L’evoluzione umana da una prospettiva osservata in Star Wars

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

FARAH, Leonardo de Castro [1]

FARAH, Leonardo de Castro. L’evoluzione umana da una prospettiva osservata in Star Wars. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 06, Ed. 02, Vol. 13, pp. 148-170. febbraio 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/storia/evoluzione-umana

RIEPILOGO

Durante gli anni ’70 e ’80, è apparso alle prime cinematografiche di Star Wars (in Brasile: Guerra nas Estrelas). In questo universo di fantascienza rivolto ad adulti e bambini, vediamo diverse specie umanoidi interagire tra loro. Il nostro compito qui sarebbe quello di condurre un esperimento mentale, con il seguente obiettivo: se è possibile che la biologia umana si sia evoluta, nell’universo di Star Wars e scoprire quali pianeti sarebbero propizi affinché questa evoluzione avvenga. La stragrande maggioranza dei personaggi del franchise sono bipedi, ad eccezione di Jabba The Hutt (l’unico alieno invertebrato). Sembra che il bipede sia la regola in Star Wars, contrariamente alla natura terrestre. Per costruire il nostro argomento, faremo affidamento sulle tesi di paleoantropologi esperti di locomozione umana: il dottor Owen Lovejoy, il dottor William R. Leonard e il dottor Craig Stanford. Le idee di geologia planetaria del Dr. Peter Ward e Alfredo Nunes Bandeira Jr. E le idee evolutive di Stephen J. Gould (1941-2002) e dello specialista in evoluzione umana, il Dr. Walter Neves dell’USP.

Parole chiave: vita umanoide extraterrestre in Star Wars, bipedia, intelligenza, civiltà.

INTRODUZIONE

Il nostro testo affronta l’importanza di camminare in posizione eretta come forma di locomozione che ci ha portato a colonizzare il mondo intero, oltre a consentire lo sviluppo di strategie di sopravvivenza diversificate e di creazione di civiltà. Nella saga: Star Wars, vediamoche i personaggi più intelligenti sono bipeduplet! Ciò significa che nella natura di Star Wars, ilbipedalismo è comune. Cercheremo di dimostrare che il bipedalismo umano, oltre ad essere una bizzarra forma di locomozione, è del tutto insolito nel mondo naturale. Discuteremo l’origine di questa locomozione più pubblicizzata (non includeremo nell’articolo, la Teoria do Macaco Aquático, perché sarebbe estesa e potrebbe esserci una fuga dall’argomento).

1. IL NOSTRO “STRANO” MODO DI LOCOMOZIONE

La paleoantropopologia è una scienza che studia l’origine, il protolinguaggio, l’evoluzione, il comportamento, la cultura e il bipedismo degli esseri umani e dei loro antenati. L’oggetto di studio di questa scienza sono i fossili di ominidi[2] conservati nella roccia. Ma la domanda rimane: come diventiamo umani? Questa domanda è la risposta più complicata nella storia della paleoantropopologia. Gli esseri umani sono bipedi, vivono in un gruppo che costituisce una società. Ma i mono sono anche bipedi, in particolare bonobo e scimpanzé, vivono anche in gruppi che compongono una società. Ma scimpanzé e bonobo sono bipedi facultativi. Ciò significa che di tanto in tanto camminano sotto due gambe (il più delle volte si muovono con i nodi delle dita chiamati: Nodopedalia) (NEVES; PILÓ, 2008). Per questo motivo, scimpanzé e bonobo hanno lo stesso habitat, che non hanno mai lasciato l’Africa tropicale. Secondo Leonard e Robertson (1997), il motivo per cui scimpanzé e Bonobo vivono nello stesso habitat sarebbe che la locomozione nodopedalica spende più energia della locomozione bipede. Ecco perché colonizziamo l’intero pianeta: dalla tundra, ai deserti, dalla costa, alle montagne. Il segreto di questo successo” sarebbe questa forma di locomozione chiamata bipedia.

Scimpanzé, bonobo e apparteniamo alla stessa famiglia: Hominoidea. Gli scimpanzé trasportano circa: il 98% del materiale genetico simile al nostro (NEVES; PILÓ, 2008). L’antenato comune tra uomo e scimpanzé si separò dall’albero genealogico circa 7,0 milioni di anni fa. Il nostro antenato più recente, Homo ergaster-erectus, si è evoluto in Africa 2,0 milioni di anni fa e se ne è andato e ha colonizzato nuove nicchie ecologiche: l’Eurasia percorrendo una distanza di quasi 8.500 km. Tutto questo è accaduto grazie alla locomozione bipede.

Per i paleoantropologi, il pavimento bipede precedeva la produzione di strumenti litici. Prima siamo rimasti in piedi, poi abbiamo creato strumenti per nutrirsi e ben più tardi, abbiamo iniziato a parlare (questo è successo perché il nostro cervello è cresciuto di dimensioni, grazie alla cottura). Il linguaggio articolato sorse dopo l’addomesticamento del fuoco quando cambiai il nostro cibo da spazzino a cacciatore e raccoglitore. E molto più tardi e molto tempo dopo, siamo diventati agricoltori e abbiamo inventato la civiltà come la conosciamo (scrittura, contabilità, matematica, architettura, medicina e storia).

Ci sono oggi 4.000 specie di mammiferi. La stragrande maggioranza di loro sono quadrupedi, ma gli umani e i loro antenati hanno un modo diverso di muoversi. In natura esistono altri tipi di bipedi, uccelli, alcuni dei quali hanno perso la coda nel processo evolutivo, un buon esempio di questo è il pollo. Gli uccelli sono bipedi ma non camminano eretti (tranne il pinguino), questo è evidente quando si confronta il baricentro dell’essere umano con il pollo visto nella FIGURA 1.1. Come è noto, il suo concetto è “il punto in cui possiamo considerare l’applicazione della gravità, nel corpo formato dalle particelle” (STANFORD, 2004).

FIGURA 1.1 – La figura mostra il centro di gravità dell’essere umano e di un pollo.

Illustrazione di Felipe Lima Simões.

Allora perché ci muovemo in modo diverso dal mondo animale? La maggior parte dei mammiferi sono quadrupedi. Solo noi siamo bipedi eretti! La risposta a questa domanda è stata data dal Dr. Neves e dal Dr. Piló, nel loro libro: O Povo de Luzia (2008), che hanno suggerito: “A differenza di quanto pensato da Darwin fino alla fine degli anni ’90, la fissazione della bipedia mediante selezione naturale ha avuto luogo nelle foreste, non nelle savane” (NEVES; PILÓ, 2008, p 36). Qual è il rapporto tra il fondo verticale e le foreste? Le risposte sono diverse, non c’è nulla di definito. Quindi andiamo in parti.

Negli anni ’40, gli scienziati credevano che i nostri antenati avessero lasciato gli alberi per vivere nelle savane africane. Il cambio di habitat ha costretto a un’evoluzione della locomozione, permettendo il rilascio delle mani, con l’intenzione di trasportare oggetti. Tuttavia, recenti ricerche condotte da paleoecologi ritengono che ci fossero 3,5 milioni di anni fa foreste tropicali, che coprivano gran parte dell’Africa, (in questo momento Australopithecus afarensis viveva in questa regione), attualmente, la teoria della savana può essere considerata sbagliata (STANFORD, 2004).

Per Stanford, della Università della California del Sud, suggerisce che il bipedismo non ha nulla a che fare con un percorso lineare, collegando un essere più “ritardato” al più “sindaco”. I laici immaginano che l’evoluzione umana sia associata alla nozione di “progresso” o “ordine“. In realtà è un errore. Evoluzione significa infatti: “modificazioni subite da una popolazione di organismi nel tempo; questa volta che supera la vita di una singola generazione” (CARVALHO, 2000, p 61). Per questo dobbiamo osservare: strategie di sopravvivenza, adattamento all’ambiente, cambiamenti nelle relazioni: sessuali, sociali, alimentari e dell’habitat dell’essere vivente.

Nel franchise di Star Wars, vediamo che il personaggio: Jar-Jar Binks del pianeta Naboo (che il suo ambiente è marino) e si muovono in modo abbastanza simile ai Wookiees (Chewbacca) del pianeta Kashyyyk (che il suo ambiente è foresta). Entrambe le creature provengono da pianeti diversi e da diversi biomi, come potrebbero avere la stessa locomozione? Alcuni biologi evoluzionistici farebbero appello a: un’evoluzione convergente che sarebbe una risposta evolutiva che si verifica quando esseri viventi di specie diverse si sviluppano nello stesso ambiente, avendo le stesse caratteristiche anatomiche, ad esempio: lo squalo e il delfino. Lo squalo è un pesce e il delfino è un mammifero, tuttavia, entrambi hanno lo stesso habitat e caratteristiche anatomiche simili. Il problema di fare appello all’evoluzione convergente sarebbe che le specie umanoidi dovrebbero evolvere questa locomozione in un bioma simile, ma ciò non accade. A peggiorare le cose, nella nostra storia evolutiva bipedia ha assunto diverse configurazioni nel tempo:

Abbiamo anche scoperto che i nostri primi antenati non erano bipedi incompetenti che si sono gradualmente evoluti in camminatori bipedi “eficientes“. Nuove prove mostrano che esisteva un insieme di specie con una varietà di caratteristiche, e queste non progredivano linearmente dai bipedi “primitivi” a quelli “avanzati” (STANFORD, 2004, prefazione).

Il messaggio che Stanford suggerisce è che la bipedia ha assuntodiversi “modelli“. Per Martin Pickford e Brigitte Senut, il 6,0 milioni di anni fa Orrorin tugenensis potrebbe avere una locomozione più efficiente dell’Australopithecus. Lee Berger dell’Università del Witwatersrand quando ha analizzato le ossa del piede di un Australopithecus africanus di 2,5 milioni di anni ha concluso che non aveva una locomozione efficiente rispetto all’Australopithecus afarensis (3,9-3,0 milioni di anni) che è più vecchio (STANFORD, 2004):

Uno studio di Craig Stanford della Università della California del Sud, Los Angeles, che ha coinvolto più di duecento ore di osservazione dello scimpanzé in natura, ha mostrato che molti di loro hanno adottato la postura in piedi sui rami più spessi come un modo per raggiungere frutti che altrimenti non sarebbero stati accessibili (NEVES; PILÓ, 2008, p 36).

Nel 2001, il Dr. Leonard e il Dr. Robertson scrisse per: American Journal Of Physical Anthropology un articolo che suggeriva che le scimmie, specialmente gli scimpanzé, spendevano molta più energia quando si aggirano rispetto agli umani. Il dispendio energetico dello scimpanzé è molto più elevato rispetto anche ai quadrupedi medi (cane, ad esempio), entrambi in viaggio, alla stessa distanza (LEONARD; ROBERTSON, 2001). In conclusione, il Dr. Leonard, professore di antropologia alla Northwestern University “suggerisce che il bipedalismo si è sviluppato nei nostri antenati, in parte, perché è meno costoso energeticamente dello spostamento su quattro gambe” (SCIENTIFIC AMERICAN BRASIL, 2003, p 83). Per Lovejoy, ci sono altri fattori, evidenziando il fattore sessuale: “si potrebbe non credere che camminare in posizione eretta abbia qualcosa a che fare con il sesso, ma che abbia, ha” (JOHANSON; MAITLAND, 1996, p 409), Stanford, amplia la tesi di Lovejoy, suggerendo che: “la ragione principale per stare in piedi e camminare in posizione eretta è strettamente associata alla sopravvivenza e alla riproduzione” (STANFORD, 2004, p 142).

Indubbiamente, camminare in posizione eretta è più efficiente dal punto di vista energetico, le mani potrebbero essere libere di trasportare: attrezzi, cibo e cuccioli (LOVEJOY, 1988), da portare in un determinato luogo (Home Basee di Glynn Isaac). Questa locomozione aiuta nei rapporti sessuali. Per concludere, la nostra mobilità ci ha causato alcuni svantaggi, come:

Guadagnando stabilità, il bipede perse potenza. Guadagnando efficienza energetica per camminare, ha perso la stessa efficienza per salire. Per le donne incinte, il prezzo da pagare era terribile. La selezione naturale ha rielaborato il bacino per accompagnare nuove funzioni muscolari, ma ha anche ristretto il canale del parto in relazione alle dimensioni del cranio del nascituro, che deve essere spremuto per attraversarlo (STANFORD, 2004, p. 77).

La figura 1.2 illustra la situazione delle donne incinte, in cui la colonna lombare si comprime per fare spazio allo sviluppo del feto. La bipedia ha causato diverse “imperfezioni fisiche” che non vengono diagnosticate negli animali quadrupedi: mal di schiena, vene varicose, smagliature, becco di pappagallo, scoliosi e lordosi (LIMA, 1994).

FIGURA 1.2 – Compressione della colonna lombare di una donna incinta a causa dello sviluppo del feto.

Illustrazione di Felipe Lima Simões.

Quando diventiamo totalmente fissi a terra perdiamo per il corpo presente nei monos (in particolare scimpanzé e bonobo). Ortodossamente parlando, la postura totalmente eretta sembrava a 2,0 milioni con homo ergaster-erectus, che divenne il primo nomade (migrato in Eurasia in cerca di cibo) che potevano camminare per ore e ore sotto il sole coeso, ciò che lo aiutò fu il fatto che possedeva una vertebra lombare in più (LATIMER; Ward, 1993). Questo ominide è stato uno dei primi ad avere ghiandole sudoripare che hanno contribuito a regolare la temperatura interna, facendolo sudare.

2. ALCUNI REGENI, PER AVERE LA VITA UMANOIDE LÀ FUORI

Secondo il Dr. Alfredo Nunes de Bandeira Junior, nel suo libro: Nós Estamos Sós: Uma Humanidade Solitária (2000) e nel libro: Rare Earth (in Brasile con il titolo: “Sós no Universo”? 2000) del Dr. Peter Ward e del Dr. Donald Brownlee in entrambe le opere suggeriscono che la vita intelligente nell’universo è rara. Quindi, perché ciò avvenga dipenderà da una sequenza di eventi (anche fortuiti), riassunti in sette fasi:

Tabella 1 – Regole per lo sviluppo della vita intelligente.

La vita umana del franchise di Star Wars che si è evoluta dovrebbe soddisfare questi criteri sopra. Quindi c’è da aspettarsi che l’ambiente, propizio, sia simile a quello della Terra.

distanza relativa dal sole (essendo nella chiamata: zona abitabile). La Terra ha una distanza di 150 milioni di km dal sole, questo permette al pianeta di rimanere in una zona di comfort, né troppo calda né troppo fredda. Inoltre, il pianeta dovrebbe anche avere una massa ideale per permettere all’atmosfera di essere mantenuta dalla gravità del pianeta. Inoltre, con una gravità di 1G (con media: 12-13 mila km di diametro), offrendo una temperatura ambiente, per lo sviluppo della vita.

Emergere di un’atmosfera mite. Sarebbe necessario che questo pianeta abbia nella sua atmosfera, la base chimica per la vita: CHON (Carbonio, Idrogeno, Ossigeno e Azoto). Ad esempio, con l’ossigeno (elemento essenziale per la vita animale). Il pianeta nel tempo svilupperebbe un film protettivo nell’atmosfera, ozono (O3), che protegge animali e verdure sulla sua superficie. Senza ossigeno, non è possibile avere fuoco, e senza fuoco, senza cottura e senzacottura,non è possibile sviluppare un grande cervello (WRANGHAM, 2010) per creare strumenti e creare astronavi come il “Millennium Falcon“.

Stabilità Climatica. Ciò che stabilizza il clima sulla Terra sarebbero due fattori. 1 °- l’esistenza della Luna. Senza di esso, il livello del mare era molto più alto di quanto non sia oggi. Il 95% del pianeta sarebbe sott’acqua (proprio come il film del 1995 Waterworld – con Kevin Costner), più la Terra sarebbe oscillante sul suo asse come Marte. Ciò causerebbe tornado devastanti e uragani sulla sua superficie. 2° – le Placche Tettoniche. Le placche finiscono per creare aree di subduzione, questofa sì che l’anidride carbonica diventi intrappolata nelle rocce, che nel tempo sarebbero andate all’interno della Terra e sarebbero riapparite solo nell’atmosfera, attraverso processi vulcanici. Quindi il clima terrestre sarebbe più o meno mite. Il pianeta Venere, per esempio, non ha placche tettoniche e l’anidride carbonica è rimasta intrappolata sulla superficie del pianeta sin dalla sua formazione. Ciò ha causato un effetto serra incontrollato. La temperatura su Venere è di 450° C, mentre sulla Terra è di 15º C.

Esistenza di un campo elettromagnetico della Terra. All’inizio della formazione del sistema solare un altro pianeta (Web) sarebbe rimasto scioccato dalla Terra. È probabile che la crosta e il mantello terrestre si frantumino e il risultato di questa megacoltazione erano due cose: 1° la formazione della nostra Luna e 2º Forse in qualche modo questo impatto colossale, avrebbe influenzato il mantello e il nucleo liquido ricco di ferro e nichel che in movimento avrebbero formato il campo elettromagnetico che protegge la Terra dai raggi e dai venti solari. Senza di essa, la superficie terrestre sarebbe deserta.

L’esistenza di acqua liquida sulla superficie del pianeta è essenziale per lo sviluppo di vita complessa (animale e vegetale). All’inizio della formazione delle meteore terrestri e degli asteroidi si scontrarono con la Terra. Secondo gli astronomi, portarono l’acqua sul pianeta. Noi umani usiamo l’1% di tutta l’acqua del pianeta.

L’esistenza di un pianeta gigantesco per attirare asteroidi e comete – allontanandosi dalla Terra. Giove è un gigantesco protettore. Nel luglio 1994, la cometa Shoemaker-Levy 9 si schiantò in nove pezzi e si scontrò con Giove. Questa cometa potrebbe essere arrivata sulla Terra, non è stato a causa della gravità di Giove che ha attirato questo oggetto nella sua orbita. Giove è 11 volte, più grande della Terra. Senza Giove la probabilità che un oggetto spaziale vaga nel sistema solare potrebbe benissimo, se si scontra con la Terra ad un certo punto.

Stabilità Geologica – La Storia della Terra mostra che ci sono state numerose estinzioni di massa. Il peggio si è verificato nel periodo permiano, 250 milioni di anni fa che ha decimato il 95% della vita terrestre e marina, causata da fattori interni (causati dalle trappole siberiane) (WARD, 1997). Questa estinzione potrebbe verificarsi su altri pianeti di Star Wars?

3. GLI AMBIENTI DI STAR WARS, PER GLI UMANOIDI SI SONO EVOLUTI

La saga di Star Wars è conosciuta in tutto il mondo. Ci sono fan e giocattoli in questo franchise. I film della serie hanno molto realismo. Ciò che colpisce è che i personaggi principali sono completamente umani, a partire dall’Imperatore: Palpatine, Darth Vader (Anakin Skywalker), Luke Skywalker, La principessa Leia e Han Solo. Altri personaggi non sono umani, come Chewbacca, un Wookiee. Ma tutti gli zooantropomorfi della serie hanno un’anatomia bipede. Mi dispiace per i fan della serie, ma: “Houston, abbiamo un problema!” Il bipedalismo umano, come è già stato detto, avrebbe bisogno di condizioni ideali: geografico, planetario, atmosferico, climatico e idrografico, eppure, in questa galassia, in cui passano queste storie, non troviamo un pianeta ideale che possiamo dire: sì, ci sono forme di vita umanoide evolute! E anche se troviamo questo pianeta a condizioni favorevoli. Ed è improbabile che questa evoluzione si verifichi (verrà commentata nel seguente argomento).

3.1 TATOOINE

Il primo candidato per la vita umanoide ad essere evoluto è il pianeta Tatooine, un pianeta natale di Anakin e Luke Skywalker. Secondo la saga di Star Wars, questo pianeta si trova in un sistema binario, cioè Tatooine orbita attorno a due soli. Questi soli sono chiamati Tatoo I e II. Non sembrano essere nane bianche o pulsar (se lo fossero non ci sarebbe vita nel raggio di migliaia di anni luce di distanza). Secondo le immagini del film, questi soli non sono giganteschi (migliaia di volte più grandi del nostro sole, anche se ce ne sono molti nella nostra galassia). Quello che voglio dire è che questi due soli hanno all’inca più o meno le stesse dimensioni del nostro sole (qualcosa di molto raro). Per questo motivo, l’intero pianeta è un deserto, con solo l’1% di acqua liquida sulla sua superficie, la maggior parte è sotterranea (in quantità limitate).

Tatooine ci sono poche città e ospita il Bantha un grosso animale (che sembrerebbe un elefante). I produttori del primo film della Saga (Star Wars Episode IV: A New Hope – 1977) hanno vestito un elefante con il piumaggio per sembrare un Bantha. Il pianeta Terra ha: 70% di acqua liquida sulla sua superficie, solo l’1% è disponibile per il consumo umano e animale. Immagina in Tatooine? Se l’intero pianeta è praticamente un deserto. Non ci sono alberi né foreste, l’acqua è limitata e forse razionata, come possono esserci città e grandi animali?

FIGURA 3.1 – La Bantha un animale addomesticato dalla gente della sabbia, nel film: Star Wars.

Illustrazione di Felipe Lima Simões.

Sulla Terra, durante il periodo Triassico (250-200 milioni di anni), il pianeta era diverso da quello che è oggi. Non c’era erba[3]. Non c’era ghiaccio sui pali. Le giornate erano più brevi (forse 22 ore). C’erano due stagioni dell’anno: piovosa e secca. Tutti i continenti erano uniti in un supercontinente chiamato: Pangea. Sulla costa c’era vegetazione e acqua, ma all’interno di Pangea c’era un enorme deserto (più grande del Saara). In questo ambiente erano presenti animali del periodo precedente (Permiano) che vivevano in condizioni: aride e aride, come: il Lystrosaurus (rettile therapsidio). C’era anche una nuova creatura che si è evoluta specialmente in questo habitat desertico: Coelophysis (dinosauro teropode) nel nord (Stati Uniti) e Herrerasaurus (Dinosauro Theropod) nel Sud (Argentina). Erano alti 1 metro e lunghi 3 metri. I primi dinosauri che si sono evoluti nel Triassico erano piccoli. Il loro successo fu che durante la defecazione eliminarono poca acqua e consumarono poche calorie. Erano opportunisti, ombrosi e veloci. Quello che la biologia ci dice è che nell’habitat desertico, dove c’è poca acqua, gli animali che si sono evoluti lì sarebbero piccoli (HAINES; CHAMBERS, 2005).

Alcuni paleontologi possono attirare l’attenzione sul Plateossaurus che era un grande animale, lungo fino a 9 metri, alto circa 2,0 metri e pesava quattro tonnellate e viveva, tra: 214-201 milioni di anni (BARRETT, 2002). Plateosaurus era l’animale più grande del Triassico, consumando molta acqua e verdura (era erbivoro). Tuttavia, questo dinosauro visse in un ambiente in transizione, per il periodo successivo, il Giurassico. Il suo habitat aveva luoghi che offrivano acqua e cibo. Tornare a Tatooine il tuo bioma è pari, in tutto il pianeta. Non c’erano biomi diversi, come sulla Terra. Quindi, come potrebbe Bantha si è evoluto su questo pianeta desertico?

In Star Wars vediamo che Tatooine possedeva una città (avamposto). Naturalmente abbiamo esempi di città simili qui sulla Terra situate in regioni desertiche. Possiamo citarne due: Cahuachi a Nasca (100-800 d. C) si trovava in Perù, nel deserto di Atacama. L’altra città è la cultura degli Anasazi (Pueblo), che si trovava in Colorado, negli Stati Uniti occidentali. Entrambi costruirono pozzi d’acqua per l’agricoltura. Anche così, una grave siccità colpì la civiltà Nasca intorno al 550-600 a.m. C (periodo chiamato dagli archeologi di Nasca 05) e i popoli che vivevano di agricoltura iniziarono ad abbandonare Cahuachi e la regione.

In addition to the opportunity created by the demise of Cahuachi, other factor player an important role in the development of Nasca society in Nasca 5 times. One of these was climate. Archeologists know that climatic conditions deteriorated in the Central Andes throughout much of the sixth century A.D: droughts occurred in AD 540-560 and AD 570-610 with the latter reaching extreme conditions[4] (SILVERMAN; PROULX, 2002, p 253).

Intorno al 1276-1299 d. C, nella regione di Anasazi, le città sono state abbandonate (COE; SNOW, 2006) a causa di una grave siccità. Sulla Terra, le prime città si stabilirono vicino ai fiumi: Cahokia (Mississippi), Antico Egitto (Nilo), Cina (Fiume Giallo), India (Fiume Gange), Mesopotamia (fiumi Tigri ed Eufrate) e Roma (Tevere). La nostra matematica, scienza, medicina e storia provengono da queste civiltà. Senza acqua, senza vita, senza agricoltura e senza civiltà.

È noto per essere costituito da un nucleo fuso avvolto in una coperta rocciosa e una crosta di rocce silicatiche. I documenti fossili suggeriscono che Tatooine fosse coperta almeno una volta da grandi oceani, che si prosciugavano, esponendo molte formazioni geologiche del periodo pre-arido (http://pt.starwars.wikia.com/wiki/Tatooine 20/04/2014 – 21hs:30min).

Quello che sappiamo di Tatooine è che questo pianeta ha tre lune, quindi la forza di attrazione gravitazionale deve essere considerevole. Per confronto, Giove deve avere 100 lune. Io, una delle lune di Giove ha diversi vulcani, deve essere almeno 50. Il fatto che Io sia così sarebbe dovuto alla forza gravitazionale esercitata da Giove, che si muove all’interno come forza mareale. Lo stesso potrebbe accadere sulle lune di Tatooine o anche sul pianeta stesso.

Il franchise non ci dice se gli umani si sono evoluti lì o hanno colonizzato quel pianeta. Un’altra cosa importante da dire, sarebbe la presenza di ossigeno. Non possiamo spiegare come sia venuto fuori ossigeno a Tatooine. Si vede che il pianeta, non c’è presenza di alghe e microrganismi per trasformare l’anidride carbonica in ossigeno. Sulla Terra, l’accumulo di ossigeno nell’atmosfera ha richiesto miliardi di anni per accadere. Quindi possiamo concludere che Tatooine non è un pianeta ideale per la vita umanoide che si sia evoluta lì. Lo stesso vale per la vita uni-cellulare, vegetale o animale.

FIGURA 3.2 – Il pianeta desertico di Tatooine in Star Wars IV: A New Hope.

Illustrazione di Felipe Lima Simões.

3.2 ALDERAAN

Un altro candidato per l’evoluzione umana in Star Wars è il pianeta Alderaan. Casa della principessa Leila. Il pianeta si trova in una zona abitabile, la sua atmosfera e la temperatura globale sono miti e possibilmente l’acqua liquida è presente sulla superficie del pianeta, che ha foreste, montagne, laghi e mari. Tuttavia, Alderaan non ha una luna per stabilizzare l’asse del pianeta. Pertanto, senza la Luna non ci sarebbe alcuna influenza delle maree. Senza una Luna, i giorni ad Alderaan sarebbero più brevi, forse 14 ore al giorno o meno:

Questo perché la gravità lunare, oltre a mantenere l’asse terrestre, fa diminuire lentamente la velocità di rotazione del nostro pianeta. Se non ci fosse un satellite intorno a noi, questa frenata non si verificherebbe e la Terra avrebbe continuare a correre troppo velocemente[5].

Alcuni animali che migrano e o addirittura si accoppiano durante le fasi lunari, non sarebbero in grado di farlo, perché non ci sarebbe tempo per l’accoppiamento. Senza la luna, l’asse del pianeta sarebbe incontrollato inclinando più di 50º (WARD; BROWNLEE, 2001).

Il Polo Nord diventerebbe il Saara! Ma con un’inclinazione di 90 gradi, le regioni equatoriali riceverebbero in media molta meno energia durante l’anno e sarebbero più fresche (WARD; BROWNLEE, 2001, p 250).

Il cambiamento di inclinazione e l’oscillazione planetaria avrebbero agitato la superficie del pianeta causando: uragani, tornado, cicloni e tifoni oltre i 250 km/h. La vita in superficie sarebbe insopportabile. In alternativa, la vita sarebbe stata adattata al mondo marino e la locomozione bipede non si sarebbe evolta. Quindi non possiamo considerare Alderaan come un luogo incline all’evoluzione umana in questo franchise.

3.3 LA LUNA DELLA FORESTA DI ENDOR

Un altro candidato come locale, per origine umana, non è un pianeta, ma una luna. Sarebbe la luna della foresta di Endor. È lì che gli Ewok (mammiferi simili agli orsi alti 1 metro, che camminano sotto due gambe e costruiscono semplici strumenti e rifugi). Come abbiamo detto, la locomozione bipede ha causato la perdita dei primi esseri umani da parte del corpo, permettendo alla comparsa di ghiandole di espellere l’acqua attraverso il corpo (sudore). Gli Ewok hanno i piedi piatti (proprio come i nostri), il loro cervello è grande, mangia carne cotta o arrosto, doma il fuoco, possiede una comunicazione sofisticata. Tuttavia, gli Ewok hanno i capelli in eccesso. Quando si adotta una locomozione fissata a terra non dovrebbero avere i capelli. Ci sono altri personaggi del franchise, che sono bipedi, ma non hanno peli sul corpo.

Analizzando la geografia della luna di Endor notiamo che ha: acqua allo stato liquido sulla sua superficie formando: mari e laghi. Ci sono calotte polari ai poli. Ci sono montagne che coprono una vasta area. Il clima è temperato. L’atmosfera è ricca di ossigeno (c’è forse ozono per proteggere la luna). La luna orbita attorno a un enorme pianeta gassoso (leggermente più grande di Giove). “Ecco un problema.”

Un gigante gassoso ha una forza gravitazionale estremamente forte. Al punto da strappare l’intera superficie lunare. Come è già stato detto, le lune di Giove: Io ed Europa sono distorte dalla forza gravitazionale del pianeta. ora… Giove è undici volte più grande della Terra, e la sua forza si fa sentire nel sistema solare. Così, Giove incasina con l’interno di Io causando un nucleo caldo ed è per questo che, Io ha diversi vulcani. Lo stesso vale per la Luna Europa di Giove. La sua superficie è ghiacciata, sotto la superficie ha un oceano di acqua liquida di chilometri di profondità. È probabile che ci saranno fontane calde e forse la vita marina del porto. La geologia della Luna di Europa è fredda sulla superficie e calda sotto questa crosta ghiacciata, consentendo l’esistenza di un oceano ricco di nutrienti per adattarsi alla vita vegetale e animale, ma non agli umanoidi.

C’è da aspettarsi che il pianeta Endor, che è un gigante gassoso, affermi la sua forza gravitazionale mescolandosi all’interno della Luna di Endor. Ma, a quanto pare, non c’è traccia di vulcanismo su questa luna o placche tettoniche. Il suo nucleo della luna della foresta sembra paralizzato, quindi non esiste un campo elettromagnetico che protegga la luna dai raggi e dalle radiazioni del sole causati dal campo elettromagnetico del pianeta gassoso. Tutto questo sommato era da aspettarsi che non ci fosse vita sulla superficie di questa luna.

Quello che fa la luna della foresta di Endor è sfidare le leggi della gravità e della meccanica classica. Quello che ci aspettavamo di vedere è una luna vulcanica, simile a Io o una luna congelata sulla superficie, simile a Europa o anche, qualcosa come la luna di Saturno Encela, che espelle gas nello spazio dai geyser. Tutti questi scenari, mostrano che la vita umana sulla superficie di queste lune sarebbe irrealizzabile, quindi anche la loro antropogenica[6]. È ovvio che la luna della foresta di Endor dovrebbe comportarsi con ciò che vediamo, sulle lune di Giove, Saturno, Nettuno e Urano. Voglio concludere dicendo che è possibile che la vita trovi il modo di esistere in questi ambienti, ma allo stesso tempo queste nicchie sono un pericolo per la vita umana, che sarebbe il nostro oggetto di studio, in questo lavoro.

3.4 NABOO

Un altro probabile candidato in cui la vita umanoide si è evoluta è il pianeta Naboo. Luogo di nascita della principessa Amidala e sede del travagliato Jar-Jar Binks. Sono entrambi bipedi. Ha grandi creatori di cervello e strumenti (cultura). Il pianeta si trova in una zona abitabile all’interno del suo sistema solare. C’è acqua allo stato liquido, sulla sua superficie con oceani profondi e abissali. Ci sono catene montuose. Il clima è temperato. Ma il pianeta ha tre lune (relativamente grandi). È un problema.

Grazie allo studio della nostra Luna, fa durare la giornata per 24 ore. Immagina con tre lune? Naturalmente, questo altererebbe la rotazione del pianeta, che potrebbe superare forse le 30 ore della durata della giornata. La forza di marea sarebbe più devastante a causa della forza gravitazionale di tre lune. Il ciclo mestruale e l’accoppiamento e la riproduzione degli animali sarebbero interessati. L’asse del pianeta Naboo sarebbe stabile, più stabile dell’inclinazione della Terra di 23 gradi. La pendenza di Naboo sarebbe compresa tra la prima o la seconda. Questo sarebbe terribile per il pianeta, in quanto non ci sarebbero stagioni (estate, inverno, primavera e autunno). Il clima nell’emisfero settentrionale e meridionale sarebbe lo stesso senza cambiare stagione o temperatura, tenendo conto delle differenze nelle latitudini.

Di fronte a questo nuovo scenario, invece di avere foreste, laghi, oceani profondi, potrebbero esserci enormi deserti (più grandi del Saara). A peggiorare le cose, non c’è traccia che il pianeta abbia tettonica a placche o vulcanismo, quindi il nucleo sarebbe paralizzato, quindi non ci sarebbe alcun campo elettromagnetico per proteggere la superficie del pianeta dai raggi del sole. Naboo ha maggiori probabilità di essere come Marte.

Naturalmente, i luoghi della saga di Star Wars che abbiamo recensito erano molto poco. Sì, l’universo di Guerre Stellari è enorme. Ma, abbiamo impostato gli ambienti, che appaiono di più nel franchise, e quando lo analizziamo ci rendiamo conto, che non ci sono i mezzi necessari per l’evoluzione umana potrebbe verificarsi. Pertanto, è molto improbabile che l’evoluzione umana si ripeta su altri pianeti visti in altri film e anime, come: ET, l’Extraterrestre, Star Trek, Predator, Avatar, Alien and Space Battleship Yamato 2199/2202/2205 (remake dell’anime giapponese).

4. COSA DICE L’EVOLUZIONE PUNTEGGIATA?

Darwin nel XIX secolo studiò, scrisse e pubblicò il suo famoso libro: The Origin of Species (1859) suggerendo che la vita: microrganismi, animali e verdure erano collegati da un antenato comune, che nel tempo avrebbe subito un’evoluzione di processo nella forma: lineare e graduale, lasciando un ” anello mancante” nel suo percorso.

Nel XX secolo, l’idea di Darwin fu confermata e arricchita grazie allo studio della genetica, dando origine al neodarwinismo. Ma nel 1972, Stephan Jay Gould (1941-2002) dell’Università di Harvard e Niles Eldredge dell’Museo Americano di Storia Naturale di New York hanno studiato la tesi di Ernst Mayr[7]. Con queste informazioni, Gould-Eldredge ha suggerito che l’evoluzione non dovrebbe essere vista solo lentamente e gradualmente, ma osservata in modo non graduale e non lineare. Nacque così l’Ipotesi dell’Equilibrio Ponte, che era una spiegazione di come un processo evolutivo combinato con l’isolamento possa avvenire in un organismo che si riproduce sessualmente. Queste specie (animali e vegetali) possono permanere a lungo, senza cambiamento morfologico (chiamato stasi, derivato dalla parola stabilità morfologica).

Per Gould l’emergere di nuove specie avviene molto più velocemente, non lasciando un antenato transitorio (anello mancante). Se l’essere vivente cambia ambiente a causa della migrazione o dell’emergere di una barriera naturale, nell’ambiente questo crea una forma di adattabilità degli organismi, che porterebbe a diversi cambiamenti anatomici che si verificano in piccole popolazioni che sarebbero isolate dalla barriera naturale menzionata. Il cambiamento climatico o ambientale potrebbe fornire diversi cambiamenti: sociale, sessuale e alimentare. E i cambiamenti anatomici si verificherebbero molto rapidamente. In conclusione, l’essere vivente dovrebbe cambiare il suo comportamento in una frazione di tempo e in uno spazio molto breve e farlo sarebbe in grado di adattarsi ed evolversi. Coloro che non potevano, d’altra parte, avrebbero ridotto il loro tasso di natalità e probabilmente presto si sarebbero estinti.

Sappiamo che esistevano diverse specie animali e vegetali e persino ominidi, che sono rimasti per migliaia di anni senza subire alterazioni anatomiche significative, un esempio di ciò è stata la scoperta di un Australopithecus afarensis datato 3,9 milioni di anni fa scoperto in Etiopia, che aveva la caratteristiche che vediamo, in una specie più recente, di 1,0 milioni di anni. Ora… Chiunque studi l’equilibrio punteggiato suggerisce che questa fosse la prova della stasi degli ominidi (GOULD, 1998).

4.1 IL FATTORE OPPORTUNITÀ

Le cause dell’evoluzione di specie tra cui la nostra, si imbatte nei meccanismi evolutivi che sono: deriva genetica, flusso genico, mutazioni che si verificano in alcuni momenti casualmente e, infine, isolamento (vicarianza e dispersione). In questo contesto c’è anche il fattore casuale,che può cambiare le tendenze evolutive di minore o maggiore grado. Un buon esempio di fortuito è stata l’estinzione dei dinosauri 65 milioni di anni fa da parte di un asteroide (BARRETT, 2002). Ciò significa che l’evoluzione non è qualcosa di ordinato come è già stato detto, a volte accade il fortuito.

Qualsiasi animale o verdura del passato non avrebbe alcun mezzo per riemergendo di nuovo, in modo naturale, anche se lo volesse. Ciò significa che tutti i nostri antenati umani non si ri fatto vedere di nuovo. Nemmeno i dinosauri già menzionati. Quello che Gould ci dice è che a volte, una sorta di successionedi eventi (variabili) accadde nel passato della terra, che in condizioni normali non sarebbe accaduto di nuovo. In breve, nel tempo, c’erano diverse variabili (biologiche, geologiche e altre) che sarebbero state difficili da riapparire in alcuni esseri viventi.

Questo “qualcosa di fortuito” accadde 65 milioni di anni fa e permise ai piccoli mammiferi sotto i 10 kg di sopravvivere nel mondo senza grandi predatori. Era il caso del Purgatorio. Questo animale diede origine a molti altri mammiferi che portavano all’irradiazione evolutiva, tra cui un mammifero arboricolo, chiamato Plesiadapis, che in seguito divenne l’antenato delle specie antropoidi, come il Proconsul che a sua volta avrebbe lasciato il posto agli ominidi (e poi siamo entrati nella scena). Vi siete mai chiesti se in qualsiasi momento le quattro specie di Proconsole fossero estinte prima che apparissero i primi ominidi?

4.2 L’EVOLUZIONE DEGLI OMINIDI ALLA RIVOLUZIONE AGRICOLA

Non basta che l’evoluzione vada per la sua strada (o la sua tendenza evolutiva). Ci dovrebbe anche essere una successione di variabili e altri eventi, non previsti che porterebbero all’emergere del 1 ° ominide (il nostro antenato). Questo tipo di postura eretta, che permette alle braccia di essere libere (LOVEJOY, 1988) con l’obiettivo di raccogliere frutti e fare semplici strumenti (Olduvaiense),come rompere le ossa di animali morti (essendo necrofagi) e nutrirsi di midollo. L’adozione di questa alimentazione provocherebbe l’emergere del primo essere umano scoprirebbe i mezzi per addomesticare il fuoco: attraverso tentativi ed errori (WRANGHAM, 2010). Con il fuoco, è stato possibile arrostire la carne (cucinare) e cacciare gli animali, lasciando la necrofagia. Con la combinazione di carne: cruda e arrostite, ha causato il rilascio di proteine della carne causando un aumento delle dimensioni del cervello umano da 900cc a 1350cc. Con l’aumento del cervello, ci sarebbe stata la riduzione del prognathism, che a sua volta permise lo sviluppo della vocalizzazione (articolata con sintassi), grazie a questo sarebbe nata dalle più sofisticate industrie litiche per la caccia (Acheulense e Musteriense). Ma tra: 10-8.000 anni fa, la popolazione umana cominciò ad aumentare. Costringere questi esseri umani a creare una nuova strategia di sopravvivenza, scoprendo l’agricoltura – il più delle volte, coltivando e mangiando erba: grano, segale, orzo, avena, riso, canna da zucchero, citronella e mais (provocando la rivoluzione agricola). Le erbe emersero, tra: l’Oligocene e il Miocene ed è attualmente abbondante nel mondo, essendo la base della nostra dieta. Nel corso della storia, l’erba fu teatro di rivolte (Rivoluzione francese), guerre (conflitto tra Egitto e Roma nel I secolo). C) e aumento della produzione (Mesopotamia antica). Immaginare il mondo senza erba? Ci sarebbe civiltà? Senza di essa sarebbe possibile, per la civiltà sumera, iniziare l’età del bronzo (3.000 a. C)?

Un altro fattore che avrebbe aiutato l’evoluzione umana sul nostro pianeta era la nostra gravità. Se portassimo altri esseri umani su un altro pianeta con una gravità diversa dalla nostra, ovviamente, nel tempo, questi esseri umani potrebbero sviluppare altre forme di locomozione, altri modi di cercare cibo e acquisire altre strategie di sopravvivenza che causano cambiamenti: nella loro dieta, nella loro vita sessuale e più tardi, nella loro anatomia.

Ma non basta evolversi sul pianeta Terra o sul franchise di Star Wars. Ci devono essere condizioni per l’evoluzione dialtre cose: tuberi, come: patate e manioca. Le erbe da coltivate. Ossigenazione planetaria correttamente, perché se l’aumento degli insetti può aumentare le loro dimensioni (nel periodo Carbonifero, l’atmosfera terrestre aveva il 31% di O2, oggi abbiamo il 21%) (GRAHAN, et al,1995). Alcuni piccoli fattori come questi hanno contribuito a sostenere l’evoluzione della vita e degli esseri umani e, molto tempo dopo, è servito a sviluppare un’agricoltura su larga scala. E questo era importante, ma perché?

4.3 L’IMPORTANZA DELL’AGRICOLTURA PER LA SOCIETÀ COMPLESSA

Ora… Grazie all’agricoltura delle erbe, la popolazione umana crebbe, formando le prime città registrate, intorno al 4.000-3.200 aC. C (in Sumeria: Ur, Uruk, Eridu, Lagash, Umma e altri). Quindi, era necessario avere una divisione sociale del lavoro: c’era chi piantava (contadini) e chi si prendeva cura della terra (esercito), chi la comunità sceglieva il suo capo (re) (KRIWACZEK, 2018).

Quando c’era il raccolto, i contadini dava una parte ai sacerdoti e al re per prendersi cura della terra. E il contributo (nascere: tasse, scrittura e contabilità) è stato notato, con questo è stato interessante costruire un posto, per stoccare i cereali. In caso di emergenza come: siccità o guerra il grano è stato ridistribuito ai cittadini. Al fine di prevenire invasioni straniere, sono state create diverse fortificazioni in giro per la città (essendo nato: dalla matematica e dall’ingegneria) (KRIWACZEK, 2018).

Nel tentativo di aumentare la produzione di grano era necessario comprendere e studiare le stelle (posizione della luna, del sole, dei pianeti e delle stelle) per calcolare il momento giusto per piantare e raccogliere. È stata studiata la quantità ideale di cereali da piantare. E quanto sarebbe durata la semina e la raccolta, così nacquero il calendario e la religione di stato allineati con l’astronomia, nati dalla religione, o mitologie (VERDET, 1987).

Molti edifici (templi aztechi e maya, tombe in Egitto che sono piramidi e lo Ziggurat di Ur) sarebbero allineati con i punti cardinali e/o le stelle, che sarebbero interpretati come: segni degli dei o dimora degli dei ( NOGUEIRA, 2005). Questo ha creato una relazione tra le opere architettoniche ei miti dei popoli antichi. Il mondo in cui viviamo dipende dall’agricoltura. Ora, senza agricoltura non ci sarebbero economia, commercio e matematica. Per gli umani, creare il Millenium Falcon richiederebbe controllo del fuoco, conoscenze di matematica, fisica e ingegneria, che abbiamo acquisito e perfezionato, grazie all’introduzione dell’agricoltura, che senza di essa, la Morte Nera sarebbe impossibile da pianificare. , creato e costruito. Ora, chiedo qual è la probabilità di avere: un pianeta con le stesse condizioni geofisiche della Terra, con ossigenazione planetaria a livelli terrestri, senza grandi predatori (come i dinosauri), che insieme permetterebbero lo sviluppo di graminacee , quindi c’è l’emergere dell’agricoltura che provoca l’emergere di una civiltà extraterrestre simile agli umani?

CONCLUSIONI E PROPOSTE

Secondo Lovejoy, la bipedia aiutava le mani libere a trasportare cose (strumenti, cibo o bambini). Il processo evolutivo umano, secondo i teorici, sarebbe stato causato da: sesso, adattamento e ricerca di cibo. Inoltre, la geografia terrena favorì questo processo, in Africa che tra: 7-4 milioni di anni erano coperti da fitte foreste permettendo la comparsa di ominidi del nostro lignaggio, che ci portarono allo sviluppo della bipedia (ma non uguale alla nostra).

In modo che ci sianoastronavi (Millenium Falcon),che possono viaggiare nello spazio-tempo; in modo che ci siano grandi città; armi mortali come: la spada laser e, naturalmente, la Morte Nera, dovrebbero prima accadere all’evoluzione del bipedismo. Dopo questa fase, sarebbe necessario avere la cottura attraverso il fuoco (questa pratica ha permesso un aumento della cavità cerebrale e la creazione di strumenti). Insomma, la cottura di conseguenza ha permesso: la riduzione del viso, l’aumento della capacità cerebrale, che ha ulteriormente permesso lo sviluppo della vocalizzazione con la sintassi.

Abbiamo anche visto nel testo che gli ambienti del franchise elencato non disponevano di posizioni adeguate per lo sviluppo della vita intelligente come: tenui caratteristiche geofisiche, geografia favorevole, idrografia, pressione atmosferica che potesse favorire lo sviluppo anatomico umano. Anche se ci fosse un pianeta tra tutti, simile a quello terrestre, non ci sarebbe modo per gli esseri umani di evolversi. Questo perché, secondo Peter Ward e Stephen J. Gould, l’evoluzione avviene solo una volta e se la vita animale si estinguerà, si estinguerà per sempre (non c’è ritorno). Lo stesso vale per l’essere umano, in modo che ci sia evoluzione e lo sviluppo di una civiltà dipenderebbe da innumerevoli variabili che a volte si verificano con dosi casuali e, sfortunatamente, tutto questo non viene ripetuto.

Vediamo che i pianeti del franchise a cui ci avviciniamo nella ricerca non sono compatibili con la logica planetaria, che vediamo nel nostro sistema solare (la base della ricerca). I giganti gassosi, come Giove o Saturno, sono in grado di esercitare una forza gravitazionale molto forte sulle loro lune. Lo stesso vale per la mancanza di una Luna Grande come la nostra, che permette all’asse terrestre di stabilizzarsi. Abbiamo notato che la geografia che si trova in: Forest Moon of Endor, Aldebaran, Naboo e Tatooine (i pianeti più importanti della serie), non può ospitare una vita complessa, né umanoide perché hanno caratteristiche che lo impediscono. Commentiamo anche che l’Universo di Star Wars è troppo vasto per studiare tutti i pianeti della serie, e questo rende difficile scoprire se tutte le specie di umanoide si sono evolute insieme o separatamente (simile a ciò che accade con l’evoluzione convergente).

Possiamo proporre per la ricerca futura, che venga fatta una modellazione computerizzata, presso il LNCC (Laboratorio Nazionale di Calcolo Scientifico, a Petrópolis, RJ). In questo caso, le caratteristiche geofisiche dei pianeti e delle lune del nostro sistema solare sarebbero messe al computer in contrasto con le caratteristiche geofisiche dei pianeti e delle lune dell’Universo di Star Wars, usando come variabile, la tesi della “Terra Rara” e dell’Equilibrio Punteggiato,per sapere se è possibile ciò che difendiamo in questo testo: l’evoluzione umana non si ripete in altri pianeti, anche in casi ipotetici.

Per concludere il ragionamento, studiando la bipedia umana ci siamo resi conto che nel tempo c’erano diversi formati che abbiamo già menzionato. Tuttavia, nell’Universo di Star Wars, non si sa come sarebbe avvenuta questa evoluzione bipede, o dove iniziò a muoversi e quali fossero i suoi lignaggi.

RIFERIMENTI

BANDEIRA JR, Alfredo Nunes. Nós Estamos Sós: Uma Humanidade Solitária. Rio de Janeiro: Interciência, 2000.

BARRETT, Paul. Dinossauros. In: Plateosaurs e Morte dos Dinossauros. São Paulo: Martins Fontes, 2002. P 118-119 e P 82.

BURGIERMAN, Denis Russo. E se Lua não existisse? Superinteressante, 2000, disponível em < https://super.abril.com.br/tecnologia/e-se-lua-nao-existisse/> Acesso em 20/04/2014.

CARVALHO, I.S (org). Paleontologia. In. BERGQVIST, Lílian P, ABUHID, Virginia Simão e DEL GIUDICE, Gisele Mendes. Mamíferos. H. Primatas e a Evolução do Homem. Rio de Janeiro: Interciência, 2000. P 613-616.

COE, Michael e SNOW, Elizabeth. A América Antiga. In: Anasazi. Barcelona: Fólio, 2006. P 71-75.

FANDOM. TATOOINE. Wookieepedia The Star Wars wiki. Disponível em <http://starwars.wikia.com/wiki/Tatooine> Acesso em 22/04/2014.

FANDOM. ALDERAAN. Wookieepedia The Star Wars wiki. Disponível em <http://pt.starwars.wikia.com/wiki/Alderaan> Acesso em 22/04/2014.

FANDOM. ENDOR. Wookieepedia The Star Wars wiki. Disponível em <http://pt.starwars.wikia.com/wiki/Endor> Acesso em 22/04/2014.

FANDOM. NABOO. Wookieepedia The Star Wars wiki. Disponível em <http://pt.starwars.wikia.com/wiki/Naboo> Acesso em 22/04/2014.

GOULD, S. J. A Montanha de Moluscos de Leonardo da Vince. In: Parte III A Pré-História Humana: Nossa Extraordinária Unidade. São Paulo: Cia das Letras, 2003. P 240-259.

GOULD, S. J. Dinossauros no Palheiro. In: Lucy na Terra em Estase. São Paulo: Cia das Letras, 1998. P 170-184.

GRAHAN, Jeffrey; DUDLEY, Robert; AGUILAR, Nancy M. e  GANS, Carl. Implications of the Paleozoic Oxygen Pulse for Physiology and Evolution. Nature, Volume 375, 11 Mayo, 1995, p 117-120.

HAINES, T e CHAMBERS, P. The Complete Guide to Prehistoric Life. In: Coelophysis. Buffalo: Firefly Books, 2006. P 70-71.

JOHANSON, Donald e MAITLAND, A. Edey. Lucy os Primórdios da Humanidade. São Paulo: Bertrand, 1996.

KRIWACZEK, Paul. Babilônia: A Mesopotâmia e o Nascimento da Civilização. Rio de Janeiro: Zahar, 2018.

LIMA, Celso P. Evolução Humana. 2a ed. São Paulo: Ática, 1994.

LOVEJOY, C. Owen. Evolution of Human Walking. Scientific American, November de 1988. P 118-125.

LOVEJOY, C. Owen et al. The Pelvis and Femur of Ardipithecus ramidus: The Emergence of Upright Walking. Science. Vol. 326. P 71-71e6. 02 de outubro de 2009.

NEVES, Walter Alves e PILÓ, Luís B. O povo de Luzia. In: Do macaco ao homem. Rio de Janeiro: Globo, 2008. P 23-60.

NEVES, Walter, RANGEL JUNIOR, Miguel e MURRIETA, Rui Sérgio S (org.). Assim Caminhou a Humanidade. In Capítulo III. GRATÃO, Marina da Silva, RANGEL JR, Miguel e NEVES, Walter Alves. Primeiros Bípedes, São Paulo: Palas Athena, 2015. P 86-143.

NEVES, Walter A. Um Esqueleto Incomoda Muita Gente. In: Capítulo 3: Como Eram? Campinas: Unicamp, 2013. p 53-65.

NEVES, Walter. Resenha do Livro de Richard Klein: The Human Career: Human Biological and Cultural Origins. Chicago: The University of Chicago Press, 2009, pp. 989. REVISTA DE ANTROPOLOGIA DA USP, São Paulo, 2011, V. 54 Nº 1.

NOGUEIRA, Pablo. Assim na Terra Como no Céu. Galileu. Rio de Janeiro: Globo, Edição 171. Outubro de 2005. P 52-59.

SILVERMAN, Helaine e PROULX, Donald. The Nasca. In: Nasca scociopolitical Organization. Malden: Blackwell, 2002. P 238-268.

STANFORD, C. Como nos Tornamos Humanos. Rio de Janeiro: Elsevier, 2004.

VERDET, Jean-Pierre. O Céu, Mistério, Magia e Mito. Rio de Janeiro: Objetiva,
1987

WARD, Peter e BRONWLEE, Donald. Sós no Universo? Por que a vida inteligente é improvável fora da Terra. In: A Lua, Júpiter e a Vida na Terra. Rio de Janeiro: Campus, 2000. P 247-269.

WARD, Peter. O Fim da Evolução. In: Fim de uma Era. Rio de Janeiro: Campus, 1997. P 69-96.

WILLIAM, R. Leonard e ROBERTSON, Marcia L. Locomotor Economy and the Origin of Bipedality: Reply to Steudel-Numbers. American Journal Of Physical Anthropology. Volume: 116. 2001, p 174–176.

WALKER, Alan e LEAKEY, Richard. The Nariokotome Homo Erectus skeleton. In: The thoracic and lumbar vertebrae. LATIMER, B and WARD, Carol V. Cambridge: Harvard University Press, 1993, p 293-299.

WRANGHAM, Richard. Pegando Fogo: Por que cozinhar nos tornou humano. Rio de Janeiro, Zahar, 2010.

ALLEGATO – RIFERIMENTI ALLE NOTE A PIÈ DI PAGINA

2. Il termine: Ominide usato in questo testo si riferisce ai fossili di ominide, che è diretto al lignaggio umano (NEVES, 2015, p 97).

3. L’erba è la base della nostra dieta, che ci adattiamo ad essa, in seguito, spiegheremo questo.

4. Oltre all’opportunità creata dalla morte di Cahuachi, un altro fattore che giocò un ruolo importante nello sviluppo della società al tempo di Nasca 05. Uno di questi era il tempo. Gli archeologi sanno che le condizioni meteorologiche sono peggiorate nelle Ande centrali per gran parte del VI secolo d.C. C: Siccità avvenuta nel 540-560 d. C e 570-610 d. C con quest’ultimo che raggiunge condizioni estreme.

5. http://super.abril.com.br/tecnologia/se-lua-nao-existisse-441531.shtml 20/04/2014 12:00: 00 min

6. Palo antropogenico nelle origini umane, evoluzione, cognizione, cultura e locomozione.

7. Speciazione Peripátrica – che afferma che l’evoluzione di un essere vivente può avvenire alla periferia della sua popolazione originale, essendo isolata da una barriera naturale o da un fiume o lago.

[1] Ha tre corsi post-laurea lato-sensu. Laureato in Storia presso l’UNI-BH. Specialista in Educazione in Sociologia della Faculdade Noroeste de Minas Gerais. Specialista in Storia della Faculdade Luso-Brasileira. Specialista in Storia e Geografia presso il Centro Universitário Barão de Mauá.

Inviato: Settembre 2020.

Approvato: Febbraio 2021.

5/5 - (1 vote)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 89347
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?