REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Analisi epidemiologiche dell’ipertensione arteriosa sistemica nella comunità di Quilombola do Curiaú nello stato di Amapá

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
Rate this post

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SANTOS FILHO, João Gilberto Sakai [1], PENA, Eduarda Emanuelle da Silva [2], ESPINDOLA, Gabriel de Oliveira [3], BRITO, Maiara de Fátima de Brito [4], RESQUE, Rafael Lima [5], BARBOSA, Robson Carvalho [6], VANZELER, Tainá Lobato [7]

SANTOS FILHO, João Gilberto Sakai. Et al. Analisi epidemiologiche dell’ipertensione arteriosa sistemica nella comunità di Quilombola do Curiaú nello stato di Amapá. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 07, Ed. 01, Vol. 06, pag. 140-153. Gennaio 2022. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/analisi-epidemiologiche

RIEPILOGO

Con un’elevata prevalenza e bassi tassi di controllo, l’ipertensione arteriosa sistemica (SAH) è uno dei principali fattori di rischio modificabili per le malattie cardiovascolari e uno dei più importanti problemi di salute pubblica. Domanda guida: qual è la prevalenza e i fattori associati di SAH nella comunità di Quilombola di Curiaú? Obiettivo: L’obiettivo di questo studio era l’analisi epidemiologica della prevalenza di SAH e dei fattori ad essa associati nella Comunità di Quilombola di Curiaú. Materiali e Metodi: Questo è uno studio trasversale descrittivo, condotto con 71 volontari, di età ≥ 18 anni e residenti nella comunità. RISULTATI: L’età media dei volontari era di 49,01 anni, il 64,7% (n=46) erano femmine e il 35,2% (n=25) erano maschi. È stato osservato che il 32,8% (n=24) dei partecipanti era iperteso, essendo il 33,4% (n=8) uomini e il 66,6% (n=16) donne, tra questi il ​​50% (n=12) era in terapia antipertensiva. Tra i partecipanti, è stato riscontrato che il 70,8% aveva una storia familiare di ipertensione, inoltre il 33,8% dei volontari aveva livelli di pressione alta. Conclusione: nella comunità di Quilombola di Curiaú è stata osservata un’elevata prevalenza di SAH e livelli di pressione sanguigna elevati, in particolare le donne, poiché erano quelle che presentavano maggiormente la malattia. Inoltre, è stata rilevata una maggiore prevalenza di SAH nelle persone di età ≥ 60 anni. In questo modo, è necessario che vi sia una maggiore attenzione alla politica di salute pubblica e all’attuazione di programmi che si concentrino sul trattamento farmacologico di questo quilombo.

Parole chiave: Afro-discendenti, Quilombolas, Ipertensione arteriosa.

1. INTRODUZIONE

La SAH è una malattia cronica non trasmissibile (NCD), definita da un aumento sostenuto della pressione sanguigna legato a molteplici fattori aggravanti, quali: cattiva alimentazione, mancanza di esercizio fisico, fumo, quantità eccessive di alcol o sodio, stress, obesità e genetica (BARROSO, 2021).

Con un’elevata prevalenza e bassi tassi di controllo, SAH è uno dei principali fattori di rischio modificabili per le malattie cardiovascolari e uno dei più importanti problemi di salute pubblica oggi (BRANDÃO, 2010). La SAH tende ad essere asintomatica, causando implicazioni per la difficoltà di diagnosi precoce e la scarsa aderenza del paziente al trattamento prescritto, poiché ci sono farmaci che hanno effetti collaterali, quindi il controllo della SAH diventa inefficace (MONTEIRO et al., 2020).

Lobo et al. (2017) hanno trovato dati sulla popolazione brasiliana che indicano un aumento della prevalenza di SAH, dove spiccano le associazioni con bassi livelli di istruzione, donne a basso reddito e, negli uomini, quelle con il reddito finanziario più alto.

In Brasile, la SAH è più diffusa e grave nelle popolazioni di marcata discendenza africana. In questo modo, la restante popolazione di quilombo residente a Curiaú, nello Stato di Amapá, può essere scelta come punto di maggiore attenzione al riguardo, poiché presenta storicamente un contributo genetico afro-discendente maggiore rispetto alle popolazioni brasiliane di razza mista residenti nei centri urbani (LINDHORST et al. ., 2007; KURIAN; CARDARELLI, 2007; BARROS et al., 2006).

Pertanto, la rilevanza di uno studio etnico-razziale sulle malattie e sui determinanti sociali è pertinente nelle popolazioni più suscettibili. In questo contesto, la domanda guida di questo articolo era: qual è la prevalenza ei fattori associati di SAH nella Comunità di Quilombola di Curiaú? Pertanto, l’obiettivo di questo lavoro era di effettuare un’analisi epidemiologica dell’ESA e di identificare i fattori associati a questa malattia nei residenti della comunità quilombo di Curiaú.

C’è una semplice quantità di studi sulla popolazione nera in Brasile, in particolare sugli afro-discendenti dei quilombola, in questo senso il presente studio contribuisce ad ampliare la visibilità delle disuguaglianze che colpiscono la popolazione di quilombola, oltre a identificare la salute bisogni e la promozione di interventi terapeutici, al fine di aiutare nella pianificazione di azioni volte non solo a prevenire l’ipertensione, ma anche a controllare l’ESA.

2. MATERIALI E METODI

Si tratta di uno studio trasversale descrittivo per l’analisi epidemiologica dell’ESA nella Comunità di Quilombola di Curiaú, nello Stato di Amapá. I criteri di inclusione erano: essere adulti (di età pari o superiore a 18 anni), residenti nella comunità di Curiaú che hanno accettato di partecipare alla ricerca e hanno firmato il Modulo di Consenso Libero e Informato (FICT); e quelli di esclusione: i non residenti della comunità, nonché i minori o coloro che sono ritenuti incapaci di decidere di partecipare. Sulla base di questi criteri, il campione era composto da 71 volontari residenti nella comunità di Curiaú.

2.1 RACCOLTA DATI E VARIABILI

La raccolta dei dati è stata effettuata da agosto a dicembre 2019. Le variabili studiate sono state: genere (femminile o maschile); età e fascia di età (dai 18 ai 29 anni, dai 30 ai 59 anni e oltre i 60 anni); etnia (europea, africana, indigena e asiatica), stato civile, stile di vita, quali: consumo di alcol e sigarette (sporadicamente, settimanale, giornaliero, inutilizzabile); malattie presenti: l’ipertensione arteriosa sistemica (SAH) e l’esistenza di altre malattie sono state valutate attraverso domande dicotomizzate (sì o no); misure come la misurazione della pressione sanguigna e il test della glicemia, oltre all’uso di farmaci antipertensivi.

Le misurazioni e la classificazione dei livelli di pressione sanguigna (BP) hanno seguito il protocollo contenuto nelle VII linee guida brasiliane sull’ipertensione arteriosa. Ai soggetti è stato chiesto di avere la vescica vuota, di non fare esercizio per almeno 60 minuti e di non aver consumato alcol, sigarette, caffè o cibo nei 30 minuti precedenti.

Le misurazioni della pressione sanguigna sono state effettuate due volte (con un intervallo di 2 minuti tra ciascuna misurazione) utilizzando lo sfigmomanometro digitale OMRON-HEM 6124, secondo i criteri stabiliti dalle linee guida brasiliane sull’ipertensione arteriosa (BARRSO et al., 2020). Dopo aver riposato per un periodo compreso tra tre e cinque minuti, i partecipanti erano seduti, le gambe non incrociate, i piedi appoggiati sul pavimento, la schiena appoggiata alla sedia e rilassati, con il braccio sinistro appoggiato sul tavolo all’altezza del cuore. Il risultato della media delle ultime due misurazioni è stato considerato come valore di pressione finale. Le persone con BP i cui livelli di pressione sanguigna erano inferiori a 140 per 90 mmHg sono state considerate all’interno dell’intervallo normale.

2.2 ANALISI STATISTICHE

Il programma BioStat 5.0 è stato utilizzato per l’analisi statistica dei dati epidemiologici (età media e coefficiente di variazione). Le variabili dipendenti sono state sottoposte a tabulazione in un foglio elettronico e analizzate mediante correlazione con il test del chi quadrato (χ2) utilizzando il programma Microsoft® Office Excel 2013.

2.3 ASPETTI ETICI

Il progetto di ricerca è stato sottoposto, ai sensi della Risoluzione n. 466/12, alla valutazione di Plataforma Brasil e del Comitato Etico della Ricerca (CEP), con sede presso l’Università Federale di Amapá – UNIFAP. L’approvazione dello studio è registrata con il numero di identificazione CAAE[8] 14952919.5.0000.0003.

I partecipanti sono stati informati sullo scopo della ricerca e istruiti a firmare il termine di consenso libero e informato, autorizzando l’uso del loro campione nello studio.

3. RISULTATI E DISCUSSIONI

Lo studio ha visto la partecipazione di 73 individui quilombola residenti nella comunità di Curiaú. Tra i 73 volontari che hanno partecipato alla ricerca, 71 (96,2%) sono stati quelli che hanno partecipato all’intero processo di studio. C’è stata una riduzione del 3,7% dei partecipanti perché non sono stati inclusi nei criteri stabiliti. La maggior parte dei partecipanti erano donne, 46 (64,7%) e 25 (35,2%) uomini. Per quanto riguarda l’età, le persone di età compresa tra i 18 ei 29 anni sono 11 (15,49%), quelle tra i 30 ei 59 anni 38 (53,52%) e quelle con più di 60 anni sono 22 (30,98%).

Inoltre, l’85,9% degli intervistati ha dichiarato di essere di origine africana, il 9,8% di origine indigena, l’1,4% ha dichiarato di essere di origine europea e il 2,8% non sapeva o non voleva informare. Per quanto riguarda lo stato civile, è stato osservato che il 42,2% è sposato e/o vive con qualcuno della stessa comunità.

Un profilo simile è stato trovato anche nello studio di Santos et al. (2020), effettuato con quilombola adulti a Bahia, dove la variazione di età riscontrata tra i partecipanti era da 18 a 92 anni, con una mediana di 45 anni. Il campione era composto prevalentemente da donne, pari al 61,1% di queste. Tra i partecipanti, l’86,5% si è dichiarato nero e il 76,7% degli individui ha riferito di avere un coniuge.

Per quanto riguarda il profilo delle pazienti con SAH, è stata possibile identificare una maggiore prevalenza della malattia nelle donne, intorno al 34,7% (Tabella 1), inoltre si è rilevata una significativa prevalenza nella fascia di età 30-59 anni e 60 anni o più vecchio. Secondo i dati dell’analisi della National Health Survey 2013, citata nello studio di Andrade et al. (2015), è stata trovata una prevalenza del 21,4%, più alta tra le donne del 24,2% e negli individui di età superiore ai 75 anni il 55,0% e di razza/colore nero del 24,2%.

Tabella 1 – Relazione SAH – Sesso

VARIABILE UOMINI
Ipertensivo 8 (32%) 16 (34,7%)
No 17 30
AP alto 8 3
Nessuna diagnosi di SAH No 9 27
PA controllata 2 2
No 1 5
Storia dei vettori SAH 4 13
No 5 2
Storia SAH 19 30
No 6 16

Fonte: dati dell’autore, 2019

In uno studio condotto con una nicchia di adulti nel sertão di Pernambuco, è stata evidenziata la prevalenza di SAH nell’importo del 27,4%, mostrando un aumento con l’aumentare dell’età e una diminuzione del livello di istruzione, inoltre vi è una maggiore prevalenza di ipertensione .malattia nelle persone delle classi economiche inferiori (SANTIAGO et al., 2019).

Soprattutto, tra coloro che avevano SAH, è stato riscontrato che il 70,8% aveva una storia familiare di ipertensione, con le donne che avevano un numero maggiore di persone con SAH nelle loro famiglie, circa il 76% (n=35) e gli uomini, mostravano il 56% (n=14). Non è stata osservata alcuna associazione significativa tra storia familiare di SAH e sesso nella comunità di Curiaú (p=0,080). In un sondaggio condotto con pazienti ipertesi e diabete mellito (DM) associato, registrato in una Strategia per la salute familiare (ESF) nel Minas Gerais, è stato identificato che il 70% degli intervistati aveva una storia familiare di SAH o DM (PRATES et al., 2020).

Dei partecipanti al presente studio con diagnosi di ipertesi (n=24), 12 (50,0%) erano in trattamento con un farmaco antipertensivo della classe ARA (antagonisti del recettore dell’angiotensina II) associato a un diuretico della classe dei tiazidici e 60,0 La % (n=6) non aveva la pressione arteriosa controllata, anche utilizzando farmaci, essendo il 17% (n=1) maschi e l’83% (n=5) femmine. Menez; Portes e Silva (2020) hanno identificato, tra gli individui ipertesi nel loro studio, che tra il 73% che sapeva di avere la malattia, il 95% di loro era in trattamento, ma solo il 49% di loro ha mantenuto un adeguato controllo della pressione sanguigna, riflettendo la dicotomia di trattamento trascurato. .

Nella tabella 2 è possibile visualizzare i risultati del controllo pressorio con l’applicazione della terapia farmacologica e, nonostante le donne abbiano una maggiore auto-cura, soprattutto per quanto riguarda la ricerca più rapida delle cure, i dati statistici non sono statisticamente significativi (p. = 0,144) e mostrano che le femmine in questo studio hanno il minor controllo di SAH.

Tabella 2 – Prevalenza e controllo di SAH, in base al sesso, nella popolazione Quilombola di Curiaú.

VARIABILE UOMINI DONNE VALORE
Ipertensivo 8 (33,3%) 16 (66,6) 0,813
No 17 (36,2%) 30 (63,8%)
AP alto 13 (52%) 10 (21,7%) 0,009*
No 12 (48%) 36 (78,2%)
BP elevata (nessuna diagnosi di SAH) 2 (25%) 6 (75%) 0,745
No 12 (30,7%) 27 (69,2%)
PA controllata 2 (18,1%) 1 (9%) 0,144
No 1 (9%) 5 (45,4%)
Storia SAH 14(56%) 35 (76%) 0,080
No 11 (44%) 11 (23,9%)

Fonte: dati dell’autore, 2019.

I risultati ottenuti dal mancato controllo della PA, nonostante l’uso di terapia farmacologica con farmaci antiipertensivi, possono suggerire una tipologia di DRP (Drug-Related Problems), poiché l’efficacia di questi farmaci è carente, poiché gli intervistati hanno affermato di avere aderenza ai farmaci . È quindi necessario avere uno stretto monitoraggio con questi volontari in modo che la vera ragione dell’inefficacia di questi farmaci possa essere indagata e quindi cercare di risolvere questo problema individuale.

In uno studio condotto su 270 pazienti ipertesi, è stato osservato che il 63% dei partecipanti ha aderito al trattamento con farmaci antipertensivi in ​​persone con ipertensione e, quando è stato notato il deficit di aderenza, è stato principalmente causato dalla negligenza nell’assunzione del farmaco, evidenziando un problema di natura culturale (ALBUQUERQUE et al., 2018).

Per quanto riguarda l’uso di farmaci, il 14,08% (n=10) di coloro che hanno partecipato a questa ricerca ha riferito di avere qualche tipo di ADR (reazione avversa al farmaco) come: nausea, vertigini, mal di testa, dolore localizzato allo stomaco, tra gli altri. D’altra parte, è stato verificato attraverso le interviste che l’adesione all’uso di prodotti naturali diminuisce l’uso di farmaci quando necessario.

Secondo Barroso et al. (2021) per il controllo della pressione sanguigna, il trattamento farmacologico è un’opzione valida, tuttavia sono necessari anche cambiamenti nelle abitudini alimentari e nello stile di vita in generale, che dovrebbero essere una priorità per il paziente quando possibile. Per migliorare il controllo della SAH possono essere utilizzate strategie che consistono in interventi organizzativi incentrati sul paziente e sui suoi determinanti sanitari, guidati da team multidisciplinari, con l’obiettivo di migliorare la qualità delle cure per l’ipertensione e, di conseguenza, la qualità della vita (JARDIM et al., 2020).

Tra i volontari, è stato osservato che il 33,8% (n=23) presentava un aumento della pressione sanguigna (≥140/90 mmHg) e tra questi, il 19,7% (n=14) aveva una diagnosi di ipertensione arteriosa. Tra i partecipanti con pressione sanguigna alterata, il 43,4% (n=10) erano donne e il 56,5% (n=13) erano uomini. C’era una differenza statisticamente significativa (p=0,009) tra i sessi per quanto riguarda la classificazione dei campioni in relazione all’aumento dei livelli di pressione sanguigna, con un livello più alto di PA alta tra gli uomini, evidenziando alcuni fatti rilevati nell’assistenza sanitaria maschile, dove gli individui dei maschi impiegano più tempo per cercare assistenza sanitaria e, con questo, la diagnosi tardiva di diverse patologie, inclusa l’ESA.

In questo senso, Song et al (2020) afferma che gli uomini hanno livelli di percezione dell’ipertensione più bassi e una maggiore incidenza di questa malattia rispetto alle donne della stessa età prima della sesta decade di vita.

Per quanto riguarda la classificazione dei volontari con diagnosi di SAH, non sono emerse differenze significative tra i sessi (p=0,813). È possibile osservare che in questo studio il sesso non rappresenta un fattore di rischio per l’ESA nella comunità di Curiaú.

Nello studio di Lobo et al. (2017) c’era una maggiore prevalenza di SAH negli individui con meno scolarizzazione, indipendentemente dagli anni studiati e dal sesso.

In relazione agli intervistati che avevano un aumento della pressione arteriosa (con e senza diagnosi di ipertensione), solo l’1,4% (n=1) di età compresa tra i 18 ei 39 anni aveva un aumento della pressione arteriosa. Tra i 30 e i 59 anni, il 21,1% (n=15) aveva valori pressori alterati e negli individui di età pari o superiore a 60 anni, il 18,3% (n=13) aveva valori superiori a quelli considerati normali. Alla luce dei risultati osservati, in questo studio è stata rilevata un’associazione significativa tra il gruppo di età e l’aumento della pressione sanguigna (p=0,015) (Grafico 3). È importante notare che 2 volontari non avevano alcun interesse a misurare la PA al momento della ricerca.

Tabella 3 – Dati sull’aumento della pressione arteriosa nella popolazione in studio.

ETÀ IPERTENSIVO PA ALTA
18- 29 No Valore No Valore
11 (15,4%) 0,002 1 (1,4%) 10 (14%) 0,015
30- 59 11 (15,4%) 27 (36,6%) 15 (21,1%) 22 (30,9%)
≥ 60 13 (19,3%) 9 (12,6%) 13 (18,3%) 8 (11,2%)
Total 24 (33,8%) 47 (66,1%) 29 (42%) 40 (57,9%)

Fonte: dati dell’autore, 2019.

Per quanto riguarda il consumo di alcol e il fumo, i volontari hanno risposto a domande sulla frequenza del loro consumo. Tra gli intervistati: il 32,3% (n=23) consuma alcol sporadicamente, l’8,4% (n=6) consuma alcol settimanalmente e 3 (n=4,2%) bevono quotidianamente. Infine, 39 (54,9%) degli intervistati hanno dichiarato di non aver bevuto alcolici. Per quanto riguarda il consumo di sigarette, solo l’1,4% (n=1) dei volontari fumava sporadicamente, il 2,8% (n=2) lo usava settimanalmente, il 7% (n=5) dichiarava di fumare quotidianamente e l’88,7% (n=63) dei i partecipanti hanno affermato di non fumare (Grafico 4).

Tabella 4- Relazione tra consumo di alcol e sigarette nella popolazione in studio.

VARIABILI UOMINI DONNE
Alcool N % N %
Sporadicamente 6 8,4 17 23,9
Settimanalmente 4 5,6 2 2,8
Quotidiano 2 2,8 1 1,4
Non usa 13 18,3 26 36,6
Totale 25 35,2 46 64,7
Cigarro N % N %
Sporadicamente 0 0 1 1,4
Settimanalmente 2 2,8 0 0
Quotidiano 2 2,8 3 4,2
Non usa 21 29,5 42 59,1
Totale 25 35,2 46 64,7

Fonte: dati dell’autore, 2019.

Si stima che il consumo eccessivo di alcol sia responsabile di circa il 10-30% dei casi di SAH e di circa il 6% della mortalità per tutte le cause in tutto il mondo (BARROSO et al., 2021.) Nell’analisi di Santos et al. al. (2019), il fumo era uno dei fattori di rischio associati all’ipertensione arteriosa, con una percentuale totale di fumatori del 37,18%. Pertanto, il fumo è riconosciuto come un fattore di rischio per l’insorgenza di ipertensione arteriosa negli adulti.

4. CONSIDERAZIONI FINALI

Gli studi con gruppi considerati vulnerabili sono scarsi, quindi si sottolinea l’importanza di questo lavoro per la comunità accademica e la società in generale, in quanto mirava ad analizzare le caratteristiche epidemiologiche che possono essere associate all’ESA nella popolazione della Comunità Quilombola di Curiaú. L’identificazione di soggetti ipertesi può consentire il tracciamento e la sensibilizzazione di un gruppo a più alto rischio cardiovascolare e di progressione verso altre comorbidità o peggioramento della malattia esistente.

Pertanto, tenuto conto del fatto che il Ministero della Salute concettualizza la salute come un benessere biopsicosociale che coinvolge diversi aspetti, lo studio dell’Ipertensione arteriosa sistemica nei gruppi vulnerabili. Tra i vari parametri qui discussi, spiccavano l’istruzione, l’età e il sesso degli individui. Pertanto, rispondendo alla domanda guida: qual è la prevalenza e i fattori associati di SAH nella Comunità di Quilombola di Curiaú? Tra i risultati della prevalenza di SAH trovati in questo studio, sono stati considerati diversi fattori esistenti, che ampliano l’analisi della prevalenza tra diverse popolazioni e luoghi. Tuttavia, questo studio ha rivelato che la SAH è un problema sanitario importante nella comunità di Curiaú e, in particolare, nelle persone di sesso femminile, poiché erano quelle che più presentavano la malattia. Una maggiore prevalenza di ipertensione è stata rilevata anche negli individui di età ≥ 60 anni, essendo una fascia di età considerata un fattore di rischio per SAH a causa del processo di invecchiamento.

Parallelamente, quando si analizzano i volontari che hanno presentato un aumento dei livelli di pressione, è possibile osservare che gli individui maschi hanno presentato un aumento in relazione all’età. Le persone nella fascia di età compresa tra i 30 ei 59 anni erano quelle che presentavano maggiormente una pressione arteriosa elevata. Questo deve essere preso in considerazione, poiché presentano un rischio maggiore di sviluppare SAH e devono essere monitorati frequentemente.

I risultati del presente studio, se confrontati con altri lavori sui resti di discendenti afro, dimostrano la prevalenza di SAH nella Comunità di Quilombola di Curiaú, associata a fattori di rischio noti e specifici, concentrando l’attenzione sulla necessità di attuare politiche pubbliche che coprano il necessità di indagare i determinanti della salute e le loro implicazioni in relazione all’assistenza sanitaria per i quilomboli, oltre ai programmi che considerano l’adesione alla terapia farmacologica, concentrandosi sul miglioramento della qualità della vita e sulla promozione della salute pubblica per la popolazione di questa comunità.

RIFERIMENTI

ALBUQUERQUE, Nila Larisse Silva de et al. Associação entre acompanhamento em serviços de saúde e adesão terapêutica anti-hipertensiva. Revista Brasileira de Enfermagem, v. 71, p. 3006-3012, 2018.

ANDRADE, Silvânia Suely de Araújo et al. Prevalência de hipertensão arterial autorreferida na população brasileira: análise da Pesquisa Nacional de Saúde, 2013. Epidemiologia e Serviços de Saúde, v. 24, p. 297-304, 2015.

BARROS, Marilisa Berti; CÉSAR, Chester Luiz; CARANDINA, Luana; TORRE, Graciella

Dalla. Desigualdades sociais na prevalência de doenças crônicas no Brasil, PNAD-2003. Ciênc. saúde coletiva, 11(4):911-926, 2006.

BARROSO, Weimar Kunz Sebba et al. Diretrizes Brasileiras de Hipertensão Arterial. 2020. Arquivos Brasileiros de Cardiologia, v. 116, p. 516-658, 2021.

BRANDÃO, Andréa A. et al. Conceituação, epidemiologia e prevenção primária. Brazilian Journal of Nephrology, v. 32, p. 1-4, 2010.

JARDIM, Thiago Veiga et al. Controle da Pressão Arterial e Fatores Associados em um Serviço Multidisciplinar de Tratamento da Hipertensão. Arquivos Brasileiros de Cardiologia, v. 115, p. 174-181, 2020.

KURIAN, Anita; CARDARELLI, Kathryn. Racial and ethnic diferences in cardiovascular disease risk factors: a systematic review. Ethn Dis., 17(1):143-152, 2007.

LINDHORST, Jane; ALEXANDER, Nichole; BLIGNAUT, Juliet; RAYNER, Brian. Differences in hypertension between blacks and whites: an overview. Cardiovasc J Afr., 2007;18(4):241-247, 2007.

LOBO, Larissa Aline Carneiro et al. Tendência temporal da prevalência de hipertensão arterial sistêmica no Brasil. Cadernos de Saúde Pública, v. 33, 2017.

MENEZES, Thiago de Castro; PORTES, Leslie Andrews; SILVA, Natália Cristina de Oliveira Vargas. Prevalência, tratamento e controle da hipertensão arterial com método diferenciado de busca ativa. Cadernos Saúde Coletiva, v. 28, p. 325-333, 2020.

MONTEIRO, Ariane Alice Fernandes et al. Estudo sobre a adesão ao tratamento de hipertensão arterial sistêmica na UBSF de Três Poços. Brazilian Journal of Health Review, v. 3, n. 1, p. 1289-1305, 2020.

PRATES, Elton Junio Sady et al. Características clínicas de clientes com hipertensão arterial e diabetes mellitus. Rev. enferm. UFPE on line, p. [1-10], 2020.

SANTOS, Angélica Viana Rocha et al. Perfil sociodemográfico do adulto quilombola com distúrbios hiperglicêmicos. Brazilian Journal of Health Review, v. 3, n. 6, p. 19007-19018, 2020.

SANTOS, Deyse Mirelle; PRADO, Beatriz Santana; OLIVEIRA, Cristiane Costa; ALMEIDA-SANTOS, Marcos Antonio. Prevalence of Systemic Arterial Hypertension in Quilombola Communities, State of Sergipe, Brazil. Arq. Bras. Cardiol., 113(3):383-390, 2019.

SANTIAGO, Emerson Rogério Costa et al. Prevalence of systemic arterial hypertension and associated factors among adults from the semi-arid region of Pernambuco, Brazil. Arquivos brasileiros de cardiologia, v. 113, p. 687-695, 2019.

SONG, Juan-Juan; MA, Zheng; WANG, Juan; CHEN, Lin-Xi; ZHONG, Jiu-Chang. Gender Differences in Hypertension. J Cardiovasc Transl Res, 13(1):47-54, 2020.

APPENDICE – NOTA A PIÈ

8. Attestato di presentazione di apprezzamento etico.

[1] Laureato in Scienze Farmaceutiche presso l’Università Federale di Amapá. ORCIDE: 0000-0002-3181-6630.

[2] Specializzazione in Specializzazione in Criminal Forensics. Istituto di Laurea Magistrale e Ricerca in Scienze della Salute di Amapá, IECSA, Brasile. Laurea in Scienze Biologiche, Università Federale di Amapá, UNIFAP, Brasile. ORCID: 0000-0002-8181-8773.

[3] Master in Scienze della Salute, Università Federale di Amapá, UNIFAP, Brasile. Specializzazione in corso in Biologia Molecolare e Genetica Forense, Istituto Nazionale di Scienze Forensi e Forensi, INFOR, Brasile. Laurea in Scienze Biologiche, Università Federale di Amapá, UNIFAP, Brasile. ORCID: 0000-0002-0749-4627.

[4] Laureato in Scienze Farmaceutiche presso l’Università Federale di Amapá. ORCID: 0000-0002-6302-8647.

[5] Dottorato di ricerca in Genetica e Biologia Molecolare presso l’Università Federale di Pará, UFPA, Brasile. Master in Genetica e Biologia Molecolare presso l’Università Federale di Pará, UFPA, Brasile. Specializzazione in Genetica e Biologia Molecolare presso l’Università Luterana del Brasile, ULBRA, Brasile. Laureato in Farmacia presso il Centro Universitario dello Stato di Pará, CESUPA, Brasile. ORCID: 0000-0002-5769-5734.

[6] Laurea Magistrale in Scienze Farmaceutiche, Università Federale di Amapá, UNIFAP, Brasile. Perfezionamento in corso nel Corso di Perfezionamento in Criminal Forensics. Istituto di studi universitari e di ricerca in scienze della salute di Amapá, IECSA, Brasile. Laurea in BIOMEDICINA. Estácio de Macapá College, Estácio Macapá, Brasile. ORCID: 0000-0001-6826-8327.

[7] Master in Scienze della Salute, Università Federale di Amapá, UNIFAP, Brasile. Laurea in Scienze Biologiche, Università Federale di Amapá, UNIFAP, Brasile. ORCID: 0000-0002-0940-0102.

Inserito: Gennaio 2022.

Approvato: Gennaio 2022.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 113329
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?