Dengue: conoscenza per far fronte nel contesto neoliberale

0
1831
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/saude/dengue-contexto-neoliberal
PDF

OLIVEIRA, Euzébio de [1], CARLOS NETO, Daniel [2], DENDASCK, Carla Viana [3]

OLIVEIRA, Euzébio de; CARLOS NETO, Daniel; DENDASCK, Carla Viana – Dengue: conoscenza per far fronte nel contesto neoliberale – Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center – Vol. 2. Anno. 1. Maggio. 2016, pp. 96-105- ISSN:0959-2448

Il contesto neoliberale fornisce professionisti provenienti da vari campi sfide quotidiane e costante agli operatori sanitari, la sfida è legata direttamente alla vita, che in molti casi può significare vita così accumulato, come nel caso di qualsiasi patologia che tendenza a trasformare in epidemie, pandemie. In questo contesto, la lotta contro la dengue è diventata una delle maggiori sfide per la società, chiedendo che da operatori sanitari come i ricercatori e anche la stessa popolazione di allestimento nell’affrontare questo da arbovirus, poiché nessun vaccino è stato trovato in grado di negare i suoi effetti. Così, questo articolo porta nel suo ambito, attraverso una revisione della letteratura, alcuni aspetti di febbre di febbre rompiossa che deve essere rivolto alla società, alla ricerca della conoscenza e strategie di coping di questo da arbovirus.

Parole chiave: Arbovirus. Febbre dengue. Aedes Aegypti.

INTRODUZIONE

Fin dall’inizio del 20 secolo la zanzara Aedes aegypti è considerata uno di importanza per la salute pubblica globale, principalmente a causa del fatto che zanzara viene considerato come un vettore di diverse malattie, tra cui febbre gialla, una malattia che è diventato un’epidemia nel contesto nazionale all’inizio di quel secolo, come pure, Zika e Chikungunya (LIMA-CAMARA; URBINATTI; CHIARAVALLOTI-NETO, 2016).

All’inizio del XX secolo, la conoscenza circa gli effetti, cause e conseguenze, è stato responsabile per quasi estinguere la malattia nel paese e prevenire una pandemia. Tuttavia, la negligenza delle autorità pubbliche e la popolazione, incrementato a che ancora una volta questo arbovirus è tornato a tormentare la salute del Brasile, portando altre malattie che ha dimostrato ogni giorno più presente, e in modo allarmante, con i loro piccoli effetti di conoscenza, grazie alla sua capacità di mutare, come sarà dimostrato nel corso di questo studio.

Il primo caso di febbre di febbre rompiossa registrato in Brasile, ha avuto luogo durante l’anno 1982 nella città di Boa Vista in Brasile, dal momento che il tasso di infezione è aumentato esponenzialmente. Dal 1990 fino al 2011 sono stati registrati 12, 363, 690 casi su tutto il territorio nazionale (agnello, et. Al. 2012).

Oggi non solo le Americhe, ma in tutto il mondo, il Brasile è il paese con più casi di febbre Dengue, raggiungendo il 70% del numero di casi registrati nelle Americhe. Rio de Janeiro è una delle città dove ci sono più casi della malattia in tutto il paese, la prima epidemia di Dengue in questa città era durante l’anno 1986, allora poi le epidemie sono diventate regolari (GIBSON, et. Al. 2014).

Negli anni ‘ 70 la lotta contro la Dengue è diventato contrassegnato nella lotta contro la zanzara, Aedes aegypti. Questo è accaduto nella maggior parte dei paesi delle Americhe. Tuttavia, la mancanza di manutenzione o dell’abbandono dei programmi effettuata la zanzara infestazioni accadere nuovamente in questi paesi (CASTRO-OROZCO; ALVIS-GUZMÁN; GOMEZ-ARIAS, 2015).

In assenza di vaccini per la febbre Dengue come un modo per prevenire la contaminazione da virus, l’alternativa più efficace è la lotta contro la zanzara, Aedes aegypti, soprattutto i giovani, affinché non crescono e non giocare. Tuttavia queste zanzare ancora perpetuano (BARRERA, 2015).

Anche se alcune campagne sono sorte al fine di educare la popolazione, sembra che il brasiliano è c’è una grande battaglia, cui fine sembra ancora non vengono visualizzati. Sostiene che derivano molti studi che si concentrano sul miglioramento delle conoscenze generali su questo da arbovirus, sia nella comunità accademica, medica, scientifica, politica pubblica, come, credendo di essere la conoscenza l’unica strategia per affrontare questo da arbovirus.

ASPETTI GENERALI

La febbre dengue è una malattia febbrile causata da flavivirus e arbovirus presenti è una delle regioni più tropicale. Il trasmettitore principale del vettore di malattia è la zanzara Aedes aegypti, questa zanzara ha una grande capacità di adattarsi facilmente alle regioni urbane, dove la maggior parte della popolazione (GORZONI, Milton Luiz; MASSAIA, 2010).

Questa malattia può essere considerata una delle malattie con la più grande e più rapida diffusione nel mondo. Negli ultimi 50 anni loro proliferazione aumentata di circa 30 volte, con un’espansione geografica che comprende decine di paesi principalmente il sottosviluppato, e ogni anno viene i nuovi paesi (SPULVEDA-SALCEDO; et. Al. 2015).

Il virus Dengue (DENV) è un ribovirus, IE, è composto da RNA, è un membro della famiglia flaviridae, in cui egli ha quattro sierotipi, di questi sierotipi sono tenuti tutti i quattro ceppi del virus (DENV-1, 2, 3,4). Il suo genoma è una catena di RNA positiva, in che codifica tre proteine strutturali (Capside, prM e wrapping) e sette proteine non strutturali (NS1, NS2a, NS2b, NS3, NS4a, NS4b e NS5) (CASTRO; PINZÓN; ALVIS-GUZMAN, 2015).

Se si guarda in una prospettiva storica, globalizzazione è un processo che ha portato con sé molte conseguenze sociali, tra i quali il flusso internazionale di persone provenienti da tutto il mondo, che non è una brutta cosa, ma in incontrollato e non regolamentata ha di conseguenza anche il flusso di virus e batteri patogeni (SANABRIA-ROJAS, 2015).

Questa malattia resistente può manifestarsi con vari sintomi, quali febbre anormale, febbre accompagnata con mal di testa, dolore severo con disagio, dolore osteo-mi-eruzioni cutanee, dolore alle articolazioni, leucopenia, sanguinamento, shock ipovolemico, trombocitopenia, nausea e vomito tractos digestivi (PEREIRA, et. Al. 2015).

Questa forte resistenza di virus e vettori, Dengue è uno dei principale artropodi malattia nel mondo, si stima che ogni anno si verificano circa 50 di 100.000.000 di infezioni, con una fatalità e tasso di mortalità di fino a 5% delle infezioni totale (VERA; et. Al. 2010).

Attualmente, l’aumento dei focolai e focolai di febbre Dengue è diventata una preoccupazione di sanità pubblica in tutto il mondo. Sì, circa 3,5 miliardi di persone, questo numero rappresenta il 55% della popolazione del mondo, distribuita in 124 paesi, sono esposti alla contaminazione da virus Dengue, che ha un’aspettativa di contaminazione annuale oltre 100.000.000 (NUZAIHAN, n. m. m.; et al 2016).

Che rende l’arbovirus Dengue con l’incidenza più alta nel mondo. Febbre rompiossa ha 4 sierotipi che causano la malattia (DENV-1, 2, 3, 4), che sono trasmessi da suo suddetto vettore zanzara Aedes aegypti e Aedes albopictus. Maggior parte dei casi di infezione della malattia, modo asintomatico, accadere a causa di questo individuo che ha contratto che il virus di solito cerca aiuto medico solo quando i sintomi si manifestano, che rende il trattamento (REY-costoso; VILLAR-CENTENO, 2012).

Arbovirus generalmente adattarsi meglio nelle regioni tropicali, nel caso del Brasile sono fattori aggravanti che incoraggiano l’adattamento di questo tipo di virus. Fattori quali la deforestazione, scarse infrastrutture della maggior parte delle città, crescita della popolazione e urbanizzazione incontrollata, la precarietà dei servizi sanitari di base (LEE, NOZAWA, LINHARES, 2014).

Tutti questi elementi fanno in Brasile, i trasmettitori hanno un arbovirus più facile vivere, riprodurre e infettare altre persone, rendendolo il più pericoloso ancora malattie da arbovirus. (LEE, NOZAWA, LINHARES, 2014).

COPING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA

Non ci sono attualmente nessun vaccini in uso come misura di prevenzione di virus di febbre rompiossa, tuttavia ci sono diversi vaccini ora in via di sviluppo in vari paesi. Nel dicembre 2015 il Messico ha annunciato un vaccino Dengue testato e approvato come efficace, da allora è stato usato in quel paese, tuttavia altri paesi hanno non ancora approvato l’uso del vaccino stesso nella sua popolazione (ORELLANO, 2015).

Come accennato in precedenza, ci sono quattro ceppi di virus della Dengue, che spaccia come la più grave febbre emorragica di Dengue. Questo tipo di febbre rompiossa ha sintomi più gravi, come lo stravaso di plasma sanguigno, che porta a emorragie e sanguinamento, insufficienza respiratoria e disfunzione anche biologica. A causa della gravità di questi sintomi è considerato irreversibile (VERDEAL, 2011).

È essenziale per essere trasportato la diagnosi di febbre rompiossa, proprio quando i sintomi manifestati, il trattamento possono essere anticipati e si verificano in modo più efficiente. La diagnosi è fatta attraverso la verifica dei sintomi e di un esame del sangue che verifica la presenza o l’assenza del virus nel plasma sanguigno del paziente (PARRA-ALVAREZ, et.al. 2015).

Spesso osservato in media diversi formati notizie per Dengue e sua decorrências trasmesso da vari mezzi di comunicazione, evidenziando le morti provocate dalla forma emorragica Dengue. Tuttavia, poco può essere visto in media circa i vari elementi coinvolti nella prevalenza dell’arbovirus, questi elementi di carattere sociale, storica ed economica (MAFRA; ANTUNES, 2015). È suggerito che la conoscenza può servire come una strategia per tutti di essere coinvolti nel confronto che da arbovirus.

RIFERIMENTI

BARRERA, Roberto. De los zanzare vettori del dengue y del chikungunâ di controllo: è necessario riesaminare strategie di las attuale? Biomedica, v. 35, n. 3, 2015.

AGNELLO, Adriana Ribeiro; et al. Caratterizzazione molecolare del virus di febbre rompiossa digitare 1 sostituzione di lignaggio rivela durante la circolazione in territorio brasiliano. MEM. Inst. Oswaldo Cruz, v. 107, n. 6, p. 805-815, 2012.

CASTRO-OROZCO, Raymond; ALVIS-GUZMÁN, Nelson; GOMEZ-ARIAS, Rubén. Differenziale y somiglianze tra le strategie di gestione integrata di las per prevenzione e controllo IT di febbre rompiossa del Colombia y Peru. Perù Med Magazine. Exp. Salud Publica. v. 32, n. 4, p. 801-807, 2015.

CHAN, Raymond; PINZÓN, Hernando Samuel; ALVIS-GUZMAN, Nelson. Rassegna sistematica di los estudios observacionales sobre el libro dello stress ossidativo-nitrosativo en la patogéneis del dengue. Colombia Médica, v. 46, n. 3, p. 135-143, 2015.

GIBSON, Jacqueline; et al. Occorrenza di grave febbre dengue a Rio de Janeiro: uno studio ecologico. Giornale della società brasiliana di medicina tropicale, v. 47, n. 6, p. 684-691, 2014.

GORZONI, Milton Luiz; MASSAIA, Ireneo Francisco Delfino Silva; Pires, Sueli Luciano. Dengue in un paziente anziano. Inst. Rev. Med. Punzecchiatura, v. 52, n. 3, p. 163-167, 2010.

LIMA-CAMARA, Tamara Nunes; URBINATTI, Paulo Roberto; CHIARAVALLOTI-nipote, Francisco. Data di Aedes aegypti in allevamento naturale dell’area urbana, São Paulo, SP, Brasile. Sanità pubblica rivista, v. 50, n. 3, pagg. 1-4, 2016.

LEE, Noris; NOZAWA, Carlos; LINHARES, Quenel Oak. Caratteristiche generali ed epidemiologia dell’arbovirus emergenti in Brasile. Pan-18 salute rivista, v. 5, n. 3, p. 55-64, 2014.

MAFRA, Talmadge Lanna Malik; ANTUNES, Elton. Comunicazione e strategie di controllo della dengue: la comprensione di uno scenario di pubblico experienciação. Salute Soc., v. 24, n. 3, p. 977-990, 2015.

NUZAIHAN, M. M. N.; et al. Controllo elettrico dell’oligomero di Dengue virus (DENV) DNA mediante biosensore nanofilo di silicio con controllo cancello molecolare novello. Biosensori e bioelettronica, n. 6 p. 106-114, 2016.

ORELLANO, Pablo Wenceslao; et al. Analisi costo-utilità della vaccinazione di febbre dengue nel paese con eterogeneo rischio di trasmissione di febbre rompiossa. Vaccino, v. 34, p. 616-621, 2016.

PARRA-ALVAREZ, Shirly; et al. Alta detección de anticuerpos en la correlación y del virus dengue antigeni en muestras de suero y al plasma. Rev. fac Med. v. 63, n. 4, p. 687-693, 2015.

PEREIRA, Yenny; et al. Seroprevalencia de la infezione di febbre dengue in un distretto del Chaco Paraguayo. Estudio poblacional. Revista Chilena de infectologia, v. 32, n. 6, p. 618-627, 2015.

REY-costoso, luce Aida; VILLAR-CENTENO, Luis Ángel. Febbre rompiossa linfociti atipici en: en el prognosi y la diagnosi della malattia. Revisione sistematica della sua letteratura. Rev. Cien. Salud, v. 10, n. 3, p. 323-335, 2012.

SANABRIA-ROJAS, Hernán a. clinica Ensayos en enfermedades trascurato la en infettive “contesto: approccio etico e diritti umani. Acta Med. Perù, v. 32, n. 4, p. 235-240, 2015.

SPULVEDA-SALCEDO, Lillian S.; et al. Ross Mcdonald: Un modelo para la dinámica del febbre rompiossa a Cali, Colombia. Revista Salud Publica, v. 17, n. 5, p. 749-761, 2015.

VERA, Mayling Álvarez; et al. Normalización de la neutralización tecnica di tavole in cellule di las Vero per los del virus di febbre rompiossa. Revista Cubana de Medicina tropicale, v. 62, n. 2, p. 138-145, 2010.

Juan Carlos VERDEAL Rosso; et al. Consigli per la gestione dei pazienti con forme gravi di febbre rompiossa. Rivista brasiliana di terapia intensiva, v. 23, n. 2, p. 125-133, 2011.

[1] Dottore in medicina tropicale/malattie. Ricercatore del programma del centro di medicina tropicale della UFPA laureato. Docente e ricercatore presso l’Università federale del Pará – UFPA. E-mail: [email protected]

[2] Avvocato. Della medicina accademica. Dottorato di ricerca in sanità pubblica. Executive Mba. Specializzata in servizi sanitari applicata. Laurea in salute della famiglia. Specialista di audit. E-mail: [email protected]

[3] Dottorato di ricerca in psicoanalisi, post dottorando in psicoanalisi clinica e master in bioetica, direttore del centro per la ricerca e lo sviluppo di studi avanzati, Coach e insegnante di corsi MBA in azienda, Campinas e Paulo São-e-mail: [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here