Studio sull’accoglienza delle vittime di violenza domestica a Juiz de Fora/MG

DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI
SOLICITAR AGORA!
5/5 - (3 votes)
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Email

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

LEITE, Nádia Gonçalves [1], RIBEIRO, Filipe Leonardo Oliveira [2]

LEITE, Nádia Gonçalves. RIBEIRO, Filipe Leonardo Oliveira. Studio sull’accoglienza delle vittime di violenza domestica a Juiz de Fora/MG. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno. 06, Ed. 11, Vol. 06, pp. 94-119. Novembre 2021. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/architettura/accoglienza-delle-vittime

RIEPILOGO

Questo lavoro ha come problematica la realtà e l’accoglienza per le donne nella città di Juiz de Fora – MG che affrontano abitualmente la violenza domestica, sia fisica, psicologica, sessuale, morale o patrimoniale. La maggior parte delle donne che attraversano questa situazione, mostrano paura quando denunciano, spesso per dipendenza finanziaria quando si dedicano alla vita familiare e domestica e, anche con la legislazione emanata al fine di proteggerle, spesso non fornito un sostegno adeguato, derivante dalla scarsità di accoglienza, c’è la necessità di incorporare queste Case rifugio per un sostegno più efficace. Il suo obiettivo generale è discutere, raccogliere informazioni sull’accoglienza delle vittime di violenza domestica a Juiz de Fora, ricerca sulla legislazione in relazione alla protezione delle vittime di violenza domestica e all’aumento delle notifiche di eventi, assistere studi e progetti futuri di Centri di supporto e, in seguito, suggerire la località per uno spazio di accoglienza nella città di Juiz de Fora. Le metodologie utilizzate per lo sviluppo sono state indagini di ricerca bibliografica e casi di studio sul funzionamento di rifugi già esistenti in Brasile e a Juiz de Fora. Questo lavoro, quindi, incorpora i dati ottenuti attraverso la ricerca, per favorire le discussioni e la creazione di spazi per accogliere queste donne e i loro figli. Inizialmente, i dati sulla violenza domestica brasiliana, alcuni programmi e rifugi già esistenti sul suolo brasiliano e la proposta di costruire una Casa – Rifugio nella regione centrale di Juiz de Fora, dove secondo lo studio effettuato, il suo inserimento sarebbe fondamentale.

Parole chiave: Violenza domestica, Femminicidio, Centro di supporto, Architettura del rifugio, Juiz de Fora.

1. INTRODUZIONE

La violenza domestica è un argomento intrigante che comprende la vita di bambini, adolescenti, anziani e donne in tutto il mondo, derivante dalla disuguaglianza e dalla discriminazione di genere presenti nei rapporti di potere. I dati più allarmanti ricadono ancora sulle donne. Una delle immagini più associate alla violenza domestica e familiare contro di loro è quella dell’uomo – fidanzato, marito o ex marito – che aggredisce il partner, motivato da un sentimento di proprietà sulla vita e le scelte della donna (DOSSIÊ DE VIOLÊNCIA CONTRA AS MULHERES, 2014).

La violenza contro le donne in Brasile è una questione storica e culturale, che fa ancora parte della realtà di molte case brasiliane. Con l’entrata in vigore della legge 11.340/2006, nota anche come Maria da Penha, si intende che questa realtà cambi e le donne abbiano strumenti giuridici per inibire, in modo che non sia vittima di discriminazioni, violenze e reati di vario tipo (RIOS, 2013). La legge Maria da Penha, sancita il 7 agosto 2006 dal presidente Luiz Inácio Lula da Silva, si basa sulla lotta contro il femminicidio e la violenza domestica. La legge prende il nome dalla violenza e dai tentativi di femminicidio subiti da Maria da Penha Maia Fernandes, ceará e farmacista biochimica, durante 23 anni di matrimonio, da suo marito Marco Antônio Heredia Viveros (INSTITUTO MARIA DA PENHA, 2018).

Nonostante questo, secondo l’articolo pubblicato sul sito Brasil de Fato nel 2018, molte donne rimangono senza assistenza senza sapere dove cercare spesso aiuto, e non c’è un sostegno adeguato da parte delle persone a loro vicine e delle autorità. La violenza di genere viene trasmessa da generazioni, configurando modelli di corpi sociali patriarcali, secondo il libro Femminismo e politica (MIGUEL; BIROLI 2014). In considerazione di ciò, il contenuto dell’articolo contribuisce alla creazione di meccanismi concreti che supportano queste donne che hanno sofferto o hanno sofferto di questo evento, attraverso la ricerca e i dati presentati.

L’articolo ha come obiettivo generale, discutere, raccogliere informazioni sull’accoglienza delle vittime di violenza domestica a Juiz de Fora, ricerca sulla legislazione in relazione alla protezione delle vittime di violenza domestica, l’aumento delle notifiche di eventi, assistere studi e progetti futuri di Centri di supporto e, in seguito, suggerire la località per uno spazio di accoglienza nella città di Juiz de Fora.

I suoi obiettivi specifici sono: Indagare l’evoluzione e il contributo del sistema politico all’assistenza delle donne non protette dalla violenza domestica; Osservare nei materiali indagati, se le vittime ricevono un trattamento e un sostegno adeguati, secondo la legge; Analizzare casi di studio sui centri di supporto alle donne in situazioni vulnerabili di violenza; Assorbire i programmi di bisogni offerti e presentati dai rifugi già esistenti sul suolo brasiliano; Promuovere discussioni e studi sul tema della violenza domestica e sull’importanza delle case famiglia; Proporre la futura costruzione di una casa – rifugio nella regione centrale di Juiz de Fora, dove è la posizione migliore per l’inserimento, secondo lo studio presentato durante l’articolo.

2. METODO

I metodi utilizzati per sviluppare l’articolo sono stati la ricerca bibliografica, che ha permesso di dettagliare e approfondire il tema della violenza domestica, nonché le questioni della società patriarcale e della legislazione. Sono anche importanti per comprendere lo scopo di tutti i contenuti, misurando e dimostrando, in numeri, riferimenti chiari e diretti sulla violenza domestica.

Materiali come articoli, notizie probatorie, monografie, facevano anche parte della raccolta di ricerche contenute in questo lavoro, rafforzando ed estendendo l’argomentazione necessaria per lo sviluppo. Anche le analisi e le raccolte sull’opinione pubblica effettuate dal Senato federale nel 2017 attraverso interviste telefoniche a donne a partire dai 16 anni con accesso al telefono cellulare e fisso sono responsabili del calcolo delle risposte concrete che inducono il tema proposto.

Sono stati inoltre condotti casi di studio per l’analisi al fine di ricercare le proposte di rifugi già esistenti in Brasile e il funzionamento dei programmi interni di questi centri. I due progetti che portano via le donne vittime di violenza domestica sono stati: la Casa Abrigo Lar da Mulher e la Casa Abrigo Canto de Dália.

Successivamente, analisi e ricerche sulla violenza domestica associata alla località sono state effettuate nel comune di Juiz de Fora per la proposta puntuale di inserimento di una Casa – Rifugio.

3. SVILUPPO

3.1 DATI SULLA VIOLENZA DOMESTICA BRASILIANA

La più grande paura delle donne che non denunciano l’aggressione e l’abuso è la paura degli aggressori, sia per vendetta, persecuzione, umiliazione, assenza o inefficacia della punizione, dipendenza finanziaria, tra le altre questioni, come mostrato nelle tabelle 1, 2 e 3 di seguito, che conferisce il 71% delle giustificazioni, in 1116 intervistati del sondaggio condotto dal Senato federale (2017). Secondo Gouveia (2008), il caso delle donne rende difficile il fatto che siano la maggioranza tra i disoccupati o in lavori informali e precari.

Un altro motivo enfatico per la mancata segnalazione è la preoccupazione per l’educazione dei figli con il 32% del totale (tabelle 1, 2 e 3), perché come sottolineato da Badinter nel 1980, il valore dato alla maternità contribuisce al limite dell’autonomia delle donne, a causa dei modelli sociali di oppressione che sono nascosti, per questo motivo, sia queste restrizioni che la maternità hanno valori positivi, promuovendo uno scenario di generi convenzionali, conferendo dipendenza all’aggressore.

Tabella 1 – Cosa spinge una donna a non denunciare l’aggressione? (Reddito, occupazione e figli)

   

 Totale

Hai mai subito qualche tipo di violenza domestica o familiare causata da un uomo? Reddito Occupazione Hai figli?
No Nessun reddito Fino a 2 S.M. Più di 2 S.M. Svolge lavori retribuiti Non svolge lavori retribuiti No
Avere paura dell’aggressore 71% 72% 71% 77% 69% 73% 72% 71% 71% 72%
Preoccuparsi di crescere i figli 32% 33% 31% 33% 31% 33% 30% 32% 31% 34%
Finanziariamente dipendente dall’aggressore 29% 32% 27% 33% 24% 38% 27% 30% 29% 30%
Non c’è punizione 25% 30% 23% 25% 25% 25% 23% 27% 25% 24%
Vergognatevi dell’aggressività 20% 23% 19% 20% 18% 26% 18% 21% 18% 26%
Credere che sarebbe stata l’ultima volta 17% 16% 17% 18% 16% 21% 14% 20% 15% 23%
Non conoscere i tuoi diritti 15% 16% 15% 18% 14% 16% 16% 15% 15% 17%
Altro 2% 2% 2% 3% 2% 1% 2% 2% 2% 2%
Non lo so o preferirei non rispondere 0% 0% 0% 0% 1% 0% 1% 0% 0% 0%
Base ponderata 1116 326 787 289 619 196 521 528 853 262
Numero di intervistati 1116 298       817 220 501 319 432 629 787 328

Fonte: Adattato dal Senato federale (2017)

Tabella 2 – Cosa spinge una donna a non denunciare l’aggressione? (Età e scolarizzazione)

   

 Totale

età Scolarizzazione
Da 16 a 19 anni Da 20 a 29 anni Da 30 a 39 anni Da 40 a 49 anni Da 50 a 59 anni 60 anni o più Fino al completamento della scuola elementare Completa il liceo completare l’istruzione superiore
Avere paura dell’aggressore 71% 81% 74% 70% 71% 71% 66% 73% 68% 75%
Preoccuparsi di crescere i figli 32% 45% 33% 33% 34% 22% 31% 31% 32% 34%
Finanziariamente dipendente dall’aggressore 29% 21% 27% 29% 35% 25% 31% 20% 33% 47%
Non c’è punizione 25% 15% 25% 28% 29% 23% 21% 17% 33% 30%
Vergognatevi dell’aggressività 20% 27% 16% 22% 22% 21% 16% 16% 20% 33%
Credere che sarebbe stata l’ultima volta 17% 34% 20% 21% 11% 13% 10% 14% 17% 27%
Non conoscere i tuoi diritti 15% 17% 15% 15% 15% 18% 13% 14% 15% 19%
Altro 2% 2% 1% 3% 3% 2% 1% 2% 2% 2%
Non lo so o preferirei non rispondere 0% 0% 0% 0% 1% 0% 1% 0% 0% 1%
Base ponderata 1116 76 239 261 177 182 181 542 410 164
Numero di intervistati 1116 59    280 289 200 150 138 332 492 292

Fonte: Adattato dal Senato federale (2017)

Tabella 3 – Cosa spinge una donna a non denunciare l’aggressione? (Regione e colore/razza)

   Totale Regione Colore/Razza
Midwest Nord Orientale A nord Sudest A sud Bianco Nero Marrone Altro
Avere paura dell’aggressore 71% 72% 71% 75% 71% 71% 72% 74% 70% 68%
Preoccuparsi di crescere i figli 32% 48% 30% 31% 30% 32% 32% 24% 35% 29%
Finanziariamente dipendente dall’aggressore 29% 23% 24% 28% 33% 26% 29% 32% 28% 29%
Non c’è punizione 25% 25% 21% 16% 29% 22% 23% 24% 27% 35%
Vergognatevi dell’aggressività 20% 21% 14% 20% 23% 18% 22% 21% 17% 21%
Credere che sarebbe stata l’ultima volta 17% 23% 15% 17% 18% 14% 17% 15% 15% 12%
Non conoscere i tuoi diritti 15% 21% 15% 10% 16% 14% 17% 15% 15% 12%
Altro 2% 1% 1% 1% 3% 2% 3% 2% 2% 0%
Non lo so o preferirei non rispondere 0% 0% 1% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0%
Base ponderata 1116 86 254 67 542 167 488 116 426 50
Numero di intervistati 1116 87 311 102 457 159 489 118 433 45

Fonte: Adattato dal Senato federale (2017)

La legge Maria da Penha classifica la violenza psicologica come anche uno dei tipi di abuso e può verificarsi attraverso minacce, imbarazzo, umiliazione, tra gli altri tipi di condotta che danneggia e controlla, come affermato da Época Rivista (2019). Verranno presentati i seguenti grafici che illustrano queste informazioni. Il grafico 1 mostra la crescita del numero di vittime di violenza psicologica, da 2.629 notifiche nel 2009 a 18.219 nel 2016.

Grafico 1 – Violenza psicologica da parte del coniuge o del fidanzato

Fonte: Adattato dal Ministero della Salute / SVS – Sistema informativo sulle malattie soggette a notifica – Sinan Net (2016).

Secondo il grafico 2, sviluppato dal Ministero della Salute, con i dati del Sistema Informativo sulle Malattie Soggette a Notifica, la violenza fisica (percosse, soffocamento, stringere le braccia, lesioni con oggetti taglienti, torture, ustioni, tra gli altri) da parte di fidanzati o coniugi è quadruplicata tra il 2009 e il 2016 in Brasile, da 4.339 a 33.961.

Grafico 2 – Violenza fisica da parte del coniuge o del fidanzato

Fonte: Adattato dal Ministero della Salute / SVS – Sistema informativo sulle malattie soggette a notifica – Sinan Net (2016).

Come nei grafici precedenti, le segnalazioni di violenza armata sono aumentate in modo significativo, quasi quadruplicate dall’anno di inizio dell’indagine, da 1.120 casi a 4.209 in sette anni (grafico 3).

Grafico 3 – Violenza con armi da fuoco contro le donne

Fonte: Adattato dal Ministero della Salute / SVS – Sistema informativo sulle malattie soggette a notifica – Sinan Net (2016).

Le notifiche di stupri da parte di coniugi o fidanzati sono cresciute di sette volte (da 73 a 890) dal 2009 al 2016 (grafico 4), anno in cui la legge 10.015 ha riconosciuto lo stupro coniugale, che si configura quando si verifica un rapporto sessuale contro uno dei partner, anche all’interno di una relazione, secondo l’articolo 213 del codice penale, secondo Nunes (2015), prima di allora, c’era la possibilità che lo stupratore non sarebbe stato punito se fosse stato il coniuge della vittima.

Figura 4 – Stupri da parte di coniugi o fidanzati

Fonte: Adattato dal Ministero della Salute / SVS – Sistema informativo sulle malattie soggette a notifica – Sinan Net (2016).

3.1.1 L’AIUTO DEI RIFUGI ESISTENTI IN BRASILE

Secondo il Consiglio nazionale di giustizia (2018), i rifugi sono luoghi in cui vengono accolte donne minacciate o vittime di violenza domestica, dove si rifugiano per un certo periodo, ricevendo il sostegno necessario per raggiungere stabilità e condizioni per riprendere la vita. L’indirizzo di queste case è confidenziale per motivi di sicurezza delle donne e dei loro bambini, che ricevono anche questo trattamento e assistenza. I rifugi hanno regole di convivenza da seguire, per il benessere di tutti coloro che vi si rifugiano. Alcune di queste case sono protette e accolgono tra le 5 e le 10 donne con i loro figli, ma ci sono anche luoghi in cui questo numero aumenta, funzionando come una sorta di ostello.

A primeira Casa Abrigo do País foi fundada em 1986, em São Paulo  (Centro de Convivência para Mulheres Vítimas de Violência Doméstica/ Convida). Em 1992 foram criadas as Casas-Abrigo Viva Maria (Rio Grande do Sul) e a Casa do Caminho (Ceará). O Distrito Federal acolheu a primeira casa abrigo no ano de 1996. Segundo dados da Secretaria de Políticas para as Mulheres, havia um total de 72 Casas- Abrigo no país em 2011 (SENADO FEDERAL, 2016).

Nelle seguenti informazioni, si possono identificare i rifugi esistenti in Brasile nel 2013 (Grafico 5).

Figura 5 – L’offerta di servizi specializzati di protezione e accoglienza alle donne maltrattate è più alta nelle grandi città

Fonte: Municipal Basic Information Survey (Munic), IBGE (2013).

Solo il 2,5% delle città del Paese presenta questi rifugi per le donne, per un totale di 155 unità in 142 città, cioè il 97,5% delle città non ha a disposizione l’offerta di questo tipo di sostegno, secondo un’indagine condotta da IBGE (2013) rivelando, attraverso l’articolo disponibile sul sito O Globo: Sociedade (2019) che non ci sono stati progressi nell’accoglienza delle vittime di violenza domestica.

3.2 ARCHITETTURA DEL RIFUGIO

C’è l’architettura di emergenza di rifugio per le vittime di violenza domestica (Casa Abrigo Lar da Mulher e Casa Abrigo Canto de Dália in studio nell’articolo), per immigrati e rifugiati in generale, di disastri naturali, di guerre, tra gli altri. Ci sono anche alcune case di accoglienza per la popolazione LGBTQI + (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, queer, intersessuali e il “+” comprende tutti gli altri tipi di orientamento sessuale), come ad esempio, in Brasile è Casa Nem, con tre unità nella città di Rio de Janeiro, Casa 1 e il Centro de Acolhida Florescer, entrambi a San Paolo, in accordo con le notizie disponibili sul sito web del Projeto Colabora (2019).

3.2.1 CASA ABRIGO LAR DA MULHER (ASSISTENZA SOCIALE, PSICOLOGICA E LEGALE PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DOMESTICA)

Con l’obiettivo di proteggere e rafforzare le donne, Casa Abrigo Lar da Mulher si trova a Rio de Janeiro (RJ), nel quartiere di Laranjeiras ed è stata creata nel 2007, fornendo assistenza psicologica, sociale, ospedaliera e legale (Figura 1). Il lavoro è elaborato e preparato per i protetti per comprendere i loro diritti, evolvere la loro consapevolezza sulle relazioni affettive sane e recuperare le loro vite in modo sicuro e inserito nel mercato del lavoro (CASA ABRIGO LAR DA MULHER, 2014).

Figura 1 – Casa Abrigo Lar da Mulher

Fonte: Riosolidário – transformando realidades, Casa Abrigo Lar da Mulher (2014).

La Casa delle Donne si trova in una posizione segreta nella città di Rio de Janeiro e opera 24 ore al giorno (Figura 2), come residenza temporanea e può ospitare 60 persone, tra cui donne e bambini. La casa dispone di 15 camere, sale attività e un asilo nido, con una superficie di 1.300 metri quadrati. Gruppi riflessivi, attività ricreative e attività di rilassamento possono aiutare queste donne a ricostruire le loro relazioni familiari e di amicizia, che di solito sono interrotte dalla paura degli aggressori. Sono instradati da centri di riferimento per donne, rifugi, ordini del tribunale o forze dell’ordine (stazioni di polizia). Dalla sua creazione, la Casa ha accolto 1.855 persone, 713 donne e 1.142 bambini (CASA ABRIGO LAR DA MULHER, 2014).

Figura 2 – Casa rifugio per donne

Fonte: Riosolidário – transformando realidades, Casa Abrigo Lar da Mulher (2014).

3.2.2 ANGOLO DI RIPARO DELLA CASA DI DAHLIA

Casa Abrigo Canto de Dália è una casa essenzialmente temporanea (Tabella 4), con un servizio governativo che integra il Segretariato delle Politiche per le Donne di Londrina ed è stato creato nel giugno 2004. La Casa opera in modo continuativo la cura delle donne a rischio di morte e in situazioni di violenza domestica in genere, accompagnate o meno da minori di 18 anni (Tabella 5), residenti nella città di Londrina-PR (LONDRINA, 2016).

Tabella 4 – Durata della permanenza nel rifugio

Tempo di rifugio Totale %
Tra 5 e 15 giorni 17 31,48%
Fino a 5 giorni 14 25,93%
Tra 15 e 30 giorni 10 18,52%
Ignorato 5 9,26%
Tra 30 e 45 giorni 3 5,56%
2 mesi 2 3,70%
3 mesi 2 3,70%
4 mesi 1 1,85%

Fonte: Adattato da Cássia Maria Carloto e Vanusa Ferreira Calão, adattato da Casa di supporto “Canto de Dália” /SMM/PML (2005).

Tabella 5 – Numero di bambini

Numero di bambini Totale %
1 15 27,78%
2 15 27,78%
3 11 20,37%
4 5 9,26%
5 5 9,26%
0 1 1,85%
8 1 1,85%
11 1 1,85%

Fonte: Adattato da Cássia Maria Carloto e Vanusa Ferreira Calão, adattato da Casa di supporto “Canto de Dália” /SMM/PML (2005).

La funzione di questo servizio è quella di garantire la sicurezza e la protezione delle donne e dei loro bambini; implementare servizi incentrati sulla sicurezza, l’istruzione e la salute; indicare partenariati con reti di assistenza per aiutare le donne che hanno subito violenza domestica; e fornire assistenza psicosociale ed educativa per aumentare l’autostima delle donne e dei loro figli, salvare i legami familiari, sociali e comunitari, in modo che queste donne possano sfuggire alla violenza subita e utilizzare le misure protettive previste dalla legge Maria da Penha come istituzione legale. Ci sono alcuni meccanismi di gestione, come riunioni amministrative, riunioni dipartimentali, discussione di casi con la rete di servizi, incontri con i protetti, servizio personale, seminari su vari argomenti, tra gli altri (LONDRINA, 2016).

[…] eu tinha medo de ir na delegacia procurar ajuda. Assim, se ele ficasse sabendo poderia ser mais agressivo. Fiquei sabendo pelos outros que o CAM dava toda a assistência, por uma entrevista na televisão, aí eu procurei. Peguei num telefone e liguei. Liguei primeiro no CAM e depois fui na delegacia. (ANA, 31 anos).

Em 2014, 44 mulheres em situação de violência e risco de morte foram  abrigadas, com seus filhos e filhas, totalizando 63 crianças e adolescentes. No ano anterior, 2013, foram 38 mulheres e 56 crianças e adolescentes. No local, as mulheres e crianças recebem acompanhamento médico, psicológico, de enfermagem, assistentes sociais, além de segurança feita pela Guarda Municipal. Há também equipes de trabalhos para cozinha, com nutricionista e serviços de limpeza (BONDE NEWS, 2015).

4. LOCALITÀ

4.1 COMUNE DI JUIZ DE FORA – MG

La posizione suggerita per il progetto del centro di supporto è nella città di Juiz de Fora, Minas Gerais. La sua popolazione è stata stimata dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE) a 564.310 abitanti nel 2018, essendo il quarto comune più popoloso dello stato e il 36 ° in Brasile.La città occupa un’area di 1.429.875 km², di cui 317.740 km² in un perimetro urbano.

Il luogo scelto è dovuto al fatto che la regione Zona da Mata è la terza con il maggior numero di casi di violenza domestica, secondo Sesp, Segreteria di Stato per la pubblica sicurezza (2018) e, in un articolo disponibile sul sito web G1 (2019) , secondo il Servizio di polizia specializzato per le donne (Deam), la città di Juiz de Fora riceve circa 20 denunce di violenza da parte di donne al giorno.

Nel 2018, secondo i contenuti esposti dalla Tribuna de Minas (2018), le richieste di misure protettive in conformità con la legge Maria da Penha nella città di Juiz de Fora, hanno raggiunto 1.056 casi. Il grafico 6 mostra il numero totale di eventi nella Casa da Mulher in Juiz de Fora tra il 2013 e il 2018, suddivisi tra i tipi di aggressione.

Grafico 6 – visite effettuate dal CMJF tra il 29/05/2013 e il 31/08/2018, classificate per importi totali/anno e per tipi di aggressione totale durante il periodo segnalato

Fonte: Adattato dal rapporto CMJF, preparato da Glaucy Hellen Herdy Ferreira Gomes (2018).

4.2 QUARTIERE DEL CENTRO

Un dato importante da analizzare sulla violenza domestica, offerto dalla Casa da Mulher in Juiz de Fora (CMJF), è l’origine delle donne per regione e per quartiere nella città di Juiz de Fora. La mappatura (figura 3) effettuata dall’architetto Glaucy Hellen Herdy Ferreira Gomes (2018) punta a queste notifiche di eventi.

Figura 3 – Mappe dell’origine delle donne assistite dalla Casa da Mulher in Juiz de Fora nel 1° semestre del 2018, per ettaro della regione

Fonte: Adattato dal rapporto CMJF, preparato da Glaucy Hellen Herdy Ferreira Gomes (2018).

Secondo la mappatura mostrata, la regione settentrionale di Juiz de Fora ha un totale di 296 vittime, con il 23% di tutte le donne accolte dalla Casa delle donne. La seconda regione con il maggior numero di vittime è l’Est, con 238, pari al 18,5%, ma nella seconda mappa sopra, le indagini quantitative per ogni quartiere, indicano numeri preoccupanti situati nelle regioni centrali, presentando circa 190 occorrenze, Ovest, con 150 e Sud, che rappresentano 230 casi.

In conformità con le esigenze delle donne vittime di violenza domestica, secondo le regioni e i quartieri della città di Juiz de Fora, la regione centrale è la migliore località, poiché oltre a presentare numeri allarmanti di casi, è collegata con le altre regioni che hanno il maggior numero di eventi, al fine di rendere accessibile e visibile a tutte le donne.

4.3 POSIZIONE

Secondo il testo sopra, la posizione di grande potenziale per futuri progetti architettonici di rifugio per le donne, è nel centro della città di Juiz de Fora, al fine di servire l’intera città, con una superficie di circa 748 metri quadrati (figura 4) e inserita nella strada Barão de São João Nepomuceno, vicino ai viali principali, essendo a senso unico, con accesso attraverso Avenida Independência e via Batista de Oliveira, presentando un flusso medio di veicoli e pedoni. Si trova tra la zona commerciale 1 e la zona commerciale 2 (figura 5).

Figura 4 – Mappa dello stato del terreno

Fonte: Google Maps (2019).

Figura 5 – Mappa di zonizzazione

Fonte: Collezione personale (2019).

Il terreno suggerito (figure 6, 7 e 8), ha una topografia piatta, attualmente utilizzato come parcheggio Gran Park nel centro della città di Juiz de Fora, con i suoi dintorni con una grande densità di edifici. Oltre al facile accesso e visibilità del terreno, la località si avvicina anche agli stabilimenti di servizio e commerciali, portando maggiore sicurezza.

Figura 6 – Immagine del terreno

Fonte: Collezione personale (2019).

Figura 7 – Immagine del terreno

Fonte: Collezione personale (2019).

Figura 8 – Immagine del terreno

Fonte: Collezione personale (2019).

Nelle sue immediate vicinanze, ha edifici di medie dimensioni, con usi commerciali come panetterie, farmacie, ristoranti, tra gli altri tipi di servizi, misti, con uso predominante di residenze e negozi (figure 9, 10, 11 e 12). Nei dintorni non immediati spiccano edifici residenziali, ad uso misto e istituzionale ed è vicino a piazze pubbliche, come Halfeld Park, essendo il più imponente, e la piazza della stazione. Presenta anche grandi imprese come il comune di Juiz de Fora e Cesama (Azienda municipale di servizi igienico-sanitari), la Cattedrale di Casa da Mulher in Juiz de Fora, il supermercato Bretas e le Bahamas.

Figura 9 – Mappa di studio dei dintorni

Fonte: Collezione personale (2019).

Figura 10 – Immagine degli immediati dintorni

Fonte: Collezione personale (2019).

Figura 11 – Immagine degli immediati dintorni

Fonte: Collezione personale (2019).

Figura 12 – Immagine degli immediati dintorni

Fonte: Collezione personale (2019).

5. RISULTATI

Sulla base dei dati mappati durante l’articolo, il Brasile è un paese in cui le case adottive per donne che subiscono violenza domestica sono scarse, presenti solo nel 2,5% delle città del paese, secondo IBGE (2013), attraverso l’articolo disponibile sul sito O Globo: Sociedade (2019). Juiz de Fora presenta numeri elevati in ciò che circonda la violenza domestica, quindi c’è bisogno di un sostegno più adeguato, dal momento che la maggior parte delle donne violentate non denunciano dipendenze, paura e per continuare a contattare l’aggressore dopo la denuncia, facendole non trovare rifugio garantendo loro protezione ai loro figli.

Come risultato della ricerca e dei risultati ottenuti, il luogo di inserimento del progetto è stato determinato in base alle occorrenze dei quartieri, e con questo, si percepisce che ci sono punti critici in quasi tutte le regioni del comune, principalmente nel Centro, Ovest e Sud. Altri fattori importanti per questa scelta sono la visibilità del Centro di supporto e la sicurezza, dove le donne possono facilmente accedere, essere caute e fiduciose. Questa sicurezza è dovuta al notevole flusso di persone e veicoli nell’area di inserimento, dimostrato sopra, e anche alla comprensione predominante degli usi commerciali e residenziali da parte della località. È interessante notare che il Centro di supporto ha un funzionamento 24 ore su 24, per il supporto a tempo pieno, ha attività per reinserire queste donne e bambini nella società, come corsi professionali, esercizi dinamici e giocosi, lezioni sull’argomento, supporto medico e psicologico, tra gli altri.

6. CONSIDERAZIONI FINALI

A causa dei fatti menzionati ed esposti in questo articolo, si evidenzia che, nonostante l’evoluzione dei dibattiti sulla violenza domestica, l’attuazione e l’avanzamento della legislazione in difesa delle donne, insieme alle politiche pubbliche e ai movimenti sociali, la tolleranza della violenza e del patriarcato nell’ambiente sociale è ancora presente, essendo una grande barriera alla lotta. Tuttavia, è noto che con la creazione di leggi di protezione e spazi di rifugio, c’è stato un aumento significativo del numero di reclami, poiché la sicurezza e il supporto sono diventati più efficaci.

A scapito dei numeri allarmanti e preoccupanti di violenza domestica nella città di Juiz de Fora, si conclude che nel comune è necessaria una visione attenta e approfondita di questo problema, e la casa di supporto, per un’assistenza più puntuale delle vittime, di grande rilevanza in modo che ci sia una maggiore assistenza sulla loro vita.

Gli studi sulla violenza e la disuguaglianza storica e la creazione di case famiglia per le donne sono necessari e della massima importanza, poiché maggiore è il sostegno legale che le vittime trovano, più sicure saranno per promuovere denunce.

Secondo i grafici e i dati indicati durante l’articolo, il numero di case rifugio in Brasile è insufficiente con l’obiettivo di accogliere questo tipo di violenza. Con questo, c’è stato il suggerimento di un edificio con lo scopo di garantire e proteggere le donne e i loro bambini vittime di violenza domestica nella città di Juiz de Fora. Pertanto, la necessità di aumentare questi rifugi e le politiche pubbliche a favore della difesa delle donne porta un grande significato.

RIFERIMENTI

BADINTER, Elisabeth. Un Amour en Plus: histoire de l’amour maternel. 1. ed. Paris, Flamarrion: Nova Fronteira, 1980. p. 115-116.

BONDE NEWS. Prefeitura de Londrina vai reformar Casa Abrigo. Disponível em: https://www.bonde.com.br/bondenews/londrina/prefeitura-de-londrina-vai-reformar-casa-abrigo-356289.html. Acesso em: 5 set. 2019.

BRASIL DE FATO. Falta proteção contra violência doméstica nas cidades pequenas, diz Maria da Penha. Disponível em: https://www.brasildefato.com.br/2018/08/07/falta-protecao-contra-violencia-domestica-nas-cidades-pequenas-diz-maria-da-penha/. Acesso em: 10 set. 2019.

CARLOTO, Cássia Maria; CALÃO, Vanusa Ferreira. A Importância e o Significado da Casa Abrigo Para Mulheres em Situação De Violência Conjugal. Emancipação, Londrina, v. 6, n. 1, p. 209-212, 2006. Disponível em: https://www.revistas2.uepg.br/index.php/emancipacao/article/view/79/77. Acesso em: 20 set. 2019.

CONSELHO NACIONAL DE JUSTIÇA. CNJ Serviço: O que são e como funcionam as Casas-Abrigo. Disponível em: https://www.cnj.jus.br/cnj-servico-o-que-sao-e-como-funcionam-as-casas-abrigo/#:~:text=As%20Casas%20abrigo%20s%C3%A3o%20locais,o%20curso%20de%20suas%20vidas. Acesso em: 12 set. 2019.

DOSSIÊ VIOLÊNCIA CONTRA AS MULHERES: Violência Doméstica e Familiar. Disponível em: https://dossies.agenciapatriciagalvao.org.br/violencia/violencias/violencia-domestica-e-familiar-contra-as-mulheres/. Acesso em: 18 set. 2019.

ÉPOCA. A Violência Contra a Mulher no Brasil em Cinco Gráficos. Disponível em: https://epoca.globo.com/a-violencia-contra-mulher-no-brasil-em-cinco-graficos-23506457. Acesso em: 26 set. 2019.

G1: ZONA DA MATA, TV INTEGRAÇÃO. Zona da Mata é a 3ª região com mais registros de violência doméstica em MG. Disponível em: https://g1.globo.com/mg/zona-da-mata/noticia/2019/05/13/zona-da-mata-e-a-3a-regiao-com-mais-registros-de-violencia-domestica-em-mg.ghtml. Acesso em: 25 set. 2019.

GOMES, G. H. H. F; CURY, M. D. A. Perspectiva De Gênero Como Categoria de Análise Urbana: um Estudo Sobre a Implantação da Casa da Mulher de Juiz De Fora. X Congresso Brasileiro De Direito Urbanístico Grupo Temático 02: Direito À Cidade E O Combate Ao Racismo, Machismo, Lgbtfobia E Outras Formas E Opressão, Juiz de Fora, v. 1, p. 5-9, 2018.

GOUVEIA, Taciana. Ser, Fazer e Acontecer: Mulheres e o Direito à Cidade. 1.ed. Recife: SOS CORPO, 2008. p. 57.

INSTITUTO MARIA DA PENHA. Quem é Maria da Penha. Disponível em:  https://www.institutomariadapenha.org.br/quem-e-maria-da-penha.html. Acesso em: 4 set. 2019.

JUSTIFICANDO: MENTES INQUIETAS PENSAM DIREITO. Casas-Abrigo: Como funcionam os refúgios para mulheres vítimas de violência doméstica. Disponível em: http://www.justificando.com/2018/11/19/casas-abrigo-como-funcionam-os-refugios-para-mulheres-vitimas-de-violencia-domestica/. Acesso em: 10 set. 2019.

LONDRINA. Regimento Interno: Casa Abrigo canto de Dália. Prefeitura de Londrina – Secretaria Municipal de Política para as Mulheres. Londrina: SMPM, 2016.

MIGUEL, Luiz Felipe; BIROLI, Flávia; Feminismo e Política: uma introdução. 1. ed. São Paulo: Boitempo editorial, 2014. p. 94-95 e 115.

NASCIMENTO, Laiane Nunes. Estupro Marital: O Inimigo Silencioso. 2015. 74 p. Trabalho de Conclusão de Curso (Graduação em Direito) – UniRV – Universidade de Rio Verde, Caiapônia – GO, 2015.

O GLOBO: SOCIEDADE. Treze anos após Lei Maria da Penha, só 2,4% das cidades têm casas-abrigo para mulheres. Disponível em: https://oglobo.globo.com/sociedade/celina/treze-anos-apos-lei-maria-da-penha-so-24-das-cidades-tem-casas-abrigo-para-mulheres-23972179. Acesso em: 1 out. 2019.

PROJETO COLABORA. JUNTOS POR UM MUNDO + SUSTENTÁVEL. Conheça 5 casas e uma plataforma que oferecem abrigo para LGBTs. Disponível em: https://projetocolabora.com.br/ods5/casas-dao-abrigo-para-lgbts/. Acesso em: 12 nov. 2019.

RIOSOLIDÁRIO: TRANSFORMANDO REALIDADES. Casa Abrigo Lar da Mulher. Disponível em: http://www.riosolidario.org/programas/mulheres/casa-abrigo-lar-da-mulher. Acesso em: 16 out. 2019.

RIOS, GILMA MARIA. Amor E Violência: (Re) Leitura Dos Caminhos Das Mulheres Araguarinas Perante A Justiça. Natal-RN, Volume, Número, p. 1-2, jul./2018. Disponível em: http://www.snh2013.anpuh.org/resources/anais/27/1364931124_ARQUIVO_AMOREVIOLENCIATEXTOCOMPLETONATAL2013versao2.pdf. Acesso em: 12 set. 2019.

SENADO FEDERAL. Proteção às vítimas ainda é insuficiente. Disponível em: https://www12.senado.leg.br/emdiscussao/edicoes/saneamento-basico/violencia-contra-a-mulher/protecao-as-vitimas-ainda-e-insuficiente. Acesso em: 16 set. 2019.

SENADO FEDERAL. Violência doméstica e familiar contra a mulher: Pesquisa DataSenado. Senado Federal: subtítulo da revista, Local, v. 1, Número, p. 34-36, dez./2005. Disponível em: https://www12.senado.leg.br/institucional/datasenado/arquivos/aumenta-numero-de-mulheres-que-declaram-ter-sofrido-violencia. Acesso em: 14 out. 2019.

TRIBUNA DE MINAS. Mais de mil mulheres pediram medidas protetivas este ano em JF. Disponível em: https://tribunademinas.com.br/noticias/cidade/21-08-2018/mais-de-mil-mulheres-pediram-medidas-protetivas-este-ano-em-jf.html. Acesso em: 24 out. 2019.

[1] Laureato in Architettura e Città presso Faculdade Venda Nova do Imigrante (FAVENI). Laureato in Architettura e Urbanistica presso il Rete didattica Doctum.

[2] Master in Ambiente Costruito e specialista in Analisi Ambientale presso l’Università Federale di Juiz de Fora (UFJF) e laureato in Architettura e Urbanistica presso il CES-JF.

Inviato: Aprile 2021.

Approvato: Novembre 2021.

5/5 - (3 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 103784
POXA QUE TRISTE!😥

Este Artigo ainda não possui registro DOI, sem ele não podemos calcular as Citações!

Solicitar Registro DOI
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?