Audit interno e gestione del rischio nelle organizzazioni di sanità pubblica in Portogallo

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

RIBEIRO, Renor Antonio Antunes [1]

RIBEIRO, Renor Antonio Antunes. Audit interno e gestione del rischio nelle organizzazioni di sanità pubblica in Portogallo. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol.06, pagg. 138-151. Dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/economia-aziendale/organizzazioni-di-sanita ‎

ASTRATTO

I continui cambiamenti tecnologici, così come le recenti crisi economiche mondiali, hanno portato le organizzazioni a sviluppare i propri meccanismi di governance, al fine di mitigare i rischi e gestire al meglio gli eventi che provocano impatti negativi. Nel settore sanitario è costante la preoccupazione per la capacità di queste organizzazioni di raggiungere i propri obiettivi, considerato il rischio di collasso del sistema, derivante dall’emergere di nuove pandemie. Infatti, diverse organizzazioni a livello internazionale si sono dedicate allo sviluppo di regolamenti per la gestione di tutti i rischi che possono mettere a repentaglio il funzionamento delle organizzazioni, siano esse pubbliche o private. L’audit interno è una componente del sistema di controllo interno fondamentale per la gestione dei rischi, che deve svolgere le proprie attività in conformità agli standard internazionali e alle normative di legge, valutando la gestione dei rischi e dei controlli interni dell’organizzazione. Al fine di conoscere il ruolo dell’audit interno nella gestione del rischio in otto organizzazioni del settore sanitario in Portogallo, sono state studiate la legislazione nazionale, gli standard internazionali applicabili e la letteratura relativa all’argomento, con enfasi sui risultati della ricerca empirica. Successivamente, sono state condotte interviste con otto (8) revisori interni, al fine di scoprire se le attività di audit interno in queste organizzazioni, nella percezione degli intervistati, sono in linea con gli standard internazionali e con i risultati degli studi empirici già svolto in questo senso il tema.

Parole chiave: audit, controllo, gestione, pubblico, rischi, sistema.

1. INTRODUZIONE

L’internazionalizzazione delle imprese, l’aumento della concorrenza, le innovazioni tecnologiche e le recenti crisi internazionali hanno generato la necessità di migliorare i processi di governo societario, con la gestione del rischio che contribuisce in modo fondamentale al raggiungimento degli obiettivi e della missione istituzionale. In questo senso, sono state sviluppate norme e standard per la gestione del rischio e per il funzionamento degli audit interni in organizzazioni di diversi paesi, con l’adozione di norme e standard internazionali per i controlli interni, l’auditing interno, la governance e la gestione dei “Committee of Sponsoring Organizations of The Treadway Commission” (COSO), “International Organization for Standardization” (ISO), “Federation of European Risk Management Associations” (FERMA) e “Struttura internazionale delle pratiche professionali” (IPPF), quest’ultimo dall’Istituto dei Revisori Interni (IIA).

Con l’adozione di pratiche utilizzate nel settore privato, la corporate governance nel settore pubblico ha iniziato a utilizzare la gestione del rischio, secondo il modello delle tre linee, difeso dall’IIA (2013). In particolare nel settore della sanità pubblica, le preoccupazioni per la sostenibilità finanziaria e operativa, causate da crisi economiche che possono ridurre i contributi finanziari del governo, oltre all’emergere di nuove pandemie che potrebbero portare il sistema sanitario a un collasso senza precedenti, rendono necessaria l’adozione di strategie che possono anticipare questi rischi o minimizzarne gli effetti, al fine di mantenere il funzionamento delle entità sanitarie. Pertanto, è necessario adottare meccanismi di governance, tra cui la gestione del rischio, e l’audit interno ha un ruolo fondamentale nel valutare l’efficacia di tale gestione. Pertanto, è necessario conoscere la misura in cui la gestione del rischio è stata implementata e il ruolo dell’audit interno in questa gestione, secondo la percezione degli intervistati nelle organizzazioni di sanità pubblica.

Pertanto, una revisione bibliografica, studi di ricerca empirica e interviste semi-strutturate sono state condotte per fornire una comprensione non solo della struttura di governance, ma per conoscere cosa accade nella pratica di queste organizzazioni, secondo la percezione del gli intervistati, che hanno esercitato, al momento dei colloqui, funzioni di internal audit nelle organizzazioni sanitarie analizzate.

Pertanto, il presente articolo intende fornire contributi per la diagnosi della situazione e per possibili miglioramenti nei processi di gestione del rischio delle organizzazioni che già lo possiedono, nonché per future implementazioni, a seconda dei casi. In considerazione dell’attuale natura dell’argomento nel settore pubblico, lo studio empirico delle pratiche adottate nelle organizzazioni pubbliche in relazione alla gestione del rischio e all’audit interno può costituire una fonte di informazioni rilevanti per supportare il miglioramento della governance e della gestione delle risorse pubbliche, a favore del cittadino.

2. FONDAMENTI TEORICI E REVISIONE BIBLIOGRAFICA

Il rischio fa parte delle attività delle organizzazioni, poiché qualsiasi azione comporta un certo grado di rischio. Il rischio può essere definito come l ‘”effetto dell’incertezza sugli obiettivi” per la ISO 31000/2018 (p.1). Questo effetto è una deviazione da ciò che ci si aspetterebbe e può essere un effetto positivo (opportunità) o negativo (rischio). Secondo COSO (2007, p. 3), “la premessa inerente alla gestione del rischio aziendale è che ogni organizzazione esiste per generare valore per gli stakeholder”.

Il trattamento dei rischi deve guidare i rischi residui in linea con la propensione al rischio, al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi dell’entità (RIBEIRO, 2020a). È importante chiarire che la gestione del rischio, di per sé, non offre una garanzia assoluta per l’entità, soprattutto per quanto riguarda possibili perdite e collusioni. (COSO, 2007).

Secondo COSO (2007), il revisore interno ha il ruolo di valutare la gestione del rischio su base continuativa, al fine di migliorare l’efficacia del processo e le prestazioni organizzative, oltre a generare informazioni utili per l’alta direzione, a supporto del processo decisionale. decisione, a favore del raggiungimento degli obiettivi istituzionali.

Per la ISO 31000 (2018, p. 9), il processo di gestione del rischio “consiste nell’applicazione sistematica di politiche, procedure e pratiche di gestione che coinvolgono le attività di comunicazione, consultazione, definizione del contesto e valutazione, trattamento, monitoraggio, registrazione e rendicontazione dei rischi ”.

Per FERMA, gestione del rischio

è il processo attraverso il quale le organizzazioni analizzano metodicamente i rischi inerenti alle rispettive attività, con l’obiettivo di ottenere un vantaggio duraturo in ogni singola attività e nell’insieme di tutte le attività (FERMA, 2002, p. 3).

Sempre secondo COSO (2009), la gestione del rischio non dovrebbe essere limitata a un gruppo o settore specifico, ma dovrebbe essere implementata nell’organizzazione nel suo insieme e ciò implica la creazione di una cultura del rischio per tutti i dipendenti. Questa cultura del rischio dovrebbe portare allo sviluppo di valori e atteggiamenti, al fine di promuovere l’integrità e identificare tutti gli eventi che possono avere un impatto sul raggiungimento degli obiettivi organizzativi.

2.1 CONTROLLO INTERNO E SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

Secondo l’Institute of Internal Auditors (IIA, 2009, p. 8), “controllo” può essere definito come “qualsiasi azione intrapresa dalla direzione, dal consiglio di amministrazione o da altre parti per gestire i rischi e aumentare la probabilità che gli obiettivi e gli obiettivi stabiliti essere raggiunto ”. Il controllo interno, secondo l’IIA, è progettato ed eseguito in modo che la direzione pianifichi, organizzi e diriga l’esecuzione di azioni sufficienti per garantire il raggiungimento degli obiettivi e degli obiettivi.

Secondo il manuale di audit della Corte dei conti portoghese, controllo interno

presuppone l’esistenza di un piano e di sistemi coordinati di controlli rilevanti per l’audit, in conseguenza della suscettibilità di tali controlli a prevenire, individuare e correggere carenze o distorsioni materialmente rilevanti (PORTUGAL, 2016, p. 131).

Pertanto, secondo TCU (2017), nella sentenza TCU n. 1171/2017 – Plenaria, affinché vi siano buoni controlli interni è necessario che questi controlli siano ben progettati durante tutto il processo, essendo essenziale che siano in grado di assumersi il rischio a un livello accettabile, in base alla propensione al rischio dell’organizzazione.

Secondo TCU (2009),

Controllo interno, controlli interni e sistema / i di controllo interno sono sinonimi, utilizzati per riferirsi al processo composto dalle regole della struttura organizzativa e dall’insieme delle politiche e procedure adottate da un’organizzazione di sorveglianza, ispezione e verifica, che consente di prevedere , osservare, dirigere o governare eventi che possono influire sul raggiungimento dei suoi obiettivi. (TCU, 2009, p. 4).

Secondo TCU (2009), il sistema di controllo interno è responsabilità della direzione dell’entità e costituisce un processo integrato, che copre tutti i livelli, attività e compiti dell’organizzazione, utilizzato come mezzo per raggiungere gli obiettivi organizzativi e affrontare i rischi.

Per l’American Institute of Certified Public Accountants – AICPA, un efficace sistema di controllo interno, di per sé, non può dare una garanzia assoluta che l’organizzazione avrà successo, poiché tutti i sistemi hanno limitazioni intrinseche e c’è la possibilità che si verifichino malfunzionamenti, errori o errori (AICPA, 2005). Si raccomanda, quindi, che sia presente un servizio con la funzione di verifica dell’efficacia del Sistema di Controllo Interno – SCI, e tale ruolo è stato esercitato dall’Internal Audit, che si è evoluto da semplice verificatore di conformità legale e / o contabile ad una funzione di valutazione dell’efficacia della SCI sulla base dei rischi, oltre al ruolo di consulenza e consulenza (RIBEIRO, 2020b). Secondo Fülöp (2017), il lavoro degli auditor è essenziale nei processi di controllo e gestione delle organizzazioni ed è necessario introdurre la cultura della gestione del rischio per migliorare l’efficacia dei processi di lavoro (CASTANHEIRA; RODRIGUES; CRAIG, 2009). Per Lima (2014, p.10), l’audit interno “appare come una leva importante per supportare la gestione”, in quanto genera valore e offre garanzie sui controlli interni dell’entità.

Per FERMA (2002), il ruolo della funzione di “gestione del rischio” può variare da un unico responsabile a un reparto di grandi dimensioni. La funzione di internal audit sarà diversa in ciascuna organizzazione, essendo in grado di esprimere un giudizio sui rischi prioritari dei manager attraverso audit e valutazioni della gestione dei rischi, nonché fornendo consulenza sui rischi e sui controlli interni utilizzati per il loro trattamento. I revisori interni possono inoltre fornire informazioni sui rischi e sui controlli interni al consiglio di amministrazione, al comitato per il controllo interno e ad altri organi di governo. Il controllo interno, nel suo lavoro, deve garantire la propria indipendenza e obiettività.

2.2 LE TRE LINEE DEL MODELLO DI DIFESA

L’IIA (2013) ha stabilito il modello delle tre linee di difesa che dovrebbero verificarsi a tutti i livelli dell’organizzazione e coinvolgere l’audit interno, che diventa parte del sistema di controllo interno in collaborazione con l’alta direzione.

Secondo l’IIA (2013, p. 2),

Nel modello Tre linee di difesa, il controllo di gestione è la prima linea di difesa nella gestione del rischio, le varie funzioni di controllo del rischio e di supervisione della conformità stabilite dal management sono la seconda linea di difesa e la valutazione indipendente è la terza. Ciascuna di queste tre “linee” gioca un ruolo distinto all’interno della più ampia struttura di governance dell’organizzazione.

In questo senso, gli agenti pubblici responsabili dello svolgimento delle attività e dei compiti sono i primi responsabili dei rischi e dei controlli interni di prima linea, nei rispettivi settori. Oltre a questo controllo da parte dell’esecutore dell’attività, le organizzazioni possono istituire una seconda linea o strato, attraverso settori specializzati per la supervisione e il monitoraggio dei controlli interni di prima linea, sotto forma di organi o consulenti specifici per affrontare i rischi, controlli interni, integrità e compliance, costituenti istanze di vigilanza sui controlli interni di prima linea (RIBEIRO, 2020b).

Gli audit interni sono la terza linea, responsabile della valutazione dei controlli interni delle prime due linee. Per IIA (2013), gli internal auditor hanno, come una delle loro funzioni, valutare l’efficacia dei processi organizzativi, attraverso la gestione dei rischi e i controlli utilizzati per mitigarli, valutando anche l’operato degli organi di governo, quali comitati consultivi e organi, nella gestione dei rischi e nei controlli interni.

Successivamente, vedremo le disposizioni normative emerse per regolamentare la gestione del rischio nel settore pubblico in Portogallo, nonché l’esecuzione di audit interni nelle organizzazioni del settore pubblico e privato in diversi paesi, attraverso i risultati di studi empirici. L’importanza degli argomenti che verranno affrontati di seguito consiste nella comprensione dei modelli e degli standard in vigore in entrambi i paesi e di come gli standard internazionali e le rispettive normative nazionali influenzano lo svolgimento degli audit interni, secondo studi empirici.

2.3 L’AVVENTO DELLA GESTIONE DEL RISCHIO NEL SETTORE PUBBLICO DEL PORTOGALLO

Nel 2008, il Consiglio per la prevenzione della corruzione (CPC) è stato creato dalla legge n. 54/2008, essendo un’entità amministrativa indipendente che lavora con la Corte dei conti del Portogallo e il cui scopo è sviluppare, secondo i termini di legge , attività di portata nazionale per la prevenzione della corruzione e la commissione di altre relative infrazioni, ai sensi dell’art. 1 della legge n. 54/2008 (PORTUGAL, 2008).

In effetti, l’adozione di pratiche di gestione del rischio nell’ambito degli enti ed enti della pubblica amministrazione portoghese è stata regolata dalla Raccomandazione n. 1/2009, del 1 luglio, del Consiglio per la prevenzione della corruzione (CPC), che prevede che gli enti pubblici hanno l’obbligo di predisporre piani per la prevenzione del rischio di corruzione e dei relativi reati, nonché di attuare e riferire periodicamente sull’attuazione. Tali piani devono contenere le attribuzioni dell’ente, l’organigramma e l’identificazione dei responsabili, l’identificazione dei rischi di corruzione e relative infrazioni, le misure preventive dei rischi, le strategie per misurare l’efficacia, l’utilità, l’efficacia e l’eventuale correzione delle proposte le misure.

Nel 2015, il Sistema di standardizzazione contabile per le pubbliche amministrazioni (SNC-AP), approvato con decreto-legge n. 192/2015, dell’11 settembre, articolo 9, 3, prevede che il sistema di controllo interno in Portogallo deve garantire, tra le altre cose , un’adeguata gestione del rischio (PORTUGAL, 2015).

2.4 STUDI SUL RUOLO DEL CONTROLLO INTERNO NELLE ORGANIZZAZIONI

Di seguito, si evidenziano alcuni studi empirici sul ruolo svolto dall’internal auditing nelle organizzazioni. Macena, Jordão e Xavier (2017), valutano che l’implementazione dell’audit interno in un’organizzazione ospedaliera del settore privato è avvenuta a causa della necessità di controllare i costi e le spese e che, alla fine dello studio, si conclude che l’audit interno ha contribuito a aumentare l’efficienza e l’efficacia della gestione delle unità ospedaliere.

Borges; Diel e Fernandes (2015) sottolineano, in due organizzazioni sanitarie analizzate, che gli auditor interni non lavorano solo per ridurre al minimo i rischi, ma anche per un’assistenza di qualità derivante da buone pratiche, che si traduce nella soddisfazione del cliente.

Keclíková e Briš (2011), il cui studio è stato condotto attraverso un questionario applicato a quarantasette (47) dipendenti di uno dei più grandi ospedali della Repubblica Ceca, ha mostrato l’importanza dei revisori interni e il loro ruolo indispensabile nella gestione del rischio, difende l’adozione di sistemi integrati e sistemi di gestione del rischio per aumentare la sicurezza dei pazienti.

Eugeniu et al. (2011), nel condurre uno studio negli ospedali pubblici in Romania, in cui la funzione di audit interno è presente in meno di un quarto degli ospedali pubblici del campione analizzato, riferiscono che sebbene l’audit interno abbia contribuito a migliorare la gestione ospedali in Romania, infatti, tale ruolo non può essere esercitato nella sua interezza, a causa della limitazione della funzione e del ruolo di audit interno dovuto all’intervento dell’agenzia rumena per il controllo interno.

I risultati dello studio condotto con dipendenti di società quotate alla Borsa di Atene, da Drogalas et al. (2017), ha rivelato che gli intervistati comprendono che l’audit interno ha la funzione di valutare la gestione del rischio.

Studio di Castanheira; Rodrigues e Craig (2009), in organismi di audit interno in cinquantanove organizzazioni in Portogallo, rivelano che la pianificazione degli audit si basa sul rischio nell’82% di queste entità. Secondo Ribeiro (2019), in base ai risultati della ricerca sul ruolo dell’audit interno in quaranta organizzazioni del settore pubblico in Portogallo e Brasile, è stato osservato che le funzioni svolte dalla terza linea in queste organizzazioni includono la valutazione della gestione del rischio e la fornitura servizi di consulenza e consulenza.

Trisciuzzi (2009) sottolinea che l’audit interno, attraverso le sue raccomandazioni, indicando quali punti di controllo è necessario migliorare e implementare, è uno strumento di gestione per aiutare l’organizzazione a raggiungere i propri obiettivi, oltre ad essere uno strumento di supporto a supporto del senior management. Morais (2008), studiando i casi di cinquecento società portoghesi, ha sottolineato che le informazioni provenienti dall’audit interno influenzano il processo decisionale dei dirigenti e che la direzione richiede servizi di consulenza per l’audit interno.

Nell’analisi di un’organizzazione filantropica in ambito sanitario, Soares (2007) evidenzia che uno dei benefici dell’audit interno include quello di valutare l’aderenza dei controlli interni in relazione al rispetto della normativa, fondamentale per il mantenimento dei servizi filantropici. Duarte (2017), analizzando l’importanza dell’audit interno attraverso la raccolta di dati empirici in cinque ospedali pubblici, conclude che l’audit interno è una risorsa per promuovere una gestione efficiente delle risorse, contribuendo all’efficienza gestionale e al miglioramento del sistema di controllo interno .

Souza et al. (2013), basato su sei casi di studio in ospedali pubblici e filantropici brasiliani, sottolineano che l’audit interno è incentrato sugli obblighi lavorativi e fiscali della legislazione brasiliana, con poca o nessuna preoccupazione per i processi di gestione, oltre a essere trovato basso investimento nel miglioramento della SCI da parte degli ospedali analizzati. Guerini e Guerini (2019) ritengono che l’audit interno possa aiutare a razionalizzare il processo decisionale e contribuire alla gestione delle unità sanitarie.

Analizzando il contributo dell’audit interno in un ente governativo, Silva e Costa (2019) sottolineano che l’audit interno contribuisce alla governance e come aiuto al processo decisionale, oltre a fornire garanzie di gestione organizzativa e valutazione della gestione del rischio. Dobbiamo evidenziare che, secondo Brito et al. (2017) nel settore pubblico, il successo dell’audit basato sul rischio è direttamente correlato alla struttura di gestione del rischio adottata nell’organizzazione

In considerazione di quanto sopra, la gestione dei rischi e il controllo interno di tale gestione trovano applicazione sia nelle società private che nel settore pubblico, considerato che le regole ed i principi trattati sono pienamente applicabili a qualsiasi ente o ente, sia pubblico che privato. Tenendo presente che il cambiamento nei paradigmi SCI e di audit interno può verificarsi a causa dell’influenza di norme e standard internazionali, cambiamenti nella legislazione nazionale, a seguito di raccomandazioni e / o determinazioni da parte di organismi di regolamentazione, o per replicare buone pratiche di altri società del ramo o altre organizzazioni del settore pubblico, tra gli altri fattori, vedremo, in seguito, l’analisi di questi fattori di cambiamento, originati da pressioni interne ed esterne, attraverso la teoria istituzionale.

2.5 ISOMORFISMO ISTITUZIONALE

Per Drehmer; Raupp e Rosa (2017), la corrente più appropriata per l’analisi attraverso la teoria istituzionale è la Nuova sociologia istituzionale – NSI, che consente l’analisi dei fattori che promuovono i cambiamenti e l’implementazione di nuove pratiche gestionali, nonché pressioni sugli organismi di regolamentazione, disposizioni legislative, pressioni del mercato, tra gli altri fattori. Come Callado; Kovacs e Almeida (2015), la prospettiva istituzionale guida la pratica delle entità a causa di pressioni esterne e interne e queste pressioni possono portare all’adozione di pratiche simili in varie organizzazioni.

In questo senso, Borges; Diel e Fernandes (2015) affermano che l’isomorfismo mimetico si verifica quando le organizzazioni scelgono uno strumento, perché anche altre organizzazioni di successo lo hanno fatto. Secondo Moura e Souza (2016, p. 584), “c’è un’attenzione da parte delle organizzazioni per i modelli e le pratiche che si distinguono nel mercato e un tentativo di copiarli, in modo che queste organizzazioni appaiano moderne e professionali” . Nascimento, Padilha e Sano (2017) affermano che le buone pratiche nel settore pubblico sono incoraggiate dalla replica in altri luoghi. Pertanto, è chiaro che esiste una pressione istituzionale affinché le innovazioni siano diffuse nel settore pubblico mediante isomorfismi.

Secondo DiMaggio e Powell (2005), l’isomorfismo coercitivo deriva da influenze politiche e dal problema della legittimità, con Silva e Oliveira (2018) che sottolineano che l’organizzazione è costretta a strutturarsi a causa della pressione del governo o di altre organizzazioni con maggiore influenza , mentre Carvalho; Vieira e Goulart (2005) sottolineano che queste pressioni possono essere formali o informali, in particolare da parte delle organizzazioni che gestiscono le risorse finanziarie. L’isomorfismo mimetico risulta dall’imitazione di pratiche adottate da altre entità nello stesso o in altri settori come buone pratiche (VICENTE; PORTUGAL, 2014). A sua volta, l’isomorfismo normativo, associato alla professionalizzazione e alle categorie professionali, è associato alla “condivisione di regole e metodi di lavoro da parte dei membri di ciascun segmento professionale” (INGLAT; SANTOS; JÚNIOR, 2017, p. 13).

3. PROCEDURE METODOLOGICHE

La ricerca è stata condotta attraverso la revisione bibliografica e la raccolta di dati empirici, attraverso interviste registrate in audio, al fine di meglio comprendere l’argomento studiato (VERGARA, 2009). Secondo Hill e Hill (2016) un’indagine empirica è quella in cui vengono fatte osservazioni per una migliore comprensione di un fenomeno da studiare. Per Denzin e Lincoln (2006), la ricerca qualitativa si concentra sull’ambiente in cui si verifica il fenomeno, al fine di comprendere meglio i fenomeni. Per Tashakkori e Creswell (2007), non si cerca di ridurre i significati in poche categorie o idee, è essenziale che il ricercatore cerchi prospettive più complesse.

Per Gil (2008), le interviste possono essere utilizzate per indagare in profondità un argomento, nella ricerca qualitativa. Edwards e Holland (2013) notano che l’uso del registratore consente all’intervistatore di concentrarsi sull’ascolto, sull’osservazione e sul mantenimento del contatto visivo con l’intervistato, invece di dover prendere appunti durante l’intervista.

Per Mesquita e Matos (2014) il caso studio è la tipologia in cui l’oggetto è un’unità analizzata in profondità e ha come tecniche di ricerca, principalmente, l’intervista e l’osservazione. Per Gil (2008, p. 58), il caso di studio “è uno studio empirico che indaga un fenomeno attuale nel suo contesto di realtà, quando i confini tra il fenomeno e il contesto non sono chiaramente definiti e in cui diverse fonti”.

Per Belei et al. (2008), un buon intervistatore è colui che sa ascoltare l’intervistato in modo attivo, mostrando interesse, ponendo nuove domande, senza però influenzare il suo discorso. Per Mattos e Goldenberg (2004), ogni intervista è unica e può portare nuovi elementi alla ricerca, a seconda sia dell’intervistatore che della volontà dell’intervistato di rivelare i dettagli.

In relazione alla scelta degli enti censiti, in Portogallo sono stati effettuati contatti sulla base dell’elenco disponibile sul Portale del Ministero delle Finanze – Direzione Generale del Tesoro e delle Finanze sulla base del documento denominato “Portfolio of State Participations [2]”, nonché la divulgazione sul sito web dell’Istituto portoghese di audit interno – IPAI, attraverso il quale è stato possibile intervistare il revisore capo dell’agenzia sanitaria centrale portoghese.

Le interviste sono state condotte in Portogallo tra il 28/03/2019 e il 21/08/2019. È stato effettuato un (1) colloquio per ciascuna entità ospedaliera in cui gli intervistati erano disponibili a collaborare, in modo che i dettagli delle posizioni e delle funzioni degli intervistati, separati per settore di attività, siano riassunti nella seguente tabella:

Tabella 1. Persone intervistate in Portogallo

Settore attività Posizione ricoperta dagli intervistati in Portogallo Totale persone intervistate %
Salute Massimo Responsabile della Revisione Interna dell’Area Salute [3] (P1) 2 25%
Capo Revisore (P2)
Ospedali Capo Revisore [4] (P3) 6 75%
Capo Revisore (P4)
Capo Revisore (P5)
Capo Revisore (P6)
Capo Revisore (P7)
Capo Revisore (P8)
TOTALE 8 100%

 

Nota. Dati raccolti nelle interviste applicate ai manager e ai revisori interni del settore pubblico in Portogallo, nel 2018.

Le interviste sono state trascritte e inviate agli intervistati, per rafforzare l’accuratezza dei dati dell’intervista e per evitare possibili errori o interpretazioni errate, offrendo anche la possibilità di ottenere informazioni aggiuntive (GUERREIRO; RODRIGUES; CRAIG, 2015).

Per Bardin (1977), l’analisi dei dati raccolti in modo empirico consiste nella lettura di tutto il materiale, seguita dalla selezione di parole e insiemi di parole che hanno significato per la ricerca, nonché dalla classificazione in categorie o temi che sono legati al criterio sintattico o semantico.

Nell’approccio qualitativo, il ricercatore può adottare diversi metodi per garantire una comprensione approfondita del fenomeno in esame (CHUEKE; LIMA, 2012). Secondo Bardin (1977), l’analisi del contenuto di interviste o testi consiste essenzialmente in: pre-analisi; esplorazione del materiale; e trattamento dei risultati, inferenza e interpretazione.

La pre-analisi consiste nella scelta dei documenti da analizzare (Bardin, 1977). Secondo Bardin (1977), l’esplorazione del materiale si occupa di codifica, decodificazione ed enumerazione. Duarte (2004) difende l’edizione delle trascrizioni, correggendo errori e vizi linguistici. Azevedo et al. (2017) sostengono che le trascrizioni possono essere fatte letteralmente o in base al contenuto delle informazioni.

In considerazione delle interviste trascritte, è stata effettuata un’analisi del contenuto, definita da André (1983), consistente nel ridurre un grande volume di materiale in varie categorie di contenuto. Dopo le trascrizioni, sono avvenute le analisi delle interviste, basate sulla teoria istituzionale, che ha permesso di evidenziare l’influenza di fattori di natura coercitiva, normativa o mimetica (DANIEL; PEREIRA; MACADAR, 2014).

4. ANALISI DEI RISULTATI

Attraverso la revisione bibliografica, lo studio della legislazione e dei dati empirici, è stato possibile comprendere le pratiche di audit interno negli enti del settore pubblico in Portogallo in ambito sanitario. In questo modo è stato possibile comprendere le componenti della gestione del rischio nelle organizzazioni pubbliche analizzate e lo svolgimento dell’audit interno.

Sulla base degli standard COSO, FERMA, IPPF e ISO, in studi empirici, in conformità con la teoria istituzionale e al fine di comprendere il ruolo dell’auditing nella gestione del rischio nel settore pubblico in Portogallo, le interviste sono state strutturate sui seguenti argomenti:

1) L’implementazione della revisione interna e della gestione dei rischi;

2) Ruolo del rischio e gestione delle sfide;

3) Ruolo dell’audit interno nella gestione dei rischi e delle sfide.

Attraverso la raccolta dei dati delle interviste condotte nel 2018 in Portogallo, è stato notato che gli intervistati sono in linea con le linee guida contenute negli standard internazionali per la pratica dell’audit interno e della gestione del rischio, in particolare gli standard ISO, COSO e IPPF. A questo proposito, possiamo classificare le risposte dei partecipanti dal Portogallo in base ai seguenti argomenti.

4.1 L’ATTUAZIONE DEL CONTROLLO INTERNO E LA GESTIONE DEI RISCHI

Per quanto riguarda l’implementazione della gestione del rischio, si è osservato che, nell’organo amministrativo centrale sanitario e negli ospedali analizzati, sono presenti audit interni e organi di prima e seconda linea in ciascuna delle organizzazioni, secondo quanto riferito dagli intervistati.

A questo proposito, Mendes e Rodrigues (2007) chiariscono che, nel dicembre 2002, trentaquattro (34) ospedali del Servizio Sanitario Nazionale – SNS sono stati trasformati in trentuno (31) ospedali S.A. appartenenti allo Stato portoghese. Poi, il 7 settembre 2005, il Consiglio dei Ministri ha trasformato tutti gli ospedali S.A. in Enti di affari pubblici – EPE, una nomenclatura che rimane ancora oggi.

Secondo gli intervistati in Portogallo, è stato riscontrato che l’isomorfismo coercitivo si è verificato in relazione alla Raccomandazione CPC n. 01/2009, che obbliga le entità a preparare piani di gestione del rischio di corruzione.

Nell’ente sanitario dell’amministrazione diretta del Portogallo, P1 e P2 hanno evidenziato l’attuazione della gestione del rischio e dell’audit in queste entità con audit interni e, secondo Trisciuzzi (2009, p. 153),

Le organizzazioni che non dispongono di una funzione di audit interno si stanno privando dei preziosi vantaggi offerti dagli audit interni. Inoltre, corrono il rischio di fare affidamento sul management, che potrebbe non essere nella posizione / situazione migliore per offrire pareri e pareri affidabili, indipendenti e obiettivi sui controlli interni.

Studi empirici e interviste indicano che la presenza o l’assenza di un settore responsabile della funzione di audit interno all’interno dell’organizzazione sembra essere correlata al successo o al fallimento della gestione del rischio. Questo risultato è in accordo con Silva e Costa (2019), che hanno osservato il contributo dell’audit interno in un ente governativo.

Per quanto riguarda l’attuazione della gestione del rischio.

4.2 RUOLO E SFIDE RUOLO DI GESTIONE

Per quanto riguarda il ruolo della gestione del rischio, si è osservato che gli intervistati hanno risposte omogenee e sono in linea con le regole IPPF in merito ai ruoli che devono essere svolti nelle tre linee dei sistemi di controllo interno dei rispettivi organi ed enti. P8 ricorda che gli amministratori dei servizi / settori sono responsabili della prima linea, secondo le regole dell’AII.

Praticamente tutti gli intervistati hanno affermato che la gestione del rischio mira a garantire il raggiungimento degli obiettivi dell’organizzazione, in conformità con gli standard ISO, FERMA, IIA e COSO-ERM. I risultati di queste interviste sono in accordo con Brito et al. (2017), perché la struttura di gestione del rischio è direttamente correlata al successo dell’audit interno basato sui rischi. Per Mustapha e Abidin (2017), la gestione del rischio può contribuire al lavoro dell’audit.

Il processo di valutazione della gestione del rischio è stato descritto da P1, come segue:

Seguendo le pratiche internazionali, analizziamo i nostri livelli di rischio accettabili, analizziamo il sistema di controllo interno in una qualsiasi delle aree e facciamo la nostra pianificazione e sviluppo nei lavori. Redigiamo il nostro rapporto, lo sottoponiamo per un’approvazione superiore e quindi monitoriamo il processo di implementazione delle raccomandazioni.

L’intervistato P3, sostiene che il ruolo della gestione del rischio “è quello di garantire la gestione del sistema di controllo interno, in un’ottica di sopravvivenza a lungo termine dell’azienda”. Per quanto riguarda il ruolo del revisore interno nel controllo interno dell’organizzazione, P3 ha elencato le seguenti competenze: “il revisore interno è competente nella valutazione dei processi di controllo interno, nella gestione dei rischi a livello contabile, finanziario, operativo e informatico e delle risorse umane. In altre parole, solo qui abbiamo già molto su cui lavorare ”.

4.3 RUOLO DELL’AUDIT NELLA GESTIONE DEI RISCHI E DELLE SFIDE

Per quanto riguarda il ruolo della revisione interna nel contesto della gestione del rischio, secondo i partecipanti e in accordo con l’IPPF, questo ruolo consiste nella valutazione del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi delle rispettive entità, e del processo di gestione dei rischi in sé. non appartengono alla revisione interna, ma alla prima e alla seconda linea di difesa, come evidenziato da Drogalas et al. (2017). Lima (2014) evidenzia che, a giudizio dei manager, l’audit interno contribuisce al miglioramento dei controlli interni, dei rischi aziendali, essendo importante sia per sovvenzionare le scelte gestionali sia per garantire una maggiore efficienza della SCI, una comprensione seguita da Morais (2008). P3 commenta l’ampiezza del ruolo dell’audit interno e dell’auditor interno all’interno dei servizi (settori) di un’organizzazione ospedaliera:

Il nostro servizio di audit interno è così trasversale, corriamo per tanti servizi, facciamo cose così diverse, che credo … non credo, sono sicuro che nessuno conosce l’organizzazione così come il revisore interno. Quindi, se abbiamo accesso a tutto questo, siamo noi che siamo molto più facilmente in grado di riconoscere e comprendere i rischi a cui sono soggetti questi servizi all’interno dell’organizzazione stessa.

Pertanto, ci si è resi conto che i revisori interni e i manager comprendono l’ampiezza del ruolo della revisione interna nella valutazione della gestione dei vari settori di un’organizzazione. In questo senso, Alexandre (2016, p. 55), ha osservato che negli ospedali portoghesi, la funzione di audit interno contribuisce alla “Gestione del rischio, al rafforzamento della SCI, alla lotta alle frodi, alla creazione di valore e al supporto alla gestione [. . .] raggiungimento degli obiettivi previsti per la funzione ”.

Una delle difficoltà segnalate dai partecipanti, segnatamente da P1, P3 e P5, si riferisce al numero di revisori interni nei servizi di audit e nella maggior parte delle organizzazioni analizzate, l’audit interno è stato condotto da un solo (1) professionista nel periodo delle interviste. A tal proposito P5 segnala, in relazione al numero di unità e servizi da esaminare, che:

È troppo. E questo non è solo questo edificio, ha l’ospedale lì, il centro sanitario, tutti i centri sanitari del distretto, oltre all’ospedale centrale. Quindi questo è grande, è molto disperso e non è sempre facile.

Negli ospedali, i revisori interni hanno tenuto discorsi in linea con gli standard IPPF, ISO 31000 e COSO sull’audit interno, la funzione dei revisori interni, il sistema di controllo interno, la gestione del rischio e, oltre a dimostrare una posizione proattiva, hanno riferito di essere migliorare professionalmente attraverso la formazione e lo scambio di idee tra pari (isomorfismo normativo). Per Castanheira et al. (2009, p. 95), ciò può essere correlato al fatto che, ad esempio, un ospedale, che è un organo più piccolo di un ministero della salute, ha meno risorse di uno più grande, il che può far sì che il revisore interno sia più in esigere di contribuire all’attuazione della gestione del rischio. Infine, nelle relazioni degli intervistati, è stato riscontrato un equilibrio tra il ruolo consultivo e valutativo del sistema di controllo interno e la gestione dei rischi. Per quanto riguarda la guida dei responsabili della sua organizzazione, P6 ha osservato che, molte volte, i professionisti sanno già quali sono i rischi ei controlli da adottare, ma non dominano il vocabolario più recente dell’IIA. Pertanto, il revisore interno è responsabile della guida dei ruoli delle linee di difesa in relazione alla gestione del rischio in un’organizzazione ospedaliera.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Secondo le informazioni raccolte nella revisione bibliografica e raccolta dati empirici, si è osservato che la revisione interna esercita il ruolo di valutazione del sistema di controllo interno e di consulenza / consulenza negli enti analizzati, secondo il modello delle tre linee di difesa del IIA (2013) e con i ruoli che devono essere esercitati dall’audit interno nell’ambito della gestione del rischio (IIA, 2009). In relazione agli organi di amministrazione diretta, la gestione del rischio e l’audit interno sono implementati nell’organismo sanitario centrale del governo portoghese, come riportato dai partecipanti P1 e P2.

Per quanto riguarda la teoria istituzionale, in tutte le interviste è stato osservato l’istituzionalismo coercitivo, sia in relazione alla Raccomandazione CPC 01/09, sia l’isomorfismo normativo derivante dallo scambio di esperienze tra gli stessi revisori interni.

In tutti gli Enti indagati, sia nell’amministrazione diretta dell’Area Sanitaria che negli Ospedali, è stata osservata la presenza di almeno un revisore interno all’interno delle proprie strutture, con implementazione del risk management.

Come notato, la presenza di un revisore interno all’interno della struttura dell’organizzazione sembra essere correlata a un maggior grado di implementazione della gestione del rischio. Ciò può essere correlato al fatto che un revisore interno all’interno della struttura dell’entità ha maggiori possibilità di iterazione con i manager, rendendo la gestione del rischio più facilmente assimilabile, cosa che non sembra verificarsi in entità che hanno contatti meno intensi con la revisione interna del governo. Pertanto, a causa delle maggiori opportunità di comunicazione con dirigenti e amministratori, è più probabile che il revisore interno modifichi la cultura dell’impresa per gestire i propri rischi.

In considerazione di ciò, il cambiamento culturale fortemente auspicato dai revisori interni che lavorano all’interno dello spazio aziendale può svolgere un ruolo significativo nell’attuazione della gestione del rischio, il che può significare che la promozione di una cultura del rischio negli enti del settore pubblico può essere correlata a un’efficace strutturazione dei sistemi di controllo interno e di audit interno nelle agenzie, sulla base del modello delle tre linee di difesa. Va notato che, nel settore pubblico, questa strutturazione non può essere fatta su iniziativa del dirigente senza una disposizione di legge, in quanto i dirigenti pubblici devono fare solo ciò che la legge autorizza, al fine di obbedire ai principi della pubblica amministrazione, in particolare per il principio di legalità.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

ABNT NBR ISO 31000. Gestão de riscos – diretrizes – risk management – guidelines. 2. ed. Rio de Janeiro: Associação Brasileira de Normas Técnicas, 2018.

ALEXANDRE, V. M. A função de Auditoria Interna no Serviço Nacional de Saúde Dissertação de Mestrado. Departamento de ciências econômicas e empresariais. 2017.  Universidade Autônoma de Lisboa – UAL, Lisboa, Portugal, 2016.

AMERICAN INSTITUTE OF CERTIFIED PUBLIC ACCOUNTANTS. Private Company Financial Reporting Task Force Report. New York: American Institute of Certified Public Accountants. 2005. Disponível em: https://www.fasb.org/fasac/03-22-05_aicpa.pdf. Acesso em: 10 dez. 2019.

ANDRÉ, M. E. D. A. Texto, contexto e significados: algumas questões na análise de dados qualitativos. Cadernos de Pesquisa. 45, p. 66-71, maio de 1983.

AZEVEDO, V. et al. Transcrever entrevistas: questões conceptuais, orientações. Disponível em: doi: org/10.12707/RIV17018. Acesso em: 10 dez. 2019.

BARDIN, L.  Análise de Conteúdo. 70. ed. Lisboa: revista e ampliada, 1977.

BELEI, R. A. et al. O uso de entrevista, observação e videogravação em pesquisa qualitativa. Cadernos de Educação – FaE/PPGE/UFPel, 30, p. 187–199, jan./jun. de 2008.

BORGES, G. R.; DIEL, F. J.; FERNANDES, F. C. A Contribuição da Auditoria Interna de Riscos para o Planejamento de Organizações na Área de Saúde. Disponível em: doi: 10.5585/rgss.v4i2.134. Acesso em: 11 dez. 2019.

BRITO, G. C. et al. Benefícios e desafios na implantação da auditoria baseada em risco em instituições federais de ensino. Revista GUAL, Florianópolis, v. 10, n. 4, p. 109-133, 2017 .Doi: 10.5007/1983-4535.2017v10n4p109. Disponível em: https://periodicos.ufsc.br/index.php/gual/article/view/1983-4535.2017v10n4p109/35453. Acesso em: 11 dez. 2019.

BRIS, P.; KECLÍKOVÁ, K. Risk management and internal audit in integrated process management of hospitals. Disponível em: http://www.ekonomie-management.cz/download/1346067034_21ca/2011_04_keclikova_bris.pdf.  Acesso em: 03 jan. 2020.

CALLADO, A. A. C. et al. Práticas de gestão estratégica e isomorfismo: uma investigação empírica entre empresas do porto digital a partir da teoria institucional. Revista Eletrônica Sistemas e Gestão,Rio de Janeiro, v.10, n. 3, p. 246-355, 2015. Doi: 10.7177/sg.2015.v10.n3.a1. Disponível em: http://www.revistasg.uff.br/index.php/sg/article/view/V10N3A1. Acesso em: 12 dez. 2019.

CARVALHO, C.A.; VIEIRA, M.M.F.; GOULART, S.  A trajetória conservadora da teoria institucional. Revista de Administração Pública, Rio de Janeiro, v. 39, n. 4, p. 849-872, jul./ago. 2005. Disponível em: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=241021497002. Acesso em: 06 jan. 2020.

CASTANHEIRA N.; RODRIGUES, L. L.; CRAIG, R. Factors associated with the adoption of risk-basedinternal auditing. Managerial Auditing Journal. v.25, p. 79-98, jan. 2010. Disponível em: doi: 10.1108/02686901011007315. Acesso em: 13 dez. 2019.

CHUEKE, G. V.; LIMA, M. C. Pesquisa qualitativa: evolução e critérios. Revista Espaço Acadêmico, n. 128, p. 63–69, jan. 2012. Disponível em: https://www.researchgate.net/profile/Gabriel_Chueke/publication/279664207_Pesquisa_Qualitativa_Evolucao_e_Criterios/links/55c1758908ae092e96684604.pdf. Acesso em : 05 jan. 2020.

COSO – Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission. Gerenciamento de riscos corporativos – estrutura integrada: sumário executivo. Disponível em:  http:www.coso.org/documents/COSO_ERM_ExecutiveSummnary_Portuguese.pdf. Acesso em: 12 dez. 2019.

COSO – Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission. Enterprise risk management. Aligning risk with strategy and performance. Disponível em: https://www.coso.org/Documents/COSO-ERM-draft-PostExposure-Version.pdf. Acesso em: 03  jan. 2018.

DANIEL, V. M., PEREIRA, G. V. & MACADAR, M. A. Perspectiva institucional dos sistemas de informação em saúde em dois estados brasileiros. Revista de Administração Contemporânea, v.18, n. 5, p. 650–669, 2014. Disponível em: http://www.scielo.br/scielo.php?pid=S1415-65552014000500650&script=sci_abstract&tlng=pt. Acesso em: 05 jan. 2020.

DENZIN, N. K. e LINCOLN, Y. S. Introdução: a disciplina e a prática da pesquisa qualitativa. 2. ed. Porto Alegre: Artmed, 2006.

DIMAGGIO, P. J.; POWELL, W. W. A gaiola de ferro revisitada: isomorfismo institucional e racionalidade coletiva nos campos organizacionais. Revista de Administração de Empresas, v. 45, n. 2, abr./jun. 2005. Disponível em: http://bibliotecadigital.fgv.br/ojs/index.php/rae/article/viewFile/37123/35894. Acesso em: 06 jan. 2020.

DREHMER, A. F.; RAUPP, F. M.; ROSA, F. S. Teoria Institucional no Setor Público: Mapeamento e Análise de Conteúdo das Publicações. Revista UNIABEU, Rio de Janeiro, n.26, v. 10, p. 127–142, ago. 2017.

DROGALAS, G.et al. Perceptions about effective risk management. The crucial role of internal audit and management. Disponível em: doi:10.21511/imfi.14(4).2017.01. Acesso em: 03 jan. 2020.

DUARTE, M. da S. A Importância da Auditoria Interna para uma Gestão Eficiente e Eficaz em Instituições Hospitalares do Setor Público. 2017. f.108. Dissertação de Mestrado em Auditoria. Porto – Instituto Superior De Contabilidade E Administração Do Porto, 2017. Disponível em: https://recipp.ipp.pt/bitstream/10400.22/10957/1/Mariana_Duarte_MA_2017.pdf. Acesso em: 03 jan. 2020.

DUARTE, R. Entrevistas em pesquisas qualitativas. Educar, Curitiba, n. 24, p. 213-225, out. 2004. Disponível em: http://www.scielo.br/pdf/er/n24/n24a11.pdf. Acesso em: 03 jan. 2020.

EDWARDS, R.; HOLLAND, J.  What is qualitative interviewing?. Ed. 1. London:  Bloomsbury Academic, 2013.

FERMA – Federation of European Risk Management Associations. Norma de gestão de riscos. Bruxelas, 2003. Disponível em: https://www.ferma.eu/app/uploads/2011/11/a-risk-management-standard-portuguese-version.pdf. Acesso em: 17 dez.  2019.

FULOP, M. T.; SZEKELY, S. V. The evolution of the internal auditing function in the context of corporate transparency. Audit Financiar, v. 15, n. 147, p. 440-450, jan. 2017. Disponível em: http://revista.cafr.ro/temp/Article_9545.pdf. Acesso em: 05 jan. 2020.

GIL, A. C. Métodos e técnicas de pesquisa social. 6. ed. São Paulo: Atlas, 2008.

GUERINI, I. C.; GUERINI, E. Racionalização das ações de controle interno e auditoria como processo de controle na gestão da saúde em unidades hospitalares no contexto brasileiro. Revista Brasileira de Tecnologias Sociais v. 6, n. 1, p. 56-69, jan. de 2019. Disponível em: https://siaiap32.univali.br/seer/index.php/rbts/article/view/14415/8181. Acesso em: 03 jan. 2020.

GUERREIRO, M. S.;RODRIGUES, L. L.; CRAIG, R. Institutional Change of Accounting Systems: The Adoption of a Regime of Adapted International Financial Reporting Standards. European Accounting Review, v. 24, n. 2, p.379–409, 2015. Disponível em: https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/09638180.2014.887477. Acesso em: 03 jan. 2020.

HILL, M.; HILL, A. Investigação por questionário. Lisboa: Sílabo, 2008.

INGLAT, L. P. da S.; SANTOS, E. T. P. dos; JUNIOR, C. da S. P. Isomorfismo normativo: influência das instituições na construção do perfil do administrador. Revista Foco, São Paulo, v.10, n. 2, jan./jul. 2017. Disponível em: http://revistafocoadm.org/index.php/foco/article/view/361. Acesso em: 06 jan. 2020.

INSTITUTO DE AUDITORES INTERNOS.  IIA position paper: the role of internal auditing in enterprise-wide risk management. Disponível em: https://na.theiia.org/standards-guidance/Public%20Documents/PP%20The%20Role%20of%20Internal%20Auditing%20in%20Enterprise%20Risk%20Management.pdf. Acesso em: 13 dez. 2017.

INSTITUTO DE AUDITORES INTERNOS. As três linhas de defesa no gerenciamento eficaz de riscos e controles. Disponível em: http://www.iabrasil.org.br/new/2013/downs/As_tres_linhas_de_defesa_Declaracao _de_Posicionamento2.pdf. Acesso em: 13 dez. 2017.

JÚNIOR, A. J. S. de O.; GOMES, A. R.; MACHADO, G. de V. Metodologia de auditoria com foco em processo e risco. Revista do TCU, n. 132, p. 28-37, 2015. Disponível em:  https://revista.tcu.gov.br/ojs/index.php/RTCU/article/view/249. Acesso em: 02 jan.  2020.

LIMA, P. N. D. O impacto da auditoria interna no desempenho organizacional: A relevância de auditoria de recursos humanos. Dissertação de Mestrado – Instituto politécnico do Porto, Porto, Portugal, 2014.

LURLEA, E. et al. Empirical research on the internal audit into public hospitals from Romania. Academy of Economic Studies, Bucharest. Disponível em: http://www.academicjournals.org/app/webroot/article/article1380625689_Turlea%20et%20al.pdf. Acesso em: 20 dez. 2019.

MACENA, J. L. et al. Auditoria interna: uma análise da implantação em uma instituição privada de serviço de saúde (Hospital). RPA – Revista Pesquisa em Administração UFPE (Caruaru, PE) v.1 n. p.69-84, jul./dez 2017. Disponível em: https://periodicos.ufpe.br/revistas/rpa/article/download/231698/25850. Acesso em: 19 dez. 2019.

MATTOS, P. L. C. L. D.; GOLDENBERG, M. A entrevista não-estruturada como forma de conversação: razões e sugestões para sua análise. Revista de Administração Pública, v.39, n.4,  p. 823-857, jul./ago. 2005.

MESQUITA, R. F. D.; MATOS, F. R. N. Pesquisa qualitativa e estudos organizacionais: história, abordagens e perspectivas futuras. In: IV Colóquio Internacional de Epistemologia e Sociologia da Ciência da Administração, IV, 2014, Florianópolis Disponível em: https://www.researchgate.net/profile/Rafael_Mesquita2/publication/278727035_Pesquisa_Qualitativa_e_Estudos_Organizacionais_historia_abordagens_e_perspectivas_futuras/links/5584563a08ae71f6ba8c4598/Pesquisa-Qualitativa-e-Estudos-Organizacionais-historia-abordagens-e-perspectivas-futuras.pdf. Acesso em: 03 jan. 2020.

MORAIS, M. G. da C. T. A importância da auditoria interna para a gestão: caso das Empresas portuguesas. Portugal. 2008. Disponível em: https://docplayer.com.br/684140-A-importancia-da-auditoriainterna-para-a-gestao-caso-das-empresas-portuguesas.html. Acesso em: 03 jan. 2020.

MOURA, A. L. N.; SOUZA, B. C. Gestão estratégica de pessoas na administração indireta do setor público federal: na prática, ainda um discurso. Revista do Serviço Público, v. 67, n. 4, p. 575–602, 2016.  Disponível em: http://www.spell.org.br/documentos/ver/44137/gestao-estrategica-de-pessoas-na-administracao-indireta-do-setor-publico-federal–na-pratica—ainda-um-discurso. Acesso em: 03 jan. 2020.

MUSTAPHA, W. M.; ABIDIN,. N. H. Z. Práticas de auditoria interna e gerenciamento de riscos entre universidades públicas na Malásia. Journal  of  Research  and  Practice  in  Public  Sector  Accounting  and Management, v.7, n. 1, p. 1-14. 2017. Disponível em: https://www.researchgate.net/publication/326989324_Internal_Audit_and_Risk_M anagement_Practices_among_Public_Universities_in_Malaysia. Acesso em: 03 jan. 2020.

NASCIMENTO, A. B. F. M.; PADILHA, Y. L.; SANO, H. Contribuições da Teoria Institucional para Análise de Disseminação de Inovação na Gestão Pública. In. IV Encontro Brasileiro de Administração Pública, 4, João Pessoa. A construção da administração pública do século, 2017. XXI. Disponível em: http://www.ufpb.br/ebap/contents/documentos/0917-933-contribuicoes-da-teoria-institucional-para-analise-de-disseminacao-de-inovacao.pdf. Acesso em: 03 jan. 2020.

PORTUGAL. Decreto n° 192/2015. Aprova o Sistema de Normalização Contabilística para as Administrações Públicas. Diário da República Eletrônico, Portugal, n. 178, 11 set. 2015.  Disponível em: https://dre.pt/home/-/dre/70262478/details/maximized. Acesso em: 05 jan. 2020.

PORTUGAL. Lei n° 54/2008, de 4 de Setembro de 2008.  Cria o Conselho de Prevenção da Corrupção (CPC). Diário da República, Lisboa, 1.ª série, n.º 171, 4 de Setembro de 2008.  Disponível em: https://dre.pt/pesquisa/-/search/453985/details/maximized. Acesso em: 03 jan. 2020.

PORTUGAL. Recomendação nº 1/2009, de 1º de julho, do Conselho de Prevenção da Corrupção (CPC). Sobre planos de gestão de riscos de corrupção e infracções conexas, disponível em: http://www.cpc.tcontas.pt/documentos/recomendacoes/recomendacao_cpc_20090701.pdf. Acesso em: 03 jan. 2020.

RIBEIRO, Renor Antonio Antunes. O papel da auditoria interna na gestão de riscos em entidades do setor público de Portugal e do Brasil. 2019. Dissertação de Mestrado.

RIBEIRO, Renor. Gestão de Riscos no Setor Público: normas e padrões internacionais, análise das legislações nacionais de Portugal e do Brasil e aplicação na base normativa do setor público. 1ª ed. Brasília: Athenas Editora, 2020.

RIBEIRO, Renor. Gestão de Riscos em Organizações Públicas: normas e padrões internacionais utilizados para a gestão de riscos, etapas do processo e análise da base normativa de Portugal e do Brasil. 1ª ed. Lisboa: Edições Exlibris, 2020.

SILVA, A. A.; COSTA, A. J. B. A contribuição da auditoria interna para a governança: estudo de caso em uma organização social vinculada ao governo federal. Cuadernos de Contabilidad. v. 20, n. 49, 2019. Disponível em: doi: https://doi.org/10.11144/Javeriana.cc20-49.caig. Acesso em: 02 jan. 2020.

SILVA, M. do R. da.; OLIVEIRA, R. R. Institucionalização das atividades de auditoria interna: um estudo no Instituto Federal de Alagoas, à luz da teoria institucional. Congresso de Administração, Sociedade e Inovação, 2018 Disponível em: <https://even3.blob.core.windows.net/anais/119053.pdf. Acesso em: 30 dez. 2019.

SOARES, M. A. Auditoria interna aplicada em uma instituição filantrópica hospitalar.  ConTexto, Porto Alegre, v. 7, n. 11, 1º semestre 2007. Disponível em: https://seer.ufrgs.br/ConTexto/article/download/11235/6638. Acesso em: 19 dez. 2019

SOUZA, Antônio Artur de. et al. Análise do sistema de controle interno e da auditoria interna em hospitais públicos e filantrópicos Tourism & Management Studies, Universidade do Algarve Faro, Portugal. v. 3, p. 896-906, 2013 Disponível em: https://www.redalyc.org/pdf/3887/388743876016.pdf   Acesso em: 19 dez. 2019.

TASHAKKORI, A.; CRESWELL, J. W.  Editorial: exploring the nature of research questions in mixed methods research. Journal of Mixed Methods Research. v.1, n. 3, p. 207–211. jul. 2007. Disponível em:  https://doi.org/10.1177/1558689807302814. Acesso em: 3 jan. 2020.

TRIBUNAL DE CONTAS DA UNIÃO. Critérios Gerais de Controle Interno na Administração Pública: um estudo dos modelos e das normas disciplinadoras em diversos países. Brasília. 10 ago. 2009. Disponível em: https://portal.tcu.gov.br/lumis/portal/file/fileDownload.jsp?fileId=8A8182A15A4C80AD015A4D5CA9965C37. Acesso em: 3 jan. 2020.

TRIBUNAL DE CONTAS. Manuais de tribunais de contas. Lisboa. Disponível em: https://www.tcontas.pt/pt-pt/NormasOrientacoes/ManuaisTC/Pages/Manuais-do-Tribunal-de-Contas.aspx. Acesso em: 27 out. 2019.

TRISCIUZZI, C. R. F. A Auditoria Interna como ferramenta de melhoria dos controles internos de uma organização: Estudo de caso em uma empresa do segmento industrial do Rio de Janeiro. 198 f. (Dissertação de Mestrado). Universidade do Estado do Rio de Janeiro, Rio de Janeiro, 2009. Disponível em: http://www.bdtd.uerj.br/tde_busca/arquivo.php?codArquivo=9425. Acesso em: 3 jan. 2020.

VERGARA; C., S.; Projetos e relatórios de pesquisa em administração. 10. ed. Atlas, 2009.

VICENTE, S. C. da S.; PORTUGAL, M. Isomorfismo coercitivo: as implicações das pressões institucionais no processo de aquisições de empresas brasileiras. III – SINGEP: Simpósio Internacional de Gestão de Projetos, São Paulo, nov. 2014. Disponível em: http://repositorio.uninove.br/xmlui/bitstream/handle/123456789/1107/494.pdf?sequence=1. Acesso em: 3 jan. 2020.

APPENDICE – RIFERIMENTI A PIEDI

2. Disponibile su: http://www.dgtf.pt/sector-empresarial-do-estado-see/carteira-de-participacoes-do-estado. Estratto il 27/10/2019.

3. Sono stati intervistati gli occupanti delle più alte cariche negli organi di controllo interno del sistema sanitario.

4. I sindaci occupano la carica rappresentativa della massima posizione gestionale o monocratica del controllo interno negli ospedali pubblici.

[1] Master in Pubblica Amministrazione presso l’Università del Minho – UMINHO (Portogallo), MBA in gestione strategica nella pubblica amministrazione, Specialista in Pubblica Amministrazione presso UMINHO, Specialista in pianificazione educativa, Laureato in Ingegneria Meccanica presso UFC, Laurea in Fisica presso UECE, Laurea in Education Musical di UnB.

Inserito: Novembre 2020.

Approvato: Dicembre 2020.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 81870
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?