REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Qualità di alcuni ambiti della vita degli anziani che lavorano

RC: 113215
50
5/5 - (2 votes)
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/ambiti-della-vita

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ROCHA, Felipe Queiroz Dias[1], PICCIONE, Marcelo Arruda[2]

ROCHA, Felipe Queiroz Dias. PICCIONE, Marcelo Arruda. Qualità di alcuni ambiti della vita degli anziani che lavorano. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 06, ed. 11, vol. 09, pag. 132-151. Novembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/ambiti-della-vita, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/ambiti-della-vita

ASTRATTO

L’invecchiamento è un fenomeno peculiare in ogni individuo che converge in una serie di cambiamenti fisici e psicologici. Tuttavia, è possibile che gli anziani vivano bene e con qualità anche se le loro prestazioni organiche sono carenti. Pertanto, il problema di questo articolo è legato alla crescita dell’apprezzamento della qualità della vita in età avanzata. L’obiettivo era quindi quello di verificare la qualità di alcuni ambiti della vita delle persone anziane che lavorano. Hanno partecipato allo studio trentasei anziani della città di San Paolo, con un’età media di 71,5 e ± 5,4. I dati sono stati raccolti accidentalmente. Per questo sono stati utilizzati 36 questionari WHOQOL identici. Per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa è stato applicato il test del chi quadrato non parametrico. Il risultato è stato: l’83,33% degli anziani afferma di essere totalmente in disaccordo con la premessa di avere una relazione insoddisfacente con Dio e anche totalmente d’accordo sul fatto che la loro relazione con Dio elimini il loro sentimento di solitudine; Il 63,33% è totalmente d’accordo sull’esistenza di un vero scopo per l’umanità e il 47,22% degli anziani accetta Completamente il proprio aspetto fisico. Pertanto, è stato osservato che i lavoratori anziani sono soddisfatti della loro qualità di vita.

Parole chiave: invecchiamento, qualità della vita, vecchiaia, anziani.

INTRODUZIONE

La qualità della vita è la concezione che un individuo ha della propria posizione nella vita secondo i propri valori e standard di fronte ai propri obiettivi e preoccupazioni nell’ambiente socioculturale in cui vive. Questo concetto ha tre pilastri diversi e contemporaneamente essenziali, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): la pluridimensionalità, la soggettività e la considerazione dei punti negativi e positivi (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

È un argomento che ha significati diversi nelle aree più diverse. In Psicologia Sociale, il concetto mediatore di esperienza soggettiva, e anche il più grande riferimento, è il livello di soddisfazione. Negli ultimi anni, infatti, c’è stato un aumento dell’apprezzamento della qualità della vita nella vecchiaia (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006), che sarà l’oggetto del presente lavoro secondo la valutazione di un campione di lavoratori anziani.

A sua volta, il processo di invecchiamento può essere classificato in tre modi. La prima si chiama vecchiaia con patologia ed è caratterizzata dalla presenza di una sindrome, malattia o disabilità cronica, che limita in modo critico le prestazioni quotidiane dell’anziano e sbiadisce le capacità possedute da giovane adulto (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

La seconda è la vecchiaia abituale o normale ed è il comune processo di invecchiamento accompagnato da patologie fisiche e/o psichiche in misura lieve nella sua manifestazione, tale da provocare solo parziali cambiamenti nella vita quotidiana degli anziani (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

La terza è detta vecchiaia riuscita o ottimale ed è intesa come l’arrivo in questa fase con il mantenimento dello stato di salute fisico come i giovani adulti, che assume una condizione buona o ottimale rispetto al benessere sociale e personale ad esempio (TRENTINI; XAVIER e FLECK, 2006).

Con il passare del tempo, il numero di anziani nel mondo è in aumento. In Brasile la situazione non è diversa e poco a poco il mito che siamo un paese di giovani è stato decostruito (NERI, 2001a).

L’invecchiamento biologico è un fenomeno idiosincratico in ogni individuo, non una patologia. È possibile che gli anziani vivano bene e con qualità anche se la loro performance organica è indebolita o carente (MARTINS et al., 2007).

L’invecchiamento, inoltre, converge in una serie di cambiamenti psicologici, oltre a quelli fisici, che possono culminare in: resistenza o non accettazione ad occupare altre funzioni; scoraggiamento e problemi di pianificazione per il futuro; mancanza di cure a causa di perdite biopsicosociali e diminuzione dell’autostima e buona immagine di sé (NERI, 2001b).

Tuttavia, a differenza della visione stereotipata negativa e omogeneizzante della vecchiaia, ci sono persone anziane che subiscono il processo di invecchiamento in modo diverso e riferiscono la vecchiaia come una fase di piacere. Non ci sono frustrazioni, conflitti o drammi nel modo in cui vivono questa fase, così come non sono stati identificati sentimenti di rifiuto e/o inferiorità di fronte a cambiamenti e perdite (JARDIM; MEDEIROS e BRITO, 2019).

In effetti, ci sono alcuni miti sulla vecchiaia, come ad esempio che nella vecchiaia i bambini diventino genitori dei propri genitori. Questo non è del tutto vero, quello che avviene è un capovolgimento di ruoli dovuto alla perdita dell’autonomia, del comando, delle condizioni per determinarne, sceglierne le leggi e gli obiettivi, da parte degli anziani (ZIMERMAN, 2000).

D’altra parte, i soggetti giovani considerano possibile avere la felicità in età avanzata e persino avere buone concezioni su alcune caratteristiche degli anziani, come la loro immagine di sé. Tuttavia, allo stesso tempo, mostrano anche molta inquietudine riguardo al verificarsi di questo processo stesso, così che riferiscono che è meglio morire che sperimentare l’angoscia e la solitudine peculiari di questa fase, poiché comprendono che congetture di anzianità l’arrivo di questi stati (RABELO et al., 2008).

Pertanto, vengono poste molte domande su come verrà intesa la vecchiaia a livello globale (VELOZ; NASCIMENTO-SCHULZE e CAMARGO, 1999).

L’invecchiamento sociale modifica lo stato degli anziani e il loro rapporto con le altre persone (ZIMERMAN, 2000).

Il coniuge, dopo decenni, è un fattore importante nella costruzione di questo status sociale e improvvisamente, nella perdita del coniuge, l’anziano si sente solo, contrito e sconsolato. Così, il soggetto inizia a soffrire di mancanza di comunicazione espressiva e di attenzione, perde il suo ruolo sociale ed è in balia di sentimenti di inutilità e mancanza di aspettativa con la vita (SIMKUNAS e ANJOS, 2001).

Tutti i soggetti che hanno vissuto tale esperienza, infatti, riferiscono la solitudine come elemento ricorrente, ma riferiscono di aver trovato il coinvolgimento in attività collettive, come la danza e la ginnastica, in alternativa, per mantenersi in azione e scongiurare così la solitudine stato (SIMKUNAS e ANJOS, 2001).

Alla fine, l’amore è disponibile per tutti poiché si manifesta nei comportamenti e nei sentimenti. Coloro che si ritirano o non sono in grado di trasformarsi o evolversi sono alla mercé della solitudine e del vuoto. Anche chi non è mai stato sposato può e deve cercare partner per iniziare una relazione (ALMEIDA e LOURENÇO, 2007).

Uno degli assi costitutivi del benessere psicologico è la soddisfazione per la vita, poiché considera la prospettiva del soggetto su aspetti della sua realtà. Due caratteristiche vitali di questa soddisfazione sono l’accuratezza dell’adattamento alle insufficienze e il potere di assorbire e incorporare informazioni positive attraverso una struttura psichica responsabile della conoscenza di sé, chiamata il sé (NERI, 2001a).

Pertanto, solo il 40% degli anziani è soddisfatto delle proprie relazioni personali, altrettanti che si dichiarano completamente soddisfatti del proprio aspetto fisico (COLALTO, 2002).

Per quanto riguarda questo secondo ambito, gli anziani sono insoddisfatti del proprio corpo ed esprimono il desiderio di avere un aspetto più snello, poiché questo fattore è importante nel loro adattamento biopsicosociale, poiché esistono numerosi stereotipi che li stigmatizzano a causa della loro stazza fisica rachitica. Questi stigmi possono far vedere agli anziani il proprio corpo in modo distorto e creare rappresentazioni negative (COSTA; BASTOS e SALES, 2008).

Nel periodo post-menopausale, le donne subiscono cambiamenti nella regione genitale e nella forma fisica. Possono verificarsi modifiche nel modo in cui l’individuo vede il proprio corpo al punto da considerarsi deplorevole e incapace di compiacere il coniuge, il che genera disturbi emotivi (VERAS, 1995).

Le percezioni delle donne anziane sulla bellezza del corpo in età avanzata sono classificate in tre categorie: la bellezza verbalizzata, l’esperienza estetica davanti allo specchio e la bellezza delle donne in età avanzata (FIN; PORTELLA e SCORTEGAGNA, 2017).

Le donne anziane, indipendentemente dalle condizioni socioeconomiche e culturali, riconoscono come bellezza l’immagine basata sugli stili contemporanei con l’influenza degli attuali canoni estetici, poiché stabiliscono un giudizio di apprezzamento in ciò che ritengono piacevole da vedere, sentire e osservare (FIN; PORTELLA e SCORTEGAGNA, 2017).

Tuttavia, l’esperienza estetica del guardarsi rivela una dualità tra immagini apprezzate e svalutate presentate dai diversi modi di intendere e sentire la vecchiaia. Quando svelano l’aspetto del corpo che invecchia, le donne confessano i loro sentimenti verso aspetti degli anni vissuti in un groviglio di bellezza e bruttezza (FIN; PORTELLA e SCORTEGAGNA, 2017).

La bellezza nella vecchiaia è astratta come un processo che richiede la cura di sé e delle proprie relazioni. Consiste in uno sguardo attento al corpo e all’anima che segue regole, comportamenti e principi, come la pratica degli esercizi, il mantenimento del buon umore, il ballo e la ricerca del medico quando c’è qualche disagio e anche, l’occupazione con il volontariato. Alla fine, la percezione della bellezza è appresa nell’unicità dell’essere attraverso l’apprezzamento e l’amore dedicato a se stessi (FIN; PORTELLA e SCORTEGAGNA, 2017).

Rispetto alla visione diffusa alla società dagli articoli di una rivista popolare, è stato possibile osservare in maniera egemonica il consolidamento di un discorso che vede la giovinezza come un valore da conquistare e mantenere, mentre la vecchiaia è intesa come il risultato della disabilità di ciascuna. In altre parole, essere giovani è una responsabilità dei lettori, che, seguendo le sue raccomandazioni periodiche, non invecchieranno (KUSCHICK e MACHADO, 2016).

Le donne si invidiano a vicenda per i corpi, la bellezza, la giovinezza, la magrezza e la sensualità. Il corpo da loro invidiato è giovane, snello e attraente. In Brasile, questo modello corporeo è essenziale (GOLDENBERG, 2018).

Le donne brasiliane sono tra i maggiori consumatori di prodotti e servizi cosmetici in tutto il mondo, come chirurgia plastica, tossina botulinica, filler, tinture per capelli, farmaci dimagranti e soppressori dell’appetito. Sono quelli che sono più insoddisfatti del proprio corpo e quelli che smettono di uscire di casa, di andare alle feste e persino di lavorare quando si sentono vecchi, grassi e brutti (GOLDENBERG, 2018).

Le giovani donne dicono che si prenderanno cura di se stesse quando saranno vecchie e che i loro amici le aiuteranno. Gli uomini, a loro volta, dicono che le donne nelle loro famiglie faranno questo per loro: moglie, figlie e nipoti (GOLDENBERG, 2018).

C’è anche l’idea che l’invecchiamento sia sempre inteso come un avvento estrinseco. Quando si parla della propria vecchiaia, la maggior parte degli anziani si riferisce al caso come se fosse solo un fenomeno esogeno. Capita infatti che comprendere questa fase solo attraverso le restrizioni fisiche provochi sofferenza, angoscia e rifiuto di questo contesto (LIMA, 2007).

D’altra parte, la spiritualità può essere considerata una risorsa favorevole al benessere degli anziani, per cui la partecipazione ad ambienti motivanti e la presenza di opportunità di progresso, unitamente a fattori spirituali, sono stati centrali in questa fase. La religiosità può essere associata a una maggiore resilienza in età avanzata (MARGAÇA e RODRIGUES, 2019).

Cioè, la partecipazione alle attività religiose, le scelte delle dottrine e del sistema di credenze possono essere legate alla soddisfazione, oltre che influenzare sostanzialmente la concezione che il soggetto configura sul mondo, al fine di legittimare il senso della vita e fornire il benessere (PANZINI et al., 2007).

La religione è un ambito che, per essere valido, ha bisogno di muovere e modificare l’individuo, e non essere semplicemente un insieme dotato di moralità, dogmi e regole, ma piuttosto una fede che qualifica l’incontro reale con la divinità venerata (DINIZ, 2003).

In questo modo, la religione può essere intesa come l’adozione di realtà capitali che la coscienza non può assimilare, che produce un sentimento di completezza e unione interiore quando raggiunge l’apice del godimento psichico. Miti (racconti) e riti (azioni) sono alla base di tutte le credenze spirituali e, quindi, sono i mezzi di manifestazione del sacro attraverso le rappresentazioni sviluppate (BAPTISTA, 2003).

Indipendentemente dallo stile di vita degli anziani, la maggior parte di loro recita preghiere per cause quali: acquisire salute, ricevere pace mentale e amore, problemi familiari e ringraziare per i favori ottenuti (ORLANDO et al., 2008).

La spiritualità è altamente preponderante in questo periodo del ciclo di vita, tanto che un intero campione raccolto si è dichiarato in linea con qualche religione, poiché l’impegno in attività di questo tipo permette agli anziani di formare un legame tra le loro insufficienze e il servizio del vostro talenti. Se ciò non accade, il senior sarà almeno supportato nell’affrontare questa fase terminale della vita (ARAÚJO, 1999).

Pertanto, l’obiettivo generale è stato quello di verificare come gli anziani che lavorano apprezzano la qualità di alcuni ambiti della loro vita.

A loro volta, gli obiettivi specifici sono:

  • Comprendere come sono gli anziani quando continuano a lavorare dopo aver superato l’età che consente loro di cessare queste attività;
  • Fornire un’opportunità alle persone anziane che lavorano per segnalare la condizione di alcuni domini della loro vita;
  • Analizzare criticamente la condizione di alcuni domini della loro vita.

METODOLOGIA

PARTECIPANTI

Questo lavoro ha visto la partecipazione volontaria di 36 anziani che lavorano, con o senza iscrizione, in modo continuativo o sporadico, di età pari o superiore a 65 anni (che è la fascia di età designata dall’OMS per la pensione); erano 88,90% uomini e 11,10% donne. L’età media è 71,5 anni, la mediana è 71 anni, la deviazione standard è 5,4 e la fascia di età è 22 anni (l’età più bassa è 65 e la più alta è 87).

MATERIALE

Per la raccolta dei dati sono stati utilizzati 36 questionari WHOQOL identici. Questo materiale è stato selezionato per il suo riconoscimento internazionale per le finalità sopra indicate.

Questo questionario era diviso in tre parti: la prima doveva caratterizzare il volontario; la seconda parte era composta da una serie di domande chiuse su più domini che integrano la concezione generale della qualità della vita e che, quindi, giustificano l’obiettivo di questa ricerca; l’ultima parte conteneva un’altra serie di affermazioni affermative e negative che consentivano al soggetto di esprimere il suo punto di vista sul suo valore nella sua vita – in altre parole, c’erano frasi in cui l’anziano diceva a quale livello era d’accordo o in disaccordo con loro, tenendo conto del tuo contesto.

PROCEDURE

I dati sono stati raccolti accidentalmente a gennaio e febbraio, ovvero potenziali partecipanti alla ricerca (lavoratori di età pari o superiore a 65 anni) sono stati cercati a caso e, una volta trovati, sono stati avvicinati immediatamente dai ricercatori.

Per prima cosa, ci presentiamo e spieghiamo lo scopo del nostro lavoro. Quindi, se l’anziano ha rispettato il gruppo campione desiderato e ha accettato di partecipare, gli forniremo il Termo de Consentimento Livre e Esclarecido (TCLE)[3] e il questionario, oltre a fornire loro tutti i tipi di chiarimenti su questi documenti e sui loro elementi. È importante sottolineare che questo articolo fa parte di un lavoro più ampio, che è stato approvato dal Comitato Etica e Ricerca nº 017/2005 e CAAE 005.0.237.000.05.

Tutti i soggetti trovati erano nella città di São Paulo, 15 a Mooca, sei a Brás, altri sei a Sé, cinque a Zona Cerealista, tre a Vila Mariana e uno a Cambuci.

RISULTATI E DISCUSSIONE

Qui verranno presentati e discussi criticamente alcuni risultati ottenuti nei questionari WHOQOL utilizzati attraverso le seguenti tabelle.

Tabella 1 – Stato civile

Situazioni F %
single 6 16,66
Separato 4 11,11
Sposato 19 52,77
Vedovo 7 19,44
Total 36 100

Fonte: Questionari WHOQOL.

La Tabella 1 mostra che più della metà (52,77%) degli intervistati è sposata. Un altro 19,44% è vedovo, il 16,66% è single e solo l’11,11% è separato.

Il test del chi quadrato non parametrico è stato applicato per scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa; ha portato a Xo2=9,80 e X2c=7,81, con una differenza statisticamente significativa. È noto che n.g.l.=3 e α=0,05.

Quindi, più della metà degli anziani che lavorano mantiene un rapporto d’amore stabile e questo può essere direttamente collegato all’idea relativa alla motivazione e all’interesse per il lavoro, poiché, secondo gli studi condotti da Simkunas e Anjos (2001), dopo decenni di lavoro, il matrimonio diventa un fattore importante per la costruzione dello status sociale dell’anziano, poiché nella perdita del coniuge l’individuo si sente solo, sconsolato e triste. Nel frattempo, il soggetto soffre di mancanza di comunicazione espressiva e di attenzione, perde il suo ruolo sociale e inizia ad avere sentimenti di inutilità e mancanza di aspettativa con la vita.

Se consideriamo queste parole, il 30,55% potrebbe essere soggetto a uno stato psicologico dispregiativo e a una bassa animosità per essere vedovo o separato. Secondo Simkunas e Anjos (2001), tutti i soggetti che hanno vissuto un’esperienza del genere menzionano la solitudine come un sentimento presente.

Questa condizione causata dalla perdita del coniuge trasgredisce lo status dell’anziano e, secondo Neri (2001b), determina cambiamenti coercitivi dell’immagine di sé e dell’autostima dell’anziano, oltre a resistenze a nuovi ruoli, problemi di pianificazione per il futuro, bisogno di assistenza di fronte alle perdite biopsicosociali e alla perdita di spirito.

Tuttavia, Almeida e Lourenço (2007) affermano che l’amore è disponibile per tutti. Anche chi non è mai stato sposato può e deve cercare partner per iniziare una relazione, ma chi si ritira o non è in grado di trasformarsi o evolversi è alla mercé della solitudine e del vuoto.

Per quanto riguarda la maggioranza dei coniugi, si può presumere che il coniuge sia un attributo che li incoraggia o li obbliga (a seconda dello stato socioeconomico di ciascuno) a rimanere al lavoro, poiché entrambi gli ambiti devono costituire lo status che l’anziano ha di per sé, come affermano Zimerman (2000) e Simkunas e Anjos (2001).

Tabella 2 – Livello di accettazione dell’aspetto fisico

Accettazione F %
Molto poco 2 5,55
Medio 11 30,55
Molto 6 16,66
Completamente 17 47,22
Totale 36 100

Fonte: Questionari WHOQOL.

Si osserva nella Tabella 2 che il 47,22% dei partecipanti accetta completamente il proprio aspetto fisico, mentre il 16,66% ha optato per l’affermazione stessa. Il 30,55% e il 5,55% valuta invece di avere un livello di accettazione relativo rispettivamente alle variabili Medio e Molto poco. Nessuno degli anziani ha scelto l’alternativa Niente, che ha causato l’eliminazione di questa variabile dalla tabella.

Per verificare se esiste una differenza statisticamente significativa, è stato applicato il test del chi quadrato. È stato riscontrato che xo2=6,40 e x2c=7,81, senza differenze statisticamente significative. È anche degno di nota che n.g.l.=3 e α=0,05.

Per quanto riguarda il risultato, predominano le opinioni relative a una prospettiva positiva sull’accettazione dell’aspetto fisico, con il 63,88% dei partecipanti che afferma di accettarlo nelle variabili Molto e Completamente.

Diversamente da questo risultato, in un analogo lavoro svolto da Colalto (2002) sullo stesso tema, il risultato ottenuto riguardo agli effetti dei cambiamenti fisici è visto positivamente solo dal 40% dei partecipanti.

Costa; Bastos e Sales (2008) affermano che la maggior parte degli anziani è insoddisfatta del proprio aspetto fisico e desidera avere un corpo più snello, poiché questo fattore è importante nel loro adattamento biopsicosociale a causa degli stereotipi sulla loro dimensione fisica, considerata fragile. Questi stigmi tendono a far vedere agli anziani il proprio corpo in modo distorto e ad avere rappresentazioni negative.

A questo proposito, Lima (2007) afferma che esiste uno stereotipo secondo cui l’invecchiamento è un fenomeno esterno. Quando si parla della propria anzianità, la maggior parte delle persone anziane si riferisce all’argomento come se fosse qualcosa al di fuori di sé, mentre succede che la percezione della vecchiaia, attraverso le restrizioni fisiche, quando queste non possono più essere nascoste, provoca sofferenza, angoscia e rifiuto di questa situazione.

Questo concetto di invecchiamento passa attraverso il potere dei media. Kuschick e Machado (2016) parlano della visione della vecchiaia diffusa attraverso i testi di una rivista popolare, in cui è stato possibile osservare egemonicamente il consolidamento di un discorso che intende la giovinezza come un valore da conquistare e affermare, mentre l’anzianità è intesa come risultato dell’inattitudine del soggetto. In altre parole, essere giovani è una responsabilità di ogni individuo, che, seguendo le raccomandazioni periodiche che vengono pubblicate, non invecchierà.

Rabelo et al. (2008) corroborano l’influenza del potere dei media quando affermano che i giovani hanno buone idee su alcune caratteristiche degli anziani, come la loro immagine di sé, e credono che ci sia felicità nella vecchiaia. Tuttavia, paradossalmente, considerano che questa fase della vita prefigura la solitudine e l’angoscia, così che sono molto inquieti riguardo a questo processo stesso e hanno dichiarato di preferire la morte al raggiungimento di questa fase e all’esperienza di questi sentimenti citati come peculiari della vecchiaia.

Questa visione dicotomica che i giovani hanno della vecchiaia è il risultato di miti e stereotipi, che possono essere rafforzati dalla diffusione di contenuti imprecisi da parte dei media, come la rivista studiata da Kuschick e Machado (2016). Questi stereotipi, creatori di una parziale e concomitante comprensione assoluta degli anziani come soggetti in situazione di inferiorità o svantaggio rispetto ai più giovani, sono così discutibili che i risultati della Tabella 2 – dove la variabile Niente è stata eliminata da nessun partecipante così classificare l’accettazione del proprio aspetto fisico e l’opzione Molto poco è stato menzionato solo dal 5,55% – sono incompatibili con le parole di Costa; Bastos e Sales (2008) e con i dati presentati da Colalto (2002). Vale la pena considerare che Zimerman (2000) parla ancora del mito dei bambini che diventano i propri genitori in età avanzata, rivelando un altro esempio di incomprensione sull’anzianità.

Vale anche la pena considerare le parole di Jardim; Medeiros e Brito (2019) sulla particolarità dell’esperienza dell’invecchiamento, che rompe con la visione stereotipata e omogenea dell’assenza di piacere in questa fase. Ci sono persone anziane che denunciano questa avversità quando denunciano l’assenza di frustrazioni, conflitti o drammi in questa fase, allo stesso modo in cui non individuano un sentimento di rifiuto e/o di inferiorità di fronte a cambiamenti e perdite Trentini; Xavier e Fleck (2006) chiamano questo processo vecchiaia di successo, che riesce e si afferma con il mantenimento della salute come nei giovani adulti.

Da un’altra prospettiva dei giovani, Goldenberg (2018) afferma che le donne dicono che si prenderanno cura di se stesse quando raggiungeranno la vecchiaia e che i loro amici le aiuteranno. Gli uomini dicono che le donne nelle loro famiglie lo faranno per loro: moglie, figlie e nipoti.

Nel caso specifico delle donne (che sono l’11,10% dei partecipanti a questo studio), Fin; Portella e Scortegagna (2017) affermano che le percezioni delle donne anziane sulla bellezza del corpo in età avanzata si dividono in tre categorie: la bellezza verbalizzata, l’esperienza estetica davanti allo specchio e la bellezza delle donne in età avanzata.

Secondo il trio Fin; Portella e Scortegagna (2017), donne anziane, indipendentemente dalle condizioni socioeconomiche e culturali, riconoscono come bellezza l’immagine riflessa nella moda contemporanea con l’influenza degli attuali standard estetici, poiché stabiliscono un giudizio di apprezzamento in ciò che considerano piacevole da vedere, sentire e divertiti osserva. Tuttavia, l’esperienza del guardarsi rivela un contrasto tra le immagini apprezzate e quelle svalutate presentate dai diversi modi di intendere e sentire la vecchiaia. Quando svelano l’aspetto del corpo che invecchia, le donne confessano i loro sentimenti verso gli aspetti degli anni vissuti in un groviglio di bellezza e bruttezza.

Fin; Portella e Scortegagna (2017) completano dicendo che la bellezza nella vecchiaia è astratta come un processo che richiede cura di sé e delle proprie relazioni. Consiste in uno sguardo attento al corpo e all’anima che segue regole, comportamenti e principi, come l’esercizio fisico, il mantenimento del buon umore, il volontariato e la ricerca del medico in caso di disagio. Alla fine, la percezione della bellezza è appresa nell’unità dell’essere attraverso l’apprezzamento e l’amore dedicati a se stessi.

Questa prospettiva sulla bellezza spiegata da Fin; Portella e Scortegagna (2017) e, quindi, l’accettazione della propria immagine implica benessere psicologico e racchiude soddisfazione di vita nelle parole di Neri (2001a), in quanto considera la valutazione dell’individuo. Inoltre, si osservano due caratteristiche chiave per questo benessere psicologico: la capacità di accogliere le perdite (in questo caso, l’aspetto giovanile) e la capacità di assimilare informazioni positive su se stessi, che corrispondono a belle immagini (che contrastano con la bruttezza) descritto dal trio.

Questi dati sfidano le parole di Goldenberg (2018), che afferma che le donne invidiano il corpo, la bellezza, la giovinezza, la magrezza e la sensualità delle loro coetanee. Il corpo che desiderano è giovane, snello e attraente, che è un modello chiave in Brasile.

Goldenberg (2018) continua e afferma ancora che le donne brasiliane sono tra i maggiori consumatori di prodotti e servizi estetici in tutto il mondo, come chirurgia plastica, tossina botulinica, filler, tinture per capelli, farmaci dimagranti e soppressori dell’appetito. Sono anche quelli che sono più insoddisfatti del proprio corpo, quelli che smettono di uscire di casa, di andare alle feste e persino di lavorare quando si sentono vecchi, grassi e brutti.

Veras (1995) continua e afferma che nel periodo post-menopausale si verificano cambiamenti nei genitali e nel fisico delle donne. Potrebbero esserci anche cambiamenti nell’immagine di te stesso del tuo corpo, così che potresti trovarti deplorevole e incapace di compiacere la tua consorte, il che provoca disturbi emotivi.

L’appello per un organismo approvato dalla società viene dalla giovinezza, passa attraverso i media e arriva alla vecchiaia come requisito diseguale date le condizioni fisiche e cicliche del soggetto. Che sia per moda, vanità personale o simbolica autoaffermazione del proprio status, gli anziani sono naturalmente svantaggiati di fronte ai canoni estetici richiesti e potrebbero ridefinire il proprio concetto di bellezza per accettare con maggiore soddisfazione il proprio aspetto fisico al fine di avere una migliore qualità della vita in questo ambiente.

In considerazione di ciò, si può anche supporre che la permanenza al lavoro sia un rafforzamento dell’autostima e dell’accettazione non solo del proprio aspetto fisico, ma anche delle proprie prestazioni quotidiane. In questo modo gli anziani non vivono la vecchiaia come un periodo di restrizione.

Tabella 3 – Insoddisfazione per il rapporto personale con Dio

Insoddisfazione F %
Sono totalmente d’accordo 2 5,55
Parzialmente d’accordo 2 5,55
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 1 2,77
Parzialmente in disaccordo 1 2,77
Fortemente in disaccordo 30 83,33
Totale 36 100

Fonte: Questionari WHOQOL.

I risultati della Tabella 3 indicano che l’83,33% degli anziani è fortemente in disaccordo sul fatto che il loro rapporto con Dio sia insoddisfacente. Ci sono due gruppi del 5,55% di intervistati che hanno scelto le alternative Totalmente d’accordo e Parzialmente d’accordo e altri due gruppi del 2,77% che hanno scelto di essere in disaccordo più che d’accordo e Parzialmente in disaccordo. Solo l’alternativa concordo più che dissento non è stata votata dai soggetti ed è stata quindi eliminata dal tavolo.

Vale la pena notare che xo2=0 e x2c=9,48; poiché il test del chi quadrato è stato applicato con l’intento di verificare se esiste una differenza statisticamente significativa; si è riscontrato che non c’è tale differenza. Vale anche la pena considerare che n.g.l.=4 e α=0,05.

La Tabella 4 ha un risultato di totale compatibilità con la Tabella 3, in quanto mostra che l’83,33% Totally D’accordo con la premessa che il loro rapporto con Dio elimina il sentimento di solitudine, la stessa quantità che dice Totally Disagres con il suggerimento di essere insoddisfatto nel rapporto personale con Dio. È importante evidenziare che entrambe le tabelle non presentano una differenza statisticamente significativa e sono congruenti tra loro in base ai loro risultati, il che dimostra che esiste una connessione tra gli aspetti da esse indagati.

Araújo (1999) afferma che la spiritualità è molto diffusa in questo periodo del ciclo di vita. La ragione di ciò è che l’impegno in attività di questo tipo consente agli anziani di stabilire un legame tra le loro inadeguatezze e l’uso dei loro talenti. Se ciò non accade, il senior sarà almeno supportato nell’affrontare questa fase terminale della vita.

D’accordo, Panzini et al. (2007) continuano, affermando che la religione può essere correlata alla soddisfazione. Infatti, credenze e dottrine influenzano sostanzialmente la concezione che il soggetto si fa del mondo.

In altre parole, nelle parole di Margaça e Rodrigues (2019), la spiritualità può essere un elemento favorevole al benessere nella vecchiaia, soprattutto perché la partecipazione ad ambienti stimolanti e la presenza di opportunità di evoluzione sono essenziali in questa fase. Pertanto, la religiosità può essere associata a una maggiore resilienza nella vecchiaia.

Baptista (2003) afferma che le religioni si basano su miti e riti che manifestano il sacro attraverso le rappresentazioni create. Pertanto, considerando la pratica della preghiera come un rito, Orlando et al. (2008) affermano che la maggior parte delle persone anziane prega per questioni come la gratitudine, l’ottenimento della salute, il ricevere pace e amore e per le cause familiari, indipendentemente dal loro stile di vita.

La preghiera, nel suo senso più comune, è la creazione di un dialogo tra le persone. Nel caso spirituale, si intende essere tra il religioso e la divinità, anche se viene fatto insieme ad altri adepti in uno spazio collettivo. In questo modo si comprende che si tratta di un mezzo di comunicazione con la figura sacra venerata con cui si instaura un rapporto. In questa relazione, l’88,88% dei partecipanti afferma di essere in qualche modo in disaccordo sull’essere insoddisfatto, secondo i risultati della Tabella 3. Questi dati sono ancora compatibili con quelli di Araújo (1999), il quale afferma che un intero campione raccolto (questo è, 100%) ha dichiarato di essere in linea con qualche religione, sebbene non sia stato possibile verificare il divario tra questa stessa affinità e la pratica di questo rito.

Baptista (2003), quindi, definisce la religione come l’adozione di realtà capitali che la coscienza non può assimilare, che produce una sensazione di completezza e unione interiore quando raggiunge l’apice del godimento psichico.

A sua volta, Diniz (2003) concettualizza la religione come un ambito che, per essere valido, ha bisogno di muovere e modificare l’individuo, e non essere semplicemente un insieme dotato di moralità, dogmi e regole, ma piuttosto una fede che qualifica l’incontro reale con la divinità venerata.

Infine, è chiaro che l’aspetto religioso è preponderante nell’opinione degli anziani riguardo alla loro qualità di vita, al fine di dimostrare una prevalenza di risposte di accoglienza molto più polarizzata che in altri ambiti.

Tabella 4 – Sensazione di solitudine eliminata dal rapporto con Dio

Carezza F %
Sono totalmente d’accordo 30 83,33
Parzialmente d’accordo 3 8,33
Non sono d’accordo più di quanto sono d’accordo 1 2,77
Parzialmente in disaccordo 2 5,55
Totale 36 100

Fonte: Questionari WHOQOL.

Nella Tabella 4 si nota che l’83,33% dei soggetti Totalmente d’accordo di non sentirsi soli a causa del loro rapporto con Dio. Un altro 8,33% ha scelto di essere parzialmente d’accordo e il 5,55% di essere Parzialmente d’accordo. Solo il 2,77% non è d’accordo più che d’accordo. Le variabili d’accordo più che in disaccordo e Fortemente in disaccordo non sono state menzionate e quindi sono state scartate dalla tabella.

Per scoprire se esiste una differenza statisticamente significativa, è stato applicato il test del chi quadrato. È stato riscontrato che xo2=0 e x2c=7,81, senza differenze statisticamente significative. Inoltre, si considera che n.g.l.=3 e α=0,05.

Questo risultato è lo stesso della Tabella 3, in cui l’83,33% dei partecipanti afferma anche di essere Totalmente in disaccordo con la premessa di non avere una relazione soddisfacente con Dio. In effetti, se c’è una relazione personale significativa, allora non dovrebbe esserci solitudine. Le questioni affrontate da queste due tabelle sono precisamente simili e congruenti.

Questo sentimento è molto presente anche nella perdita di un coniuge, secondo Simkunas e Anjos (2001). Il duo afferma che l’alternativa trovata dagli anziani per eliminarlo è il coinvolgimento in attività collettive. D’altra parte, Almeida e Lourenço (2007) affermano che l’amore è disponibile per tutti poiché si esprime nei comportamenti. I soggetti che si ritirano o si mostrano incapaci di trascendere se stessi sono alla mercé della solitudine e del vuoto. Anche chi non è mai stato sposato può e deve cercare partner per iniziare una relazione. Inoltre, non è possibile stabilire una relazione tra i dati delle Tabelle 1 e 4 per stato civile, che non denota necessariamente il sentimento di solitudine.

Rabel et al. (2008) discutono anche della solitudine quando riferiscono che è un fattore che i giovani associano all’invecchiamento e, quindi, preferiscono morire piuttosto che subire questo processo (pur credendo che sia possibile essere felici in vecchiaia e senza dubitare delle capacità di gli anziani). Tuttavia, questa prospettiva è incompatibile con i risultati qui ottenuti.

Da un’altra prospettiva, Panzini et al. (2007) affermano che la religione può essere associata alla soddisfazione e, quindi, essere collegata alla felicità, poiché credenze e dottrine influenzano sostanzialmente la concezione del mondo da parte dell’individuo.

In altre parole, nelle parole di Margaça e Rodrigues (2019), la religione può essere un fattore favorevole al benessere nella vecchiaia, poiché la partecipazione ad ambienti motivanti e la presenza di opportunità di progresso sono stati fondamentali negli anziani. Pertanto, la religiosità può essere associata a una maggiore resilienza nella vecchiaia.

Araújo (1999) afferma che la spiritualità è molto preponderante in questo periodo di sviluppo umano, tanto che il 100% del suo campione ha dichiarato di essere conforme a qualche credenza, poiché l’impegno in attività di questo tipo consente agli anziani di formare un legame tra i loro inadeguatezze e l’uso dei loro talenti. Se ciò non accade, il soggetto avrà almeno un supporto nell’affrontare questa fase finale della vita.

Diniz (2003) intende la religione come un aspetto che, per essere valido, deve muovere e modificare il soggetto, e non essere semplicemente un sistema dotato di moralità, dogmi e regole, ma composto da una fede che rappresenta il vero incontro con il divino.

A sua volta, Baptista (2003) intende la religione come l’adozione di realtà capitali che la coscienza non può assimilare, che produce una sensazione di completezza e unione interiore quando raggiunge l’apice del godimento psichico.

Baptista (2003) afferma anche che le religioni si basano su miti e riti capaci di esprimere l’elemento sacro attraverso i simboli costituiti. Pertanto, Orlando et al. (2008) afferma che la maggior parte delle persone anziane pratica la preghiera per cause come ottenere pace e amore, gratitudine, salute fisica e problemi familiari, indipendentemente dal loro stile di vita. La preghiera può essere intesa come un rito che lega gli anziani alla divinità e, di conseguenza, elimina il loro senso di solitudine, poiché la preghiera assume anche una forma di relazione con l’essere sacro.

Tabella 5 – C’è un vero scopo per l’esistenza dell’umanità

Variabili F %
Sono totalmente d’accordo 23 63,88
Parzialmente d’accordo 3 8,33
Sono più d’accordo che in disaccordo 1 2,77
Parzialmente in disaccordo 1 2,77
Fortemente in disaccordo 7 19,44
Totale 36 100

Fonte: Questionari WHOQOL.

È possibile vedere chiaramente nella Tabella 5 che il 63,88% è totalmente d’accordo sul presupposto che ci sia un vero scopo per l’esistenza umana, mentre il 19,44% è totalmente in disaccordo e l’8,33% è parzialmente d’accordo. Ci sono tre gruppi del 2,77% nelle opzioni, sono più d’accordo che in disaccordo, non sono d’accordo più di quanto non sono accordo e in parte non sono d’accordo.

Con l’intento di verificare se esiste una differenza di significatività è stato applicato il test del chi quadrato. Il risultato è stato: xo2=8,52 e x2c=11,07; Vale anche la pena notare che n.g.l.=5 e α=0,05.

Riguardo alla questione filosofica, ¾ dei partecipanti anziani (75%) concorda sull’esistenza di uno scopo per l’esistenza umana, una percentuale quasi altrettanto accentuata di quelle osservate nelle Tabelle 3 e 4, che indagano gli aspetti religiosi. Vale la pena considerare le parole di Panzini et al. (2007), che affermano che la religione può spiegare il senso della vita e influenzare in modo significativo la concezione del mondo da parte del soggetto.

D’altronde si può anche dedurre il rapporto di questa premessa con la volontà di continuare a vivere in modo attivo, da anziano. Martini et al. (2007) affermano che anche con un organismo carente e fragile è possibile per gli anziani vivere con qualità. A loro volta, Simkunas e Anjos (2001) discutono dell’importanza del coniuge in questa fase della vita in cui c’è una perdita; cioè il processo di costruzione interpersonale attraverso questa relazione continua fino alla vecchiaia, altrimenti il ​​soggetto non subirebbe gli impatti descritti dalla coppia. Almeida e Lourenço (2007), inoltre, affermano che, anche per chi non ha un partner, l’amore è disponibile, purché lo voglia.

Anche i giovani hanno buone prospettive sulle capacità degli anziani (sebbene abbiano una doppia visione di questa fase), secondo Rabelo et al. (2008), per cui, in accordo con Neri (2001a), si può vedere che gli anziani dimostrano soddisfazione per la propria vita e il proprio livello di benessere attraverso queste risposte (sebbene non siano molto specifiche).

CONSIDERAZIONI FINALI

Gli anziani che lavorano si dimostrano per lo più soddisfatti della qualità dei domini osservati della loro vita. In particolare, è stato possibile notare un’elevata polarizzazione rispetto alla religiosità, tanto che questo è un aspetto quasi assoluto a giudizio dei partecipanti, in accordo con quanto afferma Araújo (1999) circa il supporto che questo dominio fornisce nell’affrontare questo fase di fine vita.

Anche le altre aree verificate hanno ricevuto una maggioranza di risposte dai partecipanti che denota chiaramente soddisfazione, nonostante la distribuzione sia stata meno concentrata in un’unica variabile. Si stima che questo predominio sia dovuto al processo di riuscita della vecchiaia, secondo le parole di Trentini, Xavier e Fleck (2006). Pertanto, i cambiamenti intrinseci dell’invecchiamento menzionati da Neri (2001a) sono stati osservati perifericamente nel gruppo campione raccolto.

Come spiegato in precedenza, questo studio ha avuto l’obiettivo di indagare la qualità di alcuni domini della vita delle persone anziane che ancora lavorano attraverso un questionario standardizzato e di analizzare criticamente i dati ottenuti attraverso le basi teoriche utilizzate. Questo strumento è stato in grado di quantificare le risposte dei partecipanti, misurare le differenze statistiche e ha permesso di creare ipotesi sulla base della letteratura consultata, tuttavia è stata rilevata la presenza di lacune tra queste stesse risposte e le ragioni che le hanno alimentate, al fine di per rendere impossibile una maggiore analisi, rigore e accuratezza. In questo modo si suggerisce che altri studi più approfonditi possano essere condotti per indagare qualitativamente questi e altri aspetti di questi temi (soprattutto sulla vita religiosa, che è stata evidenziata nella polarizzazione delle risposte), allo stesso modo di una replica di questo lavoro con gli anziani che non lavorano per confrontare i risultati di entrambe le classi: lavoratori e pensionati.

Si auspica e si auspica, infine, che questo contributo scientifico possa cooperare affinché ci siano interrogativi sulla realtà contestuale degli anziani che operano al fine di promuovere condizioni di vita migliori per loro sia negli aspetti affrontati (sebbene il campione abbia mostrato preminente soddisfazione nelle risposte) come in altri.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, Thiago de; LOURENÇO, Maria Luiza. Envelhecimento, amor e sexualidade: utopia ou realidade? Revista Brasileira de Geriatria e Gerontologia, Rio de Janeiro, nº 01, v.10, p. 101-114.  2007. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1981-2256. https://doi.org/10.1590/1809-9823.2007.10018.

ARAÚJO, C. D. S. F. Aspectos religiosos do idoso. In: PETROIANO, A.; PIMENTA L. G. Clínica e cirurgia geriátrica. Rio de Janeiro, Guanabara, p.8-9, 1999.

BAPTISTA, A. L. Espiritualidade na prática clínica. In: Arte Terapia Coleção Imagens da Transformação. Revista POMAR. Rio de Janeiro, nº 08, v.10, p. 18-23, 2003.

COLALTO, R. M. C. Qualidade de vida na terceira idade. In: Universidade Camilo Castelo Branco. Monografia como pré-requisito de Trabalho de Conclusão de Curso de graduação em Psicologia – p. 49. São Paulo, 2002.

COSTA, Camila Marinho da; BASTOS, Lidiane Lopes; SALES, Marco Aurélio de. Avaliação da imagem corporal em idosos institucionalizados e não institucionalizados. In: Universidade São Judas Tadeu – USJT. Artigo apresentado no XIV Simpósio Multidisciplinar da USJT realizado em 2008. São Paulo.

DINIZ, L. Espiritualidade e Arte Terapia. In: Arte Terapia Coleção Imagens da Transformação. Revista POMAR. Rio de Janeiro, nº 10, v.10, p.109-124, 2003.

FIN, Thais Caroline; PORTELLA, Marilene Rodrigues; SCORTEGAGNA, Silvana Alba. Velhice e beleza corporal das idosas: conversa entre mulheres. Revista Brasileira de Geriatria e Gerontologia, Rio de Janeiro, nº 01, v.20, p. 74-84, 2017. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1981-2256.  https://doi.org/10.1590/1981-22562017020.150096.

FLECK, Marcelo Pio de Almeida; CHACHAMOVICH, Eduardo; TRENTINI, Clarissa Marceli. Projeto WHOQOL-OLD: método e resultados de grupos focais no Brasil. Revista Saúde Pública, São Paulo, v.37, nº 6, p.793-799, 2003. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 10 de outubro. 2020. https://doi.org/10.1590/S0034-89102003000600016.

GOLDENBERG, Mirian. The invention of a beautiful old age: in search of a freer, happier life. Revista Brasileira de Geriatria e Gerontologia, Rio de Janeiro, nº 05, v.21, p.511-512, 2018. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1809-9823.

JARDIM, Viviane Cristina Fonseca da Silva; MEDEIROS, Bartolomeu Figueiroa de;  BRITO, Ana Maria de. UM OLHAR SOBRE O PROCESSO DO ENVELHECIMENTO: a percepção de idosos sobre a velhice. Revista Brasileira de Geriatria e Gerontologia, Rio de Janeiro, nº 02, v.9, p.25-34, 2019. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1981-2256.  https://doi.org/10.1590/1809-9823.2006.09023.

KUSCHICK, Christa Liselote Berger Ramos; MACHADO, Felipe Viero Kolinski. Compre, leia, siga e rejuvenesça! Sobre os sentidos movimentados e construídos por Veja acerca da velhice ao longo de sua história (1968-2014). Galáxia. São Paulo. nº 32, p.138-150, 2016. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1982-2553. https://doi.org/10.1590/1982-25542016223299.

LIMA, R. A. S. Envelhecer com bem-estar requer conscientização de que a senilidade é inerente ao processo da vida. Revista Psique: Ciência e Vida, n. 18, p. 52-57, 2007.

MARGACA, Clara; RODRIGUES, Donizete. Espiritualidade e resiliência na adultez e velhice: uma revisão. Fractal: Revista de Psicologia. Niterói, nº 02, v. 31, p.150-157, 2019. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 7 de março. 2021. ISSN 1984-0292.  https://doi.org/10.22409/1984-0292/v31i2/5690.

MARTINS, Josiane de Jesus; ALBUQUERQUE, Gelson Luiz de; NASCIMENTO, Eliane Regina Pereira do; BARRA, Daniela Couto Carvalho; SOUZA, Wanusa Graciela Amante de; PACHECO, Wladja Nara Sousa. Necessidades de educação em saúde dos cuidadores de pessoas idosas no domicílio. Texto & contexto – enfermagem, Florianópolis, v. 16, n. 2, p.254-262, Junho/2007. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 3 de dezembro. 2020. https://doi.org/10.1590/S0104-07072007000200007.

NERI, Anita Liberalesso. Maturidade e velhice. Campinas, Papirus (1ed.), 2001a.

NERI, Anita Liberalesso. Desenvolvimento e envelhecimento. Campinas, Papirus (1ed.), 2001b.

ORLANDO, Cássia; DIAS, João Carlos; BRASIL, Ricardo Taveiros; ARAÚJO, Tiago Coelho; BURITI, Marcelo de Almeida. Religiosidade na dimensão biopsicossocial do sujeito idoso. In: Universidade São Judas Tadeu – USJT. Artigo apresentado no XIV Simpósio Multidisciplinar da USJT realizado em 2008. São Paulo.

PANZINI, Raquel Gehrke; ROCHA, Neusa Sica da; BANDEIRA, Denise Ruschel; FLECK, Marcelo Pio de Almeida. Qualidade de Vida e Espiritualidade. Revista de Psiquiatria clínica. São Paulo. v. 34, n. 1, p.105-115, 2007. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 28 de janeiro. 2021. https://doi.org/10.1590/S0101-60832007000700014.

RABELO, Dóris Firmino; SOUZA, A. P.; GOMES, A. C.; FUJIMOTO, B. H. S.; MOTA, J. J. O.; OLIVEIRA, Lourine Severo. Atitudes de universitários da área da saúde em relação ao idoso e à velhice. In: Centro Universitário de Patos de Minas – UNIPAM. Artigo apresentado na XXXVIII Reunião Anual de Psicologia da Sociedade Brasileira de Psicologia realizada em 2008. Uberlândia.

SIMKUNAS, J. B.; ANJOS, K. C. Namoro na velhice: UM estudo sobre os relacionamentos amorosos. In: Universidade São Judas Tadeu. Trabalho de conclusão de curso – Curso de Psicologia, Núcleo de Psicologia Organizacional – p. 66. São Paulo, 2001.

TRENTINI, Clarissa Marceli; XAVIER, Flavio M. F.; FLECK, Marcelo Pio de Almeida. Qualidade de vida em idosos. In: PARENTE, M. A. M. P. Cognição e envelhecimento. Porto Alegre, Artmed (1ed), p. 19-20, 2006.

VELOZ, Maria Cristina Triguero; NASCIMENTO-SCHULZE, Clélia Maria; CAMARGO, Brigido Vizeu. Reflexões sociais do envelhecimento. Psicologia: Reflexão e Crítica. Porto Alegre, v. 12, nº 12, p. 470-501, 1999. Disponível em http://www.scielo.br/scielo. Acessado em 21 de setembro. 2020. https://doi.org/10.1590/S0102-79721999000200015.

VERAS, Renato Peixoto. Um envelhecimento digno para o cidadão do futuro. Rio de Janeiro, UniATI, 1995.

ZIMERMAN, Guite I. Velhice: Aspectos Biopsicossociais. Porto Alegre, Artmed, 2000.

APPENDICE – NOTA A PIÈ DI PAGINA

3. Termine di consenso libero e informato brasiliano.

[1] Master in Scienze dell’Educazione della Facoltà di Psicologia e Scienze dell’Educazione dell’Università di Porto (FPCEUP); Master in Educazione e Formazione degli Adulti di FPCEUP; Psicologo e laureato in psicologia presso l’Universidade São Judas Tadeu (USJT).

[2] Specialista in Psicologia dello Sport e dell’Attività Fisica dell’Instituto Sedes Sapientiae. Psicologo e laureato in psicologia presso l’Universidade São Judas Tadeu (USJT).

Inviato: Ottobre 2021.

Approvato: Novembre 2021.

5/5 - (2 votes)
Felipe Queiroz Dias Rocha

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita