Arte per scopi terapeutici in pazienti con caps Ad in df

0
9
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

 SOUZA, Jean Carlos Marques [1], FERRARI, Andressa de França Alves [2]

SOUZA, Jean Carlos Marques. FERRARI, Andressa de França Alves. Arte per scopi terapeutici nei pazienti di un CAPS Ad in df. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 03, Vol. 06, pp. 05-16. marzo 2020. ISSN: 2448-0959, Link de acesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/arte-con-ends-terapeutica

A causa del movimento di riforma psichiatrica, che ha cercato di sostituire le istituzioni di casa di cura con una rete di assistenza territoriale, il CAPS emerse. Sono unità sanitarie fondamentali per assistere le persone in difficoltà mentale. Il presente lavoro mira a segnalare l’esperienza di un gruppo artistico di una di queste unità: CAPS Ad del Distretto Federale, nonché mira a esporre gli effetti terapeutici osservati dall’uso dell’arte, avendo come target di pubblico pazienti in uso abusivo di sostanze psicoattive. Si tratta di un formato di rapporto qualitativo, descrittivo e di esperienza, che ha quindi le principali percezioni delle otto riunioni. In considerazione della necessità di utilizzare modi alternativi per il trattamento degli adet, l’arte è configurata come un’importante risorsa terapeutica. Inoltre, l’arte è mostrata come un mezzo per esprimere la singolarità dell’individuo dall’esternalizzazione dei sentimenti, delle esperienze e delle loro pretese. Pertanto, aiuta nel reinserimento sociale e nella riabilitazione psicosociale delle persone in difficoltà mentale.

Parole chiave: terapia artistica, salute mentale, abuso di droghe, reinserimento sociale, riabilitazione psicosociale.

1. INTRODUZIONE

Secondo Feitosa et al (2010), la riforma psichiatrica è iniziata in alcuni paesi europei. Il suo obiettivo principale era quello di cambiare la logica di cura della salute mentale, che fino ad allora era segnata dalla segregazione. Era necessario ripensare e sostituire le istituzioni manicomiais, oltre a modificare il modo in cui la società comprendeva la follia. Questo movimento ha lasciato il posto alla discussione dello stigma della follia e ha problematicizzato l’esclusione storica del pazzo. Sempre secondo Feitosa et al (2010), in Inghilterra, dopo la seconda guerra mondiale, sono state ricercate trasformazioni nel modello di salute mentale, avendo come uno dei principi la qualificazione della psichiatria, con cambiamenti provenienti dall’interno dell’ospedale. Mirando a questi cambiamenti, sono state create comunità terapeutiche, i cui dipendenti coinvolti con l’assistenza discussa, in gruppi, il funzionamento dell’istituzione e il processo terapeutico.

Non si riferisce qui al termine omonim e attualmente conosciuto in Brasile. Questi si basano sul trattamento dell’astinenza obbligatoria, di carattere religioso e igienista, e quindi promuovono l’esclusione sociale a causa di lunghi periodi di ricovero, secondo Bolonheis-Ramos e Boarini (2015). D’altra parte, miravano ad avvicinare il paziente alle discussioni relative ai loro trattamenti, decentralizzando il potere del medico, coinvolgendo infermieri, familiari e il paziente stesso e stimolando l’autonomia di questi individui (FEITOSA et al, 2010). Secondo Feitosa et al (2010), in Francia, durante la seconda guerra mondiale, l’ospedale di Saint-Alban accolse i rifugiati da questa guerra, ed era anche da dove Francois Tosquelles guidò il movimento dell’esperienza francese della riforma, conosciuta come Psicoterapia Istituzionale.

In questo movimento, abbiamo cercato gli ideali e la funzione terapeutica che, secondo Tosquelles, era stata persa. Un altro movimento francese che dovrebbe essere menzionato è la Psichiatria del settore, che aveva l’intenzione di strutturare un servizio pubblico e anche di eseguire il trattamento da parte di squadre multidisciplinari, lavorando in un’area geografica attraverso le esigenze locali, concentrandosi sulla prevenzione e il trattamento delle malattie mentali, anche dopo la dimissione ospedaliera, evitando così il ricovero e la riammissione. Secondo Feitosa et al (2010)  , in Italia, il movimento di riforma psichiatrica è Psichiatria Democratica, noto per essere l’unico che ha abolito i ricoveri ospedalieri negli ospedali psichiatrici, in un processo di dimissione ospedaliera, e, quindi, c’è stata una graduale riduzione del numero di posti letto e la creazione di servizi nella comunità, che è la definizione di destituzionalizzazione.

Franco Basaglia, il principale precursore del movimento italiano, propose, negli anni ’60, cambiamenti nell’Ospedale Psichiatrico di Gorizia, con l’obiettivo di trasformarlo in una comunità terapeutica, sulla linea di quanto accaduto in Inghilterra. Tuttavia, ha osservato la necessità di cambiamenti più profondi nel modello di cura. Negli anni ’70, come direttore dell’Ospedale Psichiatrico della città di Trieste, inizia il processo di chiusura di quell’ospedale, proponendo la sostituzione delle cure ospedaliere e mentali con una rete di assistenza territoriale. Il movimento di riforma psichiatrica brasiliana ha avuto una forte influenza e ha seguito il modello italiano (VIEIRA et al, 2018). Bill n. 3.657, dal 1989, è stato presentato da Paulo Delgado alla Camera federale ed elaborato per dodici anni fino alla sanzione della legge di riforma psichiatrica, conosciuta come legge n. 10,216/2001.

Questa legge si occupa della protezione e dei diritti delle persone con disturbi mentali, oltre a rivedere il modello di assistenza sanitaria mentale. Esso prevede, tra l’altro, il diritto di essere trattati con umanità e rispetto, solo a beneficio della sua salute, mirando al suo recupero attraverso il reinserimento sociale. Pertanto, la riforma psichiatrica brasiliana denuncia i manicomi, l’esclusione sociale, la violenza e l’occhio patologico. Portare la proposta di una rete di assistenza all’interno di una comunità, mira a reinserire, socialmente, attraverso il lavoro, la cultura e il tempo libero, consentendo la libertà di scelta, in relazione al trattamento, l’individuo nella sofferenza mentale, ora adottando un aspetto biopsicosociale (BARROSO; SILVA, 2011). Affinché ciò sia possibile, la salute mentale in Brasile dispone di servizi sostitutivi per gli ospedali psichiatrici, che sono Centros de Atenção Psicossocial (CAPS), servizi di assistenza specializzata per le persone in grave disagio psicologico, con l’obiettivo di favorire l’esercizio della cittadinanza e l’inclusione sociale degli utenti e delle loro famiglie.

Secondo Amarante e Nunes (2018), il CAPS è definito come un’unità sanitaria locale responsabile della copertura di una popolazione definita dal livello locale, e quindi offre assistenza intermedia tra la rete ambulatoriale e il ricovero in ospedale. CAPS Ad è un servizio specializzato nella cura di persone che abusano di alcol e altre droghe, con particolare attenzione ai disturbi derivanti da questo uso e alla dipendenza da sostanze psicoattive (BRASIL, 2004). Questo tipo di CAPS esegue ricevimenti quotidiani, cure individuali, laboratori terapeutici, oltre ad avere letti di riposo con lo scopo principale di un follow-up completo, mirando, tra le altre cose, alla disintossicazione. Attualmente, uno dei problemi affrontati dalla società si riferisce all’uso problematico di alcol e altre droghe, considerato una sfida in termini di salute pubblica e lo sviluppo di politiche pubbliche per assistere queste persone.

È noto che il consumo di sostanze psicoattive è sempre esistito nell’evoluzione storico-culturale dell’uomo, tuttavia l’aumento dell’uso abusivo e problematico di queste sostanze e delle loro ripercussioni sono stati ricorrenti e preoccupanti, secondo Lima et al (2009). La complessità del trattamento di persone che abusano di sostanze psicoattive indica la necessità di considerare l’uso di pratiche alternative. Le pratiche sanitarie integrative e complementari possono essere utilizzate come meccanismo naturale per la prevenzione delle malattie, il recupero della salute e la gestione dei sintomi legati alla diagnosi e al trattamento della malattia (BRASIL, 2015). In Brasile, la Política Nacional de Práticas Integrativas e Complementares nel SUS (PNPIC) è partita dal rispetto delle linee guida e delle raccomandazioni di diverse conferenze sanitarie nazionali e si basa sulle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Questa politica è nata dalla necessità di conoscere, sostenere, incorporare e attuare esperienze che sono già state sviluppate nella rete pubblica del paese (BRASIL, 2015). Quindi, ordinanza n. 849, del 27 marzo 2017, ha effettivamente incorporato alcune pratiche integrative (come Art Therapy, Music Therapy, Reike, Biodance, Circular Dance, Meditation, tra gli altri) nel SUS, tra cui quelle nella Política Nacional de Práticas Integrativas e Complementares. Uno dei modi alternativi che aiutano nel trattamento è l’uso dell’arte, soprattutto per coloro che hanno qualche difficoltà a verbalizzare le loro emozioni e sentimenti, o anche per coloro che hanno qualche difficoltà nell’aderire alle terapie convenzionali. Così, l’arte può diventare una risorsa importante per gli individui con bisogni a causa dell’abuso di sostanze psicoattive (CORREIA; TORRENTE, 2016).

Secondo Lima et al (2009), l’uso dell’arte come risorsa terapeutica in individui con problemi dovuti all’uso di droghe è un processo terapeutico prevalentemente non verbale, basato sulle arti visive, e quindi accoglie l’essere umano e tutta la sua diversità, complessità, dinamismo e lo aiuta a trovare nuovi significati per la sua vita, mirando al suo reinserimento sociale. In un rapporto di esperienza, su uno studio di pittura aperto in un ospedale psichiatrico nel 1946, Nise da Silveira ha affrontato l’importanza di utilizzare la pittura in pazienti schizofrenici. In considerazione della difficoltà di comunicazione verbale di questi pazienti, poiché le verbalizzazioni sono rare in quel momento, sono state offerte attività che hanno permesso l’espressione di esperienze, pensieri, emozioni e impulsi fuori dalla portata delle elaborazioni della ragione e della parola, secondo Silveira (1992).

L’esperienza ci mostra anche che la pittura può essere utilizzata dal paziente come vero strumento per riorganizzare l’ordine interno e allo stesso tempo ricostruire la realtà (SILVEIRA, 1992). L’intenzione era quella di trovare un modo per accedere al paziente, ma era anche possibile verificare che l’atto di pittura avesse effetti terapeutici, in modo da sforzare le rivolte interne. Le opere artistiche eseguite dai pazienti si sono dimostrate ricche di simboli e immagini, perché sono espressioni piene di significati e costituiscono il proprio linguaggio simbolico, obiettivo principale dello studio principale di quello studio. La teoria junghiana usa un linguaggio artistico e lo associa alla psicoterapia. Jung considerava la creatività artistica una funzione psichica naturale e strutturante, la cui capacità curativa era quella di formare e trasformare contenuti inconsci in immagini simboliche (JUNG, 1977).

Questa teoria utilizza disegni o dipinti realizzati liberamente dai pazienti, i loro sentimenti, sogni o situazioni di conflitto che vengono analizzati come una simboloizzazione dell’inconscio dell’individuo o della società.  L’uso della musica come risorsa terapeutica ha un’influenza sull’essere umano in diversi aspetti, sia fisici, cognitivi, emotivi o sociali. Gli stimoli musicali possono alterare la respirazione, la circolazione sanguigna, la digestione, l’ossigenazione e il dinamismo nervoso e umoristico. Stimola anche l’energia muscolare e riduce l’affaticamento. Può aumentare l’attenzione, stimolare la memoria, abbassare la soglia del dolore e ridurre la paura e l’ansia (BERGOLD; ALVIM, 2009). La meditazione, a sua volta, è una pratica di armonizzazione degli stati mentali e della coscienza che porta benefici al sistema cognitivo, promuovendo la concentrazione, aiutando nella percezione delle sensazioni fisiche ed emotive, stimolando il benessere, il rilassamento e riduce lo stress, l’iperattività e i sintomi depressivi (BRASIL, 2017).

Il legame tra professionale e paziente può essere concettualizzato come uno stretto rapporto personale tra professionale e paziente, al fine di stabilire relazioni di ascolto, dialogo e rispetto. Questi fattori facilitano la continuità del trattamento, alterando così la qualità delle cure (BRUNELLO et al, 2010). A sua volta, la definizione del termine “comprendere” può essere riassunte nella capacità di mettere uno un altro al posto dell’altro. Per capire, è necessario prendere in considerazione la singolarità dell’individuo, perché la sua soggettività è una manifestazione di vita totale (MINAYO, 2012). Sulla base del quadro teorico presentato, è possibile lanciare la questione fondamentale di questo lavoro: come può l’arte, utilizzata per scopi terapeutici e di convivenza, cooperare nel trattamento delle persone con bisogni derivanti dall’abuso di sostanze psicoattive?

2. OBIETTIVI

2.1 OBIETTIVO GENERALE

Questo lavoro ha come obiettivo generale di segnalare l’esperienza dell’uso dell’arte in un gruppo creato a questo scopo, osservando possibili effetti terapeutici nelle persone con bisogni derivanti dall’abuso di sostanze psicoattive, accompagnati da un team multidisciplinare in un Centro di cura psicosociale Alcol e altri farmaci III del Distretto Federale.

2.2 Obiettivi SPECIFICI

  • Fornire uno spazio per la pratica culturale e la coesistenza degli utenti;
  • Percepire il legame tra utenti e professionisti;
  • Comprendere l’esternalizzazione dei sentimenti dall’arte; E
  • Osservare i possibili effetti terapeutici dell’espressione mediata dall’arte.

3. METODOLOGIA

Questo lavoro è qualitativo, descrittivo e sotto forma di relazione di esperienza, e, per questo, si propone di comprendere le dichiarazioni dei pazienti, i prodotti finali di ogni incontro e l’esperienza dei facilitatori dopo l’esperienza di tale attività. È stato utilizzato il reporting dell’esperienza, perché, in questo modo, sarebbe possibile descrivere la rilevanza dell’uso dell’arto a fini terapeutici quando si segnalano le esperienze. Il gruppo Art and Interaction è iniziato nel dicembre 2018 e la sua fine è stata nell’aprile 2019, presso CAPS Ad de Samambaia-DF, con l’intenzione iniziale di essere uno spazio per la pratica culturale dei pazienti, mirando a vari scopi terapeutici. In un totale di otto incontri, si sono svolta settimanalmente, il mercoledì, dalle 14:00 alle 16:00.

Dopo gli incontri, è stato preparato un diario sul campo, con le impressioni dei professionisti e la percezione dei benefici per i pazienti. Il pubblico di riferimento era quello di pazienti che usavano alcol problematici o altri farmaci, accolti nel regime di assistenza 24 ore su 24, che vivevano nell’Unidade de Acolhimento a (UA), situata accanto ai CAPS, e coloro che avevano nel loro singolare piano terapeutico il follow-up nel modello “diurno”. L’unico criterio per l’inclusione nel gruppo terapeutico doveva essere seguito nell’istituto dal team multidisciplinare. Uno dei tappi CAPS Ad group camere dotate di tavoli e sedie è stato utilizzato, così come attrezzature sonore e materiali per la produzione artistica: carta, pastelli, pastelli, vernice gouache e pennello.

4. DISCUSSIONE E RISULTATI

Per quanto riguarda l’esperienza con il pubblico di destinazione, va ribadito che sono state riscontrate alcune difficoltà durante le attività che dovrebbero essere menzionate, come, ad esempio, il sostegno del gruppo basso, sia dei pazienti di piena accoglienza che di follow-up diurno; l’abbassamento del livello di coscienza a causa dei farmaci psicotropi utilizzati nel trattamento; il rifiuto di svolgere qualsiasi attività proposta e la diminuzione della concentrazione durante le riunioni. Gli incontri avevano attività pre-elaborate e semistrutture. Solo un tema è stato proposto con l’intento di guidare le produzioni artistiche, lasciando i pazienti liberi di esprimere le loro emozioni attraverso l’arte. Al termine delle riunioni, ai pazienti è stato chiesto di fare un’interpretazione del loro lavoro, riflettendo sul suo significato ed esponendoli al gruppo.

Il gruppo è partito senza un nome definito, e quindi abbiamo invitato i pazienti a spiegare la proposta dei prossimi incontri e a condurre un’indagine di idee per possibili nomi di gruppo. È stato suggerito, da uno dei pazienti, il nome “Arte e Interazione”, in vista della proposta di produzione artistica e della coesistenza tra professionisti e pazienti stessi, come avvenuto in Inghilterra dopo l’emergere di comunità terapeutiche, il cui intervento con l’assistenza ha discusso in gruppo il funzionamento dell’istituzione e il trattamento dei pazienti (FEITOSA et al, 2010). L’allora chiamato gruppo “Arte e Interazione” ha proposto di pensare al processo di riabilitazione psicosociale e reinserimento sociale. Secondo la legge 10.216 del 2001, punto di riferimento della riforma psichiatrica del paese, è stato necessario ripensare il modello manipolatoriale e la storia dell’esclusione sociale che questo modello rappresenta (BARROSO; SILVA, 2011).

La scelta del nome del gruppo, eseguita, quindi, insieme ai pazienti, ha preso in considerazione la storia di segregazione dei pazienti in sofferenza mentale, cercando, per questo, di stimolare l’autonomia mettendoli in una posizione attiva, dal punto di vista del processo terapeutico. Nel primo incontro, oltre a scegliere il nome del gruppo, è stato proposto di fare un disegno a tema gratuito.  Da questo ha prodotto un disegno astratto, con vernice gouache blu e gialla, che rappresentava l’acqua e il sole della sua patria, un altro disegno ritraeva persone che rappresentavano i membri della famiglia e c’era un altro disegno di un personaggio dei fumetti. I disegni hanno affrontato i ricordi dei familiari e i ricordi d’infanzia, oltre a far conoscere la difficoltà dei partecipanti a parlare del prodotto finale dell’attività proposta.

Come quello che è accaduto con Nise da Silveira nel suo studio di pittura, è stato possibile percepire la funzione terapeutica dell’arte, vista come una forma alternativa di espressione di esperienze ed emozioni, che non sarebbe stata razionalmente elaborata, ovvero sarebbero state in inconscio (SILVEIRA, 1992). Anche con la difficoltà della comunicazione verbale osservata durante la spiegazione di ciò che è stato prodotto, è stato possibile percepire l’importanza di utilizzare l’arte come risorsa terapeutica, consentendo ai pazienti di accedere ai loro sentimenti, formandoli. A causa della necessità di affrontare i sentimenti, alla seconda riunione è stato proposto che i partecipanti attingere liberamente su alcuni temi legati alla loro vita. Occasionalmente, c’era il rifiuto di partecipare, a causa del tema o del modo di partecipare, ma durante l’incontro, visto che tutti erano coinvolti in qualche modo con l’attività, hanno deciso di partecipare.

Sono state prodotte opere che evidenziano traumi e distanziamenti dalla vita familiare. Manifestare sentimenti usando l’arte è una forma di comunicazione giocosa, prevalentemente non verbale, che fornisce gli strumenti necessari per esternare le emozioni che potrebbero non avere posto, dando loro un significato, aiutando così nel reinserimento sociale dell’individuo nella sofferenza mentale (LIMA et al, 2009). In considerazione dell’agitazione dei pazienti percepiti all’inizio degli incontri, era necessario cercare tecniche di rilassamento alternative. Pertanto, all’inizio del terzo incontro, è stata proposta una meditazione guidata per il relax che sarebbe stata utilizzata come trigger di produzione artistica, i cui pazienti avrebbero bisogno di riprodurre un momento della loro vita che avrebbe portato bei ricordi. Tutto ha disegnato un paesaggio verde, con laghi o fiumi, secondo il tema portato nella meditazione guidata. Hanno anche segnalato una sensazione di benessere e calma dopo l’attività.

La meditazione è stata incorporata nel SUS dall’ordinanza n.849 del 27 marzo 2017 ed è stata inclusa nella Politica nazionale di pratiche integrative e complementari. Porta diversi benefici al sistema cognitivo stimolando il benessere, aiutando nella percezione delle sensazioni fisiche ed emotive, migliorando la concentrazione e riducendo lo stress e i sintomi depressivi (BRASIL, 2017). Tali benefici erano essenziali per la scelta di questa pratica come triggerof attività, in modo che ha aiutato nel processo di rilassamento e fornito una maggiore connessione con i sentimenti. Nel quarto incontro, è stata richiesta una produzione artistica per quanto riguarda la sua professione. Ci sono stati disegni che hanno dimostrato la precedente attività lavorativa, oltre all’esposizione del desiderio di tornare alle professioni già esercitate ad un certo punto della vita, attraverso commenti fatti durante le interpretazioni dei disegni.

È stato possibile percepire un abbassamento delle funzioni cognitive dei pazienti a causa di farmaci, che ostacolavano la continuazione delle attività. Poi venne l’idea di utilizzare la funzione sonora. Incluso anche nel SUS nel 2017, dal PNPIC, la musica, utilizzata come risorsa terapeutica, può alterare la respirazione e la circolazione sanguigna, riducendo così la fatica, tra gli altri benefici (BRASIL, 2017). Inoltre, stimola la memoria e l’attenzione, combattendo la paura e l’ansia (BERGOLD; ALVIM, 2009). Nel verificare l’aumento dell’attenzione dei pazienti, accompagnato da un maggiore interesse nell’esecuzione delle attività proposte, la risorsa sonora è stata utilizzata in tutte le riunioni successive. Nella quinta riunione, collettivamente e liberamente in un’unica carta, è stato richiesto un unico prodotto finale per lavorare questioni cognitive, nonché organizzazione del tempo e condivisione dello spazio.

Sono stati prodotti disegni propri e unici, che fanno riferimento alla memoria d’infanzia, alla famiglia e alle relazioni amosute, contrastanti o meno, oltre ad alcune storie vissute. C’è stato un movimento da parte dei facilitatori a considerare tutte le opere prodotte preziose. Questo punto è importante nella ricerca di comprendere il paziente, perché ogni lavoro rappresenta il significato dell’individuo nel suo complesso, anche se un lavoro si avvicina a un sentimento o a un’esperienza specifica. Secondo la letteratura, per comprendere l’individuo è necessario comprenderne la singolarità, e la sua soggettività è una manifestazione di vita totale, secondo Minayo (2012).  Nel sesto incontro, diverse figure tagliate fuori dalle riviste sono state offerte in anticipo, e così ogni paziente ha scelto la figura di interesse e ha prodotto un disegno correlato: una continuazione di questa figura o parte di esso.

La libera immaginazione ha reso possibile incontrare le singole storie. È stato possibile percepire gioie, sofferenze e riflessioni sulle attività quotidiane e sulla vita umana, come la fame e il processo di invecchiamento. Alla fine, ci fu una stravaganza di emozioni attraverso il pianto durante le attività, a causa di ricordi di conflitti familiari, e la cura individuale era necessaria dopo la fine del gruppo. La sensibilizzazione in troppo, accompagnata da pianto o meno, è stata verificata in alcuni momenti durante l’attività, essendo presente sia durante il processo di realizzazione dell’opera, sia quando riporta il suo significato al gruppo. Osservando la retrocessione dell’umorismo e l’angoscia di qualche singolo partecipante, è stato offerto, individualmente, un ascolto qualificato per affrontare tali sofferenze e dare riferimenti al team multidisciplinare o ad altri servizi, se necessario.

Durante gli incontri, è diventata evidente la creazione di legami tra gli attori che fanno parte del gruppo, a causa del numero di incontri tenuti e dei temi affrontati sentimenti in modo giocoso. Produzioni artistiche piene di esperienze, che ritraevano traumi, conflitti, ambizioni ed emozioni nella vita dei pazienti, servivano da ponte al restringimento del rapporto tra paziente e professionale. Questo legame svolge un ruolo importante nella riabilitazione psicosociale, in quanto facilita i guadagni nel follow-up del processo terapeutico (BRUNELLO et al, 2010). Nel settimo incontro, i pazienti sono stati organizzati in coppia e orientati circa l’attività, e ognuno avrebbe iniziato un disegno, prendendo 5 minuti per questa produzione artistica. Più tardi, l’altro membro del duo ha cercato di interpretare e continuare il disegno per altri 5 minuti. Infine, ogni coppia ha spiegato il prodotto finale del loro lavoro.

Con questo, l’organizzazione del tempo e dello spazio è stata lavorata, oltre alla percezione del sentimento attraverso la progettazione dell’altro. In questo incontro, la produzione più ritratta è stata dalla loro patria, con caratteristiche naturali. Rendendosi conto che i pazienti si sono sempre avvicinati alla loro patria e alla loro famiglia nei disegni, essendo molto ricorrenti in quasi tutti gli incontri, si è deciso di svolgere, nell’ottavo e ultimo incontro, un’attività con questo tema. La proposta era di leggere una poesia rivolta alla famiglia, alle radici e alla patria, usando questa poesia per innescare la produzione artistica in questo incontro. Il desiderio di rafforzare i legami familiari è stato rappresentato.

Dall’attività, è stato possibile percepire che il gruppo non mirava a valutare le produzioni artistiche dei pazienti dal punto di vista psicologico o, ancora, non era destinato a definire un significato per i prodotti finali ad ogni incontro, contrariamente al focus dell’approccio junghiano. Questo è utilizzato dalla produzione di arti eseguite dai pazienti per analizzare la simbolizzazione dell’inconscio dell’individuo (SILVEIRA, 1992). Il gruppo “Arte e Interazione” intendeva utilizzare l’arte come mezzo per i partecipanti per accedere ai loro sentimenti e modellare le loro esperienze, diventando così un importante strumento terapeutico in cura.

CONSIDERAZIONI FINALI

In considerazione dello scopo di questo lavoro di segnalazione dell’esperienza di un gruppo artistico di un CAPS Ad nel Distretto Federale, abbiamo utilizzato lo spazio per la pratica culturale dei pazienti per verificare gli effetti terapeutici dell’arte e la sua partecipazione al trattamento di persone che abusano di sostanze psicoattive. Dalla creazione del gruppo, l’obiettivo è stato quello di stimolare l’autonomia dei pazienti, ponendoli in una posizione attiva nei loro trattamenti, pensando al processo di riabilitazione psicosociale e presupponendo la logica della riforma psichiatrica (FEITOSA et al, 2010). Corrreia (2016) concorda con il processo terapeutico dei pazienti che abusano di sostanze psicoattive in relazione alla necessità di utilizzare percorsi alternativi per l’adement del trattamento, costituendo un’importante risorsa terapeutica.

Nella stessa direzione, un altro quadro teorico ratifica gli effetti terapeutici dell’uso dell’arte come mezzo di comunicazione ed espressione dei sentimenti, specialmente nelle persone in difficoltà psicologica (SILVEIRA, 1992). Come osservato durante gli incontri del gruppo “Arte e Interazione”. Ancora in questo senso e tenendo conto della difficoltà di verbalizzare i sentimenti di questi individui (CORREIA; TORRENTE, 2016; SILVEIRA, 1992), l’uso dell’arte potrebbe aiutare nel processo terapeutico, soprattutto portando alla prima idea sentimenti e idee che erano fuori dalla portata delle parole, organizzando internamente e formando questi sentimenti. È stato fondamentale per l’esperienza dei residenti nella salute mentale e gli organizzatori percepire il gruppo come un’opportunità per fornire ai partecipanti uno spazio per la coesistenza e la promozione dei legami.

In considerazione della storia dell’esclusione sociale di questi individui, lo spazio è configurato come un incentivo per il reinseggio e vantaggioso per la continuazione del processo terapeutico, immaginando la sua riabilitazione psicosociale. Nel contesto del quadro teorico e attraverso l’osservazione durante le riunioni di gruppo, si può affermare che l’arte adempie il suo ruolo terapeutico aiutando la persona nella sofferenza mentale ad esprimere la propria unicità, nonché le proprie esperienze, emozioni e pretese. Si basa, quindi, sulla dichiarazione portata nel quadro teorico che l’espressione della soggettività è una manifestazione totale di un individuo (MINAYO, 2016). L’uso dell’arte come risorsa terapeutica è un modo per contribuire al trattamento di persone che abusano di sostanze psicoattive. Si suggerisce che il figlio magro professionista di salute mentale su pratiche integrative nel suo complesso, incorporando risorse come l’arte nella loro pratica quotidiana. Con questo, forniranno benefici nel processo terapeutico dei pazienti, assistendo nella riabilitazione psicosociale.

RIFERIMENTI

AMARANTE, P.; NUNES, M. de. O. A reforma psiquiátrica no SUS e a luta por uma sociedade sem manicômios. Ciênc. saúde coletiva, v. 23, n. 6, p. 2067-2074, jun. 2018.

BARROSO, S. N.; SILVA, M. A. Reforma Psiquiátrica Brasileira: o caminho da desinstitucionalização pelo olhar da historiografia. Rev. SPAGESP, v. 12, n. 1, p. 66-78, jun. 2011.

BERGOLD, L. B.; ALVIM, N. A. T. A música terapêutica como uma tecnologia aplicada ao cuidado e ao ensino de enfermagem. Esc. Anna Nery, v. 13, n. 3, p. 537-542, set. 2009.

BOLONHEIS-RAMOS, R. C. M.; BOARINI, M. L. Comunidades terapêuticas: “novas” perspectivas e propostas higienistas. Hist. cienc. saude-Manguinhos, v. 22, n. 4, p. 1231-1248, 2015.

BRASIL. Ministério da Saúde. Saúde Mental no SUS: os Centros de Atenção Psicossocial. Brasília. Diário Oficial da União, Brasília, 2004.

BRASIL. Ministério da Saúde. ‘Política nacional de práticas integrativas e complementares no SUS: atitude de ampliação de acesso’. Diário Oficial da União, Brasília, 2015.

BRASIL. Ministério da Saúde. ‘Portaria n. 849, de 27 de março de 2017. Inclui a Arteterapia, Ayurveda, Biodança, Dança Circular, Meditação, Musicoterapia, Naturopatia, Osteopatia, Quiropraxia, Reflexoterapia, Reiki, Shantala, Terapia Comunitária Integrativa e Yoga à Política Nacional de Práticas Integrativas e Complementares. Diário Oficial da União, Brasília, 2017.

BRUNELLO, M. E. F. et al. O vínculo na atenção à saúde: revisão sistematizada na literatura, Brasil (1998-2007). Acta paul. enferm., v. 23, n. 1, p. 131-135, 2010.

CORREIA, P. R.; TORRENTE, M. de. O. N. Efeitos terapêuticos da produção artística para a reabilitação psicossocial de pessoas com transtornos mentais: uma revisão sistemática da literatura. Cad. saúde colet., v. 24, n. 4, p. 487-495, dez.  2016.

FEITOSA, A. et al. Estudo das experiências da reforma psiquiátrica – Concepções de sujeito, comunidade e práticas terapêutica. Mnemosine, v. 6, n. 1, p. 111-133, 2010.

JUNG, C. G. Chegando ao inconsciente. In: JUNG, C. G. O homem e seus símbolos. Rio de Janeiro: Nova Fronteira, 1977, p.16-99.

LIMA, C. R. de. O. et al. Arteterapia com dependentes químicos:  a visão do hospital psiquiátrico por meio da expressão artística. In: Jornada Brasileira de Arteterapia: Arteterapia, Musicoterapia e desenvolvimento humano, v. 1, p. 157-172, 2009.

MINAYO, M. C. de. S. Análise qualitativa: teoria, passos e fidedignidade. Ciênc. saúde coletiva, v. 17, n. 3, p. 621-626, mar. 2012.

SILVEIRA, N. da. O mundo das imagens. São Paulo: Editora Ática, 1992.

VIEIRA, G. L. S. et al. Concepções de usuários de um caps sobre o tratamento e inclusão. Psicol. Soc., v. 30, e187474, 2018.

[1] Infermiera residente in Salute Mentale, Scuola di Scienze della Salute (ESCS).

[2] Infermiera del Dipartimento della Salute del Distretto Federale (SESDF). Consulente e tutor del programma Residency in Mental Health di ESCS.

Enviado: Fevereiro, 2020.

Aprovado: Março, 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here