Elettrolifting come alternativa nel trattamento delle smagliature

0
468
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

RECENSIONE ARTICOLO

BESSA, Vicente Alberto Lima [1], BESSA, Maria Fátima de Sousa [2]

BESSA, Vicente Alberto Lima. BESSA, Maria Fátima de Sousa. L'elettrolifting come alternativa nel trattamento delle smagliature. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. anno 04, Ed. 07, 11 Vol, pp. 67-78. luglio 2019. ISSN: 2448-0959

Le striae vengono acquisite atrofie cutanee che si verificano quando le fibre elastiche e collagene si rompono e formano "cicatrici". Possono causare un impatto sullo stato emotivo, oltre al danno estetico. Ci sono diversi tipi di trattamenti che possono essere impiegati dall'estetista per trattare le smagliature, tra cui: Electrolifting. Pertanto, è stato condotto uno studio bibliografico con l'obiettivo di studiare i benefici morfofunzionali che possono essere ottenuti nel trattamento delle smagliature mediante l'applicazione dell'elettrolifting. E si può dedurre che l'elettrolifting migliora la vascolarizzazione, aumenta il numero di giovani fibroblasti che ampliano la sintesi delle proteine, oltre a facilitare la migrazione di cheratinociti e macrofagi, e ha effetto antiossidante e antidislipidemico. Questi fenomeni si traducono nella riparazione dei tessuti e riducono al minimo l'aspetto della stria.

Parole chiave: smagliature, elettrolifting, Microgalvanopunture.

1. INTRODUZIONE

L'Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1948 ha stabilito un concetto di salute che è stato in vigore oggi. Ritiene che la salute comporti il benessere fisico, mentale e sociale della persona (BRASIL, 1997). Anche se le smagliature non generano una minaccia per la salute, possono essere psicologicamente angoscianti. (BERGFELD, 1999). Così, la presenza di smagliature può rappresentare una minaccia per l'integrità emotiva della persona e quindi compromettere l'autostima.

È interessante notare che ci sono diverse procedure che possono essere utilizzate nel trattamento delle smagliature, tra cui microdermabrasione, laser, carboxyterapia, radiofrequenza, vacuoterapia, peeling, induzione percutanea di collagene con il microneedling e Elettrolifting (Moreira et al, 2013, MCCRUDDEN et al, 2015).

Al giorno d'oggi, molti cercano di trattare le smagliature e una delle procedure utilizzate è l'elettrolifting, che promuove un processo infiammatorio che stimolerà la rigenerazione dei tessuti e quindi ammorbidire le smagliature e renderle meno percettive. (SILVA, ROSA, SILVA, 2017).

Sapendo che l'elettrolifting può essere applicato per trattare le persone con smagliature, è sorta la seguente situazione problematica: Quali saranno i benefici morfofunzionali che questa procedura può promuovere.

2. OBIETTIVO GENERALE

  • Studiare i benefici morfofunzionali che possono essere ottenuti nel trattamento delle smagliature mediante l'applicazione dell'elettrolifting.

3. OBIETTIVI SPECIFICI

  • Determinare le cause dell'aspetto delle smagliature e dei relativi tipi.
  • Descrivere i benefici morfofunzionali promossi da Electrolifting durante il trattamento delle smagliature.
  • Identificare le tecniche di elettrolifting che possono essere applicate nel trattamento delle smagliature.

4. GIUSTIFICAZIONE

Le smagliature sono cicatrici che si formano a causa di lesioni tissutali che producono un aspetto estetico. Questa condizione può generare una bassa autostima nella persona, che sente il bisogno di ricorrere a trattamenti medici, fisioterapici ed estetici.

Destarte, spetta all'estetista eleggere le procedure pertinenti per rallentare le smagliature, poiché oltre ai benefici organici sarà in grado di avere effetti psicologici. Ci sono diversi trattamenti estetici destinati a questo scopo, tra cui, l'elettrolifting che consiste nell'uso di corrente galvanica applicata attraverso l'elettrodo attivo che promuove una microlesione dermica. In questo modo, ci sarà l'infiammazione del tessuto localizzato che può consentire la rigenerazione della pelle. (SILVA, ROSA, SILVA, 2017).

Il presente studio era giustificato dal fatto che l'uso dell'elettrolifting può rappresentare una procedura strana nel trattamento delle smagliature, riducendo al minimo i disturbi organici e, di conseguenza, quelli psicologici.

Pertanto, questo studio può contribuire ad ampliare le informazioni riguardanti l'occupazione e il beneficio di questo tipo di trattamento di persona con smagliature.

5. METODOLOGIA DI RICERCA

Lo studio si baserà sulla ricerca bibliografica esplicativa, che può essere caratterizzata dalla base di libri e banche dati ottenute in Europa PUC, Pubmed/Medline, Lilacs, Scielo, Scholar Google nei mesi di gennaio a giugno 2019. A questo scopo, abbiamo cercato le parole chiave (descrittori): Segni di stiramento, elettrolifting, Microgalvanopunture.

Sarà esplicativo perché "identificherà i fattori che determinano o contribuiscono al verificarsi di fenomeni" (Gil, 2007, p. 42).

Pertanto, lo studio cercherà di studiare gli effetti che l'elettrolifting promuove nel trattamento delle smagliature.

6. SVILUPPO

6.1 SMAGLIATURE: CONCETTI E INCIDENZA

La parola stria vascolari ha origine nel 1898, striae distensae, di etimologia latina può essere tradotto in portoghese come stria larga, ma è comunemente conosciuto solo come Stria. (VAZIN, 2011).

La Stria è una lesione tegumentaria acquisita che genera un'atrofia lineare parallela, il più delle volte seguendo le linee di scissione della pelle. C'è una diminuzione dell'attività dei fibroblasti nella produzione di matrice extracellulare di buona qualità, oltre alla rottura delle fibre esistenti. Questo tipo di lesione cutanea elementare ha una caratteristica benigna e la sua colorazione varia a seconda della fase evolutiva. Rappresenta un'alterazione estetica della pelle che può causare molto disagio e persino bassa autostima e depressione. (MAIA, 2011; VANZIN, 2011).

È noto che la stria ha la sua variazione di colore in base al tempo di evoluzione. All'inizio, ha un colore dal rosato al rossastro ed è quindi designato come una stria rubra (Stria rubrae), perché è una risposta infiammatoria associata alla vasodialazione. Con la sua evoluzione, la stria ha una riduzione della microcircolazione con conseguente perdita di collagene e fibre elastiche e di conseguenza, presenta un aspetto ruvido e con colorazione biancana e diventa noto come Stria Alba. (AGNES, 2017).

Figura 1: tipi di smagliature.

Fonte: Gli autori, 2019.

È interessante notare che le smagliature possono apparire in entrambi i sessi, ma c'è una maggiore incidenza nelle donne (60%) Rispetto agli uomini (40%). (SAMPAIO, 2018). È noto che sono una delle alterazioni più comuni nell'estetica del corpo e può colpire il 90% delle donne e il 15% degli uomini a partire dai 30 anni di età. (GUIRRO e GUIRRO, 2004). Sono anche frequenti nelle donne in gravidanza.

6.2 CARATTERISTICHE STRETCH: ETIOLOGIA

È noto che le smagliature sono acquisite atrofie tegumentali e la sua eziologia di base è idiopatica, tuttavia, ci sono fattori che contribuiscono alla sua manifestazione, e i disturbi endocrini sono i più determinanti. (WHITE et al, 2008). Ci sono altri autori che sottolineano anche i fattori endocrini come il più determinante della comparsa delle smagliature, anche se affermano che c'è un sacco di indefinizione eziologica e polemica. (BRAVIM e KIMURA, 2007).

Tuttavia, ci sono tre teorie fondamentali che cercano di spiegare la comparsa di smagliature, vale a dire: la teoria meccanica, endocrinologica e infettiva. (FACUNDO, 2014; WHITE et al, 2008; GUIRRO e GUIRRO, 2004).

La teoria meccanica spiega che l'emergere della stria sarebbe dovuto all'eccessivo stiramento del tegument e questo fatto potrebbe rompersi la pelle e generare la perdita di fibre elastiche. Le principali cause di stretching della pelle sono l'obesità, tasso di crescita alla pubertà, eccessiva ipertrofia muscolare quando si pratica l'esercizio fisico, uso prolungato di corticosteroidi e sindrome di Cushing. (FURLANI et al, 2010). Un altro fattore comune è lo stiramento meccanico della pelle durante la gravidanza. (MAIA et al, 2009).

La teoria endocrinologica spiega che l'aspetto della stria può essere correlato alla disfunzione ormonale. È noto che l'ormone steroideo interferisce nell'azione dei fibroblasti e il suo squilibrio è presente in tutte le forme di comparsa di smagliature durante l'adolescenza, gravidanza e fase di obesità. (BRAVIM e KIMURA, 2007; BONETTI, 2007; GUIRRO e GUIRRO, 2004).

È interessante notare che gli ormoni dello stress, adrenalina, noradrenalina, ormone adrenocorticotrofico e glucocorticoids sono anche indicati come trigger di smagliature associate con stress di attività fisica, così come solo gli stati difficile. (GUIRRO e GUIRRO, 2004).

La teoria infettiva è scarsamente difesa nella letteratura, tuttavia ci sono alcuni aderenti che credono che i processi infettivi possano generare dati nelle fibre elastiche. Questo fatto spiegherebbe la comparsa di striature nei giovani con febbre reumatica, tifo, malattie croniche del fegato e sindrome di Marfan. (FURLANI et al, 2010).

Si ritiene che le smagliature possono anche avere un'influenza genetica in cui l'espressione dei geni determinanti 24 per la formazione di collagene, elastina e fibronectina sarebbe diminuita nelle persone con striasi atrofiche. (FACUNDO, 2014).

Un altro fatto importante che predispone la comparsa di smagliature è la disidratazione della pelle, poiché le pelli più asciutte sono più inclini alle smagliature. (VANZIN, 2011).

C'è molto poco studio per quanto riguarda la fisiopatologia delle striature della pelle e la maggior parte delle ricerche hanno dato priorità ai fattori eziologici e alle procedure di trattamento a scapito dello sviluppo della malattia. Può darsi che la difficoltà di condurre studi di laboratorio spieghi la scarsità di ricerca sulle smagliature. (CORDEIRO; MORAES, 2009).

Le smagliature vengono installate quando c'è una degenerazione cutanea come conseguenza della diminuzione dell'attività fibroblasta nella produzione di matrice extracellulare e della successiva interruzione della continuità delle fibre esistenti. È noto che quando si confronta con la pelle sana, la pelle con Stria ha meno quantità di fibrilina, collagene ed elastina. Inoltre, la pelle con Stria ha alterato la colorazione a causa delle disfunzioni dell'attività dei melanociti e della microcircolazione e delle reazioni di difesa dell'organismo. Quando la stria ha una recente reazione infiammatoria a causa di eccessivo stiramento della pelle che rompe sia la pelle e i capillari è chiamato rubra o Rosy Stria. In questo caso, ci può essere dolore e persino prurito intenso. Dall'altro, le Alba o le smagliature bianche o perle hanno oltre alla rottura delle fibre elastiche e di collagene, lesioni fibrotiche, disfunzioni nel sudore e nelle ghiandole sebacee e nello sviluppo dei peli. Possono ancora essere striature atrofiche che hanno disorganizzazione delle fibre, una caratteristica ipocromica, ma con la conservazione degli attacchi cutanei. (BRAIT, 2018).

6.3 ELECTROLIFTING: BENEFICI MORPHOFUNZIONALE

È noto che l'aspetto antiestetico che le smagliature generano può causare impatti emotivi, oltre ai fisici e quindi, molti cercano trattamenti estetici per minimizzare e persino prevenire la comparsa di smagliature.

È imperativo salvare nuovamente che esiste un arsenale cosmetologico e varie attrezzature che in modo isolato o associato vengono utilizzate per trattare le persone con smagliature e tra di esse, l'elettrolifting.

Electrolifting è una procedura di trattamento che è stata sviluppata dal dermatologo francese Humberto Pierantoni, nel 1952, per riempire scanalature e smagliature. Questa tecnica è conosciuta anche come Galvanopunture o Microgalvanopunture ed è costituita da una tecnica che utilizza la corrente galvanica nell'ordine di alcuni microamp (A), cioè microgalvanic, e l'elettrodo con o senza l'ago (elettrodo attivo) sempre deve essere collegato al polo negativo. Pierantoni osservò che la stimolazione elettrica permetteva l'attenuazione delle scanalature e delle smagliature. (DAL GOBBO, 2010).

È noto che l'elettrolifting ha i suoi effetti fisiologici distribuiti in quattro fenomeni: elettrochimico, osmotico, vasomotore e alterazione nell'eccitabilità cellulare. (Bragato, Fornazari e Deon, 2013). La stimolazione cutanea promuoverà l'iperemia attiva e aumenterà il numero quantitativo di giovani fibroblasti, promuoverà la migrazione di cheratinociti e macrofagi e svilupperà la neovascolarie e quindi rigenera il tessuto subepidermico. (DAL GOBBO, 2010).

Questa tecnica può essere ottenuta attraverso una corrente galvanica che genererà un processo infiammatorio nella pelle e stimolerà una rigenerazione tissutale, perché il trauma promosso dall'ago insieme alla corrente elettrica promuove l'aumento del metabolismo a Ricomposizione del tessuto collagenoso, che può riempire l'area trattata. (SILVA, ROSA e SILVA, 2017).

È noto che l'elettrolifting dovrebbe causare una piccola lesione nella pelle che si tradurrà in edema e iperemia che sorgono a causa del rilascio di mediatori chimici vasodilatatori. La lesione è riempita da un essuto infiammatorio fuso con leucociti, eritrociti, proteine plasmatiche e fetole. L'epitelializzazione dell'area ferita è simultanea e, quindi, le cellule epidermiche invadono il sito in cui è stato effettuato l'inserimento dell'ago o della punta. Uno dei fenomeni che stimolano l'invasione delle cellule epidermiche è la formazione di fibrina originata dall'emorragia della microlesione. Ci sarà anche un aumento del numero di giovani fibroblasti nella regione, oltre a una nuova microcircolazione e il ritorno della sensibilità al dolore a causa della riparazione del tessuto che può chiudere le smagliature e dare un aspetto migliore della pelle. (SANTOS e OGATA, 2012).

In una tesi di laurea in biologia cellulare e molecolare eseguita presso la Pontificia Università Cattolica del Rio Grande do Sul dal titolo "Trattamento delle smagliature albiche con galvanopuntura: vantaggioso per l'estetica, lo stress ossidativo e il profilo lipidico" se può Per verificare i benefici di questo trattamento. Lo studio consisteva nell'applicazione dell'elettrolifting nel gluteo di 32 volontari con un'età media di 25 anni, una volta alla settimana per un periodo di dieci settimane. Il sangue venoso è stato raccolto prima e dopo le sessioni ed è stato eseguito per analizzare le concentrazioni di plasma di CRP, TNF- , NO, TBARS, LDL-C ossidato, HDL-C, colesterolo totale, CAT e acido urico. Il risultato dell'analisi biochimica dei campioni di sangue ha determinato che la galvanopuntura non induce alcun processo infiammatorio sistemico, ma diminuisce notevolmente lo stress ossidativo. Da quando l'analisi delle concentrazioni di plasma ha scoperto che la concentrazione totale di colesterolo non è stata alterata, mentre l'HDL (lipoproteine ad alta densità) è aumentata e l'ossidazione di LDL (lipoproteine a bassa densità) è diminuita, cioè, C'era la protezione dei lipidi plasmatici dalla lesione ossidativa senza risposta infiammatoria sistemica. Pertanto, i dati presentati nello studio hanno indicato che l'elettrolifting ha un effetto antiossidante e antidisintoide. (BITENCOURT, 2007).

Ci sono studi che riportano risultati soddisfacenti nel trattamento delle smagliature con l'uso di elettrolifting. Uno di questi studi è stato effettuato al fine di valutare gli effetti del microneedling in relazione alla microgalvanopunture nel trattamento delle striature atrofiche. A questo scopo, è stato condotto uno studio quasi-sperimentale incontrollato, al quale hanno partecipato 10 volontari di età che vanno dai 20 ai 44 anni con La partecipazione di Striae atrofi. Sono stati effettuati una valutazione fotografica e una pianificazione classica e digitalizzata, oltre a un questionario soggettivo per l'analisi della sensazione di miglioramento. I volontari sono stati trattati 1 volta alla settimana per 4 mesi e hanno ricevuto le tecniche di microalghea sul lato destro e il microneedling sul lato sinistro. Lo studio ha concluso che c'è stato un miglioramento con entrambe le tecniche e nessuna differenza significativa tra loro e la soddisfazione dei volontari. (SILVA, ROSA, SILVA, 2017).

Un altro studio intitolato "Comparative between Galvanopunture and Microneedling" aveva come obiettivo generale valutare l'effetto della corrente galvanica e del microneedling. Per confrontare il microneedling è stato applicato per trattare le smagliature sul gluteo destro e l'elettrolifting nel gluteo sinistro di un solo volontario, 31 anni con Fototipo IV e senza aver subito interventi estetici nella zona. Lo studio è stato qualitativo ed è stato eseguito presso l'Universidade Tiradentes, Aracaju-SE. Il volontario ha firmato il modulo di consenso informato e ha subito un'anamnesi, oltre ad essere stato fotografato nella regione prima e durante l'evoluzione del trattamento. Per l'applicazione di Galvanopunture è stato utilizzato il Neurodyn Esthetic, Ibramed con intensità di 100, A e con la tecnica di piercing l'epidermide dritto nella direzione della stria sollevandolo per 3 secondi e con trattamento settimanale. Per il microneedling del Rullo FDR Derma con 540 aghi di 0,5 cm con la tecnica di 15 movimenti verticali, diagonali orizzontali e destra e sinistra, essendo il trattamento eseguito due volte al mese in un totale di quattro sessioni. Lo studio ha concluso che la galvanopuntura era più efficiente rispetto al microneedling, perché nella seconda sessione c'era un miglioramento nell'aspetto della Stria, ma la quinta sessione l'evoluzione è stata stagnolata. Con il microneedling, non è stata riscontrata alcuna differenza nelle smagliature. (SILVA et al, 2016).

È noto che il trattamento delle smagliature di Alba richiede un intervento più aggressivo, come l'elettrolifting. Al fine di valutare l'efficacia dell'elettrolifting nel miglioramento dell'aspetto e della sensibilità delle smagliature alba della regione glutea, è stato condotto uno studio quasi sperimentale nei volontari. Lo studio è stato approvato dal Comitato Etico di Ricerca della Facoltà di Scienze Mediche di Minas Gerais e i volontari hanno firmato il modulo di consenso informato. I sei volontari sani hanno avuto un'età compresa tra i 18 e i 28 anni con i fototipi II, III e IV e sono stati sottoposti a una valutazione attraverso un'intervista e un questionario adattato da Guirro per valutare le smagliature. Sono stati esposti a una sessione a settimana per un totale di sei settimane della durata di trenta minuti. Il dispositivo utilizzato era STIMULUS FACE del marchio HTM e la puntura è stata eseguita con un ago usa e getta di tre millimetri e con un'intensità di 150 A nelle prime due sessioni e 100 A nelle quattro successive. Si è scoperto che il 34% del campione non ha avuto un miglioramento significativo e il 66% ha ottenuto un miglioramento da moderato a accentuato nella comparsa delle smagliature. Per quanto riguarda la scala del dolore, un miglioramento della sensibilità è stato confermato attraverso la valutazione con uno stadiometro e per quanto riguarda il grado di soddisfazione, 83.3% dei volontari sono stati soddisfatti o molto soddisfatti del trattamento. Si può dedurre che l'elettrolifting ha promosso un trattamento soddisfacente e come miglioramento nell'aspetto visivo delle smagliature, oltre a migliorare la sensibilità locale. (COSTA e SILVA, 2018).

Uno studio clinico randomizzato con blinting intitolato "Comparative Study between Galvanopunture and scarification in the treatment of white attrophic striae in women between 20 and 25 years" è stato approvato dal comitato etico di UniSALESIANO e Inviato alla piattaforma brasiliana del Ministero della Salute e mirato a verificare gli effetti delle tecniche di galvanopuntura e scarificazione nel trattamento delle striature atrofiche bianche. Questo esperimento è stato condotto con sei volontari di età compresa tra i 20 e i 25 anni che hanno avuto striature bianche nella regione glutea del corpo e Essence Clinic nella città di Lins/SP per tre mesi. Il follow-up è stato fatto attraverso l'ispezione e la palpazione, le registrazioni fotografiche prima e dopo il trattamento. I volontari sono stati divisi in due gruppi: Gruppo Galvanopunture e Scarificazione Group. Il gruppo Galvanopunture ha svolto 8 sedute di trattamento con il marchio Ibramed Striat, con un'intensità di 160 aghi e sterili. Il gruppo Scarificazione è stato eseguito dalla tecnica di raschiatura superficiale per tutta la lunghezza delle smagliature, al fine di fornire infiammazione locale e riparazione della pelle posteriore. Questo gruppo è stato sottoposto a 8 sessioni, ma 2 volontari hanno ricevuto solo 5 sessioni, perché avevano intercorrenze durante il trattamento. Il risultato della ricerca ha evidenziato che la galvanopuntura era più efficace della scarificazione, perché quest'ultima ha portato a limitazioni che hanno interferito nella tempistica di ricerca e nei risultati. (PEDRO, AUGUSTO e OLIVEIRA, 2015).

La monografia "L'uso dell'elettrolifting e della carboxyterapia per i trattamenti a smaglia" mirava a contestualizzare l'azione di Electrolifting e Carboxytherapy e come risorse fisioterapiche per il trattamento delle smagliature. Questo studio è stato sviluppato attraverso una revisione bibliografica e ha permesso la conclusione che sia l'elettrolifting che la carboxyterapia causano effetti efficaci nel trattamento delle smagliature. (FACUNDO, 2014).

Un'altra monografia chiamata "Metodi principali per il trattamento estetico delle smagliature" mirava ad analizzare quali procedure estetiche più riportate nella letteratura per trattare le smagliature, discutere i vantaggi di queste procedure e i metodi di maggiore scelta. Questo studio è stato condotto attraverso una revisione della letteratura che ha affrontato come procedure estetiche galvanopunture, microdermabrasione, peeling chimico, uso di cosmecuticals, silicio organico e l'aspartato di idrossiproline-metilsilanolo. L'autore ha concluso che la Stria ha il suo aspetto migliorato in relazione al suo spessore / larghezza e colorazione quando la persona è sottoposta a galvanopuntura, microdermobrasione e bucce associate con l'uso di cosmeceuticals. Ha riferito che le tecniche citate possono anche essere associate al peeling chimico ed è il professionista valutare e indicare il trattamento più appropriato. (COSTA, 2016).

Un altro studio che ha acquistato l'efficacia di Electrolifting è stato eseguito con un volontario di 30 anni, sedentario, nul'for, pelle marrone chiaro, senza storia di cardiopatia e che ha usato contraccettivi orali. La tecnica è stata applicata in 10 sessioni nella regione di Lumbosacral con l'apparato STRIAT (IBRAMED). Sul lato destro è stata applicata la tecnica di puntura con il passaggio corrente e sull'altro lato applicato la puntura con l'apparecchiatura spenta, vale a dire, non passando alcun tipo di corrente. Le registrazioni fotografiche hanno confermato il miglioramento dell'aspetto visivo della stria sul lato trattata con il passaggio corrente. (GALDINO, DIAS e CAIXETA, 2010).

Lo studio "uso dell'elettrolifting per migliorare l'aspetto della pelle" mirava ad analizzare per mezzo di revisione bibliografica l'effetto dell'uso dell'elettrolifting sulla pelle. Dopo l'analisi di 20 articoli, è stato possibile contattare che sette articoli hanno segnalato i benefici per il rinnovamento cellulare, l'attivazione del collagene e dell'elastina, il rilassamento della profondità e della lunghezza delle rietiche e delle linee di espressione, fornendo così una maggiore Autostima e qualità della vita dei clienti. Altri undici studi hanno aggiunto che l'elettrolifting causa una dissimulazione parziale o totale dei Rhytides e undici articoli hanno affermato che l'elettrolifting è un eccellente trattamento delle smagliature. Due articoli non associano l'Electrofacelift all'uso di cosmetici, ma altri diciannove hanno fatto e affermato che l'associazione avrebbe migliorato l'aspetto generale della pelle. (OGLIARI et al, 2016).

È stato sviluppato uno studio esplorativo, sperimentale, quantitativo e qualitativo su due protocolli elettrolifting per il trattamento delle striature di alba che sono emerse durante il periodo gestazionale utilizzando la corrente microgalvanica e verificando I suoi effetti. I partecipanti erano 26 volontari di età compresa tra 20 e 35 anni. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi e hanno fatto 15 sessioni con 12 giorni di intervallo tra di loro e con intensità di 100 A. Il Gruppo A è stato trattato dalla puntura longitudinale e dal gruppo B dalla puntura trasversale. Come criterio di valutazione, il questionario è stato risposto sull'intensità del dolore, il tipo di dolore e la soddisfazione con il trattamento, e una valutazione fisioterina è stata eseguita all'inizio, dopo la quinta, decima e quindicesima sessione. Le smagliature sono state fotografate e la loro area, lunghezza e larghezza sono state analizzate utilizzando il software ImageJ, la planimetria manuale e la pachymetry. È bene sottolineare che il gruppo A ha avuto un miglioramento significativo in sole 5 sessioni, mentre il gruppo B ha preso 15 sessioni per presentare risultati simili. Tuttavia, il risultato alla fine del trattamento è stato simile nel ridurre le dimensioni delle smagliature e il grado di soddisfazione. (SILVEIRA, 2016).

6.4 ELETTROLIFTING: TECNICHE

Il trattamento viene effettuato con l'uso di un apparato (Figura 2) che produce corrente galvanica con microamperage impiegando due tipi di elettrodi: un tipo negativo, tipo di penna, che entrerà in contatto diretto con l'area da trattare e un altro positivo, gomma e spugna , che chiuderà il circuito elettrico. (DAL GOBBO, 2010). Pertanto, non è necessario per il cliente rimuovere oggetti metallici durante il trattamento, come: anelli, orologi, orecchini o bracciali. (BAENA, 2003 apud FACUNDO, 2014).

Figura 2: Modelli di apparecchi che consentono l'applicazione dell'elettrolifting.

Fonte: Gli autori, 2019.

L'applicazione dell'elettrolifting può essere suddivisa in due tecniche principali: una utilizzando la punta di elettrolifting (Figura 3) e l'altra utilizzando l'ago sterile usa e getta (Figura 4).

Figura 3: Punta elettrolifting.

Fonte: Gli autori, 2019.

Figura 4: Ago elettrolifting.

Fonte: Gli autori, 2019.

Nella prima tecnica, viene utilizzato l'elettrolifting dell'ago (Figura 5) ed è molto più aggressivo e in questo caso utilizzare sempre un ago sterile usa e getta invece della punta elettrolifting. Questo ago deve essere sottile, robusto e appuntito, costruito in materiale inossidabile e con una lunghezza massima di 4 mm per penetrare facilmente nella pelle. (BORGES, 2010).

La seconda tecnica utilizza una punta elettrolifting sterile (Figura 6) fissata alla penna che corrisponde all'elettrodo negativo (attivo) e deve essere graffiata al logo dell'intera regione interessata fino a quando non c'è iperemia. L'elettrodo positivo (passivo) deve essere vicino alla regione per essere trattato per chiudere il campo elettrico. Questa tecnica è meno aggressiva e più tollerabile dai clienti.

Figura 5: Elettrolifting con ago.

Fonte: Gli autori, 2019.

Figura 6: Elettrolifting con ferrule.

Fonte: Gli autori, 2019.

Ci sono 3 modalità di applicazione, vale a dire (DAL GOBBO, 2010; GUIRRO e GUIRRO, 2004 Apud FACUNDO (2014):

  • Puntuale o puntura è l'introduzione dell'ago nei punti adiacenti e all'interno della stria e la penetrazione dell'ago non può essere ripetuta nello stesso punto. Inoltre dà un intervallo minimo di 15 giorni per la nuova applicazione nella zona.
  • Lo scorrimento consiste nello scorrimento dell'ago parallelo alla stria e il trattamento può essere settimanale;
  • Scarificazione, l'ago verrà scivolato (graffiato) nelle smagliature, ma dovrebbe essere posizionato a 90 gradi, causando una lesione tissutale. (REBONATO et al, 2012).

Ci sono professionisti che dividono la tecnica di applicazione dell'elettrolifting con ago in quattro forme di applicazione. (RUSENHACK, 2004):

  1. Puntiforme o puntura, e l'ago deve essere inserito nella pelle verticalmente nella stria nell'intera estensione della scanalatura con profondità di vicino a 1 mm. Questa tecnica è stata considerata la più consigliabile, anche se è scomoda e diversi inserti ago sono realizzati nella stessa stria. (MEYER et al, 2009);
  2. In modo lineare l'ago viene introdotto obliquamente alla stria con movimenti di sollevamento circolari e con una profondità di circa 2-3 mm;
  3. Angolare o "scala di pesce", in questo caso l'ago viene inserito sui bordi della stria, alternando i lati in modo obliquo, essendo il sollevamento facoltativo della pelle;
  4. Trasversale, in cui l'ago dovrà sollevare l'intera superficie della stria, passando da un bordo all'altro della pelle, senza, tuttavia, entrare sotto l'epidermide. La permanenza dell'elevazione della pelle per circa 2 secondi aumenterà la risposta desiderata.

È bene sottolineare che le tecniche possono essere applicate da sole o associatiamente a seconda della profondità, estensione, consistenza della pelle e dell'area da trattare.

È necessario sottolineare che l'elettrolifting impiega una corrente di intensità ridotta al microamperage e minore è la dimensione dell'elettrodo, minore è l'intensità massima tollerabile e viceversa. (BORGES, 2010). Non c'è consenso sull'intensità dell'applicazione di elettrolifting e questo fatto può essere dimostrato durante l'analisi tabella 1, che è stato uno dei risultati della tesi del master in ingegneria biomedica professionale del programma di laurea in Ingegneria Biomedica, Università Tecnologica Federale di Parana. Nella tabella 1 L'intensità varia da 50 a 150 microamper. (SILVEIRA, 2016).

Fonte: SILVEIRA, 2016.

Tuttavia, è noto che l'intensità ottimale per il trattamento delle smagliature varia da 70 a 100 , ma varia a seconda della sensibilità del cliente. (GUIRRO e GUIRRO, 2004). Tuttavia, l'intensità della corrente prescritta in pratica, dalla letteratura attuale, può variare da 50 a 100 A quando si applica la puntura o fino a 150 A nella tecnica di scarificazione. (SILVEIRA, 2016).

L'intensità può anche variare a seconda della disfunzione cutanea, e per il trattamento delle smagliature è tra 70 e 100 microamamp e per Rhytides è da 150 a 200 microampere, tuttavia, si ribadisce che i valori di intensità variano a seconda della sensibilità di C cliente. (BORGES, 2010). È interessante notare che l'intensità della microcorrente è determinata dalla sensibilità del cliente, quindi deve rispettare la soglia del dolore del cliente. (SILVEIRA, 2016). Pertanto, l'estetista deve testare ogni area da trattare per assicurarsi della tolleranza del cliente, perché ogni regione del corpo può avere un diverso livello di sensibilità attuale. (DAL GOBBO, 2010).

Per alcuni fisioterapisti l'intensità non deve essere superiore a 300 – A al fine di evitare possibili lesioni o macchie sulla pelle a causa dell'intensa azione della componente galvanica. (BROGES, 2010). C'è chi raccomanda di ottenere risultati migliori con intensità comprese tra 150 e 300 A. (AGNES, 2017).

È noto che questo tipo di elettroterapia ha una corrente continua a bassa intensità (microampéres), quindi non c'è alcun effetto infiammatorio sistemico, sia acuto che cronico, durante il trattamento. Questo fatto è stato evidenziato da studi ed esami del sangue che misuravano i marcatori di infiammazione sistemica, i livelli plasmatici di TNF-z e CRP, prima del trattamento, 24 h dopo la prima sessione (giorno 1), prima dell'ultima sessione (giorno 70) e 24h dopo l'ultima sessione (giorno 71) di 32 Volontari tra 20:30 anni con smagliature Alba nella regione glutea. Lo studio ha concluso che non c'erano differenze significative in questi parametri infiammatori. Il mediatore infiammatorio sfaccettato, l'ossido nitrico, ha presentato una diminuzione discreta ma non significativa dopo le prime 24 ore. (BITENCOURT, 2007).

Tuttavia, le persone con pelle alipica possono presentare assenza di sensibilità attuale durante le prime sessioni, poiché la resistenza della pelle al passaggio corrente è aumentata. (GUIRRO e GUIRRO, 2004; BARBOSA e CAMPOS, 2013).

Per ottenere un risultato favorevole, è necessaria una valutazione preliminare per determinare il tipo di stria, la dimensione della stria, lo spessore della pelle, il colore della pelle, l'età e l'esclusione delle controindicazioni, e in questo modo può essere determinato il numero di sessioni e l'intensità della corrente. Tuttavia, è bene sottolineare che questo tipo di trattamento non ha ancora un protocollo specifico in relazione allo stimolo, frequenza, intensità, tempo e sequenza del trattamento. (GUIRRO e GUIRRO, 2004).

Prima di applicare l'elettrolifting, l'area da trattare deve essere disinfettante, quindi è possibile utilizzare sapone e acqua per la rimozione delle impurità o anche l'apparato ad alta frequenza con gli elettrodi cebolo, scallions o rotoli. (DAL GOBBO, 2010).

Dopo l'applicazione dell'elettrolifting, è necessario mantenere la pelle ben idratata e controllare l'untuosità al fine di migliorare la risposta di riparazione dei tessuti. E 'bene l'uso di depigmentazione notturna e crema solare con FPS sopra 30 durante il giorno, riapplicato ogni 3 ore. È importante che dopo il trattamento eviti l'esposizione al sole per prevenire la formazione di ipercromo, anche se si utilizza la protezione solare. Può essere applicato dopo il trattamento immediato di cosmetici antiossidanti come la vitamina C e fattori di crescita al fine di stimolare la produzione di collagene. (SILVA et al, 2018).

L'elettrolifting migliora l'aspetto della stria, perché diminuisce lo spessore / larghezza e la colorazione e può evitare l'emergere di nuove smagliature. Può essere applicato da solo o in associazione con altre tecniche di trattamento, come: Microdermabrasione e bucce associate all'uso di cosmeceutiche. (JUNIOR et al, 2013).

Tuttavia, ci sono professionisti che non raccomandano l'associazione di Electrolifting ad altri trattamenti estetici, perché affermano che può generare un'azione antinfiammatoria, tuttavia raccomandano l'uso di crema solare per prevenire le dicromologie nella pelle (BORGES, 2006 Apud SILVA et al, 2018).

Tuttavia, la risposta al trattamento varia da persona a persona, in quanto dipenderà dall'età, dal sesso, dalle condizioni fisiche e nutrizionali, dal tipo e dal grado di stria, tuttavia è noto che le striature più recenti risponderanno meglio al trattamento.

Ci sono professionisti che raccomandano che le sessioni per il trattamento delle smagliature dovrebbero avere intervalli di una settimana tra le domande e che i risultati possono essere osservati tra cinque e quindici sessioni. (BROGES, 2010). La letteratura attuale raccomanda che l'intervallo tra le sessioni possa variare da due a sette giorni. (WHITE et al, 2008; OLIVEIRA, 2013). Tuttavia, non è consigliabile ripetere il trattamento prima che l'intero processo infiammatorio venga riassorbito.

Va sottolineato che il professionista che prescriverà l'elettrolifting dovrebbe essere qualificato per applicarlo nel rispetto di tutte le norme sulla biosicurezza e sapere come guidare i clienti per quanto riguarda le condotte di assistenza domiciliare.

6.5 ELETTROLIFTING: INDICATIONI E CONTRAINDICATIONI

L'elettrolifting è consigliato per il trattamento di smagliature, ritidi e segni di espressione. Sul viso, è indicato per diminuire le linee di espressione, scanalature Nasogenian, ritidi nella Glabela, Periocular e nella regione frontale, tipico del processo di invecchiamento. È anche indicato per ottenere l'effetto di somministrazione di farmaci che consiste nella permeazione di farmaci nella pelle attraverso questa tecnica. I beni cosmetologici possono essere associati dopo l'applicazione dell'elettrolifting, tuttavia si dovrebbe avere una buona conoscenza della sostanza utilizzata, perché non può contenere alcuna azione antinfiammatoria per non annullare i benefici del trattamento.

Oltre alle indicazioni di cui sopra, l'elettrolifting può essere raccomandato anche nei trattamenti di idratazione; Nutrizione e rivitalizzazione; Seborrhea ed edema. (OLIVEIRA, 2014 apud SILVA et al, 2018).

Le principali controindicazioni sono le stesse per la maggior parte dei trattamenti elettroterapeutici, come: donne incinte, persone con diabete, neoplasmi, portatori di pacemaker, problemi cardiaci ed epilessia. Inoltre non è adatto per le persone con emofilia, vitiligine, sindrome di Cushing, tendenza a cheloidi e l'uso di farmaci a base di steroidi e corticosteroidi. (VENTURA, 2003; BORGES, 2010).

Oltre alle donne incinte, anche il trattamento dell'elettrolifting dopo il parto non è indicato e il normale ritorno dei livelli ormonali prima della gravidanza deve essere rispettato (AGNE, 2017).

Poiché non ci sono abbastanza studi per indicare l'uso di electrofacelift durante la pubertà, si raccomanda che non venga utilizzato perché è un periodo di grandi cambiamenti ormonali. Alcuni autori ritengono anche che possa essere una delle eziologie della comparsa di smagliature. (WHITE et al, 2008; BORGES, 2010).

Il fatto che non esistano protocolli definiti per quanto riguarda il tipo di stimolo, la frequenza e l'intensità ottimale, il tempo e la sequenza di trattamento ha limitato il trattamento delle smagliature. Il miglior risultato potrebbe essere ottenuto con l'interazione dei metodi e con protocolli definiti. Tuttavia, anche senza protocolli definiti, è opportuno garantire che l'uso dell'elettrolifting porti evidenti miglioramenti all'aspetto della pelle trattata. (MATOS; COSTA, 2019).

7. CONSIDERAZIONI FINALI

L'apparato elettrolifting viene utilizzato nel trattamento delle smagliature e di altre alterazioni cutanee. Dal momento che la stria è un tipo di atrofia tegumentaria acquisita e ha eziologia idiopatica, ma alcune teorie sono state sostenute, come: Meccanico, endocrinologico e infettivo. Inoltre, possono essere classificati in striature di Rubras e Albaed ed entrambi possono essere sottoposti a trattamento estetico.

L'elettrolifting è una procedura che tratta le smagliature e consente benefici ineguagliabili, come: neovascolizzazione, amplia il numero di giovani fibroblasti aumentando la sintesi proteica, oltre a facilitare la migrazione di cheratinociti e macrofagi, ha un effetto Antiossidante e antidisintoischemico che si traduce in riparazione del tessuto e riduce al minimo l'aspetto della stria.

Le tecniche di applicazione sono due: una utilizza la punta elettrolifting, essendo la meno utilizzata e l'altra utilizzando l'ago di circa 4 mm. L'applicazione dell'ago può essere fatta in modo puntuale, scivolando e scarificazione. Gli studi a cui si fa riferimento in questo studio non hanno mostrato alcuna differenza significativa tra le quattro tecniche di applicazione con l'ago, ma c'è meno efficacia quando viene impiegata la punta elettrolifting.

L'indicazione dell'elettrolifting è di trattare diversi tipi di smagliature, ma è anche indicato per i trattamenti di idratazione, nutrizione e rivitalizzazione, seborrhea, edema, rimare, segni di espressione ed effetto di somministrazione di farmaci.

Le controindicazioni seguono lo stesso di altre procedure elettroterapeutiche, cioè non dovrebbero essere applicate in diabetico, epilettico, persone problema cardiaco e pacemaker cardiaco, disturbi di sensibilità, persona con cancro, donna incinta, emofilia , vitiligine, sindrome di Cushing, tendenza a cheloidi, e l'uso di steroidi e corticosteroidi a base di farmaci.

Si conclude che l'elettrolifting può aggiungere valore alle procedure estetiche e fisioterapeutiche, mentre non è l'unica procedura da impiegare, ma fa parte di una serie di strategie terapeutiche. È stata osservata la mancanza di studi aggiornati riguardanti l'argomento affrontato e si raccomanda di attuare nuovi studi per verificare altre aplicabilità di questa risorsa terapeutica ed estetica.

RIFERIMENTI

AGNE, J. E. Eletrotermofototerapia. 4. ed. Rio Grande do Sul: Editorial Santa Maria, 2017.

BARBOSA, D. F.; CAMPOS, L. G. Os efeitos da corrente galvânica através da técnica de eletrolifiting no tratamento do envelhecimento facial. Revista Inspirar, Movimento & Saúde, v.4. n.1. ed. 22. jan./fev., 2013.

BERGFELD, W.F. A lifetime of healthy skin: implications for women. International Journal of Fertility and Women's Medicinev.44, n.2, p.83-95. mar/abr,1999.

BITENCOURT, S. Tratamento de estrias albas com galvanopuntura: benéfico para a estética, estresse oxidativo e perfil lipídico. 2007. 38 f. Dissertação (Mestrado em Biologia Celular e Molecular). Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul, Porto Alegre, 2007.

BONETTI, V. B. Incidência de estrias em acadêmicos da Faculdade Assis Gurgacz, identificando sua principal causa. Cascavel, 2007. Monografia (Graduação em Fisioterapia). Disponível em: https://pt.scribd.com/document/245108173/Incidencia-de-Estrias-Em-Academicos-Da-Faculdade-Assis-Gurgacz-Identificando-a-Sua-Principal-Causa. Acesso em: 01 abr. 2019.

BORGES, F. S. Dermato-funcional: modalidades terapêuticas nas disfunções estéticas. 2. ed. São Paulo: Phorte, 2010.

BRAGATO, P.E.; FORNAZARI, L.P.; DEON, K.C. Aplicação de eletrolifting em rugas faciais: relato de caso. Revista UNIANDRADE, v.14. n.2, p.131-143, 2013.

BRAIT, D. C. et al. Microagulhamento associado a fatores de crescimento e vitamina C no tratamento de estrias, fibroe dema geloide e flacidez tissular na região glútea. Fisioterapia Brasil, v.19, n.1, p.80-88, 2018.

BRASIL. Saúde da Família: uma estratégia para a reorganização da atenção básica. Brasília-DF, 1997.

BRAVIM, A. R. M., KIMURA, E. M. O uso da eletroacupuntura nas estrias atróficas: uma revisão bibliográfica Brasília, 2007. Disponível em: http://www.portalunisaude.com.br/downloads/eletroacupuntura_nas_estrias.pdf. Acesso em: 01 abr. 2019.

CORDEIRO, R.C.T.; MORAES, A.M. Striae distensae: fisiopatologia. Surgical & Cosmetic Dermatology, v.1, n.3, p.137-140, 2009. Disponível em: <http://www.surgicalcosmetic.org.br/exportar-pdf/1/1_n3_31_pt/Striae-distensae–fisiopatologia> Acessado em: 02 abr. 2019.

COSTA, P.H.V.; SILVA, F.S. Efetividade da corrente galvânica/eletrolifting no tratamento de estrias albas na região glútea. Revista Interdisciplinar Ciências Médicas, Belo Horizonte, Minas Gerais, v2. n.2., p.14-21, 2018

COSTA, R. S. Principais métodos para tratamento estético de estrias. 2016. Monografia (Pós-graduação em Lato Sensu em Biomedicina Estética). INESP e Centro de Capacitação Educacional, Recife – PE.

DAL GOBBO, P. Estética facial essencial: orientações para profissional de estética. São Paulo: Atheneu, 2010.

FACUNDO, D. R. Utilização do eletrolifting e da carboxiterapia para tratamentos de estrias. 2014. Monografia (Graduação em Fisioterapia). Faculdade de Educação e Meio Ambiente, Ariquemes – RO.

FURLANI, L. A. et al. Estrias: fator de risco para distopia urogenital?. Surgical Cosmetic Dermatology, v.2, n.1, p.18-22, 2010. Disponível em: <http://www.surgicalcosmetic.org.br/detalhe-artigo/49/Estrias–fator-de-risco-paradistopia-urogenital>. Acesso em: 01 abr. 2019.

GALDINO, A. P. G.; DIAS, K. M.; CAIXETA, A. Análise comparativa do efeito da corrente microgalvânica: estudo de caso no tratamento de estrias atróficas. Revista Eletrônica “Saúde CESUC”, n.1, 2010.

GIL, A. C. Como elaborar projeto de pesquisa. 4 ed. São Paulo: Atlas, 2007.

GUIRRO, E.C.O.; GUIRRO R.R.J. Fisioterapia dermato-funcional: fundamentos, recursos, patologias. 3. ed. rev. e ampl. São Paulo: Manole, 2004. 560 p.

JUNIOR, A. A. S. et al. Estrias: fisiopatologia, principais tratamentos estéticos. [2013?]. Disponivel em: <https://semanaacademica.org.br/system/files/artigos/estrias_fisiopatologia_principais_tratamentos_esteticos.pdf> Acesso em: 17 abr. 2019.

MAIA, M et al. Estrias de distensão na gravidez: fatores de risco em primíparas. Anais Brasileiros de Dermatologia. Rio de Janeiro, v.84, n.6, p.599-605, 2009.

MAIA, M. Tratado de medicina estética. 2. ed. São Paulo: Roca, 2011.

MATOS, D. M. R.; COSTA, K. L. C. Estrias X recursos fisioterápicos: revisão. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. a.4, ed.5, v.6, p.05-20, maio 2019.

MCCRUDDEN, M.T. et al. Microneedle applications in improving skin appearance. Experimental Dermatology, abr., 2015. Disponível em: <https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/exd.12723> Acesso em: 9 jan. 2019.

MEYER, P.F. et al. Aplicação da galvanoterapia em uma máquina de tatuar para tratamento de estrias. Revista Fisioterapia Brasil, v.9. 2009.

Moreira et al. A Fisioterapia Dermato-funcional no tratamento de estrias: Revisão de literatura. Revista Científica da UNIARARAS, Araras – SP, v. 1, n. 2, 2013. Disponível em: <http://www.uniararas.br/revistacientifica/_documentos/art.3-008-2012.pdf >. Acesso em: 09 jan. 2019.

OGLIARI, M. et al. Uso do eletrolifiting para melhorar a aparência da pele. In: Congresso Brasileiro Interdisciplinar na Promoção da Saúde. 2016. Disponível em: https://online.unisc.br/acadnet/anais/index.php/CBIPS/article/view/15917. Acesso em: 02 fev. 2019.

OLIVEIRA, E. L. Efeito da corrente microgalvânica invasiva em estrias albas: estudo histopatológico. Dissertação (Mestrado em Fisioterapia). Universidade Metodista de Piracicaba – Faculdade de Ciência da Saúde. Piracicaba, 2013.

PEDRO, C. F. P.; AUGUSTO, L. C. S.; OLIVEIRA, L. M. Estudo comparativo entre a galvanopuntura e a escarificação no tratamento das estrias atróficas brancas em mulheres entre 20 e 25 anos. Universitá[email protected] – Revista Científica do Unisalesiano, Lins – SP, a.6, n.13, jul-dez, 2015.

REBONATO, T.A. et al. Aplicação de microgalvanopuntura em estrias cutâneas albas. Revista Movimento e Saúde, v.4. p.1-6, 2012.

RUSENHACK, C. Terapia por microgalvânica em dermato-funcional. Fisio & Terapia, Rio de Janeiro. n.8. p.24-26. 2004.

SAMPAIO, S. A. P. Dermatologia de Sampaio e Rivitti, 4. ed. São Paulo: Artes Médicas, 2018.

SANTOS, M.S.; OGATA, G. O uso da galvanopuntura no tratamento das estrias atróficas: uma revisão bibliográfica. 2012. Disponível em: <http://portalbiocursos.com.br/ohs/data/docs/19/66_-_O_uso_da_galvanopuntura_no_tratamento_das_estrias_atrYficas.pdf>. Acesso em: 20 maio 2019.

SILVA, C. L. C. et al. Comparativo entre galvanopuntura e microagulhamento. A prática interdisciplinar alimentado a ciência. In: 18ª Semana de Pesquisa da Universidade Tiradentes. 24 a 28 out., 2016. Anais… Aracaju, Sergipe: Universidade Tiradentes/Estética e Cosmética, 2016.

SILVA, M. L.; SILVA, V. G.; ROSA, P. V. Análise dos efeitos da utilização do eletrolifting e do microagulhamento no tratamento das estrias atróficas. Revista Biomotriz, Rio Grande do Sul, v.11, n.1, abr., 2017.

SILVA, T.M. et al. Tratamento de estria Alba com o uso de eletrolifting. Revista Terra e Cultura: cadernos de ensino e pesquisa, Centro Universitário Filadélfia. Londrina, PR, v. 33, NESP 67, jun. 2018.

SILVEIRA, C. F. C. Utilização de corrente microgalvânica para o desenvolvimento de dois protocolos para tratamento de estrias albas. 2016. 109 f. Dissertação (Mestrado em Engenharia Biomédica). Programa de Pós-Graduação em Engenharia Biomédica, Universidade Tecnológica Federal do Paraná. Curitiba, 2016.

VANZIN, S. B.; CAMARGO, C. P. Entendendo Cosmecêuticos: diagnósticos e tratamentos. São Paulo: Santos, 2011.

VENTURA, D. B. S. O uso da corrente galvânica filtrada nas estrias atróficas. Revista Fisiobrasil: atualização científica, n. 62, nov/dez 2003.

WHITE, P.A.S. et al. A. Efeitos da galvanopuntura no tratamento das estrias atróficas. Revista Brasileira de Fisioterapia, Rio de Janeiro, v.9, n.1, p.53-58, jan/fev. 2008.

[1] Maestro in Scienze della motricità umana; Specializzazione in fisioterapia Dermato-funzionale; Specializzazione in allenamento sportivo e trainner personale; Specializzazione in ginnastica medica; Specializzazione nella specializzazione in lingua portoghese in argomenti avanzati in fisioterapia; Specializzazione nell'insegnamento innovativo dell'istruzione superiore; Laureato in fisioterapia; Tecnologo in estetica e cosmetica; Laureato e laureato in educazione fisica; Concesso in licenza in lettere; Laureato in pedagogia.

[2] Maestro in Scienze della motricità umana; Specializzazione in ginnastica medica; Laureato in fisioterapia; Laureato e laureato in educazione fisica.

Inviato: giugno 2019.

Approvato: luglio 2019.

 

Master in scienze della motricità umana; Specializzazione in allenamento sportivo e personal trainer; Specializzazione in Ginnastica medica; Specializzazione in Argomenti avanzati di Fisioterapia; Specializzazione in Fisioterapia Dermatofunzionale; Specializzazione in lingua portoghese; Laureato in Fisioterapia; Tecnologo in Estetica e Cosmetica; Laurea e laurea in educazione fisica; Laurea in lettere; Laurea in Pedagogia.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here