Trasfusione di sangue: il paziente/donatore caso Cuiabá-MT

0
2970
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

BARRETO, Genesson dos Santos [1]

BARRETO, Genesson dos Santos. Trasfusione di sangue: il paziente/donatore caso Cuiabá-MT. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1. Vol. 8. pp. 276-314. Settembre 2016. ISSN. 2448-0959

RIEPILOGO

Scopo di questo studio è analizzare la trasfusione di sangue in tutte le sue fasi. Indirizzamento da procedure precedenti la donazione, attraverso l'analisi del materiale, separazione e selezione, scelta di ricevitori fino la trasfusione. In questo modo, Cerca Visualizza, sensibilizzare l'opinione pubblica e aumentare la consapevolezza circa l'importanza grande del soggetto.

Parole chiave: trasfusione di sangue, emoderivati, reazioni di trasfusione di sangue.

Introduzione

La prima trasfusione di sangue è stata effettuata su animali nel XVII secolo da Richard Lowoer, Oxford. Due anni più tardi, Jean-Baptiste Denis, medico e professore di matematica, ha tenuto un'infusione di sangue in un malato mentale. A quel tempo, le trasfusioni sono state heterólogas e difesero con l'argomento che il sangue animale era che meno contaminato di vizi e passioni. (GINGERICH, 1986).

Nel 1788, Pontick e Landois, dopo diversi tentativi falliti, ottenuto risultati positivi eseguire trasfusioni omologhe (tra animali della stessa specie), giungendo alla conclusione che potrebbe essere utile. Nel 1818, James Blundell eseguita la prima trasfusione di sangue in donne con le emorragie post-partum. (UNITAS et al., 1985)

Alla fine del XIX secolo, gli scienziati sono ancora alla ricerca con reazioni trasfusionali e problemi con la coagulazione del sangue. La prima trasfusione ha preceduto il completamento della compatibilità test è stato condotto nel 1907, da Reuben Ottenber. (GINGERICH, 1986)

Nel 1914, Hustin impiegato sodio citrato e destrosio come soluzione anticoagulante e diluente per trasfusioni e, l'anno seguente, Lewisohn ha determinato il quantitativo minimo per l'anticoagulazione. Nel 1936, la prima banca del sangue è emerso a Barcellona durante la guerra civile spagnola. (SCHOMOTZER et al., 1985)

Nel XX secolo, è stato firmato lo stato di avanzamento delle trasfusioni di sangue attraverso la scoperta del sistema ABO e l'identificazione del fattore Rh, il lavoro scientifico di anticoagulanti, migliorare la raccolta e infusione e le controindicazioni. (HOSGOOD, 1990)

In Brasile, la 40, viene fornito il servizio STS (servizio di trasfusione di sangue) per sviluppare attività scientifiche e sociali. Alla fine di questo decennio, è promosso il I Congresso Paulista di emoterapia, che fornì le basi per la Fondazione della società brasiliana di Ematologia ed emoterapia. Nel 1965, il Ministero della salute crea la falegnameria nazionale per stabilire le norme per la donazione e la ricezione del sangue. (JUNQUEIRA, 2005)

Negli anni 80, la creazione del sangue nazionale politica, la donazione disinteressata del sangue del SBHH e la costituzione del 1988 ha dato un'altra dimensione per il brasiliano che stabilisce norme per organizzare la donazione di sangue di ematologia, ora controllati e finanziati dallo stato. (JUNQUEIRA, 2005)

Attualmente, la trasfusione di sangue è uno dei cinque più procedure eseguite nel mondo e la tua ricetta è fatta per il 10% di tutti i pazienti ospedalizzati. (Procedimento del vertice nazionale su un uso eccessivo, 2013)

Secondo il Ministero della sanità, circa 3.500.000 di unità di sangue sono raccolti annualmente in Brasile. Presto, la più grande sfida è aumentare la donazione, perché i donatori rappresentano solo l'1,7% della popolazione brasiliana. (LUDWIG, 2005).

Ancora, il sangue le trasfusioni sono modernizzate e loro metodologie più penetranti. I problemi comuni in passato sulla questione della mancanza di conoscenze sui sistemi ABO, tranfusionais contaminazione e conservazione dei problemi di sangue portato che attualmente vengono gestiti dalla modernizzazione del processo. L'ordinamento e la separazione di prodotti sanguigni, oggi, in Brasile con un livello tecnologico molto avanzato e questo è equilibrato con il problema della domanda: mancanza di donatori di sangue. Oltre a questa difficoltà, problema epidemiologico delle malattie come zika e conflitti sociali religiosi influenzare dalla trasfusione della raccolta del sangue dovuta hemocomponents.

Pertanto, questo lavoro si propone di affrontare dalle precondizioni per la donazione, la lavorazione del sangue donato per l'infusione nel paziente. Inoltre, conoscenza circa l'uso di emoderivati in trasfusione di sangue.

2. Prerequisiti

Anche se i requisiti di base per la donazione di sangue per hemocentro hemocentro causa variano da vostri requisiti e normative, ci sono una serie di condizioni per una donazione di sangue è efficiente e non danneggi il donatore e del ricevente. La banca Fundação Pró-Sangue-blood di São Paulo è un riferimento in America Latina e ha grande credibilità nelle loro azioni. Di conseguenza, in questo studio, abbiamo usato i "requisiti fondamentali per la donazione" sul sito Web della Fondazione. Tali requisiti sono classificati: base, temporaneo e definitivo. Quelli di base sono: essere in buona salute; hanno tra i 16 ei 69 anni, poiché la prima donazione è stata fatta per i 60 anni; pesare almeno 50 kg; essere riposati; essere alimentato (evitare cibi grassi a priori di 4 ore alla donazione); inviare documenti originali rilasciati dall'organo ufficiale. Come: temporanea freddo; temperatura corporea; medicinali la cui sospensione è maggiore di 48 ore; gravidanza; 90 giorni dopo la consegna vaginale e 180 giorni dopo taglio cesareo; allattamento al seno; l'ingestione di bevande alcoliche in 12 ore di base la donazione; Tatuaggio e trucco permanente; situazioni in cui c'è maggiore rischio di contrarre malattie sessualmente trasmesse; negli Stati dove c'è la più alta prevalenza di Malaria negli ultimi 12 mesi (AC, AM, RO e MT) e qualsiasi esame endoscopico (ad es., colonscopia). E infine gli impedimenti definitivi sono basati su: test positivo per l'HIV; epatite, test dopo i 10 anni di età; avendo già presentato la malaria; hanno chagas ' malattia; hanno presentato alcuni tipi di cancro; coagulazione problemi; uso di insulina; hanno elefantiasi; è sottoposto a trapianti d'organo e avere la lebbra. (PRÓ-SANGUE, 2016).

3. Procedura di donazione

Dopo è necessario soddisfare i prerequisiti, il donatore viene trasferito alla "Procedura di donazione" che determinano se l'individuo è in buona salute, esente da malattie che possono essere trasmesse attraverso donazioni di sangue e se egli è in grado di tollerare la procedura senza complicazioni (TECNICO di EMATOLOGIA, 2013). Tali passaggi includono: registrazione, Anemia, segni vitali e peso, l'ordinamento, Auto Elimina voto, raccolta, spuntino. Il Record è dove il paziente riferisce sui vostri dati per record di donazione di sangue per quanto riguarda possibili future donazioni. Inoltre, il donatore riceve in genere un numero di identificazione. Il test di Anemia restituisce il candidato dell'emoglobina di livello solitamente dal polpastrello, raccogliendo così l'ematocrito (Ht) o la concentrazione di emoglobina (Hb) i cui valori sono Hb: 12,5 g/dl o Ht: 38%. In una sequenza saranno valutati i segni vitali, frequenza cardiaca, pressione sanguigna e infine il peso. È durante la clinica di Screening che il candidato risponde ad un colloquio privato e confidenziale, allo scopo di valutare i rischi per lui o per il ricevitore. L'eliminazione di votazione in cui il paziente può apportare un'opzione affinché il tuo sangue è donato. Secondo Eugenia Maria (tecnico su FALEGNAMERIA, 2013) è un meccanismo di efficacia discutibile, solitamente utilizzato dai donatori per valutare sono omessi fatti importanti nell'intervista che potrebbe compromettere la sicurezza delle donazioni di sangue. Il passo successivo è la raccolta stessa, in cui usando un ago sterile monouso è raccolti 450 mL di sangue per i test necessari. E, infine, viene offerto che uno snack dovrebbe essere consumato nella mensa dell'insieme.

4. Cura dopo la donazione

È istituito la ANVISA e del Ministero della salute che la cura"pós-doação" è precisamente che la salute del donatore al fine di garantirne l'integrità, anche se non c'è nessuna trasfusione privo di rischio. Tali cure sono basate su rilassarsi e rimanere seduti per evitare vertigini e stordimento; insieme è dato uno spuntino per il donatore di alzare la glicemia e per la sostituzione della perdita netta. (MS ORDINANCE n ° 1.353).

5. strategie per la riduzione delle trasfusioni di sangue

È contemplato che la responsabilità tecnica per i servizi di emoterapia, preferibilmente ematologo/Haemoteraphists, che avrà tra le sue responsabilità la determinazione dell'adeguatezza delle indicazioni di trasfusione di sangue e componenti all'interno della loro istituzione (MANUALE D'USO RAZIONALE di SANGUE, 2011). Inoltre, si consiglia di che il mettere in discussione la necessità di trasfusioni elettive e considerare l'utilizzo di strategie e farmaci che possono ridurre o eliminare l'uso di sostanze chimiche. Queste "strategie per la riduzione delle trasfusioni di sangue" sono costituiti dalla razionalizzazione di attrezzature ospedaliere come le arterie "linee" all'utilizzo di farmaci con scopi diversi per l'anemia e i fattori di coagulazione attivo. Azambuja (apud METODI ALTERNATIVI alla TRASFUSIONE di SANGUE, 2013) le trasformazioni etiche, morali e legali sono in progresso scientifico e tecnico degli ultimi anni che ha portato nuove pratiche in situazioni sanitarie, modificando il rapporto professionale con il cliente al fine di guidare i doveri e obblighi morali e più rispetto per l'autonomia. Una di queste strategie è:

  • Ridurre i campioni di sangue per le prove di laboratorio

Analizzare la necessità della richiesta di sangue, dare la priorità all'uso di medicinali che richiedono il minor numero di campioni di sangue nel corso del trattamento (ex: anticoagulante eparina-an).

  • Razionalizzare l'utilizzo delle linee arteriose

Giudiziosamente analizzare la necessità di utilizzare eventuali linee arteriose (sottili cateteri inseriti nelle arterie di gas del sangue).

  • Ottimizzare la cura del paziente con emorragia acuta

Abbreviare il tempo fra l'assunzione del paziente ed il relativo trattamento chirurgico, in aggiunta all'utilizzo preferibilmente cristalloidi come soluzione fisiologica per espansione di volume (previene la colabação nave dovuta all'emorragia).

5.1 uso di agenti emostatici e anfibrinolíticos

L'uso della desmopressina: analogo della vasopressina sintetica. Il suo meccanismo di aumenti di azione livelli di Von Willebrand factor e fattore VII, incoraggiando l'omeostasi. Esso riduce il tempo di sanguinamento in pazienti con disfunzione piastrinica associata all'uso di farmaci anti-infiammatori-estereoidais.
Le indicazioni stradali sono in casi complessi di cardiochirurgia e l'emofilia di tipo A (emofilia B non ha alcuna indicazione, perché non ha alcun effetto sul fattore IX).

5.2. Uso dell'eritropoietina, Ferro e vitamina B12

L'eritropoietina dell'ormone è prodotto dal rene ed è il principale regolatore della produzione di globuli rossi. Può essere utile in alcuni tipi di anemia. L'uso di ferro è anche indicato per il trattamento dell'anemia e della vitamina B12 può causare un tipo di anemia, come partecipa alle divisioni cellulari delle fasi degli eritrociti nucleati.

Anche se in fase di studi, secondo il sito di GLOBO, un sangue "sintetico" può essere testati nel 2017. Un sangue è costituito da cellule staminali ottenute da cordone ombelicale. "La proposta è che questo sangue per fornire trattamento specializzato per gruppi specifici di pazienti" (NICK WATIKINS-NHS, 2016). Ci saranno prove per il rilascio di reazioni avverse trasfusionali. (Il GLOBO, 2016)

6. Richiesta delle donazioni di sangue

Tutte le trasfusioni di sangue o componenti devono essere prescritti da un medico e devono essere registrati nella cartella clinica del paziente (ORDINANZA n. 1353 del 13/06/11). L'Università ospedale Julius Muller di Cuiabá segue che questi standard richiedono anche che il modulo deve recare la Hemocomponente richiesto, come pure i risultati di laboratorio che giustificano l'indicazione di tali. Conformemente al diritto applicabile Art. 106, le modalità di trasfusione sono: programmato (dato il tempo); di routine (se raggiungere entro le 12:00); di urgenza (se si esegue una delle 03:00) e di emergenza, quando il ritardo di trasfusione può causare pericolo per la vita del paziente. (TRANFUSIONAL PRIMER-HUMG, 2016). Il medico richiedente riempie un modulo APAC – ad alta complessità procedure permesso–avanti alla banca del sangue. In caso di emergenza, questo modulo non è compilato, tuttavia sono ancora presenti come termine di responsabilità sia il medico che il paziente determinati requisiti e pre-trasfusione (compatibilità ABO) deve essere presentata (TRANFUSIONAL-HUJM AGENZIA, 2003).

7. Donazione di sangue e il Virus di Zika

Attualmente, sono stati troppo nel virus di Zika e delle sue complicanze. Anche se gli studi circa sono in fase di sviluppo, un paziente è stato infettato dal virus tramite trasfusione di sangue nel mese di dicembre dello scorso anno (il globo, 2015). La circolazione del virus è stata confermata mediante un test chiamato biotecnologia alta cella PCR. In questo presente anno 2016, Francia ha rafforzato la donazione di sangue a causa del virus. Il paziente da una regione infetta non può donare sangue entro un periodo di 28 giorni. Tuttavia, ulteriori studi sono necessari per valutare la reale efficacia, impostando la sieroprevalenza della loro trasmissione attraverso trasfusione di prodotti sanguigni e determinare la capacità di generare una reazione nel ricevitore (NOTA TECNICA – ANVISA, 2015). La stessa nota è informata che i candidati per la donazione di sangue sono stati infettati dal virus di Zika in Brasile, dopo la clinica e diagnosi di laboratorio, dovrebbe essere considerato inadatto per un periodo di 30 giorni dopo il recupero completo.

8. Il problema dei testimoni di Geova

Un'altra situazione di stallo sulla questione della trasfusione di sangue è relativo ai testimoni di Geova. Anche se etichettare che religione non utilizza sangue e c'è ancora un forte etnocentrismo religioso nel paese, c'è un certo rapporto di flessibilità tra prospettive pure. Il Consiglio federale di medicina costituisce una certa condotta dal medico a fronte di rifiuti sulla trasfusione di sangue, tuttavia si compone di rispetto della volontà del paziente, purché non vi sia alcun rischio imminente di vita. Anche timido, molte comunità medica riconosce il diritto del paziente di rifiutare determinati trattamenti medici (LEIRIA, 2004). Avere il paziente un testimone di Geova, in piccola parte, utilizzando metodi "senza sangue" presenti oggi. L'interpretazione viene modificato nel tempo con l'emergere di nuove tecniche in medicina. Il fatto è che molti medici sono ignari che i testimoni di Geova tollerano vari trattamenti che coinvolgono il sangue; non si accettano i prodotti del sangue (globuli bianchi, globuli rossi, plasma e piastrine) memorizzati da altri individui; per quanto riguarda il sangue prodotti (piccole frazioni) sono considerati come non sono considerati sangue (anima) sulla dottrina (AZAMBUJA, 2010). La questione è però, rilassata nell'accordo reciproco. Inoltre, a fronte di modernità le interpretazioni bibliche sono molteplici, e spesso il paziente trasporta le proprie convinzioni e si stabilisce restrizioni religiose.

7. Sistema sangue ABO

Nella prima metà del XX secolo, il ricercatore austriaco Karl Landsteiner (premio Nobel nel 1930) trovato differenze nel sangue di esseri umani-chiarire le morti avvenute dopo le trasfusioni di sangue. La mancata corrispondenza prima ricorrente, tra donatore e ricevente se la reazione immunitaria tra le sostanze presenti nel plasma sanguigno e il rosso del sangue le cellule. Questa reazione, a sua volta, si caratterizza come agglutinazione (ragruppare) dei globuli rossi-che bloccherà, pertanto, i capillari. Le porzioni di grumi di sangue ha sofferto da determinati antigeni, in globuli rossi, noti come aglutinogênios (A e B) mentre aglutinadoras sostanze del plasma sono state chiamate agglutinine (anti-a e anti-b). (Istituto di EMATOLOGIA, 2015)

Gli antigeni determinanti (accumulo di glicosfingolipidi successive), in questo caso, residui terminali si trovano in carboidrati che esistono nelle cellule e nelle secrezioni. Questi sono sintetizzati da specifici enzimi, che catalizzano le reazioni di transglicolização e sono a livello del locus ABO (braccio lungo del cromosoma 9). (BATISSOCO & NOVARETTI, 2003)

Alleli multipli (tre geni situati sul braccio lungo del cromosoma 9, come è stato detto sopra) determinare il tipo di sangue in esseri umani. Essi sono: IA, IB e io. Genotipo di sangue è data da una coppia di questi alleli. Essendo IA e IB dominante in relazione a (i), ma non mostrano dominanza tra di loro. L'individuo riceve un gene paterno e l'altro. In questo modo, un paio di ipotetico in cui il genitore ha il fenotipo di sangue di tipo O e sua madre ha sangue di tipo B fenotipo non può avere figli con il fenotipo di tipo A, perché non c'è nessun gene IA – che deve essere presente alla pari o accompagnata da (i) un individuo con questo personaggio. (BATISSOCO & NOVARETTI, 2003)

Genotipo Fenotipo
Il IAIA o IAi
(B) IBIB o IBi
AB IAIB
Il II

Tabella 9.1: relazione tra i genotipi e fenotipi del sangue sistema ABO.

9.1. Aglutinogênios

Aglutinogênios (A e B) corrispondono agli antigeni (sostanze in grado di avviare una risposta immunitaria) presenti sulla superficie dei globuli rossi, con conseguente fenotipo di sangue di un individuo. (JUNQUEIRA & CARNEIRO, 2008)

9.2 le agglutinine

Agglutinine fredde (anti-a e anti-b) corrispondono a IgM anticorpi di classe (proteine utilizzate dal sistema immunitario per identificare gli antigeni presenti nei corpi estranei e quindi neutralizzarli) trovano nel plasma sanguigno. (JUNQUEIRA & CARNEIRO, 2008)

9.3. Tipi di sangue

La conoscenza del tipo di sangue del paziente è, in molti casi, informazioni estremamente importanti per gli operatori sanitari-perché è insito al successo di una trasfusione di sangue. (COLSAN-ASSOCIAÇÃO BENEFICENTE RACCOLTA DEL SANGUE, 2013)

R: gruppo sanguigno può donare componenti delle cellule rosse per gli individui con lo stesso tipo e per gli esseri umani con tipo AB; e ricevere, inoltre, i donatori possono ricevere prodotti sanguigni di individui di tipo (HOFFBRAND & MOSS, 2013) l'individuo è portatore del genotipo genotipo IAIA o IAi. (COLSAN-ASSOCIAÇÃO BENEFICENTE RACCOLTA DEL SANGUE, 2013)

B: tipo di sangue può donare cellule componenti per gli individui con lo stesso tipo o di tipo AB; e ricevere da donatori di tipo B o o. (HOFFBRAND & MOSS, 2013) in questo caso, sta portando la IBIB o IBi genotipo, genotipo. (COLSAN-ASSOCIAÇÃO BENEFICENTE RACCOLTA DEL SANGUE, 2013)

Sangue di tipo AB (ricevitore universale): puoi donare componenti delle cellule rosse per gli individui con lo stesso tipo; e ricevere, in aggiunta ai donatori di tipo AB, di individui di tipo A, B e o. (HOFFBRAND & MOSS, 2013). Ha il genotipo IaIb. (COLSAN-ASSOCIAÇÃO BENEFICENTE RACCOLTA DEL SANGUE, 2013)

Sangue di tipo O (donatore universale): puoi donare componenti delle cellule rosse per persone provenienti da tutto il compreso di sangue; e ricevere, unico, del tipo anche donatori. (HOFFBRAND & MOSS, 2013) è degno di nota che ha sangue genotipo ii. (COLSAN-ASSOCIAÇÃO BENEFICENTE RACCOLTA DEL SANGUE, 2013)

Gruppo sanguigno Genotipo Aglutinogênios in cellule rosse Agglutinine fredde nel plasma
Il IAIA o IAi Il Anti-B
(B) IBIB o IBi (B) Anti-
AB IAIB E (B)
Il II Anti-A o Anti-B

Tabella 9.2: relazione tra caratteri fenotipici e genotipici con il aglutinogênios e agglutinine presenti nel sangue.

A causa della presenza di agglutinine (anticorpi) nelle donazioni di plasma plasma sanguigno configurazione e componenti contengono plasma non si ottengono come quando si tratta di componenti delle cellule rosse (spiegati sopra). Plasma di AB (senza anticorpi) può essere dato a qualsiasi gruppo ABO.  Il plasma (con anti-b) può essere somministrato a pazienti o il plasma B (con anti-a) può essere somministrato a pazienti B o. Infine, il plasma (con anti-a e anti-b) può essere somministrato solo ai pazienti (chi, 2013)

Nel caso di crioprecepitados, il sangue ricevuto deve essere di tipo di sangue del paziente stesso nella tipizzazione ABO. (Che.2013)

9.4. Bombay effetto-False 0

Nella città di Bombay (Mumbai), situato in India, c'è un'alta incidenza di una modificazione genetica nota come Bombay o falso effetto. la quota di meno dell'1% della popolazione è identificato come se fossero sangue, pur essendo omozigoti o eterozigotico tipo A e B o AB-che quando utilizzato tecniche tradizionali di determinazione dei gruppi sanguigni. (VIEIRA, 2013)

Questo fenomeno si verifica perché, un allele dominante H determina la produzione di un fattore responsabile del fenotipo del sistema ABO. Di conseguenza, gli individui HH o Hh sintetizzano un enzima che è responsabile della formazione dell'antigene H, che si trasforma in A o B antigene – inerente per determinare i gruppi sanguigni A, B e AB, in prove tradizionali. Quando questo allele non è presente, cioè nei casi di individui omozigoti recessivi (hh), si manifesta un fenotipo di sangue di tipo O indipendentemente dal suo vero genotipo, poiché è sintetizzato un enzima inattivo. Su questi fatti, per rilevare che se una persona è veramente il o un falso, è necessario un test in cui è applicato l'anticorpo h in una goccia di sangue. Quando non ci sono grumi di questo esempio, l'individuo ha il genotipo per il sangue; Se non, è un falso, non è possibile effettuare il rilevamento del vostro gruppo di sangue reale. (VIEIRA, 2013)

10. Sistema HR

Landsteiner (descortinador del sistema ABO), insieme ai Wiener, scoperto un secondo sistema di gruppi sanguigni importanti alla trasfusione di sangue. Questi ricercatori hanno trovato un antigene di membrana, HR o Rhesus (nome della specie di scimmie inizialmente utilizzato nell'esperimento), che stimola la produzione di anticorpi, denominata RH. (HOFFBRAND & MOSS, 2013)

Quando il sangue di parecchi esseri umani di miscelazione con siero contenente RH, circa l'85% dei campioni esaminati subito dall'agglutinazione antigene Rh e furono chiamati Rh +. L'altro 15% che non ha sofferto questa agglomerazione degli eritrociti sono stato denominato Rh-. (HOFFBRAND & MOSS, 2013)

Si tratta di un'eredità di allele multiplo, in cui sono coinvolti due coppie di geni. Tuttavia, è considerato che la partecipazione di una sola di queste coppie, RhD, nella produzione di fattore Rh-pertanto, può essere considerata un caso di ereditarietà mendeliana semplice. Gene D, dominante, determina la presenza del fattore Rh, mentre il gene recessivo (d), rende l'assenza di tale fattore. RNA splicing alternativo del gene RhCE generare due proteine che codice C, c, E o E. Ma è comune usare una nomenclatura semplificata per il fenotipo Rh. (HOFFBRAND & MOSS, 2013)

Pertanto, un paziente che riceve sangue Rh-Rh + agglutinazione del sangue non soffrirà, perché il vettore di Rh-sangue non dispone l'anticorpo RH. Ma dopo questo primo contatto, il paziente inizia la produzione di anticorpi RH e il vostro sistema potrebbe innescare un processo di agglutinazione dei globuli rossi troppo pericolosi e perfino mortali. (HOFFBRAND & MOSS, 2013)

Avendo in mente questi concetti, concludiamo che il sangue appare come un donatore universale. Anche se, il sangue di tipo AB + appare come il ricevitore universale. Ricordando che questo è valido quando non si tratta di una questione di trasfusioni di sangue o componenti del plasma con la presenza del plasma. (HOFFBRAND & MOSS, 2013).

10. Lavorazione del sangue donato

Dopo raccolta dona sangue si terrà imunoematológicos e le prove sierologiche, nonché l'elaborazione a hemocomponents (parti frazionarie di sangue intero). Queste tecniche vengono eseguite al fine di garantire la sicurezza del ricevitore, aumentando la longevità dei componenti del sangue e migliorano l'utilizzo dei vari prodotti di sangue. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008)

11.1. Test sierologici

Dopo la raccolta, il sangue è separato circa 10 ml per essere eseguito dei test per rilevare malattie che possono essere trasmesse attraverso trasfusione.

In Brasile le analisi obbligatorie sono oggi HIV, epatite B e C, HTLV I e II, la sifilide e la Chagas malattia. Nelle regioni endemiche del Brasile può ancora fare il test per la diagnosi di malaria.

Virus dell'immunodeficienza umana (HIV): test per rilevare anticorpi anti-HIV, che diventano rilevabili circa 21 giorni dopo l'esposizione all'infezione. Nel periodo finestra immunologica in cui la viremia, ma non se gli anticorpi test identifica presenta risultato negativo, che può causare il sangue donato è contaminato. Quindi è importante che un'attenta selezione dei candidati per la donazione. (Uso clinico del sangue-chi)

HTLV-i e II: test sierologici sono realizzati specifici per gli anticorpi anti-HTLV-I/II nel sangue. Come la maggior parte degli elementi portanti sono asintomatica, necessario prestare attenzione se le forme di trasmissione, che sono simili all'HIV, per selezionare i candidati per la donazione.

L'epatite B e c: tutte le donazioni di sangue devono essere testati per HBsAg, quale coppia è l'antigene di superficie dell'epatite B virus. individui che ricevono regolarmente i prodotti sanguigni devono essere vaccinati per l'epatite B, dal persone infettate con epatite C anticorpi anti-HCV identificati.

Sifilide: per prevenire la trasmissione tramite trasfusione di sangue effettuato test per prova sierologica dell'infezione da Treponema pallidum, batteri responsabili dell'infezione.

Malattia di Chagas: ci sono parecchie prove che può diagnosticare la malattia, tuttavia il 343 RDC raccomanda l'istituzione di un imunoenzimatico alta prova di sensibilità e specificità. (Manuale tecnico per indagine della trasmissione di malattie di sangue – ANVISA, 2004)

11.2. Separazione dei prodotti di anima

Il frazionamento del sangue donato è un processo che richiede cure specifiche sulla vostra azione. In Brasile ne consegue la risoluzione del Consiglio collegiale di sorveglianza sanitaria nazionale RDC Agenzia n ° 24, 24/01/2002, viene utilizzato il metodo di centrifuga refrigerata che riduce la potenziale contaminazione e proliferazione microbica braccia. A causa della differenza di densità e dimensioni delle molecole, questo processo divide il sangue in tre fasi, il concentrato di globuli rossi nella parte inferiore, il leucoplaquetária strato (buffy-coat) e plasma. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008). Ogni frazione vengono aggiunte soluzioni anticoagulanti e mantenere soluzioni additivi per aumentare la durabilità dei componenti e prevenire la coagulazione. Il deposito si verifica nei frigoriferi con temperatura media di 4º c. (Uso clinico del sangue-chi)

11.2.1. Concentrato di globuli rossi (CH)

Ottenuti attraverso il sangue intero mediante centrifugazione refrigerati. È costituito principalmente da globuli rossi, con piccole quantità di plasma. In un sacchetto di sangue intero con 450 ml, rimuovere circa 220 a 340 ml di CH. Dopo l'elaborazione può durare nei 21 giorni di deposito per 42 giorni a seconda le sostanze aggiunte per prolungare la shelf life. Se viene aggiunto soli anticoagulanti preservare sostanze (ACD, CPDA-1 o CPD) la validità del CH è più piccola, ma se si tratta di soluzioni additivi, come SAG aggiunto-M (composto di soluzione fisiologica, adenina, glucosio e mannitolo) aumenta il periodo di stoccaggio. (Manuale di emoterapia, 2011).

11.2.2. Concentrato piastrinico (PC)

Può essere ottenuta attraverso la donazione di sangue intero o da aferesi. Nell'ottenere per sangue intero ci sono due modi di ottenere. Il primo è tramite centrifugazione del sangue nei due passaggi successivi, ottenendo al plasma Rico nelle piastrine e più tardi il CP. La seconda attraverso leucoplaquetária strato estrazione (buffy-coat) con utilizzo di un sacchetto sterile superiore e botton un tipo specifico, nel quale plasma surnatante viene rimosso dall'uscita superiore (in alto) e minore uscita CH (botton). Lo strato di leucoplaquetária rimane nella borsa originale e possa essere raggruppato con altri sacchetti del contenuto stesso compiuti successiva sedimentazione e centrifugazione per separare e trasferire le piastrine a una borsa di studio di satellitare. Quest'ultimo metodo consente riduzione nel contenuto del leucocita fino al 90%, che può ridurre l'incidenza di reazioni febbrili nel ricevitore. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008).

Nell'ottenimento di aferesi il donatore è collegato ad un sistema specializzato in cui il sangue viene ritirato e da un processo meccanico, sulla stessa macchina, il CP è separato e memorizzato in busta sterile. Il resto del sangue che non viene utilizzato è reinfuso nel donatore, che impedisce di fotogrammi l'anemia, poiché globuli rossi torna al corpo. Un altro vantaggio di questo processo è la quantità di piastrine, che può essere fino a sette volte maggiore rispetto all'ottenimento tramite sangue intero. (Uso clinico del sangue-chi).

11.2.3. Al plasma

Al plasma possa essere ottenuto diverse derivazioni a seconda di come è stato separato.

Il FFP (PFC) è ottenuta per centrifugazione del sangue intero e diretto a un satellite, sacchetto o ancora può essere ottenuta mediante aferesi. Il sangue si compone di acqua acellulare, proteine (albumina, globulina e fattori di coagulazione), carboidrati e lipidi. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008). Ha livello considerato fattore di coagulazione VII, circa il 70% rispetto ai plasma congelato fresco. (Uso clinico del sangue-chi). Per scopi di conservazione è congelato a 8 ore dopo la vostra collezione e tenuti congelati a temperature inferiori a 18° C negativo. Se congelato tra le temperature di-25 ° C-18 ° C ha validità di 12 mesi a temperature inferiori a-25 ° C aumenta di validità di 24 mesi. Il congelamento è fatto per preservare i fattori della coagulazione, fibrinolisi, albumine, immunoglobuline e altre proteine e minerali. Per l'uso in pazienti è sbloccato e può essere conservato per 24 ore a temperatura compresa tra 1 a 6 ° C. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008).

Il plasma libero del crioprecipitato (PIC) è ottenuto con la rimozione del crioprecipitato in sistema chiuso. Se il volume approssimativo raccolto è 150-200 ml. Scadenza e conservazione sono simili a PFC. Il PIC è impoverito di coagulazione di fattore VIII, fibrinogeno e multímeros ad alto peso molecolare del fattore di Von Willebrand, sebbene metallo responsabile per il loro metabolismo.

Ci sono ancora 24 ore al plasma (P24) acquisito dalla centrifugazione del sangue intero fra otto e 24 ore dopo il sangue prelevato e congelato entro 1 ora a 30 º c. Dopo questo processo di congelamento immediatamente memorizzato similmente per PFC con la stessa validità. Presenta alcune diminuzioni variabili fattori, ad esempio il fattore V e VIII di coagulazione. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008).

11.2.4. Crioprecipitato (CRYO)

È un concentrato di alcune proteine insolubili a basse temperature (1 C a 6° C) derivati dal plasma. Ottenuto dallo scongelamento di un PFC, catturando il plasma surnatante e lasciando la pouch originale proteina eruzione cutanea e la piccola quantità di plasma, circa 10 ml. Il materiale della borsa è congelato entro 1 ora ed è valido per un periodo di un anno. È costituito da glicoproteine ad elevato peso molecolare come il fattore VIII (80 a 150 unità), fattore di von Willebrand (da 100 a 150 unità), fibrinogeno (150-250 mg), il fattore XIII (da 50 a 75 unità) e fibronectina. (Guida all'utilizzo di prodotti di sangue-Ministero della salute, 2008).

12. Indicazioni cliniche dei prodotti principali di sangue

Terapia trasfusionale moderna guida fondamentalmente l'uso di componenti del sangue specifici che sono indicati per il trattamento particolare condizione medica del paziente (RAZOUK et al., 2004). I vantaggi di questo orientamento si otterranno come un dato di fatto quando c'è un reale bisogno di terapia trasfusionale e prescrizione medica con l'indicazione clinica, prendendo in considerazione i rischi, benefici e alternative di questo metodo (MIOTTO et al., 2013). A tal fine, le richieste sono necessarie, particolari, di routine dopo l'inizio della trasfusione e materiale specifico. Inoltre, naturalmente, di pré-transfusionais test. Questi processi è definito come:

  • Requisiti: deve essere fatta una richiesta corretta, descrivendo l'urgente necessità di trasfusione di sangue, la data della richiesta, che si tratti di una prenotazione, il tipo di componente e l'importo richiesto. L'ID del paziente deve essere leggibile e completa, tra cui la clinica e il letto, oltre a rilevanti dati clinici del paziente. Nel ragionamento per delucidazione delle possibili reazioni positive in imunohematológicas pré́-trasfusione possono aiutare la diagnosi e i farmaci in uso. I dati per l'identificazione del medico richiedente anche devono essere leggibile e contenere il numero di registrazione in CRM.
  • Nota: è necessario essere attenti, basato su clinica e i dati del laboratorio, se necessario. Il medico deve sapere i benefici ei rischi di ogni hemocomponente di essere richiesto da un haemoteraphists in caso di dubbi.
  • Routine dopo l'inizio della trasfusione: il paziente deve essere monitorato in 15 minuti. Potrebbero verificarsi dolore nel percorso di infusione, dolore lombo-sacrale, ipotensione, shock, urine scure, febbre, tachicardia, tremori, cianosi, reazioni di urticariformes.
  • Materiale specifico: apparecchiature di trasfusione con filtro per la ritenzione delle particelle fra 170 e mícras o superiore a 22.
  • Pré-transfusionais test: test sono immuno-ematologici effettuati per selezionare il hemocomponente compatibili, al fine di garantire una trasfusione di sicuro. Essi sono: diretta e inversa tipizzazione ABO e Rh (D) sul ricevitore; la presenza di anticorpi irregolari nel destinatario; e la prova di una maggiore compatibilità (GIRÃO et al., 2011). Questo processo potrebbe richiedere almeno 40 minuti. Con quello, documenti-se l'urgenza e l'accettazione di un rischio prima che i test di compatibilità di trasfusione sono finalizzati (MONTI et al., 2013).

Altre precauzioni da adottare sono: utilizzare i tipo O globuli rossi quando tipizzazione dei gruppi sanguigni è sconosciuto; Quando possibile, globuli Rh negativi deve essere utilizzati in donne in età fertile per evitare la possibilità di sensibilità quando l'antigene D (MONTI et al., 2013).

Fatte le considerazioni iniziali e già descritto i processi di raccolta e separazione di prodotti sanguigni, ressaltaremos in questa parte del lavoro le indicazioni per uso terapeutico.

12.1. Sangue intero (ST)

La ST ha la capacità di trasportare ossigeno, ' plasma Expander e contiene fattori di coagulazione stabili (MONTI et al., 2013). L'indicazione per il trattamento che coinvolge ST è per i pazienti con sanguinamento attivo che hanno perso più del 25% del volume totale del sangue e possono evolvere in shock emorragico (RAZOUK et al., 2004). Oltre a questo, le indicazioni attuali sono rare, è porta vantaggi nella correzione dell'anemia in relazione al concentrato di globuli rossi, dovuto a sovraccarico del volume da infondere (GIRÃO et al., 2011). Lo sviluppo dei prodotti di anima ha limitato l'uso di St. alcune condizioni cliniche. L'uso di ST fresco non è più considerato accettato su falegnameria e rivela solo la mancanza di disponibilità dei prodotti appropriati quando utilizzato. Pertanto, il suo utilizzo dovrebbe essere solo materia prima per la preparazione di prodotti sanguigni (RAZOUK et al., 2004). Per la maggior parte dei casi di sanguinamento attivo in trauma, chirurgia, eritrociti concentrati e soluzioni cristalloidi associati emostatici elementi, se necessario, sono il trattamento di scelta (MONTI et al., 2013). Una definitiva controindicazione all'uso della ST è l'anemia cronica severa (RAZOUK et al., 2004).

In un adulto, un'unità di sangue intero emoglobina aumenta di circa 1 g/dL o ematocrito in 3-4%. Nei bambini è consigliabile se la trasfusione di 8 mL/kg di ST. Deve essere somministrato attraverso trasfusione filtro entro 4 ore (HOFFBRAND et al., 2006).

Quando conservati per più di 24 ore, contiene poche piastrine, globuli bianchi e fattori di coagulazione praticabili e raramente è disponibile prima delle 24 ore, dovuto al tempo necessario per lo svolgimento di esami sierologici e studi immuno-ematologiche. La validità è di 35 giorni se utilizza sacchetti con soluzione anticoagulante conservatore CPDA-1. Il tempo di trasmissione dipende dalle condizioni cliniche del paziente e non può superare le 4 ore (GIRÃO et al., 2011). Quando utilizzato, deve essere sempre identico ABO (MONTI et al., 2013).

12.2. Concentrato di globuli rossi (CH)

La trasfusione di CH è destinata a ripristinare la capacità di trasporto dell'ossigeno e dell'eritrocito massa. Così, l'istruzione è relativo al danno del rifornimento di ossigeno ai tessuti, innescato da bassi livelli di emoglobina (Ministero della salute, 2013).

Normovolêmicas anemia, soprattutto nell'installazione lenta, capacità di trasporto di ossigeno ridotto è compensato da:

  • Aumento della gittata cardiaca (aumento della frequenza cardiaca);
  • Aumento della quantità di globuli rossi 2,3-DPG (2,3-difosfoglicerato), che conduce ad una deviazione dalla curva di dissociazione ossigeno dell'emoglobina. Come risultato di questo aumento, abbiamo osservato un maggiore apporto di ossigeno a livello del tessuto (Ministero della salute, 2013)

Nonostante questi cambiamenti compensativi, ci sono casi che sono insufficienti. In questi casi, indicato la sostituzione di massa dell'eritrocito di trasfusione CH (Ministero della salute, 2013).

Le anemie per spurgo acuto, la sostituzione deve essere con cristalloidi e/o sostituti sintetici al plasma. L'uso di CH è riservato per le situazioni in cui la perdita di anima valutata era supera al 30% del volume di sangue (circa 1.500 ml negli adulti). Questa valutazione deve essere fatto dall'equipe medica che sta guardando il paziente (Ministero della salute, 2013).  Un'unità di globuli rossi aumenta l'emoglobina adulta 1 g/dL, ematocrito e il 3% (RAZOUK et al., 2004).

Alcuni criteri per la trasfusione di CH possono essere definiti e utilizzati come parametro per l'indicazione della trasfusione di sangue:

  • HT 15% o Hb ≤ 5, 0g/dl con anemia cronica e senza segni di ipossia tissutale (pazienti stabili e possono essere sottoposti a situazioni che riducono il consumo di ossigeno);
  • HT ≤ 21% o Hb ≤ 7, 0g/dl con anemia acuta e senza segni di ipossia tissutale e senza aggravare i fattori;
  • HT ≤ 27% o Hb 9, 0g/dl in pazienti con aterosclerosi cardiovascolare senza angina (spesso anziani o pazienti con malattia coronarica ischemica cronica) e clinicamente stabile;
  • HT ≤ 27% o Hb 9, 0g/dl in pazienti con l'affezione polmonare cronica o acuta, con compromissione dell'ossigenazione (pO2 inferiore a 80mmHg);
  • HT ≤ 27% o Hb 9, 0g/dl in pazienti con cornici di ischemia acuta del tessuto o aumento del consumo di ossigeno da condizioni cliniche (ad esempio, infezioni gravi, post-operatorie di grandi interventi chirurgici ecc.);
  • HT ≤ 30% o Hb 10 g/dl in pazienti con cardiomiopatia ischemica nel periodo postoperatorio immediato dell'innesto di esclusione di arteria coronaria;
  • emorragia acuta (perdita di sangue superiore a 10 mL/kg in 1 ora) (Ministero della salute, 2013).

concentrato piastrinico 12,3 (PC)

Le piastrine hanno la funzione di controllare lo spurgo agendo come un buffer nell'endotelio vascolare emostatico. L'uso delle piastrine ABO compatibile con il ricevitore è consigliabile, ma non obbligatorio, che non richiedono il raggiungimento di compatibilità verifica pré-transfusionais (RAZOUK et al., 2004).

Le indicazioni cliniche per la trasfusione di piastrine sono per prevenire o controllare il sanguinamento in pazienti con bassa conta delle piastrine (trombocitopenia), o, meno spesso, in pazienti con disfunzione piastrinica (trombocitopatias) (RAZOUK et al., 2004). Le indicazioni alla trasfusione di CP sono associate con midollo osseo guasto attivato plaquetopenias. Raramente, ci indicano la sostituzione in plaquetopenias da distruzione periferica o cambiamenti congenite o acquisite della funzione piastrinica (Ministero della salute, 2013). L'indicazione di trasfusione della piastrina dovrebbe essere basata sulla causa del sanguinamento, condizioni mediche del paziente, oltre al numero e la funzione delle piastrine circolanti. Le indicazioni possono essere terapeutico e/o profilattico secondo l'elenco riportato di seguito:

  • Profilattico
  • Pazienti trombogênicos (conteggio inferiore a 50000/³ di millimetro), che sarà sottoposto a interventi chirurgici o procedure invasive, come ad esempio: biopsia transbronchial, anestesia epidurale, la biopsia del fegato, la laparotomia, puntura di vene profonde, paracentesi e toracentesi, estrazione del dente, la biopsia gastrica.
  • Ambulatori neurologici ed oftalmici: è consigliabile che il conteggio delle piastrine è intorno a 100000/³ di millimetro
  • Interventi chirurgici cardiaci con l'esclusione cardiopolmonare: non ci è consenso nella letteratura circa il conteggio minimo di 50000 o 100000/³ di millimetro.
  • Biopsia del midollo osseo, colpetto spinale e broncoscopia (senza biopsia): si raccomanda che il conteggio delle piastrine è sopra 20000/³ di millimetro.
  • Midollo osseo Aplasia post-chemioterapia e/o radioterapia: visualizzato quando il conteggio delle piastrine è inferiore a 10000/³ di millimetro di ³ di 50000/millimetro prima di procedure invasive. In pazienti che hanno fattori di rischio per spurgo, come principali esplenomegalias, febbre, antibiotici o antimicotici, questo trigger può essere più elevato (15 o anche 20000 piastrine/³ di millimetro).
  • Aplásica anemia e myelodysplasia: non ci è consenso che la trasfusione profilattica della piastrina in pazienti con trombocitopenia stabile cronica a causa di produzione, ridurre l'insorgenza di gravi emorragie.
  • Porpora trombocitopenica immune (ITP): nessuna indicazione di trasfusione profilattica della piastrina. In preparazione per la splenectomia, trasfondere se c'è significativo sanguinamento.
  • Trombocitopenias secondaria a hiperplenismo: è consigliabile prima di procedure invasive.
  • Trombocitopatias: è consigliabile prima di procedure invasive (MONTI et al., 2013).
  • Terapia

È indicato per pazienti che sono disfunzione piastrinica ed emorragia con rischio di morte, indipendente del conteggio delle piastrine, e pazienti affetti da emorragia in corso e conteggio delle piastrine inferiore a 50000/³ di millimetro (MONTI et al., 2013).

  • Situazioni particolari:
  • Trombocitopenia (immune Thrombocytopenic Purpura-PTI, febbre emorragica di dengue e ipersplenismo) e trombocitopatias: la trasfusione è indicata in presenza di emorragia attiva con rischio di morte e sospetta emorragia intracranica.
  • Cardiochirurgia: la chirurgia con l'esclusione cardiopolmonare la trasfusione è indicata in pazienti che presentano lo spurgo diffuso, indipendentemente il conteggio delle piastrine. Nel periodo postoperatorio immediato, la trasfusione è indicata quando c'è sanguinamento e il conteggio delle piastrine è inferiore a 50000/mm ³ o diffusa emorragia indipendentemente dal conteggio delle piastrine.
  • Coagulazione intravascolare disseminata (CID): la trasfusione è indica solo la presenza di sanguinamento attivo (MONTI et al., 2013).

Le controindicazioni alla trasfusione di piastrine sono:

  • Sindrome uremica emolitica.
  • HELPP sindrome.
  • Porpora post-trasfusionale.
  • Stabile il Purpura Thrombocytopenic immune.
  • Purpura thrombocytopenic thrombotic (TTP).
  • Trompocitopenia eparina-indotta (MONTI et al., 2013).

13. FFP (PFC)

In caso di carenza di fattore di coagulazione singolo, só́ deve essere utilizzato se non hai prodotto purificato disponibile (hemoderivado), perché ha una maggiore sicurezza. Queste situazioni sono molto rare e l'indicatore di ricambio deve essere sempre associato con la presenza di sanguinamento o rischio di questo in durante qualsiasi procedura invasiva. C'è anche una indicazione d'uso di PFC in situazioni di rischio trombotico come nel caso della carenza del fattore XI (FXI) (Ministero della salute, 2013).

In caso di deficit multiplo di fattori della coagulazione, deve essere sempre associato con la presenza di sanguinamento o di aumentato rischio per questo. Gli esempi includono: hepatocítica grave carenza, diffusa coagulazione intravascolare, la trasfusione voluminosa, ecc. (Ministero della salute, 2013).

La compromissione dell'emostasi accade quando la carenza di fattori della coagulazione o fattore è grave, risultante in un meno di 30% – 40% (Ministero della salute, 2013).

Situazioni più comuni:

  • Ha diffuso coagulopathy intravascolare (DIC) con sanguinamento;
  • L'inversione immediata degli effetti del dicumarínicos (l'anticoagulazione orale da inimicarsi la vitamina K e diminuire la sintesi dei fattori II, VII, IX e X), di sanguinamento o di necessità di intervento chirurgico;
  • Purpura thrombocytopenic thrombotic (TTP) e la sindrome uremica emolitica (HUS) come un prodotto di sostituzione nel plasmaféreses terapeutico;
  • Grave malattia del fegato con gravi deficit dei fattori della coagulazione in presenza di sanguinamento o di necessità di intervento chirurgico;
  • Sostituzione di coagulazione fattori in situazioni di trasfusione massiccia;
  • Carenza di antitrombina-III (AT-III) (Ministero della salute, 2013).

PFC mai deve essere utilizzato solo per espansione del volume, o come supporto nutrizionale (sostituzione della proteina) in pazienti hipoalbuminêmicos (Ministero della salute, 2013). Questo orientamento perché prodotti più sicuri, che non offrono alcun rischio di trasmissione di malattie o reazioni allergiche ai ricevitori, sono disponibili per questo scopo, ad esempio l'albumina di siero, colloidi sintetici e soluzioni equilibrate soluzioni di salino (RAZOUK et al., 2004).

Le dosi indicate spesso per invertire il deficit del fattore della coagulazione (s) è da 10 ml a 20 mL/kg di peso, infusione rapida. Dosi più piccole sembrano essere inefficaci e non dovrebbero essere usato (HOFFBRAND et al., 2006). Somministrazione di dosi a intervalli regolari di PFC come manutenzione è stato utilizzato, ma senza prove rilevanti nella letteratura. Só́ dovrebbe essere considerato in situazioni dove c'è la perpetuazione delle cause (ad esempio, coagulopathy intravascolare diffuso) o sanguinamento, dopo l'uso della dose iniziale (Ministero della salute, 2013).

Va ricordato che il danno significativo dell'emostasi, con aumentato rischio di sanguinamento in procedure chirurgiche e/o só́ invasiva si verifica se c'è un cambiamento di prove sistematiche di coagulazione (valori superiori a 1,5 il valore normale/predefinito del tempo). L'uso di PFC non è necessaria, la valutazione del laboratorio indipendente, se il paziente non sta mostrando manifestazione emorragica o c'è la necessità di intervento chirurgico e/o invasivo (Ministero della salute, 2013).

La compatibilità ABO dovrebbe essere rispettata nella somministrazione di plasma fresco congelato, con l'obiettivo di evitare emolisi nel ricevitore, anche se non sei test di compatibilità richiesto (RAZOUK et al., 2004).

14. Crioceptado (CREARE)

Le principali indicazioni della trasfusione Cryo sono nel trattamento di emofilia di malattia di von Willebrand, carenza di fibrinogeno congenita o acquisita, la carenza del fattore XIII e complicanze ostetriche o altre situazioni associati al consumo di fibrinogeno, come DLC (HOFFBRAND et al., 2006). Il suo utilizzo è anche utile nel trattamento di tendenza emorragica associata con l'uremia. Nel caso di emofilia A, in Brasile vi è una standardizzazione del Ministero della salute, dove l'emofiliaci devono essere trattati solo con il fattore VIII industrializzato. Piccole quantità di CREATE vengono utilizzati nella preparazione di "colla di fibrina" dell'aiuto dell'emostasi chirurgica o per la rimozione di calcoli renali (RAZOUK et al., 2004).

In chirurgia del cuore, i pazienti con disfunzione piastrinica a causa di insufficienza renale possono beneficiare la trasfusione pre-operatoria di CREA, a causa del fattore di von Willebrand aumentato. Postoperatorio, l'infusione di CREA è indicato lo spurgo dovuto hipofibrinogenemia. Deve essere somministrato ad una dose di una borsa/10 kg di peso del paziente (RAZOUK et al., 2004).

CREA non deve essere utilizzato nel trattamento dei pazienti con le carenze di altri fattori diversi da quelli già menzionati. Il rischio di trasmissione di malattie infettive, per ogni unità a CREARE, è lo stesso di PFC. Quando le quantità elevate di CREATE sono trasfusi, il livello del fibrinogeno dell'individuo deve essere monitorato perché può raggiungere livelli molto elevati (hiperfibrinogenemia), che portano ad un aumentato rischio di tromboembolia (RAZOUK et al., 2004).

Se il titolo di isoagglutinine supera 01:32, bisogna rispettare la compatibilità ABO, specialmente nei bambini, perché si può osservare un test di Coombs diretto positivo nel ricevitore che riceve ABO incompatibile unità (HOFFBRAND et al., 2006).

15. Reazioni trasfusionali

Ai sensi dell'art. 6, ordinanza n. 2.712, del 12 novembre 2013 il Ministero della sanità "la trasfusione di sangue e suoi componenti devono essere utilizzati giudiziosamente in medicina, poiché ogni trasfusione porta in sé un rischio al destinatario, immediati o ritardati, deve essere somministrato con cautela." Ecco perché, anche nelle migliori condizioni la trasfusione di sangue è associata con alcune complicazioni. La frequenza e la gravità di molti tipi di reazioni sono difficili da determinare con precisione e probabilmente variano da un'istituzione a altra. (SMELTZER et al., 2005)

È noto che le trasfusioni di emoderivati non sono mai sono sicure come adesso, tuttavia, come con qualsiasi procedura medica, in alcune situazioni potrebbero verificarsi reazioni avverse trasfusionali, il cui riconoscimento è importante per misure terapeutiche sono stabilite, così come le strategie di prevenzione per le trasfusioni future. (HAMERCHLAK et al., 2010)

Si chiama reazione di trasfusione per qualsiasi segno o sintomo che si verifica all'inizio, durante o dopo la trasfusione di emoderivati. In Brasile, è impostata su immediatamente quando meno di 24 ore dopo la trasfusione e la fine, quando si verifica dopo questo periodo e può essere diagnosticato parecchi anni dopo la trasfusione (Forbes et al., 2011); (HAMERCHLAK et al., 2010)

Reazioni trasfusionali
Fonte: autore

15.1. Reazioni trasfusionali immediato principale

I principali segni e sintomi associati che conducono al sospetto di una possibile reazione acuta da trasfusione sono: febbre con o senza agitazione, definita come l'aumento della temperatura corporea di 1° C; frullati e brividi, con o senza febbre; dolore al sito di infusione, petto, addome e fianchi; cambiamento nella pressione sanguigna: ipertensione o ipotensione, vampate di calore, eritema, orticaria o edema o situato, nausea con o senza vomito e cambiamento nel colore delle urine è che questo potrebbe essere il primo segno di una reazione emolitica acuta in pazienti anestetizzati (BARRETO et al., 2011).

Reazioni trasfusionali emolitiche si verificano quando i globuli rossi trasfusi vengono distrutti e può essere immediata o tardiva. Le reazioni immediate, con rischio di morte associato con il hemolysis intravascolare, derivando dall'azione di attivatori di anticorpi complemento IgM e IgG, solitamente con specificità ABO. (HOFFBRAND et al., 2013) Secondo la sua natura, possono essere suddivisi in due gruppi: reazione emolitica intravascolare, cui la causa principale è l'incompatibilità del ABO, che provoca quasi sempre da errori umani, come campioni di trasfusione pre a malapena identificati, errata identificazione del sangue dopo la croce o il cambio al momento dell'installazione, in cui il ricevitore dispone solitamente di dolore lombare intenso nei primi minuti dopo la trasfusione di sangue e può presente anche febbre (con o senza brividi), ipotensione, nausea, dispinéia e sensazione di morte imminente; E reazione emolitica extravascolare che si manifesta con febbre e dolore addominale o posteriore di lieve a moderata intensità, che presentano solitamente da 30 a 120 minuti dopo la trasfusione. (HEMORIO, 2012). In caso di sospetta reazione emolitica, verranno raccolti campioni di sangue di nuovo dal ricevitore che sarà etichettato in modo appropriato e, insieme con la borsa di componente del sangue in questione, anche vuota, verrà immediatamente inoltrato al servizio di ematologia. Pré-transfusionais prove sono ripetute con i campioni prima e dopo la reazione di tranfusional (ordinanza n. 2.712, pag. 49).

Reazione febbrile non emolitica (RFNH), è definito come l'aumento di temperatura di 1° C, associato con la trasfusione senza nessun'altra spiegazione. La definizione di 1C è arbitraria, poiché gli stessi eventi possono causare incrementi di temperatura maggiori. Questo aumento può essere immediata o tardiva (a partire dopo diverse ore dal completamento della trasfusione). Situazioni che possono portare a aloimunização, soprattutto gravidanza e trasfusioni di sangue multiple, aumentano la frequenza di RFNH. (BARRETO et al., 2011) Le procedure specifiche per febbre; superiori a 37° C in pazienti precedentemente afebris, o elevazione maggiore di 1 C in un paziente precedentemente con febbre; o brividi di freddo sono: sospendere la trasfusione e richiedere il test per l'indagine di reazione di trasfusione, prescrivono antipiretici parenterali, endovenoso, chiedere le infermiere per raccogliere la sacca di sangue, facendo attenzione a isolare la fine del equipo (coperchio, morsetto o nodo) che era collegata alla vena del paziente. Questa procedura mira alla realizzazione di coltura microbiologica su hemocomponente e richiesta la raccolta del campione (s) di sangue del paziente per eseguire la coltura di anima, ove necessario. (HEMORIO, 2012)

Reazioni allergiche sono di solito causate da ipersensibilità alle proteine plasmatiche del donatore o da esposizione a sostanze presenti nel plasma di donatori, per il quale il ricevitore era già a conoscenza. (HOFFBRAND et al., 2013). Può essere diviso in tre fasi secondo la gravità delle manifestazioni cliniche: lieve, moderata e acuta. Una lieve reazione allergica è caratterizzata da prurito, eruzione cutanee ed erythematous placche; e si verifica un 3% delle trasfusioni di sangue. Se si verifica solo alveari, la trasfusione può essere interrotta temporaneamente, mentre l'antistaminico è amministrato oralmente o parenteralmente. Sintomi lievi vengono ripristinati rapidamente e possono essere prevenuti con la somministrazione di antistaminici prima di trasfusioni. (BARRETO et al., 2011). Già la moderata reazione allergica si caratterizza per l'avvenimento dell'edema dell'edema della glottide Quincke e broncospasmo; Mentre la è caratterizzata da acuto shock anafilattico. (HEMORIO, 2012). Anafilassi si verifica in genere all'inizio della trasfusione, con i sintomi sistematici che sono spesso gravi come perdita di coscienza, shock e, in rari casi, morte. I sintomi possono comportare uno o più sistemi, in particolare le vie respiratorie (tosse, spasmo bronco, dispnea), tratto gastrointestinale (nausea, vomito e diarrea), sistema circolatorio (aritmie, ipotensione, sincope) e pelle (generalizza eruzione cutanea, orticaria). Queste manifestazioni sembrano attività diffusa riflessa degli anticorpi di IgE, sebbene non può essere dimostrato nel siero di molti pazienti. Ricevitori che si presentano con frequenza urticariformes associate a reazioni di trasfusione, può rispondere bene alla somministrazione di antistaminici prima di trasfusioni. Se le reazioni sono ricorrenti, particolarmente gravi, dovrebbero essere fatto una trasfusione di sangue prodotti. (BARRETO et al., 2011). In caso di reazioni moderate e gravi dovrebbe sospendere la trasfusione e prescrivere steroidi endovenosi. Se c'è broncospasmo nebulizzatore dovrebbe prescrivere con bronquiodilatadores, e se la reazione peggiora o non migliorano con il trattamento, prescritto adrenalina. Gravi reazioni, con shock anafilattico, deve sospendere immediatamente la trasfusione e adottare come un'applicazione terapeutica di adrenalina a intervalli di cinque minuti fino a quando la risposta soddisfacente. (HEMORIO, 2012)

La ferita di polmone acuta trasfusione-relativa o l'edema polmonare non cardiogeno acuto (TRALI), è come dice il nome, una ferita di polmone acuta trasfusione-relativa. Può essere di moderata a grave e si sviluppa solitamente da 2 a 06:00 dopo la trasfusione a causa di trasfusione di anti-HLA di classe I e II anticorpi presenti negli antigeni specifici del donatore del plasma e/o granulocíticos. Questi anticorpi si legano agli antigeni del recettore, innescando eventi immuni che aumentano la permeabilità del microcircolo polmonare e permettano il passaggio di liquido negli alveoli. (HEMORIO) Anticorpi specifici possono essere assenti e alcuni casi di TRALI a quanto pare derivano da altri meccanismi. L'attivazione del complemento C3a e C5a può generare anafilotoxinas, che porta all'aggregazione dei granulociti, che lodge nel microvasculature polmonare. Recentemente, reattiva da prodotti lipidica delle membrane cellulari nel sangue del donatore prodotti sono stati collegati all'eziologia di TRALI. Se necessario, il trattamento si basa sull'inversione di ipossiemia con ossigeno e assistenza ventilatoria (BARRETO et al., 2011). Se non ha finito la trasfusione deve essere sospeso. La mortalità è circa 6 a 14%. Tuttavia, intensiva, maggior parte dei pazienti recuperano la funzione polmonare di 72 a 96 h dopo l'inizio del trattamento (HEMORIO, 2012).

Sovraccarico del volume o ipervolemia deve essere considerato quando il paziente: dispnea, cianosi, forte mal di testa, ipertensione o insufficienza cardiaca congestizia, durante o subito dopo la trasfusione, dovuto a sovraccarico del volume circolatorio. I bambini e gli anziani sono considerati essere la popolazione più a rischio. Il rapido aumento di volume è poco tollerato dai pazienti con impegno delle funzioni cardiache e/o polmonare e/o con l'anemia cronica. I sintomi migliorano quando la trasfusione è sospeso e il paziente viene posto in posizione seduta. Diuretici e ossigeno sono spesso applicate. Se i sintomi non scompaiono, flebotomia può essere indicato. Pazienti con rischio di sovraccarico del volume dovrebbero ricevere concentrato di globuli rossi pós-trasfusionale lentamente alla dose di 1 ml/Kg/ora. Se la quantità supera il periodo massimo di 4 ore, è prudente a transfuse aliquote fiscali secondo le esigenze del paziente. La somministrazione di diuretici prima e durante la trasfusione può essere utile. (BARRETO et al., 2011)

La contaminazione batterica sono la principale causa di morbilità e mortalità legate alla trasfusione, soprattutto se si considerano le trasfusioni di concentrati piastrinici (aferesi o casuale). I batteri contaminanti, per lo più provengono dal donatore, è il sito di iniezione in vena o a seguito di batteriemia. La moltiplicazione batterica è più nitida in componenti conservati a temperatura ambiente (piastrine) e Gram-positivi batteri isolati in questi componenti; i batteri gram-negativi sono isolati in componenti conservati in frigorifero (unità di sangue). (BARRETO et al., 2011)

Emolisi non-immune possono verificarsi quando i globuli rossi sono congelati o surriscaldati; Quando c'è la somministrazione concomitante di farmaci e/o idratazione (destrosio), quando il sangue viene somministrato sotto pressione (cardiopolmonare) o quando non c'è manipolazione violenta del sangue (HEMORIO, 2012).

Reazioni batteriche sono rare, ma hanno un alto tasso di mortalità, caratterizzata da febbre, brividi, dispnea, ipotensione e coagulazione intravascolare diffusa. (HAMERCHLAK et al., 2010) La moltiplicazione batterica nel sacchetto porta ad assorbimento di ossigeno, con conseguente desaturazione dell'emoglobina e dell'eritrocito Lisi, conseguente cambiamento di colorazione della borsa, la formazione di coaguli o emolisi e suggerendo come la contaminazione (BARRETO et al., 2011).  I principali contaminanti sono Staphylococcus spp e Serratia spp, esogeni batteri della specie; Enterobacteriasceae, famiglia di batteri che si trovano nell'intestino umano, nel suolo e nell'acqua; Treponema pallido causare sifilide e burdorferi di Borrelia, la causa della malattia di Lyme (HOFFBRAND et al., 2013).

La pipeline è costituita da contaminazione di interrompere immediatamente la trasfusione, raccogliere la confezione di materiale per la coltura di anima, se possibile, eseguire la colorazione di Gram del materiale del sacchetto, raccogliere materiale dal ricevitore la trasfusione, per la coltura di anima, amministrare il ricevitore sintomatico e antibiotici come valutazione medica. Per evitare una reazione del genere, il primo importante passo è un'attenta selezione dei donatori di sangue, detenute tramite l'intervista, una selezione corretta e meticolosa pulizia del sito di puntura donatore-preparando la pelle di questo non elimina il rischio di contaminazione, ma riduce importante smaltire primo tasso di raccolta del sangue, usando questo materiale per realizzare gli esami complementari di screening cura legata alla gestione delle agenzie di trasfusione di sangue prodotti e realizzazione di controllo di qualità microbiologico degli emoderivati nella routine (BARRETO et al., 2011).

15.2.  Principali reazioni trasfusionale tardi:

Le reazioni emolitiche ritardo possono verificarsi quando la trasfusione di globuli rossi concentrati induce una risposta immunitaria contro dell'eritrocito giorni o settimane dopo la trasfusione. Studiando con quadro clinico indolente, spesso malessere, debolezza, anemia e ittero, ma non causare rischi per il paziente. In genere, terapia acuta non è necessaria, ma la cura nella selezione dei globuli rossi compatibile per trasfusioni future sono essenziali per prevenire nuove reazioni. Sono di solito coinvolti che altri anticorpi sangue sistemi ABO, Rh e Kell sistemi (HAMERCHLAK et al., 2010).

Nonostante i progressi tecnologici in fase di test per agenti infettivi, persiste il rischio di trasmissione di virus, batteri o protozoi. Questi agenti sono caratteristici: persistenza nel sangue, generando malattie con la fase di latenza; popolazione probabilmente ben noto; capacità di causare infezioni asintomatiche; stabilità in anima memorizzata e, in alcuni casi, durante il frazionamento del plasma.  Il sangue raccolto deve essere testato per gli agenti patogeni prevalenti nella popolazione che può causare malattie gravi. Per entrambi i test sono utilizzati per la massa di screening, caratterizzato dalla sua alta sensibilità.

Tuttavia, anche utilizzando test ad alta sensibilità, vengono rilevati non tutti gli agenti, dato le limitazioni tecniche delle prove, l'esistenza della finestra immunologica e forme mutanti di agenti patogeni. La diminuzione del rischio passa, oltre la trasfusione residua screening sierologici, anche da una rigorosa selezione dei donatori attraverso la clinica di screening. (BARRETO et al., 2011) In Brasile, gatehouse 1376/93, rafforzata dalla risoluzione n º 343 MS/2001, determina i test di screening sierologico nei servizi di ematologia per la sifilide, malattia Chagas, epatite B e C, HTLV e HIV/Aids, la malaria. Per quanto riguarda i destinatari del sangue, questa ordinanza determina i test immuno-ematologici, vale a dire, ABO/Rh, anticorpi irregolari (PADRE) e test di compatibilità (Cross).

Quando i test di screening sierologico diventano positivi in un donatore con previa donazione e sierologia, reagente o non in un paziente che ha ricevuto una trasfusione di sangue, è ciò che noi chiamiamo sieroconversione (donatore e ricevente, rispettivamente). In questi casi, dovrebbe essere avviato il processo di sorveglianza retrò, caratterizzato dall'identificazione di tutti i prodotti sanguigni, donatori e destinatari coinvolti nel caso, utilizzando strumenti di monitoraggio e retestagem di concludere circa l'associazione tra la trasfusione di sangue e ulteriore (BARRETO et al., 2011).

Alcune infezioni virali come l'epatite (B, C, D), virus dell'immunodeficienza umana (HIV), citomegalovirus (CMV), Herpes Virus 6 e 8 e Parvovirus B19, possono essere trasmessa tramite la trasfusione di prodotti sanguigni. (HAMERCHLAK et al., 2010)

I donatori con una storia di epatite sono rifiutati per 12 mesi. Se c'è una storia di ittero può essere accettata se i marcatori per l'epatite B ed epatite C sono negativi. Hanno l'HIV può essere trasmesso dalle cellule di plasma. Gli uomini gay, bisessuali, traffico illecito di droghe per via endovenosa e prostitute sono esclusi, così come loro partner sessuali e partner di emofiliaci; come forma di prevenzione. Un evento raro che la trasmissione avviene quando il donatore è già stato infettato, l'incubazione e ancora non è positivo per l'anticorpo HIV test utilizzati nella valutazione di screening: donazione fatta sulla finestra immunologica (HOFFBRAND et al., 2013).

L'infezione del citomegalovirus (CMV) è spesso subclinica, ma può presentarsi come una sindrome di Mono. In individui immunodepressi, l'infezione può causare polmonite potenzialmente fatale. Sotto questo rischio sono i neonati prematuri, contenitori delle cellule staminali e trapianto di altri organi e le donne in gravidanza (rischio per il feto). D'altra parte, la sifilide è trasmesso più facilmente da concentrato di piastrine del sangue (HOFFBRAND et al., 2013).

Ci sono anche rapporti di protozoi trasmessi tramite la trasfusione. Essi sono: Plasmodium spp (malaria), Trypanosoma cruzi (malattia di Chagas), Toxoplasma gondii (toxoplasmosi) e Leishmania spp (leishmaniosi) (HOFFBRAND et al., 2013). Ai sensi dell'art. 210, ordinanza n. 2.712, del 12 novembre 2013 il Ministero della salute in tutti i casi in cui vi è sospetto di trasmissione di infezione da trasfusione sarà valutato da un nuovo studio dei donatori degli emocomponenti sospettate, tra cui la convocazione e la ripetizione del test per le infezioni trasmissibili di tutti i donatori coinvolti. Dopo aver identificato il donatore, è inoltrato al trattamento specializzato ed eliminato dai donatori del servizio di ematologia.

Virus della leucemia umana a cellule T possono essere rilevati durante la selezione. Il tipo di virus (HTLV-i) è associato con adulti T-cella leucemia o paraparesi tropicale espática. Il virus di tipo II (HTLV-II) nessuna associazione nota con qualsiasi condizione clinica (HOFFBRAND et al., 2013).

La malattia dell'innesto – contro – host connessa con trasfusione di sangue è una complicanza associata a trasfusione fatale immuni l'espansione clonale dei linfociti del donatore in un ospite suscettibile. I linfociti trasfusi si moltiplicano in un tessuto probabile ricevitore, conduce alla pancitopenia refrattaria, con sanguinamento e infettive complicazioni, che sono responsabili principalmente per 90-100% del tasso di mortalità dei pazienti affetti. Finora, non c'è alcun trattamento efficace per la malattia; così, sottolinea la necessità di prevenzione che consiste di irradiazione gamma delle componenti cellulari. Lo standard di dose minima è 2500cGy. Questa dose rende linfociti capaci di replica, senza alterare sostanzialmente altri componenti cellulari. (BARRETO et al., 2011)

16. Il problema della sottostima

Controllo di falegnameria in Brasile affronta un grosso problema a causa del basso notifica dei casi di reazioni di trasfusione. Alcuni Stati come Mato Grosso fino a pochi anni fa non avevano comunicato se si desidera un caso secondo i dati rilasciati dall'Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria (ANVISA, 2014, p 10), ma il problema persiste, perché anche l'anno in cui il maggior numero di casi che nemmeno il 20% dell'importo effettivo di notificati stimato reazioni da ANVISA (2014 p. 18).

17. Stato del Mato Grosso

Il Mato Grosso ha 17 unità di raccolta e trasfusione (Prod), 30 agenzie trasfusionale (AT) e la donazione di sangue solo un coordinatore che si trova nella capitale. Questi si incontrano unità 13 micro-regione, ogni unità che soddisfano una funzione specifica, la transfundem di sangue solo ATs, mentre il transfundirem Prod, pure, sono abilitato a ricevere anche la donazione di sangue hemocentro coordinatore, a sua volta, è responsabile per tutte le analisi di qualificazione del tessuto sangue (SANGUE, 20110, pagg. 1 – 2). Questa centralizzazione finisce per generare disordini multipli come il sangue non è in grado di eseguire con l'alta velocità test per la determinazione delle condizioni del materiale raccolto a situazioni come quella di Sinop dove unità devono essere scartati per il salario secondo il giornale FOLHAMAX. Considerando il numero di donazioni nello stato che, nel 2012, sono stati di 77.802. (Ministero della salute, 2012, pag. 26)

In relazione alle percentuali di consumo, la maggior parte va alla clinica medica (più del 45%) seguita dalla clinica chirurgica, pediatria, ostetricia, assistenza a lungo termine che corrisponde a meno del 5% e, infine, la tisiologia. Per quanto riguarda i prodotti sanguigni globuli rossi concentrato conduce la classifica delle trasfusioni di sangue che corrisponde a circa il 50% delle trasfusioni della piastrina concentrare seguita (23.01%) e plasma fresco con 18.86% e piastrine da aferesi quelli di minor uso (Ministero della salute, 2012, pag. 58).

Conclusione

La trasfusione di sangue è un processo complesso poiché per garantire la sicurezza non solo rimuovere dal donatore e trasfondere sul ricevitore. Le misure di sicurezza iniziano nell'insieme attraverso un donatore di screening, sottoposti a prove di laboratorio di tessuto Donato, separazione di prodotti sanguigni, selezione dei destinatari e il materiale specifico essere transfused fino a quando, infine, il processo. Tuttavia molte reazioni possono essere ancora osservate non facendo, tuttavia, questo atto un incredibile display di carità e una procedura che salva milioni di persone ogni anno.

Riferimenti bibliografici

  • NOTA TECNICA CONGIUNTA ANVISA n ° 001/GGPBS/GGMON/CGSH 2015
  • HEMOVIGILÂNICA BOLLETTINO n. 06/2014
  • BATISSOCO, Ana Carla e Marcia Cristina NOVARETTI Zago. Aspetti molecolari del sistema sangue ABO. Rev. Bras. Hematol. Hemoter. 2003, vol. 25, n. 1, pp. 47-58.
  • Ministero della salute. L'agenzia di vigilanza sanitaria nazionale. Manuale tecnico per indagine della trasmissione di malattie di sangue. Brasília-DF, 2004;
  • Ministero della salute. Segretariato per l'assistenza sanitaria. Dipartimento di assistenza specializzata. Guida all'uso di emoderivati. Brasília-DF, 2008.
  • Borges, D.R. terapeutico aggiornamento di Prado, Ramos e Valle: diagnosi e trattamento-2014/15. 25 ed rivisto e corrente-São Paulo: arti mediche, 2014.
  • CARRAZONE, Cristina. GARCIA, Yara m. importanza dei livelli di valutazione sorofisiológica pre-trasfusione nei destinatari del sangue. Rev. bras. Ematologia e falegnameria. paragrafo 26, pag. 93-98, 2004.
  • COLSAN, Guida di sangue raccolta Benevolent Association-Hematoterapia 2011
  • Manuale di emoterapia, 7ed., 2011.
  • Criteri tecnici per la gestione del rischio di salute nell'uso di sangue prodotti trasfusione procedure vis-à-vis la situazione
    delle emergenze di sanità pubblica di importanza nazionale per i casi di infezione del Virus di Zika in Brasile.
  • Stato viene condannato per eseguire accreditamento di banca del sangue ho Sinop. FolhaMax, Cuiaba, 21 settembre. 2015. Disponibile a: <http: www.folhamax.com.br/cidades/estado-e-condenado-a-realizar-credenciamento-de-banco-de-sangue-em-sinop/60191="">letta: 24 febbraio 2016.</http:>
  • FORTE, Hildenete. Richiesta di trasfusione: ordinaria e di emergenza. Cuiabá: Ospedale universitario Julius Muller. Pagina 1-4, 2003.
  • FIGUEIREDO, M.S.; KERBAUY, J.; LAWRENCE, D.M. Guida di ematologia. Numero guide medicina ambulatoriale e ospedale di EPM-UNIFESP. Barueri, SP: Manole, 2011.
  • BOTTIGLIA, Volnei. AZAMBUJA, Leticia Erig Osório. Testimoni di Geova prima dell'uso di prodotti di sangue e prodotti sanguigni. Associazione medica Magazine. n ° 56. pagina. 705-709, 2010.
  • Terapia GINGERICH, D.A. liquido, scossa e sangue. In: HOWARD, terapia veterinaria J.L. corrente. Alimenti animali practice 2. Philadelphia, W.B. Saunders Company, 1986. p. 1-8.
  • S. Malik, t. c. m. Daly, s. b. Awada: Er: medicina d'urgenza. riveduta e ampliata 3Ed, Manole, 2013.
  • HAMERSCHLAK, n. manuale di Ematologia: programma integrato di trapianto del midollo osseo ed ematologia. Barueri, SP: Manole, 2010.
  • RJ.gov.br
  • Hoc, ospedale Istituto Oswaldo Cruz. Donazione di sangue passo-passo. Paradiso. 2015.
  • HOFFBRAND, R. V.; MOSS, p. h. a. fondamenti in ematologia. 6. Ed. Porto Alegre: New Haven, 2012. 464p.
  • HOFFBRAND, A.V.; MOSS, fondamenti P.A.H. in ematologia. 6 eds. Porto Alegre: New Haven, 2013.
  • HOSGOOD, g. trasfusione di sangue: una rassegna storica. J. Am. IFP. Med. Assoc., v. 197, n. 8, pp. 998-1000, 1990.
  • JUNQUEIRA, L.C.U. & CARNEIRO, J. Basic istologia. 11 ° Ed. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 2008.
  • Junqueira, p. c. storia della falegnameria in Brasile. Rev. Bras. Hematol. Hemoter. Vol. 27. São José do Rio Preto. Settembre 2005.
  • Ludwig, donazione di sangue di t. s.: una visione marketing. CAD. Saúde Pública, Rio de Janeiro, maggio-giugno, 2005.
  • MANUALE DI TRASFUSIONE IN OSPEDALE E LA COMPLICAZIONE DI TRASFUSIONE. Curitiba: Ematologia e falegnameria Center di Paraná-Hemepar. v. 1. Pagina 9, 2013.
  • MANUALE PER L'USO RAZIONALE DI SANGUE. Florianópolis: Università federale di Santa Catarina. HU/UFSC. Pagina. 21, 2011.
  • MINISTERO DELLA SALUTE. Informazioni sul prodotto: sangue ed emoderivati. 2012, p 10 e 18.
  • IL GLOBO. Jaqueline Hawk. Disponibili in <oglobo.globo.com ociedade/saude/paciente-foi-infectado-com-virus-zika-por-transfusao-de-sangue-18315625="">.</oglobo.globo.com> Accesso a: 09/02/2016
  • IL GLOBO. Il mondo con siti internazionali. Disponibili in <oglobo.globo.com ociedade/saude/sangue-sintetico-podera-ser-testado-em-2017-diz-servico-de-saude-britanico-16550752="">.</oglobo.globo.com> Accesso a 23/02/2016.
  • Uso clinico del sangue. Ginevra. p. 1-162. 2013.
  • ORGANIZZAZIONE DI TESTIMONE DI GEOVA. Don A. Adams. Disponibili in <www.jw.org t/testemunhas-de-jeova/perguntas-frequentes/por-que-testemunhas-jeova-nao-transfusao-sangue/="">.</www.jw.org> Accesso a: 09/02/2016.
  • MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA n ° 1.353, dare 1 13.06.2011 del 14.06.2011. Che approva il regolamento tecnico delle procedure Hemoterápicos
  • DECRETO MINISTERIALE n ° 2.712, del 12 novembre 2013. Gazzetta ufficiale n ° 221 del 12 novembre 2013, sezione 1, PG. 106.
  • Ordinanza n. 2.712, del 12 novembre 2013
  • SANGUE DI PRO. Pr. Dr. Vicente Odone figlio. Disponibili in <www.prosangue.sp.gov.br ome/default.aspx="">.</www.prosangue.sp.gov.br> Accesso a: 09/02/2016
  • Procedimento del vertice nazionale su un uso eccessivo, 2013. la Commissione mista. Disponibile a: http://jointcomission.org/overuse_summit/.Accessed 31 maggio 2014.
  • Pubblicato in Official Gazette No. 221, del 13 novembre 2013, sezione 1, pagina 106.
  • Congelamento: diagnosi e trattamento iniziale/brasiliano società di chirurgia plastica-Brasilia: associazione medica brasiliana e Consiglio federale di medicina, 2008. 14 p.
  • RAMOS E SILVA, M.; CASTRO, fondamenti di Dermatologia M.C.R. Edizione riveduta e aggiornata. Rio de Janeiro: Atheneu, 2010. Vol 1.
  • RAZOUK, f., et al. Caratterizzazione, produzione e indicazione clinica il principale dei prodotti di anima. Rev brasiliano di ematologia e falegnameria. 2004; 26 (2): 126-134.
  • ROSENFELD, fondazioni di r. di CBC: dal laboratorio alla clinica. 1 ed. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan, 2007.
  • SAKABE, d., et al. Sostituzione del volume in pazienti pazienti. Rev della Faculdade de Ciências Médicas de Sorocaba, v. 6, n. 1, p. 21-28, 2004.
  • UNITAS, W.B. et al. Tecniche di risparmio di tempo per la raccolta, conservazione e somministrazione di sangue equino e del plasma. IFP. Med., v. 80, n. 2, pp. 89-94, 1985.
  • Sezione XIII-trasfusione reazioni
  • SMELTZER, S. C.; NUDO, B.G. Brunner e Suddarth: trattato di professione d'infermiera medico-chirurgica. 2, 10° edizione, Rio de Janeiro: Guanabara Koogan. 2005.
  • Tecnico di Ematologia: libro di testo/Ministero della salute, segretariato della gestione del lavoro e formazione in sanità, dipartimento di salute formazione Management – Brasília: Ministero della salute, 2013. 292 p.
  • Sybille de La Hamaide e Myriam Rive. Disponibile in noticias.uol.com.br/ultimas-news/reuters < / 2016/02/07/Francia-limitato
    doacao-de-sangue-por-causa-do-Zika-virus.htm >. Accesso a: 09/02/2016
  • HOFFBRAND, P. R. H. MOSS, J. E. PETTIT. Fondamenti in ematologia. 5a ed. Rio de Janeiro, New Haven, 2006.
  • VERRASTRO, THEREZINHA. Ematologia e falegnameria: fondamenti della morfologia, fisiologia, patologia e clinica. 1a ed. São Paulo: Atheneu, 2006.
  • Marcelo Vieira da Silva. Approccio genetico e imunofisiológica dei sistemi ABO e RH per migliore comprensione e l'insegnamento di eritroblastosi fetale. Belo Horizonte, 2013.

[1] Laurea in farmacologia dalla facoltà di medicina di Ribeirão Preto (FMRP) da Universidade de São Paulo, USP (1993); Medico di salute e ambiente, l'area di concentrazione dei prodotti naturali dell'Istituto di farmacologia della salute collettiva (ISC) della UFMT (2001). Laurea in giurisprudenza presso la UFMT (2001). Avvocato. Ha esperienza nell'area di epidemiologia di medico e ospedale in diritto, politica di salute pubblica, assistenza sanitaria primaria, di diritto, Biolaw, salute, farmacologia (con l'accento sulla farmacologia del processo infiammatorio e muscolo liscio farmacologia), farmacoeconomia, Farmacoepidemiologia. Contatto: [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here