L'uso delle nuove tecnologie nel controllo della malattia di Alzheimer

0
313
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI [ SOLICITAR AGORA! ]
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

BATISTA, Janine [1]

BATISTA, Janine. L'uso delle nuove tecnologie nel controllo della malattia di Alzheimer. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. 06, vol. 07, pp. 108-129, giugno 2018. ISSN:2448-0959

Morbo di Alzheimer causa problemi con la memoria, pensiero e comportamento. Nelle fasi iniziali, i sintomi della demenza possono essere minimi, ma come la malattia causa ulteriori danni al cervello, i sintomi peggiorano. Il tasso di progressione della malattia è diverso in ogni persona, ma, in media, persone con malattia di Alzheimer vivono circa otto anni dopo l'inizio dei sintomi. Anche se attualmente non esiste alcun trattamento per fermare la progressione del morbo di Alzheimer, ci sono farmaci per trattare i sintomi di demenza. Negli ultimi tre decenni, la ricerca sulla demenza portato informazioni più approfondite su come il morbo di Alzheimer colpisce il cervello. Attualmente, i ricercatori sono ancora alla ricerca di trattamenti più efficaci e cure, come pure i modi per prevenire la malattia di Alzheimer e migliorare la salute del cervello. Obiettivo: per indirizzo l'importanza dell'applicazione delle nuove tecnologie come un modo per ridurre e mitigare l'impatto della malattia di Alzheimer negli anziani. Per ottenere i dati con basi teoriche e scientifiche, per un periodo, nella maggior parte, a 10 anni. Lo studio presenterà un approccio qualitativo, poiché sarà descrivere azioni, attraverso l'approfondimento della comprensione dell'organizzazione, i metodi applicati.

Parole chiave: morbo di Alzheimer, neuropatologia, sintomi, cura, complicazioni.

Introduzione

Morbo di Alzheimer (annuncio) è classificata come un danno di neurodegenerative che influisce sulla capacità cognitiva degli anziani, interferendo nel comportamento, riducendo la capacità di lavoro e relazione sociale. In un primo momento, gli anziani perdono la memoria più recente, ma possono ricordare con precisione di anni di eventi fa. Morbo di Alzheimer è una malattia di grande impatto sulla vita quotidiana della persona, perché colpisce, tra le altre cose, la capacità di apprendimento, comprensione, orientamento, attenzione e lingua. La persona diventa sempre più dipendente dall'aiuto degli altri, come questo diventa necessario alcune modifiche nel familiare. Così diventa necessario l'aiuto di parenti o caregiver a favore di locomozione, le routine di anziane, cioè base di alimentazione.

Quando un paziente viene diagnosticata con alcune modifiche necessarie accadere nel comportamento della famiglia, perché tutti i membri sono interessati nei gradi differenti. Questo può portare all'espulsione di alcuni membri per vari motivi, tra i quali: vergogna o perché non capiscono o non conoscono la malattia. Prendersi cura degli anziani è avere consapevolezza, accettazione e ampio riconoscimento sia individuale che collettiva aspetto di invecchiamento come un processo esistenziale inerente.  Il processo di cura è un esercizio che si verifica nel tempo e non è previsto. In breve, il lavoro si propone di mostrare come la tecnologia entra in quell'aspetto come un modo per mitigare gli impatti del, così in quanto stimola le funzioni cognitive degli anziani. Morbo di Alzheimer non ha cura, quindi la tecnologia, nei suoi vari settori, agisce come un modo per controllare l'impatto di tale malattia nella vita di persone anziane.

Questo lavoro è giustificato bisogno imminente di punto studi e miglioramento delle tecnologie per migliorare la qualità della vita delle persone anziane che soffrono di malattia di Alzheimer. Mostrare, attraverso una rivista letteraria, l'importanza della ricerca per lo sviluppo di tecnologie nell'ambito della salute mentale degli anziani nel contesto dell'invecchiamento come un processo individualizzato con capacità uniche e diversi. Il presente studio esporrà i possibili benefici che tali tecnologie possono fornire agli anziani affetti da morbo di Alzheimer. Strategie terapeutiche nel danno conoscitivo e funzionale per gli anziani. Esposizione di modo che la scienza è costantemente in evoluzione e promuovere il miglioramento della salute, rendendo un incentivo e la motivazione nella vita accademica.

Con il progresso della medicina e innovazioni terapeutiche nel trattamento, prevenzione e controllo delle malattie neurodegenerative è la seguente domanda: in che senso l'applicazione di nuove tecnologie contribuiscono al controllo del morbo di Alzheimer in persone anziane?

Affrontare l'importanza dell'applicazione delle nuove tecnologie come un modo per ridurre e mitigare l'impatto della malattia di Alzheimer negli anziani.  Contestualizzare sulla malattia di Alzheimer: la posizione che è interessata, i sintomi e la diagnosi; Indirizzo sulle tecnologie utilizzate per alleviare e controllare i sintomi; presentare l'infermiera nel processo educativo per gli operatori sanitari del morbo di Alzheimer.

Nella preparazione di questo lavoro, essere utilizzato per la ricerca di carattere bibliografico, in cui attraverso le opere di vari autori saranno tenuti a redigere la promozione di questo teorico di lavoro. Che mira principalmente a trovare le risposte più efficaci nella letteratura per aiutarti a capire l'importanza dell'inclusione di nuove tecnologie nel trattamento del morbo di Alzheimer negli anziani. La ricerca inizierà attraverso un sondaggio della rivista teorica delle piattaforme scientifiche, quali Scielo, Google Scholar e PubMed, siti Web, giornali e libri per ottenere dati con basi teoriche e scientifiche, per un periodo, in maggior parte, di 10 anni. Lo studio presenterà un approccio qualitativo, poiché sarà descrivere azioni, attraverso l'approfondimento della comprensione dell'organizzazione, i metodi applicati.

1. Morbo di Alzheimer

Quando un paziente viene diagnosticata con alcune modifiche necessarie accadere nel comportamento della famiglia, perché tutti i membri sono interessati nei gradi differenti. Questo può portare all'espulsione di alcuni membri per vari motivi, tra i quali: vergogna o perché non capiscono o non conoscono la malattia. Prendersi cura degli anziani è avere consapevolezza, accettazione e ampio riconoscimento sia individuale che collettiva aspetto di invecchiamento come un processo esistenziale inerente.  Il processo di cura è un esercizio che si verifica nel tempo e non è previsto. Morbo di Alzheimer viene inizialmente caricato con la forma di progressive peggioramento funzioni neurologiche. Il pregiudizio più eminente clinici è in memoria della forma episodica e con danni evidenti nell'acquisizione di nuove competenze. Già nelle fasi intermedie, afasia fluente, testimoniate la difficoltà di denominare gli oggetti o scegliere la parola giusta per esprimere un'idea. E, infine, nelle fasi terminali, ci sono sorprendenti cambiamenti nel ciclo sonno – veglia e cambiamenti del comportamento come irritabilità e aggressività, sintomi psicotici, incapacità di camminare, parlare e cura personale (nipote, di eseguire 2005, pag. 120).

1.1 il neuropathology

Il peptide (AB) beta-amiloide non è solitamente trovato su tutto quando in gioventù, è normale in vecchiaia 80 e 90 anni dopo. Il peptide nasce dalla trasformazione di una proteina precursore dell'amiloide (APP), è una proteina normale che ha dominio extracellulare che attraversa la membrana cellulare e viene scisso da un enzima chiamato secretasi (alfa secretasi e gamma secretasi) . La neurodegenerazione è causata attraverso vari meccanismi come: stress ossidativo con disfunzione mitocondriale; attivazione dei recettori NMDA; excitocicidade indotto dal Ca2 + e la produzione di specie reattive dell'ossigeno da taglio proteolitico; per processo infiammatorio di attivazione degli enzimi; espressione di proteine infiammatorie, citochine e l'attivazione gliale.  La neuroinflamação è stata caratterizzata in diversi modelli, tra cui il modello AB indotta da peptide, mediante l'attivazione delle cellule gliali astrociti e microglia con la produzione delle citochine infiammatorie TNF-a e IL-6. Infiammatori ed ossidativi enzimi COX-2 e iNOS, attivazione di MAPK pathway, ERK e JNK; reazioni infiammatorie nel SNC possono attivare altri mediatori e causare edema (SERENIKI, 2008, Pag. 04-17).

L'APP segue il percorso di elaborazione quando questo sta per essere spaccati secretasi e gamma-secretasi-generando la SAPPa e P3; che non sono amiloidogenese non aggregati e non forma gli enzimi tossici. La beta-secretasi fende e viene visualizzato in una posizione diversa della gamma-secretasi e y-secretasi fende nella stessa posizione nell'APP e solleva il peptide AB, se aggregazione e formano le piastre e questa scheda supporta morte neuronale (DE SÁ CAVALCANTI, 2012, Pag. 24-25).

L'oligomero AB è in grado di indurre i cambiamenti della proteina TAU (questo cambiamento è una delle principali cause di morte dei neuroni) nei neuroni hipocampais. Le forme solubili di monomeri, oligomeri a basso peso molecolare e protofibrilas che è associata con la progressione della malattia, con la perdita di plasticità sinaptica e nella neurodegenerazione.  Peptide AB interessa le caratteristiche della cognizione relativa disfunzione LPP (potenziamento a lungo termine) e il glutamatérgica di sinapsi. Peptide AB Se si contrappone che colpisce i recettori nicotinici, i canali del calcio di tipo L, P75NTr e il recettore NMDA, causando il calcio ha due ruoli: neanche può attivare heroes stagione 1 episodio 14 come la fosfatasi calcineurina e generare LTP (processo a lungo termine).  LTP è responsabile per la conservazione, il LTD è responsabile dell'estinzione delle sinapsi; Peptide AB riduce il PTKs, che promuove il LTP come CAMKs diminuendo la fosforização di PCREB, aumentando la calcineurina e calpaina che sono altri enzimi coinvolti nella Ltd. Quindi gli aumenti di oligomero AB LTD e LTP causando in tal modo diminuisce, l'insufficienza dei neuroni elaborare informazioni generando oblio mostrando i primi sintomi del morbo di Alzheimer (ALMEIDA, 1997, pag. 77-79).

Morbo di Alzheimer è una malattia che non ha cura e attaccato principalmente anziani nella zona del cervello responsabile della memoria, finisce per causando la persona con il tempo di andare a perdere la memoria e sviluppare la demenza e può portare alla morte. Il problema solleva il morbo di Alzheimer all'interno di un citoplasmico organelli chiamati mitocondri; i mitocondri sono uno dei pochi organelli che dispone del proprio DNA, si presuppone una certa dipendenza il nucleo delle cellule, se lei vuole dividere la sua lei non ha bisogno di un ordine dal nucleo del DNA si divide di citoplasma è nel nucleo p ARA che possa farlo. La funzione dei mitocondri all'interno delle cellule di tutti gli eucarioti che vivono sul pianeta terra sta facendo energia, lei è il nostro impianto di produzione di energia, tutta l'energia che la cellula ha bisogno per rendere le loro attività giorno per giorno che produrrà sarà i mitocondri. Quando i mitocondri producono energia, produce una cella chiamato ATP (adenosina trifosfato), quando produce ATP genera un sacco di radicali liberi, molecole cioè stabile che possono combinare con altre molecole e con il DNA e finiscono per danneggiare e danneggiare Questo DNA. Quando i mitocondri producono ATP per le cellule produce molti radicali liberi come abbiamo parlato in precedenza, e questi radicali liberi, infine, distruggere il materiale genetico dei mitocondri e la distruzione del DNA mitocondriale che sta causando il morbo di Alzheimer in persone (FRIDMAN, 2004, p. 20-24).

1.2 le complicazioni e fattori di rischio

Morbo di Alzheimer viene inizialmente caricato con la forma di progressive peggioramento funzioni neurologiche. Il pregiudizio più eminente clinici è in memoria della forma episodica e con danni evidenti nell'acquisizione di nuove competenze. Già nelle fasi intermedie, afasia fluente, testimoniate la difficoltà di denominare gli oggetti o scegliere la parola giusta per esprimere un'idea. E, infine, nelle fasi terminali, ci sono sorprendenti cambiamenti nel ciclo sonno – veglia e cambiamenti del comportamento come irritabilità e aggressività, sintomi psicotici, incapacità di camminare, parlare e cura personale (nipote, di eseguire 2005, P. 120-122).

La perdita di memoria, perdita del linguaggio, restando nella prova e altri cambiamenti cognitivi causati dal morbo di Alzheimer può complicare il trattamento per altre condizioni di salute. Una persona con malattia di Alzheimer potrebbe non essere in grado di comunicare o segnalare i sintomi di un'altra malattia. La più comune causa di morte tra le persone che hanno il morbo di Alzheimer è la polmonite di aspirazione. La malattia si presenta quando la persona non può inghiottire diritto, cibo o liquidi anziché giù l'esofago giù la trachea blocco causando danni, lesioni e/o infezione. Il tipo di trattamento è determinato da diversi fattori: se la polmonite è diagnosticata precocemente e il tuo stato di gravidanza, il volume in cui sono stati colpiti i polmoni e i tipi di batteri presenti e lo stato di salute della persona. Ci sono altre complicazioni associate con la malattia di Alzheimer tra gli altri: perdita di capacità funzionale motore di cura, osso fratture e cadute, perdita della capacità di relazionarsi con altre persone, la disidratazione e la malnutrizione, insufficiente sistemi organici, cambiamento di comportamento negativo come aggressività con gli altri o a se stesso, dimenticando i fatti e gli avvenimenti o le conversazioni recenti, difficoltà a trovare il nome della famiglia, problemi con la lingua, perdita capacità nel cambiamento sociale e personalità, perde interesse per le attività che hanno goduto in passato, difficoltà di lettura e scrittura, scarsa capacità di giudizio e la perdita della capacità di riconoscere i pericoli, queste complicazioni possono essere ha provenuto da progressivamente e degenerativi sintomi del morbo di Alzheimer (VENEZIAN, 2010, pag. 130-133).

I fattori di rischio del morbo di Alzheimer può essere associati con: grave trauma cranico o ripetute hanno un rischio maggiore di acquisizione di: stile di vita e salute del cuore, non c'è nessun fattore di stile di vita che è stato indicato conclusivamente per ridurre il rischio di Morbo di Alzheimer. Tuttavia una certa prova suggerisce che gli stessi fattori che comportano rischi di malattie cardiache può anche aumentare la probabilità che si svilupperà la malattia di Alzheimer. Aumento dell'età è più noto per il DA; Morbo di Alzheimer non è una parte di invecchiamento normale, ma il rischio aumenta dopo aver raggiunto i 65 anni di età. Quasi la metà della popolazione con più di 80 anni hanno il morbo di Alzheimer. Persone con rari cambiamenti genetici garantiscono virtualmente che svilupperanno la malattia di Alzheimer e in loro, i sintomi cominciano ad apparire molto presto, da 30 anni di età (APRAHAMIAN, 2009, pag. 33-35).

Le donne possono essere più probabile rispetto agli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer, in parte, perché vivono più a lungo. Nelle persone con danno conoscitivo delicato danno conoscitivo delicato hanno problemi di memoria o altri sintomi del declino conoscitivo che sono peggiori del previsto per la tua età, ma non è abbastanza grave da essere diagnosticati come demenza. Danno conoscitivo delicato persone hanno un rischio aumentato, ma non sono sicuro che più tardi svilupperà la demenza. Adottare misure per sviluppare uno stile di vita sano e strategie per scompenso la perdita di memoria in questa fase possono aiutare a rallentare o prevenire la progressione a demenza. Il rischio di sviluppare malattia di Alzheimer sembra un po' più alto se un parente di primo grado è stato colpito dalla malattia. Altri fattori di rischio che contribuiscono all'emersione della malattia: mancanza di esercizio fisico, fumo, ipertensione, colesterolo alto, alti livelli di omocisteina, scarsamente controllata diabete, una dieta carente in frutta e verdura questi fattori di rischio anche sono legati alla demenza vascolare, una sorta di demenza causata da danni ai vasi sanguigni nel cervello (AZEVEDO, 2010, pag. 02-04).

Invecchiamento sociale, stimolando attività, livelli più elevati di istruzione formale, lavoro stimolante, attività mentale e stimolante lettura, giochi per il tempo libero, suonare strumenti è fattori che possono ridurre il rischio di malattia, imparando a e impegno sociale.

2. Manifestazioni cliniche della malattia di Alzheimer

Alcuni oblio può essere una parte normale di invecchiamento. Tuttavia, alcune persone hanno più problemi di memoria rispetto ad altri della tua età. Si tratta di una condizione chiamata lieve deterioramento cognitivo. Persone con lieve danno conoscitivo può prendersi cura di se stessi e possono sviluppare le loro attività normalmente (REISBERG et al., 2006).

Morbo di Alzheimer inizia lentamente, prima colpisce parti del cervello che controllano il pensiero, la memoria e la lingua. Persone con male può avere difficoltà a ricordare cose che è accaduto di recente o i nomi delle persone che conoscono. Un problema correlato, danno conoscitivo delicato, causa più problemi di memoria rispetto al normale nelle persone della stessa età. Molti, ma non tutte le persone con danno conoscitivo delicato, svilupperà la malattia di Alzheimer (ULRICH et al., 2000).

Problemi di memoria di danno conoscitivo delicato può essere costituito

Oggetti smarriti con frequenza
Dimenticare di andare ai concerti e appuntamenti
Avendo difficoltà a trovare le parole giuste in un dato tempo rispetto alle altre persone

Nel corso del tempo, peggiorano i sintomi del morbo di Alzheimer. Persone potrebbe non riconoscere i loro parenti. Possono avere difficoltà a parlare, la lettura o la scrittura. Si può dimenticare come spazzola i denti o pettinarsi i capelli. Più tardi, essi possono diventare ansiosi o aggressivo o stare lontano da casa. Infine, hanno bisogno di cura totale. Questo può essere molto stressante per i familiari che hanno bisogno di prendersi cura di loro (JELLINGER, et al., 2008).

Morbo di Alzheimer comincia solitamente dopo l'età di 60. Il rischio aumenta con l'età della persona. Il rischio è maggiore se ci sono persone in famiglia che ha avuto la malattia. Nessun trattamento può fermare la malattia. Tuttavia, alcuni farmaci possono aiutare a prevenire i sintomi peggiorano per un tempo limitato.

Il medico può eseguire test di pensiero, memoria e del linguaggio per determinare se si dispone di danno conoscitivo delicato. Si può anche suggerire di consultare uno specialista per ulteriori esami. Poiché il danno conoscitivo delicato può essere un segno precoce del morbo di Alzheimer, è molto importante consultare il medico ogni 6-12 mesi. Al momento, non esiste un trattamento efficace contro il danno conoscitivo delicato. Il vostro fornitore di cure mediche potrebbe voler vedere se eventuali modifiche nel processo di memoria o intellettuale si verifica nel corso del tempo (WIMO et al., 2013).

2.1 il sintomo della malattia di Alzheimer

Come abbiamo età, il nostro cervello cambia e noi potremmo avere problemi sporadici a ricordare alcuni dettagli. Tuttavia, la malattia di Alzheimer e altre demenze causano perdita di memoria e altri sintomi abbastanza grave da interferire con la vita quotidiana. Questi sintomi non sono una parte naturale di invecchiamento (ENGELHARDT et al., 2005).

Oltre a perdita di memoria, i sintomi della malattia di Alzheimer includono:

  • Problemi durante l'esecuzione di compiti che una volta erano semplici.
  • Difficoltà nel risolvere i problemi.
  • Cambiamenti di umore o personalità; distacco da amici e familiari.
  • Problemi nella comunicazione scritta o orale.
  • Confusione di luoghi, persone ed eventi.
  • Cambiamenti visivi come la comprensione delle immagini.

Amici e familiari possono sperimentare sintomi del morbo di Alzheimer e di altri progressisti di demenze prima la persona che soffre di questi cambiamenti. Se voi o qualcuno che conosci verificano possibili sintomi di demenza, è importante che una valutazione medica viene fatto per determinare la causa. Visita la nostra pagina i 10 segni e sintomi precoci della malattia di Alzheimer per saperne di più sulla differenza tra cambiamenti naturali in memoria e il cervello senile ed i sintomi del morbo di Alzheimer.

La perdita di memoria che sconvolge la vita quotidiana può essere un sintomo di malattia di Alzheimer o demenza un altro. Morbo di Alzheimer è una malattia del cervello che provoca un lento declino nelle abilità di memoria, pensiero e ragionamento. Ci sono 10 segni e sintomi. Ogni individuo può sperimentare uno o più di questi segni in vari gradi. Se notate uno qualsiasi di loro, consultare un medico (INOUYE; OLIVEIRA, 2004).

2.2 primi segni e diagnosi del morbo di Alzheimer

Perdita di memoria che sconvolge la vita quotidiana; uno dei segni più comuni della malattia di Alzheimer è la perdita di memoria, soprattutto dimenticare recentemente appreso informazioni. Altri includono dimenticare date importanti o eventi; chiedendo le stesse informazioni più volte; sempre più necessario fare affidamento sulla memoria AIDS (ad es., promemoria o dispositivi elettronici) o membri della famiglia per le cose che utilizzate per gestire in proprio (AGUILAR; CANZONI. DI PONDE, 2006).

Sfide nella pianificazione o risoluzione dei problemi

Alcune persone possono sperimentare cambiamenti nella vostra capacità di sviluppare e seguire un piano o lavorare con i numeri. Essi possono avere problemi a seguire una ricetta di famiglia o tenere traccia delle fatture mensili. Abbiano difficoltà a concentrarsi e richiedere molto più tempo di fare le cose di prima.

Difficoltà completare operazioni comuni a casa, al lavoro o nel tempo libero persone con Alzheimer generalmente è difficile completare le mansioni quotidiane. A volte, persone possono avere problemi di guida in un percorso di conoscenza, gestire un budget al lavoro o ricordare le regole di un gioco preferito.

Confusione con il tempo o luogo; persone con malattia di Alzheimer possono perdere le date, stagioni e il passare del tempo. Possono avere difficoltà a capire che qualcosa non succede immediatamente. A volte, se esse dovessero dimenticare dove sono o come ci sono arrivati (LUZARDO; GORINI; SCOTT, 2006).

Difficoltà a capire le immagini visive e relazioni spaziali; per alcune persone, avendo difficoltà di visione è un segno della malattia di Alzheimer. Possono avere difficoltà a leggere, a giudicare la distanza e determinare il colore o il contrasto, che può causare problemi con la guida.

Nuovi problemi con le parole in lingua o scrittura; Persone con malattia di Alzheimer possono avere problemi ad accompagnare o partecipare a una conversazione. Possono fermarsi nel bel mezzo di una conversazione e non hai idea di come continuare o può essere ripetuto. Possono combattere con vocabolario, hanno difficoltà a trovare le cose giuste di parola o chiamata con il nome sbagliato (ad esempio, chiamata un "orologio" da una mano "Guarda") (AVILA et al., 2003).

Desajustando cose e perdere la capacità di tornare indietro a passi; Una persona con malattia di Alzheimer può mettere le cose in luoghi insoliti. Essi possono perdere le cose e non può ritornare ai loro passaggi di ritrovarli. A volte, essi possono accusare gli altri di rubare. Questo problema può verificarsi più spesso nel corso del tempo.

Giudizio discreto o debole; Persone con malattia di Alzheimer possono sperimentare cambiamenti nella sentenza o decisione. Essi possono, ad esempio, utilizzare una sentenza debole quando si tratta di soldi, dando grandi quantità di telemarketing. Essi possono prestare meno attenzione alla preparazione o rimanere pulito (PAUL et al., 2010).

Ritiro dal lavoro o attività sociali; una persona con malattia di Alzheimer può iniziare a ritirarsi da hobbies, attività sociali, progetti o sport. Possono avere difficoltà a tenere il passo con una squadra di calcio preferita o ricordando come completare un passatempo preferito. Possono anche evitare a causa di cambiamenti sociali esperti.

Cambiamenti di umore e personalità; Può cambiare l'umore e la personalità delle persone con malattia di Alzheimer. Possono diventare confuso, sospettoso, timorosi o depresso, ansioso. Possono essere danneggiati facilmente a casa, al lavoro, con amici o in luoghi dove sono fuori dalla tua zona di comfort (ARRUDA; ALVAREZ; Gonçalves, 2008).

Non c'è nessuna prova semplice per determinare se una persona ha il morbo di Alzheimer. La diagnosi richiede una valutazione medica completa, che può includere:

  • Anamnesi familiare.
  • Esame neurologico.
  • Test cognitivi per valutare la memoria e ragionamento.
  • Esami del sangue (per escludere altre possibili cause dei sintomi).
  • Immagini del cervello.

Anche se i medici generalmente possono determinare se una persona soffre di demenza, può essere molto difficile da distinguere il tipo di demenza che è. La diagnosi sbagliata è molto comune nella malattia Alzheimer ad esordio precoce (GARRIDO; ALMEIDA, 2001).

Ricevere un'accurata diagnosi in una fase iniziale della malattia è importante perché permette di:

  • Maggiore possibilità di beneficiare di trattamenti disponibili, che possa migliorare la qualità della vita.
  • La possibilità di ricevere servizi di assistenza.
  • L'opportunità di partecipare a sperimentazioni e studi clinici.
  • La possibilità di esprimere i loro desideri in relazione a problemi futuri e delle abitazioni.
  • Tempo di ordinare piani finanziari e giuridici.

C'è un modo semplice per rilevare morbo di Alzheimer. La diagnosi richiede un esame medico completo. Esami del sangue, test di stato mentale e immagini del cervello può essere utilizzato per determinare la causa dei sintomi (CHAVESF et al., 2011).

3. Cura applicata per gli operatori sanitari del morbo di Alzheimer

Fornire assistenza a una persona con malattia di Alzheimer o demenza un altro può essere gratificante e stimolante. Nelle fasi iniziali di demenza, una persona può mantenere la vostra indipendenza e ha bisogno di molta attenzione. Tuttavia, come la malattia progredisce, se cura ha bisogno si intensificherà e, alla fine, sarà necessaria l'assistenza 24 ore al giorno.

Spesso, sentiamo gli operatori sanitari e i membri della famiglia esprimendo che uno degli aspetti più angoscianti della malattia di Alzheimer è una modifica nel comportamento. Ci sono molte risorse disponibili per aiutare gli operatori sanitari, vale a dire, cosa aspettarsi e come adattare durante l'iniziale, medio e tardi fasi della malattia (GARCES et al., 2012).

Come la principale organizzazione sanitaria volontaria nel mondo dedicato alla cura, supporto e ricerca sul morbo di Alzheimer, l'associazione Alzheimer si sforza di migliorare la qualità della vita per le persone colpite da malattia di Alzheimer e altre demenze Finanziamo la ricerca di base; Offriamo formazione e risorse; sensibilizzare l'opinione pubblica e promuovere, in collaborazione con il governo, organizzazioni senza scopo di lucro e private per realizzare la nostra visione di un mondo senza la malattia di Alzheimer.

Non esistono due persone che soffrono di Alzheimer allo stesso modo. Di conseguenza, non c'è solo una tecnica per il caregiver. Responsabilità di badante cambierà come la malattia progredisce. Prendersi cura di una persona amata può essere un molto soddisfacente, ma allo stesso tempo, può essere un sacco di responsabilità. Non credo che devi farlo da solo. Prendersi cura, cercando il supporto di familiari e amici e ricevere aiuto per diverse risorse nella vostra comunità (CALDAS, 2003).

3.1 cura del paziente con malattia di Alzheimer

Per la cura dei pazienti del Alzheimer deve innanzitutto tener consigli di considerazione. Per eseguire l'attenzione, si dovrebbe fare una semplice routine e mantenere orari e una richiesta; di comunicare, si devono inviare brevi messaggi, semplici, chiaro, ripetibile e può aiutare con i gesti; non dovrebbe essere una lotta e deve lasciare tutto il tempo che avete bisogno.

Cure essenziali per il malato di Alzheimer si basa su igiene, cibo, ambiente, comportamento e smaltimento. In termini di igiene, noi dovremmo incoraggiarli a tenerlo e dobbiamo sorvegliare o aiutare mentre la malattia progredisce. È importante mantenere una buona igiene soggiorno bene e mantenere una buona immagine e anche prevenire complicazioni fisiche come irritazioni cutanee, piaghe, infezioni e ulcere; impedire le complicazioni psicologiche, come la modifica di autostima e disturbi comportamentali; e complicazioni sociali come rifiuto, in diminuzione la partecipazione attività e isolamento (QIU et al. 2009).

Il cibo è molto importante per ottenere un adeguato apporto nutrizionale per mantenere la salute e la qualità della vita. I pazienti di Alzheimer potrebbero aver alterato stato nutrizionale a causa di insufficiente apporto perché fa diminuire l'appetito e dispersioni di memoria influenzano il negozio di alimentari o acquistarli, e anche a causa della malattia, c'è un aumento nell'attività Fisica per il roaming e quindi aumentare il dispendio energetico. Ci possono essere anche masticare o ingoiare l'ingestione di cibo e deve agire di conseguenza.

Nella configurazione del malato di Alzheimer, uno sarà necessario apportare alcune modifiche a causa di perdita di memoria e altre modifiche, ma senza drastici cambiamenti che possono confondere nel punto di mezzo smettere di essere familiare. Nel corso della demenza, disturbi comportamentali possono verificarsi può rendere la convivenza familiare difficile e a volte addirittura impossibile. Questi comportamenti non sono fatte intenzionalmente, ma sono una conseguenza della malattia e il problema che genera questo comportamento dovrebbe essere reindirizzato o evitato.

L'incontinenza è un problema che provoca grande disagio negli anziani e loro accompagnatori e può portare all'isolamento a causa di sentimenti di vergogna circa. La costipazione è anche un problema che dobbiamo limitare con alcune linee guida (MOURA; MIRANDA; Rangel, 2010).

Un caregiver è una persona che assiste o si prende cura di un'altra persona affetti da qualsiasi tipo di disabilità, handicap o disabilità che ostacolano o impediscono lo sviluppo normale della loro preziosa attività o relazioni sociali. Caregiver primario prende le principali attività e responsabilità di prendersi cura, senza ricevere la compensazione economica, e questa carta è accettata dal resto dei parenti. Ci sono due tipi dei caregivers: caregiver e custode della società moderna:

Caregiver: badante di tradizionale consuetudine che ha sempre vissuto con il paziente e si è preso cura di esso. In questo caso, il paziente è assistito in un contesto di obbligo sociale miscelato con affetto costruito in tanti anni di convivenza, dove lo scambio di supporto era più o meno reciproco (BARRIE; CIOSAK, 2009).

Guardia nella società moderna: è lui che ha assunto la direzione che circostanze di ruolo, cioè quando l'insorgenza della malattia nelle forze famiglie crea una relazione di badante che non esisteva in precedenza. In questo caso, inoltre, il caregiver solitamente ha un'attività di lavoro lontano da casa, che porta più tensioni di coordinare il vostro ruolo socio-professionale con il caregiver (pezzotta; SEHNEM, 2011).

3,2 caratteristiche del paziente con il badante di morbo di Alzheimer

La famiglia è la principale fonte di cura, parecchie indagini ha concluso che la cura dei pazienti con malattia di Alzheimer viene dal 50% dell'ambiente familiare, mentre sociali e professionali servizi solo il 3%. Malato di Alzheimer caregiver informali principale è stimato che dopo parecchi studi corrisponde a un caregiver informali, soprattutto donne e questi prendere la responsabilità nella vostra condizione di mogli o figlie, vale a dire, mantengono un rapporto di parentela diretta. In Brasile, ci sono circa 3 milioni di persone che sono in carica e altre persone in una situazione di dipendenza, dei quali un terzo sono uomini (BOTTINO et al., 2002).

Non esiste una definizione esatta di un valido, questo potere Rack per eseguire le attività che cura deve soddisfare i seguenti criteri: deve essere informato di qualsiasi processo di malattia, cioè fasi della malattia e i tipi di cura in ogni fase; deve essere risolto secondo i problemi che appaiono sul giorno del giorno; deve saper pianificare le attività e delegare funzioni; ottenere aiuto quando ne avete bisogno di sapere come prendersi cura di sé e trovare il tuo spazio personale e la tua privacy.

Secondo uno studio descrittivo di un approccio quantitativo di un campione di 84 badante del morbo di Alzheimer nella città di Cartagena, è stato trovato che il 64% dei caregivers non ha avuto la formazione necessaria per svolgere il ruolo di caregiver e 72,62% al sono stati addestrati per essere caregivers (di NEW CROSS; HAMDAN, 2008).

Overload badante anche chiamato sindrome del burn-out o sindrome del burn-out è il risultato della combinazione di stress psicologico, la tensione fisica e la pressione emotiva in relazione l'onere di obiettivo di assistenza. L'overload di cura può ansia, stress e depressione, così come l'esistenza dell'aumento dei costi della malattia è un fattore che è associato con l'overload personale e che influenzano il ruolo del caregiver che ostacola la tua attività.

Funzioni di caregiver dipendono dal grado di disabilità del paziente e sono legate all'evoluzione della malattia, in modo che i bisogni del caregiver cambiano anche per misurare la progressione della malattia. L'overload del caregiver può portare a zoppia di esso, cioè, molti operatori sanitari hanno la sensazione di sentirsi fisicamente ed emotivamente bloccati e in alcuni casi anche colpa appaiono se pensano di se stessi e queste percezioni possono causare incapacità di continuare a rispondere alle richieste e ai bisogni del paziente.

Il ruolo della professione infermieristica è essenziale per fornire un supporto completo per le persone con dipendenza e gli operatori sanitari che cercano la manutenzione della vostra autonomia personale, così come fornisce completo e continuo supporto alla famiglia, in particolare il caregiver così come il miglioramento l'efficienza delle risorse di dipendente cura e stabilire connessioni tra risorse formali e informali.

Così il mastio principale caregiver una buona qualità della vita, ad alleviare l'onere e il tuo impatto efficacemente. Il sovraccarico può essere ridotto indirettamente con il trattamento della malattia o direttamente con il caregiver. Interventi di supporto caregiver sono efficaci per la prevenzione ed il trattamento di un eccessivo carico (AMENDOL; OLIVEIRA; ALVARENGA, 2008).

Sono programmi con attività periodiche e valutazioni, di cui le loro azioni che si sviluppano sono psicologia educativa di gruppo o individuali, gruppi di supporto, contattare via telefono o internet, il coinvolgimento della famiglia, programmi educativi, risoluzione dei problemi e facilitazione delle risorse disponibili.

Nuove tecnologie come un nuovo portatore di self-help di modello del morbo di Alzheimer: in questi tempi che la mancanza di tempo è importante, si può aiutare con nuove tecnologie, è una comunicazione con altre persone che sono nella stessa situazione e per lo scambio di opinioni , esperienze e risorse. Con le nuove tecnologie, consente la comunicazione di persone provenienti da diversi luoghi di origine e anche inizio amicizie. Di seguito sono il più ampiamente usato internet:

Forum: servire i visitatori di esprimere le loro opinioni, porre domande, relazione e scambio di informazioni. Lavorano per libera e informale e un moderatore (i) che è responsabile del supporto del Forum e che funziona correttamente (OLIVEIRA; D'elboux, 2012).

Blog e Facebook: uno spazio su Internet dove una persona esprime loro idee, esperienze, opinioni e dove gli altri può rispondere a voi tramite i commenti (FREITAS et al., 2008).

Messaggero: è costituito da un modo di messaggistica istantanea che permette una conversazione orale o scritta in tempo reale e consente più intimità rispetto a altri strumenti internet. Secondo le prove scientifiche è stata trovata alcuna prova conclusiva per sostenere interventi basati sulle tecnologie che supportano questi (VILELA; CARAMELLI, 2006).

Le prove scientifiche che raccomanda una valutazione iniziale del caregiver per identificare i fattori che influenzano l'overload e determinano, in caso di sovraccarico, il grado le funzionalità. Per migliorare la cura dei caregivers e ridurre l'overhead, un programma che combina istruzione, emotivo, facilitando e monitoraggio durante tutto il processo (FALCON; MALUSCHKE, 2009).

Le prove raccomanda anche professionisti di incoraggiare gli operatori sanitari a partecipare a gruppi di aiuto reciproco in quanto mettono ciò che permetterà loro di meglio indirizzo su una base quotidiana con il paziente e migliorare la vostra situazione personale. Inoltre, se non c'è aiuto da professionisti della salute in questi gruppi, è ancora più consigliabile, dal momento che le informazioni ricevute saranno uno specialista e miglioreranno per trattare pazienti (PINTO et al., 2009).

Infine, si afferma che i professionisti devono anche spiegare l'esistenza di associazioni di famiglie di pazienti con morbo di Alzheimer e i benefici che possono ottenere da loro, dal momento che tutte le prove scientifiche raccomanda può essere trovato in queste associazioni.

Considerazioni finali

La realtà delle persone con demenza di Alzheimer, come pure le loro famiglie, è un processo molto difficile e delicato, soprattutto per il caregiver, lei chi è chi tiene il peso maggiore, dal momento che, anche se ha il sostegno e l'aiuto degli altri membri, è colui che dedica la maggior parte di tempo l'attenzione del tuo parente, che può portare al sovraccarico e stress continuo.

Con questo lavoro, siamo stati in grado di osservare che, nella maggior parte dei casi, come la teoria dice che si tratta di donne che, per un motivo o un altro, prendere controllo cura della famiglia e che ci porta a pensare che, oltre ai motivi individuali o personali, siamo ancora in una società di corte tradizionale in cui la donna, per il semplice fatto di essere una donna, è accreditata con il ruolo del caregiver, per essere il più qualificato per eseguire questa operazione.

L'impatto dell'assistenza informale per una persona con malattia di Alzheimer è supposto per impostare la famiglia è molto alto, come ci sono molti cambiamenti in tutte le aree della vita di persone: i giovani sono visti in una situazione che può diventare molto difficile perché non capiscono che cosa sta succedendo e sono disponibili poche informazioni al riguardo; caregivers affrontare una situazione di stress e fatica (fisica e psicologica) che colpisce le sue relazioni sociali fuori casa; e, naturalmente, al paziente stesso, cui la situazione si sta deteriorando mentre la malattia progredisce. Per questi motivi, è molto importante che le famiglie hanno una rete di sostegno sia istituzionale che sociali.

Riferimenti

ALMEIDA, p. "biologia molecolare della malattia di Alzheimer: una luce alla fine del tunnel?" Giornale dell'associazione medica brasiliana 43,1 (1997): 77-79). Disponibili in<http: www.scielo.br/pdf/ramb/v43n1/2078.pdf="">.</http:> Letta 26 agosto 2017 >.

AMENDOLA, Fernanda; Di Campbell, Maria Amelia; Malik Alvarenga, Márcia Regina. Qualità della vita per i caregiver dei pazienti dipendenti nel programma salute della famiglia. Testo contesto infermieristico v. & 17, n. 2, 2008. Disponibile in< http://www.redalyc.org/pdf/714/71417207.pdf="">. Letta, 9 ottobre 2017.

AGUILAR, Rosana Aguilar; CANZONI di Ponde, Milena Pereira. Efficacia della memantina sulla malattia di Alzheimer in loro da moderata a grave fasi. J Bras Psiquiatr, v. 55, n. 2, p. 148-153, 2006. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/jbpsiq/v55n2/v55n2a09="">. Letta, 6 ottobre 2017.

ARRUDA, Coral Micheli; ALVAREZ, A. M.; GONÇALVES, Lucia Helena Takase. Alla fine di vettore di morbo di Alzheimer caregiver familiare di un gruppo di mutuo aiuto. Cienc assistenza sanitaria, v. 7, n. 3, p. 339-45, 2008. Disponibile in< https://www.researchgate.net/profile/lucia_goncalves/publication/251067101_o_familiar_cuidador_de_portador_de_doenca_de_alzheimer_participante_de_um_grupo_de_ajuda_mutua_-_doi_104025cienccuidsaudev7i36505/links/576298a608ae2a00c8bafec3.pdf="">. Acceduto a sopra 7 ottobre 2017.

Renata Avila, et al. Risultati di riabilitazione neuropsicologica in pazienti con morbo di Alzheimer delicato. Giornale di psichiatria clinica, v. 30, n. 4, p. 139-146, 2003. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/rpc/v30n4/v30n4a04="">. Letta, 6 ottobre 2017.

AZEVEDO, Patricia Gomes De, et al. "Lingua e memoria nel morbo di Alzheimer in fase di moderato." Revista CEFAC (2010). pag. 02-04). Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/rcefac/2010nahead/133-08.pdf="">. Raggiunto 28 agosto 2017.

BOTTINO, Cassius MC et al. Riabilitazione cognitiva nei pazienti con malattia di Alzheimer: un rapporto di caso del lavoro di squadra multidisciplinare. ARQ Neuropsiquiatr, v. 60, n. 1, p. 70-9, 2002. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/anp/v60n1/8234="">. Letta, 9 ottobre 2017.

BARRON, Elizabeth; CIOSAK, Suely Itsuko. Il caregiver diventa nella senescenza. Anna Nery diario di scuola di professione d'infermiera, v. 13, n. 2, p. 372-377, 2009. Disponibile in< http://www.redalyc.org/pdf/1277/127715322019.pdf="">. Letta il 10 ottobre 2017.

CALDAS, Celia Parker. Invecchiamento con dipendenza: le responsabilità e le esigenze della famiglia di invecchiamento con dipendenza: bisogni della famiglia e delle responsabilità. CAD. Sanità pubblica, v. 19, no. 3, p. 773-781, 2003. Disponibile in< http://ltc-ead.nutes.ufrj.br/constructore/objetos/izabella%20e%20juliana%20-%20envelhecimento%20com%20depend%eancia.pdf="">. Letta, 7 ottobre 2017.

CHIAVI, Márcia LF et al. Morbo di Alzheimer. Valutazione cognitiva, comportamentale e funzionale. Demenza & Neuropsychologia, v. 5, n. 1, 2011. Disponibile in< http://www.redalyc.org/pdf/3395/339529025004.pdf="">. Letta, 7 ottobre 2017.

La nuova croce, Marília; Hamdan, Amer gentiluomo. L'impatto della malattia di Alzheimer in caregiver. Psicol. Studio[serie en Internet], 2008. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/pe/v13n2/a04v13n2="">. Letta, 9 ottobre 2017.

DE SÁ CAVALCANTI, José Luiz; ed Eliasz Engelhardt. "Aspetti della fisiopatologia del morbo di Alzheimer sporadico". Rev Bras Neurol 48,4 (2012): 24-25). Disponibile in< http://files.bvs.br/upload/s/0101-8469/2012/v48n4/a3349.pdf="">. Raggiunto 26 agosto 2017.

ENGELHARDT, Eliasz et al. Trattamento del morbo di Alzheimer: consigli e suggerimenti di Scientific Department of Cognitive Neurology e invecchiamento del Accademia brasiliana di neurologia. ARQ Neuropsiquiatr, v. 63, n. 4, p. 1104-1112, 2005. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/%0d/anp/v63n4/a35v63n4.pdf="">. Letta, 5 ottobre 2017.

CARVALHO FREITAS, Weiling et al. Affette da morbo di Alzheimer: il vettore del caregiver familiare. Giornale brasiliano di professione d'infermiera, v. 61, n. 4, 2008. Disponibile in< http://www.redalyc.org/pdf/2670/267019605019.pdf="">. Letta, 9 ottobre 2017.

HAWK, Deusivania Vieira da Silva; Bucher, Maluschke, Julia Probation nobile ferro. Per prendersi cura di anziani affetti da malattia di alzheimer familiare: la riflessione sugli aspetti psicosociali. Psicologia in studio, v. 14, n. 4, p. 777-786, 2009. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/pe/v14n4/v14n4a18.pdf="">. Letta il 10 ottobre 2017.

FRIDMAN, Cynthia, et al. "Cambiamenti genetici nel morbo di Alzheimer." Archivi di psichiatria clinica (Sao Paulo) 31.1 (2004): 20-24. Disponibili in<http: www.scielo.br/pdf/rpc/v31n1/20889.pdf="">.</http:> letta 27 agosto 2017.

GARCES, Solange Beatriz Billig et al. Valutazione della resilienza del custode degli anziani con malattia di Alzheimer. Giornale brasiliano di geriatria e Gerontologia, v. 15, n. 2, p. 335-352, 2012. Disponibile in< http://www.redalyc.org/pdf/4038/403838796016.pdf="">. Letta, 7 ottobre 2017.

HUGHES, Andrew j. et al. Esattezza della diagnosi clinica di malattia di Parkinson idiopatica: studio clinico e patologico di 100 casi. Giornale di neurologia, neurochirurgia, psichiatria & v. 55, n. 3, p. 181-184, 1992. Disponibile in< http://jnnp.bmj.com/content/55/3/181.short="">. Letta, 5 ottobre 2017.

GARRIDO, Roberti; Almeida, Osvaldo p. disturbi del comportamento nei pazienti di demenza: impatto sulla vita del caregiver. ARQ. neuropsiquiatr, v. 57, n. 2B, p. 427-34, 1999. Disponibile in< http://bases.bireme.br/cgi-bin/wxislind.exe/iah/online/?isisscript="iah/iah.xis&src=google&base=LILACS&lang=p&nextAction=lnk&exprSearch=236071&indexSearch=ID">. Letta, 7 ottobre 2017.

INOUYE, esso Keika; Oliveira, Georgino valutazione critica di h. del corrente trattamento farmacologico della malattia di Alzheimer. INFARMA. (Nov/dic 2003-Jan/2004), v. 15, n. 11-12, 2004. Disponibile in< http://cebrim.cff.org.br/sistemas/geral/revista/pdf/84/i08-alzheimer.pdf="">. Letta, 6 ottobre 2017.

Kurt a. JELLINGER, et al. Biomarcatori per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer: gene dell'ALZheimer ' associati '-un biomarcatore di nuovo sangue?. Giornale di medicina cellulare e molecolare, v. 12, n. 4, p. 1094-1117, 2008. Disponibile in< http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1582-4934.2008.00313.x/full="">. Letta, 5 ottobre 2017.

LUZARDO, Adriana Remião; GORINI, Maria Isabel Pinto Coelho; SILVA, Ana Paula Scheffer Schell. Caratteristiche di anziani con malattia di Alzheimer e dei loro caregivers: una serie di casi in un servizio di neurogeriatria. Testo & contesto di professione d'infermiera. Florianópolis. Vol. 15, no. 4 (/ dez… 2006), p. 587-594, 2006. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/tce/v15n4/v15n4a06="">. Letta, 6 ottobre 2017.

MOURA, Priscila Souza Leite; Miranda, Nubia Fidelis; Rangel, Ludmilla Oak. LE FASI DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER E LA CURA RICHIESTA DA ATTUARSI ENTRO IL CAREGIVER. REINPEC-interdisciplinare scientifico pensato Magazine, v. 1, n. 2, 2010. Disponibile in< http://reinpec.srvroot.com:8686/reinpec/index.php/reinpec/article/view/103="">. Letta, 8 ottobre 2017.

NIPOTE, Joseph Gallucci; Melissa Garcia Tamelini; e Oreste Vincent Forlenza. "Diagnosi differenziale di demenza." Rev Psiq 32,3 Clín (2005): p. 120-122). Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/rpc/v32n3/a04v32n3="">. Acceduto a sopra 25 agosto 2017.

NIPOTE, Joseph Gallucci; Melissa Garcia Tamelini; e Oreste Vincent Forlenza. "Diagnosi differenziale di demenza." Rev Psiq 32,3 Clín (2005): p. 120). Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/rpc/v32n3/a04v32n3="">. Raggiunto 27 agosto 2017.

OCAMPO, Eliane Cristina; D'elboux, Maria José. Studi nazionali sull'assistenti familiari degli anziani: recensione integrativa. Giornale brasiliano di professione d'infermiera, v. 65, n. 5, 2012. Disponibile in< http://www.redalyc.org/pdf/2670/267025266017.pdf="">. Letta il 10 ottobre 2017.

PAUL, Deborah Lee Vangala et al. I reclami di memoria e il suo rapporto con la scolarizzazione, la prestazione conoscitiva e sintomi di depressione e ansia. Giornale di psichiatria clinica, v. 37, n. 1, p. 23-26, 2010. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/rpc/v37n1/a05v37n1="">. Letta, 6 ottobre 2017.

PEREIRA, Carla Fabiana Fields; SEHNEM, Bhau Beatrice. SINTOMI DI STRESS ON CAREGIVER DEI PAZIENTI DIAGNOSTICATI CON MALATTIA DI ALZHEIMER. UNOESC & ACBS scienza, v. 6, n. 2, p. 239-244, 2011. Disponibile in< http://editora.unoesc.edu.br/index.php/acbs/article/view/6891="">. Letta, 9 ottobre 2017.

Pinto, Hisham Fernanda et al. Qualità della vita tra gli operatori sanitari degli anziani con malattia di Alzheimer. ACTA Paulista de infermieristica, v. 22, n. 5, p. 652-657, 2009. Disponibile in< http://www.scielo.br/pdf/ape/v22n5/09.pdf="">. Raggiunto 12 ottobre 2017.

QUEIROZ, Raissa Costa et al. Protocollo per la consultazione di cura per le persone con malattia di Alzheimer. Giornale di UFPE infermieristica online, v. 3, n. 3, p. 647-655, 2009. Disponibile in< http://www.revista.ufpe.br/revistaenfermagem/index.php/revista/article/viewarticle/176="">. Letta, 8 ottobre 2017.

REISBERG, Barry et al. Uno studio aperto di 24 settimane di estensione aperta di memantina sulla malattia di Alzheimer da moderata a grave. Archivi di neurologia, v. 63, n. 1, p. 49-54, 2006. Disponibile in< https://jamanetwork.com/journals/jamaneurology/fullarticle/790253="">. Letta, 5 ottobre 2017.

SERENIKI, Adriana; e m. a. b. f. vitale. "Malattia di Alzheimer: aspetti fisiopatologici e farmacologici." Rev Psiquiatr Gd fiume sud 30.1 Supp 0 (2008). Disponibile in< http://www.uesb.br/eventos/farmacologiaclinicasnc/artigo%20alzheimer.pdf="">. Acceduto a sopra 25 agosto 2017.

ULRICH, Jürg et al. Fumatori protegge dal morbo di Alzheimer? Modifiche del tipo Alzheimers nei cervelli non selezionati di 301 pazienti con una storia di fumo conosciuto. ACTA neuropathologica, v. 94, n. 5, p. 450-454, 1997. Disponibile in< https://link.springer.com/article/10.1007%2fs004010050732?li="true">. Letta, 5 ottobre 2017.

VENEZIAN, Maria Gabriela Santos. "Approccio fisioterapico nel morbo di alzheimer." Rivista di Horus, Ourinhos-SP 4 (2010). pag. 130-134). Disponibile in< http://faeso.edu.br/horus/num2_1/abordagem.pdf="">. Raggiunto 27 agosto 2017.

VILELA, Luciana Pricoli; Caramelli, Paul. MORBO DI ALZHEIMER NELLA VISIONE DELLA FAMIGLIA AMILIARES. Rev Bras Med Assoc, v. 52, n. 3, p. 148-52, 2006. Disponibile presso < http://www.scielo.br/pdf/ramb/v52n3/a14v52n3 >. Letta il 10 ottobre 2017.

WIMO, Anders et al. L'impatto economico globale di demenza 2010. Demenza di Alzheimer & v. 9, n. 1, pagg. 1-11. E3, 2013. Disponibile presso < http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1552526012025307 >. Letta, 5 ottobre 2017.

[1] Assistenza infermieristica-facoltà Anhaguera de Ciências e Tecnologia a Brasília

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here