Profilo sociodemografico dell’assistenza infermieristica intensiva e dei suoi rapporti con l’impegno e il workaholism

0
24
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

LIMA, Douglas Bertoloto [1], FREITAS, Clarissa Pinto Pizarro de [2]

LIMA, Douglas Bertoloto. FREITAS, Clarissa Pinto Pizarro de. Profilo sociodemografico dell’assistenza infermieristica intensiva e dei suoi rapporti con l’impegno e il workaholism. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol. 05, pp. 206-220. dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/limpegno-e-il-workaholism

Lo scopo di questo studio era quello di analizzare come le variabili sociodemografiche spiegano i livelli di coinvolgimento e workaholism nel lavoro dei professionisti infermieristici intensivisti. Uno studio esplorativo con approccio quantitativo ai dati è stato adottato come metodo, condotto con un campione non probabilistico di professionisti infermieristici che lavorano in servizi di terapia intensiva per adulti in ospedali pubblici e privati nello stato di Rio de Janeiro. Le analisi descrittive dei partecipanti e le correlazioni di Pearson sono state eseguite tra le variabili esplorate attraverso il Software Statistical Package for Social Sciences versione 19.0. I risultati hanno mostrato che le variabili sociodemografiche erano debolmente correlate o addirittura non correlate all’impegno e al workaholism. Si è concluso che il carico di lavoro settimanale era positivamente correlato ai livelli di retribuzione dei partecipanti, e questo con la loro scolarizzazione. È stato anche osservato che i livelli di istruzione dei professionisti infermieristici intensivisti non hanno stabilito una relazione statisticamente significativa con gli indici di coinvolgimento dei partecipanti.

Parole chiave: Infermieristica, terapia intensiva, impegno, workaholism, Salute sul lavoro.

1. INTRODUZIONE

Nella società di oggi le persone investono un’ampia percentuale del loro tempo dedicato al lavoro, o addirittura si preparano a questo scopo. Il lavoro occupa un posto centrale nella vita degli individui ed è considerato un’attività sana, in grado di fornire alle persone sentimenti di benessere, felicità e soddisfazione, ma il rapporto del lavoratore con il loro lavoro può anche portare a risultati negativi (DUARTE, 2018). I risultati che accadranno al lavoratore possono essere il risultato di due distinti stati di benessere affettivo.

Ci sono state molte denominazioni sul costrutto di benessere dall’inizio degli studi che lo circondano, dagli anni ’60 in su. Felicità, soddisfazione e affetti positivi sono tra le designazioni più comuni che si trovano nella letteratura. Il benessere è legato al modo in cui le persone pensano e a come si sentono riguardo alla loro vita, essendo strutturate da componenti affettive e cognitive. La componente affettiva è legata alle emozioni, come il piacere e il dispiacere, e cognitiva consente all’individuo un’analisi più olistica della sua vita (RYAN et al., 2001). Qui discuteremo due distinte forme di benessere affettivo sul lavoro, impegno e workaholism.

L’impegno è definito come uno stato psicologico positivo in relazione al lavoro, caratterizzato da vigore, dedizione e assorbimento. L’impegno lavorativo è considerato un modo piacevole che le persone sperimentano quando hanno a che fare con il loro lavoro, culminando in migliori prestazioni e risultati organizzativi. I professionisti impegnati sono motivati e con iniziativa per il lavoro e cercano di adattare le difficoltà dell’ambiente di lavoro, qualcosa di essenziale per i professionisti infermieristici che lavorano in ambienti di terapia intensiva (SCHAUFELI, 2017).

Tuttavia, questa dedizione può raggiungere i percorsi di esagerazione, portando l’individuo a una vita incentrata sul lavoro e un maggiore coinvolgimento con l’organizzazione, generando perdite personali. Il termine workaholism è usato per descrivere questo eccessivo coinvolgimento nel lavoro. L’associazione positiva tra burnout e workaholism (ZEIJEN et al., 2018).

La sindrome da burnout è una risposta allo stress professionale cronico, che è caratterizzato da esaurimento emotivo, depersonalizzazione e riduzione dei risultati professionali (SCHAUFELI, 2017). Nel contesto del lavoro infermieristico, i professionisti direttamente coinvolti nella cura del paziente sono i più colpiti da questa sindrome. Burnout e engagement sono considerati concetti opposti e dovrebbero anche essere misurati in modo indipendente (ROTTA et al., 2019). Sulla base di queste affermazioni, l’ipotesi di uno di questo studio è configurata: la variabile sociodemografica “scolarizzazione” sarà positivamente associata ai tassi di coinvolgimento.

Tra gli operatori sanitari, gli operatori infermieristici sono quelli che trascorrono la maggior parte del loro tempo al fianco dei pazienti, essendo presenti e vivendo le situazioni più diverse e complesse. L’eccessivo carico di lavoro settimanale, la scarsità di risorse umane e materiali, le relazioni di conflitto e l’ambiguità dei ruoli, la riduzione della percezione e il supporto sociale sono elencati come gli stressanti più comuni presenti nell’ambiente di lavoro di questi professionisti (FANG, 2017).

Le condizioni di lavoro dei professionisti infermieristici possono essere esaminate sulla falsariga del (Job Demands and Resources Model – JDR). Il modello delle richieste di lavoro e delle risorse propone che gli ambienti di lavoro possano avviare due processi distinti, quello della compromissione della salute e quello della motivazione. Il processo motivazionale inizia con risorse lavorative adeguate, che incoraggiano i dipendenti a raggiungere i propri obiettivi lavorativi. Al contrario, il processo di impegno per la salute inizia con richieste di lavoro costantemente elevate che possono esaurire le risorse energetiche dei dipendenti, portando a fatica e problemi di salute (BAKKER et al., 2017).

L’unità di terapia intensiva è costituita da un ambiente per la permanenza di pazienti gravemente malati che hanno bisogno di professionisti con competenze specifiche. Le prestazioni dei professionisti infermieristici in questo ambiente possono essere ad alto costo emotivo, fisico e psichico, con conseguente individui esausti, meno tolleranti e irritabili (SOUZA et al., 2019).

Uno studio sviluppato in un contesto nazionale ha dimostrato che la forza lavoro infermieristica è relativamente giovane e continua a ringiovanire. I dati affermano che il 40% del numero intervistato ha tra i 36 e i 50 anni e un altro 38% è nella fascia di età tra i 26 e i 35 anni (MACHADO et al., 2016).

L’età è considerata da alcuni autori come un fattore predittivo per il verificarsi del workaholism, associando la giovialità come attributo per favorire l’incapacità di smettere di lavorare. Da questo punto di vista, si suggerisce che il workaholism diminuisce man mano che l’individuo diventa più esperto, si evolve nella carriera o addirittura stabilisce relazioni (ZEIJEN et al., 2018). Queste affermazioni hanno stimolato la creazione della seconda ipotesi proposta: la variabile sociodemografica “età” sarà positivamente associata ai livelli di workaholism.

La giornata lavorativa è qualcosa di inerente alla vita di qualsiasi lavoratore, tuttavia, in alcuni paesi studi dimostrano che il lavoratore infermieristico ha orari di lavoro lunghi, che associati a fattori come la bassa retribuzione aumentano la percezione delle esigenze fisiche ed emotive (OLIVEIRA et al., 2018). Nel corso degli anni sono emerse molte definizioni cercando di concettualizzare workaholism, una buona parte di esse ha cercato di associare questo costrutto esclusivamente al numero eccessivo di ore lavorate settimanalmente.

Più recentemente, il workaholism è stato inteso come un fenomeno psicosociale multiforme, costituito dalle dimensioni del lavoro compulsivo e del lavoro eccessivo, dove il professionista ha difficoltà a smettere di pensare al proprio lavoro o anche ad allontanarsene fisicamente (SCHAUFELI, 2017).

I professionisti workaholics non possono resistere all’impulso compulsivo di lavorare, a differenza dei lavoratori impegnati, che percepiscono il lavoro come stimolante e gioioso (ROTTA et al., 2019). Questo scenario ha dato origine alla terza ipotesi esplorata: la variabile sociodemografica “carico di lavoro settimanale” non stabilirà associazioni statistiche significative con i livelli di workaholism e coinvolgimento.

Sebbene la sua importanza sia riconosciuta, si nota che c’è una scarsità di studi su questo argomento che coinvolgono professionisti infermieristici intensivisti, specialmente nello scenario nazionale. E di fronte a questa realtà, ci chiediamo: c’è un rapporto tra caratteristiche sociodemografiche e livelli di benessere nel lavoro dei professionisti infermieristici intensivisti?

Alla luce di questi problemi, lo scopo di questo studio era quello di analizzare come le variabili sociodemografiche spiegano i livelli di coinvolgimento e workaholism nel lavoro dei professionisti infermieristici intensivisti.

2. METODO

Si tratta di uno studio esplorativo, con un approccio quantitativo, condotto con un campione non probabilistico di professionisti infermieristici che lavorano nei servizi di terapia intensiva per adulti di ospedali pubblici e privati, situati nella città di Rio de Janeiro e nella regione metropolitana dello Stato di Rio de Janeiro. I soggetti della ricerca erano 122 professionisti infermieristici – infermieri, tecnici e assistenti infermieristici.

Al gruppo di professionisti è stato effettuato l’accesso con il metodo di raccolta dei dati di persona e online. A tutti coloro che sono stati avvicinati di persona è stato offerto il modulo di consenso informato (TCLE). Dopo la firma, i partecipanti hanno avuto accesso al questionario sociodemografico e di lavoro e alle due scale. La collezione online è stata eseguita tramite il sito Web “Survey Monkey” e ha seguito gli stessi requisiti.

Le procedure etiche sono state eseguite ai sensi della risoluzione 196 del Consiglio nazionale della sanità (Ministero della Salute, 1996), per quanto riguarda la ricerca con gli esseri umani. Il presente studio è stato valutato sotto l’opinione dell’Università Salgado de Oliveira con il numero 2,998,481 e CAEE: 00379718.9.1001.5289.

Nella raccolta dei dati sono stati applicati:

a) Questionario sociodemografico e del lavoro. Questo strumento ha studiato le informazioni sociodemografiche e lavorative di professionisti, come sesso, età, stato civile, istruzione, rapporto di lavoro, carico di lavoro settimanale, retribuzione, tra gli altri dati;

b) Nella valutazione dei livelli di workaholism, è stata utilizzata la  Dutch Workaholism Scale (DUWAS-10); La scala valuta l’aggiunta al lavoro nelle sue due dimensioni principali, Compulsive Work (TC) e Excessive Work (TE). In totale, si compone di 10 elementi valutati da una scala likert; La Dutch Workaholism Scale (DUWAS-10), nel contesto brasiliano, è stata adattata da VASQUEZ et al., (2018). L’analisi della versione ridotta DUWAS-10 suggerisce che sia la struttura unidimensionale (Addition) (c2 (gl) = 207.60 (35); p <0.001; CFI = 0.93; TLI = 0.91; RMSEA (90% CI) = 0,09 (0,08 – 0,10)) o due fattori obliqui (Lavoro eccessivo e Lavoro compulsivo) sono adeguati (2 (gl) = 169,68 (34); p <0,001; CFI = 0, 94; TLI = 0,93; RMSEA (90% CI ) = 0,08 (0,07 – 0,10)

c) I livelli di coinvolgimento sono stati valutati utilizzando la Utrecht (Utrecht Work Engagement Scale) (UWES). UWES ha 17 elementi distribuiti nelle tre dimensioni dell’impegno: vigore (6 elementi), dedizione (5 elementi) e assorbimento (6 elementi). Il questionario riceve una risposta su una scala Likert a sette punti (0 = Mai /, da non una volta a 6 = Sempre, ogni giorno). Gli indici di consistenza interni della versione originale del questionario erano adeguati (Vigore, α = 0,80; Dedizione α = 0,91 e Assorbimento α = 0,7), (SCHAUFELI et al., 2002).

Nella procedura di analisi dei dati, è stato eseguito con l’aiuto del Statistical Package for Social Sciences – SPSS, versione 19.0, ed è stata effettuata un’analisi descrittiva della natura esplorativa al fine di valutare la distribuzione degli articoli, i casi omessi e l’identificazione degli estremi. Abbiamo analizzato la possibile esistenza di sottogruppi o alcune specificità tra i partecipanti e l’analisi delle frequenze attraverso l’istogramma di frequenza per identificare le caratteristiche e la distribuzione dei dati. La deviazione standard e i mezzi sono stati calcolati anche per identificare il comportamento complessivo del campione.

Al fine di comprendere le relazioni tra le dimensioni delle variabili e tra le variabili stesse, è stata eseguita la correlazione di Pearson. L’incrocio di queste relazioni è avvenuto tra le dimensioni del vigore, della dedizione e dell’assorbimento dell’impegno, le dimensioni del lavoro eccessivo e del lavoro compulsivo di workaholism.

3. RISULTATI

Una percentuale più alta di individui (38,5%; n = 47) ha un’età compresa tra i 27 ei 37 anni. È stato osservato che il 36,0% (n = 44) sono infermieri, il 57,3% (n = 70) tecnici infermieristici e il 6,6% (n = 8) assistenti infermieristici. Il totale del 60% (n = 73) dei lavoratori ha dichiarato di avere fino a 10 anni di professione, il 56,6% (n = 69) ha dichiarato di non avere altro lavoro. C’era una prevalenza di professionisti che affermavano di lavorare tra le 40 e le 50 ore settimanali. Una percentuale più alta di individui aveva un’istruzione secondaria. Alcuni risultati delle caratteristiche sociodemografiche sono riportati nella tabella 1.

Tabella 1 – Caratteristiche dei professionisti infermieristici che partecipano allo studio. Rio de Janeiro, 2019.

Variabili N %
Sesso

Donna

Uomo

84

38

68,9

31,1

Stato civile

Singolo

Sposato

Divorziati/vedovi

45

47

30

36,9

38,5

24,6

Scuola

Livello tecnico

Laureato

Esperto

Master

32

42

23

01

45,9

34,4

18,9

0,8

Categoria

Infermiera

Tecnico infermieristico

Assistente infermieristico

44

70

08

36,0

57,3

6,6

Continua a studiare

No

Non hanno risposto

32

69

21

26,2

56,6

17,2

Carico di lavoro settimanale

Tra le 30 e le 35 ore

Tra le 35 e le 40 ore

Tra le 40 e le 50 ore

Più di 60 ore

37

21

47

10

30,3

17,2

38,5

9,0

Remunerazione

1-2 salario minimo

2-3 salario minimo

3-4 salario minimo

55

24

14

45,1

19,7

11,5

Fonte: Elaborazione degli autori.

La variabile sociodemografica “scolarizzazione” ha mostrato una correlazione debole e negativa con i livelli di coinvolgimento dei partecipanti (r = – 0,21; p> 0,05). Gli indici workaholism, sebbene medi (M = 1,9; SD = 0,5), non hanno mostrato una correlazione statisticamente significativa con la variabile sociodemografica “Età”, come dettagliato nella Tabella 2. La variabile sociodemografica “carico di lavoro settimanale” non ha stabilito una relazione statisticamente significativa con le variabili del benessere affettivo workaholism e del coinvolgimento.

Tabella 2. Correlazioni tra variabili sociodemografiche e lavorative.

M Dp 1 2 3 4 5 6
1 -Età 34,2 8,3
Due C.H.S. Altri progetti==== 44,5 1,2 0,21**
3-Scolarizzazione 2,9 0,9 0,29** 0,05
4-Retribuzione 2,4 1,8 0,21** 0,31** 0,66**
5-Impegno 3,3 2,9 0,04 0,04 – 0,21** 0,36**
6-Workaholism 1,9 0,5 -0,01 0,01 0,06 0,05 -0,01 0,03

Note: ** p < 0,001; * p > 0,05. C.H.S= carico di lavoro settimanale.

Fonte: Elaborazione degli autori.

4. DISCUSSIONE

Dei 122 partecipanti a questo studio, il 36,0% (n= 44) esercita la professione infermieristica, ma 65 (52,0%) i partecipanti hanno dichiarato di avere un’istruzione a livello universitario, specialistico o master. Questo fatto dimostra che gran parte dei professionisti tecnici infermieristici sono qualificati al di sopra delle esigenze richieste per il loro ruolo.

L’impegno è considerato uno stato d’animo positivo, soddisfacente e legato al lavoro, che comporta l’impegno e l’allineamento del professionista con l’ambiente e l’attività lavorativa. È uno stato di benessere affettivo, persistente e completo, di natura motivazionale e sociale, caratterizzato da tre dimensioni: Vigore, Assorbimento e Dedizione (SCHAUFELI, 2017).

In questo studio, è stato osservato che i mezzi di questo costrutto erano alti (M=3.3; DP=2,90), considerando l’intero set di professionisti partecipanti. Alla luce di questi valori e del fatto di un’associazione debole e negativa tra le variabili esplorate, possiamo dedurre che l’impegno nei professionisti infermieristici intensivisti non è fortemente determinato dalla loro qualifica, che non consente di confermare l’ipotesi uno di questo studio. In un segmento professionale in cui i professionisti di medio livello rappresentano la maggior parte del numero di lavoratori, questo risultato mostra un potenziale guadagno, dato tutto l’impegno e il coinvolgimento con il lavoro dei partecipanti.

Allo stesso tempo, vi è stata una forte e positiva associazione tra gli indici scolastici e retributivi (r=0,66; p > 0,05). I professionisti infermieristici percepiscono che, mentre cercano una maggiore qualificazione, sorgono nuove sfide e opportunità, il che si traduce in maggiori guadagni salariali.

All’interno dell’ospedale, le unità di cura hanno caratteristiche specifiche, che variano a seconda del tipo di cura eseguita, del profilo dei pazienti e della loro durata di dea permanenza. Il contesto della terapia intensiva richiede elevate prestazioni da parte dei professionisti infermieristici, che possono comportare un maggiore coinvolgimento con il lavoro, indipendentemente dalla loro posizione (OLIVEIRA et al., 2018).

I lavoratori impegnati lavorano e agiscono in modo proattivo, sono focalizzati sugli obiettivi che intendono raggiungere e sono in linea con ciò che è buono per l’organizzazione e i suoi clienti. Di solito sono persistenti, anche se il lavoro non segue secondo i piani (BAKKER et al., 2017).

Una percentuale più elevata di partecipanti ha riferito di avere tra i 27 e i 37 anni (n= 47; 38,5%), una percentuale approssimata a uno studio nazionale che ha verificato il profilo sociodemografico dell’infermieristica brasiliana (MACHADO et al., 2016). In questa fase della vita lavorativa, gli individui sono in piena attività delle loro funzioni cognitive, tecniche e pratiche, svolgendo un ruolo importante nel mercato del lavoro ed essendo disposti a lavorare per lunghe ore e periodi. Tuttavia, i nostri risultati non ci permettono di confermare la seconda ipotesi proposta, che prevedeva che il workaholism sarebbe stato più diffuso in questa fascia d’età.

Un recente studio nazionale ha valutato l’età dei professionisti infermieristici e la loro associazione con i tassi di coinvolgimento lavorativo e ha rivelato che i professionisti di età compresa tra 34 e oltre 40 anni si sono dimostrati più coinvolti. (GARBIN et al., 2019). In analisi parallela, la Abbiamo osservato che il 62,5% (n= 30) dei professionisti di età compresa tra i 37 e i 37 anni ha dichiarato di aver continuato a studiare, cercando livelli di istruzione più elevati.

Questo panorama, associato agli alti livelli di coinvolgimento riscontrati in questo studio, aiuta a capire questo gruppo di intensivisti come coinvolti e non come workaholics, poiché giustificano il loro maggiore impegno a lavorare alla ricerca di stipendi migliori. workaholism è caratterizzato dalla costrizione o dal bisogno incontrollabile di lavorare incessantemente, tuttavia, questo bisogno non è soddisfatto o diretto a guadagni materiali. workaholism è un fenomeno psicosociale relativamente recente, ma con conseguenze molto negative per la salute del lavoratore (ZEIJEN et al., 2018).

La variabile sociodemografica “carico di lavoro settimanale” non ha stabilito una relazione statisticamente significativa con le variabili di risultato workaholism e engagement, corroborando l’ipotesi 3 del presente studio. Concettualmente, il carico di lavoro settimanale è il numero di ore risultanti dalla somma delle ore lavorative nei giorni feriali (BRASIL, 1988). Esiste una regola stabilita di 08 ore al giorno, entro 44 ore settimanali, ed eventuali riduzioni dovrebbero essere osservate per contratto.

Si noti che il Consiglio federale dell’assistenza infermieristica (Cofen), con la risoluzione n. 293/2004, ha regolamentato una giornata lavorativa settimanale di 36 ore per le attività di assistenza e 40 ore settimanali per le attività amministrative. Negli ultimi 20 anni questa categoria ha lottato per un massimo di trenta ore settimanali, intorno al conto n. 2.295/2000 (OLIVEIRA et al., 2018).

In effetti, ciò che abbiamo fatto nell’interrogatorio sociodemografico e del lavoro di questo studio è stato indagare il carico di lavoro settimanale dei professionisti infermieristici che lavorano nei servizi di terapia intensiva. Si è constatato che, in media, il 38,5% (n= 47) dichiarava di lavorare tra le 40 e le 50 ore settimanali e il 9% (n=10) oltre le 60 ore settimanali. Sottolineiamo che questa giornata lavorativa totale segnalata, che non menziona né include gli straordinari lavorati all’interno degli stessi istituti ospedalieri, si riferisce solo ai contratti di lavoro ufficiali in vigore.

Negli ultimi 40 anni sono emerse alcune definizioni di workaholism, che hanno limitato il fenomeno a coloro che lavorano più di 50 ore alla settimana. Considerando che il lavoro contemporaneo è caratterizzato dalla competitività e dalla partecipazione dei lavoratori, è evidente che gran parte della forza lavoro infermieristica potrebbe inserirsi perfettamente in questa definizione.

Tuttavia, considerando esclusivamente il numero di ore lavorate è inadeguato, poiché il rapporto dell’individuo con il lavoro è più rappresentativo di questo, e il workaholism si è dimostrato un fenomeno multifattoriale complesso (ZEIJEN e altri, 2018). Le richieste di lavoro per i professionisti infermieristici nel contesto della terapia intensiva sono molteplici e sono coinvolte nel prendere molte decisioni rapide, osservare continuamente i pazienti e spesso prendersi cura dei familiari con esigenze emotive (SANTOS et al., 2007).

Workaholics investe molto impegno nel proprio lavoro, sia fisico che psicologico, il che li lascia con meno risorse da dedicare alle loro famiglie, con conseguenti sacrifici nella loro vita personale. Nella pratica professionale, workaholism è associato come potenziale predittore della sindrome da Burnout (ZEIJEN et al., 2018).

Di solito questo processo deriva da uno sforzo aggiuntivo sul lavoro, in cui il dipendente impiega quantità eccessive di energia, e questa risposta può variare da individuo a individuo. In ambienti di lavoro critici come la terapia intensiva, gli infermieri cercano di svolgere funzioni che cercano di fare del loro meglio, a volte anche l’esaurimento, per raggiungere gli obiettivi necessari e fornire cure di qualità (CRUZ et al., 2008).

Vale la pena ricordare che le variabili sociodemografiche “carico di lavoro settimanale” e “retribuzione” stabiliscono una relazione statisticamente positiva e significativa (r = 0,31; p> 0,05). Questa condizione mostra che i professionisti infermieristici cercano salari migliori a scapito di un aumento significativo e degradante del carico di lavoro settimanale, come riportato da altri studi condotti nel contesto nazionale (MACHADO et al.; 2016; OLIVEIRA et al., 2018). Questi risultati riaffermano la svalutazione dei professionisti infermieristici, anche in uno scenario circondato da specificità e necessità di specializzazione come in terapia intensiva (OLIVEIRA et al., 2018; SILVA et al., 2013).

I professionisti infermieristici riconoscono l’ambiente ospedaliero come un luogo in cui è necessario tenere sotto sorveglianza e cura vite fragili e che per questo, le conoscenze tecniche, le abilità e le competenze associate al controllo emotivo sono essenziali per mantenere queste vite. Nelle unità critiche, come i servizi di terapia intensiva, alcuni fattori sono comunemente segnalati come sfavorevoli nei processi di lavoro, come allarmi emessi da monitor cardiaci, pompe per infusione e ventilatori meccanici, conversazioni rumorose nei corridoi, porte apribili e chiuse violentemente e caduta di oggetti, oltre al traffico eccessivo di persone nell’unità (SANTOS et al. , 2007). Questi fattori possono aumentare la domanda di lavoro dei professionisti infermieristici che lavorano nei servizi di terapia intensiva.

Dal punto di vista concettuale, va notato che esiste un’importante differenza tra domanda e carico di lavoro settimanale. Le richieste di lavoro ritraggono gli aspetti fisici, psicologici, organizzativi e sociali dell’ambiente di lavoro e denotano l’impegno fisico psicologico e cognitivo e /o lo sforzo, pertanto sono associate ai costi per i dipendenti (BAKKER et al., 2017).

Le caratteristiche del lavoro infermieristico stesso richiedono molteplici esigenze, derivanti dalla complessità delle cure fornite, dall’ambiente di lavoro stesso e dalle esigenze derivanti sia dalla fornitura di assistenza ai pazienti che dall’ospedale stesso. Pertanto, abbiamo stabilito una limitazione di questo studio, poiché le caratteristiche delle richieste di lavoro dei professionisti infermieristici intensivisti non sono state esplorate, non permettendo loro di essere associate alle variabili analizzate.

5. CONCLUSIONE

Lo scopo di questo studio era quello di analizzare come le variabili sociodemografiche spiegano i livelli di coinvolgimento e workaholism nel lavoro dei professionisti infermieristici intensivisti. È stato osservato che la scolarizzazione, l’età e il carico di lavoro settimanale degli studenti non stabilivano relazioni statisticamente significative con le variabili di risultato esplorate.

Tuttavia, alcune associazioni in parallelo erano statisticamente significative e devono essere valutate al fine di preservare la salute degli operatori infermieristici nei servizi di terapia intensiva. La scolarizzazione non era positivamente correlata ai livelli di coinvolgimento, ma era positivamente associata al carico di lavoro settimanale, e questo a sua volta con i livelli retributivi. Questo ci ha portato a capire che i professionisti lavorano più a lungo in cambio di un salario di sussistenza, riducendo il loro tempo libero e la vita familiare e sociale.

Questo contesto evidenzia la necessità di dare valore al professionista infermieristico intensivo nel mercato del lavoro. Si comprende, quindi, che la definizione giuridica di una giornata lavorativa settimanale di trenta ore può rafforzare la scienza infermieristica e anche preservare la salute di questi professionisti.

Sebbene presentava livelli mesali, il workaholism non era associato all’età dei partecipanti, un fattore positivo date le caratteristiche del campione in questione. Tuttavia, è stata percepita la necessità di esplorare e differenziare concettualmente le richieste settimanali del carico di lavoro. Ciò suggerisce nuove ricerche in questo campo. Nessuna associazione è stata percepita tra impegno e workaholism, il che rafforza l’idea di costrutti distinti.

Il progresso delle conoscenze scientifiche in questo campo può essere un pilastro con l’obiettivo di offrire, in futuro, un predominio sulle politiche pubbliche che mirano a migliorare la salute dei lavoratori. Riteniamo che gli obiettivi di questo studio siano pienamente raggiunti e che contribuisca nella letteratura scientifica a una migliore comprensione del fenomeno emergente del workaholism e ad aggiungersi ad altri esistenti riguardanti il ​​costrutto del coinvolgimento.

6. RIFERIMENTI

AZEVEDO, Bruno Del Sarto; NERY, Adriana Alves; CARDOSO, Jefferson Paixão. OCCUPATIONAL STRESS AND DISSATISFACTION WITH QUALITY OF WORK LIFE IN NURSING. Texto contexto – enferm., Florianópolis , v. 26,n. 1, e3940015,  2017 .  Available from <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0104-07072017000100309&lng=en&nrm=iso>. access on 08 Oct. 2020. puMar27, 2017.

BAKKER, Arnold; DEMEROUTI,  Evangelia. Job Demands–Resources Theory: Taking Stock and Looking Forward. Journal of Occupational Health Psychology, 2017. Vol. 22, (3), 273–285

BANDURA, Albert.  Self-efficacy: the exercise of control. 1997, New York: W.H. Freeman

BRASIL. Constituição federal (1988). Constituição da República Federativa do Brasil. Brasília, DF: Senado, 1988

CAMELO, Henriques; SILVA, Vânea Lúcia dos Santos; LAUS, Ana Maria; & CHAVES, Luciele Dias Pedreschi. Perfil profissional de enfermeiros atuantes em unidades de terapia intensiva de um hospital de ensino. Ciencia y enfermeria, 2013.19(3), 51-62

CARLOTTO, Mary Sandra. Adição ao trabalho e relação com fatores de risco sociodemográfi cos, laborais e psicossociais. Psico-USF, 2011. 16(1), 87-95.

CRUZ, Elisa; SOUZA, Norma Valéria Dantas Oliveira. Repercussão da variabilidade na saúde do enfermeiro intensivista. Revista eletrônica de enfermagem, 2008 . 18(1):1102–13.

DUARTE, Maria de Lucia Custódio; GLANZENR Cecília Helena; PEREIRA LETÍCIA PASSOS. O trabalho em emergência hospitalar: sofrimento e estratégias defensivas dos enfermeiros. Revista Gaúcha de Enfermagem, 2018; 39: e2017-0255.

FANG, Ya Xuan. Burnout and work-family conflict among nurses during the preparation for reevaluation of a grade a tertiary hospital. Chinese Nursing Research, 2017.4(1), 51-55.

GARBIN, Keiti et al. A Idade como Diferencial no Engagement dos Profissionais de Enfermagem. Psic.: Teor. e Pesq., Brasília , v. 35 e35516,  2019 .  Available from 37722019000100615&lng=en&nrm=iso>.

LACCORT, Alessandra de Almeida; DE OLIVEIRA, Grasilela Backer. A importância do trabalho em equipe no contexto da enfermagem. Revista Uningá REVIEW, [S.l.], v. 29, n. 3, mar. 2017. ISSN 2178-2571.

MACHADO, Maria Helena et al. Mercado de trabalho em enfermagem no âmbito do SUS: uma abordagem a partir da pesquisa Perfil da Enfermagem no Brasil. Divulgação Saúde Debate, 2016.56: 52-69.

OLIVEIRA, Bruno Luciano Carneiro Alves de; SILVA, Alécia Maria da; LIMA, Sara Fiterman. Carga Semanal de Trabalho Para Enfermeiros no Brasil: Desafios para o exercício da profissão. Trab. educ. saúde, Rio de Janeiro, v. 16, n. 3,p. 1221-1236, Dec. 2018

OLIVEIRA, Lucia Barbosa de; ROCHA, Juliana da Costa. Engajamento no trabalho: antecedentes individuais e situacionais e sua relação com a intenção de rotatividade. Rev. bras. gest. Neg., São Paulo, v. 19, n. 65p. 415-431, Sept. 2017 .

ROTTA, Daniela Salgagni et al., Engagement of multi-professional residents in health. Rev Esc Enferm USP. 2019;53:e03437.

SANTOS, José Luiz Guedes et al., Ambiente de Trabalho do Enfermeiro na Divisão de Enfermagem Materno-Infantil de um Hospital Universitário. Revista de Enfermagem do Centro-Oeste Mineiro. 2018;8: e 2099.  doi: https://doi.org/10.19175/recom.v7i0.2099

SANTOS, Luciana Soares Costa; GUIRARDELLO, Edinêis de Brito. Demandas de atenção do enfermeiro no ambiente de trabalho. Revista Latino-americana de Enfermagem, 2007.  janeiro-fevereiro; 15(1).

SCHAUFELI, Wilmar. Applying the Job Demands-Resources model: A How to guide measuring and tackling work engagement and burnout. Organizational Dynamics, 2017.46 (2).120-127.

SCHAUFELI, Wilmar; SALANOVA, Maria; GONZALEZ-ROMÁ Vicent, BAKKER, Arnold. The measurement of engagement and burnout: A two sample confirmatory factor analytic approach. Journal of Happiness studies, 2002; 3(1), 71-92.

SILVA, Rômulo Botelho et al., Qualidade da assistência de enfermagem em unidade de terapia intensiva de um hospital escola. Revista Gaúcha de Enfermagem, 2013;34(4):114-120.

VAZQUEZ, Ana Claudia Souza et al. Evidências de validade da versão brasileira da escala de workaholism (DUWAS-16) e sua versão breve (DUWAS-10). Avaliação psicológica, Itatiba, v. 17,n. 1,p. 69-78, 2018 .

VIANA, Renata Andrea Pietro Pereira et al. Perfil do enfermeiro de terapia intensiva em diferentes regiões do Brasil. Texto contexto – enferm., Florianópolis , v. 23,n. 1,p. 151-159, Mar. 2014 .

ZEIJEN, Marijntje; PEETERS Maria & HAKANEN, Jari. Workaholism versus work engagement and job crafting: What is the role of self-management strategies? Human Resource Management Journal; 2018, 28:357–373. doi.org/10.1111/1748-8583.

[1] Laurea magistrale in Psicologia Sociale presso l’Università Salgado de Oliveira; Master in Terapia Intensiva di Ibrati; Specialista in Infermieristica Medica – Intensiva; Specialista in infermieristica oncologica; laureato in Infermieristica.

[2] Consulente di orientamento. Dottorato di ricerca in Psicologia.

Inviato: novembre 2020.

Approvato: dicembre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here