Fiera BR Heritage: esperienze e narrazioni supportati su educazione al patrimonio culturale per Musealizzazione un territorio in Prol del suo sviluppo [1]

0
249
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
ARTIGO EM PDF

NASCIMENTO, Helder José Souza do [2]

MORAES, Francisco dos Santos [3]

PUTRICK, Simone Cristina [4]

DENDASCK, Carla Viana [5]

NASCIMENTO, Helder José Souza do; et.al. Fiera BR Heritage: esperienze e narrazioni supportati su educazione al patrimonio culturale per Musealizzazione un territorio in Prol suo sviluppo. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Edizione 08. Anno 02, Vol. 02. pp 37-52, novembre 2017. ISSN:2448-0959

sommario

Questo studio si propone di presentare le riflessioni sulle potenzialità del patrimonio Fiera BR, che si tiene nella città di Parnaiba, Stato del Piauí, regione del Medio Nord del Brasile. All'interno di questo spazio si propone di prendere in considerazione l'importanza delle pratiche di contesto e di educazione al patrimonio e il loro contributo ad un'educazione dei sensi. Ma gli studi ruotano anche intorno a pensare musealizzazione del patrimonio culturale come un processo strategico per lo sviluppo della città ei dintorni particolare segnato dalla presenza di un Delta, unico nelle Americhe che scorre verso il mare aperto, mangrovie, fiumi, le feste, la conoscenza e forme di espressione che costituiscono punti di riferimento di identità e di memoria per il popolo del Delta.

Parole chiave: Heritage, Heritage Education museo.

introduzione

Nella prima fase di introdurre l'argomento, è opportuno posizionare il contesto in cui è nata la Fiera BR Heritage e il contesto in cui opera l'evento, concepito come uno strumento strategico per lo sviluppo di un territorio e dei suoi abitanti, sostenuta sulla base di Sociomuseology o 'nuova museolog[6]ia', se così possiamo chiamare. Parnaíba, città Piauí con il sito Storia Tumbled come brasiliano patrimonio nazionale dal 2008, fa parte di un territorio che porta nella sua essenza manifestazioni culturali unici ed è indissociadamente ricco patrimonio materiale e immateriale, che si riflette nella Bumba-meu-boi, in allevamenti bovini in case coloniali e ferroviario, la tradizione popolare delle processioni religiose e marujada, merletto a tombolo e ricamo, artigianato argilla rossa e carnauba – albero della vita, la pesca artigianale, fiumi, laghi, paludi, spiagge e l'unica Delta che scorre verso il mare aperto, le Americhe.  Manoel de Barros ci d[7]ice in una delle sue poesie, "la cosa importante non è misurata con nastro o con le scale o con barometri, ecc L'importanza di una cosa che c'è da essere misurata con l'incanto che la cosa produce in noi. " Ma, tuttavia, tale espressione e la ricchezza ora elencada del spesso formano la città e il territorio hanno presentato, mai in grado di misurare e di traduzione che la sensazione classe che colpisce l'esperienza reale non era sufficiente, di per sé, a l'educazione del senso della comunità per la conservazione del loro patrimonio culturale, molti minacciata o già sostituita da un vuoto mai riempita.

È contro questo scenario che nasce nel 2016, sotto la direzione del corso di laurea in Arti, Patrimoni e Studi Museo pr[8]esso l'Università Federale di Piauí – UFPI, Campus Parnaíba, la Fiera BR Heritage. Iniziativa di carattere culturale, educativo e sociale, che aveva preso come riferimento eventi simili a quelli già posizionare con successo qualche anno fa, in paesi come Portogallo, Spagna, Italia, Germania e più recentemente nei paesi africani. La proposta, sulla base della Museologia sociale è stato progettato con gli attori locali come un modo per rafforzare la dimensione del patrimonio ispirare nuove possibilità e le realizzazioni per lo sviluppo locale attraverso un processo educativo e culturale di individuare pratiche quotidiane, i costumi, le credenze e le esperienze storiche al fine di preservare loro mentre li dinamizzare con connessioni tra spazi / pratiche e il tempo presente, stimolando la scoperta di nuovi usi, carreada l'idea che l'equità non è separata dalla vita di tutti i giorni.

Figura 1 - Gli studenti, Fiera BR Heritage (2017). Foto Cássia Moura
Figura 1 – Gli studenti, Fiera BR Heritage (2017). Foto Cássia Moura

Questo studio presenta riflessioni museografici contemporanei, per aver creduto nella realizzazione di un nuovo standard di musealizzazione, che emerge principalmente da Santiago de Chile Mesa (1972), Dichiarazione questo che mette in discussione il modello classico – Nota Museo Database Museo – e adotta una nuova forma – museo aperto e interattivo – che presuppone la partecipazione della comunità nel processo di riconoscimento, la gestione e la tutela del patrimonio.  Ed è proprio questo ultimo modello della Fiera BR Heritage ospitato dal Master of Arts, del patrimonio e Museologia, si propone alla città di Parnaíba e il territorio abitato da popolazioni deltizi, credendo che un museo a cielo aperto, come il paesaggio che oggi presente esso non può essere chiuso solo quattro pareti. Dal momento che più di un edificio con le collezioni per essere goduto da parte dei visitatori, siamo in possesso di un territorio ricco di patrimonio culturale e naturale, che deve essere in atto per proprio sviluppo della comunità del servizio e non solo. Nel corso dello studio ci occuperemo dell'analisi concettuale di alcune parole, termini ed espressioni inerenti l'approccio interdisciplinare che consente il riflesso del ruolo e del luogo di educazione al patrimonio in questo processo? E come sta propri oggetti di ricerca possono trovare borse di studio a cui rispondere: Quale educazione è che abbiamo bisogno? Questo patrimonio è che abbiamo? 

Per questo, prenderemo in base alle esperienze e narrazioni osservate e assorbite lungo l'idealizzazione, naturalmente, produzione ed esecuzione di Fiera patrimonio, in particolare per quanto riguarda l'analisi del discorso conferenza presentata in un evento collaterale al Congresso Internazionale Arti, Beni e Museologia , Parnaíba-PI, 2017, il coordinatore di educazione al patrimonio culturale dell'Istituto del Patrimonio artistico nazionale per – IPHAN, Sonia Rampim Florencio, un movimento di orizzonti svelando sulle migliori pratiche incentrati sulla "educazione al patrimonio culturale e la partecipazione sociale: inventari partecipativi", confermando gli ideali proposti al caso di Parnaíba e il suo Delta PAC.     Crediamo, inoltre, che oltre allo studio dei concetti museo può rivelare questo stato di rivoluzione e paradigma di rottura nel pensare al patrimonio locale, introdotta con l'arrivo del Master of Arts, Patrimonio e Museologia in Parnaíba, nel 2015, a che può diffondere il concetto di museo nel servizio dei bisogni di sviluppo della comunità, inaugurando una nuova era di democrazia e cittadinanza culturale.

Il luogo e l'evento: una correlazione necessaria

Sotto l'equatore del sole e l'Oceano Atlantico la città di Parnaíba si trova nella regione settentrionale di Stato di Piaui, considerato il Parnaiba Delta gateway, titolo popolarmente attribuita ad integrare l'Area di Protezione Ambientale (APA) – creato da decreto del Presidente il 28 agosto 1996, con un'area di copertura 2.750km² – e hanno le migliori infrastrutture tra i comuni di questa formazione geografica del fiume incontra il mare, solo nelle Americhe, unità biologicamente diverso composto da mangrovie, le spiagge, saline, fisse e mobili dune, pianure marini e lacustri di marea, savana e le aree di Carnaubal. Oltre alla città costiera di Parnaiba Delta si trova anche nelle città di Cajueiro Beach, Luis Correia e Ilha Grande, Piauí; Araioses, d'acqua dolce, Tutóia e Paulino Neves, Maranhão; Chaval e Barroquinha, Ceará.

Per avere un'idea dell'importanza di questo settore nel contesto globale, l'APA di concettualizzare come una sorta di aree protette definiti dalla Legge Federale n 6902 del 27 aprile 1981, strumento con il quale l'esecutivo ha stabilito che quando c'è notevole interesse pubblico può state area del territorio nazionale e di interesse alla protezione dell'ambiente, al fine di garantire il benessere delle popolazioni umane e di conservare o migliorare le condizioni ecologiche locali.

Tra i punti che hanno in comune i comuni di Delta, è la vocazione commerciale delle zone Litorâneas, come ingresso e l'uscita entroterra di pre-amazzonica e per l'entroterra backcountry. Un altro punto in comune è la tradizione della pesca artigianale, le condizioni favorito dalla ecosistema risultante. E, infine, il turista e vocazione ecologica determinata dalla ricco potenziale di tutta la fascia costiera che compone il Delta (Diagnosi e Piano di Gestione Geo-Ambientale e partner economico della APA del Delta del Parnaíba, p.42)[9]

In funzione del paesaggio, produzione e generazione di reddito molto vincolanti per le caratteristiche del mezzo, lo sfruttamento estrazione e turismo. Parnaíba si distingue in questo contesto, possedendo popolazione quasi eminentemente urbana che contribuisce all'attività commerciale, l'esportazione delle risorse vegetali, in particolare cera carnauba, olio di babassu, olio di cocco, foglia Jaborandi, anacardi, acerola , cotone e pelle. La città è anche oggi come un centro per l'istruzione strategica di istruzione di base, dell'istruzione superiore e laureato in senso lato e stretto. E 'la seconda più grande e ricco stato del Piaui, con il PIL seconda solo alla capitale, Teresina (IBGE 2014).

Il nome del comune "Parnaíba" si è verificato perché la nomenclatura fiume – nasce nella Chapada das Mangabeiras, nell'estremo sud del Maranhão -, che per importanza è il denominatore di tutto il Delta. processo di colonizzazione del testimone Brasile, serpeggiava attraverso Rio Igaraçu ed ancorata uno dei suoi principali cartoline, il "Porto Das Barcas", Parnaíba, sorge dalla metà della seconda metà del XVIII secolo all'interno di una pluralità di architettura con influenze portoghese, Inglese per l'art deco dei concetti iconici delle sue case. Nella sua guardia urbanistico tre secoli ricordi conservando ancora gran parte del suo patrimonio materiale. Elevata a status di città nel 1844, ha avuto importanti cicli economici con l'a scatti, in pelle e carnauba. E 'evidente sulla lettura relativa questo contesto che nel 2008, Parnaíba diventa giuridicamente protetto da Federal Tipping proposto dall'Istituto del Patrimonio Artistico Nazionale per – IPHAN, passando il titolo di Patrimonio Nazionale.

In tale ottica, anche con oltre venti anni di legalizzazione del Delta APA e quasi dieci anni di ribaltamento federale, non c'è un atteggiamento riflessiva verso il concetto "Parnaíba – Patrimonio City". Latente è l'assenza di tale identità da parte della popolazione che serve l'autostima che questi titoli dovrebbero generare. Questo problema denota l'assenza di azioni che creano legami di cooperazione tecnica tra pubblico, privato residente e della comunità; e che non v'è alcuna percezione omogenea del urgenza della ricca e complessa tutela del patrimonio culturale.

In mezzo a queste preoccupazioni provenienti da attori di diverse matrici, i membri della comunità interessati a migliorare la qualità della vita e la condizione umana di indigeni che sono anche equità e collegano questo con la vita reale, crediamo in uno strumento sistematizzazione delle esperienze storiche rata integrare le conoscenze in strutture dinamiche, il risultato di un processo dialettico e partecipativo, senza monologhi certo, ma un creatore e un dialogo di emancipazione; da qui vi proponiamo la "Fiera BR Heritage", sulla base di principi e le strategie di educazione al patrimonio.

Fiera BR Heritage: prospettive e riflessioni sul processo partecipativo

Mentre gli insegnanti e gli studenti del Master professionale di arte, cultura e Museologia presso l'Università Federale di Piauí – UFPI, Campus Parnaíba, in lanciando una crociata necessaria per discutere il ruolo delle istituzioni e delle azioni museografici in Parnaíba durante l'esecuzione della manifestazione Settimana Nazionale musei, che è una stagione culturale coordinato dall'Istituto brasiliano di musei – Ibram, che si svolge ogni anno per celebrare Giornata Internazionale dei musei (18 maggio). Ogni anno, l'ICOM (International Council of Museums) batte un tema diverso per la celebrazione di questa data, che è anche il motto che guida le attività dei Musei settimana.

Con la Fiera BR Heritage proposta pioniere nel Piauí e Brasile terrà durante la Settimana Museo in Parnaíba, speriamo di promuovere il, patrimonio ambientale culturale e creare una cultura di consumo di beni culturali in un mezzo per sfruttare l'economia e sociali, fattori culturali, istruzione, turismo, generatori di entrate e promotori di occupazione e di reddito. La Fiera del Patrimonio è materializzata in una serie di cause legali educativi, che ci consente di dialogarmos con una porzione più ampia della società, attori pubblici e privati, aziende, studi di architettura / design, tour operator, progetti territoriali basati su imprese conservazione e restauro e rinnovo urbano, altre università e di formazione specializzata centri, artisti, artigiani, tutti coloro che sono interessati a questioni relative al patrimonio, musei, turismo, empreendedorismos e lo sviluppo.

Il formato 'mercato aperto' è stato progettato per rimuovere questo dibattito da un mondo strettamente accademico e stabilire un collegamento più stretto con le persone che fanno parte del paesaggio culturale di questo territorio, nel tentativo di demistificare le complessità di comprensione circa le recenti azioni del patrimonio mondiale e musei. Questo lavoro di uscita al di là delle mura del mondo accademico permette di mettere allo stesso livello e lo spazio, sociologi, i pescatori, gli insegnanti di carriera, ricamatori, medici e semianalfabeta, che comprende ciascuno come padrone del suo mestiere e membro attivo della comunità. Questi sono più voci con cui lavoreremo, dal momento che l'educazione al patrimonio non ignorare o squalificare qualsiasi delle parti interessate nel patrimonio culturale delle loro posizioni, il metodo Express by Carlos Rodrigues Brandão nell'articolo "ricerca partecipata: un momento di educazione popolare". in tal modo:

Nella maggior parte dei casi, la ricerca partecipativa è un momento di lavoro educazione popolare fatto con le comunità e di servizio, gruppi e movimenti sociali in generale, popolare. Non è dialogo dottrinale costante della parte che un consenso sempre dinamico e modificabile, dovrebbe andare anche in fase di costruzione. Una vera e propria ricerca partecipativa crea solidarietà, ma non impone conoscenze e valori (BRANDÃO, Ver partigiana. Ed. Persone, Uberlândia, v. 6, p – 55, jan./dez. 2007)

Attraverso "cibo e bevande", musica, mostre, laboratori dal vivo delle arti associate con il paesaggio culturale del Nord Mezzo, terrà una serie di conferenze, lezioni, tavoli tematici, ruote conversazioni, coordinare le comunicazioni circa i musei e la loro funzione sociale in uno spazio che si vuole essere affascinante, giocoso, colorato e vario, caratteristica dei liberi mercati fin dall'età medievale.

Figura 2 - Artisan, Contorto Island, Parnaíba. Foto Cássia Moura.
Figura 2 – Artisan, Contorto Island, Parnaíba. Foto Cássia Moura.

Sappiamo che la Fiera del Patrimonio è solo una possibile interventi educativi per produrre un accumulo di formazione e informazione in grado di promuovere questa auto-riflessione nella comunità circa l'importanza della loro beni culturali, tuttavia, riteniamo che tale strumento sia strategico per accogliere l'eterogeneità della pubblica che, naturalmente, si accostano a questo processo di formazione.

Heritage Education: un percorso

In impegno di Fiera BR Heritage come aggravanti strumento per comprendere il ruolo fondamentale ed educativo di identificazione, la registrazione e la salvaguardia del patrimonio nel processo di musealizzazione di un territorio dobbiamo capire che stiamo parlando di equità. Come riferimento rilevante nella concettualizzazione di questo patrimonio, la Costituzione brasiliana del 1988 afferma che

Art. 216. Costituiscono brasiliani beni del patrimonio culturale della natura materiale e immateriale, presi singolarmente o insieme, i vettori di riferimento di identità, l'azione e la memoria dei diversi gruppi della società brasiliana, che includono:

I – forme di espressione;

II – i modi di creare, fare e vivere;

III – creazioni scientifiche, artistiche e tecnologiche;

IV – Lavori, oggetti, documenti, edifici e altri spazi destinati a manifestazioni artistiche e culturali;

V – complessi urbani e dei siti di interesse storico, naturale, artistico, archeologico, paleontologico, ecologico e scientifico. (Costituzione federale del 1988)

In questa trascrizione della Costituzione, possiamo definire il patrimonio è soprattutto l'uomo stesso, i suoi dintorni e tutta la sua produzione, provenienti da diversi gruppi della società brasiliana, il che rende il concetto più ampio, che permette all'individuo di fare un mondo della lettura, la comprensione del socio culturale universo che è inserito e hanno una coscienza attiva per la costruzione del suo presente e del futuro, rapporto inscindibile al processo di insegnamento / apprendimento. C'è il rapporto indispensabile tra museo e l'istruzione.

E 'la formazione di cittadini consapevoli della loro identità e della memoria che possono rendere un eco-museo, [10]come ad esempio quelle destinate nel territorio del Delta, contribuisce alla valorizzazione di riferimenti culturali, i significati e le pratiche della vita sociale (feste, conoscenze, luoghi e forme di espressione, etc.).

"L'educazione al patrimonio si compone di tutti i processi di istruzione formale e non formale che si concentrano sul patrimonio culturale sociale appropriato come una risorsa per la comprensione storico-sociale di riferimenti culturali in tutte le sue manifestazioni."

"Il processo educativo dovrebbe tendere alla costruzione collettiva e democratica della conoscenza attraverso il dialogo continuo tra gli attori culturali e l'effettiva partecipazione di possedere e produrre comunità di riferimenti culturali, in cui coesistono diverse nozioni del patrimonio."

IPHAN. Heritage Education: storia, concetti e processi. Brasilia: Istituto di Patrimonio Storico e Artistico, 2014, P. 19

Questo tema dell'educazione al patrimonio, non è recente in Brasile, come negli anni trenta azioni di conseguenza permeare le attività dell'Istituto Storico Artistico Nazionale per – IPHAN, l'organismo responsabile per la formazione di idea equità in Brasile, avendo l'educazione come uno dei suoi fronti, anche se ancora non riceve quel nome. E "dal 1 ° seminario tenuto nel 1983 presso il Museo Imperiale di Petropolis, RJ, ispirato dal lavoro pedagogico sviluppato in Inghilterra sotto il nome di educazione al patrimonio culturale", come raccontato nei principi fondamentali di guida educazione al patrimonio (Croft et al. , 1999), che il termine entrò a far parte del nostro vocabolario, ma ha nel tempo trasformazioni subite, così come il concetto stesso di tutela del patrimonio all'interno del corpo. Sonia Rampin Florencio (2014),[11] fa notare che già nel disegno di legge per creare lo SPHAN (corrente IPHAN), Mário de Andrade mostra l'interesse a promuovere azioni educative da parte del periodo di agenzia dal 1937 al 1970: identificati dallo spirito di "incontrare preservare "; dal momento che il periodo di 1970-1983: si caratterizza per i locali di partecipazione, sviluppo, quando dalle idee Aloísio Magalhães, presidente della IPHAN, al momento, si crea il progetto di interazione, che propone un maggior rispetto nel lavoro educativo con le dinamiche del vita quotidiana culturale; solo nel periodo 1983-2004: è che crea il concetto di "educazione al patrimonio" come metodologia, più precisamente nel 1999, quando pubblica il Guida di base educazione al patrimonio culturale, che cerca di stabilire una metodologia di lavoro basata su "alfabetizzazione culturale ".

E tra queste pietre miliari che rivelano la traiettoria dell'educazione al patrimonio in IPHAN, ha la Carta di Nova Olinda (2009), Primo Beni Culturali Forum nazionale (2009), Documento II National Heritage Education Meeting (2011), la pubblicazione "Heritage Education: storia, concetti e processi" (2014); "Portare Istruzione: inventari partecipativi" (2016); e più recenti, ordinanza 137 del mese di aprile 2016, che nella sua arte. 3 definisce importanti linee guida della educazione al patrimonio:

I – Incoraggiare la partecipazione sociale nella formulazione, l'attuazione e l'esecuzione di attività educative, per stimolare il ruolo dei diversi gruppi sociali;

II – L'integrazione di pratiche educative alla vita quotidiana, coinvolgendo beni culturali agli spazi della vita;

III – per evidenziare il territorio come spazio educativo, capace di letture e interpretazioni attraverso molteplici strategie educative;

IV – promuovere i rapporti di affetto e di stima inerente al recupero e la conservazione del patrimonio culturale;

V – ritiene che le pratiche educative e le politiche di conservazione sono parte di un campo di conflitto e negoziazione tra i diversi segmenti, settori e gruppi sociali;

VI – Considerare intersettorialità delle attività didattiche, al fine di promuovere la conservazione delle politiche e valorizzazione del patrimonio culturale con la cultura, il turismo, l'ambiente, l'istruzione, la salute, lo sviluppo urbano e altri settori correlati comuni;

VII – incoraggiare l'associazione delle politiche del patrimonio culturale alle azioni di sostenibilità locale, regionale e nazionale;

VIII – considerare il patrimonio culturale come un tema trasversale e interdisciplinare.

Queste linee guida guida sono legati a una serie di ipotesi concettuali che aiutano a problematizzare la costruzione delle nostre conoscenze sulla formazione che dovremmo prendere in considerazione per un'azione veramente di trasformazione, al contrario di quanto Paulo Freire chiama educazione[12] "bancario", si limita a instructivistic, prendendo comunità come un consumatore di informazioni piuttosto che accettarla con le loro differenze, soggettività, pluralità, dove le persone sono agenti di sviluppo.

All'interno di una prospettiva socio-costruttivista, è necessario pensare a una mediazione educazione al patrimonio culturale per l'appropriazione della conoscenza, guardando la comunità come produttore di conoscenza, considerando le loro esperienze e riconoscere l'esistenza di conoscenza locale associata con la memoria e la gente posto sono titolari del "buono". Un processo a due vie come espresso Freire, "Nessuno educa nessuno, come nessuno si educa; gli uomini si educano nella comunione, mediato dal mondo".

Figura 3 - Mediazione Culturale, Fiera BR Heritage. Foto Cássia Moura.
Figura 3 – Mediazione Culturale, Fiera BR Heritage. Foto Cássia Moura.

E 'necessario che rompere i paradigmi concettuali in espansione il concetto che "Heritage è tutto ciò che creiamo, apprezziamo e vogliamo preservare: sono i monumenti e le opere d'arte, e anche le feste, canti e danze, i divertimenti e il cibo, la conoscenza, azioni e parlare. Tutto ciò, infine, produciamo le mani, le idee e la fantasia (FONSECA, 2005, p. 21), "tutto ciò che esprime i diversi contesti culturali in cui viviamo, tutti i contesti educativi. Diminuire così il divario tra alta cultura a cultura popolare, come è ultimo era una gerarchia inferiorizada prima.

Seguendo l'idea di Aloísio Magalhães, che "La comunità è il miglior guardiano della tua eredità," dobbiamo considerare l'effettiva partecipazione delle comunità in riconoscimento del patrimonio e lo sviluppo e la realizzazione di attività educative. Cioè, ci deve essere legittimare l'intero processo da parte di coloro che sperimentano il patrimonio e non solo un gruppo di intellettuali. Pertanto, è importante pensare che tutti i quadri giuridici e le linee guida creato il logo di tempo concentrandosi sulla formazione del patrimonio non può adottare il movimento verticale, dall'alto verso il basso, come un regolamento emanato dal potere statale, ma per servire come guida per aiutare camminare in azioni.

Ogni momento le linee guida presentate qui per confermare l'idea che il patrimonio come risorsa per lo sviluppo locale, non può essere visto al di fuori dei ritmi della società come beni culturali siano completamente inseriti spazi di vita, in mezzo a tutto conflitti moderni e tensioni. E 'chiaro che questa comprensione del patrimonio culturale come un campo di conflitto servono anche per favorire la solidarietà nell'accettare differenti. E a questo proposito l'educazione al patrimonio soddisfa anche il suo ruolo di mediatore.

Anche se il termine "educazione" sempre strettamente legata all'ambiente scolastico, l'educazione al patrimonio di cui stiamo parlando è una formazione che va al di là delle mura scolastiche, che comprende lo spazio educativo del territorio stesso. Che di tutti i tipi non fa eccezione ai dettami attuali della propria istruzione formale, ma vediamo che cosa la legge di linee guida e basi, il LDB – 9,394 / 96, che prevede nel suo articolo. 1: "L'educazione copre i processi di formazione che si sviluppano nella vita familiare, nella società umana, nel lavoro, nelle istituzioni educative e di ricerca, movimenti sociali e le organizzazioni della società civile e le manifestazioni culturali" (Brasile, 1996).

Accoppiarlo con i processi attraverso i quali danno la conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale attraverso l'educazione dovrebbe adottare principi trasversali, Multi, poli, transdisciplinari, dove non si può trascurare le varie interfacce simboliche e sociali. L'educazione al patrimonio che dobbiamo essere visto come un mezzo e non un fine.

Figura 4 - Workshop "Rendilhando Memories" Fiera BR Heritage. Foto Cássia Moura.
Figura 4 – Workshop "Rendilhando Memories" Fiera BR Heritage. Foto Cássia Moura.

Dato che molte esperienze sono state sacrificate al rogo della storia, dobbiamo sviluppare un processo educativo che rispetti queste linee guida di base che rispetta ogni espressione di questo ricco patrimonio dei popoli del Delta. Così la Fiera BR Heritage sarà anche una forma di resistenza e di lotta.

Questi studi mira inoltre a facilitare, strumenti di analisi su importanti strumenti per il campo della museologia, vale a dire "come comunicare" e "per informare" l'opinione pubblica circa l'esistenza di una strategia in materia di protezione, salvaguardia e la promozione ricco patrimonio culturale della città di Parnaíba-PI, attraverso il nord del Brasile.

FINALE

Queste brevi riflessioni, ancora davanti preliminare di un work in progress, finalizzate a portare alla ribalta l'importanza degli eventi regionali (comunali) che hanno lo scopo di perpetuare non solo la conoscenza, ma il riconoscimento dell'individuo come al vostro spazio, portando così la possibilità di appartenenza costruzione, e quindi l'interesse per la creazione azioni relative allo sviluppo locale. Pertanto, utilizzando il fair BR Patrimonio come oggetto di studio, permette non solo il riflesso di questo evento così, aprendo le porte per questo evento può essere utilizzato come esemplificazione.

RIFERIMENTI

BIONDO, Fernanda. Istruzione le sfide del settore Beni Culturali: Patrimonio Case e educativi reti di azione. Master professionali in Conservazione dei Beni Culturali. IPHAN. Il 2016.

Brandao, Carlos Rodrigues (Eds.). ricerca partecipativa. Sao Paulo: Brasiliense 2001.

BRASILE. Costituzione (1988). Costituzione della Repubblica federativa del Brasile. Brasília, DF: Senato: Graphic Center, nel 1988.

FERNANDEZ, Luis Alonso. Introduccióna alla nueva museologia. Alianza Editorial. Madrid 1999.

Freire, Paulo, pedagogia degli oppressi. Rio de Janeiro: Paz e Terra. 1977.

GOMES, L. F. Nazionale del Cinema: percorsi presi. Sao Paulo: Ed.USP 2007.

IPHAN. Heritage Education: storia, concetti e processi. Brasilia: Istituto di Patrimonio Storico e Artistico, 2014, P. 19.

LDB – legge delle direttive e basi. Legge n 9,394. 1996. Disponibile all'indirizzo: <http://portal.mec.gov.br/seed/arquivos/pdf/tvescola/leis/lein 9394.pdf> Accesso a Giugno 2016

MAGALHÃES, Aloisio. beni culturali: strumenti per lo sviluppo armonico. Brasilia CNRC. s / d.

NASCITA, Francisco de Assis Sousa; NASCITA, Helder José Souza di. Cultura del Comune Plan de Parnaiba – 2015/2025. Comunale Sovrintendente della Cultura / Dipartimento di Management. Parnaíba: Piauí. 2015.

PIANO DI GESTIONE E PARTNER DIAGNOSI GEO-ambientale ed economico del delta PARNAÍBA APA. Ministero dell'Ambiente – ICMBio, p.42.

Pinheiro, Áurea da Paz; MOURA, Cassia. Impostare storia e paesaggio di Parnaíba – Piauí notebook Beni Culturali; v.2 – Teresina: Soprintendente Iphan Piauí, 2010.

Varine, Huges di. Le radici del futuro: il patrimonio allo sviluppo locale. Trad. Maria de Lourdes Pereira Horta. 1 ° ristampa – Porto Alegre. Gutter 2013.

Vygotskij, Formazione S. L. sociale della Mente. 6 Edição.- São Paulo: Martins Fontes, 1998.

[1] Documento presentato per la valutazione del patrimonio di disciplina, la società e il museo di formazione del corso di laurea, Master of Arts, il patrimonio e Museologia – UFPI 2017.

[2] Maestro del Graduate Program professionale Master of Arts, il patrimonio e Museologia – UFPI.

[3] Maestro del Graduate Program professionale Master of Arts, il patrimonio e Museologia – UFPI.

[4] Tourismologist, dottoranda in Geografia, docente presso l'Università Federale del Piauí.

[5] Dottorato di ricerca in psicoanalisi da parte del Seminario Teologico Internazionale, Master in Studi Religiosi presso l'Università Prebiteriana Mackenzie.

[6] Si può dire dell'idea di partecipazione della comunità nella definizione e gestione delle pratiche museografici; l'adozione di museologia come fattore di sviluppo e non solo preoccupato per le collezioni.

[7] Manoel Venceslao Leite de Barros (Cuiabá, 19 dicembre 1916 – Campo Grande, 13 novembre, 2014) è stato un poeta brasiliano del XX secolo, appartenente cronologicamente alla generazione di 45, ma formalmente il brasiliano post-modernismo, in piedi più vicino al avanguardie europee di inizio secolo e Poesia Pau-Brasile e Antropofagia di Oswald de Andrade. Con 13, si trasferisce a Campo Grande (MS), dove visse per il resto della tua vita. Ha ricevuto diversi premi letterari, tra cui due tartarughe Awards ed è stato membro del Mato Grosso del Sud Accademia di lettere. E 'il più acclamato del poeta brasiliano contemporaneo nei circoli letterari. Mentre ancora la scrittura, Carlos Drummond de Andrade ha rifiutato l'epiteto più grande poeta vivente del Brasile a favore di Manoel de Barros. Il suo lavoro più noto è il "Libro del Nulla" 1996.

[8] Disponibile a <http://www.sigaa.ufpi.br/sigaa/public/programa/portal.jsf?lc=pt_BR&id=793>.

[9] Disponibile per dowload sul sito ufficiale del Ministero dell'Ambiente ICMBio – APA Delta – Piano di gestione: <http://www.icmbio.gov.br/portal/unidadesdeconservacao/biomas-brasileiros/marinho/unidades-de-conservacao biancheria da letto / 2246-APA-delta del Parnaiba>.

[10] Il termine Ecomuseu è in letteratura collegato ad Ugo di Varine e George Henri Riviere, rispettivamente nel 1972 e 1980. Nella Dichiarazione di Quebec nel 1984, sono collocati i principi della Nuova Museologia fuori, che cosa comprende i musei della comunità; tra i quali l'eco-museo, che è costituito con l'integrazione di equità, della comunità partecipativa, ambiente e territorio. museologo di considerazioni d'Oro Pace Pinheiro all'articolo COMMUNITY Musei, Musei di SANS MURS: un progetto partecipativo per promuovere la sostenibilità, la cittadinanza e la conoscenza locale.

[11] IPHAN. Heritage Education: storia, concetti e processi. Brasilia: Istituto di Patrimonio Storico e Artistico, 2014, P. 19.

[12] Freire, Paulo, pedagogia degli oppressi. Rio de Janeiro: Paz e Terra. 1977.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here