Tentativi di suicidio a Macapá, Amapá, Amazônica, Brasile, nel 2018

0
42
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/salute/tentativi-di-suicidio
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

CHAGAS, Jéssica Andréa Silva das [1], MATOS, Talita de Oliveira [2], DIAS, Cláudio Alberto Gellis de Mattos [3], DENDASCK, Carla Viana [4], OLIVEIRA, Euzébio de [5], ARAÚJO, Maria Helena Mendonça de [6], FECURY, Amanda Alves [7]

CHAGAS, Jéssica Andréa Silva das. Tentativi di suicidio a Macapá, Amapá, Amazônica, Brasile, nel 2018. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 06, Vol. 03, pagg. 17-35. Giugno 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/tentativi-di-suicidio, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/salute/tentativi-di-suicidio

ASTRATTO

Il suicidio è l’atto umano di porre fine alla propria vita. Gli atteggiamenti suicidi con l’intenzione di morire, ma senza portare alla morte, sono chiamati tentativi di suicidio, cioè sono atti intenzionali di autolesionismo senza che il risultato sia la morte. Questo studio ha analizzato, epidemiologicamente, le cure fornite dal Mobile Emergency Service – SAMU / AP relative ai tentativi di suicidio nel 2018 a Macapá / AP. È stata condotta una ricerca trasversale, descrittiva e quantitativa. I dati sono stati raccolti da 61 record di cure iniziali riferiti a eventi nel 2018, dal sistema di archiviazione di file SAMU / AP. Questo studio ha permesso di ampliare la conoscenza delle caratteristiche dei casi di tentativi di suicidio e suicidi consumati avvenuti a Macapá / AP, consentendo così al supporto di professionisti di lavorare su interventi con la popolazione alla ricerca della riduzione delle statistiche esistenti. È interessante notare che il problema della mancata o notifica di casi di tentato suicidio eseguiti in modo insufficiente è un aspetto importante per l’indebolimento delle informazioni epidemiologiche, delle azioni di assistenza in rete e per la realizzazione della territorializzazione e intersettoriale nella salute mentale. Azioni educative e politiche pubbliche che rafforzano al medico e alle squadre di pronto soccorso in generale l’importanza della corretta e completa registrazione delle informazioni.

Parole chiave: Suicidio, epidemiologia, SAMU.

INTRODUZIONE

Per la Organizzazione Panamericana della Sanità (OPAS, 2003), il suicidio è l’atto umano di porre fine alla propria vita. Atteggiamenti suicidari con l’intenzione di morire, ma senza portare alla morte sono chiamati tentativi di suicidio, cioè sono atti intenzionali di autolesionismo senza che il risultato sia la morte (BRASIL, 2008) e l’OMS calcola che per ogni suicidio consumato ci sono una ventina di persone che lo provano (OMS, 2014).

Il Sistema di sorveglianza della violenza e degli incidenti (BRASIL, 2013) ha presentato un’indagine, svolta nelle 24 capitali brasiliane e nel Distretto Federale, con un record totale di 272 tentativi di suicidio, di cui 171 donne e 101 uomini, nei mesi di Da settembre a ottobre 2011.

Secondo l’OMS (2014), le morti per suicidio possono essere prevenute se sono disponibili le condizioni per offrire aiuto, con la prevenzione che è la componente centrale e la responsabilità anche dei servizi sanitari. Nel mondo circa 800mila persone si suicidano ogni anno, il che corrisponde a un tasso di 11,4 morti ogni 100mila abitanti e 1 morte auto-provocata ogni 40 secondi. Si stima che il numero di tentativi superi questa velocità fino a 10 volte.

In Brasile, i metodi utilizzati per il suicidio sono vari e dipendono da ogni luogo e abitudine. I più usati sono impiccagione, armi da fuoco e avvelenamento (JUNIOR, 2015).

Alcuni fattori sono noti per essere correlati al suicidio, come i disturbi depressivi e l’abuso / dipendenza da alcol, ma sono necessari ulteriori studi per indagare gli aspetti sociali, economici e culturali che possono essere collegati al comportamento suicidario (CS) in diverse regioni del Brasile (LOVISI et al., 2009).

In questo contesto è stata importante l’implementazione del Servizio di assistenza mobile di emergenza (SAMU) da parte del Ministero della Salute, in quanto fornisce un’adeguata assistenza alle persone che sono colpite da emergenze cliniche, compresi tentativi di auto-sterminio, e può impedire loro di morire , già che forniscono un’assistenza rapida e precoce anche sul luogo dell’incidente (SANTANA et al., 2011).

SAMU fornisce cure urgenti e di emergenza ovunque: case, luoghi di lavoro e strade pubbliche. Con il potere dell’autorità sanitaria, il medico curante comunica l’evento agli ospedali pubblici e quindi riserva i posti letto per la continuità assistenziale (BRASIL, 2006a). La qualità dei servizi erogati nei settori dell’emergenza è fondamentale per prevenire futuri tentativi con esito fatale (KAWASHIMA et al., 2014) e deve essere articolata con gli altri servizi del sistema, consentendo l’appropriato rinvio dei pazienti ad altri servizi competenti (FRANÇA, 2005; AZEVEDO e BARBOSA, 2007) in modo che ciascuna di queste risorse collabori e garantisca cure complete per prevenire nuove TS (SUOKAS et al., 2009).

Il flusso del servizio in SAMU parte dalla richiesta dell’utente effettuata tramite il numero 192 e la ricorrenza viene aperta dal team medico di regolamentazione. Nella sala regolamentare, il medico responsabile dello screening attiva una delle unità mobili USB o USA, a seconda della gravità del caso (SANTANA et al., 2011).

OBBIETTIVO

Analizza epidemiologicamente le chiamate effettuate dal Mobile Emergency Service – SAMU / AP relative ai tentativi di suicidio nel 2018 a Macapá / AP.

METODO

Il presente studio consiste in una ricerca trasversale, descrittiva e quantitativa. I dati sono stati raccolti da 61 record di cure iniziali riferiti a eventi nel 2018, dal sistema di archiviazione di file SAMU / AP. Il sito dello studio era il Centro di regolazione per il servizio mobile di emergenza (SAMU-AP) con sede a Macapá / AP, in Rua Jovino Dinoá, quartiere di Beirol, Macapá, Amapá, regione amazzonica, Brasile.

Le informazioni sono state raccolte dal sistema di notifica computerizzata SAMU-AP e dal sistema di archiviazione del SAMU Regulation Center, nel 2019, a Macapá. Quindi, tutte le forme sono state separate e i dati trascritti in una singola scheda, da analizzare, senza alcuna identificazione del soggetto.

Le informazioni sono state compilate e analizzate utilizzando il programma Excel, parte della suite Office di Microsoft Corporation.

Lo studio è stato registrato presso Plataforma Brasil e sottoposto ad analisi dal Comitato Etico della Ricerca, seguendo i principi etici della Dichiarazione di Helsinque (AMM, 1964) e rispettando le considerazioni etiche esposte nella risoluzione 466, del 12/12/2012, del Consiglio Sanitario Nazionale (CNS), che include le Linee guida regolatorie e le norme per la ricerca sugli esseri umani, ottenendo CAAE 16334919.4.0000.0003.

RISULTATI

Delle 61 registrazioni valutate, relative al mese in cui si sono verificate, 11 (18,03%) si sono verificate ad agosto, 9 (14,75%) a novembre e 7 (11,48%) a dicembre, come mostrato nella Figura 1.

Figura 1 Distribuzione dei casi di tentativo di suicidio assistiti da SAMU-AP, in base al mese in cui si sono verificati. Macapá, 2018.

Analizzando l’ora in cui si sono verificati, il maggior numero di registrazioni è stato durante la notte, dalle 18:00 alle 23:59, con un totale di 26 casi (42,62%), seguito dalla mattina, dalle 6:00 alle 12 : 00, con 13 casi (21,31%) (figura 2).

Figura 2 Distribuzione dei casi di tentativo di suicidio assistiti da SAMU-AP, in base al momento in cui si sono verificati. Macapá, 2018.

Per quanto riguarda il luogo della richiesta, la maggior parte dei tentativi di autolesionismo è avvenuta a casa della vittima con 40 notifiche (65,57%) e 12 casi senza registrazione, come mostrato nella Figura 3.

Figura 3 Distribuzione dei casi di tentativo di suicidio a cui hanno partecipato SAMU-AP, per quanto riguarda il luogo della richiesta. Macapá, 2018.

Per quanto riguarda la tipologia di assistenza, la richiesta di aiuto è stata la chiamata più frequente, con il 61% (51/61) dei casi analizzati (figura 4).

Figura 4 Distribuzione dei casi di tentato suicidio assistiti da SAMU-AP, in relazione al tipo di assistenza. Macapá, 2018.


Per quanto riguarda i luoghi in cui si sono verificati tentativi di suicidio, c’era una predominanza della Zona Sud di Macapá, con 21 casi (34,43%), inclusi i seguenti luoghi: Buritizal, São José, Zerão, Jardim Marco Zero, Congós, Muca, Araxá, Unità di emergenza (UPA) Zona Sul e Cesein – Centro per la misurazione socio-educativa dell’internamento maschile e, tra questi, il quartiere di Congós è stato il più colpito. È stata anche osservata la rilevanza della Zona Nord della città, con 15 casi (24,6%), e che SAMU, sebbene con sede a Macapá, ha assistito a 15 casi nella città vicina, Santana (24,6%) (Tabella 1).

Tabella 1 Distribuzione dei casi di tentativi di suicidio cui ha partecipato SAMU-AP, in base alla località di Macapá e ai casi assistiti nel comune di Santana, 2018.

Per quanto riguarda la caratterizzazione degli individui che hanno tentato il suicidio, il genere femminile è stato predominante, con il 57,38% (35/61) dei casi, e il 31,15% (19/61) corrispondente al maschio (figura 5). La fascia di età più colpita era quella dei giovani, con 19 casi di adolescenti tra i 14-19 anni (31,15%) e 11 individui nella fascia di età tra i 20 ei 25 anni (18,03%) (figura 6).

Figura 5 Distribuzione dei casi di tentativi di suicidio seguiti da SAMU-AP, in base al sesso. Macapá, 2018.

Figura 6 Distribuzione dei casi di tentativi di suicidio seguiti da SAMU-AP, in base al gruppo di età. Macapá, 2018.

Per quanto riguarda i meccanismi dei tentativi di suicidio, le intossicazioni esogene si sono classificate al primo posto con 22 casi (36,07%), seguite dall’impiccagione con 15 (24,59%) e dall’automutilazione, con 6 casi (9,84%) (figura 7). Nell’analisi di due cartelle sono state riscontrate due modalità di tentativo: nella prima intossicazione sospesa ed esogena e nella seconda automutilazione ed intossicazione esogena. Per quanto riguarda l’automutilazione, vale la pena ricordare che tutti i casi si sono verificati a causa di ferite da arma da taglio.

Figura 7 Distribuzione dei casi di tentativo di suicidio assistiti da SAMU-AP, secondo il meccanismo del tentativo. Macapá, 2018.

Per quanto riguarda il supporto di altre istituzioni, sono stati registrati due eventi (3,28%) in cui è stato chiamato il Corpo dei Vigili del Fuoco Militare (CBM), uno (1,64%) in cui è stata contattata la Polizia Militare (PM) e uno (1,64%) dove è stata assunta la Unità di supporto di base (USB), poiché in questo caso l’Unità di supporto avanzato (USA) stava già fornendo assistenza. La maggior parte dei casi (93,44%) non disponeva di queste informazioni registrate (figura 8).

Figura 8 Distribuzione dei casi di tentativi di suicidio assistiti da SAMU-AP, in base alla necessità di supporto. Macapá, 2018.

Per quanto riguarda i codici di chiamata, 8 casi sono stati registrati con il codice 02, che rappresenta la priorità media (urgenza), non configurando estrema gravità e 8 corrispondevano al codice 3, che rappresenta la massima priorità, emergenza (Figura 9).

Figura 9 Distribuzione dei casi di tentativo di suicidio assistiti da SAMU-AP, in base al codice utilizzato. Macapá, 2018.

In sole 3 registrazioni è stato trovato il record dell’orario di partenza dell’ambulanza dalla base e dell’orario di arrivo all’evento, con una media di 18 minuti rimanenti.

DISCUSSIONE

La maggior parte dei record (18,03%) si è verificata in agosto, il che può essere spiegato dal fatto che questo mese è il passaggio al periodo più caldo, che si verifica nella seconda metà dell’anno ad Amapá (MARQUES et al., 2012; BELÚCIO et al., 2014). Questa scoperta è coerente con il fatto che i tentativi di suicidio o di morte presentano la stagionalità in tutto il mondo, con picchi principalmente nel passaggio dalle stagioni più buie a quelle più chiare (LESTER, 1971). La luce a lungo termine può agire come antidepressivo e migliorare l’umore (PAPADOPOULOS et al., 2005). Ma a breve termine, può cambiare lo stato motivazionale degli individui e aumentare il coraggio di suicidarsi. La variazione del livello di serotonina può essere molto rapida con l’aumento della luce solare, che può portare sensazioni spiacevoli (LAMBERT et al., 2002). I ricercatori hanno riportato un maggior numero di casi in estate, ma hanno sottolineato che la stagionalità climatica di TS è una variabile difficile da associare in un Paese di grande diversità regionale come il Brasile, dove il clima non ha stagioni marcate e le stagioni non sono ben definite in tutte le regioni (TREVISAN et al., 2013).

Uno studio ha dimostrato che una maggiore esposizione alla luce solare ha generato un aumento dei casi di suicidio (LINS e DE MENEZES, 2018), che possono essere associati a diversi ormoni dipendenti dalla luce solare (come melatonina, serotonina, triptofano e cortisolo), responsabili della regolazione dell’umore (PETRIDOU et al., 2002). Apparentemente, la deregolamentazione di queste sostanze nel corpo, può portare a cambiamenti comportamentali negli individui (LINS e DE MENEZES, 2018).

Vale la pena ricordare che questo può essere un fenomeno innocuo per la maggior parte della popolazione, ma per i gruppi psicologicamente vulnerabili con una predisposizione all’auto-sterminio può essere un importante fattore di rischio (DEISENHAMMER, 2003).

Per quanto riguarda l’ora in cui si sono verificati, è stato osservato che la maggior parte delle consultazioni sono state effettuate di notte (dalle 18:00 alle 23:59) e al mattino (dalle 06:00 alle 11:59), in modo simile ad altri studi (AVANCI et al., 2005; SOUZA et al., 2011). Questo dato può essere attribuito all’ingestione di bevanda alcolica menzionata nei dati raccolti, più frequente di notte (MENDES e LOPES, 2007), poiché il consumo di alcol e / o l’abuso di altre droghe sono strettamente legati al suicidio tentato o consumato , come hanno evidenziato le autopsie di 1.018 suicidi, in cui sono stati riscontrati livelli elevati di concentrazione di alcol nel sangue delle vittime (≥0,1 g / kg) (ZUPANC et al., 2013).

L’uso di droghe porta con sé una maggiore vulnerabilità, alterazione del giudizio critico e autocontrollo e maggiore impulsività, che possono innescare comportamenti suicidari in coloro che sono predisposti a farlo (KLIMKIEWICZ et al., 2012). L’alcol e altre aggiunte possono aumentare il rischio o interagire con la depressione, favorendo così la comparsa di idee suicide (WASSERMAN et al., 2005).

Per quanto riguarda il tipo di richiesta, il grido di aiuto è stato il più diffuso, il che corrobora con la letteratura, poiché in relazione al comportamento suicidario c’è spesso un grido di aiuto, sebbene non sia sempre chiaramente cosciente, espresso, riconosciuto o accolto (WHO, 2014; VEDANA et al., 2017).

I casi analizzati in questa ricerca sono stati più concentrati nella Zona Sud, Zona Nord e la città di Santana, in periferia, come il quartiere di Congós, costituito da zone umide (MARINHO et al., 2018). Un’indagine condotta nel 2006 a Macapá ha anche mostrato che la maggior parte delle persone con comportamenti suicidari (80%) viveva in periferia, con indici socioeconomici più bassi, molta disuguaglianza e povertà (NEVES, 2007), che è un fattore predisponente a suicidio (DE FRAGA et al., 2016).

Per quanto riguarda il sesso, la prevalenza di tentants in questo studio era femminile (57,38%), a differenza di altri studi (VIDAL et al., 2014; LIMA et al., 2019), in cui predominava il genere maschile, essendo epidemiologia (SADOCK et al., 2017; BACHMANN, 2018). Per quanto riguarda i decessi riportati in questa ricerca, non c’era predominanza di un sesso.

Questo disaccordo può essere attribuito all’epidemiologia locale, perché a Macapá le donne rappresentano la percentuale più alta con il 50,88% della popolazione mentre gli uomini corrispondono al 49,12% (IBGE, 2010). Inoltre, in relazione alle donne, gli stati di Roraima e Amapá sono stati alcuni di quelli che hanno avuto la più alta variazione del tasso di morte per suicidio nel periodo dal 2011 al 2015 con 0,9 / 100mila abitanti, secondo il Informazioni sulla mortalità (BRASIL, 2017).

Sebbene le donne abbiano quattro volte più probabilità di tentare il suicidio, gli uomini hanno quattro volte più successo (SADOCK e SADOCK, 2007; MOREIRA et al., 2017). Questo fatto può essere associato a una maggiore aggressività, all’intenzione di morire e all’uso di mezzi più letali (NOCK et al., 2008). Oltre a caratteristiche come l’impulsività e la competitività, gli uomini hanno anche un maggiore accesso a tecnologie e armi da fuoco letali e svolgono il ruolo di genere sociale come “fornitore economico” della casa, in una cultura patriarcale, essendo sottoposti a maggiore stress per quanto riguarda la disoccupazione. , impoverimento, disperazione e malattia mentale (SANTANA et al., 2011).

Il comportamento suicidario nelle donne può essere correlato a traumi vissuti durante l’infanzia, abusi sessuali, problemi coniugali e disturbi d’ansia, rendendole più suscettibili a nuovi tentativi (PIRES et al., 2012; VELOSO et al., 2017). Metodi meno letali, religiosità, atteggiamenti flessibili nei confronti delle abilità sociali, prestazioni di ruoli durante la vita e bassa prevalenza di alcolismo sono alcuni dei fattori che possono essere attribuiti alla minore incidenza di morte per suicidio tra le donne. Riconoscono anche i primi segni di rischio di depressione, malattia mentale, suicidio, cercano aiuto in tempi di crisi e hanno una maggiore partecipazione alle reti di supporto sociale (MENEGUEL et al., 2004).

Le statistiche sulla violenza domestica e familiare contro le donne a Macapá nel 2018, con un record di 1.307 casi, possono anche essere associate ai risultati del presente studio, a causa dell’intensa relazione che questo scenario ha con la dipendenza finanziaria, il basso reddito e il basso livello di istruzione delle donne vittime di abusi (AMAPÁ, 2018). Questa conclusione è favorita anche dal fatto che la maggior parte dei casi di abuso si è verificato in casa, la sera, prevalentemente nei quartieri della Zona Sud della città, analogamente ai tentativi di auto-sterminio.

Per quanto riguarda la fascia di età, i risultati sono simili ai risultati dello studio che ha analizzato l’autolesionismo nella Regione Nord nel periodo 2012-2016, e il maggior numero di morti registrato è stato nella fascia di età compresa tra 20 e 29 anni, anche mostrandosi alto tra i 15 ei 19 anni e tra i 30 ei 39 anni (PIRES, 2019). Questi dati sono simili a quelli globali, con il suicidio che è la principale causa di morte tra gli individui di età compresa tra 15 e 24 anni in tutto il mondo (SADOCK et al., 2017). Ciò può significare che la città di Macapá ha sperimentato la tendenza regionale e nazionale di aumentare i casi di suicidio tra i giovani (MACHADO e SANTOS, 2015), poiché questa fascia di età sperimenta molte trasformazioni e problematiche nel contesto sociale in cui è inserita.

Il suicidio tra i giovani è aumentato in tutto il mondo e in Brasile negli ultimi decenni, essendo la terza causa di morte in questa fascia di età nel paese. I comportamenti suicidari tra giovani e adolescenti implicano motivazioni complesse, comprese relazioni interrotte (PIRES, 2019), umore depresso, abuso di sostanze, problemi emotivi, familiari e sociali, storia familiare di disturbi psichiatrici, rifiuto familiare, abbandono, oltre all’abuso fisico e sessuale nell’infanzia (ABP, 2014).

Gli autori sottolineano che le fasi dell’adolescenza (12-20 anni) e dei giovani adulti (20-40 anni) configurano periodi di trasformazioni personali e sociali, conflitti derivanti dalla propria età, dove aumentano le responsabilità, le richieste e il bisogno prendere decisioni. Il supporto degli altri, essenziale per un equilibrio emotivo in questa fase della vita, viene quindi lasciato da parte (SEHNEM e PALOSQUI, 2014).

Questi risultati possono anche essere attribuiti all’attuale uso esacerbato di Internet e dei social media nell’infanzia e nella giovinezza, poiché il loro uso sfrenato è correlato a diverse patologie psichiche e ad individui con maggiore vulnerabilità, impulsività e disturbi, oltre all’ansia sociale., bassa autostima, solitudine, bassi livelli di attività fisica, ostilità e comportamento aggressivo, felicità e vitalità meno soggettive e danni alla salute mentale in generale (YOUNES et al., 2016). “Il modo in cui i giovani usano Internet sono mezzi che mettono i giovani a rischio di suicidio” (ESCÓSSIA, 2017).

Per quanto riguarda il meccanismo del tentativo di suicidio, come in diversi studi (AVANCI et al., 2005; LIMA et al., 2019), vi è stata una predominanza di intossicazione esogena come metodo, a differenza dell’epidemiologia nazionale e della regione settentrionale, la cui principale meccanismo è sospeso (PIRES, 2019), analogo ad altri studi (SEHNEM e PALOSQUI, 2014; VIDAL et al., 2014; CUNHA et al., 2016; D’EÇA JÚNIOR et al., 2019). In alcuni casi, è stato registrato anche l’uso di farmaci controllati, oltre a una storia di precedente disturbo psichiatrico. La disoccupazione, la distribuzione e il commercio di farmaci nel Paese e la prescrizione indiscriminata di psicofarmaci possono essere fattori che hanno favorito l’eccessiva esposizione della popolazione ai prodotti chimici (BERNARDES et al., 2010).

Sebbene queste morbilità non siano la maggior parte dei risultati trovati in questo studio, si ritiene che il rischio di comportamento suicidario per tutta la vita sia maggiore quando è associato un disturbo dell’umore, che può aumentare l’ansia (disturbo di panico, disturbo da stress) traumatico) o ridurre la moderazione (disturbi della condotta e antisociali, abuso di sostanze) (VASCONCELOS-RAPOSO et al., 2016; BRASIL, 2017). Un altro studio svedese rafforza che, indipendentemente dal metodo di perpetrazione (impiccagione o auto-avvelenamento), i farmaci antidepressivi e / o antipsicotici sono i più comunemente trovati nei risultati della tossicologia del suicidio (JONES et al., 2013).

La predominanza dell’intossicazione esogena come meccanismo di tentativo è stata riscontrata sia nelle donne che negli uomini, tuttavia differivano per il tipo di sostanza utilizzata, poiché vi era una predominanza dell’uso di farmaci da parte delle donne (MOREIRA et al., 2017), e dei rodenticidi tra gli uomini. Ciò potrebbe essere spiegato dal fatto che c’è un minor grado di intenzionalità tra le donne (DE SOUZA PACHECO et al., 2010). Inoltre, le donne frequentano di più i servizi sanitari, tendono a cercare cure di base ed eseguire più consultazioni rispetto agli uomini (LIMA et al., 2018), il che può portare a diagnosi precoci.

In letteratura, le percentuali di comportamento aggressivo e tassi di mortalità sono più elevate tra gli uomini anche perché, sin dalla giovinezza, le donne tendono a non mostrare questo tipo di comportamento in modo significativo (FALCÃO e OLIVEIRA, 2015), il che si spiega con i diversi ruoli sociali che gli uomini e le donne assumono quotidianamente.

Secondo la letteratura, gli uomini utilizzano metodi più violenti, come l’impiccagione, lo strangolamento e il soffocamento, a causa di una maggiore intenzione suicida, per conoscere informazioni su mezzi più letali e per avere meno problemi di immagine corporea, mentre le donne utilizzano dosi eccessive di quantità pericolose sostanze o autointossicazione farmacologica intenzionale (VIEIRA et al., 2015).

Questi risultati sono confermati dallo studio spagnolo su 180 suicidi, che ha anche mostrato questa differenza tra uomini e donne in relazione ai metodi (AZCÁRATE et al., 2015). Sempre in questa direzione, uno studio ha mostrato che i pazienti iraniani con diagnosi di sovradosaggio e intento suicida erano più frequenti tra le donne, con l’uso di farmaci psicotropi più comune (ZÖHRE et al., 2015).

È interessante notare, in questo studio, che una parte significativa del 31,4% (11/35) delle donne ha utilizzato l’impiccagione nella TS, che può essere chiarita dalla frase: “la forca è il mezzo più tradizionalmente usato da entrambi i brasiliani e da uccidersi ”, nonostante ci siano molte pubblicazioni che non sono d’accordo con questa premessa. Da segnalare anche la significativa percentuale (26,22%) di mancanza di registrazione nella cartella clinica dei mezzi di tentato suicidio e morte per suicidio in entrambi i sessi (MINAYO e CAVALCANTE, 2013).

Secondo i dati ottenuti in questo studio, i Vigili del Fuoco Militari sono stati attivati ​​in due occorrenze e la Polizia Militare in una, il che lascia supporre che il TS coinvolto possa aver avuto aggravamenti maggiori oltre alle condizioni cliniche del paziente, fatto ribadito da problematiche epidemiologiche , geografici e socioeconomici già citati, poiché la maggior parte dei casi si è verificata nella periferia della città. Spicca l’assenza di questo dato in 56 carte (93,44%), il che rende difficoltose le maggiori interpretazioni.

C’è anche la classificazione dei codici di attivazione e spostamento dell’ambulanza. Sono: codice rosso e arancione (3) – massima priorità, emergenza, movimento immediato e veloce, segnalazioni luminose e acustiche accese; codice giallo (2) – priorità media, urgenza, corsa massima di 60 secondi, velocità normale, con segnalazioni luminose accese; e codice verde e blu (1) – priorità bassa, tempo per la corsa massima secondo il regolamento, velocità normale e segnali luminosi accesi (PMC, 2014).

L’inadeguatezza delle registrazioni e il riempimento non accurato degli strumenti di raccolta dati generano sottostima (MACENTE e ZANDONADE, 2010). Il numero di persone che commettono tentativi di suicidio è molto maggiore rispetto ai registri delle notifiche ufficiali (BRANDÃO, 2015), questo fatto può essere chiarito poiché gli operatori sanitari sono ancora conservatori quando si tratta di questo argomento e finiscono per mascherare o non correttamente la registrazione degli eventi, per ragioni religiose, sociali e legali, si aggiunge ad un pregiudizio già fissato sui pazienti psichiatrici e sulle situazioni che li coinvolgono (MINAYO, 1998; BRASIL, 2005). Alcuni studi evidenziano il suicidio come la più suscettibile di sottostima tra le cause esterne (MACENTE e ZANDONADE, 2010).

Inoltre, possono verificarsi altre possibili cause di sottostima: (1) i professionisti non sono consapevoli dell’importanza e delle procedure per la notifica; (2) non conoscere l’elenco delle malattie e delle condizioni soggette a sorveglianza; (3) mancato rispetto della notifica; (4) preoccupazione per la violazione della riservatezza delle informazioni; (5) mancanza di percezione della rilevanza per la salute pubblica delle malattie e delle condizioni sottoposte a sorveglianza (WALDMAN e JORGE, 1999). Inoltre, l’elevata domanda del servizio può deviare le funzioni (DOS SANTOS INÁCIO et al., 2019) e quindi non consentire ai professionisti di avere un tempo adeguato per compilare tali documenti.

La sottostima di una malattia con obbligo di notifica è un’irregolarità che indebolisce il funzionamento del sistema sanitario brasiliano, genera notevoli perdite poiché le malattie sottostimate costituiscono un rischio per la salute della popolazione. La conoscenza di questi e dei loro problemi è indispensabile per la promozione delle azioni di controllo (SOUZA et al., 2006).

È fondamentale, quindi, che la SAMU, data l’impossibilità di effettuare la segnalazione, trasmetta in modo sistematico e organizzato le informazioni relative alle cure fornite all’unità di riferimento, per garantire continuità assistenziale ed evitare rivittimazioni (BRASIL, 2016).

CONCLUSIONI

Sebbene alcuni risultati non siano in accordo con l’epidemiologia descritta nella letteratura nazionale e mondiale, questo studio ha consentito di ampliare la conoscenza delle caratteristiche dei casi di tentativi di suicidio e suicidi consumati avvenuti a Macapá / AP, consentendo così il supporto di professionisti per lavorare su interventi con la popolazione alla ricerca di ridurre le statistiche esistenti.

È interessante notare che il problema della mancanza o notifica di casi di tentativo di suicidio eseguiti in modo insufficiente è un aspetto importante per l’indebolimento delle informazioni epidemiologiche, delle azioni di assistenza in rete e per la realizzazione della territorializzazione e intersettorialità nella salute mentale (BRANDÃO, 2015 ).

Pertanto, si suggeriscono azioni educative e politiche pubbliche che rafforzino al medico e alle squadre di pronto soccorso in generale l’importanza della corretta e completa registrazione delle informazioni, poiché queste si discostano dai dati statistici e dalle risorse per il sistema sanitario, oltre che essere supporto a questi professionisti nei casi di rilevanza giuridica.

Si raccomanda inoltre che i dati urgenti e di emergenza siano utilizzati per preparare una linea di base descrittiva dei servizi sanitari esistenti e dei profili epidemiologici (BRASIL, 2006b), considerando che non esiste ancora uno strumento ufficiale standardizzato per la conservazione delle informazioni sugli eventi frequentati (CABRAL e SUZA, 2008).

RIFERIMENTI

ABP. Suicídio. Suicídio: informando para prevenir.  Brasília DF: CFM/ABP, 2014.

AMAPÁ. A violência doméstica e familiar contra a mulher em Macapá: Relatório estatístico- ano 2018. Macapá AP: Ministério Público: 13 p. 2018.

AMM. Princípios éticos para a pesquisa em seres humanos. Helsinque,  1964.  Disponível em: < https://www.ifgoiano.edu.br/home/images/Documentos/Pesquisa/CEP/DECLARAO-DE-HELSINQUE.pdf >. Acesso em: 21 maio 2020.

AVANCI, R. D. C.; PEDRÃO, L. J.; COSTA JÚNIOR, M. L. D. Perfil do adolescente que tenta suicídio em uma unidade de emergência. Revista Brasileira de Enfermagem, v. 58, n. 5, p. 535-539,  2005.

AZCÁRATE, L.  et al. Características de los suicidios consumados en Navarra en función del sexo (2010-2013). Anales Sis San Navarra, v. 38, n. 1, p. 9-20,  2015.

AZEVEDO, J. M. R.; BARBOSA, M. A. Triagem em serviços de saúde: percepção dos usuários. Revista Enfermagem UERJ, v. 15, n. 1, p. 33-39,  2007.

BACHMANN, S. Epidemiology of suicide and the psychiatric perspective. International journal of environmental research and public health. Germany, v. 15, n. 7, p. 1425,  2018.

BELÚCIO, L. P.  et al. Radiação solar global estimada a partir da insolação para Macapá (AP). Revista Brasileira de Meteorologia, v. 29, n. 4, p. 494-504,  2014.

BERNARDES, S. S.; TURINI, C. A.; MATSUO, T. Perfil das tentativas de suicídio por sobredose intencional de medicamentos atendidas por um Centro de Controle de Intoxicações do Paraná, Brasil. Cadernos de Saude Pública, v. 26, n. 7, p. 1366-1372,  2010.

BRANDÃO, W. L. D. O. Comportamento suicida: sociedade, assistência e relações comportamentais.  Belém PA: Universidade Federal do Pará, 2015.

BRASIL. Impacto da violência na saúde dos brasileiros. Brasília DF: MS 2005.

______. Regulação médica das urgências. Brasília DF: MS 2006a.

______. Prevenção do Suicídio: Manual Dirigido a Profissionais das Equipes de Saúde Mental. Brasília DF,  2006b.  Disponível em: < http://portal.saude.gov.br/portal/arquivos/pdf/manual_prevencao_suicidio_saude_mental.pdf >. Acesso em: 16 set 2009.

______. Manual instrutivo de preenchimento da ficha de notificação/investigação de violência doméstica, sexual e outras violências. Brasília DF,  2008.  Disponível em: < http://portal.pmf.sc.gov.br/arquivos/arquivos/doc/01_03_2010_9.48.45.b08c211d429981fb3856eaf7ec4807b1.doc >. Acesso em: 20 maio 2020.

______. Sistema de Vigilância de Violências e Acidentes (Viva): 2009, 2010 e 2011. Brasília DF: Ministério da Saúde 2013.

______. Protocolos de Intervenção para o SAMU 192 – Serviço de Atendimento Móvel de Urgência. Brasília DF,  2016.  Disponível em: < http://portalarquivos.saude.gov.br/images/pdsamu/2016/outubro/26/livro-avancado-2016.pdf >. Acesso em: 01 jul 2019.

______. Suicídio. Saber, agir e prevenir: Boletim Epidemiológico. Brasília DF,  2017.  Disponível em: < http://portalarquivos2.saude.gov.br/images/pdf/2017/setembro/21/2017-025-Perfil-epidemiologico-das-tentativas-e-obitos-por-suicidio-no-Brasil-e-a-rede-de-atencao-a-saude.pdf >. Acesso em: 24 maio 2020.

CABRAL, A. P. D. S.; SOUZA, W. V. D. Atendimento Móvel de Urgência (SAMU): análise da demanda e sua distribuição espacial em uma cidade do Nordeste brasileiro. Revista Brasileira de Epidemiologia, v. 11, n. 4, p. 530-540,  2008.

CUNHA, F. A.; BAPTISTA, M. N.; CARVALHO, L. D. F. Análise documental sobre os suicídios ocorridos na região de Jundiaí entre 2004 e 2014. Salud & Sociedad, Universidad Católica del Norte, v. 7, n. 2, p. 212-222,  2016.

D’EÇA JÚNIOR, A.  et al. Mortalidade por suicídio na população brasileira, 1996-2015: qual é a tendência predominante? . Cadernos Saúde Coletiva, v. 27, n. 1, p. 20-24,  2019.

DE FRAGA, W. S.; MASSUQUETTI, A.; GODOY, M. R. Determinantes socioeconômicos do suicídio no Brasil e no Rio Grande do Sul. Encontro De Economia Da Região Sul. Santa Catarina: Universidade Federal de Santa Catarina 2016.

DE SOUZA PACHECO, J.  et al. Tentativa de suicídio em mulheres por queimaduras. Revista da Rede de Enfermagem do Nordeste, v. 11, n. 2, p. 152-160,  2010.

DEISENHAMMER, E. A. Weather and suicide: the present state of knowledge on the association of meteorological factors with suicidal behaviour. Acta Psychiatrica Scandinavica, v. 108, n. 6, p. 402-409,  2003.

DOS SANTOS INÁCIO, A.; TOMASI, C. D.; SORATTO, M. T. Demanda de atendimento em urgência e emergência hospitalar. Enfermagem Brasil, v. 17, n. 6, p. 596-605,  2019.

ESCÓSSIA, F. D. Crescimento constante: taxa de suicídio entre jovens sobe 10% desde 2002.  2017.  Disponível em: < https://www.bbc.com/portuguese/brasil39672513 >. Acesso em: 15 ago 2018.

FALCÃO, C. M.; OLIVEIRA, B. K. F. D. Perfil epidemiológico de mortes por suicídios no município de Coari entre os anos de 2010 e 2013. Revista LEVS/UNESP-Marília, v. 15, p. 44-55,  2015.

FRANÇA, I. G. D. Reflexões acerca da implantação e funcionamento de um plantão de emergência em saúde mental. Psicologia: ciência e profissão, v. 25, n. 1, p. 146-163,  2005.

IBGE. Cidades: Macapá, Amapá.  2010.  Disponível em: < http://www.cidades.ibge.gov.br/xtras/uf.php?lang=&coduf=16&search=amapa >. Acesso em: 26 de junho de 2019.

JONES, A. W.; HOLMGREN, A.; AHLNER, J. Toxicology findings in suicides: concentrations of ethanol and other drugs in femoral blood in victims of hanging and poisoning in relation to age and gender of the deceased. Journal of Forensic and Legal Medicine, v. 20, n. 7, p. 842-847,  2013.

JUNIOR, A. F. O comportamento suicida no Brasil e no mundo. Revista Brasileira de Psicologia, v. 2, n. 1, p. 15-28,  2015.

KAWASHIMA, Y.  et al. Prevalence of suicide attempters in emergency departments in Japan: a systematic review and meta-analysis. Journal of affective disorders, v. 163, p. 33-39,  2014.

KLIMKIEWICZ, A.  et al. Suicide attempts during heavy drinking episodes among individuals entering alcohol treatment in Warsaw, Poland. Alcohol and alcoholism, v. 47, n. 5, p. 571-576,  2012.

LAMBERT, G. W.  et al. Effect of sunlight and season on serotonin turnover in the brain. The Lancet, v. 360, n. 9348, p. 1840-1842,  2002.

LESTER, D. Seasonal variation in suicidal deaths. The British Journal of Psychiatry, v. 118, n. 547, p. 627-628,  1971.

LIMA, A. E. F.  et al. Perfil na mortalidade por infarto agudo do miocárdio por idade e sexo no município de Paulo Afonso no estado da Bahia. Revista Rios Saúde, v. 3, n. 1, p. 26-37,  2018.

LIMA, L. C. S.  et al. Análise epidemiológica: óbitos por suicídio no estado de Sergipe. Congresso Internacional De Enfermagem. Sergipe: Universidade Tiradentes: 1-4 p. 2019.

LINS, J. G. M. G.; DE MENEZES, T. A. Luz do Sol e Incidência de Suicídio: Evidências de um Desenho de Regressão Descontínua a Partir do Horário de Verão. Encontro ANPEC–Área 12–Economia Social e Demografia Econômica. Rio de Janeiro RJ: ANPEC 2018.

LOVISI, G. M.  et al. Análise epidemiológica do suicídio no Brasil entre 1980 e 2006. Revista Brasileira de Psiquiatria, v. 31, n. 2, p. 86-93,  2009.

MACENTE, L. B.; ZANDONADE, E. Avaliação da completude do sistema de informação sobre mortalidade por suicídio na região Sudeste, Brasil, no período de 1996 a 2007. Jornal Brasileiro de Psiquiatria, v. 59, n. 3, p. 173-181,  2010.

MACHADO, D. B.; SANTOS, D. N. D. Suicídio no Brasil, de 2000 a 2012. Jornal Brasileiro de Psiquiatria, v. 64, n. 1, p. 45-54,  2015.

MARINHO, I. G.  et al. Fatores de risco para doenças crônicas não-transmissíveis em moradores no entorno de áreas alagadas na periferia de Macapá, Amapá. Brazilian Journal of Health Review, v. 1, n. 1, p. 148-163,  2018.

MARQUES, D. D.  et al. Variação da radiação solar no estado do Amapá: estudo de caso em Macapá, Pacuí, Serra do Navio e Oiapoque no período de 2006 a 2008. Revista Brasileira de Meteorologia, v. 27, n. 2, p. 127-138,  2012.

MENDES, V.; LOPES, P. Hábitos de consumo de álcool em adolescentes. Revista Toxicodependências, v. 13, n. 2, p. 25-40,  2007.

MENEGUEL, S. N.  et al. Características epidemiológicas do suicídio no Rio Grande do Sul. Revista de Saúde Pública, v. 38, n. 6, p. 804-810,  2004.

MINAYO, M. C. D. S. A autoviolência, objeto da sociologia e problema de saúde pública. Cadernos de Saúde Pública, v. 14, n. 2, p. 421-428,  1998.

MINAYO, M. C. D. S.; CAVALCANTE, F. G. Estudo compreensivo sobre suicídio de mulheres idosas de sete cidades brasileiras. Cadernos de Saúde Pública, v. 29, n. 12, p. 2405-2415,  2013.

MOREIRA, R. M. M.  et al. Análise epidemiológica dos óbitos por suicídio. SANARE-Revista de Políticas Públicas, v. 16, n. 1, p. 29-34,  2017.

NEVES, S. R. S. Suicídio e Alienação: a vivência cotidiana da desigualdade e da exclusão social. 2007.  (Mestrado). Universidade Federal do Pará, Belém PA.

NOCK, M. K.  et al. Suicide and suicidal behavior. Epidemiologic reviews, v. 30, n. 1, p. 133-154,  2008.

OMS. Prevención Del suicidio: un imperativo global.  Washington USA: OMS, 2014.   Disponível em: < www.who.int/mental_health/suicide-prevention/es/ >.

OPAS. Informe Mundial sobre la violência y lasalud: resumen.  Washington USA: opas, 2003.

PAPADOPOULOS, F. C.  et al. Exploring lag and duration effect of sunshine in triggering suicide. Journal of affective disorders, v. 88, n. 3, p. 287-297,  2005.

PETRIDOU, E.  et al. A role of sunshine in the triggering of suicide. Epidemiology, v. 13, n. 1, p. 106-109,  2002.

PIRES, A. L. T. P. Quantitativo de óbitos por lesões autoprovadas intencionalmente na Região Norte do Brasil no período de 2012 a 2016.  Macapá AP: UNIFAP, 2019.

PIRES, M. C. D. C.  et al. Estressores na tentativa de suicídio por envenenamento: uma comparação entre os sexos. Trends in Psychiatry and Psychotherapy, v. 34, n. 1, p. 25-30,  2012.

PMC. Campinas: protocolos operacionais normas e rotinas.  Campinas SP: SAMU 192, 2014. 108p.

SADOCK, B. J.; SADOCK, V. A. Compêndio de Psiquiatria: ciência do comportamento e psiquiatria clínica.  Porto Alegre RS: Artmed, 2007.

SADOCK, B. J.; SADOCK, V. A.; RUIZ, P. Compêndio de Psiquiatria: ciência do comportamento e psiquiatria clínica.  Porto Alegre RS: Artmed, 2017.

SANTANA, J. C. B.  et al. Caracterização das vítimas de tentativa de autoextermínio atendidas pelo Serviço de Atendimento Móvel de Urgência (SAMU) no município de Sete Lagoas e região. Bioethikos, v. 5, n. 1, p. 84-92,  2011.

SEHNEM, S. B.; PALOSQUI, V. Características epidemiológicas do suicídio no estado de Santa Catarina. Fractal: Revista de Psicologia, v. 26, n. 2, p. 365-378,  2014.

SOUZA, H. C. D. S.; ARCELINO, L. A. M.; TRINDADE, R. F. C. Doenças de Notificação Compulsória: uma análise dos atendimentos ambulatorias no Hospital Universitário Profº Alberto Antunes (HUPAA).  2006.  Disponível em: < https://uspdigital.usp.br/siicusp/cdOnlineTrabalhoVisualizarResumo?numeroInscricaoTrabalho=2640&numeroEdicao=14 >. Acesso em: 21 ago 2019.

SOUZA, V. D. S.  et al. Tentativas de suicídio e mortalidade por suicídio em um município no interior da Bahia. Jornal Brasileiro de Psiquiatria, v. 60, n. 4, p. 294-300,  2011.

SUOKAS, J.; SUOMINEN, K.; LÖNNQVIST, J. The attitudes of emergency staff toward attempted suicide patients: A Comparative Study Before and After Establishment of a Psychiatric Consultation Service. Crisis, v. 30, n. 3, p. 161-165,  2009.

TREVISAN, E. P. T.; SANTOS, J. A. T.; OLIVEIRA, M. L. F. D. Tentativa de suicídio de mulheres: dados de um centro de assistência toxicológica do Paraná. Revista Mineira de Enfermagem, v. 17, n. 2, p. 412-423,  2013.

VASCONCELOS-RAPOSO, J.  et al. Níveis de ideação suicida em jovens adultos. Estudos de Psicologia, v. 33, n. 2, p. 345-354,  2016.

VEDANA, K. G. G.  et al. Emergency nursing experiences in assisting people with suicidal behavior: A grounded theory study. Archives of psychiatric nursing, v. 31, n. 4, p. 345-351,  2017.

VELOSO, C.  et al. Violência autoinfligida por intoxicação exógena em um serviço de urgência e emergência. Revista Gaúcha de enfermagem, v. 38, n. 2,  2017.

VIDAL, C. E. L.  et al. Perfil epidemiológico do suicídio na microrregião de Barbacena, Minas Gerais, no período de 1997 a 2012. Cadernos Saúde Coletiva, v. 22, n. 2, p. 158-164,  2014.

VIEIRA, L. P.; SANTANA, V. T. P. D.; SUCHARA, E. A. Caracterização de tentativas de suicídios por substâncias exógenas. Cadernos Saúde Coletiva, v. 23, n. 2, p. 118-123,  2015.

WALDMAN, E. A.; JORGE, M. H. D. M. Vigilância para acidentes e violência: instrumento para estratégias de prevenção e controle. Ciência & Saúde Coletiva, v. 4, n. 1, p. 1,  1999.

WASSERMAN, D.  et al. Suicide Prevention Strategies The International Handbook of Suicide Prevention, v. 1, p. 2064-2074,  2005.

WHO. World report on violence and health. Geneva,  2014.  Disponível em: < https://www.who.int/violence_injury_prevention/violence/world_report/en/full_en.pdf >. Acesso em: 26 maio 2020.

YOUNES, F.  et al. Internet addiction and relationships with insomnia, anxiety, depression, stress and self-esteem in university students: A cross-sectional designed study. PloS one, v. 11, n. 9,  2016.

ZÖHRE, E.  et al. Retrospective analysis of poisoning cases admitted to the emergency medicine. Arch Iran Med v. 18, n. 2, p. 117-122,  2015.

ZUPANC, T.  et al. Blood alcohol concentration of suicide victims by partial hanging. Journal of Forensic and Legal Medicine, v. 20, n. 8,  2013.

[1] Studente di medicina. Università Federale di Amapá (UNIFAP).

[2] Studente di medicina. Università Federale di Amapá (UNIFAP).

[3] Biologo, PhD in Teoria e ricerca del comportamento, Professore e ricercatore del Corso di laurea in Educazione professionale e tecnologica (PROFEPT), Istituto Federale di Educazione, Scienza e tecnologia di Amapá (IFAP).

[4] Teologo, PhD in Psicoanalisi Clinica. Ha lavorato per 15 anni con la Metodologia Scientifica (Metodo di Ricerca) nell’Orientamento alla Produzione Scientifica di studenti di Master e PhD. Specialista in Ricerche di Mercato e Ricerche focalizzate sull’area Salute.

[5] Biologo, PhD in Malattie topiche, Professore e ricercatore del Corso di Educazione Fisica presso l’Università Federale del Pará (UFPA).

[6] Medico, Master in Insegnamento e Scienze della Salute, Professore e ricercatore del Corso di Medicina al Campus Macapá, Università Federale di Amapá (UNIFAP).

[7] Biomedico, PhD in Malattie topiche, Professore e ricercatore del Corso di Medicina al Campus Macapá, Università Federale di Amapá (UNIFAP).

Inserito: Giugno 2020.

Approvato: Giugno 2020.

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here