Depressione in età avanzata: il contributo dell’infermiere al recupero degli anziani depressi nelle cure primarie

0
11
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)
PDF

REVISIONE ARTICOLO

SILVA, Jardeane Santos [1], QUEIROZ, Patrícia dos Santos Silva [2], MEDEIROS, Felype Hanns Alves de [3], JUNIOR, Francisco Alves Lima [4], TOURINHO, Erika Ferreira [5]

SILVA, Jardeane Santos. Et al. Depressione in età avanzata: il contributo dell’infermiere al recupero degli anziani depressi nelle cure primarie. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 09, Vol. 03, pp. 27-44. Settembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/psicologia-it/anziani-depressi 

Gli anziani depressivi hanno bisogno di cure che vanno oltre le espressioni fisiche e biologiche. Alla luce di quanto sopra, il presente articolo ha come domanda guida: in che modo gli infermieri possono aiutare nel recupero degli anziani depressivi? Lo scopo di questo studio è quello di analizzare in letteratura il contributo degli infermieri al recupero degli anziani depressivi nelle Cure Primarie. Il presente lavoro consiste in una ricerca bibliografica sviluppata attraverso il metodo della Ricerca Narrativa. Per raccogliere i dati, è stata condotta un’indagine nei database: Virtual Health Library (VHL), Latin American Literature in Health Sciences (LILACS), Database bibliografico specializzato in infermieristica e Scientific Electronic Library Online (SCIELO). I criteri di inclusione erano: articoli pubblicati nel periodo 2015-2021 in portoghese. Produzioni duplicate e testi che non erano disponibili per intero sono stati esclusi durante la ricerca. Per quanto riguarda i risultati, è stato evidenziato che conoscere i fattori di rischio associati alla depressione e la realizzazione di strategie preventive nell’ambito delle cure primarie favorisce le strategie degli infermieri per garantire l’invecchiamento attivo e la promozione della salute mentale della popolazione anziana, assistendo nel processo di recupero. Si conclude che le strategie utilizzate dagli infermieri sono di fondamentale importanza nel recupero del paziente, perché la loro funzione di fronte alla depressione degli anziani si basa sulla guida sull’importanza dell’uso di farmaci, chiarimento dei dubbi di questo pubblico e soddisfare le loro richieste con affetto e attenzione.

 Parole chiave: Anziani, Strategie, Infermiere, Depressione.

1. INTRODUZIONE

Attraverso gli studi bibliografici condotti, è stato riscontrato che la depressione negli anziani è cresciuta in modo esacerbato, rendendo la rete sanitaria più attenta a questa popolazione. Il professionista della salute, in particolare l’infermiere, svolge un ruolo significativo nella vita degli anziani, poiché può aiutare e aiutare a uscire da questo stato di depressione. Affinché questo fatto si verifichi in modo soddisfacente, è necessario partecipare alla famiglia affinché questa lotta depressiva si estingua (DANTAS, 2018).

Il ruolo svolto dagli infermieri in questo scenario è di vitale importanza per contribuire al recupero dei pazienti con depressione, mentre la prevenzione include il coinvolgimento degli operatori sanitari e della famiglia degli anziani depressivi e possono essere incluse caratteristiche biopsicosociali e spirituali (QUEIROZ, 2020).

Indipendentemente dalla situazione economica, sociale, religiosa, affettiva o razziale, qualsiasi essere umano è soggetto a depressione. La depressione dovrebbe essere intesa come una sindrome psichiatrica della modernità. I dati sono che circa il 17% della popolazione mondiale è affetta da depressione, essendo due volte più alta quando si tratta della popolazione femminile. Negli Stati Uniti, ad esempio, colpisce circa il 9,5% degli adulti all’anno (PEREIRA et al, 2019).

Gli infermieri possono aiutare i pazienti in questione ad avere una qualità di vita soddisfacente, oltre a guidare gli anziani ad avere una vita più indipendente, con autonomia e aiutare gli anziani depressivi ad avere più autostima, consentendo loro di riscattare la loro cittadinanza (QUEIROZ, 2020).

Il professionista della salute impegnato nel suo ruolo dovrebbe aiutare gli anziani a ridurre la sofferenza psichica dovuta alla depressione, impedendo loro di usare il suicidio, consentendo agli anziani di avere una migliore qualità della vita (SILVA et al, 2019).

La depressione è una sindrome psichiatrica correlata ai sintomi caratteriali: psicologici, comportamentali e fisici. La depressione tra gli anziani sta crescendo in modo significativo, dove gran parte di loro cerca aiuto per tornare alle loro vite (SILVA et al, 2019). Alla luce di quanto sopra, la domanda è: in che modo gli infermieri possono aiutare nel recupero degli anziani depressivi?

L’interesse nel portare avanti questa ricerca è nato dal fatto che conosce la salute, più specificamente le cure primarie, e di conseguenza si rende conto che i casi di depressione negli anziani sono cresciuti in modo spaventoso negli ultimi anni. Per non dover affrontare le conseguenze, è di fondamentale importanza che l’anamnesi del paziente eseguita dall’infermiere sia dettagliata, con il supporto della famiglia o dei caregiver.

Lo scopo di questo studio è quello di analizzare in letteratura il contributo degli infermieri al recupero degli anziani depressivi nelle Cure Primarie. E quelli specifici sono: identificare come si presenta la depressione negli anziani; comprendere il rapporto familiare degli anziani in relazione al recupero della condizione depressiva e individuare il ruolo del professionista infermieristico per la cura e il recupero dell’anziano depressivo.

2. METODOLOGIA

La metodologia aiuta il ricercatore a rispondere alle domande sul tema sollevato, in questo caso, la “Depressione nella Terza Era”, in osservanza del contributo degli infermieri al recupero degli anziani depressivi nelle cure primarie.

Il metodo è la strada da percorrere per il raggiungimento dell’obiettivo di ricerca. Per Lakatos e Marconi (2017, p. 12) il metodo “è la strada per essere percorsi dai ricercatori nella ricerca della conoscenza”: è il tracciamento delle tappe fondamentali della ricerca.

Questo lavoro consiste in una ricerca bibliografica sviluppata attraverso il metodo della Ricerca Narrativa. La ricerca bibliografica è fondamentale nelle pratiche di indagine, perché attraverso i documenti pubblicati, il ricercatore ha l’opportunità di trovare risposte alle lacune esistenti (MARCONI; LAKATOS, 2017).

D’altra parte, secondo Aimi (2020, p. 3), “una narrazione è composta da una singolare sequenza di eventi, stati mentali, eventi che coinvolgono esseri umani come personaggi o autori” e aggiunge, in seguito, che “può essere “reale” o “immaginario” senza perdere il suo potere come storia”.

Per raccogliere i dati, è stata condotta un’indagine nei database: Libreria virtuale della salute (VHL), Letteratura latinoamericana nelle scienze della salute (LILACS), Database bibliografico specializzato in infermieristica e Scientific Electronic Library Online (SCIELO). I criteri di inclusione erano: articoli pubblicati dal 2015 al 2021, in portoghese, con temi incentrati sul contributo degli infermieri al recupero degli anziani depressivi nelle cure primarie.

I criteri di inclusione utilizzati per la selezione dei campioni sono stati: la Biblioteca Sanitaria Virtuale (VHL), letteratura latinoamericana sulle scienze della salute (LILACS), Medline, database bibliografico specializzato in infermieristica e Scientific Electronic Library Online (SCIELO). Durante la ricerca sono stati esclusi: produzione duplicata, editoriali, lettere all’editore, bollettini epidemiologici.

La valutazione critica degli studi selezionati è consistita nella lettura completa di questi studi (prisma), seguita dall’elaborazione di tabelle contenenti l’anno di pubblicazione e gli argomenti dello studio.

L’indagine sul tema è stata condotta utilizzando l’incrocio delle parole chiave: Anziani. Strategie. Infermiera. Depressione. I criteri di inclusione utilizzati per la selezione del campione sono stati: articoli pubblicati dal 2015 al 2021, lingua portoghese, relazione con il tema studiato. Sono stati esclusi durante la ricerca: produzione duplicata e non disponibile per intero.

Pertanto, inizialmente, attraverso la ricerca nei database, sono stati trovati 242 articoli. Dopo aver aggiunto i filtri, sono rimasti 105 elementi. Dopo aver letto i titoli degli articoli, si è notato che i documenti che erano legati al tema studiato o non sono stati ripetuti erano 78. Dopo aver letto gli abstract, sono stati selezionati 15 articoli che soddisfacevano i criteri proposti.

3. RISULTATI

Il campione finale di questa revisione consisteva in 15 (quindici) articoli scientifici, selezionati in base a criteri di inclusione precedentemente stabiliti. La tabella 1 rappresenta le specifiche di ciascuno degli articoli, distribuite in base a: anno di pubblicazione; periodico; autori; titolo e tipo di ricerca.

Tavolo uno. Articoli raccolti per la ricerca narrativa.

ANNO PERIODICO AUTORI TITOLO TIPO DI RICERCA
2018 Centro di formazione per insegnanti DANTAS, Isadora Leite Alves Assistência ao idoso que convive com depressão na atenção básica: revisão narrativa de literatura Revisione narrativa della letteratura
2020 Braz. J. of Develop FIDELIS, Jailson Alves Envelhecimento: as ações de enfermagem à idosos com depressão Rassegna bibliografica qualitativa
2019 Centro di Ricerca Interdisciplinare GUIMARÃES, Ana Paula Rodrigues A contribuição do enfermeiro na recuperação de idosos depressivos Revisione della letteratura
2017 Rivista scientifica FASETE LIMA, Vilne Jean Santos de Cuidados de enfermagem à pessoa com depressão atendida na atenção primária de saúde Revisione integrativa
2020 Brazilian Journal of Development LIMA, Taciana Maria, et al Intervenções de enfermagem em idosos depressivos: uma revisão da literatura Revisione della letteratura
2015 Scienza & Salute Pubblica MINAYO, Maria Cecília de Souza; CAVALCANTE, Fátima Gonçalves Tentativas de suicídio entre pessoas idosas: revisão de literatura (2002/2013) Revisione della letteratura
2019 Centro Universitario Luterano di Palmas MORAES, Karlla Suellen Belem Assistência de enfermagem a pacientes portadores de depressão na terceira idade Revisione della letteratura
2019 Rivista infermieristica digitale Cura e promozione della salute PEREIRA, Brenda Roberta da Silva, et al Atuação da enfermagem frente à depressão na população idosa Revisione integrativa
2020 Collegio Mossoró New Hope QUEIROZ, Antonia Fabiana Assistência de enfermagem na atenção básica a pessoa idosa com transtorno depressivo: uma revisão integrativa Revisione integrativa
2019 II Congresso Nazionale dell’Invecchiamento Umano SILVA, Ledilson Ribeiro da, et al Assistência de enfermagem a pessoa idosa com depressão Revisione integrativa
2017 Collegio Pan-Amazzonico SILVA, Geise Rolim da; NASCIMENTO, Indianara do A assistência da enfermagem no idoso com depressão: Revisão Integrativa da Literatura Revisione della letteratura
2021 Research, Society and Development SILVA, Brenda Caroline Martins da, et al Importância da identificação do diagnóstico de enfermagem ao paciente com depressão senil na atenção básica Rapporto di esperienza, di natura descrittiva, con un approccio qualitativo
2018 Rivista Scientifica UNISALESIANO TOFANELLI, Amanda Heloisa da Cruz Figueira Sintomas depressivos em mulheres idosas: Aplicando a Escala de Depressão Geriátrica de Yesavage Ricerca esplorativa e descrittiva con approccio quantitativo
2016 Gestione e salute delle riviste elettroniche TREVISAN, Mauro, et al O papel do enfermeiro na recuperação de idosos depressivos Revisione della letteratura
2019 Rete di formazione sulla salute della famiglia del nord-est VERAS, Carla Nayara dos Santos Souza Conhecimento de enfermeiros sobre sintomas depressivos em idosos e instrumentos de rastreio Studio descrittivo con approccio qualitativo

Fonte: paternità propria (2021)

4. DISCUSSIONE

La designazione del termine depressione era totalmente diversa dai giorni nostri. La depressione era precedentemente chiamata melanconia, designando sintomi o stati mentali, un termine designato 25 secoli fa. Oltre ad essere visto come una malattia mentale, aveva altri sintomi. Lo stato emotivo molto basso è un esempio, in cui la persona si sentiva infelice, scoraggiata e triste (DANTAS, 2018).

Dal 17 ° secolo in poi, la definizione di malinconia, insieme alle conoscenze teoriche della psichiatria, questo tipo di termine e la concezione che aveva in relazione alla depressione è stata modificata. Solo nel diciannovesimo secolo, il termine malinconia, è stato visto e percepito come follia parziale, questo contributo su questa nuova visione è venuto da Pinel (FIDELIS, 2020).

Secondo Guimarães (2019), il trattato di Kraepelin nella sua 6a edizione, la designazione depressione è arrivata ad avere il titolo di malattia, dove è stata chiamata “psicosi maniaco-depressiva”. Nel corso del 20 ° secolo, sono stati condotti diversi studi per comprendere davvero i fattori e come questa malattia si è presentata. Lo studio aveva lo scopo di capire se la depressione era causata da fattori esterni o se si trattava di una malattia con cui la persona era già nata. Oltre a condurre uno studio volto a comprendere i termini unipolare e bipolare.

Secondo gli studi condotti da Dantas (2018), chiariscono che la depressione è un’emozione globale sofferta da tutte le persone in un periodo specifico della loro vita. La depressione è correlata alla struttura malinconica, dove si basa sulle regressioni e le fissazioni della seconda sottofase orale (FIDELIS, 2020).

Dovrebbe essere chiaro che la depressione è un’alterazione affettiva, essendo una delle malattie più studiate e presente nel 21 ° secolo. È classificato come un disturbo dell’umore, dove induce la persona a modificare i propri comportamenti, oltre a consentire un improvviso cambiamento nella visione che ha di se stesso, cioè la persona depressiva non può risolvere i suoi problemi così semplici come è, si rende conto che i problemi affrontati sono una tragedia (GUIMARÃES, 2019).

La depressione è popolarmente conosciuta per alcuni sintomi specifici come apatia, irritabilità, tristezza, ridotta velocità motoria o agitazione, idee aggressive, isolamento, insonnia, affaticamento, tra gli altri. La diagnosi per la sua identificazione può essere meglio compresa quando si ha una buona conoscenza teorica sull’argomento (DANTAS, 2018).

Secondo Lima et al (2020), nel contesto clinico, il termine depressione non riguarda solo la persona con umore depresso, ma anche quando viene presentato un complesso sindromico caratterizzato da disturbi dell’umore, psicomotricità e una serie di disturbi somatici e neurovegetativi.

Sebbene siano stati condotti diversi studi sul tema in questione, non hanno ancora raggiunto un punto comune per sapere quali fattori contribuiscono allo stato depressivo della persona, se questi cambiamenti di umore sono causati da fattori biologici, sociali e / o psicologici. Diversi studi sono stati condotti per raggiungere una conclusione sulla depressione, ma prima di raggiungere i risultati finali, è necessario che la persona depressiva cerchi aiuto, come: psicologo, psichiatra, infermieri tra gli altri per assistere nel loro trattamento (LIMA, 2017).

La popolazione anziana è cresciuta in modo significativo nel corso degli anni e questo induce lo Stato e la stessa società civile a cercare meccanismi per avere un’attenzione più mirata a questo pubblico, dato che la popolazione anziana richiede un’attenzione attenta, perché ha più malattie degenerative, oltre alla depressione. Questa malattia ha raggiunto grandi proporzioni nel gruppo degli anziani, rendendo necessaria maggiore attenzione in modo che ci possa essere prevenzione e controllo dei casi. (LIMA, 2021).

Dovrebbe essere chiaro che, per quanto gli anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie, è importante chiarire che l’invecchiamento non è inteso come ammalarsi, specialmente quelli che sviluppano abitudini di vita sane (MINAYO; CAVALCANTE, 2015).

Secondo Fidelis (2020), la depressione è una sindrome, è negli anziani coinvolge numerosi aspetti, come: clinico, eziopatogeno e trattamento. Quando il trattamento avviene in ritardo, finisce per associarsi a malattie cliniche, con anomalie strutturali e funzionali del cervello. È per questo motivo che è necessario che il trattamento della depressione venga effettuato il prima possibile, evitando la morbilità.

La depressione riguarda una malattia mentale che si verifica con grande frequenza con gli anziani, contribuendo ad un significativo aumento del disagio psicologico. Nella popolazione generale, la depressione ha una prevalenza di circa il 15%; negli anziani che vivono nella comunità, questa prevalenza può essere ancora del 2 e del 14% e negli anziani che sono ospitati in istituti, la prevalenza della depressione raggiunge il 30% (MORAES, 2019).

Ci sono diversi fattori che guidano la depressione negli anziani, si può citare: lutto, abbandono, malattie, disabilità, tra gli altri. La depressione negli anziani fa perdere loro la qualità della vita, dato che, si isola dalla società, un fattore che è fondamentale per l’insorgenza di malattie cliniche considerate gravi (MINAYO; CAVALCANTE, 2015).

Per sapere se il paziente ha la depressione, è necessario eseguire alcuni passaggi nella diagnosi. Il primo è l’anamnesi degli anziani, quando non riconosce la persona che si prende cura di lui o dei suoi familiari. L’esame psichiatrico deve essere eseguito in modo dettagliato e dettagliato per sapere se gli anziani hanno qualche caratteristica di depressione. La valutazione neurologica è di grande valore in questa diagnosi. L’identificazione di farmaci che presentano le loro avversità, test di laboratorio e test di neuroimaging (MORAES, 2019).

La depressione negli anziani è più associata a problemi fisici, questo significa che quando gli anziani hanno dipendenza fisica, perdono automaticamente la loro autonomia, dove una buona parte di questi anziani finisce per essere ricoverata in ospedale o in istituti di asilo. In molti casi i sintomi della depressione negli anziani sono confusi con la propria patologia, facendoli finire per ignorare la depressione, diventando sempre più debilitati, a volte raggiungendo la morte (MINAYO; CAVALCANTE, 2015).

L’anziano quando è depresso, si rifiuta di prendersi cura di lui, non si nutre e non segue le raccomandazioni del medico. Quando non aiuta in questo trattamento depressivo, implica direttamente la riduzione della sua immunità e quindi gli consente di avere più processi infettivi (PEREIRA et al, 2019).

L’obiettivo primario per il trattamento della depressione negli anziani è quello di alleviare la sofferenza psichica, causando la diminuzione dei casi di suicidio, oltre a consentire ai pazienti di sentirsi bene, in modo che possano avere una qualità della vita. È a questo proposito che gli infermieri hanno un ruolo prezioso per il trattamento della depressione negli anziani (QUEIROZ, 2020).

È importante che gli operatori sanitari, in particolare gli infermieri, possano conoscere il modo appropriato per identificare la depressione. Questo lavoro di identificazione della depressione diventa più efficiente quando ha la partecipazione di un team multidisciplinare, i risultati sono più efficienti. Questo lavoro dovrebbe essere svolto in collaborazione in modo che gli anziani abbiano la loro qualità di vita (PEREIRA et al, 2019).

Gli infermieri devono essere consapevoli della depressione e dei suoi sintomi, perché hanno bisogno di sapere come identificare non solo i tentativi di suicidio evidenti, ma anche i tentativi sottili e altrettanto distruttivi, tra cui l’assunzione inadeguata e vietata di farmaci, la pratica di azioni che vanno contro ciò di cui ha veramente bisogno. Gli anziani che hanno una certa propensione al rischio di suicidio hanno bisogno di un’osservazione più attenta e la terapia immediata è urgente. Gli anziani hanno bisogno di essere inseriti in un ambiente sicuro con un professionista che sia effettivamente disposto ad ascoltare (MORAES, 2019).

Nel corso della storia brasiliana, le istituzioni hanno subito cambiamenti derivanti dal dinamismo economico, politico e sociale. Una di queste istituzioni che ha attirato maggiormente l’attenzione è il modello familiare. Tuttavia, rimane la cellula principale all’interno della costituzione della società. La famiglia è un primo nucleo sociale con cui il bambino ha contatti (QUEIROZ, 2020).

La famiglia ha un ruolo significativo per migliorare la depressione degli anziani, è essenziale che la famiglia lavori in collaborazione con l’infermiere, dato che, un lavoro congiunto favorisce un lavoro produttivo, efficace ed efficiente, consentendo così agli anziani depressi una qualità della vita più rapida e soddisfacente (MINAYO; CAVALCANTE, 2015).

Gli infermieri dovrebbero essere attenti alle particolari esigenze degli anziani depressivi, osservando, verificando, analizzando e percependo le difficoltà, i loro desideri, perché è da questa analisi che la stessa dovrebbe comunicare alla famiglia le osservazioni effettuate e insieme al team multidisciplinare per cercare meccanismi per la salute della depressione (SILVA et al, 2019).

Il ruolo degli infermieri non è solo focalizzato sul monitoraggio degli anziani depressivi, ma permea molto più di questo. L’infermiera non solo chiarisce i dubbi che possono sorgere, spiegando come saranno le terapie, le domande sui farmaci. Sta anche a lui ascoltare, capire gli anziani depressivi. Deve essere un sostegno, un sostegno agli anziani. Spetta anche a lui guidare adeguatamente la famiglia alla situazione di come è il paziente e quali meccanismi, i supporti che dovrebbero usare per il trattamento della depressione (PEREIRA et al, 2019).

Gli infermieri devono essere affettivi per gli anziani depressivi. L’affettività è uno degli elementi di fondamentale importanza per il trattamento della depressione, soprattutto per gli anziani. È lei che provoca interesse, la motivazione per la sua guarigione. Il recupero della depressione è costituito dalle relazioni dell’individuo con l’ambiente, così come il soggetto con l’altro. E in questa interazione, l’affettività agisce come un collegamento che ha aperto i confini in modo che le più svariate forme di emozioni possano ampliare e/o rafforzare congiuntamente il trattamento della depressione in età avanzata (SILVA et al, 2019).

Lo sviluppo della dimensione affettiva è il fondamento dello sviluppo umano. Secondo il dizionario di Filosofia (abbagnano), le affettività sono emozioni positive che si riferiscono alle persone e che non hanno il carattere dominante e totalitario della passione. In questo senso, l’affettività può essere considerata un’emozione legata alle relazioni interpersonali (TOFANELLI, 2018).

Quando le situazioni interferiscono nella strutturazione affettiva dell’uomo, si rifletterà sull’intero individuo, cioè modificherà la sua efficacia intelligibile, così come i suoi atteggiamenti e valori. Sulla base di questa comprensione, si può affermare l’importanza che deve essere avta in relazione alla formazione affettiva dell’essere umano (SILVA et al, 2019).

Alla luce di quanto sopra, si percepisce che l’affettività è un elemento intrinseco alla condizione umana, che influenza ed è influenzata da tutte le azioni dell’essere umano. Quando si manifesta in modo positivo, cioè quando è sentito dall’espressione di gioia, perseveranza, piacere, diventa un elemento di potenziale rilevante nelle relazioni umane, che aumenta la produttività dell’uomo in relazione all’ambiente in cui è inserito (TOFANELLI, 2018).

L’affettività è la componente dell’azione. Da questa prospettiva si comprende che l’affettività è una condizione psichica che da un contesto concreto o soggettivo può essere alterata o meno. È di fondamentale importanza in tutto il processo di sviluppo umano (PEREIRA et al, 2019).

Spetta all’infermiere coordinare, pianificare, supervisionare, i servizi forniti dalle équipe sanitarie. Dovrebbe prestare attenzione al paziente, oltre a fare questo follow-up per conoscere il livello di evoluzione del paziente. Dovrebbe avere un dialogo aperto e flessibile, servendo i pazienti con serenità e impegno (TREVISAN et al, 2016).

Data questa nuova realtà, le competenze degli infermieri sono di promuovere interventi, che possano contemplare tutti i desideri e le esigenze della popolazione locale. Guarire, promuovere e proteggere la salute del cittadino è un’altra competenza dell’infermiere. È importante che cerchi azioni, strategie in cui possa promuovere l’articolazione della conoscenza con le esperienze, in modo da poter assistere gli anziani nella loro cura contro la depressione (PEREIRA et al, 2019).

Il lavoro degli infermieri con gli anziani depressivi dovrebbe essere focalizzato su un lavoro umano, uno sguardo differenziato, rispettando le particolarità degli anziani, oltre a conoscere più da vicino la vera realtà sociale che sperimenta. Quando lo stesso inizia ad avere questo tipo di postura, risveglia nel paziente l’importanza dell’accoglienza e della solidarietà con l’altro e provoca ancora uno sviluppo, sia negli aspetti fisici che emotivi, rafforza per quanto riguarda il riconoscimento dei limiti dell’anziano depressivo (TREVISAN et al, 2016).

Gli infermieri hanno un impegno nei confronti della società, stabilendo il loro ruolo e fornendo una migliore assistenza alla popolazione. Ci fa riflettere sul fatto che i cambiamenti devono essere collocati con nuove prospettive per l’assistenza infermieristica, con cambiamenti nelle politiche e nella gestione della salute (MINAYO; CAVALCANTE, 2015).

Gli infermieri dovrebbero essere attenti, attenti, etici, responsabili, determinati, affettivi con gli anziani depressivi. Il tuo sguardo non dovrebbe essere classificatorio, o semplicemente guardare l’aspetto fisico, dovrebbe avere un lato umano, sensibile, ha bisogno di capire e capire gli anziani, dovrebbe promuovere un dialogo aperto, dove può accettare suggerimenti, che serviranno per la loro crescita professionale e personale (SILVA et al, 2019).

Le azioni della famiglia sono estremamente importanti per il trattamento della depressione. La famiglia in collaborazione con l’infermiere è il supporto primario in cui gli anziani depressivi hanno bisogno di fiducia per affrontare la loro malattia, e permettendo così agli anziani di essere inclusi nell’ambiente sociale (SILVA; NASCITA, 2017).

Il dibattito su come rendere la famiglia attivamente partecipe al trattamento della depressione degli anziani è una questione che ha attirato l’attenzione dei teorici che affrontano il problema, così come i medici, gli infermieri e tutti coloro che fanno parte del team multidisciplinare (TREVISAN et al, 2016).

Questa concezione dell’importanza della famiglia e della partnership infermieristica deve essere discussa e stimolata. Questa lotta è opportuna per il contributo nel processo di trattamento depressivo degli anziani, perché l’interazione della famiglia è un canale aperto di ricche possibilità di crescita per gli anziani nel trattamento (MINAYO; CAVALCANTE, 2015).

La famiglia appare come il principale supporto per gli anziani depressivi, fornisce numerosi benefici per mantenere la salute fisica e mentale degli anziani, cioè si configura come la principale fonte di supporto nel trattamento dei farmaci e del trattamento psicoterapeutico, e di conseguenza nella parte dell’assistenza domiciliare. (PEREIRA et al, 2019).

Dovrebbe essere chiaro che la famiglia è un fondamento per gli anziani depressivi, poiché consente benefici per mantenere la salute fisica e mentale degli anziani, è una fonte di supporto che aiuta gli anziani depressivi ad avere la loro qualità di vita, contribuendo così al loro inserimento nell’ambiente sociale. È in questo senso che spetta all’infermiere incoraggiare i familiari a seguire gli anziani depressivi, in modo che possano sentirsi più sicuri, consentendo alla loro cura di essere più veloce (SILVA et al, 2019).

L’ambiente familiare è indispensabile e interferisce direttamente con il comportamento e le caratteristiche degli anziani quotidianamente. Pertanto, è di fondamentale importanza che la famiglia fornisca un ambiente sano che non favorisca il conflitto e consenta agli anziani di partecipare alle decisioni del gruppo familiare in cui sono inseriti (SILVA et al, 2021).

Gli infermieri devono essere formati o specializzati per svolgere le loro funzioni in modo efficiente ed efficace, perché nel corso della storia si sono datori sempre più responsabilità. Questa qualifica è necessaria affinché il professionista infermieristico sia pronto a mettere in discussione e seguire i cambiamenti quotidiani, nonché a riflettere sulle proprie azioni, sulla propria pratica professionale (TOFANELLI, 2018).

Una serie di serie di cambiamenti ha sollevato alcuni prerequisiti rilevanti per la riflessione del ruolo degli infermieri. Attualmente l’obiettivo principale è il paziente, perché ha il diritto che gli è appropriato, ad esempio la salute, questo deriva dal fatto che la società sperimenta una metamorfosi e casualmente anche l’infermiere ha bisogno di seguire queste trasformazioni. Per questo motivo, il professionista ha un ruolo rilevante nell’Unità di Cure Primarie, poiché questa lotta affinché i pazienti / familiari abbiano un’assistenza di qualità e con innovazione alle procedure offerte loro (PEREIRA et al, 2019).

“L’assistenza primaria è un campo di molte possibilità per la salute mentale, poiché, in questo spazio, è possibile costruire cure complete e individualizzate per i pazienti con alterazioni psichiche” (VERAS, 2019, p. 57).

È essenziale che gli infermieri e tutto il personale ospedaliero formulino, architettano le loro azioni, si appropriano di nuove tecnologie, metodologie, sistematizzino la loro pianificazione, le loro azioni volte al benessere degli anziani depressivi (TREVISAN et al, 2016).

La qualifica del professionista infermieristico deve essere continua, perché le loro pratiche subiscono cambiamenti in base ai progressi della società. Le loro azioni dovrebbero essere significative, contribuendo così allo sviluppo personale, emotivo, sociale e culturale degli anziani depressivi. Ha una grande sfida da affrontare, cioè sviluppare azioni, politiche pubbliche nel loro ambiente di lavoro insieme ad altri professionisti (TOFANELLI, 2018).

Gli anziani depressivi hanno bisogno di cure che vanno oltre le espressioni fisiche e biologiche, per vari motivi che coinvolgono l’area del sapere e che fanno parte di diverse professioni che lottano per la continuità delle conoscenze dei ricoverati. È in questo senso che è necessario che il professionista infermieristico si qualifichi per conoscere il modo appropriato per guidare e guidare il paziente depressivo (TREVISAN, et al, 2016).

Gli infermieri devono presentarsi come un professionista qualificato e ben preparato per servire gli anziani e offrire più amore e affetto, incoraggiandoli alla crescita personale e allo svolgimento di nuovi ruoli che sono disponibili nella società, perché questi atteggiamenti possono salvare la loro cittadinanza e auto-valorizzazione (TOFANELLI, 2018).

Con i progressi che l’infermieristica ha raggiunto per anni, è necessario che abbia le conoscenze necessarie sulle leggi che governa, guida la sua area. Comprendere, comprendere e conoscere alcune norme, statuti, risoluzioni e altri, è necessario nella prassi dell’infermiere (VERAS, 2019).

Il lavoro degli infermieri dovrebbe essere focalizzato sul lavoro umano, uno sguardo differenziato, rispettando le particolarità dell’anziano depressivo, oltre a conoscere più da vicino la vera realtà sociale che sperimenta. Quando gli infermieri iniziano ad avere questo tipo di postura, gli anziani depressivi risvegliano l’importanza dell’accoglienza e della solidarietà con l’altro e provocano comunque uno sviluppo, sia negli aspetti fisici che emotivi, che si rafforza per quanto riguarda il riconoscimento dei limiti degli anziani (TOFANELLI, 2018).

L’assistenza infermieristica non è mai stata un compito facile, perché in questi anni è stata necessaria l’innovazione, l’avanzamento, l’apertura di nuove strade, l’affrontare grandi difficoltà, la resistenza per arrivare dove sono arrivati. Questi cambiamenti richiedono molte azioni e impegni, nuove responsabilità, un nuovo fare e agire (TREVISAN et al, 2016).

L’assistenza infermieristica è cresciuta in modo significativo e sta guadagnando sempre più spazio nell’area della salute. In questo senso, gli infermieri svolgono un ruolo rilevante all’interno delle unità sanitarie di base, perché si prendono cura della popolazione, così come la protezione della salute per i cittadini civili nelle loro diverse dimensioni. Deve essere sempre più deciso e proattivo, per soddisfare le richieste e le richieste di una nuova società (VERAS, 2019).

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Dalla presente rassegna narrativa è stato possibile percepire che l’invecchiamento è un processo fisiologico attraverso il quale ogni essere umano passa attraverso. Dal momento che siamo concepiti stiamo invecchiando, questo processo si estende per tutta la vita dell’individuo, essendo più percepibile intorno ai 60 anni. L’invecchiamento umano è un processo naturale di vulnerabilizzazione.

Alla fine della ricerca è stato riscontrato che la depressione è caratterizzata come una sindrome psichiatrica coinvolta da diversi fattori, come fattori psicologici comportamentali e fisici. Questa patologia si concentra su un cambiamento nell’aspetto emotivo che aumenta il tasso di morbilità e mortalità tra gli anziani.

Lo studio ci ha permesso di chiarire le principali cause della depressione e che la scala della depressione geriatrica è un mezzo semplice ed efficace per rilevare una condizione depressiva negli anziani. La depressione prevalente ha causato una preoccupazione significativa tra gli infermieri perché si riferisce a una malattia che impedisce agli anziani di avere una migliore qualità della vita e di esporsi a rischi.

La depressione negli anziani è più associata a problemi fisici, questo significa che quando gli anziani hanno dipendenza fisica, perdono automaticamente la loro autonomia, dove una buona parte di questi anziani finisce per essere ricoverata in ospedale o in istituti di asilo. In molti casi i sintomi della depressione negli anziani sono confusi con la propria patologia, facendoli mettere da parte la depressione, diventando sempre più debilitati, a volte raggiungendo la morte.

La famiglia influenza il comportamento e le abitudini degli anziani. Pertanto, è importante che la famiglia fornisca una casa tranquilla e accogliente in cui gli anziani si sentano utili e importanti.

Il lavoro degli infermieri con gli anziani depressivi dovrebbe essere indirizzato verso un lavoro umano, uno sguardo differenziato, rispettando le particolarità degli anziani, oltre a conoscere più da vicino la vera realtà sociale che sperimenta.

Pertanto, si può concludere che le strategie utilizzate dagli infermieri sono di fondamentale importanza nel recupero della depressione negli anziani, basate su indicazioni sull’importanza dell’uso di farmaci, chiarimento dei dubbi di questo pubblico di destinazione e soddisfare le loro richieste con più affetto e attenzione. Gli infermieri possono anche stimolare l’autostima e la creazione di nuove attività degli anziani nella società, incoraggiarli nella pratica di esercizi fisici e frequentare gruppi di anziani con il pieno sostegno della famiglia dove è di fondamentale importanza per il migliore ripristino della loro salute. Pertanto, ci si aspetta che questo studio possa contribuire a una migliore comprensione di questa malattia che colpisce la maggior parte degli anziani ed è mal diagnosticata, ma che cresce ogni giorno che si svolge nella nostra società.

RIFERIMENTI

 AIMI, Deusodete Rita da Silva. Pesquisa narrativa: reflexões sobre produções dos últimos 14 anos. Educação em Perspectiva. Viçosa, MG v. 11 p. 1-15| e 020018|2020

DANTAS, Isadora Leite Alves. Assistência ao idoso que convive com depressão na atenção básica: revisão narrativa de literatura. Trabalho de Conclusão de Curso. Cajazeiras – PB, 2018.

FIDELIS, Jailson Alves. Envelhecimento: as ações de enfermagem à idosos com depressão. Braz. J. of Develop., Curitiba, v. 6, n. 6, p. 39597-39607, jun. 2020.

GUIMARÃES, Ana Paula Rodrigues. A contribuição do enfermeiro na recuperação de idosos depressivos. Núcleo Interdisciplinar de Pesquisa. Artigo de Revisão, 2019.

LIMA, Vilne Jean Santos de. Cuidados de enfermagem à pessoa com depressão atendida na atenção primária de saúde. Revista Científica da FASETE 2017.

LIMA, Taciana Maria, et al. Intervenções de enfermagem em idosos depressivos: uma revisão da literatura. Brazilian Journal of Development, Curitiba, v.7, n.2, p. 11870-1666666633/////////1883 feb. 2020.

MARCONI, Marina; LAKATOS, Eva. Fundamentos de metodologia científica. 8. ed. São Paulo: Atlas, 2017.

MINAYO, Maria Cecília de Souza; CAVALCANTE, Fátima Gonçalves. Tentativas de suicídio entre pessoas idosas: revisão de literatura (2002/2013). Ciência & Saúde Coletiva, 20(6):1751-1762, 2015.

MORAES, Karlla Suellen Belem. Assistência de enfermagem a pacientes portadoresde depressão na terceira idade. Monografia. Palmas-TO, 2019.

PEREIRA, Brenda Roberta da Silva, et al. Atuação da enfermagem frente à depressão na população idosa. Revista Enfermagem Digital Cuidado e Promoção da Saúde 4 (1) Janeiro/Junho 2019.

QUEIROZ, Antonia Fabiana. Assistência de enfermagem na atenção básica a pessoa idosa com transtorno depressivo: uma revisão integrativa. Trabalho de Pesquisa. Mossoró- RN, 2020.

SILVA, Ledilson Ribeiro da, et al. Assistência de enfermagem a pessoa idosa com depressão. II Congresso Nacional de Envelhecimento Humano. 2019.

SILVA, Geise Rolim da; NASCIMENTO, Indianara do. A assistência da enfermagem no idoso com depressão: Revisão Integrativa da Literatura. Trabalho de Conclusão de Curso. Belém – PA, 2017.

SILVA, Brenda Caroline Martins da, et al. Importância da identificação do diagnóstico de enfermagem ao paciente com depressão senil na atenção básica. Research, Society and Development, v. 10, n.2, e53510212770, 2021.

TOFANELLI, Amanda Heloisa da Cruz Figueira. Sintomas depressivos em mulheres idosas: Aplicando a Escala de Depressão Geriátrica de Yesavage. Revista Científica do UNISALESIANO. Ano 9 – nº 19 – Julho/Dezembro 2018.

TREVISAN, Mauro, et al. O papel do enfermeiro na recuperação de idosos depressivos. Revista Eletrônica Gestão & Saúde. Vol.07, N°. 01, Ano 2016 p.428-40.

VERAS, Carla Nayara dos Santos Souza. Conhecimento de enfermeiros sobre sintomas depressivos em idosos e instrumentos de rastreio. Trabalho de Conclusão de Mestrado. Teresina, 2019.

[1] Studentessa in Infermieristica presso l’Università CEUMA.

[2] Insegnante.

[3] Specialista in Terapia Intensiva presso FABIC e Studente Magistrale in Chirurgia Sperimentale presso UEPA.

[4] Insegnante.

[5] Insegnante.

Inserito: Luglio 2021.

Approvato: Settembre 2021.

5/5 - (1 vote)

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here