La mediazione nella risoluzione dei conflitti d’affari

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (2 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

SOUZA, Jaqueline Caldeira [1], TARTUCE, Fernanda [2]

SOUZA, Jaqueline Caldeira. TARTUCE, Fernanda. La mediazione nella risoluzione dei conflitti d’affari. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 06, Ed. 12, Vol. 06, pp. 166-188. Dicembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/legge/risoluzione-dei-conflitti

RIEPILOGO

Lo scopo di questo articolo è quello di analizzare l’applicabilità della mediazione come metodo appropriato per risolvere i conflitti aziendali, cercando di dimostrare i benefici che il suo utilizzo può fornire nella risoluzione delle controversie e nel ristabilimento della comunicazione tra le parti, con soluzioni più rapide, creative, riservate ed efficaci. Pertanto, il presente lavoro ha come guida la domanda: la mediazione come metodo di soluzione consensuale sarebbe adeguata e vantaggiosa per risolvere i conflitti aziendali? Viene delineata una breve analisi dei metodi appropriati di soluzioni ai conflitti e delle loro principali differenze, nonché un’ampia visione della mediazione extragiudiziale e delle sue particolarità, affrontando la sua relazione e applicazione nel contesto aziendale, presentando alcune esperienze di successo, che dimostrano l’efficacia e i benefici della procedura, fungendo da incentivo all’uso della mediazione aziendale. Questo metodo di risoluzione dei conflitti ha acquisito grandi proporzioni nei più diversi settori del diritto, di fronte alla crisi giudiziaria vissuta dalla società contemporanea, nonché alla crescente domanda di metodi che soddisfano le esigenze dei conflitti, che diventano sempre più complessi, facendo spazio allo sviluppo di metodi appropriati di risoluzione dei conflitti, come la conciliazione, la mediazione, la negoziazione e l’arbitrato. La mediazione in particolare è stata in grado di risolvere i conflitti commerciali, anche se ci sono alcune sfide da affrontare, dal momento che gran parte delle imprese del paese non ha ancora considerato di ricorrere alla mediazione, sia a causa del dubbio nell’uso del metodo o dell’ignoranza dei suoi benefici. Tuttavia, alcune esperienze con risultati positivi dimostrano che la mediazione è appropriata per la risoluzione dei conflitti e la conservazione delle relazioni commerciali. Il metodo di ricerca utilizzato è stato quello ipotetico-deduttivo, considerando concetti teorici, analisi empirica e ricerca bibliografica, si conclude che la mediazione stragiudiziale è applicabile, adeguata e vantaggiosa nella risoluzione dei conflitti aziendali, con costi contenuti, maggiore velocità, procedura semplificata, mediatori qualificati, tutti gli atti riservati, e contemplazione degli interessi delle parti, con soluzioni creative e maggiore probabilità di attuazione del termine finale.

Parole chiave: Mediazione privata; Conflitti commerciali; Risoluzione consensuale.

1. INTRODUZIONE

 Con l’evoluzione tecnologica, i media, lo sviluppo della società e la trasformazione degli aspetti economici e competitivi, le aziende sono obbligate ad essere più dinamiche nella gestione e nella risoluzione dei loro conflitti, perché questo sequestro richiede risposte rapide ed efficaci.

Nella società contemporanea, in mezzo a trasformazioni e crisi economiche, le aziende sono suscettibili a numerose controversie sempre più complesse, rendendo più frequente la ricerca di soluzioni più efficaci, la ricerca di metodi che possano contribuire alla conservazione e all’immagine dell’azienda ed evitare perdite economiche.

I conflitti aziendali senza una corretta gestione possono lasciare grandi riflessioni, ritardando lo sviluppo dell’azienda. La mediazione può essere un ottimo strumento nella gestione di questi conflitti, poiché le strategie e i metodi utilizzati nella mediazione possono fornire accordi più efficaci e riservati, con guadagno reciproco, risparmiando tempo e risorse finanziarie, preservando l’autonomia e le relazioni tra le parti. Dato questo contesto per la delimitazione del tema, è stato scelto il seguente problema: la mediazione come metodo di soluzione consensuale sarebbe adeguata e vantaggiosa per risolvere i conflitti aziendali?

Il ruolo della mediazione è quello di ripristinare la comunicazione tra le persone coinvolte, in un marittimo informale, consentendo alle parti di scegliere il mediatore, di assumersi la responsabilità della soluzione della controversia che le affligge, formando un consenso sul termine adeguato e fornendo il suo adempimento spontaneo.

Con la delibera 125/2010 del Consiglio nazionale di giustizia(CNJ)[3], c’è stato un incentivo all’uso di forme di autocomposizione, in cui lo Stato fornisce alla società mezzi alternativi per risolvere i suoi conflitti, principalmente con mezzi consensuali, mirando alla pacificazione sociale. (BRASIL, 2010)

I metodi appropriati di risoluzione dei conflitti, sebbene simili, differiscono l’uno dall’altro, perché ogni istituto ha le sue peculiarità, con meccanismi differenziati che sono appropriati ai conflitti che gli verranno presentati, garantendo una soluzione più efficace.

La specifica mediazione stragiudiziale, quale metodo appropriato per risolvere i conflitti aziendali, apporta i vantaggi in ambito imprenditoriale e contribuisce alla crescita e alla salvaguardia dell’azienda e dei suoi rapporti commerciali.

In questo contesto, il presente studio fa parte dell’ipotesi che la mediazione aziendale sia applicabile e adeguata per risolvere efficacemente i conflitti aziendali. A partire dall’indagine e dall’analisi testuale, dalle dottrine, dalle normative di riferimento e da alcune esperienze già svolte nella risoluzione dei conflitti aziendali, cercando di migliorare la conoscenza in materia, stimolando e favorendo lo sviluppo di soluzioni consensuali.

Il presente studio ha adottato il metodo ipotetico-deduttivo, insieme alla ricerca bibliografica e legislativa.

2. METODI APPROPRIATI PER LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

Con i crescenti conflitti di conflitti sempre più complessi, dovuti ai cambiamenti nelle relazioni, all’uso di reti virtuali, a risorse tecnologiche sempre più sofisticate e all’insoddisfazione delle parti nei confronti del sistema di giurisdizione statale, genera il decadimento del monopolio giudiziario, aumentando così la ricerca di mezzi appropriati di risoluzione dei conflitti (SILVA, 2019).

Sebbene la scienza giuridica si basi sulla legge, non cessa di consentire altri mezzi di risoluzione dei conflitti che possono essere promossi dalla società stessa, quindi la giurisdizione coesiste con altri metodi privati di risoluzione delle controversie (SILVA, 2019).

Come forme di risoluzione delle controversie,l’autotutela è stata applicata sin dall’inizio della società, mezzi eterocompositivi e auto-compositivi. Nel metodo eterocompositivi la soluzione del conflitto sarà imposta da un terzo, giudice o arbitro, sottoponendo le parti a tale decisione anche se non soddisfa i loro interessi, mentre nel metodo auto-compositivi, ci può essere la partecipazione di un terzo per facilitare la comunicazione, tuttavia il risultato dipende dalla volontà delle persone coinvolte, poiché l’accettazione o il rifiuto dell’accordo dipende dalla scelta delle parti interessate (CAHALI, 2018).

Questi sistemi offrono alle parti la scelta dei metodi più adatti alle loro esigenze, utilizzando meccanismi privati e informali per risolvere insieme i conflitti, emergendo così quella che viene chiamata giustizia multiporta (SILVA, 2019).

Questa idea di Multiportas Court è stata consolidata con la risoluzione 125/2010 del CNJ, in cui lo Stato fornisce alla società mezzi alternativi per risolvere i suoi conflitti, principalmente con mezzi consensuali, mirando alla pacificazione, questa nuova politica pubblica di trattamento corretto dei conflitti di interesse ha causato un cambiamento nella cosiddetta “cultura del contenzioso”, perché le parti coinvolte aiutano nella formazione delle opinioni, e i beneficiari della soluzione consensuale, possono condividere questa esperienza positiva per espandere l’uso di tali istituti, con questo, la Risoluzione ha permesso lo sviluppo della conciliazione e della mediazione (CAHALI, 2018).

Come sottolinea Fernanda Tartuce,

O sistema multiportas estatal pode ser definido como a atividade do Poder Judiciário empreendida para orientar os litigantes sobre as diferentes alternativas para compor o conflito, sugerindo qual seria a saída mais pertinente para o deslinde da questão; o Estado se incumbe de encaminhar as partes no sistema de multiportas de forma gratuita, orientando-as antes do início de uma demanda judicial (TARTUCE, 2018, p.72).

Si osserva che lo Stato ha il ruolo di promuovere e incoraggiare l’uso di adeguati meccanismi di risoluzione delle controversie, fornendo mezzi che meglio si adattano alle esigenze delle persone coinvolte, mirando a ripristinare la comunicazione e preservare le relazioni tra le parti, effettuando la pacificazione sociale.

Per un accesso effettivo alla giustizia è essenziale che vi siano riforme giuridiche, garantendo interessi che non sono adeguatamente rappresentati, perché queste nuove ondate di riforme raggiungono sia la sfera giudiziaria che quella extragiudiziale, cambiando la forma delle procedure, cambiamenti strutturali nei tribunali, con la partecipazione di terzi laici, creazione di meccanismi privati e formali di risoluzione delle controversie, in conformità con il conflitto, coinvolgendo persone, istituzioni e procedure che insieme possono risolvere o impedire la dovuta diligenza. Questa necessità di attuare efficacemente metodi che soddisfino effettivamente i nuovi diritti ha sollevato riflessioni sul sistema di disposizione giudiziaria (CAPPELLETI; GARTH, 2015).

Pertanto, il termine Mezzi Alternativi di Risoluzione dei Conflitti (MASCs)[4], deriva dall’inglese Alternative Dispute Resolution (ADR), che rappresenta i metodi a disposizione delle parti per la risoluzione delle loro controversie, meccanismi che differiscono dal giudizio di un processo giudiziario, con procedure meno formali e la possibilità che le parti risolvano insieme i loro conflitti. Circa tre decenni fa, questi metodi sono stati incorporati nel sistema legale di tutto il mondo, mentre in Brasile la sua applicazione è recente, a differenza dell’esperienza nordamericana. Tuttavia, la logica per l’applicazione di questi istituti è simile, perché i costi e il ritardo della giurisdizione statale hanno portato all’insoddisfazione delle parti in causa, causando l’adozione di altre procedure, come l’arbitrato privato, la conciliazione e la mediazione (SILVA, 2019).

Oltre a queste forme di risoluzione dei conflitti, ci sono altre forme meno utilizzate che possono essere appropriate alle circostanze di determinati conflitti, come il sistema Mini-trial in cui le parti possono eleggere un rappresentante per ciascuna delle parti coinvolte, questi rappresentanti insieme nominano il terzo per esaminare e decidere le questioni del conflitto e rappresentare gli interessi di coloro che li hanno indicati; esiste il sistema di ebollizione neutrale di terze parti, di comune accordo le parti indicheranno, le parti hanno esperienza e conoscenza tecnica della questione in conflitto per valutare e dare una diagnosi sulle possibili possibilità di successo che ciascuna parte ha, cioè non è una decisione vincolante (CAHALI, 2018).

Esiste anche il sistema chiamato dispute board, in cui si forma un comitato di esperti indipendenti che controllerà l’esecuzione di un contratto a lungo termine, ogni volta che sarà necessario ci saranno riunioni per verificare la conformità contrattuale e quando sorgono possibili conflitti, le decisioni hanno una raccomandazione in cui le parti si impegnano a rispettarle (CAHALI, 2018).

Questo sistema utilizzato principalmente nei contratti di costruzione, perché temporalmente tra la firma del contratto fino al suo completamento sorgono diversi empasses, l’uso di questo strumento fornisce ad appaltatori e appaltatori di risolvere i loro conflitti rapidamente e con costi finanziari inferiori (SALLA, 2019).

Esiste anche il sistema di gestione dei conflitti o anche noto come Progettazione del Dispute System Design (DSD), mira a gestire il conflitto con proporzioni soggettive, analizzando il conflitto e verificando il metodo migliore adatto alla tua soluzione, con il monitoraggio di facilitatori esperti che promuoveranno la negoziazione diretta, la conciliazione, la mediazione e altre tecniche che consentono la comunicazione e la costruzione congiunta di una soluzione (CAHALI, 2018).

Affinché questo sistema abbia successo, sarà necessario identificare le parti e gli interessi di ciascuno di essi, effettuando un’indagine sulle loro preoccupazioni, paure, desideri e volontà, nonché sulla loro situazione economica e quali alternative avrebbero a partecipare a questa procedura, considerando il rapporto tra le persone coinvolte, mirando alla reale soddisfazione degli stakeholder (FALECK, 2020).

Un’altra forma di soluzione è il Sistema Amministrativo dei Conflitti Internet (SACI-Adm)[5], istituito dall’Internet Steering Committee (CGI), con un proprio regolamento, prevede che il “Sistema Amministrativo dei Conflitti Internet relativi ai nomi a dominio sotto il “.br” – SACI-Adm – miri a risolvere le controversie tra il titolare del nome a dominio nel “.br” (detto “Titolare”) e qualsiasi terzo (denominato “Denunciante”) che contesta il legittimità della registrazione del nome a dominio effettuata dal Titolare”. Il conflitto viene risolto in un istituto accreditato scelto dal denunciante (REGULAMENTO SACI-ADM, 2010).

Questi sistemi prevedono che, legittimati dallo Stato, offrissero opzioni che prendessero in considerazione gli interessi dei soggetti coinvolti che sceglieranno i mezzi di risoluzione appropriati da utilizzare, rappresentando così diverse porte apribili e calpestabili. Questo modello multiporta ha diverse forme che possono essere adottate per risolvere il conflitto, consentendo l’implementazione di questo sistema da applicare in modo inclusivo su questioni che coinvolgono il potere pubblico e le sue organizzazioni (MARETTI, 2020).

Sono quindi disponibili metodi che possano essere adeguati per una risoluzione efficace dei conflitti, soddisfacendo entrambe le parti, alla ricerca della pacificazione sociale e degli strumenti di soluzione efficaci che differiscono l’uno dall’altro, e possono essere applicati in base alle esigenze delle parti, accogliendo le peculiarità di ciascun conflitto. I metodi più noti e attualmente utilizzati sono l’arbitrato, la negoziazione, la mediazione e la conciliazione.

3. CONCILIAZIONE, MEDIAZIONE, NEGOZIAZIONE E ARBITRATO

Nel processo auto-compositivile parti insieme costruiranno la risoluzione dei loro conflitti con l’aiuto o meno di una terza parte, nel tentativo di risolvere i conflitti. Mentre in eterocompositivi ci sarà una decisione dell’arbitro o del giudice, in cui le parti si sottoporranno a tale decisione anche se non soddisfa tutte le loro esigenze. Come metodi auto-compositivi abbiamo la conciliazione, la mediazione e la negoziazione.

La negoziazione può essere intesa come un atto o un’arte di negoziazione, mirando a un accordo tra le parti in relazione alla questione che genera il conflitto, la sua caratteristica principale è nel dialogo sviluppato tra le parti, volto a una soluzione amabile dei problemi tra di loro, senza l’interferenza di una terza parte per imporre una decisione (FIGUEIRA JUNIOR, 2019).

In questo sistema le parti tendono a risolvere direttamente le loro divergenze, negoziando scambi di vantaggi e diminuzione delle perdite mirando al risultato di guadagni reciproci accettabili da entrambe le parti, di norma la negoziazione sarà esercitata dalle parti interessate stesse, ma non ci sono impedimenti, e può essere effettuata da un terzo, il negoziatore, che rappresenterà l’interesse della parte che lo ha nominato, essendo in grado di negoziare la soluzione migliore per il tuo rappresentante, la figura del negoziatore sta guadagnando grandi proporzioni nel mondo degli affari (CAHALI, 2018).

La ricerca di una risoluzione consensuale dei conflitti è in aumento, in considerazione dei loro benefici. La negoziazione come mezzo consensuale di risoluzione è stata ben valutata nel sistema giuridico brasiliano (MARCATO; TARTUCE, 2018).

La conciliazione può essere intesa come un processo in cui una terza parte imparziale, ha ascoltato le opinioni e i desideri di ciascuna parte e da queste informazioni aiuterà nella soluzione del conflitto, dando suggerimenti, suggerendo proposte che soddisfano la volontà delle parti interessate, informando il completamento del processo (BARCELLAR, 2012).

A differenza della negoziazione, della conciliazione e della mediazione ci sarà la partecipazione di un facilitatore terzo e imparziale che aiuterà le parti a trovare la soluzione migliore per le loro istanze.

La conciliazione è raccomandata per la risoluzione delle controversie in cui le parti non hanno legami precedenti, perché il suo scopo è quello di risolvere il conflitto e non ristabilire o preservare le relazioni. Storicamente la conciliazione è interconnessa con la magistratura, attraverso la sua applicazione nel corso del processo, in cui il magistrato promuoverà il tentativo di conciliazione in un’udienza propria a tale scopo (CAHALI, 2018).

Pertanto, il codice di procedura civile, sui mezzi consensuali, è disponibile nel suo art. 3, § 2º “Lo Stato promuove, ove possibile, la risoluzione consensuale dei conflitti” e nel suo § 3 “La conciliazione, la mediazione e altri metodi di risoluzione consensuale dei conflitti sono incoraggiati da giudici, avvocati, difensori pubblici e membri della Procura della Repubblica, anche nel corso del processo giudiziario”. Inoltre, ha introdotto l’articolo 165, dello stesso diploma legale, la determinazione della creazione di centri giudiziari di risoluzione consensuale dei conflitti (CEJUSCs)[6], da parte dei tribunali in cui si svolgeranno le udienze stimolando così l’autocomposizione (BRASIL, 2015).

La mediazione, a differenza della conciliazione, cerca di risolvere pacificamente il conflitto con l’aiuto di una terza parte neutrale che medierà il ritorno della comunicazione tra le parti, con l’obiettivo di mantenere e preservare il rapporto tra le parti (BARCELLAR, 2012).

Così, c’è la differenziazione di tali istituti, promossa da Luciano Souto Dias e Kamila Cardoso Faria:

Apesar de serem institutos parecidos, a mediação e a conciliação se diferem em aspectos relevantes. Como métodos de solução consensual de conflitos, elas permitem que os interessados dialoguem e que, juntos possam encontrar a melhor solução do conflito, sem a necessidade da imposição de uma decisão por um terceiro. Tanto na mediação quanto na conciliação, tem-se a figura de um terceiro, imparcial, com a função de auxiliar os envolvidos, aquém não cabe resolver o problema, mas exercer um papel de incentivador da solução do conflito. O conciliador tem um papel mais ativo, pois além de conduzir o diálogo, apresenta propostas e sugestões para a solução do conflito. Já o mediador tem uma atuação mais reservada, abstendo-se de propostas ou sugestões, porém, através do seu conhecimento técnico, acompanha o diálogo e atua no sentido de esclarecer aspectos inerentes às questões litigiosas que podem colaborar para que as partes alcancem um consenso (DIAS; FARIA, 2016, p. 27).

La mediazione fa parte di metodi auto-compositivi di natura volontaria, come raccomandato dalla professoressa Fernanda Tartuce:

A mediação consiste no meio consensual de abordagem de controvérsias em que alguém imparcial atua para facilitar a comunicação entre os envolvidos e propiciar que eles possam, a partir da percepção ampliada dos meandros da situação controvertida, protagonizar saídas produtivas para os impasses que os envolvem (TARTUCE, 2018, p. 203).

Pertanto, in questo metodo di risoluzione dei conflitti, ci sarà la partecipazione di una terza parte che è addestrata con conoscenze specifiche in relazione alla questione in discussione, utilizzando tecniche per ristabilire la comunicazione persa a causa del disaccordo e assistendo le parti interessate a formulare la soluzione ai loro conflitti.

La mediazione mira a promuovere e facilitare la comunicazione delle parti in conflitto e le parti interessate possono scegliere questo mezzo di soluzione, perché anche se non vi è alcuna conclusione dell’accordo, la mediazione avrà successo se la comunicazione tra le parti coinvolte viene ripresa (TARTUCE, 2018).

In considerazione della crisi del sistema giudiziario vissuta nella società contemporanea, la mediazione ha guadagnato grandi proporzioni, iniziando a essere studiata nel mondo giuridico, seminari e conferenze presentate sull’argomento, norme emergenti per la regolarizzazione di tale istituto, come quadro giuridico ha la risoluzione 125/2010 del CNJ e la valutazione portata dal codice di procedura civile del 2015, nonché l’emanazione della legge sulla mediazione n. 13.140 del 2015 (BERTOLI; BUSNELLO, 2017).

Con l’entrata in vigore della legge 13.140 del 2015, è stata regolata l’applicazione della mediazione, avendo regole e procedure per la realizzazione e l’applicazione della mediazione tra individui, nonché conflitti che coinvolgono la pubblica amministrazione (MARETTI, 2020).

Pertanto, si conclude che la mediazione è un istituto che può adattarsi ai conflitti, a condizione che vi sia la volontà delle parti e che la legge consenta l’uso di questo strumento e possa risolvere sia le controversie tra individui, sia i conflitti che coinvolgono l’amministrazione privata e pubblica.

La legge in questione, prevede norme che regolano l’adozione della mediazione sia in ambito giudiziale che stragiudiziale, che comporta diritti disponibili o non disponibili purché siano tollerabile, e può riguardare le parti o l’intero conflitto, nonché ha introdotto il concetto di mediazione nel suo articolo 1, “Paragrafo unico: la mediazione è considerata l’attività tecnica svolta da un terzo imparziale senza potere decisionale, che, scelti o accettati dalle parti, le assiste e le incoraggia a identificare o sviluppare soluzioni consensuali alla controversia”. Così, la mediazione si sta sviluppando come un metodo in grado di far sì che le persone risolvano i loro problemi, di loro spontanea volontà, con l’aiuto di una terza parte, aumentando così il grado di soddisfazione, perché la soluzione è stata costruita da soli, perché la risoluzione del conflitto diventa più efficace e avviene in meno tempo, a beneficio di tutti i soggetti coinvolti (BERTOLI; BUSNELLO, 2017).

L’arbitrato, d’altra parte, è una forma di soluzione obbligatoria, essendo parte del metodo eterocompositivi, e la soluzione del conflitto sarà presa da una decisione preparata da una terza parte o da una camera arbitrale. Nell’arbitrato le parti possono scegliere una o più persone attraverso un accordo privato, che deciderà la controversia, tale decisione avrà forza di giudizio giudiziario ed è disponibile per qualsiasi persona capace, a condizione che i conflitti siano legati ai diritti di proprietà disponibili (CARMONA, 2009).

Come spiega Well Alexandre Freitas Câmera:

A arbitragem é um processo paraestatal e heterocompositivo de solução de conflitos, há que se verificar quando sua utilização é cabível. Afirma a lei de arbitragem que esta pode ser usada por pessoas capazes quando o conflito versar sobre direitos patrimoniais disponíveis (art.1º). Há que se dizer, assim, que tanto as pessoas jurídicas como as pessoas naturais e capazes podem se valer da arbitragem como meio de solução de litígios (CÂMERA, 2005, p. 178).

L’arbitrato è un importante strumento di risoluzione dei conflitti, che è a disposizione di coloro che lo scelgono per risolvere le controversie che coinvolgono questioni di proprietà, e la risoluzione sarà presa da una decisione data da una terza parte imparziale, sia le persone fisiche che le persone giuridiche possono avvalersi di questo strumento.

Nel 1996, l’arbitrato ha ottenuto un proprio regolamento, con la legge n. 9.307, una vera rivoluzione legale per il Brasile in relazione all’arbitrato, con questa legge l’istituto ha acquisito maggiore certezza giuridica, rimuovendo alcuni ostacoli che ne impedivano lo sviluppo, perché con l’avvento della legge menzionata, la clausola compromissoria diventa obbligatoria e la decisione arbitrale non richiede più l’approvazione giudiziaria, consentendo così l’avanzamento dell’arbitrato nel paese (BARCELLAR, 2012).

La legge 13.129 del 2015 ha modificato alcune disposizioni della legge n. 9.307/96, una delle quali era l’autorizzazione al ricorso all’arbitrato da parte degli organi diretti e indiretti della pubblica amministrazione, ampliando il campo di azione dell’arbitrato. Sebbene l’applicazione di questo metodo di risoluzione sia stata ampliata, è ancora limitata a un certo gruppo di parti in causa, a causa degli elevati costi (SILVA, 2019).

L’arbitrato, la negoziazione, la conciliazione, la mediazione, tra gli altri, si stanno sviluppando, perché i benefici derivanti da questi metodi sono evidenti, così come l’insoddisfazione della popolazione nei confronti della magistratura, che è sempre più alla ricerca di soluzioni più efficaci, rapide e soddisfacenti per tutti i soggetti coinvolti. Si percepisce il progresso nell’uso di questi metodi di risoluzione, che è anche ben raccomandato dalla dottrina brasiliana, perché alcune esperienze di successo dimostrano l’efficacia di questi metodi.

4. LA MEDIAZIONE E LE SUE PARTICOLARITÀ

La mediazione privata è una procedura ampiamente utilizzata a livello internazionale, in particolare nella risoluzione dei conflitti commerciali (ISOLDI, 2014).

Il suo sviluppo è stato accentuato con la sua regolamentazione elaborata dalla Commissione delle Nazioni Unite sul diritto commerciale internazionale (UNCITRAL), la ” Legge modello”, Legge modello sulla conciliazione commerciale internazionale del 2002, che funge da modello per l’elaborazione di altri standard che trattano lo stesso argomento (UNCITRAL, 2002).

In Brasile la mediazione ha iniziato ad avere maggiore attenzione, con la creazione dell’Istituto Nazionale di Mediazione e Arbitrato (INAMA)[7] nel 1991, aumentando il suo studio da parte di diversi istituti, e nel 1994 è stato creato l’Istituto di Mediazione (IM)[8], che nel 1997 è stato autorizzato come Istituto di Mediazione e Arbitrato del Brasile (IMAB)[9]. Nello stesso anno è stato creato il Consiglio nazionale delle istituzioni di mediazione e arbitrato (CONIMA)[10]. L’iniziativa di standardizzare il tema è avvenuta nel 1998 (ai sensi del disegno di legge 4.827/98, scritto dall’onorevole Zulaiê Cobra). E nel 2010 è stata pubblicata la risoluzione CNJ n. 125, che mira all’applicazione di mezzi adeguati di risoluzione dei conflitti nel sistema giudiziario, nonché ai parametri di formazione e pratica dei conciliatori e dei mediatori giudiziari. Tuttavia, la mediazione ha acquisito la propria norma nel 2015, con l’emanazione della legge sulla mediazione n. 13.140, nel Congresso nazionale (BRAGA NETO, 2019).

Un altro punto importante che fa leva sullo sviluppo della mediazione è la Convenzione di Singapore, con 53 paesi firmatari, mira a unificare la pratica della mediazione internazionale e facilitare gli accordi derivanti dalle mediazioni commerciali a livello internazionale. Il Brasile ha recentemente firmato la convenzione il 4 giugno 2021, fornendo grandi aspettative per l’espansione della mediazione nel paese (MINISTÉRIO ECONOMIA, 2021).

Con l’avvento della legge sulla mediazione n. 13.140/2015, la procedura per l’applicazione della mediazione è stata regolarizzata sia in ambito giudiziale che stragiudiziale, specificando anche l’oggetto che può essere oggetto di mediazione e i principi applicati all’istituto.

4.1 PRINCIPI DI MEDIAZIONE

Sui principi della mediazione la legge n. 13.140/2015, prevede nel suo art. 2º La mediazione sarà guidata dai seguenti principi: I – imparzialità del mediatore; II – isonomia tra le parti; III – oralità; IV – informalità; V – autonomia della volontà delle parti; VI – ricerca del consenso; VII – riservatezza; VIII – buona fede (BRASILE, 2015).

Il primo principio si riferisce all’imparzialità del mediatore, essenziale per l’equo trattamento delle parti, perché tutti gli atti di questo terzo invitato a contribuire alla risoluzione del conflitto devono essere uguali, essendo persino soggetti alle regole di impedimenti e sospetto applicate ai magistrati, per perequazione. Il principio di autonomia della volontà delle parti è uno dei più importanti, in quanto riconosce la volontà, la libertà e la decisione delle parti, nonché la loro volontà di accettare e partecipare al processo di mediazione. La mediazione si basa sul principio della ricerca del consenso e della cooperazione tra le parti, in quanto ristabilisce la comunicazione tra le due, incoraggiando le parti a costruire la propria soluzione (TARTUCE, 2018).

Il principio di informalità coordina l’intera procedura di mediazione che si sviluppa per promuovere il dialogo, con tecniche informali per la comunicazione da sviluppare con tranquillità. Il principio dell’oralità in tutte le fasi della mediazione è evidente perché il ristabilimento della comunicazione è evidente. Il principio di buona fede si riferisce alla partecipazione delle parti in modo equo, con impegno e rispetto reciproco, nonché alle pari opportunità per le parti (TARTUCE, 2018).

Il principio della riservatezza copre tutti gli atti di mediazione, una delle attrazioni per le aziende di utilizzare questo metodo. È molto importante che le parti si sentano a proprio agio e tutti gli atti in relazione alle informazioni fornite dalle parti, ai fatti, alle relazioni e ai documenti che fanno parte del processo di mediazione saranno riservati. È anche vietato al mediatore fungere da testimone, salvo autorizzazione delle parti. Tale è l’importanza della riservatezza che la legge sulla mediazione aveva una propria sezione per affrontare la questione (CAHALI, 2018).

Si percepisce che la mediazione ha le sue peculiarità e può fornire a chi cerca una procedura per risolvere gli empasses che sorgono nel corso dei rapporti contrattuali, in modo efficace, con rapidità e riservatezza. Può essere indicato anche per la prevenzione dei conflitti commerciali, attraverso il dialogo promuovendo un ambiente di pacificazione, stabilendo la comunicazione e la conservazione delle relazioni commerciali.

4.2 MEDIAZIONE AZIENDALE

Esistono due forme di mediazione, giudiziale e stragiudiziale. Pertanto, sarà una misurazione extragiudiziale, nota anche come mediazione privata.

La mediazione privata applicata nelle controversie che coinvolgono l’attività commerciale non riguarda solo la risoluzione dei conflitti, ma il ripristino della comunicazione tra le persone coinvolte, mantenendo così il rapporto e la continuazione del contratto.

La mediazione extragiudiziale avverrà attraverso la volontà delle parti di optare per l’applicazione di tale istituto, dove possono scegliere il mediatore, come si svolgerà la mediazione, nonché definire quale sarà l’oggetto della controversia e se ha trattato tutto o parte del conflitto, attraverso l’istituzione di una clausola di mediazione (BRANDÃO, 2019).

Nel contesto Business, Diego Faleck definisce anche la mediazione:

A mediação empresarial consiste na facilitação, por um terceiro neutro, de negociação para a resolução de disputa, entre partes de relações comerciais. Mediadores não têm o poder de impor uma decisão vinculante. Todavia, a intervenção de mediadores é extremamente eficaz para assistir partes a resolverem disputas em menor tempo, com menor gasto de recursos e com maior preservação de relacionamentos comerciais (FALECK, 2014, p. 263).

La legge modello di mediazione, ha portato nel suo testo, le specifiche sull’applicazione dell’istituto per la risoluzione dei conflitti commerciali, un’espressione che non si limita all’attività commerciale, ma copre qualsiasi attività commerciale correlata alla natura commerciale, contrattuale o meno, al fine di semplificare la negoziazione nei conflitti commerciali (BRANDÃO, 2019).

In questo senso, si nota che la mediazione ha una natura giuridica contrattuale, perché attraverso la volontà delle parti, stipulano per contratto l’intervento di una terza parte che li ha aiutati a riprendere il dialogo (BRAGA NETO, 2019).

La scelta del mediatore è a discrezione delle parti, tuttavia è indicato che hanno conoscenze tecniche della questione conflittuale, perché il mediatore è il facilitatore della comunicazione e condurrà la procedura in modo imparziale, garantendo una partecipazione equilibrata tra le parti, incoraggiando i partecipanti a superare le barriere che impediscono l’accordo, fornendo sempre i chiarimenti necessari chiaramente sulla procedura (BRANDÃO, 2019).

La legge sulla mediazione chiarisce che la partecipazione di un avvocato è facoltativa, ai sensi dell’articolo 10 della legge sulla mediazione. Ma la partecipazione dell’avvocato può essere importante, quando guida legalmente il cliente o in caso di accordo, può aiutare nella stesura dello strumento e, in caso di mancato accordo, guiderà le misure necessarie che salvaguardano gli interessi del suo cliente.

Pertanto, la legge n. 13.140/2015, prevede nell’articolo 21 e seguenti come si verificherà l’intera procedura di mediazione extragiudiziale e può essere avviata per contratto o iniziativa diretta di una delle parti.

4.3 APPLICAZIONE E SVILUPPO DELLA MEDIAZIONE AZIENDALE

Come previsto dalla legge, la mediazione privata può iniziare con la clausola o senza una clausola di mediazione. Ciò è osservato nell’articolo 22 della legge sulla mediazione, che prevede la clausola di mediazione, stabilita per contratto e deve contenere termine, locale, come verrà effettuata la scelta dei mediatori ed eventuali sanzioni, questo contratto avrà un effetto vincolante tra le parti (CAHALI, 2018).

Questo accordo può essere stabilito la clausola autonoma, o scaglionata o con l’uso di modalità miste in cui le parti interessate possono combinare stipulazioni sequenziali dei metodi appropriati di risoluzione dei conflitti neg-med-arbit o med-arb, med-jud o neg-med-jud (SIMÕES, 2019).

Già senza la clausola di mediazione preventiva, art. 16 della legge sulla mediazione, prevede che le parti possano chiedere la sospensione del procedimento in cui il procedimento è già stato depositato, per un periodo sufficiente affinché la mediazione abbia luogo, oppure possono rivolgere l’invito all’altra parte, promosso con qualsiasi mezzo di comunicazione che descriva l’oggetto della negoziazione, il luogo e la data dell’incontro (BRASIL, 2015).

Pertanto, la mediazione può essere promossa con mezzi istituzionali, in cui le parti scelgono una camera o un centro di mediazione, soggetto alle loro regole amministrative dell’organizzazione, oppure può essere istituita con mezzi indipendenti, “ad hoc“, e le regole della procedura di mediazione saranno stabilite dalle parti stesse (ROSA; ISSA, 2019).

Il processo di mediazione può avvenire in alcune fasi, nella prima fase c’è la presentazione di informazioni sulle regole e i dettagli di come si svolgerà l’intera procedura e il mediatore attesta la sua indipendenza e può essere chiamato pre-mediazione. Nella seconda fase c’è la relazione delle parti, e la comprensione delle aspettative di ogni persona coinvolta, e può essere designato incontri privati o individuali (caucus), uno strumento viene utilizzato per ampliare la visione relativa del conflitto; nella terza fase il mediatore aveva incoraggiato le parti sulle possibilità di soluzioni ai conflitti, sullo sviluppo di proposte e sui negoziati. Infine, l’accordo deve essere raggiunto se viene effettuato e deve essere redatto a termine con tutti gli impegni assunti, con la firma degli interessati (TARTUCE, 2012).

La mediazione è diventata uno strumento molto importante per preservare i rapporti principalmente in ambito aziendale, l’intera procedura con passaggi che prevedono alle parti di esporre le proprie idee, di esercitare la propria autonomia, sul manto della riservatezza e della necessità di mantenere il rapporto contrattuale per l’adempimento di alcuni obblighi, nonché la conservazione dell’immagine dell’azienda nel mercato. Alcune esperienze imprenditoriali che hanno beneficiato della mediazione hanno avuto successo, dimostrando i benefici e l’efficacia della mediazione aziendale.

5. LA MEDIAZIONE SAREBBE ADEGUATA E VANTAGGIOSA PER RISOLVERE I CONFLITTI AZIENDALI?

Nei conflitti aziendali, è possibile utilizzare i metodi extragiudiziali di risoluzione dei conflitti, a condizione che vi sia disponibilità, nonché la possibilità di applicare tali metodi, in considerazione della peculiarità di ciascun conflitto e di ciò che prevede la legge sull’applicazione di ciascun istituto al caso specifico.

I conflitti d’affari, poiché comportano una storia di interrelazione tra i soggetti coinvolti, si raccomanda l’uso della mediazione, che consente il ristabilimento della convivenza armonica e la conservazione delle relazioni tra i membri quando i segni di divergenza si gonfiano, anche prima che il conflitto sia stabilito, quindi la mediazione avrà la funzione di prevenire i conflitti. Come, può essere utilizzato per la pacificazione, quando i conflitti commerciali sono già stati stabiliti (CAHALI, 2018).

Si osserva che la mediazione può essere applicata prima che il conflitto si stabilisca, come nel suo verificarsi, cercando non solo la soluzione del conflitto, ma anche la continuità e il mantenimento delle relazioni commerciali.

L’articolo 3 della legge sulla mediazione prevede che il conflitto che si verifica sui diritti disponibili o sui diritti non disponibili che ammettono la transazione può essere mediato.

I conflitti comuni affrontati dalle aziende possono essere corporis interni o esterni, derivanti da relazioni commerciali o amministrative, contratti di proprietà intellettuale, esecuzione di un lavoro, relazioni in franchising e franchisor e persino relazioni in aziende familiari, tra gli altri legami derivanti dall’attività commerciale (BRAGA NETO, 2019).

I conflitti possono sorgere sia nella società stessa che nel rapporto con terzi, la dottrina classifica questi conflitti, sia derivati da affari aziendali interni, come intra organizzazione o intra-aziendale (BRAGA NETO, 2015).

In questo contesto, la mediazione sarà finalizzata alla risoluzione di controversie tra dipendenti, reparti, direttori, direttori e partner, tra di loro, l’azienda potrà avvalersi di servizi specializzati di mediazione fotografica o formare un proprio team, tuttavia è consigliabile cercare mediatori imparziali per il trattamento isonomica delle parti (FREIRE; BRAGA NETO, 2019).

Pertanto, la mediazione organizzativa può anche essere chiamata mediazione aziendale, che mira al ristabilimento delle relazioni interne, perché se il rapporto tra i dipendenti non è buono può influenzare negativamente l’immagine esterna dell’azienda, impedendo così il raggiungimento degli obiettivi a cui mira (SIMÕES, 2019).

Questa pratica in ambito aziendale può essere correlata all’implementazione del programma di compliance, il cui obiettivo è quello di sviluppare politiche organizzative e codici di condotta, cambiando la cultura interna dell’azienda rendendola più integrale e trasparente, alla ricerca della conservazione dell’azienda (FREIRE; BRAGA NETO, 2019).

Attualmente c’è preoccupazione per l’integrità e l’immagine che l’azienda trasmette al mondo esterno, e la mediazione può essere uno strumento da utilizzare per preservare l’immagine dell’azienda.

Nelle relazioni commerciali esterne, può essere chiamata mediazione inter-aziendale, in cui il mediatore lavorerà su elementi di riflessione e di messa in discussione dell’interrelazione esistente tra gli imprenditori, costruendo così una soluzione pacifica, nonché ripristinando la comunicazione tra le parti e mantenendo tale relazione (BRAGA NETO, 2015).

Na recuperação de empresas, a mediação pode ser aplicada tanto no sistema de recuperação judicial como extrajudicial, incluindo o recurso à conciliação e mediação pela lei 14.112 de 2020, que fez alterações significativas à lei de 11.101/05, com seção própria seção, de conciliações e mediações preliminares ou incidentais aos processos de recuperação judicial, portanto a mediação pode ser aplicada antes do processo de recuperação ou durante o processo, havendo também a possibilidade de aplicá-la em casos que sejam contestados nos Tribunais Superiores, vale lembrar que os prazos determinados em lei não serão suspensos, salvo por determinação do juiz, ou acordado pelas partes (FERNANDES, 2021).

Tuttavia, la legge introduce due divieti all’uso della mediazione nel § 2 dell’art. Sono la conciliazione con i media sulla natura giuridica e la classe dei crediti, nonché sulla valutazione del voto in assemblea dei creditori2 e legale. Un’altra novità apportata dall’articolo 20-D, dello stesso diploma di giurisprudenza, è stata la possibilità di svolgere attività di mediazione su piattaforme digitali. O che si rivela adeguato in vista del momento che si vive nel Paese, a causa della pandemia (BRASIL, 2015).

C’è anche la raccomandazione n. 58 del CNJ del 22 ottobre 2019:

Art. 1º Recomendar a todos os magistrados responsáveis pelo processamento e julgamento dos processos de recuperação empresarial e falências, de varas especializadas ou não, que promovam, sempre que possível, nos termos da Lei no 13.105/2015 e da Lei no 13.140/2015, o uso da mediação, de forma a auxiliar a resolução de todo e qualquer conflito entre o empresário/sociedade, em recuperação ou falidos, e seus credores, fornecedores, sócios, acionistas e terceiros interessados no processo (CONSELHO NACIONAL DE JUSTIÇA, 2019).

L’applicazione della mediazione nel recupero delle imprese porterà velocità nella formazione del quadro dei creditori ed efficienza nella negoziazione del piano di risanamento, e con risultati eccellenti (FERNANDES, 2021).

L’applicazione della mediazione nella sfera commerciale può essere un’ottima opzione per evitare, affrontare o risolvere disaccordi commerciali, e le parti dialogheranno con il mediatore, una terza parte qualificata, sugli interessi e le esigenze di ciascuna parte interessata, per costruire la migliore soluzione al conflitto e nel più breve tempo possibile se ricorressero alla magistratura, poiché in questo settore il tempo è denaro, la mediazione può risolvere i conflitti in modo efficace e in meno tempo (SIMÕES, 2019).

Un buon esempio è stata l’applicazione della mediazione negli incidenti dei consumatori, compreso un programma di indennizzo, tra cui un programma di indennizzo extragiudiziale in Brasile, creato a seguito di incidenti aerei avvenuti nel 2007 e nel 2009, i programmi creati dal Ministero di Diego Faleck, segretario di sviluppo economico, o programma era basato sull’autonomia delle parti, favorendo la comunicazione tra le imprese e le famiglie delle vittime. Il programma di indennizzo attraverso la mediazione ha avuto successo nell’applicare l’applicabilità all’amplificazione della mediazione (TARTUCE, 2012).

Un esperimento riuscito è stato il programma di compensazione 447, composto da Société Air France (Air France), i suoi assicuratori (rappresentati dal principale assicuratore, AXA Corporate Solutions – AXA) e da organi del Sistema Nazionale di Protezione dei Consumatori: Procura dello Stato di Rio de Janeiro (MPE/RJ)[11], Fondazione Programma di tutela e difesa dei consumatori di Rio de Janeiro (PROCON/RJ)[12] e Segretariato di Diritto Economico del Ministero della Giustizia (SDE/MJ)[13], e i parenti delle vittime dell’incidente aereo, avvenuto il 30 maggio 2009, sul volo 447 Rio-Parigi. Con la partecipazione di tre mediatori, sono state elaborate le regole interne con regole e principi, e il manuale di orientamento ai partecipanti, inviato lettere di invito per i familiari a partecipare all’apertura del programma, un intero circa 70 persone hanno partecipato e ricevuto un compenso. In un primo momento i mediatori hanno fornito tutti i chiarimenti e spiegato il programma, dopo che l’accesso dei familiari al programma ha valutato la legittimità dei beneficiari e le prove necessarie, tutti i dubbi sono stati chiariti dalle persone coinvolte attraverso la comunicazione, che ha avuto luogo sia incontri privati che incontri congiunti, dopo che l’incontro finale è stato fatto con l’accettazione e la firma dell’accordo finale. Sono state verificate l’efficienza del processo di mediazione e la soddisfazione delle persone coinvolte (TARTUCE, 2012).

Si osserva che la mediazione è stata stimolata, e timidamente guadagnando grandi proporzioni, e può dimostrare efficienza nella risoluzione di molte controversie in vari settori del diritto.

6. EFFICACIA DELL’ACCORDO FINALE DI MEDIAZIONE

In caso di conclusione, della procedura di mediazione privata, il termine finale consiste in un documento scritto e firmato dalle parti con esecuzione extragiudiziale, se non vi è un adempimento spontaneo, il titolo può essere eseguito giudizialmente costringendo la parte resistente a rispettare i termini concordati.

Quindi la legge n. 13.140/2015, molto specifica:

Art. 20. O procedimento de mediação será encerrado com a lavratura do seu termo final, quando for celebrado acordo ou quando não se justificarem novos esforços para a obtenção de consenso, seja por declaração do mediador nesse sentido ou por manifestação de qualquer das partes. Parágrafo único. O termo final de mediação, na hipótese de celebração de acordo, constitui título executivo extrajudicial e, quando homologado judicialmente, título executivo judicial (BRASIL, 2015).

Il termine finale della mediazione mediante l’esecuzione extragiudiziale, promuove la sicurezza per quanto riguarda l’eventuale inosservanza del termine. Tuttavia, si può dire che c’è un alto grado di rispetto degli accordi presi nella procedura di mediazione, perché le parti stesse sono quelle che risolvono e costruiscono la soluzione del conflitto congiuntamente, elaborando i termini stessi. Quindi c’è una maggiore adozione, perché l’obiettivo della mediazione è quello di far trovare alle parti la migliore soluzione al problema che le affligge. Far sì che entrambi se ne vadano soddisfatti dell’accordo che aumenta l’adempimento spontaneo dell’accordo.

7. LE SFIDE DELLA MEDIAZIONE AZIENDALE IN BRASILE

La prima sfida affrontata dalla mediazione è la ricerca del cambiamento culturale brasiliano, perché la giudiziarizzazione dei conflitti è la regola, poiché l’uso della via giudiziaria per risolvere i conflitti dura per anni. Non sarà facile cambiare questa cultura, ma gradualmente la ricerca di mezzi alternativi si è intensificata in vista della crisi della magistratura. Un’altra sfida è l’ignoranza da parte del mercato, circa i vantaggi e l’efficacia della procedura, c’è anche l’insicurezza nell’usufruire del metodo, un’altra preoccupazione è legata alla preparazione dei mediatori per affrontare le specificità della mediazione aziendale, nonché l’adeguata formazione e remunerazione dei mediatori (FREIRE; BRAGA NETO, 2019).

Poiché c’è la preoccupazione di mettere questioni importanti nelle mani di coloro che non hanno competenza per farlo, causando un danno maggiore, quindi è importante qualificare i mediatori nella questione in cui agiranno e una remunerazione adeguata per questi professionisti che si dedicheranno a mediare la ricerca della soluzione del conflitto.

Si può dire che la società ha come consuetudine avvalersi della tutela giudiziaria, mettendo nelle mani dello Stato-giudice, la responsabilità di risolvere i suoi conflitti. Spesso per la sicurezza della decisione giudiziaria, o per la necessità di una dichiarazione di legge. Tuttavia, la magistratura non può incontrare tutti coloro che lo cercano. Quindi la mediazione può essere un’ottima opzione per raggiungere strategicamente la soluzione migliore.

8. CONSIDERAZIONI FINALI

Questo lavoro mirava ad analizzare la mediazione extragiudiziale come metodo appropriato ed efficace nella risoluzione dei conflitti aziendali. Dimostrare che la mediazione è efficace e le sue tecniche possono fornire alle organizzazioni aziendali vantaggi come la semplicità del rito, la predominanza dell’informalità e regole più flessibili, soluzioni che soddisfano davvero tutti i soggetti coinvolti, risparmiando tempo e denaro.

Durante la ricerca e l’analisi dei metodi consensuali di risoluzione delle controversie, si osserva che la mediazione è adeguata per assistere nella gestione dei conflitti aziendali. Sappiamo che le aziende subiscono impatti finanziari a causa della mancanza di pianificazione e della lentezza della magistratura. Pertanto, è stato osservato che la mediazione è efficace per ripristinare, mantenere relazioni e gestire conflitti interni ed esterni, consentendo la continuazione di questi rapporti commerciali, che fornisce la continuità dell’attività commerciale e il suo sviluppo economico e organizzativo.

Durante la ricerca, come spiegato, ci sono conflitti commerciali in cui è stata utilizzata la mediazione, e il suo risultato è stato positivo, tutti i soggetti coinvolti sono stati soddisfatti. Certificare che la mediazione è un ottimo strumento per la risoluzione delle controversie commerciali, in quanto mira a fornire uno spazio per il dialogo, la fiducia, la creatività e l’individuazione di alternative in situazioni conflittuali, e la costruzione da parte delle parti stesse di accordi sostenibili, in tempi più brevi, con maggiori costi-benefici in relazione all’arbitrato e al processo giudiziario che ha costi molto elevati. Un altro vantaggio è la riservatezza, perché tutti gli atti praticati nel processo di mediazione saranno riservati, preservando così l’immagine dell’azienda.

Si noti che vi è una maggiore efficacia nell’attuazione degli accordi presi al termine della mediazione, perché le parti stesse elaboreranno la soluzione dell’empasse, facendo entrambi adempiere ai loro obblighi, con conseguente soddisfazione reciproca.

Infine, si conclude che l’uso della mediazione è adeguato ed efficace per risolvere i problemi aziendali, perché i benefici e la soddisfazione generati dall’uso del metodo sono già stati dimostrati con le esperienze brasiliane. Sebbene ci siano alcune sfide nell’attuazione sia della mediazione che di altri metodi di risoluzione dei conflitti, vengono gradualmente superate e lo sviluppo di questi metodi si sta espandendo anche se timidamente.

RIFERIMENTI

BARCELLAR, Roberto Portugal. Mediação e arbitragem: coleção saberes do direito. São Paulo: Saraiva, 2012. p. 210.

BÉRTOLI, Rubia Fiamoncini; BUSNELLO, Saul José. Métodos heterocompositivos e autocompositivos de solução de conflitos: a Mediação como meio de efetivar a obtenção da Justiça. 2017. Disponível em: https://s3-sa-east-1.amazonaws.com/siteunidavi/revistaDireito/Artigo_Saul_R%C3%BAbia.pdf. Acesso em: 28 maio 2021.

BRAGA NETO, Adolfo. A mediação de conflitos no contexto empresarial. In: SOUZA, Luciane Moessa de (org.). Mediação de conflitos: novo paradigma de acesso à justiça. Santa Cruz do Sul: Essere Nel Mondo, 2º ed. 2015. p. 159-170.

BRAGA NETO, Adolfo. Mediação: uma experiência brasileira. Editora CLA cultural, 2019, São Paulo.

BRANDÃO, Clésia Domingos. Mediação empresarial: uma análise da aplicabilidade e efetividade do instituto nos conflitos entre empresas. 2019. 159 f. Dissertação (Mestrado em Direito) – Universidade Nove de Julho, São Paulo. Disponível em http://bibliotecatede.uninove.br/handle/tede/2117. Acesso em 20 abr.2021.

CAHALI, Francisco José. Curso de Arbitragem. Mediação. Conciliação. Tribunal Multiportas. 7. ed. São Paulo: Thomson Reuters, 2018. 601 p. Rev. atual. e ampl.

CÂMERA, Alexandre Freitas. Arbitragem Lei nº 9.307/96. 4. ed. Rio de Janeiro: Lumen Juris, 2005. 178 p.

CAPPELLETTI, Mauro; GARTH, Bryant. Acesso à justiça. Trad. Ellen Gracie Northfleet. Porto Alegre: Fabris. Reimp. 2015, 168 p.

CARMONA, Carlos Alberto. Arbitragem e Processo. São Paulo: Atlas, 3ª Edição, 2009. P. 592.

DIAS, Luciano Souto; FARIA, Kamila Cardoso. A mediação e a conciliação no contexto do novo código de processo civil de 2015. Revista Digital Constituição e Garantia de Direitos, v. 8, n. 2, p. 20 – 44, 17 ago. 2016. Disponível em: https://www.periodicos.ufrn.br/constituicaoegarantiadedireitos/article/view/9990. Acesso em: 27 maio 2021.

FALECK, Diego. Mediação empresarial: introdução e aspectos práticos. Revista de Arbitragem e Mediação, São Paulo, v. 11, n. 42, p. 263-278, jul. 2014.

FALECK, Diego. Um passo adiante para resolver problemas complexos: desenho de sistemas de disputas.  In: Negociação, mediação, conciliação e arbitragem: curso de métodos adequados de solução de controvérsias / coord. Carlos Alberto de Salles, Marco Antônio Garcia Lopes Lorencini, Paulo Eduardo Alves da Silva. – 3. ed. – Rio de Janeiro: Forense, 2020. P. 108-131.

FERNANDES, Sônia Caetano. A mediação empresarial no novo sistema de recuperação judicial de empresas implementado pela lei 14.112/20. 2021. Disponível em: https://www.migalhas.com.br/depeso/340921/mediacao-empresarial-no-sistema-de-recuperacao-judicial-de-empresas. Acesso em: 28 maio 2021.

FIGUEIRA JUNIOR, Joel Dias. Arbitragem. 3. ed. Rio de Janeiro: Forense, 2019. 521 p.

FREIRE, Jose Nantala Bádue; BRAGA NETO, Adolfo. Os desafios da mediação empresarial no Brasil. In: BRAGA NETO, Adolfo (org.). Mediação empresarial: experiências brasileiras. São Paulo: CLA Cultural, 2019. p. 15-28. Ebook.

ISOLDI, Ana Luiza (org.). A mediação no âmbito empresarial – um breve estudo acerca de sua definição em instituições nacionais e estrangeiras. 2014. Disponível em: https://pt.scribd.com/document/415947656/GEMEP-CBAr-mediacao-privada-breve-estudo-docx. Acesso em: 20 abr. 2021.

MARCATO, Ana Cândida Menezes; TARTUCE, Fernanda. Mediação no direito empresarial: possibilidades interessantes em conflitos securitários. 2018. Disponível em: http://www.fernandatartuce.com.br/wp-content/uploads/2018/05/Media%C3%A7%C3%A3o-dir-empresarial-conflitos-securitarios-Ana-Marcato-e-Fernanda-Tartuce.pdf. Acesso em: 02 maio 2021.

MARETTI, Luis Marcello Bessa. Os Desafios no Século XXI para a Resolução de Conflitos e o Uso das Modalidades de Autocomposição como Meios Alternativos. 2020. Disponível em: http://www.enajus.org.br/anais/assets/papers/2020/sessao-11/2-os-desafios-no-se-culo-xxi-para-a-resoluc-a-o-de-conflitos-e-o-uso-das-modalidades-de-autocomposic-a-o-como-meios-alternativos.pdf. Acesso em: 29 maio 2021.

RIOS, Marco Túlio Costa. A mediação nos dissídios trabalhistas individuais e coletivos. Revista Jus Navigandi, ISSN 1518-4862, Teresina, ano 23, n. 5517, 9 ago. 2018. Disponível em: https://jus.com.br/artigos/61030. Acesso em: 20 maio 2021.

ROSA, Beatriz Vidigal Xavier da Silveira; ISSA, Ricardo. Mediação empresarial e engenharia In: BRAGA NETO, Adolfo org.) Mediação empresarial: experiências brasileiras. São Paulo: CLA Cultural, 2019. p. 83-102. Ebook.

SALLA, Ricardo Medina. Aplicação dos Dispute Boards ao Mercado Imobiliário. In: ARAUJO, Paulo Doron R. de (coor.). Arbitragem, Mediação e Dispute Boards no mercado imobiliário. São Paulo: Quartier Latin, 2019. p. 201-211.

SILVA, Paulo Eduardo Alves da. Resolução de disputas: métodos adequados para resultados possíveis e métodos possíveis para resultados adequados. 2019. Disponível em: https://edisciplinas.usp.br/pluginfile.php/4394573/mod_resource/content/1/01-Paulo%20Eduardo%20Alves%20da%20Silva-2%C2%AA%20Ed.pdf. Acesso em: 26 maio 2021.

SIMÕES, Alexandre Palermo. Mediação nos conflitos comerciais. In: BRAGA NETO, Adolfo (org.). Mediação empresarial: experiências brasileiras. São Paulo: CLA Cultural, 2019. p. 38-57. Ebook.

TARTUCE, Fernanda. Mediação extrajudicial e indenização por acidente aéreo: relato de uma experiência brasileira. 2012. Disponível em: http://seer.ucp.br/seer/index.php/LexHumana/article/view/211. Acesso em: 20 abr. 2021.

TARTUCE, Fernanda. Mediação nos Conflitos Civil. São Paulo: Método, 4ª Edição, 2018.

UNCITRAL Model Law on International Commercial Conciliation (2002), Disponivel em: https://uncitral.un.org/sites/uncitral.un.org/files/media-documents/uncitral/en/03-90953_ebook.pdf. Acesso em: 09 maio2021.

APPENDICE – NOTA A PIÈ

3. Consiglio nazionale di giustizia brasiliano.

4. Meio Alternativo de Solução de Conflitos.

5. Sistema Administrativo de Conflitos de internet.

6. Centro judiciários de solução consensual de conflitos.

7. Instituto Nacional de Mediação e Arbitragem.

8. Instituto da Mediação.

9. Instituto da Mediação e Arbitragem do Brasil.

10. Conselho Nacional das Instituições de Mediação e Arbitragem.

11. Ministério Público do Estado do Rio de Janeiro.

12. Programa de Proteção e Defesa do Consumidor.

13. Secretaria de Direito Econômico do Ministério da Justiça.

[1] Laurea Magistrale in Giurisprudenza, Specializzazione in Diritto Processuale Applicato, Laurea in Giurisprudenza.

[2] Consulente di orientamento.

Inviato: Luglio 2021.

Approvato: Dicembre 2021.

5/5 - (2 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 106637
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?