Mediazione come strumento per il giudice di pace

0
797
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

SILVA, Adonias Osias da [1], ARAÚJO, Carla Regina de Freitas [2]

SILVA, Adonias Osias da; ARAÚJO, Carla Regina de Freitas. Mediazione come strumento per la rivista scientifica multidisciplinare per la giustizia di pace Core della conoscenza. Vol. 1. Anno. 1. Marzo. 2016, pp: 21-39-ISSN: 0959-2448

Questo articolo esamina come la mediazione e come viene trattato prima la società affondato nell’individualismo possessivo, affrontando una tale premessa è mediazione come elemento corrente delle relazioni sociali, dal momento che questi rapporti cambiano ad una velocità notevolmente più veloce rispetto la magistratura corrente. In questo modo diventa necessario se non essenziali, nuovi meccanismi per risolvere le controversie e discordie della società contemporanea. Offre mediazione come una procedura/emancipazione democratica nel senso che educa, facilita e aiuta a produrre differenze ed eseguire il processo decisionale senza l’intervento di terzi. In questa prospettiva, ritiene che la mediazione è una procedura democratica/emancipare perché ospita il conflitto come sociale positivo cambiare e la possibilità di interruzioni con i parametri di riferimento determinati dalla certezza normativa, forma gerarchica e post che ignora la complessità dei conflitti. Visualizzati in modo che nel corso degli anni sono stati utilizzati, ma non otterrà successo, visto che la giustizia nazionale Consiglio viste la questione come politica pubblica al fine di dare l’effettivo accesso alla giustizia e garantire che forme meno aggressive e più appropriate di persone risolvere i loro conflitti, semina la pace sociale e cordialità.

Parole chiave: conflitto. Mediazione e conciliazione. Accesso alla giustizia.

Questo articolo analizza come la mediazione e come viene trattato prima la società affondato nell’individualismo possessivo, contro una tale premessa mediazione è costituita per quanto riguarda l’elemento le attuali relazioni sociali, queste relazioni vengono cambiate ad una velocità notevolmente più veloce della magistratura corrente. Pertanto è necessario se non indispensabile, nuovo meccanismo in grado di risolvere le controversie e discordie della società contemporanea. Offre mediazione come una procedura democratica/emancipatore in quanto facilita, educa e aiuta a produrre le differenze e di tenere il processo decisionale senza l’intervento di terzi. Da questa prospettiva, capiamo che la mediazione è che una procedura democratica/emancipatore perché il conflitto la possibilità positiva accoglie di evoluzione sociale e si rompe con i benchmark di certezza determinata dall’insieme delle regole, messo in modo gerarchico e che ignora la complessità dei conflitti. Vista è quindi, che nel corso degli anni questi meccanismi sono stati utilizzati, ma non saranno possibile ottenere successo, questo Consiglio giudiziario nazionale vede il problema come una politica pubblica al fine di dare la vera porta d’accesso alla giustizia e garantire forme più appropriate e persone meno aggressivi di risolvere i loro conflitti, sociale semina pace e calore.

Parole chiavi: conflitto. Mediazione e conciliazione. Accesso alla giustizia.

INTRODUZIONE

Una delle conseguenze della vita nella società è la proliferazione di conflitti, che sono parte della natura umana e sono necessari per il miglioramento delle relazioni interpersonali. La grande sfida è sfruttare il potenziale educativo di queste situazioni, da una corretta amministrazione, utilizzando il dialogo pacifico, in grado di convertire situazioni avverse in reali opportunità di crescita e maturazione.

Al fine di migliorare la promozione della giustizia, sono emergenti meccanismi alternativi di risoluzione dei conflitti, che attualmente rappresentano un tassello fondamentale nel nuovo modello di giustizia, offrendo una giustizia meno formale più conveniente ed efficace, soprattutto per le comunità povere, consentendo la partecipazione attiva dei cittadini nella soluzione dei loro conflitti.

Il conflitto è generalmente inteso come qualcosa di brutto per la persona, per la famiglia e per la società. Un momento di instabilità, della sofferenza, dell’angoscia personale, che difficilmente viene percepito come un momento di trasformazione possibile.

Una cultura giuridica in cui il conflitto è sempre visto come qualcosa di negativo e dannoso per la società e dovrà essere eliminato a tutti i costi. Un sistema giudiziario che certamente non può armonizzare le relazioni soggettive, poiché in molte volte le parti non può anche esporre la realtà dei fatti e hanno i loro desideri intonacata su un fitness, così spesso costretto fatti con la norma. Dove i valori umani e i drammi personali non sono valutati e non considerati come sono così complessi. In questo contesto, ogni giorno migliaia di problemi sono esposti e sperimentato in cause legali. I partiti laici nella magistratura le loro aspettative e desideri, con l’obiettivo di presentare agli operatori giuridici possono puntare uscite per i conflitti che non possono risolvere da soli. Si scopre che la magistratura, immersa in una crisi diffusa non abbia offerto il trattamento adatto a molti problemi che vengono presentati.

In questo contesto, con l’emergere di nuovi diritti è diventato necessario all’attuazione del diritto all’accesso alla giustizia, accesso all’ordine giuridico giusto, pertanto sono anche affrontate le barriere incontrate dalla giustizia e società, spese e spese legali, povertà, quantità di judicialization di processi osservati di conflitti, conoscenza, burocratizzazione e altri. Il principio è che il potere giudiziario sarebbe anche prendere ha molto ad evolversi, ma con lo sviluppo e l’implementazione degli effetti che può essere realizzato mettendo in pratica il consenso sulle relazioni controverse si trovano soluzioni facilmente e rapidamente.

ACCESSO ALLA GIUSTIZIA E LA SOLUZIONE DEI CONFLITTI

È un’illusione immaginare una società libera dei conflitti, poiché sono stati creati dall’umanità stessa e sono intrinseche alla natura dell’uomo. Come si evolve la società, le relazioni interpersonali anche aumentano, così come l’antagonismo degli interessi che, per la maggior parte, non sono adeguatamente affrontati.

Al fine di risolvere le controversie, la destra ha strutturato il sistema giudiziario e gli ha chiesto di dire la legge (giurisdizione), che sostituisce le parti in conflitto di modo esterno e imparziale, la risoluzione di controversie mediante decisioni cogentes.

Tuttavia, l’attuale crisi dei sistemi giudiziari, con scarse risorse sia umane come finanziaria, alla fine stimolare una notevole crescita in importanza dei meccanismi di soluzione consensuale dei conflitti di interesse, dal momento che il sistema legale brasiliano non può tenere il passo o risolvere tutti i panca anteriore decisa sulla superficie.

È il legislatore ricerca incessante e giuristi per tecniche procedurali o metodi che garantiscano una disposizione giudiziaria più rapida e soddisfacente per le parti in causa. Niente di più interessante che la magistratura stessa, adottare misure in se stessi interessati partecipare l’esito del loro accordo.

È in questo contesto che la riconciliazione, ha dimostrato uno strumento importante nel portare giustizia ai tribunali. Attraverso questo Istituto, fornisce alle parti l’accesso effettivo alla giustizia, dal momento che possono partecipare attivamente il proprio risultato mitigatore di conflitti.

Accesso alla giustizia è un diritto fondamentale, presente nella magistratura per assicurarsi che i problemi incontrati da qualsiasi persona, può essere risolto in modo soddisfacente. È uno strumento di stato, al fine di fornire l’azione proprio procedurale, concomitante a una decisione che soddisfi le parti. Sotto questo punto di vista, il legislatore è proibito per impedire a chiunque che ha ferito il suo diritto, o minacciato di averlo, protezione della magistratura.

“Il principio dell’accesso alla giustizia, chiamato anche”garanzia ampio accesso alla giustizia”, nasce con la costituzione del 1946, con formulazione pressoché identica a quella dell’elemento XXXV, arte. 5, dell’attuale Costituzione. “(WEISSHEIMER, 2003, p. 193).

Lo stato l’obbligo di presentare la dissoluzione dell’accordo, secondo tutti, porta polemica e danneggiare il diritto di seno di tutela giurisdizionale, intendendo come tali, svolgere la sua funzione di risolvere l’accordo.

Tale obbligo, la risoluzione delle controversie, è interessante nota che lo stesso diventa inefficace, data l’immensa domanda trovata, insieme con i meccanismi utilizzati che sono obsoleti. L’accesso di termine alla giustizia può essere considerato un insieme di garanzie che consentono alle parti di sostenere efficacemente le loro ragioni, la produzione di prove, la possibilità di influírem sulla formazione di persuasione del giudice. Non essere confuso, o esaurisce tutti prendere loro reclami alla Corte, ma vuol dire la possibilità per una tutela giurisdizionale efficace e concreta, nel senso di portare giustizia ai cittadini. Soprattutto per gli strati periferici della società che in definitiva, i più svantaggiati nella fornitura di tutela giurisdizionale.

In questo modo il potere giudiziario può raggiungere così la pace sociale desiderata. Secondo un uguale accesso alle persone, ignorando, tuttavia, garanzie costituzionali tale disposizione di risorsa effetto.

Secondo una breve analisi storica, il concetto di accesso alla giustizia, emerse nella Grecia antica, nei dibattiti filosofici sulla legge e jus naturalismo influenzato. Jus naturalismo aveva idee come l’uguaglianza, che vengono presentati oggi, quando i diritti umani approccio (ABREU, 2004, p. 46; 143).

I filosofi greci per esemplificare le questioni di giustizia erano, come si può vedere l’allusione di Abreu (2004, p. 46):

La scuola di Pitagora rappresentato la giustizia con la figura geometrica del quadrato, dall’assoluta eguaglianza di tutti i lati. Aristotele formulò la teoria della giustizia fondata sull’uguaglianza dei motivi influenzato dal pensiero pitágorico (circa il peso, misure di uguaglianza e di proporzionalità). La regola di Lesbo, enunciato il concetto di equità, che dimostra la capacità del giudice di adeguare la legge al caso.

Nelle città greche, ai magistrati ha appartenuto all’esecuzione di piume, mentre i cittadini giudicati in casa modello che dispone di una democrazia diretta. Il pensiero greco ha influenzato l’emersione del sistema giuridico in Roma, che a sua volta, ha influenzato la legge civile, soprattutto il diritto di Costantino. Questa legge ha accertato la gratuità di quelli che necessari, viene inserito anche il codice di Giustiniano. (ABREU, 2004, pag. 47).

, 18 ° e 19 ° secolo, i borghesi liberali stati presentati una filosofia individualista dei diritti. Da affermativa in commento, il diritto di azione, non sempre aveva protezione dello stato nella sua interezza. Che è che cosa aggiunge, Cappelletti e Garth (1988, p. 9):

Diritto di accesso ad una tutela giurisdizionale significata essenzialmente formale proprio dell’individuo a proporre o aggravato concorso un’azione. La teoria era che, mentre l’accesso alla giustizia potrebbe essere una «legge naturale», diritti naturali necessaria un’azione di stato per la vostra protezione. Questi diritti sono stati considerati prima dello stato; la conservazione ha richiesto soltanto che lo stato non consente loro di essere violati da altri utenti. […] Giustizia, come altre merci, il sistema di “laissez faire”, potevano essere ottenuti da coloro che potrebbero affrontare le spese. coloro che non poteva farlo sono stati considerati di essere gli unici responsabili per il loro destino. L’accesso formale, ma non efficace alla giustizia, ha corrisposto alla parità, solo formale, ma non efficace.

In questo momento, per difendere l’individuo contro i governi dispotici, il “cosiddetti prima generazione dei diritti umani, che rappresenta, in sostanza, limiti di intervento dello stato nella sfera individuale. Tali diritti richiedono alle autorità pubbliche un obbligo di astens[…]ione “(MARQUES, 2007, p. 28-29)

Ancora su questo, chiarisce Cappelletti e Garth (1998, pagg. 10-11):

Come società di laissez-faire hanno cresciuto in dimensioni e complessità, il concetto dei diritti umani ha cominciato a subire una trasformazione radicale. Dal momento in cui le azioni e le relazioni assunse sempre più carattere collettivo che le società individuali, moderno necessariamente sinistra dietro la visione individualista dei diritti, si riflette nella “Dichiarazione dei diritti”, tipico dei diciotto e diciannove secoli. La mossa è stata effettuata a riconoscere i diritti e doveri sociali di governi, comunità, associazioni e privati.

Il diritto ha subito forti influenze della religione. Indovinare il potere di un leader religioso e dopo questo potere esteso al legislatore. Tutti i fatti accaduti, sono stati in qualche modo, ha spiegato dai precetti divini. “Solo con lo sviluppo delle società, compreso un minimo di struttura organizzativa, se deselezionata la separazione tra i fenomeni religiosi di quelle socio-politico” (nipote di CICHOCKI, 2002, pag. 51).

Accesso alla giustizia acquisito maggiore importanza nel XX secolo, Abreu (2004, p. 47-48), spiega che questo si pone perché,

[…] i nuovi diritti sociali e l’emergere delle Costituzioni, con leader ripetute segnalazioni di funzionamento insoddisfacente della giustizia in Germania e in Austria, dall’incapacità della querela e diversi tentativi di minimizzare il problema, ha condotto entrambi dallo stato e dai settori organizzati delle classi sociali più deboli.

In questo diapason, Sérgio Ricardo de Souza (2009, p. 62) sono esposti:

Con l’avvento della costituzione del 1988, la società brasiliana ha visto nuovi diritti derivano principalmente dalla seconda guerra mondiale internazionale progettata e che vanno oltre i limiti concettuali delle richieste tradizionali del timbro individuale, tradizionalmente risolte in conformità con le linee guida del modello del positivismo e logica formale tipico di cartesiana, con predominanza dell’idea che la magistratura si inserisce la legge è applicabile al caso , formalmente l’affare senza mettere in discussione o si propone di analizzare aspetti fit sociologici legati all’efficacia dell’intervento giudiziario, per quanto riguarda la pace sociale.

Con l’emergere delle modifiche, per i nuovi diritti sociali ed all’emersione delle Costituzioni è stato necessario modificare le regole. In questo modo, il potere statale può avere la capacità che è necessaria, per risolvere nuovi conflitti e soddisfare la crescente domanda delle controversie.

METODI ALTERNATIVI DI RISOLUZIONE DEI CONFLITTI

Società brasiliana contemporanea, per circa un secolo fino ad oggi, ha mostrato una domanda ininterrotta di crescita economica come un modo per trovare uno sviluppo sociale. Che cosa stai cercando di realizzare mezzi che consentono i progressi in campo economico e ottengono miglioramenti nel settore sociale. Così, di conseguenza viene passando da forti trasformazioni, che riflette la grande diversità delle relazioni sociali, al fine di determinare un aumento dei conflitti relazionali, che sono i conflitti interpersonali, vale a dire tra due o più individui. Di conseguenza, l’azienda ha cominciato a sperimentare nuovi conflitti, che hanno raggiunto un elevato grado di complessità, esigente, così efficace comprensione della realtà sociale alla sua soluzione corretta (CASTALDI SA; BRAGA NETO, 2007, pag. 30).

Il governo brasiliano, così come altri paesi in via di sviluppo, cerca sempre di mostrare al mondo la capacità di crescita e stabilità economica al fine di attrarre investimenti esteri che non sono stati sufficienti per la solidificazione della pace sociale, perché parecchi conflitti strutturali mostrano irrisolti. Così, diventa sempre più evidente la necessità urgente di efficaci misure che generano miglioramenti sociali.

Le trasformazioni sociali, politiche ed economiche solo intensificato la scena di grande disuguaglianza sociale che rende molte persone si sentono esclusi dalla società. I conflitti si verificano continuamente, ma la stragrande maggioranza è il risultato delle questioni più centrale e profondo della triste realtà del nostro paese.

Tuttavia, gradualmente, ha avuto luogo il processo di democratizzazione delle attività pubbliche accompagnata da una crescita dei diritti fondamentali dell’individuo e la costituzione di garanzie procedurali per difendere il loro manifesto nel nostro paese attraverso la Costituzione federale del 1988, poiché molti dei suoi articoli hanno sulle protezioni o sui diritti prima implicita o non applicata alla vita quotidiana dei cittadini.

Su questa modifica legale, c’è stato un aumento della domanda da parte della magistratura, facendolo apparire indispensabili diritti fondamentali. Nonostante il fatto che i meccanismi del sistema giudiziario sono molto tempo e hanno valori molto alti, che in definitiva intimidire litigator nelle ricerche per i loro diritti. Tuttavia, la ricerca per il sistema giudiziario continua a crescere, perché la gente crede che i giudici possono, per mezzo di verdetti giudiziari, risolvere tutti i vostri problemi. Essa mostra solo la dipendenza che i brasiliani hanno in relazione alle autorità. Per richiedere che un terzo torna ad offrire le soluzioni ai loro problemi, persone stanno tirando fuori responsabilità per costruire le loro traiettorie di vita. Inoltre, più volte si gareggia per la mancata esecuzione della sentenza, dopo la decisione, non in corso di elaborazione con la partecipazione delle parti della controversia, antipatia, di solito, almeno una delle parti coinvolte nell’affare (vendite, 2004).

I vari problemi sociali, le profonde disuguaglianze e discriminazioni nella nostra società, ricorrenti trigger un’escalation di violenza in tutti i segmenti sociali. Questo problema è accentuato dall’aumento della miscredenza presso le autorità che erano visti come persone gabaritadas per contenere almeno questa escalation. Si scopre di far vedere a violenza un modo giustificabile per risolvere molti dei loro problemi (SHINE, 2002).

È la caratteristica in tutti gli strati della società brasiliana nel soddisfare la magistratura a cercare una soluzione ai loro conflitti. C’è un concetto binario contenute nell’idea di vincere o perdere, la lotta tra una parte e l’altra, è caratteristica di una mentalità contraddittorio, che è culturalmente radicata nella nostra società e può essere visto in come trattare le persone con i dilemmi della vita quotidiana in tutti i suoi aspetti.

Si verifica in dispute giudiziarie tutti uscire perdente. Anche coloro che non vincere non è più lasciare così felice dall’usura emotivo che generano e l’oggetto. Inizialmente, è molto interessante la possibilità di lasciare un terzo può risolvere che conflitto nel posto le parti, tuttavia, nel corso del tempo, finisce per generare disagio agli individui il fatto in tutte le questioni che sorgono devono essere sottoposte a una visione del terzo mondo e le sue decisioni.

Questa mentalità contraddittorio, in cui ci sono solo vittime o cattivi, che è prevalente nella nostra società, solo favorisce l’emergere di ulteriori conflitti e di conseguenza più violenza. L’idea di processi vincenti e non l’aiuto nella risoluzione delle controversie solo rafforza questa nozione errata e l’inefficacia del contenzioso (ANDRADE, 2006).

La funzione essenziale del potere giudiziario è il perseguimento della realizzazione della giustizia. Applicazione della legge al caso specifico, la magistratura diventa il principale garante dei diritti individuali e collettivi efficaci e, di conseguenza, custode delle libertà e cittadinanza. Tuttavia, il nostro sistema giuridico sta attraversando una crisi terribile.

La cultura della nostra società litigiosa e parziale democratizzazione dell’accesso alla magistratura alla fine genererà un numero eccessivo di richieste e, quindi, tre conseguenze immediate: ritardi procedurali, perdita di qualità delle decisioni e perdita di fede della popolazione nell’autorità giudiziarie.

Oltre la situazione esposta, è visibile un totale disallineamento tra il formalismo procedura e la necessità di informalità in circostanze diverse. Formalità che genera disagio nella presentazione di un reclamo alla magistratura, annullando qualsiasi tipo di relazione esiste tra le parti.

La magistratura che dovrebbe cercare di ottenere giustizia in questo caso finisce per allontanarsi i più bisognosi loro protezione. Si può osservare che difficilmente ottiene in modo soddisfacente la pacificazione delle relazioni sociali che in ultima analisi, generare nuove controversie.

In questo contesto di un lungo, costoso groviglio giuridico, burocratizzato e praticamente inaccessibile per la maggior parte della popolazione, si aggiunge ad una mancanza di risposta procedurale ai conflitti di una società di massa, il collettivo.

Di conseguenza, pubblico e famigerato la crisi attraverso la quale passa questo sistema che sembra essere una crisi non solo nella magistratura ma la propria formazione giuridica che i server o i giuristi.

Attualmente, in Brasile, formazione giuridica adotta il sistema di dialettica che non sarebbe un problema se gli accademici non sono stati addestrati per la guerra, combattimento, battaglia. Sono pronto per un affare dove in conflitto e di fronte le forze sono presenti, dove solo uno può uscire un vincitore alla fine come se fossero in un concorso. Cioè, se una delle parti guadagno necessariamente deve essere sconfitta.

Una volta erroneamente sinistra incoraggiato il prisma contraddittorio, dove il conflitto diventa semplicemente un campo di battaglia di lati opposti dove ogni partito farà di tutto per riuscire alla fine del processo che sarebbe precisamente la preponderanza dei loro interessi rispetto a quelli della parte avversa.

Alcune innovazioni procedurali, al fine di cercare di alleviare i problemi del sistema giudiziario, sono stati inseriti nel paese legislazione. Tra questi si possono menzionare: la creazione di speciali civili e penali (legge 9.099/95); le corti federali speciali (legge 10.259/01); gli strumenti e le garanzie ai sensi della Costituzione federale del 1988; il codice di difesa dei consumatori (legge 8.078/90); compresi i profondi cambiamenti del codice di procedura civile del 1973, minirreformas che ha avuto inizio nel 1994, tra questi, l’istituzione dell’udienza di conciliazione.

Tuttavia, nonostante l’importanza di questi cambiamenti, non riesce a generare risultati che potrebbero in qualche modo fermare la crisi del sistema giudiziario che provoca costantemente alla ricerca di nuove soluzioni che possono salvare la fede in quel potere così importante per il mantenimento della pace sociale. Così come qualche forma di mediazione, utilizzando mezzi alternativi che offrono numerosi vantaggi sia per il sistema giuridico e della società.

NEGOZIAZIONE

Negoziazione su un mercato regolamentato comincia nella comparsa di divergenza tra le parti e può verificarsi solo quando lo stesso pretendono di raggiungere un accordo. Deve cercare di soddisfare entrambi i componenti della transazione.

Nel nord, l’autore, vendite morale (2007, p. 41, 42), concettualizza il trading come:

[…] il centro della soluzione del conflitto in cui la gente parla e trovare un accordo senza la partecipazione di un terzo partito come mediazione. La negoziazione è una procedura molto comune nella vita dell’essere umano, perché si estende dal semplice discussione su dove fare una festa di compleanno a quel tipo di investimento gli azionisti di una società applicherà il vostro denaro (vendite, 2007, pag. 41).

Così, attraverso affermativa autore di cui sopra, uno può vedere che questa modalità di risoluzione delle controversie, è intrinseca nel quotidiano del popolo privata e professionale. E ha come scopo, costituiscono un rapporto di conoscenza e comprensione.

Sotto quella luce, Tavares (2002, pag. 42), parla di questa tecnica di risoluzione dei conflitti che deve essere:

La forma di base di risoluzione delle controversie è negoziato. In esso, le parti sono direttamente e, secondo le proprie strategie e stili, che cercano di risolvere una controversia o una transazione attraverso discussioni che includono argomentazione e arrazoamento di pianificazione. Senza l’intervento di terzi, le parti si impegnano a risolvere i problemi, risoluzione delle controversie attraverso discussioni che possono essere effettuate dalle parti stesse, o dai rappresentanti. Alcuni autori non lo considerano una forma di risoluzione dei conflitti. La negoziazione viene utilizzata per qualsiasi tipo di controversia e fa parte del quotidiano transazionale. È un’attività costante tra gli avvocati. È un metodo appropriato per essere utilizzato quando le parti continuano ad avere rapporti commerciali, tutti i giorni, o quando è possibile soluzione creativa, e tale collegamento è caratterizzata da fiducia e credibilità tra le parti.

Per l’autore, Vezzulla (2001, pag. 15) la negoziazione dovrebbe essere la prima alternativa scelta dalle parti per la soluzione della controversia, perché è un metodo rapido.

Una volta funziona con un dialogo diretto tra coloro che sono coinvolti ed ha l’intenzione di compromesso per entrambi un accordo vantaggioso.

Si può concludere, quindi, che questo strumento giuridico è ambito per risolvere eventuali controversie tra le parti in causa, in modo tale che negoziano direttamente con i propri argomenti, senza l’intervento di un terzo imparziale.

MEDIAZIONE DEI CONFLITTI

La mediazione è un mezzo alternativo di risoluzione delle controversie, Pacifico, in cui le parti stesse, attraverso il dialogo, supportato da un terzo imparziale, cercano una soluzione al loro conflitto.

Lilia Maia de Morais vendite, quando concettualizzare mediazione, dice:

È una procedura in cui e attraverso cui una terza persona agisce per incoraggiare e facilitare la risoluzione di una controversia, impedendo di antagonismo, ma non prescrivono la soluzione. Le parti sono responsabili per prendere la decisione che darà fine al conflitto (vendite, 2004, p. 23/24).

Nella mediazione, il conflitto si trasforma, cerca di cambiare la comprensione delle parti per quanto riguarda le loro dispute, causando loro di visualizzare il conflitto come qualcosa di positivo, penso come un passo necessario per la crescita delle persone, che deve essere risolto al meglio per entrambe le parti. Ottenere lontano dall’idea che il conflitto partiti che desiderano ancora più antagonistico a uscirne vittorioso, la sconfitta di altra persona.

I legami tra le parti che cercano di mediazione, stimola, attraverso il dialogo, il salvataggio degli obiettivi comuni che possono esistere tra il conflitto. Oltre a mostrare il conflitto in modo positivo, la mediazione esalta il fatto di essere evento normale, naturale, a causa di tutte le relazioni tra gli esseri umani e di estrema importanza per il progresso delle relazioni sociali.

È una procedura estremamente umana, al fine di stimolare il dialogo e consentire alle parti stesse di risolvere i loro conflitti, alla ricerca di soluzioni che si traducono in vantaggi per entrambi. Quando incoraggiati a risolvere i loro problemi insieme, ogni persona impara a prestare attenzione a ciò che l’altro ha da dire, di comunicare pacificamente e può comprendere ciò che il conflitto reale esistente finalmente per essere in grado di affrontare efficacemente.

Essendo la soluzione del conflitto raggiunto dalle parti stesse, con l’aiuto di un mediatore che facilita il dialogo tra di loro, nulla viene imposto e gia ‘ risolto con le persone coinvolte, è molto più probabile che per realizzarsi la decisione, poiché non si tratta di un essere umano che agisce al contrario di ciò che egli stesso ha scelto. Non è normale che qualcuno si opporrà le proprie decisioni, i propri pensieri. Inoltre, attraverso il dialogo, persone possono riscoprire legami forti e buoni sentimenti, frutti di qualsiasi rapporto che ha vissuto, avendo stato dimenticato sulla situazione di rabbia, rancore.

Secondo Ana Celia Roland Guedes Pinto, mediazione:

… è un processo di costruzione e di maturità e non è immediato. (…) E presentato come obiettivo fondamentale che gli individui sviluppano un nuovo modello di relazione che permette loro di risolvere o discutere qualsiasi situazione dove c’è la possibilità di conflitto (PINTO, 2010, p. 69).

La mediazione è un mezzo alternativo di risoluzione dispute, controversie o i pareggi, dove un terzo imparziale, affidabile, liberamente e volontariamente scelto da loro, tra cui che agisce come un “facilitatore”, un catalizzatore che l’utilizzo di abilità e arte, conduce le parti a trovare una soluzione alle loro controversie. Pertanto, il Mediatore non decide; Chi decide sono i partiti. Il mediatore usando le abilità e le tecniche dell’arte della mediazione “, conduce le parti di decidere.

I set di Bill 517/2011 recentemente approvato la mediazione come tecnica attività esercitata dalla persona imparziale senza procura, che aiuta le parti coinvolte a trovare soluzioni consensuali. Hanno votato in regime di emergenza, il testo prevede che qualsiasi controversia può essere mediata, compreso nell’ambito della pubblica amministrazione. Uscire con casi che si prendono cura di filiazione, adozione, potere familiare, nullità di matrimonio, di interdizione, di fallimento o di fallimento. Le parti hanno il diritto di essere accompagnati da un avvocato o un difensore pubblico (disponibile in http://www.conjur.com.br/2015-jun-02/Senate-approved legge-mediacao-provare-alleggerire-pilota. Nel luglio del 2015).

Nel processo di mediazione dei conflitti, oltre alla presenza di parti in conflitto, è necessario per un terzo, imparziale, che esegue il compito di facilitare il dialogo tra il mediato, trasformando il conflitto, dandogli una prospettiva positiva, riducendo le ostilità tra le persone coinvolte e che permette di trovare una soluzione soddisfacente. Questa persona è chiamata un mediatore (vendite; ANDRADE, 2011).

Il Mediatore ha un’adeguata conoscenza e formazione per condurre la mediazione, essendo per quel buon senso essenziale. Non imporre le decisioni, è professionalmente preparato per assistere le persone, negoziare le proprie risoluzioni ai loro conflitti. I professionisti che hanno l’essere umano e il rapporto umano, il soggetto può avere una maggiore identificazione con questa procedura.

Le parti sono responsabili anche per la scelta del Mediatore. La terza guida imparziale nella discussione, notando le convergenze e divergenze, che assiste le parti a trovare interessi comuni. Egli non prende una decisione, non hanno e non voglio avere alcun potere nei confronti delle parti. Il Mediatore è solo un driver, è la volontà che deve prevalere la volontà delle parti, anche se al contrario il Mediatore (nipote, 2013).

Secondo vendite Lilia Maia de Morais (2004) “il ruolo del Mediatore è continuo e dialettico”. Dovrebbe sempre essere attento a capire i problemi reali, che spesso non sono chiari. Non spetta a lui per determinare un vincitore e un perdente, al contrario, deve annullare questo punto di vista che le parti in conflitto che devono combattere fino alla controparte uscire sconfitte. È per il Mediatore a guardare più da vicino che le parti per se stessi trovano vie d’uscita la controversia in modo che entrambe le parti rimangano soddisfatte.

Il Mediatore deve essere qualcuno che ispira fiducia delle parti, che si sente libero di parlare dei loro problemi, sulle loro difficoltà. La terza attività di mediazione imparziale dovrebbe ispirarsi a determinati principi, come imparzialità, riservatezza, competenza e prudenza.

Il Mediatore deve trattare le parti allo stesso modo, dando loro le stesse opportunità e dedicando attenzione a ciascuno di loro allo stesso modo. Deve essere imparziale, cercando aiuto per entrambe le parti senza dare alcuna preferenza di loro.

La mediazione è un processo riservato e il Mediatore a mantenere riservati i fatti, situazioni e proposte fatte durante la sessione. Deve essere chiaro per le parti che tutto ciò che dirà rimarrà in segreto, rendendo più facile, in modo che gli individui in conflitto parlare esattamente quello che pensano senza paura di essere esposti o derisi.

La mediazione non è circa la procedura formale, non ci sono regole determinare come si dovrebbe procedere alla mediazione, tuttavia, per la garanzia della loro efficacia richiede l’osservanza di alcuni principi che lo definiscono.

Il primo principio di essere esposti è la libertà delle parti. La mediazione è volontaria e le parti vengono minacciati o costretto. Per scegliere la mediazione come mezzo per risolvere il loro conflitto, le parti devono farlo di propria iniziativa, consapevole e libera. Questa libertà non è limitata alla scelta della mediazione come mezzo per risolvere la loro controversia, è presente principalmente nel conflitto stesso nel processo di mediazione. Le parti dovrebbero essere informate di questa procedura.

Il principio della non-competitività determina che non esiste alcuna concorrenza tra le parti alla mediazione. Interesse, infatti, è di armonizzare le parti, farli cooperare per entrambi quedem soddisfatti. Ci deve essere un vincitore e un perdente, destra e sbagliate, dal momento che sono parti non antagonistiche. Le parti non si definiscono come autore e convenuto ma come persone interessate a risolvere in modo cooperativo, tranquille e cordiale.

Conformemente al principio del potere di decisione delle parti, che solo le parti per adattarsi alla risoluzione del conflitto. La mediazione non è un processo prescrittivo e il Mediatore non ha alcun potere decisionale. La soluzione ideale per il conflitto è deciso congiuntamente dalle parti. Non può essere in qualsiasi modo forzato o costretto a scegliere una soluzione particolare, o il Mediatore può suggerire qualsiasi risoluzione del conflitto. Gli individui, a parità di condizioni, utilizzando la finestra di dialogo, trovare la soluzione per capire meglio.

La partecipazione del terzo imparziale è un altro ingrediente essenziale nella mediazione. Il Mediatore ha il ruolo di facilitare il dialogo tra le parti, di condurre la procedura. L’imparzialità è necessaria per gli abusi ed arbitrarietà sono lontani. Il mediatore dovrebbe trattare allo stesso modo persone che partecipano alla mediazione, senza alcuna forma di privilegio. Spetta le parti per decidere che cosa il mediatore dovrebbe partecipare alla mediazione e il caso è già stato scelto da mediazione, le parti hanno il diritto di non accettarla.

Il Mediatore deve essere diligente, attenta e prudente, tener conto del principio della competenza del Mediatore. Deve avere la capacità di mediare la conversazione, garantendo la qualità del processo e il risultato. Dovrebbe il Mediatore essere costante miglioramento, deve essere qualificato e addestrato a utilizzare le proprie tecniche di mediazione. Il Mediatore non può mai lasciare le parti combattono preso dalla rabbia, odio, dovrebbe essere in grado di calmare le parti per utilizzare il diritto, i buoni sentimenti. Nella maggior parte delle volte che il maggiore ruolo del Mediatore è quello di ascoltare le parti e la loro interpretazione, aiutarli sul modo di essere per loro.

Non ci sono regole formali che collegano il procedimento di mediazione è permeata dal principio di informalità. C’è un unico modo, predeterminato. Ci deve essere la semplicità in atti. Normalmente i processi di mediazione, loro accordi, sono ridotte a termine e può essere memorizzato per essere soggetto all’approvazione e trasformati in titoli legali. Questo, solo ai fini della organizzazione, non è necessario farlo. Il settore informale offre una maggiore tranquillità ai partiti, promuove la comunicazione tra loro e il Mediatore.

Il principio della riservatezza nei procedimenti di mediazione ribadisce la necessità di rispettare il processo e le parti. Persone che partecipano alla mediazione hanno bisogno di certezza che quello era quello che hai detto sarà confidenziali e non verrà utilizzato contro di loro in seguito. È necessario confidare nella riservatezza del processo per mantenere un dialogo sincero e armonioso. Il Mediatore deve essere una sorta di protettore del processo di mediazione. Sono informazioni riservate e privilegiate dalla mediazione.

La mediazione è un mezzo alternativo di risoluzione delle controversie. Si distingue, tuttavia, che i loro obiettivi sono molto più ampie rispetto alla risoluzione del conflitto semplice. La comunicazione tra le parti e ricevono la possibilità e la responsabilità di gestire i propri conflitti, mediazione avviene l’obiettivo della prevenzione dei conflitti. L’inclusione sociale, un altro obiettivo della mediazione, è ottenuta attraverso la consapevolezza dei diritti e accesso alla giustizia. Raggiunto tutti questi, è possibile raggiungere l’obiettivo della pace sociale.

La soluzione la mediazione conflitti attraverso il dialogo. Anche se, a volte, sembrano essere la soluzione al conflitto il suo obiettivo principale, non esattamente. Ciò che si cerca è un accordo tra le parti, un accordo equo, il risultato di una buona gestione del conflitto, in cui entrambe le parti rimanere soddisfatte. Secondo Lilia sopra Mathew vendite “comunicazione e la conseguente partecipazione degli individui nella soluzione della controversia sono indispensabili per il contratto appropriato. “Per arrivare a questa soluzione, è necessario comprendere il conflitto in modo positivo, ci deve essere la cooperazione tra le parti e la partecipazione del Mediatore come facilitatore del dialogo, in cerca della migliore risoluzione per la polemica e non una soluzione.

Per raggiungere l’obiettivo della risoluzione dei conflitti attraverso la mediazione, le parti dovrebbero essere informate dei loro principi e ha chiarito che le persone coinvolte nel blocco critico che hanno il potere di decisione. Tali individui devono impegnarsi nella ricerca di soluzione win/win, nel perseguimento di obiettivi comuni, nonostante i conflitti, per raggiungere la soluzione che soddisfi entrambe le parti.

Il secondo scopo della mediazione è la prevenzione dei conflitti, nel caso in cui non c’è consapevolezza dei diritti e dei doveri di ciascuno, mostrando loro, ancora, la responsabilità per la piena attuazione della soluzione del conflitto. È, pertanto, inoltre, un processo di trasformazione, da cui le parti iniziano a rendersi conto che essi sono in grado di risolvere le proprie controversie, passando l’handle il conflitto già, fin dall’inizio, in modo diverso.

Durante il processo di mediazione, il terzo imparziale incoraggia le parti a trovare la vera soluzione al conflitto, non è semplicemente la scelta del partito come vincitore, è arrivare alla radice del problema per risolverlo. In questa ricerca per la soluzione, il mediatore aiuta le parti a creare collegamenti tra loro. Una volta che avete partecipato in un processo di mediazione, le parti hanno la possibilità di mantenere la comunicazione per evitare nuove polemiche o prevenire altri conflitti può prendere la dimensione una volta risolto. Sotto l’aspetto preventivo della mediazione, in base alle vendite di Lilia Maia de Morais (2004), (…) la consapevolezza dei diritti e doveri e le responsabilità di ogni individuo alla realizzazione di tali diritti, la trasformazione dell’Outlook negativa per il giudizio positivo del conflitto e l’incentivo al dialogo, che consente una comunicazione pacifica tra le parti, facilitando il raggiungimento e l’adempimento del contratto.

L’obiettivo della mediazione è anche l’inclusione sociale. Per partecipare alla mediazione, le parti, mediante il dialogo, trovare soluzione al tuo problema, che consente una riflessione per quanto riguarda i diritti e doveri del singolo, quando poi sono consapevoli della sua capacità di trasformare la realtà. In base alle vendite di Lilia Maia de Morais “(…) Mediazione si presenta, perché, con l’obiettivo di offrire ai cittadini una partecipazione attiva nella risoluzione dei conflitti, conseguente alla crescita di un senso di responsabilità civica e controllo sopra i problemi sperimentato.”

Realizzazione degli obiettivi di prevenzione dei conflitti e l’inclusione sociale, è facilmente raggiungibile l’obiettivo della pace sociale. Mediazione incoraggia la cooperazione e la solidarietà tra le parti, incoraggia la risoluzione dei conflitti attraverso la conversazione e comprensione reciproca, pacificamente. Impedisce la violenza e gli individui consapevoli dei loro doveri.

Per proporre alle parti la data per la soluzione dei conflitti, strettamente una conoscenza di sé, in cui sono diversi punti di vista distorti, sentimenti che necessità l’elaborazione. Quando le parti sono disposte a trasformarsi in cerca di un equilibrio, una soluzione, la società si trasforma anche in quella direzione, di pacificazione sociale. Pace sociale è raggiunto solo quando gli individui cercare la pace interiore, modificando i vostri pensieri e azioni. Nella mediazione, il rapporto tra i cittadini è cosparso di solidarietà, nel perseguimento di comuni interessi, effettuando la pace sociale.

POLITICA GIUDIZIARIA DAVANTI LA CULTURA DEL CONTENZIOSO

Le iniziative e i progetti che coinvolgono la mediazione e conciliazione, la maggior parte è dal governo, le istituzioni e organizzazioni con il fine di obiettivo cercando di risolvere e risolvere i conflitti delle forme esterne o interne alla magistratura (conciliazione giudiziale e stragiudiziale e mediazione), rendendo le parti, ove possibile, per risolvere le loro divergenze in modo alternativo e vantaggioso e può il discord parlare, discutere e richiedono meccanismi separati e medio casting e burocratizzazione che legale convenzionale porta al fine di ottenere la voce nel risolvere i propri problemi, che consente importanti vantaggi come ho controllato prima.

Anche se il governo è il più grande legitimizer di queste garanzie, la società civile dovrebbe continuare a cercare queste alternative avendo finalmente la consapevolezza della società stessa, per sapere, dovere e potenziare questi metodi. “Il coparticipation genera corresponsabilità nei risultati e sostenibilità delle soluzioni selezionato, in qualsiasi campo della convivenza”.  (ALMEIDA et al., 2011).

Come discusso nel primo capitolo, la velocità delle relazioni personali, sociali, culturale, tecnologica, comunicazione, valore tra molti altri che possono essere citati, che i produttori ha continuato a essere la società dei consumi, visto il comportamento cambiare davanti a facilitare e negatività nel dare degli obiettivi e cercare di ottenere, raggiungere nuovi traguardi per un’estrema velocità, come afferma Bauman (2008 p. 53), “l’economia basata sulla eccessivi e inutili, davanti a impulsi, compulsioni e le dipendenze degli individui”, l’attuale sistema giudiziario non può, non ha la capacità di trattare con così tanti interessi, crescita ed emersione dei diritti individuali o collettivi e garanzie, perché allo stesso tempo creare nuovi meccanismi procedurali per essere utilizzato durante il processo contenzioso, questi sono già tardi.

Pertanto, come un risultato della globalizzazione e la velocità delle relazioni personali collegato questi per i progressi tecnologici richiesti del mondo odierno, si accorsero che erano indispensabili meccanismi e forme alternative per la negoziazione e risoluzione dei conflitti sociali insiti nella società attuale. Controllando il Beacon necessarie per nuovi meccanismi necessari per la pacificazione e risoluzione dei conflitti, è diventato insormontabile, indiscutibile e vantaggio a legiferare in materia.

Così il governo con le loro politiche pubbliche, a fronte del costante cambi del mondo globalizzato, in quanto il governo ha più grandi condizioni e strutture in effetto e garantisce diritti attraverso le loro politiche, la legislazione e gli attributi istituzionali ed economici di conoscenze in materia, la propria condizione, la posizione e il lavoro.

CONCLUSIONE

Rispetto al fallimento del tradizionale modello legale di fornire risposte soddisfacenti alle crescenti esigenze sociali e le difficoltà della magistratura di agire come gestione del conflitto, la necessità di pensare di modi alternativi per la risoluzione dei conflitti, quali la mediazione.

Tracciare alcune linee guida circa il conflitto, la crisi dello stato, la Corte, così come prestazione della precarietà del rapporto procedurale per realizzare efficacemente il conflitto che sei e di contribuire all’emergere di una decisione che può ristabilire l’armonia sociale. Questo studio sostiene che le esperienze di mediazione possono contribuire in qualche misura al conseguimento di un rapporto umano e vicino alla realtà sociale della zona interessata.

Si è constatato che la mediazione è una visione del mondo, un paradigma ecologico basato su un criterio di senso epistemica, e che può essere visto come una componente strutturale del paradigma politico e giuridico della trasmodernidade. La crisi di stato/sistema giudiziario che si trova di fronte a causa di costi, possibilità di parti, conoscenza circa la domanda giusta e ragionevole, judicialization dei conflitti derivanti dall’emersione di nuovi diritti e garanzie tra tanti altri problemi che devono affrontare la giustizia per l’effettuazione dei diritti e garanzie, si è dimostrato che i metodi di risoluzione consensuale delle controversie in grado di supportare il sistema giudiziario una volta che può risolvere molti conflitti dalle parti stesse.

In questa obliquità, è esplicito che è plausibile che l’accesso equo ordinamento giuridico, la magistratura sarà in grado di prestare attenzione e decidere su questioni che davvero non possono essere risolto di comune accordo tra le parti, dando utili e importanti ai tribunali, lavorando come un filtro a cono, per le poche richieste non risolvibile attraverso la mediazione e conciliazione.

RIFERIMENTI

ABREU, Peter Manuel. Accesso alla giustizia e tribunali speciali: la storica sfida di consolidamento del cittadino giustizia in Brasile. Florianópolis: Boiteux Foundation, 2004.

ANDRADE, Cleide Ramos. Mediazione della famiglia in conflitto in tribunale: un unico Output. Giornale brasiliano di diritto di famiglia, Porto Alegre: sintesi, IBDFAM, v. 8, n. 38, ottobre/novembre, 2006

Mauro CAPPELLETTI; GARTH, Bryan. Accesso alla giustizia. Traduzione e revisione di Ellen Northfleet Gacie. Porto Alegre: Sergio Antonio Fabris editore, 1988.

CASTALDI SA, leggere Regina; BRAGA NETO, Adolfo. Che cosa è la mediazione dei conflitti. São Paulo: Editora Brasiliense, 2007, p. 30.

FILGUEIRAS, Cassio. Metodi di resistenza pacifica di risoluzione dei conflitti. Revista Advogado n. 123 AASP. p. 70-74.

MARQUES, Alberto Carneiro. Prospettive del processo collettivo nell’universalizzazione dell’accesso alla giustizia. Curitiba: Juruá, 2007.

Gestione del processo di mediazione, l. c. e nipote: rivoluzione nella fornitura giurisdizionale, sono Jumping, editore Atlas s.a., 2013.

PINTO. Ana Celia Roland Gh. Revista Advogado, p. 69. apud vendite, Lília Maia de Morais. Giustizia e mediazione dei conflitti. Belo Horizonte: Del Rey, 2004.

Pino, Humberto Dalla Bernardina di. Il nuovo CPC e mediazione: riflessioni e pesi. Rivista di informazione legislativa. V. 190, volume I, p. 219-235.2011.

VENDITE, Lília Maia de Morais (org.). Il dibattito di cittadinanza. Studi sull’efficacia della legge in questo momento. Fortezza: Università di Fortaleza, 2004. N. 2.

VENDITE, Lília Maia de Morais. ANDRADE, D. Mariana Mediazione dei conflitti come un contributo efficace alla magistratura brasiliana. Brasilia. 48 n 192 ott/dic. 2011.

VENDITE, Lília Maia de Morais. Giustizia e mediazione dei conflitti. Belo Horizonte: Del Rey, 2004.

VENDITE, Lília Maia de Morais. Mediazione in conflitto: famiglia, scuola e comunità. Florianópolis: Concetto publishing, 2007.

SPLENDERE, Sidney. Il conflitto di famiglia trasformato in divorzio. In: AUGUSTINE, Marcelo Lálaki; SANCHEZ, Tatiana Maria. Famiglia, conflitto, riflessioni e discorsi. São Paulo: Casa do psicologo, 2002

Souza, de Sergio Ricardo. Mediazione e conciliazione: strumenti efficaci per integrare il classico sistema giudiziario: il Tribunale del v dello stato del Maranhão. 3, n. 3, gennaio/giugno. 2009, p. 62

Tavares, Fernando Horta. Mediazione e conciliazione &. Belo Horizonte: Comandamenti, 2002.

VEZULLA, Juan Carlos. Teoria e pratica della mediazione. Balneario camboriu, SC: IMAB, 5a edizione, 2001

WEISSHEIMER, José Álvaro de Vasconcelos, giustizia di destra Magazine-Passo Fundo Università Facoltà di giurisprudenza (2003, p. 193). Solo. v. 17 2003

[1] Laurea Magistrale in giurisprudenza nelle soluzioni alternative delle controversie da Escola Paulista de Direito – EPD. Post-laurea in diritto tributario presso Faculdades Unidas Jacarepaguá. Laureato in giurisprudenza da Universidade Bandeirantes-UNIBAN. Docente di corsi di preparazione per la Rubrica fuori rete. E-mail: [email protected]

[2] Studente della laurea magistrale in giurisprudenza – controversie alternative Business soluzioni Escola Paulista de Direito – EPD. Post laurea in giurisprudenza presso Universidade Paulista-2014. Post laurea in insegnamento superiore da Universidade Paulista-2009. laurea in giurisprudenza presso la facoltà di legge di campo S.B. 1994, e-mail [email protected]

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here