Modulo di follow-up per pazienti adulti con leucemia che utilizzano imatinib

0
71
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO DI REVISIONE

SBRUZZI, Felipe Augusto [1], SILVA, Kelly Cristina da [2], TELLES, Sérgio Mazero [3], LIMA, Sirlene de Sousa [4], SANTANA, Claudinei Alves [5]

SBRUZZI, Felipe Augusto. Et. Modulo di follow-up per pazienti adulti con leucemia che utilizzano imatinib. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 02, pp. 92-112. nell’ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/saude/uso-de-imatinibe

Introduzione: La Leucemia Mieloide Cronica è un tipo di neoplasia del sangue maligna che è caratterizzata principalmente dalla presenza del cromosoma Philadelphia che origina l’oncoproteina BCR-ABL. Ha aumentato l’attività della tirosin-chinasi, provocando così cambiamenti nelle vie di segnalazione intracellulare e promuovendo la proliferazione incontrollata, la disfunzione cellulare e l’assenza di apoptosi. Nonostante la bassa incidenza della malattia, 1,5 casi ogni 100.000 abitanti, la terapia con Imatinib, un potente inibitore di BCR-ABL, ha cambiato la prognosi della malattia e allungato l’aspettativa di vita dei pazienti, trasformando una malattia fatale in una condizione cronica. Obiettivo: sviluppare un modulo per il monitoraggio regolare di questi pazienti da parte del farmacista clinico per garantire una farmacoterapia sicura ed efficace. Metodologia: la revisione della letteratura di tipo narrativo è stata avviata dalla domanda problematica: “Quali dati dovrebbero essere raccolti dal farmacista clinico durante l’assistenza farmaceutica per valutare e migliorare l’aderenza in pazienti adulti con leucemia mieloide cronica che utilizzano Imatinib?” , seguito dalla ricerca di articoli nei database di PubMed e nei siti web del governo. Successivamente si è proceduto alla selezione del lavoro e all’analisi critica per costruire un modello di modulo da applicare nell’atto della dispensazione. Risultato e discussione. Sono stati selezionati undici articoli. La scarsa aderenza del paziente al trattamento della leucemia mieloide cronica può comportare un potenziale pericolo di vita. Pertanto, il modulo di follow-up che deve essere applicato dal farmacista clinico durante la dispensazione di imatinib mesilato è una strategia praticabile ea basso costo per migliorare l’aderenza alla farmacoterapia e promuovere una migliore risposta al trattamento. Conclusione: la documentazione sistematica e standardizzata dell’aderenza e degli effetti avversi da parte del farmacista clinico consente l’implementazione di azioni da parte del team multidisciplinare di miglioramenti continui al fine di massimizzare la qualità delle cure fornite ai pazienti nonché la qualità della vita.

Parole chiave: Leucemia, follow-up farmacoterapeutico, Imatinib.

INTRODUZIONE

Il cancro è il nome dato a una serie di più di cento patologie, che ha come caratteristiche comuni l’iniziazione dei danni in specifici geni del DNA e la crescita autonoma e disordinata delle cellule che acquisiscono la capacità di invadere organi e tessuti adiacenti con conseguente disturbi funzionali (THAVAMANI et al., 2014).

Questa proliferazione cellulare anormale è conosciuta come neoplasia e in pratica è chiamata tumore, e può essere classificata come maligna o benigna (INSTITUTO NACIONAL DO CÂNCER, 2019).

Un gruppo speciale di neoplasmi maligni sono leucemie, che sono caratterizzate da proliferazione anormale di cellule del midollo osseo precursori del lignaggio bianco (JULIUSSON e HOUGH, 2016; LIU et al., 2019).  Le leucemie possono essere classificate in base al tipo di cellule colpite, linfocitiche o mieloidi, e per quanto riguarda la caratteristica, acuta o cronica (SACHDEVA et al., 2019).

La leucemia mieloide cronica (LMC) è un tipo di disturbo del sangue caratterizzato da un aumento del numero di leucociti con deviazione sinistra, la splenomegaly e la presenza del cromosoma di Filadelfia (Ph), che deriva dalla traslocazione reciproca tra cromosomi (9;22) (q34;q11), dando origine alla proteina bcr-abl, con una maggiore attività di chinasi della tirosina (FLIS e CHOJNACKI, 2019).

La proteina BCR-ABL è presente in oltre il 90% dei pazienti con LMC, e la sua iperattività stimola il rilascio di effetti di proliferazione cellulare e inibitori dell’apoptosi, e la sua attività è responsabile del processo di formazione del cancro in LMC (DI FELICE et al., 2018).

La scoperta di questa alterazione molecolare, oltre ad ottimizzare la diagnosi di LMC, ha fornito anche lo sviluppo di terapie mirate a questa alterazione molecolare, e metodi di monitoraggio della malattia residua minima, fornendo un miglioramento nel trattamento (BORTOLHEIRO E CHIATTONE, 2008).

La LMC presenta 3 fasi cliniche distinte che sorgono nel corso della malattia, classificate come fase cronica, fase di trasformazione e fase finale o di scoppio (HEFNER et al., 2016).

Tradizionalmente, il trattamento del cancro può essere eseguito attraverso la chirurgia, la chemioterapia e le modalità di radioterapia, e la combinazione è comune per ottenere un migliore risultato clinico (INSTITUO NACIONAL DE CÂNCER, 2019).

La chemioterapia classica mira alla distruzione delle cellule in rapida replicazione che suggeriscono da mutazioni e/o importanti cambiamenti nel DNA, tuttavia, le cellule tisss dai tessuti normali che hanno anche una rapida replicazione vengono distrutte fornendo così numerosi effetti negativi ai pazienti (BAGNYKOVA et al., 2010).

Nelle cellule tumorali, come la LMC, le vie di segnalazione intracellulari sono alterate, promuovendo la proliferazione incontrollata, la disfunzione cellulare e l’assenza di apoptosi (ANDERSON et al., 2015). Sulla base di una migliore comprensione di questi processi, iniziati negli anni ’80, i farmaci chiamati inibitori della tirosina chinasi (ITQ) hanno cominciato a essere studiati (CHABNER e ROBERTS, 2005).

In LMC grazie alla sua caratteristica pathognomonica, l’oncogene BCR-ABL, è diventato il candidato ideale per il “proiettile magico” concepito da Paul Ehrlich (Chabner e Roberts, 2005). Così, la “Terapia Target” con ITQ cerca di inibire selettivamente i percorsi di segnalazione deregolamentati delle cellule neoplastiche dei pazienti con LMC, avendo come primo farmaco usato mesyate imatinib, un potente INHIBITOR di BCR-ABL (DREWS, 2006; MOULIN et al., 2017).

A causa dell’invecchiamento e della crescita della popolazione, l’incidenza e la mortalità del cancro sono in crescita in tutto il mondo (BRAY et al., 2018). In Brasile, il National Cancer Institute (INCA) stima che per ogni anno del biennium 2018/2019 vengono diagnosticati 600.000 nuovi casi di cancro, tra queste leucemie appaiono al nono posto tra gli uomini con 5.940 nuovi casi e al decimo nelle donne con 4.860 nuovi casi (INSTITUTO NACIONAL DE CÂNCER, 2017).

La LMC rappresenta circa il 15% dei nuovi casi di leucemia, con un rischio stimato di 1,5 casi ogni 100.000 persone (RYCHTER et al., 2017).  Nonostante la bassa incidenza rispetto ad altri tipi di cancro (polmone, prostata, seno), a causa della terapia imatinib mesilate, i pazienti con LMC hanno mostrato un notevole miglioramento nel tasso di sopravvivenza a cinque anni e modificato la prognosi della malattia (TRIVEDI et al., 2014; SAUSSELE et al., 2018; TAN et al., 2019; LATREMOUILLE-VIAU et al., 2017).

Per i pazienti diagnosticati a metà degli anni ’70, il tasso di sopravvivenza a cinque anni era del 22%, dal 2008 al 2014, 69%, e attualmente la maggior parte dei pazienti che ricevono TQI hanno un’aspettativa di vita compatibile con le persone normali, rendendo la LMC attualmente considerata come una condizione cronica che richiede un regolare follow-up da parte del team sanitario (SIEGEL et al. , 2019).

Il trattamento della LMC richiede l’azione integrata del team multidisciplinare, e il professionista farmaceutico è indispensabile nel follow-up farmacoterapeutico (PA) del trattamento del cancro per garantire una farmacoterapia sicura ed efficace (SOUZA  et al., 2018).

La PA è una pratica personalizzata in cui il farmacista clinico ha la responsabilità di guida, rilevamento, prevenzione e risoluzione dei problemi correlati ai farmaci, coprendo gli effetti negativi della chemioterapia e della terapia utilizzata, nonché le tecniche di somministrazione, l’aderenza al trattamento e alle interazioni farmacologiche (CALADO et al., 2019).

Data la complessità della LMC , il follow-up eseguito dal professionista farmaceutico clinico è essenziale per l’efficacia del trattamento.

OBBIETTIVO

Costruisci un modello di modulo di follow-up farmacoterapeutico per pazienti adulti con leucemia mieloide cronica BCL-ABR positiva utilizzando Imatinib Mesiduct.

METODOLOGIA

Il lavoro è una revisione della letteratura del tipo narrativo. Così, dalla domanda problema: “Quali dati dovrebbero essere raccolti dal Farmacista Clinico durante l’assistenza farmaceutica per valutare e migliorare l’aderenza di pazienti adulti con leucemia mieloide cronica utilizzando Imatinib?” una ricerca è stata effettuata sulla piattaforma PubMed sulla base della strategia PICO e sono stati utilizzati i descrittori: “leucemia, mielogena, cronica, bcr-abl positivo” E “farmaco di aderenza”. Gli articoli degli ultimi 5 anni sono stati presi in considerazione e la ricerca è stata effettuata nella banca dati da giugno a dicembre 2019.

I criteri di inclusione erano: articoli disponibili online, in inglese, che avevano come pazienti adulti della popolazione, e con il tema della valutazione dell’aderenza ai farmaci nella LMC. Come criteri di esclusione erano: articoli che hanno valutato esclusivamente un altro farmaco diverso da imatinib mesysirate, che non ha usato un modulo.

Inoltre, per formare il modulo sono stati consultati siti governativi.

RISULTATI E DISCUSSIONE

La ricerca sul sito pubmed con i descrittori ha portato a 52 articoli e di questi, sulla base dei criteri di inclusione ed esclusione, 11 sono stati selezionati per effettuare la revisione della letteratura nella preparazione del modulo.

Questi articoli sono presentati nella tabella 1 in ordine di data decrescente di pubblicazione.

Secondo quanto osservato da Moulin et al., l’inclusione del Farmacista Clinico durante il trattamento di pazienti con LMC non solo ha migliorato l’aderenza al trattamento e diminuito le reazioni farmacologiche avverse (RFA) riportate dai pazienti, ma anche i parametri citogenetici migliorati (MOULIN et al., 2017). In questo studio, dopo 4 mesi di follow-up, gli autori hanno trovato una minore espressione del cromosoma di Filadelfia nel gruppo monitorato in relazione al controllo non monitorato. Nel gruppo monitorato, la risposta citogenetica completa osservata è aumentata dall’87,0% al 95,6% dei pazienti, mentre nel gruppo non monitorato è rimasta nel 61,5%. Così, l’applicazione di una forma al momento della dispensazione è una strategia efficace per accompagnare il paziente e migliorare l’aderenza al trattamento. Per raggiungere questo obiettivo, è stata elaborata una forma di follow-up farmaceutico in pazienti adulti con LMC (allegato I).

La prima parte del modulo ha lo scopo di raccogliere i dati personali dei pazienti per identificare e facilitare il contatto con il paziente. Ciò è dovuto al fatto che alcuni degli studi selezionati dimostrano che in alcune popolazioni gli ades possono essere favoriti da alcune caratteristiche socioeconomiche, ma gli studi differiscono su quali sono più presenti nella popolazione. Tsai et al (2018) ha scoperto nella popolazione dello studio che i pazienti più anziani e i pazienti sposati hanno una migliore aderenza. Secondo Rychter et al (2017) la presenza di almeno 1 comorbidità ed età sopra i 65 anni sono caratteristiche favorevoli per l’adering.  Al contrario, Unnikrishnan et al (2016) e Hefner et al (2016) non hanno trovato alcuna correlazione tra le caratteristiche socioeconomiche della popolazione studiata e il trattamento aderente.  Pertanto, si osserva che la correlazione tra dati socioeconomici e aderenza varia a seconda della popolazione studiata, non essendo un parametro predittivo per l’aderenza del paziente o la non aderenza.

Tabella 1.A – Articoli selezionati in base a criteri di inclusione ed esclusione, ordine decrescente dell’anno di pubblicazione.

Autore/Anno Titolo Obiettivi Forma di Adecin N(1) Paese Farmaci
MULU FENTIE et al., 2019 Prevalence and determinants of non-adherence to Imatinib in the first 3-months treatment among newly diagnosed Ethiopian’s with chronic myeloid leukemia. Valutare la prevalenza e le ragioni della mancata aderenza all’Imatinib nei pazienti con LMC(2) che sono stati recentemente diagnosticati nei primi 3 mesi di trattamento. MMAS-8(3) 147 Etiopia Imatinib
TSAI et al., 2018 Side effects and medication adherence of tyrosine kinase inhibitors for patients with chronic myeloid leukemia in Taiwan. Chiarire l’influenza degli effetti negativi sull’aderenza nei pazienti taiwanesi con LMC(2). MMAS-8(3) 58 Taiwan Imatinibe

Dasatinibe

Nilotinibe

HEFNER et al., 2017 Adherence and Coping Strategies in Outpatients With Chronic Myeloid Leukemia Receiving Oral Tyrosine Kinase Inhibitors. Valutare le strategie di aderenza e far fronte ai pazienti al di fuori dell’ambiente ospedaliero con LMC(2). BAASIS(4) 35 Germania Inibitori della chinasi della tirosina

(1) N – Numero di partecipanti; (2) LMC – Leucemia mieloide cronica; (3) MMAS-8 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 8 elementi;(4)BAASIS – Scala di Basilea per la valutazione dell’aderenza ai farmaci immunosoppressivi; (5) MMAS-4 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 4 elementi.

Tabella 1.B – Articoli selezionati in base ai criteri di inclusione ed esclusione, ordine decrescente dell’anno di pubblicazione.

Autore/Anno Titolo Obiettivi Forma di Adecin N(1) Paese Farmaci
RYCHTER  et al., 2017 Treatment adherence in chronic myeloid leukaemia patients receiving tyrosine kinase inhibitors. Valutare il trattamento aderente a pazienti polacchi adulti con LMC (2) Forma sviluppata per lo studio. 140 Polonia Imatinib

Dasatinib

Nilotinib

GEISSLEr et al., 2017 Factors influencing adherence in LMC and ways to improvement: Results of a patient-driven survey of 2546 patients in 63 countries. Valutare l’entità dell’aderenza sub-ottimale e studiare le ragioni e i modelli di comportamento di aderenza dei pazienti con LMC (2) in tutto il mondo. MMAS-8(3) 2546 63 paesi Imatinib

Dasatinib

Nilotinib

Altri trattamenti

MULUNEH et al., 2016 Patient perspectives on the barriers associated with medication adherence to oral chemotherapy. Analizzare attraverso un questionario l’uso della chemioterapia orale e identificare le opportunità di miglioramento nei seguenti. Questionario adattato con 30 domande 93 Stati Uniti Chemioterapia orale

(1) N – Numero di partecipanti; (2) LMC – Leucemia mieloide cronica; (3)MMAS-8 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 8 elementi;(4)BAASIS – Scala di Basilea per la valutazione dell’aderenza ai farmaci immunosoppressivi; (5) MMAS-4 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 4 elementi

Tabella 1.C – Articoli selezionati in base ai criteri di inclusione ed esclusione, ordine decrescente dell’anno di pubblicazione.

Autore/Anno Titolo Obiettivi Forma di Adecin N(1) Paese Farmaci
MOULIN et al.

Novembre/201614

The role of clinical pharmacists in treatment adherence: fast impact in suppression of chronic myeloid leukemia development and symptoms Valutare il ruolo del farmacista clinico nel trattamento dei pazienti con    LMC (2), nonché la partecipazione del farmacista clinico. MMAS-4(5) 23 Brasile Inibitori della chinasi della tirosina
KEKÄLE et al., 2016 Impact of tailored patient education on adherence of patients with chronic myeloid leukaemia to tyrosine kinase inhibitors: a randomized multicentre intervention study. Valutare l’influenza dell’educazione personalizzata al paziente sull’aderenza all’ITQ nei pazienti con    LMC (2). MMAS-8(3) 86 Finlandia Inibitori della chinasi della tirosina
UNNIKRISHNAN  et al., 2016 Comprehensive Evaluation of Adherence to Therapy, Its Associations, and Its Implications in Patients With Chronic Myeloid Leukemia Receiving Imatinib. Valutare l’aforebazione e la qualità della vita nei pazienti con LMC (2) che ricevono Imatinib per un lungo periodo di tempo. MMAS-8(3) 221 India Imatinib

(1) N – Numero di partecipanti; (2) LMC – Leucemia mieloide cronica; (3) MMAS-8 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 8 elementi;(4)BAASIS – Scala di Basilea per la valutazione dell’aderenza ai farmaci immunosoppressivi; (5) MMAS-4 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 4 elementi

Tabella 1.D – Articoli selezionati in base a criteri di inclusione ed esclusione, ordine decrescente dell’anno di pubblicazione.

Autore/Anno Titolo Obiettivi Forma di Adecin N(1) Paese Farmaci
HOSOYA  et al., 2015 Failure mode and effects analysis of medication adherence in patients with chronic myeloid leukemia Identificare il modo in cui si verifica una bassa aderenza nei pazienti con LMC (2) utilizzando la modalità di guasto e l’analisi degli effetti. Forma sviluppata per lo studio 54 Giappone Imatinibe

Dasatinibe

Nilotinibe

BRECCIA et al., 2015 Adherence and future discontinuation of tyrosine kinase inhibitors in chronic phase chronic myeloid leukemia. A patient-based survey on 1133 patients. Indagare l’aderenza e il potenziale beneficio nella qualità della vita, la soddisfazione con il trattamento e la vita sociale nei pazienti con LMC (2) Forma sviluppata per lo studio. 1133 Italia Inibitori della chinasi della tirosina

(1) N – Numero di partecipanti; (2) LMC – Leucemia mieloide cronica; (3) MMAS-8 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 8 elementi;(4)BAASIS – Scala di Basilea per la valutazione dell’aderenza ai farmaci immunosoppressivi; (5) MMAS-4 – Scala di aderenza terapeutica Morisky a 4 elementi

Una delle attribuzioni del farmacista clinico è la valutazione della farmacoterapia, in modo che il paziente possa utilizzare in modo sicuro i farmaci di cui ha bisogno, alle dosi, alla frequenza e agli orari appropriati, raggiungendo così gli obiettivi terapeutici. A questo scopo, campi specifici sono stati riservati per raccogliere l’età della diagnosi, l’inizio del trattamento, la fase della malattia e i parametri legati alla farmacoterapia imatinib.

In Brasile, l’ordinanza n. 1.219 del 4 novembre 2013 stabilisce il protocollo clinico e le linee guida terapeutiche per la LMC negli adulti ed è un riferimento per la valutazione farmacoterapeutica di questi pazienti. In questo, si consiglia di utilizzare Imatinib come trattamento di prima linea e ciò che la farmacoterapia è per le fasi croniche (FC) e trasformazione o accelerata (TA) (BRASIL, 2013).

In FC si raccomanda una singola dose 400 mg/giorno al giorno per via orale dopo il pasto più grande della giornata, e può aumentare in due dosi di 300 mg, una al mattino e l’altra la sera, se dopo tre mesi una risposta inadeguata, perdita di risposta precedente o progressione della malattia. In relazione ad TA, la dose raccomandata è 600mg/giorno e può essere elevata fino a 800 mg/giorno in crisi di esplosione (BRASIL, 2013).

Oltre ad avere un ruolo fondamentale nel trattamento del paziente aderente, il farmacista clinico dovrebbe anche identificare, valutare e intervenire nelle interazioni farmacologiche. Per valutare possibili interazioni farmacologiche durante l’uso di imatinib, la presenza di altre malattie e farmacie di queste malattie viene valutata sotto forma. Nel caso di interazioni farmacologiche, il farmacista dovrebbe essere a conoscenza di farmaci che hanno metabolizzazione epatico, perché l’imatinib è metabolizzato in questo percorso dall’enzima CYP3A4 (GLIVEC, 2020). Il mantenimento di una concentrazione di sangue superiore a 300mg è estremamente importante per il successo della risposta molecolare/citogenetica e per una maggiore sopravvivenza senza progressione della malattia (BRASIL, 2013). Pertanto, gli induttori di questo enzima come dtethasone e Hypericum perforatum, che possono ridurre la concentrazione di plasma di Imatinib, dovrebbero essere evitati. Oltre agli inibitori come il chetoconazole, clarithromycin che potrebbe diminuire il metabolismo e aumentare le concentrazioni di imatinib che portano c’è un aumento della RFA (GLIVEC, 2020).

La seconda parte dell’articolo mira a valutare il trattamento del paziente. Secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’aderenza alle malattie croniche è il grado in cui il comportamento di una persona è d’accordo con le raccomandazioni di un professionista della salute, e il comportamento può essere rappresentato da assunzione di farmaci, follow-up della dieta o cambiamenti di stile di vita (OMS, 2003)

Negli articoli selezionati, i seguenti sono stati misurati attraverso questionari che valutano questo comportamento attraverso azioni rilevanti per il trattamento della LMC , come: dimenticando una o più dosi, cambiare la dose senza avvisare il prescrittore, non assumere farmaci perché si sente bene o perché ha una reazione avversa. Il modello di questionario più utilizzato negli articoli (sei su undici selezionati) per valutare l’aderenza è stata la Morisky Therapeutic Adherence Scale, con 8 elementi (MMAS-8) che sono i più frequenti. Di fronte a questo, il MMAS-8 è stato scelto per la composizione della forma di accompagnamento.

Un altro fattore importante per la scelta è stato il tempo necessario per l’applicazione e la facilità di classificare il paziente. L’MMAS-8 è costituito da sette domande con alternative “sì” o “no” e un elemento (l’ultimo) che presenta una scala di 5 punti (da 0 punti a “sempre” a 1 punto a “mai”). Ogni elemento assing un comportamento specifico di uso di farmaci e non è un determinante del comportamento dei farmaci. I punteggi MMAS possono variare da 0 a 8 e i pazienti sono classificati in tre livelli di supporto: forza elevata (punteggio 8); media dell’adeposizione (punteggio da 6 a 7,75); e basso adtake (<6).

Un questionario modificato della Scala di Basilea per la valutazione dell’asimone dei farmaci immunosoppressivi (BAASIS) è stato utilizzato da Hefner et al (2016).  Questo ha quattro domande “sì” o “no” e solo una risposta affermativa è necessaria per considerare il paziente come “non aderente”, che può provocare una risposta negativa nel paziente rispetto alla classificazione di MMAS-8 (supporto alto, medio e basso). Un altro fattore considerato per la scelta è stata l’assenza in BAASIS di problemi legati al comportamento “per smettere di prendere farmaci quando si sente che la malattia è controllata”. Questo perché in alcuni studi, è stato rilevato che i pazienti tendono ad essere più aderenti nel primo e secondo anno dopo la diagnosi, probabilmente a causa della diminuzione dei sintomi e ADR diventano più evidenti della malattia stessa (GEISSLER et al, 2017).

Per valutare RFA e le sue conseguenze sull’annuncio, una terza parte è stata inclusa nel modulo con domande sulle reazioni più comuni.

Secondo uno studio di coorte condotto in Etiopia da Mulu Fentie et al (2019), è stato identificato che la ragione principale per il supporto al non trattamento erano gli eventi avversi legati a Imatinib, a farmaci che erano 68.8%. E la lamentela principale circa 68% erano legati agli effetti gastrointestinali. Lo studio mostra anche che i pazienti che non hanno avuto alcun RFA erano sei volte più propensi ad aderire al trattamento.

Come accennato in precedenza, Moulin et al (2017) ha dimostrato che l’azione del farmacista clinico attraverso il follow-up farmacologico ha migliorato l’aderenza e ridotto gli effetti negativi. Durante i quattro mesi di follow-up, i ricercatori hanno ridotto il numero di non aderenti da otto a zero, utilizzando la scala di aderenza terapeutica Morisky a 4 elementi. Inoltre, il numero di pazienti che lamentano la RFA è diminuito dal 35% al 7%.

Anche se la durata degli studi e il numero di individui valutati erano relativamente piccoli, i risultati sono promettenti. Inoltre, è necessario uno studio più accurato in relazione al numero di persone e al follow-up per periodi più lunghi.

In contro-partita, uno studio che copre 63 paesi e 2546 pazienti ha scoperto che non è il fatto che il paziente sperimenta RFA che influenza l’aderenza, ma piuttosto quanto bene la gestione di questi viene eseguita dal team multidisciplinare (GEISSLER et al., 2017).

Alla considerazione di questi risultati, abbiamo trovato la prova che il modo migliore per promuovere il trattamento adeforego è quello di eludere gli eventi avversi o anche se possibile per evitare possibili eventi avversi futuri per promuovere un trattamento migliore. Questi sono i motivi per cui inseriamo nel modulo domande sui principali RFA descritti per mesysate di Imatinib, l’intensità e il tempo che il paziente li sperimenta e sente il bisogno di trattamento. Pertanto, speriamo di identificare e aggirare i principali effetti indesiderati legati ai farmaci, per promuovere una maggiore sicurezza, sostenere e aumentare la qualità della vita dei pazienti.

Anche se la strategia scelta per valutare e migliorare l’aderenza e ridurre le RFA dei pazienti è la forma, Geissler et al (2017) ha scoperto che un fattore importante che influisce sull’aderenza e può essere influenzato dagli operatori sanitari è l’informazione dei pazienti sulla LMC . In questo studio, i pazienti che si sentivano meglio informati sulla malattia erano significativamente più aderenti. Così, due domande sono state inserite nella nostra forma per valutare la conoscenza del paziente della malattia / trattamento e quindi, con la partecipazione del team multidisciplinare, per pianificare strategie complementari. Ancora con queste informazioni, ci si aspetta di integrare il paziente più attivamente nel trattamento sottolineando le informazioni e non solo nelle istruzioni che dovrebbe seguire.

Durante la preparazione del modulo non è stato possibile anticipare eventuali situazioni o RFA che i pazienti potessero segnalare. Detto questo, la parte posteriore del modulo è stata utilizzata per il campo “Evoluzione farmaceutica” dove possono essere notati per esempio: dati soggettivi, dati oggettivi, valutazione e pianificazione specifica per il paziente valutato.

La proposta di costruire il modello di forma per l’applicazione in pazienti con LMC mira a migliorare la risposta al trattamento con Imatinib Mesirate e la qualità della vita. Pertanto, ad oggi, non vi è alcuna intenzione di incorporare i risultati di questa attività in un progetto di ricerca. Pertanto, non sono stati prodotti termini di chiarimento e consenso o qualsiasi altro documento per conformarsi alla risoluzione n. 510 del 7 aprile 2016 del Ministero della Salute. La risoluzione prevede la ricerca le cui procedure metodologiche prevedono l’uso di dati direttamente ottenuti dai partecipanti o informazioni identificabili (BRASIL, 2016). Tuttavia, un testo che deve essere firmato dal paziente o dal suo rappresentante è posto sul retro del modulo affermando che egli / lei è a conoscenza del fatto che i dati forniti saranno utilizzati per il follow-up farmaceutico del trattamento della leucemia mieloide cronica.

Allegato I – Modulo di follow-up farmaceutico in pazienti adulti con LMC .

CONCLUSIONE

È noto che diversi fattori servono come barriere al non trattamento al trattamento farmacologico, come: eventi avversi, routine quotidiana di farmaci, sentirsi bene senza trattamento, informazioni inadeguate sul farmaco. Tuttavia, in particolare nella leucemia mieloide cronica, il non trattamento con Imatinib Mesilate può provocare un potenziale trattamento potenzialmente letale, poiché l’esito di questa malattia è ben noto e documentato. Pertanto, è essenziale frequentareseguire dal farmacista clinico per identificare i primi fattori che possono contribuire negativamente, facilitando la pianificazione degli interventi al fine di promuovere una migliore aderenza e di conseguenza raggiungere obiettivi terapeutici.

A tale scopo, una strategia praticabile e a basso costo è l’attuazione di una forma di follow-up che deve essere applicata dal farmacista al momento della dispensazione. Così, la documentazione standardizzata delle cure fornite servirà non solo a ottimizzare la farmacoterapia, ma anche ad aumentare la sicurezza del paziente, contribuendo allo sviluppo di azioni finalizzate all’evoluzione del paziente, rendendo più efficace la comunicazione tra i team multidisciplinari e assistendo nell’attuazione di continui miglioramenti al fine di massimizzare la qualità delle cure fornite ai pazienti.

RIFERIMENTI

ANDERSON, Kristin R. et al. Medication adherence among adults prescribed imatinib, dasatinib, or nilotinib for the treatment of chronic myeloid leukemia. Journal of Oncology Pharmacy Practice, v. 21, n. 1, p. 19-25, 2015.

BAGNYUKOVA, Tetyana V. et al. Chemotherapy and signaling: How can targeted therapies supercharge cytotoxic agents?. Cancer biology & therapy, v. 10, n. 9, p. 839-853, 2010.

BORTOLHEIRO, Teresa C; CHIATTONE, Carlos S. Leucemia mielóide crônica: história natural e classificação. Revista Brasileira de Hematologia e Hemoterapia, v. 30, p. 3-7, 2008.

BRASIL. Ministério da Saúde (MS). Resolução nº 510, de 7 de abril de 2016. Disponível em: http://bvsms.saude.gov.br/bvs/saudelegis/cns/2016/res0510_07_04_2016.html. Acessado em: 23 de maio de 2020.

BRASIL. Ministério da Saúde (MS). Portaria nº 1.219, de 4 de novembro de 2013. Disponível em: http://bvsms.saude.gov.br/bvs/saudelegis/sas/2013/prt1219_04_11_2013.html. Acessado em: 23 de maio de 2020.

BRAY, Freddie et al. Global cancer statistics 2018: GLOBOCAN estimates of incidence and mortality worldwide for 36 cancers in 185 countries. CA: a cancer journal for clinicians, v. 68, n. 6, p. 394-424, 2018.

BRECCIA, Massimo et al. Adherence and future discontinuation of tyrosine kinase inhibitors in chronic phase chronic myeloid leukemia. A patient-based survey on 1133 patients. Leukemia research, v. 39, n. 10, p. 1055-1059, 2015.

CALADO, Deysiane Santos; TAVARES, Diego de Hollanda Cavalcanti; BEZERRA, Grasiela Costa. O papel da atenção farmacêutica na redução das reações adversas associados ao tratamento de pacientes oncológicos. Revista Brasileira de Educação e Saúde, v. 9, n. 3, p. 94-99, 2019.

CHABNER BA, ROBERTS TG Jr. Timeline: chemotherapy and the war on cancer. Nat Rev Cancer, v. 5, p. 65-72, 2005.

DI FELICE, Enza et al. The impact of introducing tyrosine kinase inhibitors on chronic myeloid leukemia survival: a population-based study. BMC cancer, v. 18, n. 1, p. 1069, 2018.

DREWS, Jürgen. Case histories, magic bullets and the state of drug discovery. Nature Reviews Drug Discovery, v. 5, n. 8, p. 635-640, 2006.

FLIS, Sylwia; CHOJNACKI, Tomasz. Chronic myelogenous leukemia, a still unsolved problem: pitfalls and new therapeutic possibilities. Drug design, development and therapy, v. 13, p. 825, 2019.

GEISSLER, Jan et al. Factors influencing adherence in CML and ways to improvement: Results of a patient-driven survey of 2546 patients in 63 countries. Journal of Cancer Research and Clinical Oncology, v. 143, n. 7, p. 1167-1176, 2017.

HEFNER J, CSEF EJ, KUNZMANN V. Fear of progression in outpatients with chronic myeloid leukemia on oral tyrosine kinase inhibitors. In: Oncology Nursing Forum. Oncology Nursing Society, 2016. p. 190.

HOSOYA, Kazuhisa et al. Failure mode and effects analysis of medication adherence in patients with chronic myeloid leukemia. International journal of clinical oncology, v. 20, n. 6, p. 1203-1210, 2015.

Instituto Nacional de Câncer Jose Alencar Gomes da Silva. ABC do câncer: abordagens básicas para o controle do câncer, 5. ed. Rio de Janeiro: INCA, 2019.

Instituto Nacional de Câncer Jose Alencar Gomes da Silva. Estimativa 2018: incidência de câncer no Brasil. Rio de Janeiro, 2017. Disponível em: https://www.inca.gov.br/sites/ufu.sti.inca.local/files//media/document//estimativa-incidencia-de-cancer-no-brasil-2018.pdf. Acesso em: 08 out. 2019.

JULIUSSON, G.; HOUGH, R. Leukemia. Prog Tumor Res 2016; 43: 87–100. Google Scholar| Crossref| Medline.

KEKÄLE, Meri et al. Impact of tailored patient education on adherence of patients with chronic myeloid leukaemia to tyrosine kinase inhibitors: a randomized multicentre intervention study. Journal of advanced nursing, v. 72, n. 9, p. 2196-2206, 2016.

LATREMOUILLE-VIAU, Dominick et al. Health care resource utilization and costs in patients with chronic myeloid leukemia with better adherence to tyrosine kinase inhibitors and increased molecular monitoring frequency. Journal of Managed Care & Specialty Pharmacy, v. 23, n. 2, p. 214-224, 2017.

LIU, Tao; PENG, Xing-Chun; LI, Bin. The Metabolic Profiles in Hematological Malignancies. Indian Journal of Hematology and Blood Transfusion, p. 1-10, 2019.

MOULIN, Silmara Mendes Martins et al. The role of clinical pharmacists in treatment adherence: fast impact in suppression of chronic myeloid leukemia development and symptoms. Supportive Care in Cancer, v. 25, n. 3, p. 951-955, 2017.

MULU FENTIE, Atalay et al. Prevalence and determinants of non-adherence to Imatinib in the first 3-months treatment among newly diagnosed Ethiopian’s with chronic myeloid leukemia. PloS one, v. 14, n. 3, p. e0213557, 2019.

MULUNEH, Benyam et al. Patient perspectives on the barriers associated with medication adherence to oral chemotherapy. Journal of Oncology Pharmacy Practice, v. 24, n. 2, p. 98-109, 2018.

Novartis Biociências S.A. Bula do medicamento Glivec®. Disponível em: https://portal.novartis.com.br/UPLOAD/ImgConteudos/1821.pdf. Acessado em: 20 de agosto de 2020.

RYCHTER, Anna et al. Treatment adherence in chronic myeloid leukaemia patients receiving tyrosine kinase inhibitors. Medical Oncology, v. 34, n. 6, p. 104, 2017.

SACHDEVA, Ashwani et al. Association of leukemia and mitochondrial diseases—A review. Journal of family medicine and primary care, v. 8, n. 10, p. 3120, 2019.

SAUSSELE, Susanne et al. Defining therapy goals for major molecular remission in chronic myeloid leukemia: results of the randomized CML Study IV. Leukemia, v. 32, n. 5, p. 1222-1228, 2018.

SIEGEL, Rebecca L.; MILLER, Kimberly D.; JEMAL, Ahmedin. Cancer statistics, 2019. CA: a cancer journal for clinicians, v. 69, n. 1, p. 7-34, 2019.

SOUZA, Jessica de O. et al. Adherence to TKI in CML patients: more than reports. Supportive Care in Cancer, v. 26, n. 2, p. 325-326, 2018.

TAN, Bee Kim et al. Efficacy of a medication management service in improving adherence to tyrosine kinase inhibitors and clinical outcomes of patients with chronic myeloid leukaemia: a randomised controlled trial. Supportive Care in Cancer, p. 1-11, 2019.

THAVAMANI B. Samuel; MATHEW, Molly; DHANABAL, S. P. Anticancer activity of cissampelos pareira against dalton’s lymphoma ascites bearing mice. Pharmacognosy magazine, v. 10, n. 39, p. 200, 2014.

TRIVEDI, Digisha et al. Adherence and persistence among chronic myeloid leukemia patients during second-line tyrosine kinase inhibitor treatment. Journal of Managed Care Pharmacy, v. 20, n. 10, p. 1006-1015, 2014.

TSAI, Yu-Fen et al. Side effects and medication adherence of tyrosine kinase inhibitors for patients with chronic myeloid leukemia in Taiwan. Medicine, v. 97, n. 26, 2018.

UNNIKRISHNAN, Radhika et al. Comprehensive evaluation of adherence to therapy, its associations, and its implications in patients with chronic myeloid leukemia receiving imatinib. Clinical Lymphoma Myeloma and Leukemia, v. 16, n. 6, p. 366-371. e3, 2016.

WORLD HEALTH ORGANIZATION et al. Adherence to long-term therapies: evidence for action. World Health Organization, 2003.

[1] Farmacista. Specialista in Farmacia Clinica e Ospedaliera, Senac. Specialista di Oncologia Multiprofessionale (HIAE).

[2] Farmaceutici. Specialista in Farmacia Clinica e Ospedaliera, Senac.

[3] Farmacista. Specialista in Farmacia Clinica e Ospedaliera, Senac.

[4] Farmaceutici. Specialista in Farmacia Clinica e Ospedaliera, Senac.

[5] Farmacista. Master in Scienze Mediche, FMUSP. Specialista di Oncologia Multiprofessionale (HSL). Specialista in Farmacia Ospedaliera (FOC).

Inviato: agosto, 2020.

Approvato: ottobre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here