Sociale e misure di sensibilizzazione ambientale sullo sfruttamento e conservazione della biodiversità in biomi brasiliani, in realtà limitare così Biopiratari

0
1599
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Sociale e misure di sensibilizzazione ambientale sullo sfruttamento e conservazione della biodiversità in biomi brasiliani, in realtà limitare così Biopiratari
5 (99.71%) 70 vote[s]
ARTIGO EM PDF

SANTOS, José Ribeiro dos [1]

SANTOS, José Ribeiro dos. Sociale e misure di sensibilizzazione ambientale sullo sfruttamento e conservazione della biodiversità in biomi brasiliani, in realtà limitare così biopirateria. Rivista scientifica multidisciplinare di nucleo di conoscenza. anno 02, Ed. 01, vol. 13, pp. 225-241 ° gennaio 2017. ISSN: 2448-0959

La foresta atlantica è uno degli ecosistemi brasiliani di maggiore importanza e rappresentatività ed è considerata la seconda più grande foresta pluviale del paese. Nonostante l'importanza riconosciuta delle foreste e la forte pressione dei movimenti ambientali nazionali ed internazionali, in Brasile, i resti erano e continuano ad essere devastato. Di conseguenza, non si tratta di un problema puramente ambientale, ma economico e politico, geostrategica, nella misura in cui la ricchezza che potrebbe essere utilizzata per combattere problemi sociali e le infrastrutture di queste comunità tradizionali, o nel registro di sistema patrimonio culturale. È necessario intensificare le politiche per combattere il mercato nero di sfruttamento internazionale della biodiversità. Lo scopo di questo lavoro è quello di verificare quali sono le principali misure per frenare la pratica di biopirateria in biomi brasiliani. Metodologia adottata è stata la revisione della letteratura, la ricerca è stata sviluppata tra i mesi di settembre e dicembre 2016. I risultati indicano che sia la comunità scientifica internazionale come i governi e gli ambientalisti entità non governative venire avviso della perdita di diversità biologica in tutto il mondo, particolarmente nelle regioni tropicali. Degradazione biotica che colpisce il pianeta affonda le radici nella condizione umana contemporanea, esacerbata dalla crescita esplosiva della popolazione umana e la distribuzione diseguale della ricchezza. Conclusione: la Costituzione federale del 1988, il caput dell'arte. 225, allude alla alta dipendenza dell'ambiente ecologicamente equilibrata per le generazioni presenti e future. In questo contesto, nell'epoca contemporanea, uno dei principali paradigmi appare sulle questioni ambientali, più precisamente, la possibilità di sopravvivenza dell'uomo senza degradare l'ambiente naturale. È necessario intensificare la lotta e la discussione delle pratiche operative di biodiversità del paese. Lo sfruttamento di piantare le risorse delle foreste e boschi di coscientemente e controllati per garantire un aumento della qualità della vita della popolazione umana, sia nel presente e per le generazioni future.

Parole chiave: Ambiente, biomi, biodiversità, biopirateria.

INTRODUZIONE

La foresta atlantica è uno degli ecosistemi brasiliani di maggiore importanza e rappresentatività ed è considerata la seconda più grande foresta pluviale del paese. Nonostante l'importanza riconosciuta delle foreste e la forte pressione dei movimenti ambientali nazionali ed internazionali, in Brasile, i resti erano e continuano ad essere devastato. PATIL, (2011).

Inizialmente, nel nordest, questo bioma copriva un'area di 255.245 km ² e, attualmente, a causa della deforestazione, solo l'8% della regione metropolitana di Recife ha una copertura vegetale del residuo di foresta atlantica, rappresentato da aree di frammentato. RAMALHO (2014)[2].

Protezione dell'ambiente è responsabilità di tutta l'umanità. L'adozione di azioni per garantire la sostenibilità a medio e lungo termine un pianeta in buone condizioni per lo sviluppo delle varie forme di vita, compreso l'essere umano.

Di conseguenza, non si tratta di un problema puramente ambientale, ma economico e politico, geostrategica, nella misura in cui la ricchezza che potrebbe essere utilizzata per combattere problemi sociali e le infrastrutture di queste comunità tradizionali, o nel registro di sistema patrimonio culturale. È necessario intensificare le politiche per combattere il mercato nero di sfruttamento internazionale della biodiversità.

Come è noto, l'essere umano dal lungo è stato preoccupato per lo studio, la descrizione e la classificazione delle specie animali e vegetali, con le informazioni già nei naturalisti di antichità e filosofi greci hanno elencare e classificare le specie di organismi che si erano conosciuti nel tempo.

Tra le principali misure che possono essere adottate per la conservazione delle risorse naturali consapevolezza è uno dei più importanti. Più che mai, la conservazione degli ecosistemi e delle risorse naturali è un soggetto che richiede la piena attenzione della società. Per garantire le risorse naturali necessarie per le generazioni future, consentendo il mantenimento delle risorse naturali (foreste, boschi, fiumi, laghi, oceani) e garantire una buona qualità della vita per le generazioni future. FERREIRA, et al. (2014).

Secondo l'IBGE[3], Brasile è formata da sei biomi caratteristiche distinte: foresta del Amazon, Caatinga, Atlantico, Cerrado e Pantanal Pampa. Ognuno di questi ambienti è sede di diversi tipi di vegetazione e fauna. Come la vegetazione è una delle componenti più importanti del biota, il tuo stato di conservazione e continuità definire l'esistenza o meno di habitat per le specie, il mantenimento dei servizi ambientali e la fornitura di beni essenziali per la sopravvivenza di popolazioni umane.

Biopirateria copertine per secoli, l'estrazione del pigmento rosso del Redwood dai portoghesi al momento della scoperta, a seguito atto di pirateria si verifica in Amazzonia con l'invio di semi della siringa per l'Inghilterra (PANCHERI, 2013 p. 443).

Il Brasile è considerato un paese megadiversi, con circa il 22% delle specie del mondo nativo, infatti, il paese con la più alta diversità biologica (biodiversità) del pianeta. Il vasto impianto e la ricchezza degli animali, il Brasile è costante obiettivo di biopiratas. (GOMES, 2007 p. 183).

Biopirateria può essere concettualizzata come esplorazione, manipolazione ed esportazione di risorse biologiche per scopi commerciali. Biopirateria è il nome dato alla sfruttamento e l'uso delle risorse naturali o tradizionali conoscenze su queste risorse illegalmente. L'animale che tratta l'estrazione dei principi attivi e l'utilizzo della conoscenza dei popoli indigeni senza autorizzazione sono esempi di biopirateria.

Secondo i dati del Ministero dell'ambiente, il Brasile è un paese di proporzioni continentali: suoi 8,5 milioni chilometro occupano quasi la metà del Sud America e si estende su diverse zone climatiche – come i tropici umidi nel nord, semi-aride zone temperate nel nordest e nel sud.

Naturalmente, queste differenze climatiche conducono alle principali variazioni ecologiche, formando zone biogeografiche distinte o biomi: foresta amazzonica, la foresta pluviale più grande del mondo; il Pantanal, la più grande pianura alluvionale; Il Cerrado savana e boschi; la foresta semi-arida Caatinga; i campi della Pampa; e la foresta pluviale.

Pioggia da foresta atlantica. Inoltre, il Brasile ha un litorale marino di 3,5 milioni di km ², che comprende ecosistemi come le barriere coralline, dune, mangrovie, lagune, estuari e paludi. Un bioma è caratterizzato da un tipo principale di vegetazione (nel Bioma stesso possono esistere diversi tipi di vegetazione).

Gli esseri viventi di un vivente di bioma adattato così le condizioni della natura (pioggia, umidità, calore, ecc.). I biomi brasiliani, in generale, sono caratterizzati da una grande varietà di animali e vegetali specie (biodiversità).

Biopirateria causa anche danni all'ambiente, perché mette a rischio la biodiversità di una zona. Per esplorare pesantemente una specie, la popolazione diminuisce e, di conseguenza, aumentare i rischi di estinzione. Dall'inizio degli anni 70, il problema ambientale è diventato interrogate reframing e ripensare una nuova realtà (Lirio, et al. 2011, p. 48). In cerca di redditività si verifica alla sfrenata distruzione delle risorse naturali, questo inconscio di distruzione causa la distruzione degli ecosistemi.

La varietà dei biomi riflette l'enorme ricchezza di flora e fauna in Brasile: il Brasile ospita la più grande biodiversità del pianeta. Questa abbondanza e varietà della vita – che si traduce in più del 20% del numero totale di specie sulla terra – genera il Brasile al rango di principale nazione tra le 17 mega da diversi paesi (o biodiversità).

I problemi ambientali di oggi ha assunto un'importanza sempre maggiore. Sconsiderato atteggiamenti dell'uomo come il disboscamento delle foreste. Insieme con le autorità pubbliche e la società, dirige se stesso per proteggere il rapporto tra l'uomo e l'ambiente, non solo per quanto riguarda l'applicazione delle sanzioni, ma anche nel cercare di tracce di percorsi che fornisce uno sviluppo sostenibile. RAMALHO, (2014)

Il modello di una società sostenibile richiede la capacità di soddisfare le vostre esigenze, senza compromettere le possibilità di sopravvivenza delle generazioni future, in modo che soddisfino le proprie esigenze. Per anni discute la questione della biopirateria lato sensu, che comprende il commercio di sfruttamento e illegale del legno, il traffico di animali e piante selvatiche (PANCHERI, 2013).

La biodiversità è uno degli elementi che compongono l'equilibrio dell'ambiente e potrebbero servire come un fattore differenziale nella realizzazione del proprio sviluppo. Le piante hanno grande importanza per l'intero pianeta, rinnovo dell'atmosfera e rilasciare ossigeno (CRC pag. 7)[4]. Le nostre dipendenze in relazione alle piante sono enormi, basta osservare intorno a noi, la produzione e la costruzione di diversi segmenti.

In questo contesto, come la biodiversità più esuberanti del pianeta, il Brasile incontra privilegi e responsabilità enorme. Caratteristiche della foresta pluviale atlantica è un bioma (set di diversi ecosistemi che interagiscono con l'ambiente fisico e l'altro) presenti sulla costa dell'oceano Atlantico dal Brasile ampliato fino alla metà del paese, raggiungendo anche una parte del territorio del Paraguay e Argentina.

Seguita l'intera linea di costa brasiliana del Rio Grande Sul Rio Grande do Norte. Per essere un bioma che occupava quasi l'intera costa brasiliana, attraversata da diversi terreni e climi, creando così locale e una stranezza non omogenea formazione. PERES, (2010).

Una delle definizioni della biodiversità è l'esuberanza della vita sulla terra – in un ciclo apparentemente infinito di vita, morte e trasformazione. Il termine biodiversità si riferisce al numero di categorie biologiche differenti (ricchezza) della terra e l'abbondanza relativa di queste categorie (equità), tra cui variabilità locale (alfa diversità), biologici complementarità tra gli habitat (diversità beta) e la variabilità tra paesaggi (diversità di gamma).

Sempre più la società consuma risorse naturali che il pianeta offre, senza preoccuparsi di come questa esplorazione può avere un impatto sulla natura nel suo complesso e la sopravvivenza della specie. In questo senso, la conservazione e lo sfruttamento delle risorse naturali è un account che deve sempre chiudere in blu, vale a dire, con un consumo consapevole che non causano uno squilibrio ambientale e non scarico quello che il pianeta ha da offrire.

Avendo una grande biodiversità, anche oggi c'è un miglior sfruttamento delle risorse naturali senza autorizzazione nel nostro paese. Con i progressi nel campo della biotecnologia, l'operazione è diventato ancora maggiore, poiché portano genetica materiale è più "semplice" di trasporto di un animale o una pianta, ad esempio.

Alcuni importanti casi di biopirateria in Brasile. Nel 1746, cacao fu presa da Bahia di Africa e Asia, dove il prodotto ha cominciato ad essere usato e un certo numero di derivati sono state prodotte. Prima del successo di piantagioni, produzione di cacao è diventato uno delle principali attività economiche in queste posizioni. Inoltre, un altro fattore che contribuisce alla biopirateria in Brasile è la mancanza di una normativa specifica.

Alcune delle industrie brasiliane di pirata risorse altri paesi sono i seguenti: il più classico è la bacca di acai che è stato brevettato dalla ditta giapponese k. k. smuss Corporation, ma che a causa della pressione da varie organizzazioni non governative e dei media, ha avuto il tuo brevetto Cacciare dal governo giapponese (questo dopo più di un anno); il secondo è il famoso caso del veleno Bothrops che aveva il principio attivo scoperto da un brasiliano. Ma il record ha finito per essere fatto da una società americana (Squibb) che ha utilizzato il lavoro e brevettato la produzione di un farmaco contro l'ipertensione (Captopril) negli anni 70. Freddo, (2016).

Nel primo caso ci era successo (anche se richiede molto tempo) perché il brevetto era stato fatto recentemente, dopo la convenzione sulla diversità biologica. Ma, in casi come il secondo, in cui brevetti sono vecchi le probabilità che questo accada sono praticamente nulle e, come la maggior parte delle risorse andare a biopirateados grande e non ancora nessuna società multimiliardaria e legislazione in Brasile che impostare la biopirateria come un crimine, finisce per essere un'azione costosa e quasi sempre esito negativo.

L'azione di "biopiratas" è facilitata dall'assenza di una normativa che impostata le regole di utilizzo delle risorse naturali. Per la perpetuazione della vita in biomi, è necessaria l'istituzione di politiche ambientali di pubblico, l'identificazione delle opportunità per la conservazione, uso sostenibile e la ripartizione dei benefici derivanti dalla biodiversità.

La foresta atlantica comprende uno degli ecosistemi più grandi del pianeta, formata da un'immensa diversità biologica. Anche se la tua importanza è noto, questo bioma ha gran numero di specie minacciate di estinzione, oltre ad essere uno degli ecosistemi più minacciati del Brasile.

La biodiversità della foresta atlantica è simile a quello di Amazon. C'è la sezione del bioma a causa di variazioni di altitudine e latitudine. L'interfaccia di questa diversità dei biomi crea condizioni uniche di flora e fauna.

Un altro elemento fondamentale per l'esistenza della biodiversità è l'acqua. L'acqua è fondamentale per un bioma come la foresta atlantica che è permanentemente umida. Di conseguenza, questo bioma ha grande rilevanza per il supporto dei processi idrologici bacini coinvolti in queste foreste. PERES, (2010).

La foresta atlantica comprende uno degli ecosistemi più grandi del pianeta, formata da un'immensa diversità biologica. Anche se la tua importanza è noto, questo bioma ha gran numero di specie minacciate di estinzione, oltre ad essere uno degli ecosistemi più minacciati del Brasile. RAMALHO, (2014).

La storia della società brasiliana contemporanea è testimone di un intenso dibattito a fronte l'imposizione del contenuto normativo del codice forestale brasiliano (legge n ° 4.771, 15/09/1965), che rende l'esercizio dei poteri inerenti l'area circa il Proprietà agraria di interesse pubblici e sociale. In sostanza, il dibattito si verifica attorno a due figure giuridiche: riserva legale e le foreste; la vegetazione autoctona e le aree di preservazione permanente. PRIOSTE, (2009)

Lungo il bioma, sono ancora sfruttati foresta specie di legname, piante medicinali e piante ornamentali, tra gli altri. Se da un lato questa attività genera posti di lavoro e valuta estera per l'economia, gran parte dell'esplorazione della flora Atlantic accade così predatori e illegale e spesso è associato con il traffico internazionale di specie.  Affrontare la sfida di mantenere viva la consapevolezza degli individui sul tema, questo lavoro si propone di approfondire il dibattito sulle misure di sensibilizzazione socio-ambientali sullo sfruttamento e conservazione della biodiversità in biomi brasiliani, quindi in realtà limitare il biopirateria.

Per analisi di questo contesto è stato redatto le seguenti domande: quali strumenti aggiuntivi avrebbe una maggiore efficacia per frenare la biopirateria in biomi brasiliani? Quali altre misure dovrebbero essere prese per garantire che il bioma Foresta Atlantica è effettivamente preservato per le generazioni future? Perché legislazione ambientale in generale non può inibire la sfrenata distruzione dei biomi brasiliani?

2. METODOLOGIA

Si tratta di una revisione di letteratura, lo studio è una revisione sistematica che consiste di un obiettivo scientifico, tecnico efficace e riproducibile, che rappresenta una riflessione sull'importanza delle azioni dell'uomo sull'ambiente in in particolare i biomi brasiliani in particolare la foresta atlantica. La revisione consiste di un'ampia e meticolosa analisi critica delle pubblicazioni in una particolare area di conoscenza. Un'indagine delle caratteristiche o componenti del fatto, fenomeno o problema, il riesame è effettuato come parte di un'iniziale scientifica studia, livello o studenti universitario o laureato, essendo parte di una tesi o una tesi di dottorato Dottorato di ricerca. Disegnata da materiale già pubblicato in libri, giornali e periodici disponibili su internet. La ricerca è stata sviluppata tra i mesi di settembre e dicembre 2016.

RISULTATI E DISCUSSIONE

Crescita della popolazione, accoppiato con le nuove tecnologie, rende l'uomo utilizza in varie forme di uso, aree sempre più complesse. Negli ultimi decenni, l'umanità ha subito una serie di cambiamenti tecnologici, che influenzano le relazioni umane e con l'ambiente naturale (Sa; Latte, 1999).

Amazon: foresta equatoriale brasiliana occupa circa la metà del territorio del Brasile ed è concentrato nel nord e in parte dal Midwest. Questo bioma è fortemente influenzato dal clima equatoriale, che è caratterizzato da basse temperature e l'umidità grande dall'evapotraspirazione di fiumi e alberi.

Il Cerrado, o savana, brasiliano si estende su gran parte del Midwest, nord-est e sud-est del paese. È un bioma tipico di tropicale continentale clima, che, a causa l'occorrenza di due stagioni ben definite – un umido (estate) e altri secchi (inverno)-, ha una vegetazione con alberi e piccoli arbusti, ritorto tronchi, guscio spesso e in genere, decidui (le foglie cadono in autunno). La fauna della regione è molto ricca, composto di capibara, lupi-guarás, formichieri, tapiri, seriemas ecc.

Caatinga: si estende per tutto il sertão, occupando circa dell'11% del territorio nazionale. Questa è la regione più asciutta del paese, situato nel clima tropicale semi-arido. La vegetazione di questa regione è composta principalmente da piante arborescenti (usati con l'aridità, come le cactacee) e latifoglie (perdono il fogliame durante il periodo asciutto), più alcuni alberi con radici molto grande che possono catturare acqua da tabella a grandi profondità di acqua e pertanto non perdono le foglie, come il juazeiro. La fauna di questo bioma si compone di un'ampia varietà di rettili, sapo cururu, asa branca, agouti, opossum, PREA, catingueiro cervi, Euphractus Armadillo ecc.

Pampas: Situato all'estremità meridionale del Brasile, Rio Grande do Sul, questo bioma è molto influenzato dal clima subtropicale e la formazione del rilievo, che consiste principalmente di pianure. A causa del clima freddo e secco, la vegetazione non può crescere, essendo composta principalmente di erbe, come la barba di capra-erba, erba grassa, capim-mimoso ecc. Sono esempi di animali che vivono in questo bioma i cervi, Heron, lontre, capibara e altri.

Pantanal: rata-se la più grande pianura alluvionale del paese e si trova negli Stati del Mato Grosso e Mato Grosso do sul. Questo bioma è fortemente influenzato dai regimi dei fiumi presenti in questi luoghi, perché, durante la piovosa stagione (ottobre-aprile), l'acqua di pantanal inondando gran parte delle pianure della regione. Quando finisce la stagione delle piogge, i fiumi diminuiscono il volume d'acqua e tornare alle loro basi. Per questo motivo, la vegetazione e gli animali hanno bisogno di adattarsi a questo movimento di acqua. Tutti questi fattori rendono la vegetazione molto varia zona umida.

Foresta Atlantica: consiste di un insieme di tipi di bosco (foreste: pioggia, pioggia, tropicale decidua e semi-decidua, Open pioggia) e associati ecosistemi come le barriere coralline, paludi di mangrovie e praterie, che estesa di circa 1,3 milioni km2 in 17 Stati del territorio brasiliano.

In altre parole, un bioma è costituito da tutti gli esseri viventi in una determinata regione, cui vegetazione è sufficiente somiglianza e continuità, con un clima più o meno uniforme, avendo una storia comune durante l'allenamento. Così tutti la diversità biologica è anche molto simile.

La Repubblica federativa del Brasile e altri paesi dell'hileia dell'Amazzonia sono titolari di una vasta biodiversità e uso razionale di tale ricchezza può essere un'alternativa per lo sviluppo sostenibile di tali paesi nel contesto della globalizzazione e la integrazione subregionale. (NASCITA, PG11 2007).

Il Brasile dispone di enorme estensione territoriale e climi e suoli molto vario. Alla luce di queste caratteristiche, c'è un'evidente diversità di bioregioni, definite, in particolare per la copertura di vegetazione.

Biomi brasiliani continentale Zona (² di chilometro) Totale/area Brasile
Bioma AMAZON 4.196.943 49,29%
Il bioma CERRADO 2.036.448 23,92%
Il bioma della foresta pluviale atlantica 1.110.182 13.04%
La CAATINGA 844.453 9,92%
Il bioma della PAMPA 176.496 2,07%
PANTANAL bioma 150.355 1.76%
Totale Area Brasile 8.514.877 100%

Fonte: http://www.ibge.com.br/home/presidencia

La perdita di diversità comporta numerose conseguenze per l'umanità, può citare come esempio: cambiamento climatico, introduzione di specie esotiche, la perdita della bellezza ed esuberanza di biomi e la distruzione degli habitat naturali, la caduta qualità della vita della popolazione, ridurre la fornitura e distribuzione irregolare dell'acqua potabile, aumento di malattie ed epidemie, sociale, instabilità politica ed economica, tra gli altri. Con questo, è necessario conservare la biodiversità del nostro pianeta e riflettere sui modi di consumo razionale delle risorse naturali.

Deve essere considerata anche la diversità di tipologie forestali, permettendo la creazione di politiche, adattato alle situazioni locali e differenziate caratteristiche di ciascun bioma. In questo senso, la direzione pianificazione e delle risorse naturali del uso di terra si assume un alto grado di importanza per la qualità della futura vita qui sulla terra. LOBLER, (2015).

Figura 1-le principali biomi brasiliano. Fonte: Brasiliani biomi – solo biologia
Figura 1-le principali biomi brasiliano. Fonte: Brasiliani biomi – solo biologia

Sia la comunità scientifica internazionale come i governi e gli ambientalisti entità non governative venire avviso della perdita di diversità biologica in tutto il mondo, particolarmente nelle regioni tropicali. Degradazione biotica che colpisce il pianeta affonda le radici nella condizione umana contemporanea, esacerbata dalla crescita esplosiva della popolazione umana e la distribuzione diseguale della ricchezza.

Secondo IBAMA, soltanto durante l'anno 2006 che si è stimato che c'era una perdita giornaliera di $ $ 16 milioni alla luce i brasiliani prodotti brevettati da aziende straniere che impedire che il paese ha commercializzato i propri prodotti e ancora richiedere royalties per importarli.

Questo tipo di pratica è considerato un reato secondo la convenzione della diversità biologica, creato dalle Nazioni Unite durante la ECO92, tenuta a Rio de Janeiro, in cui diversi paesi hanno partecipato al dibattito.

Le origini della legislazione: codice forestale del 1934 e le limitazioni al diritto di proprietà in Brasile vuole essere come Colonia, Impero o Repubblica, c'è sempre stata la prevalenza di un interventista percezione di governo circa la titolarità delle foreste. Nella vostra storia recente, il Brasile ha avuto due codici: la foresta del 1934 e in vigore al momento, fondato nel 1965. Il codice di foresta del 1934, per la prima volta nel paese, regola la tutela legale delle "foreste esistenti nel territorio nazionale". Costituisce una nozione giuridica di cui sono foreste in crescita per il "bene di interesse comune degli abitanti del paese", permettendo così l'intervento dello stato a imporre restrizioni sui diritti di proprietà di ciascuno, in nome del bene foreste legali sono progettati dalla società.  Il successivo regolare codice alcune pratiche e stabilire gli istituti al fine di circondare e mantenere risorse minerarie e genetiche sotto la sovranità dello stato. PRIOSTE, (2009).

Pichot e rasato stato (1994) che, dopo la fine degli anni 80, le politiche ambientali occupano una posizione di primo piano su preoccupazioni economiche e politiche, come i paesi dell'Unione europea faccia un numero crescente di problemi, come la scarsità di risorse per la manutenzione delle aree protette. In Germania e in Belgio, sono state prese diverse iniziative volte alla protezione delle risorse naturali.  L'Unione europea ha tassato pesante consumo di combustibili fossili. Paesi come Danimarca, Finlandia, Norvegia, Paesi Bassi e Svezia hanno applicato la tassa sulla produzione di carbonio, con l'obiettivo principale per generare fondi per la promozione di progetti ambientali. PIRES, et al. Apud, PICHOT; RASATO, (1994). L'estrazione di viti è un'attività economicamente e culturalmente importante per le comunità indigene Kaingang. Tuttavia, questa pratica ha generato conflitti con la gestione delle aree protette, legislazione ambientale nell'area di foresta atlantica e proprietari di aree con frammenti di foresta.

I principali processi sono responsabili per la perdita di biodiversità sono: perdita e frammentazione degli habitat; introduzione di specie esotiche e malattie; sovrasfruttamento delle specie di piante e animali; uso di ibridi e di monocolture in programmi agro-alimentare e riforestazione; contaminazione del suolo, acqua e atmosfera di inquinanti; e il cambiamento climatico. CORNICI, (2008).

La biodiversità è uno degli elementi che compongono l'equilibrio dell'ambiente e potrebbero servire come un fattore differenziale nella realizzazione del proprio sviluppo. Il modello di una società sostenibile richiede la capacità di soddisfare le vostre esigenze, senza compromettere le possibilità di sopravvivenza delle generazioni future, in modo che soddisfino le proprie esigenze. Per anni discute la questione della biopirateria lato sensu, che comprende il commercio di sfruttamento e illegale del legno, il traffico di animali e piante selvatiche (PANCHERI, 2013).

Le piante raggiungono una straordinaria biodiversità in Amazzonia. Si stima che la regione ospita circa 40000 vascolare specie di piante, di cui 30000 sono endemiche della regione. (Vieira, 2005)

Biopirateria si riferisce alla conoscenza relative alle popolazioni locali e le popolazioni indigene dell'Amazzonia brasiliana si verifica a causa dell'uso non autorizzato di tali conoscenze da terzi-il più delle volte rappresentato dai paesi ricchi in tecnologia e poveri di biodiversità, che rendono utilizzano di loro per risparmiare tempo e denaro per la ricerca per la produzione di un dato prodotto o medicina, causando perdite di varie forme per il Brasile. (Alencar, 2006).

Il codice di foresta del 1934, per la prima volta nel paese, regola la tutela legale delle "foreste esistenti nel territorio nazionale". Costituisce una nozione giuridica di cui sono foreste in crescita per il "bene di interesse comune degli abitanti del paese", permettendo così l'intervento dello stato a imporre restrizioni sui diritti di proprietà di ciascuno, in nome del bene foreste legali sono progettati dalla società.

La Costituzione federale del 1988 viene a riaffermare questa intuizione, in particolare gli articoli 170 (subordinato all'attività economica per l'uso razionale delle risorse ambientali), 186 (rapporti sulla funzione sociale della proprietà rurale) e 225 (sull'ambiente e sulla attuali diritti delle generazioni future). PRIOSTE, (2009).

Una delle alternative promettenti per favorire l'uso razionale delle risorse è l'implementazione di incentivo fiscale utilizzano programmi per la conservazione e lo sviluppo delle foreste. PIRES, et al (2011).

CONCLUSIONE

La Costituzione federale del 1988, il caput dell'arte. 225, allude alla alta dipendenza dell'ambiente ecologicamente equilibrata per le generazioni presenti e future. In questo contesto, nell'epoca contemporanea, uno dei principali paradigmi appare sulle questioni ambientali, più precisamente, la possibilità di sopravvivenza dell'uomo senza degradare l'ambiente naturale.

È necessario intensificare la lotta e la discussione delle pratiche operative di biodiversità del paese. Lo sfruttamento di piantare le risorse delle foreste e boschi di coscientemente e controllati per garantire un aumento della qualità della vita della popolazione umana, sia nel presente e per le generazioni future.

Discutere sulle nuove leggi fino alla comparsa di che cosa è ora il quadro giuridico della protezione della foresta atlantica dalla Costituzione federale del 1988 che recepcionava codice forestale e la legge della politica ambientale nazionale. La foresta atlantica è il tutore legale specifico con l'entrata in vigore della legge/2006 quale disciplina 11.428 sull'uso e la tutela della biodiversità nativa di questo bioma.

La consapevolezza delle persone e la possibilità di allargare il dibattito sul tema porterà cambiamenti importanti nella postura e nei tassi di sfruttamento illegale delle risorse naturali.

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI.

ALENCAR, Aline Ferreira. Analisi giuridica su biopirateria associati tradizionali conoscenze relazionate al patrimonio genetico dell'Amazzonia brasiliana. XV Congresso nazionale (CONPEDI), 2006.

Brasile, Istituto brasiliano dell'ambiente e risorse naturali rinnovabili (IBAMA): disponibile in: www.ibama.gov.br. [acesso 18/10/2016].

Brasile, la foresta atlantica biosfera (RBMA): DISPONÍL a: www.rbma.org.br. [acesso 16/10/2016]. São Paulo, 2016.

Brasile, biomi del Brasile. Disponibile a: <http: www.biomasdobrasil.com="">.</http:> Accedi a 12/11/2016 l'Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE) disponibile presso: <http: www.ibge.gov.br="">.</http:>

Brasile, biomi-Ministero dell'ambiente. Disponibile a: www.mma.gov.br/biomas[acesso 30/11/2016]. São Paulo, 2016.

CRC, taccuino di contenuto di riferimento. Fondamenti e metodi di biologia vegetale insegnamento Claretiano scuola-formazione i. rete, Batatais 2015.

FERREIRA, Hugo Fernandes. Alves, Romulus Romeo da Nóbrega. Diritto dei media e che coinvolgono la caccia di animali selvatici in Brasile: una prospettiva storica e socio-ambientali. Gaia rivista Scientia (2014) Volume 8 (1): on-line ISSN versione 01-07 1981-1268 http://periodicos.ufpb.br/ojs2/index.php/gaia/index

FREITAS, Vladimir passaggi. La Costituzione federale e l'efficacia delle norme ambientali. São Paulo: Editora RT, 2002.

GARCIA, Rodrigo Castro. Il controllo e la repressione della pirateria in Brasile. Magazine. Giurisprudenza, Belo Horizonte, Minas Gerais. 58, n ° 183, pag. 27, / dez… 2007.

Löbler, Carlos Alberto. Sccoti, Anderson Augusto Volpato. Werlang, Mauro Kumpfer. Contributo per la delimitazione dei biomi foresta Pampa e Atlantico nel comune di Santa Maria, g. Rio do Sul. Rivista elettronica di gestione, formazione e tecnologia ambientale Santa Maria, v. 19, no. 2, maggio-agosto. 2015, p. 1250-1257 Journal of Natural ed esatta Sciences Center-UFSM ISSN: 2236117.

NASCITA, Danilo Lovisaro. Biopirateria in Amazzonia: una proposta di tutela transnazionale della biodiversità e conoscenze tradizionali associate. Tesi presentata per il corso di laurea in giurisprudenza presso l'Università federale di Santa Catarina-UFSC, per una laurea. Santa Catarina, 2007.

PANCHERI, Kathleen. Biopirateria: riflessioni su un tipo di criminale. Gazzetta di facoltà di Giurisprudenza Università di São Paulo. Vol. 108, p. 447. Gennaio/dicembre del 2013.

Pires, Paulo de Tarso de Lara. Peters, Narasimhan. Zeni, Douglas. Gaulke. Il bioma della foresta Araucaria e la normativa fiscale brasiliano. Foresta Magazine – Vol. 41 n. 3, 2011.

PRIOSTE,: Fernando G. Vieira. Afanc, Juliana. Pacher, Larissa. Vieira, Judith. Cambiamenti nella legislazione ambientale e le riflessioni su persone agricoltura contadina e familiare e delle comunità tradizionali: indennità di politici e tecnici per il dibattito. Rivista di terra diritti di organizzazione per i diritti umani.   Curitiba-agosto 2009.

Cornici, Bruna. Conservazione e valorizzazione della biodiversità – i limiti e le opportunità. L'Istituto Umanista rivista Unisinos. 2008. Disponibile a: www.ihuonline.unisinos.br/index.php?option=com_content&view=article. [acesso 13/10/2016]. São Paulo, 2016.

RAMALHO, Priscilla ha annunciato Khin Maung Gyi. Deforestazione della foresta atlantica nello stato di Pernambuco: un'analisi dell'applicabilità della normativa ambientale. Disponibile a: WWW.openrit.grupotiradentes.com/xmlui/handle/set/69.

UNESCO, United Nations Educational, organizzazione scientifica e la cultura (UNESCO): disponibile a: www.unesco.org.br. [acesso 13/10/2016]

VIEIRA, Ima Célia Guimarães. José Maria Cardoso Da SILVA. Toledo, Petermann. Per prevenire la perdita di biodiversità in Amazzonia. Volume di studi avanzato rivista. 19 n ° 54, São Paulo maggio / agosto. 2005.

[1] Laurea specialistica in educazione presso il Universidad Politécnica y Artística Del Paraguay. Specialista urgente e di emergenza con un'enfasi su APH, Faculdade de Ciências Médicas da Santa Casa de São Paulo, esperto di alta scuola di insegnamento, facoltà tecniche e superiori associati con il Brasile. Laurea triennale in scienze infermieristiche da Università Paulista-UNIP. Laurea in biologia Claretiano University Center. Attualmente è docente, professore dei corsi post-laurea, facoltà associato Brasile nei campi dell'istruzione e della salute, insegnante di scuola tecnico/pedagogico G12 CEENPRO educativi

[2] La perdita, la frammentazione e il degrado degli habitat naturali sono tra i principali fattori di perdita di biodiversità. Oltre il 50% delle zone umide del pianeta sono stati persi negli ultimi 100 anni, pricipalmente dovuto l'avanzamento dell'agricoltura.

[3] L'Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE) è una Fondazione pubblica dell'amministrazione federale brasiliano creato nel 1934 installato nel 1936 sotto il nome di Instituto Nacional de Estadística. IBGE ha assegnazioni collegato il Geoscience e statistiche demografiche ed economiche, tra cui lo svolgimento di censimenti e organizzare le informazioni ottenute in questi censimenti, per la fornitura di organi degli Stati federali di sfere governative, statale e comunale e per altri le istituzioni e il pubblico in generale.

[4] Riferimenti del prodotto CRC del contenuto. Fondamenti e metodi di insegnamento i. Claretiano scuola di formazione, Batatais 2015 della biologia vegetale.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here