Abilità comunicative interpersonali tra coppie: Contributi di terapia cognitivo comportamentale

0
64
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

PANTOJA, Josicleia da Silva [1], MARTINS, Maria das Graças Teles [2]

PANTOJA, Josicleia da Silva. MARTINS, Maria das Graças Teles. Abilità comunicative interpersonali tra coppie: Contributi di terapia cognitivo comportamentale. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 15, pp. 138-164. nell’ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/comunicative-interpersonali

Le coppie, più e più volte, vivono quotidianamente conflitti coniugali, ma la grande domanda è come questi conflitti siano risolti da loro. È chiaro che una comunicazione qualificata tra le coppie può fornire soddisfazione coniugale e una migliore risoluzione dei problemi che sorgono. Lo scopo di questo studio era quello di indagare le capacità di comunicazione sociale nella relazione coniugale e i contributi della terapia cognitivo comportamentale – CBT. Abbiamo anche cercato di identificare le forme positive e carenti di comunicazione nel rapporto coniugale. La metodologia utilizzata è stata la ricerca sul campo di carattere quantitativo-qualitativo ed esplorativo. Gli strumenti applicati erano l’Inventario delle abilità sociali coniugali – IHSC, in 20 (venti) persone formalmente sposate o meno, membri di un’istituzione religiosa nella città di Macapá-AP. I risultati indicano che le donne hanno un maggiore deficit nell’autocontrollo proattivo e gli uomini hanno maggiori difficoltà nella conversazione assertiva. Le considerazioni finali riflettono che: le abilità sociali, la formazione alla comunicazione, l’assertività e il problem solving sono componenti tecniche utilizzate dal CBT che possono aiutare sotto forma di comunicazione delle coppie, in modo che possano acquisire strategie che alleano i loro conflitti. Il terapista cognitivo comportamentale cercherà di favorire la coppia, attraverso tecniche e strategie cognitivo-comportamentali, le competenze necessarie per una comunicazione positiva. Può fornire accordi tra pari per il cambiamento cognitivo, affettivo e comportamentale, perché l’intervento in CBT mira a stabilire un equilibrio nella relazione, riducendo i conflitti e le distorsioni cognitive che permeano le relazioni della coppia.

Parole chiave: Abilità comunicative, relazione coniugale, terapia cognitivo comportamentale.

1. INTRODUZIONE

Questo studio presenta i risultati di una ricerca sul campo, di carattere quantitativo-qualitativo ed esplorativo, in cui abbiamo cercato di indagare le capacità di comunicazione sociale nella relazione coniugale e i contributi della Terapia Cognitivo Comportamentale – CBT. Abbiamo anche cercato di identificare le forme positive e carenti di comunicazione nel rapporto coniugale e lo sviluppo di una comunicazione assertiva e positiva.

Non è una novità che le coppie, più e più volte, vivano conflitti coniugali quotidiani, tuttavia, la grande domanda è come risolvono questi conflitti e quanto sia difficile risolvere i problemi relazionali influisce sulla relazione coniugale. Molti di questi conflitti si verificano a causa della difficoltà di comunicazione tra pari, di esprimere i loro sentimenti, di giudizio, di mancanza di comprensione dell’altro e, a volte, anche per paura di esporsi all’interno della relazione.

Secondo Mundim (2010), attualmente le coppie attraversano molte sfide, come lo stress, la disoccupazione, le malattie fisiche ed emotive, i bambini, il trasporto precario, la mancanza di tempo. Le coppie che hanno difficoltà a trattare in modo assertivo con difficoltà quotidiane e situazioni specifiche possono avere alcuni comportamenti inappropriati che portano all’esaurimento fisico e mentale, cioè che interferiscono con l’affetto, i sentimenti e le emozioni.

Per Silva e Vandenberghe (2008), la comunicazione coinvolge il processo in cui uno parla e l’altro sente, che nonostante sia un fatto che si verifica quotidianamente nella vita delle persone, quando si tratta di coppie, acquisisce elementi particolari. Questi stessi autori notano che l’incapacità della comunicazione positiva può generare, potenziare o persino mantenere conflitti coniugali.

Le motivazioni per la scelta di questo tema si sono verificate durante i tirocini svolti all’interno dell’accademia, dove è stato possibile sperimentare alcune attività come; ascolto psicologico, ruota di conversazioni nelle istituzioni scolastiche con adolescenti che hanno segnalato conflitti familiari con i disaccordi dei genitori e mancanza di comunicazione in casa. Si può osservare un numero significativo di bambini e adolescenti che soffrono di conflitti familiari, con la difficoltà della comunicazione intrafamiliare, con l’assenza di comunicazione tra genitori, che colpisce direttamente l’intero contesto familiare. Sulla base di queste osservazioni, si è pensato di raccogliere dati, attraverso ricerche sul campo, su come le coppie hanno comunicato, per confermare o meno se c’è una carenza in questo processo di comunicazione.

Questo studio è giustificato dalla rilevanza del tema in diverse aree della conoscenza come psicologia, educazione, salute sociale, mentale, tra gli altri. È rilevante per il professionista della psicologia, poiché vengono offerte opportunità in modo che gli interventi possano essere sviluppati nella clinica e nella comunità. Si nota che ci sono diversi studi relativi agli interventi con le coppie, tuttavia, c’è poca ricerca nel campo della psicologia svolta nella città di Macapá perché è ancora sensibile, richiedendo l’espansione di indagini e produzione scientifica rivolte a questo pubblico.

È chiaro che per lavorare con le coppie, con o senza figli, è necessario avere la presenza della psicologia e che, nel loro lavoro, cercare di guardare al modo in cui queste famiglie hanno risolto i loro problemi e, quando non possono, verificare quali strategie positive per una comunicazione assertiva, empatica, affettuosa, completa possono essere utilizzate per risolvere i loro problemi. Gli autori Bertoni e Bodenmann (2010, apud COSTA; CENCI E MOSMANN, 2016) chiariscono che le situazioni di conflitto nella coniugalità si verificano a causa del processo di adattamento, sincronia e maturazione della relazione nel tempo. Spiegano che i conflitti coniugali si verificano naturalmente e sono i frutti di interazione di persone che desiderano costruire insieme progetti di vita. A tal fine, devono discutere, negoziare e raggiungere accordi. La comunicazione diventa un punto di attenzione in questo rapporto perché la comunicazione assertiva diventa più efficiente nel rapporto delle coppie.

Pertanto, la CBT ha strategie eccellenti e diversificate di interventi terapeutici per vari disturbi e si presenta come una forma di terapia che contribuisce efficacemente alla terapia di coppia. Beck (1995) ha sottolineato che molti problemi vissuti all’interno del matrimonio potrebbero essere correlati alle cognizioni disfunzionali di entrambi i partner. Nei suoi studi, ha ratificato il ruolo negativo di pensieri, credenze, aspettative, attribuzioni, tra gli altri che possono essere inseriti nella qualità delle relazioni coniugali.

La modalità della terapia comportamentale cognitiva Beckiana consiste nell’analisi e nella modifica di pensieri disfunzionali che sono determinanti nello stato dell’umore, nell’effetto e nei comportamenti della coppia. Peçanha e Rangé (2008) affermano che il CBT è stato utilizzato in vari problemi con gli interventi, compresi i problemi delle coppie con sgomento.

Così, abbiamo cercato di domandarsi: In che modo la terapia cognitivo comportamentale contribuisce allo sviluppo delle abilità sociali di comunicazione assertiva e positiva nella relazione della coppia? Si comprende che i conflitti coniugali permeano il rapporto coniugale in tutte le sue sfaccettature. Ci sono molti problemi che possono portare la coppia a una comunicazione negativa o inefficace, con conflitti e discussioni, tra cui difficoltà specifiche, come l’insoddisfazione nell’area sessuale, i bambini piccoli, gli adolescenti, tra gli altri che causano molto stress e ansia.

Pertanto, la terapia della coppia è efficace, come spiega Dattilio (2011) quando afferma che all’interno del trattamento con l’approccio cognitivo comportamentale, è importante che il terapeuta istrui le coppie e le famiglie sul modello di trattamento. Afferma che, all’interno della struttura e dei principi collaborativi dell’approccio, è necessario che la famiglia e i suoi membri comprendano i principi e i metodi coinvolti in questo processo. Gli interventi cognitivo-comportamentali possono essere eseguiti individualmente, in gruppo, con una coppia e con bambini.

I principali obiettivi del CBT nel trattamento delle coppie in conflitto sono la ristrutturazione di cognizioni inadeguate e la modifica di modelli di comunicazione disfunzionali, oltre allo sviluppo di strategie per risolvere i problemi quotidiani. Pertanto, l’approccio CBT contribuisce al benessere familiare, migliorando la comunicazione dei suoi membri, a partire dai responsabili della famiglia, che a volte è la coppia.

2. PROCEDURE METHODOLOGICAL

Per lo sviluppo di questo studio, la metodologia utilizzata è stata la ricerca quantitativa-qualitativa ed esplorativa sul campo. Al fine di indagare le capacità di comunicazione sociale nella relazione coniugale e i contributi della terapia cognitivo comportamentale. Abbiamo anche cercato di identificare le forme positive e carenti di comunicazione nel rapporto coniugale e lo sviluppo di una comunicazione assertiva e positiva. Gil (2017) spiega che lo studio sul campo cerca di approfondire una realtà specifica. La ricerca esplorativa mira a “fornire una maggiore familiarità con il problema, al fine di renderlo esplicito, costruendo ipotesi e migliorando le idee”, coinvolgendo indagini bibliografiche, interviste con persone esperte nel problema ricercato (GIL, 2017, p. 41). La ricerca sul campo implica il ricorso a misure precedentemente stabilite, i cui risultati sono quantificabili, garantendo la definizione di conclusioni sicure e affidabili (GIL, 2017; CERVO; BERVIAN E SILVA, 2013).

Richardson (1999, p. 70) afferma che “Il metodo quantitativo, come suggerisce il nome, è caratterizzato dall’uso della quantificazione, sia nelle modalità di raccolta delle informazioni che nel trattamento delle stesse attraverso tecniche statistiche”. Nella ricerca quanti-quali o quali-quanti si sviluppano due fasi di ricerca: nella prima, viene condotta la fase qualitativa per conoscere il fenomeno studiato, dopo aver posseduto le informazioni si inizia con la costruzione di un questionario chiuso e si applica nel campo denominato per la ricerca. Di seguito sono riportate le fasi di tabulazione, effettuando analisi dei dati con l’ausilio di strumenti statistici. (RICHARDSON, 1999; GIL, 2017; CERVO; BERVIAN E SILVA, 2013). Questo stile di ricerca coinvolge l’interesse del ricercatore, l’interesse per il problema della ricerca, che spesso dipende da un approccio multiplo all’indagine.

2.1 CAMPIONE

Il campione di ricerca consisteva di 20 (venti) persone sposate, formalmente o meno, eterosessuali, di età compresa tra i 22 e i 60 anni, che hanno avuto una relazione coniugale per più di 2 (due) anni, avendo frequentato almeno il liceo, appartenenti a un istituto religioso situato nella città di Macapá-AP.

2.2 PROCEDURE DI RACCOLTA DEI DATI

Per la raccolta dei dati, l’Inventario delle Competenze Sociali Coniugali IHSC di Villa e Del Prette (2012) è stato utilizzato come strumento di ricerca, composto inizialmente da informazioni relative ai dati sociodemografici, con lo scopo di identificare e descrivere i soggetti partecipanti. Successivamente, lo strumento, che contiene 32 (trentadue) elementi, valuterà la frequenza con cui vengono emessi comportamenti o sentimenti di abilità sociali all’interno del contesto coniugale, dove ogni elemento descriverà una situazione specifica che si verifica all’interno del contesto coniugale e un sentimento o un comportamento di fronte a questa situazione. Il partecipante sceglierà di contrassegnare la frequenza che emette tali comportamenti o sentimenti, essendo da 0 a 2 (da zero a due) dove per ogni 10 situazioni reagisco in questo modo al massimo 2 volte; Da 3 a 4 (da tre a quattro) per ogni 10 situazioni reagisco in questo modo al massimo 4 volte; Da 5 a 6 per ogni 10 situazioni reagisco in questo modo al massimo 6 volte; Da 7 a 8 (da sette a otto) per ogni 10 situazioni reagisco in questo modo un massimo di 8 volte e/o da 8 a 10 (da otto a dieci) per ogni 10 situazioni Reagisco in questo modo un massimo di 10 volte. Il partecipante non ha potuto lasciare vuoti gli articoli di magazzino. È stato spiegato all’intervistato che se la situazione descritta nell’oggetto non si fosse mai verificata, avrebbe dovuto immaginare che, se fosse accaduto, come crede avrebbe reagito.

La ricerca ha seguito i seguenti passaggi: Definizione del tema da parte del ricercatore; Indagine bibliografica per organizzare il quadro teorico; Lettura del materiale; Preparazione del progetto; Consegna e difesa del Progetto; Revisione del progetto; Rassegna della letteratura; Contatto con i partecipanti alla ricerca per la spiegazione e la firma del modulo di consenso libero e informato (TCLE); Applicazione dello strumento; Preparazione dell’articolo scientifico e difesa dell’articolo scientifico.

2.3 ANALISI DEI DATI

L’analisi dei dati sociodemografici è stata eseguita attraverso il programma Excel 2016, in cui sono stati eseguiti gruppi in base alla somiglianza e sono stati eseguiti calcoli di mezzi e frequenze. I risultati dell’applicazione dello strumento utilizzato per la ricerca sono stati calcolati in due modi: il primo in modo informatizzato per 5 (cinque) partecipanti, in cui i dati dell’intervistato sono stati trasportati al modulo online disponibile dove sono stati ottenuti i percentili, nonché l’interpretazione dei risultati. Il secondo modulo era per 15 (quindici) partecipanti e il calcolo era manuale, seguendo attentamente e giudiziosamente il manuale dello strumento.

Questo studio è stato analizzato e approvato da Plataforma Brasil, responsabile del sistema ufficiale di lancio della ricerca per l’analisi e il monitoraggio del sistema CEP/CONEP, secondo il parere n. 16296319.3.0000.5021. Pertanto, il modulo di consenso informato (TCLE) è stato utilizzato per manifestare il loro consenso a partecipare alla ricerca, secondo la risoluzione 466/12 del Consiglio sanitario nazionale (CNS).

3. QUADRO TEORICO

3.1 CAPACITÀ DI COMUNICAZIONE SOCIALE NELLE RELAZIONI CONIUGALI

La comunicazione è presente in tutto ciò che l’essere umano, fin dalla nascita, per tutta la vita, è fondamentale per il mantenimento delle relazioni sociali degli individui. Nelle prime relazioni di contatto, si può percepire come la comunicazione si sviluppa e acquisendo significati diversi, dove il bambino inizia a imparare a comunicare con l’altro in modo unico e particolare. Piangere a volte guadagna significati diversi, dalla fame al dolore, in cui, per ogni dolore, un grido diverso.

All’interno di questo processo di diventare sociale, ogni relazione interpersonale rifletterà una parte essenziale dell’esperienza umana, e per il mantenimento delle relazioni, dipenderà in gran parte dallo sviluppo delle abilità sociali (HS). Pertanto, le relazioni interpersonali sono parte integrante della natura umana e permeano tutta la vita, essendo presenti direttamente o indirettamente nelle varie fasi del nostro sviluppo (PORTELLA, 2011).

In generale, affinché si possa ottenere una buona comunicazione all’interno delle relazioni interpersonali e che vi sia anche sincronismo in questo processo di comunicazione, è dedursi che è necessario avere individui socialmente qualificati. Caballo (2010) sottolinea che essere socialmente abili sta avendo una serie di comportamenti che vengono emessi in un contesto interpersonale, che esprimono sentimenti, atteggiamenti, desideri, opinioni o diritti di questo individuo, in modo appropriato alla situazione, rispettando allo stesso modo questo comportamento nell’altro, oltre che questi soggetti qualificati, di solito risolvono i problemi immediati della situazione, riducendo al minimo la probabilità di problemi futuri. Pertanto, al fine di mantenere le relazioni più intime, la comunicazione verbale è uno strumento di fondamentale importanza (FIGUEIREDO, 2005).

D’accordo, la comunicazione non verbale fa parte della vita quotidiana e non ha idea del suo verificarsi, e nemmeno come accade, perché è naturale per gli individui (SILVA et al., 2000), illustrando queste forme di comunicazione al rapporto di coppia, secondo Rosset (2016), parlando ciò di cui ha bisogno e, se necessario, parlando e sentendo che è stato compreso, è l’anima del rapporto coniugale.

In una conversazione, è necessario avere questo feedback discontinuo, tuttavia, frequente, per sapere quale risposta, anche in modo che possa adattarsi a coloro che stanno ascoltando. Per coloro che parlano, è essenziale sapere se viene compreso, se la persona che ascolta è d’accordo o meno, o anche se è piacevole o meno (CABALLO, 2010).

Portella (2011) presenta l’abilità empatica come la terza capacità sociale di comunicazione, e secondo Rogers e Rosenberg (1977 apud PORTELLA, 2011), l’empatia che è in te penetra nel mondo percettivo dell’altro, e così facendo, si sente a proprio agio al suo interno. Almeida (2013) afferma che l’empatia è fondamentale nelle relazioni e nella comunicazione. Per Chapman (2013), incoraggiare il coniuge richiede una certa empatia, uno sguardo al mondo dal punto di vista del coniuge, scoprendo prima ciò che è importante per il suo partner, quindi se è in grado di incoraggiarlo. L’empatia è esplicitamente e significativamente correlata a tutti i punti di soddisfazione coniugale (SARDINHA; FALCONE; FERREIRA, 2009).

Per Dattílio (2011), quando alla coppia e ai familiari viene fornita la pratica dei tre tipi di reazioni, quella non assertiva, assertiva e aggressiva, l’una dell’altra, può essere utile aiutarli a capire che i benefici di avere comportamenti assertivi possono rendere la relazione più sana.

Pertanto, uno dei modi per arricchire la relazione coniugale è migliorare la comunicazione, in modo che la coppia costruisci una relazione efficace e sana. Affrontare i problemi quotidiani non è sempre così semplice o facile. Pertanto, cercare di acquisire capacità di affrontare situazioni conflittuali e normative di qualsiasi relazione coniugale dovrebbe far parte degli obiettivi di ogni coppia. Alla luce di ciò, la coppia ottiene modi più appropriati di prendere decisioni importanti per la relazione, in vari settori della vita coniugale, così come le finanze, il rapporto con i bambini, la cura della casa e persino il futuro della relazione.

3.2 FORME DI COMUNICAZIONE POSITIVA E CARENTE NELLE RELAZIONI CONIUGALI

Le abilità sociali e comunicative tra le coppie sono un fattore importante per le relazioni coniugali. La comunicazione positiva genera benessere nella relazione, d’altra parte, la comunicazione negativa o fragile influenza le dinamiche della coppia e genera conflitti e insatisfações. La comunicazione carente è un problema comunemente riscontrato nelle coppie che, nel tentativo di risolvere i loro conflitti, finiscono per aggravare ulteriormente la situazione o innescare un nuovo problema. Pertanto, la mancanza di capacità comunicative diventa particolarmente distruttiva e può generare, potenziare o mantenere problemi coniugali (SILVA E VANDENBERGHE, 2008).

Coppie che, quando cercano di risolvere i loro problemi, finiscono per utilizzare una comunicazione inefficace, finiscono per aggravare ulteriormente la situazione conflittuale o possono persino motivare altre situazioni problematiche (SILVA E VANDENBERGHE, 2008).

Per Hanns (2013), la comunicazione distruttiva in generale non favorisce la vita coniugale, anche a seconda della cultura, della stagione e delle abitudini della famiglia, e anche se fanno parte della vita quotidiana della coppia. Secondo Chapman (2013), il modo in cui si parla è estremamente importante, l’autore porta l’importanza di quando per qualche motivo il partner comunica con parole aggressive, in questo momento di rabbia, è necessario scegliere di rimanere gentili, quindi non reagirà più aggressivamente per usare parole morbide.

In questo scenario di comunicazione negativa, ci sono molti fattori che possono influenzare l’incapacità di passare o ricevere un messaggio efficace all’interno di questa relazione, tra cui la difficoltà di chiarire un messaggio emesso, che può essere correlato a vari motivi dell’individuo e anche del suo partner, perché la comunicazione è una strada a doppio senso, poiché le informazioni vengono emesse , l’obiettivo è ricercato per essere compreso e, quando l’altra parte non fornisce tale sostegno, potrebbe esserci un fallimento in questo processo comunicativo.

Ci sono molte implicazioni per una comunicazione efficace, tra le altre cose, l’ambiente stesso in cui si svolge la conversazione della coppia. È necessario avere un posto appropriato, è essenziale guardare il tono della voce, così come l’atteggiamento di coloro che ascoltano. È necessario essere attenti e ricettivi a questa comunicazione, perché quando non c’è tanta flessibilità ed empatia nell’ascolto, considerando ciò che l’altro ha da dire, si può stabilire un certo blocco in questo processo e, di conseguenza, i conflitti coniugali emergono con veemismo.

Nel rapporto di una coppia, la comunicazione è incessante e intensa, quindi è necessario che la coppia impari a parlare del proprio modo di comunicare, perché altrimenti i sentimenti vengono mantenuti e sempre più incorporati e che, quando non espressi, generano comunicazioni non verbali. In questo contesto, tutto inizia a essere comunicato in modo non verbalizzato, e di conseguenza avviene il distanziamento della coppia, avendo difficoltà a chiarire cosa sentono, vogliono o pensano (ROSSET, 2014).

Questo autore presenta l’esistenza di alcune costrizioni comunicative che accadono alla maggior parte delle coppie, e che richiedono una certa attenzione, tra cui l’abitudine di cercare di rassicurare o dare consigli quando il partner vuole solo parlare ciò che sente, ciò che sta attraversando o vivere in una certa situazione. L’autore si riferisce all’esercizio dell’ascolto, nella ricerca di cercare di capire di cosa parlano gli altri, cercare di vedere la situazione dal punto di vista dell’altro, dove diventa più utile che voler dare soluzioni o critiche.

Pertanto, l’ascolto empatico può essere un buon esercizio per una situazione del genere, e il partner vuole davvero solo qualcuno che lo capisca senza giudizio, che gli permetta di parlare liberamente, dei suoi dolori, afflizioni o anche di una giornata di lavoro cattiva o non produttiva. Godinho (2015, p. 16) descrive che:

L’empatia può essere raggiunta anche attraverso un attento ascolto di ciò che dice l’altra persona, spesso una comprensione molto ampia della prospettiva dell’altra è solo ascoltare ciò che ha da dire, senza necessariamente doversi mettere al suo posto.

Pertanto, se la persona (in questo contesto, il partner) viene ascoltata apertamente e attentamente, c’è la possibilità di conoscere le esperienze di questo individuo, di essere in grado di contattare più rapidamente con il suo mondo interno. Per fare ciò, è disposta a imparare a vedere la situazione conflittuale dell’altra, da ciò che è rilevante per quella persona, è sapere come ascoltare attivamente all’interno del rapporto coniugale, è in un modo o nell’altro dare momentaneamente i loro problemi personali, al fine di aiutare l’altro, dare all’altro ciò che vorrebbero anche ricevere.

All’inizio, parlare dell’altro, invece di parlare di oney, può essere configurato in un’altra costrizione. Molte coppie, quando hanno difficoltà in questo processo di comunicazione, finiscono per optare per un discorso più accusatorio, anche se inconscio, fanno uso di puntare all’altro o esporre il comportamento che a loro parere è negativo, al fine di giustificare le loro frustrazioni, fastidi o sentimenti negativi.

Destarte; Otero e Guerrelhas (2003) sono unanimi nello spiegare che la comunicazione coinvolge l’uno e l’altro ascolto, e viceversa. Tuttavia, quando si tratta di coppie, questa situazione è un luogo comune nella vita delle persone, si presenta con elementi peculiari. La comunicazione tra coppia ha caratteristiche e componenti diversi. Inoltre, nell’interazione della coppia ci sono alcuni comportamenti scatenanti di conflitti che Chistensen e Jacobson (2000); Silva e Vandenberghe (2008) innescheranno la chiamata. Sono le critiche, la domanda, l’accumulo di fastidi, dolori e rifiuti che in qualche modo innescano disaccordi che, a loro volta, vengono interpretati e assorbiti dalla sofferenza e dall’usura.

I posizionamenti su ciò che la persona sente o pensa sono più fattibili e trasmettono la realtà dei loro sentimenti. In questo modo, il partner saprà cosa scatena il suo comportamento nell’altro, esemplificando di fare riferimento alla frase: sono stato ferito perché non sei arrivato al momento concordato per andare al supermercato, diventa più utile che dire: Sei completamente irresponsabile, pensa e non arrivi mai in tempo, quindi parla di te stesso e di come ti senti di tale atteggiamento del compagno è una comunicazione più efficace delle accuse , perché quando si arriva con tali procedure di incolpare l’altro, il partner agirà presto difensivamente, e con questo entrambi avranno difficoltà a capirsi, come Rosset (2014).

Pertanto, l’interruzione durante il discorso dell’altro è un’altra abitudine dannosa per la comunicazione della coppia, in cui la formazione di fermare l’impulso di interrompere il discorso del partner può portare la persona a scoprire ancora di più di quella persona con cui si relaziona. Cercare di affrontare l’ansia di parlare è avere l’autocontrollo in una conversazione, è di appropriata sensibilità con l’altro e di consentire alla persona di esprimersi nel momento in cui.

3.3 CONTRIBUTI DELLA TERAPIA COGNITIVA COMPORTAMENTALE ALLE CAPACITÀ COMUNICATIVE POSITIVE SPOUSAL

CBT è stato sviluppato nei primi anni ’60 come una breve terapia focalizzata sul presente e sulla depressione, volta a risolvere i conflitti attuali e modificare cognizioni e comportamenti disfunzionali (BECK, 1964 apud BECK et al., 1997). Il suo precursore, Aaron Beck, sviluppò teorie e metodi per interventi cognitivi e comportamentali in persone con disturbi mentali (WRIGHT; BASCO E THASE, 2008). Beck, dedicandosi a una serie di esperimenti, alla fine ottenne risultati che lo portarono a nuove spiegazioni per la depressione, identificò cognizioni negative, specialmente pensieri e credenze che erano le caratteristiche primarie della depressione. Beck ha anche sviluppato un breve trattamento che aveva come uno degli obiettivi per testare l’evidenza dei pensieri dei pazienti depressivi (BECK, 2014).

Diversi autori spiegano che il CBT si presenta come la seconda ondata di terapie volte a lavorare con le coppie. È stata preceduta da una terapia comportamentale che ha avuto la sua comparsa in paesi che hanno sperimentato una significativa discrepanza nel genere e ruoli rigidi per quanto riguarda i ruoli di uomini e donne all’interno della famiglia. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, di conseguenza, molti uomini furono allontanati dal mercato del lavoro, dando così spazio alle donne. Questa nuova configurazione sociale ha certamente portato a un cambiamento nella struttura coniugale, quindi i partner, per vivere in coppia, più di prima, avrebbero ora bisogno di capacità comunicative e di problem solving nel rapporto coniugale (VANDENBERGHE, 2006).

Di conseguenza, Peçanha e Rangé (2008) riferiscono che le terapie comportamentali hanno avuto influenze importanti nello sviluppo di tecniche per il trattamento delle coppie. Secondo Beck (1995), tra i pionieri nel lavoro di risoluzione dei problemi coniugali ci sono il Dr. Janis Abrahms, David Burns, Frank Dattilio, Stower Hausner, Susan Joseph, Chris Padesky e Craig Wiese, che hanno lavorato tutti con focus cognitivo.

La letteratura specializzata descrive che la terapia cognitivo comportamentale applicata alle coppie, è stata introdotta quasi 50 anni fa con Albert Ellis, che ha portato l’importanza che le cognizioni giocano nei conflitti coniugali, e che le disfunzioni nella relazione della coppia si verificano quando iniziano a tenere credenze irrazionali e senza prove sui loro partner e anche sulla relazione, anche quando si emana giudizi negativi , quando per qualche motivo i suoi partner non soddisfano aspettative irrealistiche (ELLIS E HARPER, 1961 apud DATTILIO, 2011).

La ricerca indica che l’utilizzo del CBT con le coppie, basato sui concetti sviluppati da Beck, si è evoluto con l’applicazione di procedure e tecniche che prevede l’analisi di processi cognitivi, fattori emotivi e comportamentali adattati all’intervento con coppie con problemi coniugali, analizzando la qualità della comunicazione e le capacità sociali di comunicazione assertiva e positiva.

Inoltre, l’adozione di metodi cognitivo-comportamentali da parte di coppie e terapisti familiari è dovuta, secondo Knapp (2004), a diversi fattori, tra cui: Prove di ricerca sulla sua efficacia; la sua attrattiva per i clienti che apprezzano l’approccio proattivo nel problem solving e la costruzione di competenze che possono utilizzare per affrontare le difficoltà future e la loro enfasi sul rapporto collaborativo tra terapisti e clienti.

È chiaro che il terapeuta, basato sul modello cognitivo, utilizzerà diverse risorse all’interno del processo terapeutico per cercare modi per consentire alla coppia di modificare i pensieri distorti e l’insieme di credenze che ognuno acquisisce nel corso del loro sviluppo e che a volte sono disfunzionali e che causano sofferenza psicologica. La terapia cognitivo comportamentale si riferisce al principio che il modo in cui una persona pensa a una particolare situazione influenzerà direttamente come si sentirà. Pertanto, secondo le tue convinzioni negative o positive, i tuoi pensieri automatici causeranno o meno sofferenza psicologica.

Si può capire, sulla base degli studi condotti da Beck (1995), che i principali obiettivi del CBT nel trattamento delle coppie in conflitto includono la ristrutturazione di cognizioni inadeguate, la gestione delle emozioni, la modifica di modelli di comunicazione disfunzionali e lo sviluppo di strategie per risolvere problemi quotidiani più efficaci, come spiegato da Peçanha e Rangé (2008).

Va sottolineato che i conflitti coniugali hanno permeato l’umanità per un periodo di tempo significativo, ed è stato anche oggetto di studi per decenni, così come il crescente numero di rotee di coppie, che ha ricevuto uno sguardo diversificato da ricercatori e studiosi sull’argomento. Pertanto, l’obiettivo del CBT è quello di aiutare la coppia ad espandere la conoscenza di se stessa e a riconoscere le cognizioni negative tra cognizioni, affetti e comportamenti che mirano a una migliore forma di relazione interpersonale positiva.

Pertanto, il terapeuta cercherà di favorire, attraverso la formazione comunicativa e un adeguato problem solving, l’aumento delle interazioni positive e di conseguenza la riduzione degli aspetti negativi e anche accordi sul cambiamento di comportamento del partner (EPSTEIN, 1998 apud PEÇANHA E RANGÉ, 2008). Pertanto, la terapia cognitiva si concentra su come i coniugi percepiscono se stessi, positivamente o negativamente, o anche su ciò che non riescono a percepire nell’altro e anche sul modo in cui comunicano, sia buoni che cattivi o ciò che non riescono a comunicare (BECK, 1995).

Per quanto riguarda l’assertività, fattore che conta nella comunicazione della coppia, l’autore Rangé (2008) osserva che il comportamento di assertività diventa essenziale nel contesto coniugale e nella comunicazione, come espressione di pensieri, emozioni e sentimenti, sono abilità che possono essere apprese e diventare parte del repertorio di abilità della coppia, facilitando così lo sviluppo della conoscenza di sé. Gli interventi cognitivo-comportamentali mirano a ristabilire l’equilibrio nella relazione della coppia, aumentando aree soddisfacenti e riducendo i conflitti, lavorando distorsioni cognitive e difficoltà di comunicazione e problem solving (OSORIO E VALLE, 2009). Alcune delle tecniche più utilizzate sono i registri dei pensieri automatici, un esercizio scritto che consente alla coppia nel processo di identificazione di pensieri, sentimenti e comportamenti.

Sono queste componenti delle capacità comunicative che la Terapia Cognitivo Comportamentale propone di lavorare e in cui cerchiamo, in questo lavoro, di ricercare dal punto di vista delle coppie da indagare.

4. RISULTATI

Vengono presentati i risultati ottenuti nella ricerca ed espressi in tabelle e grafici numerati. I dati relativi al profilo sociodemografico dei partecipanti al campione sono espressi nella tabella 01. Per quanto riguarda l’istruzione, gli intervistati sono disposti a completare il liceo (9); istruzione superiore incompleta (6); e completare in alto (5). Per quanto riguarda il periodo del matrimonio da 1 a 10 anni (12); Da 11 a 20 anni (4); Da 21 a 30 anni (4). In riferimento al numero di bambini, 14 (quattordici) partecipanti hanno da 0 a 2 bambini e 6 (sei) tra 3 e 5 bambini. L’età presentava una media di 30,42 femmine, con un’età minima di 22 anni e un massimo di 44 anni e con una deviazione standard di 8,23. Gli intervistati maschi avevano un’età media di 28,5 anni, con un’età minima di 25 anni e un massimo di 56 anni e con una deviazione standard di 11,19.

Tabella 1 Profilo sociodemografico del campione

Variabile Livelli Frequenza assoluta Frequenza relativa (%)
Sesso Uomo

Donna

8

12

40

60

Scuola Liceo Completo

Superiore incompleto

Superiore completo

9

6

5

45

30

25

Periodo del matrimonio (anni) Da 1 a 10

Da 11 a 20 anni

Da 21 a 30 anni

12

4

4

60

20

20

Numero di bambini Da 0 a 2

Da 3 a 5

14

6

70

30

  Nella media Deviazione standard Minimo Massimo
Età Femmina – 30.42

Maschio – 28.5

8,23

11,19

22 anni

25 anni

44 anni

56 anni

Fonte: Strumento di raccolta (2020)

Per quanto riguarda le domande relative alle competenze sociali coniugali alle domande risposte nell’inventario IHSC (VILLA E DEL PRETTE, 2012), oltre ai risultati di ogni voce (32) e alla partitura generale, che consentono una valutazione generale del repertorio delle abilità sociali coniugali dell’intervistato, produce ancora cinque punteggi fattoriali derivanti dall’analisi fattoriale che sono: Espressività/Empatia (F1); Autoaffermazione assertiva (F2); Autocontrollo reattivo (F3); Autocontrollo proattivo (F4); Conversazione assertiva (F5).

Questi fattori sono interpretati dal rapporto con il gruppo campione dell’inventario, in cui sono considerati punteggi superiori al 25 ° percentile e al di sotto del 75 ° percentile, viene interpretato che l’intervistato ha, in modo generalizzato, un repertorio molto elaborato di abilità sociali coniugali in relazione alla media, si ritiene anche che percentili sotto i 25 anni, possano dedurre un deficit nel repertorio delle abilità sociali e un possibile bisogno di intervento. Per la continuità è importante comprendere il significato di ciascuno dei fattori valutati, come descritto nel grafico 1 che segue.

Tabella 1: Descrizione dei fattori valutati nello strumento

Fattore Descrizione
F1

Espressività/empatia

Contempla le capacità di esprimere comprensione, sentimenti, desideri e opinioni positive al coniuge, ad esempio: complimenti, ringraziamenti, benessere, nonché i comportamenti delle intimacies della coppia
F2

Autoaffermazione assertiva

Si riferisce a comportamenti di esprimere preferenze, sentimenti e opinioni assertivamente nei confronti del coniuge.
F3

Autocontrollo reattivo

È legato al comportamento in cui il coniuge cerca di difendersi in situazioni potenzialmente stressanti, mantenendo l’autocontrollo e preservando il rapporto
F4

Autocontrollo proattivo

Si occupa della capacità di autocontrollo che può essere utile per una buona comunicazione e comprensione tra la coppia. Valuta la capacità dell’intervistato di percepire se l’altro è emotivamente scosso, aspetta che il suo turno parli e si fa capire.
F5

Conversazione assertiva

Questo fattore include le richieste di un coniuge all’altro riguardo a determinati comportamenti (rispetto di accordi, chiarimenti) e la capacità di reagire in modo assertivo ai comportamenti dell’altro, come: non essere d’accordo o chiedere ad altri di aspettare il loro turno di parlare)

Fonte: Strumento di ricerca – Competenze coniugali (2020)

Nell’analisi fattoriale, le percentili generali degli intervistati sono state confrontate, principalmente in generale, dove sono state suddivise in: al di sotto della media (percentili inferiori a 25); all’interno della media (percentili superiori a 25 e inferiori a 75); superiore alla media (per percentili superiori a 75). Per i 20 (venti) partecipanti di entrambi i sessi sono stati ottenuti i seguenti risultati: 12 (dodici) partecipanti sono al di sotto della media con percentili tra 3 e 20, per un totale del 60%; 8 (otto) partecipanti rientrano nella media con percentili tra i 25 e i 60 per un totale del 40%. È stato ottenuto anche il numero di entrambi i sessi, dove 12 (dodici) partecipanti sono al di sotto della media, 4 (quattro) maschi, corrispondenti al 33% e 8 (otto) sono femmine, corrispondenti al 67% e; degli 8 (otto) intervistati che rientrano nella media, 4 (quattro) sono maschi e 4 (quattro) femmine. Nessuno dei partecipanti al campione totale ha avuto un percentile generale superiore alla media, come illustrato nella tabella 2 che segue.

Tabella 2 – Analisi delle percentili generali

Variabili Livelli Frequenza assoluta Frequenza relativa (%)
03 – 20

25 – 75

75 +

(Percentili generali)

Al di sotto della media

All’interno della media

Sopra la media

12

8

0

60

40

0

Sesso
M

F

Al di sotto della media

Al di sotto della media

4

8

33

67

M

F

All’interno della media

All’interno della media

4

4

50

50

M

F

Sopra la media 0 0

Fonte: Strumento di raccolta (2020)

I risultati e le interpretazioni sono stati ottenuti dal percentile di ciascuno dei cinque fattori valutati dallo strumento, dove è possibile analizzare e dedurre in quale fattore di capacità sociale coniugale il partecipante può avere un deficit maggiore e richiedere una formazione di competenze. Il numero totale di partecipanti per fattori, sia quelli che rientrano nella media che quelli al di sotto della media, in generale e di entrambi i sessi, sono stati distribuiti come segue: degli 8 (otto) partecipanti che rientrano nella media, 03 (tre) di questi non presentano deficit in alcun fattore, 04 (quattro) disavanzo attuale in un solo fattore , e 01 (uno) presenta un deficit in due fattori. Nessun partecipante ha un deficit in tre o più fattori. Per i 12 (dodici) intervistati che sono al di sotto della media, 01 (uno) non presenta deficit in alcun fattore, 05 (cinque) disavanzo attuale in un solo fattore, 04 (quattro) hanno deficit in due fattori e 02 (due) hanno un disavanzo in tre o più fattori, come illustrato nel grafico 1.

Grafico 1 – Analisi fattoriale (per percentile generale e fattoriale)


Fonte: Autori di ricerche

Il grafico 2 che segue analizza le percentili del deficit per fattore dei 20 (venti) partecipanti alla ricerca. Confrontando entrambi i sessi degli intervistati, si ottiene che, di questi, 05 (cinque) persone avevano un percentile inferiore alla media nel fattore espressività /empatia (F1) corrispondente al 25% del campione, essendo 03 (tre) maschi e 02 (due) femmine; Il 20% del campione o 04 (quattro), due uomini e due donne presentano un deficit nel fattore assertivo di autoaffermazione (F2); del campione totale, solo 02 (due) femmine e nessuna di esse ha risposto ai maschi, che corrisponde al 10%, ha presentato deficit nel fattore di autocontrollo reattivo (F3); per il fattore proattivo di autocontrollo (F4) 09 (nove) persone hanno presentato deficit, pari al 45% del campione, essendo 07 (sette) donne e 02 (due) uomini; e 06 (sei) o il 30% degli intervistati può dedurre deficit nel fattore di conversazione assertivo (F5), e 04 (quattro) sono uomini e 02 (due) sono donne. Come mostrato nel grafico 2 che segue.

Grafico 2 – Deficit per fattore del campione totale di entrambi i sessi

Fonte: Autori di ricerche

Per l’analisi dei risultati dei fattori che hanno avuto una maggiore incidenza di intervistati con difficoltà di comportamenti qualificati, evidenziamo i fattori in ordine decrescente di percentuale e abbiamo diviso gli intervistati per genere, evidenziati nella tabella 3 dove: evidenziato è il fattore proattivo di autocontrollo (F4) in cui il 22% o 02 persone sono uomini e il 78% o 07 (sette) degli intervistati che dedurre un deficit in queste capacità sono donne; poco dopo il fattore di conversazione assertivo (F5) in cui il 67% delle persone deficitarie era di 04 (quattro) uomini e il 33% o 02 (due) persone erano donne; e l’altro con la più alta incidenza è stato il fattore espressività/empatia (F1), in cui il 60% degli intervistati al di sotto della media in questo fattore sono uomini (03) e il 40% sono donne (02)

Tabella 3 – Fattori con maggiore incidenza

Variabile

Fattori
Livelli Frequenza assoluta Frequenza relativa (%)
F4

Autocontrollo proattivo

Uomo

Donna

2

7

22

78

F5

Conversazione assertiva

Uomo

Donna

04

02

67

33

F1

Espressività/Empatia

Uomo

Donna

03

02

60

40

Fonte: Autori della ricerca – Incidenza nelle competenze sociali coniugali (2020)

Ogni fattore è composto da un gruppo di articoli di inventario, in cui ogni partecipante contrassegna la frequenza con cui emette il comportamento o la sensazione di cui all’articolo in questione. Tra i fattori più frequentemente, spiccano le voci che presentavano la più alta frequenza di risposte carenti degli intervistati, in base al numero di partecipanti che avevano un punteggio inferiore in detta voce. Questi dati sono meglio spiegati nel grafico 2 seguente, dove vengono presentati gli elementi più ricorrenti di ciascun fattore. Il livello maschile (M) e femminile (F) e il numero (n.) dei partecipanti che hanno presentato difficoltà nella voce in questione.

Tabella 2 – Voci con maggiore frequenza di risposte al disavanzo

Fattore Elementi Livello No.
F4

Autocontrollo proattivo

09 – Durante una discussione, quando mi rendo conto di essere emotivamente (nervoso) posso calmarmi prima di continuare la discussione.

15 – Quando il mio coniuge mi parla in modo alterato, spero che finisca ciò che ha da dire e poi dia la mia opinione

27 – In una situazione di conflitto di opinioni con il mio coniuge, posso fargli capire la mia posizione.

MF

M

F

M

F

17

0

6

1

3

F5

Conversazione assertiva

05 – In una conversazione, se il mio coniuge mi interrompe, gli chiedo di aspettare fino a quando non finisco quello che stava dicendo

13 – Se non sono d’accordo con il mio coniuge, gli dico questo

MF

M

F

32

2

1

F1

Espressività/Empatia

01 – In un’attività quotidiana, parlo naturalmente di qualsiasi questione con il mio coniuge.

31 – Durante i rapporti sessuali, di solito dico al mio coniuge quali carezze mi piacciono di più.

M

F

M

F

2

1

2

1

Fonte: Autori della ricerca – Frequenza del comportamento / sensazione di deficit (2020)

5. DISCUSSIONI

Risultati significativi sono stati ottenuti sulle competenze sociali coniugali nei partecipanti, nonché un parametro di come avviene la comunicazione nel contesto coniugale. In generale, affinché si possa ottenere una buona comunicazione all’interno delle relazioni interpersonali e che ci sia sincronismo in questo processo di comunicazione, è necessario avere individui socialmente qualificati. I risultati indicano che le donne hanno un maggiore deficit nell’autocontrollo proattivo e gli uomini hanno maggiori difficoltà nella conversazione assertiva.

Nell’analisi dei percentili generali spiegati nella tabella 2, che ci danno una descrizione generalizzata del repertorio delle competenze sociali all’interno del contesto coniugale della materia, soggetti al di sotto della media, in cui è inferibile un deficit di queste competenze, che dai risultati ottenuti, si conclude che il 60% dei partecipanti è in qualche modo, con difficoltà nelle competenze che coinvolgono la comunicazione , espressione emotiva, così come azione empatica. Godinho (2015) si distingue quando afferma che l’empatia può essere raggiunta attraverso un attento ascolto di ciò che dice l’altra persona e spesso acquisisce un’ampia comprensione della prospettiva dell’altra.

Queste componenti mettono a repentaglio l’interazione con il coniuge e la gestione pratica del matrimonio come ad esempio la risoluzione dei problemi. A questo proposito, Caballo (2010) sottolinea che essere socialmente abili sta avendo una serie di comportamenti che vengono emessi in un contesto interpersonale, che esprimono sentimenti, atteggiamenti, desideri, opinioni o diritti di questo individuo, in modo appropriato alla situazione, rispettando allo stesso modo questo comportamento nell’altro, oltre che questi soggetti qualificati, di solito risolvono i problemi immediati della situazione, riducendo al minimo la probabilità di problemi futuri.

Si scopre che una comunicazione carente è un problema che è stato trovato nelle coppie che, spesso nel tentativo di risolvere i loro conflitti, finiscono per aggravare ulteriormente la situazione o innescare un nuovo problema. Pertanto, la mancanza di abilità comunicative diventa particolarmente distruttiva e può generare, potenziare o mantenere problemi coniugali, come spiegano Silva e Vandenberghe (2008).

È stato possibile notare che le donne presentavano una maggiore mancanza di queste abilità legate ai loro comportamenti sociali, oltre alla difficoltà di emettere questi comportamenti in alcune situazioni e quindi ottenere una relazione desiderata. È anche un dato di fatto che nessun intervistato ha avuto un risultato medio più elevato, quindi è dedursi che delle 20 persone partecipanti, nessuna ha un repertorio, in generale, abbastanza elaborato di abilità di comunicazione sociale. D’altro canto, il 40% che si trova all’interno delle difficoltà attuali media in qualche fattore specifico (grafico 1).

È degno di nota il fatto che le abilità sociali e comunicative tra le coppie siano un fattore importante per le relazioni coniugali. Si è capito che la comunicazione positiva genera benessere nella relazione, d’altra parte, la comunicazione negativa o fragile influenza le dinamiche della coppia e genera conflitti e insatisfações. Così, le coppie che, quando cercano di risolvere i loro problemi, finiscono per utilizzare una comunicazione inefficace e finiscono per aggravare ulteriormente la situazione conflittuale o possono persino motivare altre situazioni problematiche (SILVA; VANDENBERGHE, 2008).

Pertanto, è importante considerare che nel rapporto di una coppia, la comunicazione è incessante e intensa, quindi è necessario che la coppia impari a parlare del proprio modo di comunicare, perché altrimenti i sentimenti vengono mantenuti e sempre più incorporati e, quando non espressi, generano comunicazioni non verbali. In questo contesto, tutto inizia a essere comunicato in modo non verbalizzato e, di conseguenza, avviene il distanziamento della coppia, avendo difficoltà a chiarire ciò che sentono, vogliono o pensano (ROSSET, 2014).

Tra i fattori in cui si sono verificati i mezzi più bassi, sia di uomini che di donne, c’è il fattore che si occupa dell’autocontrollo proattivo (F4), descritto nel grafico 1, che comporta aspetti utili per una buona comunicazione e comprensione tra la coppia. Questo fattore porta elementi correlati per farsi capire e la percezione dell’altro, nel senso di percepire il cambiamento emotivo nel partner e oltre a sapere che è tempo di terminare una conversazione più accesa. Questo comportamento sociale significa saper controllarsi di fronte alla propria impulsività sapendo agire e al momento giusto per parlare. Per Peçanha (2005), nel processo di interazione, la coppia può usare le parole in modo inappropriato, il che ostacolerà il processo di assimilazione e comprensione di ciò che uno dei due sta pensando o sentendo di fronte a una situazione specifica.

Si osserva che i punti 9 e 15, di cui al grafico 2, ci mostrano che l’incidenza è più elevata nelle donne e non negli uomini, dove hanno presentato maggiori difficoltà nei fattori di autocontrollo di fronte a una situazione conflittuale. Così, l’interruzione durante il discorso dell’altro, un’abitudine dannosa per la comunicazione della coppia in cui la formazione di fermare l’impulso di interrompere il discorso del partner, può portare la persona a scoprire ancora di più di quella persona con cui si relaziona. Cercare di affrontare l’ansia di parlare è avere la possibilità di autocontrollo in una conversazione, è di appropriata sensibilità con l’altro e consentire alla persona di esprimersi nel momento in cui.

A titolo di contributo, Rosset (2016) afferma che molte lotte sono innescate da queste costrizioni che appaiono nella relazione e la maggior parte di questi conflitti sono mantenuti da loro. D’altra parte, gli uomini hanno presentato maggiori difficoltà nel fattore di conversazione assertivo che coinvolge aspetti legati alla reazione assertiva al comportamento dell’altro che può essere ripugnante in un dato momento, il che implica fare richieste all’altro che possono causare un certo dispiacere (ad esempio, chiedere all’altro di aspettare la fine di un discorso in modo che possa così essere pronunciato). L’assertività è nell’espressione diretta, onesta e appropriata dei sentimenti, legata a comportamenti equivalenti (PORTELLA, 2011).

In questa direzione, Caballo (2010) chiarisce che il comportamento assertivo è in grado di essere appreso, quindi è un processo di apprendimento, fino a quando non è più assertivo. Così, comportarsi in modo assertivo, è quello di esporre direttamente i propri sentimenti, bisogni, diritti legittimi o opinioni, senza offendere, ferire e umiliare l’altro, si sta manifestando chi sei veramente come persona, con un messaggio fondamentale e diretto: Questo è quello che penso! È quello che provo! Pertanto, l’assertività implica dichiarare la loro irrequietezza e sentimenti senza rabbia o passività secondo la posizione di Goleman (1995).

Dall’analisi eseguita, portiamo in contrappunto i fattori che si sono distingueti in termini di intervistati con un repertorio di competenze ben elaborate, presentato nel grafico 2, in cui le donne hanno un indice più basso nel fattore 2 (autoaffermazione assertiva) riferendosi agli aspetti per sapere come esprimere ciò che preferiscono, cosa sentono e come si sentono, e la loro opinione assertivamente in relazione al partner.

I posizionamenti su ciò che la persona sente o pensa siano più praticabili e trasmettono la realtà dei loro sentimenti, per sequenza, il partner saprà cosa innesca il loro comportamento nell’altro, esemplificando per citare la frase: sono stato ferito perché non sei arrivato al momento concordato per andare al supermercato, diventa più utile che dire: Sei completamente irresponsabile , pensa e se stesso e non arriva mai in tempo. Si percepisce che parlare l’uno dell’altro e di come si sente riguardo a un tale atteggiamento del partner è una comunicazione più efficace delle accuse, perché quando si arriva con tali procedure di incolpare l’altro, il partner agirà presto difensivamente, e con questo entrambi avranno difficoltà a capirsi, come Rosset (2014).

Dall’analisi intrapresa, è stato verificato che il sesso maschile presentava all’unanimità un repertorio ben elaborato di comportamenti socialmente qualificati nel contesto coniugale all’interno del fattore 3 (autocontrollo reattivo) presentato nel grafico 1. Cercano di difendersi di fronte a situazioni potenzialmente stressanti, mantenendosi in modo controllato con l’obiettivo di preservare il rapporto. In un modo che reagisce in modo più abile, di fronte alle critiche del partner, e anche al know-how per affrontare i giochi. Per Del Prette e Del Prette (2008), competenti quanto l’individuo e buone quanto le intenzioni, è inevitabile non imbattersi in persone che confutano il modo in cui pensano e si comportano ed esprimono attraverso le critiche, rendendo necessario affrontarle efficacemente.

È insised che il CBT basato sui concetti sviluppati da Beck (1995) sviluppi tecniche di abilità comunicative sociali e assertività che vengono utilizzate nel trattamento delle coppie. Si percepisce che le cognizioni disfunzionali, i pensieri ilogici o distorti, le credenze disfunzionali della coniugazione influenzano negativamente la relazione, la comunicazione e il benessere della coppia. Questi fattori sono fonte di conflitti e di disaccordo.

Pertanto, in CBT con le coppie, cerchiamo l’applicabilità di tecniche come la ristrutturazione cognitiva di cognizioni inadeguate, la gestione delle emozioni, la modifica dei modelli di comunicazione disfunzionali e lo sviluppo di strategie per risolvere i problemi affrontati dalla coppia nella vita quotidiana in modo più coerente ed efficace, come spiega Dattilio (2010). È chiaro che ogni relazione ha i suoi punti di forza e fragili e il terapeuta cognitivo cerca di rafforzare le azioni e i punti positivi dei partner in modo che abbiano forme assertive, empatici e calde nell’interazione coniugale.

Infine, sulla base dei dati qui presentati, concordiamo con la posizione degli autori descritti e discussi nell’analisi della ricerca svolta, per rispondere agli obiettivi proposti. È stato possibile capire che conflitti, mancanza di comunicazione e assertività delle coppie si verificano di fronte a disaccordi e diversi punti di vista. Nel contesto attuale, le divergenze esistenti nella comunicazione della coppia comportano problemi più ampi, come il tempo che trascorrono insieme, l’educazione dei bambini, i compiti da svolgere e dividere, le questioni economiche, sociali, culturali, tra gli altri. Sulla base dei dati presentati, suscitano interesse e attenzione alle caratteristiche individuali, personalità, temperamento, autostima, comunicazione empatica che influenzano la comunicazione positiva e negativa della coppia.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

Il presente lavoro ha cercato, attraverso uno studio sul campo, quantitativo-qualitativo ed esplorativo di indagare le capacità comunicative sociali nella relazione coniugale e i contributi della Terapia Cognitivo Comportamentale. Abbiamo anche cercato di identificare le forme positive e carenti di comunicazione nel rapporto coniugale e lo sviluppo di una comunicazione assertiva e positiva.

I risultati dello studio sulle capacità sociali coniugali dei partecipanti sono stati significativi. L’analisi dei percentili generali spiegati ci fornisce una descrizione generalizzata del repertorio delle abilità sociali all’interno del contesto coniugale della materia. Questi erano al di sotto della media, con un deficit in queste abilità. Si è concluso che il 60% dei partecipanti incontra difficoltà nelle competenze che coinvolgono la comunicazione, l’espressione emotiva e l’azione empatica.

I risultati indicano che le donne hanno un maggiore deficit nell’autocontrollo proattivo e gli uomini hanno maggiori difficoltà nella conversazione assertiva. Le donne segnalano un maggiore deficit di queste attitudini legate ai loro comportamenti sociali, oltre alla difficoltà di emettere questi comportamenti in alcune situazioni e quindi ottenere una relazione desiderata. Lo studio sottolinea che è un dato di fatto che nessun intervistato ha avuto un risultato superiore alla media, quindi è dedubile che dei 20 (venti) partecipanti, nessuno abbia un repertorio, in generale, molto elaborato delle capacità di comunicazione sociale. D’altro canto, coloro che rientrano nella media, che sono il 40%, presentano difficoltà in qualche fattore specifico (grafico 1).

Spicca il contributo di Otero e Guerrelhas (2003), in cui sono unanimi nello spiegare che la comunicazione coinvolge l’uno e l’altro l’ascolto, e viceversa. Tuttavia, quando si tratta di coppie, questa situazione quotidiana nella vita delle persone si presenta con elementi peculiari. Inoltre, nell’interazione della coppia ci sono alcuni comportamenti che innescano conflitti in cui diversi autori, tra cui Chistensen e Jacobson (2000); Silva e Vandenberghe (2008) chiamano trigger che si presentano con critiche, domanda, accumulo di fastidi, dolori e rifiuto che in qualche modo innescano disaccordi che, a loro volta, vengono interpretati e assorbiti dalla sofferenza e dall’usura.

Per quanto riguarda i contributi del CBT, il terapista cognitivo comportamentale cercherà di favorire, attraverso la formazione comunicativa e un adeguato problem solving, l’aumento delle interazioni positive e, di conseguenza, la riduzione degli aspetti negativi e anche accordi sul cambiamento di comportamento del partner (EPSTEIN, 1998 apud PEÇANHA E RANGÉ, 2008).

La terapia cognitiva si concentra su come i coniugi si percepiscono, positivamente o negativamente, o anche su ciò che non riescono a percepire nell’altro e anche sul modo in cui comunicano, sia buoni che cattivi o ciò che non riescono a comunicare (BECK, 1995). Gli interventi cognitivo-comportamentali mirano a ristabilire l’equilibrio nella relazione della coppia, aumentando aree soddisfacenti e riducendo i conflitti, lavorando distorsioni cognitive e difficoltà di comunicazione e problem solving (OSORIO E VALLE, 2009).

L’applicazione del CBT nel trattamento con le coppie è efficace con l’uso di tecniche cognitive e comportamentali tra loro, la ristrutturazione di cognizioni distorte di fronte ad alcune situazioni del contesto coniugale con deficit di comunicazione. L’obiettivo è quello di fornire alla coppia competenze in grado di ridurre i loro conflitti. La coppia o il partner è portato ad apprendere, identificare, valutare e rispondere a pensieri distorti che influenzano negativamente la relazione. Tecniche come la registrazione automatica del pensiero, la freccia discendente, l’interrogatorio socratico, i diari, i ricordi, l’allenamento dell’assertività, le drammatizzazioni, tra gli altri, sono utili ed efficaci.

Nel trattamento di coppie o partner, la parte comportamentale è rilevante con enfasi sulle capacità comunicative eseguite attraverso la formazione alla comunicazione. L’obiettivo è quello di fornire alla coppia capacità di ascolto e di conversazione in grado di ridurre i conflitti e aumentare la soddisfazione e l’adattamento coniugale, come vengono sottolineati Rangé e Dattilio (2001).

7. RIFERIMENTI

ALMEIDA, Thiago (org.). Relacionamentos amorosos: o antes, o durante e o depois deles. São Carlos: Compacta Gráfica, 2013. Disponível em <https://www.academia.edu/5773439/Livro_Completo_Relacionamentos_amorosos_o_antes_o_durante…_e_o_depois_Volume_1>. Acesso em: 09 mai 2019.

BECK, A. T.; RUSH, A. J.; SHAW, B. F. & EMERY, G. Terapia cognitiva da depressão. Porto Alegre: Artes Médicas, 1997.

BECK, A. T. Para além do Amor. Editora Rosa dos Tempos, 1995. Disponível em <https://pt.scribd.com/doc/123554870/Para-Alem-Do-Amor-Beck>. Acesso em: 04 jun 2019.

BECK, Judith S. Terapia Cognitivo Comportamental: Teoria e Prática. Porto Alegre: Artmed, 2014.

BERTONI, Anna; BODENMANN, Guy. Satisfied and dissatisfied couples: Positive and negative dimensions, conflict styles, and relationships with family of origin. European Psychologist, 15(3),175-184. 2010. IN: COSTA, C. B. da; CENCI, C. M. B.; MOSMANN, C. P. Conflito Conjugal e estratégias de resolução: uma revisão sistemática da literatura. Temas psicol.,  Ribeirão Preto ,  v. 24, n. 1, p. 325-338, mar.  2016. Disponível em <http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1413-389X2016000100017&lng=pt&nrm=iso>.

CABALLO, Vicente E. Manual de avaliação e treinamento das habilidades sociais. São Paulo: Santos, 2010. Disponível em <https://www.academia.edu/9553664/Manual_de_Avaliacao_e_Treinamento_das_Habilidades_Sociais> Acesso em: 5 jun 2019

CABALLO, Vicente E. Manual de Técnicas e de Terapias e Modificação do comportamento. São Paulo: Santos, 2003.

CERVO, Amado Luiz; BERVIAN, Pedro Alcino; SILVA, Roberto da. Metodologia científica. 6. ed. São Paulo: Pearson Prentice Hall, 2007.

CHAPMAN, Gary. As 5 linguagens do amor. 3 ed. São Paulo: Mundo Cristão, 2013

CHRISTENSEN, A. & JACOBSON, N. S. Reconcilable Differences. New York: The Guilford. IN, 2000.

DATTILIO, Frank M. Manual de terapia cognitivo-comportamental para casais e famílias. Porto Alegre: Artmed, 2011. Disponível em <https://drive.google.com/drive/folders/0B4cIMwhxIufXaWI0QkVFZ2FaVEU>. Acesso em: 10 maio 2019

DEL PRETTE, Z. A. P.; DEL PRETTE, A. psicologia das habilidades sociais: terapia, educação e trabalho. 5.ed. Petrópolis: Vozes, 2008.

DEL PRETTE, Zilda Aparecida Pereira; VILLA, Miriam Bratfisch; FREITAS, Maura Glória de Freitas; DEL PRETTE, Almir. Estabilidade temporal do Inventário de Habilidades Sociais Conjugais (IHSC). Aval. psicol. [online]. 2008, vol.7, n.1, pp. 67-74. ISSN 1677-0471. Disponível em: http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1677-04712008000100009 Acesso em: 05 jun 2019

FIGUEIREDO, Patrícia da M. V. A influência de locus de controle conjugal, das habilidades sociais conjugais e da comunicação conjugal na satisfação com o casamento. Rio de Janeiro: Ciência e Cognição, 2005. Disponível em <http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1806-58212005000300014> Acesso em: 05 jun 2019

GIL, Antonio Carlos. Como elaborar projetos de pesquisa. 6.ed. São Paulo: Atlas, 2017.

GODINHO, Tânia João Lopes Carriço Gomes. Contributos para a compreensão do processo de empatia e do seu desenvolvimento. Tese de doutorado, Universidade de Évora – Instituto de Investigação e Formação Avançada, 2015. Disponível em <https://dspace.uevora.pt/rdpc/bitstream/10174/14535/11/Doutoramento%20-%20T%C3%A2nia%20Godinho.pdf> Acesso em: 07 jun 2019.

GOLEMAN, Daniel. Inteligência Emocional. Rio de Janeiro: Objetiva, 1995. Disponível em <https://drive.google.com/file/d/1NPm0p1RzqTHN8vT_VXaxyn05fhF0uHQC/view> Acesso em: 20 mai 2019.

HANNS, Luiz. A equação do casamento. Pbook: Paralela, 2013. Disponível em: https://drive.google.com/drive/folders/0B4cIMwhxIufXaWI0QkVFZ2FaVEU Acesso em: 10 mai 2019

KNAPP, P. Princípios fundamentais da terapia cognitiva. IN (org). Terapia cognitivo-comportamental na prática psiquiátrica. Porto Alegre: Artmed, 2004. (pp 19-41).

MUNDIM, Cleusa Pereira de O. O Papel da comunicação disfuncional no relacionamento de casal. Goiânia: Pontifícia Universidade Católica de Goiás, 2010. Disponível em <https://docplayer.com.br/19265878-O-papel-da-comunicacao-disfuncional-no-relacionamento-de-casal-cleusa-pereira-de-oliveira-mundim.html> Acesso em: 10 mai 2019

OSORIO, Luiz Carlos. Valle. VALLE, Maria Elizabeth Pascual. Manual de Terapia Familiar. Porto Alegre: Artmed, 2009

OTERO, V. R. L. & GUERRELHAS, F.  Saber falar e saber ouvir: a comunicação entre casais. IN:  CONTE, F. C. & BRANDÃO, M. Z. S. (Orgs.), Falo ou não falo? (pp. 71-84). Arapongas: Mecenas, 2003.

PEÇANHA, Raphael Fischer; RANGÉ, Bernard Pimentel. Terapia cognitivo-comportamental com casais: uma revisão. Rio de Janeiro: Revista Brasileira De Terapias Cognitivas, 2008. Vol 4, nº 1. Disponível em <http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1808-56872008000100009> Acesso em: 05 jun 2019

PEÇANHA, Raphael Fischer. Desenvolvimento de um protocolo piloto de tratamento cognitivo-comportamental para casais. Rio de Janeiro: UFRJ/IP, 2005. Disponível em: <http://www.dominiopublico.gov.br/pesquisa/DetalheObraForm.do?select_action=&co_obra=42986> Acesso em 08 jun 2019.

PORTELLA, Mônica. Estratégias de treinamento em habilidades sociais. Rio de Janeiro: Centro de Psicologia Aplicada e Formação, 2011. Disponível em: https://www.academia.edu/37553179/ESTRAT%C3%89GIAS_DE_TREINAMENTO_EM_HABILIDADES_SOCIAIS Acesso em: 08 jun 2019

RANGÉ, B. (org.). Psicoterapias Cognitivo-comportamentais: Um diálogo com a psiquiatria. Porto Alegre: Artmed, 2008.

RANGÉ, B.; DATTILIO, F. M. In: RANGÉ, B. P. Psicoterapia comportamental e cognitiva: pesquisa, prática, aplicações e problemas. Campinas: L. Pleno, 2001, cap.15, 171-191.

RICHARDSON, Roberto Jarry. Pesquisa Social. Métodos e Técnicas. São Paulo: Atlas, 1999.

ROSSET, Solange Maria. Brigas na família e no casal: aprendendo a brigar de forma elegante e construtiva. Belo Horizonte: Artesã, 2016.

ROSSET, Solange Maria. O casal nosso de cada dia. São Paulo: Sol, 2014. Disponível em <https://docero.com.br/doc/n51nvs> Acesso em: 28 mai 2019

SARDINHA, Aline; FALCONE, Eliane Mary de Oliveira; FERREIRA, Maria Cristina. As relações entre a satisfação conjugal e as habilidades sociais percebidas no cônjuge. Psicologia Teoria e Pesquisa, Jul-Set 2009, Vol. 25 nº 3. Disponível em <http://www.scielo.br/pdf/ptp/v25n3/a13v25n3.pdf>. Acesso em: 06 jun 2019.

SILVA, Lucilene Prado e; VANDENBERGHE, Luc. A importância do treino de comunicação na terapia comportamental de casal. Psicol. estud.,  Maringá ,  v. 13, n. 1, p. 161-168,  Mar.  2008 .   Disponível em <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1413-73722008000100019&lng=en&nrm=iso>. Acesso em: 25 mai 2019  https://doi.org/10.1590/S1413-73722008000100019.

SILVA, L. M. G. da; BRASIL, V. V.; GUIMARÃES, H. C. Q. C. P; SAVONITTI, B. H. R. A.; SILVA, M. J. P. da. Comunicação não-verbal: reflexões acerca da linguagem corporal. Ribeirão Preto: Revista Latino-am-enfermagem, 2000. vol 8, n,4. Disponível em <http://www.scielo.br/pdf/rlae/v8n4/12384> Acesso em: 10 mai 2019

VANDENBERGHE, Luc. Terapia comportamental de casal: uma retrospectiva da literatura internacional. Rev. bras. ter. comport. cogn.,  São Paulo ,  v. 8, n. 2, p. 145-160, dez.  2006.  Disponível em <http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1517-55452006000200004&lng=pt&nrm=iso>.

VILLA, Miriam Bratfish; DEL PRETTE, Zilda A. P. Inventário de habilidades sociais conjugais. São Paulo: Casa do Psicólogo, 2012.

WRIGHT, Jesse H.; BASCO, Monica R.; THASE, Michael E. Aprendendo a terapia cognitivo comportamental. Porto Alegre: Artmed, 2008.

[1] Laurea in Psicologia, post-laurea in Terapia Cognitiva Comportamentale.

[2] Consulente di orientamento. Laurea magistrale in Sanità Collettiva (UNIFESP), Laurea Magistrale in Scienze dell’Educazione (ULHT-Portogallo).

Inviato: settembre, 2020.

Approvato: ottobre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here