REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

Uso dell’azitromicina per trattare il Covid-19: una visione critica

RC: 84371
297
Rate this post
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO DI REVISIONE

VANZELER, Maria Luzinete Alves [1], DIAS, Fernanda Ferreira [2], ANDRADE, Fabiula [3], SOARES, Iris Alvina Guarim [4], SÁVIO, Keithiany Caroline dos Santos [5], GONÇALVES, Laís Santana [6], PAES, Melissa Ramos Santos [7]

VANZELER, Maria Luzinete Alves. Et al. Uso dell’azitromicina per trattare il Covid-19: una visione critica. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 04, Vol. 09, pp. 05-21. aprile 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/uso-dellazitromicina

RIEPILOGO

Questo articolo si propone di comprendere le proprietà farmacologiche dell’AZT e di analizzare le possibili ragioni del suo utilizzo nel trattamento del COVID-19 da solo o associato alla clorochina (CQ) o idrossiclorochina (HCQ). Per questo, è stata condotta una ricerca bibliografica nelle seguenti banche dati: Scientific Electronic Library Online (SciELO), US National Library of Medicine (PUBMED) e ScienceDirect. Nello studio sono stati raccolti i dati sulla farmacologia dell’azitromicina (AZT), la sua storia, i suoi usi, evidenziando la ricerca condotta nel 2020 con questo farmaco per il trattamento del COVID-19. Va notato che AZT è un antibiotico della sottoclasse di macrolidi con vari usi farmacoterapici, specialmente nel trattamento di infezioni batteriche, respiratorie, genito-urinarie ed enteriche. Durante la pandemia di SARS-COV-2, l’AZT associato all’HCQ è stato preso in considerazione per il trattamento della malattia a causa dei suoi risultati in vitro. C’è stato molto dibattito sull’uso della combinazione di questi farmaci e anche prima della pubblicazione dei risultati degli studi clinici, il Ministero della Salute ha già formulato raccomandazioni sull’uso di questi farmaci per il trattamento del COVID-19. Le organizzazioni sanitarie nazionali e internazionali sono state più caute e hanno sottolineato la mancanza di prove scientifiche per questo uso. Le informazioni raccolte in questa recensione della letteratura suggeriscono che la somministrazione di AZT o AZT associata a HCQ o CQ non è stata efficace nel trattamento dei pazienti COVID-19 sia per i casi lievi che moderati o gravi.

Parole chiave: azitromicina, utilizzo, COVID-19, farmacologia.

1. INTRODUZIONE

L’azitromicina (AZT) è un antibiotico della sottoclasse di macrolidi con vari usi farmacoterapici, specialmente nel trattamento di infezioni batteriche, respiratorie, genito-urinarie ed enteriche. Il suo nome chimico è 9-deossi-9a-aza-9a-metil-9a-omoeromicina A, ha un peso molecolare di 749,0 ed è ottenuto dall’aggiunta di un atomo di azoto nell’anello lattale dell’eringomicina A, distinguendosi da esso per il suo più ampio spettro di azione, maggiore emiluzione, buona tolleranza orale e bassa tossicità (ASTRO, 2015; MATZNELLER et al., 2013).

La principale prestazione di AZT è batteriostatica, cioè agisce per prevenire la moltiplicazione del batterio. Tuttavia, alcuni studi indicano che, oltre all’attività antimicrobica, i macrolidi hanno proprietà antinfiammatorie e antivirali, essendo tra i farmaci ad azione immunomodulatoria in varie malattie respiratorie (JOHNSTON, 2006).

Durante la pandemia di Covid-19, L’AZT è diventato oggetto di discussioni sul suo utilizzo, specialmente se associato all’idrossiclorochina (HCQ), per il trattamento della SARS-CoV-2. AZT ha guadagnato grande importanza dopo la pubblicazione di uno studio francese “Hydroxychloroquine and azithromycin as a treatment of COVID-19results of an open-label non-randomized clinical trial” di Gautret et al., (2020), anche con dure critiche, che hanno incluso l’effetto di azzerare la carica virale dei pazienti affetti dalla malattia attraverso l’uso combinato di questi farmaci. Da allora, le istituzioni sanitarie hanno iniziato a utilizzare questi farmaci in studi clinici con pazienti affetti da COVID-19, anche in Brasile (BRASIL, 2020a).

Le decisioni a favore dell’accettazione terapeutica dell’AZT per la lotta contro la SARS-CoV-2 si basavano su studi in vitro come quelli di Poschet et al., (2020). Sebbene abbiano mostrato buoni risultati per ridurre la carica virale, diversi recenti studi clinici non hanno dimostrato questa efficacia e il suo uso in malattie respiratorie come covid-19, con l’intenzione di ottenere un’azione immunomodulatoria, è ancora controverso (CAVALCANTI et al, 2020; ROSENBERG et al, 2020; MAGAGNOLI et al, 2020)

Inoltre, AZT di solito ha effetti collaterali di intensità da lieve a moderata. Tuttavia, alcuni studi indicano possibili effetti cardiovascolari, poiché gli antibiotici macrolidi prolungano l’intervallo QT, che può causare disturbi nella ritmicità cardiaca (ASTRO, 2015). Inoltre, questo farmaco può anche avere effetti epatotossici, quindi, l’uso di questo farmaco dovrebbe essere ben considerato, specialmente nel trattamento del COVID-19 (OLRY et al, 2020). In questo senso, lo scopo di questo articolo era quello di condurre uno studio descrittivo alla ricerca di informazioni sulle proprietà farmacologiche dell’AZT, come l’uso terapeutico, l’efficacia e gli effetti collaterali, oltre a chiarire le ragioni del suo uso nel trattamento e / o nella prevenzione del COVID-19 sia come singolo farmaco, come in associazione con CQ o HCQ.

2. METODOLOGIA

Al fine di comprendere le proprietà farmacologiche di AZT e analizzare possibili ragioni del suo utilizzo nel trattamento del Covid-19, è stata effettuata una revisione delle pubblicazioni sanitarie attraverso la ricerca nella Scientific Electronic Library Online (SciELO), nella Us National Library of Medicine (PUBMED) e nel database ScienceDirect. Per la ricerca sono stati utilizzati i seguenti descrittori: “Azithromycin“, “Utilization” “COVID-19” e “pharmacology” e i rispettivi in portoghese. Il periodo di ricerca è stato dal 1997 al 2021, questo lasso di tempo è stato operato a causa del fatto che questo studio mira anche a comprendere le proprietà già note dell’azitromicina, tuttavia, la stragrande maggioranza degli articoli utilizzati provengono da periodi recenti, poiché, durante la pandemia, molti studi sull’argomento sono stati effettuati da allora la stragrande maggioranza della popolazione mondiale non ha ancora ricevuto il vaccino e la ricerca di un trattamento efficace è ancora necessaria. Inoltre, sono stati applicati filtri linguistici per ottenere solo pubblicazioni in portoghese, inglese e spagnolo.

Per la costruzione dei lavori in corso, la selezione degli articoli si è svolta in tre fasi. Nel primo, 833 pubblicazioni sono state selezionate dall’identificazione dei descrittori di materia, già menzionati in precedenza; nel secondo, sono stati eseguiti titoli e abstract del materiale trovato e la selezione di ciò che era in accordo con lo scopo dell’opera; nel terzo, è stata fatta una pre-analisi, con la lettura degli articoli selezionati, e alla fine sono stati utilizzati 52 riferimenti.

3. SVILUPPO

3.1 STORIA E IMPIEGO TERAPEUTICO

L’AZT è il primo antibiotico della sottoclasse di macrolidi, derivato dall’eriomicina, diverso da esso dall’aggiunta di un atomo di azoto nell’anello lattonico dell’eriomicina (ASTRO, 2015). Questa modifica ha migliorato la stabilità nella penetrazione acida del mezzo e dei tessuti e ha ampliato lo spettro di attività e fornito un’eminettione tissutale prolungata che consente la riduzione della dose durante il trattamento, essendo un antibiotico con vari usi farmacoterapici, principalmente nel trattamento di infezioni batteriche respiratorie, enteriche e genito-urinarie (BAKHEIT et al, 2014).

La rapida diffusione della malattia causata dal nuovo coronavirus chiamato SARS-CoV-2 (sindrome acuta da coronavirus respiratorio grave 2) tra paesi e comunità, derivante da un’elevata trasmissibilità virale, associata alla mancanza di vaccini e antivirali specifici efficaci per la prevenzione e il trattamento della malattia, rende gli interventi non farmacologici le opzioni più efficienti per la mitigazione e il controllo del COVID-19 a livello locale e globale.

In questo contesto, l’11 marzo 2020, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha decretato la pandemia di COVID-19, quando l’epidemia, iniziata in Cina, era già presente in oltre 100 paesi, raggiungendo il livello di 1.940.352 decessi in tutto il mondo nel gennaio 2021 (WHO, 2021).

In considerazione del crescente numero di infetti e decessi dovuti a complicazioni della malattia, alcuni farmaci sono stati testati, con particolare attenzione all’uso di AZT nel trattamento dei pazienti, essendo il bersaglio di numerosi studi sul suo uso.

In questo senso, è importante menzionare che il riposizionamento di vecchi farmaci già utilizzati per il trattamento antivirale è una buona strategia, perché gli effetti collaterali, il dosaggio, le interazioni con altri farmaci e il profilo di sicurezza (GAUTRET et al, 2020) sono già noti. Pertanto, alcuni studi hanno suggerito un effetto sinergico della combinazione di HCQ e AZT, principalmente perché questo macrolide ha dimostrato di essere attivo in vitro contro i virus Zika ed Ebola, oltre a prevenire gravi infezioni delle vie respiratorie se somministrato a pazienti affetti da infezione virale (GAUTRET et al, 2020), nonché un regime di combinazione di AZT con clorochina (CQ) è stato utilizzato nel trattamento della malaria in caso di resistenza al clorochina , ed è stata segnalata anche una sinergia di questo effetto in vitro (COOK et al, 2006).

L’AZT agisce prevalentemente come batteriostatico, prevenendo la moltiplicazione del microrganismo. Tuttavia, durante la pandemia di COVID-19, è stato oggetto di numerosi dibattiti e controversie, in particolare nell’ipotesi del suo utilizzo associato all’HCQ a causa di effetti antivirali rilevati in vitro (CAVALCANTI et al., 2020).

Principalmente, AZT è indicato per il trattamento di infezioni del tratto respiratorio inferiore, tra cui bronchite e polmonite, infezioni della pelle e dei tessuti molli, mezzi di otite acuta, infezioni delle vie respiratorie superiori, tra cui sinusite e faringite / tonsillite (ASTRO, 2015).

È anche usato nella febbre tifoide lieve o moderata a causa di organismi resistenti multibatterici nel trattamento o profilassi dell’infezione da Mycobacterium avium-intracellulare nei pazienti affetti da AIDS (BAKHEIT et al, 2014), oltre all’uretrite non gonococcica semplice presumibilmente causata da C. trachomatis e nella prevenzione dell’endocardite batterica in pazienti sottoposti a procedure dentali ad alto rischio di endocardite, pertosse, infezioni micobatteriche, per pazienti allergici ad agenti β-lattami (JOINT FORMULARY COMMITTEE, 2009; MORENO et al, 2009).

Nelle malattie sessualmente trasmissibili negli uomini e nelle donne, specialmente durante la gravidanza, quando le tetracicline sono controindicate, l’AZT è stato utilizzato nelle infezioni genitali non complicate dovute a Chlamydia trachomatis e Neisseria gonorrhoeae, trattamento del cancro dovuto a Haemophilus ducreyi e granuloma inguinale o linfogranuloma venereo (ASTRO, 2015; BAKHEIT et al, 2014; MORENO et al, 2009). AZT è stato anche studiato per il trattamento di altre patologie oltre ai suoi effetti antimicrobici, molti sono ancora in fase di studio, ma sono stati osservati risultati positivi nel trattamento della gastroparesi e della dissimilarità gastrointestinale (RANG e DALE, 2007; SWEETMAN, 2009), asma ad esordio tardivo (MOSHIREE et al, 2010), malaria falciparum semplice, se usata in combinazione con artesunato o chinino (CHINI et al, 2012), iperplasia gengivale, se associata alla ciclosporina, specialmente se somministrata all’inizio del processo (GÓMEZ et al, 1997).

La fibrosi cistica con l’uso a lungo termine di AZT ha mostrato evidenza di una riduzione del declino della funzione polmonare e del tasso di esacerbazione, probabilmente a causa dell’interruzione della crescita del biofilm Pseudomonas aeruginosa (HURT e BILTON, 2012). Inoltre, l’uso dell’AZT è stato studiato nella prevenzione della cardiopatia ischemica, sulla base di un collegamento suggerito tra aterosclerosi e infezione da Chlamydophila pneumoniae. Sebbene i risultati preliminari di alcuni studi pilota siano stati promettenti, gli studi a lungo termine su un gran numero di pazienti sono stati frustranti, non hanno ridotto gli eventi ischemici e non hanno fornito benefici clinici (MORENO et al, 2009; NOEDL et al, 2006). L’AZT è stato studiato anche per il trattamento del COVID-19, sia per i suoi effetti antibiotici quando i pazienti hanno un’infezione batterica, sia per i suoi possibili effetti antivirali.

3.2 FARMACOLOGIA

Per quanto riguarda le proprietà farmacocinetiche di AZT che includono assorbimento, distribuzione ed eliminazione. Dopo la somministrazione orale nell’uomo, L’AZT è ampiamente distribuito in tutto il corpo, con biodisponibilità di circa il 37%, e può avere la sua biodisponibilità ridotta del 50% se somministrata sotto forma di capsule e dopo un pasto sostanzioso. Il tempo necessario per raggiungere i picchi di concentrazione plasmatica è da 2 a 3 ore (BAKHEIT et al, 2014; MORENO et al, 2009).

L’AZT ha un’ampia distribuzione nei tessuti e alte concentrazioni di medicinali all’interno delle cellule (compresi i fagociti), con conseguente concentrazioni molto più elevate di farmaci nei tessuti o secrezioni rispetto alle concentrazioni simultanee del siero. Nei modelli animali sperimentali, concentrazioni più elevate di AZT vengono rilasciate durante la fagocitosi attiva rispetto ai fagociti non stimolati, con il risultato che alte concentrazioni di AZT vengono rilasciate nei siti di infezione (BAKHEIT et al, 2014; MORENO et al, 2009; ASTRO, 2015).

Quando somministrato per via orale, l’AZT viene rapidamente assorbito e ampiamente distribuito in tutto il corpo, ad eccezione del cervello e del liquido cerebrospinale (BAKHEIT et al, 2014; MORENO et al, 2009). I livelli di AZT nei tessuti sono fino a 50 volte la concentrazione massima osservata nel plasma, secondo gli studi di farmacocinetica sull’uomo. (YANG et al, 2009; ASTRO, 2015)

I macrolidi, una classe a cui appartiene L’AZT, esprimono la loro attività di antibiotici legandosi a RNAr 23S della subunità ribosomiale 50S di microrganismi che bloccano la sintesi proteica inibendo la fase di traspeptidazione/traslocazione (ASTRO, 2015; MATZNELLER et al, 2013). Le cellule sono considerevolmente più permeabili alla forma ionizzata del farmaco, il che probabilmente spiega l’aumento dell’attività antimicrobica nel pH alcalino.

Alcuni studi hanno sottolineato che, oltre alla loro attività antimicrobica per prevenire la superinfezione batterica, attenuando così un’infezione virale causata dalla SARS COV-2, i macrolidi hanno proprietà antinfiammatorie e antivirali (JOHNSTON, 2006).

In questo senso, per quanto riguarda il meccanismo di azione antivirale, si osserva la ricorrente associazione di AZT con HCQ a causa del fatto che agiscono in modo simile, eseguendo la cosiddetta “interazione farmacologica”, che, in questo caso, migliora l’effetto dei farmaci nella lotta al COVID-19. Alcuni studi affermano anche la sovrapposizione del modo di azione di AZT in relazione alla HCQ. Gli studi sostengono che questi farmaci causano alterazioni del pH all’interno degli organelli intracellulari, specialmente nell’apparato di Golgi. Pertanto, la diminuzione dell’acidificazione endosomica provoca un’interferenza nella glicolilazione del recettore ACE2 con il virus delle proteine SARS COV-2, bloccando l’ingresso e la diffusione virale (POSCHET et al, 2020).

Studi precedenti hanno mostrato l’azione di AZT contro virus che causano epidemie precedenti come Ebola e Zika (ANDRIANI et al, 2020; GAUTRET et al, 2020). Inoltre, questo farmaco ha dimostrato efficacia nel prevenire la progressione a infezioni virali più gravi delle vie respiratorie (BACHARIER et al, 2015; GAUTRET et al, 2020). Ciò risulta da una regolazione positiva dell’interferone (IFN) I e IFN III. (ANDREANI et al, 2020; LI, et al, 2019).

Sebbene l’AZT in vitro abbia questo potenziale per ridurre la carica virale di SARS COV-2, questa caratteristica non rimane in pratica (GAUTRET et al, 2020; TOURET et al, 2020). Recenti studi su pazienti con COVID-19 indicano che l’uso di AZT con HCQ non ha causato un miglioramento dello stato clinico (CAVALCANTI et al, 2020). Tra questi studi ci sono uno studio di coorte retrospettiva su 1.438 pazienti ricoverati nella New York metropolitana con trattamento tra cui AZT in un gruppo, HCQ in un altro, e il terzo è stato medicato da entrambi i farmaci associati. Alla fine, si è concluso che nessuna delle alternative ha portato a un miglioramento statisticamente significativo delle immagini dei pazienti (ROSENBERG et al, 2020).

Un altro studio, questa volta condotto in diversi centri medici in Brasile, ha valutato 504 pazienti i cui test hanno confermato l’infezione da SARS COV-2. In questo gruppo, il secondo è stato anche diviso in tre gruppi, il primo è stato controllato, il secondo è stato medicato solo con idrossiclorochina e quest’ultimo ha utilizzato la terapia idroxiclorochina associata con AZT e, ancora una volta, non è stato osservato alcun miglioramento dello stato clinico dei pazienti con il farmaco in relazione al gruppo placebo (CAVALCANTI et al, 2020). Infine, uno studio pertinente condotto in diversi centri medici negli Stati Uniti ha dimostrato che, oltre a non causare un miglioramento dello stato clinico dei pazienti, AZT e HCQ avevano ancora poca o quasi alcuna rilevanza nel ridurre il rischio di ventilazione meccanica dei pazienti ricoverati con COVID-19 (MAGAGNOLI et al, 2020).

Inoltre, questa classe di farmaci viene valutata come farmaci immunomodulatori in varie malattie respiratorie. La ricerca afferma che i suoi effetti sono legati all’aumento della secrezione di citochine antinfiammatorie dall’attività neutrofila inibendo la loro migrazione verso siti di infiammazione, oltre a inibire la sintesi e la secrezione di citochine pro-infiammatorie (GOOD et al, 2012; ZAROGOULIDIS et al, 2012).

In questo senso, gli studi hanno dimostrato che questa azione immunomodulatoria di AZT e HCQ si verifica durante il coinvolgimento cellulare, più specificamente nell’inibire la molecola ICAM1 e nello sviluppo di citochine come interleukins (IL) – 6 e IL- 8 di rinovirus nelle cellule dell’epitelio polmonare (JANG et al, 2006). Inoltre, possono inibire la degranulazione dei leucociti, ridurre l’infiammazione eosinofila, attivare la fagocitosi dei macrofagi e aumentare il trasporto mucociliare, diminuendo la produzione di muco in vivo e in vitro (BARKER et al, 2015; BEIGELMAN et al, 2009; GOOD et al, 2012; ZAROGOULIDIS et al, 2012). Sebbene ci siano molti studi relativi all’argomento, l’indicazione dell’AZT di ottenere tali azioni immunomodulatorie in risposta alle infezioni da SARS COV-2 è ancora piuttosto controversa (JOHNSTON et al, 2006; SOUTHERN et al, 2012).

4. POSIZIONAMENTO DI ENTI MEDICI NAZIONALI E INTERNAZIONALI

Le incertezze sulla gestione dei pazienti in pandemia da parte della SARS-COV-2 nel corso del 2020 sono state certamente molto dibattute. È stato preso in considerazione l’uso di diversi farmaci e protocolli per il trattamento e la profilassi del COVID-19 e sono stati condotti studi per verificare l’efficacia di queste terapie. Uno dei farmaci considerati era l’AZT, in molti casi associato a HCQ e CQ. Sebbene non ci siano state molte prove a favore di questi farmaci, questa combinazione è stata raccomandata dal Ministero della Salute (MS) a maggio per pazienti adulti con casi da lievi a gravi, sottolineando la somministrazione precoce, cioè nei primi giorni di sintomi (BRASIL, 2020a; UFRGS, 2020).

L’Associazione medica brasiliana (AMB) ha pubblicato nel marzo 2020 una posizione sull’uso di AZT + HCQ / CQ, evidenziando la mancanza di prove scientifiche di questa condotta, dal momento che molti degli studi che erano stati condotti all’epoca non avevano criteri scientifici affidabili perché erano ricerche parziali, non randomizzate o in vitro. Inoltre, la considerazione dell’autonomia medica è evidenziata in questa nota dell’AMB, in particolare per quanto riguarda lo svolgimento di casi gravi e pericolosi per la vita (AMB, 2020).

La posizione dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sull’argomento è stata più cauta, ed è stato espresso nella “Interim Guidance” di maggio che la somministrazione di farmaci antivirali, farmaci immunomodulatori, corticosteroidi, tra gli altri, dovrebbe essere riservata alla ricerca clinica e che i dati disponibili all’epoca erano insufficienti e di bassa qualità scientifica per proporre qualsiasi tipo di trattamento efficace per COVID-19. L’OMS sottolinea anche che molti di questi farmaci, inclusa la combinazione AZT + HCQ / CQ, hanno effetti collaterali da considerare, quindi questo uso sperimentale può essere dannoso per alcuni pazienti (OMS, 2020).

Nella seconda settimana di giugno, l’MS ha pubblicato una nuova nota informativo che sostituisce quella di maggio, sostenendo anche il trattamento precoce e indicando l’uso della combinazione AZT + HCQ / CQ per, oltre agli adulti, ai pazienti pediatrici e alle donne in gravidanza con casi lievi, moderati o gravi (BRASIL, 2020b). Alla fine di giugno, la Società brasiliana di malattie infettive (SBI) ha pubblicato la sua posizione sulla terapia precoce dei farmaci, evidenziando che studi clinici in doppio cieco e randomizzati non hanno mostrato benefici dell’uso di HCQ / CQ, né AZT in pazienti criticamente obesi (SBI, 2020).

Per quanto riguarda l’uso di AZT e altri farmaci per la profilassi COVID-19, questa pratica è scoraggiata dalla SBI, dalla Società brasiliana di pneumologia e tisiologia (SBPT) e dall’OMS. L’SBPT ha preso posizione alla fine di giugno, avvertendo che non ci sono prove scientifiche a sostegno dell’uso di alcun farmaco per impedire l’installazione della malattia. Inoltre, AZT è un farmaco antibiotico, quindi non c’è alcuna indicazione per il suo uso nelle infezioni virali, con la possibilità di fornire la selezione di ceppi batterici resistenti (SBI, 2020; SBPT, 2020; NIH, 2020a).

Inoltre, a livello internazionale, altre organizzazioni sanitarie come la Pan American Health Organization (OPAS), i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il Istituto nazionale di sanità nordamericano (NIH) degli Stati Uniti, affermano che non esiste alcun farmaco con prove scientifiche di efficacia per trattare o prevenire l’infezione da SARS-COV-2 (CDC, 2020; NIH, 2020b; OPAS, 2020).

I risultati di diversi studi clinici randomizzati e in doppio cieco sono stati resi pubblici per tutto il 2020 e molti di questi hanno evidenziato l’inefficacia del trattamento HCQ / CK con o senza AZT. Gli studi “Coalition I” e “Coalition II” condotti da scienziati brasiliani e pubblicati rispettivamente nei mesi di luglio e ottobre non hanno osservato differenze nell’evoluzione clinica dei pazienti nei gruppi che hanno utilizzato un trattamento standard, solo HCQ / CQ o AZT + HCQ / CQ (CAVALCANTI et al, 2020; FURTADO et al, 2020).

Pertanto, alla fine del 2020, l’SBI ha pubblicato il documento “Aggiornamenti e raccomandazioni su COVID-19” sottolineando che non ci sono trattamenti precoci per la malattia fino ad ora e che i farmaci sintomatici potrebbero essere prescritti quando necessario. Subito dopo, l’SBPT ha dichiarato il supporto per SBI e la sua posizione sull’infezione da SAR-COV-2 (SBI, 2020; SBPT, 2020).

5. POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI DI AZT NEL TRATTAMENTO DEL COVID-19

L’AZT è generalmente ampiamente tollerato dalla maggior parte dei pazienti, con reazioni avverse riportate di intensità da lieve a moderata. Gli effetti più comuni influenzano il sistema gastrointestinale, come anoressia, dispepsia, nausea e vomito, flatulenza, stitichezza, tra gli altri. Ci sono anche segnalazioni di mal di testa, sonnolenza, vertigini, artralgia, insonnia, epatite, ipotensione, prurito, anafilassi, ansia, agitazione, acufene, neutropenia transitoria e trombocitopenia (ASTRO, 2015).

È importante sottolineare che l’AZT è stato considerato come uno dei possibili trattamenti per COVID-19, specialmente come profilassi per infezioni batteriche secondarie. Sono stati condotti molti studi clinici che combinano la somministrazione di AZT con HCQ o CQ per verificare l’efficacia di questi farmaci contro l’infezione da COVID-19 (SULTANA et al, 2020; ZEQUN et al, 2020).

Alcuni fattori possono portare al prolungamento dell’intervallo QT, uno dei quali sono farmaci come AZT, HCQ e QC (REY et al, 2003; RAY et al, 2012; WU et.al, 2020;). AZT ha come uno dei suoi effetti collaterali noti alcuni disturbi della ritmicità cardiaca. Palpitazioni, aritmie, tachicardia ventricolare e, più raramente, prolungamento dell’intervallo QT e Torsades de Pointes (ASTRO, 2015). Inoltre, sia HCQ che CK sono riconosciuti come farmaci cardiotossici, specialmente nel loro uso prolungato (WHITE, 2007; ZEQUN et al, 2020). Questo cambiamento nell’intervallo QT nell’uso di questi farmaci si verifica a causa del blocco del canale di potassio hERG, e la combinazione di AZT + HCQ / CQ può potenziare l’inibizione di questi canali e portare ad aritmie (ZEQUN et al, 2020).

L’intervallo QT sull’elettrocardiogramma comprende tutta l’attività elettrica del cuore, dalla depolarizzazione alla ripolarizzazione ventricolare. Questo valore oscilla in base alla frequenza cardiaca (FC), pertanto è necessario correggere questa misura in base alla FC, ottenendo la misura dell’intervallo QT corretto (QTc). Il QTc è considerato normale quando è compreso nell’intervallo ≤ 440 ms per i maschi e ≤ 460 ms per le femmine (WU et al, 2020).

Un altro punto da considerare è che l’infezione da SARS-COV-2, di per sé, può già causare danni al fegato e aumentare i livelli sierici di alcuni enzimi epatici, come l’aspartato aminotransferasi (AST) e l’alanina aminotransferasi (ALT) (RIDRUEJO e SOZA , 2020; ZHANG et al, 2020;). L’AZT può anche causare un aumento di AST e ALT, ma è un aumento acuto e transitorio nei pazienti trattati per un breve periodo di tempo. L’epatotossicità dell’AZT può anche portare a epatite colestatica entro tre settimane dall’uso del farmaco (OLRY et al, 2020; LIVERTOX, 2017). Questi effetti avversi devono essere ben analizzati quando si propone l’uso dell’AZT nel trattamento del COVID-19.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

È innegabile l’importanza che l’AZT ha nel trattamento di varie malattie batteriche che colpiscono l’uomo. Inoltre, sono in corso studi per verificare le sue possibili azioni antivirali e immunomodulatrici, che è ancora molto incerta. Sebbene questo farmaco abbia mostrato risultati promettenti in vitro, nei vari studi clinici condotti in tutto il mondo l’AZT, combinato o meno con HCQ / CQ, non ha mostrato efficacia per il trattamento di casi da lievi a gravi, né come profilassi per COVID-19. Sebbene i risultati finali della ricerca sull’efficacia di questo uso non siano stati pubblicati, alcuni paesi, incluso il Brasile, hanno stabilito protocolli in anticipo e hanno raccomandato l’uso della combinazione AZT + HCQ / CQ per tutti i tipi di casi, ignorando la cautela sostenuta da diversi organizzazioni sanitarie sanitarie nazionali e internazionali. Durante questo periodo, ci sono stati anche studi che affrontano i possibili effetti avversi che tali farmaci potrebbero causare, il prolungamento dell’intervallo QTc si è distinto, soprattutto nei pazienti con fattori di rischio. Alla fine del 2020, con la pubblicazione di diversi studi clinici in doppio cieco e randomizzati, si può affermare che la somministrazione di AZT + HCQ / CQ non favorisce il miglioramento dell’evoluzione clinica dei pazienti. L’intera situazione vissuta durante la pandemia COVID-19 ha sottolineato l’importanza di una scienza ben progettata e condotta. Per quanto riguarda l’utilizzo dell’AZT per trattamenti di malattie diverse dalle infezioni batteriche, di cui l’efficacia è già stata scientificamente provata, è necessario condurre ulteriori studi.

RIFERIMENTI

ANDREANI, Julien et al. In vitro testing of combined hydroxychloroquine and azithromycin on SARSCoV-2 shows synergistic effect. Microbial Pathogenesis, v. 145, p. 01-04, abr. 2020.

ASSOCIAÇÃO MÉDICA BRASILEIRA (AMB). Posição da AMB sobre o uso da Hidroxicloroquina e Azitromicina no Combate ao Covid-19. 21 de março de 2020. Disponível em: <https://amb.org.br/wp-content/uploads/2020/03/OF.DIR_.042.2020-POSI%C3%87%C3%83O-DA-AMB-SOBRE-O-USO-DA-HIDROXICLOROQUINA.pdf>. Acesso em: 12/01/2021.

ASTRO: comprimidos. Responsável Técnica: Maria Benedita Pereira. São Paulo: Eurofarma, 2015. Bula de remédio.

BACHARIER, Leonardo B. et al. Early Administration of Azithromycin and Prevention of Severe Lower Respiratory Tract Illnesses in Preschool Children With a History of Such Illnesses: A Randomized Clinical Trial. JAMA, v. 314, n. 19, p. 2034–2044, nov. 2015.

BAKHEIT, A. H. H.; AL-HADIYA, B. M. H.; ABD-ELGALIL, A. A. (2014). Azithromycin. In: BRITTAIN, Harry G. Profiles of Drug Substances, Excipients and Related Methodology. Elsevier, 2014, cap. 01, p. 01–40.

BARKER, Pierre M et al. Effect of macrolides on in vivo ion transport across cystic fibrosis nasal epithelium.American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, v. 171, n. 8, p. 868-871, 2005.

BEIGELMAN Avraham et al. Azithromycin attenuates airway inflammation in a noninfectious mouse model of allergic asthma. Chest, v. 136, n. 2, p. 498-506, 2009.

BRASIL. MINISTÉRIO DA SAÚDE. Orientações do Ministério da Saúde para Manuseio Medicamentoso Precoce de Pacientes com Diagnóstico da COVID-19. Brasília, DF: Ministério da Saúde, 2020a, 19 p. Disponível em: <https://docs.bvsalud.org/biblioref/2020/05/1096794/orientacoes-manuseio-medicamentoso-covid19.pdf>.

BRASIL. MINISTÉRIO DA SAÚDE. Orientações do Ministério da Saúde para Manuseio Medicamentoso Precoce de Pacientes com Diagnóstico da COVID-19. Brasília, DF: Ministério da Saúde, 2020b, 36 p. Disponível em: <http://antigo.saude.gov.br/images/pdf/2020/August/12/COVID-11ago2020-17h16.pdf>. Acesso em: 12/01/2021.

CAVALCANTI, Alexandre B. et al. Hydroxychloroquine with or without Azithromycin in Mild-to-Moderate Covid-19. The New England Journal of medicine, v. 383, n. 21, p. 2041-2052, set. 2020.

CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION (CDC). Interim infection prevention and control recommendations for healthcare personnel during the Coronavirus Disease 2019 Pandemic. Georgia; 4 de novembro de 2020. Disponível em: <https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/hcp/infection-control-recommendations.html> . Acesso em: 12/01/2021.

CHINI, Payam et al. Effect of azithromycin on small bowel motility in patients with gastrointestinal dysmotility. Scandinavian Journal of Gastroenterology, v. 47, n. 4, p. 422-427, 2012.

COOK, Jack A. et al. Lack of a pharmacokinetic interaction between azithromycin and chloroquine. The American Journal of Tropical Medicine and Hygiene, v. 74. ed. 3, p. 407-412, 2006.

FURTADO, Remo HM et al. Azithromycin in addition to standard of care versus standard of care alone in the treatment of patients admitted to the hospital with severe COVID-19 in Brazil (COALITION II): a randomised clinical trial. The Lancet, v. 396, n. 10256, p. 959-967, 2020.

GAUTRET, Philippe et al. Hydroxychloroquine and azithromycin as a treatment of COVID-19: results of an open-label non-randomized clinical trial. International journal of antimicrobial agents, v. 56, n.1, p. 01-06, 2020.

GÓMEZ, E. et al. Treatment of cyclosporin-induced gingival hyperplasia with azithromycin. Nephrology Dialysis Transplantation. v. 12, n. 12, p. 2694–2697, 1997.

GOOD, James T; ROLLINS, Donald; MARTIN, Richard J. Macrolides in the treatment of asthma. Current Opinion in Pulmonary Medicine, v. 18, n.1, p. 76-84, 2012.

HURT, Katharine; BILTON, Diana. Cystic Fibrosis. Medicine, v. 40, n.. 5, p. 273–276, 2012.

INSTITUTO NACIONAL DE DIABETES E DOENÇAS DIGESTIVAS E RENAIS. Azithromycin. In: LiverTox Clinical and Research Information on Drug-Induced Liver Injury. Bethesda, 2017. Disponível em: <https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK548434/>. Acesso em: 12/01/2021.

JANG, Y.J., KWON, H-J.; LEE, B-J. Effect of clarithromycin on rhinovirus-16 infection in A549 cells. European Respiratory Journal, v. 27, p. 12–19, 2006.

JOHNSTON, Sebastian L. Macrolide antibiotics and asthma treatment. Journal of Allergy and Clinical Immunology, v. 117, n. 6, p. 1233-1236, jun 2006.

JOINT FORMULARY COMMITTEE. British National Formulary, British Medical Association and Royal Pharmaceutical Society of Great Britain, London, 57 ed. 2009.

LI, Chunfeng et al. Azithromycin Protects against Zika virus Infection by Upregulating virus-induced Type I and III Interferon Responses. Antimicrobial agents and chemotherapy, v. 63, n.12, p.1-14, dec. 2019.

LIVERTOX: Clinical and Research Information on Drug-Induced Liver Injury [Internet]. Bethesda (MD): National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases; 2012-. Azithromycin. [Updated 2017 Aug 8]. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK548434/>. Acesso em 01/02/2021.

MAGAGNOLI, Joseph et al. Outcomes of hydroxychloroquine usage in United States veterans hospitalized with Covid-19. MedRXiv, p. 01-27, abr. 2020.

MATZNELLER, Peter et al. Blood, tissue, and intracellular concentrations of azithromycin during and after end of therapy. Antimicrobial Agents and Chemotherapy, v. 57, n. 4, p. 1736-1742, 2013.

MORENO, Andréia de Haro; SILVA, Maria Fernanda Conz da; SALGADO, Hérida Regina Nunes. Stability study of azithromycin in ophthalmic preparations. Brazilian Journal of Pharmaceutical Sciences, São Paulo, v. 45, n. 2, p. 219-226, jun. 2009.

MOSHIREE, Baharak et al. Comparison of the effect of azithromycin versus erythromycin on antroduodenal pressure profiles of patients with chronic functional gastrointestinal pain and gastroparesis. Digestive Diseases and Sciences, v. 55, n. 3, p. 675-683, 2010.

NATIONAL INSTITUTES OF HEALTH UNITED STATES (NIH). COVID-19 Treatment Guidelines Panel: Prevention and Prophylaxis of SARS-CoV-2 Infection. Bethesda; última atualização 17 de dezembro de 2020a. Disponível em: <https://www.covid19treatmentguidelines.nih.gov/overview/prevention-of-sars-cov-2/>. Acesso em: 12/01/2021.

NATIONAL INSTITUTES OF HEALTH UNITED STATES (NIH). COVID-19 Treatment Guidelines Panel: Therapeutic Management of Patients with COVID-19. Bethesda; última atualização 03 de dezembro de 2020b. Disponível em: <https://www.covid19treatmentguidelines.nih.gov/therapeutic-management/>. Acesso em: 12/01/2021.

NOEDL,Harald et al. Azithromycin combination therapy with artesunate or quinine for the treatment of uncomplicated Plasmodium falciparum malaria in adults: A randomized, phase 2 clinical trial in Thailand. Clinical Infectious Diseases, v.43, n. 10, p. 1264–1271, 2006.

OLRY, Alexandre et al. Drug-Induced Liver Injury and COVID-19 Infection: The Rules Remain the Same. Drug Safety, p. 01-03, jun 2020.

PAN AMERICAN HEALTH ORGANIZATION (OPAS), World Health Organization. Ongoing living update of potential COVID-19 therapeutics: summary of rapid systematic reviews. Washington; 30 de outubro de 2020. Disponível em: <https://iris.paho.org/bitstream/handle/10665.2/52719/PAHOIMSEIHCOVID-19200027_eng.pdf?sequence=8&isAllowed=y> .  Acesso em: 12/01/2021.

POSCHET, Jens F.; PERKETT, Elizabeth A.; TIMMINS, Graham S. Azithromycin and ciprofloxacin have a chloroquine-like effect on respiratory epithelial cells. BioRxiv, p. 01-21, mar. 2020.

RANG, Humphrey P & DALE, Maureen M. Rang and Dale’s Pharmacology. Elsevier, 6ed., 2007.

RAY, Wayne A. et al. Azithromycin and the Risk of Cardiovascular Death. The New England Journal of medicine, v. 366, p. 1881-1890, 2012.

REY, Ludmilla Daru et al. Prolongamento do intervalo QT do eletrocardiograma em pacientes reumáticos usando antimaláricos. Revista Brasileira de Reumatologia, São Paulo, v. 43, n. 5, p. 275-278, out. 2003.

RIDRUEJO, Ezequiel; SOZA, Alejandro. The liver in times of COVID-19: What hepatologists should know. Annals of Hepatology, v. 19, p. 353–358, jul. 2020.

ROSENBERG, Eli S. et al. Associação do tratamento com hidroxicloroquina ou azitromicina com mortalidade hospitalar em pacientes com COVID-19 no estado de Nova York. JAMA, v. 323, n. 4, p. 2493-2502, 2020.

SOCIEDADE BRASILEIRA DE INFECTOLOGIA (SBI). Informe da Sociedade Brasileira de Infectologia Sobre o Novo Coronavírus N° 15: Uso de Medicamentos para Covid-19. 30 de junho de 2020. Disponível em: <https://infectologia.org.br/wp-content/uploads/2020/07/Informe-15-uso-de-medicamentos-para-covid-19.pdf>. Acesso em: 12/01/2021.

SOCIEDADE BRASILEIRA DE PNEUMOLOGIA E TISIOLOGIA (SBPT). Posicionamento da SBPT acerca da profilaxia e tratamento da COVID-19. 29 de junho de 2020. Disponível em:< https://sbpt.org.br/portal/wp-content/uploads/2020/06/Profilaxia-e-tratamento-COVID-19.pdf>. Acesso em 01/02/2021.

SOUTHERN, Kevin W. et al. Macrolide antibiotics for cystic fibrosis. Cochrane Database of Systematic Reviews, v. 11, n. 11, p.  2012.

SULTANA, Janet et al. Azithromycin in COVID-19 Patients: Pharmacological Mechanism, Clinical Evidence and Prescribing Guidelines. Drug safety, v. 43, n. 8, p. 691–698, jul. 2020.

SWEETMAN, Sean C. Martindale: The Complete Drug Reference. Grã Britanha: Pharmaceutical Press, 36ed., 2009.

TOURET, Franck et al. In vitro screening of a FDA approved chemical library reveals potential inhibitors of SARS-CoV-2 replication. Nature Research: Scientific Reports, v. 10, n. 13093, 2020.

UNIVERSIDADE FEDERAL DO RIO GRANDE DO SUL (UFRGS). Programa de Pós-Graduação em Epidemiologia. TelessaúdeRS: Existe algum tratamento específico para COVID-19? Porto Alegre: TelessaúdeRS-UFRGS; nov. 2020. Disponível em: <https://www.ufrgs.br/telessauders/posts_coronavirus/existe-algum-tratamento-especifico-no-tratamento-da-infeccao-por-covid-19/>. Acesso em: 12/01/2021.

WHITE, Nicholas J. Cardiotoxicity of antimalarial drugs. The Lancet Infectious Diseases, v. 7, n. 8, p. 549–558, 2007.

WORLD HEALTH ORGANIZATION (WHO). Azithromycin. WHO Coronavirus Disease (COVID-19) Dashboard, 2021. Disponível em: <https://covid19.who.int/>. Acesso em: 12/01/2021.

WORLD HEALTH ORGANIZATION (WHO). Clinical Management of COVID-19: Interim Guidance. Geneva; 27 de maio de 2020. Disponível em: <https://www.who.int/publications-detail/clinical-management-of-covid-19>. Acesso em: 12/01/2021.

WU, Tan Chen et al. Controle do Intervalo QT para Prevenção de Torsades de Pointes Durante uso de Hidroxicloroquina e/ou Azitromicina em Pacientes com COVID 19. Arquivos Brasileiros de Cardiologia, São Paulo, v. 114, n. 6, p. 1061-1066, jun. 2020.

YANG, Zi Yi; WANG, Lin; TANG, Xing. Determination of azithromycin by ion-pair HPLC with UV detection. Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis. v. 49, n. 3, p. 811-815, 2009.

ZAROGOULIDIS, Paul, et al. Macrolides: From in vitro anti-inflammatory and immunomodulatory properties to clinical practice in respiratory diseases. European Journal of Clinical Pharmacology, v. 68, p. 479–503, 2012.

ZEQUN, Zheng et al. Off-label use of chloroquine, hydroxychloroquine, azithromycin and lopinavir/ritonavir in COVID-19 risks prolonging the QT interval by targeting the hERG channel. European Journal of Pharmacology, v. 893, p. 01-09, dez. 2020.

ZHANG, Chao; SHI, Lei; WANG, Fu Sheng. Liver injury in COVID-19: management and challenges. The Lancet Gastroenterology and Hepatology, v. 5, n. 5, p. 428-430, mai. 2020.

[1] Dottorato di ricerca in patologia provato e confrontato.

[2] Studenti del Corso di Medicina di FM.

[3] Studenti del Corso di Medicina di FM.

[4] Studenti del Corso di Medicina di FM.

[5] Studenti del Corso di Medicina di FM.

[6] Studenti del Corso di Medicina di FM.

[7] Studenti del Corso di Medicina di FM.

Inviato: Febbraio 2021.

Approvato: Aprile 2021.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita