Mercato informale, economia e politiche pubbliche

0
176
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

OLIVEIRA, Francisco das Chagas [1]

OLIVEIRA, Francisco das Chagas. Mercato informale, economia e politiche pubbliche. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 02, Vol. 04, pp. 61-92. febbraio 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/legge/mercato-informale

Questo lavoro mira a presentare il problema dei lavoratori, del mercato e delle attività informali, nonché le loro relazioni di impatto sull’economia, e di conseguenza nell’analisi delle politiche pubbliche già svolte alla fine o anche di quelle che devono ancora essere attuate di fronte alle questioni affrontate. L’obiettivo principale di questa ricerca è quello di comprendere la realtà del mercato informale concentrandosi principalmente sul miglioramento e formalizzazione di queste attività, con l’obiettivo di sottolineare possibili soluzioni e anche possibili inutili burocratizzazioni del sistema attuale e i mezzi di formalizzazione di queste attività, esponendo anche i benefici sociali ed economici, e le varie classi di lavoratori coinvolti, nonché la possibilità di favorire il governo attraverso il fisco. Oltre a quanto sopra, questa ricerca analizza il settore informale dell’economia e alcune professioni specifiche, le sue definizioni e realtà storico-culturali, la sua fattibilità di legalizzazione e posizioni governative nel corso della storia e soprattutto al giorno d’oggi. Il tipo di ricerca svolta è prevalentemente bibliografico utilizzando il metodo statistico, che significa dati di ricerca effettuati da varie agenzie competenti considerando gli ultimi anni, sulla base di un’analisi descrittiva argomentativa ed esplorativa. Il risultato è stato un’indagine sul mercato del lavoro e sull’economia informale in Brasile negli ultimi anni, la sua attuale realtà politica e le politiche pubbliche applicate e che possono ancora essere applicate nei prossimi anni, i cui cambiamenti sono necessari per una migliore efficacia economica e sociale. Nelle conclusioni, si suggerisce possibili misure e politiche pubbliche di soluzioni al problema del mercato informale e dell’economia brasiliana, concentrandosi principalmente sui principali centri urbani del paese.

Parole chiave: Attività informali, legalizzazioni, economia, politiche pubbliche, posizioni governative.

INTRODUZIONE

Questa ricerca inizia a riflettere sul fatto che le attività insolite sono illegali, tuttavia, è un’illegalità ampiamente accettata dalla società che a sua volta sostiene queste attività, consumando i suoi prodotti e persino i servizi forniti. Vale anche la pena ricordare inizialmente che c’è oscurità quando si tratta di distinguere questo concetto e le sue attività reali poiché alcuni identificano immediatamente l’informalità come una sorta di marginalità o addirittura pratiche criminali come la vendita di prodotti illegali o semplicemente non previste dalla legge (NORONHA, 2003). D’altro canto, le stesse autorità pubbliche sono del tutto indifferenti a questa realtà, dal momento che non è mai stata in grado di contenere o addirittura non è riuscita ad attuare politiche pubbliche che regolano efficacemente queste attività e professioni in modo più ampio.

È stato analizzato principalmente la sua crescita insieme ai principali centri urbani del paese e alle sue condizioni sfavorevoli poiché rimangono emarginati per decenni e persino secoli di esistenza. Pertanto, questa indagine ha cercato di analizzare le diverse realtà e persino traiettorie di alcuni professionisti e attività non ancora legalizzate dalle autorità pubbliche, evidenziando alcune di esse come i cosiddetti venditori ambulanti, venditori ambulanti, fairer illegali, tra gli altri, al fine di identificare fattori che favoriscono e sfavono la loro esistenza, nonché le possibilità di formalizzazione davanti alle autorità pubbliche o anche ad altre politiche pubbliche che possono essere implementate.

Pertanto, affinché si svolgeva la discussione sull’informalità, era necessario analizzare nella sua interezza l’economia informale, tenendo conto delle sue definizioni, cause, effetti e contesti, nonché del processo di transizione dall’informalità alla formalità (DE SÁ PASCHOAL et al., 2013). Il lavoro informale e le attività informali nella loro interezza, pur essendo al di fuori del controllo giuridico, sono strumenti di circolazione di beni e valori che in qualche modo stimolano alcuni settori della produzione formale dell’economia, muovendo grandi valori. Di fronte a questa realtà, viene evidenziata la necessità di facilitarne la formalizzazione, dando così il seguito e la partecipazione diretta dello Stato.

È anche importante sottolineare che il lavoro formale ha origine nell’informalità, perché se consideriamo una traiettoria storica, la legalizzazione o la formalizzazione stessa si basava sulla necessità che inizialmente ci fosse qualcosa di non conformità o che doveva essere regolamentato. A questa realtà si aggiunge la situazione dei lavoratori brasiliani nel corso della storia, considerando i processi di industrializzazione e crescita dei grandi centri urbani legati alle disuguaglianze regionali già esistenti nel Paese, e anche il grande processo di esodo rurale e migrazioni interne che si è intensificato negli anni Settanta e a seguito di quello inizialmente focalizzato sulla regione sud-orientale del Paese , ma poi diretto ad altri centri urbani, in particolare alle capitali.

Queste occupazioni dello spazio pubblico per il lavoro e per le attività formali si sono svolte a causa dell’assenza di politiche pubbliche per questi settori che sono rimasti emarginati, perché lo Stato era inerte, ma alcuni lavoratori e professionisti liberali hanno deciso, per motivi di sopravvivenza, di agire in qualche modo per soddisfare le loro esigenze primarie di fronte al sistema economico istituzionalizzato.

Pertanto, anche se queste attività sono considerate illegali dinanzi allo Stato, non giustifica la sua responsabilità di agire cercando soluzioni al problema che era nato a causa di altri problemi sociali che non sono stati affrontati, come: istruzione, disuguaglianze regionali e distribuzione dell’occupazione e del reddito, i cui problemi hanno causato migrazioni interne, generando ancora più violenza e disuguaglianze di fronte a questa inerzia statale nel corso dei decenni. A dimostrazione dei fatti precedenti, lo rivela il Ricerca di lavoro mensile (PME), dell’Istituto brasiliano di geografia e statistica – IBGE (2015), secondo cui gli anni ’90 sono stati caratterizzati da rilevanti cambiamenti nel mercato del lavoro brasiliano e nell’economia, generando una crescita significativa nel commercio informale. Inoltre, insieme ai cambiamenti, la riduzione dei lavoratori salariati con una licenza firmata e l’aumento delle persone senza licenza, che lavorano in modo non regolamentato e da soli.

Un’ampia e significativa percentuale di lavoratori e imprenditori brasiliani opera fino ai giorni nostri in informalità, e questo al di là di ciò che possiamo dedurre. È un settore in crescita, essendo una realtà principalmente delle principali città del paese, poiché forniscono questa dinamica favorevole tra venditori e consumatori di fronte alla disoccupazione e alle tasse addebitate.

1. INFORMALITÀ, COMMERCIO DI STRADA IN GENERALE

L’informalità non è solo un problema per i grandi centri urbani brasiliani, ma le sue dimensioni sono di livello mondiale, colpendo principalmente i paesi più poveri e in via di sviluppo. Secondo Castells (1999), una nuova forma di organizzazione sociale ed economica del lavoro emerge con informalità, indicando un’amministrazione decentrata delle organizzazioni e l’individualizzazione di mercati sempre più personalizzati, frammentando società e lavoro. Nel caso dei lavoratori brasiliani, una volta che agiscono in informalità, non hanno il diritto di accedere principalmente ai benefici della legislazione sul lavoro e sulla sicurezza sociale, oltre ad altri. Pertanto, non esiste un permesso di lavoro firmato, in quanto ovviamente non esiste un contratto di lavoro o contributi previdenziali e la FGTS (Fondo di garanzia di anzianità).

Nel caso delle società formali, non esistono contributi analoghi a favore dei loro lavoratori, oltre al mancato pagamento di diverse altre imposte in quanto sono pagate dalle società formalizzate, il che ovviamente genera un mancato guadagno di entrate per lo sfavore del pubblico ufficio.

Nei principali centri urbani del paese possiamo trovare i venditori insoliti ovunque. Non solo nelle strade del centro delle grandi città, ma, si possono trovare sui mezzi pubblici, come ad esempio: autobus, treni e metropolitane, anche se nei trasporti pubblici viene effettuata una supervisione più rigorosa; la necessità è maggiore che essere sanzionata, in quanto è comune che le guardie che lavorano nelle aziende di trasporto pubblico siano sequestri.

Per questi lavoratori, i principali vantaggi di agire in informalità è il fatto che è un modo in cui le persone devono ottenere reddito e, allo stesso tempo, la possibilità di ottenere un reddito migliore, oltre al fatto che possono gestire il tempo libero quotidiano, una realtà che non si verifica lavorando in iniziativa privata e formale. Inoltre, gli sconti effettuati sullo stipendio di un lavoratore formale sono spesso così significativi che le persone hanno cominciato a rendersi conto che potevano avere più reddito optando per l’informalità, poiché alcuni di questi sconti, come nel caso del contributo previdenziale, il lavoratore può scegliere di farlo autonomamente e può avere accesso a qualsiasi beneficio di un lavoratore formale.

Ci sono anche svantaggi nel lavorare in modo informale, e forse il principale è la mancanza di reddito fisso, un fatto che può comportare, anche, una mancanza di accesso ai crediti e ai finanziamenti offerti da banche e istituzioni finanziarie, oltre ad altri programmi governativi per l’accesso al credito, che a loro volta limitano questo accesso ai lavoratori che hanno iscrizione alla Carta di lavoro e di sicurezza sociale (CTPS). Anche se questa classe di lavoratori subisce diversi pregiudizi, molti di loro, in particolare i datori di lavoro informali, sono veri imprenditori, e spostano una parte significativa dell’economia, influenzando persino l’economia formale, poiché sono liberi dall’elevato carico fiscale imposto dal governo.

La disoccupazione è uno dei principali fattori responsabili del riscaldamento di questa opzione di lavoro. Secondo i dati del DIEESE (Dipartimento Interunionale di Statistica e Studi Socioeconomici), un’indagine condotta nel 2012, quasi la metà della popolazione occupata nelle regioni metropolitane del paese è in condizioni di informalità, intesa come situazione di protezione non sociale e statale, perché, come già accennato, questi lavoratori non hanno la protezione della legislazione sul lavoro e sulla sicurezza sociale, essendo al di fuori del potere pubblico. (1)

Una vera storia di resistenza, informalità e i loro lavoratori cercano la sopravvivenza di fronte alla disoccupazione, dove molte alternative disponibili nei centri urbani sono la possibilità di lavorare senza registrazione (informale), altri cercano il commercio di strada, non tralascio il commercio e la vendita di droga, prostituzione, riciclaggio dei rifiuti, tra gli altri. Alcuni cercano il difficile percorso della legalità, accettando salari bassi nei servizi domestici, lavorando su salari orari o anche con una bassa percentuale di commissioni sulle vendite.[2]

2. PROFILO DEI LAVORATORI CHE LAVORANO NEL MERCATO INFORMALE

Per quanto riguarda l’attuale profilo dei lavoratori formali, non è più una costante come nei decenni precedenti. Sono lavoratori che possono avere un livello di istruzione inferiore o superiore, considerando che con l’aumento della disoccupazione formale, molti lavoratori in qualche modo qualificati hanno anche fatto ricorso a questo tipo di lavoro per garantire il loro sostentamento e le loro famiglie, e ci sono molti tipi di lavori formali come: venditori ambulanti, venditori ambulanti, uomini onesti, uomini onesti, lavatrici per auto, ecc. , oltre ai lavoratori che non hanno precedenti, come: muratori, idraulici, elettricisti, ecc. (ALONSO, 2020).

Un fatto rilevante da dire è che il profilo sociale dei lavoratori che lavorano nel mercato informale, nella sua interezza, è strettamente legato a una realtà di esclusione precedente, vale a dire che l’attuale inserimento in questa realtà derivava da un’altra realtà di esclusione che non era stata precedentemente risolta dalle autorità pubbliche. Vi è un immenso contingente di lavoratori in tutto il paese le cui attività sono in informalità, cioè spogliate di qualsiasi regolamentazione o controllo giuridico da parte del governo, e questo gruppo è classificato come un settore informale, che a sua volta occupa una parte rilevante dell’economia brasiliana e latinoamericana.

Inizialmente, la realtà dei nord-est si distingue che a causa della grave e prolungata siccità nella regione nord-orientale del Brasile, questo è alleato alla mancanza di azione governativa, che durante gli anni Sessanta, settanta e seguenti migrarono principalmente nei grandi centri della regione sud-orientale del Brasile, principalmente nelle città di Rio de Janeiro e São Paulo. Già penalizzati dalla mancanza di istruzione e qualificazione professionale richiesta in questi grandi centri urbani, molti di questi lavoratori hanno trovato il modo di sostenere le loro famiglie attraverso l’occupazione informale e nel corso degli anni, alcuni sono riusciti ad avviare attività informali, come l’apertura di un piccolo negozio di alimentari nel garage, un bar e così via.

A seguito del caso dei nord-orientali e delle relative analogie, negli ultimi anni il Brasile ha anche accolto diversi immigrati provenienti da varie parti del mondo, a causa di crisi politiche nei loro paesi e anche a causa di disastri naturali, come nel caso di Haiti dopo il terremoto del 2010, nonché guerre e conflitti interni nei paesi africani e mediorientali. Provenindo da alcuni paesi dell’America meridionale e centrale, come il Perù e la Bolivia, molte persone migrarono in grandi quantità in grandi centri urbani brasiliani in cerca di lavoro e in condizioni migliori per vivere. Una delle cause principali di queste migrazioni è la povertà, che è anche una questione politica. Recentemente, il Venezuela, che aveva subito un’intensa crisi interna seguita da un grande contingente migratorio verso il Brasile, a causa del confine tra i due paesi, ha portato a una maggiore crescita dei lavoratori che ricorrono sia al lavoro informale che alle attività informali dei più diversi.

Un recente sondaggio dell’IBGE (Istituto brasiliano di geografia e statistica), considerando i dati del 2016, ha rivelato che la categoria di dipendenti senza portafoglio firmato (10,8 milioni di persone) è cresciuta del 2,7% rispetto al trimestre precedente, rappresentando un aumento di 286.000 persone. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, cioè, si è registrato un aumento del 5,4% che rappresenta 552.000 persone in più che lavorano formalmente.

Mentre l’occupazione formale è rimasta stabile e l’occupazione informale è cresciuta per tutto il 2017 e l’occupazione informale è cresciuta – con conseguente riduzione del tasso di disoccupazione nei trimestri – lo stesso non è avvenuto nei primi mesi del 2018. Il numero di dipendenti con permesso di lavoro firmato (32,7 milioni) è diminuito dell’1,7% nel trimestre chiuso ad aprile rispetto al trimestre precedente (novembre 2017 -gennaio 2018), con una riduzione di 567.000 persone.[3]

Figura 1: Tasso di disoccupazione delle persone dai 14 anni in su – Evoluzione nel trimestre e nell’anno.

Fonte: IBG, Direttore della ricerca – PNAD-C.

Oltre alla ricerca precedente e ancora più recente, una nuova ricerca, condotta anche da IBGE, ha rivelato che c’è una progressiva crescita dell’informalità in Brasile, secondo i dati estratti dalla ricerca che viene esposta di seguito. Nello stesso confronto, la popolazione occupata ha avuto una riduzione di 969.000 persone (-1,1%), con la diminuzione più significativa tra i dipendenti con licenza firmata. La situazione negativa ha portato a un aumento del tasso di disoccupazione, che è passato dal 12,2% tra novembre e gennaio al 12,9% nel trimestre chiuso ad aprile. [4]

Figura 2: Tasso di disoccupazione %


Fonte: IBGE – Direzione ricerca, DPE.

È innegabile che l’attuale crisi ha contribuito in modo significativo all’aumento della disoccupazione e, di conseguenza, alla ricerca di offerte formali di lavoro e allo sviluppo di attività formali da parte di alcuni lavoratori. Una realtà che ha ulteriormente aumentato la popolazione di questi lavoratori, molti dei quali con un alto livello di qualificazione, che è una grave battuta d’arresto per il nostro paese, scoraggiando persino la ricerca di qualifiche da parte di molti lavoratori.

I lavoratori che attualmente cercano questi posti vacanti formali sono coloro che non possono assegnarsi ad altre aziende con lo stesso livello retributivo.  Inoltre, vi è la possibilità di guadagni salariali superiori al salario minimo nazionale, poiché questa è una delle principali attrattive offerte dai datori di lavoro indiretti, perché non avranno spese per tasse di natura lavorativa.

È certo che questi datori di lavoro hanno deciso di correre i rischi sia dell’attività non legale che di una futura azione lavorativa che chiede il riconoscimento del lavoro, tuttavia, l’attività imprenditoriale da sola rappresenta già un certo rischio a seconda della natura dell’attività, quindi per questi imprenditori, questi rischi sono tra molti altri già affrontati.

L’attuale profilo dei lavoratori nell’economia informale brasiliana è piuttosto diversificato rispetto ai lavoratori del decennio precedente. C’è una somiglianza tra tutti questi lavoratori, è in relazione alla questione della realtà dell’esclusione sociale di fronte all’inerzia o all’inefficienza dello Stato brasiliano.

3. ALCUNE ATTIVITÀ E PROFESSIONI INSOLITE

Ci sono innumerevoli professioni autonome non ancora legalizzate nel nostro paese. Non essendo diverso dalle attività formali riguardanti la diversità che è. L’obiettivo di descriverne alcuni era quello di trasmettere in misura maggiore la discussione ora trattata. Inoltre, nel descrivere alcune attività e professioni di seguito, mira a trasmettere realtà forse non ben note dalla popolazione in generale. Infine, scrivere un po ‘di queste professioni e attività era per ciascuno di loro di rappresentare tante altre esistenti nel nostro paese. Si osserva che l’emergere di nuove espressioni di questo fenomeno è stato responsabile dell’ulteriore espansione del numero di attività formali, rivelando un numero maggiore di esse, che sono state incorporate in questa gamma eterogenea di attività formali (KREIN; PRONI, 2010).

3.1 VENDITORI AMBULANTI

Forse questa è la più ampia delle categorie informali, in quanto copre molti altri follow-up. E come descritto in precedenza, si trovano per le strade, i viali e i pantaloni delle grandi città del paese. Operano anche all’interno dei trasporti pubblici, come autobus, treni e metropolitane in queste grandi città.

I prodotti venduti da questi lavoratori sono il più diversi possibile, come ad esempio: vari alimenti, bevande analcoliche, succhi e acqua minerale che a loro volta vengono caricati in un pacchetto a vapore o in sacchetti di plastica. Anche prodotti elettro ed elettronici, tra cui notizie e strutture provenienti dal “mondo cinese”. Sono popolarmente conosciuti come venditori ambulanti, sia qui in Brasile che nel contesto dell’America Latina, che si verificano solo una varietà di termini usati per descriverli.

Poiché il loro nome traduce già questa idea, questi lavoratori non hanno un luogo di vendita fisso, perché si spostano da un luogo all’altro alla ricerca della maggiore affluenza del pubblico nei grandi agglomerati. Si trovano facilmente anche in grandi eventi come partite di calcio, ingressi a concerti e feste del fine settimana, nonché numerosi altri eventi, che sono lì lavorando onestamente per rendere i loro mezzi di sostentamento personali e familiari.

Questa attività è solitamente associata a gruppi marginali che non possono o non vogliono vendere i loro prodotti con mezzi convenzionali. Spesso combattuti dalle autorità governative, spesso in aperto conflitto con loro, questi lavoratori hanno vissuto una vera storia di resistenza e sopravvivenza nella lotta per il diritto fondamentale al lavoro.

3.2 RACCOGLITORI DI LATTINE E MATERIALI RICICLABILI

 Vivendo in una realtà ancora più difficile e ai margini della società e di una possibilità di regolazione, i raccoglitori di rifiuti e i materiali riciclabili vivono a rischio costante per la loro salute. Ciò è dovuto alla gestione quotidiana di una grande quantità di immondizia, molte delle volte senza un’adeguata protezione, perché il materiale riciclabile ricercato viene sempre mescolato con rifiuti organici. Questi lavoratori autonomi svolgono un ruolo fondamentale e importante nell’attuazione della politica nazionale in materia di rifiuti solidi (PNRS), ma purtroppo la maggior parte dei comuni e degli Stati non dispone ancora di un programma o di politiche pubbliche volte a riciclare e riutilizzare i rifiuti prodotti.

I raccoglitori di stagno e i materiali riciclabili, in generale, operano nelle attività di raccolta direttamente dalle strade, dai viali e persino dalle discariche delle grandi città del paese, denigrandoli dai rifiuti organici, classificandoli e poi vendendo ad altri piccoli imprenditori che a loro volta acquistano questi materiali per rivenderli alle poche industrie e fabbriche che li riutilizzano. Contribuendo così in modo significativo a una piccola catena di produzione di riciclaggio.

Ciò che è una responsabilità di natura e interesse pubblico è oggi lasciato a questi lavoratori che a loro volta vengono dimenticati dallo Stato e dalla società. Sottolineiamo le precarie condizioni di lavoro di questi lavoratori, che si svolgono individualmente, autonomamente e sotto la pioggia o il sole, e sebbene questa attività professionale di raccoglitori di rifiuti di materiali riciclabili sia riconosciuta dal Ministero del Lavoro e del Lavoro, secondo la Classificazione brasiliana delle professioni (CBO), ciò non ha significato un effettivo miglioramento delle condizioni di vita di questi lavoratori.

Continuano a lavorare in condizioni estremamente precarie, soggette a tutti i tipi di contaminazione e malattie, e spesso tolgono il loro cibo dalla spazzatura e non hanno una sorta di sostegno all’incentivo statale. Questi lavoratori vendono grandi quantità di materiali riciclabili a un prezzo molto basso, evidenziando che questa collezione è fatta sia dagli anziani che dai bambini e dagli adolescenti, che spesso sono fuori dalla scuola, oltre a tante altre realtà e storie dimenticate.

3.3 FIERE IRREGOLARI

 Non sembra un grosso problema, perché coloro che di solito vanno a fiere dove vendono frutta, verdura e verdura, oltre ad essere in grado di acquistare i ben noti pasticcini fira e succo di canna da zucchero, potrebbero non chiedersi se quei lavoratori sono legalizzati, cioè se hanno una licenza / permesso dalla città per lavorare o meno. In effetti, molti negozi con stabilimenti fissi si trovano anche in una situazione di irregolarità.

Si distinguono nel caso di bambini onesti irregolari che per lo più negoziano alimenti, spesso deperibili, in questo caso con un rischio maggiore per la salute pubblica. Non si tratta solo di una commercializzazione irregolare in sé. Ciò che esiste è un’allarmante catena di irregolarità in questa categoria, non solo in queste eccezioni, perché, poiché i camion trasportano frutta, verdura, verdura; principalmente, pesci e uccelli dovrebbero anche passare attraverso la supervisione del comune fino a un’ispezione quasi inesistente. La sorveglianza è di solito un’eccezione che può essere facilmente estorta da coloro che vogliono ottenere da questo tipo di commercio. È certo che il livello di regolamentazione e di supervisione varia in ogni comune della federazione.

La registrazione, la registrazione, la registrazione e altre regole per la legalizzazione e il lavoro dei fairgoer sono di competenza del Comune, ma in generale nella maggior parte dei comuni richiede in un certo senso procedure documentali, oltre alla registrazione del fairowner, documento che gli dà diritto al lavoro, include test che attestano le sue condizioni di salute per gestire il cibo che andrà alla tavola dei consumatori. Come nei casi già citati, c’è una cultura molto forte di accettazione delle irregolarità nel nostro Paese, sia da parte della società che da parte dei gestori della cosa pubblica. Un esempio di ciò è ciò che attualmente accade nella capitale della Grande Belém dello Stato di Pará. Attualmente ci sono circa 35 fiere gratuite, 20 mercati e sette porti in cui migliaia di piccoli venditori e consumatori vengono quotidianamente alla commercializzazione di vari prodotti.

Foto 1: Fiera gratuita nella città di Belém, capitale del Pará.

Fonte: Il Liberale, 2018.

3.4 PROSTITUTE (IL) E CASE DI PROSTITUZIONE

 Le cosiddette case di prostituzione sono vietate nell’attuale sistema giuridico, tuttavia, la prostituzione è consentita in modo indipendente dalla legge. Il Ministero del Lavoro e del Lavoro (MTE) ha riconosciuto attraverso la Classificazione brasiliana delle professioni (CBO) una delle professioni più antiche del mondo, che è la professione di prostituta, come descritto di seguito il CBO 5198:

Titoli

 5198-05 – Professionista del sesso

Chiama ragazza, Chiama ragazzo, Meretriz, Messalina, Michê, Donna di vita, Prostituta, Prostituta.

Riepilogo descrizione

Cercano programmi sessuali; servire e accompagnare i clienti; partecipare ad azioni educative nel campo della sessualità. Le attività vengono svolte seguendo norme e procedure che minimizzano le vulnerabilità della professione.

La legislazione ritiene che le case di prostituzione per l’uso dello sfruttamento del corpo altrui non debbano essere legalizzate o minimamente regolamentate, come nel caso delle prostitute o delle prostitute. Una realtà attuale delle grandi e persino piccole città del Brasile e anche del mondo, la prostituzione è un mezzo di sopravvivenza di molti uomini, donne e famiglie. Una professione millenaria e anche se sempre criticata da molti, d’altra parte, è sempre stata accettata da tanti altri, oltre ad essere presente o rappresentata in tutte le regioni del Paese. Pochi paesi in tutto il mondo hanno avuto abbastanza coraggio per regolamentare se la professione è autonoma o la sua attività commerciale, come nel caso delle case di prostituzione.

Trascurando le questioni morali e religiose che evolvono il tema, ci sono innumerevoli donne e uomini che guadagnano sostegno personale, e le loro famiglie attraverso la vendita, o meglio, descrivendo, attraverso l’affitto del corpo stesso offerto per varie pratiche sessuali. Una questione importante che solleva la discussione è il fatto che gran parte della popolazione, comprese varie autorità, ricorre spesso a questo tipo di servizi, ma, per motivi morali e religiosi di fronte a una grande ipocrisia esistente nella nostra società, è rara per le autorità che si occupano dell’argomento. Emarginati nel corso dei secoli e nel corso della loro vita, si sottolinea che il fatto che, da un punto di vista sociale, sarebbe più umano e onesto se questi lavoratori e lavoratori avessero un maggiore sostegno statale.

L’idea principale nel difendere la legalizzazione delle case di prostituzione è con l’obiettivo di ridurre la discriminazione esistente, ma la regolamentazione della prostituzione come attività implicherebbe, ad esempio, il pagamento delle tasse da parte di questi stabilimenti, fatti che certamente ostacolano una possibile formalizzazione. Un’altra possibilità per questa classe di lavoratori sarebbe il sindacato di questi professionisti nelle cooperative, con l’obiettivo di cercare miglioramenti come la sicurezza e la salute di questi lavoratori che lavorano in un certo modo a rischio per la loro salute e integrità fisica.

Sono lavoratori che non ricevono il dovuto rispetto né dalla società né dallo Stato, le cui autorità spesso ricorrono a questi servizi forniti, come nel caso delle cosiddette “prostitute di lusso”. Inoltre, ci sono molti imprenditori che lavorano sfruttando la prostituzione altrui, dal momento che non hanno bisogno di pagare le tasse allo Stato, lasciando più economico pagare tangenti ai molti agenti pubblici che dovrebbero supervisionare.

Alcuni paesi in tutto il mondo ammettono già la prostituzione come professione, come avviene nei Paesi Bassi. Una soluzione di protezione sociale, oltre al permesso di creare cooperative o sindacati di questa categoria, sarebbe il pagamento delle tasse da parte delle case di prostituzione esistenti, adattandosi così alla filosofia della politica liberale che a sua volta non ha avuto impegni morali negli standard dell’attuale società stessa.

3.5 I COSIDDETTI GIOCHI DI BECCO E GIOCO D’AZZARDO

Utilizzati per l’arricchimento di grandi bicheiros e politici, sia il gioco dell’animale che il cosiddetto gioco d’azzardo hanno sempre spostato fortune nel mercato parallelo. È certo che alcuni paesi hanno capito che sarebbe meglio se queste attività fossero sotto monopolio di Stato a causa dei rischi di riciclaggio di denaro sporco e del ricorrente coinvolgimento nella criminalità organizzata e nel traffico di droga. Queste attività sono vietate nel nostro paese, così come le case della prostituzione. Nel caso del Brasile, lo stesso sistema potrebbe essere adottato, poiché genererebbe innumerevoli ricchezze per lo sviluppo nazionale piuttosto che l’elevatissimo onere fiscale già pagato dalla società.

La verità è che, poiché queste attività sono vietate, non significa che non siano in piena attività dietro le quinte della legalità. Una realtà di conoscenza pubblica da parte della gente comune anche delle massime autorità del paese che hanno maggiori responsabilità e possibilità di cambiare queste realtà.

Sebbene siano già stati discussi in varie momenti al Congresso nazionale brasiliano, questi disegni di legge che creerebbero un quadro normativo dei Giochi in Brasile (MRJB) non sono stati in grado di prosperare.  Forse ciò è dovuto alle azioni del cosiddetto “lobby” che agiscono in contrasto con i reali interessi della società.

I giochi dell’animale non diversi dal cosiddetto gioco d’azzardo finiscono per assumere molti lavoratori che a loro volta vengono sfruttati e senza diritti di lavoro. Qualcosa di evidente è che molti uomini d’affari e politici fanno milioni dietro le quinte di questa attività che finora non è riuscita a regolamentare, tuttavia, è accettata e non messa in discussione dalle autorità in generale.[5]

4. CONSUMATORI DELL’ECONOMIA INFORMALE

 Non solo i consumatori con un profilo a basso reddito, ma gran parte della popolazione alimenta l’economia informale che cerca di soddisfare le loro richieste con questi prodotti, che sono per lo più più più economici di quelli che si trovano nel mercato comune, anche se sono prodotti di qualità inferiore, come i casi di prodotti elettronici elettronici provenienti principalmente dal mercato cinese.

Ciò che dimostra questa realtà di consumatori costanti nel mercato informale, oltre all’acquisizione e al consumo di prodotti contraffatti con una certa frequenza, è stata la rivelazione recentemente portata (2015), da un’indagine dell’Ibope (Istituto brasiliano di opinione e statistica) commissionata dalla Confederazione nazionale dell’industria (CNI). Secondo questo sondaggio, il 75% dei partecipanti ha ammesso di acquistare merce da venditori ambulanti o negozi informali, aggiungendo a questo, il 71% ha riferito di acquistare prodotti piratati o imitazioni di marchi famosi, sempre, a volte o raramente.

Tra i consumatori che hanno acquistato prodotti da venditori ambulanti o stabilimenti informali, il 13% ha dichiarato di acquistare sempre, il 37% ha affermato che solo a volte e il 25% ha dichiarato di acquistare solo raramente. Tra i consumatori che acquistano prodotti piratati o imitazioni di marchi famosi, sia nel commercio formale che informale, il 13% acquista sempre, il 34% a volte e il 24% raramente. L’indagine ha intervistato 15.414 persone in 727 comuni brasiliani, rivelando una realtà anche preferibilmente della maggior parte dei consumatori brasiliani. [6]

Ci sono diversi prodotti trovati in vendita nel mercato informale e sebbene i cosiddetti elettros ed elettronica siano i più ricercati a causa della grande differenza di prezzo, possiamo anche trovare prodotti per l’igiene e la bellezza, prodotti per la pulizia, oltre ai numerosi alimenti venduti liberamente per strada. Questi consumatori non considerano la bassa qualità un ostacolo alla loro acquisizione, né il rischio per la salute in relazione agli alimenti acquistati e consumati per strada.

È importante sottolineare che i prodotti più ricercati dai consumatori dell’economia informale, come l’elettroelettronica, la profumeria e la bellezza, oltre ad altri, sono che hanno tasse più elevate nel mercato formale, da qui le ragioni per cui arrivano con un maggiore aumento per i consumatori. In altre parole, questi consumatori fuggono in qualche modo dalla tassazione e dal conseguente aumento di questi prodotti.  Questi consumatori sono attratti dai bassi prezzi di questi prodotti, poiché alcuni oggetti come: dvd, abbigliamento, profumi, giochi per computer, ecc.).  hanno valori molto alti nel mercato comune (FRANCISCO, 2020.)

La realtà economica di questi consumatori è anche in parte rilevante, tuttavia, è pertinente la questione culturale dell’accettazione da parte della società che non considera questo tipo di commercializzazione come qualcosa di cattivo o addirittura pericoloso per la salute e la sicurezza delle loro famiglie. Questo aumento dei consumi nel mercato informale rivela anche un’inefficienza del governo, che a sua volta non è stata in grado di risolvere non solo questo, ma molti altri problemi sociali collegati, compresa l’informalità.

Negli ultimi anni le autorità, attraverso i mezzi di comunicazione, hanno lanciato un appello soprattutto sul rischio di pirateria, tuttavia ciò è avvenuto solo con la pressione e l’intervento dell’industria di produzione di questi prodotti. Nonostante questo appello rivolto ai consumatori affinché non acquistino prodotti dal mercato informale, è possibile notare, secondo i dati della ricerca di cui sopra, che questo e altri possibili appelli sembrano non avere alcun effetto. Considerando le tasse legate a questi prodotti che a loro volta sono esattamente quelli con la più alta vendita sul mercato parallelo, la popolazione non considera questo comportamento come qualcosa di grave o addirittura immorale. [7]

5. LE IMPRESE DELL’INFORMAZIONE E LE SFIDE DELLA PRESSIONE FISCALE

Non solo i lavoratori autonomi informali, ma abbiamo ancora la realtà delle imprese formali, cioè delle imprese che agiscono liberamente sul mercato vendendo i loro prodotti e servizi. Nel caso delle imprese informali, il motivo principale è sbarazzarsi dell’elevato carico fiscale, una manovra di sopravvivenza sul mercato. Va notato che molti di questi imprenditori informali hanno provato per la prima volta la strada della formalità, tuttavia, a causa del fallimento che hanno finito per optare per questa modalità.

Un’altra realtà che merita di essere sottolineata è il comodismo del potere pubblico, osservato nelle disposizioni del codice civile brasiliano, che si occupa della regolamentazione delle società commerciali. Il codice civile brasiliano riconosce le cosiddette società commerciali non regolamentate o società non personificate. Considerando che la società non ha personificato la società il cui atto costitutivo non è ancora stato registrato presso l’organismo competente, cioè il consiglio commerciale competente.

D’altro canto, una tale mancanza di personalità giuridica non implica che tali società non possano essere punite per irregolarità commesse. Questa stessa regola si applica anche ai membri di questa società non ancora regolamentata, come trattati negli articoli da 986 a 990 del codice civile. Cioè, questa realtà imprenditoriale è riconosciuta dal legislatore, ma a causa dell’inefficienza dello Stato era meglio prevedere una possibile punizione per queste aziende e imprenditori, piuttosto che realizzare qualcosa di più efficiente per risolvere questi problemi.

Agendo nella stessa direzione, il consumatore, conoscendo questa realtà e la difficoltà di risoluzione da parte delle autorità pubbliche, ha trovato meglio proteggere i consumatori di fronte a questi imprenditori non regolari e si è occupato della responsabilità di tali enti nei rapporti con i consumatori concettualizzando la figura del fornitore, specificata nel “caput”, dell’art. della legge 8.078/90 (Codice della protezione dei consumatori), che ne prevede la responsabilità sotto forma di articolo 988 del codice civile, in caso di malazione commessa da tali fornitori, anche se non regolata dalla legge. In altre parole, possiamo dire che queste società non esistono in modo efficace perché non esiste una persona giuridica creata, ma sarà considerata la loro attività anche se irregolare in caso di necessità di punizione.

Questa inerzia dello Stato nel corso degli anni, oltre a lasciare alla deriva questi lavoratori e piccoli imprenditori, come accennato in precedenza, abbiamo le varie questioni di salute pubblica riguardanti la vendita di cibo e i cosiddetti prodotti piratati che oltre a causare rischi per la sicurezza, molte di queste merci sono anche originate da contrabbando e furti di merci.

Non si tratta dell’assenza di leggi, ma dell’adempimento di leggi già create dal governo. Molti di loro estremamente moderni e con una visione innovativa, tuttavia, sempre applicati secondo l’interesse di alcuni gruppi che sono in gestione. Ne è un esempio la legislazione amministrativa dell’articolo 37 “caput” della Costituzione federale, come descritto di seguito:

Art. 37. La pubblica amministrazione diretta e indiretta di una qualsiasi delle competenze dell’Unione, degli Stati, del distretto federale e dei comuni obbedisce ai principi di legalità, impersonalità, moralità, pubblicità ed efficienza e, inoltre, ai seguenti (…).

Possiamo dire che c’è un controllo minimo nelle grandi città, perché sia gli ispettori della città che la polizia civile, militare e persino comunale fanno sempre i cosiddetti “pescherecci da traino” per le strade, sezionando questi beni messi in vendita illegalmente. Tuttavia, si tratta di casi di eccezione e spesso dovuti alle pressioni di commercianti già legalizzati che si interrogano sul pagamento delle tasse e sulla perdita di vendite di fronte al commercio irregolare. Si osserva che per decenni lo Stato brasiliano ha agito solo come punitore, prevedendo e talvolta eseguendo sanzioni nei confronti di coloro che sono già puniti dal sistema attuale, invece di agire come Stato di gestione e risolvere queste e altre questioni di ordine e interessi pubblici.

Un altro spaventoso studio, condotto anche da IBGE nel 2015, ha rivelato che le industrie estrattive e di trasformazione hanno tagliato 642.138 posti di lavoro, formando un numero totale di aziende chiuse di 325.277. Secondo la stessa indagine, queste aziende industriali impiegavano 8,2 milioni di lavoratori nel 2015 nel 2014, erano 8,8 milioni di dipendenti. [8]

Per quanto riguarda le micro e piccole imprese, che a loro volta impiegano gran parte dei lavoratori formali in relazione alle grandi aziende, abbiamo numeri che non sono di una realtà recente, ma sono di una realtà continua in Brasile, cioè: sono penalizzati anche dal problema della burocrazia e della pressione fiscale, anche se queste società hanno ricevuto un trattamento fiscale differenziato negli ultimi anni , più della metà di loro è ancora vicina nel corso di meno di quattro anni e, secondo SEBRAE (Servizio brasiliano per il sostegno alle micro e piccole imprese), uno dei motivi principali è la cattiva gestione dei piccoli imprenditori. Questo studio è stato condotto nel 2013 da SEBRAE Nacional e ha sottolineato che il 24,4% di queste micro e piccole imprese termina le loro attività con meno di due anni di esistenza. Un’altra percentuale della stessa ricerca indica che questo numero può raggiungere il 50% negli stabilimenti con meno di quattro anni di attività. [9]

Sebbene lo studio SEBRAE punti gravemente alla questione della cattiva gestione di questi piccoli imprenditori, il sistema di apertura delle imprese richiede ancora un’eccessiva burocrazia e, sommando le spese di apertura con l’emissione delle suddette tasse, non sorprende che molte di queste aziende finiscano per chiudere, ragioni per cui molte di queste piccole e medie imprese, dopo aver provato i mezzi formali previsti dalla legge , finiscono per arrendersi e ricorrere ad attività informali.[10]

6. ATTUALE SISTEMA DI CREAZIONE E REGOLAMENTAZIONE DELLE IMPRESE

La legge complementare n. 128/2008 che ha modificato la legge generale sulle micro e piccole imprese (legge complementare n. 123/2006) crea la figura del microimprenditorio individuale con l’obiettivo di facilitare e sburocratizzare il lavoro di questi piccoli e medi imprenditori. Fondamentalmente l’attuale sistema di creazione e regolamentazione delle imprese in Brasile è prevalentemente sotto la responsabilità dei comuni. Ancora carico di inutili burocrazie e corruzione tra molti degli agenti pubblici, l’attuale sistema finisce per punire più volte chi vuole lavorare nei parametri della legge, oltre a chi non ha la possibilità di lavorare in formalmente, a seconda della natura dell’attività, considerando, ad esempio, la possibilità di un futuro ed eventuale necessità di rivendicare i benefici della legge 11.101/2005, nota come legge sui fallimenti e sul recupero delle imprese. Oltre ad altre modalità che non sono possibile operare nella modalità informale, come nel caso delle grandi imprese.

Il processo burocratico di creazione e regolamentazione delle imprese varia a seconda del tipo di azienda e di attività che si intende esercitare. In questo caso, le micro e piccole imprese sono più favorite, oltre alla nuova modalità dei micro e piccoli imprenditori individuali. Ma ciò non significa che questi professionisti non rovino ritardi e burocrazie ancora esistenti nell’attuale sistema, la cui burocrazia contribuisce al disincentivo della formalità.

In sintesi, si osserva che negli ultimi anni la legislazione che regola le cosiddette micro e piccole imprese è stata molto favorevole ai micro e piccoli investitori, che hanno bisogno solo di essere migliorati in termini di attuazione principalmente nella voce burocratica. Alcuni dei principali vantaggi ottenuti sono stati: un processo di creazione e regolamentazione più semplice e meno burocratico; la possibilità per i micro e piccoli imprenditori di accedere al tribunale speciale, con l’esenzione degli avvocati per azioni fino a 20 salari minimi; tassazione differenziata sotto molti aspetti, tra molti altri benefici.

6.1 ALCUNE SFIDE AFFRONTATE DAGLI IMPRENDITORI

Secondo Dornelas (2008), “L’imprenditore è quello che fa accadere le cose e anticipa i fatti e ha una visione futura dell’organizzazione”. (DORNELAS, 2008, p. 1). Tuttavia, nello scenario brasiliano, questo compito non è facile perché non è un segreto che ogni imprenditore è grande o piccolo, affronta molte difficoltà e sfide sia nel processo di creazione che nella conduzione della propria attività. Essere un imprenditore in Brasile non è affatto un compito facile. Allo stesso modo, uno dei principali problemi per la creazione e il progresso delle imprese è la burocrazia iniziale e continua delle procedure, come il pagamento di tasse e tasse, oltre alla presentazione di documenti, guide, registri in nuove attività e così via.

Chi cerca di lavorare correttamente finisce per essere estremamente penalizzato come se scontasse una pena o una penitenza. Questa realtà non si avvicina a coloro che hanno deciso di agire in modo irregolare, come dimostrato in precedenza, perché questo è il motivo per cui la maggior parte di queste aziende ha optato per l’informalità.

Un altro grande rivale dell’imprenditore è la difficoltà in relazione alle tasse da pagare anche prima dell’apertura dell’azienda e soprattutto dopo la sua apertura e operatività. La legislazione fiscale e fiscale in Brasile è estremamente severa con coloro che hanno deciso di correre i rischi dell’attività imprenditoriale. Abbiamo tasse comunali, statali e federali che devono essere pagate continuamente, e il fallimento di questo pagamento può portare l’impresa a punizioni e crolli. Ne è un esempio la raccolta differenziata dell’ICMS nei vari Stati della federazione e che ha generato negli ultimi anni la cosiddetta guerra fiscale tra Stati e Comuni, rivelando in un altro momento la nostra inefficienza dello Stato in relazione alle tasse eccessive.

Il cosiddetto lavoro costoso e anche non qualificato per il mercato competitivo è anche una delle principali lamentele degli imprenditori. Con l’attuale e molto messa in discussione riforma del lavoro, la questione del prezzo del lavoro sembra non essere stata una via d’uscita favorevole sia per i lavoratori che per i datori di lavoro che si trovano di fronte a molte incertezze nel mercato attuale. La questione della qualificazione di questa forza lavoro viene messa in discussione anche da coloro che vogliono sviluppare efficacemente la propria attività nel paese, generando una somma di incertezze, oltre ai rischi della natura stessa dell’attività commerciale.

6.2 PRATICHE POSITIVE IN ALCUNI STATI

Alcune città perché non potevano ordinare o contenere l’ondata di informalità, scelsero di vivere senza grandi conflitti con il volume di vendita e la domanda di beni venduti nel mercato parallelo. Un esempio di questo, abbiamo la famosa Rua 25 de Março nella capitale di São Paulo. Nel grande Recife, lo stesso accade su Av. Conde da Boa Vista, anche se non è l’unico punto vendita di questa città, poiché contesta molte altre strade, viali, marciapiedi e piazze della stessa città. Realtà come questa sono comuni in tutte le capitali del paese, come a Rio de Janeiro, Fortaleza, Porto Alegre e molte altre città che non hanno dominio su questa realtà sociale (ROCHA, 2006).

Alcune città come Boa Vista a Roraima e Feira de Santana, Bahia hanno rinunciato a spazi in cui questi imprenditori possono commercializzare i loro beni, e in alcuni casi vengono addebitati solo per il noleggio del rispettivo spazio, ma addebitando solo una piccola tassa, non esattamente nella quantità di un affitto commerciale. In un certo senso, un incentivo per questi piccoli commercianti, anche se non è una legalizzazione in breve.

Uno dei piccoli miglioramenti nel caso della città di Boa Vista, portata dall’immigrazione venezuelana è stata la riduzione del valore del quotidiano pagato ai professionisti autonomi in alberghi e locande, anche se si tratta di un piccolo aiuto, viene evidenziato che è offerto da privati e non dal governo stesso. Tuttavia, con molta manodopera a basso costo disponibile, i datori di lavoro offrono condizioni di lavoro precarie, con valori di R $ 10 per un giorno di lavoro in una fattoria o da R $ 20 a R $ 30 per la tariffa giornaliera di un muratore – quando la media per questo tipo di servizio tra i brasiliani è di circa R $ 100.

Nel caso di Rua 25 de Março nel centro di São Paulo, il suo inizio, negli anni ’80, quando era ancora situato a Praça da Bandeira ed era noto come Feira do Rolo, il commercio si è sviluppato, cambiato posto e oggi si trova in una posizione di rilievo, come è ben noto e ricercato da migliaia di consumatori. Considerato anche un luogo turistico nella capitale São Paulo.

Foto 2: Il lavoro autonomo era l’opzione trovata dagli immigrati che non riescono a trovare un lavoro nella capitale Roraima.

Fonte: Werther Santana/Estadão.

Oltre alle città di Boa Vista, Fortaleza e São Paulo già menzionate, Manaus e Belém, nella regione settentrionale del Brasile concentrano grandi lavoratori e fiere libere che non sono regolamentate. Questa realtà non è diversa nelle altre regioni del paese, nelle capitali e nelle grandi città e nei centri metropolitani brasiliani. In un certo senso, è stata creata una cultura dell’informalità ampiamente accettata dalla popolazione che consuma questi prodotti e servizi, e dal governo che è stato inefficiente e inefficace nel corso degli anni di gestione tra i vari governi di diverse posizioni politiche che hanno gestito il paese negli ultimi decenni.

7. POLITICHE PUBBLICHE E POSIZIONI DI GOVERNO

7.1 POLITICA PUBBLICA

Vale inizialmente la pena menzionare il concetto di politiche pubbliche che a loro volta dipendono dall’attuale gestione e volontà governativa, come descritto da Teixeira (2002, p.2), le politiche pubbliche sono:

[…] orientamenti, principi guida d’azione delle autorità pubbliche; norme e procedure per i rapporti tra potere pubblico e società, mediazioni tra attori della società e dello Stato. In questo caso, sono spiegati, sistematizzati o formulati in documenti (leggi, programmi, linee di finanziamento), azioni guida che normalmente coinvolgono applicazioni di risorse pubbliche. Tuttavia, non vi è compatibilità tra interventi e dichiarazioni di volontà e le azioni sviluppate.

Alla luce delle grandi e controverse sfide che affrontano il tema affrontato e già affrontato in precedenza, abbiamo avuto alcune pratiche positive come la legalizzazione degli ex tacchini nella città di São Paulo. A livello nazionale, sono state condotte diverse politiche pubbliche per i microimprenditori e i piccoli imprenditori, come previsto dalla costituzione federale promulgata nel 1988.

Dopo anni di lotta ed emarginazione, a metà del 2003 il comune di São Paulo decise finalmente di legalizzare gli uomini turchi. È certo che la città ha affrontato un grave problema di trasporto pubblico che non soddisfa le richieste necessarie per la più grande città del paese e del Sud America. C’erano migliaia di furgoni e furgoni che attraversavano illegalmente la città, oltre agli autobus in condizioni precarie che fornivano quotidianamente questi servizi alla popolazione, che a sua volta si trovò massacrata dal trasporto regolare. Oltre al lungo intervallo di tempo tra i veicoli, siamo stati una delle grandi critiche alla popolazione.

Figura 3: I veicoli usati fotografici provenivano da sistemi regolari provenienti da varie regioni


Fonte: Collezione William de Queiróz.

Le notizie sono state costanti e quasi quotidiane, in cui hanno segnalato incidenti che hanno comportato trasporti illegali, oltre alla costante pressione sociale per mezzi di trasporto migliori e dagli stessi tacchini che chiedevano il permesso di lavorare regolarmente di fronte a dirigenti pubblici che erano sotto pressione per risolvere l’evidente domanda.

Molti di questi uomini turchi erano disoccupati, specialmente quelli che lavoravano nel settore e nell’edilizia, dopo aver perso il lavoro, usavano l’importo del risarcimento per acquistare vecchi veicoli dalle loro compagnie regolari, e iniziarono a tentare la fortuna, a causa dell’elevata domanda di trasporto dalla capitale, che alla fine ha dovuto cedere la legalizzazione. Sebbene molto sia stato messo in discussione al riguardo, questa categoria oggi agisce in modo giuridico e vi sono stati molti vantaggi sia per questi lavoratori, sia per la società e anche per lo Stato stesso che ha beneficiato di tasse adeguate e di una migliore fornitura di servizi di trasporto.

Per quanto riguarda le micro e piccole imprese, l’attuale Costituzione federale prevedeva già nell’articolo 179 un trattamento differenziato delle micro e piccole imprese, ma questa disposizione dipendeva dalla regolamentazione giuridica, che a sua volta si era verificata solo negli ultimi anni, come trascritto sotto detto articolo:

Art. 179. Il governo federale, gli Stati, il distretto federale e i comuni dispenseranno microimprese e piccole imprese, così definite per legge, un trattamento giuridico differenziato, con l’obiettivo di incoraggiarle semplificando i loro obblighi amministrativi, fiscali, previdenziali e creditizi, o eliminandole o riducendole per legge.

Evidenziando alcuni cambiamenti significativi, nel 2007 è stata pubblicata la legge complementare 127/2007 che ha istituito alcuni miglioramenti nella legge generale sulle micro e piccole imprese (LGMPE). Una delle modifiche positive apportate da detta legge complementare è stata la possibilità per alcune società del settore dei servizi di riscuotere le imposte sotto forma di semplicità nazionali, oltre a cambiamenti quali l’esclusione delle micro e piccole imprese dalla riscossione dell’ICMS (Imposta sulle operazioni relative alla circolazione delle merci e fornitura di servizi di trasporto e comunicazioni interstatali e intercomunali).

Inoltre, è stato infine determinato un trattamento differenziato e semplificato per le microimprese e le piccole imprese negli appalti pubblici di beni, servizi e lavori, nell’ambito della pubblica amministrazione federale, tra le altre modifiche favorevoli attuate anche con la stessa legge.

Un altro punto culminante favorevole per micro e piccoli imprenditori è stata l’edizione della legge 139/2011 che ha adeguato i tetti delle entrate lorde annuali a favore degli opter a The National Simple; definendo che le società esportatrici potrebbero guadagnare ricavi sul mercato estero fino a R $ 3,600,000, senza perdere il quadro.  Sempre nel 2011 è stata sanzionata la legge 12.441/2011, che consente la costituzione della società a responsabilità limitata individuale (EIRELI), una grande innovazione attuata nell’ambito del diritto commerciale brasiliano.

Negli ultimi anni, il contributo previdenziale dei singoli microimprenditori è stato ridotto dall’11% al 5%; il Crescer Microcredit Program è stato adeguato, dove le banche pubbliche potrebbero offrire finanziamenti con interessi differenziati, tra le altre implementazioni positive. In realtà c’è un adattamento a questi cambiamenti, oltre ad alcune burocrazie che rendono ancora difficile l’attuazione di queste leggi molto innovative, entrambe legate all’attuale crisi che il paese sta vivendo.

7.2 DELLE POSIZIONI DI GOVERNO

Lo Stato, che ha un ruolo fondamentale nell’economia di un Paese, ha la capacità legislativa di intervenire in tutti i settori, in particolare quelli strategici, attraverso l’emanazione di leggi e regolamenti (QUE CONCEITO, 2015). La regolamentazione e l’agevolazione della creazione di micro e piccole imprese possono essere considerate un progresso di natura rilevante, poiché crea molte altre possibilità per molti lavoratori di agire regolarmente, senza essere soffocati da un’eccessiva burocrazia e da un elevato onere fiscale.

È vero che questi piccoli commercianti devono ancora affrontare il periodo di adattamento dei nuovi cambiamenti, poiché abbiamo nei settori pubblici del nostro paese una vera cultura della burocratizzazione della macchina pubblica, che ostacola i progressi in molti altri settori dell’economia nazionale. La mancanza di una posizione ferma, alleata della corruzione esistente nel Paese, aggiunta alle attuali esperienze di crisi non fa che aggravare l’espansione dell’economia informale che a sua volta è stata spesso evidenziata come un fattore che danneggia ulteriormente la crescita economica di un paese, poiché l’informalità è diventata così forte, a sua volta, che finisce per soffocare l’economia formale che contribuisce alle tasse , indicando l’illegalità come una via d’uscita più vantaggiosa.

Il paese rimane attualmente senza molto credito internazionale di fronte ai grandi scandali di corruzione, sommato alla scarsa fiducia dell’opinione pubblica nei leader politici. Uno scenario non sicuro e incertezze che non hanno fatto altro che aumentare ulteriormente le illegalità e la violenza in tutto il paese.  Tutto ciò porta a un’economia irrisolta, dove l’illegalità sembra essere il modo migliore per chi riesce ancora a rischiare qualche attività economica. In altre condizioni, l’assenza di una posizione di governo è indiscutibile e ciò contribuisce all’intera insicurezza politica economica del paese.

È indiscutibile l’attuazione di politiche pubbliche positive a favore di questi piccoli imprenditori e micro imprenditori. Tuttavia, vi è grande conformità e mancanza di interesse nell’affrontare l’informalità, questo da parte delle autorità. Succede che è stato troppo lungo per affrontare questa e altre questioni economiche che riguardano il paese ed è diventato qualcosa di “radicato” che a volte la maggior parte dei governi che assumono il potere preferiscono non affrontare la questione in questione, anche se riconoscono l’importanza di dare soluzioni efficaci.

CONSIDERAZIONI FINALI

Alla luce dei fatti pertinenti presentati, si potrebbero fare diversi risultati, che hanno permesso di trarre diverse conclusioni e suggerimenti per miglioramenti che possono essere applicati o addirittura sviluppati sul tema ricercato. Secondo Almeida (2013), per quanto siano alla ricerca di un sostentamento per la famiglia, possono anche essere il risultato di una scelta di questi lavoratori, a causa di alcuni benefici che questo tipo di lavoro presenta.

Inoltre, l’attuale crisi che il paese sta attraversando negli ultimi anni ha evidentemente contribuito all’aumento della disoccupazione e, di conseguenza, alla ricerca di lavoro e allo sviluppo di attività ai margini della legalizzazione. Questa realtà è stata vissuta anche da molti altri paesi in via di sviluppo. È stato osservato che il tema del mercato del lavoro e dell’informalità ha occupato sempre più spazio nelle discussioni nazionali e persino internazionali, sia politiche che accademiche, formando una vera e propria lamentela sociale, anche indirettamente.

Si è concluso che l’informalità è presente nella storia del paese da decenni e che questa informalità e i suoi lavoratori sono emersi e sono cresciuti fino ad oggi, a causa di altri problemi sociali non risolti dallo Stato di gestione, sia in Brasile che in altri paesi da cui riceviamo immigrati, i cui lavoratori hanno anche cercato l’informalità come forma di sopravvivenza. Questo, oltre ad altre questioni, l’informalità è il risultato di un’inefficienza dello Stato nel corso dei decenni.

Anche se non giustificato legalmente e moralmente, alcuni datori di lavoro, a causa dell’elevato onere fiscale addebitato dall’attuale sistema in alcune regioni del paese, è ancora comune per alcuni datori di lavoro formali mantenere i propri dipendenti in informalità, anche sapendo che ciò può portare a spese di lavoro in tribunale. Alcuni adottano un sistema di assunzione informale e di licenziamento frequente, contribuendo all’elevato ricambio della forza lavoro o addirittura offrendo uno stipendio inferiore alla media nazionale, con l’affermazione che deve passare le tasse al fisco. Per quanto riguarda questo problema, si osserva che il costo medio dello stipendio di un dipendente aggiunto alle varie tasse (pagate dal datore di lavoro) è quasi sempre il doppio dello stipendio offerto.

Professioni come i raccoglitori e i materiali riciclabili e quelle delle cosiddette prostitute soffrono di più a causa dell’emarginazione sociale e statale, a causa del fatto che non esistono politiche pubbliche efficaci o in corso per queste classi di lavoratori. In entrambi i casi abbiamo un rischio effettivo di integrità fisica e rischio per la salute di questi lavoratori.

Un’iniziativa importante non ancora presa e molto interessante sarebbe la possibilità di un sindacato tra questi lavoratori, a seconda delle loro categorie, attraverso cooperative di lavoro. Oltre al sindacato e al rafforzamento delle classi coinvolte, vi sarebbe una chiara possibilità di negoziare miglioramenti delle condizioni di lavoro nei confronti del governo locale. Considerando i raccoglitori di rifiuti e i materiali riciclabili che in molte città non esistono ancora politiche pubbliche in materia di riciclaggio e questioni ambientali, questi lavoratori potrebbero diventare grandi partner pubblici, come è accaduto nel caso dei lavoratori turchi nella città di São Paulo.

Per quanto riguarda le micro e piccole imprese, sebbene in quest’ultimo paese abbia attuato politiche pubbliche pertinenti che hanno facilitato la formalizzazione di questi micro e piccoli imprenditori, il ritardo nel corso di decenni senza alcun cambiamento ha creato una cultura di accettazione sia da parte del governo che da parte di questi lavoratori informali che si sono adattati all’informalità. Anche con la novità di pagare meno tasse in cambio del non pagare nulla, è preferibile non pagare nulla, poiché questi lavoratori si sono già “adattati” alla vita informale per molti anni, è diventato difficile seguire le nuove regole.

Infine, si conclude che l’attuale crisi politica economica ha contribuito in modo significativo all’aumento del lavoro e delle attività informali. Tuttavia, a prescindere dalla crisi che si è insobitata, il ritardo nel corso dei decenni senza risolvere questi problemi è diventato qualcosa di culturalmente accettato, sia dalla società che dal potere pubblico che continua ad essere inefficiente nel risolvere questo e altri problemi economici sociali nella sua interezza. L’informalità è diventata una regola e la formalità è un’eccezione.

RIFERIMENTI

ALMEIDA, Maria Goretti; CARMO, Larissa de Andrade; SILVA, Seffra Renata Ramos. O trabalho informal como alternativa no mundo de trabalho atual. In: IV Seminário CETROS Neodesenvolvimentismo, Trabalho e Questão Social, 2. Fortaleza: [s.n.], 2013. p. 1-18. v. 1.

ALONSO, Suelen. “Emprego informal”; Brasil Escola. Disponível em: https://brasilescola.uol.com.br/geografia/empregos-informais.htm. Acesso em 28 de janeiro de 2020.

BRASIL. CONSTITUIÇÃO, 1988.

BAZANI. Adamo. História: Quando os ônibus clandestinos viraram lotação em São Paulo. 22 de janeiro de 2017. Disponível em: <https://diariodotransporte.com.br/2017/01/22/historia-quando-os-onibus-clandestinos-viraram-lotacao-em-sao-paulo/.> Acessado em: 01/07/2018.

BELTRÃO, Myrian Matsuo Affonso. Trabalho informal e desemprego: desigualdades sociais. 2010. Tese (Doutorado em Sociologia) – Faculdade de Filosofia, Letras e Ciências Humanas, Universidade de São Paulo, São Paulo, 2010. doi:10.11606/T.8.2010.tde-05032010-130328. Acesso em: 30/07/2018.

BRASIL. Classificação Brasileira de Ocupações – CBO. Ministério do Trabalho e Emprego. Disponível em: <http://www.mtecbo.gov.br/cbosite/pages/pesquisas/BuscaPorTituloResult. jsf>. Acesso em: 30/06/2018.

BRANCO. Mariana. Agência Brasil. Maioria dos brasileiros recorre ao comércio informal com alguma frequência. Publicado em 08/03/2015 – 15:44hs. Disponível em: <http://agenciabrasil.ebc.com.br/economia/noticia/2015-03/maioria-dos-brasileiros-recorre-ao-comercio-informal-com-alguma-frequencia> acessado em 27/06/2018.

CORREIO BRAZILIESE. IBGE: Em 2015, 8.462 indústrias fecharam e 642 empregos foram eliminados. 28/06/2017 11h27hs. Disponível em: <https://www.correiobraziliense.com.br/app/noticia/economia/2017/06/28/internas_economia,605549/ibge-em-2015-8-462-industrias-fecharam-e-642-empregos-foram-eliminad.shtml.> Acessado em: 28/06/2018.

CAMBRICOLI. Fabiana. Trabalho informal avança em Boa Vista e cria ‘feira’ de imigrantes. 22 Abril 2018  03h00. Disponível em: <https://brasil.estadao.com.br/noticias/geral,trabalho-informal-avanca-em-boa-vista-e-cria-feira-de-imigrantes,70002278479.> Acessado em: 07/07/2017.

COUTINHO, Rafael. A História do Comércio. 2014. Disponível em: <http://cultura.culturamix.com/curiosidades/a-historia-do-comercio>. Acesso em: 28 de janeiro de 2020. DE SÁ PASCHOAL, Andressa et al. ECONOMIA INFORMAL, 2013.

CASTELLS, Manuel. A sociedade em rede. São Paulo: Paz e Terra, 1999.

CAPUCIO, Ricardo. Microempreendedor Individual: Guia Completo com passo a passo para se tornar um MEI. 2017. Disponível em: <https://conta.mobi/blog/guia-completo-para-se-tornar-microempreendedor-individual/> Acesso em: 25/05/2018.

DECRETO-LEI Nº 2.848, DE 7 DE DEZEMBRO DE 1940.

DECRETO-LEI Nº 3.689, DE 3 DE OUTUBRO DE 1941.

DIEESE – Departamento Intersindical de Estatística e Estudos Socioeconômicos. Pesquisa de Emprego e Desemprego (PED). 2018. Disponível em: < https://www.dieese.org.br/analiseped/ped.html>Acesso em: 25/05/2018.

DORNELAS, J. C. A. Transformando idéias em negócios. 3.ed. Rio de Janeiro: Elsevier, 2008.

FRANCISCO, Wagner de Cerqueria e. “Economia informal”; Brasil Escola. Disponível em: https://brasilescola.uol.com.br/brasil/economia-informal.htm. Acesso em 28 de janeiro de 2020.

IPEA. Instituto de pesquisa aplicada. . Rede Globo. Série Brasil informal. Exibido na semana de 23 a 28 de abril de 2007. Disponível em: <http://wwwYotube.com.br/vídeos/trabalho informal. Acesso em 14/02 S/2009>. NORONHA, Eduardo G. “Informal”, Ilegal, Injusto: percepções do mercado de trabalho no Brasil. Revista brasileira de ciências sociais, Vol. 18 nº. 53. 2003, p.111- 129.

IBGE – Istituto Brasileiro de Geografia e Estatística. 2018. Disponível em: <https://www.ibge.gov.br/>. Acesso em: 25/05/2018.

KREIN, J. D.; PRONI, M. W. Economia informal: aspectos conceituais e teóricos. Escritório da OIT no Brasil. Brasília: OIT, 2010.

______. A OIT e a Economia Informal. Escritório da OIT em Lisboa, 2006.

LEI Nº 8.078, DE 11 DE SETEMBRO DE 1990.

LEI Nº 8.934, DE 18 DE NOVEMBRO DE 1994.

LEI Nº 11.101, DE 9 DE FEVEREIRO DE 2005.

LEI Nº 5.172, DE 25 DE OUTUBRO DE 1966.

LEI COMPLEMENTAR Nº 123, DE 14 DE DEZEMBRO DE 2006.

LEI COMPLEMENTAR Nº 127, DE 14 DE AGOSTO DE 2007.

LEI COMPLEMENTAR Nº 139, DE 10 DE NOVEMBRO DE 2011.

LIMA, Edilaneide Justiniano de. Comércio Informal: um estudo sobre possíveis contribuições na Economia e na Renda Familiar. 79 p. Monografia (Bacharel em Administração de Empresas). João Pessoa/PB – Campus I da UFPB, 2017.

O LIBERAL. Belém tem sete grandes feiras irregulares. 19/07/2018 às 07:28. Disponívelem:<http://www.orm.com.br/noticias/regiaometropolitana/MjMxNzM=/Belem-tem-sete-grandes-feiras-irregulares.> Acessado em: 22/07/18.

PAMPLONA, João Batista. Mercado de trabalho, informalidade e comércio ambulante em São Paulo. Rev. bras. estud. popul. [online]. 2013, vol.30, n.1, pp.225-249. ISSN 0102-3098. Disponível em: <http://dx.doi.org/10.1590/S0102-30982013000100011>. Acessado em: 12/12/2018.

PORTAL DO EMPREENDEDOR. Microempreendedor Individual. 2018. Disponível em: <http://www.portaldoempreendedor.gov.br/> Acessado em: 22/05/2017.

QUE CONCEITO. Conceito de Setor privado. 2015. Disponível em: < http://queconceito.com.br/setorprivado>. Acesso em: 12 de Maio de 2017.

ROGERIO DOS SANTOS, Gildo. Mercado de Trabalho, Economia Informal e Políticas Públicas: BRASIL- ANOS 90. Mestrado Profissionalizante da Faculdade de Ciências Econômicas. Universidade Federal do Rio Grande do Sul – UFRGS. Porto Alegre, 2003, Disponível em: <http://hdl.handle.net/10183/5564> Acesso em 12/06/2018.

Revista Carta Capital. Economia e Mercado de Trabalho. Publicado 29/09/2017 13h41. Disponível em: < https://www.cartacapital.com.br/economia/ibge-trabalho-informal-cresce-e-desemprego-cai-para-12-6-em-agosto> Acesso em: 25/05/2018.

ROSA, A.L.T. (Org.) Economia do Ceará em Debate. Fortaleza, Instituto de Pesquisas Econômicas do Ceará (IPECE), 2006, p.136-156.

SITE TODA MATERIA. Trabalho Informal. Disponível em: <https://www.todamateria.com.br/animais-em-extincao-no-brasil/> Acessado em: 22/05/2017.

SEBRAE – Serviço Brasileiro de Apoio às Micro e Pequenas Empresas. PortalSebrae/sebraeaz/Microempreendedor-Individual. 2018. Disponível em:<http://www.sebraepr.com.br/PortalSebrae/sebraeaz/Microempreendedor-Individual> Acesso em: 20/05/2018.

TEIXEIRA, E. C. O papel das políticas públicas no desenvolvimento local e na transformação da realidade. Revista AATR, Salvador, 2002. Disponível em:<http://www.fit.br/home/link/ texto/politicas_publicas. pdf.>. Acesso em: 11 mai. 2017.

APPENDIX – RIFERIMENTI FOOTNOTE

2. DIEESE – Dipartimento interunità di statistica e studi socioeconomici. Indagine sull’occupazione e la disoccupazione (PED). 2018. Disponibile in: <https: www.dieese.org.br/analiseped/ped.html=””>.</https:> Pubblicato il: 25/05/2018.

3. Revista Carta Capital. Economia e mercato del lavoro. Pubblicato il: 29/09/2017 13:41 Disponibile in: < https://www.cartacapital.com.br/economia/ibge-trabalho-informal-cresce-e-desemprego-cai-para-12-6-em-agosto=””> Accesso: 25/05/2018.

4. Revista Carta Capital. Economia e mercato del lavoro.Pubblicato il: 29/05/2018 10:26 Disponibile in: <https: www.cartacapital.com.br/economia/desemprego-segue-em-alta-e-atinge-12-9-em-abril.=””> Accesso: 25/05/2018.</https:>

5. Un termine inglese che letteralmente significa “vestibolo” o “antessala”, ma si riferisce alla persona o al gruppo organizzato che cerca di influenzare procedure e atti di autorità pubbliche come l’Esecutivo, la Legislatura e la Magistratura. Questa attività si sviluppò in particolare nella legislatura degli Stati Uniti, dove fu regolamentata nel 1946.

6. Un termine inglese che letteralmente significa “vestibolo” o “antessala”, ma si riferisce alla persona o al gruppo organizzato che cerca di influenzare procedure e atti di autorità pubbliche come l’Esecutivo, la Legislatura e la Magistratura. Questa attività si sviluppò in particolare nella legislatura degli Stati Uniti, dove fu regolamentata nel 1946.

7. Pubblicato il: 08/03/2015 – 15h44min. Di Mariana Branco – Reporter presso Agência Brasil Brasil Brasil Brasilsília <http: agenciabrasil.ebc.com.br/economia/noticia/2015-03/maioria-dos-brasileiros-recorre-ao-comercio-informal-com-alguma-frequencia=””>al 27/06/2018.</http:>

8. SEBRAE – Servizio di supporto brasiliano per micro e piccole <http: www.sebrae.com.br/sites/portalsebrae/ufs/sp/bis/entenda-o-motivo-do-sucesso-e-do-fracasso-das-empresas,b1d31ebfe6f5f510vgnvcm1000004c00210arcrd?origem=”estadual&codUf=26.”> imprese a cui si accede il 28/06/18.</http:>

9. SEBRAE – Servizio di supporto brasiliano per micro e piccole <http: www.sebrae.com.br/sites/portalsebrae/ufs/sp/bis/entenda-o-motivo-do-sucesso-e-do-fracasso-das-empresas,b1d31ebfe6f5f510vgnvcm1000004c00210arcrd?origem=”estadual&codUf=26.”> imprese a cui si accede il 28/06/18.</http:>

10. Agenzia dello Stato pubblicato il 28/06/2017 11h27min <https: www.correiobraziliense.com.br/app/noticia/economia/2017/06/28/internas_economia,605549/ibge-em-2015-8-462-industrias-fecharam-e-642-empregos-foram-eliminad.shtml=””> Consultato il 28/06/18.</https:>

[1] Avvocato; Specialista in Diritto, Ordine Pubblico e Controllo Esterno; Laurea in giurisprudenza.

Inviato: Dicembre 2019.

Approvato: febbraio 2020.

5/5 - (1 vote)

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here