Bullismo contro i bambini obesi in ambiente scolastico e le sue conseguenze

0
2000
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

PEREIRA, Fátima Luciana [1], MACIEL, Rosana Mendes [2]

PEREIRA, Fátima Luciana; MACIEL, Rosana Mendes. Bullismo contro i bambini obesi in ambiente scolastico e le sue conseguenze. Rivista scientifica multidisciplinare Core della conoscenza. 01 anno. 11 ° edizione. Vol. 10, pp. 249-260. Novembre 2016. ISSN: 2448-0959

L'argomento è rilevante per analizzare l'approccio di bullismo in classe, nell'insegnamento della scienza e dimostrano il ruolo dell'insegnante come palestra di questo processo. Questa recensione mirato ad analizzare il bullismo contro i bambini obesi e il ruolo dell'insegnante di fronte la situazione, discutere quando il bullismo in classe, come così come le loro conseguenze e dimostrare agli studenti l'importanza del rispetto delle differenze. Evidenziare la necessità di dimostrare agli studenti l'importanza delle differenze e di rispetto. Lo studio presente è stato condotto attraverso la rassegna letteraria di modo esplorativo e qualitativa, avendo come fonti di articoli scientifici, tesi, tesi di laurea, riviste e quotidiani, in modo che le ricerche sono state fatte nelle biblioteche, banche dati sui siti Web Internet. Sono stati usati per le parole chiave di ricerca: bullismo, l'obesità infantile, educatore. Oltre ad usare materiali che sono legate alla formazione e bullismo nelle scuole.  I materiali pubblicati o registrati sono stati il periodo dell'anno 2004 al 2016 e il periodo dell'indagine era gennaio 2016 al luglio 2016. Il bullismo è un atto di violenza che purtroppo si concretizza nelle aule in tutto il paese. Le vittime soffrono questa situazione a scuola e, in alcuni casi, anche accanto alla famiglia e hanno bisogno di sostegno psicologico per ridurre al minimo le conseguenze. Pertanto, la scuola deve essere meglio preparata ad affrontare questa situazione.

Parole chiave: Bullismo, l'obesità infantile, educatore.

1. CONSIDERAZIONI INIZIALI

Bullismo, secondo Zootesco (2010), è un atto di violenza fisica o emozionale, perpetrato contro una persona o un gruppo di persone, tra le quali uno può evidenziare quelle che soffrono di obesità. Per Mattos et al. (2012), queste situazioni si verificano a causa di norme imposte dalla società e loro stereotipi di giusto o sbagliato e brutta o bella.

Secondo Smith e legno (2011), l'obesità è una patologia cronica che ha come caratteristica principale l'accumulo di grasso in tutto il corpo, è multifattoriale e può essere associata con predisposizione genetica, nutrizione insufficiente e/o eccessiva, condizioni socio-economiche e psicologiche.  Secondo Giugliano e Carneiro (2004), l'obesità è aumentato considerevolmente negli ultimi anni.

Secondo Rabin (2015), "sovrappeso" è la principale spiegazione razionale dietro il bullismo contro i bambini e questa realtà va ben oltre l'aula.  Spesso, la discriminazione e la presa in giro con i bambini obesi partono da famiglia propria non capisco l'obesità come una malattia. Queste situazioni portano a gravi conseguenze per le vittime.

Albuquerque, Williams e D ' affonseca (2013) sono tra le modifiche principali conseguenze psichiatriche ed emozionale, come disturbi d'ansia e depressione, disturbi alimentari, Difficoltà trattare con sentimenti e bassa autostima. Queste possono portare anche al suicidio.

Il professore ha un ruolo fondamentale nel controllo di queste situazioni.  Meotti e Perícoli (2013) sostengono che è attraverso gli atteggiamenti dell'insegnante in Aula che lo studente passa per rispetto di coloro che vivono in questo ambiente. Così, l'insegnante è esempio degli studenti e ha un ruolo importante come loro idoneità.

Ricerche sono in corso per valutare le scuole bullyingnas e statistica presenta una spaventosa realtà. Secondo la ricerca effettuata dal centro per l'imprenditoria sociale e l'amministrazione nel terzo settore (2010), nell'anno del 2009, la maggioranza degli studenti hanno sperimentato una situazione di questo tipo di violenza. E secondo queste indagini i genitori e gli studenti sostengono che le scuole non sono disposti a trattare con esso.

L'argomento è rilevante per analizzare l'approccio di bullismo in classe, nell'insegnamento della scienza e dimostrano il ruolo dell'insegnante come palestra di questo processo. Questo disegno è stato scelto con la proposta di aggiungere conoscenza sull'argomento per futuri educatori e dimostrano l'importanza di trasmettere queste discussioni ai loro studenti.

L'obiettivo dello studio presente per analizzare il bullismo contro i bambini obesi e il ruolo dell'insegnante di fronte alla situazione, argomentando quando il bullismo in aula, diverse situazioni. Oltre ad analizzare le conseguenze del bullismo per i bambini obesi e il ruolo dell'insegnante davanti a situazioni, dimostra suoi studenti l'importanza del rispetto delle differenze.

Il presente studio è stato condotto attraverso revisione letteraria, modo esplorativo e qualitativa, navigando in libri, articoli scientifici, monografie, tesi di laurea, tesi, riviste ecc, in modo che le ricerche sono state fatte nelle librerie, banche dati su siti internet come il SCIELO. Sono stati usati per le parole chiave di ricerca: bullismo, l'obesità infantile, educatore. Oltre ad usare materiali che sono legate alla formazione e bullismo nelle scuole.  I materiali pubblicati o registrati saranno preferibilmente nel periodo del 2004 al 2016 e il periodo dell'indagine era gennaio 2016 al luglio 2016.

2. BULLISMO E OBESITÀ

Il bullismo è un atto di violenza fisica o emozionale, perpetrato contro una persona o un gruppo di persone. Purtroppo, nella società di oggi il bullismo è parte della routine Aula, discriminazione si pone in molti modi, ma uno dei principali approcci fin dall'inizio sono i bambini obesi. "Forse quello che la popolazione non ha ancora capito, è che l'obesità non è una scelta, ma la condizione dell'individuo. "(ZOTESSO, 2015, pag. 1)

Secondo Costa, Souza e Oliveira (2012), Fame classifica studenti in quattro categorie in relazione al bullismo: obiettivi, autori, pubblico e obiettivi/autori. Gli obiettivi sono vittime di bullismo, sono di solito poco socievole e ha bassa autostima e insicurezza, che li rende più inclini a subire violenza; Gli autori sono coloro che impegnarsi in bullismo, sono i più forti della classe e in genere provengono da famiglie disgregate dove c'è il comportamento violento e un po' affetto. Gli spettatori sono i testimoni di assistere e accompagnare la pratica della violenza, ma non la pratica. Obiettivi/autori sono studenti che soffrono e pratica del bullismo, scaricando l'aggressione ai colleghi.

Secondo Mattos et al. (2012), la società attuale impone norme, soprattutto quando si riferisce al quadro estetico, quindi il bullismo emerge dal momento che qualcosa o qualcuno corre fuori di questo modello. Sempre seguendo questa linea di ragionamento corpo sottile è lo standard accettato dalla società, si cerca di promuovere misure per standardizzare tutti, soprattutto i bambini e gli adolescenti. "Un aspetto di questa violenza è l'imposizione di una" normale "sociale, espresso nelle diete restrittive come strategia terapeutica, seguendo il modello di una curva di crescita per l'infanzia e l'adolescenza. "(MATTOS et al., 2012, p. 74)

Secondo l'autore di sopra di quelli che non cercano o non può andare bene in alcuni standard imposti dalla società in cui vivono, in questo caso, direttamente legate alla cura del corpo, subire pregiudizio e sono esclusi in molti modi. In questo modo è possibile analizzare che questo bullismo in Aula viene fuori di esso.

Secondo Smith e legno (2011) l'obesità è una sorta di patologia cronica che ha come caratteristica principale l'accumulo di grasso in tutto il corpo. Obesità, multifattoriale e può essere associata con predisposizione genetica, nutrizione insufficiente e/o condizioni di eccessiva, socio-economiche e psicologiche.

Secondo una ricerca fatta dall'autore sopra il consumo in eccesso di cibi caricati con i grassi saturi e zuccheri associati a uno stile di vita sedentario, è tra le principali cause dell'obesità infantile. Piatti preparati in reti di fast food sono un classico esempio di errata e l'alimentazione di routine nella nostra attuale società.

Giugliano e Carneiro (2004) affermano che l'obesità sta aumentando considerevolmente negli ultimi decenni, a causa del progresso tecnologico, che ha incoraggiato i bambini a diventare sempre più sedentario, lasciando da parte l'attività fisica, uno con carta essenziale nella lotta contro l'obesità.

L'obesità può iniziare a qualsiasi età, innescato da fattori quali lo svezzamento precoce, l'introduzione di scarsità di cibo, comportamento alimentare disturbi e relazioni familiari, soprattutto durante i periodi di crescita accelerata. (GIUGLIANO e RAM 2004)

Secondo Rabin (2015) "sovrappeso" è la principale spiegazione razionale dietro il bullismo contro bambini e qualcosa deve essere fatto a questo proposito, poiché questa situazione va ben oltre l'aula. Ha detto uno studio che coinvolge più di 400 medici, ha rivelati che più del 30% degli intervistati lo spurgo fresco è l'obesità come una condizione a cui ha risposto negativamente, proprio dietro la tossicodipendenza, la malattia mentale e l'alcolismo. Inoltre, durante l'indagine dal CDC (centri per il controllo e la prevenzione) quasi la metà dei giovane sovrappeso segnalato provocazioni fatte dai membri della famiglia.

Secondo l'autore sopra, inoltre per subire pregiudizio, i bambini obesi spesso sono accusati di essere in sovrappeso. La società non è in grado di capire che l'obesità supera di gran lunga il cibo e incredibile diete non sono la risposta per inquadrare questi ragazzi in un determinato modello.

Sempre secondo lo stesso autore, alcune persone sostengono che il bullismo contro questi ragazzi sarebbe una sorta di "incentivo" per lo stesso controllo delle abitudini alimentari e migliorare il fisico, ma ciò che avviene ed esattamente l'opposto, in questi momenti iniziare il disturbi alimentari e frequenti assenze in classe. "Gli studenti che sono chiamati grassi durante le lezioni di educazione fisica, ad esempio, finiscono uccidendo le lezioni per evitare le critiche. "(RABIN, 2015, pag. 2). In questo modo, i bambini obesi soffrono ancora di più, più la maggior parte del tempo non essendo soddisfatto con il peso, il pregiudizio imposto depressione trigger, invertito con binge eating cosa peggiora l'immagine dell'obesità.

3. CONSEGUENZE DEL BULLISMO PER I BAMBINI OBESI

Bambini e adolescenti che sono atti di bullismo tendono a trattare con le sue conseguenze, siano essi anche immediato o ritardato. Secondo Albuquerque, Williams e D ' affonseca (2013), una delle conseguenze principali può essere psichiatrica e cambiamenti emotivi di stato tra questi depressione, disturbi d'ansia, bassa autostima, estrema solitudine, Difficoltà ad affrontare sentimenti e anche i tentativi di suicidio e, naturalmente, la consumazione di questo.

Secondo l'autore precedente, un altro grande problema sono i psicossomatizações subiti dalle vittime del bullismo, dove possiamo osservare nella maggior parte dei casi frequenti dolori testa e stomaco, vertigini, disturbi del sonno, encorpe ed enuresi soprattutto di notte.  Le conseguenze del bullismo ha colpito entrambe le vittime come gli autori e spettatori. Per i aggressors le conseguenze compreso tra difficoltà nell'apprendimento e coinvolgimento con illegalità. "Bassi risultati accademici, abbandono scolastico, impegnarsi in comportamenti infracionais, problemi con il sistema giuridico e l'abuso di sostanze. "(ALBUQUERQUE; WILLIAMS; D ' AFFONSECA, p. 93, 2013). Secondo Adario (2012), gli spettatori per il vostro tempo sentono insicuri a causa della violenza quotidiana che testimone.

All'interno la salute fisica ed emotiva, bassa resistenza immunitaria e su autostima, lo stress, sintomi psicosomatici, disturbi psicologici, fobia, depressione e suicidio. Per gli "aggressori", la distanza e la mancanza di adattamento per gli obiettivi della scuola, la sopravvalutazione della violenza come mezzo per ottenere potere, lo sviluppo delle competenze per la futura condotta criminale, nonché la proiezione delle condutture violenti in età adulta. Per gli "spettatori", che è la maggior parte degli studenti, possono sentirsi insicurezza, ansia, paura e stress, compromettere il processo educativo (ADARIO, pag. 1, 2012)

Quando gli episodi di bullismo si verificano in ambiente scolastico la vittima di studente di questa violenza può essere impegnata e questo darà chiari segni di esso, è ciò che sostengono Miranda e Mauriz (2012).

Alcuni indicatori possono segnalare il disinteresse degli studenti nella scuola, pure come sento male tutto il tempo ho lasciato la casa, chiedere di cambiare scuola, paura di andando o tornando da scuola, l'ordinazione per essere accompagnati a scuola, spesso cambiando il percorso tra la casa e la scuola sono anche molto comune ed è direttamente influenzato il rendimento scolastico di questi studenti. (MIRANDA; MUNIZ, p. 5, 2012)

Albuquerque, Williams e D ' affonseca (2013), sostengono che le vittime di bullismo in classe possono star in episodi di aggressione in questo stesso modo fine ambiente. Gli autori dimostrano la tua teoria citando un rapporto di Vossekuil et al (2002).

Tale relazione, preparato dagli Stati Uniti servizio segreto esaminato 37 incidenti mortali assalti alle scuole nello stesso paese, tra il 1974 e il 2000, affermando che quasi 3/4 degli assassini erano stati vittime di bullismo, mobbing in alcuni casi grave e persistente, con una storia di sentirsi minacciati e perseguitati.  (VOSSEKUIL et al, pag. 15, 2002)

Gli autori di cui sopra, ancora evidenziare un caso si è verificato in Brasile nel 2011 per illustrare la questione della violenza generata dal bullismo in una scuola di Realengo a Rio de Janeiro, dove un ex studente irruzione gli studenti di 11 uccisi e feriti altri 13, suicidarsi subito dopo.  Secondo Lopes Neto (2005), questi episodi di violenza gli autori non hanno specifiche vittime. Così l'intenzione sarebbe quella di uccidere la scuola a causa della sofferenza che associano questo posto.

I bambini che sono vittime di bullismo dal vostro stato di obesità, oltre le conseguenze elencate sopra, possono ancora soffrono di disturbi alimentari. Spiccano tra queste anoressia e la bulimia. "Anoressia nervosa è caratterizzata da perdita di peso intenso a scapito di diete rigorose che sono che auto imposto finalizzati a una frenetica ricerca di raggiungere la condizione di magrezza, accompagnata da una significativa distorsione dell'immagine corporea e l'espressione di amenorrea. Nervosa di bulimia, per il vostro tempo, è caratterizzato dall'ingestione di cibo grande di modo rapido e intenso associato a una sensazione di perdita di controllo – i cosiddetti "episodi bulimici (ABREU; CANGELLI figlio, 154 p., 2005).

Questi può essere definiti come episodi bulimici autoindução di vomito e lassativi uso della sostanza per evitare aumento di peso. Arágon (2012), cita due esempi: lo studente Ashlee Renee e il fotografo Maria Leone; In primo luogo dopo aver sofferto di anoressia dopo aver subito bullismo ex-fidanzato e gli amici a causa di obesità e la seconda dopo aver sofferto di bulimia dopo diversi episodi di bullismo dai loro amici.

4. IL RUOLO DELL'INSEGNANTE A FRONTE DI BULLISMO IN AMBIENTE SCOLASTICO

Il professore ha un ruolo fondamentale per mitigare le situazioni di bullismo in classe. Secondo Meotti e Perícoli (2013), è attraverso l'insegnante ed i loro atteggiamenti in classe, gli studenti tendono a rispettare le differenze dei colleghi, fra loro il fisico tipo. Nelle scuole si svolge, in molti casi, primo contatto dell'individuo con persone diverse, che hanno non le stesse credenze religiose o perché sono fisicamente diversi, come i genitori non sono al passo con la vita quotidiana di questi bambini e adolescenti, il Professore li rende fin dai primi anni fino all'high school circa l'importanza dei valori umani, compreso il rispetto.

Secondo il centro per l'imprenditoria sociale e l'amministrazione nel terzo settore-CEATS (2010), la ricerca fatta dal team e presentati nella relazione che piano relative al bullismo in ambiente scolastico ha dimostrato che uno degli studenti intervistati 10% sostengono di subire questa violenza costantemente, 30% sono state vittime almeno una volta e 70% testimoniare questa situazione spesso. L'autore afferma anche che nella maggior parte dei casi le scuole non sono disposti ad affrontare il bullismo.

Secondo l'autore sopra citato sopra, alcune scuole adottano misure per prevenire tale violenza, quali conferenze e discussioni, utilizzando interdisciplinarità e coinvolgendo principalmente scuola di filosofia, sociologia e valori umani (formazione di gruppo religioso). Secondo le indagini condotte la maggioranza degli insegnanti afferma che tenta di mantenere la famiglia degli assalitori che si sono verificati è vane, poiché gran parte del tempo che la famiglia non crede a quello che sta succedendo e in alcuni casi anche il supporto atteggiamenti. Cercate di evitare di bullismo scuola inoltre cerca di punire i aggressors, con avvertenze e sospensioni anche, ma più spesso non ha alcun effetto. Una delle più importanti relazioni fatta da insegnanti di cui alla mancanza di informazioni e preparazione per affrontare queste situazioni. Per Garcia e rossi (2011), il primo passo che dovrebbe essere dato dalla scuola è che la preparazione degli insegnanti con loro specializzati professionisti consapevoli circa le conseguenze del bullismo nella vita dell'individuo che è vittima.

Secondo CEATS (2010), in alcuni casi, anche la mancanza di preparazione, questa situazione sfugge al controllo della scuola in questi casi il 5.5% della pretesa di intervistati che segnalare l'accaduto alla Cps e lasciare lo stesso prendere atteggiamenti appropriati e trigger di 3,1% del Polizia, di solito in casi dove c'è il coinvolgimento di violenza fisica. 3,9% degli intervistati già sorpresi con la sua risposta, perché dicono che ignorare la violenza che si è verificato. Il fatto descritto in precedenza è uno degli elementi di prova della mancanza di preparazione delle scuole per affrontare la situazione.

Gomes e rossi (2011), affermazione che per prevenire il bullismo nelle scuole, una delle misure da adottare con urgenza dalle scuole e che ha dimostrato grandi risultati in cui già adottato è l'educazione inclusiva, che consiste di presentare la differenze e dimostrare l'importanza dello stesso modo ognuno di noi ha una convivenza armonica. In questo processo sono gli studenti con disabilità, visiva e cognitiva anche nelle aule di formazione normale.

Secondo CEATS (2010), la relazione presenta anche altri dati preoccupanti piano riguardo alla relazione delle scuole ai genitori casi di violenza. Mentre gli studenti sostengono che gli atteggiamenti degli educatori dipende i metodi adottati dalle istituzioni educative, i genitori sostengono che il professore non ha alcuna preparazione per affrontare questi conflitti e così sono legato sulla situazione. I genitori dicono che nella maggior parte dei casi la scuola non adotta alcuna azione e non assumere atteggiamenti, o quando non è così flessibile che diventa quasi impercettibile.  Secondo l'indagine i genitori credono che se le misure adottate dalla scuola contro gli aggressori erano le punizioni rigorose farebbe diminuire la violenza.

-Mark, Pasini e Levandowski (2013), relazione che c'è un enorme bisogno per l'adozione di politiche pubbliche di invertire la situazione di discriminazione nell'ambiente scolastico. Vale la pena di sottolineare che le conseguenze causate dai marchi lasciati dall'effetto di bullismo loro vittime per il resto della loro vita, mostrando questi fatti per gli studenti e gli insegnanti possono ottenere la diminuzione di questi casi a scuola.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Il bullismo è un atto di violenza che purtroppo si concretizza nelle aule in tutto il paese. Le vittime soffrono di questa situazione a scuola e, in alcuni casi, persino dalla famiglia. Le conseguenze psicologiche, variando da disturbi alimentari, depressione e ansia, anche al suicidio. Le vittime hanno bisogno di supporto psicologico e sostegno alle famiglie per ridurre al minimo le conseguenze.

Pertanto, la scuola deve essere meglio preparata ad affrontare questa situazione e gli insegnanti devono essere formati da professionisti esperti nell'aria. I genitori dovrebbero partecipare attivamente alla vita dei bambini a scuola ed essere consapevoli di tali atti e gli attaccanti devono avere specifiche punizioni.

RIFERIMENTI

ABREU, Cristiano Nabuco; CANGELLI figlio, Raphael. Anoressia nervosa e bulimia nervosa: un approccio cognitivo-costruttivista alla psicoterapia. Psicologia: teoria e pratica, consolazione, v. 7, n. 1, p. 153-166, jul. 2005.

ADARIO, Daniela Demski. CONSEGUENZE PSICOLOGICHE E BULLISMO. 2012. Disponibile a: <https: www.portaleducacao.com.br/educacao/artigos/20932/bullying-e-as-suas-consequencias-psicologicas="">.</https:> Accesso a: 16 ago. 2016.

ALBUQUERQUE, Paloma Pegolo WILLIAMS, Lucia Cavalcanti de Albuquerque; D ' AFFONSECA, Sabrina Mazo. Disordine di sforzo di effetti tardivi di bullismo e post-traumatico: una revisione critica. Psicologia: Teoria e ricerca, San Carlos, v. 29, n. 1, p. 91-98, jan. 2013. Trimestrali.

ARAGÓN, Anna Luiza. Bullismo, il nemico si nasconde dietro l'anoressia e la bulimia. 2012. Disponibile a: <http: www.fiamfaam.br/momento/?pg="leitura&id=4021&cat=0">.</http:> Accesso a: 14 Aug. 2016.

CEATS, imprenditoria sociale e nel terzo settore – interfaccia di amministrazione. Piano scuola bullismo nella relazione finale Brasile. 2010. Disponibile a: <http: www.promenino.org.br/portals/0/pesquisabullying.pdf="">.</http:> Accesso a: 08 set. 2016.

CORNACHIONI, Tatiana Müller; ZADRA, Cristina Jiane Masson; San Valentino, Andréia. Obesità infantile nella scuola e l'importanza dell'esercizio fisico. Efdeportes.com, Buenos Aires, v. 157, n. 16, p. 1-1, jun. 2011. Disponibile a: <http: www.efdeportes.com/efd157/a-obesidade-infantil-na-escola.htm="">.</http:> Accesso a: 23 mar. 2016.

Miguel Pinto da COSTA, Liam; OLIVEIRA, Valeria Marques de; SOUZA, Marcos Aguiar. L'obesità infantile e bullismo: l'ottica degli insegnanti. Formazione e ricerca, São Paulo, v. 38, n. 3, p. 653-664, jul. 2012. Trimestrali.

DUTRA, Valesca da Silva; SANDHU, Benedetto. Riflettendo su discriminazione e del pregiudizio con il corpo nello spazio. Efdeportes.com, Buenos Aires, v. 152, n. 15, p. 1-1, jan. 2011. Disponibile a: <http: www.efdeportes.com/efd152/a-discriminacao-com-o-corpo-no-espaco-escolar.htm="">.</http:> Accesso a: 18 mar. 2016.

ESPÍNDOLA, Cibele Ribeiro; BLAY, Sérgio Luís. Bulimia e binge eating disorder: una rassegna sistematica e meta-sintesi. Revista de Psiquiatria, Porto Alegre, v. 28, n. 3, p. 265-275, impostate. 2006. Tre volte l'anno.

GIUGLIANO, Rodolfo; CASTRO, Elizabeth C.. Fattori associati con l'obesità in scolari. Giornale di pediatria, Rio de Janeiro, v. 80, n. 1, p. 17-22, 2004

GOMES, Ana Elizabeth George; REZENDE, Luciana Krauss. Riflessioni sul bullismo nella realtà brasiliana. Cadernos de Pós-graduação em sviluppo disturbi, São Paulo, v. 11, n. 1, p. 112-119, 2011.

Lee-Neto, bullismo a. a. – comportamento aggressivo tra gli studenti. Giornale di pediatria, Rio de Janeiro, v. 81, n. 1, p. 164-172, 2005

 MATTOS, Rafael da Silva et al. L'obesità e il bullismo nell'infanzia e nell'adolescenza: lo stigma di grasso. Demetra: salute e nutrizione, Rio de Janeiro, v. 7, n. 2, p. 71-84, 2012.

MEOTTI, Juliane PERÍCOLI, Marcelo. POSTURA DELL'INSEGNANTE A FRONTE DI BULLISMO IN CLASSE. Panoramic, Barra do Garça, v. 15, n. 1, p. 66-84, 10. 2013.

MIRANDA, Alex Barbosa Shaffer; MAURIZ, Naila Luiza de Carvalho. Le conseguenze psicosociali di bullismo nel rendimento scolastico. 2012. Disponibile a: <https: psicologado.com/atuacao/psicologia-escolar/as-consequencias-psicossociais-do-bullying-no-rendimento-escolar="">.</https:> Accesso a: 08 ago. 2016.

-MARK, Junie ascia; PASINI, Audri Agnes; LEVANDOWSKI, Gabriel. Il bullismo a scuola in Brasile: una rassegna di articoli scientifici. Psicologia: teoria e pratica, nuova Amburgo, v. 15, n. 2, p. 203-215, maggio 2013. Tre volte l'anno.

RABIN, Roni Caryn. L'obesità è la principale spiegazione razionale dietro il bullismo contro crianças5.  2015. Disponibile a: <http: mulher.uol.com.br/gravidez-e-filhos/noticias/redacao/2015/07/16/obesidade-e-principal-justificativa-por-tras-do-bullying-contra-criancas.htm="">.</http:> Accesso a: 16 mar. 2016.

SOARES, Gabriela da Costa; Legno, Maria Zélia de Araújo. I FATTORI CHE INFLUISCONO SULL'OBESITÀ INFANTILE: UNA REVISIONE DELLA LETTERATURA. 2011.  Disponibile a:<http: apps.cofen.gov.br/cbcenf/sistemainscricoes/arquivostrabalhos/i40163.e10.t7059.d6ap.pdf="">.</http:> Accesso a: 19 Apr. 2016.

Bryan VOSSEKUIL et al. La relazione finale e i risultati dell'iniziativa scuola sicura:: Implicazioni per la prevenzione degli attacchi di scuola negli Stati Uniti. 2002. Disponibile a: <http: www.popcenter.org/problems/bomb_threats/pdfs/vossekuil_etal_2002.pdf="">.</http:> Accesso a: 20 Apr. 16.

ZOTESSO, Marina. IL PREGIUDIZIO GRASSO DELLA SOCIETÀ MODERNA. 2015. Disponibile a: <http: obviousmag.org/em_cada_esquina/2015/o-gordo-preconceito-da-sociedade-moderna.html="">.</http:> Accesso a: 16 mar. 2016.

[1] Studente della facoltà di scienze biologiche Patos de Minas (FPM) formando durante l'anno 2016.

[2] Professore di metodologia, politiche pubbliche, gestione della formazione, tirocinio supervisionato e Tcc facoltà Patos de Minas. Laurea Magistrale in educazione presso la Universidade Federal de Uberlândia.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here