REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Revista Científica Multidisciplinar

Pesquisar nos:
Filter by Categorias
Agronomia
Ambiente
Amministrazione
Amministrazione Navale
Architettura
Arte
Biologia
Chimica
Comunicazione
Contabilità
cucina
Di marketing
Educazione fisica
Etica
Filosofia
Fisica
Formazione
Geografia
Informatica
Ingegneria Agraria
Ingegneria ambientale
Ingegneria chimica
Ingegneria Civile
Ingegneria di produzione
Ingegneria di produzione
ingegneria elettrica
Ingegneria informatica
Ingegneria meccanica
Legge
Letteratura
Matematica
Meteo
Nutrizione
Odontoiatria
Pedagogia
Psicologia
Salute
Scienza della religione
Scienze aeronautiche
Scienze sociali
Sem categoria
Sociologia
Storia
Tecnologia
Teologia
Testi
Turismo
Veterinario
Zootecnici
Pesquisar por:
Selecionar todos
Autores
Palavras-Chave
Comentários
Anexos / Arquivos

La donna e le sue concezioni storiche

RC: 76523
4.080
4.7/5 - (3 votes)
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

BORGES, José Carlos [1], LAPOLLI, Édis Mafra [2], AMARAL, Melissa Ribeiro do [3]

BORGES, José Carlos. LAPOLLI, Édis Mafra. AMARAL, Melissa Ribeiro do. La donna e le sue concezioni storiche. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 06, Vol. 09, pp. 05-21. giugno 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/storia/concezioni-storiche

RIEPILOGO

Nel corso degli anni la donna ha avuto concezioni diverse all’interno della storia, con un sacco di duro lavoro e dedizione alle donne si è guadagnata il dovuto rispetto, ma al giorno d’oggi la disuguaglianza di genere è ancora evidente. Questo articolo di ricerca bibliografica solleva riflessioni sul ruolo delle donne all’interno delle diverse società di ogni epoca, fino a raggiungere il profilo dell’attuale donna, responsabile del comando di famiglie, aziende, università, città e persino paesi. Creare una visione attraverso l’empowerment della figura femminile e la sua importante partecipazione alla costruzione della società di oggi.

Parole chiave: Donne, disuguaglianza di genere, risultati.

1. INTRODUZIONE

Nel corso della storia umana, uomini e donne hanno ricoperto ruoli distinti all’interno della famiglia e della società. Per diversi secoli in momenti diversi e nella maggior parte delle società, le donne sono state scartate dalle importanti decisioni della vita sociale e sono state viste come sesso fragile.

Il tempo è passato e le donne hanno gradualmente guadagnato spazio all’interno della società, attraverso il loro lavoro, i loro valori e soprattutto le loro azioni. Ma non è sempre stato così, perché l’attuale donna dimostrasse il suo vero valore, c’erano figure importanti che si sono guadagnate rispetto e spazio all’interno della società del suo tempo. Vale la pena ricordare che le donne hanno guadagnato spazio oggi, tuttavia, ci sono ancora molti progressi per ottenere uno spazio più egualitario, specialmente nel mercato del lavoro.

In uno studio del 2018 condotto dall’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) intitolato “Prospettive sociali e occupazionali nel mondo: tendenze per le donne 2018”, ha sottolineato che le donne hanno meno probabilità di partecipare al mercato del lavoro rispetto agli uomini e hanno maggiori probabilità di essere disoccupate nella maggior parte dei paesi del mondo.

Nonostante le barriere di genere imposte dalla società nel tempo e nello spazio, ci sono state molte donne che si sono distinse nel corso dei secoli, diventando leader o riferimento all’interno della loro società.

2. LA DONNA DELLA PREISTORIA

Durante tutto il paleolitico le donne occuparono il ruolo centrale della società, gli individui erano cacciatori-raccoglitori e non c’era bisogno di forza, la cultura era cooperativa, il partenariato, dove uomini e donne vivevano armoniosamente. La divisione del lavoro tra i sessi esisteva, ma senza disuguaglianza. La donna rappresentava il potere di dare e nutrire, perché in questo periodo l’uomo non sapeva la sua funzione nella procreazione, il potere era centrato sulle donne, perché si credeva che la riproduzione fosse un privilegio divino, e per questo motivo, spesso la donna era venerata come divinità.

Ci sono un gran numero di sculture con forme femminili realizzate nel Paleolitico e nel Neolitico che sono state trovate dagli archeologi, come la Venere di Willendorf (Figura 01) e la Venere di Lasseul (Figura 02). Uomini e donne imparentati per motivi spontanei e semplici, non c’era trasmissione di eredità o potere, e non c’erano dispute sui territori o sulle guerre, e la libertà sessuale era enorme. (PAGLIA, 1992; EISLER, 2007; MURARO, 2018).

Figura 1: Venere di Willendorf


Fonte: Blog Em Clase conoce tu pasado

Fig. 02: Venere di Laussel, estatua dell’età preistorica


Fonte: Wikipedia – Arte nella preistoria

Quando la caccia ai grandi animali divenne necessaria e l’uomo dominò l’agricoltura, iniziarono la supremazia maschile e la competitività tra gruppi di individui. Le donne erano ancora adorate, ma c’è già iniziato ad esserci stratificazione sociale e sessuale. Non appena l’uomo scopre il suo ruolo nella riproduzione inizia a controllare la sessualità femminile. Il matrimonio inizia ad esistere, così come la proprietà e l’eredità. Così si formano i primi villaggi, città e imperi e la società diventa patriarcale dove prevale la legge dei più forti (MURARO, 2018).

Secondo Amaral (2019):

Osservando la storia dell’umanità si può capire la strada che le donne hanno intrapreso per perdere lo status di divinità, adorata nelle società primitive, per un essere che dipende dall’approvazione maschile per tutto. A quanto pare, la dipendenza delle donne dal potere maschile ha perso forza negli ultimi secoli, ma rimane ancora un ostacolo per le donne riacquistare il loro potere e la società per diventare di nuovo egualitari.

Nel corso degli anni queste società si sono evolute, fino a quando non è emersa la culla di grandi civiltà (sumérica, egiziana, babilonese, greca, romana tra gli altri), nonostante seguisse un modello patriarcale, le donne erano adorate da tutti, sia dalle figure delle sacerdotesse, guerrieri o persino da rappresentazioni femminili attraverso gli dei.

3. LA DONNA NELL’ANTICHITÀ

Con l’età antica, attraverso l’espansione della religione ebraica, le donne iniziarono a perdere spazio all’interno della società e i matrimoni divennero istituzioni centrali per la vita, cioè la donna sarebbe stata utile se fosse parte di una famiglia. Inoltre, la religione ha centralizzato il culto sulla figura dell’uomo, noto anche come pater. E le donne dovrebbero seguire e obbedire alla figura maschile.

Solo nel I secolo a.C. che le leggi hanno iniziato a garantire una maggiore libertà e partecipazione delle donne alla vita pubblica, gran parte di questo processo assegnato è alla base della società spartana. Sebbene la società ateniese occupi un posto di primo piano nella storia della democrazia, la partecipazione delle donne fu nulla, perché le donne furono istruite a servire la casa e la famiglia.

D’altra parte, la società spartana era una società estremamente militare e per questo motivo le donne occupavano posti di rilievo nelle decisioni pubbliche. Anche le donne spartane occupavano un posto di rilievo, poiché erano responsabili di dare origine ai soldati spartani. Nello stesso periodo, tuttavia, in un luogo di costumi totalmente diversi, ha evidenziato l’imponente figura femminile, la regina Cleopatra.

Cleopatra Thea Filopator nacque nella città di Alessandria nel 69 a.C.C.  fu l’ultima regina della dinastia ptolimia, era popolarmente conosciuta per gli atteggiamenti non convenzionali e i suoi affari amorosi, inclusa in questa lista il grande imperatore Giulio Cesare.

Figura 2: Figura di Cleopatra, rappresentata dall’attrice Elizabeth Taylor


Fonte: 40 FOREVER

Alla figlia di Tolomeo Aulete fu dato un nome forte Thea “dea” e Filopator “amata da suo padre”. Era una donna con una personalità molto intensa, era un abile uomo d’affari, stratega militare e parlava sei lingue.

La figura della regina Cleopatra fu reso popolare attraverso l’industria cinematografica, in una delle opere più imponenti del cinema americano, il film Cleopatra del 1963, interpretato dall’attrice carismatica Elizabeth Taylor.

4. LA DONNA E LA MEZZA ETÀ

Il Medioevo era considerato da molti storici come il Medioevo, un periodo di grande persecuzione religiosa, varie malattie e attacchi tra i popoli, ma fu in questo periodo che le donne ottennero l’accesso a gran parte delle professioni e anche al diritto alla proprietà, ma sottomesso come possiamo evidenziare nell’estratto del libro MALLEUS MALEFICARUM:

[..] va notato che c’è stato un fallimento nella formazione della prima donna, perché è stata creata da una costola curva, cioè una costola del seno, la cui curvatura è, per così dire, contraria alla giustizia dell’uomo. E poiché, in virtù di questo fallimento, la donna è animale imperfetto, delude sempre e mente (KREMER, SPRENGER 1991, pag. 116).

Le donne di questo periodo furono molto svalutate, perché la società era tutta incentrata sulla figura dell’uomo, ma con guerre, malattie e persecuzioni l’aspettativa di vita di questo periodo divenne molto bassa. Come risultato di questi fatti, le donne divennero vedove presto, quindi dovettero prendere il posto di capo famiglia.

Tuttavia, la partecipazione delle donne durante il Medioevo fu ancora più concisa attraverso donne di spicco che studiavano nelle università e che partecipavano alla vita politica dell’epoca, esempi come Hilda di Whitby che fondò diversi monasteri e conventi in tutta Europa, della Duchessa d’Aquitania che insegnò e governò il feudo con suo marito, e uno dei più grandi esempi nella storia di Giovanna d’Arco.

Giovanna d’Arco è una delle figure più illustri della storia francese, nata nel Medioevo, in un tempo molto travagliato e senza molto spazio per la manifestazione del pensiero femminile. Questa figura coraggiosa ha rotto con i paradigmi imposti dalla società, indossava abiti da uomo e possedeva una forte personalità.

Figura 3 : Rappresentazione della Giovanna d’Arco canonizzata.

Fonte: PASCOM – Parrocchia di Sant’Antonio

La storia di Giovanna d’Arca riecheggiava in ogni angolo del mondo, una ragazza di 17 anni che guidò le truppe francesi nel loro primo combattimento nella guerra dei cent’anni (conflitto tra Francia e Inghilterra tra il 1337 e il 1453), e che servì da esempio per molte altre civiltà.

Nonostante le varie conquiste dell’anno 1431, all’età di 19 anni, Giovanna fu bruciata viva in una piazza pubblica accusata di eresietà e stregoneria Dopo le conquiste, Giovanna era diventata molto popolare e amata dal popolo, ancor più del re stesso, questo fatto culminò nella sua morte.  Poco dopo la sua condanna, la Chiesa cattolica iniziò un processo di revisione del processo che culminò nella sua morte, e nel 1456 Giovanna d’Arca fu giudicata non colpevole da papa Callisto III, e nel 1909 la sua beatificazione fu autorizzata, canonizzata nel 1920 da papa Benedetto XV. Attualmente è considerato una delle figure più influenti nella storia e nella religione del mondo.

5. LA DONNA DELL’ETÀ MODERNA

La transizione tra medioevo ed età moderna fece sì che le donne cominciarono a guadagnare spazio nella società mercantilista. Una delle donne che si distingueva di più nella società moderna era la regina Elisabetta.

Elisabetta I nacque a Greenwich nel 1533, figlia di Enrico VIII e Anna Bolena, divenne nota nella storia come Elisabetta “la regina vergine” perché non si sposò mai, e fu il quinto e ultimo monarca della linea di successione Tudor. Dopo una travagliata incoronazione, Elisabetta regnò per molti anni, e insieme ai suoi consiglieri istituì la cosiddetta età dell’oro dell’Inghilterra.

Figura 4: Ritratto della regina Elisabetta I (Regina Vergine)


Fonte: Wikipedia – Ritratto di Elisabetta I

Tra le gesta della vergine regina possiamo evidenziare l’istituzione della chiesa protestante inglese, la crescita economica e l’unificazione dell’Inghilterra, oltre alla grande accettazione popolare della regina, dopo anni di crisi. Fu anche durante il suo regno che spiccavano figure artistiche di spicco come Sir Willian Shakespeare.

A quel tempo a causa dell’intensificazione del commercio, e con la caduta del feudalesimo, ci fu un marcato flusso di migrazione e urbanizzazione, rendendo così le donne una forza lavoro importante per l’industria.

6. LA DONNA E L’ETÀ CONTEMPORANEA

Nel corso della storia le donne hanno ricoperto ruoli diversi all’interno della società, rompendo paradigmi e pregiudizi di genere, diventando sempre più accettate nella società di oggi, così come gli esempi di alcune donne illustri della società brasiliana e persino mondiale; esempi come: Anita Garibaldi, la principessa Isabella, Antonieta de Barros, tra gli altri.

Come Giovanna d’Arca, la figura di Anita è ammirata da tutti ed è considerata l’eroina di entrambi i mondi, poiché era presente in battaglie sia nel continente americano che in quello europeo. Ana Maria de Jesus Ribeiro (Anita) nacque nel comune di Laguna, Santa Catarina, dove incontrò il generale Giuseppe Garibaldi all’età di 18 anni, abbandonando così il marito per accompagnare il rivoluzionario italiano.

Il libro di Anita Garibaldi dell’autore Paulo Markun definisce la figura di Anita: “Questa donna è bruna come tutti i creoli dei tropici, di personalità semplice, agitata e vivace, con una fisionomia ben progettata e un volto malinconico, ma occhi ardenti e petto virile” (MARKUN, 2008, p.24).

Figura 5: Ritratto di Anita Garibaldi


Fonte: Jornal do Planalto

Anita partecipò a diverse battaglie e rischiò più volte la sua vita, portando munizioni ai guerrieri repubblicani, prendersi cura dei feriti e persino far parte del combattimento. Dopo le loro conquiste la coppia Garibaldi fu perseguitata da eserciti francesi, spagnoli e austriaci, in cerca di rifugio per alcuni mesi a San Marino, fino alla morte di Anita a causa di una forte febbre e della nascita della sua quinta figlia, che morì insieme alla madre.

Il coraggio di Ana Maria de Jesus Ribeiro è noto in tutto il mondo, l'”eroina di entrambi i mondi” ha diversi monumenti in suo onore, sia in Italia che in Brasile.

Un’altra personalità importante spicca nella società brasiliana, la figura di Isabel Cristina Leopoldina Augusta Micaela Gabriela Rafaela Gonzaga de Bragança e Bourbon, popolarmente conosciuta come Princesa Isabel o Isabel do Brasil, erede e reggente del Secondo Impero Brasiliano, figlia di Dom Pedro II e dell’imperatrice Dona Teresa Cristina di Borbone-Duas Sicilies.

Elisabetta donna liberale, difensore di politici e artisti, si unì ai partiti abolizionisti perché era contraria al regime di schiavitù e difensore del suffragio femminile. Finanziò i movimenti abolizionisti fino a quando non ottenne il sostegno di una parte della popolazione dell’epoca, abolendo una volta per tutte la schiavitù del Brasile con la creazione della Legge d’Oro.

Figura 6: Principessa Isabel


Fonte: Passerò. Club

La principessa Elisabetta morì in Francia nel 1921, all’età di 75 anni. Nel 2011, su richiesta del gruppo dei realisti brasiliani, l’arcivescovo di Rio de Janeiro Dom Orani João Tempesta ha aperto un processo di beatificazione, che è stato trasmesso all’arcidiocesi di Parigi, in Francia.

Un’altra donna imponente che fu evidenziata durante l’età contemporanea fu Antonieta de Barros, un’illustre figura della società santa catarina e riconosciuta per le sue conquiste in tutto il Brasile. Educatrice, scrittrice, giornalista e politica, ha dedicato la sua vita alla lotta contro l’analfabetismo e alla concessione di borse di studio per corsi di istruzione superiore a studenti bisognosi.

Figura 7: Ritratto di Antonietta di Barros.

Fonte: PORTAL GELEDÉS. Conosci Antonieta de Barros?

È stata la prima donna ad essere eletta nell’Assemblea Legislativa di Santa Catarina e la prima deputata nera in Brasile, ha sviluppato un lavoro incentrato su questioni educative, status femminile e pregiudizi razziali.

Oltre a questi risultati, ha dedicato parte della sua vita come educatrice e direttrice della scuola complementare del Grupo Escolar Lauro Muller, Escola Normal Catarinense e Colégio Dias Velho. Ha scritto anche per diversi giornali, ha pubblicato diversi articoli ed è stata la fondatrice del quotidiano A Semana.

Una donna di colore, povera e orfana di un padre, con grande dedizione e amore, ha combattuto contro la discriminazione di genere sia di genere che razziale, rendendo una delle donne più influenti nello stato di Santa Catarina.

7. IL PROFILO DELLE DONNE OGGI

Dopo secoli di lotta e duro lavoro, le donne sono riuscite a superare alcune barriere di differenziazione di genere diventando professionisti di successo. Recentemente si è guadagnata una maggiore partecipazione agli spazi sociali, professionali e politici. Ma anche se ha fatto molti passi avanti e ha vinto passi importanti, le donne devono ancora affrontare pregiudizi di genere e devono superare numerose barriere interne ed esterne (AMARAL, 2019). Le donne di oggi sono educatori, capi d’azienda, presidenti di nazioni che sfidano le barriere che appaiono, realizzando il doppio viaggio, professionale e familiare, superando i pregiudizi di genere, affrontando il soffitto di vetro e, in particolare, superando la mancanza di fiducia in se stessi.

Secondo Amaral (2019, p. 113):

[…] per potersi inserire nell’ambiente imprenditoriale dominato dagli uomini, queste donne hanno avuto attitudine, utilizzando caratteristiche molto femminili come calma, pazienza e perseveranza, segnando la posizione, mostrando molto lavoro, acquisendo fiducia in se stesse, affrontando le loro paure interne, cercando di responsabilizzarsi per affrontare le barriere all’imprenditorialità.

Le donne del 21 ° secolo hanno acquisito un nuovo profilo attraverso l’appropriazione della conoscenza, specialmente dagli anni ’60 e ’70 con i movimenti femministi, guadagnando più spazio nella società, con particolare attenzione all’istruzione superiore. Il movimento femminista iniziato alla fine del XIX secolo era essenziale per le donne per raggiungere una posizione negli spazi sociali, personali e politici.

Per potenziare e affrontare le barriere che ancora esistono, le donne devono passare attraverso un cambiamento culturale e principalmente comportamentale, potenziarsi e superare le paure interne. Mentre si dà potere può imporsi in situazioni in cui è stata messa a tacere, per inserirsi in ambienti in cui in precedenza era esclusa, avendo attitudine e affrontando ostacoli, cercando sempre equilibrio nei vari aspetti della vita (AMARAL, 2019).

Un buon esempio è stato il Primo Ministro britannico Margaret Thatcher, che ha comandato il Regno Unito nel bel mezzo della guerra fredda dal 1979 al 1990, forse una delle più importanti donne imponenti sulla scena mondiale contemporanea. Divenne nota come La Signora di Ferro, a causa della sua politica aggressiva e anticomunista; ha creato misure per stabilizzare l’economia britannica, che stava attraversando un periodo difficile, con alti tassi di inflazione, un alto tasso di disoccupazione e un’enorme crisi petrolifera. Amata da alcuni e osteggiata da altri, Margaret Thatcher non nascose mai la sua ammirazione per le pratiche capitaliste, combattendo con veemismo l’espansione del socialismo e del sindacalismo attraverso la sua politica neoliberale conservatrice. Tra le sue citazioni più sorprendenti, possiamo evidenziare frasi come: “Il problema con il comunismo è che un giorno finiscono i soldi degli altri”. E la frase usata nel suo discorso dopo l’attacco terroristico del gruppo, IRA (Esercito repubblicano irlandese). “L’avidità è un bene.”

Passarono alcuni anni e il mondo intero iniziò ad accettare sulla scena politica diverse figure femminili, tra cui donne diventate influenti a livello globale, come l’ex presidente brasiliana Dilma Rousseff, eletta due mandati consecutivi, della presidente argentina Cristina Kirchner, capo del governo tedesco: Angela Dorothea Merkel e la regina d’Inghilterra Elisabetta II, tra le altre figure femminili di spicco.

Esempi di grandi donne, non solo dell’area politica, nel mondo sociale e aziendale ci sono anche donne di spicco, come la presentatrice Oprah Winfrey, considerata dalla rivista Forbes nel 2017, come la donna più ricca del mondo, con un patrimonio netto stimato di 2,4 miliardi di dollari. Un’altra donna importante che non possiamo fare a meno di menzionare è la giovane pakistana Malala Yousafzay, che all’età di 17 anni è diventata la persona più giovane a ricevere il Premio Nobel per la pace nel 2014. Malala è sopravvissuta a un tentativo di assassinio da parte dei talebani nel 2012, rafforzando così la sua lotta per l’istruzione delle ragazze e la lotta contro il lavoro minorile in Pakistan.

8. CONSIDERAZIONI FINALI

Fin dall’inizio dell’umanità, la figura femminile e l’uguaglianza di genere hanno presentato diverse concezioni attraverso il tempo e lo spazio. Attraverso molte lotte e sofferenze le donne stanno guadagnando sempre più spazio nella società. Anche se le donne sono la maggioranza della popolazione mondiale, è ancora difficile entrare negli spazi sociali, politici ed economici.

Si può osservare che anche di fronte a numerose barriere, diverse donne si sono di spiccate nella storia dell’umanità. Queste donne erano senza dubbio esseri umani differenziati con capacità intellettuale e forza emotiva superiore alla media per raggiungere questa impresa, ognuno nel momento in cui vivevano. Anche con tanti esempi di donne che hanno eccelleto in passato e si distinguono oggi, una parte significativa vive ai margini di questo contesto, la stragrande maggioranza delle donne che vivono nel XXI secolo affrontano ancora violenza, pregiudizi, discriminazioni e difficoltà ad eccellere sia in ambito professionale che personale. Secondo i dati della Commissione delle donne (ONU) del 2000, una donna su tre ha subito una sorta di aggressione, sia fisica che morale o sessuale in tutto il mondo, e in Brasile ogni cinque minuti una donna viene aggredita, dati allarmanti che ritraevano una realtà non lontana da molti.

Nel mercato del lavoro purtroppo non è diverso, nonostante abbia le stesse condizioni intellettuali dell’uomo e sia, nella maggior parte dei casi, più istruito, le donne affrontano ancora la disuguaglianza di genere soprattutto per quanto riguarda l’ostruzione maschile, le differenze salariali, il doppio viaggio e il pregiudizio. Secondo l’OIL (Organizzazione internazionale del lavoro) nel suo rapporto “Prospettive sociali e occupazionali nel mondo: tendenze per le donne 2018”, il tasso complessivo di partecipazione delle donne alla forza lavoro è del 48,5% nel 2018, del 26,5% inferiore al tasso maschile.

Le donne perventano una strada molto più difficile degli uomini per avere successo e distinguersi. Per inserirsi nell’ambiente imprenditoriale o sociale dominato dagli uomini, le donne hanno dovuto dotarsi di poteri, cercando di sviluppare la fiducia in se stesse, avere attitudine e utilizzare caratteristiche essenzialmente femminili come la persistenza, la pazienza e la cura, lavorare e studiare più degli uomini e affrontare paure interne.

Nonostante tutte le difficoltà e le imposizioni imposte dagli uomini che hanno portato alla disuguaglianza di genere, le donne erano una parte essenziale della storia, sviluppando il loro ruolo magistralmente, affrontando i pregiudizi e le barriere di ogni volta e luogo. Nel corso degli anni la storica donna ha creato una base concreta per la donna di oggi, fungendo da base per la donna del XXI secolo per competere fianco a fianco con la figura maschile, nonostante il doppio viaggio, i pregiudizi quotidiani affrontati, i problemi familiari e la barriera interna difficile da superare: la mancanza di fiducia in se stessi.

RIFERIMENTI

ABRIL Cultural. Princesa Isabel. Coleção Grandes Personagens da Nossa História. São Paulo: Abril Cultural, s/d.

ADAMS, Simon. Leicester and the Court: Essays in Elizabethan Politics. Manchester: Manchester University Press, 2002. ISBN 978-0-7190-5325-2.

AMARAL, Melissa Ribeiro do. EMPODERAMENTO DA MULHER EMPREENDEDORA: uma abordagem visando o enfrentamento de barreiras. Dissertacao de Mestrado pelo Programa de Pos-Graduacao em Engenharia e Gestao de Conhecimento – PPGEGC. Universidade Federal de Santa Catarina – UFSC. Florianópolis, 2019.

BARMAN, Roderick. Princesa Isabel do Brasil: Gênero e Poder no Século XIX. São Paulo: UNESP, 2005.

BEAUNE, Colette. Joana D’Arc: Verdades e Lendas. Cassará Editora, 2013.

BRASIL ESCOLA. As Grandes Mulheres da História. Disponível em <http://www.brasilescola.com/historia/grandesmulheres.htm> Acesso: 30 mar. 2020.

EN CLASSE CONOCE TU PASADO. Vênus de Willendorf. Disponível em <http://oculimundienclase.blogspot.com/2012/08/la-venus-de-willendorf.html> Acesso: 30 mar. 2020.

EISLER, R. O Cálice e a Espada: nosso passado, nosso futuro. São Paulo: Palas Athena, 2007.

FASHIONATTO. 24 Grandes Mulheres da História. Disponível em: http://fashionatto.literatortura.com/2014/03/08/especial-mulheres-conheca-23-grandes-mulheres-da-historia/ Acesso: 30 mar. 2020.

Jornal do Planalto. AMABRASÍLIA realiza homenagem à heroína da pátria, Anita Garibaldi. Disponível em: <https://jornaldoplanalto.com.br/web/amabrasilia-realiza-homenagem-a-heroina-da-patria-anita-garibaldi/> Acesso em: 30 mar. 2020.

KRAMER, H. SPRENGER, J. Malleus Malleficarum: O martelo das feiticeiras. Rio de Janeiro: Editora Rosa dos Tempos, 1995.

MARKUN, Paulo. Anita Garibaldi: uma heroína brasileira. 4ª edição, São Paulo, KIMURA, Shoko. Geografia no ensino básico: questões e propostas. São Paulo: Contexto, 2008.

MURARO, R. M. Introdução. In: KRAMER, K.; SPRENGER, J. Malleus Maleficarum (1487). 4. ed. Rio de Janeiro: [s. n.], 2018.

NAÇÕES UNIDAS BRASIL. OIT: participação das mulheres no mercado de trabalho ainda é menor que dos homens. Disponível em: <https://nacoesunidas.org/oit-participacao-das-mulheres-no-mercado-de-trabalho-ainda-e-menor-que-dos-homens/>Acesso em: 30 mar. 2020.

PAGLIA, C. Personas Sexuais: Arte e Decadência de Nefertite a Emily Dickinson. São Paulo: Companhia das Letras, 1992.

PASCOM – Paróquia Santo Antônio. Santa Joana. Disponível em: <http://pascomstoantoniocr.blogspot.com.br/2014/05-santa-joana-darc.html> Acesso em: 30 mar. 2020.

PIAZZA, Walter. Dicionário Político Catarinense. Florianópolis: Assembleia Legislativa do Estado de Santa Catarina, 1985.

PORTAL GELEDÉS. Você conhece Antonieta de Barros? Disponível em <https://www.geledes.org.br/voce-conhece-antonieta-de-barros/> Acesso em: 30 mar. 2020.

VOU PASSAR. CLUB. Quem foi princesa Isabel? Disponível em: < https://voupassar.club/quem-foi-princesa-isabel/> Acesso em: 30 mar. 2020.

WIKIPÉDIA. Arte na Pré- História. Disponível em:  <http://pt.wikipedia.org/wiki/Arte_da_Pr%C3%A9-Hist%C3%B3ria> Acesso em 30 mar. 2020.

WIKIPÉDIA. Retrato de Elizabeth I da Inglaterra. Disponível em: <http://en.wikipedia.org/wiki/Portraiture_of_Elizabeth_I_of_England> Acesso em 30 mar. 2020.

40 FOREVER.  A arte de se maquiar. Disponível em <http://www.40forever.com.br/a-arte-de-se-maquiar/elizabeth-taylor-cleopatra-blue-dress-2/> Acesso em: 30 mar. 2020.

[1] Specialista in gestione e mentoring di EAD.

[2] Dottorato di ricerca in ingegneria e gestione della conoscenza.

[3] Master in ingegneria e gestione della conoscenza.

Inviato: Aprile, 2020.

Approvato: giugno 2020.

4.7/5 - (3 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

SOLICITAR REGISTRO
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita