Comportamento del consumatore: i fattori di influenza

0
4628
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

OLIVEIRA, Felipe Gabriel Barbosa de [1]

OLIVEIRA, Felipe Gabriel Barbosa de. Comportamento del consumatore: i fattori di influenza. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. Anno 1. Vol. 9. PP 613-630, ottobre/novembre 2016. ISSN: 2448-0959

RIEPILOGO

Oggi la globalizzazione ha accelerato il movimento di persone, prodotti, idee e servizi, interrompendo i confini sociali e geografiche. L'evoluzione della tecnologia è creazione di una nuova economia, dove le vecchie leggi non è più applicate, costringendo tutti a cambiare il nostro modo di che comportarci come dei consumatori.  Modellare una nuova era in termini di dimensioni, velocità e direzione del flusso, il cambiamento economico della ricchezza oggi è in corso, è senza precedenti nella storia moderna. Questo cambiamento credo che abbiamo visto che sta arrivando, ma era abbastanza una scossa quando è arrivata e nel tuo vuoto ci sono più sorprese che la continuità e il target di riferimento è l'intera popolazione del mondo. Attualmente, influenzato e identificato con il nome di crisi. Così, sempre più persone vogliono avere un minimo di condizioni migliori di vita e di consumo. Tutto questo è in orbita sul comportamento dei consumatori in auto, questa interferenza è il nostro obiettivo. Presentiamo uno studio di quali sono i fattori che influenzano il comportamento dei consumatori, adottando il metodo della ricerca bibliografica, eleggendo autori, con teorie nel segmento, la rilevanza e di riferimento nel mondo oggi. Studiare ciascuno dei fattori, culturali, sociali, psicologici e personali, possiamo dare noi capire, ciò che influenza e si muove, comportamento del consumatore.

Parole chiavi: influenza. Comportamento. Dei consumatori. Di marketing.

Introduzione 

Oggi è di estrema rilevanza per incontrarsi, studiare e monitorare costantemente il comportamento dei consumatori, perché, con questa preoccupazione, marketing e business manager possono rilevare le opportunità e le minacce alla propria attività con il possibile insoddisfazione o il rifiuto dei loro clienti.

Nell'analisi dettagliata dei comportamenti dei consumatori individuali, puoi scegliere come target le migliori strategie per lanciare un prodotto, aggiungere servizi, innovare, stand, mercati, o la migliore forma di attacco ad entrare la divulgazione di un prodotto o servizio, in modo che con esso, non importa il rapporto dando significato al lavoro di marketing professionisti, con lo scambio tra azienda e clienti al fine di soddisfare le esigenze di entrambi.

Per sopravvivere, dobbiamo innovare e per innovare è necessario conoscere il consumatore. Pertanto, le aziende devono ottenere sua competitività dallo studio del comportamento del consumatore di continuare ad esistere.

Questo articolo definisce inoltre i fattori che influenzano e interferire nel comportamento dei consumatori, le variabili di ogni fattore, per rendere visibile la probabilità di usando lo stesso per motivare, delizia e per fidelizzare i clienti al fine di aumentare la redditività nel bilancio azienda e l'altezza di soddisfazione attraverso i consumatori.

2. I FATTORI CHE INFLUENZANO IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE

L'area del comportamento del consumatore è emerso negli anni 1960. L'obiettivo era quello di sviluppare strategie di marketing che ottenere risultati positivi. Era una necessità per le imprese a capire gli atteggiamenti e i comportamenti di acquisto dei consumatori.

E in questi giorni, più che mai, studiando il comportamento del consumatore è quando le imprese percepiscono opportunità di soddisfare le esigenze dei propri clienti. Chi è, tuttavia, che il consumatore? Perché si comporta in un certo modo, in certe occasioni e in modo diverso in altri? Perché egli rimane un mistero per molti imprenditori e strateghi di marketing (KARSAKLIAN, 2008). Ricerca e analisi del comportamento del consumatore sono capiti come "studio dei processi che intervengono quando individui o gruppo selezionare, acquistare, utilizzare o offrire prodotti, servizi, idee o esperienze per soddisfare bisogni e desideri" (Solomon, 2002, pag. 24).

Così è possibile espandere la vostra comprensione del soggetto, come alcuni dei principali teorici del marketing definiscono il tema.

Per ∙ e minore (2003), il comportamento del consumatore è lo studio delle unità di acquisto e processi coinvolti nell'acquisizione, utilizzo e smaltimento di beni, servizi, esperienze e idee di trading.

Secondo Engel, Blackwell e colore (2000), il comportamento del consumatore comprende attività che persone impegnarsi quando ottengono e consumano prodotti e servizi. Lo studio è di comprendere il processo di scelta tra i vari marchi esistenti.

Secondo Kotler (2000), è di studiare come individui, gruppi e organizzazioni selezionare, acquistare, utilizzano e smaltire i prodotti per soddisfare le vostre esigenze e i vostri desideri.

Karsaklian (2004), osserva che il consumatore è fornito con personalità e, per questo motivo, ogni persona identifica e capisce il mondo in vari modi (percezione), reagendo automaticamente al contesto attraverso i sensi.

In breve, secondo la dichiarazione del rock e Christensen (1999), il marketing deve appoggiarsi su Scienze del comportamento per comprendere i consumatori e il loro comportamento.

Marketing, Kotler (2000), ricerca praticamente da soddisfare i bisogni e desideri dei consumatori. Tuttavia, l'autore evidenzia che fanno che solo questo non è abbastanza per una società di sopravvivere in un mercato competitivo. La sfida è capire i clienti e i loro comportamenti di consumo, vale a dire: sapere come funziona il processo di acquisto, per sviluppare strategie che influenzano il processo decisionale, attraverso la creazione di differenziali (Goldstein; Almeida, 2000).

In questo contesto, Kotler e Armstrong (1993), evidenziare i fattori chiave che influenzano il processo decisionale dei consumatori: le motivazioni, la personalità e la percezioni:

Motivazione-la persona ha bisogno di una ragione in più per ottenere la vostra soddisfazione, che possa essere i bisogni fisiologici di riunione, quali la fame, freddo, sete e sonno, o psicologico, nel riconoscimento, autostima ecc.

Personalità-ci sono caratteristiche psicologiche che determinano il comportamento dell'individuo al momento dell'acquisto.

Percezioni-il client interpreta maniera specifica le informazioni che aiuteranno a prendere la decisione al momento dell'acquisto.

Oltre a questi aspetti, troviamo autori che affermano che i consumatori sono influenzati da numerose variabili al momento dell'acquisto:

Churchill Junior e Peter (2003), le variabili sono: marketing sociale, culturale, della situazione personale, tra gli altri.

Per Engel, Blackwell e colore (2000), queste variabili sarebbero divise tra influenze ambientali, le differenze individuali e fattori personali.

Schiffman e kikko (2000), le influenze possono essere diritti psicologici, personali, sociali e culturali.

Come studiamo gli stimoli presenti nell'ambiente, è necessario considerare le influenze. Tale prova dovrebbe essere considerato e per questo scopo, abbiamo scelto i seguenti fattori che esercitano influenza il comportamento dei consumatori.

FATTORI CULTURALI

La cultura è una delle più importanti influenze della società sugli individui. Boone e Kutrtz (1998, p. 168) lo definisce come "un insieme di valori, convinzioni, preferenze e gusti sono passate da una generazione a altra". E qui sono inclusi prodotti e servizi nella categoria di valori materiali.

Perché è un elemento vitale nella vita di un individuo nella società, numerosi fallimenti nel marketing hanno come conseguenza diretta della mancanza di sensibilità, di non per prendere in considerazione la realtà culturale in cui si trovano posto i consumatori (pino, CASTRO, SILVA, NANI, 2006).

Vediamo che cosa stiamo parlando i motivi che ti fanno preferire un particolare prodotto, marchio o servizio rispetto ad un altro.

E una delle cose che influenzano questa decisione è di capire che i prodotti hanno attributi, tangibili o intangibili, che, dopo il suo consumo, generano alcune conseguenze funzionali o psicologici importante per soddisfare i valori, classificati nei terminali o strumentali. Ma, per comprendere meglio questi valori, vediamo le definizioni di Gastaldello (1999):

Valori strumentali, sono modi di comportamento o condotta (metà valori), ad esempio di onestà, responsabilità e intelligenza. Conducono ai valori terminali.

Terminali stati valori-finale dell'esistenza (valori di fine), come libertà e felicità.

I valori culturali che esprimono le credenze collettive – vengono trasferiti ai prodotti per mezzo di propaganda e la pubblicità. Questi prodotti, a sua volta, finiscono per essere consumato dal target di riferimento, con l'obiettivo di costruire un'identità sociale positiva per soddisfare il loro bisogno di appartenere ad un gruppo sociale.

Più un prodotto o una marca per aumentare l'immagine del gruppo sociale individuale vis-à-vis, questo sarà interessato da tale marchio o prodotto. Clienti, vale a dire i consumatori, secondo Fisk (2008, p. 37), "alla ricerca di marchi (e aziende, prodotti e persone rappresentate da loro) che possono fidarsi e si aggrappano, in un mondo in rapida evoluzione, confuso e complicato". Questo è un tipico esempio di comportamento dei consumatori, basato su valori culturali, vale a dire, credenze. Come i valori hanno una dimensione culturale, essi forniscono gli individui l'opportunità di essere parte di una specifica società (KARSAKLIAN, 2008).

In una società, i valori culturali dominanti sono "serviti" da parte delle istituzioni, come la leggi, la famiglia, la religione o la formazione, che danno loro modalità di espressione formale, tangibile e più facilmente accessibile. Così, imparare la responsabilità è principalmente per la scuola e la famiglia (KARSAKLIAN, 2008).

Secondo Dubois (1994), il primo e principale ostacolo può trovate lo studio dei fenomeni culturali è l'ambiguità che circonda il concetto della cultura stessa. In un lavoro di riferimento, Kroeber e Kluckhohn (1994), due antropologi americani, raccolti, analizzato e confrontato 164 impostazioni… Impossibile resistere alla tentazione di suggerire un altro. Adottare uno di queste definizioni, che è il più frequentemente usato, Tylor (1994): "complesso, che comprende conoscenze, fede, arte, diritto, costumi morali e altre capacità e abitudini acquisite dall'uomo come membro di una società" (apud KARSAKLIAN, 2008).

FATTORI SOCIALI

Sono le influenze esercitate dalle classi sociali che permettano il confronto tra gruppi di persone (Schiffman; Kikko, 2000).

Secondo Souza, Farias e Nicoluci (2005), gli individui ricevono diretta influenza dei gruppi di riferimento in diversi modi: essere esposti a nuovi comportamenti e stili di vita diversi, influenze sull'immagine di sé e atteggiamento di ricezione e ottenere pressione sulla conformità rispetto alle regole sociali, fattori che finiscono per contribuire ad una preferenza per un determinato servizio o prodotto.

Beh, le motivazioni, le percezioni e gli atteggiamenti dei consumatori costituiscono un punto di partenza logico, ma insufficiente a spiegare il suo comportamento. Logico, perché le decisioni di acquisto sono sempre fatti collegati agli individui. Insufficiente, perché spiegano, prima di tutto, le preferenze e le intenzioni, ma non necessariamente il comportamento che seguirà (KARSAKLIAN, 2008).

Il concetto centrale della sociologia diverse definizioni sono assegnate alla classe sociale. Nel senso più ampio, una classe sociale è una divisione relativamente omogenea e permanente di una società, in cui è possibile classificare gli individui o le famiglie che condividono valori, stili di vita, interessi e comportamento del consumatore (DUSSART, 1983 apud KARSAKLIAN, 2008).

FATTORI PERSONALI

Le decisioni di acquisto sono influenzate anche da fattori personali. Questi personali inclinano, quali età, occupazione, condizioni economiche, fase del ciclo di vita, personalità e immagine di sé.

Età e Stadio del ciclo di vita

Nel corso del tempo, le necessità di un cambiamento individuale e difficilmente sarà sempre lo stesso. E modelli di consumo sono modellati secondo il ciclo di vita della famiglia. Per Engel, Blackwell e colore (2000), ci sono nove tappe in questo ciclo: 1. Singles – pochi impegni. 2. Sposi-giovani senza figli. 3. Nido pieno l-bambini sotto l'età di sei anni. 4. Nido pieno ll-bambini in sei anni. 5. Nido pieno lll-mature coppie con figli a carico. 6. Nido vuoto l – Coppie mature, che lavorano con i bambini che vivono lontano da casa. 7. Nido vuoto ll-mature coppie in pensione, con i bambini che vivono lontano da casa. 8. Unico sopravvissuto che lavora. 9. Unico sopravvissuto. Persone della terza età, attualmente rappresentano un gruppo crescente di consumatori, con potere d'acquisto e la volontà di consumare. Salomone (2002) Stati che, come la popolazione invecchia, vostre esigenze stanno per cambiare e passa per cercare più autonomia – una vita attiva e fiducia in se stessi — e una maggiore connessione con i tuoi amici e la vostra famiglia.

Occupazione e condizioni economiche

L'occupazione e le condizioni economiche degli individui definiscono il loro potere d'acquisto. Secondo il potere d'acquisto e lo stato desiderato, è possibile definire il fabbisogno di prodotti specifici, come tute per dirigenti e calzature per i lavoratori.  Ma le aziende devono anche essere consapevoli dei cambiamenti nell'economia, perché, nel bel mezzo di una crisi economica, ad esempio, viene ridotto il modello di consumo della famiglia, con l'eliminazione del superfluo e l'acquisto di prodotti essenziali.

I modelli di consumo degli individui, secondo Kotler (2000), sono influenzato dall'occupazione impegnato. Gruppi con interessi comuni di occupazione sono elementi che determinano la loro situazione economica e che influenzano direttamente la scelta dei prodotti. Come esempi di questi elementi, abbiamo il reddito disponibile, proprietà di asset o risparmio, capacità di indebitamento, condizioni di credito, tra le altre cose.

Personalità e immagine di sé

Sappiamo che ogni persona ha un modo di agire, pensare e come. Queste peculiarità sono la personalità, che rende unico ogni essere umano. Vediamo le concezioni dei due autori:

Karsaklian (2004, p. 39) afferma che "la personalità è un riferimento a un attributo o caratteristica di una persona che causa qualche impressione in altri".

Gade (1998) definisce la personalità come l'organizzazione interna dei tratti che determinano gli atteggiamenti e il modo di giocare i ruoli sociali. Ogni individuo crea il suo modo di vivere e per vedere il mondo, quello che lo differenzia dagli animali.

Personalità si riferisce alle caratteristiche psicologiche che differenziano persone come dominio, Sottomissione, autonomia, fiducia in se stessi, socialità ecc.

Già facendo riferimento all'immagine di sé e personalità, Kotler e Keller (2006, p. 193) si noti che:

[…] Quando usiamo la personalità di termine, intendiamo diverse caratteristiche psicologiche che portano a reazioni relativamente coerente e continue nell'ambiente. La personalità è solitamente descritto in termini di caratteristiche quali la fiducia in se stessi, dominio, autonomia, presentazione, socialità, resistenza e adattabilità. La personalità può essere una variabile utile per analizzare il comportamento dei consumatori, poiché i tipi di personalità possono essere classificati con precisione e che ci sono forti correlazioni tra alcuni tipi di personalità e le scelte di prodotti e marchi.

STILE DI VITA

Lo stile di vita comprende le attività, interessi e le opinioni di una persona (Kotler, 2000). Si esprime, per esempio, di come gli individui spendono i loro soldi o il loro tempo.

FATTORI PSICOLOGICI

Per soddisfare il comportamento di acquisto dei consumatori, dobbiamo prendere in considerazione la comprensione di interferenza di fattori psicologici. Secondo analisi da Kotler (2000), questi fattori possono essere suddivisi in: motivazione, percezione, apprendimento, credenze e atteggiamenti. Per darti una visione approfondita del comportamento del consumatore, è fondamentale sapere come questo si verifica.

La motivazione come determinante psicologica

Karsaklian (2004, pag. 23) afferma che "la base dei motivi è la questione dell'equilibrio psicologico dell'individuo. La scoperta di un bisogno porta l'individuo ad una situazione di disagio ". A questo proposito, Kotler (2000) aggiunge che questa situazione di disagio è niente di abbastanza importante per prendere la persona ad agire.

È in queste aziende ha bisogno di messa a fuoco. Secondo Karsaklian (2004, p. 36), "il processo di motivazione comincia con la rilevazione di un bisogno". Questa idea è sostenuta da Gade (1998, p. 86), per il quale "il corpo diventa stimolato dai requisiti interni o esterni, che possono essere fisiologico o psicologico".

Per comprendere questo comportamento sono stati sviluppati diversi approcci sulla motivazione, che può assistere marketing nelle loro attività. Vi presentiamo di seguito alcuni dei più importanti.

Teoria di Maslow

Ci siamo sentiti diverse esigenze, ma cerchiamo di soddisfare in primo luogo quelli che sembra essere la più importante. Maslow, citato da Stephens (2003), afferma che il comportamento motivazionale è un risultato di stimoli interni o esterni che agiscono sulle persone. Si risveglia in loro il desiderio, motivarli per soddisfare voi.

Un must per Karsaklian (2004) e cessa quando viene soddisfatta la domanda individuale, così la soddisfazione di un'altra carenza. E quando un bisogno non provengono dalla frustrazione, che stato ha conseguenze come nervosismo, calo di autostima, aggressività e insonnia.

Il modello di apprendimento o pavloviano

Il modello di apprendimento – o pavloviano-ha avuto relativa origine negli studi dello scienziato russo Ivan Pavlov, cui esperimento, come si fa spiegare Kotler (1998), è stato quello di innescare una campana prima dell'alimentazione di un cane, dopo diverse ripetizioni, lo scienziato ha continuato a indurre salivazione dell'animale solo per suonare la campana.

Con questo semplice esperimento, Pavlov trovato che l'apprendimento è un processo volontario e sviluppato un modello in cui questo si verifica a seconda il condizionamento a cui è sottoposta l'individuo. Si tratta di modello di stimolo-risposta, che include aspetti come motivazione, stimolo, risposta e rinforzo. Vediamo le sue conclusioni in proposito, come espone Kotler (1998):

Motivazione-è un forte stimolo interno che spinge l'individuo all'azione, come fame, sete, sonno, sesso e paura, tra gli altri.

Stimolo – è nell'ambiente e nelle persone e determina quando, dove e perché si verificano le risposte.

Risposta-è la reazione agli stimoli.

Rinforzo – è lo stimolo per la ripetizione di una particolare risposta.

Questa teoria dimostra che è possibile creare la domanda per un prodotto o servizio se il collegamento a forti impulsi attraverso suggerimenti motivanti, rafforzando il loro positivamente.

Il modello psicoanalitico o freudiano

Il modello psicoanalitico, chiamato anche freudiano, ha la sua origine in psicologia clinica. Secondo questa teoria, "le forze psicologiche che modellano il comportamento delle persone sono fondamentalmente ignari e una persona non può comprendere appieno le loro motivazioni" (Kotler.2000, p. 194), nel contesto di questo approccio, Gade (1998) usa le teorie di Segmund Freud per sostenere che la personalità è costituito di tre forze psicologiche: l'id, l'ego e superego, che determinano il comportamento dell'individuo.

Queste tre forze possono essere definite come segue:

ID – è la fonte di energia delle unità istintivo, la ricerca del piacere,

Esempio: "volevo bere tutta la cantina dei vini". Tuttavia, come l'essere umano non può esternare tutto il vostro primitivo desidera vivere in società, sviluppa il superego.

Superego-con la funzione di un giudice, spetta a lui la rappresentazione interna dei divieti e i valori della società. Esempio: "non dovrei bere tutta la cantina, quello migliore."

Ego-è un sistema che cerca un equilibrio tra gli impulsi dell'id e i divieti del superego. Esempio: "sto bevendo una bottiglia di vino o forse mezza bottiglia".

Queste tre forze come Gade (1998), sono responsabili per i sentimenti di colpa anche al momento dell'acquisto, che deve essere elaborato dal responsabile strategie di marketing.

Secondo Freud, le motivazioni che determinano il comportamento delle persone sono fondamentalmente ignari e accuratamente nessuno riusciva a capire i loro atteggiamenti. Così, tutte le caratteristiche di un marchio di influenzano la decisione, perché uno di essi può stimolare determinate emozioni e associazioni.

La teoria freudiana, come dichiara Gade (1998), è ampiamente usata nella definizione della scelta degli appelli da effettuarsi nella comunicazione con il consumatore. Ma per la teoria di Freud veramente lavoro, è necessario rilevare il consumatore reale bisogno di motivare a scegliere un particolare prodotto.

Il modello di valore

Se facciamo un'analisi del modello valore proposto da Kotler (1998), dobbiamo considerare che si basa sul presupposto che alcune persone scelgono di acquistare da una società che consegna un prodotto o servizio cui valore totale è maggiore del costo totale della produzione stessa. In questo caso, sono tra i fattori di valutazione di prodotto o servizio ad esempio i valori del prodotto, il servizio offerto e l'immagine dell'azienda, tra gli altri. Per esempio:

Alcuni consumatori sarebbero pagare di più per un dato prodotto o servizio se fosse associato con un azione sociale, come la tutela dell'ambiente.

Ci sono ancora persone che pagherebbero di più per avere un auto o un cellulare.

Il valore, a Porter (1992), si intende l'importo che l'acquirente è disposto a pagare per quello che un'azienda dà, come il valore aggiunto per la qualità di un prodotto, ad esempio.

La percezione come determinante psicologica

La percezione è il modo in cui possiamo organizzare, interpretare e selezionare le informazioni ricevute per comprendere ciò che è intorno a noi.

Non tutti l'apprendimento degli stimoli ricevuti dall'ambiente, ma anche del rapporto tra questi e le condizioni interne della persona. Sheth, Mittal e Newman (2001), la percezione è "un processo mediante il quale un individuo seleziona, organizza e interpreta le informazioni che riceve dall'ambiente per creare un'immagine significativa del mondo".

I consumatori come Nickels e legno (1999), prendere coscienza del mondo esterno attraverso la percezione di quanto li circonda. Questo processo si verifica per l'acquisizione di dati, stimoli e sensazioni vissute attraverso gli organi sensoriali: udito, vista, odore, gusto e tatto.

La percezione dei clienti come spiegare Sheth, Mittal e Newman (2001), è rilevante per tutti gli aspetti della comunicazione di marketing. Essa influenza la progettazione del prodotto, le marcature, packaging, merchandising, pubblicità, tra gli altri aspetti e fattori.

Noi, i consumatori, come nota di Sheth, Mittal e Newman (2001), non acquistare un prodotto o un servizio in sé, ma per i valori o i vantaggi che questo offre.  I valori nella visione di Zeithaml (1988, p. 14, nostra traduzione), sono la "valutazione dei consumatori generale dell'utilità di un prodotto, basato sulla percezione di ciò che è e ciò che è dato".

Secondo i risultati dell'indagine di Blessa (2003, pag. 29) per quanto riguarda la percezione dei consumatori, "imparato" nelle seguenti proporzioni:

1% per il palato; 1,5% di tocco; 3,5% di odore; 11% di udito; 83% di vista.

Questi risultati indicano che la società utilizza un sacco di mezzi di comunicazione visiva, packaging, marchi e design per le conversazioni con i consumatori e attirare l'attenzione, differenziandosi dalla concorrenza attraverso questi elementi.

Apprendimento come psicologico determinante

Possiamo dire che l'apprendimento, come Karsaklian (2004, p. 81), costituisce "una modificazione relativamente durevole del comportamento a causa di esperienze passate. Così lei imposta basata sul risultato dell'esperienza, indipendentemente da tutte le tendenze innate e include i cambiamenti negli atteggiamenti, emozioni e comportamenti.

Come Gade (1998), la maggior parte del comportamento umano che si è imparato implica l'uso di beni e servizi.

Tutte queste variabili insieme agli attributi individuali, sono i fattori che influenzano il comportamento d'acquisto. Pertanto, lo studio del comportamento del consumatore deve analizzare tutte queste forze al fine di identificare i modelli di consumo, rilevare le tendenze ed i cambiamenti possibili in segmenti di mercato.

2.1. METODOLOGIA

Una ricerca bibliografica in fonti primarie, con l'obiettivo di raccogliere dati in pubblicazioni adatte e diretto vari autori, teorizzare sullo stesso argomento. Che cercano di giustificare le ipotesi.

Per quanto riguarda la ricerca bibliografica, riproduce il citato dai CERVI e da BERVIAN:

La ricerca bibliografica cerca di spiegare un problema da riferimenti teorici pubblicati nei documenti. Possono essere eseguite in modo indipendente o come parte della ricerca descrittiva o sperimentale. In entrambi i casi, cercando di conoscere e analizzare i contributi culturali o scientifici del passato esiste su un determinato argomento, argomento o problema (1983, p. 55).

Fin dall'inizio la necessità di aggiornare il tema; comportamento del consumatore, che ci porta a trovare risposte ai problemi formulati, che sono le interferenze che influenza i fattori culturali, sociali, psicologici e personali. Trovare altre denominazioni, ma fattori di influenze che in teoria, anche se portano diversi nomi di ID, caduta appartenendo a quattro originale influenza fattori in questione, classificate dagli autori per noi eletti nell'ambito di analisi di riferimento.

Comportamento dei consumatori ha il suo fondamento teorico contrassegnato come un esempio; "Essere un consumatore è quello di essere umano. Essendo che un consumatore è di nutrire, vestire, buon divertimento… è dal vivo." KARSAKLIAN (2000; pag. 11).

Comportamento del consumatore nella nostra ricerca abbiamo raggiunto notevoli risultati. Essendo che essi rappresentati attraverso l'interferenza della vita culturale, fattori sociali, psicologici e personali. E l'osservazione di tradizionale, continuo met modo cercati, accompagnati e monitorati attraverso i fattori che influenzano. Bene, così sappiamo anche attraverso efficaci strumenti tecnologici, come il comportamento del software specifiche informazioni di intelligence che mietono tutta la sinistra del sentiero da parte dei consumatori, la registrazione di tutta la storia del comportamento del consumatore, quando l'acquisto effettuato fisicamente, così come per mezzo di e-commerce, che ogni giorno è stato guadagnando spazio come una tendenza di maggioranza del modus operandi, sugli acquisti nel prossimo futuro.  Sì, nulla sfugge nei propri registri. Attraverso un sistema di gestione integrato, pannello Executive in tempo reale, tutte le informazioni registrate ora sul comportamento dei consumatori, ottenute da questi strumenti, e il segreto di tutte queste informazioni sono sempre capire per poi scoprire efficacemente cosa fare con loro. Rendendo così sempre valido e aggiornato i dati raccolti dalla nostra ricerca.

3. CONSIDERAZIONI FINALI

Comportamento del consumatore è fattori culturale, sociale, psicologici e personale e costantemente stanno influenzando i consumatori a cambiare le loro abitudini di spesa. Come altre organizzazioni comprendere il comportamento dei consumatori, più aumenteranno le vendite. Un consumatore può acquistare, utilizzare e/o lo smaltimento di un prodotto, ma queste funzioni possa essere eseguito anche da persone diverse, ciò che accade in molte decisioni di acquisto.

Fattori culturali incontrato l'influenza della società sugli individui, un insieme di valori, convinzioni, preferenze e gusti sono passate da una generazione a altra, inclusi prodotti e servizi nella categoria di valori materiali. E questi valori culturali dominanti sono forniti dalle istituzioni, come la leggi, la famiglia, la religione o la formazione. Imparare la responsabilità è principalmente dalla scuola e la famiglia. Fattori sociali sono le influenze esercitate da classi sociali, utilizzando come criterio di ordinamento alcuni indicatori, come professione e potere d'acquisto e, insieme a queste variabili indicatori corrispondenti ai valori personali, per influenzare gruppi come la famiglia e gli amici, lifestyle e dati demografici. Classe sociale possiamo classificare gli individui o le famiglie che condividono valori, stili di vita, interessi e comportamento dei consumatori. Fattori personali, abbiamo visto che le loro decisioni d'acquisto sono influenzati da fattori personali, quali età, occupazione, condizioni economiche, fase del ciclo di vita, personalità e immagine di sé. Psicologica fattori già al consumatore l'acquisto di comportamento prende in considerazione fattori psicologici e interferenze possono essere suddivisi in: motivazione, percezione, apprendimento, credenze e atteggiamenti. Tutte queste variabili insieme agli attributi individuali, sono i fattori che influenzano il comportamento d'acquisto.

Lo studio del comportamento del consumatore, in particolare, i fattori che influenzano al primi delizie in li capisce. E in secondo luogo, per impegnarsi in futuro richiede uno studio specifico soprattutto sulle strategie di relazione, se fisicamente o virtualmente tradizionali in ambienti di e-commerce; per vedere, giudicare e agire a beneficio di entrambi beneficio di parti con questa comprensione del modo complementare.        Quindi, per l'elaborazione e può vincere le onde delle tendenze in questo mare di diversità del comportamento dei consumatori. E qui è l'apertura a quella di altri studiosi aggiungere il loro prezioso contributo a questo argomento così affascinante che è perché tutto, che è il comportamento del consumatore. Perché tutto si trasforma, tutto è sempre in evoluzione.

RIFERIMENTI

SEMPLICEMENTE, Darci; Marchesini, Fernando R. A; Oliveira, José A. F.; Sá, Luiz Carlos s. Fondamenti di Marketing. 7. Ed. Rio de Janeiro: Editora FGV, 2006.

BLESSA, r. Merchandising nel punto vendita. São Paulo: Atlas, 2003.

BOONE, CIOÈ; KURTZ, d. l. Marketing contemporaneo. Rio de Janeiro? LTC, 1998.

CERVI, l. Arnaldo & BERVIAN, Pedro a. metodologia scientifica: ad uso degli studenti universitari. 3. ed. New York: McGraw-Hill, 1997.

CHURCHILOR JUNIOR, G. A.; PETER, j. p. Marketing: creazione di valore per i clienti. São Paulo: Saraiva, 2003.

DUBOIS, B. Il aproach culturale per lo studio della diffusione e l'adozione dell'innovazione. In: Comprendre le consommateur. Paris: Dalloz, 1994. In; KARSAKLIAN, Eliane. Comportamento del consumatore. 2. Ed., 3 °. Reimp., São Paulo: Atlante, 2008. P. 101-103, 154 e 157, 212.

DUSSART, Comportement du consommateur et marketing strategia in c.. New York: MacGraw-Hill, 1983. In: KARSAKLIAN, Eliane. Comportamento del consumatore. 2. Ed., 3 °. Reimp., São Paulo: Atlante, 2008. P. 119.

ENGEL, J. F.; BLACKWELL, R. D.; COLORE, p. w. comportamento dei consumatori. Rio de Janeiro: LTC, 2000.

FISK, ER. Il genio del marketing. Porto Alegre: Atemed, 2008.

GADE. C. psicologia dei consumi è la propaganda. São Paulo: EPU, 1998.

GASTALDELLO, A. T. L'influenza dei valori personali dei dirigenti brasiliano e argentino nelle trattative commerciali 99152 f. Tesi di laurea (master in business administration) – Università federale del Rio Grande do Sul, Porto Alegre, 1999.

GOLDSTEIN, M.; ALMEIDA, h. s. critica di modelli integrativi del comportamento del consumatore. V magazine-Rausp, Sao Paulo, di amministrazione. 35, n. 1, p. 2-4. / mar. 2000.

KARSAKLIAN, Eliane. Comportamento del consumatore. São Paulo: Atlas, 2000.

KARSAKLIAN e il comportamento dei consumatori. 2. Ed. São Paulo: Atlas, 2004.

KARSAKLIAN, Eliane. Comportamento del consumatore. 2. Ed., 3 ° reimp., São Paulo: Atlas, 2008.

KOTLER, P.; ARMSTRONG, principi di g. di marketing. Rio de Janeiro – Padiglione del Brasile, 1993.

KOTLER, Philip; KELLER, Kevin Lane. Amministrazione di marketing. 12 Ed. New York: Pearson Prentice Hall, 2006.

KOTLER, P.; Gestione del marketing: analisi, pianificazione, attuazione e controllo. 5. Ed. São Paulo: Atlas, 1998.

Gestione del marketing: il problema del nuovo millennio. São Paulo: Prentice-Hall, 2000.

KROEBER, A.; KLUCKHOHN, c. cultura: una revisione critica dei concetti e delle definizioni. A DUBOIS, b. Comprendre le consommateur. Paris: Dalloz, 1994. In: KARSAKLIAN, Eliane. Comportamento del consumatore. 2. Ed., 3 ° reimp., São Paulo: Atlas, 2008. P. 154.

LEVITT, T. La miopia di marketing. In: l'immaginazione di marketing. São Paulo: Atlas, 1985. In: PATEL, Robert M.; CASTRO, William C.; SILVA, Helder H.;

∙, J. C.; MINORE, M. S. Consumer behavior. São Paulo: Prentice-Hall, 2003.

NICKELS, W.G.; B. LEGNO, m.: Relationship Marketing, qualità, valore. Rio de Janeiro: LTC, 1999.

Nunes, comportamento del consumatore di José Mauro g. e ricerche di mercato. 3. Ed., Rio de Janeiro: Editora FGV, 2006.

PATEL, Robert M.; CASTRO, William C.; SILVA, Helder H.; Nunes, comportamento del consumatore di José Mauro g. e ricerche di mercato. 3. Ed., Rio de Janeiro: Editora FGV, 2006.

PORTER, m. vantaggio competitivo: creare e sostenere prestazioni superiori. Rio de Janeiro: Campus, 1992.

ROCHA, A.; CRISTENSEN, c. Marketing: teoria e pratica in Brasile. São Paulo: Atla, 1999.

SCHIFFMAN, I. G.; KIKKO, comportamento del consumatore i. i.. 6 ed. Rio de Janeiro: LTC, 2000.

SHETH, J.N.; MITTAL, B.;  NEWMAN, comportamento client b. i.: andando oltre il comportamento del consumatore: São Paulo: Atlas, 2001.

SALOMONE, M. R. Consumer behavior: acquisto di possesso e di essere. Traduzione di Lene Belon Ribeiro. 5. Ed. New York: Bookman, 2002.

SHARMA, A. R. C. FARIAS, J. M.  P; NICOLUCI, fattori principali di t. c. che influenzano i consumatori a frequentare locali notturni College nella città di Presidente Prudente. 2005. Monografia (laurea triennale in economia aziendale). Facoltà di scienze economiche e amministrative di Presidente Prudente. Scuola integrata "Antonio Eufrasio de Toledo". Presidente Prudente, 2005.

STEPHENS, d. c. (a cura di) giornale di affari di Maslow. Rio de Janeiro: Thorsons, 2003.

TYLOR, e. cultura primitiva. In: DUBOIS, b. Comprendre le consommateur. Paris: Dalloz, 1994. In: KARSAKLIAN, Eliane. Comportamento del consumatore.

2. Ed., 3 ° reimp., São Paulo: Atlas, 2008.

ZEITHAML, v.a. percezioni dei consumatori di prezzo. Qualità e valore: il modello di mezzo-fine e la sintesi delle prove, Journal of Marketing, Chicago, v. 52, n. 3. p. 2-22, lug. 1988.

[1] Laurea in economia aziendale (UTFPR) e nella gestione del personale (UNINTER).

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here