

Dias

Reporter Sito web DOL 30 anni 6 anni Superior Completo (Giornalismo)
Carlos Ferreira Editorialista e commentatore Giornale liberale e TV liberale 54 anni 38 anni Superiore Completo (Scienze Sociali)
Carlos

Felipe

Editore Giornale liberale e oliberal.com 29 anni 10 anni Superior Completo (Giornalismo)
Quercia di Edson Reporter e presentatore TV Record 33 anni 11 anni Superior Completo (Giornalismo)
Guilherme Guerreiro Direttore amministrativo e commerciale Radio Club e RBA TV 59 anni 45 anni Completo superiore (a destra)
Lauany Chaliê Reporter Astral Web Radio 31 anni 1 anno Superior Completo (Giornalismo)
Nome Funzione Veicolo Età Carriera Formazione
Magnus Fernandez Produttore e commentatore Radio Club e sito radioclube.com.br 31 anni 14 anni Superiore incompleto (Giornalismo)
Marcelo Dinelly Produttore Tv Liberale 28 anni 4 anni Superior Completo (Giornalismo)
Mariana Malato Redattore e Relatore RBA TV 28 anni 5 anni Superior Completo (Giornalismo)
Marquinho Belém Commentatore Radio Club e TV Cultura 43 anni 7 anni Livello tecnico (host radio)
Max

Sousa

Reporter CBN Amazon Radio 25 anni 5 anni Superiore incompleto (Giornalismo)
Paloma Andrade Coordinatore trasmissioni CULTURA TV 39 anni 18 anni Superior Completo (Giornalismo)
Valmir Rodrigues Assistente vocale e relatore Radio Club e TV Cultura 49 anni 32 anni Superiore incompleto (Giornalismo)

Fonte: Paternità propria, sulla base dei dati raccolti in interviste semistrutturate.

Pertanto, è stato possibile conoscere il profilo professionale e la routine e identificare i fattori che limitano e delimitano le questioni che saranno la copertura sportiva a Pará.

RISULTATI E DISCUSSIONI

Il giornalista Agripino Furtado di Liberal Sports, programma di Radio Liberale che ha più di sei ore di programmazione suddivise in quattro edizioni giornaliere, rivela le dimensioni dello spazio destinato alle notizie calcistiche di Remo e Paysandu. Secondo l’emittente esperta, il programma porta le novità di Paysandu e Remo, la Federcalcio (paraense), oltre ai risultati e alle tabelle delle competizioni nazionali e internazionali. Inoltre, “il programma ha ancora la partecipazione di commentatori che analizzano le notizie e i fatti (sportivi) del giorno” (FURTADO, 2019, informazioni verbali).

Tuttavia, la copertura sportiva non è stata presentata a Pará esclusivamente giornalistica. Per il commentatore André Chaves Júnior, 27 anni, giornalismo e intrattenimento sono presenti nel programma Metropolitan Sports, radio Metropolitan. Per Chaves Júnior, la parte del giornalismo sportivo è rappresentata dall’analisi e dall’informazione. La parte di intrattenimento coinvolge il calcio stesso (JÚNIOR KEYS 2019, informazioni verbali). In questo senso, Guilherme Guerreiro, direttore dell’amministratore sportivo e radio club commerciale e presentatore di RBA TV, c’è un’altra funzione da giocare che avvicina i professionisti a uno show man.

Mi trovo in questo mondo con responsabilità giornalistica, controllando le notizie, ma sviluppiamo intrattenimento. Abbiamo l’obbligo di occuparci delle notizie, delle basi della credibilità, della trasparenza e dell’affidabilità dei cittadini. Ma dobbiamo essere consapevoli che abbiamo a che fare con un prodotto che è anche eccitante (GUERREIRO, 2019, informazioni verbali).

Questa relazione esiste anche nell’edizione del programma prodotto da TV Liberal, affiliata globo a Pará. Marcello Dinelly Júnior, un produttore che ha iniziato la sua carriera nella casa editrice sportiva della stazione quattro anni fa, ritiene che Globo Esporte sia un programma sia di intrattenimento che giornalistico. Per il giovane produttore, lo sport non è giornalismo, è intrattenimento, ma “i rapporti globo esporte pará sono prodotti ed elaborati su entrambi i livelli, perché è ancora informazione” (DINELLY JÚNIOR, 2019, informazione verbale).

Avanzando all’analisi web, cioè su internet, spazio segnato dall’intrattenimento, il giornalismo è stato assorbito come tale ed è arrivato ad avere un volto più leggero, secondo la giornalista Bruna Dias, del sito Diário Online (DOL). La routine di Dias prevede la produzione di nuovi testi dai rapporti del giornale stampato del gruppo, Diário do Pará. Con questo, il testo giornalistico inizia a presentare caratteristiche di intrattenimento e “come il Daily dà già a queste cose più giornalismo, formazione, e ci riproduciamo, facciamo solo storie fredde, più curiosità” (DIAS, 2019, informazione verbale).

Così, il giornalismo sportivo fornirebbe un servizio che Dejavite (2007) chiama Infotainment. È il giornalismo che allo stesso tempo porta un servizio e fornisce informazioni e intrattenimento. Il contenuto serio è la relazione che porta nuove informazioni, approfondisce e critica, con lo scopo della riflessione. L’intrattenimento, il non serio, avrebbe solo divertire, con umorismo, attirando il ricevitore trattando argomenti più leggeri, luci. Ma questo ha un rischio: non portare nulla di nuovo, solo qualcosa di vecchio, con un altro vestito.

C’è cura nel produrre contenuti con un linguaggio più leggero anche in TV. Edson Carvalho, di TV Record presenta l’organo sportivo nel Bilancio Generale, dice di aver bisogno di apportare adattamenti nella lingua, rendendo più semplice, diretto e persino didattico non limitare i contenuti al pubblico sportivo. (CARVALHO, 2019, informazioni verbali).

Anche i giornalisti più esperti, come il commentatore e editorialista Carlos Ferreira, della TV Liberale e del Quotidiano O Liberale, hanno la missione di rendere i contenuti più leggeri. Per Ferreira è necessario lavorare in entrambe le prospettive, dall’impegno del giornalismo sportivo e dello sport, dal punto di vista della leggerezza, nell’approccio. Vale a dire: “quando adempii al tuo obbligo? Quando ricevi il tuo messaggio in modo responsabile. E l’intrattenimento? Quando dà leggerezza e rende quel contenuto attraente. (FERREIRA, 2019, informazioni verbali).

Inoltre, i dati hanno confermato che la copertura giornalistica si basava in gran parte sul calcio del Clube do Remo e del Paysandu Sport Club. Tuttavia, è importante sottolineare che il programma mattutino Camisa 13, RBA TV, ha come regola editoriale coprire tutte le competizioni e l’esposizione, oltre ai rapporti sul calcio di Remo e Paysandu, almeno due rapporti su sport considerati amatoriali (come atletica, futsal, basket, pallavolo) ogni giorno.

In altri veicoli, la regola è condizionare lo spazio ad altre modalità per l’occasione e l’interattività del ventilatore. Lo sottolinea Max Sousa, produttore, annunciatore e presentatore del programma radiofonico CBN Amazônia Esporte.

Non si concentra solo su Remo e Paysandu, ci concentriamo su altre modalità. Cos’altro viene alla mente, ciò che è più mirato è anche Remo e Paysandu. È ciò che attira maggiormente l’attenzione, che causa più ripercussioni tra i fan. Mentre apriamo di più al pubblico, nel programma sportivo, è quando guadagniamo più pubblico. Ma nello sport, in quanto è qualcosa che coinvolge di più la passione di Paraense, Remo e Paysandu, è quando si riempie davvero di messaggio (SOUSA, 2019, informazione verbale).

In questo senso, la giornalista del quotidiano O Liberal, Andréia Espírito Santo giustifica la copertura sportiva per avere la maggior parte del calcio centrata su Remo e Paysandu per due motivi: la posizione, nella capitale, ed è due grandi squadre dello Stato. Del resto, “questo attira l’attenzione e, nel calcio, che è lo sport principale, abbiamo molta domanda in questo senso” (ESPÍRITO SANTO, 2019, informazione verbale).

È importante osservare un altro punto importante rivelato nell’analisi dei dati, che ha identificato tre fattori principali che limitano la copertura sportiva. Il primo è il numero di personale, direttamente correlato ai tempi delle società di comunicazione. Secondo l’Associazione stampa brasiliana (Abi), solo nel 2016 ci sono stati 1.200 licenziamenti, tra cui giornalisti.

Inoltre, le società di comunicazione stanno integrando le redazioni, come quello che è successo nella divisione Sport di Grupo Globo. Roberto Marinho Neto, direttore esecutivo di Sports, ha presentato i cambiamenti nella gestione, che comprendevano la nuova struttura che integra, nella stessa area, tutte le attività di TV Globo e Globosat, cioè: le redazioni di Globo Esporte, programmi Sportv e globoesporte.com hanno iniziato a funzionare in modo integrato. Il fenomeno non è nuovo e gli studi sull’integrazione dei media (MOHERDAUI, 2004) sono in arrivo dagli anni 2000.

La ristrutturazione delle redazioni e il cambiamento nella routine dei giornalisti, con professionisti che eseguono il multitasking, è anche una realtà nelle redazioni dei veicoli paraense. L’esperienza più recente è stata quella del gruppo liberale. La sala stampa del giornale stampato ricevette la compagnia del Team of Radio Liberal e iniziò liberal.com produrre contenuti per un sito (sostituendo il portale ORM) in cui era sedi sedici scritti integrati. Carlos Fellip, che in precedenza ha modificato solo il quaderno sportivo stampato, ora produce contenuti per il webjournalism (MIELNICZUK, 2003). Nella routine, i contenuti prodotti per il sito sono fattuali e multimediali. Quindi, il testo viene ampliato e distribuito sul giornale stampato (ARAÚJO, 2019, informazioni verbali).

Pertanto, il tempo dedicato all’esterno per monitorare l’allenamento e le partite è stato ridotto. “Ciò ha fatto sì che i giornalisti smettevano di seguire le sessioni di allenamento e le partite, a seconda delle informazioni raccolte su Internet o trasmesse dall’ufficio stampa dei club” (DIAS, 2019, informazioni verbali).

Agripino Furtado cita anche “difficoltà nel muoversi nella formazione. Sono lontani dal centro ed è complicato per te muoverti. A volte andiamo da soli” (FURTADO, 2019, informazioni verbali).

Per andare oltre la copertura addestramento e i giochi di canottaggio e paysandu, i professionisti devono fare delle scelte. Le società di comunicazione offrono un massimo di due squadre esclusive per la copertura sportiva in TV, ad esempio. Per l’editore e presentatore del programma Camisa 13, RBA TV, coprire altri sport richiede uno sforzo extra: “copriamo lo sport amatoriale. E deve ancora adattarsi all’agenda di Remo e Paysandu. Abbiamo solo due giornalisti” (MALATO, 2019, informazioni verbali).

La conseguenza è la priorità della copertura del duo remo-paysandu e la riduzione dello spazio per altri sport.

Lavoriamo per la maggior parte dell’anno con canottaggio e Paysandu, il nostro stesso forte è il duo Re x Pa. Iniziamo a praticare lo sport amatoriale quando non abbiamo (Remo e Paysandu). […] Remo e Paysandu sono i due club, ma provenienti da tutta la regione settentrionale, e anche il calcio, come è la più grande passione del brasiliano, riflette questo. (DINELLY JÚNIOR, 2019, informazioni verbali).

Il terzo fattore limitante rivelato dai dati della ricerca mostra difficoltà finanziarie nel costare viaggi in altre città. “Le radiostazioni, ad esempio, hanno bisogno di una sponsorizzazione specifica a questo scopo. Come non sempre accade, riceve anche i contenuti messi a disposizione dagli avvisi dei club” (CHAVES JUNIOR, 2019, informazioni verbali).

In questo scenario, è evidente la difficoltà dei giornalisti e delle emittenti nell’osservare, in un primo momento, la possibilità di diversificare i contenuti al di là della copertura del calcio Remo e Paysandu. Inoltre, inserire la scienza nel discorso giornalistico non è unanimità. Tuttavia, è importante discutere della scienza dello sport come elemento importante per lo sviluppo del giornalismo sportivo con un carattere scientifico.

Tutti gli intervistati e gli intervistati hanno concordato con la dichiarazione “la scienza è presente nello sport”. Da questa scoperta, esemplificavano le varie forme che la scienza sportiva si manifesta quotidianamente. Sono gli impatti che l’attività sportiva ha sul corpo, con progressi nella fisiologia che hanno contribuito a sviluppare allenamenti che si traducono in migliori prestazioni dei giocatori dai metodi di allenamento e dai giochi; l’evoluzione degli studi calcistici non solo nell’esecuzione di movimenti, velocità, forza, ma anche nella mente. Un altro fattore è la medicina, con la prevenzione degli infortuni e, come nel caso dell’ex giocatore e commentatore del Rádio Clube, Marquinho Belém, 43 anni, la diagnosi di malattie. Marquinho è stato un giocatore del Clube do Remo, nel 2004, ha dovuto sospendere la sua carriera.

C’è stata quella tragedia di Serginho (calciatore 30enne che ha avuto un arresto cardiorespiratorio giocando una partita nel 2004), a São Caetano. Dopo di che, c’era quella medicina che scattava facendo l’eco del cardiogramma. Prima, ho fatto solo un elettro e tapis roulant, lo stress test. L’eco è specifica per il cuore. La medicina è arrivata per prevenire situazioni come ha fatto Serginho. Ho acquisito miocardiapatia ipertrofica asimmetrica ostruttiva a causa dell’iperllenamento, che potrebbe causare un arresto cardiaco. Più mi alleai, più il mio cuore cresceva. Poi, dopo il recupero, sono stato in grado di giocare di nuovo (SOUZA, 2019, informazioni verbali).

Un altro punto importante individuato nell’analisi delle interviste è stato il rapporto tra giornalisti e comitati tecnici professionali dei club, in particolare quelli di Remo e Paysandu. I giornalisti che seguono piccoli allenamenti e partite si tengono in contatto telefonicamente o si affidano all’intermediazione dei rapporti con la stampa. Ma chi è spesso negli stadi, ha un rapporto più stretto. I giornalisti di settore, che accompagnano esclusivamente un club, sono in grado di stabilire relazioni durature e, in alcuni casi, amicizia. Tuttavia, la maggior parte dei professionisti si tiene in contatto con la fonte entro la routine della scadenza e delle regole dei club, come afferma Edson Carvalho: “entro un limite del proprio giorno per giorno, segreti che non vengono rivelati. Spesso ciò che portano alla nostra realtà è qualcosa di all’avanguardia, innovativo. Non vogliono rendere pubblici (sic), esporre a tutti” (CARVALHO, 2019, informazioni verbali).

I professionisti del Pará differiscono anche in relazione all’interesse del pubblico per la scienza nello sport. “A volte il tifoso non vuole sapere molto, vuole sapere se è una buona palla, un giocatore famoso o sa segnare. Al sostenitore non importa molto, quindi evitiamo di parlare di questa parte” (FURTADO, 2019, informazioni verbali). Tuttavia, anche se non è interessato, il lettore / ascoltatore / spettatore / fan ha bisogno di avere accesso, come dice Walmir Rodrigues: “Non penso che gli piaccia. Ma deve capire alcune cose, capire cosa succede a certi giocatori. È che devi capire quando conta” (RODRIGUES, 2019, informazioni verbali). Del resto, “forse lui (il tifoso) non è consapevole della dimensione che può abbracciare la scienza e lo sport, forse non ha idea di questa connessione” (MALATO, 2019, informazione verbale).

LA SCIENZA DELLO SPORT

Quell’infortunio a Pedro Carmona potrebbe sollevare diverse questioni al di là del campo di gioco: qual è stato il meccanismo dell’infortunio? Se si trattava davvero di una distorsione, il giocatore era dotato di attrezzature adeguate? Hai eseguito qualche movimento in modo errato? Il prato era l’ideale? C’era avventatezza di Carmona o del giocatore avversario? L’arbitro è stato permissivo con giocate violente? Se non fosse stata una distorsione, c’era un sovraccarico di allenamento nella settimana che ha portato alla partita? La modifica del comitato tecnico avrebbe potuto contribuire? Il giocatore ha una storia di infortuni cronici? La sequenza di partite può contribuire all’infortunio?

Di fronte a un infortunio sportivo, l’obiettivo principale è di interesse è il tempo in cui l’atleta sarà via. Raramente ci si chiede come e perché si sia verificato l’infortunio o cosa si sarebbe potuto fare per evitare questo infortunio. In primo luogo, è di fondamentale importanza comprendere che l’infortunio di un atleta non può essere un evento puramente casuale (VILLARDI, 2004, p.174).

La medicina ha contributi a questo dibattito e alla scienza dello sport. Inklaar (1994) si occupa dell’importanza dell’eziologia degli infortuni di calcio e dei diversi programmi preventivi per ridurre l’incidenza e la gravità delle lesioni, tenendo conto dei fattori di rischio intrinseci (flessibilità articolare, lassità patologica del legamento e rigidità muscolare, instabilità funzionale, lesioni precedenti e riabilitazione inadeguata) e del rischio estrinseco (carico di esercizio nel calcio, attrezzature inadeguate, condizioni sul campo). Per Villardi (2004), gli infortuni al ginocchio causati da traumi sono comuni nel calcio. Tuttavia, l’attuazione di misure preventive non è sempre semplice. È necessario tenere conto dell’individualità dell’atleta e del carico di allenamento. Ma il gruppo di atleti è eterogeneo, dal momento che provengono da diversi stati o paesi. E altro ancora:

Le misure preventive non sono sempre facili da implementare per una serie di cause e l’individualità binomiale dell’allenamento a carico dell’atleta è una delle principali. Nella maggior parte delle squadre di calcio, si può osservare una popolazione estremamente eterogenea di atleti. Individui di diversi stati o paesi, con storia dello sport, somatotipi, età, abitudini culturali e sportive, stato nutrizionale o progresso, sono i più variabili possibili (VILLARDI, 2004, p. 172)

Comprendere le cause degli infortuni nel calcio è solo una delle varie sfide che richiedono studi interdisciplinari, poiché la modalità comporta aspetti fisici, tecnici, tattici e psicologici. La scienza sportiva, dagli anni ’80, ha presentato studi che aiutano a identificare e caratterizzare le particolarità. Dagli studi di Guerra e Barros (2004), è possibile trovare un’ampia concettualizzazione del calcio (Shepart & Leatt 1987; Ekblom, 1993; Zeederber, 1996; Reilly 1996, Valquer & Barros, 2004).

Alcune conclusioni fisiche possono aiutarti a comprendere meglio la routine di allenamento nei club. Fisicamente, una partita richiede molteplici esigenze fisiologiche da parte dei giocatori (come velocità, forza, flessibilità e resistenza). È stato possibile, ad esempio, disegnare un profilo del giocatore. Quando si tratta di altezza e peso, la media è rispettivamente di 1,79 cm e 76 kg (Oberg 1984; Relly 1997; Shepard & Leatt 1987). Era anche convinto che i molti allenatori di solito si ripeteno nella copertura sportiva: situazione di allenamento. Cioè, l’allenamento, come la velocità, dovrebbe seguire le stesse caratteristiche delle attività svolte durante la partita: 1) raramente i lucci sono superiori a 30 metri; 2) la grande predominanza è compresa tra 5 e 15 metri; 3) Più del 95% dei lucci sono senza palla; 4) l’atleta inizia il luccio nei modi più diversi; 5) normalmente il luccio termina con un’azione; 6) c’è la tendenza per i lati a eseguire picche più lunghe (20-30 metri) e gli attaccanti, più corti (5-10 metri).

Come si nota nella copertura delle notizie sportive, gli allenamenti coendono gran parte della produzione di contenuti. Dalla percezione dell’allenamento della velocità, è possibile comprendere le situazioni che si verificano in una partita e guidare un rapporto TV o un commento nella trasmissione radio, per esemplificare. Un full-back del club appena arrivato che non ha avuto una sessione di allenamento veloce può mostrare lentezza durante una partita? Quale sarebbe la causa? Disabilità tattica o fisica?

Altri importanti contributi provengono dalla biomeccanica, la disciplina derivata dalle scienze naturali, che si occupa di analisi fisiche dei sistemi biologici, e di conseguenza analisi fisiche dei movimenti del corpo umano come modello di calcio e dei movimenti necessari al giocatore per eseguire l’azione (AMADIO & SERRÃO, 2004). La nutrizione, insieme all’allenamento e alla salute dei giocatori, contribuisce alle migliori prestazioni in campo. Un esempio:

[…] è necessario consumare carboidrati immediatamente dopo la fine del gioco in modo che la sostituzione delle scorte di glicogeno muscolare sia più efficiente e veloce entro due ore, poiché in questo periodo gli enzimi responsabili della resintesi del glicogeno muscolare sono più attivi (GUERRA, 2004, p. 334).

La mente ha anche ricevuto l’attenzione degli studi sul campo di calcio. Armando Nogueira scrisse a Folha de São Paulo nel 1999 che “non solo le gambe vivono una grande squadra”. Per Ekblom (1995), solo pochi atleti raggiungono la massima perfezione. “Lo stress derivante dallo sforzo fisico e mentale può contribuire a lesioni contundenti e causare e aggravare i problemi di relazione tra i membri del team e una squadra di squilibrio interno è un serio candidato per la sconfitta e più stress” (BRANDÃO, 2004, p. 207).

Nell’arbitrato, gli studi sulla percezione visiva – dal nostro campo visivo, composto dal fotoindice centrale (regione retinica specializzata nel vedere chiaramente i dettagli) e dalla visione periferica (dove alcuni eventi intorno a noi possono passare inosservati) – hanno contribuito a comprendere le prestazioni degli assistenti arbitri e ridurre gli errori di posizionamento (OLIVEIRA et al., 2004).

Verheijen et al. (1999) ha condotto studi con tre rinomati arbitri e studi hanno suggerito che gli arbitri prendono decisioni camminando piuttosto che essere parcheggiati o correre. Sottolineano inoltre che la distanza migliore, per un maggiore processo decisionale, dovrebbe essere mantenuta tra l’arbitro e le situazioni del gioco nell’intervallo di 15 e 20 metri.

Esistono ancora studi sul calcio femminile, in cui si è concluso che non è opportuno confrontare il gioco maschile e quello femminile su basi uguali. Tutti giocano lo stesso gioco, con le stesse regole, solo i giochi sono diversi (KIRKENDALL, 2004). Per quanto riguarda l’allenamento dei giocatori nelle categorie base, spicca la funzione educativa dell’allenatore, limitandolo non solo all’orientamento dell’atleta nei momenti di allenamento e competizione, ma in costante contatto con il club, i genitori e i responsabili dello sviluppo della personalità dell’atleta (GOMES & ERICHSEN, 2004).

Come si nota, la scienza dello sport può spiegare vari fenomeni nel calcio. Tuttavia, nonostante lo stato di avanzamento degli studi in questo campo, è ancora necessario capire perché la diffusione di questa produzione scientifica sia ancora limitata.

CULTURA SCIENTIFICA

Le riflessioni di questo lavoro intendono contribuire non solo alla comunicazione, ma anche alla diffusione scientifica. Come si distingue bueno (2010):

La comunicazione scientifica mira essenzialmente alla diffusione di informazioni specialistiche tra pari, al fine di far conoscere, nella comunità scientifica, i progressi ottenuti (risultati della ricerca, relazioni di esperienze, ecc.). in aree specifiche o l’elaborazione di nuove teorie o perfezionamento di quelle esistenti. La divulgazione scientifica svolge una funzione primaria: democratizzare l’accesso alle conoscenze scientifiche e creare le condizioni per la cosiddetta alfabetizzazione scientifica. Contribuisce quindi a includere i cittadini nel dibattito su argomenti specializzati che possono avere un impatto sulla loro vita e sul loro lavoro (BUENO, 2010, p.1).

Sia la comunicazione che la divulgazione scientifica contribuiscono, tra gli altri fattori, a un particolare tipo di cultura che Vogt (2003) chiama la spirale della cultura scientifica. Questo spazio può essere rappresentato da una spirale, accompagnando lo sviluppo della scienza attraverso istituzioni incentrate sulla sua pratica e produzione, facilitando la visualizzazione e la comprensione e definendo quello che l’autore chiama lo spazio di conoscenza ibero-americano.

Figura 1 – La spirale della cultura scientific

a
Fonte: Vogt (2011, p. 10).

Così, nel quarto IV, è possibile osservare che giornalisti e scienziati sono destinati all’informazione scientifica per la società, assumendo un ruolo fondamentale nell’interlocuzione della cultura scientifica e del giornalismo. Sempre secondo Vogt (2011), l’obiettivo ideale del divulgatore scientifico è che la conoscenza scientifica, come fenomeno culturale può raggiungere il livello di trattamento e di esperienza del calcio – in cui pochi sono quelli che lo giocano effettivamente, ma ci sono molti che lo capiscono, conoscono le sue regole, sanno giocare, sono critici dei suoi risultati, con esso sono commossi e ne sono appassionati.

Per questo, oltre ai talenti, sono necessarie condizioni strutturali di sostegno istituzionale, come risorse, piani di gestione, programmi di istruzione e formazione, che sono all’altezza delle politiche pubbliche per stabilire e fare lavoro, regolarmente ed efficacemente. Il fatto di non giocare a calcio non ci impedisce di amarlo, di essere dilettanti della sua pratica, di praticarlo sempre, anche se, il più delle volte, “solo” dall’ammirazione appassionata del tifoso. (VOGT, 2011, p 13).

Giornalismo

GIORNALISMO SPECIALIZZATO

Per Tavares (2007, p. 42), il giornalismo è una pratica sociale incentrata sullo “storytelling”, dove, negli atti, sono la testimonianza o l’indagine, la costruzione o la ricostruzione di un evento, o conoscenza. “Il giornalista cattura il mondo, lo conforma e lo informa attraverso un detto. Si dice del mondo, per questo e spesso per questo.

In questo modo, il giornalismo è il risultato, come dice Traquina (2001), di processi di interazione sociale tra giornalisti, giornalisti e società, e tra i giornalisti e le loro fonti di informazione. Questa interazione, molto spesso, si realizza in un’unità discorsiva del sistema giornalistico: la notizia, un meta-evento discorsivo (RODRIGUES, 1993), che riporta un altro evento, ma non comunque, ma un evento notevole, singolare e concreto che rompe con l’organizzazione di una realtà.

Sousa (2002, p. 13), il giornalismo non è altro che “artefatti linguistici che cercano di rappresentare alcuni aspetti della realtà e derivano da un processo di produzione e produzione in cui diversi fattori interagiscono, tra gli altri”.   C’è anche una concettualizzazione più diretta:

Il giornalismo è giornalismo, sia esso sportivo, politico, economico, sociale. Può essere diffuso in televisione, radio, giornali, riviste o Internet. Non importa. L’essenza non cambia perché la sua natura è unica ed è strettamente legata alle regole dell’etica e dell’interesse pubblico (BARBER; RANGEL, 2006, p. 13).

C’è però una categoria di giornalismo, giornalismo specializzato, che rivela alcuni “eventi invisibili” dal processo di mediazione.

La mediazione, in questo senso, si presenta come una pratica mediatica per catturare la realtà e trasmetterla da un proprio processo produttivo, senza allontanarsi dall’idea di interazione comunicativa che la circonda. Percepiamo quindi la mediazione come un processo socialmente contestualizzato, inserito in una logica comunicativa più ampia, che comprende diverse aree di produzione, accoglienza e relazione tra entrambi (TAVARES, 2007, p.12).

In questo senso, il giornalismo scientifico e sportivo può mediare “eventi invisibili” prodotti dalla scienza sportiva e dall’interesse pubblico? È importante riflettere sullo sport e sul giornalismo scientifico.

GIORNALISMO SCIENTIFICO

Bueno (2009) ricorda che la storia della stampa brasiliana coincide con gli inizi del giornalismo scientifico, come Hipólito da Costa, fondatore di Correio Brasiliense, che ha mantenuto stretti contatti con gli scienziati e ha prodotto rapporti e notizie nei campi della botanica, dell’agricoltura e della medicina, oltre ai periodici “O Fazendeiro” e “Chácaras e Quintais”.

Il giornalismo scientifico, in questi poco più di 200 anni di esistenza in Brasile, secondo Bueno (2012), si è evoluto molto, ma, se ha guadagnato grande e visibilità, ha accumulato nuove sfide che devono essere affrontate prontamente, non solo da una migliore formazione tecnica, ma con spirito critico e coraggio. Così:

Il giornalismo scientifico riguarda il processo di circolazione delle informazioni scientifiche, dell’innovazione e della tecnologia (CI&T) formattate per servire un pubblico senza riserve, cioè il pubblico laico.  Ha alcune caratteristiche uniche: queste informazioni sono, in primo luogo, veicole dai mass media e obbediscono al sistema di produzione giornalistica, cioè co formano il cosiddetto discorso giornalistico. Così, si distingue sia dalla comunicazione scientifica che dalla divulgazione scientifica nel suo senso più ampio, definendosi come uno dei suoi individui (BUENO, 2012, p. 2).

Vera Lúcia Salles (1981) comprende che il giornalismo scientifico è l’informazione trasmessa dai mass media e trasmessa in un linguaggio accessibile al grande pubblico.

Come sottolinea Bueno (2009), l’analfabetismo scientifico, conseguenza della precarietà dell’educazione scientifica formale in Brasile, tiene il “grande pubblico” lontano dal giornalismo scientifico, che ha aggiunto alla scarsa sensibilità degli editori e delle società di comunicazione, portare all’idea che Scienza, Tecnologia e Innovazione non interessino il cittadino comune. Tranne in alcuni casi spettacolari, assumendo una narrazione sensazionalista, contribuendo ancora di più alla disinformazione.

GIORNALISMO SPORTIVO

Il giornalismo sportivo, forse nella concezione che è oggi, è stato “inventato”, secondo Capraro (2011), dal Carioca Mario Rodrigues Filho, ancora 23enne, quando fondò, nel 1931, uno dei primi (di breve durata) giornali sportivi, “il Mondo dello Sport”. Cinque anni dopo, insieme all’aiuto finanziario, tra cui quello di Roberto Marinho, divenne proprietario del Jornal Dos Sports. I biografi di Mario Rodrigues Filho lo dimostrano come uno dei principali riferimenti per la rottura con il vecchio modello giornalistico che si occupava di sport, caratterizzato da scrittura a lungo termine, contenuto frivolo e analisi da una prospettiva elitario (CASTRO, 1992 apud CAPRARO, 2011).

Sebbene fosse uno dei primi cronisti dedicati esclusivamente al calcio, diventando popolare come i giocatori dell’epoca, oltre alla popolarità del calcio che chiedeva cambiamenti nel modo in cui lo sport era riportato, il più impegnato a esaltare le virtù professionali di Mario Filho era suo fratello, Nelson Rodrigues, già consacrato teologo e scrittore:

Amici, ogni generazione dovrebbe avere un Mario Filho, cioè un uomo di grande evocazione omerica. E poi, ecco cosa accadrebbe meravigliosamente: – la storia di una generazione passerebbe a un’altra generazione, proprio come il richiamo del círio passa ad un altro cirio. Ma Mario Filho è morto e non abbiamo più sentito i grandi angoli del calcio (RODRIGUES, 1994, p. 174).

Ancor prima che Mário Filho diventasse il padre del giornalismo sportivo “moderno”, altri professionisti già dediti alla copertura degli eventi sportivi. André Ribeiro (2007) considera “L’atleta”, pubblicato per la prima volta nel 1891, come un punto di riferimento del giornalismo sportivo a San Paolo e in Brasile. Altri periodici di San Paolo stavano emergendo (come “O Sport“, “O Sportsman”, “A Pátria Esportiva”) decenni dopo. Tuttavia, gli sport che hanno guadagnato importanza su riviste e giornali erano il ciclismo, il canottaggio e la torba.

La stampa dell’epoca non dava la priorità al calcio. Dopo tutto, la capitale di San Paolo ha vissuto un intenso processo di urbanizzazione e crescita economica, attirando gli immigrati a lavorare nell’industria e nelle opere infrastrutturali. Il calcio era ancora praticato come un tempo libero, anche da stranieri.

Segnare agende legate al calcio in quello scenario del San Paolo è stato molto difficile. Ma chiudere un occhio sulla crescita del calcio nelle pianure alluvionali sembrava un grave errore di valutazione dei responsabili dei principali giornali dell’epoca. Tuttavia, poiché l’élite prevalse anche nelle redazioni, la creazione della prima Paulista Football League, alla fine del 1901, con solo cinque club d’élite, divenne una notizia (RIBEIRO, 2007, p. 23).

A Rio de Janeiro, secondo Oliveira (2013), lo scenario era simile a quello della capitale dello stato. Fino all’inizio del XXI secolo, c’erano solo due squadre (Paysandu Cricket Club e Rio Cricket and Atlhetic Association) che vinsero la copertura della stampa locale, ancora poco interesse per i principali giornali dell’epoca per diffondere notizie sul calcio nell’allora capitale di Rio.

Quello che ha definito i giornalisti è stato il fatto che una partita si è conclusa senza vincitori, come si legge in una piccola nota del Morning Mail nella prima partita di foot-ball “ha mostrato la delusione del cronista per il risultato del match, che si è concluso pareggiato sull’1-1″. Abituato alla copertura di competizioni come canottaggio e torba, che hanno sempre avuto un vincitore, il modo era quello di scrivere che il punteggio era indeciso (RIBEIRO, 2007).

L’attuale copertura del giornalismo sportivo, secondo Bueno (2005), è focalizzata sullo sport della competizione. Lavorare con il giornalismo sportivo ha le sue specificità ed è spesso confuso con il puro intrattenimento. Inoltre, da un occhio attento, si rivela una preoccupazione quasi esclusiva per il calcio, con conseguente spazio (e tempo) sproporzionato nei media nonostante il numero di praticanti delle varie attività sportive (BARBER E RANGEL, 2006).

I media contemplano solo alcuni sport in grandi eventi internazionali, come i Giochi Panamericani e le Olimpiadi, eppure mette in evidenza i vincitori (i medagliati), relegando i migliori all’oblio, non riuscendo a svolgere il suo ruolo di stimolare nuove vocazioni e valorizzare lo spirito di competizione (BUENO, 2005, p. 21).

Inoltre, Bueno (2005) ritiene che la copertura sia limitata a uno spazio d’azione limitato – pre, durante e dopo la partenza – con conseguenti agende scadenti, affrontando pettegolezzi e intrighi, anche se ci sono argomenti pertinenti da affrontare. L’autore evidenzia anche un terzo pronto: la stampa sportiva soffre di una miopia cronica, che mostra pregiudizi contro club e sport di minore espressione, dimenticato che i nostri valori principali sono stati rivelati lontano dai maggiori centri. Per non parlare della preoccupazione dei giornalisti che cercano di favorire nei commenti o trasmette le squadre di grandi tifosi, se non grandi centri. Il quinto punto, relativo alla qualità dell’informazione giornalistica, associato alla copertura sportiva in Brasile. Secondo Bueno:

Non è raro trovare risultati di partita sbagliati, questioni di titolo al contrario di commenti e notizie, disinformazione sui top scorer, che è assolutamente comune, ignoranza e regolamenti sui tornei doloranti e sulla posizione dei club nei tavoli. In questo caso, ci sono commenti surrealisti su situazioni che non si materializzeranno mai perché si basano su dati falsi. Improvvisa molto in questo settore, che è rischioso perché, nella maggior parte dei casi, a causa dell’interesse dei tifosi, queste informazioni sono ben note, il che non fa che aumentare la mancanza di credibilità di coloro che coprono lo sport brasiliano (BUENO, 2005, p. 24).

Lo scenario è favorevole per risultati diversi. Secondo Maluly (2005), nel giornalismo sportivo, il fatto viene sempre prima (locale e la competizione sono già in programma in precedenza) e i giocatori sono stati, per la maggior parte, cast. Cioè: il giornalista finisce per dipendere solo dall’evolversi dei fatti. E questo può essere esteso ad allenamenti, biografie, preparativi e risultati di notizie. Dopo tutto, nel giornalismo sportivo, tutto ciò che coinvolge il fatto è importante per tenere l’attenzione del pubblico, a seconda della quantità e della qualità delle informazioni che vengono trasmesse.

In ogni controversia il rapporto può essere fatto in modo piacevole e interessante, se il reporter esperto prende nota in anticipo delle squadre, informa se e arriva sul sito un’ora prima per il controllo finale. Se aspetti che il concorso inizi a ottenere queste informazioni, il risultato del tuo lavoro potrebbe diventare poco interessante (HOHENBERG, 1981, p.391, apud MALULY, 2005, p. 47).

Sempre secondo Maluly (2005), Internet facilita l’accesso ai dati prima del difficile accesso. Tuttavia, egli sottolinea che la questione basata solo sull’uso di nuovi mezzi di comunicazione è pericolosa, perché, non sempre, le informazioni inserite su Internet sono affidabili. I mezzi elettronici fungono da strumento di aiuto nella ricerca di informazioni. Il giornalista, in questo caso, nel ruolo di ricercatore, ha bisogno di osservare la fonte dissezionante o anche con altre fonti, siano essa umana o bibliografica, se i dati sono validi.

È evidente che, in questo contesto, le pubblicazioni scientifiche (articoli, libri, tesi e tesi) sono riconosciute come fonti affidabili per la produzione di un soggetto. Ma l’autore mette in guardia da quella che chiama “speculazione scientifica e tecnologica”. Novità o novità hanno portato al giornalismo una sfiducia nei confronti di ciò che viene divulgato, “poiché i mass media potrebbero essere utilizzati come divulgatori di promesse dubbie o di esperienze false, e non come divulgatori di scienza e tecnologia” (MALULY, 2005, p. 49). Il giornalista deve staccarsi da questo e fare uso di ricerche di dati e produzioni già scientificamente provate per non cadere nell’errore di produrre una pubblicità più che un articolo giornalistico.

Così, il giornalismo sportivo si avvicina a un vero scenario di competizioni, con personaggi costruiti attraverso i fatti (e non fittizi), e apre le finestre per domande più allineate con la realtà vissuta dall’atleta. Un altro modo per produrre il rapporto è il comitato tecnico, il team di supporto dell’atleta o della squadra, che può fornire informazioni accurate (MALULY, 2005). Inoltre, la tattica del comitato tecnico per una competizione, come la formazione, i mezzi di preparazione (alimentazione, concentrazione, altitudine, ecc.). e le informazioni su altri atleti sono fattori che influenzano il risultato e possono contribuire alla copertura giornalistica.

Non si può negare che una delle preoccupazioni dei giornalisti sia quella di scegliere un professionista esperto in materia, non solo un amico o un collega. “Gli specialisti sono professionisti provenienti dalle più svariate aree della conoscenza (umana, esatta e biologica), e le loro testimonianze sono utilizzate per chiarire un certo argomento che non è chiaro al giornalista” (MALULY, 2005, p. 57). Pertanto, tutte le persone direttamente o indirettamente coinvolte nello sport sono fonti di informazione per il reporter nella copertura sportiva. Tuttavia, come osserva Bueno (2005, p. 15), lo sport non può essere visto come una “attività immune da interessi economici, sociali, culturali e politici. Ciò causa la decontestualizzazione che ostacola alcune comprensivi di ciò che accade nella modalità.

Questo atteggiamento critico nei confronti della situazione dello sport in Brasile e della diffusione dello sport come elemento culturale per il tempo libero e la salute, tra gli altri valori, può contribuire al miglioramento della qualità della vita dei brasiliani (MALULY, 2005, p. 59).

GIORNALISMO SPORTIVO-SCIENTIFICO

Secondo gli studi di Messa (2005, p. 3), a partire dalla storia del giornalismo sportivo brasiliano, si osserva che si tratta di puro intrattenimento e ha l’80% dei temi di cronaca e dei rapporti specializzati ruotati attorno a un unico sport che è il calcio. Da questo, l’autore lancia una domanda: “potremmo concepire un giornalismo sportivo che non si limitava solo all’intrattenimento del pubblico lettore-fan?”

A seguito dell’analisi critica di Messa (2005), la copertura sportiva non dà la priorità a ciò che è essenziale per il pubblico: “il giornalismo sportivo quotidiano è, in realtà, un giornalismo di varietà, il cui tema non è lo sport stesso, ma i suoi conglomerati e attaccanti (personaggi) che compongono questa rete di mercato” (MESSA, 2005, p. 3).

Ciò conferma ciò che Alsina (2009) definisce la cultura di massa, strutturata nella logica di soddisfare le richieste del mercato. Il mercato dell’intrattenimento determina un numero limitato di (anche se molti) prodotti e prodotti standardizzati ai contenuti, che sono visti in serie di rendimenti ciclici dello stesso prodotto e nell’imitazione di molti altri. E il pubblico è condizionato nei loro gusti dall’astratto, “ciò che caratterizza la cultura di massa è la standardizzazione e la ripetizione (ALSINA, 2009, p.198).

Per questo motivo, Ivanissevich (2005) fa alcune ponderazione quando si tratta di popolare la scienza attraverso i media. Secondo l’autore, c’è resistenza da parte della comunità scientifica. Poiché i media sono un’azienda con un produttore che vende, in questo caso le informazioni, gli imprenditori, che non sono necessariamente giornalisti, mirano a raggiungere il più alto margine di profitto possibile in tempi record.

Il successo delle vendite o il raggiungimento di diversi punti in Ibope dipende, tra gli altri fattori, dal tipo di informazioni trasmesse e dal modo in cui vengono presentate al pubblico. Pertanto, ciò che determinerà quali notizie saranno trasmesse non è certamente la volontà dello scienziato nel divulgare i suoi risultati, ma ciò che l’editore di TV, radio, rivista o giornale e talvolta ciò che il direttore del settore commerciale – considera di grande interesse per aumentare la vendita del suo prodotto (IVANISSEVICH, 2005, p. 14).

Tuttavia, l’autore riconosce che i tentativi isolati di diffondere le conoscenze scientifiche (attraverso classi convenzionali, opere teatrali, film, mostre, conferenze) hanno scarso impatto sulla popolazione. Ma se la scienza viene trasmessa dai media può raggiungere milioni di persone in un solo giorno e “sarebbe inutile ignorare uno strumento con questo potere di portata scienziati ed educatori dovrebbe considerarlo un alleato – sempre attento al suo vizio – nel suo tentativo di diffondere la scienza” (IVANISSEVICH, 2005, p. 28).

Il linguaggio di articoli o programmi pubblicati dai media è un fattore determinante per il successo o il fallimento della trasmissione di informazioni. I giornalisti – esperti di comunicazione – sono tenuti a scegliere, selezionare, interpretare, riassumere e tradurre le informazioni al pubblico. Per raggiungere la popolazione, le notizie sulla scienza devono passare, come quelle di qualsiasi altra area, attraverso questo processo. Le difficoltà di interpretazione e modifica possono essere aggiunte al tempo variabile. Naturalmente, ha significati diversi per giornalisti e scienziati. Gli scienziati difficilmente capiscono la corsa apparentemente disattenta dei giornalisti. Questi, specialmente quelli che lavorano nelle notizie, soffrono della ironicamente chiamata “bella della morte” (scadenza) (IVANISSEVICH, 2005, p.18).

In questo contesto, la copertura giornalistica è limitata, secondo Messa (2005), all’identificazione di un buco giornalistico, solitamente per scandalizzare, produrre materiale effimero e spendibile, riassumendo la costruzione di immagini di atleti, marchi, sponsorizzazioni, immagini dei fan. Nonostante ciò:

Propongo un giornalismo sportivo di natura scientifica. Non voglio, in sostanza, esprimere un ripudio del giornalismo sportivo fattuale, ora sarebbe troppo tardi per epurarlo. Al contrario, presumo già che vi sia questa tendenza praticamente irreversibile, perché il pubblico della lettura è già stato formato per questo. Sarebbe come deluderlo dalle sue appassionate aspettative. Si tratta di cercare di risvegliare altri o nuovi angoli di interesse per il lettore/spettatore, al fine di soddisfare la domanda di conoscenza dello sport. La proposta del giornalismo sportivo-scientifico è solo un motivo per essere dovuta a questa congiuntura (MESSA, 2005, p. 4).

Ma, naturalmente, nell’ambito della logica della cultura di massa, Ivanissevich (2005) sottolinea la necessità di un allineamento di interessi tra divulgazione scientifica e media. Anche se il ruolo dei media è quello di vendere informazioni, è possibile che il buon giornalista sappia scegliere argomenti di interesse e trasmetterli correttamente e in modo attraente, utilizzando determinate risorse, aumentando la qualità del prodotto con credibilità.

Per essere veicolmessa dai media, la scienza deve essere in grado di suscitare interesse, mantenere l’attenzione del lettore, dell’ascoltatore o dello spettatore fino alla fine dell’articolo o del programma ed essere ben compresa dal grande pubblico (IVANISSEVICH, 2005, p. 21).

In questo senso, è importante analizzare l’ultima edizione della Ricerca sulla percezione pubblica della scienza e della tecnologia (C&T) in Brasile, del Center for Management and Strategic Studies (CGEE) che, nel 2015, ha ascoltato 1.962 giovani e adulti di età superiore ai 16 anni, in tutte le regioni del Paese, tra diversi aspetti, l’interesse dei brasiliani per C&T.

La ricerca ha concluso che si tratta di un alto tasso di interesse dichiarato dalla popolazione dalla scienza e dalla tecnologia nel suo insieme o da argomenti specifici che coinvolgono conoscenze scientifiche e tecnologiche, compresi approcci alla medicina e alla salute o all’ambiente.

È anche molto interessante che i brasiliani rivelino di avere, nello specifico, scienza e tecnologia, poiché la maggior parte della popolazione (61%) si dichiara interessato (35%) o molto interessato (26%). Inoltre, ciò che gli intervistati esprimono per lo sport o l’arte e la cultura. (CGEE, 2015), come mostrato di seguito.

Figura 2: Percentuale di intervistati in base all’interesse dichiarato per la scienza e la tecnologia e altri argomenti, 2015.

Fonte: Ricerca sulla percezione pubblica del C&T in Brasile (CCGE, 2015).

Così, l’interesse per Science & Technology porta a un fertile percorso per l’alfabetizzazione scientifica (DURANT, 2005) che designa ciò che il grande pubblico dovrebbe sapere sulla scienza. Ivanissevich (2005) sostiene che è mito il disinteresse del pubblico per la scienza e che deve essere rovesciato e che è possibile fare affidamento su una diffusione scientifica di qualità. Eppure: “più che un’alfabetizzazione scientifica, il pubblico ha bisogno di buoni interpreti” (IVANISSEVICH, 2005, p. 28-29).

CONSIDERAZIONI FINALI

Messa (2005) e Bueno (2005) hanno criticato aspramente la copertura sportiva. Crede anche di non avere competenza per i media nell’affrontare questioni specializzate, come il doping e i leoni sportivi, semplicemente perché la copertura non assume carattere investigativo o di ricerca, contenuto con fonti e dichiarazioni superficiali. Secondo l’autore, “non c’è tempo e non c’è spazio per questioni mozzafiato, perché il giornalismo vive solo in funzione di tornei e partite” (BUENO, 2005, p. 21).

Devi andare oltre il gancio. Il primo passo è capire che lo sport, soprattutto il calcio, non può essere trattato isolatamente, non osservando il contesto in cui è inserito. Dalle riflessioni di questo lavoro, è stato possibile percepire la scienza dello sport assumendo un ruolo fondamentale in questo senso. Studi in medicina, fisiologia, biomeccanica, nutrizione, psicologia, tra gli altri, hanno contribuito in modo decisivo allo sviluppo di giocatori, squadre e competizioni. Quando si avvicina al giornalismo scientifico, il giornalismo sportivo incorpora alcune particolarità che possono portare a una relazione fruttuosa, come sostiene Messa (2005), nella proposta del giornalismo scientifico-sportivo.

A Pará, i comitati tecnici di Remo e Paysandu hanno scommesso su professionisti sempre più qualificati con traiettoria accademica. E, a quanto è stato detto, potrebbe essere la crepa per giornalisti e broadcaster non solo di fronte ai fattori che limitano la copertura sportiva, ma anche di garantire la diversità dei contenuti consegnati allo spettatore, all’ascoltatore o al lettore – che si sono dimostrati, dalla ricerca, interessati molto più alla scienza e alla tecnologia che allo sport stesso, contrariamente al buon senso – e contribuendo allo sviluppo della cultura scientifica , poiché scienziati e giornalisti sono protagonisti nella diffusione delle conoscenze prodotte dalla scienza alla società (VOGT, 2011).

Sarebbe l’equilibrio tra giornalismo sportivo e opportunità, del resto, come afferma Barbaeiro & Rangel (2006), l’essenza del giornalismo è unica ed è legata alle regole dell’etica e dell’interesse pubblico. Dall’analisi delle interviste dei professionisti di Pará, si individua uno scenario favorevole in un aspetto importante: la formazione. Dei 16 intervistati e intervistati, 14 hanno raggiunto l’istruzione superiore. Sebbene sia possibile osservare professionisti più esperti in cerca di formazione in settori diversi dalla comunicazione, una notevole quantità di campionamenti, in particolare quelli entrati nel mercato circa 10 anni fa, ha una formazione nel giornalismo. Sebbene uno dei quattro istituti di istruzione superiore che offrono un corso di giornalismo faccia a faccia a Pará abbia la disciplina del giornalismo sportivo nella componente curricolare, lo scenario è favorevole. E allo stesso tempo urgente.

La copertura sportiva è stata riconosciuta fin dai tempi di Mario Filho per il suo linguaggio accessibile e la facilità di narrazione. Tuttavia, deve essere consapevole di ciò che Bueno ha messo in guardia sui rischi di improvvisazioni, che si traducono in errori e commenti surrealisti su situazioni impossibili. Parallelamente, l’interesse dei tifosi e la disponibilità di altre forme di accesso alle informazioni non fanno che contribuire alla mancanza di credibilità di coloro che praticano questo sport in Brasile (BUENO, 2005).

Pertanto, il giornalismo sportivo può anche essere un alleato nell’alfabetizzazione scientifica. Ma non solo. Come ha affermato Maluly (2005), la divulgazione come elemento culturale per il tempo libero e la salute, e perché non la scienza, può contribuire al miglioramento della vita a Pará, dal Brasile. Vai troppa ghianda del gancio.

RIFERIMENTI

Alsina, R. M. A construção da notícia. Petrópolis, RJ: Vozes. 2009.

Amadio, A.; Serrão, J. C. A biomecânica e seus métodos para análise de movimentos aplcados ao futebol. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Andrade, P. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (29 de Janeiro de 2019).

Barbeiro, H.; Rangel, P. Manual do Jornalismo Esportivo. São Paulo: Contexto. 2006.

Boni, V.;Quaresma, S. Aprendendo a entrevistar: como fazer entrevistas em Ciências. Revista Eletrônica dos Pós-Graduandos em Sociologia Política, 68-80. 2005.

Brandão, M. F. O lado mental do futebol. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Bueno, W. d. Chutando Prá Fora: os equívocos do jornalismo esportivo brasileiro. In: J. C. Marques, S. Carvalho, & V. T. Camargo, Comunicação e Esporte – Tendências (p. 2016). Santa Maria: Palloti. 2005.

Bueno, W. d. Jornalismo Científico: revisando o conceito. In: G. Caldas, & S. Bortoliero, Difusão e Cultura Científica: alguns recortes (pp. 157-178). Salvador: EDUFBA. 2009.

Bueno, W. d. O Jornalismo Científico no Brasil: os desafios de uma longa trajetória. In: C. d. Porto, Difusão e Cultura Científica (pp. 113-125). Salvador: EDUFBA. 2009.

Bueno, W. d. As fontes comprometidas no jornalismo científico. In: C. D. Porto, A. M. Botas, & S. Bortolieiro, Diálogos entre Ciência e Divulgação Científica: Leituras Contemporâneas (p. 240). Salvador: EDUFBA. 2011.

Capraro, A. M. Mario Filho e a “Invenção” do Jornalismo Esportivo Profissional. Movimento, 17(2), 213-224. 2011.

Carvalho, E. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (28 de Janeiro de 2019).

Centro de Gestão e Estudos Estratégicos. A ciência e a tecnologia: percepção pública da C&T. Brasília, DF: Centro de Gestão e Estudos Estratégicos. 2017.

Chaliê, L. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (26 de Janeiro de 2019).

Dejavite, F. A. A notícia light e o jornalismo de infotenimento. XXX Congresso Brasileiro de Ciências da Comunicação. Santos, SP: Intercom. 2007.

Dias, B. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (29 de Janeiro de 2019).

Fernandes, M. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (27 de Janeiro de 2019).

Ferreira, C. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (26 de Janeiro de 2019).

Furtado, A. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (27 de Janeiro de 2019).

Futebol, C. B. Regulamento Geral das Competições – 2019. Acesso em 14 de Janeiro de 2019, disponível em CBF: https://conteudo.cbf.com.br/cdn/201812/20181211073907_874.pdf (10 de Dezembro de 2018).

Globo Esporte Pará. Sem Pedro Carmona, Paysandu se reapresenta após goleada no Parazão. Acesso em 15 de Novembro de 2018, disponível em Globo Esporte Pará: https://globoesporte.globo.com/pa/futebol/times/paysandu/noticia/sem-pedro-carmona-paysandu-se-reapresenta-apos-goleada-no-parazao.ghtml (26 de Feveveiro de 2018).

Gobbi, M. Mário Gobbi volta atrás e diz que futebol não é business. (U. Esportes, Entrevistador) (27 de Maio de 2013).

Gomes, A.; Erichsen, O. A. A preparação do futebolista na infância e adolescência. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Guerra, I. Nutrição no Futebol. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Guerra, I.;Barros, T. Demandas fisiológicas do futebol. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Guerreiro, G. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (28 de Janeiro de 2019).

Haguette, T. M. Metodologias Qualitativas na Sociologia . Petrópolis: Vozes. 1992.

Inklaar, H. Soccer Injuries – II: Aetiology and Prevention. Sports Medicine, 81-93. 1994.

Ivanissevich, A. A mídia como intérprete. In: S. Vilas Boas, Formação & Informação Científica (pp. 13-30). São Paulo, SP: Summus. 2005.

Júnior, A. C. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (27 de Janeiro de 2019).

Júnior, M. D. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (27 de Janeiro de 2019).

Kirkendall, D. O futebol feminino. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Lakatos, E.;Marconi, M. d. Técnicas de Pesquisa. São Paulo, SP: Atlas. 1996.

Luz, G.; Castilho, M.; Vieira, C. N. O futebol brasileiro no contexto do período militar (1964 – 1979). Revista Observatorio de la Economía Latinoamericana, 17. 2017.

Malato, M. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (26 de Janeiro de 2019).

Maluly, L. O jornalismo esportivo e as técnicas de reportagem. In: J. C. Marques, S. Carvalho, & V. R. Camargo, Comunicação e Esporte – Tendências (p. 216). Santa Maria: Pallotti. 2005.

Messa, F. d. Mario Filho e a “Invenção” do Jornalismo Esportivo Profissional. Anais do 8o Fórum Nacional de Professores de Jornalismo, 1-8. 2005.

Mielniczuck, L. Jornalismo na web: uma contribuição para o estudo do formato da notícia na escrita. Salvador, Bahia: Universidade Federal da Bahia. (Março de 2003).

Neto, R. M. Encontro Globo e Afiliadas – Esporte. Palestra: integração no esporte do Grupo Globo. São Paulo, São Paulo. (29 de Agosto de 2018).

Oliveira, M. Os componentes físicos e técnicos necessários ao melhor desempenho do árbitro de futebol. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Oliveira, R. Jornalismo Esportivo/Entretenimento: a construção identitária das edições carioca e paulista do Globo Esporte. Juiz de Fora, MG, Minas Gerais: Universidade Federal de Juiz de Fora. 2013.

Oliveira, R. Uma nova geração de jornalistas esportivos se dedica a pôr mais ciência no futebol brasileiro. Acesso em 31 de Janeiro de 2018, disponível em Época: https://epoca.globo.com/esporte/noticia/2018/01/uma-nova-geracao-de-jornalistas-esportivos-se-dedica-por-mais-ciencia-no-futebol-brasileiro.html (31 de Janeiro de 2018).

Penna, G. Dado afasta clima de euforia no Paysandu e revela preocupação com Carmona. Acesso em 30 de Novembro de 2018, disponível em Globo Esporte Pará: https://globoesporte.globo.com/pa/futebol/times/paysandu/noticia/dado-afasta-clima-de-euforia-no-paysandu-e-revela-preocupacao-com-carmona.ghtml (25 de Fevereiro de 2018).

Rodrigues, A. D. O Acontecimento. In: N. Traquina, Jornalismo: questões, teorias e “estórias” (pp. 27-33). Lisboa: Vega. 1993.

Rodrigues, N. O Baú de Nelson Rodrigues. São Paulo, SP: Companhia de Letras. 2004.

Rodrigues, V. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (28 de Janeiro de 2019).

Roseguini, G. Laboratório do GE explica diferenças de massa muscular nos atletas. Acesso em 02 de Janeiro de 2019, disponível em Globoplay: https://globoplay.globo.com/v/3981972/ (15 de Fevereiro de 2015).

Santo, A. E. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (27 de Janeiro de 2019).

Santos, V. L. João Ribeiro como jornalista científico no Brasil: 1895-1984. São Paulo, SP: Universidade de São Paulo. 1981.

Silva, P. e. A importância do limiar anaeróbico e do consumo máximo de oxigênio em jogadores de futebol. Revista Brasileira de Medicina Esportiva, 225-232. 1999.

Sousa, J. P. Teorias da notícia e do jornalismo. Chapecó, SC: Argos. 2002.

Sousa, M. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Sousa, Entrevistador) (26 de Janeiro de 2019).

Souza, D. A. As origens de “O futebol é o ópio do povo”. Acesso em 20 de dezembro de 2018, disponível em Ludopédio: https://www.ludopedio.com.br/arquibancada/as-origens-de-o-futebol-e-o-opio-do-povo/ (25 de Junho de 2018).

Souza, M. “. Muito além da fisgada: a ciência e o esporte na cobertura jornalística no Pará. (A. L. Souza, Entrevistador) (27 de Janeiro de 2019).

Tavares, F. d. O Jornalismo Especializado e a mediação de um ethos na sociedade contemporânea. Em Questão, 13, pp. 41 – 56. (jan/jun de 2007).

Traquina, N. O Estudo do jornalismo no século. São Leopoldo: Editora da Universidade do Vale do Rio. 2001.

Triviño, A. N. Introdução à Pesquisa em Ciências Sociais. São Paulo, SP: Atlas. 1997.

Valor Econômico. Futebol enfrenta bem tempo de crise na economia. Acesso em 20 de Dezembro de 2018, disponível em Valor Econômico: https://www.valor.com.br/empresas/5558479/futebol-enfrenta-bem-tempo-de-crise-na-economia (01 de Junho de 2018).

Valquer, W.; Barros, T. Preparação física no futebol. In: I. Guerra, & B. Turibio, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Villardi, A. As lesões no futebol. In: I. Guerra, & T. Barros, Ciência do Futebol (p. 338). Barueri, SP: Manole. 2004.

Vogt, C. A Espiral da Cultura Cientifica. Acesso em Dezembro de 2018, disponível em ComCiência: http://www.comciencia.br/reportagens/cultura/cultura01.shtml (Julho de 2003).

Vogt, C. De Ciências, Divulgação, Futebol e Bem-Estar Cultural. In: C. D. Porto, A. P. Brotas, & S. Bortoliero, Diálogos entre Ciência e Divulgação Científica: Leituras Contemporâneas (p. 240). Salvador: EDUFBA. 2011.

[1] Laureato in Comunicazione Sociale, con titolo in Giornalismo, presso l’Università dell’Amazzonia (UNAMA); Specialista in Comunicazione Scientifica in Amazzonia (FIPAM/NAEA), presso l’Università Federale di Pará (UFPA); Laurea magistrale in Pianificazione dello Sviluppo, nel Corso di Laurea in Sviluppo Sostenibile del Tropico Umido (PPGDSTU/NAEA), presso l’UFPA.

[2] Professore presso la Facoltà di Comunicazione dell’UFPA; Laurea magistrale in Comunicazione e Cultura Contemporanea presso l’Università Federale di Bahia; Dottorato di ricerca in Scienze dell’Informazione e Media Studies, Università Fernando Pessoa, Porto-Portogallo.

[3] Theologian. Dottorato di ricerca in Psicoanalisi Clinica. Ricercatore presso il Center for Research and Advanced Studies, San Paolo, SP.

[4] Professore del Corso di Laurea in Studi Antropici in Amazzonia (PPGEAA/UFPA). Dottorato di ricerca in Medicina/Malattie Tropicali. Professore e ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA). Ricercatore presso il Center for Tropical Medicine (NMT/UFPA), Belém (PA), Brasile.

[5] Professore del Graduate Program in Sustainable Development of the Humid Tropic (PPGDSTU), del Center for High Amazonian Studies (NAEA), dell’Università Federale di Pará (UFPA); Master in Educazione Fisica, presso l’Università Metodista di Piracicaba (UNIMEP); Dottorato di ricerca in Scienze: Sviluppo Socioambientale, Università Federale di Pará (UFPA).

Inviato: marzo 2020.

Approvato: marzo 2020.

5/5 - (3 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 70869
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?