Conoscenza sui modi per prevenire e diffondere le STI tra gli studenti iscritti alle scuole statali nella città di Macapá, Amazônia, Brasile

0
20
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/salute/prevenire-e-diffondere
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

SALVIANO, Ana Laura Góes [1], SANTANA, Giovanna Rocha [2], DIAS, Claudio Alberto Gellis de Mattos [3], ARAÚJO, Maria Helena Mendonça de [4], OLIVEIRA, Euzébio de [5], DENDASCK, Carla Viana [6], SANTOS, Bruno Rodrigues dos [7], FECURY, Amanda Alves [8]

SALVIANO, Ana Laura Góes. Et al. Conoscenza sui modi per prevenire e diffondere le STI tra gli studenti iscritti alle scuole statali nella città di Macapá, Amazônia, Brasile. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol. 10, pp. 05-16. dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso:  https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/prevenire-e-diffondere, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/salute/prevenire-e-diffondere

La sessualità ha iniziato ad essere vista come una portata positiva dell’azione umana, in questo contesto, ha iniziato a valorizzarsi l’educazione sessuale, sollevando discussioni sulla sua importanza. Lo scopo di questo articolo era quello di analizzare le conoscenze sulle forme di contagio e prevenzione delle STI. Questo studio è stato condotto in 03 scuole statali di livello elementare e secondario. Il campione era composto da 287 studenti regolarmente iscritti a queste scuole che coprivano l’8 ° grado / 7 ° grado della scuola elementare fino al 3 ° anno del liceo. I dati su sesso, età, stato civile, istruzione e altri sono stati raccolti in questo studio. La maggior parte dei partecipanti ha già avuto contatti con il termine STI; tuttavia, ha ancora credenze sulle sue forme di trasmissione. È necessario affrontare la sessualità con un aspetto più naturale e positivo della vita umana, fornendo la libera discussione di norme e modelli di comportamento e il dibattito degli atteggiamenti.

Parole chiave: STI, AIDS, adolescenza, sessualità.

INTRODUZIONE

Non esiste uno standard universale che definisca la fascia d’età dell’adolescenza e dei giovani adulti e, per quanto riguarda l’adolescenza per lo Statuto dei bambini e degli adolescenti, questo va dai 12 ai 18 anni. Per il Ministero della Salute e dell’OMS, va dai 10 ai 19 anni, oltre ad adottare la fascia di età 15-24 anni come giovani (BRASIL, 2012; OMS, 2016) L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce i giovani adolescenti tra i 15 e i 19 anni e i giovani adulti tra i 20 e i 24 anni, cioè queste fasce d’età insieme comprendono i giovani (UNFPA, 2010).

Secondo il censimento, gli adolescenti e i giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni corrispondono a 51,3 milioni, cioè 1/4 della popolazione totale, il che rende il Brasile un paese di popolazione relativamente giovane (IBGE, 2014).

La sessualità ha attraversato vari sensi nel corso della storia, da un’ampia libertà vissuta in Grécia e a Roma (dove si cercava solo piacere, senza regole o limiti, sia in cerca di riproduzione che di amore) all’ascesa del cristianesimo, quando c’era un’enorme pressione / coerção della Chiesa cattolica sul piacere essendo qualcosa di estremamente peccaminoso e il sesso praticato solo con ambiti riproduttivi (MAROLA et. al., 2011).

La sessualità è stata vista come una portata positiva dell’azione umana, con sesso, identità e ruolo di genere, orientamento sessuale, erotismo, piacere, intimità e riproduzione. In questo contesto, l’educazione sessuale ha cominciato ad essere apprezzata e non vista come un problema, sollevando discussioni e discussioni sulla sua importanza nel mezzo dell’aspetto storico e culturale di alcune società (MAROLA et al., 2011).

L’OMS prevede diritti sessuali in conformità con i diritti umani riconosciuti dalle leggi e dai documenti internazionali. Vietano qualsiasi forma di coerção, violenza o discriminazione; così come i diritti per tutti. Questo vale anche per gli adolescenti perché, durante questa fascia di età, l’inizio della vita sessuale di solito si verifica e questi giovani sono esposti a tutti i fattori positivi e negativi di questo processo (MAROLA et al., 2011).

L’adolescenza è un periodo molto travagliato, perché è in esso che l’individuo cerca la sua identità, libertà e autonomia, in modo che possa affermarsi nell’ambiente in cui vive come soggetto. Questo processo coinvolge principalmente cambiamenti biologici (ormonali e corporei) che influenzano e si mescolano con cambiamenti psicologici e comportamentali, tutti influenzati dal vivere con la famiglia, gli amici, gli educatori e altri individui inseriti in relazioni strette (BESERRA et al., 2008).

Durante questo processo di autoaffermazione l’adolescente cerca anche di imporsi nella società e un modo per farlo è il sesso. Pertanto, è in questa fase della vita che di solito si verifica l’inizio della vita sessuale (BESERRA et al., 2008) ed è quando la sessualità diventa più evidente, perché a causa delle trasformazioni biopsicosociali che la vita dell’adolescente permea, questo è un momento di grande curiosità e scoperte. In questo modo, i giovani cercano nuove esperienze, in particolare esperienze sessuali (CARLETO et al., 2010).

L’ingresso nella vita sessuale, in molti casi, può avvenire precocemente, tra gli 11 ei 15 anni (BESERRA et al., 2008). In uno studio con recenti studenti universitari (ARAUJO et al., 2012) la maggior parte dei primi rapporti sessuali ha avuto luogo tra i 14 e i 17 anni (72,1%), con l’età più giovane rilevata a 10 anni e la più alta a 20 anni . Tuttavia, questa precocità non è accompagnata dalla responsabilità sociale, che si sta verificando nella vita dei giovani sempre più tardi e per questo motivo possiamo trovare comportamenti e atteggiamenti, tipici degli adolescenti di età superiore ai 19 anni, raccomandati dall’OMS (BRÊTAS et al. , 2009). Per questo motivo, vi è un aumento dell’incidenza delle gravidanze adolescenziali e del contagio da infezioni a trasmissione sessuale (ISTs) o entrambe (BESERRA et al., 2008).

L’inizio precoce della vita sessuale è particolarmente interessante soprattutto per i ragazzi, in quanto questo può essere considerato un segno di mascolinità. L’adolescente maschio è anche più imposto all’interno di una relazione di coppia, ad esempio, che lo fa uso del preservativo o viene eseguito l’uno o l’altro tipo di pratica sessuale (CAMARGO e FERRARI, 2009). Ciò può essere dimostrato dalla crescente incidenza del virus HIV tra le donne adolescenti (OLIVEIRA et al., 2009; ALVES et al., 2019).

L’entità del problema tra queste giovani donne è maggiore di quanto si pensi, perché, sebbene molte di loro formino le conoscenze necessarie per l’uso del preservativo, hanno difficoltà a negoziare questa pratica con il loro partner. In uno studio condotto su 104 adolescenti che hanno usato la pillola contraccettiva, solo il 40% di loro ha usato preservativi in tutte le relazioni sessuali (OLIVEIRA et al., 2009).

Il verificarsi di STI in ragazzi di 13 anni dimostra quanto precocemente stanno entrando nella pratica sessuale e per questo motivo gli adolescenti dovrebbero essere istruiti precocemente sulle forme di contagio e prevenzione delle STI. Ciò dovrebbe avvenire attraverso un dialogo franco e aperto, in cui il giovane possa esprimersi e porre le sue domande (BESERRA et al., 2008).

Queste informazioni dovrebbero essere fornite principalmente dalla famiglia attraverso conversazioni in cui i genitori potrebbero chiarire i dubbi dei loro figli e guidarli nel miglior modo possibile. Tuttavia, quando i genitori evitano l’argomento, questi giovani cercano informazioni in altri luoghi, come la scuola. E spesso gli insegnanti e altri professionisti coinvolti nel processo educativo non sono disposti ad affrontarlo. Ciò fa sì che l’adolescente non ottenga le informazioni adeguate e finisca per rimanere non protetto (BESERRA et al., 2008).

Inoltre, uno studio condotto a Rio Branco, Acre con studenti delle scuole superiori, ha scoperto che la più grande fonte di informazioni per questi giovani erano i loro amici. Questi sono probabilmente ugualmente privi di maturità e conoscenze sufficienti per potersi esprimere su qualcosa di così grave e importante (CARLETO et al., 2010).

Nel 2010, Carleto et al. hanno lavorato con 499 adolescenti a Cuiabá nello stato del Mato Grosso, dove hanno chiesto informazioni sulle forme di contagio STIs. Si è ritenuto che avesse una conoscenza adeguata che ha selezionato: sesso senza preservativo, sesso orale, anale e / o vaginale senza protezione, condivisione di siringa e ago per iniettare droga. Di questo totale, solo il 4,62% è stato in grado di farli bene.

Un riflesso di ciò è l’elevata incidenza di HIV / AIDS in tutto il mondo tra gli adolescenti – circa 430.000 (UNAIDS, 2019). In Brasile, nel 2007, sono stati segnalati 10.337 casi della malattia tra i giovani di età compresa tra i 13 e i 19 anni (CARLETO et al., 2010). In un sondaggio condotto su 74 adolescenti (studenti delle scuole superiori) di una scuola statale di Cruz Alta, Rio Grande do Sul, solo 3 di loro non hanno avuto alcun STI (BUENO et al., 2012).

Lo scopo di questo articolo era quello di analizzare le conoscenze sulle forme di contagio e prevenzione delle STI degli studenti delle scuole elementari e superiori statali nello stato di Amapá, regolarmente iscritti nell’area urbana della capitale, Macapá.

MATERIALI E METODI

Questo studio è stato condotto in 03 scuole statali di livello elementare e secondario. Il campione era composto da 287 studenti regolarmente iscritti a queste scuole che coprivano l’8 ° grado / 7 ° grado della scuola elementare fino al 3 ° anno del liceo.

L’8° rapporto è stato utilizzato anno/ 7° grado e 9° grado / 8 ° grado perché alcune scuole non hanno ancora attuato il disegno di legge n. 144/2005 approvato dal Senato nel gennaio 2006 e sanzionato nel febbraio 2006 dal Presidente della Repubblica dalla legge n. 11.274 (BRASIL, 2006) che regola la scuola elementare per 9 anni con iscrizione obbligatoria a partire dai 6 (sei) anni di età. La legislazione prevede che la sua misura sia attuata entro il 2010 dai comuni, dagli Stati e dal Distrito Federal.

La popolazione di studio era composta da adolescenti maschi e femmine e giovani adulti (dai 15 ai 24 anni), regolarmente iscritti alle scuole del comune di Macapá- AP, che frequentano le scuole elementari o superiori nelle scuole pubbliche statali. Il campione utilizzato è stato definito dal calcolo del campione.

Dalle tabelle rese disponibili dal Dipartimento dell’Istruzione dello Stato di Amapá, in base al numero di studenti delle scuole elementari iscritti regolarmente nel 2017 e degli studenti delle scuole superiori iscritti al 2018. L’errore di campionamento utilizzato è stato del 5%, con un livello di confidenza del 95%. Per il calcolo degli studenti delle scuole elementari pubbliche statali 8° anno / 7 ° grado e 9 ° anno / 8 ° grado e liceo regolare sono stati utilizzati i valori del numero totale di studenti delle scuole pubbliche nello Stato di Amapá nelle aree urbane relative ai valori delle scuole macapá che appartengono all’area urbana e che includono i voti sopra descritti.

Sono stati inclusi nello studio individui di sesso maschile e femminile residenti nello Stato di Amapá e che frequentano la scuola elementare o superiore. Hanno autorizzato la partecipazione volontaria alla ricerca sottoscrivendo il Free and Informed Consent Term (TCLE) e, per i minori di 18 anni, firmando il loro tutore legale (TALE – Termo de Assentimento Livre e Esclarecido). Saranno esclusi dallo studio gli individui che non soddisfano i criteri stabiliti, che non autorizzano la partecipazione e che non sono iscritti al sistema scolastico regolare.

Per ciascun partecipante è stato presentato un questionario principale contenente due blocchi: A e B. Le domande nel blocco A erano relative alle informazioni sociodemografiche di ogni studente. Ci sono 12 domande in cui sono stati affrontati i seguenti temi: sesso, età, stato civile, livello di istruzione, corso superiore a quello completato dal capo famiglia, razza, religione, situazione lavorativa attuale e possibili oggetti che esistono nelle loro case.

Per la raccolta dei dati, nel 2008 è stato eseguito un adattamento del questionario utilizzato dal Ministero della Salute per la ricerca di conoscenze, atteggiamenti e pratiche nella popolazione brasiliana (BRASIL, 2011).

Le scuole che sono state contattate e inizialmente hanno accettato di partecipare allo studio avevano un termine di consenso. È stato spiegato a tutti gli studenti partecipanti, in un linguaggio chiaro e diretto, gli obiettivi, i benefici e i possibili danni derivanti dalla ricerca, oltre al fatto che c’era assoluta segretezza e la privacy di ciascuno era garantita. Successivamente, al momento dell’approvazione, l’individuo ha firmato il modulo di consenso libero e informato (TCLE), autorizzando la sua partecipazione volontaria. Se il partecipante era minorenne, il suo tutore legale ha anche firmato un termine di consenso libero e illuminato (TALE). Lo studio ha soddisfatto le considerazioni etiche di cui alla risoluzione 466 del 12 dicembre 2012 del Consiglio Nazionale della Sanità ed è stato sottoposto a valutazione e approvato dal Comitato Etico della Ricerca (CAAE 66761617.1.0000.0003), previa registrazione in plataforma Brasil.

RISULTATI

Uno studio ha partecipato a 287 studenti, 140 (48,8%) femmine e 147 (51,2%) al maschio.

Per quanto riguarda l’età, la maggior parte degli studenti avevano tra i 16 e i 18 anni. Di questi, 75 (26,1%) avevano 16 anni; 85 (29,6%), 17 anni; e 60 (20,9%), 18 anni.

Per quanto riguarda lo stato civile in cui si trovavano attualmente, 224 (78,1%) non si sono mai sposati, 35 (12,2%) vivono (sposati o vivono con un partner) e 9 (3,1%) sono separati, 3 (1,0%) vedovo, e 16 (5,6%) le persone non hanno risposto a questo elemento.

Per quanto riguarda il livello di istruzione di questi studenti, 141 (49,1%) sono al 1° o 2° grado del liceo, 79 (27,5 %) hanno completato la scuola elementare, 44 (15,3%) hanno completato il liceo, 5 (1,7%) sono tra il 1° e il 3° grado della scuola elementare, 2 (0,7%) sono tra il 4 ° e il 7 ° grado della scuola elementare e 16 (5,7%) gli studenti non hanno risposto a questo articolo.

Nella domanda “Qual è il corso più alto che il capo della sua famiglia ha completato?”, 86 (30,0%) ha dichiarato che si trattava del Superiore Completo, 75 (26,1%) Liceo Completo, 34 (11,8%) 4°-7° grado della scuola elementare, 25 (8,8%) Scuola elementare completa, 23 (8%) Superiore Incompleto, 20 (6,9%) 1° o 2° grado di scuola superiore, 14 (5%) Dal 1° al 3° grado della Scuola Elementare, 3 (1%) sono analfabeti e 7 (2,4%) le persone non hanno risposto a questo elemento.

Alla domanda “Come si classificano in relazione al loro colore?”, 140 (48,8%) dichiarato marrone, 49 (17%) bianchi, 46 (16%) neri, 14 (4,9%) giallo, 12 (4,1%) popolazioni indigene, 14 (4,9%) non sapeva come rispondere al loro colore/razza e 12 (4,3%) gli studenti hanno lasciato vuoto questo elemento.

Domanda su “Ti consideri religioso?”, 211 (73,5%) risposto con ‘Sì’ mentre 66 (23,0%) rispose con “No”. Solo 10 (3,5%) le persone non hanno risposto a questo elemento. Per quanto riguarda la domanda “Qual è la tua religione?”, 107 (37,3%) 105 (36,6%) Evangelici, 2 (0,7%) Ubanda/Candombé e 1 (0,4%) spiritista. 72 (25%) le persone non hanno risposto a questo elemento.

Nella domanda “Qual è la tua attuale situazione occupazionale?”, 226 (78,8%) non attualmente funzionante, 13 (4,5 %) sono impiegati con licenza firmata, 12 (4,3%) lavorare senza licenza firmata, 10 (3,5%) lavoratori autonomi, 7 (2,4%) sono datori di lavoro, 6 (2 %) sono dipendenti pubblici e 13 (4,5%) gli studenti non hanno risposto a questo articolo.

Alla domanda “Qual è il motivo principale per cui al momento non lavori?”, 142 (49,5%) confermato che non lavoravano a causa di studi/formazione, 56 (19,6%) ricercato, ma non è stato in trovato lavoro, 3 (1%) sono casalinghe/prendersi cura della famiglia, 1 (0,3%) è in pensione, 1 (0,3%) è malato, 1 (0,3%) (ha un lavoro non retribuito), 83 (29%) gli studenti non hanno risposto a questo articolo.

Informazioni sociodemografiche sugli elementi che gli intervistati hanno nelle loro case. La maggior parte degli studenti ha una TV (275/287), non ha radio (138/287), ha un bagno (272/287), auto (164/287), nessun dipendente mensile (2 2 287), ha lavatrice (258/287), DVD o vcr (180/287), frigorifero (264/287) e congelatore (162/287).

Il blocco B si riferisce alle forme di trasmissione di alcune malattie. Per quanto riguarda la domanda “Quale o quale delle malattie descritte nella scheda può essere infettata da un insetto, come una zanzara o una zanzara?”, 42 (14,6%) gli studenti hanno riferito che le IST (AIDS, sifilide, epatite e gonorrea) possono essere trasmesse per puntura d’insetto; 250 (87,1%) studenti contrassegnati come “Dengue”; 168 (58,5%), l’opzione “Malaria”; 9 (3,1%), l’opzione “Nessuno di questi”; 10 (3,4%) gli studenti hanno lasciato l’interrogatorio vuoto.

Per quanto riguarda la domanda “Quale o quale delle malattie descritte nel grafico può essere infettata quando si utilizzano servizi igienici pubblici?” 50 (17,4%) gli studenti hanno contrassegnato l’opzione “AIDS”, 68 (23,7%), l’opzione “sifilide”, 50 (17,4%) l’opzione “epatite”, 8 (2,7%), l’opzione “dengue”, 10 (3,8%) l’opzione “malaria”, 134 (46,6%), l’opzione “gonorrea”, 38 (13,2%), l’opzione “nessuno di questi” e 27 (9,4%) gli studenti non hanno segnato.

Per quanto riguarda la domanda “Quale o quale delle malattie descritte nel grafico può essere infettata condividendo una siringa o un ago con gli altri?” 230 (80,13%) gli studenti hanno contrassegnato la voce “aids”, 57 (19,86%), la voce “sifilide”, 65 (22,64%), la voce “epatite”, 8 (2,78%), la voce “dengue”, 1 5 (5,22%), la voce “malaria”, 27 (9,40%), la voce “gonorrea”, 8 (2,78%), la voce “nessuno di questi” e 18 (6,27%) non ha puntato all’interrogatorio.

Nella domanda “Quali o quali malattie descritte nella scheda possono essere infettate non usando preservativi nei rapporti sessuali?” 256 (89,19%) gli studenti hanno contrassegnato la voce “Aids”, 138 (48,08%), la voce “Sifilide”, 16 (5,57%), la voce “Epatite”, 5 (1,74%), la voce “Dengue”, 2 (2 0,69%), la voce “Malaria”, 117 (40,76%), la voce “Gonorrea”, 4 (1,39%), la voce “Nessuno di questi” e 13 (4,52%) non ha segnato.

Per quanto riguarda la domanda “Per quale o quale delle malattie descritte nel grafico c’è una cura?” 14 (4,87%) gli studenti hanno indicato l’opzione “Aids”, 51 (17,77%), l’opzione “Sifilide”, 124 (43,20%), l’opzione “Epatite”, 219 (76,30%), l’opzione “Dengue”, 19 6 (58,88%), l’opzione “Malaria”, 112 (39,02%), l’opzione “Gonorrhea”, 10 (3,48%), l’opzione “Nessuno di questi” e 15 (5,22%) lasciato l’interrogatorio vuoto.

Dall’interrogatorio, gli studenti dovrebbero segnare se hanno accettato o non sono d’accordo con l’affermazione proposta. Nella dichiarazione 18 “Il rischio di trasmissione del virus dell’AIDS può essere ridotto se una persona fa sesso solo con un partner fedele e non infetto”, 155 (54,0%) gli studenti hanno contrassegnato l’opzione “D’accordo”; 93 (32,4%), l’opzione “Non è d’accordo”; 28 (9,8%), l’opzione “non lo sa” e 11 (3,8%) lasciato l’asserzione vuota.

Per quanto riguarda l’affermazione “Una persona dall’aspetto sano può essere infettata dal virus dell’AIDS”, 220 (76,7%) gli studenti hanno contrassegnato la voce “Accetta”; 26 (9,0%), la voce “Non è d’accordo”; 30 (10,5%), la voce “Non so” e 11 (3,8%) non hanno contrassegnato alcun elemento.

Per quanto riguarda l’affermazione “L’uso del preservativo è il modo migliore per impedire che il virus dell’AIDS venga trasmesso durante i rapporti sessuali”, 258 (90,0%) gli studenti hanno contrassegnato la voce “Accetta”; 11 (3,8%), la voce “Non è d’accordo”; 9 (3,1%), la voce “Non so” e 9 (3,1%) lasciato l’asserzione vuota.

Per quanto riguarda l’affermazione “Una persona può essere infettata dal virus dell’AIDS condividendo posate, bicchieri o pasti”, 68 (23,7%) contrassegnata l’opzione “Accetta”; 160 (55,8%), l’opzione “Non è d’accordo”; 50 (17,4%), l’opzione “Non so” e 9 (3,1%) lasciato vuota l’asserzione.

A proposito della dichiarazione “Una donna incinta che ha il virus dell’AIDS e riceve un trattamento specifico durante la gravidanza e al momento del parto diminuisce il rischio di passare il virus dell’AIDS al suo bambino”, 142 (49,5%) contrassegnato l’elemento “Accetta”; 60 (20,9%), la voce “Non è d’accordo”; 77 (26,8%), la voce “Non so” e 8 (2,8%) non hanno contrassegnato alcun elemento.

DISCUSSIONE

Dei 287 studenti che hanno risposto a questa indagine, la maggior parte apparteneva al genere maschile (51,2%). Uno studio simile, condotto Da Brêtas et al. (2009), ha anche trovato una predominanza di uomini. Questa leggera predominanza di maschi tra gli studenti delle scuole superiori adolescenti osservata in entrambi gli studi può essere correlata alla predominanza di tale genere anche nella fascia di età scolare dai 13 ai 17 anni (IBGE, 2015).

La maggior parte degli studenti ha riferito di avere 17 anni e l’età media era di 16,7 anni. Secondo i dati di IBGE 2015, gli studenti iscritti alle scuole pubbliche sono simili a quello trovati in questo studio, tra i 15 e i 17 anni. Si osserva che il numero di giovani iscritti alle scuole superiori in questa fascia di età era di circa l’80% del numero totale di giovani (BRASIL, 2013a).

Per quanto riguarda lo stato civile degli intervistati, la maggioranza si è dichiarata single (78,1%), corroborando i risultati di un altro studio (ARAGÃO et al., 2011). Questi dati possono essere correlati alla fascia d’età ancora giovane degli intervistati, che tendono ad avere la maggior parte dei single (IBGE, 2016).

Per quanto riguarda il livello di istruzione degli intervistati, predominavano coloro che frequentavano il liceo. Un contrappunto trovato nel questionario applicato è nella domanda – “Qual è il tuo livello di istruzione? “perché gli studenti intervistati hanno osservato l’assenza di un elemento che contemplava coloro che frequentano il terzo anno del liceo, e sono stati istruiti a contrassegnare l’opzione che più strettamente approssimava la loro serie di insegnamenti. La predominanza degli studenti che frequentano il liceo è dovuta al fatto che il target di riferimento di questa ricerca è nella fascia di età tra i 14 e i 21 anni (IBGE, 2015).

Uno dei punti riguarda il livello di istruzione dei genitori degli studenti. Nella distribuzione di questi livelli di istruzione vi è stata una leggera predominanza dei genitori con un’istruzione superiore completa (30,7%). Uno studio che valuta le conoscenze sulla sessualità di 1545 studenti ha trovato una distribuzione simile. Alla luce di queste informazioni, dovremmo pagare per l’aumento del numero di anni di scolarizzazione dei lavoratori brasiliani, che, secondo i dati diffusi dalla Fondazione Getúlio Vargas, nel 2017, c’è stato un aumento medio del 68% negli anni di scolarizzazione per gli strati più poveri della popolazione e un aumento del 10% per le classi più ricche tra il 2003 e il 2014 (CARVALHO et al. , 2017; PINTO, 2017).

Un altro elemento di questa ricerca ha chiesto il colore / razza degli studenti intervistati. Di questi, la maggioranza si è dichiarata marrone (48,8%). Questa scoperta è compatibile con gli ultimi studi pubblicati da IBGE in cui mostrano che la maggior parte dei brasiliani si dichiara marrone (46,8%). È possibile notare in queste informazioni che i dati della ricerca hanno seguito un cambiamento nella predominanza razza/colore evidenziato dal 2014, dove è stato osservato l’aumento del numero di brasiliani che si sono dichiarati neri e marroni, promuovendo un calo di coloro che si sono dichiarati bianchi (IBGE, 2014; 2017).

Per quanto riguarda la domanda “se avessero religione”, il 73,5% degli studenti ha risposto “sì”, mentre il 23,0% di loro ha risposto “no” e l’attuale religione maggioritaria (37,3%) è stato il cattolicesimo, seguito dalla religione evangelica (36,6%). Il crescente numero di coloro che dichiarano di non avere religione può essere spiegato dal fatto che sia le religioni cattoliche che quelle evangeliche continuano a criticare lo sfostiamento dell’attività sessuale al matrimonio o alla fecondità, nonostante riconoscano i profondi cambiamenti vissuti nelle sfere della religione e della sessualità. È possibile notare che le chiese tendono a utilizzare strumenti punitivi per garantire che i loro giovani non inizino la loro vita sessuale prematrimoniale (come la perdita di prestigio o leadership all’interno della chiesa) e possano così rimuovere gli adolescenti dalle loro religioni (COUTINHO e RIBEIRO, 2014).

Nelle voci che mettevano in discussione l’attuale occupazione dell’intervistato e quale sia la ragione principale per cui attualmente non lavorano, è possibile percepire una chiara difficoltà di risposta da parte degli studenti, perché hanno segnato opzioni incompatibili con la loro fascia d’età e il loro livello di istruzione. Questo tipo di difficoltà è giustificato dal fatto che l’esistenza di un elenco predeterminato di opzioni nelle interviste sotto forma di questionari con risposte “chiuse” può creare la tendenza a scegliere una o più categorie (opzioni) senza che l’intervistato rifletta effettivamente sull’argomento (JUNIOR, 2005).

Per quanto riguarda il secondo blocco di domande, dei 287 studenti intervistati, solo il 14,63% (grafico 11) ha riferito che le IST (AIDS, sifilide, epatite e gonorrea) possono essere trasmesse per puntura d’insetto, il che significa che la maggior parte (85,36%) allontana il termine “STIs” dalle malattie trasmesse dalle zanzare. In uno strudo, è stato scoperto che la maggior parte degli studenti sapeva come definire adeguatamente le STI come una malattia a trasmissione sessuale (GENZ et al., 2017). Questo risultato è possibile perché dagli anni ’90 ci sono state proposte di innovazione nell’istruzione di base brasiliana, dall’introduzione di temi trasversali, come l’orientamento sessuale. (SILVA, 2008).

Tuttavia, nell’analisi dell’interrogatorio sulla trasmissibilità di alcune STI quando si utilizza il bagno pubblico, il 46,68% ha contrassegnato l’opzione “gonorrea”, dimostrando che quasi la metà degli studenti, nonostante la conoscenza concettuale del termine “STI”, ha convinzioni sulle forme di contagio di alcune infezioni sessualmente trasmissibili. Brêtas et al. (2009), lo ha scoperto nel suo studio, in cui un’ampia percentuale di adolescenti non conosce alcuna forma di trasmissione delle STI. La presenza di alcuni miti può essere giustificata perché, secondo Beserra et al. (2008), le informazioni sulle relazioni sessuali sono più spesso discusse tra i giovani stessi; e tali informazioni sono solitamente portate dai media e male interpretate.

Sempre sulle modalità di infezione, si dovrebbe pagare al fatto che la maggior parte degli studenti (80,13%) ha sottolineato che l’AIDS può essere trasmesso condividendo una siringa o un ago con altri, dimostrando che molti conoscono altri modi. La maggior parte degli adolescenti intervistati sapeva di questa forma di trasmissione (NADER et al., 2009). Sulla base di questi dati, si può vedere, quindi, che gli adolescenti, nonostante alcune conoscenze, hanno ancora dubbi e incertezze sul tema (AMORIM e MAIA, 2012).

Circa la possibilità di infezione dal mancato uso di preservativi, c’erano discrepanze nella conoscenza delle STI elencate, quasi il 90% degli studenti ha risposto all’AIDS, ma meno della metà degli studenti ha riferito di sifilide, gonorrea ed epatite, dimostrando che molti non sono a conoscenza di altre infezioni sessualmente trasmissibili oltre all’AIDS. Nelle scuole pubbliche di Rio Claro, SP, meno del 10% degli studenti ha parlato di epatite, poco più del 20% ha citato gonorrea e sifilide (SILVA, 2015). Questo risultato può essere giustificato dal fatto che dagli anni ’80 l’AIDS è stato visto come un’epidemia in Brasile e, in questo contesto, le politiche pubbliche su queste STI sono più elevate (BRASIL, 2015).

Interrogato sulla cura di alcune malattie, quasi il 40% non era a conoscenza della cura della gonorrea, oltre il 40% ha classificato l’epatite come curabile e solo il 4,87% ha riportato l’AIDS, dimostrando che le conoscenze tra le STI variano tra gli studenti, con predominanza di certezze sull’AIDS. Brêtas et al. (2009), ha avuto un risultato diverso, i suoi studenti conoscevano principalmente la gonorrea come STI curabili, seguite da sifilide ed herpes. La differenza di conoscenza tra la popolazione studia di Brêtas et al. (2009) e questa ricerca può essere giustificata dal fatto che nella regione settentrionale l’accesso alle informazioni potrebbe essere più scarso rispetto al sud-est del paese (BRASIL, 2014).

Due domande sono collegate nella ricerca (grafici 16 e 18), perché valutano il rischio di trasmissione del virus dell’AIDS da parte di un partner fedele e l’uso del preservativo. Poco più della metà degli studenti (54%) concorda sul fatto che il partner fedele e non infetto riduce il rischio di infezione e quasi il 90% (258) degli studenti concorda sul fatto che i preservativi sono il modo migliore per impedire che il virus venga trasmesso nei rapporti sessuali. Questi risultati sono confrontati in uno studio in cui più della metà (66%) degli adolescenti intervistati non ha utilizzato il preservativo, pur avendo la conoscenza delle forme di trasmissione, giustificando: “già conoscendo il partner”, “essendo sposati”, “partner fisso”, cioè, nonostante le conoscenze, si sono ancora sottoposti al rischio a causa di fattori legati al partner (CANO et al., 2007).

Questa ricerca ha dimostrato che il 23,34% degli studenti non è a conoscenza del fatto che una persona dall’aspetto sano possa essere infettata dal virus HIV. In Brasile, si stima che 600.000 persone convivano con il virus o abbiano già sviluppato l’AIDS (SANTOS et al., 2012). Uno studio ha ottenuto un risultato simile (26,8%), in cui gli intervistati non erano a sapere se una persona infetta avesse sintomi apparenti. Pertanto, si ritiene che le conoscenze in materia tra i giovani sono ancora scarse quando si studia in modo approfondito sugli stimmi sociali legati all’AIDS, ed è necessario investire in contenuti di qualità sull’argomento (NADER et al., 2009).

Un’altra domanda riguardava la trasmissione da posate, bicchieri e pasti. Oltre il 40% era d’accordo con questo rischio o non sapeva a cosa rispondere (grafico 19). Un altro studio ha dimostrato che il 20% degli intervistati ha riferito che si tratta di possibili fonti di contaminazione (NADER et al., 2009). Il fatto è che non esiste un rischio reale di infezione da contatto con la saliva, poiché contiene proteine e una bassa quantità di sale in grado di neutralizzare il virus (FREITAS et al., 2017).

Un altro punto importante riguarda la possibilità che una donna sottoposta a un trattamento specifico durante la gravidanza e il parto diminuisca le possibilità di trasmettere il virus hiv a suo figlio, circa il 47% non era d’accordo o non poteva rispondere (grafico 20). Jordan et al. (2016), ha ottenuto un risultato simile in uno studio condotto con donne incinte, in cui il 45,8% non era a conoscenza della possibilità di assumere un farmaco in grado di impedire la trasmissione del virus dell’AIDS da una donna incinta infetta al loro bambino. In questo contesto, si percepisce che vi è un declino della conoscenza della popolazione giovane e adulta quando si tratta di trasmissione verticale (JORDÃO et al., 2016).

CONCLUSIONE

La maggior parte dei partecipanti ha già avuto contatti con il termine STI; tuttavia, ha ancora credenze sulle sue forme di trasmissione. Questi risultati mostrano l’importanza di investire nell’educazione sessuale degli adolescenti, in quanto sono il principale obiettivo di età della vulnerabilità delle STI. Tale insegnamento dovrebbe essere orchestrato a livello di comprensione di questi giovani, rendendoli consapevoli del diritto di scegliere con la cura della loro salute.

Queste informazioni possono essere dimostrate, perché dagli anni ’80 molti investimenti nelle politiche pubbliche e nei social media sull’AIDS hanno fornito maggiori conoscenze in relazione ad altre STI. Molti non sono ancora a conoscenza dello stesso rischio per altre infezioni sessualmente trasmissibili come sifilide, epatite e gonorrea. A sottolineare la necessità di affrontare la sessualità con un aspetto più naturale e positivo della vita umana, fornendo la libera discussione di norme e modelli di comportamento e il dibattito degli atteggiamenti delle persone nei confronti del sesso e della sessualità stessa, sottolineando le discussioni sulle forme di trasmissione e contagio delle IST.

RIFERIMENTI

ALVES, G. C.  et al. Frequency of AIDS cases Identified in Brazil between 2012 and 2016. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento, v. 03, p. 37-44,  2019.

AMORIM, R. M.; MAIA, A. C. B. Sexualidade na adolescência: dúvidas de alunos de uma escola pública. Revista Ibero-Americana de Estudos em Educação, v. 07, n. 04, p. 95 – 106,  2012.

ARAGÃO, J. C. S.; LOPES, C. S.; BASTOS, F. I. Comportamento Sexual de Estudantes de um Curso de Medicina do Rio de Janeiro. Revista Brasileira de Educação Médica, v. 35, n. 03, p. 334-340,  2011.

ARAUJO, D. S.  et al. Práticas de sexo seguro e prevenção de DST/AIDS: Conhecimento de jovens recém-ingressos em uma instituição de ensino superior. Revista de Enfermagem da UFPI, v. 01, n. 01, p. 56-63,  2012.

BESERRA, E. P.  et al. Adolescência e Vulnerabilidade às Doenças Sexualmente Transmissíveis: Uma Pesquisa Documental. DST – Jornal Brasileiro de Doenças Sexualmente Transmissíveis, v. 20, n. 01, p. 32-35,  2008.

BRASIL. LEI Nº 11.274, DE 6 DE FEVEREIRO DE 2006. Brasilia DF: Presidência da República Casa Civil. LEI Nº 11.274 2006.

______. Pesquisa de Conhecimentos, Atitudes e Práticas na População Brasileira (Série G. Estatística e Informação em Saúde). Brasília: Ministério da saúde.  : 126 p. 2011.

______. ESTATUTO DA CRIANÇA E DO ADOLESCENTE.  Brasilia DF: Edições Câmara, 2012. 207.

______. EDUCAÇÃO BRASILEIRA: INDICADORES E DESAFIOS DOCUMENTO DE CONSULTA.  Brasília DF: MINISTÉRIO DA EDUCAÇÃO, 2013a.

______. Relatório educação para todos no Brasil 2000-2015. Brasília DF,  2014.  Disponível em: < http://portal.mec.gov.br/index.php?option=com_docman&view=download&alias=15774-ept-relatorio-06062014&category_slug=junho-2014-pdf&Itemid=30192 >. Acesso em: 10 de setembro 2018.

______. Boletim Epidemiológico HIV/AIDS. Brasília DF: Ministério da Saúde: 96 p. 2015.

BRÊTAS, J. R. D. S.  et al. Conhecimento sobre DST/AIDS por estudantes e adolescentes. Rev. esc. enferm. USP v. 43, n. 03, p. 551-557,  2009.

BUENO, I.  et al. Doenças sexualmente transmissíveis: informação e prevenção na adolescência. Ciência, reflexividade e incertezas – XVII Seminário Interinstitucional de ensino, pesquisa e extensão. Cruz Alta RS: UNICRUZ 2012.

CAMARGO, E. Á. I.; FERRARI, R. A. P. Adolescentes: conhecimentos sobre sexualidade antes e após a participação em oficinas de prevenção. Ciência & Saúde Coletiva, v. 14, n. 03, p. 937-946,  2009.

CANO, M. A. T.  et al. O conhecimento de jovens universitários sobre AIDS e sua prevenção. Revista Eletrônica de Enfermagem, v. 09, n. 03, p. 748 – 758,  2007.

CARLETO, A. P.  et al. Conhecimentos e Práticas dos Adolescentes da Capital de Mato Grosso quanto às DST/Aids. DST – J bras Doenças Sex Transm, v. 22, n. 04, p. 206-211,  2010.

CARVALHO, C. P.  et al. Conhecimentos sobre sexualidade: Construção e validação de um instrumento de avaliação para adolescentes em contexto escolar. Revista Portuguesa de Educação, v. 30, n. 02, p. 249-274,  2017.

COUTINHO, R. Z.; RIBEIRO, P. M. Religião, religiosidade e iniciação sexual na adolescência e juventude: lições de uma revisão bibliográfica sistemática de mais de meio século de pesquisas. Revista Brasileira de Estudos da População, v. 31, n. 02, p. 333-365,  2014.

FREITAS, R.; CAMPOS, M. J.; ROCHA, M. Rastreio da infeção pelo VIH e riscos de transmissão sexual.  Lisboa PT: GAT, 2017. 60 p.

GENZ, N.  et al. Doenças Sexualmente transmissíveis: Conhecimento e comportamento sexual de adolescentes. Texto Contexto Enfermagem, v. 26, n. 02, p. 1-12,  2017.

IBGE. Censo 2010. Rio de Janeiro RJ,  2014.  Disponível em: < http://www.ibge.gov.br/home >. Acesso em: 29 Dezembro de 2016.

______. Pesquisa Nacional de Saúde do Escolar, Amostra 2. Rio de Janeiro RJ,  2015.  Disponível em: < http://www.ibge.gov.br/home >. Acesso em: 10 de setembro 2018.

______. Estatísticas do Registro Civil. Rio de Janeiro RJ,  2016.  Disponível em: < http://www.ibge.gov.br/home >. Acesso em: 10 de setembro 2018.

______. Pesquisa das Características Étnico-raciais da População. Rio de janeiro RJ,  2017.  Disponível em: < http://www.ibge.gov.br/home >. Acesso em: 10 de setembro 2018.

JORDÃO, B. A.  et al. Conhecimento da gestante sobre o HIV e a transmissão vertical em São José do Rio Preto, São Paulo, Brasil. Revista Brasileira de Pesquisa em Saúde, Vitória, v. 18, n. 02, p. 26-34,  2016.

JUNIOR, P. R. D. O. B. Elicitação de requisitos de software através da utilização de questionários. 2005. 87 (Mestrado). Pós-graduação em Informática, PUC, Rio de Janeiro RJ.

MAROLA, C. A. G.; SANCHES, C. S. M.; CARDOSO, L. M. Formação de conceitos em sexualidade na adolescência e suas influências. Psicologia da Educação, v. 33, n. 02, p. 95-118,  2011.

NADER, S. S.  et al. Juventude e AIDS: conhecimento entre os adolescentes de uma escola pública em Canoas, RS. Revista da AMRIGS, v. 53, n. 04, p. 374-381,  2009.

OLIVEIRA, D. C. D.  et al. Conhecimentos e Práticas de Adolescentes acerca das DST/HIV/AIDS em duas Escolas Públicas Municipais do Rio de Janeiro. Esc Anna Nery Rev Enferm, v. 13, n. 04, p. 833-841,  2009.

PINTO, I. F. D. A. Educação e desigualdade de renda no Brasil. 2017. 54 (Mestrado). Escola Brasileira de Economia e Finanças, FGV, Rio de Janeiro RJ.

SANTOS, A. T. O.  et al. Novos avanços relacionados ao HIV/AIDS. Revista Enfermagem Contemporânea, v. 01, n. 01, p. 80-102,  2012.

SILVA, L. R. G. A política educacional e a orientação sexual nas escolas. Revista Eletrônica de Política e Gestão Educacional, n. 5,  2008.

SILVA, R. Quando a escola opera na conscientização dos jovens adolescentes no combate às DSTs. Educ. rev. [online], v. 57, p. 221-238,  2015.

UNAIDS. Estatísticas. Brasília DF,  2019.  Disponível em: < https://unaids.org.br/estatisticas/ >. Acesso em: 08 setembro 2019.

UNFPA. Direitos da população jovem: Um marco para o desenvolvimento.  Brasília DF: UNFPA, 2010. 126p.

WHO. Adolescente Development.  2016.  Disponível em: < http://www.who.int/maternal_child_adolescent/topics/adolescence/dev/en/ >. Acesso em: 11 dezembro 2016.

[1] Residente in Clinica Medica (OSPEDALE OPHIR LOYLA), Belém, PA.

[2] Residente in Medicina Clinica (OSPEDALE UNIVERSITARIO DI SERGIPE), Aracajú, SE.

[3] Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Istituto federale di Amapá (IFAP), campus macapá, AP. Professore e Ricercatore nel Corso di Laurea in Formazione Professionale e Tecnologica (ProfEPT), IFAP, Campus di Santana, AP.

[4] Master in Scienze dell’Insegnamento e della Salute. Professore e ricercatore presso l’Università Federale di Amapá (UNIFAP), campus Macapá, AP.

[5] Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA), Campus Castanhal, PA.

[6] Teologo, PhD in Psicoanalisi Clinica. Si occupa da 15 anni di Metodologia scientifica (Metodo di ricerca) nell’orientamento alla produzione scientifica per studenti di master e dottorandi. Specialista in Ricerche di Mercato e Ricerche Sanitarie Dottorando in Comunicazione e Semiotica (PUC SP).

[7] Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA), Campus Belém, PA.

[8] Dottorato di ricerca in Malattie Tropicali (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Università Federale di Amapá (UNIFAP), campus di Macapá. Professore e ricercatore presso il Corso di Laurea in Scienze della Salute (UFPA). Prorettore per la ricerca e gli studi universitari presso l’Università federale di Amapá (UNIFAP).

Presentato: Dicembre 2020.

Approvato: Dicembre 2020.

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here