REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Il ruolo storico dell’inserimento delle donne nel mercato del lavoro e il loro doppio turno

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/storia/inserimento-delle-donne
Rate this post

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ARAÚJO, Gizelda Rodrigues de [1], FREITAS, Josiane Machado Fagundes [2], SOUZA, Nayara Aryan Melo [3]

ARAÚJO, Gizelda Rodrigues de. FREITAS, Josiane Machado Fagundes. SOUZA, Nayara Aryan Melo. Il ruolo storico dell’inserimento delle donne nel mercato del lavoro e il loro doppio turno. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, ed. 11, vol. 04, pag. 76-97. Novembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/storia/inserimento-delle-donne, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/storia/inserimento-delle-donne

ASTRATTO

Questo studio si propone di comprendere il ruolo storico della partecipazione femminile al mercato del lavoro, nonché l’articolazione tra lavoro domestico e lavoro retribuito. Il punto di partenza era la seguente domanda: come si stabiliscono le relazioni tra le disuguaglianze di genere e le difficoltà delle donne nell’articolazione tra lavoro domestico e lavoro retribuito? In tal modo, questa ricerca è giustificata dall’osservanza della realtà relativa al doppio, o anche al triplo turno, delle donne Uruaçu, in cui si verifica la concomitanza del lavoro retribuito con le faccende domestiche, e in molti casi, ancora, lo studio . L’articolo in questione è una ricerca sul campo e una ricerca bibliografica esplorativa, sviluppata con un campione di 50 donne, nell’area urbana di Uruaçu, scelte a caso, attraverso un questionario di 16 domande, oggettive e soggettive. , con lo scopo di indagare se anche le donne Uruaçu condividano questo doppio viaggio. Si conclude, quindi, che sono necessari maggiori investimenti nelle politiche pubbliche per garantire la valorizzazione del lavoro, anche in termini di diritti alla previdenza sociale, poiché questo numero di ore lavorate dalle donne non è contabilizzato ai fini pensionistici.

Parole chiave: Donna, genere, doppio turno, diritti.

1. INTRODUZIONE

L’eredità storica della colonizzazione e dello sviluppo economico basato sulla schiavitù e sullo sfruttamento della popolazione nera, sommata a una cultura patriarcale vissuta fin dall’inizio, in cui il capofamiglia era sempre superiore alla donna, rende possibile un fenomeno invisibile al pubblico Politiche: la doppia giornata lavorativa della donna.

Anche di fronte ai tanti cambiamenti avvenuti nel XXI secolo, come i cambiamenti economici, politici, tecnologici e sociali e attraverso alcuni cambiamenti significativi della condizione femminile, come l’aumento della scolarizzazione, la diminuzione della dimensione familiare, l’ingresso e la permanenza nel mercato del lavoro e l’aumento dei nuclei familiari con capofamiglia donne, tuttavia, uno dei punti di maggiore tensione nella vita di queste donne è l’articolazione tra lavoro retribuito (produttivo) e lavoro domestico (riproduttivo).

L’ascesa delle donne nel mercato del lavoro ha sollevato la questione chiamata doppio orario di lavoro, in cui agiscono come professioniste e allo stesso tempo come madri, mogli e casalinghe.

I dati della “Sintesi degli indicatori sociali (SIS)[5] – Un’analisi delle condizioni di vita della popolazione brasiliana 2014” pubblicata dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE), mostrano che i doppi turni femminili colpiscono più le donne che gli uomini. Secondo il sondaggio, l’88% delle donne brasiliane occupate di età pari o superiore a 16 anni svolge le faccende domestiche. Tra gli uomini, solo il 46%. La conclusione dello studio mostra che, combinando le prestazioni delle donne nel mercato del lavoro con le attività domestiche, si ha un carico di lavoro settimanale totale femminile di 56,4 ore, che supera di quasi cinque ore il carico di lavoro maschile (IBGE, 2019).

Da quel momento in poi, questo articolo intende comprendere il doppio turno femminile che coincide con il lavoro e le attività domestiche. Inoltre, comprendere come la società brasiliana, formata dal patriarcato e dalla schiavitù, abbia guidato l’inserimento delle donne nella società, nonché l’articolazione tra lavoro domestico e lavoro retribuito. In questo senso, conoscendo il doppio orario di lavoro che le donne devono affrontare, la domanda è: come si stabiliscono i rapporti tra le disuguaglianze di genere e le difficoltà delle donne nell’articolazione tra lavoro domestico e lavoro retribuito?

Questo lavoro mette in luce l’incessante ricerca delle donne per il mercato del lavoro, che non è solo per necessità economiche, ma anche per la realizzazione personale e professionale, ovvero “la donna cerca di stabilire la propria identità personale oltre i limiti della casa”. , cercando soddisfazione nell’esecuzione di progetti personali, che implicano un lavoro professionale e una carriera” (Ladeira, 2000, p. 2).

In tal modo, tale ricerca è giustificata dall’osservanza della realtà relativa al doppio, o anche triplo turno, delle donne uruaçuenses, in cui si verifica la concomitanza del lavoro retribuito con le faccende domestiche, e in molti casi, ancora, lo studio.

Secondo Matos e Borelli (2012), anche con l’espansione della presenza delle donne nel mercato produttivo, la maggior parte di loro deve fare i conti con la doppia giornata lavorativa – retribuita e domestica –, compresa l’assistenza familiare, che sovraccarica la loro quotidianità. con numerose richieste. Si osserva che da quando la donna è entrata nel mercato del lavoro, ha generalmente svolto una doppia o tripla giornata lavorativa.

2. PROCEDURE METODOLOGICHE

Lo studio in questione è una ricerca sul campo, che Lakatos e Marconi (2003) definiscono utilizzata con l’obiettivo di ottenere informazioni e/o conoscenze su un problema, per il quale si cerca una risposta, o un’ipotesi, che si vuole dimostrare , o anche per scoprire nuovi fenomeni o le relazioni tra di loro.

Inoltre, si tratta di una ricerca bibliografica, poiché è dalla rilevazione dei riferimenti teorici, pubblicati con mezzi scritti ed elettronici, come libri, articoli scientifici, tra gli altri, che sono state raccolte informazioni o conoscenze precedenti sul problema. .

Secondo Lakatos e Marconi (2003, p. 43), questo tipo di ricerca non è “mera ripetizione di quanto già detto o scritto su un determinato argomento, ma fornisce un esame di un argomento sotto un nuovo focus o approccio, raggiungendo conclusioni innovative”.

Quanto all’obiettivo, si tratta di una ricerca esplorativa perché la raccolta dei dati è avvenuta attraverso ricerche bibliografiche e ricerche sul campo. Secondo Gil (2008), questo tipo di ricerca mira a fornire una maggiore familiarità con il problema, per renderlo più esplicito o per costruire ipotesi.

Si segnala, quindi, che lo sviluppo di questa ricerca è avvenuto attraverso un questionario contenente 16 (sedici) domande, a domande aperte e chiuse, predisposte dai ricercatori per capire se la doppia giornata lavorativa fosse presente nella vita di Donne Uruacu. La ricerca ha avuto un campione di 50 (cinquanta) donne di diverse etnie, livello di istruzione, stato civile, tra le diverse classi sociali e ha cercato di applicare il suddetto questionario in diverse parti della città, quali: università (corso di pedagogia), scuole, luoghi pubblici e altro. La raccolta dei dati è avvenuta tra il 27 e il 30 maggio 2019 nella città di Uruaçu-Go.

3. INSERIMENTO DELLE DONNE NEL MERCATO DEL LAVORO E IL LORO DOPPIO VIAGGIO

Si può dire che, culturalmente, le donne sono sempre state responsabili dei numerosi compiti noti collettivamente come “lavori domestici”: cucinare, lavare i piatti, lavare i panni, stirare i panni, rifare il letto, spazzare, fare la spesa, tra molti altri, e anche prendersi cura delle donne, dei bambini, degli anziani e delle persone con disabilità, cioè attività non retribuite nella sfera privata.

Statisticamente provato dall’Istituto di ricerca economica applicata (IPEA) che le attività domestiche consumano dalle tremila alle quattromila ore all’anno, senza tener conto dell’attenzione variabile e non quantificabile che le madri dedicano ai propri figli (PINHEIRO, 2018).

Si osserva che il lavoro domestico è interminabile e insieme invisibile, poiché nessuno se ne accorge, a meno che non venga svolto. Inoltre, è considerato improduttivo, di routine, ripetitivo e faticoso, facendo sentire le donne spesso come schiave[4] all’interno della propria casa e non pagate (SILVA et al., 2017).

Si conclude quindi, in termini sociali e culturali nell’aspetto occidentale, che le donne sono responsabili delle attività non retribuite nella sfera privata, mentre gli uomini sarebbero responsabili della quota maggiore della produzione mercantile remunerata nello spazio pubblico. Ne risulta chiaro che, nonostante il crescente inserimento delle donne nel mercato del lavoro, esse non riescono a staccarsi dal ruolo sociale loro assegnato, generando sovraccarico fisico e impedendo loro di partecipare equamente alle opportunità.

A complemento di questo pensiero, Bourdieu (1999) sottolinea che, anche con l’accesso all’istruzione secondaria e superiore e al lavoro retribuito, oltre all’evoluzione dell’uso dei metodi contraccettivi che rappresentano importanti trasformazioni attraverso cui le donne sono passate, esse non hanno ancora lasciato andare .dei compiti che svolgono in casa prima e dopo il lavoro fuori casa, poiché questi ruoli sono naturalizzati, in quanto inerenti alle donne.

In questi termini vale la pena sottolineare il pensiero di Simone Beauvoir (1967, p. 135) sulla condizione della donna: “[…] nessuno nasce donna, diventa donna. Nessun destino biologico, psichico, economico definisce la forma che la femmina umana assume nella società […]”.

In questo senso ci si chiede: perché le ragazze sono state educate ad affrontare le faccende domestiche? Viene adottata l’enfasi di un modello di nucleo familiare, in cui l’uomo sarebbe il capofamiglia, il prestatore, incaricato di sostenere la famiglia, mentre la donna, proprietaria della casa, si prenderebbe cura della casa, dei figli , marito e di chiunque stia in casa tua.

Na ordem patriarcal, a mulher deveria obedecer a pai e marido, passando da autoridade de um para a do outro através de um casamento monogâmico e indissolúvel. O domínio masculino era indiscutível. Os projetos individuais e as manifestações de desejos e sentimentos particulares tinham pouco ou nenhum espaço quando o que importava era o grupo familiar e, dentro dele, a vontade do seu chefe, ou patriarca, era soberana (SCOTT, 2012, p. 16).

Tuttavia, vale la pena ricordare che questo modello standard, in cui l’uomo era l’unico fornitore, è crollato da tempo, a causa del gran numero di donne nel mercato del lavoro che aiutano con le spese domestiche e, il più delle volte, sostengono la casa solo. E in questo contesto, Martins (2003, p. 5) discute le relazioni di potere asimmetriche tra i generi:

As desigualdades de gênero no Brasil expressam-se através de aspectos diversos, abrangendo a esfera tanto pública como privada. Nesse contexto, constata-se que, mesmo após mais de um século de grandes mudanças políticas e sociais, período no qual a clivagem entre os tradicionais papéis masculino e feminino tem sido questionada, as relações assimétricas de poder entre os gêneros ainda se mantêm, determinando uma ascensão desigual das mulheres em relação às oportunidades econômicas e sociais que compõem o processo de desenvolvimento.

In tal senso, considerando l’equilibrio tra lavoro retribuito e attività domestiche che restano sotto la responsabilità delle donne, l’indicatore di utilizzo del tempo, predisposto con i dati del PNAD-IBGE (National Household Sample Survey – Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica) e dati di riferimento da ECLAC (Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi) e ILO-ONU (2011), dimostrano la disuguaglianza di genere, mostrando il peso dei doppi turni per le donne brasiliane dai 16 anni in su, mostrando il totale delle ore settimanali dedicate al mercato del lavoro più le ore dedicate alle faccende domestiche e il confronto con il carico di lavoro settimanale degli uomini, dove si osserva una grande disparità secondo la tabella 01.

Tabella 01: Numero medio di ore settimanali dedicate al mercato del lavoro e alle faccende domestiche dalla popolazione occupata dai 16 anni in su in Brasile e in selezionate unità federative nel 2011.

AREA GEOGRAFICA MERCATO DEL LAVORO (A) COMPITI DOMESTICI (B) TOTALE GIORNI LAVORATIVI SETTIMANALI (A+B) CLASSIFICAZIONE
Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne
Brasile 42,6 36,9 10,3 21,8 52,9 58,7
Alagoas 41,0 34,6 13,2 28,6 54,2 63,1
Amapá 44,0 38,8 12,0 23,3 56,0 62,1
Pernambuco 41,4 37,4 13,3 24,5 54,8 61,9
Ceará 42,0 36,8 12,0 24,7 54,0 61,5
São Paulo 43,7 38,9 9,9 29,8 53,5 59,8
Rio Grande do Sul 44,0 38,1 10,3 21,1 54,3 59,1 10º

Fonte: dati IBGE/PNAD – 2011.

Si osserva che, sebbene la tabella mostri che le donne nel 2011 in Brasile avevano un carico di lavoro settimanale inferiore nel mercato del lavoro rispetto agli uomini (rispettivamente 36,9% e 42,6%), dedicavano il 21,8% di ore settimanali alle faccende domestiche (non retribuite) mentre gli uomini, solo il 10,3%. (PNAD/IBGE, 2011)

Si segnala inoltre che a fine settimana il doppio turno per le donne ha raggiunto il 58,7% contro il 52,9% per gli uomini. Vale anche la pena ricordare, secondo una ricerca condotta dall’Istituto di ricerca economica applicata – IPEA (2010), che le faccende domestiche degli uomini erano limitate solo alla spesa al supermercato e all’accompagnamento dei bambini a scuola, ad alcune sporadiche riparazioni e riparazioni domestiche, all’abbandono gli altri compiti per le donne.

Secondo l’indagine PNAD/IBGE (2011), l’orario di lavoro delle donne era più lungo di quello degli uomini, principalmente negli stati di Alagoas, Amapá, Ceará, Pernambuco, São Paulo e Rio Grande do Sul, come mostra la tabella 01 sopra. E tra questi spicca lo stato di Alagoas, che occupa la prima posizione della classifica con il 63,1% delle ore lavorative settimanali complessive delle donne, con 28,6 ore dedicate alle faccende domestiche.

In questo stesso contesto, nel 2015 l’IPEA (2015) ha osservato che la quota di famiglie con capofamiglia donne ha raggiunto il 40%. Oltre al fatto che le donne lavorano di più a causa dei doppi turni e guadagnano meno degli uomini, nonostante il livello di istruzione più elevato tra loro.

Sulla base di quanto sopra, resta inteso che il patriarcato della società brasiliana è ancora presente, in quanto la maggior parte delle donne, oltre a esercitare la propria vita professionale con un carico estenuante, svolge ancora i diversi compiti domestici, in virtù dell’assunzione dell’obbligo di essere responsabile della casa, dei figli e anche di prendersi cura del marito. Questo obbligo non è rispettato dagli uomini con la stessa intensità.

In generale, il pensiero sociale brasiliano, per quanto riguarda la posizione delle donne, è ancora radicato nella grande casa e nei quartieri degli schiavi. Ed è in questo contesto che sorgono conflitti nel tentativo di collegare lavoro non retribuito e lavoro retribuito, poiché le donne sono avanzate nel mercato del lavoro e, d’altra parte, gli uomini sono ancora molto indietro nella sfera domestica (BARBOSA, 2017).

Condividendo questo pensiero, Del Priori (2004, p. 472) evidenzia come gli uomini abbiano screditato e svalutato il lavoro delle donne, tuttavia la sua forza e determinazione sono esplicite.

Com a passagem do regime de colonato para o assalariamento, as mulheres ganharam ainda a dupla jornada de trabalho. No espaço da casa, as mulheres continuaram arcando com todo o trabalho doméstico, realizado durante uma jornada extensa e intensíssima. Suas vidas, especialmente se mães, resumem-se ao trabalho. Levantam-se, em geral, às 4h da manhã, preparam a comida para elas e os demais membros da família que trabalham fora e também para os que ficam na casa. Às 6h, “pegam” o caminhão ou ônibus para uma jornada de trabalho de nove a dez horas, inclusive aos sábados. Ao chegarem a casa, por volta das 18h ou 19h, ainda vão preparar o jantar, lavar roupa, limpar a casa e cuidar dos filhos, podendo receber ajuda de outras mulheres, pois a participação masculina no trabalho doméstico é muito rara. Nunca dormem mais de seis horas por dia. Aos domingos, dedicam-se às tarefas domésticas. Raramente, sobra-lhes tempo para o lazer (DEL PRIORI, 2004, p. 472)

Il quadro presentato da Del Priori (2004) non è lontano da quello attuale, in cui le donne contemporanee lottano tra la conciliazione di vecchi e nuovi ruoli, nel tentativo di bilanciare le attribuzioni nel lavoro, nella vita personale e nella famiglia.

È necessario osservare, nell’ambito delle politiche pubbliche, le strategie per la promozione della parità di genere nel mondo del lavoro, soprattutto per quanto riguarda la quantità di ore lavorate dalle donne nello spazio privato affinché sia ​​possibile ripensare le forme dell’organizzazione del lavoro nelle sue diverse forme, ambiti, nonché dei suoi diritti di previdenza sociale.

Per molto tempo il lavoro domestico è stato considerato un “non lavoro” perché implica una riproduzione della vita sociale, causando così un sovraccarico per le donne di oggi, che cercano di fare del loro meglio per conciliare le faccende domestiche con il lavoro nella sfera pubblica. .

A complemento di questo pensiero, Martins (2011) afferma che le donne continuano a portare un onere maggiore nelle faccende domestiche.

No que se refere ao mundo do trabalho, as diferenças históricas entre homens e mulheres em relação a acesso ao mercado de trabalho formal, condições de remuneração, empregabilidade, proteção social e direitos trabalhistas fundamentais somam-se a uma carga maior para o sexo feminino no diz respeito aos respeitos aos afazeres domésticos. (MARTINS, 2011)

Sempre in merito all’orario di lavoro delle donne e ai diritti acquisiti, Thurler e Bandeira (2010) affermano che la Costituzione del 1988 è stata una pietra miliare nel corso di questa conquista dei diritti, che si esprimono nell’art. 5, I, della Magna Carta, eguagliando uomini e donne in termini di diritti e doveri (BRASIL, 1988).

Con ciò si osserva una grande “conquista per la donna”, dalla quale può godere degli stessi diritti dell’uomo. Ciò che si percepisce però è che la donna, pur facendo questo grande salto, uscendo dal carcere di casa ed entrando nel mercato del lavoro, mantiene comunque un doppio e anche triplo turno di lavoro mentre l’uomo continua con le stesse mansioni prima ed essendo ancora più apprezzata in termini finanziari.

Ma la storia mostra che questo risultato deriva da grandi lotte e tempo considerevole. Così, Barros (2010) afferma che il diritto del lavoro nasce in Europa dove il mondo era segnato da disuguaglianze economiche e sociali e che questo fenomeno è diventato essenziale per l’intervento dello Stato attraverso la legislazione, prevalentemente, imperativo della forza.

Seguendo questo pensiero, il suddetto autore sottolinea l’importanza del Trattato di Versailles, nel 1919, portando nel suo rigonfiamento l’articolo 427, il quale a sua volta non ammetteva che il lavoro fosse trattato come una merce, garantendo ai dipendenti una giornata lavorativa di otto ore al giorno ., la parità di retribuzione, il riposo settimanale retribuito, il controllo del lavoro, il salario minimo e anche la garanzia di un trattamento speciale per donne e minori, oltre a prevedere i diritti sindacali.

In tal senso, l’art. 226 della Costituzione federale del 1988 nei suoi 5° e 7° comma, rispettivamente, pareggia i diritti ei doveri di uomini e donne nei confronti della società coniugale e pone la pianificazione familiare come un diritto che deve essere esercitato dalla coppia (THURLER e BANDEIRA, 2010).

Grazie a tali diritti acquisiti, il tasso di partecipazione femminile al mercato del lavoro è balzato dal 32,9% al 52,7% in quasi tre decenni (dal 1981 al 2009), secondo i dati della National Household Sample Survey – PNAD (IBGE, 2019).

Inoltre, secondo i dati del PNAD (2009), mentre le donne sposate o che vivono in un’unione consensuale, fornitrici di famiglie o meno, trascorrevano in media 30 ore alla settimana nelle faccende domestiche, questo numero è sceso a quasi 12 ore, in il caso degli uomini.

Anche in linea con i dati dell’Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica – IBGE (2015), la crescita dell’inserimento femminile nel mercato del lavoro è testimoniata anche dalla variazione della popolazione occupata, cresciuta del 21,9%, mentre l’aumento della la popolazione maschile effettivamente nel mercato del lavoro era del 16,3%.

La misurazione del lavoro nella società in una prospettiva più ampia non è solo quella effettuata in cambio di una retribuzione. In tal senso, si considera anche quello svolto nell’ambito delle famiglie incentrate sulle attività domestiche e assistenziali, che consumano anche una parte significativa del tempo delle persone.

Secondo un’analisi delle condizioni di vita della popolazione brasiliana presentata dalla Sintesi degli indicatori sociali – SIS (2015), nel 2014 il 90,7% delle donne occupate svolgeva compiti domestici e di cura. Un quadro che negli ultimi anni è cambiato poco, considerando che, nel 2004, questa percentuale era del 91,3%, il che dimostra che la maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro non implica una sostituzione del lavoro, ma un accumulo.

Tuttavia, nonostante la maggiore dinamica della popolazione femminile, il numero di uomini impegnati che svolgono le faccende domestiche e di cura nell’ultimo decennio è aumentato del 29,3%, mentre nella popolazione femminile questa variazione è stata del 21,0% (SIS, 2015).

Questi dati mostrano che attualmente alcuni uomini sono già in grado di condividere con le donne le faccende domestiche in quanto la nuova generazione femminile non è così attaccata al modello patriarcale. In questo senso, Bourdieu (1999, p. 108) aggiunge che:

[…] o aumento do número de mulheres que trabalham não pode deixar de afetar a divisão de tarefas domésticas e, ao mesmo tempo, os modelos tradicionais masculinos e femininos, acarretando, sem dúvida, consequências na aquisição de posições sexualmente diferenciadas no seio da família: pode-se, assim, observar que as filhas de mães que trabalham têm aspirações de carreira mais elevadas e são menos apegadas ao modelo tradicional da condição feminina.

Questi dati mostrano che c’è ancora molto da fare per ridurre la differenza tra uomini e donne. Vale quindi la pena spiegare che anche con questo doppio turno le donne continuano a perdere in termini di diritti di previdenza sociale, poiché la differenza di età minima tra uomini e donne proposta da Jair Bolsonaro nella sua Riforma delle pensioni (2019) non è sufficiente a compensare la doppia giornata lavorativa a cui è sottoposta la maggior parte delle donne.

In virtù dell’accumulare la loro occupazione con le faccende domestiche, le donne, come accennato in precedenza, lavorano più ore settimanali degli uomini senza essere retribuite e senza contare questo tempo per la previdenza sociale.

Trabalhadores urbanos podem pleitear a aposentadoria por idade aos 65 anos e trabalhadoras, aos 60. Em atividades rurais, as idades são de 60 e 55, respectivamente. A proposta de Reforma da Previdência apresentada por Jair Bolsonaro quer implementar uma idade mínima para todo mundo, inclusive os que hoje se aposentam por tempo de contribuição, estabelecendo 65 anos, para homens, e 62, para mulheres, na cidade, e 60 para ambos no campo. O tempo mínimo de contribuição passaria de 180 meses (15 anos) para 240 (20 anos) (REFORMA DA PREVIDÊNCIA, 2019).

Questa proposta presentata ignora il doppio spostamento riconosciuto dall’Assemblea Costituente nel 1988, dopo la mobilitazione della società civile, ai fini del pensionamento per età, per cercare di compensare parte di un sistema socialmente ed economicamente ingiusto (BRASIL, 1988).

Attraverso tale esposizione, viene posta la domanda: sono sufficienti questi tre anni per bilanciare questa discrepanza tra uomini e donne? Diverse proposte sono già in discussione al Congresso per ridurre il fabbisogno minimo di tutte le donne, tuttavia vale la pena ricordare che non si tratta di lacune dovute alla mancanza di formazione, competenza o mancanza di dedizione, ma al machismo che prevale fino ad oggi in tutti i campi della società e, soprattutto, in politica.

4. RISULTATI E DISCUSSIONE

L’età degli intervistati variava dai 19 ai 66 anni, con un’età media tra loro di 36 anni. Per quanto riguarda il livello di istruzione degli intervistati, si va dalla scuola elementare incompleta agli studi post-laurea, secondo il grafico 01. Per quanto riguarda lo stato civile, la maggior parte degli intervistati era sposata, pari al 46%, seguita dal 24% dei single intervistati, il 18% delle donne divorziate e, infine, il 12% delle vedove, secondo il grafico 02.

Grafico 01: istruzione

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

Secondo il Grafico 01, si conclude che, nonostante l’occupazione, anche così, le donne Uruaçu riescono a dedicarsi agli studi, poiché il 26% degli intervistati ha già completato l’istruzione superiore e il 36% ha un’istruzione superiore incompleta. formarsi per il mercato del lavoro.

Inoltre, gli indicatori sociali dell’IBGE, pubblicati nel 2016, hanno mostrato una tendenza generale all’aumento del livello di istruzione delle donne rispetto agli uomini, che quantifica che le donne raggiungono un livello di istruzione più elevato rispetto agli uomini. Sempre secondo la pubblicazione, il 13,5% degli uomini di età pari o superiore a 25 anni ha un’istruzione superiore, mentre questa cifra è più alta per le donne con il 16,9% (IBGE, 2016).

Grafico 02: Stato civile

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

Osservando il grafico 02, è evidente l’eterogeneità della ricerca, in quanto sono state intervistate donne di diverso stato civile, da single a vedove. Pertanto, secondo i dati raccolti, si rileva che, indipendentemente dallo stato civile, salvo rare eccezioni, è presente il doppio dell’orario di lavoro.

In relazione alla razza/colore si è riscontrato che il 44% degli intervistati si è dichiarato marrone, poi bianco, fino al 26% e il 18% si è dichiarato nero. Oltre al 10% che si dichiara giallo e solo il 2% autoctono, secondo il grafico 03.

I dati trovati nella ricerca, come mostra il grafico 03, non corroborano i dati pubblicati dall’ultimo censimento effettuato dall’IBGE (2019), che ha rilevato che il 49% della popolazione brasiliana si autodichiara bianca e solo il 13,6% autodichiararsi marrone.

Grafico 03: Razza/Colore

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

In merito alla domanda principale dello studio sul tema dei doppi turni delle donne, ovvero l’alternanza delle donne tra attività domestiche in casa e lavoro retribuito fuori casa, è stato inizialmente chiesto se le intervistate avessero un lavoro fuori casa. la risposta è stata che il 96% degli intervistati aveva un lavoro.

Grafico 04: Lavoro fuori casa

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

I dati ottenuti sono diversi da quelli pubblicati da un’indagine condotta dall’IBGE (2008) nelle principali capitali del Paese: Recife, Salvador, Belo Horizonte, Rio de Janeiro e San Paolo, effettuata nel 2008, che ha portato a un la percentuale del 43,1% delle donne intervistate ha un lavoro fuori casa, il che dimostra che, nonostante la differenza campionaria, le donne Uruaçu sono maggiormente inserite nel mercato.

Alla luce dei dati presentati, non è noto quali fattori portino la donna di Uruaçu al mercato del lavoro, poiché lo psicologo Zimeo (2012) ha elencato i tre fattori che motivano le donne a lavorare: realizzazione personale, professionale o necessità finanziaria.

quando viene richiesto riguardo alle faccende domestiche e se la responsabilità fosse solo della donna o condivisa da qualcun altro, il 73% degli intervistati ha risposto di essere responsabile solo delle faccende domestiche, secondo il grafico 5. Cioè, non ha l’aiuto di nessuno casa. D’altra parte, i pochi che hanno risposto contando sull’aiuto di qualcuno hanno menzionato il marito, i figli e il lavoratore a giornata per condividere questa responsabilità.

Da ciò risulta che non riuscivano a staccarsi dalle funzioni e dai compiti della casa, anche lavorando fuori casa, il che li faceva diventare sovraccarichi e maggiori responsabilità.

Da ciò si può dedurre che secondo Detoni; Lages e Sarmento (2015), “lavorare fuori casa” è stato uno dei modi trovati per garantire nuovi spazi di azione, non riuscendo però a scartare il “lavorare dentro casa”, il prezzo di tanta motivazione all’emancipazione è stato alto. (DETONI; LAGES e SARMENTO, 2015, p. 3).

Grafico 05: Responsabilità per le faccende domestiche.

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

Riguardo a questa divisione delle responsabilità per le faccende domestiche, IPEA (2008) mostra che è una questione culturale che le donne siano responsabili della casa. Inoltre, afferma che quando gli uomini li aiutano in questo compito, sono responsabili solo di compiti meno complessi, come fare la spesa al supermercato o portare i bambini a scuola. Ciò si traduce in una settimana lavorativa extra di 7,5 ore settimanali per le donne.

Come è noto, le donne sono meno valorizzate finanziariamente nel mercato del lavoro, per cui è stato chiesto alle intervistate se guadagnassero di più o meno dei loro partner. In risposta, è emerso che l’86% degli intervistati ha dichiarato di aver ricevuto meno del proprio partner.

Grafico 06: Differenza salariale tra uomini e donne.

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

Nonostante questa realtà di discrepanza tra retribuzioni maschili e femminili, dal 2016 tale differenza è diminuita, poiché lo stipendio delle donne è aumentato del 2,6%, mentre nello stesso anno quello degli uomini è cresciuto solo dell’1,8%. Ma non è ancora l’ideale, dato che le donne guadagnano l’85,1% del salario degli uomini. Il che si traduce in uno stipendio medio nazionale di 2.708,71 BRL per le donne e 3.181,87 BRL per gli uomini, secondo i dati di Agência Brasil (2018).

Anche in mezzo a questa dualità di orari di lavoro più lunghi e salari più bassi, le donne si considerano ancora indipendenti. Questi dati sono stati intravisti sia nella ricerca in corso, che ha rilevato che l’80% degli intervistati si considera indipendente, secondo il grafico 07.

Grafico 07: Indipendenza delle donne

Fonte: Araújo; Fagundes; Souza (2019)

Infine, agli intervistati è stato chiesto se si sentivano felici perché erano donne. Un risultato del 78% degli intervistati è stato ottenuto se si ritengono felici. È stato anche chiesto, soggettivamente, il motivo per cui le intervistate si sentivano felici o meno perché donne.

La maggior parte degli intervistati che hanno risposto affermativamente hanno collegato questa felicità al fatto di poter formare una famiglia attraverso la maternità. Chi invece ha risposto negativamente si è riferito al motivo della svalutazione delle donne, che spesso non viene riconosciuta a fronte di tutte le mansioni svolte.

5. CONSIDERAZIONI FINALI

Si può concludere, quindi, che culturalmente le donne sono sempre state responsabili dei numerosi compiti noti collettivamente come “compiti domestici”, per questo motivo viene attribuito il termine doppio turno, poiché la donna ha bisogno di conciliare questi compiti con il lavoro retribuito.

In generale, il pensiero sociale brasiliano, per quanto riguarda la posizione delle donne, è ancora radicato nella grande casa e nei quartieri degli schiavi. Ed è in questo contesto che sorgono i conflitti nel tentativo di collegare lavoro non retribuito e lavoro retribuito, poiché le donne sono avanzate nel mercato del lavoro e, d’altra parte, gli uomini sono ancora molto indietro nella sfera domestica.

Attraverso i dati raccolti si è rilevato che questa realtà è inserita anche nel comune di Uruaçu, poiché le donne di Uruaçu lavorano fuori casa, sono responsabili delle faccende domestiche, hanno un livello di istruzione ponderato e, comunque, guadagnano meno di gli uomini.

Nonostante tutto il contesto storico dell’evoluzione, scaturito dalle varie lotte delle donne, culminato nell’inserimento dell’uguaglianza, previsto dalla Costituzione brasiliana del 1988, nel suo art. 226, che prega per l’uguaglianza dei diritti e dei doveri dell’uomo e della donna in relazione alla società coniugale e pone la pianificazione familiare come un diritto che deve essere esercitato dalla coppia (BRASIL, 1988).

Tuttavia, è importante notare che questa prerogativa giuridica non garantisce ancora una reale parità tra uomini e donne, soprattutto per quanto riguarda la doppia giornata lavorativa assegnata alle sole donne.

Alla luce di quanto sopra, si rileva che il “lavorare fuori casa” è stato uno dei modi individuati per garantire nuovi spazi di azione, non riuscendo però a scartare il “lavoro dentro casa”, prezzo di tanta motivazione per l’emancipazione è stata alta.

Sono tuttavia necessari maggiori investimenti nelle politiche pubbliche per garantire la valorizzazione del lavoro, anche in termini di diritti previdenziali, poiché tale quantità di ore lavorate non è contabilizzata ai fini pensionistici.

Va notato che questa ricerca non intende esaurire l’argomento, ma perché vi sia un maggiore interesse nella ricerca e nell’approfondimento dell’argomento in questione, fungendo da incentivo per l’emergere di nuove ricerche inerenti a questo tema.

RIFERIMENTI

BANDEIRA, Lourdes; Thurler, Ana Liési. A vulnerabilidade da mulher à violência doméstica: aspectos históricos e sociológicos. 2010.

BARBOSA, Esdras da Silva. Ensino de História e RAP: classe, raça e gênero como possibilidades de diálogo nas aulas de História. 2017. Monografia – Universidade de Brasília. Brasília, 2017. Disponível em: https://bdm.unb.br/bitstream/10483/18889/1/2017_EsdrasdaSilvaBarbosa.pdf Acesso em: 18/05/2019

BARROCAL, André. Mulheres Trabalham 7,5 horas a mais que os homens. Carta Capital. São Paulo, 6 de maio de 2019. Disponível em: http://www.cartaeducacao.com.br/aulas/medio/a-dupla-jornada-das-mulheres/ Acesso em: 13/03/2019.

BARROS, Alice Monteiro de. Curso de Direito do Trabalho. São Paulo. 2010, 67.

BEAUVOIR, Simone. O segundo sexo. São Paulo: Difel-Difusão Europeia Do Livro, 1960.

BOURDIEU, Pierre. A dominação masculina. Trad. Maria Helena Kühner. Rio de Janeiro: Bertrand Brasil, 1999.

BRASIL. Constituição (1988). Constituição da República Federal do Brasil. Brasília, DF: Senado Federal, 1988

IBGE. Síntese de Indicadores Sociais (SIS) – Uma análise das condições de vida da população brasileira 2015. Disponível em: Disponível em: https://agenciadenoticias.ibge.gov.br/agencia-sala-de-imprensa/2013-agencia-de-noticias/releases/24266-mulheres-dedicam-mais-horas-aos-afazeres-domesticos-e-cuidado-de-pessoas-mesmo-em-situacoes-ocupacionais-iguais-a-dos-homens Acesso em 25 maio de 2019

IBGE. Pesquisa Nacional por Amostra de Domicílio. 2011

IBGE. Pesquisa Nacional por Amostra de Domicílio. 2019.

IPEA. Instituto de Pesquisa Econômica Aplicada. 2015. Disponível em:
www.ipea.gov.br-;

IBGE. Diretoria de Pesquisas Coordenação de Trabalho e Rendimento Pesquisa de Orçamentos Familiares 2007-2008. Disponível em: https://biblioteca.ibge.gov.br/visualizacao/livros/liv101670.pdf

IBGE. Diretoria de Pesquisas Coordenação de Trabalho e Rendimento Pesquisa de Orçamentos Familiares 2007-2008

DETONI, Carolina; LAGES, Sônia Regina Corrêa; SARMENTO, Sandra Carrato. OPreço da Emancipação Feminina – Uma reflexão sobre o estresse gerado pela dupla jornada de trabalho. Disponível em:<http://portal.estacio.br/media/3345423/8-opreco-emancipacao-feminina-reflexao-sobre-estresse-gerado-dupla-jornadatrabalho.pdf>. Acesso em: 09 mar. 2019.

DICIONÁRIO PRIBERAM DA LÍNGUA PORTUGUESA [em linha], 2008 2013. Disponível em:< https://dicionario.priberam.org/escrava> Acesso em 22-04-2019.

GIL, Antônio Carlos Métodos e técnicas de pesquisa social. 6. ed. – São Paulo: Atlas, 2008.

LAKATOS, Eva Maria; MARCONI, Marina de Andrade. Fundamentos de metodologia científica. 5. ed. São Paulo: Atlas, 2003.

LADEIRA, Kátia de Freitas. Dupla jornada da mulher e qualidade de vida: a influência do nível socioeconômico nas estratégias de conciliação entre o tempo laboral e o tempo familiar. Dissertação (Mestrado em Economia Doméstica) – Universidade Federal de Viçosa, Viçosa, 2000.

MARTINS, Clitia Helena Backx. Dupla jornada de trabalho: desigualdade entre homens e mulheres. Carta de Conjuntura FEE. Porto alegre, ano 22, nº04, 2013. Disponível em: <http://carta.fee.tche.br/article/dupla-jornada-de-trabalho-desigualdade-entre-homens-e-mulheres/acessado> Acesso em: 04/04/2019.

MATOS, Maria Izilda; BORELLI, Andrea. Espaço feminino no mercado produtivo. In: PINSKY, Carla Bassanezi; PEDRO, Joana Maria (orgs.). Nova História das Mulheres no Brasil. São Paulo: Editora Contexto, 2012, p. 126-14

PINHEIRO, Luana Simões. O trabalho nosso de cada dia: determinantes do trabalho doméstico de homens e mulheres no Brasil. 2018. 329f. Tese – (Doutorado em Psicologia) Universidade de Brasília. Brasília, 2018.

PRIORI, Mary Del (ORG). História das mulheres no Brasil. São Paulo, SP. Editora Pinsky, 2004.

SAKAMOTO, Leonardo. Reforma seria diferente se mulheres fossem 50% e não 15% da Câmara? Blog do Sakamoto. São Paulo, 20 de fev. de 2019. Disponível em: <https://blogdosakamoto.blogosfera.uol.com.br/2019/02/28/reforma-da-previdencia-considera-a-dupla-jornada-de-trabalho-das-mulheres/?> Acesso em: 12/05/2019

SCOTT, Ana Silvia. O caleidoscópio dos arranjos familiares. In: PINSKY, Carla Bassanezi; PEDRO, Joana Maria (Orgs.). Nova História das Mulheres no Brasil. São Paulo: Contexto, 2012. p. 15-42. SCOTT, Joan W. A mulher trabalhadora. In: DUBY, Georges; PERROT, Michelle (Orgs.). História das mulheres no Ocidente. Porto: Edições Afrontamento, vol. IV, 1991. p. 443-475.

SILVA, Christiane Leolina Lara; ARAÚJO, José Newton Garcia de; MOREIRA, Maria Ignez Costa; BARROS, Vanessa Andrad. O trabalho de empregada doméstica e seus impactos na subjetividade. Psicologia em Revista. Belo Horizonte, v. 23, n. 1, 2017. Disponível em: < http://pepsic.bvsalud.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1677-11682017000100028> Acesso em: 21/05/2019

SÍNTESE DE INDICADORES SOCIAIS. Uma análise das condições de vida da população brasileira: 2020. IBGE, Coordenação de População e Indicadores Sociais. – Rio de Janeiro: IBGE, 2020. 148 (Estudos e Pesquisas. Informação Demográfica e Socioeconômica, ISSN 1516-3296; n. 43)

ZIMEO, Adélia Ester Maame. Anseios da Vida. 2012. São Paulo. Disponível em: https://www.blogger.com/profile/00388036168290317588

APPENDICE – RIFERIMENTO ALLA NOTA

4. Schiava: donna prigioniera. Che è dominato da un’idea o sentimento = dipendente; Un individuo che è stato privato della sua libertà e che vive in assoluta soggezione a chi la tratta come un bene sfruttabile e negoziabile. Una donna che è soggetta a una sottomissione radicale a qualsiasi uomo; superlavoro senza paga.

5. Síntese de Indicadores Sociais.

[1] Studente post-laurea in Diritto Civile – PUC-Minas; Post-laurea in Biologia presso l’UFLA; Post-laurea in Gestione Ambientale presso FASEM; laurea specialistica in Metodi e Tecniche Didattiche presso UNIVERSO; Studentessa di giurisprudenza all’UEG; Laureato in Fisica all’UFG; Laureato in Biologia all’UEG; Laureato in Pedagogia all’UEG.

[2] Post-laurea in Insegnamento dell’istruzione superiore- UEG/ Uruaçu-GO; Post-laurea in Management Pubblico/ UEG/ Uruaçu-GO. Laurea in Storia – VAI; Laureato in Giurisprudenza- UEG/ Uruaçu-GO.

[3] Laurea in Fisioterapia – Università Statale di Goiás. Post-laurea in Gestione della Salute – ​​Università Statale di Goiás. Studente laureato in Giurisprudenza – Università Statale di Goiás. Studente post-laurea in diritto del lavoro e processo del lavoro – Instituto Verbo Jurídico.

Inviato: Giugno 2021.

Approvato: Novembre 2021.

Rate this post

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 111505
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?