Prevalenza e aspetti epidemiologici dell’enteroparasittosi e il suo rapporto con lo stato nutrizionale nei bambini che vivono nel quartiere di Beira Rio de Imperatriz, MA nel 2011

0
14
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

PIRES, Renata de Cássia Coêlho [1], LUCENA, Adriana Dias [2], MANTESSO, Jhennyfer Barbosa de Oliveira [3], CORVELO, Tereza Cristina de Oliveira [4]

PIRES, Renata de Cássia Coêlho. Et al. Prevalenza e aspetti epidemiologici dell’enteroparasittosi e del suo rapporto con lo stato nutrizionale nei bambini che vivono nel quartiere di Beira Rio de Imperatriz, MA nel 2011. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 07, Vol. 04, pp. 51-70. luglio 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/prevalencia-e-aspetti

Il parassita intestinale è considerato un problema di salute pubblica, soprattutto nelle regioni in via di sviluppo, nei bambini, possono innescare varie conseguenze come il ritardo fisico, mentale e sociale. Così, questo studio ha studiato la prevalenza e gli aspetti epidemiologici dell’enteroparasitosi e il suo rapporto con l’anemia e lo stato nutrizionale tra i bambini di età compresa tra 1 e 10 anni in un quartiere povero di Imperatriz/MA/Brasile nel 2011. Sono stati analizzati i risultati dell’esame parassitologico delle feci, dell’emoglobina e del dosaggio di ferro seerico, oltre alle misurazioni antropometriche. Per l’enteroparasittosi, rappresentata da Ascaris lumbricoides (20%) è stata riscontrata una prevalenza del 60% per l’enteroparasittosi. Giardia lamblia (14%) e Endolimax nana (14%). Per quanto riguarda il genere e la fascia di età, non sono state identificate differenze significative nella prevalenza delle parasitosi intestinali. È stata osservata un’associazione tra enteroparasitosi e anemia, sia a causa della carenza di sumoiron, emoglobina o entrambi questi stimatori, e l’80% (16/20) di bambini con anemia aveva parasitosi intestinale con predominanza di A. lumbricoides. La valutazione nutrizionale ha mostrato che il 50,98% dei bambini aveva un adeguato stato nutrizionale (eutrofico) e il 34,31% presentava alterazioni con basso peso e rischio nutrizionale e il 57,14% di loro era parassita. Negli aspetti socio-ambientali, è stata registrata l’assenza di politiche pubbliche che confermano l’elevata prevalenza della parasitasi. Così, si può verificare che le misure preventive sono essenziali per il controllo della parassisi, perché oltre ai danni alla salute, riflettono le condizioni di vita a cui la comunità è esposta, come la scarsa igiene di base e la scarsa qualità della vita, soprattutto per i bambini.

Parole chiave: Bambini, parassita intestinale, stato nutrizionale.

INTRODUZIONE

L’enteroparasitosi è una causa rilevante di problemi di salute nei paesi in via di sviluppo, insieme alle deviazioni nutrizionali. In Brasile, c’è una tendenza ad aumentare il numero di bambini con statura corta e sovrappeso, che può essere associato alla malnutrizione1. La parasitosi intestinale è considerata un problema di salute pubblica, che nonostante tutti i progressi tecnologici e medici, sono ancora fortemente incidenti al giorno d’oggi, essendo in grado di innescare diverse conseguenze per i loro pazienti in bambini sani, spesso non portano a gravi conseguenze, mentre nelle donne malnutrite possono danneggiare non solo l’aumento di peso ma anche l’altezza2.

In Brasile, la prevalenza dei parassiti intestinali è elevata, variando tra stati e comuni, come São Paulo, dove la prevalenza degli enteropariti varia dall’11,5 al 21,3% tra i bambini di età compresa tra 0 e 12 anni3. D’altra parte, l’associazione tra anemia e enteroparasitasi è un argomento di crescente interesse nel campo della salute pubblica, in particolare nei bambini in età scolare. L’anemia di solito deriva da una carenza semplice o combinata di sostanze nutritive come ferro, acido folico e vitamina B12. Altri tipi più rari possono essere causati da piridoxina, riboflavina e carenza di proteine4.

Nell’infanzia, l’anemia insieme alla parassitità interferisce con i processi di crescita e sviluppo, i cambiamenti comportamentali e psicologici e la diminuzione dell’attività fisica. Possono essere osservate anche alterazioni cutanee e mucosali e sistemi digestivi e immunitari alterati5.

Tra i bambini in età scolare, la presenza di alcuni parasitos di solito determina l’aspetto di anemia, in particolare la carenza di ferro. Gli Hookworms (A. duodenale e N. americanus) sono gli elmi più associati a questa patologia, ma anche altre specie come A. lumbricoides, T. trichiura e S. mansoni sono legate all’anemia. L’intensità della manifestazione dipende dall’età, dallo stato nutrizionale, dal carico parassita e dall’associazione con altre specie di parassiti6.

Pertanto, al fine di verificare e monitorare le attuali condizioni di salute dei bambini che utilizzano i servizi di assistenza primaria dell’Unità Sanitaria del quartiere Beira Rio a Imperatriz-Maranhão, è stata condotta un’indagine sulla presenza di enteroparasitasi e sulla loro possibile associazione con l’anemia e lo stato nutrizionale in questo campione di neonati.

MATERIALI E METODI

Serie

Lo studio consiste nell’analisi di 102 cartelle cliniche di bambini di età compresa tra 1 e 10 anni frequentati presso l’Unità Sanitaria Di Base del quartiere di Beira Rio a Imperatriz, MA nel 2011. La città di Imperatriz, MA si trova nella parte occidentale dello stato di Maranhào, in microregione n. 38. Ha dei limiti con i comuni di Cidelândia, São Francisco do Brejão, João Lisboa, Davinópolis, Governador Edison Lobão e lo Stato dei Tocantins. Il comune si trova a 629,5 chilometri dalla capitale dello stato. Le sue coordinate geografiche sono 5o 31′ 32′ latitudine sud; 47o 26′ 35′ longitudine a W Gr., con un’altitudine media di 92 metri sul livello del mare. Attualmente la città ha 247.553 abitanti7.

Una forma standard è stata utilizzata per raccogliere informazioni su antropometria (peso e altezza), sesso, età, frequenza scolastica, area di residenza, presenza di servizi igienico-sanitari di base, raccolta dei rifiuti, insorgenza di diarrea e complicazioni dovute all’enteroparasitosi e ai risultati degli esami del conteggio del sangue; ferro siero e parassita trovato nelle feci, oltre a registrare casi negativi per verificare la prevalenza dei parassiti descritti.

ESAME PARASITOLOGICO DELLE FECI (EPF)

La diagnosi parasitologica delle feci è stata eseguita con metodo diretto con osservazione morfologica mediante microscopia leggera.

CRITERI DIAGNOSTICI

Attraverso i registri dell’unità di salute di base, i criteri diagnostici sono stati eseguiti come segue:

a) Emoglobina: determinata dalla valutazione quantitativa dell’emoglobina media corpuscolare (EMC) mediante assorbimento mediante il metodo dell’emoglobina cianuro. Pertanto, secondo i criteri dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per la determinazione dell’anemia, sono considerate concentrazioni di emoglobina inferiori a 11 g/dL.

b) Ferro seerico: analizzato utilizzando il metodo ezimatico colorimetrico del Merck (nell’apparato Mega). L’anemia era considerata carenza di ferro quando la concentrazione di ferro del siero era inferiore a 45 mg/dL, oltre all’analisi del tratto del sangue in relazione al modello dei globuli rossi microcitici e ipocromatici.

c) Per la classificazione dello stato nutrizionale, è stato adottato il metodo antropometrico, utilizzando la tessera del bambino in cui il rapporto tra peso ed età, peso e altezza viene valutato attraverso il grafico della curva di crescita e quindi correttamente registrato nei registri familiari del bambino frequentato e segue la seguente standardizzazione:

  • Variabili: peso ed età
  • Indice: Peso ed età (P E)
  • Riferimento: NCHS (National Center of Health Statistic – 1977)
  • Punti di taglio: (p0, p1; p3; p10; p97).

Questi punti di taglio (percentili 0,1, 3, 10 e 97) per l’indicatore Peso per età consentono la seguente classificazione dello stato nutrizionale del bambino secondo i criteri del Ministero della Salute:

  • P/E al di sotto dello 0,1 percentile: bambino con peso molto basso per età.
  • P/E maggiore o uguale allo 0,1 percentile e inferiore al terzo percentile: bambino con peso basso per età.
  • P/E maggiore o uguale al percentile 3 e inferiore al decimo percentile: bambino a rischio nutrizionale.
  • P/E maggiore o uguale al decimo percentile e minore del 97o percentile: bambino con peso adeguato all’età (eutrofico).
  • P/E maggiore o uguale al 97esimo percentile: bambino a rischio di sovrappeso.

È stata adottata la classificazione delle manifestazioni organiche del sistema di sorveglianza alimentare e nutrizionale (SSAN), che comprende tre gruppi:

  • Adeguatezza nutrizionale (Eutrofia): Manifestazione prodotta dall’equilibrio tra il consumo in relazione alle esigenze nutrizionali.
  • Deficit nutrizionale: Manifestazioni prodotte da insufficienza quantitativa e/o qualitativa dell’assunzione di nutrienti in relazione alle esigenze nutrizionali.
  • Disturbo nutrizionale: Manifestazioni prodotte dall’eccesso e/o dallo squilibrio dell’assunzione di nutrienti in relazione alle esigenze nutrizionali.

ETHICAL ASPECTS

Lo studio è stato sottoposto all’analisi da parte del Comitato Etico della Ricerca del Centro per la Medicina Tropicale dell’Università Federale di Pará – UFPA e secondo i criteri stabiliti nella risoluzione 196/96 che si occupa di ricerca con gli esseri umani.

ANALISI DEI DATI

Tutte le variabili sopra descritte sono state segnalate e compilate dai moduli a cui hanno risposto attraverso le cartelle cliniche, dove sono state analizzate nei database del programma BioEstat 5.0, e sono state utilizzate statistiche descrittive e analitiche. Per l’analisi statistica dei risultati, sono stati utilizzati i test esatti del chi quadrato e del pescatore. Il livello di significatività accettato era p <a0> 0,05.</a0>

Risultati

Abbiamo analizzato 102 cartelle cliniche di bambini, di età compresa tra 01 e 10 anni, secondo i dati delle cartelle cliniche analizzate 56.8% (58/102) rappresentava il sesso maschile e 43.2% (44/102) femmine. La tabella 01 mostra la distribuzione dei risultati in base al sesso e alla fascia di età dei bambini intervistati.

Tra i parassiti più comuni riscontrati nel sito esaminato, c’è stata una predominanza di protozoi (56%), rappresentata da Entamoeba coli, Endolimax nana (non patriottica) e Giardia lamblia (patogena), che ha anche presentato in associazione, che ha generato 06 casi (06%) il biparasitismo nei bambini valutato, tuttavia, c’era un più alto indice isolato di elminità causato da Ascaris lumbricoides (20%). La distribuzione specifica di questi parassiti intestinali nel campione studiato ha rivelato il 14% di Giardia lamblia e il 4% di multiparasitim con il 2% associato ad Ascaris lumbricoides e Endolimax nana e il 2% con Giardia lambria ed Endolimax nana (Figura 1). Oltre a queste specie parassitari, sono stati identificati i seguenti commensali: Entamoeba coli (6%), Endolimax nana (14%) e 02 casi avevano entrambe le specie. Il restante 40% non ha presentato alcuna alterazione della microscopia parasitologica delle feci.

Nella distribuzione del parassita intestinale per quanto riguarda il genere, sono stati identificati tassi di prevalenza del 60,34% (35/58) nei maschi e del 59,09% (26/44) nelle femmine (Figura 01).

Figura 01 – Prevalenza del parassita intestinale in base alla classificazione di genere.

Fonte: Ricerca sul campo, 2012.

Questa differenza di prevalenza tra maschi e femmine non era statisticamente significativa. (c2Yates = 0,006; p = 0,9395). Per quanto riguarda la fascia di età, sono stati verificati i seguenti tassi di infezione: nel gruppo <4 anni è stato rilevato il 60,7% (17/28), tra i bambini di età ≥ 4 anni e <7 il tasso era 59, 45 (22/37) e nella fascia di età ≥ 7 anni fino a 10 anni, la percentuale di parassiti era lo stesso valore del gruppo precedente (Figura 02). Non c’era variazione nel tasso di prevalenza di enteroparasitosi tra i diversi gruppi di età (c2 = 0,013; GL = 2; p = 0,9934).

Figura 02 – Prevalenza del parassita intestinale in base alla fascia di età.

Fonte: Ricerca sul campo, 2012.

Per quanto riguarda il rapporto tra dosaggio di ferro seerico e enteroparasitosi, i risultati mostrano che 12 (11,76%) dei bambini presentava alterazioni nei livelli di ferro del siero, con valori inferiori alle attese, e di questi 11 (91,66%) sono stati paralizzati, con 05 (45,45%) di Ascaris lumbricoides e 06 (54,56%) protozoa, di cui il 27,27% con giardiasi. Nei parametri di normalità, 78 (76,48%) bambini con livelli normali di ferro da siero e di questi 40 (51,28%) sono stati positivi per la paralisi intestinale. Nell’analisi statistica di questi dati, si verifica che vi sia un’associazione tra la presenza di parassiti intestinali e la carenza di ferro sereno come mostrato nella tabella 02.

Nella distribuzione della popolazione studiata in base ai livelli di emoglobina e alla loro relazione con le infezioni parassitarie intestinali, sono stati rilevati 11 (10,78%) bambini con basso livello di emoglobina (<11 g / dL), che inserisce questa percentuale come portatori di anemia, di questi 07 (63,63%) aveva qualche parassita intestinale. L’associazione tra i risultati dell’esame parassitologico delle feci e i livelli di emoglobina non era significativa (Tabella 01).

Tabella 01 – Livelli di dosaggio dell’emoglobina correlati alla prevalenza dell’enteroparasitosi nella popolazione studiata.

Emoglobina Parassiti intestinali Totale (%)
Presenza (%) Assenza (%)
Disabilitato (<a0></a0>) 07 (63,63) 04 (36,37) 11 (10,78)
Normale (11-12 g/dl) 17 (60,71) 11 (39,29) 28 (27,45)
Alta (> 12 g/dl) 37 (58,73) 26 (41,27) 63 (61,77)
Totale 61 (59,80) 41 (40,20) 102 (100)

(Test di GWilliams : 0,1040; GL n. 2; p 0,9493)

Fonte: Ricerca sul campo, 2012.

La tabella 02 si riferisce alla distribuzione della popolazione studiata in base alla presenza di anemia in relazione ai risultati positivi e negativi di PFS, dove valori inferiori all’emoglobina e/o ferro serico raccomandati sono stati caratterizzati come anemia. Questi casi rappresentavano il 19,62% (20/102) dei bambini studiati e il 15% (3/20) aveva carenza di emoglobina e ferro, il 40% (8/20) era carente solo nell’emoglobina e il 45% (9/20) era carente solo in sommamumoiron. Tra i bambini con anemia, sia a causa della carenza di ferro suml, emoglobina o entrambi questi stimatori, 80% (16/20) presentato parasitosi intestinale con predominanza di A. lumbricoides.

L’analisi comparativa di questi dati, considerando la presenza x assenza dovuta all’anemia e alla parassicità, ha dimostrato che la presenza di anemia dipende dal parassita intestinale (Esame bilaterale esatto di Fisher – 0,0452). La valutazione dello stato nutrizionale della popolazione studiata ha rilevato che 18 bambini erano sottopeso per età e 17 bambini erano a rischio nutrizionale. Di questi bambini, il 57,14% (20/35) sono stati parassitizzati, in particolare con la predominanza di G. lamblia e A. lumbricoides. Per quanto riguarda l’eutrofia, 52 bambini erano in sovrappeso e ancora 15 bambini erano a rischio di sovrappeso. In queste categorie di eutrofico e sovrappeso, la maggior parte (61,19%) presentò anche la parassitosi (tabella 5), e l’ascaridiasi era predominante sulla giardiasi. Pertanto, nel campione studiato non è stata es evidenza una relazione di dipendenza tra stato nutrizionale e parassita intestinale.

Tabella 02 – Distribuzione dei dati in base alla presenza di anemia in relazione ai livelli di emoglobina e siero.

Anemia Parassiti intestinali Totale
Presenza (%) Assenza (%)
Hb (<11)/Fe (<45) 02 (66,67) 01 (33,33) 03
Hb (<11)/Fe (>45) 05 (62,50) 03 (37,50) 08
Hb (>11)/Fe (<45) 09 (1,00) 09
Hb (>11)/Fe (>45) 45 (54,88) 37 (45,12) 82
Totale 61 (59,81) 41 (40,19) 102

Fonte: Ricerca sul campo, 2012.

Il quartiere Beira Rio di Imperatriz (MA) è stato valutato per le caratteristiche dei servizi igienico-sanitari di base che hanno comportato l’identificazione della principale fonte di approvvigionamento e trattamento dell’acqua, la presenza di rete fognaria, la raccolta dei rifiuti e l’erogazione (tabella 03). I dati mostrano che c’è raccolta dei rifiuti nella comunità studiata, così come l’acqua convogliata, tuttavia, non c’è rete fognaria e i rifiuti vengono scaricati in rifiuti asettici. Per quanto riguarda il trattamento dell’acqua, il 35,2% esegue il trattamento dell’acqua attraverso la filtrazione e il 64,8% non esegue alcun tipo di trattamento, lo stesso viene consumato direttamente dai rubinetti. Il luogo, pur essendo stato considerato con regolare raccolta dei rifiuti, ha la presenza di rifiuti nelle terre desolate e nelle strade senza un adeguato marciapiede, con la presenza di animali sciolti e scarsa igiene, senza disedi e corsi d’acqua inquinati.

Tabella 03 – Distribuzione dei dati in base ai servizi igienico-sanitari di base presso il sito esaminato

Variabile Sì (%) No (%) Totale
Trattamento dell’acqua (35,2%) (64,8%) (100%)
Rete fognaria (0%) (100%) (100%)
Garbage Collection (100%) (0%) (100%)
Acqua convogliata (100%) (0%) (100%)

Fonte: Ricerca sul campo, 2012.

Discussione

Il parassita intestinale è un problema di distribuzione mondiale, ma è particolarmente rilevante nelle regioni a basso livello socioeconomico, perché la loro trasmissione è legata alle condizioni ambientali e alla qualità dei servizi igienico-sanitari di base, condizioni che sono ancora molto precarie nei paesi in via di sviluppo.

La ricerca condotta nel quartiere di Beira Rio a Imperatriz (MA) ha mostrato una prevalenza del 60% del parassita intestinale, rivelando le condizioni di vita di questa comunità. Altri studi8,9 tra gli scolari di diverse regioni brasiliane hanno riportato una prevalenza simile, un quadro che questa malattia è ancora fortemente presente nella popolazione brasiliana.

In questo studio, è stato riscontrato che più della metà del sesso di ogni bambino aveva un qualche tipo di parassita, quindi questa differenza non è statisticamente significativa. Allo stesso modo, l’elevata frequenza di enteroparassitosi osservata tra bambini di diverse fasce d’età (<04; ≥04 e <07; ≥07 anni) può essere dovuta a un deficit nella cura di sé e alla negligenza delle abitudini igieniche e anche al fatto che la maggior parte di loro (64,8%) fanno uso di acqua non trattata e consumata direttamente dal rubinetto, che non impedisce lo smaltimento di probabili contaminazioni da parte della rete di alimentazione, come i protozoi che possono resistere all’azione del cloro, quando è raramente utilizzato in trattamento delle acque 10.

In alcuni tipi di parassiti intestinali, come Giardia lamblia, come l’età avanza l’insorgenza di questo parassita diminuisce, perché i fattori immunologici sono coinvolti in questo processo, tuttavia, questa caratteristica può essere utilizzata da altri enteroparasitosi, perché come l’essere umano cresce, la sua resilienza, protezione così come i livelli di igiene e istruzione tendono anche a migliorare11. I parassiti possono causare malattie nel loro ospite sia dalla concorrenza per i nutrienti o dalla risposta immunitaria agli invasori12.

In questo studio, l’alta prevalenza di Ascaris lumbricoides (20%) possono essere confrontati con altri risultati13 che hanno rilevato anche tassi elevati (51%) di questa verminosi nei bambini. Questo parassita è presente in individui che vivono in condizioni di grandi gruppi, e la sua prevalenza è più alta nei bambini. L’abitudine di prendere la mano alla bocca in diverse situazioni associate ad altri fattori epidemiologici della malattia fa sì che questo indice sia sempre più alto in questa fase14.

Un’altra giustificazione per questa prevalenza di Ascaris lumbricoides può essere attribuita alla modalità di trasmissione di questo timoniere, che infetta le persone per via fecale-orale, comune tra i bambini15. Così, questa prova rafforza la realtà della malattia in Brasile, dove la frequenza di questi organismi può variare da regione a regione, perché oltre a fare affidamento sull’ambiente umido e vettori che conducono al suo ciclo, rivela lo sgomento con la comunità16. In generale, la specie A. lumbricoides colpisce dal 20 al 30% della popolazione delle Americhe17.

Per quanto riguarda i protozoi, anche la giardiasi era prevalente (14%), anche se i risultati avrebbero potuto essere più espressivi, dal momento che la registrazione dell’esame parassitologico delle feci adottate nel sito studiato proveniva da un solo campione di feci, e questo tipo di analisi quando viene utilizzato per il rilevamento delle cisti, che vengono eliminate a intermittenza, può ridurre del 30% al 50% la sensibilità del risultato18 , che potrebbe aver sottovalutato la frequenza trovata per Giardia lamblia.

In questo studio, va evidenziato che tra i bambini identificati con l’anemia, la maggior parte di loro aveva un certo tipo di parassita19. Dal momento che questa significativa associazione tra parassiti e anemia è spiegata dal risultato che il ferro viene assorbito attraverso la parete intestinale nel duodenum e jejunum e si ritiene che questo assorbimento possa essere compromesso dalla presenza di Ascaris lumbricoides in questa parte dell’intestino20. D’altra parte, nell’ascarida, l’anemia è di solito di ordine secondario, causata da emorragie, che possono essere prodotte dalle larve di questo parassita in transito dai capillari agli alveolos21.

La presenza di anemia dovuta all’enteroparasite è dovuta a varie forme di perdita di sangue, come: malnutrizione (Ascaris lumbricoids), azione ematofagia (Ancylostoma sp.) e ulcerazione delle membrane mucose intestinali (Entamoeba histolytica), e può evolvere con il peggioramento del quadro clinico, che dipende dal carico parassita, età, stato nutrizionale e fisiologico dell’organismo, così come l’associazione con altre specie parassitatiche patogene. Anche se in questo studio ancylostoma sp. e Entamoeba histolytica non sono stati trovati nei bambini indagati22.

Le manifestazioni anemiche possono anche derivare da carenze nutrizionali, perché tra le cause immediate dell’anemia spiccano fattori eziologici come il basso apporto di alimenti con fonti di ferro, il basso assorbimento di ferro ingerito e le perdite di questo micronutriente, come accennato in precedenza, a causa di infezioni parassitarie23.

L’anemia da carenza di ferro è un problema nutrizionale di grande portata nel mondo. Così, tenendo conto di queste dichiarazioni e tenendo conto delle precarie condizioni socioeconomiche in cui vive la comunità indagata, l’anemia può essere causata da fattori nutrizionali, come il basso apporto di alimenti ricchi di ferro. Tra le fasce d’età, la prevalenza della carenza di ferro è stata più elevata tra i bambini (7/12; 58,33%) (1-4 anni) rispetto ai bambini della fascia d’età scolare (> 6 anni). Questa constatazione potrebbe essere attribuita al beneficio dei bambini che hanno accesso al completamento del ferro nei pasti scolastici. Nell’infanzia, in particolare durante gli anni scolastici, c’è un aumento delle esigenze nutrizionali e l’anemia può avere un effetto negativo sulla crescita e l’altezza del peso, oltre a interferire nell’apprendimento23,24.

L’analisi tra enteroparasitasi e deficit nutrizionale non ha mostrato una correlazione positiva, a causa dell’alta frequenza di eutroficio anche parassita (34%). I deficit nutrizionali possono essere aggravati dalla presenza di alcune specie parassiiose, come Ascaris lumbricoides e Giardia lamblia.

In Brasile, i bambini poveri che vivono in regioni svantaggiate tendono a sperimentare cicli viziosi di malnutrizione e ripetute infezioni parassitarie, spesso portando a morbilità. Migliaia di bambini muoiono ogni anno nel mondo a causa dell’ostruzione intestinale e di altre complicazioni addominali causate da parassiti intestinali. In questo studio, i bambini hanno riportato l’insorgenza di diarrea, così come l’eliminazione di verits. La diarrea cronica può portare alla malnutrizione da cambiamenti nella mucosa intestinale e nell’infezione del tratto gastrointestinale, non permettendo un perfetto assorbimento e quindi influenzando lo sviluppo del bambino. Così, parasitosi intestinali possono causare perdite di proteine, malnutrizione, anemia da carenza di ferro e altre alterazioni che facilmente portano alla carenza nello sviluppo fisico e intellettuale24.

In generale, la parasitasi ha un’alta prevalenza nelle regioni che non dispongono di infrastrutture sociali, economiche e sanitarie adeguate25. Queste sono state le condizioni riscontrate nella comunità valutata, i cui servizi igienico-sanitari sono carenti, con vicinanza tra case con fonti d’acqua inquinate, animali sciolti (cani, gatti, maiali e polli), corsi d’acqua aperti e strade senza marciapiede, rivelando che questo ambiente precario e mal conservato aumenta il rischio di parassiti intestinali, che soddisfano le condizioni ideali per mantenere i loro cicli di vita.

Il presente studio ha osservato che l’indice parassita della classe protozoa era più alto in relazione agli eloti, tra cui due specie non pathigene (Entamoeba coli e endolimax nana), che servono come buoni indicatori di queste condizioni sanitarie, a cui gli individui sono esposti. Queste specie non pathgene presentano le stesse vie di trasmissione di specie patogene come Entamoeba histolytica, E. dispar e Giardia duodenalis, che riflettono le precarie condizioni ambientali a cui questa popolazione infantile è esposta26.

Inoltre, il fatto che questi parasitosi intestinali presentavano una distribuzione omogenea nella popolazione infantile, per sesso e gruppo di età, dimostra una completa uguaglianza delle condizioni socio-ambientali esistenti in questa comunità27. E questo rafforza il fatto che la promozione delle infrastrutture di base e dell’istruzione è uno strumento efficace per ridurre la prevalenza di queste malattie.

Infine, tenendo conto dei risultati di questa indagine, si raccomanda che i programmi sanitari di famiglia primaria siano sistematicamente e periodicamente rivisti in loco, con strategie di controllo efficienti, attraverso il trattamento con antiparasitica, il completamento nutrizionale e il miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie e igienico-sanitarie, mirando a un’opportunità futura, in termini di salute ed educazione per i bambini in questa comunità.

Conclusioni

La prevalenza di parasitosi intestinali ha raggiunto il 60% dei bambini nel quartiere di Beira Rio, imperatrice/MA, con una predominanza di protozoi di fronte agli elmi, e una frequenza più alta per A. lumbricoids (20%) e tra i protozoi, Giardia lamblia (14%) è stata la più diffusa. L’anemia era presente nel 19,6% dei bambini studiati sia a causa della carenza di ferro seerico e/o emoglobina. È stata osservata una significativa relazione di dipendenza tra anemia e parassittosi, con l’80% dei pazienti anemici che presentano la parassidisi intestinale. La percentuale più alta dei bambini studiati presentava uno stato nutrizionale eutrofico, mentre circa il 34% di loro era sottopeso e rischio nutrizionale. L’associazione tra lo stato di malnutrizione e la presenza di parassisi intestinale nei bambini studiati non ha raggiunto un significato statistico. L’individuazione di alti tassi di condizioni di salute alterate a causa dell’anemia e della malnutrizione tra i bambini studiati sono indicatori di rischi legati alla compromissione dello sviluppo del bambino. La maggior parte dei bambini ha presentato record di eliminazione del verme per bocca o ano e pochi erano record per diarrea, d’altra parte non sono state identificate registrazioni di altre complicazioni cliniche come volvolence intestinale, problemi al fegato o sanguinamento rettale.

La bassa educazione materna è significativamente correlata alla parassittosi intestinale infantile, che permette una riflessione sull’importanza delle azioni educative per la prevenzione delle morbilità studiate come parasitosi intestinali, anemia e stato nutrizionale. Per quanto riguarda gli aspetti epidemiologici, il sito studiato presentava condizioni precarie di sviluppo socio-ambientale, economico e culturale, che costituiscono determinanti dei rischi per la salute umana. Un cambiamento degli alti tassi di prevalenza legati alle parasitosi intestinali, all’anemia e allo stato nutrizionale nelle popolazioni infantili dipende da un miglioramento dei livelli di istruzione delle popolazioni e delle condizioni delle infrastrutture di base, come l’alloggio, i servizi igienico-sanitari, l’acqua di buona qualità e i livelli socioeconomici, in particolare nella generazione di occupazione e reddito e soprattutto espandere l’accesso ai servizi sanitari per questa comunità.

Nella comunità studiata, c’è bisogno di azioni più intense nella prevenzione dei parassiti intestinali, che possono essere rappresentate dal miglioramento della rete fognaria, con un approvvigionamento idrico più sicuro, l’uso di filtri o l’ebollizione dell’acqua, la raccolta regolare dei rifiuti, il miglioramento delle infrastrutture e azioni educative volte all’igiene di adulti e bambini, oltre a rafforzare la cura alimentare.

RIFERIMENTI

  1. BATISTA FILHO, Malaquias; RISSIN, Anete. A transição nutricional no Brasil: tendências regionais e temporais. Cadernos de saúde pública, v. 19, p. S181-S191, 2003.
  2. SAWAYA, Ana Lydia. Desnutrição: consequências em longo prazo e efeitos da recuperação nutricional. Estudos avançados, v. 20, n. 58, p. 147-158, 2006.
  3. FERREIRA, Glauco Rogério; ANDRADE, Carlos Fernando Salgueirosa. Alguns aspectos socioeconômicos relacionados a parasitoses intestinais e avaliação de uma intervenção educativa em escolares de Estiva Gerbi, SP. Revista da sociedade brasileira de medicina tropical, v. 38, n. 5, p. 402-405, 2005.
  4. OLIVEIRA, Maria A; OSÓRIO, Mônica M. Consumo do leite de vaca e a anemia ferropriva na infância. Jornal de Pediatria, Rio de Janeiro, v. 81, n. 5, abr. 2005.
  5. NEUMAN, Nelson A. et al. Prevalência e fatores de risco para anemia no Sul do Brasil. Revista de Saúde Pública, v. 34, p. 56-63, 2000.
  6. MARINHO, Marcelo Silva et al. Prevalência de enteroparasitoses em escolares da rede pública de Seropédica, município do estado do Rio de Janeiro. Rev. bras. Anal. clín, v. 34, n. 4, p. 195-196, 2002.
  7. IBGE. Censo de 2010. Disponível em: https://cidades.ibge.gov.br/brasil/ma/imperatriz/panorama. Acesso em: 22 de Março de 2012.
  8. PEREIRA-CARDOSO, Franciano Dias et al. Prevalência de enteroparasitoses em escolares de 06 a 14 anos no município de Araguaína-Tocantins. Revista eletrônica de Farmácia, v. 7, n. 1, p. 11-11, 2010.
  9. BIASI, L. A. et al. Prevalência de enteroparasitoses em crianças de entidade assistencial de Erechim/RS. Revista Perspectiva, Erechim, v. 34, n. 125, p. 173-179, 2010.
  10. BORGES, Wanessa Ferreira; MARCIANO, Franciele Maia; OLIVEIRA, Heliana Batista de. Parasitos intestinais: elevada prevalência de Giardia lamblia em pacientes atendidos pelo serviço público de saúde da região sudeste de Goiás, Brasil. 2011.
  11. MI Machado. Teníase e Hymenolepiase. In: Cimerman S, Cimerman B. Medicina Tropical. Atheneu. São Paulo, 2003. p. 195-204.
  12. BEHRMAN, R.E.; KLIEGMAN, R.M.; ARVIN, A.M. Tratado de pediatria. 15 ed. Rio de janeiro: Guanabara Koogan, 1997.
  13. SOUZA, Autany Trindade de; FAUSTINO, Silvia Maria Mathes; RODRIGUES, Artemis Socorro do Nascimento. Determinação da anemia por deficiência de ferro em crianças de 03 a 04 anos associada à enteroparasitoses – Macapá-Amapá. Ciência Equatorial, Volume 1 – Número 1 – 1º Semestre 2011.
  14. SILVA, Elizângela Farias da; SILVA, Vinícius Bentivóglio Costa; FREITAS, Fagner Luiz da Costa. Parasitoses intestinais em crianças residentes na comunidade Ribeirinha São Francisco do Laranjal, Município de Coari, Estado do Amazonas, Brasil. Revista de Patologia Tropical. Vol. 41 (1): 97-101. jan.-mar. 2012.
  15. ORO, Débora; KOPROSKI, Greice Kelly; ORO, Neila Aparecida; SBARDELOTTO, Caroline; SEGER, Juliana. Prevalência de parasitas intestinais em crianças de Des­canso – Santa Catarina – Brasil. Unoesc & Ciência – ACBS, Joaçaba, v. 1, n. 2, p. 151-156, jul./dez. 2010.
  16. ALVES, JR, et al, 2003. Parasitoses. intestinais em região semi-árida do nordeste do Brasil: resultados preliminares distintos das prevalências esperadas. Caderno de Saúde Publica; 19(2): 667-670.
  17. ANDRADE, Elisabeth Campos de; LEITE, Isabel Cristina Gonçalves; VIEIRA, Marcel de Toledo; ABRAMO, Clarice; TIBIRIÇA, Sandra Helena Cerrato; SILVA, Priscila Lima. Prevalência de parasitoses intestinais em comunidade quilombola no Município de Bias Fortes, Estado de Minas Gerais, Brasil, 2008. Epidemiol. Serv. Saúde, Brasília, 20(3):337-344, jul-set 2011.
  18. TASHIMA, Nair Toshiko; SIMÕES, Maria Jacira Silva. Parasitas intestinais; prevalência e correlação com a idade e com os sintomas apresentados de uma população infantil de Presidente Prudente-SP. Rev. bras. anal. clin, v. 37, n. 1, p. 35-39, 2005.
  19. DE SOUZA QUEIROZ, Suzana; MARCO, A. de A. Anemia ferropriva na infância. Jornal de Pediatria, v. 76, n. Supl 3, p. S299, 2000.
  20. İŞLEK, İ. et al. Effects of ascaris infection on iron absorption in children. Annals of Tropical Medicine & Parasitology, v. 87, n. 5, p. 477-481, 1993.
  21. CANTOS, Geny Aparecida; DUTRA, Rosilene Linhares; KOERICH, João PK. Ocorrência de anemia ferropriva em pacientes com enteroparasitoses. Saúde Rev, v. 5, p. 43-8, 2004.
  22. ARAÚJO, B. S. et al. Associação das parasitoses intestinais com anemia e eosinofilia em escolares do povoado de Matilha dos Pretos, Feira de Santana, Bahia, Brasil. Sitientibus Série Ciências Biológicas, v. 9, n. 1, p. 3-7, 2009.
  23. BRITO, Luciara L. et al. Fatores de risco para anemia por deficiência de ferro em crianças e adolescentes parasitados por helmintos intestinais. Revista Panamericana de Salud Pública, v. 14, p. 422-431, 2003.
  24. VITALLE, Maria Sylvia de Souza; ROMERO, K.T.; MEDEIROS, E.L.G.R. Prevalência de anemia carencial ferropriva, parasitoses intestinais e estado nutricional em pacientes assistidos no centro de atendimento e apoio ao adolescente. Revista Brazilian Pediatric News, vol. 5, n.º 1, março, 2003.
  25. CARRILLO, Maria Ruth Gonçalves Gaede; LIMA, Angélica Alves; NICOLATO, Roney Luiz de Carvalho. Prevalência de enteroparasitoses em escolares do bairro Morro de Santana no município de Ouro Preto, MG. Rev. bras. anal. clin, v. 37, n. 3, p. 191-193, 2005.
  26. SEIXAS, Marieli Tavares Leite et al. Avaliação da frequência de parasitos intestinais e do estado nutricional em escolares de uma área periurbana de Salvador, Bahia, Brasil. Revista de Patologia Tropical/Journal of Tropical Pathology, v. 40, n. 4, p. 304-314, 2011.
  27. BRABOSA, Fábio de Castro; RIBEIRO, Maria Cecília Marques; MARÇAL JÚNIOR, Oswaldo. Comparação da prevalência de parasitoses intestinais em escolares da zona rural de Uberlândia (MG). Rev. patol. trop, v. 34, n. 2, p. 151-154, 2005.

[1] Infermiera. Master in Patologia delle Malattie Tropicali. Professore del corso di infermieristica presso l’Università Federale di Maranhao UFMA.

[2] Infermiera. Master in Patologia delle Malattie Tropicali. Professore del corso di infermieristica presso l’Università Federale di Maranhao UFMA.

[3] Infermiera. Specialista in Salute della Donna. Professore del corso di infermieristica presso l’Università Federale di Maranhao UFMA.

[4] Consulente di orientamento. Professore Ordinario, Istituto di Scienze Biologiche, Università Federale di Parà – UFPA (2016). Ha conseguito una laurea di primo livello in Biomedicina (UFPA/1976), un Master in Scienze Biologiche – Genetica (UFRJ/1983) e un dottorato in Scienze Umanistiche – Ruprecht-Karls-Universita’t Heidelberg (1990).

Inviato: marzo 2020.

Approvato: luglio 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here