L’intenzionalità del sistema educativo nel determinare chi e cosa viene appreso

0
11
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

PEREIRA, Katty Oliveira Silva [1]

PEREIRA, Katty Oliveira Silva. L’intenzionalità del sistema educativo nel determinare chi e cosa viene appreso. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 05, Vol. 05, pp. 84-96. maggio 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/viene-appreso

Dalle teorie sullo sviluppo dell’apprendimento emerse nel ventesimo secolo, evidenziamo le idee del Comportamentalismo e della Gestalt nel tentativo di decifrare come l’individuo apprende e importanti collaboratori come Piaget, Vygotsky e Bruner che hanno contribuito a comprendere la formazione dei processi cognitivi. Abbiamo cercato di comprendere il posizionamento delle diverse indagini sull’apprendimento utilizzando un’analisi comparativa tra gli autori citati, attraverso una revisione della letteratura al fine di verificare perché il sistema educativo soffre ancora dell’inefficienza delle prestazioni scolastiche degli studenti in diverse fasce di età, portandoci a riflettere sul motivo per cui gli studi sull’apprendimento servivano come base per controllare chi e cosa si apprende.

Parole chiave: apprendimento, sistema educativo, controllo.

1. INTRODUZIONE

Questo articolo ha lo scopo di identificare la ricerca che è emersa intorno ai processi di apprendimento da una breve analisi storica sugli studi sviluppati dal Comportamento e dalla Gesta[2]lt, oltre a oss[3]ervare i contributi apportati da esperti in materia come Piaget, Vygotsky e Bruner pe[4]r riflette[5]re criti[6]camente perché c’è così tanto investimento per capire i processi cognitivi dell’apprendimento se il sistema educativo a cui questa ricerca dovrebbe essere destinata a migliorare le prestazioni degli studenti continuaano a soffrire con problemi di base che vanno dalla formulazione del curriculum all’infrastruttura scolastica, interferendo negativamente con l’apprendimento.

Riflettere sui contributi della psicologia dell’istruzione nello svelare i processi che i bambini sperimentano durante lo sviluppo è diventato un sostegno alla pedagogia, ma è importante che gli attori dell’istruzione capiscano perché questo partenariato da solo non ha garantito il successo scolastico.

2. SVILUPPO

Quando analizziamo il contesto storico degli studi sul comportamento umano percepiamo un’evoluzione nel modo di guardare ai processi di apprendimento. L’interesse per questo studio è nato dall’analisi del comportamento animale, con la pubblicazione del Scientific Journal of Animal Psychology nel 1900, in Francia. Poco dopo, inizia lo studio del comportamento umano, dove in un primo momento la tendenza era quella di studiare i processi mentali “nel vuoto”, cioè isolati dai contesti sociali (COLOMBO, 2001). Le indagini sull’apprendimento hanno fatto molta strada, passando attraverso diversi studi che saranno analizzati fino a raggiungere un consenso sull’interferenza che il contesto sociale provoca nell’individuo.

2.1 BEHAVIORISM

L’interesse era quello di trasformare la psicologia in scienza, lasciando da parte speculazioni e idee intangibili come il termine anima, coscienza e mente, dal momento che non potevano essere misurate.

Secondo Topf (2006, p. 41) Watson si distingue in questo scenario, difendendo l’idea che “condurre è ciò che un organismo fa sotto forma di comportamento esterno e visibile”, quindi crea i problemi che alla base del comportamentismo, la comprensione che una risposta è provocata da uno stimolo e che era necessario osservare come questa risposta è stata appresa.

Questi problemi sollevarono una serie di ipotesi fino a raggiungere l’idea principale che le risposte si basano sul condizionamento, trasformando questi studi in “uno studio analitico della coscienza attraverso l’introspezione” (COLOMBO, 2001, p. 19). Da lì sono stati sviluppati una serie di test ed esperimenti, ma tutti nei laboratori, limitando il loro campo di studio. Pérez Gàmez (1993) spiega che Pavlov e[7] Skinner ut[8]ilizzano contributi che sono “aspetti parziali dei processi di apprendimento” e che “l’apprendimento non può essere inteso come una semplice relazione di input e output” riferendosi allo stimolo/risposta, che si verifica secondo l’autore, perché “ha una mediazione che si trasforma”. Aiutare a capire che il comportamentosi elimina la complessità dei processi di apprendimento.

2.2 GESTALT

Il suo studio è stato avviato da Werthe[9]imer in Germania quando ha inventato un esperimento chiamato strobo, che ha mostrato un’illusione o un “movimento apparente” spiegato secondo Colombo (2001, p. 35) come “un prodotto dell’equilibrio raggiunto tra le interazioni e le forze presenti tra l’attuale campo temporale e spaziale dell’esperienza”. Questa spiegazione si basa sull’idea che non è il passato che influenza la percezione dell’individuo, ma il campo in cui viene inserito.

L’idea chiave di Kohler[10] (1948) che “il tutto è più della somma delle parti”, è diventata una dichiarazione importante per spiegare il tutto come punto di partenza delle esperienze psicologiche e mai come punto di arrivo.

Gestalt ha definito alcune leggi per comprendere il funzionamento del cervello che governa il campo percettivo, adottando un approccio strutturalista, cercando di comprendere le espressioni dal punto di vista dinamico, lasciando da parte le esperienze precedenti, cercando metodi di osservazione e sperimentazione, senza frammentazione di esse.

La sua influenza è stata evidenziata negli studi di personalità, motivazione, psicologia sociale e dinamiche di gruppo. Gestalt si è distinto dal comportamento comprendendo che l’intelligenza creativa è al di là dell’intelligenza riproduttiva.

2.3 PIAGET, VYGOTSKY E BRUNER

Secondo Colombo (2001, p. 42) “Piaget distrusse la concezione dell’imlogicalità del pensiero infantile. Può dimostrare che il pensiero logico ha un lungo processo di costruzione che precede anche le fasi di manifestazione della condotta linguistica.”  Questa ricerca per comprendere il processo di costruzione del pensiero infantile ha portato il ricercatore ad avere come una domanda guida: come si passa da uno stato di minore conoscenza a uno stato di maggiore conoscenza? La ricerca delle risposte è nata attraverso l’osservazione nei bambini che hanno dato origine alla psicologia genetica.

Colombo (2001, p. 48) spiega che “per Piaget la conoscenza non è uno stato, ma un processo attivo”. Questa conoscenza è risvegliata dall’interazione tra soggetto e oggetto. Per capire come questo processo si verifica Piaget studia le strutture che formano le categorie cognoscitive, spiegando il soggetto epistemico “i meccanismi comuni a tutti i singoli soggetti dello stesso livello”. La sua idea si concentra sulla ricerca delle caratteristiche comuni agli individui e non sulle loro peculiarità. Pertanto, sviluppa lo studio delle strutture cognoscitive, stabilendo fasi di sviluppo che spiegano le interferenze che si verificano attraverso la mediazione nel comportamento dell’individuo che consente i loro progressi e battute d’arresto.

Questo è il modo in cui ha determinato che c’è un periodo di assimilazione, alloggio e adattamento per i processi intellettuali a verificarsi secondo le organizzazioni di pensiero superiore. Ha chiamato gli stati di sviluppo intellettuale come periodi di intelligenza sensoriale-motoria, periodo di intelligenza rappresentativa e periodo di intelligenza operativa: concreto e formale, uno dei quali succede l’altro, espandendo il grado di maturità del bambino.

Piaget indica anche l’affettività e la motivazione come fattori importanti per lo sviluppo, secondo Colombo (2001, p. 74) “Per Piaget è la dimensione energetica di ogni comportamento, perché non c’è condotta umana, così intellettuale che non coinvolge fattori affettivi”. Gli aspetti affettivi sono fondamentali nei processi di mediazione, influenzando i processi di apprendimento.

Vygotsky a sua volta cercò di decostruire l’idea che si possa studiare l’uomo separato dal suo contesto sociale. Colombo (2001) spiega che:

La proposta di Vygotsky per la comprensione della mente umana offre una nuova prospettiva che parte dal presupposto che ogni funzione intellettuale deve essere spiegata dal suo rapporto essenziale con le condizioni storiche e culturali (COLOMBO, 2001, p. 78).

Vygotsky cercava una linea di pensiero innovativa per il suo tempo, cercando di capire tutto come in continuo movimento e mutevole basato sull’idea che tra mediazione ci sono strumenti e segni, interconnessi la vita sociale dell’individuo, credendo che ci fosse la dimensione biologica, la dimensione storica e culturale che il soggetto è inserito, interpretando come le trasformazioni in questo contesto modificassero il comportamento degli individui. L’autore mette in evidenza il linguaggio come un asse importante per lo sviluppo umano e l’importanza dell’interazione nel processo di apprendimento.

Columbus (2001, p. 111) spiega che per Vygotsky “il buon apprendimento è quello che ha origine dall’educazione assistita da adulti, il compagno più capace”. Da questa idea definisce il concetto di zona di sviluppo proximal e reale, mostrando ciò che il bambino è in grado di fare da solo e ciò che può raggiungere con l’aiuto dell’altro.

Bruner, nelle sue indagini, concentra anche il suo lavoro su come la mente funziona dagli strumenti a sua disposizione, da una dipendenza dalla cultura. L’autore spiega che “l’apprendimento e il pensiero sono sempre situati in un contesto culturale e dipendono sempre dall’uso delle risorse culturali” (BRUNER, 1996, p. 22). Questo perché le comunità creano e trasformano i significati delle cose.

L’educazione è citata da Bruner come una cultura che riflette la distribuzione del potere, quindi crede che l’insegnamento dovrebbe aiutare lo studente a imparare a chiedere, in quanto potrebbe quindi scoprire il modo migliore per imparare. Sono anche d’accordo sul fatto che le emozioni sono legate alla costruzione della realtà, difendo l’idea che “l’educazione è un’incarnazione importante dello stile di vita di una cultura, non semplicemente la preparazione ad essa”. (BRUNER, 1996, p. 31). Questa concezione ci aiuta a comprendere la prospettiva psicoculturale dell’educazione, riflettendo sull’importanza dell’educazione nella vita dell’individuo e della società, così è diventato noto per la sua proposta di “rivoluzione culturale”.

Secondo Bruner, il soggetto codifica e classifica i dati che arrivano dall’ambiente circostante attraverso le categorie che deve capire, dal momento che Piaget ha detto che era una rivoluzione cognitiva.

Avendo i suoi studi focalizzati sul campo educativo, Bruner (1997) spiega:

Lo studente non dovrebbe parlare di fisica, storia, matematica… senza fare fisica, storia o matematica. La conoscenza veramente acquisita è una conoscenza che si riscopre. Un programma si basa su fasi successive dello stesso campo della conoscenza e mira a promuovere l’apprendimento (BRUNER, 1997, p. 24).

Questa idea ha dato origine al concetto di ‘curriculum a spirale’ che sostiene che lo studente costruisce il suo apprendimento secondo il proprio intelletto che cambia dall’interazione con l’ambiente, approfondendo sempre di più e meglio la conoscenza corrispondente allo sviluppo cognitivo dello studente.

Questi tre pensatori hanno influenzato in modo significativo la comprensione dei processi di apprendimento, consentendo agli educatori di comprendere l’importanza di rispettare il livello di maturità dello studente, valorizzando il processo di interazione e la parola, oltre a consentire al processo di sperimentazione di acquisire un apprendimento significativo.

3. CHI È INTERESSATO ALL’INSEGNAMENTO E ALL’APPRENDIMENTO

Tutte le indagini condotte sul processo di apprendimento sono servite a guidare gli interventi educativi, per aiutare gli insegnanti nelle sfide quotidiane che sono in classe, ognuno con i loro diversi punti di vista hanno contribuito e lasciato lacune, per quanto analizzando criticamente ciascuna di queste teorie ci porterà a capire gli interessi dietro queste ricerche. Secondo Pérez Gomez (1993):

Le teorie del condizionamento operativo hanno contribuito in modo potente alla comprensione dei fenomeni di acquisizione, ritenzione, estinzione e trasferimento di alcuni semplici tipi di apprendimento o di componenti importanti dell’intero processo di apprendimento (PÉREZ G.Me, 1993, p. 38).

In modo superficiale, il comportamentismo ha permesso di comprendere e produrre alcuni fenomeni del processo di apprendimento, con un campo di studio limitato, non si rese conto che l’apprendimento va oltre un processo meccanico che associa attraverso la stimolazione, la risposta e le ricompense.

Per spiegare la gestalt, Pérez Gomez (1993) chiarisce:

Considerano l’apprendimento come un processo di dare significato, significato alle situazioni in cui si trova l’individuo. Sotto le manifestazioni osservabili, si sviluppano processi cognitivi di discernimento e ricerca intenzionale di obiettivi e obiettivi (PÉE G.M.

Gestalt ha capito che l’apprendimento dipende anche dalle forze che interagiscono intorno all’individuo, modificando le loro percezioni e portandole a produrre atteggiamenti dominati da queste influenze.

Pérez Gomez (1993, p. 43) spiega che quando Piaget appare nello scenario, ci lascia il suo profondo contributo alla psicologia genetica spiegando che “l’apprendimento è sia un fattore che un prodotto di sviluppo”.  Si stabilisce che in questo processo c’è maturazione, esperienza fisica, interazione sociale ed equilibrio, in modo che l’apprendimento avvenga utilizzando strumenti e interventi che contribuiscono allo sviluppo.

Vygotsky a sua volta contribuisce con chiarimenti dalla zona di sviluppo potenziale e proximal, stabilendo il rapporto tra dialettica e apprendimento, perché secondo Pérez Gàmez (1993, p. 50) “questo porta ad una dinamica perfettamente influenzata, entro i limiti degli interventi precisi di apprendimento intenzionalmente guidato”. Vygotsky aiuta a capire che tutto ciò che un individuo può fare con l’aiuto di oggi può avere successo da solo domani, come gli scambi lo metterà in contatto con idee, significati e intenzioni che saranno parte della sua formazione.

A complemento dei contributi, Bruner (1973) dirige il suo lavoro direttamente alle attività scolastiche, sostenendo una riforma curricolare che mirava ad approfondire la conoscenza degli studenti, dove difende l’apprendimento attraverso la scoperta, adeguatamente la struttura cognitiva dello studente, con i contenuti lavorati in forma a spirale, perché col passare del tempo il contenuto viene ripreso, approfondendolo, per essere in grado di “andare oltre le informazioni fornite”. Questa concezione implicava una vera e propria rivoluzione nel modo di guardare alla responsabilità della scuola e dei processi didattici.

Anche con tutti gli studi che sono stati lasciati di eredità del ventesimo secolo sul processo di apprendimento, vediamo ancora che al giorno d’oggi ci sono difficoltà di una buona esecuzione del ruolo della scuola in diversi paesi. Questo perché secondo Annoni (2004) “dalla dimensione istituzionale si intende il complesso delle determinazioni politiche, economiche, ideologiche, culturali che governano, sanciscono o legittimano i processi strutturati del discorso pedagogico”. Sono proprio queste istituzioni educative che stabiliscono come gli studenti dovrebbero raggiungere il successo scolastico, dove l’autore cita Michel Foucault che affronta questa situazione come “forme sociali e politiche istituite di conoscenza e potere” (ANNONI, 2004 apud FOUCAULT, 1989).

Nell’analisi del potere troviamo nelle istituzioni l’imposizione dell’autorità di esercitare il controllo, prendendo come punto di partenza il curriculum e le valutazioni che sono determinate da agenzie che sono lontane dagli studenti e di conseguenza non conoscono il loro contesto, ma determinano il contenuto che sarà messo a disposizione dello studente.

Se analizziamo il pregiudizio politico, percepiremo uno studio psicologico bidirezionale, poiché l’intero processo di indagine è servito in alcuni momenti con lo scopo di determinismo, cercando di separare i bambini normali da coloro che hanno avuto difficoltà di apprendimento, l’imposizione di divisione per fasce d’età, al servizio degli interessi delle politiche educative che rafforzano l’esclusione, dando spazio alla scuola per eleggere il fallito e di successo , fungendo da controllo sociale nella misura in cui impone l’inserimento nel mercato del lavoro nell’esercizio di posizioni migliori e altri impone un abbandono cognitivo, sociale e affettivo, producendo manodopera a basso costo che è utile e indispensabile per il sistema capitalista.

Se ci sono indagini per conoscere i processi che coinvolgono l’apprendimento, non ha senso la mancanza di struttura delle istituzioni. La cosa più saggia sarebbe che ogni scuola si adattasse i processi di insegnamento e apprendimento al proprio contesto storico e sociale e non seguisse gli ordini di una base unica in un paese così diversificato con realtà così diverse.

Annoni (2004) spiega che “lo Stato appare come questa moderna matrice di individualizzazione: una nuova forma di potere pastorale, una struttura sofisticata in cui gli individui possono essere integrati attraverso tecniche sia “individualizzanti” che tecniche di “globalizzazione”.  Lo Stato trasferisce la sua responsabilità all’individuo, attraverso il concetto di meritocrazia, inserendola in un contesto globale e di controllo che determina un modello di comportamento e a che tipo di conoscenza può avere accesso.

Le politiche educative non sempre servono al bene comune, così come l’uso per quanto riguarda l’apprendimento non erano sempre destinate a migliorare la qualità dell’insegnamento, perché se fossero il caso i programmi sarebbero discussi ed elaborati da insegnanti che sperimentano la realtà scolastica e non da rappresentanti che svolgono attività burocratiche, in agenzie federali che non hanno idea dei problemi che le scuole rurali attraversano , quilombolas, periferia e grandi centri urbani.

C’è ancora un problema serio nell’educazione degli insegnanti, perché gli insegnanti sono laureati per essere in una classe e per riprodurre gli interessi delle politiche educative senza nemmeno essere consapevoli di ciò che fanno, contribuendo allo studente di essere sottomesso agli interessi dello Stato, come annoni (2004) spiega, “Un organismo può essere manipolato, formato, istruito, obbedito e risponde, consente una documentazione tecnica/politica attraverso regolamenti empirici e riflettenti e procedure per il controllo delle sue operazioni.” In questo contesto, l’autore si riferisce agli studenti che devono lasciare la scuola per essere obbedienti al sistema, capaci solo di servire a produrre le richieste dello Stato, utilizzando la facoltà come una massa di manovra per raggiungere questo obiettivo, perché la loro base formativa è strutturata nella razionalità classica, nella violenza simbolica e nel dialogo verticale, in una traiettoria di sovraccarico negli insegnanti di fare burocratico all’interno di istituzioni educative al punto da non riflettere sul loro lavoro pedagogico , con il discorso demagogo di trasformare la realtà, ma riproducendo pratiche tradizionali il cui studente è oggetto e non soggetto.

4. CONSIDERAZIONI FINALI

L’apprendimento è al centro dell’insegnamento, quindi tutti gli educatori dovrebbero riflettere criticamente sul loro ruolo, sul tipo di lavoro che faranno per preparare gli studenti a praticare i dotti e ad agire attivamente nella società globalizzata.

Non si adatta più a nessun tipo di riproduzione degli interessi dello Stato, poiché ci rendiamo conto del controllo e della manipolazione che si celano da parte degli interessi di mercato nel trasformare lo spazio di apprendimento in un imbuto che elegge una minoranza per il successo. È necessario utilizzare queste informazioni per l’esercizio di liberare le menti, mediare con gli studenti il vero processo di costruzione dell’apprendimento, rintingere le pratiche pedagogiche che osservano la materia epistemica, rispettandola e costruendo insieme le basi della vera educazione.

Il processo di insegnamento e di apprendimento deve essere collegato all’affettività, in modo che l’attenzione si basi sul rapporto degli insegnanti degli studenti, sulla valorizzazione degli attori educativi. Per questo, il rendimento di ogni professionista dell’istruzione dovrebbe essere indirizzato ai principi dell’equità, dando a tutti le stesse opportunità attraverso un’istruzione basata sulla criticità dell’ambiente circostante della scuola, non solo a seguito di un curriculum scontestualizzato che sovraccarica e distrae la comunità scolastica al vero impegno dell’istruzione che è quello di pensare e non accumulare informazioni.

Al momento riconosciamo il discorso di controllo, esclusione e sottomissione, ogni insegnante avvierà una rivoluzione all’interno della propria classe, esercitando l’autonomia e la flessibilità per rompere con i paradigmi istituzionali, selezionando contenuti rilevanti e significativi, in grado di promuovere la trasformazione sociale attraverso un’educazione critica in modo che i nostri studenti possano rompere con le correnti che li imprigionano e limitano il loro apprendimento.

Riferimenti

ANNONI, M. E. Dimensión institucional del Aprendizaje: su formulación desde el pensamiento crítico de M. Foucault. In: Ponencia en II Jornada de Pensamiento Crítico “La crítica como subversión”- Secretaría de Ciencia y Tecnología. Facultad de Psicología. UNR. Rosario: Mimeo, 2004, p. 1 – 8.

BRUNER, J. S.  Going Beyond the Information Given. New York: Norton, 1973.

BRUNER, J. Cultura, mente y educación. In: ______ La educación, puerta de la cultura. (13º ed.) En Madrid: Aprendizaje Visor, 1996. Cap. 1, p. 14 – 32.

BRUNER, J. S. La educación, puerta de la cultura. Madrid: Visor,1997.

COLOMBO, M. E.; STASIEJKO, H. Psicología: la actividad mental. Buenos Aires: Eudeba, 2001.

FOUCAULT, M. Vigiar y Castigar. Siglo XXI (I Reimpresión argentina), 1989.

PÉREZ GÓMEZ, A. Los procesos de enseñanza-aprendizaje: análisis didáctico de las principales teorías del aprendizaje. In: SACRISTÁN, G. Comprender y transformar la enseñanza. (4ª ed.) Madrid: Morata, 1993. cap. 5, p. 37 – 50.

PIAGET, J.  Psicología de la inteligencia. Buenos Aires: Siglo Veinte. Psicología, 1991.

TÖPF, J. Modelo estímulo respuesta. In: _____. En Psicología. La conducta humana. Buenos Aires: Eudeba, 2006, cap. 1, p. 20 – 42.

TERÁN, O. Michel Foucault Discurso, Poder e Subjetividad. Buenos Aires, Ed. Cielo Por Asalto, 1995.

VYGOTSKY, L. Pensamiento y Lenguaje. Buenos Aires/Argentina: Fausto, 1995.

____________. El desarrollo de los procesos psicológicos superiores. México: Grijalbo, 1988.

APPENDIX – RIFERIMENTI FOOTNOTE

2. Il comportamento sono approcci psicologici del XIX e XX secolo per studiare il comportamento umano e animale.

3. La Gestalt emerse all’inizio del XX secolo, essendo conosciuta come psicologia della forma per cercare di rendere esplicito ciò che è implicito.

4. Jean Piaget (1896 – 1980) Biologo, psicologo ed epistemologo svizzero che ha fondato l’epistemologia genetica, teoria della conoscenza basata sullo studio della genesi psicologica del pensiero umano.

5. Lev Semyonovich Vygotsky (1896 – 1934) psicologo russo che propone psicologia storico-culturale.

6. Jerome Bruner (1915 – 2016) Lo psicologo americano studia la mente che negli anni ’60 era conosciuta come rivoluzione cognitiva.

7. Ivan Petrovich Pavlov (1849 – 1946) fisiologo russo noto per il suo lavoro sul condizionamento classico.

8. Burrhus Frederick Skinner (1904 – 1990) psicologo americano che sviluppò l’analisi del comportamento attraverso il condizionamento operativo.

9. Max Wertheimer (1880 – 1943) theco psicologo che divenne uno dei fondatori della gestalt.

10. Lo psicologo della Gestalt, Wolfgang Kohler (1997 – 1967).

[1] Dottorato di ricerca in Scienze dell’Educazione presso l’Università Nazionale di Rosario/Argentina, Master in Istruzione Superiore presso l’Università Nazionale di Rosario/Argentina e Pedagogo presso l’Università Salvador/Brasile.

Inviato: marzo 2020.

Approvato: maggio 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here