Valutazione dell'attività antibatterica e antifungina dell'olio essenziale dagli agrumi

0
751
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

RODRIGUES, Amanda Sabino [1], SILVA, Michelli Aparecida Bertolazo da [2]

RODRIGUES, Amanda Sabino; SILVA, Michelli Aparecida Bertolazo da. Valutazione dell'attività antibatterica e antifungina dell'olio essenziale dagli agrumi. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 03, Ed. 06, vol. 03, pp. 106-118, giugno 2018. ISSN: 0959-2448

Oli essenziali di agrumi rappresentano un'importante classe di sostanze chimiche secreto dalle piante, che presentano diversi vantaggi per la salute umana, piante che tiene grande interessano genera l'attività antimicrobica nei Pro biotecnologie di conseguenza molti microrganismi esibiscono la resistenza agli antibiotici. In questo contesto, prove di attività biologica in estratti permette lo sviluppo di nuovi prodotti. L'obiettivo di questo lavoro per valutare l'attività antibatterica e antimicotica degli oli essenziali di Tahiti lime (Citrus aurantifolia) e arancio (Citrus sinensis) pera contro i microrganismi lo Staphylococcus aureus (ATCC 25923), Pseudomonas aeruginosa ( ATCC 27853), Staphylococcus epidermidis (ATCC 14990) e Candida albicans (ATCC 289065). Il metodo utilizzato per estrazione di oli essenziali era distillazione a vapore, utilizzando trascinare i solventi esano e diclorometano per la separazione delle frazioni. La valutazione dei risultati è stata effettuata misurando il diametro dell'alone di inibizione sui dischi anteriori crescenti imbevuto con 10 µ l di ciascuna frazione. I risultati per entrambi sono promettenti, che richiedono il completamento di nuove recensioni per la conferma dell'efficacia del prodotto.

Parole chiave: olio essenziale, Orange, pear, Tahiti lime, attività antibatterica, antifungina.

1. Introduzione

La produzione brasiliana di arancia e limone nel 2013, secondo l'IBGE – Istituto brasiliano di geografia e statistica, è stato di 18,5 milioni tonnellate. La maggior parte della produzione è in stato di São Paulo per la produzione di succo, che genera una notevole quantità di rifiuti industriali. La preoccupazione per l'ambiente ha motivato i ricercatori a trovare un'utilità per rifiuti industriali, come questi, una volta generato, hanno bisogno di una destinazione appropriata non per generare impatti ambientali, danneggiando la biodiversità. Detto questo, c'è un crescente interesse negli studi di biotecnologia proponendo utilizzi alternativi per i rifiuti agroindustriali biologicamente attivi, riutilizzo e aggiungendo valore alle sostanze che altrimenti sarebbero da scartare. Lo sviluppo di progetti che utilizzano i rifiuti industriali, soprattutto nello sviluppo di nuovi farmaci, cibo, energia e prevenzione dell'inquinamento ambientale sono di grande valore per lo sviluppo sostenibile (PELIZER et al., 2007; REZZADORI et al., 2009; SCHENBERG, 2010).

Il numero di casi di infezioni batteriche e fungine, come pure la resistenza acquisita da questi microrganismi antimicrobici ha richiamato l'attenzione per l'anteriore la Comunità e i ricercatori. In questo contesto, la ricerca di nuove sostanze attive nel controllo delle infezioni se lo rende estremamente necessario. Se consideriamo che spesso vengono scoperte nuove specie, si stima che solo l'1% della portata della biodiversità esistente è stato utilizzato. Così, ci sembra di essere molte fonti ancora da esplorare alla ricerca di nuovi antibiotici e antimicotici (MICHAEL caso et al., 2010).

Su quanto sopra, il presente lavoro si propone di valutare preliminarmente antibatterica e antimicotica attività dell'olio essenziale da Orange peel pera (Citrus sinensis) e Tahiti lime (Citrus aurantifolia), che mira allo sviluppo futuro di una prodotto con attività antimicrobica.

2. Materiale e metodi

Per condurre gli esperimenti sono stati ottenuti pera arance (Citrus sinensis) e Thaiti limoni (Citrus aurantifolia) ready-to-eat un Supply Center di Paraná S/A-CEASA/Pr.

2.1 olio essenziale di arancia estrazioni Pera

L'estrazione dell'olio essenziale di arancio Pera è stata condotta secondo la metodologia di Trancoso (2013): inizialmente, isolato la parte del flavedo è (di fuori la buccia) che sono state tagliate in un diametro di 4 mm utilizzando 128 grammi di corteccia per ogni estrazione. Tre estrazioni sono state effettuate con pera arancia. Il metodo utilizzato è stato il hidrodestilação in Clevenger apparato (distillazione di vapore trascinamento) con aggiunta di 500 ml di acqua distillata con durata di 5 ore a temperatura costante di 96 gradi C.

2.2 estratti di olio essenziale di Tahiti calce

C'erano due estrazioni con 56 grammi di buccia di limone tritata Tahiti in un diametro di 4 mm, con 200 ml di acqua distillata per hidrodestilação nell'apparato Clevenger (distillazione da trascinare il valore) con durata di 3 ore a temperatura di 96 gradi C.

2.3 estrazione con solvente

Gli estratti ottenuti sono stati suddivisi con diclorometano ed esano, utilizzando 5 ml di solvente per ogni 100 ml di soluzione di olio/acqua in un imbuto separatore. Le soluzioni ottenute sono state poi archiviate nel becher e lasciato riposare per 24 ore per completare solventi organici volatilizzazione, così, solo l'olio essenziale richiesto.

2.4 valutazione dell'attività antibatterica

Per la valutazione dell'effetto antibatterico delle frazioni ottenute nell'estrazione di olio essenziale, utilizzato specie batteriche: Staphylococcus aureus (ATCC 25923), Pseudomonas aeruginosa (ATCC 27853) e Staphylococcus epidermidis (ATCC 14990). Microrganismi sono stati seminati in piastre di Petri sterili con agar Mueller-Hinton KASVI®.

Sono stati utilizzati per lo sviluppo degli aloni di inibizione dischi di carta da filtro sterile imbevuti di 10 μL di ogni frazione ottenuta olio essenziale in estrazione con solvente. Per controllare, sono state usate, amikacina, Clindamicina antibiotici e Vancomycin DME®. Le piastre sono state immagazzinate in un forno a 37 gradi C per 48 ore. Gli aloni di inibizione poi sono stati misurati per analisi preliminare dell'attività antimicrobica. Tutti i test sono stati eseguiti in triplice copia.

2.5 valutazione di attività antifungina

Per la valutazione dell'effetto antibatterico delle frazioni ottenute nell'estrazione di olio essenziale, specie fungine è stato usato Candida albicans (ATCC 289065), seminate in piastre di Petri sterili con agar Sabouraud KASVI®.

Sono stati utilizzati per lo sviluppo degli aloni di inibizione dischi di carta da filtro sterile imbevuti di 10 μL di ogni frazione ottenuta olio essenziale in estrazione con solvente. Per controllare i dischi erano usata carta da filtro sterile imbevuto in nistatina crema 25.000 IU/g (NEO® chimica), le piastre sono state conservate ad una temperatura di 25 gradi C per 96 ore. Gli aloni di inibizione poi sono stati misurati per analisi preliminare dell'attività antimicrobica. Tutti i test sono stati eseguiti in triplice copia.

3. Risultati e discussione

3.1 valutazione dell'attività antibatterica

attività antibatterica valutazione 3.1.1 pera arancio (Citrus sinensis)

La tabella 1 Mostra il risultato del diametro medio di inibizione ottenuto dalle valutazioni dell'attività antibatterica dell'olio essenziale di arancio pera in estrazioni con solvente diclorometano ed esano. Si può osservare che non c'era che nessuna presenza di aloni di inibizione per le frazioni testato olio essenziale. Tuttavia, questo non impedisce nuove ricerche sono effettuate per quanto riguarda il potenziale dell'effetto antibatterico davanti a s. aureus e s. epidermidis, altri metodi di estrazione di prova.

Gli antibiotici vancomicina, clindamicina e amikacina sono stati utilizzati come controllo positivo a questo test. Amikacina ha presentato il miglior risultato per i due microrganismi e per s. aureus la media del 25,4 mm era aloni e per s. epidermidis era 32,1 mm Media.

Tabella 01. Il diametro medio di inibizione delle frazioni di olio essenziale di arancio pera e controlli per lo Staphylococcus aureus e Staphylococcus epidermidis.

Antimicrobico/frazione Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

S. aureus

Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

S. epidermidis

Clindamycin 17,4 27,8
Vancomicina 15,6 19,3
Amikacina 25.4 32,1
Frazione di diclorometano 0 0
Frazione di esano 0 0

 

attività antibatterica calce di valutazione 3.1.2 Tahiti (Citrus aurantifolia)

Sono espressi in tabella 2 i valori del diametro medio di inibizione ottenuti dalle valutazioni dell'attività antibatterica dell'olio essenziale di limone Thaiti in estrazioni con solventi diclorometano ed esano. Si può vedere che c'è stato lo sviluppo degli aloni di inibizione per tutti i microrganismi testati con la frazione di diclorometano. Prendendo in considerazione la frazione di esano, c'era lo sviluppo degli aloni di inibizione per s. epidermidis e p. aeruginosa

 Tabella 2. Il diametro medio di inibizione delle frazioni di olio essenziale di limone Thaiti e dei controlli per lo Staphylococcus aureus, Staphylococcus epidermidis e Pseudomonas aeruginosa

Antimicrobico/frazione Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

S. aureus

Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

S. epidermidis

Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

P. aeruginosa

Amikacina 25,45 28,5 37
Vancomicina 0 0 19
Clindamycin 23,15 23,15 22,6
Frazione di diclorometano 7.3 12.3 14
Frazione di esano 0 12,6 10.3

 

Il Tahiti lime (Citrus aurantifolia) ha il 70% di d-limonene nel tuo guscio, dove l'olio essenziale è estratto (JAIN et al., 2007). Secondo Oliveira (2013) il d-limonene, ha ampia applicazione industriale in area cosmetica come fragranza e zona di cibo come agente antimicrobico che potrebbe essere osservato in questo studio.

Il risultato ottenuto in piastre con micro-organismi p. aeruginosa e s. epidermidis è stato indicato per essere significativo, con diametro di aloni sopra 10 mm mostrando alcune sensibilità dei microrganismi nei confronti di olio essenziale. Questi risultati erano simili a quelle dimostrate da Smith (2008), che ha segnalato lo sviluppo degli aloni di inibizione di 14 mm.

Subramenium et al., (2014) esplorato l'efficacia del d-limonene come potenziali antibiotici contro le specie del genere Streptococcus e ha concluso che il Limonene ha circa il 75-95% di attività antibiotica contro gli agenti patogeni testati.

Gerhardt et al., (2012) condotto la valutazione dell'attività antibatterica di estratti alcolici da corteccia di agrumi di bergamotto-ponkan, pompelmo e Limone-Bergamotto, come la concentrazione minima inibente (MIC) e la concentrazione minima battericida (CBM) . In questo studio, l'Estratto di Limone-Bergamotto presentato il miglior risultato e i batteri più sensibili agli estratti era p. aeruginosa.

3.2 valutazione di attività antifungina

attività antifungina valutazione 3.2.1 pera arancio (Citrus sinensis)

Nella tabella 3 può osservare i valori medi del diametro di inibizione ottenuto dalle valutazioni dell'attività antifungina dell'olio essenziale di arancio pera in estrazioni con solvente diclorometano e solvente esano. Uno può osservare rilevante sensibilità del fungo davanti la frazione di diclorometano.

Tabella 3. Il diametro medio di inibizione delle frazioni di olio essenziale di arancio pera e controllo per c. albicans.

Antimicrobico/frazione Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

Albicans del c.

Nistatina 13
Frazione di diclorometano 17
Frazione di esano 0

 

L'estrazione con diclorometano ha esibito il miglior risultato, dove il diametro dell'alone era di 17 mm. Oliveira et al (2007) ha mostrato un confronto tra antimicotico ed attività antiossidante di limone frutta, arancia, mela, melanzane, patate, grani di riso e grano sul fungo Aspergillus flavus. Tra tutti i frutti, l'arancio e il limone 80% esposti attività antifungina di 95%, con le più grandi percentuali di inibizione.

Risultati simili sono stati ottenuti da Chandra et al., (2012) in cui ha condotto una ricerca di attività antifungina di oli essenziali di arancio, limone, mandarino, pindaíba e guabiroba su ceppi di c. albicans (ATCC 289065), c. tropicalis ( ATCC 40042), c. krusei (ATCC 40147) della cavità orale, che conduce allo sviluppo della candidosi orale. In questa ricerca, la pera di Orange ha presentato halo 14,5 mm per c. albicans, c. tropicalis 16,5 mm e 40,0 mm a c. krusei.

Secondo Martos et al., (2007) in uno studio sull'effetto degli oli essenziali di limone, mandarino, pompelmo e arancio sul niger, a. flavus…, p. chrysogenum e p. verrucosum, olio essenziale di arancia era più efficace contro a. niger.

Valutazione di calce di attività antifungina 3.2.2 Tahiti (Citrus aurantifolia)

Nella tabella 4 si può osservare i valori di diametro medio di inibizione ottenuto dalle valutazioni dell'attività antifungina dell'olio essenziale di limone Thaiti in estrazioni con solvente diclorometano ed esano. Potete vedere alcune sensibilità del fungo davanti la frazione di diclorometano.

Tabella 4. Il diametro medio di inibizione delle frazioni di olio essenziale di limone Thaiti e controllo per c. albicans.

Antimicrobico/frazione Valore medio dell'alone di inibizione (mm)

Albicans del c.

Nistatina 13,5
Frazione di diclorometano 8.3
Frazione di esano 0

 

Secondo Bhagavani et al., (1992), il 60% di oli essenziali possiedono attività antifungina e 35% Mostra attività antibatterica. La candidosi è un'infezione molto comune e Candida albicans è considerato uno dei principali agenti eziologici di questa (LIMA et al., 2006).

Era possibile osservare la presenza di notevole diametro aloni di inibizione su estrazione con diclorometano, mostrando il risultato dell'alone di inibizione media a 8,3 mm. Lima et al (2006) ha mostrato un risultato equivalente, in quanto l'olio essenziale di limone (c. limon) ha inibito il 42% dei ceppi di diverse specie di Candida, che sono stati usati, con aloni di inibizione fino a 10 mm.

Araújo et al (2005) hanno mostrato l'effetto antifungino in vitro dell'estratto di bucce di limone su c. albicans, c. tropicalis, c. stellatoidea, c. krusei, Estratto di limone ha presentato attività antifungina su c. albicans, c. tropicalis e c. krusei con aloni di inibizione di 11 mm a 18 mm.

Conclusione

I risultati ottenuti mostrano che:

L'olio essenziale di arancio pera ha mostrato alcuna attività antibatterica contro microrganismi s. aureus e s. epidermidis.

Tahiti lime olio essenziale ha mostrato attività antibatterica contro i ceppi di s. aureus, s. epidermidis e p. aeruginosa, estrazione con diclorometano esposto aloni con diametro maggiore rispetto all'estrazione con esano.

Valutazione di attività antifungina, oli essenziali di Tahiti lime e arancia pera ha mostrato attività nell'estrazione con diclorometano con enfasi sull'olio essenziale di arancio pera risultati più grande potenziale inibitore.

C'è la necessità di ulteriori ricerche nel tentativo di analizzare l'attività antimicrobica degli oli utilizzati, considerando altre variabili come: tecniche di estrazione di solventi vari, micro-organismi, tossicità, nonché uso di metodi di analisi di reddito, isolamento e purificazione dei principi attivi, che cercano l'applicabilità dei componenti nel trattamento delle infezioni.

Riferimenti

AGUILAR, C. R. F.; IRA DI PERE, M. S. V.; HAILU, S. J.; PEREIRA, J. V.; MALHOTRA, a. b. in vitro antifungino effetto di Citrus limon linn. circa Cándidas. Giornale dentale brasiliano. Vol. 63, n. 4, p. 227-229. 2005.

BHAVANANI N. M.; BALLOW C. H. Nuovi agenti per i batteri Gram-positivi. Curr Opin Microbiol. Vol. 13. p. 528. Ottobre 2000.

BIZZO, H. R. oli essenziali in Brasile: aspetti generali, sviluppo e prospettive. Nuova chimica. Vol. 32. N. 3. p. 591. 2009.

CASO DI MICHAEL, K.; DUARTE, M.; CARGNIN, S. T.; ROSSI, V.; TASCA, T.;  MACEDO, j. a. resistenza batterica nell'ambiente e implicazioni nella clinica ospedale. Rivista di liberato. Nuova Amburgo, vol. 11, n. 16, p. 184-188.  Jul/dez. 2010.

CHANDRA, W. Y.; ALMEIDA, L. F. D.; Padilha, w. w. n. attività antifungina di oli essenziali su tre ceppi di Candida. Centrale brasiliano Dental Journal. Vol. 20. N. 52. 2011.

GERHARDT, c. uso di scorze di agrumi nella prospettiva del cibo: prospezione di attività antibatterica. Braz. J. food Technology. Vol. IV. p. 11-17. Maggio. 2012.

JAIN, M. R. M.; PASTORE, biotrasformazione m. g. di Limonene: una rassegna delle principali vie metaboliche. Nuova chimica, vol. 30, n. 2, p. 382-386. 2007.

LIMA, I.; OLIVEIRA, A. G.; LIMA, E.; FARIAS, N. M. P.; Souza, l. e. attività antifungina di oli essenziali su specie di Candida. Giornale brasiliano di farmacognosia.  Vol. 16, n. 2, p. 197-201. Aprile 2006/giugno…

MARTOS, M. V.; NAVAJAS, Y. R.; LOPEZ, j. f. attività antifungina di limone (limone Citrus l.), mandarino (Citrus reticulata l.), pompelmo (Citrus paradisi l.) e oli essenziali di arancio (Citrus sinensis l.). Controllo dell'alimento. Vol. 19, n. 12, p. 1130-1138. Dicembre 2008.

OLIVEIRA, S. M.; DORS, G. C.; SMITH, L. A. S.; FURLONG, e. b. antiossidante ed attività antifungina di estratti vegetali.  Nutr. Araraquara. Vol. 18, n. 3, p. 268-273, set… 2007.

OLIVEIRA, s. biodegradazione e bioconversão di d-limonene da batteri isolati da scarichi domestici. 2013. Tesi di laurea (master in sviluppo di processi biotecnologici)-facoltà di ingegneria chimica. Di stato Università di Campinas, Campinas-SP.

PELIZER, L. H.; H. DI M. PONTIERI; MATHEW i.. agro-industriale rifiuti l'utilizzo in processi biotecnologici come prospettiva di riduzione di impatto ambientale. Journal of Technology Management & innovazione. Vol. 2, n ° 1. P. 119-120. 2007.

REZZADORI, K.; BENEDETTI, s. proposizioni per recupero degli scarti di lavorazione di succo d'arancia. International Workshop on Advances in produzione più pulita. Università federale di Santa Catarina, Florianópolis, pagg. 1-3. Maggio. 2009.

SCHENBERG, g. c. a. biotecnologie e sviluppo sostenibile. Studi avanzati. Vol. 24. N. 70. p. 7-13. 2010.

SMITH, D. G.; OLIVEIRA, B. C.; DRUMOND, S. R. M.; TARIQ, B. D.; SILVA, A. C.; P, attività di N. W. W. Antibacterial di pianta tropicale tinture sui microrganismi della cavità orale. Rivista Dental di Araçatuba. Aracatuba, vol. 29. N. 01. p. 20-24, jan/jun.2008.

SOBRAMENIUM, G.; VIJAYAKUMAR, K.; Petrini n. k. Limonene inibisce la formazione di biofilm streptococcica mirando ai fattori di virulenza associati di superficie. J. Med. Microbiol. Vol. 62. N. 8, p. 879-890. Agosto 2015.

TRANCOSO, D. M., design: estrazione di oli essenziali, importanza e applicazioni nella vita quotidiana. Revista Praxis. Anno 5 n. 09. p. 90-92. Giu 2013.

[1] Laurea triennale in Biotecnologie dall'Università Tuiuti do Paraná (Curitiba, PR).

[2] Il farmacista Profa. Dottorando presso l'Università Tuiuti do Paraná (Curitiba, PR).

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here