Sociologia giuridica: Strumento per la costruzione della persona giuridica umanistica

0
32
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

MORAIS, Carlos Nascimento de [1], DUARTE, Nayane Gonçalves dos Santos [2]

MORAIS, Carlos Nascimento de. DUARTE, Nayane Gonçalves dos Santos. Sociologia giuridica: Strumento per la costruzione della persona giuridica umanistica. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 10, Vol. 05, pp. 51-66. nell’ottobre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/legge/sociologia-giuridica

Il presente lavoro si propone di analizzare la necessità di uno studio approfondito della sociologia generale e della sociologia del diritto nelle università brasiliane. Si percepisce che attualmente non esiste un’evoluzione umana, sociologica e scientifica sull’argomento in questione. La sociologia giuridica o sociologia del diritto è una disciplina propedeutica, di solito insegnata nel primo anno di corsi di legge, insieme alla filosofia del diritto. Possiamo anche dire che queste due scienze provengono da, o figlie, filosofia, madre scienza di tutte le altre scienze, chiamate Esatte, Umane e Biologiche. Lo scopo di questo studio è quello di analizzare la legislazione brasiliana sui corsi di diritto superiore. Gli obiettivi specifici sono: capire come viene trascurata da accademici e professori, lo studio della sociologia del diritto e della filosofia del diritto negli studi universitari. Non generalizzando, ma attraverso la ricerca bibliografica, empirica, si può osservare la tendenza ad abbandonare queste scienze, sia per pregiudizio, sia per interessi più oggettivi, come gli esami dell’Ordine degli avvocati brasiliano, o altre prove. Per raggiungere questi obiettivi, abbiamo scelto di condurre ricerche bibliografiche, con riferimento teorico.

Parole chiave: Sociologia del Diritto, Pensiero Critico, Umanesimo, Università, Insegnamento.

1. INTRODUZIONE

Il corso di giurisprudenza è uno dei più attualmente desiderati da coloro che vogliono frequentare un corso di laurea. Si tratta del corso più offerto in Brasile, con oltre 1500 college distribuiti su tutto il territorio, secondo fonti di Folha de São Paulo. Dall’inizio del 2018 al 10 aprile di quest’anno sono stati creati 52.000 nuovi posti vacanti in questo corso.

Ci viene chiesto qual è la motivazione di così tanti corsi in tutto il paese. Ci si chiede perché stai guardando. È il sogno dei giovani di entrare nella carriera pubblica? Tutti gli accademici sono dedicati alla professione legale? O è solo un mezzo per cercare la stabilità economica attraverso gare d’appalto pubbliche?

In breve, queste domande sono complesse e talvolta senza risposta, poiché è nell’altero di ciascuna che si trovano le risposte. Detto questo, solo un’indagine empirica potrebbe rispondere a questa complessità.

Tuttavia, l’unica certezza che rischiamo di chiarire è che non tutti gli istituti di legge sono in grado di fornire conoscenze giuridiche adeguate per lo sviluppo degli studenti. Inoltre, gli studenti non sono disposti a ricevere tali insegnamenti, a causa della mancanza di maturità e sviluppo psicologico, specialmente negli studenti di età compresa tra 18 e 30 anni.

La sociologia giuridica o sociologia del diritto è una disciplina propedeutica, di solito insegnata nel primo anno di corsi di legge, insieme alla filosofia del diritto.

Tuttavia, nell’ansia di studiare compendio, leggi e giurisprudenza, gli studenti si preoccupano davvero della sociologia giuridica?

In linea di principio, dobbiamo concettualizzare il diritto. Così, diversi autori rinomati citano la concettualizzazione del diritto nelle loro opere, e in questa parola (legge) possono assumere significati diversi. Per André Galtieri de Oliveira, nella sua opera Filosofia do Direito, la parola diritto può essere usata nel senso della scienza (scienza del diritto); senso della giustizia, quando si fa riferimento all’ordinamento giuridico (legge oggettiva) o quando si dice che qualcuno ha la prerogativa di esercitare un diritto (diritto soggettivo).

Secondo Miguel Reale, (2002, p. 18), il termine “Ubi societas, ibi ius“, porta una chiara nozione di ciò che può essere giusto, perché “dove c’è società, c’è legge”. È un requisito della vita comunitaria. L’essere umano è un essere sociale in sostanza, perché nessuno è autosufficiente per vivere in isolamento. Così, secondo l’autore André Galtieri de Oliveira (2012, p. 28), “Il diritto è, quindi, un insieme di regole di condotta. Più specificamente, la legge è un tipo di norma sociale, cioè norme che regolano il comportamento all’interno di una società.

Continuando con l’autore Miguel Reale (2002, p. 18) dice che: “La legge corrisponde all’esigenza essenziale e indelineabile di una convivenza ordinata, perché nessuna società potrebbe sopravvivere senza un minimo di ordine, direzione e solidarietà”. Ancora una volta si osserva che, nella nozione di vita nella società, secondo l’autore, il diritto è un fatto o un fenomeno sociale ed esiste nella società solo in un modo che non può essere concepito al di fuori di esso.

Il giurista Arnaldo Vasconcelos (2006, p.12) concettualizza brevemente la legge come “un ordine normativo”. Aggiunge che “Le sue parti sono integrate nella formazione di un insieme armonico, con interdipendenza di funzioni. Ogni standard occupa una posizione intersistematica, unica per la specie.

Sulla base di questa breve dimostrazione, abbiamo visto il legame diretto tra diritto e sociologia. Possiamo anche dire che queste due scienze provengono da, o figlie, filosofia, madre scienza di tutte le altre scienze, chiamate Esatte, Umane e Biologiche. Sebbene la relazione e la sistematica siano piuttosto complesse, è necessario studiare e leggere filosofia e sociologia.

Quindi, il nocciolo della domanda è: Perché c’è così tanto disinteresse per gli studi filosofici e sociologici? Sappiamo che lo studio delle scienze umane, oltre a rendere il soggetto più appreso, trasforma anche il sé interiore. La vera conoscenza non è solo quella acquisita in modo cognitivo, razionale, ma anche quella portata all’interno della vostra coscienza, nel campo delle emozioni, dei sentimenti. In altre parole, la conoscenza trasforma il mondo, l’individuo e l’ambiente in cui vive.

La fretta quotidiana, la conoscenza della conoscenza tecnica, della modernità, dell’individualismo, il chiostro al loro interno sarebbero fattori che scoraggiano e disintereggiano non solo gli studenti di legge, ma tutti gli individui trascurano gli studi di filosofia e sociologia? O sarebbe il contrario? La mancanza di conoscenze filosofiche e sociologiche, sarebbe la causa della maggior parte dei mali dell’umanità, come la freddezza sentimentale, la mancanza di tolleranza, l’empatia, la resilienza?

Infatti, la meccanizzazione dei corsi di legge, trasforma le persone di questo ramo in robot, in modo che, fanno petizioni, sentenze, appelli, incassi di tasse all’interno degli altri senza osservare il senso di giustizia, equità e solidarietà? La fretta di studiare materie che rientrano negli esami dell’Ordine degli avvocati brasiliano e nei concorsi ci fa mettere da parte i principi di solidarietà, impegno per la giustizia e sentimento umanista? In un articolo pubblicato su una rivista Miguel Reale Júnior (2014, p. 95) afferma:

Se in passato, fino al 1970, c’era una carenza nell’insegnamento del diritto, solo metodi espositivi, analisi limitate all’interpretazione dogmatica, insegnanti con poca produzione scientifica molti solo professionisti legali, pubblici ministeri, magistrati, avvocati, estranei alla carriera didattica, se non fatti a facoltà ufficiali, ma che avevano anche lenti coinvolte in molte attività, il problema è attualmente un altro e più grave. Quarant’anni fa, ad ogni passo, il corso di giurisprudenza si trasformò in educazione di massa, con studenti e insegnanti impreparati, trasformando le scuole di legge in mere fonti di reddito, focalizzate sul profitto piuttosto che sulla promozione di uno studio approfondito per la creazione di laureati di qualità.

Lo scopo di questo studio è dimostrare l’importanza fondamentale e primordiale dello studio della Sociologia generale e della Sociologia del Diritto per la formazione non solo degli operatori del diritto, nella forma rigorosa del termine, ma anche nella formazione di autentici giuristi, umani, che non solo cercano la stabilità economica che il corso di legge può fornire, ma che, soprattutto, cercano una crescita individuale e collettiva intellettuale e spirituale.

Aggiunge il rinomato giurista sui corsi di giurisprudenza (2014, p. 95):

Si può dire che se i corsi legali non hanno mai corrisposto a una richiesta di eccellenza, se c’è sempre stata una “crisi” nell’educazione legale, tuttavia, ora c’è un processo di degenerazione che va avanti da tre decenni. Solo il rigore nella valutazione dei corsi, sommato alle misure sopra raccomandate e anche alle proposte proposte da Abedi, può minimizzare i disturbi presenti.

Pertanto, l’obiettivo generale di questo studio è analizzare la legislazione brasiliana sui corsi di diritto superiore. Gli obiettivi specifici sono: capire come viene trascurata da accademici e professori, lo studio della sociologia del diritto e della filosofia del diritto negli studi universitari. Per raggiungere questi obiettivi, abbiamo scelto di condurre ricerche bibliografiche.

Pertanto, questo lavoro è stato strutturato in due capitoli. Nel primo capitolo, presenteremo il concetto di sociologia generale e sociologia del diritto, poiché l’insegnamento avviene in Brasile e nel mondo.

Nel secondo capitolo, analizzeremo i riflessi e le perdite che la mancanza di questo studio può causare in una società, specialmente negli studiosi di diritto.

2. CONCETTO DI SOCIOLOGIA GENERALE E GIURIDICA

Prima di entrare nel tema principale, consigliamo il concetto di Sociologia. Il termine deriva dal latino socius (associazione) e dalla parola greca logos (ragione, studio). In poche parole, può essere lo studio delle associazioni umane. Va inteso che le “associazioni umane” o “collettività” sono tutti i tipi di “società”, “gruppi sociali”, “tribù”, “comunità”, “aziende”, “famiglie” o qualsiasi altra struttura sociale. Questo perché l’uomo è un animale gregario.

La sociologia è una conoscenza scientifica, perché le spiegazioni per il mondo sociale sono razionali, concettuali, teoriche e sistematiche. È una sorta di conoscenza che differisce da quelle prodotte dal buon senso e dal pensiero religioso.

Secondo Zygmunt Bauman (2010, p.11):

La sociologia comprende un insieme disciplinato di pratiche, ma rappresenta anche un considerevole corpus di conoscenze accumulate nel corso della storia. Guardando attraverso la sezione sociologica delle biblioteche rivela una serie di libri che rappresenta quest’area della conoscenza come tradizione di pubblicazione. Queste opere forniscono un notevole volume di informazioni da nuove a nuove nell’area, sia che diventino sociologi o semplicemente espandano le loro conoscenze sul mondo in cui vivono.

Per questo rispettabile sociologo, la sociologia, oltre alla scienza, può anche essere intesa come una forma di coscienza. E questa consapevolezza ci aiuta a pensare meglio al mondo in cui viviamo. E aggiunge: “La sociologia in questo senso è uno spazio di continua attività che loda l’apprendimento con nuove esperienze ed espande la conoscenza, cambiando, in questo processo, la forma e il contenuto della disciplina stessa” (BAUMAN 2010, p.12). Sta significando che la sociologia è in continua evoluzione, evoluzione, perché anche il comportamento sociale cambia nel tempo. E le conoscenze teoriche acquisite, combinate con nuovi fatti sociali e miglioramenti della conoscenza sociologica. È anche un “dialogo con l’esperienza umana”. Distingue i termini Erfahrungen (esperienze) ed Erlebnisse (esperienze), parole prese dal tedesco, e che in molte lingue questi termini si mescolano, dando quasi lo stesso significato. “Erfahrung è ciò che mi accade quando interagisco con il mondo; Erlebnis è “ciò che sperimento” nel corso di questo incontro– il prodotto congiunto della mia percezione dell’evento o degli eventi e del mio sforzo di assorbirlo e renderlo intelligibile” (BAUMAN, 2015, p.18).

Differisce ancora dal pensare sociologicamente con “buon senso”. A differenza delle scienze fisiche e biologiche, che non si preoccupano di mettere in relazione le loro conoscenze con il buon senso, “il rapporto con il buon senso è, in sociologia, conforme a questioni importanti per la sua permanenza e pratica” (BAUMAN 2010, p.17).

Continuando la comprensione di Bauman (2010, p.17) aggiunge che la maggior parte delle scienze ha una frontiera che differisce l’una dall’altra, che non si verifica con la sociologia e il buon senso. Questa conoscenza, sebbene ricca, ha la qualità disordinata e non sistematica. Le scienze esatte non si mescolano con il buon senso, perché le loro conoscenze non si occupano delle esperienze quotidiane. Secondo Bauman (2010, p.21), la gente comune non ha tanto interesse per la scienza, né darà la propria opinione su argomenti che non conoscono, contrariamente a quanto accade con la sociologia, dove concetti non scientifici, pieni di opinioni proprie, permeano il buon senso.

In primo luogo, la sociologia, alla differenza di buon senso, si sforza di subordinarsi alle rigide regole del discorso responsabile. È un attributo della scienza distinguersi da altre forme di conoscenza, note per essere più flessibili e meno vigili in termini di autocontrollo. Ci si aspetta che i sociologi, nella loro pratica, si preoccupino di distinguere – in modo chiaro e visibile – affermazioni corroborate da prove verificabili e da quelle che rivendicano il loro status da mere idee provvisorie e non testate. Le regole della responsabilità discorsiva richiedono che il “laboratorio” – l’insieme delle procedure che portano alle conclusioni finali e che, si dice, ne garantirebbe la credibilità – sia sempre aperto all’ispezione.

Come affermato in precedenza, la sociologia deriva dalla filosofia, entrambe interessate nelle loro analisi del mondo umano. Era compito esclusivo della filosofia studiare la razionalità della vita umana fino alla fine del XIX secolo, quando i primi scienziati sociali emersero in Europa.

Per il professor Reinaldo Dias (2005, p.05) concettualizza la sociologia come “lo studio scientifico della società e la sua influenza sul comportamento umano”. La sociologia è lo studio collettivo dell’essere umano, mentre la psicologia è lo studio dell’individuo singolare. Questo confronto è stato fatto da Émile Durkheim, nell’introduzione del suo lavoro O Suicídio (2000), in modo molto obiettivo e chiaro. Sebbene abbia fatto riferimento allo studio specifico della sociologia, tale confronto può essere ampiamente esteso.

Il professor Agérson Tabosa cita diversi concetti scientifici di sociologia, da autori classici, con Auguste Comte ed Émilie Durkheim che sono i più importanti. Per Comte (2000, p.29) “La sociologia è lo studio positivo dell’insieme delle leggi fondamentali legate ai fenomeni sociali”. Durkheim (2000, p.31) concettualizza la sociologia come “la scienza delle istituzioni, della sua genesi ed evoluzione”.

Tuttavia, anche con la citazione di diversi concetti, la sociologia ha un oggetto di studio chiamato Fatto Sociale, che Durkheim (2007, p.10) definisce come “potere di coerzione esterna che esercita o è in grado di esercitare sugli individui”. Egli capisce che, il fatto sociale è qualsiasi norma imposta agli individui dalla società. Queste norme non saranno necessariamente scritte, ma implicite, con la loro inosservanza porterebbe a sanzioni.

Secondo la professoressa Ana Lúcia Sabadell (2002, p.45):

Durkheim chiama i fatti sociali le norme in vigore in una data società indicando due elementi importanti: in primo luogo, che l’origine di tutte le norme che influenzano il comportamento individuale è la società (non il legislatore o alcuni individui). In secondo luogo, che le norme non sono semplici parole o ordini, ma esistono oggettivamente nella società e il sociologo dovrebbe studiarle come fatti, cioè come “cose”.

Secondo i professori Cláudio Souto e Solange Souto (2003), dimostra che l’obiettivo della sociologia è quello di studiare i fatti sociali in sé, il che è tutto ciò che è attivamente esternalizzato, derivato da un’attività mentale. Cioè, l’essere pensa e agisce, collegando il suo atteggiamento con le azioni di altri individui nella società.

3. LA COSTRUZIONE DELL’ESSERE

Dopo le brevi spiegazioni superficiali e concettuali sulla sociologia generale e sul diritto, viene analizzato il focus principale del problema nella formazione degli studenti di giurisprudenza. La Delibera n. 5 del Consiglio Nazionale dell’Istruzione, datata 17 dicembre 2018, stabilisce le linee guida nazionali sui curriculum del Corso di Giurisprudenza, disciplinando ciò che dovrebbe essere incluso nel Progetto Pedagogico del Corso (PPC). Diamo un’occhiata a cosa c’è nell’articolo 3 di questo standard:

Art. 3º. Il corso di laurea in Giurisprudenza dovrebbe garantire, nel profilo della laurea, una solida formazione generale, umanistica, capacità analitica, padronanza dei concetti e della terminologia giuridica, capacità di argomentazione, interpretazione e valorizzazione dei fenomeni giuridici e sociali, oltre al dominio di forme consensuali di composizione dei conflitti, combinate con una postura di visione riflessiva e critica che favorisca la capacità e l’attitudine all’apprendimento , autonomo e dinamico, indispensabile per l’esercizio del diritto, la fornitura di giustizia e lo sviluppo della cittadinanza. (CNE, 2018, Online)

Qui si osserva l’attenzione alla “formazione generale” e alla “formazione umanistica”, oltre alla “valorizzazione dei fenomeni giuridici e sociali”. Non c’è bisogno di un’ulteriore dissezione, per capire chiaramente che si dovrebbe concentrarsi sulle scienze filosofiche e sociali, come già detto, analizzano l’essere umano, il suo comportamento e l’ambiente che vivono.

Sempre nello stesso diploma, in particolare all’articolo 5 si noti:

Art. 5º Il corso di laurea in Giurisprudenza, dando priorità all’interdisciplinarietà e all’articolazione delle conoscenze, dovrebbe includere nella PPC, contenuti e attività che soddisfino le seguenti prospettive formative: General I-Training, che mira ad offrire agli studenti gli elementi fondamentali del diritto, in dialogo con le altre espressioni della conoscenza filosofica e umanistica, delle scienze sociali e delle nuove tecnologie dell’informazione , che coprono studi che, nell’attenzione alla PPC, coinvolgono la conoscenza di altre aree formative, come: Antropologia, Scienze Politiche, Economia, Etica, Filosofia, Storia, Psicologia e Sociologia. (CNE, 2018,Online)

In questo articolo, con l’espressione “dare priorità all’interdisciplinarietà e all’articolazione della conoscenza” può concludere che la conoscenza è sistematica, cioè una rete interconnessa di concetti di varie scienze che formano l’insieme universale. Da ciò, la conclusione di

che la “conoscenza filosofica e umanistica” è la pietra alchemica della trasmutazione dell’essere. Le scienze che sono impostate come esempio nell’elemento che formo e costruisco la personalità degli studiosi di diritto, attivando l’uso del pensiero critico, del ragionamento, della logica. Non è arbitrario trovare lì, insieme, le parole “Psicologia” e “Sociologia”.

Secondo Rodrigues e Grubba (2012, p. 236), “conoscere la legge – cioè produrre conoscenza della Legge oggetto – presuppone una conoscenza interconnessa o, in altre parole, interdisciplinare”. Tuttavia, il diritto non può essere studiato isolatamente, allo stesso modo sociologia e filosofia. A differenza delle scienze esatte e biologiche, che sono rigorose e tecniche, le scienze umane, che la legge è classificata, comprendono l’intero insieme sistematico di conoscenze (GRUBBA, 2012, p.236).

Questo perché sarebbe un discorso meramente tesologico se la legge, come un sapere, fosse identificata nella sua componente formale, cioè la legge come norma. La norma è una parte costitutiva della legge, senza la quale non esiste, ma ciò non si limita alla sua limitazione formale; è anche un essere sociale che si fonda sulla prassi umana stessa.

Aggiunge Rodrigues e Grubba (2012, p. 237):

Pertanto, la ricerca scientifica del diritto non può limitarsi alla problematizzazione delle norme giuridiche, come se non emergesse dalla società e generasse conseguenze nella società. Se il discorso del diritto è formale, ma coinvolge anche, tra gli altri, gli elementi sociali, politici, economici, culturali e ambientali – situati nel tempo e nello spazio, cioè contestualizzati – la ricerca e il diritto devono dialogare con queste dimensioni.

E confermano la nostra comprensione quando concludono (GRUBBA, 2012, p.237):

Così, anche se una ricerca ha come oggetto la problematizzazione di una norma o di un codice normativo, non può essere considerata scientifica quando non ha più corrispondenza con l’entità sociale, cioè è empiricamente correlata alla società. Questo perché, essendo la dimensione normativa del diritto, una costruzione umana, un’astrazione e un prodotto sociale, si crea proprio per rispondere ai problemi della società.

Nel mondo di oggi, nella fase della globalizzazione avanzata, la conoscenza diventa più facile da accedere, grazie alla modernizzazione dei media e alla tempesta di informazioni raccolte quotidianamente, facendoci avere criteri e cura quando scegliamo ciò che è scientifico e ciò che è buon senso, e può essere vero o falso. Ecco perché devi sviluppare il senso critico, il pensiero critico.

C’è la tendenza ad accettare e diffondere le idee in modo acritico, senza alcun tipo di preoccupazione nel controllare le fonti. Il Professor Valdemir Guzzo (2015, p.66), nel suo articolo afferma che “è necessario che scuole e università si preoccupino di alcuni aspetti della formazione intellettuale dei loro studenti, in particolare quelli legati allo sviluppo e al rafforzamento del pensiero critico”. Afferma inoltre che il pensiero critico è uno “strumento di difesa intellettuale” (2015, p.69).

“Noi umani abbiamo il talento di ingannarci”, scrive Sagan (1996, p. 71), considerando che la valutazione critica delle idee non sembra essere un esempio cognitivo spontaneo. Infatti, studi sul processo decisionale nell’uomo, condotti principalmente da psicologi cognitivi, psicologi sociali e neuroscienziati, presentano prove che, contrariamente a quanto suppone il buon senso, una parte considerevole delle decisioni umane viene presa superficialmente, non riflessivamente, rapidamente e irrazionalmente (cioè senza la giusta considerazione delle ragioni per sostenere le conclusioni) , e che, inoltre, le persone sono soggette a numerosi pregiudizi cognitivi e fallimenti percettivo, anche se non se ne rendono conto (CHABRIS; SIMONS, 2010; KAHNEMAN, 2012; SHERMER, 2012).

Tuttavia, nulla di più chiaro, come quello che è successo con lo scenario politico brasiliano, in cui le persone sono ingannate e ingannate da idee ideologiche, populiste ed estremiste, indipendentemente dalla posizione politica (sinistra o destra). Possiamo empiricamente rischiare che le fake news (termine recentemente istituzionalizzato) esistevano fin dagli albori dell’umanità, dove la classe dirigente utilizzata (e usa ancora) giace per sottosorne i meno favoriti al suo potere. Karl Marx, Friedrich Engels, Jean Jaques Rousseau, Friedrich Nietzsche, Norbert Elias, Michel Foucault, Paulo Freire sono solo alcuni nomi, dei tanti illustri che esistevano, che ritraevano chiaramente e talvolta oscuramente il dominio dei ricchi contro i poveri. Furono tutti disprezzati e attaccati dalla classe borghese e dal clero per aver cercato di rimuovere il velo di ignoranza che copre ancora gli occhi delle masse. Riflettere sociologicamente sulle conseguenze causate dal persistere della povertà e della disuguaglianza socioeconomica, ed evidentemente ha infastidito molte persone che avevano un vantaggio economico.

Aggiunge Guzzo (2015, p.69) ancora:

Un’educazione che dà la priorità allo sviluppo e al rafforzamento delle capacità di pensiero critico e incoraggia il pensiero critico, si presenta come un modo per contrastare alcune delle nostre tendenze cognitive consentendo agli studenti di analizzare le idee in modo più razionale.

Pensare in modo critico significa proteggersi da credenze coercitive e sconvolgete. Possiamo affermare, senza paura dell’errore, che uno “spirito” illuminato è libero e immune dai legami di pregiudizio, intolleranza, ignoranza, antipatia, essendo, quindi, un essere che cammina verso lo spirito di fratellanza, umanesimo, uguaglianza. Saggiamente Guzzo (2015, p.70) espongono:

Abbiamo difficoltà ad assimilare e valutare la veridicità della grande quantità di informazioni a cui siamo quotidianamente esposti, e gran parte di essa è composta da false affermazioni. In alcune occasioni, ci vengono presentate deliberatamente false dichiarazioni e lo scopo dell’interlocutore è manipolare le nostre opinioni e credenze. Se non metteremo in discussione le idee degli altri o le nostre, non sapremo quali sono le informazioni più affidabili su qualsiasi argomento. In questo contesto, il pensiero e lo spirito critico sono presentati non solo come meccanismi di difesa intellettuale che riducono le possibilità di essere ingannati, ma anche come strumenti essenziali per comprendere meglio il mondo e guidare il corso delle nostre azioni in modo più ragionevole.

Questo ruolo dovrebbe essere promosso dagli istituti di istruzione superiore, incoraggiando l’accademico a pensare e riflettere, quindi, poiché l’oggetto di questo lavoro è l’importanza dello studio della sociologia nelle scuole di legge, l’accademico dovrebbe essere incoraggiato a leggere, pensare e riflettere. Essere esposti gli insegnamenti in varie correnti dottrinali, tecniche giurisprudenziali ed ermeneutiche, e se, l’università non è disposta ad imparare dalla mente adattata, ha funzionato, forse non capirà alcuni scritti scientifici accademici. Sarà solo un “operatore di destra” (GUZZO, 2015, p.71).

Considerando che le capacità di pensiero critico e il pensiero critico devono essere rafforzati negli studenti e supponendo che queste caratteristiche siano importanti per la vita di qualsiasi materia in una società democratica, è necessario che scuole e università si sforzino di evidenziare il pensiero critico nelle loro attività educative.

Allo stesso modo, Edgar Morin afferma (2000, p.19) che “non c’è uno stadio più alto della ragione dominante dell’emozione, ma un asse di intelletto / affetto e, in un certo senso, la capacità delle emozioni è indispensabile per la creazione di comportamenti razionali”.

Ora, lo scrittore Morin (2000, p.19) dice che “Tutta la conoscenza comporta il rischio di errore e illusione”. Insegna che l’errore e l’illusione non si riconoscono, le persone sono sicuri di avere ragione. Questo è quello che stiamo vivendo oggi. L’istruzione deve affrontare questo duplice volto di errore e illusione.

Errore e illusione parassitano la mente umana sin dall’inizio dell’Homo sapiens. Se consideriamo il passato, compreso il recente, riteniamo che sia stato dominato da innumerevoli errori e illusioni. Marx ed Engels hanno giustamente affermato nell’ideologia tedesca che gli uomini hanno sempre elaborato false concezioni di se stessi, di ciò che fanno, di ciò che dovrebbero fare, del mondo in cui vivono. Ma né Marx né Engels sono sfuggiti a questi errori (MORIN, 2000, p.20).

Sempre secondo Morin (2000, p.20) è necessario conoscere le conoscenze, perché gli errori possono essere sequestrati durante il processo.

La conoscenza non è uno specchio delle cose o del mondo esterno. Tutte le percezioni sono, allo stesso tempo, traduzioni cerebrali e ricostruzioni basate su stimoli o segnali catturati e codificati dai sensi. Questo si traduce, lo sappiamo bene, nei numerosi errori di percezione che ci vengono dal nostro senso più affidabile, quello della visione. L’errore intellettuale si aggiunge all’errore di percezione. La conoscenza, sotto forma di parola, idea, teoria, è il frutto di una traduzione/ricostruzione attraverso il linguaggio e il pensiero e, di conseguenza, è soggetta a errori. Questa conoscenza, allo stesso tempo traduzione e ricostruzione, comporta l’interpretazione, che introduce il rischio di errore nella soggettività dell’intenditore, nella sua visione del mondo e nei suoi principi di conoscenza. Da qui i numerosi errori di concezione e di idee che avvengono nonostante i nostri controlli razionali. La proiezione dei nostri desideri o delle nostre paure e dei disturbi mentali derivanti dalle nostre emozioni moltiplicano i rischi di errore.

Solo con il pensiero critico, con lo “spirito di sfiducia”, l’essere umano può immunizzarsi contro le falsità prodotte e diffuse nella società. Con l’uso del ragionamento logico, si può proteggere la ragione delle percezioni erronee della vita quotidiana. E queste percezioni erronee ci rendono fedeli difensori di una discutibile “verità”.  Facciamo delle nostre opinioni, del nostro buon senso una verità scientifica.

I corsi di filosofia e sociologia hanno sempre dedicato agli studenti lo sviluppo di questa capacità psichica, ed è salutare che anche le scienze giuridiche si concentrino su questo senso.

4. CONCLUSIONE

Possiamo concludere che lo studio delle scienze umane (sociologia e filosofia) dovrebbe essere promosso non solo nell’istruzione superiore, ma anche nell’insegnamento di base delle scuole.

La vita quotidiana della vita moderna ci presenta diversi individui intrappolati nelle loro verità assolute, individui intolleranti e insensibili. Tra questi, troviamo colleghi universitari, dai giovani, ai professionisti legali accaniti e affamati di potere, alla fama e al denaro. Immersi nei loro compendio dottrinali, dimenticano la sublime arte di lapidare la pietra grezza incrostata nel petto. Diventano zombie pellegrini di una vita quotidiana vuota e cupa, il cui arrivo, a fine vita, viene sempre a interrogarsi su cos’è la vita, il suo significato e il suo scopo.

Nello specifico nei corsi di giurisprudenza, le discipline umane sono già obbligatorie, come abbiamo visto nella delibera n. 5 del Consiglio Nazionale dell’Istruzione, datata 17 dicembre 2018, che stabilisce le linee guida nazionali del curriculum del Corso di Laurea in Giurisprudenza. Sebbene siano già considerati obbligatori, lo studio dei temi dovrebbe essere approfondito, rendendo la loro esposizione non solo in un solo semestre, ma in almeno tre, suddivisa in discipline di Sociologia Generale, Sociologia del Diritto I e Sociologia del Diritto II. Lo stesso vale analogicamente in Filosofia.

Solo in questo modo, unito a tecniche pedagogiche alternative e aggiungendo alle tradizionali classi espositive, l’accademico sarà obbligato a studiare, leggere e imparare, il che ci ha insegnato i grandi maestri della conoscenza della nostra storia e dell’attualità. L’interdisciplinarietà delle scienze giuridiche con l’universo della conoscenza è indiscutibile, essendo un sistema interfonico, un’autentica rete di conoscenze.

Il trattato in questo studio è stato dedicato al trattamento pianificato dello studente nel corso di laurea, ma lo stesso vale, con ancora più intensità, per gli studenti dei corsi di master e dottorato.

Possiamo concludere che, a prima vista, la formazione umana e umanista del diritto è indispensabile, perché è inammissibile e ripugnante i sentimenti di pregiudizio, orgoglio, vanità, che si tratti di chiunque, ma soprattutto di studiosi e intellettuali, indipendentemente dalle preferenze politiche di partito e ideologiche. Il giurista è soprattutto un difensore della giustizia, anche se la giustizia è in contrasto con la legge.

La complessità del pensiero scientifico del diritto e la sua interdisciplinarietà non si limitano agli studi di leggi, codici, giurisprudenza e libri dottrinali. È un autentico studio filosofico, ermeneutico e sociologico. Non dobbiamo conoscere solo le leggi, ma le cause comportamentali e sociologiche che hanno portato al loro montaggio. In questa sociologia del diritto diventa uno strumento molto utile per la costruzione del contesto giuridico umano e completo.

La vita di tutti i giorni, la vita moderna, ci presenta diversi individui intrappolati nelle loro verità assolute, individui intolleranti e insensibili. Tra questi, troviamo colleghi universitari, dai giovani, ai professionisti legali accaniti e affamati di potere, alla fama e al denaro. Immersi nei loro compendio dottrinali, dimenticano la sublime arte di lapidare la pietra grezza incrostata nel petto. Diventano zombie pellegrini di una vita quotidiana vuota e cupa, il cui arrivo, a fine vita, viene sempre a interrogarsi su cos’è la vita, il suo significato e il suo scopo.

RIFERIMENTI

BRASIL. Constituição (1988). Constituição da República Federativa do Brasil. Brasília, DF, Senado 1988. Disponível em: https://www.planalto.gov.br/. Acesso em: 30 abr. 2019.

BRASIL. Resolução nº 5 do Conselho Nacional de Educação, de 17 de dezembro de 2018. Disponível em: <http://portal.mec.gov.br/index.php?option=com_docman&view=download&alias=104111-rces005-18&category_slug=dezembro-2018-pdf&Itemid=30192> Acesso em 24 de jun. 2019.

BAUMAN, Zygmunt; MAY, Tim. Aprendendo a Pensar com a Sociologia. Rio de Janeiro: Zahar, 2010.

BAUMAN, Zygmunt; Para que serve a sociologia?: Diálogos com Michael Hviid Jacobsen e Keith Tester/Zygmunt Bauman; tradução Carlos Alberto Medeiros. Rio de Janeiro: Zahar, 2015

BAUMAN, Zygmunt. O Mal-Estar da Pós-Modernidade. Rio de Janeiro: Zahar, 1998.

DIAS, Reinaldo. Introdução à Sociologia. São Paulo: Pearson, 2005.

DURKHEIM, Émile. O Suicídio: Estudo de Sociologia. Tradução: Mônica Stabel. São Paulo: Martins Fontes, 2000.

GUZZO, Valdemir; GUZZO, Guilherme Brambatti. O Pensamento Crítico como Ferramenta de Defesa Intelectual. Revista Conjectura: Filos. Educ., Caxias do Sul, v. 20, n. 1, p. 64-76, jan./abr. 2015.

LIPMAN, M. O pensar na educação. Petrópolis: Vozes, 2008

MORRIN, Edgar. Educar na Era Planetária: O Pensamento Complexo Como Método de Aprendizagem no Erro e na Incerteza Humana. São Paulo: Cortez, 2003.

MORRIN, Edgar. Os Sete Saberes Necessários à Educação do Futuro. São Paulo: Cortez, 2000.

OLIVEIRA, André Galtieri de. Filosofia do Direito. São Paulo: Saraiva, 2012.

REALE, Miguel. Lições preliminares de Direito. São Paulo: Saraiva, 2002.

REALE, Miguel. Criação e Degenerência do Ensino Jurídico. Revista USP, São Paulo, nº 100. p. 87-96, dez/fev. 2013-2014.

RODRIGUES, Horácio Wanderlei; GRUBBA, Leilane Serratine. Coleção Pensando Direito no Século XXI Volume VII. Florianópolis: Fundação Boiteux, 2012.

SABADELL, Ana Lúcia. Manual de Sociologia Jurídica: Introdução à uma Leitura Externa do Direito. São Paulo: Revistas dos Tribunais, 2002.

SELL, Carlos Eduardo. Sociologia Clássica: Marx, Durkheim e Weber. Petrópolis: Vozes, 2015.

SOUTO, Cláudio; SOUTO, Solange. Sociologia do Direito: Uma Visão Substantiva. Porto Alegre: Fabris, 2003.

TABOSA, Agerson. Direito Romano. Fortaleza: FA7, 2007.

VASCONCELOS, Arnaldo. Teoria da Norma Jurídica. San Paolo: Malheiros, 2006

A[1]vvocato, master del Corso di Giurisprudenza del Centro Universitario 7 de Setembro (UNI7), post laureato in Giurisprudenza e Processo Tributario, presso l’Università di Fortaleza (UNIFOR).

[2] Laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Fortaleza UNIFOR (2012). Ha un certificato post-laurea nelle aree del lavoro e della costituzione. Studente magistrale in Diritto Costituzionale, con particolare attenzione alle relazioni private all’UNI7.

Inviato: Maggio, 2020.

Approvato: ottobre 2020.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here