REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Pierre Bourdieu: Contributi alle ruote di lettura nella biblioteca universitaria

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

BUSQUET, Leandro Martins Cota [1]

BUSQUET, Leandro Martins Cota. Pierre Bourdieu: Contributi alle ruote di lettura nella biblioteca universitaria. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol. 11, pp. 20-25. dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/formazione-it/ruote-di-lettura

RIEPILOGO

Questo articolo loda la ruota di lettura come categoria di analisi centrale della ricerca e trasformazione collettiva della realtà. Vengono presentate diverse possibilità di lettura e cultura. L’articolo sostiene l’arte di leggere come favorevole alla costruzione di una possibile cittadinanza. Vengono sottolineati i contributi di Bourdieu al sistema di istruzione superiore e in particolare alle ruote di lettura. Così, secondo il sociologo francese, la cultura dominante interferisce frustrando le culture popolari nel mondo accademico. Egli afferma che vi sono aspetti riguardanti il potere attraverso quattro capitali: economico, sociale, culturale e simbolico, inoltre, segnala ciò che chiama campo e habitus come sensi intenzionali o meno. Questo articolo traccia un parallelo con la biblioteca universitaria come promotore del dialogo e le ruote di lettura come collaboratori nel processo di costruzione di un quadro teorico-metodologico per gli studenti di questo “campo”. Un altro parallelo è tracciato tra le ruote di lettura e la teoria bourdieusiana riconoscendo il bibliotecario come mediatore di questo processo in cui la neutralità non esiste. Vengono promosse inferenze tra i pensieri del sociologo francese, le ruote di lettura e la biblioteca universitaria. Conclude che ci sono diversi progetti antagonisti di socialità e la comunità accademica, in particolare gli studenti, sono agenti di trasformazione sociale.

Parole chiave: Lettura, Pierre Bourdieu, Ruote di lettura, Biblioteca universitaria, Trasformazione aziendale.

1. INTRODUZIONE

Attualmente la lettura è diventata la categoria di analisi centrale di molti studiosi. È noto che attraverso quest’arte emergono condizioni di significato e di dimissioni della realtà sociale in cui si vive. Pertanto, questo movimento contribuisce non solo a uno sguardo differenziato immediato, ma anche a costruzioni collettive di conoscenza che superano una visione lineare della cultura. L’immagine che si vede di se stessi, dell’altro e del mondo inizia a presentare molteplici possibilità di intervento, cioè una capacità cognitiva collaborativa che dà la priorità alla condivisione di idee.

In queste complessità, la lettura può anche essere intesa come un facilitatore della comunicazione umana rafforzando ed espandendo i legami. A volte questa associazione si verifica in modo apparentemente intimo, cioè solo autore e lettore. In altre situazioni, il collegamento si verifica in modo comunitario. Non si può superare l’altro perché si ritiene che entrambi contribuiscano alla costruzione di un’eventuale cittadinanza. La crescita personale e sociale che si acquisisce da questa pratica è qualcosa di storico e incommensurabile se si considera che ogni agente sociale offre alla sua “i” e alla comunità in cui c’è l’emersão di vari elementi, vale a dire: culturale, sociale, politico, economico, filosofico, artistico, psichico, tra gli altri.

Da questa spiegazione, è necessario svelare brevemente il principio guida che è alla base delle ipotesi di base di Pierre Bourdieu in materia di istruzione. Si sottolinea che ogni teoria ha i suoi limiti e le sue possibilità, ma qui siamo interessati solo ai contributi. In questo caso specifico, sarà vantaggioso creare un dialogo con l’istruzione universitaria, perché i pensieri del sociologo francese non finiscono in se stessi, ma piuttosto favoriscono questo svolgersi, quando prendono in considerazione la loro visione critica dell’orizzonte epistemologico presente.

2. TEORIE BOURDIEU: UN DIALOGO NECESSARIO PER IL RENDIMENTO EDUCATIVO DEL BIBLIOTECARIO DELL’UNIVERSITÀ

Il sociologo francese comprende l’individuo come un essere distinto dotato di strumentalità da innumerevoli luoghi, come le proprie famiglie e le proprie culture. Grosso modo, l’autore in questione affronta alcuni assi che meritano di essere evidenziati: capitale economico, capitale sociale, capitale culturale e capitale simbolico. Il capitale economico corrisponde al reddito per il mantenimento della vita, il capitale sociale potrebbe essere inteso oggi come una sorta di rete o una rete di sostegno, il capitale culturale sarebbe riguardante tutta la formazione acquisita all’interno della scuola, qualcosa di più formale. Il capitale simbolico sarebbe una sorta di status, cioè una grande notorietà.

Tuttavia, nel tracciare un parallelo con l’istruzione universitaria, Pierre Bourdieu (2002) ci offre condizioni dialettiche di comprensione di tutto questo aparato lodando la possibilità di culture diverse e come comportamenti e conoscenze possono essere influenzati da una cosiddetta intenzionalità dominante. In questo modo, il sociologo francese lo evidenzia e va oltre, mettendo in guardia su ciò che è mimetizzato in una possibile frustrazione accademica o nell’allineamento di ciò che dovrebbe essere ratificato come qualcosa di naturale. Spesso questo viene prodotto e riprodotto in modo totalmente inconscio da coloro che lo ricevono, ma in tutto questo c’è un significato. Secondo l’autore:

La cultura dell’élite è così vicina alla cultura scolastica che i bambini provenienti da un piccolo ambiente borghese (o, a fortiori, contadini e lavoratori) non possono acquisire, se non dolorosamente, ciò che viene ereditato dai figli delle classi coltivate: stile, buon gusto, talento, in sintesi, questi atteggiamenti e abilità che sembrano solo naturali e naturalmente richiesti ai membri della classe coltivata , perché costituiscono la “cultura” (nel senso utilizzata dagli etnologi) di questa classe. Non ricevendo dalle loro famiglie nulla che possa servirli nella loro attività scolastica, se non una sorta di vuota buona volontà culturale, i figli della classe media sono costretti ad aspettarsi tutto e ricevere tutto dalla scuola, e a far sì che, per di più, siano rimproverati dalla scuola per la loro condotta da altri “scolari”. (BOURDIEU, 2002, p. 55)

In questo aspetto, si comprende che l’autore li chiama “campi” come spazi di dispute politiche e habitus come archetipo psichico acquisito e incorporato nel suo stile di vita secondo il contesto in cui fa parte. In questo modo, l’agente sociale è unico. Secondo Bourdieu e Passeron (1982) la scuola viene avvicinata come un luogo che non è neutro; questa presunta imparzialità è un errore.

Portando questa domanda all’università e più precisamente alla biblioteca universitaria come parte dell’insegnamento, della ricerca e dell’estensione della triade sono note le correlazioni delle forze esistenti. Il professionista dell’informazione, più precisamente il bibliotecario che lavora all’università dovrebbe avere una postura mediante e critica per dialogare con il reale. È la sua prassi che dimostrerà la sua strumentalità e “scoprirà” ciò che viene messo come qualcosa di naturale. Valuta nel tuo “campo” se soddisfa davvero le esigenze degli utenti in un pregiudizio educativo e, inoltre, in quale “campo” si trova fa la differenza nella comprensione degli utenti delle biblioteche universitarie mentre altri agenti di trasformazione aziendale.

3. LE RUOTE DI LETTURA E LA TEORIA BOURDIEUSIANA

No! Il bibliotecario non è neutrale, perché sia lui che il suo “campo” di lavoro sono entreentres di valori che si sommano a quelli dell’università nel suo complesso. Ci sono diversi agenti sociali e ognuno con la sua teoria. È normale. Tuttavia, è al centro della questione consentire uno strumento in cui tali differenze possano essere discusse in uno spazio democratico e pluralistico. Ecco le ruote di lettura come facilitatori dell’esposizione dei vari tipi di lingue e vari agenti che possono sentirsi a proprio agio nell’esprimere i loro costrutti.

A questo proposito, le ruote di lettura avrebbero come presupposizione fondamentale promuovere un quadro teorico-metodologico fino ad allora addormentato, dove gli studenti sono i principali catalizzatori di questo “campo”. L’obiettivo primario di ogni università e delle sue rispettive biblioteche è quello di servire la sua comunità accademica e il pubblico esterno. Sono le voci, i “termometri” che agiscono e riflettono ciò che accade nella società nel suo insieme. Spetta ai bibliotecari, nelle ruote di lettura, saper interpretare e dare spazio a tutto questo movimento procedurale e dialettico.

Questo atteggiamento va contro il pensiero di Bourdieu (1996) nella misura in cui attacca fortemente le disuguaglianze sociali che vengono prodotte, riprodotte e generano una società “poliedrica”. In questo contesto, il nocciolo della questione è mimetizzato in diversi strati stigmatizzati e stigmatizzati in espressioni come: “sei un asino”, “Non so come sei stato approvato in un’università”, “inserito solo perché sei un quotaholder”, “stai studiando per cosa?”, “studierai eternamente?”, “il tuo posto non c’è”, “l’università non fa per te”, tra tante dichiarazioni e domande peggiorative.

È probabile che con un effetto di inerzia culturale continuiamo a prendere il sistema scolastico come un fattore di mobilità sociale, secondo l’ideologia della scuola liberatrice, quando, al contrario, tutto tende a dimostrare che è uno dei fattori più efficaci di conservazione sociale, in quanto fornisce la comparsa di legittimità alle disuguaglianze sociali e sanziona il patrimonio culturale e il dono sociale trattati come un dono naturale (BOURDIEU , 1998, p. 41).

Così, le ruote di lettura servono a denaturalizzare questo pregiudizio dominante, desquamare questa vernice e riconoscere dove sorgono queste voci e, inoltre, acquisire un posizionamento coerente come agente sociale. Qualcuno con capacità teleologica, appartenente a una società e che (purtroppo) è inserito in un contesto neoliberale che cerca di mantenere tutto così com’è. Tuttavia, la non conformità, la scoperta della realtà, l’interpretazione degli studi e della lettura possono contribuire alla formazione di un cittadino a pieno mente e consapevoli che il contesto può essere cambiato.

4. CONSIDERAZIONI FINALI

Comprendere e identificare le correlazioni delle forze esistenti in un campo spesso non è un compito facile, ma non abbiamo bisogno di assumerci questa responsabilità come professionisti dell’istruzione. Apparentemente, una ruota di lettura è una procedura che molti considerano solo come una semplice interazione in cui la lettura sarebbe stigmatizzata come qualcosa per passare il tempo o studiare in modo più leggero. Questa può essere una trappola per molti che comportano rischi, rimangono bloccati nei loro ormeggi e in seguito hanno difficoltà a uscire.

Avendo come premessa i pensieri di Bourdieu possiamo tracciare un parallelo e dedurre come la ruota di lettura mentre una procedura educativa avrebbe la capacità di sconvolgersi i sensi, l’intenzionalità, i vari “campi” antagonisti e, con questo, diversi progetti di socialità che sono in costante disputa. Poiché la lettura non si limita solo alla portata stampata, tutto diventa indicativo di riflessione: immagini, musica, film, fotografie, discorsi, costruzioni, monumenti … insomma, ogni espressione umana.

Poiché la neutralità non esiste, l’essenza dei fatti può essere mascherata, ma non nascosta per coloro che intendono dipanare e problematizzare la realtà in modo procedurale e dialettico. In questo modo, le ruote di lettura potrebbero contribuire all’analisi e, inoltre, favorire il desiderio di dibattito. In un’università e, più precisamente, in una biblioteca universitaria questo fa cadere l’idea che la biblioteca sia uno spazio di silenzio. I libri e i vari documenti contenuti in questi spazi parlano già tra loro, in armonia o meno (a causa della diversità delle teorie) e gli agenti sociali, anche la comunità accademica – specialmente gli studenti – dovrebbe essere presente in questo movimento.

RIFERIMENTI

BOURDIEU, P.; PASSERON, J.-C. A reprodução: Elementos para uma teoria do sistema de ensino. Trad. de Reynaldo Bairão. Rio de Janeiro: Francisco Alves,1982.

_____. Razões práticas: sobre a teoria da ação. Trad. de Mariza Corrêa. Campinas, SP: Papirus, 1996.

BOURDIEU, Pierre. O Poder Simbólico. Rio de Janeiro: Editora Bertrand Brasil S.A, 1989.

_____. Escritos de Educação. Petrópolis: Vozes, 1998.

_____. A escola conservadora: as desigualdades frente à escola e à cultura. In: NOGUEIRA, M. A.; CATANI, A. (Orgs.). Escritos da educação. Petrópolis: Vozes, 2002. p. 229-37.

[1] Master in Scienze dell’Informazione, Laureato in Bibliotecaria e Documentazione e laureato in Lavoro Sociale.

Presentato: dicembre 2020.

Approvato: dicembre 2020.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 73326
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?