La Chiesa Cattolica Apostolica Romana e i veicoli di comunicazione

0
61
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Rate this post
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

PINTO, Francisco Léu dos Santos [1]

PINTO, Francisco Léu dos Santos. La Chiesa Cattolica Apostolica Romana e i veicoli di comunicazione. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 08, Vol. 07, pp. 05-15. nell’agosto 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/scienza-della-religione/veicoli-di-comunicazione ‎

Questo studio cerca di conoscere le reti tecnologiche utilizzate dalla Chiesa apostolica cattolica per raggiungere il maggior numero possibile di credenti. La ricerca è stata condotta nella parrocchia di São Luís Gonzaga, nella città di Irauçuba, Ceará, Brasile. Quest’opera si basava sulle seguenti domande: come interagisce la Chiesa con i fedeli sui social network? Quale rete ha il più ampio ambito spaziale? Quali sono le reti più accessibili dai fedeli cattolici? In un primo momento la ricerca esplorativa ha rivelato i tipi di reti tecnologiche utilizzate dalla parrocchia. Nel secondo momento, in una ricerca descrittiva, è stata quantificata l’influenza delle reti tecnologiche sulla vita religiosa della parrocchia. Nel terzo momento, era necessaria una ricerca di correzione, perché sono state identificate reti tradizionali e contemporanee. L’identificazione dei tre principali tipi di reti utilizzate da questa istituzione contribuirà alla comprensione dell’influenza della Chiesa apostolica cattolica romana sulla religiosità dei parrocchiani di questo comune.

Parole chiave: Chiesa, parrocchia, reti, interazione, pandemia.

1. INTRODUZIONE

In un periodo pandemico, la società e le sue istituzioni cercano di adattarsi alla nuova realtà. Causati da un virus che sfida la scienza, viviamo in un momento di distanziamento sociale. Oggi il contatto fisico tra le persone non è raccomandato a causa dell’alto rischio di contagio. In molti paesi, i templi della Chiesa apostolica cattolica romana sono chiusi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) prescrive l’isolamento sociale come il modo migliore per combattere il virus. In questo concorso, diversi tipi di reti si presentano come veicoli in grado di connettere persone, istituzioni e persino paesi. Questi sono i casi delle reti radio, televisive, mobili e internet.

Oggi, e nel bel mezzo della pandemia, dipendiamo sempre più dalle reti tecnologiche. Dias (1995b) mette in evidenza le qualità dell’istantaneità e della concorrenza delle reti di informazione. Souza (2013) afferma che il concetto di rete, con ogni innovazione tecnica sembra corrispondere a un ringiovanimento teorico-concettuale. Oltre alle reti ufficiali visibili, ci sono anche le cosiddette reti nascoste o clandestine. Cioè, ci sono diversi tipi di reti sparse in un dato spazio che possono includere o escludere persone o istituzioni.

È attraverso le reti che ci relazioniamo, compriamo, vendiamo, lodiamo e preghiamo per giorni migliori. Le forme di relazioni tra individui, gruppi o tra istituzioni generano i tipi di reti più diversi. Secondo Noronha (2015), le reti sono elementi di identificazione e appartenenza. Negli ultimi anni la Chiesa apostolica cattolica romana ha intensificato l’uso di vari tipi di reti per produrre e riprodurre abitudini religiose. Secondo Bourdieu (2007, p. 57), le abitudini religiose sono il “principio generatore di tutti i pensieri, le percezioni e le azioni, secondo le norme di una rappresentazione religiosa del mondo naturale e soprannaturale, cioè oggettivamente adattato ai principi di una visione politica del mondo sociale”.

Per decenni, le reti televisive e radiofoniche sono state responsabili del collegamento della Chiesa con i suoi fedeli. Messe o altri programmi religiosi sono sempre stati presenti nella vita del cattolico romano brasiliano. Oggi la Chiesa possiede reti radiofoniche e televisive e mantiene ancora programmi, come la Messa la domenica, su altre emittenti. Secondo Noronha (2015), le reti formate in ambito religioso contribuiscono alla formazione di legami. La rete Internet, al giorno d’oggi, è il veicolo di maggiore utilizzo da parte di individui o persone giuridiche. In esso c’è circolazione di vari contenuti così religiosi.

Un altro tipo di rete utilizzata da gran parte della società è la telefonia mobile: i telefoni cellulari. Questo dispositivo ha contribuito all’interconnessione di diverse persone e istituzioni spaziali fisse. I professionisti religiosi della Chiesa apostolica cattolica romana, in molte parrocchie, hanno un cellulare istituzionale. Aggiunta di una rete a un’altra: la connessione Internet mobile è diventata uno dei modi più comuni per navigare sul Web. Immediatamente i fedeli possono ricevere informazioni sul papa, sui cardinali, sui vescovi o sulla vita in parrocchia. In un periodo di crisi globale, causato dalla pandemia, i telefoni cellulari con Internet sono una delle vie di interconnessione diretta tra chiesa e fedeli.

La presenza del cattolicesimo romano nei media si intensificò attraverso le azioni del Rinnovamento Carismatico Cattolico Romano. Secondo Py e Reis (2015), il pontificato di Papa Giovanni Paolo II stimolò la crescita dei movimenti creati dai fedeli laici allineati con la gerarchia cattolica romana, con l’obiettivo di portare nuovi aderenti al cattolicesimo romano.

Nel bel mezzo della pandemia, le reti tecnologiche sono quasi le vie esclusive per forme di comunicazione, formazione e interazione. La Chiesa usa i social network per rafforzarsi. Sia su Instagram dei fedeli che su Instagram di Papa Francesco, le reti creano il senso di comunità desiderato. Queste iniziative “illustrano una riconfigurazione della mediazione del rapporto uomo sacro attraverso la mediatizzazione della vita quotidiana nei social network” (AZEVEDO; FERREIRA, 2018, p. 63).

Sulla scala della convivenza umana, le parrocchie sono i principali territori della Chiesa. Questo spazio fornisce l’identità religiosa del devoto favorendo l’esercizio della fede. Dovrebbero essere riconosciuti come territori in cui avviene il controllo quotidiano. Nella parrocchia di São Luís Gonzaga, nel comune di Irauçuba – Ceará, le reti di comunicazione, non solo in tempi di pandemia, sono diventate vitali per favorire l’esercizio della fede e dell’identità. Gli specialisti religiosi della parrocchia, istituzionalizzati o meno, utilizzano le reti più diverse per raggiungere i fedeli. Sia attraverso la radio, il cellulare o Internet, l’obiettivo è quello di portare il Vangelo a tutte le creature della parrocchia.

2. IL CONCETTO DI RETI E LA CHIESA APOSTOLICA CATTOLICA ROMANA

Le reti tecnologiche oggi sono caratterizzate dalle qualità di istantaneità e concorrenza. Secondo Dias (1995, p. 247), “le reti di informazione sono emerse attraverso la produzione di nuove complessità nel processo storico, dall’integrazione produttiva alle moderne tecnologie della comunicazione e dell’informazione”. Fin dalla sua nascita, il concetto di rete è stato associato a una vera prospettiva di approccio alla realtà. Negli ultimi decenni questo concetto è diventato onnipresente favorito dalla valorizzazione tecnologica.

È possibile fare un’analogia tra il concetto coperto e una rete da pesca. La trama o la mesh viene generata nell’incontro tra due o più thread. I nodi formati dall’interlacciamento dei fili danno stabilità alla rete. Un altro esempio di rete concreta sono le strade e i canali tangibili che collegano le città, come ferrovie e autostrade. Si tratta di tipi di reti utilizzate a lungo e presenti nella società contemporanea.

Alcune reti, utilizzate intensamente dalla società attuale, come la telefonia e Internet, non utilizzano percorsi tangibili per la circolazione delle informazioni, ma solo antenne spaziali fisse e di trasmissione. Secondo Souza (2013), ci sono tipi di reti che non hanno i flussi che possono dargli coerenza e significato, ma solo quelle spaziali fisse che fungono da mezzo di trasmissione. Le reti con fisse spaziali sono abbastanza comuni nelle città brasiliane. La Chiesa cattolica è una delle istituzioni che utilizza queste reti per espandere i loro spazi di dominazione.

Secondo Hoch (2010, p. 48), “i media dell’era post-industriale – radio, TV, Internet – hanno aperto non solo forme modificate di comunicazione, ma anche nuove fonti per la ricerca storico-religiosa”. Per molto tempo la parola sacra è stata confinata nelle Chiese. Un nuovo momento di diffusione della parola è stato inaugurato con la vendita delle Bibbie. Hoch (2010) afferma che le trasformazioni che si sono verificate in una religione possono causare maggiore sviluppo e diffusione, o emarginazione e scomparsa.

Ovunque, la Chiesa ha il ruolo di guidare e aiutare gli altri. Attualmente, gli esperti religiosi possono fornire indicazioni in vari modi, anche personalmente, attraverso la lettura e l’interpretazione della Bibbia e, principalmente, dei media. Fin dall’inizio, la Chiesa cattolica ha utilizzato una rete per una maggiore diffusione delle sue dottrine. Tuttavia, in epoca contemporanea, il messaggio religioso è tra quelli che circolano di più nelle reti.

Secondo Berger e Luckmann (2004, p.172) “le istituzioni e gli universi simbolici sono legittimati da individui viventi, che hanno luoghi sociali concreti e interessi sociali concreti”. Anche le istituzioni e gli universi simbolici sono legittimati dai mezzi di comunicazione. Giornali, libri e riviste stampate compongono questa collezione. Tuttavia, i veicoli più utilizzati per raggiungere il grande pubblico sono internet, TV e reti radio.

Queste reti hanno come caratteristica comune uno spazio fisso nella qualità dei mezzi di trasmissione. Secondo Souza (2013), i fissi spaziali vengono utilizzati per articolare i numerosi punti dello spazio, ma non dipendono da percorsi concreti per accogliere i flussi stessi. I flussi disponibili su queste reti presentano vari contenuti, informazioni, immagini e audio. Tuttavia, secondo Berger e Luckmann (2004, p. 202) “il veicolo più importante per la conservazione della realtà è la conversazione”. Negli ultimi anni, in diretta radio, tv e programmi internet le conversazioni con sacerdoti e leader religiosi si sono intensificate. La Chiesa ha fatto in questi veicoli di essere più vicina ai fedeli.

Lo spazio di influenza della Chiesa, connesso nelle reti tecnologiche, è rafforzato e ampliato. Secondo Suede (2008, p. 123) “Il cristianesimo è una religione proselitismo, il cui messaggio è rivolto a tutti. Non c’è posto in esso per gli antenati di un clan, tribù o intere persone. La Chiesa cattolica, in tutti gli stati del Brasile, ha trasmissioni aperte, come TV Aparecida, Rede Vida de Televisão, TV Século XXI, TV Canção Nova, tra le altre stazioni. Testi biblici, immagini, testimonianze di miracoli o guarigioni si trasformano in concerti. In questo scenario spicca cantanti gospel, sacerdoti e vescovi. Nella vita quotidiana delle parrocchie cattoliche romane, gli esperti religiosi non fanno alcuno sforzo per agire nei media.

Secondo Souza (2005), per garantire la presenza cattolica in vari veicoli mediatici, le diocesi hanno investito in attività di marketing e business. Py e Reis (2015, p. 147) sostengono che “sono state create anche centinaia di stazioni radio AM e FM. Inoltre, le emittenti secolari hanno fatto spazio nella loro programmazione per i programmi cattolici romani.

Per attirare sempre più fedeli radio, stazioni TV e portali Internet utilizzare un linguaggio semplice e veloce. Secondo Carranza (2000, p. 22) gli esperti all’interno e all’esterno della Chiesa “studiano il valore di Internet come amplificatore del messaggio religioso”. Secondo lo stesso autore, il web espande la portata della predicazione, ma non sostituisce l’esperienza faccia a faccia.

Anche i progressi tecnologici hanno contribuito all’adeguamento del contenuto religioso. In molti casi, i prodotti religiosi seguono una logica di mercato estremamente competitiva. In un contesto, la Chiesa cattolica beneficia dell’uso delle varie reti. In epoca pandemica o meno, vengono utilizzate le reti più astratte e complesse – (con pali fissi spaziali come mezzo di trasmissione – nodi) che non utilizzano percorsi materiali per ospitare i flussi stessi (archi e fili non materiali). I dispositivi elettronici portatili che funzionano come nodi di rete non vengono confusi con i dispositivi fissi di spazio perché si spostano nello spazio.

3. MATERIALE E METODO

Secondo Sampieri (1997), esistono quattro tipi di ricerca: esplorativa, descrittiva, correlazione ed esplicativa. In pratica, la ricerca può includere elementi di più di uno di questi quattro tipi. Queste componenti del processo di indagine causano una variazione nella strategia di ricerca. Pertanto, la scelta di uno o più tipi di ricerca è molto importante.

La ricerca è stata condotta nella parrocchia di São Luís Gonzaga nel comune di Irauçuba, Ceará, Brasile. Quest’opera si basava sulle seguenti domande: come interagisce la Chiesa con i fedeli sui social network? Quale rete ha il più ampio ambito spaziale? Quali sono le reti più accessibili dai fedeli cattolici? In un primo momento la ricerca esplorativa ha rivelato i tipi di reti tecnologiche utilizzate dalla parrocchia. Nel secondo momento, in una ricerca descrittiva, è stata quantificata l’influenza delle reti tecnologiche sulla vita religiosa della parrocchia. Nel terzo momento, era necessaria una ricerca di correzione, perché sono state identificate reti tradizionali e contemporanee. L’identificazione dei tre principali tipi di reti utilizzate da questa istituzione contribuirà alla comprensione dell’influenza della Chiesa apostolica cattolica romana sulla religiosità dei parrocchiani di questo comune.

Le interviste sono state condotte con i coordinatori dei più diversi gruppi cattolici romani di questa parrocchia e con il sacerdote responsabile della Comunicazione Pastorale. Una sceneggiatura di intervista è stata precedentemente preparata al fine di ottenere informazioni sui tipi di reti utilizzate dalla Chiesa cattolica in città. Un programma e un appuntamento preliminare sono stati fatti per condurre le interviste con i leader religiosi dei gruppi. Le informazioni ottenute con il sacerdote e i capi religiosi sono state categorizzate, analizzate e compatibili con concetti scientifici. I fedeli hanno anche fornito informazioni per la ricerca. Per loro, abbiamo elaborato un questionario che è stato applicato a centocinquanta cattolici-romani praticanti.

Secondo Ruiz (1991), i passi che compongono la ricerca sul campo sono: ricerca bibliografica, determinazione delle tecniche per la raccolta, la registrazione e l’analisi dei dati. La ricerca sul campo consiste nella raccolta di dati, nell’osservazione dei fatti e nella registrazione di variabili presumibilmente rilevanti per ulteriori analisi. Un caso di studio prevede un dialogo tra il ricercatore e la realtà studiata per comprendere le dinamiche dei processi.

4. RISULTATI E DISCUSSIONE

Secondo Raffestin (1993), il fenomeno religioso è caratterizzato da relazioni di potere. Il potere intende controllare e dominare gli uomini e le cose. Le reti utilizzate dal cattolicesimo romano si distinguono come meccanismo per controllare, mantenere ed espandere il territorio religioso.

Secondo Eliade (1992, p. 97) “qualunque sia il contesto storico in cui si trova, l’homo religiosus crede sempre che ci sia una realtà assoluta, quella sacra, che trascende questo mondo, che si manifesta qui, santificarlo e renderlo reale”. Il punto fisso del sacro nella parrocchia di San Luís Gonzaga nella città di Irauçuba è il tempio della chiesa madre. Attualmente, nel bel mezzo della pandemia o meno, i percorsi più sicuri, per accedere a questo luogo, sono le reti – radio, telefonia mobile e Internet.

Eventi religiosi come messe, novene o il santo rosario sono accessibili ogni giorno da questi media. Il contenuto religioso che circola anche attraverso queste reti ha la funzione principale di soddisfare un particolare tipo di interesse della Chiesa cattolica apostolica romana , mantenendo il predominio sulla sua area di attività.

La prima grande rete tecnologica utilizzata dalla parrocchia di São Luís Gonzaga fu la rete radio. Più precisamente, Radio Amizade FM 88.7. In questi giorni altre stazioni radio delle città vicine trasmettono anche eventi religiosi cattolici romani. Tuttavia, gran parte della comunicazione tra i sacerdoti e i fedeli è fatta da Radio Amizade. Le altre emittenti coprono eventi cattolici specifici come la trasmissione delle messe domenicali. Le reti radio non hanno percorsi concreti per drenare i flussi, ma solo quelle spaziali fisse che fungono da mezzo di trasmissione. Tuttavia, articolano anche i diversi punti nello spazio.

La rete di telefonia mobile, con spazio fisso in città, è un altro esempio di rete che non ha canali o canali concreti tangibili. I fedeli, i leader religiosi e i padri usano telefoni cellulari istituzionali o personali per comunicare tra loro. Secondo Fonseca e Santos (2012, p. 320), “agire all’interno o attraverso le reti modifica strutturalmente l’interconnessione tra le varie possibilità di interconnessione”.

Ogni giorno, le reti tecnologiche sono più che essenziali per la religione e i suoi fedeli. Presentano il sacro. È in questi modi che i sacerdoti presentano i santi più santi, fanno le benedizioni e le preghiere delle guarigioni. L’uso di Internet da parte della Chiesa, principalmente, i social network dimostrano una reazione plausibile tra le forze postmoderne della secolarizzazione. L’e-mail, il blog, Facebook, Instagram e WhatsApp della parrocchia di San Luís Gonzaga sono coordinati dalla Pastoral da Comunicação.

Le reti Internet presentano un nuovo modo di interagire. Le istituzioni religiose informano sulle attività ecclesiali, sulla fornitura di servizi di informazione, sull’educazione e sulla riflessione. Nella parrocchia di São Luís Gonzaga, a Irauçuba, anche gli anziani fedeli hanno iniziato ad accedere alla rete internet tramite telefoni cellulari.

Nell’ambiente intrecciato da reti, messe, novene, rosari e altri eventi religiosi cattolici vengono trasmessi in diretta. Secondo Eliade (1992, p. 20-21) “l’uomo religioso può vivere solo in un’atmosfera impregnata del sacro”. L’ambiente virtuale può anche essere considerato più una tecnica di consacrazione dello spazio. Durante gli eventi religiosi il veicolo di comunicazione stesso diventa uno strumento fondamentale che collega i fedeli al sacro.

Servendo come strumento primario per l’evangelizzazione, i più svariati tipi di reti sono su tutti i lati che collegano e collegano ambienti religiosi, creando spazi sacri, espandendo territori, anche in tempo pandemico o meno. I tre tipi di reti tecnologiche più utilizzati dalla parrocchia di São Luís Gonzaga, nella città di Irauçuba, sono: Internet, radio e telefonia mobile – mobile.

Tabella 1 – Tipi di reti tecnologiche più utilizzate in parrocchia.

Reti Ambito territoriale della parrocchia
Radio 100%
Telefoni cellulari 100%
Internet 80%

Tabella 2 – Partecipazione e interazione dei fedeli ai programmi religiosi e agli eventi trasmessi dalle reti.

Reti percentuale
Cellulare/Radio 10%
Telefoni cellulari/notebook /Internet/social network 90%

Tabella 3 – Partecipazione ai social network.

Eventi religiosi Social Network percentuale
Masse Facebook e Instagram 85%
Newsletter, inviti o avvisi WhatsApp 90%
Incontri, novene, terzi e altri eventi Facebook e Instagram 95%

Tavolo 4 – Fedeli che seguono eventi religiosi solo alla radio.

Masse Newsletter, inviti o avvisi Incontri, novene, terzi e altri eventi
15% 10% 5%

5. CONSIDERAZIONI FINALI

In tempi di pandemia, la maggior parte della società è costretta a isolarsi. Con questo, le reti tecnologiche hanno iniziato a servire, quasi esclusivamente, come canali di accesso alla vita al di fuori delle case. Le istituzioni religiose si stanno adattando sempre più alla nuova realtà. L’individuo per mantenere la sua religione deve mantenere o, se necessario, produrre un’adeguata struttura di plausibilità per dare un senso alla sua vita religiosa. La Chiesa apostolica cattolica romana, a sua volta, utilizza i canali più diversi per raggiungere i fedeli.

Nella parrocchia di São Luís de Gonzaga, nella città di Irauçuba, i canali di maggiore accesso sono Internet, radio e telefonia mobile. Attraverso questi percorsi circolano contenuti religiosi come guarigioni, benedizioni e persino penitenze. Il primo veicolo tecnologico per la comunicazione di massa utilizzato da questa parrocchia fu la radio. Anche con i progressi tecnologici e lo sviluppo di altri media, la radio è ancora il veicolo di una maggiore portata territoriale della parrocchia. La maggior parte del pubblico che accede a questi media sono persone di età superiore ai 50 anni.

Negli anni ’90 un’altra tecnologia di comunicazione è sbarcata in Brasile: i telefoni cellulari. Le istituzioni religiose hanno rapidamente aderito a questo nuovo strumento. Tuttavia, all’inizio, questa tecnologia è stata utilizzata, quasi esclusivamente, per la comunicazione tra membri religiosi direttamente collegati alla Chiesa. Attualmente, circa il novantacinque per cento della comunità religiosa della parrocchia ha telefoni cellulari e può comunicare tra loro in qualsiasi momento.

Il mondo cattolico romano è un mondo mediato dai canali per accedere al sacro. Tuttavia, nel bel mezzo della pandemia o meno, e in pieno isolamento sociale o meno, uno dei modi più accessibili per cercare il sacro è la rete Internet. Questa rete insieme alla telefonia mobile consente agli utenti di Internet di accedere a numerosi strumenti tra cui piattaforme religiose. Nella parrocchia di São Luís Gonzaga, i social network più accessibili sono WhatsApp, Instagram e Facebook.

Sui social network circolano messaggi religiosi quotidiani. Messe, novene, il santo rosario e le preghiere si trasmissino ai vivi. I fedeli interagiscono con preghiere, lodi e richieste di benedizioni. La fede si rivitalizza attraverso l’accesso ai contenuti religiosi. Questi sono prodotti da esperti religiosi istituzionalizzati o meno. La parrocchia di San Luís Gonzaga, nella città di Irauçuba, attraverso le reti, continua a fornire servizi religiosi alla comunità, contribuendo in modo significativo a un’esperienza di fede nel sacro, anche in tempi di crisi planetaria.

RIFERIMENTI

AZEVEDO, Bonnie Moraes Manhães; FERREIRA, Raphael da Silva. Redes sociais e religião: a Igreja Católica diante da sociedade imagética conectada. Numen: revista de estudos e pesquisa da religião, Juiz de Fora, v. 21, n.1, p. 62-80, jan./jun. 2018.

BERGER, Peter; LUCKMANN, Tomas. A construção social da realidade. Petrópolis: Vozes, 2004.

BOURDIEU, Pierre. A economia das trocas simbólicas. São Paulo: Perspectiva. 2007.

CAMURÇA, Marcelo. Ciências Sociais e Ciências da Religião: polêmicas e interlocuções. São Paulo: Paulinas, 2008.

CARRANZA, B. Renovação Carismática: origens, mudanças, tendências. Aparecida: Santuário, 2000.

DIAS, Marco Aurélio P. Administração de materiais: edição compacta. 4 ed. São Paulo: Atlas, 1995b.

ELIADE, Mircea. O Sagrado e o Profano. São Paulo. Martins Fontes. 1992.

FONSECA, André Dioney. Os impressos institucionais como fonte de estudo do pentecostalismo: uma análise a partir do livro História da convenção geral das Assembleias de Deus no Brasil. História em Reflexão – revista eletrônica de história [online]. Dourado – MS, V. 3, n. 5, p. 1-21, jan.-jun., 2009, p. 7-8. Disponível em: <http://revista.historia.ufgd.com. br/index.php//>. Acesso em: 22 mai. 2019.

HOCH, Klaus. Introdução a ciência da religião. São Paulo: Loyola, 2010.

NORONHA, Claudia. Migração e formação de redes religiosas nas periferias urbanas: aspectos do pentecostalismo em Rio Grande da Serra. Estudos de Religião – Revista eletrônica de ciências da religião [online]. São Paulo – SP, v. 29, n. 2, p.  43-67, jul.-dez. 2015, p.  59.  Disponível em: < https://dialnet.unirioja.es/descarga/> Acesso em: 25 de agosto de 2018.

PY, Fábio; REIS, Marcelo Vinício de Freitas. Católicos Carismáticos e os Projetos Parlamentares de Leis. Estudos de Religião – Revista eletrônica de ciências da religião [online]. São Paulo – SP, v. 29, n. 2, p.  135-161, jul.-dez. 2015, p. 147.  Disponível em: < https://dialnet.unirioja.es/descarga/> Acesso em: 25 de agosto de 2018.

RAFFESTIN, C. Por uma Geografia do Poder. Tradução Maria Cecília França. São Paulo: Editora Ática S.A., 1993.

RUIZ, J. A. Metodologia Científica: guia para eficiência nos estudos. 3ª ed. São Paulo: Atlas, 1991.

SAMPIERI, Roberto Hernández. Metodología de la Investigación. Colombia – Printed in Colombia. 1997.

SOUZA, Marcelo Lopes de. Os Conceitos Fundamentais da Pesquisa Sócio-espacial. Rio de Janeiro: Bertrand Brasil, 2013.

SOUZA, André Ricardo de. Igreja in concert: padres cantores, mídia e marketing. São Paulo: Annablume: Fapesp, 2005.

[1] Laurea magistrale in Scienze delle Religioni; Specialista in Geografia del Brasile; Laureato in Geografia.

Inviato: agosto, 2020.

Approvato: agosto 2020.

Rate this post

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here