Stress occupazionale of Nursing della squadra opera nel reparto di terapia intensivastress occupazionale of Nursing della squadra opera nel reparto di terapia intensiva

0
818
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

CUNHA, Sidney Miguel Mesquita da [1]

SILVA, Valéria Regina Maciel da [2]

DENDASCK, Carla Viana [3]

MORAIS, Elisângela Claudia de Medeiros [4]

OLIVEIRA, Margaret de [5]

OLIVEIRA, Euzébio de [6]

CUNHA, Sidney Miguel Mesquita da; et.al. stress occupazionale of Nursing della squadra opera nel reparto di terapia intensiva. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Edizione speciale della Salute. Anno 02, Vol. 04. pp 68-78, novembre 2017. ISSN:2448-0959

SOMMARIO

Studio revisione della letteratura si proponeva di identificare gli studi sullo stress sul lavoro del team infermieristico che lavora in terapia intensiva. Hanno studiato i documenti nel portale VHL. I criteri di inclusione sono stati considerati ricerca sul tema in questione, il testo in lingua portoghese e spagnola è disponibile nel periodo 2009-2013. Non c’era alcuna restrizione sul disegno dello studio. Solo 8 documenti incontrato i criteri di inclusione per la revisione. I risultati hanno mostrato che, rispetto a fattori di stress percepiti dagli infermieri nel loro lavoro in terapia intensiva, v’è la costante interazione con la sofferenza, il dolore e la morte dei pazienti; mostrano anche che lo stress è legato alla insoddisfazione per il lavoro e l’ambiente unità e movimentazione arsenale e attrezzature. Si è concluso che il personale infermieristico che lavora in terapia intensiva, è esposto al rischio di stress occupazionale attraverso lo sviluppo di sintomi fisici e disturbi emotivi; riflessione che cade su un lavoro giorno per giorno e quello dell’istituzione. Alcuni atteggiamenti dell’istituzione ei manager possono ridurre al minimo il livello di stress sul lavoro. Così abbiamo suggeriscono la necessità di ulteriori ricerche al fine di sviluppare misure di prevenzione e modelli di intervento al fine di sostenere le linee guida per il personale infermieristico, che costituisce una rilevante alternativo per gestire lo stress e per portare benefici per le squadre e gli individui hanno guardato.

Parole chiave: infermieri, infermieristica del team, stress occupazionale, professionale burnout.

1. INTRODUZIONE

Lo stress sul posto di lavoro, chiamato anche “lo stress sul lavoro,” si presenta come il modo in cui una persona percepisce e interpreta il loro ambiente di lavoro in relazione alla competenza, vale a dire, se è in grado di eseguirlo. In questa definizione, lo stress è presente come l’ambiente presenta minaccia per le persone sia in forma di domanda eccessiva come nella forma di risorse insufficienti per soddisfare le vostre esigenze (Dolan, 2006, p. 29).

Con questa affermazione, corroborate Noronha e Fernandes (2008 citato MURASSAKI et al., 2011, p. 955), “stress a causa di fattori presenti sul posto di lavoro (stress) risultante dalle situazioni di lavoro quotidiano si chiama stress occupazionale.”

Nei servizi sanitari, lo stress sul lavoro, è associata a condizioni specifiche, come problemi di relazione del team multidisciplinare, incertezze e conflitti di funzioni; dazi doppio lavoro e domestici: pressioni superiori e modifiche subite nel contesto della sua attività. (GENTLEMAN; MOURA JUNIOR; LOPES, 2008).

lo stress sul lavoro è un aspetto molto presenti nell’ambiente professionale, e tutti gli operatori sanitari, gli infermieri sono i più esposti allo stress. Negli ospedali, l’Unità di Terapia Intensiva (ICU), sono ambienti particolarmente stressanti, per la cura dei malati gravi o di rischio che richiedono assistenza medica e infermieristica permanente, così come le attrezzature e le macchine utilizzate per il controllo e il monitoraggio livelli di che l’ambiente ospedaliero ricoverato vitale. (RODRIGUES; FERREIRA, 2011)

Il nome UTI è venuto durante la seconda guerra mondiale, quando si è concluso che era più sicuro di isolare i pazienti in condizioni critiche e metterli in una stanza speciale, dove è stato possibile tenere traccia e monitorare costantemente la loro salute generale. Come suggerisce il nome, la funzione principale del ICU, ricevono i pazienti in condizioni critiche, con la possibilità di recupero, che richiede assistenza medica e infermieristica permanente, così come l’uso di attrezzature specializzate e delle risorse umane. (Camargo, 2011).

Come concetto ICU a Rodrigues e Ferreira (2011, p. 3):

Le terapie intensive sono unità complesse, dotate di un monitoraggio continuo, in cui i pazienti ricoverati in gravi condizioni, o scompenso di uno o più sistemi di organi, hanno la capacità di recuperare con supporto e terapia intensiva.

Secondo Ruedell et al. (2010 citato MELO; KOGIEN ;. LIMA, 2011, p 159) Lo scopo principale di un UTI, è “vedere i pazienti in condizioni critiche nel tentativo di consentire una maggiore probabilità di recupero centralizzando apparato tecnologico e l’assistenza sanitaria specializzata.”

Gli infermieri che lavorano in terapia intensiva vivono con avversa al benessere, come l’illuminazione artificiale, attrezzature varie, continuo contatto con il quadro clinico critico della elevata complessità del paziente.

Il lavoro in terapia intensiva è complesso e intenso, l’infermiere deve essere preparato a fornire assistenza che richiedono conoscenze specifiche e di grande capacità di prendere decisioni e la loro attuazione nel tempo.

In questo contesto, il presente studio ha lo scopo di effettuare revisione della letteratura sullo stress sul lavoro del team infermieristico che lavora in terapia intensiva.

2. MATERIALI E METODI

Come una strategia di ricerca, abbiamo utilizzato il metodo di revisione della letteratura è quello di identificare il bibliografica, audiovisivi e fonti elettroniche che riguardano il tema da sviluppare; E ‘la posizione e ottenere i documenti per valutare la disponibilità di materiale in grado di sovvenzionare l’argomento e rispondere alla domanda di lavoro di ricerca (GIL, 2002).

Per rispondere alla domanda: quale livello di stress occupazionale del personale infermieristico che lavora in terapia intensiva? Ricercato ai documenti Virtual Library Search Portal per la Salute (BVS), i seguenti database: Medline, lillà, IBECS, SciELO, BDEnf, Cochrane Library, tra le altre basi quel portale. I criteri di inclusione erano gli studi che affrontano lo stress sul lavoro del team infermieristico che lavora in terapia intensiva, in lingua portoghese e spagnola è il testo disponibile. Nel periodo dal 2009 al 2013. Non c’era alcuna restrizione sul disegno dello studio. I descrittori scelti in base alla lista DeCS / Mesh sono stati: infermieri, personale infermieristico, stress sul lavoro, professionale Burnout.

I criteri di esclusione sono stati gli elementi che non soddisfano i criteri di inclusione.

Per l’analisi e sintesi del materiale sono state eseguite le seguenti procedure: usate lettura scansione conoscere il contenuto degli articoli; lettura selettiva, che era di selezione dei materiali per l’importanza e caratteri per lo studio; lettura critica per la ricerca per il tema oggetto stress occupazionale del personale infermieristico che lavora in terapia intensiva; Tabulazione di oggetti con l’identificazione del soggetto, e quindi l’analisi descrittiva.

3. RISULTATI

I documenti raccolti nella ricerca della letteratura sono stati valutati per l’inclusione e l’esclusione condizioni, sulla base di criteri di ammissibilità.

La ricerca elettronica totale ha prodotto 26 pubblicazioni; 23 con articoli; 1 e 2 Tesi monografia. Disposti sulle seguenti basi: lillà (18); Medline (7) e SES SP – pubblicazioni scientifiche e tecniche (1); solo otto hanno soddisfatto i criteri di inclusione per la revisione. Gli altri sono stati esclusi perché non rientrano nei criteri di inclusione.

Dopo la lettura esplorativa dello stesso, è stato possibile identificare la visione di diversi autori per quanto riguarda lo stress sul lavoro in team infermieristico che lavora in terapia intensiva.

Tabella 1 – Distribuzione dei riferimenti sul stress occupazionale del personale infermieristico che lavorano in terapia intensiva nel periodo 2009-2013.

Autore /
Titolo / Anno
scopo metodologia fattori di stress conclusione
Affetto, M. C. P.; TEIXEIRA, M. B. Valutazione dello stress e sindrome del burnout a infermieri che lavorano in un reparto di terapia intensiva: uno studio qualitativo. 2009. Valutare i fattori di stress sul lavoro affrontate da infermieri in una terapia intensiva;
Identificare l’esistenza di segni e sintomi della sindrome del burnout in infermieri in terapia intensiva.
Questo esplorativa, descrittiva e cross-campo con 26 infermieri di terapia intensiva generale, la cura degli adulti, un grande ospedale. stress fisico ed emotivo causato dal lavoro e la mancanza di risorse umane. I risultati mostrano che questa esperienza popolazione situazioni di stress sul posto di lavoro, sperimentando alcuni segni e sintomi che possono portare al professionista di sviluppare la sindrome di Burnout.
HILL, P. F. et al. Lo stress di infermieri professionali che lavorano nel reparto di terapia intensiva. 2013. Valutare lo stress di infermieri professionali dell’ambiente di lavoro all’interno della ICU e di identificare i fattori di stress associati con l’insorgenza di stress in base alla Bianchi stress Scala. studio trasversale, sviluppato con 22 infermieri dall’unità di terapia intensiva di un ospedale pediatrico pubblico L’ansia sulla unità di emergenza; morte del paziente; il servizio di routine nel settore, come ad esempio: il controllo e attrezzature, il controllo del personale infermieristico; supervisionare le attività del team, etc. Gli infermieri avevano indici di stress più elevati in attività legate alle condizioni di lavoro per lo svolgimento delle attività legate alla gestione e del personale.
MURASSAKI, A. C. Y. et al. Lo stress infermieri di terapia intensiva e il capo condizioni / no chiudere famiglia. 2011. Indagare se v’è relazione tra stress nel infermieri di terapia intensiva e il capo condizioni / no capofamiglia. Quantitativa, analitico e croce. Applicato alla Scala Bianchi stress in 58 (100%) gli infermieri che lavorano in terapia intensiva cinque ospedali. assistenza infermieristica fornite ai pazienti, la gestione e il coordinamento delle attività dell’unità di personale. Si è concluso che i capifamiglia condizione non era rilevante per il verificarsi di stress occupazionale tra gli infermieri indagati.
OLIVEIRA, E. Souza, N. Lo stress e l’innovazione tecnologica nel reparto di terapia intensiva cardiologia: la tecnologia difficile. 2012. Identificare i fattori coinvolti nella l’uso della tecnologia difficile da infermieri di terapia intensiva e cardiologia analizzare le ripercussioni psicofisiche per il professionista della salute. Qualitativa, descrittivo, con il campo di terapia intensiva cardiaca di un ospedale universitario situato nel comune di Rio de Janeiro (Brasile). formazione e la mancanza di manutenzione preventiva delle attrezzature comportano stress occupazionale a causa della possibilità di errori ed effetti negativi per il paziente. Si conclude che non v’è necessità di gestione del rischio ospedale con vista della qualità delle cure fornite, la sicurezza e il benessere e la soddisfazione della squadra.
Oliveira, L. C.; OLIVEIRA, L. stress del personale infermieristico in ambiente di terapia intensiva. 2013. Accertare la possibilità di ridurre i fattori di stress sul posto di lavoro. revisione della letteratura gli studi pubblicati sull’argomento in questione. Minimo di preparazione per far fronte alla costante presenza della morte, situazioni di emergenza frequenti, mancanza di personale e di attrezzature, il rumore costante dell’apparecchio; la mancanza di preparazione per affrontare i frequenti cambi di arsenale tecnologico, la sofferenza della famiglia, il conflitto nel rapporto tra i professionisti; tra gli altri. E ‘stato notato la fattibilità di ridurre i fattori di stress contenuti nell’ambiente terapia intensiva attraverso l’armonizzazione strutturale (con colori, luci, mobili, ecc) e anche la possibilità di combinare attività ricreative sviluppati da professionisti di cura durante la giornata lavorativa.
Santos, F. D. et al. Lo stress di infermieri nei reparti di terapia intensiva per adulti: una revisione della letteratura. 2010. Identificare i fattori che causano lo stress, i suoi effetti, i segni e sintomi presenti in infermieri che lavorano in unità di terapia intensiva per adulti. Una revisione della letteratura. Articoli pubblicati nella base di lillà e SciELO Biblioteca tra il 2006 e il 2008. Il lavoro di sovraccarico, ruoli contrastanti, gli ammortamenti e le condizioni di lavoro. I segni ed i sintomi sono stati tachicardia, mancanza di appetito, brividi, ansia e dolori articolari. lo svolgimento di riunioni del personale è necessaria e indispensabile, pianificazione delle attività, partecipazione attiva alle decisioni del team multidisciplinare e la valorizzazione della conoscenza diversa, per la salute dei lavoratori e la qualità del lavoro.
Schmidt, C. D. R. et al. La qualità della vita sul posto di lavoro e burnout nel personale infermieristico Intensive Care Unit. 2013. valutare la qualità della vita sul lavoro (QVT) e la presenza di sindrome del burnout tra ssionais infermieristico profi ICU. Uno studio descrittivo, correlazione, in sezione trasversale. Campione di 53 lavoratori di cura in un ospedale di insegnamento all’interno di Paraná, Brasile. continuo contatto con la sofferenza e la morte, abbondante uso di sofisticate tecnologie e la complessità di cura, tra gli altri. La valutazione di QWL ha rivelato una popolazione con soddisfazione elevato di posti di lavoro, tuttavia, resta inteso che gli elementi di terapia intensiva, può portare a insoddisfazione e compromettere QVT questi professionisti, se non ci azioni di gestione che contribuiscono al mantenimento di questo livello di soddisfazione tra i lavoratori.
VERSA, G. L. G. S. et al. lo stress professionale: la valutazione degli infermieri di terapia intensiva che lavorano di notte. 2012. Valutare il livello di stress degli infermieri di terapia intensiva del turno di notte. Uno studio descrittivo, attraversare. Applicato alla Scala Bianchi stress nel 26 (100%) dei cinque ospedali infermiere. Condizioni di lavoro (lavoro notturno, del settore critico e chiusi), le attività di gravità e la gestione del paziente associati con assistenza diretta. Si è concluso che l’ambiente di lavoro è positivamente associato con le sollecitazioni sui infermiere del turno di notte e che la sua presenza e gli effetti possono essere minimizzati tramite miglioramenti nella struttura e l’organizzazione dei luoghi in cui operano.

Fonte: Moreira, Cunha e Silva, 2014.

4. DISCUSSIONE

La tabella 1 mostra i dati di distribuzione degli studi inclusi nelle autori Secondo la ricerca, titolo, anno di pubblicazione, oggettiva, la metodologia, i fattori che generano stress sul personale che lavora in terapia intensiva e il completamento.

Durante il periodo 2009-2013, l’anno in cui ci fu un numero maggiore di pubblicazioni disponibili per via elettronica al soggetto a fuoco è stato il 2013 (3 articoli). La banca dati che ha fornito un maggior numero di posti di lavoro è stata la Lillà (7 articoli), seguita da SES SP – pubblicazioni scientifiche e tecniche (1 TCC), come il paese di origine della ricerca selezionato era Brasile (8 articoli). Questo può essere legato al fatto che si è definito nel materiale di ricerca metodologia di lingua portoghese e spagnola. Si sottolinea che non è stato preso in considerazione il tipo di studio.

In relazione a fattori di stress percepiti dagli infermieri nel loro lavoro in terapia intensiva, non v’è l’interazione costante con il dolore, il dolore e la morte dei pazienti (Monte et al, 2013 ;. OLIVEIRA, LC, Oliveira, L., 2013; Schmidt et al, 2013 ;. VERSA et al, 2012) .. Per Ferreira e Martin (2006) gli infermieri possono essere considerati come il mediatore tra il personale infermieristico, altri professionisti e il paziente / famiglia assistita, ricercando un equilibrio tra i rapporti sviluppati, che potrebbe rivelarsi uno dei fattori scatenanti di lo stress.

Affetto e Teixeira (2009) ha riferito che i professionisti che lavorano in questa unità descrivono spesso alti livelli di stress dalla continua assistenza ai pazienti critici che necessitano di una supervisione costante e per prevenire esaurimento emotivo, l’individuo riduce il suo contatto con la gente, almeno distanziamento se stessa, evitando coinvolto emotivamente, schivando il tratto individuale, mantenendo i rapporti freddi e distanti con i pazienti

Altri studi hanno dimostrato che lo stress è legato alla insoddisfazione di lavoro, come le crisi tra superiori e subordinati, difficoltà nel processo decisionale, le discrepanze tra le attività, incapacità e difficoltà da affrontare situazioni che richiedono il confronto con i superiori, i colleghi e subordinati, di sovraccarico lavoro, conflitto di funzioni, ammortamenti e le condizioni di lavoro (HILL et al, 2013 ;. MURASSAKI et al, 2011 ;. Santos et al., 2010).

Versa et al. (2012) narra che in terapia intensiva, la necessità di effettuare contemporaneamente le attività di assistenza di elevata complessità e la gestione delle cure, personale infermieristico e dei materiali e attrezzature in grado di giustificare i punteggi più alti dello stress Scala Bianchi tra gli infermieri che svolgono funzioni miste (di gestione e di supporto) rispetto a coloro che svolgono solo il servizio.

Per Mcintyre (1994 citato MARTINS, 2003), sovraccarico di lavoro e il fatto che si sentono impreparati a gestire le richieste sono inducendo situazioni di stress. Spesso, la responsabilità non è accompagnata dalla capacità di fare o influenzare le decisioni, che aumenta lo stress coinvolti.

In questo Gentleman connessione; Moura Junior, e Lopes (2008) affermano che l’ambiente di lavoro è percepito come una minaccia per l’individuo, che riflette a livello personale e professionale, in aumento le richieste superiori a loro capacità di coping e interferendo con la loro salute e la qualità della vita.

Alcuni autori sottolineano che l’ambiente dell’unità (chiuso, illuminato, rumoroso) e la gestione dell’arsenale attrezzature e apparecchiature grilletto situazioni frequenti di stress e di stanchezza fisica e mentale (HILL et al, 2013 ;. OLIVEIRA, SOUZA 2012 , Oliveira, LC, Oliveira, L., 2013; Schmidt et al, 2013) ..

Corroborando Oliveira e Souza (2012) esprimono che in queste condizioni di lavoro, il rumore generato dagli apparecchi in terapia intensiva genera fastidio e lavoratori usura di cura psicofisici a causa della necessità di controlli periodici del paziente e macchinari. L’ansia è aggravata, ci sono il sovraccarico psichico e il lavoratore va a vivere con l’imprevedibilità a causa della perdita del controllo delle condizioni del paziente e il dispositivo stesso.

Per quanto riguarda la calcinazione, è una delle più importanti conseguenze dello stress occupazionale, e può essere causato da stress prolungato e cronico cui fronteggiare situazioni non sono stati utilizzati, omesso o insufficiente (Schmidt et al., 2013). La sindrome include elementi oggettivi e soggettivi, psicologica e psicosomatica come la depressione, disturbi fisici, assenteismo e tendenza all’isolamento.

CONCLUSIONE

Il personale infermieristico che lavora in terapia intensiva, la specificità del loro lavoro, sono esposti al rischio di stress occupazionale quando cominciano a sviluppare sintomi fisici come la mancanza di concentrazione, indecisione, la dimenticanza, la sensibilità alle critiche e gli atteggiamenti rigidi. inoltre dimostrare alcuni disturbi emotivi come la paura, l’ansia, eccitazione, nervosismo, tensione, irritabilità, rabbia, ostilità, tristezza, vergogna, di cattivo umore, solitudine, gelosia, sentimenti di insoddisfazione e mancanza di interesse.

L’effetto di tutti questi sintomi si trova con il giorno per giorno di questa figura professionale e l’istituzione dove lavora, e di conseguenza l’aumento di assenteismo, crescente tasso di abbandono, bassa qualità del lavoro, l’aumento dei conflitti interpersonali e l’insoddisfazione dei dipendenti, così come riduzione della produttività e basso reddito.

Alcuni atteggiamenti dell’istituzione ei manager possono ridurre al minimo il livello di stress sul lavoro tra i membri del team che lavorano in terapia intensiva, a fornire una formazione e un tempo adeguato, sia per l’apprendimento e per l’esecuzione delle attività, fornire una descrizione chiara e precisa su ciò che dovrebbe essere gestito, quali sono le tue abitudini e il loro impatto sul flusso di produzione.

Così abbiamo suggeriscono la necessità di ulteriori ricerche al fine di sviluppare misure di prevenzione e modelli di intervento al fine di sostenere le linee guida per il personale infermieristico, che costituisce una rilevante alternativo per gestire lo stress e per portare benefici per le squadre e gli individui hanno guardato.

RIFERIMENTI

Affetto, M. C. P.; TEIXEIRA, M. B. Valutazione dello stress e burnout in infermieri che lavorano in un reparto di terapia intensiva: uno studio qualitativo. Braz online. j. Nurs. (Online) v. 8, n. 1, 2009.

Camargo, L. A. Lo stress del personale infermieristico nel reparto di terapia intensiva. 2011. 48 f. Opere di completamento del corso (Nursing Dipartimento di Emergenza) – Universidade do Extremo Sul Catarinense, Criciúma 2011.

KNIGHT, A. M.; JUNIOR Moura, D. F.; Lopes, C. infermieri A. stress lavorativo nel reparto di terapia intensiva. Rev. Latino-Am. Nursing, Ribeirão Preto, v. 16, n. 1, febbraio 2008.

Dolan, S. L. Stress, autostima, salute e lavorato. Traduzione J. Simoes; Supervisione tecnica Edson Ferreira. Rio de Janeiro: Qualitymark, 2006, p. 29.

Ferreira, L. R. C.; MARTINO, M. M. F. Lo stress di infermieri: analisi delle pubblicazioni sull’argomento. Rev. Ciênc. Avg., V. 15, n. 3, p. 241-48, maggio / giugno. 2006.

GIL, A. C. Come sviluppare progetti di ricerca. 4. ed. Sao Paulo: Atlas 2002.

Martins, A. C. M. stressanti situazioni sul posto di lavoro di infermieri negli ospedali. Millenium – ISPV Magazine, n. 28, maggio. 2003.

McIntyre, T. M. Le Domaine de la Psychologie Sociale. Parigi Francia Pressses Universitaires 1994 citato Martins, M. A. C. indurre situazioni di stress sul posto di lavoro di infermieri negli ospedali. Millenium – ISPV Magazine, n. 28, maggio. 2003.

Melo, F. F.M, KOGIEN, M., LIMA; V. A. Unità di Terapia dialogo interdisciplinare con intenvisa Institutional Review. Mnemosyne, v. 7, n. 1, p. 157-69, 2011.

HILL, P. F. et al. Lo stress di infermieri professionali che lavorano nel reparto di terapia intensiva. Acta Paolo. enferm., San Paolo, v. 26, n. 5, 2013.

MURASSAKI, A. C. Y. et al. Lo stress infermieri di terapia intensiva e il capo condizioni / no chiudere famiglia. Cienc. Infermieristica. Salute, vol. 10, n. 4, p. 755-62, 2011.

Noronha, A. P. P.; lo stress Fernandes, D. C. professionale: analisi della letteratura scientifica sulla SciELO e BVS-Psi. Frattale: Rev Psicol, v .. 20, n. 2, p. 491-501, Luglio-Dicembre 2008 citato MURASSAKI, A. C. Y. et al. Lo stress infermieri di terapia intensiva e il capo condizioni / no chiudere famiglia. Cienc. Infermieristica. Salute, vol. 10, n. 4, p. 755-62, 2011.

OLIVEIRA, E. Souza, N. Lo stress e l’innovazione tecnologica nel reparto di terapia intensiva cardiologia: la tecnologia difficile. Rev. enferm. UERJ, Rio de Janeiro, v. 20, n. 4, p. 457-62, ottobre / dicembre 2012.

Oliveira, L. C.; OLIVEIRA, L. stress del personale infermieristico in ambiente di terapia intensiva. 2013. 31 f. Opere di completamento del corso (Nursing Dipartimento di Emergenza) – Professional Enhancement Program / SES, Padre Bento Hospital Complex a Guarulhos 2013.

RODRIGUES, V. M. C. P.; FERREIRA, S. A. S. Fattori di generatori di stress nelle infermiere unità di terapia intensiva. Rev. Latino-Am. Nursing, Ribeirão Preto, v. 19, n. 4, Agosto 2011.

RUEDELL, L. M. et al. le relazioni interpersonali tra infermieri e famiglie nel reparto di terapia intensiva: studio bibliografico. CogitareEnfermagem. V.15, n.1, p. 147-52, 2010, p. 148 citato in Melo, F. F.M, KOGIEN, M.; LIMA; V. A. Unità di Terapia dialogo interdisciplinare con intenvisa Institutional Review. Mnemosyne, v. 7, n. 1, p. 157-69, 2011.

Santos, F. D. et al. Lo stress di infermieri nei reparti di terapia intensiva per adulti: una revisione della letteratura. SMAD, Rev. Elettronica Salute mentale alcol Drog. (Ed. porto.), Ribeirao Preto, v. 6, n. 1, 2010.

Schmidt, C. D. R. et al. La qualità della vita sul posto di lavoro e burnout nel personale infermieristico Intensive Care Unit. Rev. reggiseni. enferm., Brasília, v. 66, n. 1, febbraio 2013 ..

VERSA, G. L. G. S. et al. lo stress professionale: la valutazione degli infermieri di terapia intensiva che lavorano di notte. Rev. Gaúcha Enferm., Porto Alegre, v. 33, n. 2, giugno 2012.

[1] L’infermiera è laureato presso Metropolitan College Amazon (FAMAZ).

[2] infermiera Metropolitan College classificato dal Amazon (FAMAZ).

[3] Dottorato di ricerca in psicoanalisi clinica, ricercatore presso il Centro per la Ricerca e Studi Avanzati.

[4] Psicologo. Master in Teoria e comportamento di ricerca. Dottoranda in malattie tropicali di Medicina Tropicale Centro di UFPA (NMT-UFPA). Professore di Pará State University – Uepá

[5] Registered Nurse e Diploma di laurea in Scienze Infermieristiche. USA – California.

[6] Biologo. Dottore in Medicina / Malattie Tropicali. Docente e Ricercatore presso l’Università Federale del Pará – UFPA. Ricercatore nel Umana e Ambientale Laboratorio di Tossicologia e lo stress ossidativo Laboratorio del Centro di Medicina Tropicale UFPA (NMT-UFPA).

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here