Filosofia e Educazione Fisica, Appendice evolutiva?

0
428
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

SCHOENBERGER, Valdenir [1]

SCHOENBERGER, Valdenir. Filosofia e Educazione Fisica, appendice evolutiva?. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Edizione 08. Anno 02, Vol. 02. pp 122-130, novembre 2017. ISSN:2448-0959 

sommario

Filosofia ed Educazione fisica, materie scolastiche prese in tempi moderni come due lontani parenti lungo dimenticati, che sono a volte soppiantato da soggetti presi più importanza nello scenario attuale (portoghese e matematica), rappresentano l'appendice evolutivo maggiore rilevanza nel settore in evoluzione sapiens. E 'stato grazie alla loro capacità cognitive di comunicare e la loro capacità fisica di muoversi che l'uomo primitivo potrebbe salire i gradini evolutivi e lasciare alle spalle le specie più adatte nella corsa per la sopravvivenza. Pensando ai cambiamenti climatici, le grandi migrazioni, costumi degli animali, l'uso di utensili, l'up-calore dal fuoco, la costruzione dei capi e delle società, impianti e coltivare per la sussistenza, manierismi fisici durante la caccia , raccolta e messa a dimora; Motore gestualização accompagna l'uomo nel tempo. Questi sono i principali fattori che hanno reso l'uomo ad essere dominante sulla terra. Abbiamo estratto prima di tutto, siamo in grado di prevedere prima di provare. E, armato di un intelletto che è in costante piangere su tutto e tutti, abbinato una capacità fisica enorme, che ci trasforma da quadrupedi in bipedi, abbiamo stabilito un nuovo lato in senso evolutivo ad evolversi. Questo studio ha lo scopo di favorire la discussione circa l'importanza delle discipline di educazione fisica e della filosofia nel corso della storia umana e della sua attuale scuola di significato. Concludiamo che l'educazione fisica e la filosofia sono i componenti chiave per l'evoluzione dell'uomo che cammina in questo modo devono essere trattate piena ininterrotta nel contesto scolastico in corso.

Parola chiave: Filosofia, Educazione Fisica, Pedagogia.

Sapiens ei loro primi passi verso filosofia

Quando i nostri primi antenati camminavano sulla terra a circa 2,5 milioni di anni fa, armato con un cervello di circa 600 centimetri cubi, e niente di più che la volontà di prevalere su altre specie (cioè, se avessero avuto questo idea in mente), abbiamo percorso una lunga strada da quando l'erezione supporto, la produzione dei primi strumenti e armi, gruppi di formazione per la raccolta e la caccia, l'addomesticamento del fuoco, la produzione alimentare, lo sviluppo del linguaggio e la rivoluzione cognitiva (Harari, 2015) . In un certo senso possiamo diagnosticare in questo modo si evolvono rapidamente e con successo, tenendo conto della biodiversità esistente e non esistente che ci accompagna nel corso della storia.

Ma ciò che viene in mente è un rilevante e comune sconosciuto a tutti, che ci ha favorito in questo cammino evolutivo? Siamo in grado di aumentare la maturazione e un significativo miglioramento nel nostro sistema neurale potrebbe aver fornito in tale vantaggio; o la formazione di reti sociali e cooperative che nel tempo si sono trasformati in città e poi in città.

Quando pensiamo a qualcosa (persone, oggetti, relazioni, ecc) si può astrarre da ciò che conosciamo e comprendiamo su altre situazioni, ad esempio se abbiamo cercato nella nostra memoria ram data immagine e formulássemos di questo desiderato, una vasta gamma di situazioni in ordine, tuttavia, possono ugualmente fare queste astrazioni insieme e nella società.  Come si è detto (Harari, 2015, p. 33):

"E 'relativamente facile essere d'accordo che solo l'homo sapiens può parlare di cose che in realtà non esistono e credono in una mezza dozzina di cose impossibil[…]i."

"Siamo in grado di tessere miti condivisi, come la storia della creazione biblica, i miti di tempo sogno di australiani aborigeni e miti nazionalistici degli Stati moderni. Tali miti danno sapiens capacità senza precedenti di cooperare modo versatile e in gran numero. "

In questo modo l'uomo è sopravvissuto e prosperato sulle altre specie con un ampio e vasto capacità di astrazione di tutte le cose possibili. La vista di qualcosa, lo scorcio della inesistente, immaginario; tutta questa gamma di possibilità appartenenti al ominide creato e cravatte espanse, possibilità di costruzione, influenzato e incoraggiato, esercitato capacità creativa; definizione di nuove regole e parametri stabiliti, che può e deve essere fatto; e come dovrebbe essere fatto. Ci meravigliamo il grande capacity building delle api, com'è bella la dimora di alcune specie di uccelli, ma solo l'uomo è in grado di vedere in anticipo; di prevedere le incoerenze e le impossibilità durante il progetto, calcolare e analizzare i pro ei contro nel corso di una battuta di caccia, riflettono ciò che è stato ieri e calcolare quello che sarà domani, credere che una nuova vita dopo la sua terra fine, e quindi sapiens preso il volo , si alzò in piedi su due gambe e impostare la sua carriera su di te e il paesaggio che lo circonda. E così l'uomo è venuto a conoscenza in questo modo egli può guardare in alto e vedere il mondo, così l'uomo può filosofare, il suo più grande capacità evolutiva, l'atto del pensare. Secondo tali dichiarazioni può elencare le considerazioni (CHAUI 2000: 05.) che definiscono:

"Nella nostra vita di tutti i giorni, abbiamo affermare, negare, il desiderio, accettare o rifiutare le cose, le persone, le situazioni. Chiediamo domande come "che ore sono?" O "Che giorno è?". Diciamo frasi come "lui sta sognando," o "lei era pazza." Facciamo affermazioni quali "dove c'è fumo c'è il fuoco", o "non uscire sotto la pioggia per non è cool." Valutiamo le cose e le persone, dicendo, per esempio, "questa casa è più bella dell'altra" e "Maria è più giovane di Glorinha".

Il nucleo filosofica, l'epicentro interlocutore della filosofia inizia in discussione e confutare la massima prevista dalle suddette verità o credenze, così abbiamo potuto configurarlo in una semplice frase: non si può considerare corretto ciò che abbiamo pensato per essere vero, così portiamo l'esemplificazione Socrate, dove ha affermato di essere la verità indiscussa filosofica, il detto: "so che non so nulla" (CHAUI, 2000). Il principio di questa conoscenza nel considerare nostra ignoranza (modo non bestiali), ma un'ignoranza che ci siano scollegati dalla verità che ci circondano, e dove, il primo passo sarebbe la molto il riconoscimento di tale situazione.

Quando i primi ominidi in dubbio il motivo per cui si sentiva la fame, il freddo, la sete, il sonno, defecare, fare sesso, avevano bisogno di vestiti, il fuoco, il cibo, l'alloggio; che dovrebbe unire per una migliore riuscita a raccolta e la caccia; quando impostato è meglio stare nella savana per una migliore vista dei dintorni, perché la macchia era un po 'forte e ha registrato quattro osservazione è diventato difficile; quando hanno stabilito legami di amicizia e di famiglia creando così una società organizzata; quando le regole sono state create ed istituite per supportare al meglio il gruppo di persone che sono state dettami guida per ciò che può e non può fare, abbiamo stabilito un profondo legame che abbiamo con noi stessi, con il mondo che ci circonda e con gli altri della nostra specie fu solo allora che abbiamo cominciato a creare una società fondata e basata su principi fisici, psicologici, emotivi, storici, sociali e culturali. Capisco me stesso prima di capire il mondo intorno a me, ho capito il mondo intorno a me prima di capire il prossimo, ho capito la prossima prima di capire le relazioni storiche, sociali e culturali che solavancaram l'uomo al livello in cui siamo oggi. Siamo radicati in un circolo vizioso che stabilisce le risposte corrette alle più disposti a chiedere.

Come pure define (FERREIRA, 2004, p 406.) La filosofia è: "l[…]o studio che mira ad ampliare continuamente la comprensione della realtà per cogliere nella sua interezza" in questo modo siamo in grado di prendere in considerazione la filosofia come mezzo di assorbimento e la comprensione di tutto ciò che ci circonda, neppure escludere nulla.

E che l'educazione fisica, che è in ogni caso?

Quando sentiamo il seguente detto popolare: "Chi ha la bocca va a Roma," noi consideriamo un fatto significativo l'atto evolutiva dell'uomo. In questa breve frase che abbiamo sollevato due punti importanti a cui l'ominide quadrupede non avrebbe mai lasciato o evoluti ai livelli attuali. In primo luogo dobbiamo attenerci a un atto verbale, vale a dire, parlando, gesticolando attraverso discorso con terze parti per ottenere e diffondere informazioni, e come abbiamo visto nel paragrafo precedente, è stato grazie alla nostra capacità di astrazione, la capacità di filosofare siamo in grado di stare in per le altre specie. In seguito dobbiamo considerare la nostra capacità fisica per ottenere qualcosa o essere in grado di arrivare da qualche parte dobbiamo andare avanti, eseguire l'atto fisico di lasciare il nostro stato di inerzia e intorno a noi. E in questo caso, così pieno (Tojal, 2004, p 153-154.):

"Il movimento umano emerge da corporeità come un segnale è nel mondo per qualcosa, cioè, come un segno di un progetto, e in questo modo l'uomo è la presenza nello spazio e nella storia, con il corpo, nel corpo, poiché il corpo e attraverso il corpo, poiché praticamente non c'è differenza tra motore e realizzazione, dal momento che entrambi sono parte della complessità biologica del umano".

Così l'uomo primitivo è stato in grado, attraverso i movimenti pre-esistenti e in seguito addestrato e automatizzato riverberano le loro capacità atletiche sul campo di battaglia africana, o cacciare o essere cacciate. I primi ominidi chiamati cacciatori raccoglitori si muovevano continuamente (mese, settimana, giorno) prendendo tutti i suoi effetti personali, dobbiamo anche sottolineare che questo periodo storico c'erano animali da soma, né l'avvento della ruota come una forma di condivisione del carico, che è stato accusato di decine o centinaia di chilometri (HAHARI, 2015). Sempre secondo l'autore (2015, p 57-58.):

"Il sapiens non sarebbe venuto solo in cerca di cibo e materie. Inoltre sono andati fuori per cercare la conoscenza. Per sopravvivere, avevano bisogno di una mappa mentale dettagliata del suo territorio. Per massimizzare l'efficienza della loro quotidiana ricerca di cibo, avevano bisogno di informazioni sui modelli di crescita di ogni pianta e le abitudini di ogni animale. Avevano bisogno di sapere ciò che gli alimenti erano nutriente, quali erano nocivi, e che potrebbe essere utilizzato come medicina e come. Necessario per conoscere l'andamento delle stagioni e dei segnali di allarme che hanno preceduto una tempesta o di un periodo di siccità. Hanno studiato ogni corrente, noce, orso delle caverne e depositano Flint nelle vicinanze. Ogni individuo bisogno di capire come fare un coltello di pietra, come rammendare una veste strappata, preparando una trappola per un coniglio e come affrontare le valanghe, morsi di serpente o di leoni affamati. "

A prima vista o gli occhi di un profano, si può contemplare un ritardo / apprendimento deficit e il miglioramento del motore quando si tratta di abilità fisiche sviluppate da ominidi. Ma oltre a punti (Harari, 2015) un cacciatore raccoglitore dovrebbe trasformare un pezzo di pietra in una punta di diamante in una questione di minuti, un compito che sarebbe vergognoso non riuscire quando si cerca di imitare, come la maggior parte di noi manca una conoscenza approfondita specifica sui materiali primari (selce e basalto) e la mancanza di capacità motorie per il pieno sviluppo del lavoro.

Al giorno d'oggi non abbiamo bisogno di una vasta gamma di caccia e di raccolta delle competenze, grazie alla comprensione dell'importanza e sviluppo delle società da sapiens, godono oggi con una vita sociale, con la quale possiamo contare su: casa, scuola, club, mercato, farmacia, ospedale, parchi, etc. Diventiamo esseri civilizzati, esseri sociali agli albori della scientifica. Ma in un certo senso, ci mancano ancora in movimento, abbiamo bisogno di questa capacità umana di compiere gesti complessi ad un dispendio energetico completo e una fuga dal inattività fisica latente. Nello stesso modo in cui la filosofia questo per un interrogatorio perfetto circa le varie incognite della vita, l'educazione fisica è quello di fare jogging un perfetto culturalmente. Come il nostro antenato pensato e si è trasferito a vivere nei primi giorni del genere umano, anche oggi; Dobbiamo pensare e ci movimentarmo per una perfetta qualità di vita fisica e intellettuale.

Educazione fisica disciplinato ha al suo centro, nella sua più significativa all'interno di un consolidamento pedagogica, cioè una disciplina normativa che espongono e illustrano i suoi insegnamenti attraverso una pratica didattica, istruttivo che si traduce in obiettivi concreti nel formare polarizzazione in questo modo, essa non può essere intesa o confinato in gnoseologico propri principi, vale a dire la scientifica o filosofica (GAYA, 1994). Allo stesso tempo, sottolinea l'autore (1994, p. 32):

"A nostro avviso, significa impostarlo come un corpo di conoscenze (disciplina), che stabilisce forma concreta (attraverso i nostri corsi brevi della nostra azione o pratica di insegnamento) un insieme di formule astratte (precetti etici, morali, politiche e estetica) che indicano come qualcosa è quello di essere in qualsiasi situazione in cui si ammettono i giudizi ".

L'importanza fondamentale di educazione fisica è contenuta nella sua rilevanza come componente educativa e pedagogica, riverbera la sua valenza incrollabile e indispensabile come soggetto curriculum, e come si configura come un valori di azione di sponsor e le attitudini, le competenze e il comportamento umano, che l'espressione in azione pedagogica di un mediatore pedagogico (l'insegnante di educazione fisica), che dagli elementi di cultura fisica (sport, gioco, danza, ginnastica e attività ricreative) impone una crescita di maturazione intenzionale è indispensabile (a causa in particolare la specificità di educazione fisica) nella formazione dei bambini e dei giovani, questa comprensione predispone che l'educazione fisica è tutto il movimento, che opera nel campo educativo, in tal modo assume una cadenza valori normativi da quello che dovrebbe essere insegnato o imparato come rilevante nella cultura fisica, stile di vita e in promo zione Salute (GAYA, 1994).

Quindi non essere di fondamentale importanza profonda rivalutazione per il valore e il significato attribuito filosofia e educazione fisica, perché come presentata nei capitoli precedenti, queste due discipline rendimento e sviluppato insieme stampaggio umani ed essere sovrastampato del nostro breve traiettoria.

Pensieri finali

Noi consideriamo l'evoluzione umana, dai resti di scimmie (ancora dormienti quando ci manca la logica) a due passi, ma significativamente produttive. Filosofia e dell'educazione fisica sono due valenze che vanno di pari passo fin dall'inizio e che avevano un valore straordinario per la nostra specie, la filosofia (come si pensa dal nulla), a differenza di put oggi, che in disaccordo con le osservazioni prese come verità ultime e l'educazione fisica (come puro movimento di camminare, saltare, accovacciarsi, ecc), a differenza presentato per l'uomo contemporaneo, organizzato come i movimenti del corpo e le attività ricreative storici e culturali.

Nel corso degli anni la filosofia e l'educazione fisica hanno plasmato e stato plasmato da uomo, la natura essenziale per la sopravvivenza nelle savane africane, ora abbiamo una componente di risparmio in queste due discipline, per preparare l'uomo per l'inattività fisica e mentale. uomo moderno nel suo conservatorismo energia vive un'inerzia corpo dove rappresentano solo ruoli di supporto. poco si pratica il pensiero e pensa poca attività fisica. Rimaniamo quasi invariato rispetto ai homo sapiens nella struttura fisica categoria, ma è cresciuto a parte, e quando si tratta di iniziativa e l'indipendenza nel pensiero e movimento, creiamo una rete di strutture che ci impediscono di essere proattivi.

Siamo consapevoli che la scuola – un sistema dinamico e complesso – il palco principale per una piena e completa attuazione e la continuità di questo evolutivo passeggiata sia per il fitness e per la filosofia. E 'stato grazie a questi presupposti abbiamo deciso di fare questa analisi qui presentata, le cui dimensioni suggeriscono aspetti significativi da considerare circa i soggetti di cui sopra. Concludiamo che il dibattito sulla valorizzazione dei soggetti e il loro significato nel corso costruzione uomo dovrebbe essere fortemente basato su spazi di formazione della scuola, sia nella formazione iniziale e in continua, fornendo una ristrutturazione sociale radicata in valori di solidarietà e piena convivenza con l'altro.

RIFERIMENTI

CHAUI, Marilena. Invito alla filosofia. Ed. Attica, São Paulo, 2000.

FERREIRA, Aurélio Buarque de Holanda. Dizionario della lingua portoghese. 6 ° ed. 896f. Curitiba: positiva del 2005.

GAYA, Adroaldo. Ma dopo tutto, che cosa è l'educazione fisica? Movimento, Porto Alegre, anno 01, n. 01, p. 29-34, set, 1994.

HAHARI, Yuval Noah, Sapiens – Una breve storia del genere umano – 1 ° ed. – Porto Alegre, RS: L & PM 2015.

Tojal, J. G. B. A., educazione fisica a Human Kinetics – La preparazione del professionista. Lisbona / Portogallo: Editore Piaget, 2004.

[1] Professore presso la Rete Stato del Mato Grosso Istruzione – Laureato in Educazione Fisica, Post-laurea in Educazione Fisica e Master in Scienze della Formazione.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here