La luce come intervento urbano

0
210
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI [ SOLICITAR AGORA! ]
 La luce come intervento urbano
Classificar o Artigo!
ARTIGO EM PDF

GONÇALVES, Camila Matos Maia de Castro [1]

GONÇALVES, Camila Matos Maia de Castro. La luce come intervento urbano. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. 06, vol. 05, pp. 25-41, giugno 2018. ISSN:2448-0959

Questo articolo è costituito da una proposta di revisione del modo che l'illuminazione viene inserito nelle grandi città. Poiché il processo storico con i risultati delle prime fonti di luci rudimentale, fino ad oggi, con l'alta efficienza e durata. In questa ricerca progetto sarà proposte discussioni sui progressi degli spazi pubblici di notte data la tecnica di illuminazione di diversità. L'obiettivo è di presentare i principali fondamentali per pianificare una buona illuminazione urbana per ambiente edificio a fuoco sulla soddisfazione degli utenti. Soprattutto su come esperienze sociali nocturnal può funzionare come un fattore rilevante per l'illuminazione della città. Sono anche evidenziati alcuni problemi che possono essere diagnosticati nei maggiori centri, come l'inquinamento. A scopo dimostrativo sarà usato tre progetti di intervento urbano che hanno avuto successo. E da ricerche bibliografiche, riviste, studio di immagini e video, è possibile configurare la città contemporanea dall'intervento della luce.

Parole chiavi: Luz, illuminazione, efficienza, della città, atmosfera, notte.

1. Introduzione

La rapida crescita e l'espansione delle città le tecnologie emergenti, forgiare un riconoscimento sociale di salute, bisogno per più sostenibili ambienti urbani e aree che trascendono le funzioni di eseguire-sulle opportunità che concedono. "L'importanza della pubblica illuminazione nelle considerazioni del problema e giustificare il posto prominente che prende la luce urbana su piattaforme politiche e di governo, sulle esigenze degli abitanti e nell'immaginazione popolare" (rovere; MALIK; VANDERLEI, 2008).

A differenza del sole, che è derivato dall'ambiente naturale, le varianti di caratteristiche della luce artificiale quando riguarda aspetto e manipolazione esercitata. Andare oltre le prestazioni funzionali e investire in infrastrutture più intelligenti che hanno possibilità di essere programmato per svolgere, secondo le istanze, creare spazi aperti con esperte funzioni notturne.

Imparare a esplorare comunicazione e comportamento sociale senza danneggiare il benessere di altri gruppi intorno è quello di rispettare il contesto storico. Riconoscere il processo di cooperazione tra le parti interessate è coltivare legami tra la Comunità e il sito ne soffrirà. Non più di un sistema che stabilisce di interdipendenza, pubblica e privata di luce dovrà coesistere senza controversie, ma in modo omogeneo.

Le sorgenti luminose sono in grado di causare effetti multipli su psicologia, sensorialíssimo, spazi e simboli. È la possibilità di qualificare l'ambiente come una risposta alla sensazione che il corpo emana.

I benefici che apporta l'illuminazione artificiale, promuovere reazioni a catena in autostima dei cittadini, che per svolgere il ruolo di molder come l'aspetto delle città, essere orgogliosi di mezzi propri. Il significato della luce nello spazio è le repliche della città per gli eventi del mondo moderno. Come ben riassume il designer Firenze Lam (2015):

Illuminazione urbana non è solo circa i bisogni di sicurezza attraverso il completamento del codice, o ottenere un effetto estetico. Si presenta una significativa opportunità per migliorare sostanzialmente la qualità della vita dei cittadini. Adeguatamente considerati, l'illuminazione può influire positivamente il "architettura" delle nostre città; Rafforzare i principi di urban design, aumentando le esperienze culturali e favorire l'interazione sociale. (LAM, 2015).

2. La luce come ingranaggio di storia

Tracciando un panorama cronologico dello sviluppo urbano dal punto di vista della luce artificiale dall'idea all'età al fattuale della pluralizzazione, possiamo capire la corrente comportamentale bisogni e desideri che coinvolgono alcuni spazi pubblici che sono transmudados nelle aree sterili al crepuscolo, costretto a paura, ansia e ostilità. Questo luminoso indispensabilità può essere visualizzato poiché tempi preistorici in cui l'uomo si riferisce alla luce naturale ed artificiale come mezzo di evoluzione. Fattore decisivo con la produzione di fuoco che si è sviluppate biologicamente e socialmente prima altri esseri fuori. L'importanza della scoperta ha portato i migliori condizioni di razza umana, comfort termico e sicurezza. Il fuoco è diventato uno strumento di difesa contro ciò che avrebbe portato la notte, gli animali o anche altri gruppi di individui che potrebbero essere una minaccia.

Poiché la forma più primitiva della specie umana si è evoluta, con lei sono nati concetti di organizzazione sociale e di civiltà. Attraverso la creazione di città, commercio emerge come un'attività complessa e specializzata. Tuttavia questa crescita culturale era limitata ad un determinato periodo, il giorno. Luce solare ha permesso le mansioni di lavoro migliore, interazioni sociali e funzionamento della Comunità e la notte, la maggior parte delle attività sono stati sospesi e soltanto resti rimangono nei rifugi, sonno e aspettare l'alba. Per questo motivo il crescente bisogno dell'uomo di produrre e sfruttare meglio il tempo lo portò a cercare soluzioni al buio.

Malik (2011) che risolve nell'antica Mesopotamia, anno di 8.000 A.c., "piatti o vasche con grasso animale, è stato messo una fibra vegetale che ha funzionato come una fonte di luce". A differenza dell'antico cotone Egitto già utilizzato stoppino inserito in paraffina, candela.

Risalente al Medioevo, tra il 476-1500, le prime soluzioni di illuminazione pubblica rudimentale. Oltre le vele erano usate fibre ritorti imbevuti di materiali infiammabili, modellati sul formato torcia. Questo dispositivo ha permesso alle persone poteva muoversi di notte con una certa visibilità e autonomia. Ancora, non era un ricorso efficace ed ergonomico. Fino al XV secolo l'illuminazione delle strade era la responsabilità dei cittadini, essere sottoposto a severe sanzioni, secondo le leggi che erano in vigore, per coloro che si fanno beffe. Nel corso del tempo l'indispensabilità di un sobrelevou di illuminazione di qualità Inghilterra del 1415, sotto pressione dai commercianti di Londra adirati per il crescente tasso di criminalità al momento, essendo il primo Regno europea offrendo lampade realizzate con lampade di olio d'oliva finanziate dalla monarchia Regent (Williams, 2016).

Figura 1 – rappresentazione dell'apparato utilizzato nel Medioevo all'Illuminismo. Fonte: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Lewes_Bonfire,_discarded_torch.jpg (2005)
Figura 1 – rappresentazione dell'apparato utilizzato nel Medioevo all'Illuminismo. Fonte: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Lewes_Bonfire,_discarded_torch.jpg (2005)

Nel periodo coloniale il Brasile del 1763, aveva non più di quanto le voci inserite elettrici edifici religiosi e degli oratori situati in determinati angoli.  E come previsto che spettava alla luce delle lampade della popolazione pesce grasse o cera di candele. La prima iniziativa dell'illuminazione pubblica nella colonia portoghese è stato nella capitale al momento, Rio de Janeiro, ordinata dal viceré Don José Luiz de Castro, meglio conosciuto come il titolo reale di conteggio Raj, che concesse nell'anno 1794 la città nei dintorni di 100 lampade olio di oliva che sono stati installati nelle vie principali. La responsabilità dell'attività operativa delle lampade è stata inizialmente assegnata agli schiavi, più tardi nel 1822 nasce la professione di lampionai, professionisti assunti dal comune con solo la luce delle Lanterne nell'assegnazione prima serata, eliminare all'alba e gestire la manutenzione delle apparecchiature (EDWARDS, 2010).

Figura 2-lampadario che esisteva nell'angolo della dogana e Regent Feijó nel 1820, Rio de Janeiro. Fonte: http://rio-curioso.blogspot.com.br/2008/02/iluminao-no-rio-de-janeiro-i.html (2008)
Figura 2-lampadario che esisteva nell'angolo della dogana e Regent Feijó nel 1820, Rio de Janeiro. Fonte: http://rio-curioso.blogspot.com.br/2008/02/iluminao-no-rio-de-janeiro-i.html (2008)
Figura 3-olio lampade essendo illuminate dagli schiavi, Rio de Janeiro. Fonte: http://rio-curioso.blogspot.com.br/2008/02/iluminao-no-rio-de-janeiro-i.html (2008)
Figura 3-olio lampade essendo illuminate dagli schiavi, Rio de Janeiro. Fonte: http://rio-curioso.blogspot.com.br/2008/02/iluminao-no-rio-de-janeiro-i.html (2008)

Pertanto, con l'emergere del precursore dell'ingegnere francese Philippe Lebon, l'illuminazione è notevolmente migliorata con la scoperta del gas di carbone o gas di carbone, come illuminante fonte efficiente. Altro che contribuisce nella ricerca e sperimentazione nel campo era l'ingegnere scozzese Willian Murdock, che ha costruito macchine con fondazioni simili. Entrambi erano strumentali nella espansione e sviluppo della tecnologia del gas, cui invenzione ha suscitato grande interesse dall'Inghilterra negli anni successivi. Così, circa tra il periodo 1800-1810, il primo annuncio pubblicitario gas aziende di illuminazione. L'uomo d'affari tedesco Frederick Albert Windsor, rilasciato da Inghilterra illuminazione benefici generati dalla combustione del carbone. E a Londra, 1809, fondò la prima società di fornitura di gas pubblico, The Gas Light e Coke Company. Nel 1823, l'intera Gran Bretagna avevano già adottato la nuova tecnologia per le strade e le case, allo stesso tempo che gli altri paesi dell'Europa anche spostato per costruire l'infrastruttura essenziale del nuovo futuro presentato alla luce urbana (BERNARDO, 2007:146).

Il carbonado di sistema gas di idrogeno è arrivato in Brasile per mano la Barão de Mauá nel 1850, con la proposta della città di Rio de Janeiro. Centrali a carbone sono stati installati nell'estensione dell'attuale AV. Presidente Vargas. Di conseguenza, due gasômetros sono stati eretti, tuttavia, solo nel 1854 erano le distribuzioni completate dell'illuminazione pubblica del gas nella città. Un pioniere nell'utilizzo di una rete di 20 km di tubi che alimentato combustores che ha generato il valore di luminanza uguale a sei candele di cera per l'unità, Visconde de Mauá, inizialmente ottenuti da 25 anni un monopolio nell'operazione del settore. Anche se è stato un grande salto per il progresso e la crescita significativa della notte di commercio e cultura, la città reclutò valute temporali e socio-economiche. Le zone più periferiche è rimasto isolate con poca chiarezza e improvvisato illuminazione a lampade basato sugli oli vegetali o animali, mentre il più nobile goduto europeo progress in Brasile (MARTINS, 2011).

Figura 4-gas illuminazione su Central Avenue nel 1903, Rio de Janeiro. Fonte: http://museubenjaminconstant.blogspot.com.br/2013/07/curiosidades-iluminacao-do-rio-de.html (2013)
Figura 4-gas illuminazione su Central Avenue nel 1903, Rio de Janeiro. Fonte: http://museubenjaminconstant.blogspot.com.br/2013/07/curiosidades-iluminacao-do-rio-de.html (2013)

Tutti portati a credere che l'illuminazione prodotta da combustibili naturali era la grande scoperta della modernità e che ci sarebbe stato presto un'altra soluzione come efficace nella misura in cui la supera. Durante il periodo dal 1802 al 1840, grandi progressi si sono verificati in campo scientifico dei fenomeni elettrici e magnetici. Scienziati come André-Marie Ampère, George Simon Ohn, Johann Friedrich Karl Gaus e Humphry Davy, erano fondamentali per queste innovazioni tecnologiche.

Essendo uno dei primi a fare dimostrazioni per un edicola, Humphry Davy eseguita nel 1810 prima i membri della Royal Institution, l'esperimento di arco-fonditrice, che consisteva di una potente batteria collegato il legno coni retinici, o canne, carbone di legna, che formano un arco di 10 cm che ostacolano brucia rapidamente, nel momento stesso in cui riprodotta una forte luce fusa ad una lega di iridio e l'osmio con altre sostanze refrattarie. Tuttavia, solo nel 1844 le prime applicazioni della luce elettrica. Il fisico ed astronomo Jean Bernard Léon Foucault, condotto una serie di indagini l'intensità della luce solare attraverso il confronto con carbonio, permettendo questo creando una lampada simile all'arco di Davy. Lampade di Foucault erano una delle differenze utilizzando canne di carbone di storta, sottoprodotto delle caldaie producendo gas di illuminazione invece di barre di carbone di legna. Tale innovazione era importante per la crescita del settore emergente di lampade elettriche, che ogni anno ha aumentato il numero di brevetti con soluzioni tecnologiche sempre più efficaci (BERNARDO, 2007:151).

Il primo esperimento condotto nello spazio pubblico era nel dicembre 1844 da ottico Deleuil, su place de la Concorde a Parigi. Deleuil utilizzato una potente lampada ad arco che ha causato grande stupore e l'ammirazione degli spettatori. Presenti nel caso in cui lo scrittore Louis Figuier (1862), segnala:

Nel dicembre 1844, alle 08:00 della notte, il posto de la Concorde è stato pieno di curiosi, da tutti i punti della capitale, a frequentare l'esperienza che i giornali avevano annunciato. Uno spettacolo ammirevole dovrebbe pienamente soddisfare la vostra curiosità. Generata in tutta la folla un timore reale. Anche se c'era una nebbia piuttosto intensa, la luce elettrica ha penetrato i vapori e allagata tutta la place de la Concorde. Ho scoperto che se potessi leggere la carta, vicino l'Obelisco, nonostante la notte oscura, che copriva lo spazio che non si accende, e la nebbia che si sono diffuse ovunque. L'apparecchio di illuminazione, vale a dire, entrambe le estremità del carbone che formavano l'ArcLight, è stato disposto dal lato di Royal Street, sulle ginocchia della statua dalla città di Lille, e un centinaio di elementi sono stati alloggiati in un vano piccolo bruciatore di Bunsen, chiuso da un porta di bronzo, nell'impregnazione della statua (FIGUIER, 1862:102).

Nella stessa proporzione che ha causato il fascino per alcuni l'esperienza, d'altra parte c'erano coloro che ha criticato l'intensità della luce troppo forte. "Una luce come questo solo dovrebbe illuminare gli omicidi, crimini o corridoi pubblici di manicomi, un horror per evidenziare un altro horror. Quando guardiamo in esso una volta si cade per esso, "dichiarazioni dello scrittore scozzese Stevenson (STEVENSON apud COX, 1979:26) per evidenziare la tua luce di voltaic forte ripudio come la luce"incubo". Un altro problema che gli scienziati di fronte si trovava con l'usura degli elettrodi e l'instabilità dell'arco, che ha dovuto essere regolato manualmente. Al fine di risolvere tale avversità e ottenere più regolare e continua illuminazione possibile, diversi studiosi hanno proposti prototipi di regolatori automatici, come Thomas Wright nel 1846 e William Staite nel 1848. Nello stesso anno, Foucault con aiuto di Duboscq, anche inventore, perfezionato e costruito il "regolatore di Foucault", simile al sistema di Staite. L'intero processo di indagine usando la lampada ad arco come base di studio, è stato migliorato nel corso degli anni. La produzione di batterie più economiche e più pratici generatori ad induzione fornito di illuminazione elettrica un futuro praticabile (BERNARDO, 2007:158).

Figura 5 – prima illuminazione elettrica pubblica esperienza su place de la Concorde, Parigi. Fonte: https://books.google.com.br/books/about/Hist%C3%B3rias_da_Luz_e_das_Cores_volume_2.html?id=-YZL2h1jn8cC&redir_esc=yhtml (2007)
Figura 5 – prima illuminazione elettrica pubblica esperienza su place de la Concorde, Parigi. Fonte: https://books.google.com.br/books/about/Hist%C3%B3rias_da_Luz_e_das_Cores_volume_2.html?id=-YZL2h1jn8cC&redir_esc=yhtml (2007)

Ed era attraverso i progetti di Pavel Iablotchkov, ingegnere russo che nel 1875 ha costruito le candele di Jablochkoff, una versione dell'arco più economico che combinava le barre di elettrodo, posizionate fianco a fianco con 3 mm di distanza, separata da un isolanti di sostanza chiamato "colombin" ed alimentato da generatori elettrici avvolti in uno spazio chiuso che regolatori a taglio. In considerazione di ciò dal 1878 le strade di Parigi, Londra e altre città europee, ha cominciato ad usare le candele di Jablochkoff nell'illuminazione stradale (PINTO, 2008).

Secondo Abreu (2010), il primo filamento incandescente sono stati inventati simultaneamente e indipendentemente dal fisico inglese Sir Joseph Wilson Swan e Thomas Edison americano inventore nel 1778, molte discussioni sono state innescate circa brevetto priorità, tuttavia l'originalità è rimasto in dubbio poiché entrambi hanno impostato le loro fabbriche e laboratori sperimentali per la fabbricazione di lampade su larga scala, nello stesso periodo. Solo con la fusione delle due società può cessare conflitti in ottobre 1883. Nasce così l'inglese della società Edison e Swan United Electric Light Company Limited, che ha la licenza di produzione in diversi paesi. Insieme questa volta le lampade ha cominciato ad essere diffusa sul mercato, anche se erano di bassa intensità. La novità è andato rapidamente per rompere in ambienti residenziali e poco dopo conquistato ampi spazi, come ad esempio caffè, teatri, edifici pubblici, musei, palazzi, Alberghi, piazze e strade. Al fine di essere in grado di dar loro da mangiare, questi siti sono state installate macchine generatrici di energia elettrica, rendendolo un uso più pratico ed efficiente.

Figura 6 – esposizione di lampade prodotte dall'azienda di Edson e Swan nel 1899. Fonte: http://www.gracesguide.co.uk/File:Im189908Cass-Edi.jpg (2015)
Figura 6 – esposizione di lampade prodotte dall'azienda di Edson e Swan nel 1899. Fonte: http://www.gracesguide.co.uk/File:Im189908Cass-Edi.jpg (2015)

Oltre alle lampade ad incandescenza elettriche esterno Immaginate ha superato la funzione e alçaram il livello di elemento decorativo. "Electric gioielli", così come sono stati denominati, di cui per le trappole luminose che componevano i vestiti e gli oggetti scenici in teatri, piccole lampade ad incandescenza sono stati ingegnosi innescato capsule di creste e fili molto sottili collegati da un pila di zinco e carbone. I tablaos all'estero, i "gioielli elettrici" conquistato spettatori e hanno aderito raduni politici e parate commemorative (ABREU, 2010).

In Brasile Edison ha vinto l'installazione premio dall'intervento di Dom Pedro II, dopo che lo stesso onorato di vedere la luce elettrica nella città di Philadelphia, Stati Uniti d'America nel 1876. Per catturare la popolazione, l'imperatore, inaugurata la nuova illuminazione lungo la stazione della ferrovia d. Pedro II, de Estrada do Ferro centrale in Brasile, a Rio de Janeiro nel 1879. Due anni più tardi, nel 1881, ha iniziato le sostituzioni in tutta la città, gas di illuminazione elettrica. Nello stesso anno il giardino di campo di acclamazione, oggi Praça da República, ha ricevuto 16 lampade nella tua prima frase, spinti da motori a vapore lungo l'edificio del Ministero dell'aviazione ha vinto 60 lampade Edison Electric Co. Tuttavia, nella città di Campos di Goytacazes, Rio de Janeiro, ha aperto il primo servizio di illuminazione pubblica comunale in Sud America, un pioniere con un motore a vapore alimentato Lampadini 39 con 3 Dinamo (EDWARDS, 2010).

La girata del ventesimo secolo ha permesso ulteriori aziende straniere ad investire in Brasile. L'esempio dell'azienda Canada luce, che ha investito negli Stati di Rio de Janeiro e São Paulo, con eleganti posti previsti per i siti, la raffinatezza e la modernizzazione. Per 30 anni il fuoco era di espandere in tutto il paese, che a differenza di oggi, si trovava prima dopo l'infrastruttura consolidata e sviluppo urbano. La luce elettrica era uno sviluppatore sociale e commercio in zone remote del paese (BICALHO, 2009).

Anche con grandi progressi tecnologici gli inventori non erano soddisfatti della qualità della composizione delle lampade, desideravano che la luce artificiale è stato ideale e alto rendimento. Le ricerche sono state eseguite, materiali metallici sono stati testati e 1906 le lampade ad incandescenza del filamento di tungsteno solo successo incorporato attraverso Hans Kuzel, chimico austriaco che ha scoperto la luce con oltre 700 ore di vita. Alla fine del XVIII secolo erano iniziati nuovi passi di ricerca, dopo intravedere ciò che potrebbero fare i metalli, i ricercatori hanno volevano mettere alla prova l'efficienza del gas. Dopo l'esperienza di Davy nel 1802, c'erano già relazioni di esperimenti elettrostatici con gas contenuti in globi che prodotte scintille di luce. Alexandre Edmond Becquerel, nel 1857, ha vinto per la prima volta una lampada fluorescente da un tubo di scarico di Geissler è ricoperta da materiale fluorescente. Lo sviluppo delle lampade fluorescenti richiesto lunghi anni di miglioramento fino al presente. Solo nel 1930 sono stati presentati al pubblico presso la Fiera di mondo di New York e il tuo marketing dopo 8 anni. Ordinariamente eletto come lampada a luce fredda consentito del Novecento le masse che lo rende essenziale in molte applicazioni (BERNARDO, 2007:187).

Il francese naturalizzato brasiliano architetto e urbanista, Lucio Costa, applicato in città satellite di Brasilia nel 1950, che gli apparecchi utilizzati fluorescenti, assemblate e sono progettati secondo principi moderni dell'illuminotecnica. Poiché la creazione della lampada Arco, illuminazione universo è andato attraverso infinite trasformazioni, Lampade a vapori di mercurio, sodio vapore lampade, induzione, alta e bassa pressione e tanti altri modelli con funzioni diverse. Entrare a far parte degli anni 1960, le lampade di vapori di sodio ad alta pressione e multivapores in metallo, per impostare il paesaggio urbano delle città in Brasile e all'estero. Queste lampade sono stati ampiamente utilizzate per fornire accessibilità ed economia vitale per le strade e spazi urbani (Smith, 2006).

Nonostante il lungo processo di sviluppo delle lampade che illuminano la storia, che cosa possiamo imparare dal passato è che non esistono limiti alla conoscenza e al miglioramento delle tecnologie. Ieri c'era preoccupazione circa la durata e la quantità di emissione di luce, oggi, sostiene il mondo per una maggiore efficienza nella resa dei colori e della sostenibilità. Non c'è posto più per le lampade con uscita di grande energia. Che cosa crediamo per essere il futuro per più di 30 anni fa è diventato il dono della società tutti i giorni. Light Emitting Diode, noto come LED, è stata la scoperta di Joseph Henry Round nel 1902, che fornisce la nuova gamma della ricerca contemporanea.

Secondo Farley (2014), Round condotto esperimenti con tensione elettrica sui diodi, che sono semiconduttori costruiti combinando elementi quali arsenico, Indio, gallio, fosforo, germanio, silicio, alluminio, azoto e carbonio. Per osservare le reazioni delle prove alle diverse tensioni, notati che alcuni diodi fatta un bagliore unico sopra la superficie del materiale, questo fenomeno è stato causato dall'elettricità che attraversa la sostanza convertendolo in luce. Tuttavia lo scienziato non ha dato notevole importanza la scoperta e solo nel 1962, attraverso il Holoniack americano Nick Jr. ha ripreso i suoi studi a elettroluminescenza, può portare alla creazione della prima lampada LED di colore rosso, successivamente è comparso nel colore giallo e verde.

Figura 7 – scienziato Nick Holoniack Jr. con la tua creazione, il LED rosso. Fonte: http://news.illinois.edu/ii/12/1018/LED_at_50_Nick_Holonyal_Jr.html (2010)
Figura 7 – scienziato Nick Holoniack Jr. con la tua creazione, il LED rosso. Fonte: http://news.illinois.edu/ii/12/1018/LED_at_50_Nick_Holonyal_Jr.html (2010)

Fino a quel momento segnalato avanza risultati promettenti, ma uno dei più grandi successi nel campo appena arrivati con il decennio di 90, con lo sviluppo del LED blu. Shuji Nakamura era l'ingegnere giapponese responsabile per questo successo. Di conseguenza è stato possibile unire i tre colori base: rosso, verde e blu, creando il LED bianco, che oggi è ampiamente riprodotta in varie tecnologie come una fonte di luce.

Infine, il diodo luminoso è già una realtà, che sta gradualmente assumendo il ruolo di protagonista nella vita quotidiana delle persone e delle città. Controllando l'edificante e urbano architettura, economia, qualità, sicurezza e divertimento. Luce artificiale formati gli eventi sociali, illuminazione nelle strade l'identità di notte. Un'espressione progettata da pubblicità, artisti, commercio, passanti e il semplice movimento di veicoli.

3. La luce di notte e il comportamentale psicologia urbana

"L'idea tradizionale di illuminazione urbana sostenibile si basa solo sull'economia tecnica e ambientale. Perché l'illuminazione è soprattutto per le persone. L'illuminazione urbana dovrebbe essere incentrato su esperienze umane con qualità sociale e responsabilità coinvolti "(ROSSO, 2012).

La storia dimostra che l'umanità ha costruito grandi opere sull'assenza del sole. Fare strumento di cittadinanza e lotta contro la criminalità, illuminazione stradale e inibisce la guida distingue il paesaggio urbano. Tuttavia, l'esperienza di notte corrente rivela di essere una risorsa insufficiente e non sfruttato, in cui è banalmente configurato per trasportare solo il processo statico di alleggerimento.

È un fatto che ci era progresso nello svolgimento delle visite alle esigenze sociali, tuttavia poco è evoluto in paesaggio urbano multifunzionale luce, si potrebbero progettare sensorialismo, occupare luoghi pubblici abbandonati, promuovere la cultura, più reddito e marciapiede efficacemente la violenza. Purtroppo la realtà politica di molte metropoli brasiliani e stranieri sono nocturnal scenari ripetitivi ed erroneamente applicati, con normalizzazione e moltiplicazione dei posti quell'atmosfera opaca conotam e insignificante poco attraente . La realtà prevalente della vita moderna è la popolazione attiva per 24 ore, dove due mondi che occupano lo stesso spazio geografico, ma che fanno diverse prospettive. Bordi contrassegnati da aria, in cui uno inizia quando l'altro va fuori.

C'è una quantità considerevole di locali notturni emergenti che ha identità e abitanti. Aziende situate in paesi come la Cina e Regno Unito, capisco che queste nuove attività e lavoro notturno producono un'economia fiorente. Prima di allora, Lam (2015) set:

Nel 2009, l'economia è stata stimata per generare notte 27% del totale, mentre Sydney era in grado di creare benefici economici $ 2,7 miliardi con solo $ 127 milioni di trascorrere la notte. Quando progettiamo per la notte, dobbiamo considerare la necessità delle strade e dei luoghi per consentire un impiego economico e sociale complesso e vedono l'Illuminismo come il facilitatore della fiorente economia urbana. (LAM, 2015:14).

La città contemporanea è un corpo nutrito dai suoi abitanti che hanno la loro propria lingua, strutturati sensazioni e gesti, delimitati dall'ambiente fisico per le persone. Perché sono in rapida crescita dovrebbe essere analizzato per loro diversi contesti, prendendo come esempio: il clima, la situazione demografica e geografica. La Comunità è essenziale nel contribuire agli spazi più usuali e interattivi, e come nuove tecnologie sono offerti per il consumo privato, ho pensato che c'è un aumento nelle richieste di ambienti pubblici più confortevole che abbracciano tutti i tipi di gruppi sociali e promuovere esperienze percettive per gli utenti. Secondo lo scrittore e sociologo Lofland (1998), la qualità della vita delle grandi città europee è associato con il dialogo tra amministrazioni comunali e i residenti, pur mantenendo tutte le proposte all'interno del dominio pubblico urbano. Un altro fattore presentato dall'autore è quello di rispettare l'opinione pubblica come una condizione favorevole per l'economia, poiché contribuisce a portare investimenti del settore privato, fino al 40% dell'importo speso.

La percezione causata da una buona illuminazione crea significati della cultura per la città, come importante elemento di design. È l'espressione di questo nuovo genere di arte moderna in grado di ridefinire gli spazi e la potenza di feltro. Il modo che gli elementi leggeri sono inseriti nell'ambiente fisico, il simbolismo e la psicologia sono lavorati e può interferire con l'atmosfera e il clima creando collegamenti di simboli l'immagine del luogo. "Questi segni luminosi, astratti o significativi, possibile compitare uno spazio, come luminosi punti di riferimento lungo il perimetro di un quadrato, grafiche Express, traiettorie importanti prospettive, real, percorsi immaginari o poetici" (MIGUEZ, 2005:06), e fornire la visione di alcune delle trame che costruire la griglia urbana, quali strade, canali, le linee di autobus, treno o metropolitana, tra gli altri.

Quando l'immaginario è esplorato da paesaggio animato, armonia di luce, colori e suoni si combinano e portare agli osservatori di giocoso, per collegare l'attrazione con le emozioni primarie di gioia e sorpresa, scintillante l'atmosfera resa. Ad esempio, il lavoro svolto in Video Mapping (mappatura), che sono le tecniche di animazione di film, video o computacionadas in superfici interne ed esterne che uniscono il mapping della struttura fisica dell'edificio gli effetti tridimensionali progettati si sovrappongono solo nella zona desiderata dell'edificio, che presenta il visore con intrattenimento audiovisivo (GARCIA, 2014).

L'impatto cognitivo della luce di notte, influenza il comportamento e cambiamenti di umore, che sono determinate dalla qualità dell'ambiente. Se si sono riempiti di significati positivi, l'area attirerà visitatori trascorrere più tempo lì, altrimenti possono provocare reazioni opposte e si respingerà l'intero design. Questi comportamenti devono essere identificati da studi preliminari in modo che possono rispondere i valori necessari per aggiungere il rapporto persona-ambiente (VARGAS, 2011).

Città che mescolare il vecchio con l'architettura contemporanea rappresentano un residenti di collegamento generazionale con equità. I piani di luce-sensibile come uno strumento che mette in evidenza le strutture degli edifici, facilita la comprensione del significato storico, consentendo la notte è una tela dipinta da strati leggeri che includono il passare del tempo.

Figura 8 – dimostrazione di Video Mapping. Fonte: http://www.tracksevenevents.com/blog/-projection-mapping-the-new-power-in-event-management (2015)
Figura 8 – dimostrazione di Video Mapping. Fonte: http://www.tracksevenevents.com/blog/-projection-mapping-the-new-power-in-event-management (2015)

Tuttavia, strutture temporanee sono anche fonti di interazione della Comunità. L'arte prodotta in occasione di eventi come Festival della luce, portare persone e favorire la promozione e attività commerciali. Come è il caso delle feste tradizionali fiori di ciliegio del Giappone. Che attirano in media 10 giorni, 20000 persone. Lo spettacolo all'aperto offre illuminazione in ogni albero, sottolineando il significato dei fiori e l'importanza dell'identità culturale del paese. Nel Castello di Fukuoka, mille alberi di ciliegio sono illuminati per progettare l'ombra sulle pareti della fortezza. Sono eventi come questi che incantano i giapponesi e turisti, offrendo un'esperienza distinta e senza rivali (K, 2016).

Figura 9-illuminato alberi del Castello di Fukuoka. Fonte: http://saku-hana.jp/gallery/gallery.html (2015)
Figura 9-illuminato alberi del Castello di Fukuoka. Fonte: http://saku-hana.jp/gallery/gallery.html (2015)

4. L'eccesso e il linguaggio inclusivo

Salute sociale notte può essere verificato anche troppe informazioni. L'inquinamento luminoso è uno dei problemi evidenziati dalla popolazione che vive nei grandi centri. Insegne pubblicitarie, attrezzature irregolari, temperatura di colore inadeguata, abbagliamento e luce outsider, sono alcuni dei problemi più frequenti. Questo è perché c'è diverse fonti di luce che generano reale ridondanza tra pubblica e privata di luce. Come visto in precedenza, tutte le luci trasporta reazioni fisiche e comportamentali nel corpo umano, utilizzo non corretto può causare impatti negativi e la qualità della vita, come depressione, ansia, insonnia, emicrania e sensibilità oculare. Gli studi indicano che ci sarà un aumento del 6% all'anno in illuminazione notturna e in aree come Tokyo e Messico raggiungerà 20%, che contribuisce anche a sprechi energetici e aumentano le emissioni di gas di carbonio nell'atmosfera (LAM, 2015).

Oltre alle emissioni eccessive devono essere attenta ad altre condizioni sociali, come invecchiamento della popolazione. Questo fenomeno si verifica su scala globale e per lo più nei paesi sviluppati. Il Brasile è attualmente classificato con una popolazione adulta e la stima che nel prossimo futuro sono invecchiati quadro demografico. Per gli anziani, c'è una maggiore sensibilità alle fonti di luce. Ciò è dovuto i cambiamenti della indici di rifrazione e del colore, vale a dire, le passate di persona a vedere più di colore giallastro. Negli anni 70 è essenziale disporre di fonti luminose meno abbagliante e producendo più luminosità. Ambienti che hanno puntate su giovani, le condizioni di progetto di illuminazione tendono a suscitare lo stress a coloro che sono nella terza età. "L'inclusione di tali considerazioni nei progetti di gestione degli spazi pubblici di coesistenza con alta concentrazione di persone anziane, come parchi e piazze, favorisce il consolidamento di ambienti notte" (rovere; MALIK; VANDERLEI, 2008:06).

Il colore è un altro fattore essenziale per promuovere spazi aperti di qualità senza interferire nel quartiere. L'Università di Cambridge, Massachusetts, ha sviluppato la prima illuminazione pubblica basato su cicli circadiani. Per quanto sia un sistema che si adatta le lunghezze d'onda e gli spettri di colore, secondo il luogo, tempo e attività esercitata. Le strade sono controllate tramite sistema wireless, è possibile regolare l'intensità, il colore graduale e lavorare in modalità eco (LOCKLEY; LIPSON, 2014).

5. L'Illuminismo come strumento urbano

Riconoscendo che le esperienze humandas e la diversità culturale sono parte della forza trainante di un progetto di buona illuminazione, sarà presentato tre proposte distinte, che hanno avuto successo nell'interazione di spazio con il pubblico. Con uno spettacolo interattivi progetti urbani sono stati scelti nel rispetto di tutto il processo, tenendo conto della posizione, inclusione, attestazioni e la legge del luogo.

Il primo è il tempo di Swing (Swing Time), si trova a Boston, Stati Uniti d'America, design firmato da Howeler e Yoon Architecture, che è stato istituito per servire come un parco giochi per tutte le età. Installato fra un centro congressi e il centro espositivo, il parco si propone di attivare lo spazio libero utilizzando tecnologia e creatività. Il saldo è composto da venti forme circolari in polipropilene, che hanno tre dimensioni per ospitare tutte le altezze, soldati in un telaio in acciaio. Suo contenuto è costituito da lampade a LED che sono attivati in toni variano di colore bianco, blu e viola, come la velocità e il tipo di movimento sono tenuti. I pezzi sono stati progettati per incoraggiare il settore di tecnologia che si sta espandendo nella regione e allo stesso tempo servono come intrattenimento per famiglie. La collaborazione del Municipio e coinvolgimento della Comunità era fondamentale per il successo. Il tempo di Swing è il laboratorio di idee che divenne teatro di numerosi eventi culinari e sociali per la Comunità (MACLEOD, 2014).

Figura 10 – tempo di Swing attrezzature urbano al crepuscolo. Fonte: John Horner (2016)
Figura 10 – tempo di Swing attrezzature urbano al crepuscolo. Fonte: John Horner (2016)
Figura 11 – tempo di Swing attrezzature urbano di notte.  Fonte: John Horner (2016)
Figura 11 – tempo di Swing attrezzature urbano di notte.  Fonte: John Horner (2016)

Il secondo è l'installazione Marling, situato nella piazza centrale della città di Eindhoven in Olanda, è considerato come l'aurora boreale tridimensionale delle voci. Progettato dal gruppo Usman Haque, gli effetti consentono di migliaia di persone a partecipare a un'esperienza unica dove gli spettatori diventano attori in scena urbana. Nel progetto vengono utilizzati vari proiettori laser 2D, microfoni e macchine per il fumi, che a causa dell'interazione dei suoni comuni, creare modelli di linee semplici occorre integrare generare fenomeni infiniti in 3D. Il movimento che la luce apparente agisce sulla somma, Esplora l'inventiva in colori animati fischiato dalla folla. Un lavoro che porta i partecipanti a un virtuale spazio urbano originato da variazioni di volume e suoni (LI, 2015).

Figura 12 – installazione Marling. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2012)
Figura 12 – installazione Marling. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2012)
Figura 13 – installazione Marling, la voce dei passanti modificare il colore e il formato dei disegni nel cielo. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2012)
Figura 13 – installazione Marling, la voce dei passanti modificare il colore e il formato dei disegni nel cielo. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2012)

E infine il progetto di rivitalizzazione di Leicester Square a Londra, Inghilterra. Il lavoro di progettazione di illuminazione è stato effettuato da società Burns bello Arup Lighting & e Hyder Consulting. Inizialmente il corridoio di città di Londra è stato progettato per aumentare il senso di sicurezza della piazza, illuminando le aree pavimentate e mettendo in evidenza i monumenti e le sculture dai giardini, che non avevano sistemi di sorveglianza buona anteprima di notte. Per realizzare il grande potenziale impatto, architetti e designer hanno progettato più piccolo post che ha favorito l'accesso locale, illuminazione e senza offuscare i driver che viaggiano intorno. Una serie di 12 watt LED proiettori con luce calda in formato colonna, sono stati distribuiti in gruppi all'interno dei confini della piazza. Così con contorni sottili le lampade non sono venuto in conflitto con il paesaggio naturale durante il giorno. Inoltre, gruppi di pannelli in policarbonato trasparente con LED, erano adatti a varie altezze che formano un set ópito regolabile. In posizione strategica, i punti di luce sui contorni del terreno, emettere volume ed elementi verticali, controllati da un sistema remoto e dimerizável secondo la stagione e il passaggio durante la notte. Inoltre, luci orizzontali sono stati posti sotto banche concrete che compongono l'arredo urbano, quindi il tour è stato interamente illuminato evitando incidenti. Una macchia di ogni post è stata reindirizzata ad per illuminare le cime degli alberi, così stimolato un paesaggio romantico. Si tratta di un design semplice, ma che ha liberato il potenziale di notte contenute per la città e il modo che le persone godono esso (IGUZZINI, 2015).

Figura 14 – Tour di Leicester Square a Londra. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2016)
Figura 14 – Tour di Leicester Square a Londra. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2016)
Figura 15-banca essendo illuminata orizzontalmente con luce diffusa. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2016)
Figura 15-banca essendo illuminata orizzontalmente con luce diffusa. Fonte: http://www.haque.co.uk/marling.php (2016)

Conclusione

La notte è importante quanto il giorno. Pensieri più intelligenti di illuminazione pubblica fornisce condizioni più favorevoli ai rapporti personali e il modo della strada è vista e giudicata. La mancanza di pianificazione strategica ha puntato su design notturno rappresenta i problemi sociali e politici che la popolazione deve affrontare ogni giorno. Non necessariamente, grandi interventi urbanistici dovrebbero essere condotte quando c'è dedizione e creatività, la mente è che la connessione potrebbe richiedere i luoghi straordinari senza spendere il budget esorbitante.

La lampada è il mezzo da cui persone e architettura diventano protagonisti del design della città, i migliori risultati che prosperano per la connettività che possa presentare unica notte di disegno. Il futuro è sempre più condizionato dalle esperienze, concentrandosi su soluzioni e contesti specifici di comportamento urbano, per rendere gli ambienti più piacevoli e sicuri.

In passato c'era l'insistenza che più luce era sinonimo di qualità. Ma l'abbondanza di molte aree urbane hanno portato conseguenze negative. È necessario comprendere le diverse sfumature della notte al fine di creare approcci efficaci.

Il successo di progetti specifici dipende, in molti casi, la comprensione e l'appropriato utilizzo delle tecnologie. I benefici si faranno sentire solo da chi lavora con l'economia e l'ambiente. La luce è fondamentale per la vita sociale, ma l'illuminazione è il concetto di interazione tra l'umanità con la città 24 ore su 24.

Riferimenti

ABREU, Yolanda Vazquez. Energia ambiente e società. Brasile: Eumed, 2010.

BERNARDO, Lúis Miguel. Storia di luce e colori. Porto: Up, 2007.

BICALHO, Ronaldo. L'energia elettrica in Brasile: l'introduzione di energia elettrica nel paese. Rio de Janeiro: articolo, 2009. Disponibile a: <http: blogln.ning.com/profiles/blogs/a-energia-eletrica-no-brasil-i="">.</http:> Accesso in: 20 settembre 2016.

Rovere, Nerissa Barros; MALIK, Laura Bezerra e VANDERLEI, Luiz Onélio de Oliveira. Lighting Design e l'ergonomia della luce artificiale: l'impatto dell'illuminazione pubblica della città e dei suoi utenti, Olinda, 2008. Disponibile a: <http: www.cgti.org.br/publicacoes/2016/01/18/lighting-design-e-ergonomia-da-luz-artificial-o-impacto-da-iluminacao-publica-sobre-a-cidade-e-seus-usuarios/="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

COX, r. James. Il secolo di luce. New York: Benjamon azienda/Rutledge libro, 1979.

DERZER, Farley. Notte della città: l'illuminazione artificiale e modernità. Brasilia: Universidade de Brasília, 2014.

EDWARDS, Adam. Come ha fatto l'illuminazione. Università statale di Londrina Londrina, 2010.

FIGUIER, Louis. Spettroscopi et analizzare spectrale. Parigi: Hachette et Cie Bookstore, 1862. Disponibile a: <http: gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k73257/f8.image="">.</http:> Accesso a: 16 settembre 2016.

GARCIA, Rafael de Oliveira. VIDEO MAPPING: Uno studio teorico e pratico sulle mappe di proiezione, Bauru/SP: Universidade Estadual Paulista, 2014. Disponibile a: <http: repositorio.unesp.br/bitstream/handle/11449/119214/000747199.pdf?sequence="1">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

IGUZZINI Illuminazione. Leicester Square, Italia, 2015. Disponibile a: <http: www.iguzzini.com/projects/project-gallery/leicester-square/="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

K, k. Fukuoka Castello Sakura Festival 2016 (Giappone), Giappone, 2016. Disponibile a: <http: endlesstravelingmap.blogspot.com.br/2016/04/travel-fukuoka-castle-sakura-festival.html="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

Lam, Florence. Città viva-ripensare le sfumature della notte. Londra: ARUP, 2015.

Li, Renxiang. Percezione del movimento visivo in spazio proiettata, Cina, 2015. Disponibile a: <http: www.interactivearchitecture.org/visual-motion-perception-in-projected-space.html="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

LOCKLEY, Steven e LIPSON, Sam. Scheda informativa di Cambridge Streetlight conversione, Cambridge, 2014. Disponibile a: <http: www.cambridgema.gov/~/media/files/electricaldepartment/led%20conversion%20fact%20sheet_final.ashx="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

LOFLAND, Lyn H. Il Regno-esplorare pubblica della città per eccellenza sociale territorio. New Jersey: New Brunswick, 1998. Disponibile a: <https: books.google.com.br/books/about/the_public_realm.html?id="vckzR8aHfJIC&redir_esc=y">.</https:> Acceduto a sopra: 5 novembre 2016.

MACLEOD, Finn. Ottenere Swinging in Boston su questi incandescente LED Hoops, Boston, 2014. Disponibile a: <http: www.archdaily.com/549643/get-swinging-in-boston-on-these-glowing-led-hoops/="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

MALIK, Juliana. Il ruolo sociale della luce urbana. Numero 69, ottobre 2011. Disponibili in <http: www.osetoreletrico.com.br="">.</http:> Accesso a: 15 settembre 2016.

MIGUEZ, José Canosa. L'illuminazione dell'architettura e del suo impatto sui piani di abbellimento della città-città, Rio de Janeiro: un'architettura di luce, 2005. Disponibile a: <http: www.iar.unicamp.br/lab/luz/ld/arquitetural/artigos/02%20-%20pro_fachadas_vis%e3o_geral.pdf="">.</http:> Acceduto a sopra: 5 novembre 2016.

PINTO, Ricardo. Paul Jablochkoff. Lisbona: Università Cattolica Portoghese, 2008. Disponibile a: <http: www.wikienergia.pt/~edp/index.php?title="Paul_Jablochkoff">.</http:> Accesso in: 11 ottobre 2016.

ROSSO, Maurizio. Esperienza di illuminazione sostenibilità nell'ambiente. Milano: Politecnico di Milano, 2012.

SILVA, Lemos Túlio Lustosa. Illuminazione pubblica in Brasile: energia e aspetti istituzionali. Rio de Janeiro: Universidade Federal do Rio de Janeiro, 2006.

VARGAS, Claudia Rioja d'Aragona. Gli impatti dell'illuminazione: visione, cognizione e comportamento, São Paulo: LUMIERE Magazine 2011. Disponibile a: <http: www.iar.unicamp.br/lab/luz/ld/sa%fade/artigos/os_impactos_da_iluminacao_visao_congnicao_e_comportamento.pdf="">.</http:> Acceduto a: 6 novembre 2016.

Williams, Sergio. Illuminazione pubblica. Santi: Fondazione file e memoria, 2016.

[1] Laurea triennale in architettura e urbanistica (2013); Interior Design Technologist (2014); Post-laurea in Master in architettura e illuminazione (2016);

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here