In alternativa, il trattamento della pelle estetico Utilizzando peeling chimico

0
833
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
In alternativa, il trattamento della pelle estetico Utilizzando peeling chimico
5 (100%) 1 vote[s]
ARTIGO EM PDF

SANTOS, Suelene da Silva [1]

SANTOS, Suelene da Silva. In alternativa, il trattamento della pelle estetico Utilizzando peeling chimico. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Numero 9. Anno 02, Vol. 01. pp 83-94, dicembre 2017. ISSN:2448-0959

sommario

La pelle è sottoposta ad un processo di invecchiamento che può essere presto, a causa di vari fattori o fisiologico, comunque, preoccupa molti individui che cercano l'aiuto di un esperto del professionista esperto per ridurre al minimo i suoi segni. Una delle caratteristiche per migliorare la qualità della pelle sono peeling chimici, utilizzando diversi principi attivi come l'acido glicolico, acido retinoico, tricloroacetico e fenolo, tra gli altri, che forniscono esfoliazione della pelle e rinnovamento cellulare tardi. A seconda della concentrazione e pH che vengono impiegati nelle formulazioni innescano superficiale buccia, medi e profondi. ATA, per esempio, è stato utilizzato come profondo peeling da solo o in combinazione con altri componenti della formula che agiscono come penetrazione e permeazione promotori. L'uso di questi prodotti risultati nel processo di rinnovamento cellulare intenso, normalizzando pigmentazione della pelle, riducendo segni e minimizzando rughe. Tambémm hanno il fenolo, a causa della loro tossicità e indicazioni dovrebbe essere applicato solo da medici, secondo la tecnica raccomandata con attenzione, e il paziente deve essere monitorato per ottenere la massima efficacia di peeling e minimizzando gli effetti sistemici.

Parole chiave: chimica abrasione, l'invecchiamento della pelle, Assets chimici.

introduzione

Sin dai tempi antichi v'è una preoccupazione per la salute e l'estetica, quindi questa abitudine di cercare sempre alternative estetica è sempre più comune nelle culture, di epoca imperiale, il Medioevo, la Rivoluzione francese, anche alla rivoluzione industriale, generando un aumentando il progresso nell'industria farmaceutica e cosmetica, che porta allo sviluppo di una serie di attività detenute per l'igiene, la salute e la bellezza e portando così il benessere (CORREIA, 2010).

La popolazione è sempre più alla ricerca di prodotti di qualità e il progresso tecnologico per il trattamento dei cambiamenti che la pelle ha sofferto a causa di diversi fattori, che ha motivato in questo modo le aziende farmaceutiche per studiare e investire nello sviluppo di prodotti volti a migliorare la la qualità della pelle (Borges, 2006).

La pelle subisce diverse modifiche durante i lunghi anni di vita, che riguarda un numero sempre maggiore di persone, non si tratta solo estetica, ma anche il benessere. La sua funzione principale è quella di proteggere il corpo contro le minacce fisiche esterne, perché è il più grande organo del corpo umano (VIEIRA, 2008).

La pelle è soggetta a varie tipologie di aggressione fisica e chimica, essendo a diretto contatto con l'ambiente esterno, un esempio sono i punti, che solitamente crea deformazioni dello stesso, così sono cambiamenti nel colore della pelle che possono apparire a qualsiasi età per presentare diverse tonalità. Queste macchie possono essere causati da diversi fattori, quali i cambiamenti nella produzione di pigmentazione della pelle, infezioni, disturbi ormonali, disturbi vascolari, tumori, l'esposizione al sole, segni di acne, tra gli altri (Nogueira, 2008).  

siamo anche foto invecchiamento è l'invecchiamento della pelle a causa di alcuna protezione della pelle contro i radicali liberi che portano alla degenerazione delle fibre collagene ed elastiche, portando alla comparsa di macchie pigmentate e il verificarsi di precancerose o lesioni maligne.  radiazioni UV favorisce la formazione di radicali liberi prodotti e, di conseguenza, aumenta il numero di lesioni ossidative non riparati, alterare il metabolismo e sono responsabili dell'invecchiamento precoce e aumentare il rischio di insorgenza di cancro della pelle (Garcia et al. 2006).

Secondo Ramos (2005) la scelta dell'agente o la tecnica specifica da utilizzare per peeling chimico, dipende dalla conoscenza della profondità della lesione in modo che si può scegliere un agente che non produce esfoliazione inutilmente più profondo il cambiamento in sé da trattare , può essere realizzato con varie sostanze, questo dipenderà da due fattori principali: la presentazione clinica e la fototipo.

Questo articolo affronterà l'evoluzione del peeling chimici, descrivendo il loro ruolo nei cambiamenti dei trattamenti per la pelle, così come il suo utilizzo a fini estetici, concentrandosi sui meccanismi di forme di azione e dosaggio utilizzato per la vostra applicazione, così come i veicoli utilizzati per il peeling. Cerco in questo modo per sapere completo, che è peeling chimico e le sue complessità.

contestualizzando:

pelle

Base alla struttura fisica della pelle, è composto da due strati principali, l'epidermide e il derma. L'epidermide è suddiviso in cinque strati sottili, corneale estratti, lucidum, granuloso, spinoso e basale e derma in due strati spessi papillare e reticolare. La separazione di questi cinque strati, abbiamo quello che noi chiamiamo la membrana basale, che è responsabile per la rigenerazione della pelle (VIEIRA, 2008).

funzione principale della pelle è di agire come una barriera protettiva del corpo contro le aggressioni dell'ambiente esterno; oltre ad avere anche ruolo importante nella autostima, le relazioni sociali e la qualità della vita dell'essere umano (Borges, 2006).

peeling chimico

Secondo Tan (2008) peeling chimici, noti anche come quimioesfoliação, comporta l'applicazione di uno o più agenti esfolianti nella pelle, con conseguente distruzione delle parti dell'epidermide e / o derma, seguita da rigenerazione dei tessuti epidermici e dermici.

Secondo Ramos (2005) questo tipo di trattamento ha diversi applicabilità, tra i quali: i casi di rughe, melanoses, attinie cheratosi, melasma, iperpigmentazioni post-infiammatorie, l'acne e il suo sequel, cicatrici atrofiche, smagliature, cheratosi pilaris e sbiancamento la pelle. Tuttavia è controindicato in caso di foto inadeguata protezione, la gravidanza, lo stress o escoriazioni nevrotiche, l'uso di isotretinoina orale per meno di sei mesi, cicatrici o formazione di cheloidi, storia iperpigmentazione post-infiammatoria permanente, difficili da capire e seguire le indicazioni fornite .

Valutazione chimico buccia

Peeling chimico è classificata in tre tipi: superficiale, medio e profondo ben descritte.

Gli atti superficiali peeling sull'epidermide e sono utilizzati come sostanze attive alfa-idrossiacidi (AHA), beta idrossiacidi (OLD, MORALI, 2010).

Secondo Vecchio e Morais (2010), la desquamazione deve essere ripetuta per ottenere risultati migliori. Questi peeling superficiali gli strati della pelle permettono i meccanismi biologici che stimolano il rinnovamento cellulare e la crescita, che lascerà l'aspetto della pelle sana e bella. A seconda del tempo di concentrazione e di soggiorno attivo sulla pelle, provocare un aumento spessore epidermico e aumentare la produzione di fibre di collagene. Questo tipo di peeling è indicato per il trattamento delle macchie superficiali, grandi pori, rughe superficiali, ruvida, iperpigmentazione più leggero, epidermico melasma, acne vulgaris.

Piano azione di peeling al derma papillare e utilizzare combinazioni composti attivi con TCA CO2, TCA con la soluzione di Jessner, acido glicolico o TCA TCA e solo resorcinolo. E 'indicato per i casi di acne, eczema invecchiamento ipercheratosiche luce foto, cheratosi attinica, rughe e melasma (GOMES, 2008).

Secondo Souza (2011), il peeling profondo agisce sui derma reticolare. Sono usati come componenti attivi 50% TCA e fenolo (soluzione Baker-Gordon), tra gli altri. Essi sono indicati per i casi di lesioni epidermiche, macchie, cicatrici, dischromias attiniche, rughe moderate, cheratosi e melasma. Si è stabilito come un peeling estremamente aggressivo ed è indicato per le pelli che richiedono il rinnovamento delle cellule dello strato più profondo del derma, come la pelle molto invecchiata. In questo peeling, se v'è un danno nello strato basale, perché la sua azione può verificarsi cicatrici.

Tipi di pelle che meglio rispondono a peeling chimici

Secondo Teixeira (2008), le diverse forme di peeling possono beneficiare quasi tutti i tipi di pelle: Tipo I – Nessun rughe, in genere con meno di 35 anni, ha bisogno di po 'di trucco. Tipo II – Le rughe appaiono solo quando c'è movimento in faccia (ad esempio, mentre sorridendo), tipicamente tra 25/35 anni, ingiallimento e prematuri segni danni del sole. Tipo III – Rughe stessa faccia a riposo, soprattutto intorno agli occhi, la bocca e la fronte, di età compresa tra 30/65 anni, scolorimento, e la comparsa di piccoli vasi sanguigni. Tipo IV – invecchiamento grave, con molte rughe profonde. I pazienti con tipi di pelle II e III sono quelli che beneficiano delle bucce di media e di superficie.

principi attivi utilizzati secondo la classificazione del peeling chimico

peeling superficiale

– acido lattico o acido glicolico 40-50% (fino a 10 minuti);
– 2-5% di acido retinoico;
– acido tricloroacetico 10-25% (uno strato);
– Resorcinol 20-30% (da 5 a 10 minuti);
– Soluzione di Jessner (1 a 2 strati) (vecchio e MORAIS2010)).

 peeling Est
– 40-70% lattico o acido glicolico (10 a 20 minuti);
– acido tricloroacetico 10-30% (uno strato);
– resorcinolo 40-50% (da 30 a 60 minuti);
– (. Ramos et al, 2005) la soluzione di Jessner (da 4 a 10 strati).

 peeling profondo

– acido lattico o acido glicolico al 70% (da 3 a 30 minuti);
– acido tricloroacetico superiore al 50%;
– + 35% soluzione di acido tricloroacetico Jessner;
– L'acido piruvico;
– Soluzione di Jessner + acido glicolico 40-70%; (Ramos et al., 2005).

Peeling molto profondo

– fenolo occlusione;
– (. Ramos et al, 2005), soluzione di Baker-Gordon.

Una varietà di prodotti chimici sono attualmente utilizzati nelle formulazioni di peeling chimici. Tra questi si possono citare l'acido alfa-idrossi acido glicolico, acido beta-idrossi, derivati ​​fenolici e retinoico e acido salicilico, resorcina e acido lattico, sono tutte sostanze utilizzate esfolianti formulazioni per peeling chimico della corsa con l'obiettivo principale di ottenere un infortunio controllato per la pelle (Ramos et al., 2005).

Controindicazioni e le complicazioni della peeling chimici

Controindicazioni

Peeling chimico sono controindicati in caso di gravidanza, a causa della mancanza di studi sulla sicurezza. Storia delle cicatrici ipertrofiche e cheloidi dovrebbe evitare di medio e peeling profondi. I pazienti che utilizzano isotretinoina devono attendere almeno un anno dopo la fine del farmaco, in quanto questo provoca la pelle riepitelizzazione. radioterapia diminuisce la riepitelizzazione. Precedente intervento chirurgico di aspettare almeno tre mesi per effettuare il peeling (laser ed elettrolisi). Le persone con lesioni attive di acne, herpes, infiammazione attiva, verruche piane, dermatite seborroica e atopica, rosacea, malattie immunosoppressive non devono essere sottoposti a questo tipo di sentimento (RAMOS, 2005).

complicazioni

alterazioni della pigmentazione, cicatrici cambiamento, cambiamento trama sono alcune delle complicazioni causate da peeling chimici, possono verificarsi infezioni, shock tossico, edema della laringe, milia, eritema persistente, atrofia cutanea, ipersensibilità al freddo, aritmie cardiache, e, infine, modifiche del fegato (Ramos, 2005).

 Scopo di condurre una preparazione della cute o pre-peeling

Lo scopo della preparazione della pelle prima di ogni peeling chimico, evidenziando il peeling superficiale, è quello di ottenere un assorbimento uniforme del principio attivo utilizzato in ogni preparazione, e quindi ridurre il rischio di iperpigmentazione della stessa, così come stimolare il loro recupero più veloce ( GARCIA et al., 2006).

Secondo Lacrimati (2008), la pelle dipenderà da una profondità di preparazione di aggressività che subirà, per questo uso, creme o altre forme farmaceutiche per amministrare un condizionamento della pelle in modo che non mostra macchie sulla post-peeling, e che guariscono più facilmente. Si va fase di preparazione da quattro (4) a otto (8) settimane, a seconda della profondità di azione di ogni peeling.

La pulizia della pelle è fondamentale per la rimozione delle impurità, come sebo, residui del trucco e detriti cellulari, e anche un aiuto nell'assorbimento omogenea degli stessi acidi. Così, secondo Lacrimati (2008). Può essere pulito con acqua e sapone acqua, 70% alcool, acido salicilico 10%, soluzione di Jessner (resorcinolo all'acido salicilico 14% e acido lattico 14% al 14% in 100 ml di etanolo), liquore Hoffmam (e parti alcool) e acetone anche.

Agenti chimici e Betahidroacidos alfahidroacidos

agenti chimici beta-hidroacidos 

  • tretinoina

E 'utilizzato in pre e post-peeling iniziato in concentrazioni che vanno da 1% a 8% progredire. Presenta un colore giallastro che sarà in contatto con la pelle di quattro (4) o sei (6) ore, poi rimosso con acqua. La sua peeling avverrà tra 2-3 giorni e può rimanere fino al 7 ° giorno. Essi presentano vantaggi per l'assenza di sensazioni pungenti e uniformità di applicazione a causa coloranti essere facilmente osservato nella pelle (Garcia et al., 2006).

  • acido salicilico

È un betahidroxiácido utilizzato in concentrazioni comprese tra 20 e 35%, causando un esfoliazione che avviene tra 3 a 5 giorni per l'applicazione. Le domande devono verificarsi settimanale in piccole aree, con leggero bruciore e una zona sbiancamento dovuto alla cristallizzazione dell'acido (Cunha, 2009).

L'acido salicilico è un acido beta-idrossi, che è stato sintetizzato chimicamente nel 1860 ed è stato ampiamente utilizzato nel trattamento dermatologico come agente cheratolitico nel trattamento dell'acne. È una polvere bianca solubile in alcool e leggermente solubile in acqua. La sua azione è la ceratolítica per la sua capacità di solubilizzazione delle proteine ​​di superficie cellulare, con conseguente distacco della pelle rifiuti cheratolitico. Dovrebbe essere usato in 3,0 a 6,0% concentrazioni, come sopra questa concentrazione può essere distruttivo per la pelle (Cunha, 2009).

  • ACDO Tcidoricloroacético (ATA)

Secondo, Ferreira (2000), acido tricloroacetico è una polvere cristallina, altamente solubile in acqua. Quando viene utilizzato per scopi di ringiovanimento sono eccellenti nel trattamento della pelle danneggiata acneica, così come cicatrici e rughe profonde. È ampiamente usato per una profondità peeling chimico attivo e la superficie media a concentrazioni compreso fra 10 e 75% in soluzioni acquose. Un peeling è ampiamente utilizzato dai medici a causa della loro mancanza di tossicità sistemica, essendo richiesto nelle formulazioni in concentrazioni variabili da 10 a 80% (Teixeira, 2008).

  • resorcina

È un agente caustico dal gruppo di fenoli utilizzati come agente esfoliante in forma di pasta in concentrazioni che vanno dal 10 al 70%, o in combinazione con altre sostanze come soluzione di Jessner. E 'indicato per il trattamento di acne, cambiamento di colore della pelle (dischromias) e pelli grezze, iperpigmentazione posta infiammatoria possono essere utilizzati in pelle più scura, incline a iperpigmentazione (Texeira, 2008).

Sostanze chimiche Alfa-hidroácidos

Il termine alfa-idrossi è stato introdotto nel mercato dermatologico nel 1974 e viene utilizzato per il trattamento topico di ittiosi. Attualmente, molti prodotti topici che sono sul mercato contengono uno o più acidi alfa-idrossiacidi come componenti primari della formulazione (Ramos et al, 2005).

alfa-idrossiacidi sono acidi naturali, pertanto, quando usato nelle formulazioni, devono essere neutralizzati a raggiungere un intervallo di pH compreso tra 3 e 5, al fine di avvicinare il pH della superficie della pelle varia da 4, 2-5,6 perché, si ritiene che l'efficacia topica della formulazione è direttamente correlata al pH desiderato, (Ramos et al, 2005)

efficacia topica di una formulazione contenente un acido alfa-idrossi, dipende da due fattori principali: la concentrazione biodisponibile, che è la frazione del bene non cambia che raggiunge il sito d'azione ed il veicolo usato. Il veicolo è molto importante in efficacia topica di un acido alfa-idrossiacidi, sia per uso cosmetico e per indicazioni dermatologiche. Alcuni acidi alfa-idrossiacidi come acido glicolico, acido lattico, acido tartarico, acido malico e acido citrico, sono altamente solubili in acqua, creme e lozioni o fatto di emulsioni olio-in-acqua, altri sono più solubili in lipidi, che è acido caso e benzile acido mandelico che sono altamente solubili emulsioni, unguenti o acqua-in-olio (Ramos et al, 2005).

Secondo Ramos et al (2005) alfa-idrossiacidi sono responsabili per la ritenzione idrica dell'epidermide, accelerando il processo di rinnovamento cellulare, perché ciò avvenga, il pH della formulazione dovrebbe stabilizzarsi a circa 3,8. Appartenenti a questo gruppo acido glicolico, acido citrico, acido lattico, acido mandelico, acido piruvico e acido tartarico. All'interno di questi, abbiamo alcuni che sono più comunemente usato come peeling chimico in ufficio:

  • L'acido glicolico

L'acido glicolico si trova in alimenti naturali come canna da zucchero, presenta un buon assorbimento in diversi strati cutanei, oltre ad agire come solvente per la matrice intercorneócita riducendo cheratinizzazione eccessivo. Si tratta di un peeling che a seconda della sua concentrazione può essere liscia, che agisce per promuovere l'assottigliamento dello strato corneo, che è utile nel rinnovamento epidermico e visibile riduzione linee del viso. Dovrebbe essere applicato localmente per stimolare il rinnovamento cellulare, e anche agire come sbianca idrofila, che aumenta l'idratazione della pelle e l'elasticità. L'aumento dell'elasticità cutanea è dovuto alla stimolazione diretta della produzione di collagene, elastina e mucopolisaccaridi negli strati più profondi della pelle. L'acido glicolico pelatura è utilizzato nel trattamento della pelle del viso danneggiata da acne, ittiosi, melasma, verruche, tra gli altri problemi (Henriques et al., 2007).

Secondo Henry et al (2007), acido glicolico ci permette di effettuare peeling superficiali, medi e profondi, dipende solo dalla concentrazione e dal tempo di esposizione all'agente pelle. peeling superficiale è eseguita con la corrispondente 30 al 50% del valore finale della formulazione, la buccia media utilizza il corrispondente 50 al 70%, e profondo peeling viene utilizzato concentrazioni superiori al 70% della formulazione.

  • acido lattico

Estratto dal latte acido mediante fermentazione batterica, di promozione della idratazione della pelle. Ad alte concentrazioni promuove l'esfoliazione della pelle e il rinnovamento, pur mantenendo la sua stabilità PH 3,5-4,5 può raggiungere la concentrazione del 85% (SHARQUIE et al, 2006)

  • L'acido mandelico

Ottenuto per idrolisi di estratto di mandorla amara. Secondo gli studi, l'acido mandelico è utile nel trattamento di infezioni batteriche non cistica acne infiammatoria e la pelle ringiovanire e foto invecchiato, e utilizzati in pre peeling e impedendo nel post peeling.

 Sensazione di fenolo chimica

Fenolo o acido carbolico deriva dal catrame di carbone, è fisicamente presentati come aghi cristalli a forma variabile dal rosa al incolore, con un odore caratteristico. Quando riscaldato e diventa liquido quando esposto all'aria e alla luce ha una colorazione scura. Il fenolo è un agente chimico che produce effetto batteriostatico quando in presentazioni con concentrazioni minime di 1% e sopra di questa concentrazione ha azione battericida. Esso agisce come un anestetico locale alle terminazioni nervose e produce la coagulazione delle proteine. Come composto chimico è solubile in oli e grassi può essere facilmente rimosso dalla pelle attraverso l'uso di glicerina, oli vegetali e alcool etilico 50% (Correia, 2010).

Per Velasco et al. (2005), il fenolo ad una concentrazione di 88% penetra derma reticolare superiore ed è queratocoagulante, impedendo la penetrazione negli strati più profondi. Così, più la concentrazione fenolo, maggiore coagulazione cheratina meno penetrazione e minore tossicità. La sua applicazione sulla pelle induce una bruciatura chimica di azione, che nel tempo i risultati nel ringiovanimento di pelle, se applicato per un periodo di tempo più lungo provoca la penetrazione nel derma superiore, causando la formazione di uno strato stratificato di collagene. La rigenerazione della pelle inizia a 48 ore dopo l'applicazione. Va notato che il peeling fenolo viene utilizzato per il seguente: sbiancamento della pelle, rughe, iperpigmentazione o pigmentazione eterogenea, trattamento dell'acne, cicatrici, lentiggini attiniche e solari e cheratosi seborroiche. Così, il più conosciuto ed utilizzato nella formulazione che ha costituito il fenolo è da Baker-Gordon (1962), in cui il fenolo utilizzato è diluito a concentrazioni da 45 a 55%.

Secondo ancora Velasco (2005), croton oil nella formula è il componente che aumenta la capacità di fenolo di coagulare la cheratina della pelle, che agisce come promotore di penetrazione cutanea della vascolarizzazione 39 sollevamento del sito. E 'altamente tossico per la pelle, causando gonfiore ed eritema.

L'acqua è il veicolo utilizzato per ottenere la concentrazione desiderata di fenolo nella formulazione, senza la concentrazione fenolo incontrollata potrebbe provocare reazioni indesiderate alla pelle, proporzionale alla sua concentrazione.

Il fenolo ad una concentrazione di 88% ha la capacità di penetrare derma reticolare superiore ed è queratocoagulante, che impedisce la penetrazione a livelli più profondi. Così, il fenolo diluito nella formulazione agisce come agente cheratolitico, rompendo i ponti di zolfo della cheratina e penetrare più profondamente. Pertanto, maggiore è la concentrazione fenolo nella formulazione, la più coagulazione della cheratina e meno penetrazione (Velasco, 2005).

Quando viene applicato sulla pelle, secondo Cooke (2010), il fenolo induce una bruciatura chimica, che nel corso del tempo i risultati di ringiovanimento della pelle. La sua applicazione per un periodo più lungo provoca la penetrazione nel derma superiore, causando la formazione di un nuovo strato di collagene, la rigenerazione inizia 48 ore dopo l'applicazione della formulazione e completata entro 10 giorni di distanza. La buccia fenolo è raccomandato nei seguenti casi: sbiancamento della pelle, rughe, iperpigmentazione o pigmentazione eterogenea, trattamento dell'acne, cicatrici, lentiggini attiniche, solari e cheratosi seborroiche.

Veicoli attualmente usati nella preparazione dei peeling chimici

  • gel

I gel sono considerati emulsioni che hanno una elevata percentuale di acqua nella sua composizione, e una bassa concentrazione di olio. Hanno uno stabilizzante colloidale idrofilo ed un agente donatore di consistenza. La crema-gel può essere ottenuto miscelando, in opportune proporzioni, un gel e un'emulsione tradizionale. Al fine di ottenere un preparato che non ha le proprietà indesiderate di un gel e garantire allo stesso tempo ridurre la sensazione oleosa di un'emulsione, nel valutare la compatibilità del veicolo come impiegato attivo, dal momento che questo sistema crema-gel ha una stabilità inferiore alla crema o gel sistema separatamente (Garcia, 2006).

  • crema cremoso o lozione

La crema o lozione è definito come liquido cremoso o lozioni semisolidi dell'acqua tipo di olio o olio in acqua. Essi sono considerati veicoli cosmetici farmaceutici, molto apprezzati per l'incorporazione di vari tipi di attività. Nella sua pratica, i medici ed i pazienti preferiscono pomate creme, grazie alla sua facilità di applicazione, e nel caso del petrolio tipo creme in emulsione acquosa, in praticità di rimozione della pelle (Garcia et al, 2006).

Grazie alla sua particolare caratteristica di avere una maggiore penetrazione nei tessuti cutanei, raggiungendo strati più profondi, creme o lozioni liquidi sono altamente utilizzati per incorporare attivo con esfoliante e depigmentante azione, utilizzato nel rinnovamento cellulare e scrub la pelle, garantendo così che tali attività raggiungano più strati dell'epidermide profondi (Garcia et al, 2006).

  • Trasparente Gel Sapone o cremosi

In secondo luogo, Garcia et al (2006), trasparenti gel o crema saponi sono considerati uno dei veicoli più idonei per gli agenti di impianto e esfolianti, consentendo in combinazione con il tempo, una pulizia accurata attivo. La sua caratteristica principale deve essere la morbidezza, in modo da non irritare la pelle quali l'azione su un agente abrasivo.

Pensieri finali

Si è dunque concluso che le bucce chimiche hanno risultati soddisfacenti nei seguenti disturbi della pelle: acne, ringiovanimento, melasma, acne cicatrice e manutenzione di malattie della pelle, e agenti utilizzati per eseguire queste procedure sono soluzione di Jessner, acido salicilico, acido retinoico, mandelico, glicolico, lattico, tricloroacetico e fenolo. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato criteri di poche valutazioni, e pochi descritto il tipo di pelle utilizzata nei trattamenti, è noto che alcuni acidi non sarebbe adatto a tutti i biotipi, quindi sarebbe interessante che gli studi presentati in modo più preciso per quanto riguarda il tuo modo di presentare i loro metodologie e risultati.

riferimento

BORGES, FS. modalità terapeutiche nelle disfunzioni estetica. Phorte. Sao Paulo: 305-23. 2006.

CINTURA, D.L. ringiovanimento peeling fenolo. Curitiba – PR.2010.

CUNHA, MN. L'esperienza con peeling acido salicilico al 30% nel trattamento dell'acne. Gazzetta ufficiale della Società Brasiliana di Medicina Estetica. Giugno. 2009. Disponibile in: http://www.sbme.org.br/portal/download/revista/14/06_peeling_de _acido_Salicilico.pdf. Consultato il 10 aprile 2017.

DEFFERARI, R. PEELING – corpo sano. Del 2008. Disponibile all'indirizzo: <http://www.corposaudavel.com.br>. Consultato il: 19 Aprile, 2017.

Garcia, B. G. B. C. et al. Dermatologico uso farmaceutico. Cosmiatria. 1. ed. Paraná Guarapuava, 2006.

HERRIQUES, G. B. et al. Sviluppo analitico Metodo Valutazione per la determinazione del contenuto di acido glicolico in materie prime e formulazioni. Dermocosmetico. Journal of Pharmaceutical Sciences. Sao Paulo. V. 43, n. 1, Gen / Mar.2007.

Lima, PRESSI. macchie della pelle – Sanità 2006. Disponibile all'indirizzo: <http://www.saudetotal.com/artigos/dermatologia/tvescola_manchaspele.asp>. Consultato il: 19 Aprile, 2017.

LACRMANTI, LM. estetica percorso didattico – Volume 2. Yendis. Sao Paulo: 51-2. Del 2008.

NOCE. LA PELLE. – Buona Salute. 2006. Disponibile all'indirizzo: <http://www.boasaude.uol.br>. Consultato il: 19 Aprile, 2017. Disponibile all'indirizzo: Accesso http://amsdottorato.cib.unibo.it/587/1/tesi_de_padova.pdf 10 Aprile 2017.

ROTTA, O. Guida Dermatologia: clinica, interesse chirurgico e cosmetici. Manole. Sao Paulo: 689-97. Del 2008.

SHARQUIEKE, Al-Tikreety MM, Al-Mashhadani SA. Lattici peeling chimici acidi come una nuova modalità terapeutica nel melasma rispetto al peeling chimico soluzione di Jessner. Dermatol Surg. 2006; 32 (12): 1429-1436.

TEIXEIRA, C. M. Chemical Peel – Bio Corpo di modulazione. Del 2008. Disponibile all'indirizzo: <http://www.biomodulacaocorporal.com.br/peeling_quimico.htm>. Consultato il: 19 Aprile, 2017.

OLD, PENF; Moraes AM. chimica superficiale sbucciatura per il trattamento di rosasea manutenzione. Soc Bras Dermatol. 2010. Disponibile in: http://www.surgicalcosmetic.org.br/public/artigo.aspx?id=1 06. Consultato il 15 aprile 2017.

VIEIRA. Anatomia della pelle – studenti med. 31 Maggio 2008. Disponibile all'indirizzo: <http://www.med.students.com.br/content/resumo_medstudents20060531_01.doc>. Consultato il: 20 aprile 2017.

Ramos, T. R; et al. Validazione di un metodo analitico per la determinazione delle sostanze attive impiegate nelle formulazioni farmaceutiche "peeling" chimico. Rev. Bras. Scienze Farmaceutiche, abr / giugno 2005 vol. 41, No. 2, p. 229-235.

ROTTA, O.; et al. Dermatologia Guida: clinica, interesse chirurgico e cosmetici. 1 ° ed. Barueri, SP: Manole, 2008. P. 689-696.

Velasco, M. V .; pelle et al .Rejuvenecimento da peeling chimico: focus su fenolo peeling. An. Reggiseni. Dermatol. jan./fen. 2005, vol. 79, No. 1, p. 91-99.

[1] estetista

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here