La dignità principio come una guida per i rapporti di lavoro di costruzione e legge

0
529
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

ARAÚJO, Camila Jatahy [1]

LIMA, João Bosco Sávio Oliveira de [2]

SANTOS, Amaury Segadilha [3]

ARAÚJO, Camila Jatahy; et.al. La dignità principio come una guida per i rapporti di lavoro di costruzione e legge. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Edizione 08. Anno 02, Vol. 03. pp 139-161, novembre 2017. ISSN:2448-0959 

SOMMARIO

Il tema degli indirizzi di lavoro sul diritto per ward laborador, con il principio ottico della dignità umana nell'ambiente di lavoro nella visione CLT. Si tratta di un principio costituzionalmente dichiarato come fondamentale, che si basa sullo scopo di essere vivo e umano e da analizzare dal punto di vista del lavoro rende l'uomo non solo un meccanismo per l'utilizzo del loro lavoro come un modo redditizio per gli imprenditori . L'indagine è stata condotta da documentario e una bibliografia, con la letteratura rilevante per il diritto del lavoro. Gli obiettivi delineati a partire dal generale, che era quello di analizzare l'importanza della dignità umana nel lavoro, e specifico, che divide in studio sulle principali leggi che disciplinano il diritto del lavoro e dimostrare come le leggi sul lavoro sono applicati in aziende. Così, le questioni sollevate nella ricerca, compreso la necessità tema affrontato nel raccolto del diritto del lavoro.

Parole chiave: diritto del lavoro, la dignità umana, CLT, del lavoro, principio fondamentale.

INTRODUZIONE

La Costituzione federale brasiliano chiama subito nel suo primo articolo, che appartiene al capitolo dei principi fondamentali, la dignità della persona umana. Potete vedere qui l'importanza di questo principio, che è presente in tutte le colture di legge brasiliana – compreso il lavoro.

Il consolidamento delle leggi sul lavoro è un insieme di diritti e doveri che proteggono il campo di lavoro. La Costituzione serve più in generale quello che abbiamo capito come i diritti fondamentali dato ai dipendenti, un minimo che deve essere obbedito nei casi in cui non esiste una legge stabilito che incontra certa classe o di diritti.

Bisogna fare una distinzione tra il lavoratore e il dipendente, il dipendente è un genere di cui il lavoratore è la specie, da essere considerata dipendente deve soddisfare i requisiti del arte. 3 del Codice del lavoro, il che implica essere una persona fisica fornitore di nessuna possibile la natura del servizio, e sotto la dipendenza dei salari. Questo servizio deve essere fornito a chiunque – persona o azienda – e questo è qualcuno che viene a subordinazione.

Ma l'operaio è un qualsiasi fornitore di servizi, non deve necessariamente essere subordinato o non è possibile. Con queste distinzioni fondamentali nelle definizioni tra dipendente e dipendente, si può quindi dar luogo a l'aspetto principale che si occupa questo lavoro.

È interessante notare che entrambi sono tutelati dal principio della dignità umana, ma per quanto riguarda alcuni diritti previsti nella Costituzione o nella CLT unica data classe è il beneficiario di tali condizioni.

Durante le spiegazioni qui sotto trovati, abbiamo cercato di sottolineare il principio della dignità umana di fronte al diritto del lavoro, ma è un problema che è direttamente collegato a tutti gli altri eventi politici, sociali ed economici legali, dipendenti, e la loro riflessi, la salute e la qualità dei lavoratori della vita.

L'opera è legata alle relazioni sociali, ed è la principale fonte di reddito che permette all'individuo di sopravvivere in mezzo a loro. La Costituzione federale del Brasile riconosce il diritto dei lavoratori, inteso come tali dipendenti, datori di lavoro, lavoratori autonomi e professionisti, liberamente costituite e sindacati desconstituírem; aderire individualmente e lasciare i sindacati secondo i propri interessi.

Ciò significa che la dignità umana è basata sulla natura stessa della specie umana, che di solito comprende le manifestazioni di razionalità di libertà e lo scopo in sé, che rendono l'essere umano un essere in fase di sviluppo permanente nella ricerca di autorealizzazione, per quanto riguarda il loro sviluppo professionale.

Prendendo in considerazione la dignità umana, è il riconoscimento di un valore nel diritto del lavoro. Si tratta di un principio morale in base allo scopo dell'essere umano e non nel suo uso come un mezzo, nel lavoro.

Quindi, c'è la grande e fondamentale importanza del diritto del lavoro nel processo di esprimere una rappresentanza nella realtà brasiliana di tutto ciò che è fondamentale nelle leggi del paese, portando con sé una struttura formata in più fasi, che ha portato l'umanità leggi in materia sfera del mondo del lavoro.

Pertanto, il lavoro è un apparecchio dei problemi sopramenzionati, essendo primordiale ogni analisi bibliografica e documentale, e concetti che erano molto importante per fare il lavoro di fondazione, perché in essi si trova contenuto essere un'analisi chiara e coesa.

DIRITTI DEL LAVORO STORIA IN BRASILE

 La storia del lavoro in Brasile è stata costituita dalla sua "scoperta", che costituisce una fase iniziale per l'importazione di schiavi neri dall'Africa per lavorare in Brasile. In una seconda fase caratterizzata quasi immediatamente lo sfruttamento dei popoli indigeni per Portoghese che è venuto a risiedere nella regione settentrionale del paese. Hanno nel corso dei secoli la manodopera indigena è stato sostituito da neri che sono stati portati in da altri Stati o l'Africa se stessa e affittati in quartieri degli schiavi con le condizioni sub-umane.

Nella metà del XIX secolo, ci sono stati colpendo cambiamenti storici che hanno rivoluzionato il contesto di lavoro in Brasile, come (Cezaretto, 1997):

– 1850: Brasile approvato e innovato con l'Eusébio de Queiroz legge che si è conclusa il commercio di schiavi;

– 1871: approvato la legge libera Grembo che ha liberato i figli degli schiavi nati in Brasile;

– 1885: è stato promulgato il testo giuridico che ha assicurato la libertà agli schiavi garanzia oltre 60 anni di età;

– 1888: il 13 maggio, infine, ha preso il più noto di tutte le leggi brasiliane in merito al tema della liberazione degli schiavi, è stata la promulgazione della legge d'Oro, firmato da principessa Isabel.

A partire dal 13 maggio 1888, i neri cominciarono ad avere autonomia nella loro destinazione perché erano liberi e potrebbe opinare sul vostro presente e futuro, si sa che è stato difficile in un primo momento, perché i neri non erano leggi l'amparassem nel loro lavoro.

Solo nel 1934 la Costituzione ha cominciato a trattare sul diritto del lavoro, ma in modo molto limitato, con pochi elementi che hanno favorito l'operaio, come (Martins, 2002):

– Libertà di associazione;

– Il salario minimo, l'uguaglianza dei salari;

– La tutela delle donne che lavorano e dei minori;

– Il riposo settimanale;

– Ferie annuali.

Nella Costituzione del 1934 le leggi erano troppo disordinato, specifici per ogni professione, che ha reso estremamente complicato l'applicazione. Nella costituzione del 1946 corse alcuni cambiamenti, come ad esempio (Martins, 2002):

– La partecipazione dei lavoratori ai profitti;

– Il riposo settimanale pagato;

– La stabilità;

– Il diritto di sciopero.

Dal momento che la Costituzione del 1967 ha mantenuto i diritti del lavoro stabiliti nelle costituzioni precedenti, con poche modifiche. Dopo questa Costituzione, abbiamo ancora avuto diverse altre leggi ordinarie, che fare con il lavoro, come, (Martins, 2002):

– I lavoratori domestici;

– Il lavoratore rurale;

– Il lavoratore temporaneo;

– Le vacanze, tra le altre leggi.

Infine, con l'emanazione della Costituzione federale del 5 ottobre del 1988, è stato l'inserimento dei diritti sociali e dei diritti individuali e le garanzie, mentre nelle costituzioni precedenti diritti del lavoro sono stati sempre previsti sotto l'ordine economico e sociale.

Contesto storico dei cambiamenti nel mondo del lavoro

Nel corso del V secolo fino al XV secolo, dove l'economia è stata fortemente segnata dalla servitù della gleba, si può dire che l'unico mezzo di sopravvivenza per le persone è stato il lavoro degli schiavi, erano soggette al clero e ai detentori del potere nobiltà e la terra, questo periodo è stato chiamato feudale Economia.

Il sistema feudale o feudalesimo è stato caratterizzato principalmente dal decentramento del potere politico, agricoltore e il pascolo, vale a dire, c'era un signore feudale di custode terra e il potere, lui stesso ha elaborato le loro leggi e sottoposto solo alle regole della Chiesa.

Il resto della società è stato chiamato servo, allora possiamo affermare che la società questa volta è stata strutturata come segue: Nobiltà – i signori feudali; Clero – i membri della Chiesa cattolica; e servitori – la maggior parte della popolazione contadina e schiavi dei signori feudali.

Si può osservare che in questo tipo di modello di società del lavoro schiavo, in cui l'agente ha lavorato solo per provvedere alle loro necessità e ottenere solo alloggiamento e la cattiva alimentazione anche pagato molto alte tasse ai signori feudali prevalente.

Secondo l'autore Carmo (1998, p 52.):

Il lavoro regolare è stato fatto in piccole comunità, come in questo momento il paese era una condizione di libertà e il potere dei contadini erano le imposte e, pertanto, non dovrebbe funzionare in un ritmo produttivo con scopo di generare surplus perché non c'era il mercato economico, ma dettato dalle stagioni e la rotazione del giorno e della notte.

Si è notato che questa volta il lavoro non è stato considerato come importante dalle classi dirigenti del tempo, non avevano alcun interesse ad accumulare ricchezza, solo chi ha realmente bisogno il lavoro del esaltato, come la chiesa era lavori umili obbligatoria per le categorie poveri perché era necessario per mantenere la mente e il corpo occupato per evitare il peccato. "[…]il corpo, fonte di ogni peccato, deve rimanere occupato per allontanarsi dalle tentazioni del male.[…]" (Carmo, 1998, p.45) .

Il principio della dignità umana  

Attraverso la Dichiarazione universale dei diritti umani, si può estrarre un ricco concetto di dignità umana, che comprende una serie di aspetti quali biologico, filosofico, etico, psicologico. Tutti a terra nel principio di dignità umana riconosciuta nella Dichiarazione suddetto.

Il mondo esistenziale è emerso con il cristianesimo è indispensabilmente diversa da quella che ha formato il pensiero nell'antichità; questo, nessuno ha sviluppato e progettato le humanitas della visione e il riconoscimento di una visione umanistica della vita umana, che comprende aspetti diversi da quelli diretti rapidamente l'esistenza naturale e la sua immediatezza e le possibilità, naturalmente semplicistiche, quindi con tutti questi aspetti, la visione dell'umanità ancora centrato il collettivismo della polis, cioè nell'antica Grecia oa Roma statista (ALVAREZ, 2009).

Anche nelle società più sviluppate dei tempi antichi, come Roma e la Grecia, c'era ancora il concetto determinazione di valorizzare l'unicità dell'essere umano come essere in sé, scollegando il contesto sociale della polis dominato da aristocrazie locali.

Secondo Cezaretto, (1997: 87):

Presto, non erano gli abitanti greco-romane distanziati dei loro coetanei egiziani, Fenici, semitica, tra gli altri, che predicavano la stessa nozione uomo collegato al sistema sociale e / o disegni della natura circostante, che gli ha fornito questione di paura tremenda per tutti disastri che la gente in quei tempi erano soggetti.

Da questo punto di vista, si potrebbe difficilmente raggiungere una fonte centrale di libertà che non è costringere l'uomo ad arrivare ad un concetto di coesa e completa la dignità umana, non solo l'aspetto religioso, ma che potrebbe anche essere inclusi nel mondo giuridico, come entrambi sono stati interconnessi.

L'individuo è iniziata solo da valutare in se stessa, come ente di mia volontà, a prescindere dal contesto in cui la società era parte, e come meta spirituale e trascendente con il cristianesimo. Prima di lui, però, il movimento stoico già consacrato come iniziativa di recupero del singolo e la loro unicità vicino al causalismo naturali, recuperando una certa parte del pensiero di Eraclito (Cezaretto, 1997).

Gli Stoici furono i primi a iniziare il cristianesimo perché già credevano nella dignità umana e quindi proclamato i seguenti principi: res homo religiose homine (l'uomo è cosa sacra a un altro uomo), perché siamo tutti collegati allo stesso organismo: membra sumus corporis magni (siamo membri di un grande corpo). La filosofia in tempi antichi manca anche un termine per esprimere la personalità, come è stato completato da neo-Marxista

Nel suo Cezaretto (1997, p. 28):

Il cristianesimo ha avuto origine una dimensione innovativa del singolo prendendo in considerazione la persona umana. Una tale visione era così diverso da razionalismo classico che clero greco sono stati in grado di trovare nella filosofia greca le categorie e le parole per dimostrare questa nuova realtà. Il pensiero ellenica non era in grado di concepire l'infinito e il mondo che potrebbe essere espresso in un uomo.

Per quanto riguarda il significato del singolo al momento dell'antichità ancora piuttosto novizio agli inizi dell'era cristiana. Il vecchio è assolto la città e la famiglia, sottoposto ad una destinazione senza visione del futuro, senza avere un nome proprio, superiore a quello degli dei stessi.

In questa riflessione, non si può non mettere in discussione la trasformazione del concetto di vita, umana, la vita umana sociale e le sue implicazioni per lo sviluppo, la solidarietà e l'equità degli esseri che abitano lo stesso pianeta.

La funzione della Costituzione brasiliana in materia di protezione dei lavoratori e della dignità umana.

La nostra Magna Carta offre diverse protezioni diretti ed espliciti per la salute umana e, quindi, il lavoratore.

Ad esempio, l'articolo 5, sezione III, stabilisce che "nessuno può essere sottoposto a tortura oa trattamenti inumani o degradanti."

Altrove nella Costituzione brasiliana rafforza questa difesa ha portato al precedente articolo 5 e gli aumenti nella sua XLIX voce che indicano in un personaggio più ampio, che i prigionieri sono garantiti di rispetto per l'integrità fisica e morale. Già nel comma XLVIII dice più precisamente che "la presentazione è vietata qualsiasi lavoro forzato".

Con un sacco di saggezza Costituzione brasiliana porta diritti sociali delle persone affermando che "sono diritti sociali all'istruzione, la salute, il cibo, il lavoro, l'alloggio, il trasporto, il tempo libero, la sicurezza, la sicurezza sociale, la protezione la maternità e l'infanzia, e l'assistenza agli indigenti, in conformità con questa Costituzione. " (Formulazione in costituzionale Emendamento n ° 90, 2015)

Poi la Costituzione nel suo articolo 7 è un apparato generale dei requisiti minimi per il lavoro, così come i diritti minimi del lavoratore a titolo di risarcimento riposa, numero massimo di ore di lavoro.

Con l'avvento dell'era moderna il principio giuridico della dignità umana è stato poi modificato nel suo fondamento il significato di una struttura di concezione completamente diversa, ora centrato sul valore della libertà e della dignità, quest'ultimo collegato ed esteso a coloro che accettano i fondamenti un contratto sociale che prevede questi diritti quindi formato.

Come ritrae l'autore Machado (1994, p.89):

Lo sviluppo di un concetto di "morale" del sistema giuridico, e dalla possibilitação di convivenza sociale giusto, pacifica e armoniosa, di portare pari opportunità per tutti, lo Stato detiene il suo scopo primario e così raggiunge il bene pubblico, vale a dire buona comune.

Nel momento Rivoluzione postale francese, un momento importante che separa la vita religiosa della razionalità, rendendo il paese – almeno in teoria – in uno laico, si può vedere un salto nella costruzione del concetto di dignità umana e un'importazione chiave valutativo della persona si pone, la clearance causando per essere visto come entità astratta con una dignità sostanziale. Questo riconoscimento è stato dato l'inserimento dell'uomo nel centro economico e il nucleo della cittadinanza come linea guida del sistema di produzione e di consumo che potrebbe agire e la domanda di diritti individuali nei confronti dello Stato.

La dignità umana è uno dei rami del diritto che ha lo scopo di normalizzazione istituzioni giuridiche e dei principi che regolano i rapporti di lavoro subordinato, puntando i loro soggetti e le imprese per la protezione dei lavoratori, (MACHADO, 1994).

Lo Stato quindi adempie il suo dovere fondamentale: creare un sistema equo e, basato su di esso, per promuovere il bene pubblico e la dignità umana nella sfera sociale. Così, dà all'uomo la possibilità di raggiungere il loro pieno sviluppo, che è espressione concreta della dignità umana, e come il loro massimo sostegno il diritto a un lavoro dignitoso.

Di seguito sono elencate le principali voci che[4] pregano CLT, sui diritti dei lavoratori:

– Art. 8. funzione integrativa dei principi in base alle CLT: diritto del lavoro (Codice del lavoro, l'art. 8) prevede che le autorità amministrative e il tribunale del lavoro, in assenza di disposizioni di legge o contrattuali, decidere, se del caso, dalla giurisprudenza, per analogia, per l'equità e altri principi e norme di diritto, in particolare del diritto del lavoro generali;

– Arte. 7 al 10. specifici principi costituzionali: libertà di associazione (art. 8); non interferenza dello stato dell'Unione (art. 8); diritto di sciopero (art. 9), che rappresenta i lavoratori in azienda (art. 10), il riconoscimento di convenzioni e accordi collettivi (7, XXVII);

– Ats. 443º. Durata contratto: il dipendente, quando ha ammesso esplicitamente, l'essere a tempo indeterminato o determinato (CLT, art. 443); mettendo a tacere le parti nel corso del periodo, il contratto sarà a tempo indeterminato; CLT permette contratti a termine, nel caso di attività transitorie, il servizio, la natura o la caducità giustificato e quando si tratta di provare contratti;

– Arte. 20 e dal 29 al 30 di licenza di lavoro e della previdenza sociale (CTPS): la sua natura è la prova del contratto di lavoro; sia nei rapporti di lavoro verbalmente regolati come quelli in cui vi sia un accordo scritto, non ci sarà in aggiunta al contratto con il combinato disposto, il portafoglio; come vostro requisito, nessun dipendente può essere ammesso senza visualizzare il portafoglio, e il datore di lavoro ha il termine legale di 48 ore per le note, ritornando poi al dipendente (CLT, art. 29); le annotazioni fatte in portafoglio generano la presunzione circa l'esistenza del rapporto di lavoro; Essi saranno effettuati dal datore di lavoro, ad eccezione di quelle relative al vettore dipendente per la previdenza sociale, che sarà resa dall'INSS, così come gli infortuni sul lavoro (artt. 20:30, CLT).

Per quanto riguarda le leggi sul lavoro è importante notare che l'attuazione delle leggi favorire più dipendente che il datore di lavoro. La Costituzione federale redatto nel 1988, assicura il lavoratore del diretto di stabilità in Brasile, prendendo in considerazione l'interpretazione delle norme in materia di CLT rafforza anche il lavoratore. Qui di seguito sono alcune leggi a beneficio dei lavoratori, (Brasile, 2008):

– contratto collettivo: è previsto dalla legge 8.542 / 92, articolo, secondo il quale le norme e le condizioni di lavoro sono determinate attraverso contratti collettivi, accordi collettivi e contratti collettivi;

– accordo di contrattazione collettiva: si tratta di uno strumento normativo autonomo sviluppato a livello di categoria e la base territoriale degli assicurati sindacati; Essi sono stati definiti (CLT, art. 611) come la disposizione normativa quale due o più sindacati che rappresentano categorie economiche e professionali prevedono condizioni di lavoro applicabili, nell'ambito delle rispettive rappresentazioni, i singoli rapporti di lavoro. sito concetto ritirati: https://www.centraljuridica.com/doutrina/15/direito_do_trabalho/autonomia_coletiva_negociacoes_coletivas.html

– Contratto collettivo: è previsto per i sindacati stipulare contratti collettivi con una o più società della categoria economico corrispondente, stipulando condizioni di lavoro applicabili a norma quelli, i loro rapporti di lavoro (CTL, arte. 611, § 1); la legittimità del contratto collettivo, il lato datore di lavoro, è la società, ma il CF / 88 (art. 8, VI) considera la partecipazione unione obbligatoria nella contrattazione collettiva;

– funzione integrativa dei principi secondo CLT: diritto del lavoro (Codice del lavoro, l'art. 8) prevede che le autorità amministrative e il tribunale del lavoro, in assenza di disposizioni di legge o contrattuali, decidere, se del caso, dalla giurisprudenza, per analogia, per l'equità e altri principi e norme di diritto, in particolare del diritto del lavoro generali;

– specifici principi costituzionali: libertà di associazione (art. 8); non interferenza dello stato dell'Unione (art. 8); diritto di sciopero (9), che rappresenta i lavoratori in azienda (11), il riconoscimento di convenzioni e accordi collettivi (7, XXVII);

– Durata del contratto: il dipendente, quando ha ammesso esplicitamente, l'essere a tempo indeterminato o determinato (CLT, art. 443); mettendo a tacere le parti nel corso del periodo, il contratto sarà a tempo indeterminato; CLT permette contratti a termine, nel caso di attività transitorie, il servizio, la natura o la caducità giustificato e quando si tratta di provare contratti;

– Scheda Lavoro e della Previdenza Sociale (CTPS): in entrambi i rapporti di lavoro verbalmente negoziati come quelli tipo scritto, la natura è la prova del contratto di lavoro; ci sarà in aggiunta al contratto con il combinato disposto, il portafoglio; come vostro requisito, nessun dipendente può essere ammesso senza visualizzare il portafoglio, e il datore di lavoro ha il termine legale di 48 ore per le note, ritornando poi al dipendente (CLT, art. 29); le annotazioni fatte in portafoglio generano la presunzione circa l'esistenza del rapporto di lavoro; Essi saranno effettuati dal datore di lavoro, ad eccezione di quelle relative al vettore dipendente per la previdenza sociale, che sarà resa dall'INSS, così come gli infortuni sul lavoro (artt. 20:30, CLT).

Resta inteso che le leggi sul lavoro, vengono a rafforzare il rapporto giuridico tra datore di lavoro e lavoratore, o rapporti giuridici sono definiti dalla situazione fatto della vita quotidiana sul posto di lavoro. Pertanto, la CLT è costituito da più di cinquecento articoli e voci, e sono stati presentati solo ad alcuni una migliore comprensione sull'argomento.

La riforma del lavoro e il principio della dignità umana

 Legge 13.467 / 17, emanata il 13 luglio 2017, ha portato molti cambiamenti nel consolidamento del diritto del lavoro (CLT) ed è entrata in vigore il 11 novembre 2017. Come ad esempio banca ore, quote sindacali, le convenzioni e gli accordi collettivi, danni morali, licenziamento senza giusta causa, la mancanza di record di dipendenti, di vacanza, la gravidanza da condizioni igieniche, gli straordinari, gamma intra-day, intervallo figlio di viaggio al seno lavoro 12×36, sanzioni amministrative, costi di premio e al giorno per assistenza di viaggio, le estensioni viaggio in luoghi malsani, la quarantena, reclamo del lavoro, lavoratori autonomi, il lavoro part-time, di trasporto.

explanaremos brevemente le alterazioni nelle voci di cui sopra:

I – Banca ore: con la nuova legge può essere concordata per iscritto singolo contratto, tuttavia, la compensazione deve avvenire entro un periodo massimo di 6 mesi.

II – contributo dell'Unione: il contributo diventa facoltativo – non obbligatorio – che è, il dipendente deve autorizzare la riduzione di un giorno di stipendio da dedurre.

III – Convenzioni e contratti collettivi: dalla nuova legge della convenzione e del contratto collettivo prevarranno sul diritto quando la materia essere circa: accordo sul giorno lavorativo (notare il minimo costituzionale); banca delle ore; Intervallo intra-giorno (dato il minimo e massimo 30 minuti a 6 ore); piano per posti di lavoro, salari e funzioni compatibili con condizioni personali del dipendente, nonché individuare le posizioni che cadono come la fiducia; regolamentazione delle imprese; la scelta di rappresentare i lavoratori nei luoghi di lavoro; telelavoro, sistema di standby e di lavoro intermittente.

IV – danni morali: argomento verrà esplorata sotto mettere in relazione al rispetto del principio della dignità umana.

V – Rigetto senza causa (accordo tra le parti): il rigetto può avvenire di comune accordo; 40% del pagamento delle multe sarà la metà sulla bilancia dei FGTS; il lavoratore può rimuovere solo l'80% dei FGTS depositati; la società deve dare un preavviso di almeno 15 giorni; il dipendente non riceve assicurazione contro la disoccupazione.

VI – Impiegato registrazione mancante: micro e piccole imprese soffrono multa di R $ 800.00 per dipendente non registrato – prima che la cifra era la metà di un salario minimo per dipendente; dal momento che le altre aziende subiranno una multa di R $ 3.000,00 per dipendente non registrato e R $ 6.000,00 per i recidivi; e una multa di R $ 6.000,00 per dipendente, quando i dati necessari per il tuo account non sono informati.

VII – Ville vacanze possono essere suddivisi in un massimo di tre volte, ma non meno di 5 giorni consecutivi e uno di loro deve essere di almeno 14 giorni di calendario. Prima delle vacanze possono essere suddivisi in due sole periodi e solo 1/3 venduto.

VIII – Gravidanza e il diritto di rimozione da parte insalubri: Prima che la legge era rigida e lontano da ogni possibilità di lavoratrici donne in gravidanza in ambienti insalubri. Con la nuova legge uniche attività considerate non sano in grado massimo è respingendo il lavoro della donna in stato di gravidanza; in altri casi (grado medio insalubri, minimo) la madre sarà lontano dall'ufficio in quanto a presentare un certificato medico di raccomandare la rimozione durante la gravidanza. Nel caso di allattamento condizioni insalubri in qualsiasi grado di impostare la distanza è necessario il certificato medico di raccomandare la rimozione dal servizio.

IX – Lavoro straordinario: il compenso sarà superiore almeno del 50% rispetto al tempo normale. Questa disposizione segue la già stato applicato dal momento che la Costituzione federale ha stabilito che minimo e determinato CLT non è stato applicato.

X – l'intervallo di intra-day: l'intervallo minimo è stato una volta ogni ora sceso a 30 minuti – dal negoziato tra lavoratore e datore di lavoro. Se non è concesso l'azienda pagherà solo il tempo soppressa (prima che fosse circa il tempo totale).

XI – range per l'allattamento al seno il suo bambino: i due periodi di riposo di mezzo un set di un'ora per l'allattamento al seno dovrebbe essere definito in accordo individuale tra la donna e il datore di lavoro;

XII – viaggio e di lavoro 12×36: 12 ore al giorno o 48 a settimana; ogni 12 ore devono essere lavorate 36 ore di riposo; Può essere concordato un accordo individuale o collettiva. Prima che le previsioni sono state fatte solo da contratto collettivo.

Multe amministrative – XIII: i valori della moneta espresso ammende devono essere regolati ogni anno dal referenziale Rate (TR) pubblicato dalla Banca centrale, o l'indice che la sostituisca. Prima che ci fosse alcuna corretta definizione dei valori.

XIV – costa Award e diaria aiuto di viaggio: prima che questi pagamenti sono stati parte della compensazione per ogni effetto di legge. Con la nuova legge i premi saranno considerate a parte lo stipendio, muniti di contratto di lavoro e non costituiscono base di riserva di qualsiasi lavoro e carico della previdenza sociale.

XV – Estensioni viaggio in luoghi malsani: licenza prima necessità per le estensioni tempo in attività insalubri, senza la necessità per i giorni di 12×36. Prima che fosse consentito solo con il permesso delle autorità competenti in materia di sicurezza e medicina del lavoro per qualsiasi classe di lavoratori.

XVI – Quarantena: è stato stabilito attraverso un decreto della MTB che il lavoratore licenziato potrebbe essere riassunta dopo 90 giorni, in caso contrario il contratto è unificato. Con l'avvento della nuova legge il dipendente terminato, non può essere riassunta per 18 mesi anche se in outsourcing.

XVII – affermazione del lavoro: se il dipendente firmare la risoluzione, non può mettere in discussione in tribunale; la parte soccombente dovrà sostenere i costi dell'azione (non importa se la parte soccombente è gratuita giustizia beneficiario); dimostrando la stessa parte della cattiva fede può essere soggetta al pagamento di 1% al 10% del valore della causa, nonché compensazione della controparte; se comprovata incapacità di sopportare la spesa, l'obbligo è sospeso fino a due anni dopo la condanna. Prima è stato previsto che non ci sarebbe alcuna spesa per il dipendente che deposita la domanda nei confronti né tassa avvocato paga se il lavoratore perde il reclamo contro.

XVIII – lavoratori autonomi: secondo il codice del lavoro non è considerato dipendente che non soddisfa i requisiti di legge di cui all'art. 3 del CLT. L'assunzione del sistema nervoso autonomo via della qualità del lavoratore di cui al codice del lavoro, a condizione che rispetta tale da tutte le formalità legali, sebbene il contratto con o senza esclusiva, in modo continuo o no.

XIX – lavoro a tempo parziale: settimana lavorativa da 25 ore a 30 ore settimanali, senza possibilità di lavoro straordinario (cosa già previsto in precedenza); tuttavia nelle 26 ore settimanali giorni v'è la possibilità di fino a 6 ore straordinarie con un incremento del 50% rispetto al valore dell'ora normale; stipendio proporzionale alle ore di lavoro (come precedentemente programmato).

XX – Trasporti: In base alla nuova legge il tempo trascorso in offset non sarà considerata come anzianità di servizio e non deve essere conteggiato in ore di lavoro, in qualsiasi situazione. In precedenza CLT ha stabilito due condizioni cumulative: luoghi difficili da raggiungere e di trasporto forniti dal datore di lavoro. Se sia il tempo trascorso servito per lo spostamento è stato considerato come durata del servizio, e quindi contato tra ore di lavoro.

Come sopra, questi dispositivi hanno alcune importanti in pensione nel CLT con l'avvento della legge 13.467 / 17.

Per quanto riguarda il diritto di fuori bilancio danno patrimoniale, nota come danni morali, è questione un sacco di polemiche, la legge del contenuto viola non solo le varie convenzioni internazionali di cui il Brasile è uno dei firmatari, ma anche la stessa Costituzione del 1988. Di seguito dimostrare le battute d'arresto incontrate nel tema del "fuori bilancio danni patrimoniale."

Art. 223-A, di seguito riportato, è necessario che la materia sia su danni morali nei luoghi di lavoro si fonda esclusivamente nel codice del lavoro, che vieta l'uso della Costituzione federale stesso. In questo modo, si punta alla prima parte della controversia questione è il danno fuori bilancio alla riforma del lavoro. Non si può escludere l'applicazione della Costituzione, dal momento che questa è la nostra legge suprema.

Per quanto riguarda l'Organizzazione internazionale del lavoro dei reati che hanno avuto luogo era la mancanza di udienze tra i rappresentanti dei lavoratori, datori di lavoro e il governo a trovare una soluzione plausibile e accettabile per tutte le parti. Questa procedura è illustrata nella convenzione 144 che è presente in Brasile attraverso Decreto 2.518 / 98.

Art. 1 Il testo della convenzione n ° 144 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro – ILO, consultazioni tripartite per promuovere l'attuazione delle norme internazionali del lavoro, adottata a Ginevra nel 1976, durante la 61a riunione della Conferenza internazionale del lavoro.

Altri dispositivi offese erano Convenzione 98 (ratificata nel 1952 in Brasile attraverso Decreto 33,196) e 154 (presente in Brasile dal 1992 al D.Lgs 22) che consistono del diritto di organizzazione, la promozione della contrattazione collettiva com'è il modo più sicuro per il dipendente di ottenere i migliori benefici per la sua classe e si garantisce la protezione dei dipendenti pubblici che esercitano i loro diritti sindacali.

CONVENZIONE 98. ILO.

"La Conferenza generale dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dall'Ufficio internazionale di Amministrazione del Lavoro e dopo aver raccolto il 8 giugno 1949, nel corso della sessione di trenta secondi.

Avendo deciso di adottare varie proposte assumono la forma di una convenzione internazionale, adotta il 1 ° luglio di 1949, la seguente convenzione, che sarà denominata "Convenzione sul diritto di organizzazione e contrattazione collettiva, 1949" ( www.oitbrasil.org.br/node/465 rimosso dal sito)

CONVENTION 154. ILO.

ART. 1 Il testo della convenzione n ° 154 dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), sulla promozione della contrattazione collettiva, adottata a Ginevra nel 1981, durante la 67a riunione della Conferenza internazionale del lavoro.

Tra i vari reati di cui sopra è, come uno dei più assurda, la monetizzazione della vita del dipendente in modo che nel suo testo la legge porta un valore massimo possibile di compensazione applicabili ai sensi del diritto del lavoro. Estrarre questa comprensione del contenuto della legge stessa analizzando la base di calcolo della compensazione a causa di una violazione della regola derivante dal datore di lavoro sarà l'ultima retribuzione percepita dal lavoratore. E il campo di applicazione della legge stessa porta la massima valoral punizione che una società può permettersi che è fino a 50 volte l'ultimo salario percepito dal lavoratore.

In altre parole, diciamo che nel caso di decesso di un dipendente che si accorge di un salario minimo. E che la morte era dovuta a dolo del datore di lavoro a causa di non fornire DPI adeguato aggravato dal fatto che il posto di lavoro sia altamente malsana. Pertanto, la compensazione derivante da questa contaminazione causato nella famiglia sarà solo 50x il salario minimo al momento dell'evento. O, se il dipendente non del tutto muore, ma viene indebolita la salute in modo che lo rende altamente in grado di svolgere le attività quotidiane, per non parlare di essere in grado lavorando ancora una volta, il compenso versato a tale dipendente – se (sottolineiamo questo punto bene) è considerato dal giudice come un reato grave natura – sarà solo 50x il salario minimo al momento del verificarsi dell'evento. Questo valore per il resto della vita del lavoratore indipendente dalla sua età, o di qualsiasi altro fattore unico di ogni essere.

Così, raffigura la monetizzazione della vita umana, il che implica che la vita, per certi aspetti, ha molto valore. Per la vita del lavoratore di essere valutata ha bisogno di avere una posizione elevata, come base per il calcolo della compensazione è il vostro stipendio. Cioè, la vita di chi riceve un salario minimo vale meno della vita di colui che ha la promozione o una posizione sulla scheda.

Questo è oltre ad aver creato una lista in cui solo in esso contenute possono essere considerati fuori bilancio danno patrimoniale, valorou ancora senza più l'analisi di ogni singolo caso – come dovrebbe essere sui diritti di visto che ogni persona è un individuo unico che svolge le sue verruche e solo lui può essere in grado di capire la sofferenza che va avanti e le conseguenze di tale sofferenza ha nella vostra vita. Senza contare che ogni datore di lavoro è unico, come la capitale di un non sempre è uguale al capitale dell'altra. Tra gli altri approcci per questa analisi prima di assegnare una frase.

Solo nel tentativo di chiarire la definizione di danno fuori bilancio in modo che possiamo rendere questo articolo più chiaro, il concetto, crudamente, si basa sul reato di onorare, la libertà, l'immagine, la salute, tutto ciò che viene dal principio fondamentale della dignità umana.

Qui di seguito sono trascritte integralmente i nuovi attrezzi portati per quanto riguarda la questione dei fuori bilancio danno patrimoniale, che è in fase di studio in questo argomento, la legge di cui sopra:

Art. 223-A. Applica per la riparazione di fuori bilancio natura dei danni derivanti dal rapporto di lavoro solo le disposizioni del presente titolo.

Art. 223-B. danni Casa fuori bilancio natura per un'azione o un'omissione che offende la sfera morale o esistenziale della persona fisica o giuridica, che è il titolare esclusivo del diritto al risarcimento.

Art. 223-C. L'onore, immagine, privacy, libertà d'azione, l'autostima, la sessualità, la salute, il tempo libero e l'integrità fisica sono legalmente beni tutelati inerenti ai singoli individui.

Art. 223-D. L'immagine, il marchio, il segreto professionale e la segretezza della corrispondenza sono legalmente tutelato merci inerenti alla persona giuridica.

Art. 223-E. Essi sono responsabili di fuori bilancio danno tutti coloro che hanno contribuito alla offesa al bene giuridico protetto, il grado di azione o omissione.

Art. 223-F. Il foglio riparazione fuori bilancio dei danni può essere richiesta cumulativamente con la compensazione per danni materiali derivanti dallo stesso atto dannoso.

  • 1 Se ci sono rivendicazioni sovrapposti, il giudice, nel decidere, discriminare valori per risarcimento del danno materiale e riparazioni per fuori bilancio natura del danno.
  • 2. La composizione dei danni, in modo comprensibile i profitti persi e danni conseguenti, non pregiudica la valutazione del danno fuori bilancio.

Art. 223-G. Nel valutare la domanda, il giudice prenderà in considerazione:

I – la natura del bene giuridico tutelato;

II – l'intensità della sofferenza o l'umiliazione;

III – la possibilità di resilienza fisica o psicologica;

IV – le conseguenze personali e sociali di azione o mancanza di azione;

V – l'ampiezza e la durata degli effetti del reato;

VI – le condizioni alle quali il reato o danni materiali;

VII – il grado di dolo o colpa;

VIII – il verificarsi di ritrazione spontaneo;

IX – lo sforzo efficace per ridurre al minimo il reato;

X – il perdono, esplicita o implicita;

XI – la situazione sociale ed economica delle parti coinvolte;

XII – il grado di reato di pubblicità.

  • 1 Se si pensa di fare la richiesta, il giudice deve determinare il compenso da versare a ciascuna delle vittime in uno dei seguenti parametri, l'accumulo sigillato.

I – natura leggera di reato, fino a tre volte l'ultimo stipendio contrattuali della vittima;

II – reato la natura di mezzo, fino a cinque volte l'ultimo stipendio contrattuali della vittima;

III – grave natura del reato, fino a venti volte l'ultimo stipendio contrattuali della vittima;

IV – molto gravità del reato, fino a cinquanta volte l'ultimo stipendio contrattuale della vittima.

  • 2. Se la vittima è uno staff legale, la compensazione è determinato in conformità con gli stessi parametri di cui al § 1 del presente articolo, ma in relazione alla retribuzione contrattuale del trasgressore.
  • 3. In recidiva tra le parti identiche, la corte può aumentare al doppio della quantità di compensazione.

Come sopra è stato espresso, la legislazione attuale prevede parametro di compensazione come l'ultima retribuzione percepita dalla vittima. In altre parole, in situazioni simili un dipendente che ha subito lo stesso danno che gli altri possono ricevere un compenso più alto non perché questo fatto ha scosso di più alla sua vita rispetto agli altri, ma semplicemente perché il suo stipendio alto o più basso. Un altro esempio è quello di essere data la molestia subita da molti nel loro lavoro, ma che è difficile da dimostrare. Partendo dal presupposto che una donna subisce molestie sul posto di lavoro, un dipendente che ricopre la carica di servizi generali – in cui la stragrande maggioranza rercebe un salario minimo – e lo stalker è il direttore del soggetto. In questo caso, si dovrebbe verificare il grado che il giudice interpreterà le molestie – grave natura, molto grave, medio – e da lì la base di calcolo sarà il salario minimo al momento della manifestazione.

Dire lo stesso esempio di cui sopra, questa volta il dipendente molestato dello stesso regista è l'occupante di una posizione voluta, realizzando 4x salario superiore al salario minimo. Compensazione sarà maggiore del suddetto dipendente. Si vede la valorizzazione della dignità umana, per le stesse persone, gli stessi titolari dei diritti, essendo entrambi offesi quindi è impossibile stabilire i parametri per la sofferenza dolore interiore causato da molestie. Ma in Casso qui narrato, verrà utilizzata la legge che afferma e valuta il danno fuori bilancio.

Possiamo vedere una cattiva interpretazione del vero significato del principio della dignità umana in quanto diventa la laborador in qualcosa in cui non vengono presi in considerazione il vero shock psichico che tali danni previsto nella vita del lavoratore e le condizioni di quella particolare azienda ha e deve sopportare il danno causato in particolare la vita dei lavoratori.

Estrarre la legge limita il concetto di nozione di danno fuori bilancio. In una società in continua evoluzione, il congelamento concetti completi e in continua evoluzione globale è impensabile, come fuori bilancio danni patrimoniale. Cosa c'è di più, sfruttare tale violazione che dà la causa al fuori bilancio danno patrimoniale in base all'ultimo stipendio della vittima è desigualar la dignità di ogni essere umano, come se si riceve più aveva il diritto di avere più dignità di uno che riceve meno. Un atto inaccettabile davanti alla Costituzione, che oltre a garantire l'uguaglianza di tutti, vieta espressamente la discriminazione tra le persone.

Così, non metto in dubbio alcuna violazione dei principi stabiliti dalla Costituzione, così come i principi di base della società brasiliana, nonché le convenzioni internazionali segnata dal Brasile. Ciò che rimane un po 'di posizionamento con urgenza dalla magistratura brasiliana.

L'EVOLUZIONE DELL'UOMO E DIGNITA 'NEL TEMPO

Sottolinea la costruzione di rispetto per l'uomo nella società per quanto riguarda i loro diritti, la dignità umana, in vista della storia dell'uomo e dei suoi diritti che sono stati vinta attraverso molte lotte nel corso dei decenni.

Grazie al concetto di dignità umana, così come la loro applicazione a tutti gli esseri umani, essere qualcosa di recente e la discussione solo gradualmente stato tenuto conto del sistema giuridico, è difficile creare una richiesta prima che il riconoscimento collettivo quando si mette in confronto con le radici storiche create da precedenti civiltà che, poco a poco, la società cerca di decostruire.

Così a causa di molte difficoltà nel mondo del lavoro, l'uomo cominciò a essere rispettata e degna della società in generale, per le modifiche è apparso, le leggi cominciano ad essere messo in pratica e il rispetto per l'uomo in quanto lavoratore per essere efficace, facilitando qualità della vita dell'individuo.

Ma qualsiasi altro essere razionale è altrettanto così la sua esistenza come conseguenza dello stesso principio razionale che va per me, principio obiettivo che Kant deduce il seguente recitazione pratico imperativo in modo tale che tu pensi che l'umanità, sia nella tua persona come nella persona di qualsiasi altro, sempre e simultaneamente come fine e mai semplicemente come mezzo, (ALVAREZ, 2009).

La qualità della vita sul posto di lavoro è ora principalmente diritto di tutti i cittadini brasiliani. La condizione di lavoro è sempre più legata alla umana, fattore sociale e ambientale delle piccole, medie e grandi aziende, è chiaro che da questi aspetti v'è una crescente preoccupazione in relazione a queste tendenze sociali.

Questo, in breve, significa che solo l'essere umano, l'essere razionale è la persona che ha i propri diritti del lavoro previsti dalla legge. Chi è entrato nella sfera di lavoro hanno i loro diritti garantiti, senza distinzione di razza, colore o credo, cioè, l'uomo deve essere trattato nella loro persona uguale e cittadino.

In ambito giuridico lo Stato deve quindi adempiere al suo dovere fondamentale, che è: creare un sistema equo e, basato su di esso, per promuovere il bene pubblico e la dignità umana nella società, cioè, dare all'individuo la possibilità di realizzare il proprio sviluppo professionale e personale, che è l'espressione concreta della dignità umana, che ha come suo più grande pilastro del diritto a un lavoro dignitoso.

CONCLUSIONE

Si è verificato nella ricerca un'analisi della forma del contenuto profondo che è stato utilizzato per l'interpretazione dei dati astratti in: libri, tesi di laurea, tesi di laurea, saggi e articoli. Al fine di comprendere criticamente il significato del contenuto precedente, che affronta la questione del diritto dell'individuo di avere un ambiente di lavoro decente ed equilibrata che tenga conto della qualità se la vita.

si è capito che nella società contemporanea è sempre più richiesto al lavoratore, non dovrebbe essere un dipendente, ma anche una persona versatile che può agire in diverse aree di un'organizzazione, considerando che il rilascio di un ambiente sano non può essere mettere da parte, è noto che la maggior parte del tempo in cui individuo passa più tempo al lavoro che a casa propria.

La dignità umana è uno dei rami del diritto che ha l'obiettivo standard di istituzioni giuridiche e dei principi che regolano i rapporti di lavoro subordinato, puntando i loro soggetti e le imprese per la tutela dei lavoratori.

estrema cura i problemi dal punto di vista etico perché il fatto di coinvolgimento di esseri umani è stata valutata soltanto in modo teorico è necessario, il che ha portato molti vantaggi e pochi rischi, evitando qualsiasi tipo di danno, sostenendo la rilevanza complessiva al lavoro.

Abbiamo tentato di compromettere il quadro attuale della dignità umana con la nuova legge 13.467 / 17, che ha esposto la gravità del problema in vista e la svalutazione della dignità dell'uomo, mettendo in pericolo i diritti fondamentali per anni conquistata a fatica.

Quindi la ricerca era quello di indirizzare l'esperienza di lavoro nel corso degli anni, quali sono stati i suoi cambiamenti, ciò che realmente è accaduto in modo che i lavoratori acquisiscano i loro diritti, come la globalizzazione ha contribuito a tali cambiamenti, come le influenze giuste nella vita quotidiana lavoratori.

RIFERIMENTI

Accioly, Hildebrand & NASCITA E SILVA, Geraldo Eulálio.  Pubblico Manuale diritto internazionale. 12 ° ed. Sao Paulo: Saraiva, 1996.

AMBIENTE DI LAVORO. Sao Paulo: Disponibile in www.codigorh.com.br/ambiente-de-trabalho-saudavel-equiSimilareslibrado – Accesso 23/05/2011.

B. R.; DUARTE, M.F.S.  La qualità di vita correlata alla salute dei lavoratori: un caso di studio.  Del 2008.  117f. Tesi di laurea (Master in Ingegneria della Produzione) – Università Federale di Santa Catarina, Florianópolis, 2009.

ASHLEY, Patrícia Almeida. Coord. Etica e responsabilità sociale nel mondo degli affari. Sao Paulo: Saraiva 2003.

BARROS JUNIOR, Cássio Mesquita, "La contrattazione collettiva e l'unione", in Diritto del Lavoro costituzionale, Aluísio Rodrigues (coordinatore).   Sao Paulo: LTR 1993.

BRASILE, la Costituzione della Repubblica federativa del Brasile. Promulgata il 5 Ottobre 1988 / organizzazione e l'indice da Gerald Magela Alves e la squadra. Rio de Janeiro: Forense, 2008.

Carmo, Paulo Sergio. La storia e l'etica di lavoro in Brasile. Sao Paulo: moderna, 1998.

Cezaretto, André Luis Sanches. In: Storia e Geografia. Sao Paulo: Libro culturale Diffusion, 1997.

COCCO, lavoro e cittadinanza: Produzione e diritto nell'era della globalizzazione. Sao Paulo: Cortez, 2001.

Cyntia de Castro. Diritto del Lavoro. Sao Paulo: Atlas, 2007.

Diritto del lavoro. Sao Paulo: Disponibile in www.wikipedia.org/wiki/Direito-do-trabalho – Accesso 9 settembre DE201

ETHOS ISTITUTO. La responsabilità sociale. Sao Paulo. Disponibile in www.ethos.org.br – accedere 2015/08/19.

FURASTÉ, Pedro Augusto. norme tecniche e per il lavoro scientifico – 14 d. Porto Alegre: n, 2006.

Sao Paulo: Disponibile in www.jus.com.br/revista/texto/ limitazioni di protezione a destra-the-job-accesso 9 settembre 2015.

MACHADO, Paupério, dignità e rispetto. Sao Paulo: Atlas. 1994.

Martinelli, Maria Lucia. Identità e alienazione. Sao Paulo: Cortez, 2005.

MARTINS, Sergio Pinto. Diritto del lavoro. Sao Paulo: Atlas, 15 ° edizione, 2002.

MOTA, Ana Elizabete. La nuova fabbrica del consenso: saggi sulla ristrutturazione aziendale, il lavoro e le richieste sociali. Sao Paulo: Cortez, 2006.

RODRIGUEZ, Américo Plá. (Trans. Wagner D. Giglio). PRINCIPI DI DIRITTO DEL LAVORO. Sao Paulo: LTR, 1a edizione, 4a edizione, 1996.

Sussekind Arnold et al.  diritto delle istituzioni di lavoro.  18 ° ed. corrente. di Arnaldo Sussekind e João Teixeira de Lima Filho.   Sao Paulo: LTR 1999. v.2.

Quinn, James Brian. aziende molto più intelligenti. Sao Paulo: Libri Macro, 1996.

https://www.centraljuridica.com/doutrina/15/direito_do_trabalho/autonomia_coletiva_negociacoes_coletivas.html (accessibile 2017/11/09)

[1] Laureato in Giurisprudenza presso la Facoltà Martha Falcão. Specialista in Diritto del Lavoro dal ANHANGUERA – Uniderp.

[2] Laureato in Giurisprudenza nel CIESA. Specialista in Scienze Criminali da ANHANGUERA – Uniderp.

[3] Laureando in giurisprudenza presso Martha Falcão College.

[4] CLT – Consolidamento delle leggi sul lavoro

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here