Impatti ambientali causati dall’estrazione di argilla nel Comune di Ibiassucê-BA

0
294
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
Rate this post
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

ALMEIDA, Janilton de Lima [1]

ALMEIDA, Janilton de Lima. Impatti ambientali causati dall’estrazione di argilla nel Comune di Ibiassucê-BA. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 09, Vol. 03, pp. 35-46. settembre 2020. ISSN: 2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/ambiente/estrazione-di-argilla

Gli impatti ambientali negativi sono aumentati in modo drammatico, causando la distruzione degli ecosistemi. Gli impatti ambientali sono cambiamenti nell’ambiente, causati dalle attività umane, che influenzano la salute, la sicurezza, il benessere della popolazione, le attività socioeconomiche, le condizioni estetiche e sanitarie dell’ambiente. Questa ricerca mirava a identificare i principali impatti ambientali causati dall’estrazione dell’argilla nel comune di Ibiassucê-BA a causa delle attività industriali dei ceramisti. Si tratta di una ricerca descrittivo-esplorativa con rassegna bibliografica e visita al locus. I dati sono stati raccolti attraverso l’analisi di fotografie, visite, osservazioni dirette e interviste semi-strutturate e analizzati qualitativamente. L’estrazione dell’argilla, come materia prima di base per le industrie della ceramica, ha portato diversi impatti ambientali negativi come: squilibri ecologici e agricoli, erosione, insabbiamento di fiumi e laghi, deforestazione. Gli impatti ambientali causati dall’estrazione dell’argilla nel comune richiedono l’urgenza nello sviluppo di politiche ambientali che ammorbidiscano la situazione di degrado. Lo svolgimento di attività legate all’educazione ambientale nel comune è il modo per promuovere cambiamenti nel modo di esplorare le risorse naturali.

Parole chiave: estrazione dell’argilla, impatti ambientali, educazione ambientale.

1. INTRODUZIONE

L’attuale modello di sviluppo economico combinato con la rapida crescita della popolazione e la mancanza di educazione ambientale hanno generato rotture ecologiche che minacciano la capacità di sostegno del pianeta. Tra le rotture ecologiche spiccano gli impatti ambientali negativi derivanti dall’estrazione indiscriminata delle risorse minerarie, una di queste rotture è l’estrazione di argilla per la produzione di prodotti ceramici come oggetti per la costruzione civile come blocchi, piastrelle, piastrelle.

Il comune di Ibiassucê nello stato di Bahia, è ricco di argilla, un minerale utilizzato come materia prima per fornire e funzionale le industrie ceramiche che producono pezzi come blocchi, piastrelle e piastrelle per l’edilizia civile.

Ibiassucê, si trova nella microregione omogenea di Guanambi, nella regione economica della Serra Geral da Bahia, a sud-ovest dello Stato, a 630 km da Salvador, capitale dello stato e a 47 km da Caetité, sede della regione amministrativa. Ha una popolazione di circa 9.427 abitanti (IBGE, 2018). Come una delle principali attività economiche, evidenziamo le industrie ceramiste che impiegano una quantità significativa di persone. Con questo ha sviluppato l’estrazione dell’argilla, la principale materia prima, per nutrire le industrie della ceramica, senza adeguati studi sugli impatti per conoscere le ripercussioni socio-ambientali di queste attività.

Alla luce di queste attività, si è ritenuto necessario analizzare gli impatti ambientali causati dall’estrazione dell’argilla nel comune di Ibiassucê-Bahia.

A metà degli anni ’90 è stato inaugurato un Polo Ceramico nel comune, dove il processo di estrazione dell’argilla è stato intensificato e la preoccupazione per l’ambiente è stata poco manifestata dalla popolazione e dalle autorità locali.

Il terreno destinato al Polo Ceramico è stato ceduto dal Comune di Ibiassucê caratterizzandosi come area specifica per la costruzione di fabbriche ceramiche dove ha la capacità di ospitare 07 industrie. Ci sono già installati in questa posizione solo 05 (cinque).

Questa ricerca ha come obiettivo generale, quello di identificare gli impatti ambientali causati dall’attività ceramista nel processo di estrazione dell’argilla, la principale materia prima di questo tipo di industria. Gli obiettivi specifici della ricerca sono: aumentare gli impatti ambientali causati dalle attività di estrazione dell’argilla; per verificare in quale ordine sono stati gli impatti causati da questa attività, riflettere sulla necessità di un’educazione ambientale efficace per la società locale.

La selezione delle aree di esplorazione e l’estrazione delle argille vengono effettuate empiricamente e senza supervisione da parte degli enti pubblici competenti. D’altra parte, l’espansione del mercato focalizzata sulla costruzione civile in tutto lo Stato di Bahia, così come la microregione a cui appartiene il comune di Ibiassucê ha causato l’aumento della produzione di blocchi, piastrelle e piastrelle che a sua volta ha portato all’esplorazione di nuove aree per l’estrazione di materie prime per soddisfare la domanda di produzione..

Pertanto, la produzione di questi prodotti è diventata sempre più un’attività redditizia per i proprietari delle industrie Ceramistas e ha comportato la necessità di studi sull’argomento nella regione, così motivati a svolgere il presente lavoro.

Lo studio è stato condotto in miniere di argilla nella zona rurale del comune e in dieci industrie ceramiche, in cui cinque di esse fanno parte del Polo Ceramico, impiantato a metà degli anni ’90, su terreni concessi dal governo comunale situato sulla strada statale 030, vicino alla sede del comune.

2. ESTRAZIONE DELL’ARGILLA E IMPATTI AMBIENTALI

L’attività mineraria è un forte strumento di degrado ambientale, soprattutto se praticata in modo disordinato e irregolare (MECHI e SANCHES, 2010). In questo senso, il comune di Ibiassucê-BA, per le sue attività industriali legate alla produzione di blocchi, piastrelle e piastrelle destinate all’edilizia civile prodotte dalle Industrie Ceramiste, ha presentato un processo di degrado ambientale nelle aree di estrazione dell’argilla, che funge da materia prima di base per queste aziende.

“L’argilla può essere definita come un materiale terroso, di granulazione molto fine, che acquisisce plasticità, quando inumidito con acqua” (PORTELA e GOMES, 2005, p. 02) Il nome popolare di questa risorsa minerale è l'”argilla” solitamente trovata nelle terre sedimentarie, nelle valli e nelle terre residue.

Secondo (MECHI e SANCHES, 2010) L’estrazione dell’argilla in terreni pianeggianti alluvionali è una delle forme di estrazione mineraria più impeccabili, perché viene effettuata all’aperto e in aree vicine alle risorse idriche. Attraverso un’analisi integrata del paesaggio è possibile comprendere i danni causati dall’esplorazione dell’argilla e lanciare proposte volte all’applicazione di misure che riducano il degrado ambientale e consentano l’utilizzo dell’area nelle attività future.

È noto che attualmente vi è grande preoccupazione per le questioni legate al degrado dell’ambiente causato dalle attività del mondo capitalista, in particolare quello di origine industriale. 2008 – According to Kerry

Il pianeta è in crisi. In tutte le nazioni industrializzate, e specialmente negli Stati Uniti, le prove dimostrano che viviamo in un mondo così immerso nelle tossine che hanno spianato la strada al suolo, all’aria e all’acqua, senza contare i nostri corpi, dal concepimento alla morte. (KERRY, 2008, p. 29)

In questo senso, la preoccupazione di sviluppare ricerche di questo tipo, suscita il desiderio di identificare le aree colpite dall’attività mineraria, nel caso specifico, l’estrazione di argilla dovuta alle attività produttive delle industrie della ceramica.

L’attività estrattiva argillosa ha ampiamente e intensamente degradato l’area in esame, in questo caso i punti in cui svolge lo sfruttamento di questa risorsa, solitamente in basso, in terreni alluvionali e a forma di valle, sempre associati a un corso d’acqua come fiume, laguna, torrente causando impatti su queste risorse oltre il suolo, sollievo, aria, nonché impatti visivi negativi dalla cattiva caratterizzazione estetica del paesaggio locale.

Secondo il Consiglio Nazionale per l’Ambiente – CONAMA,

L’impatto ambientale è qualsiasi cambiamento nelle proprietà fisiche, chimiche e biologiche dell’ambiente, causato da qualsiasi forma di materia o energia derivante da attività umane che influenzano direttamente o indirettamente: la salute, la sicurezza e il benessere della popolazione; attività sociali ed economiche; le condizioni estetiche e sanitarie dell’ambiente e la qualità delle risorse ambientali. (BRASIL, 1993)

Studiare l’impatto ambientale è principalmente valutare le conseguenze di alcune azioni, in modo che ci possa essere la prevenzione della qualità di un dato ambiente che può subire l’esecuzione di determinati progetti o azioni, o subito dopo la loro attuazione.

Secondo Sousa (2000, p. 88-89) “Per l’Economia Ambientale, la qualità ambientale è considerata un bene che fornisce utilità ai singoli e, quindi, è trattata come gli altri beni dell’economia”.

È noto che per sopravvivere alla società umana è necessario utilizzare le risorse naturali, quindi qui c’è la questione se le risorse naturali siano trattate come essenziali per la sopravvivenza umana. Ciò di cui si discute in questo lavoro è riconciliarsi con la natura, la sostenibilità, i progetti di recupero di aree degradate da attività estrattive argillose con la responsabilità ambientale, basata sulla legalità, nella realizzazione di licenze ambientali per svolgere tale attività.

L’estrazione mineraria, e in particolare l’argilla, è un’attività ampiamente sviluppata in Brasile e nel comune di Ibiassucê, perché la presenza di industrie ceramiche è cresciuta considerevolmente.

La produzione industriale di parti ceramiche per l’edilizia civile è stata caratterizzata come una delle principali attività economiche di grande occupabilità, seconda solo all’agricoltura di sussistenza, che sostiene la maggior parte della popolazione comunale.

Dati i problemi segnalati, l’ambiente subisce alcuni impatti con questa dinamica produttiva e sono necessarie misure per migliorare la qualità della vita e il degrado ambientale nel comune. Per questo è necessario effettuare studi relativi ai vari problemi ambientali e alle conseguenze delle attività industriali locali.

2003 – For Jacobi

Riflettere sulla complessità ambientale apre un’opportunità stimolante per comprendere la gestazione di nuovi attori sociali che si mobilitano per l’appropriazione della natura, per un processo educativo articolato e impegnato nella sostenibilità e nella partecipazione, basato su una logica che privilegia il dialogo e l’interdipendenza delle diverse aree della conoscenza. (JACOBI, 2003, p. 191)

In questo senso, l’educazione ambientale e il processo di sensibilizzazione della popolazione sulla necessità di prendersi cura dell’ambiente, in modo che fornisca sostegno alle popolazioni se sono urgenti. Una società istruita è in grado di decidere, pianificare ed essere consapevole delle conseguenze delle sue azioni sull’ambiente.

3. CONTESTO E PROCESSO DI STUDIO

3.1 CARATTERIZZAZIONE DELL’AREA DI STUDIO

Il comune di Ibiassucê (Figura 01) si trova nella microregione omogenea di Guanambi, regione economica della Serra Geral di Bahia*. Con un’area di circa 380 km2, il comune si trova a 630 km da Salvador – Capitale dello Stato e a 47 km dal quartier generale di Caetité della regione amministrativa più vicina.

Fig. 01 – Caratterizzazione del Comune di Ibiassucê

Fonte: Compilazione dell’autore[2]
Informazioni su un’altitudine di circa 600 m, Ibiassucê si trova tra le coordinate geografiche 14º16′ di latitudine sud e 42º17′ di longitudine ovest, presentando limiti con i comuni di Rio do Antônio a est, Caetité a ovest, Lagoa Real a nord e Caculé a sud come si può vedere nella mappa sottostante.

3.2 METODOLOGIA

Il presente lavoro è una ricerca descrittivo-esplorativa, con rassegna bibliografica, in visite a locus, interviste semistrutturate con lavoratori delle miniere minerarie, residenti delle comunità e analisi comparative delle fotografie, degli ambienti studiati in cui vengono utilizzate per l’estrazione dell’argilla come materia prima per l’industria ceramica.

3.3 STRUMENTI DI RACCOLTA

Gli strumenti utilizzati nella raccolta dei dati erano immagini fotografiche, report attraverso interviste semi-strutturate con persone direttamente e indirettamente coinvolte nelle attività di estrazione e produzione, oltre alla ricerca su riviste di CAPES e google scholar.

Le interviste sono state condotte con la popolazione che vive vicino alle aree di esplorazione dell’argilla situate nell’area rurale, principalmente nelle comunità di Juazeiro, Pajeú e Olhos D’água tutte situate ad ovest del quartier generale del comune. È stata sviluppata un’intervista con il Segretario per l’Agricoltura e l’Ambiente del Comune.

I dati ottenuti sono stati analizzati qualitativamente.

Con i lavoratori per ottenere informazioni sul metodo di esplorazione delle argille, la produzione di blocchi, piastrelle e piastrelle, il numero di dipendenti e le posizioni per ottenere la materia prima.

L’altro anno, le interviste con i residenti miravano ad ottenere informazioni sui problemi causati dall’esplorazione dell’argilla nella qualità dell’ambiente e nella loro vita.

Lo studio ha incluso l’identificazione degli impatti ambientali e socioeconomici, considerando quelli positivi e negativi, in cui gli impatti positivi si riferiscono a risultati benefici e negativi quando producono danni all’ambiente.

La prima parte è stata dedicata alla pianificazione della ricerca, alla definizione del tema, alla scelta del tema, alla delimitazione del tema, alla ricerca di fonti e motivazioni, all’elaborazione degli obiettivi e della giustificazione del progetto, alla metodologia appropriata alla ricerca, nonché agli strumenti da utilizzare durante il lavoro.

Il passo successivo nel lavoro è stata l’esecuzione della ricerca stessa, la definizione delle aree da osservare e studiare nel comune, ha formulato le ipotesi della ricerca; i dati e le informazioni sono stati raccolti attraverso visite, osservazioni, fotografie e interviste. Essa ha cercato di giustificare le ipotesi dimostrando o confutandone la validità.

A seguito della fase successiva dello sviluppo del lavoro, i dati raccolti sono stati verificati, analizzati criticamente i dati, dedotti e creati significati, confronti e test, classificazione, argomentazione e presentazione dei risultati presentati di seguito.

Infine, il lavoro si è concluso mostrando i risultati ottenuti, verificando le teorie, deducendo cause e conseguenze.

4. RISULTATI E DISCUSSIONE

Le società ceramiste del comune di Ibiassucê sono state fondate nella seconda metà degli anni ’90, quando l’amministrazione comunale ha concesso terreni per la realizzazione di un polo ceramico nel comune.

Anche attraverso interviste e conversazioni con gli attuali imprenditori del settore, prima della fondazione del Polo Ceramico c’era una sola industria ceramista e alcune ceramiche fatte a mano che hanno realizzato mattoni nel comune. Sapendo che si trattava di una regione con una quantità significativa di argilla da sfruttare, il governo insieme a un gruppo di imprenditori ha deciso di investire nella filiale.

Attraverso osservazioni dirette, l’uso di fotografie e interviste, si è scoperto che tra gli impatti negativi spicca l’erosione, l’insabbiamento, la denudazione del suolo e la compattazione del suolo.

A causa della rimozione della vegetazione per il processo di scavo e rimozione dell’argilla, parte del terreno locale non è protetto causando processi di compattazione in determinate situazioni e lisciviazione da parte di un altro. “La lisciviazione del suolo è un processo erosivo causato dal lavaggio dello strato superficiale dal flusso di acque superficiali” (RIBEIRO, 2020).

Una volta che il terreno lisciviato diventa inadatto all’agricoltura, così la terra che viene utilizzata per l’estrazione dell’argilla finisce per essere abbandonata dai proprietari, che sopravvivono dall’agricoltura di sussistenza.

Inoltre, il luogo in cui avviene l’estrazione dell’argilla, ci sono enormi crateri all’aperto, che non passano attraverso un processo di recupero, cioè questi crateri dovrebbero essere coperti da code, uno strato superficiale di terreno con materia organica che viene rimosso dal sito e non serve per la costruzione di parti ceramiche per la costruzione civile. Il risultato è che questi crateri inondano di acqua piovana, e al momento, quest’acqua non fa bene alla comunità, perché è fangosa, inadatta al consumo come si vede nella figura 02 sottostante.

Fig. 02 – Cratere alluvionale all’aperto causato dall’estrazione dell’argilla nella Grama Farm. Ibiassucê-BA

Fonte: L’autore (2019)

Il processo di esplorazione dell’argilla nei siti di estrazione viene fatto in modo completamente irregolare, poiché non obbedisce alla distanza dai letti del fiume, causando il collasso dei pendii, con conseguente insabbiamento e abbattimento della foresta ripariale, contribuendo a far sì che queste risorse idriche diventino più secche.

Quando estraggono argilla, le industrie della ceramica gettano le code, cioè la parte superficiale del terreno che viene rimossa, nell’alveo del fiume. Dove prende l’argilla è un cratere senza alcuna protezione vegetale come visto nella figura 02 sopra, causando l’area di diventare inospitale per lo sviluppo della vegetazione. Gli inchiodi vengono gettati nel fiume e quando l’alluvione arriva nella stagione delle piogge viene spazzata via dalla corrente dell’acqua che contribuisce all’insabbiamento di queste e delle lagune.

L’impatto ambientale è visibile, un ambiente completamente degradato, senza alcuna cura. Alcuni di questi impatti possono essere visti attraverso le figure da 03 a 06.

Figura 03: Code gettate nell’alveo del fiume

Fonte: L’autore (2019)

Figura 04: Rimozione dello strato superficiale del suolo

Fonte: L’autore (2019)

Figura 04: Rimozione delle foreste ripariali


Fonte: L’autore (2019)

Figura 05: Rimozione dell’argilla in un letto del fiume


Fonte: L’autore (2019)

Osservando gli impatti dimostrati nelle foto, si verifica che le perdite del suolo, il processo di insabbiamento e la distruzione della foresta ripariale sono chiaramente verificati che questi impatti stanno effettivamente avvenendo nelle regioni in cui viene eseguita l’attività di estrazione dell’argilla.

Finora non vengono adottate misure adeguate tanto da parte dei responsabili della distruzione da parte di entrambi gli organi pubblici di controllo. È noto che si tratta di un’attività che genera reddito e occupazione per la popolazione, ma è necessario sviluppare nuove strategie in modo che l’ambiente non venga distrutto senza scrupoli.

Attraverso conversazioni e interviste alcune persone hanno riferito che dove l’argilla viene rimossa, non può più fare piantagioni di generi alimentari, cioè la terra diventa inadatta all’agricoltura. I minimi alluvionali diventano improduttivi a causa della mancanza di umidità dovuta alla rimozione della vegetazione e alla compattazione del suolo, principalmente dai macchinari utilizzati nei lavori di esplorazione, lasciati all’aperto senza alcun processo di recupero.

CONSIDERAZIONI FINALI

L’estrazione di argilla nel comune di Ibiassucê-Bahia è considerata un’attività redditizia che genera reddito. Ma il processo di estrazione viene eseguito senza preoccuparsi del recupero delle aree da cui viene rimosso il materiale argilloso. In questo senso, il processo di sfruttamento di questa risorsa causa una serie di impatti ambientali.

Tra questi impatti c’è un positivo, che è la generazione di reddito. Gli altri erano negativi come: insabbiamento di fiumi e laghi, rimozione della foresta ripariale, compattazione del terreno, crateri all’aperto che sono inondati di acqua piovana e inadatti all’uso umano. Questi impatti causano ripercussioni socioeconomiche in quanto compromettono lo svolgimento delle attività agricole nelle aree in cui svolgono tale attività estrattiva.

Pertanto, con tutti gli impatti negativi causati dall’estrazione dell’argilla per le industrie ceramiche, è indispensabile per l’attuazione dell’Educazione Ambientale nelle scuole del comune e in altri segmenti della società, al fine di sensibilizzare, mobilitare e di conseguenza causare cambiamenti, soprattutto per quanto riguarda il recupero delle aree degradate, l’attribuzione di coloro che sono responsabili dello sfruttamento delle risorse minerarie e della riorganizzazione delle forme di ritiro dell’argilla in Comune.

Nell’Educazione Ambientale ci sono possibilità di motivare le persone a trasformare la realtà locale in difesa della qualità della vita, dell’ambiente in un’obiettivo di cittadinanza e trasformazione sia sociale che ambientale, oltre che economica, attraverso azioni sostenibili.

RIFERIMENTI

BAHIA, CENTRO DE ESTATÍSTICA E INFORMAÇÕES. Informações Básicas dos Municípios Baianos: Região Serra Geral. Salvador, 1994.

BRASIL, Conselho Nacional do Meio Ambiente – CONAMA. Resoluções, 1983.

GIL, Antônio Carlos. Técnicas de pesquisa em economia. São Paulo: Atlas, 1988.

JACOBI, Pedro. Educação ambiental, cidadania e sustentabilidade. São Paulo, n. 118, pág. 189-206, março de 2003. Disponível em <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0100-15742003000100008&lng=en&nrm=iso>. acesso em 24 de julho de 2020.

MECHI, ​​Andréa; SANCHES, Djalma Luiz. Impactos ambientais da mineração no Estado de São Paulo. São Paulo, v. 24, n. 68, pág. 209-220, 2010. Disponível em <http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0103-40142010000100016&lng=en&nrm=iso>. acesso em 24 de julho de 2020.

KERRY, John. Antes que a terra acabe: um relato real dos desafios ambientais. São Paulo: Saraiva, 2008.

PORTELA, M. O. B; GOMES J. M. A. Os danos ambientais resultantes da extração de argila no bairro Olarias em Teresina – PI. (Programa de pós-graduação em políticas públicas). São Luís – MA, 2005.

RIBEIRO, Amarolina. “O que é lixiviação do solo?”Brasil Escola. Disponível em: https://brasilescola.uol.com.br/o-que-e/geografia/o-que-e-lixiviacao-solo.htm. Acesso em 18 de julho de 2020.

SOUSA. Renato Santos de. Entendendo a questão ambiental: temas de economia, política e gestão do meio ambiente. Santa Cruz do Sul: EDUNISC, 2000.

APPENDIX – RIFERIMENTO NOTA

2. Foto dell’autore e mappa estratta da BAHIA, CENTER FOR STATISTICS AND INFORMATION. Informazioni di base dei comuni di Bahia: Regione di Serra Geral. Salvador, 1994.

[1] Laurea magistrale in Scienze e Matematica, Specializzazione in Formazione Socioeconomica in Brasile, Media in Educazione e Gestione Ambientale e Sviluppo Sostenibile. Laureato in Geografia, Scienze Biologiche e Pedagogia.

Inviato: agosto, 2020.

Approvato: settembre 2020.

Rate this post

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here