Note sull’agricoltura nell’evoluzione del pensiero economico

0
151
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
5/5 - (1 vote)
PDF

ARTICOLO ORIGINALE

FERRAZ, Carlos Alberto Leitão [1]

FERRAZ, Carlos Alberto Leitão. Note sull’agricoltura nell’evoluzione del pensiero economico. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed.08, Vol.16, pp. 107-125. Agosto 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/ambiente/agricoltura-nellevoluzione

ASTRATTO

L’articolo analizza l’agricoltura nell’evoluzione del pensiero economico. Evidenziare le diverse specificità e problematiche del settore agricolo secondo la visione delle principali scuole economiche nel corso dell’evoluzione della teoria economica. Come ciascuna delle correnti economiche ha interpretato il ruolo di questo settore nell’aspetto più ampio dell’economia. Cerca di dimostrare sinteticamente come la storia del pensiero economico abbia teoricamente incorporato, nei suoi aspetti principali, i mutamenti avvenuti nelle funzioni dell’agricoltura durante il suo sviluppo. Si tratta di uno studio di revisione bibliografica, basato, ove possibile, sugli scritti originali dei principali autori di ciascuna filiera economica analizzata. Il testo conclude che, durante tutta l’evoluzione della scienza economica, l’agricoltura è sempre stata presente nei principali studi sul pensiero economico, in modo diverso, accompagnando il suo ruolo nell’economia nel corso del suo sviluppo.

Parole chiave: evoluzione, pensiero, economia, agricoltura.

1. INTRODUZIONE

Agli albori dell’umanità, l’attività economica degli uomini era limitata alla raccolta, alla caccia e alla pesca. Gli uomini vivevano in branco, cioè erano socievoli. Il lavoro di caccia potrebbe comportare la preda e / o la macellazione di un animale che gli consentirebbe di nutrire i componenti di un gruppo per giorni o addirittura settimane o risultare in fallimento. In modo che il gruppo non ricevesse il cibo necessario per la loro sussistenza. Lo stesso si può dire della pesca, visti gli strumenti rudimentali per la sua efficacia. La raccolta, a sua volta, effettuata dalle donne, ha avuto successo nel suo obiettivo con la raccolta di verdure sufficienti per rifornire il gruppo per alcuni giorni.

In questo modo l’uomo mantiene, sebbene predatore, uno stretto rapporto con la natura. Tuttavia, questa relazione è una relazione di dipendenza. Perché è lei che gli fornisce il cibo necessario alla sua esistenza.

L’esistenza nomade imposta dai cambiamenti naturali sta lentamente iniziando a cambiare. A poco a poco, l’uomo attraverso l’osservazione iniziò ad intervenire nella riproduzione e selezione di animali e vegetali che gli sarebbero serviti da cibo. Questa iniziale padronanza della natura e l’addomesticamento degli animali, durante il periodo neolitico, diedero origine all’agricoltura. Da lì, l’uomo passerà da nomade a sedentario, controllerà il proprio approvvigionamento alimentare.

L’espansione dell’agricoltura porterà l’uomo a stabilirsi in una certa area e ad appropriarsi del suolo, così emerge e si consolida la divisione sociale delle attività lavorative, la divisione della società in classi sociali e lo stato.

Tuttavia, è con l’avvento della prima rivoluzione industriale o della rivoluzione industriale inglese che l’uomo rompe la dipendenza dalle forze naturali per svolgere il suo lavoro produttivo. Nei periodi che hanno preceduto la prima rivoluzione industriale, i meccanismi e le macchine utilizzati nel processo di produzione dipendevano nella loro propulsione dalle forze della natura, come i fiumi e i venti, la forza degli animali o la forza umana. Ma l’introduzione di James Watt della macchina a vapore trasforma radicalmente questa dipendenza: il vapore acqueo diventa una fonte di forza motrice. Ciò ha permesso di determinare la durata dei cicli di produzione e renderli continui e adattarli ai cambiamenti della domanda.

Ma non è stato solo sotto l’aspetto del progresso tecnologico che la rivoluzione industriale ha portato cambiamenti radicali. Sulla base di ciò, lo scopo dell’attività economica è ottenere l’espansione del capitale attraverso la produzione di beni e non produrre beni per soddisfare i bisogni umani. Così, poiché il capitale agricolo e il capitale commerciale erano subordinati al capitale industriale, quest’ultimo divenne, da un certo momento, subordinato al capitale finanziario.

Questo testo intende quindi dimostrare sinteticamente come la storia del pensiero economico abbia teoricamente incorporato, nei suoi aspetti principali, i mutamenti avvenuti nelle funzioni dell’agricoltura durante il suo sviluppo. A tal fine, questo articolo, dopo questa introduzione, è strutturato nelle seguenti sezioni: agricoltura nell’antichità, agricoltura nel feudalesimo, l’emergere dell’economia orientata al mercato, l’agricoltura come unica fonte di surplus economico e ricchezza, sviluppo agricolo nel classici: Smith, Ricardo e Malthus, il ruolo subordinato dell’agricoltura, l’approccio neoclassico: la fine dell’agricoltura come settore specifico nell’analisi economica, dall’approccio agricolo all’approccio agrario e le considerazioni finali.

2. L’AGRICOLTURA NELL’ANTICHITÀ

L’analisi dell’agricoltura dal punto di vista economico nel periodo greco deve essere intesa secondo i parametri filosofici che guidavano l’ordine economico del tempo: I – Prevalenza del generale sul particolare, cioè il benessere individuale subordinato al benessere collettivo; II – Uguaglianza etica, a questo proposito lo Stato greco ideale sarebbe composto da un certo numero stabile di abitanti, facilitando la conservazione dell’ordine sociale; e III – Il disprezzo per la ricchezza, quindi l’aspetto essenziale dell’essere umano è la sua anima, seguita dalla cura del corpo e, infine, dalla ricchezza.

Il pensiero filosofico in Grecia influenzerà notevolmente le opinioni economiche emerse all’epoca. La corrente individualista che si oppone alle ragioni dello Stato ea quelle dell’individuo, critica il disprezzo per la ricchezza e avvia la riabilitazione dell’attività lavorativa. Un altro filone individualista, il cui principale esponente era Aristotele, critica il comunismo di Platone. Tuttavia, anche in disaccordo con Platone, quanto alla forma di organizzazione sociale sostenuta da quel pensatore, Aristotele si avvicina a lui in relazione al disprezzo per la proprietà privata e la libertà individuale. Questa visione dell’economia propone il controllo demografico per mantenere il predominio dello stato sull’individuo. Oltre a queste due visioni dell’economia citate, c’era la corrente socialista che aveva Platone come suo principale formatore. Sostiene la strutturazione di uno stato ideale, dove prevale la giustizia e il cittadino dedica la massima quantità di tempo all’attività politica e agli studi di filosofia. In questo modo, le sfumature economiche devono essere limitate al minimo necessario. Il lavoro manuale non è incluso in questa struttura socialista, i commercianti e gli artigiani sono ignorati e l’agricoltore, a sua volta, è rilevante per il sistema.

Pertanto, nella sua fase embrionale o pre-scientifica, la scienza economica ha attribuito un’importanza preminente al settore agricolo nell’economia. Inoltre, vedeva l’agricoltura come un’attività in armonia con la natura. In questo contesto, nel pensiero economico di quel tempo, l’agricoltura era, a tutti gli effetti, un’attività economica centrale ed eticamente superiore. (CORAZZA e MARTINELLI JR., 2002, p. 11).

3. L’AGRICOLTURA NEL FEUDALISMO

L’economia medievale può essere suddivisa in due periodi economici. Quella che comprende il V-XI secolo, dove avvengono le invasioni dei barbari, il decadimento e l’estinzione della vecchia economia e la frammentazione economica del feudalesimo, allora nella sua pienezza. Lo scambio commerciale, quando avviene, avviene nella località, essendo rari gli scambi effettuati al di fuori dei domini del feudo. L’altro periodo va dall’XI al XIV secolo, che rappresenta una fase di crescita commerciale. Dall’XI secolo in poi, dopo una fase di decadenza, riaffiorano scambi e commerci. Allo stesso tempo, i mestieri specializzati si espandono, la divisione del lavoro aumenta la produzione, il mercato si espande.

Durante il periodo medievale, la Chiesa cattolica ha avuto un’influenza significativa sulla vita e sulle idee dell’intera popolazione. A livello di idee economiche, questa scienza cercherà nella religione cristiana la concezione morale della moderazione, che influenzerà notevolmente i giudizi sul profitto e sulla proprietà.

La proprietà privata era considerata legittima. Tuttavia, questa legittimità non era assoluta. Era condizionato dal carattere individualistico, che permette all’uomo di appropriarsi dei beni produttivi, garantendone la soddisfazione, perché attraverso questo può costituire riserve necessarie in caso di future eventualità. È anche condizionato, socialmente, sottolineando che il diritto abusivo del proprietario deve essere prevenuto quando implica atteggiamenti abusivi del proprietario a scapito del benessere collettivo.

L’influenza della moralità cristiana contribuirà alla nozione di giusto prezzo, cioè affinché gli scambi avvengano con equilibrio, secondo gli interessi delle parti negoziali coinvolte, è necessario che il prezzo sia giusto. Scholastics considererà come prezzo equo quel valore ridotto che consente al consumatore di acquistare normalmente il prodotto e al venditore di ricevere un prezzo sufficiente per il suo prodotto che gli interessa vendere e di conseguenza garantirgli una vita dignitosa. La nozione di prezzo equo sarà applicata al salario che deve consentire al lavoratore e alla sua famiglia di vivere secondo la tradizione della loro classe sociale e dei costumi locali. Allo stesso tempo, anche la nozione di prezzo equo è incorporata nel concetto di profitto.

L’economia del Medioevo era essenzialmente un’economia agricola e autosufficiente, in cui in generale la maggior parte dei bisogni della popolazione veniva soddisfatta nel feudo stesso. Così, il ruolo predominante dell’agricoltura in relazione all’artigianato e al commercio era naturale.

4. L’EMERGENZA DELL’ECONOMIA FOCALIZZATA SUL MERCATO

“I primi anni del Cinquecento in Europa segnano il declino della struttura feudale e, allo stesso tempo, l’emergere del sistema capitalista come elemento di spicco”. (HUNT e SHERMAN, 1995, p.32). Durante questo periodo si verificarono cambiamenti sociali ed economici che aprirono gradualmente la strada all’emergere, all’espansione e al consolidamento del capitalismo. La costante crescita demografica europea, la recinzione dei campi utilizzati inizialmente come pascoli comuni in Inghilterra, il progresso scientifico, il movimento migratorio verso le città stimolarono lo scioglimento dei vecchi legami feudali che, ancora, persistevano. Allo stesso tempo, negli stati-nazione, le correlazioni tra le forze politiche sono cambiate. L’alleanza politica tra re e capitalisti ha rimosso poteri dalla nobiltà feudale in diverse aree cruciali, come i settori del commercio e della produzione, secondo Hunte e Sherman (1995, p.36). È in questo scenario che emerge la dottrina economica del mercantilismo. Secondo Sandroni (1994, p.219):

(…) Questa scuola, che segna il periodo tra il XVI e il XVII secolo, era caratterizzata dai seguenti principi economici: I

– Lo stato deve espandere il benessere della sua popolazione, anche se colpisce altri paesi e colonie; II – La ricchezza economica di una nazione dipende dall’espansione demografica e dall’accumulo di metalli preziosi; III – Bilancia commerciale favorevole; e IV – La preponderanza economica del commercio e dell’industria rispetto all’agricoltura.

Rezende (2005) evidenzia la pratica dell’interventismo statale nell’economia nel mercantilismo. Per questo autore, le caratteristiche più sorprendenti di questa tendenza economica erano: I – Metallismo, cioè la prosperità e la ricchezza di un paese sarebbero il risultato della quantità di oro e argento che accumulava; II– Il volume delle esportazioni supera sempre quello delle importazioni; III – Nazionalismo economico, che consisteva nell’incoraggiare il settore secondario nazionale; e IV – Colonialismo.

In secondo luogo, anche, Rezende (2005), gli sforzi dei paesi mercantilisti nell’autosufficienza e nella produzione di manufatti hanno incontrato difficoltà nell’ottenere alcune materie prime che, per ragioni geoclimatiche, potevano essere prodotte solo in aree tropicali. Tuttavia, questo ostacolo potrebbe essere superato se i paesi centrali avessero colonie. In questo modo si poteva raggiungere l’obiettivo principale della politica mercantilista, che era quello di ottenere metalli preziosi, oppure di poter sfruttare le merci per la loro proficua commercializzazione nel mercato europeo.

Pertanto, sebbene l’agricoltura non sia vista come l’attività principale dell’economia, è alla base del pensiero economico mercantilista. Inoltre, emerge in questa dottrina come un fattore, sebbene non diretto, ma importante per il raggiungimento dell’ambito della politica mercantilista.

5. L’AGRICOLTURA COME UNICA FONTE DI ECONOMIA E RICCHEZZA ECONOMICA

Nel periodo di transizione tra il declino del feudalesimo e l’ascesa del capitalismo commerciale, la visione del ruolo dell’agricoltura nel sistema economico cambia. E questo cambiamento nel ruolo dell’agricoltura nell’economia avviene con la scuola economica Fisiocrata.

I fisiocratici erano un gruppo di economisti francesi il cui principale esponente era François Quesnay. Per questa scuola economica solo la natura, cioè la terra è produttiva, con la capacità di moltiplicare un chicco di fagioli in tanti altri chicchi. Settori come l’industria e il commercio, sebbene importanti, effettuano solo il trasporto e la trasformazione del prodotto originario della natura. Nella sua struttura teorica, divideva la società in tre classi: I – La classe produttiva; II – La classe dei proprietari; e III – La classe sterile).

Per Quesnay:

La nazione è ridotta a tre classi di cittadini: la classe produttiva, la classe dei proprietari e la classe sterile. La classe produttiva è quella che ravviva, coltivando il territorio, la ricchezza della nazione, anticipa le spese con lavori agricoli e paga annualmente le rendite dei proprietari terrieri. Questo lavoro comprende tutti i lavori e le spese sostenute in agricoltura, fino alla vendita dei prodotti in prima persona; da questa vendita si conosce il valore della riproduzione annuale della ricchezza della nazione. La classe dei proprietari comprende il sovrano, i proprietari terrieri e i decimatori. Questa classe sussiste del reddito o prodotto netto della coltivazione della terra, che io la pago annualmente per la classe produttiva, dopo aver detratto, dalla riproduzione che fa rinascere ogni anno, le ricchezze necessarie per il rimborso delle sue anticipazioni annuali. e il mantenimento della sua ricchezza di esplorazione. La classe sterile è composta da tutti i cittadini impegnati in servizi e lavori diversi dall’agricoltura, e le cui spese sono pagate dalla classe produttiva e dalla classe dei proprietari, che a loro volta traggono il loro reddito dalla classe produttiva. (QUESNAY, 1983, p. 258).

Pertanto, in questo lavoro Quesnay presenta il modello del flusso di reddito tra questi settori dell’economia. Proprietari e agricoltori acquistano prodotti e servizi da altri settori che, a loro volta, restituiscono questo reddito sotto forma di acquisto di prodotti agricoli. Considerava che questa circolazione del reddito rappresentava un ordine naturale determinato da leggi inalterabili così come dalle leggi che governano la fisica.

In quest’ottica, secondo Sandroni (1994, p.141), “i fisiocrati difendevano un’ampia libertà economica, l’estinzione di tutti i canoni e la loro sostituzione con un’unica tassa sulla proprietà e lo Stato come garante della proprietà e libertà economica”.

In questo modo si può comprendere che questa dottrina economica ha formulato per prima i principi del liberalismo economico. La sua analisi economica è centrata sulla produzione, modificando il centro di analisi economica che, fino ad allora, ha favorito l’attività commerciale. Inoltre, ha posto l’agricoltura come l’unica attività produttiva che genera ricchezza e prosperità di una nazione.

6. SVILUPPO AGRICOLO NEI CLASSICI: SMITH, MALTHUS E RICARDO

Adam Smith, autore del classico libro The Wealth of Nations, pubblicato nel 1776, inizia a spostare la centralità dell’agricoltura nell’analisi economica che occupava nel pensiero dei fisiocratici. L’agricoltura, da quel momento in poi, è subordinata al processo di accumulazione economica del capitale in generale. Il tema attorno al quale si articola il lavoro è la creazione e l’espansione della ricchezza, che, secondo lui, nasce dal lavoro dell’uomo. Quindi, non era solo il lavoro agricolo a generare ricchezza, ma tutto il lavoro produttivo, inserito nella divisione del lavoro e specializzazione, che produce un surplus economico. (CORAZZA e MARTINELL JR., 2002, p.17).

Tuttavia, Smith afferma la rilevanza produttiva del lavoro agricolo in relazione al lavoro artigianale e commerciale. Una volta che il lavoratore sul campo produce per il suo sostentamento e quello della sua famiglia, così come per la redditività dei suoi datori di lavoro e il reddito dei proprietari terrieri. Allo stesso tempo, questo pensatore, ritiene che il lavoro industriale tende ad essere più produttivo a causa del fatto che il settore industriale si adatta più facilmente alla specializzazione e alla divisione del lavoro. Da questa analisi risulta che il surplus economico non è più visto come di natura fisica, quantitativa, ma come valore di scambio o valore economico creato dal lavoro.

Thomas Robert Malthus (1766-1834) che visse durante la rivoluzione industriale inglese, pubblicò nel 1798 la sua opera più nota Saggio sul principio della popolazione. In questo lavoro formula il suo contributo più rilevante alla teoria della popolazione. Secondo Malthus, la produzione alimentare si espande con una progressione aritmetica mentre la crescita demografica avviene con una progressione geometrica. implicando povertà e fame in generale. Questa crescita della popolazione potrebbe essere contenuta attraverso diversi fattori restrittivi come la barriera morale, la miseria, la dipendenza, oltre ad altre condizioni, tra cui la guerra, la peste e altre malattie.

Malthus ha detto:

{…} Quindi, dando per scontati i miei postulati, affermo che il potere di crescita della popolazione è indefinitamente maggiore del potere della terra di produrre mezzi di sussistenza per l’uomo. La popolazione, quando non controllata, cresce in una progressione geometrica. I mezzi di sussistenza crescono solo nella progressione aritmetica. Un po ‘di conoscenza dei numeri

dimostrerà l’enormità del primo potere rispetto al secondo. Per quella legge della nostra natura che rende il cibo necessario per la vita umana, gli effetti di questi due poteri ineguali devono essere mantenuti uguali. Ciò implica un ostacolo che agisce con fermezza e costantemente sulla popolazione, a causa della difficoltà di sussistenza. Questa difficoltà deve diminuire da qualche parte e deve, necessariamente, essere sentita duramente da gran parte dell’umanità. (…) (MALTHUS, 1996, p. 242).

Per Galbraith (1987, p. 71) “nessun autore, fino ad allora, ha posto la responsabilità della povertà sulle spalle dei poveri stessi così pesantemente come faceva Malthus”.

Un argomento di interesse per i grandi pensatori dell’epoca, anche la teoria della rendita fondiaria fu oggetto di analisi di Malthus. Per lui, la rendita fondiaria corrisponde alla parte del prodotto totale che rimane al proprietario del terreno dopo tutti i pagamenti effettuati con la coltivazione del raccolto. In questo modo la rendita fondiaria nasce da un prezzo superiore al costo di produzione dei prodotti agricoli, che a sua volta deriva da 03 fattori: la qualità del suolo, la peculiarità del prodotto agricolo che crea ed espande la propria domanda e la relativa scarsità di terra fertile. Per Lenz (1985) Malthus stabilisce un collegamento diretto tra l’esistenza della ricchezza e la generazione di reddito dalla terra (“come dono della natura”), in cui la classe dei proprietari terrieri ha un’importanza senza pari nella società.

Il modello economico ricardiano si basa sull’analisi dei profitti agricoli dovuti alle peculiarità dei beni provenienti dall’agricoltura che possono, allo stesso tempo, essere utilizzati come input o prodotti di consumo. In questo modello, in cui predomina l’agricoltura, c’è un’ampia visione dei meccanismi che interferiscono nella produzione e distribuzione del prodotto della società, sottolineano le forze stimolanti e restrittive della crescita economica (CORAZZA e MARTINELLI JR, 2002, p.19 ).

L’agricoltura gioca un ruolo così importante da influenzare l’economia nel suo insieme, influenzando il valore del cibo, i salari delle industrie, gli investimenti, i profitti e l’espansione del prodotto nazionale. In questo modo, la performance agricola potrà determinare l’andamento della crescita economica e, così come, la distribuzione del reddito nazionale tra le classi sociali.

Da questo punto di vista ricardiano nasce il concetto di rendita fondiaria che, per Ricardo, è la quota di prodotto proveniente dalla coltivazione del suolo versata al proprietario per poter sfruttare in modo produttivo il suolo di sua proprietà. A differenza di Malthus, Davi Ricardo ritiene che il reddito della terra provenga dalla rarità di questa risorsa naturale. Poiché la terra è limitata, con fertilità variabile e la necessità di incorporare terreni di qualità inferiore nel processo di produzione agricola, è necessario pagare un affitto per poterla sfruttare.

7. IL RUOLO SOTTOSTANTE DELL’AGRICOLTURA

Con Karl Marx, l’agricoltura iniziò a svolgere un ruolo subordinato nel processo di accumulazione generale del capitale.

Secondo questo autore:

(  ) Nell’ambito dell’agricoltura, la grande industria agisce in modo più rivoluzionario in quanto annienta il baluardo della vecchia società, il “contadino”, sostituendolo con l’operaio salariato. Le esigenze di rivoluzione sociale e le antitesi della campagna si livellano così con quelle della città. Al posto della produzione più ordinaria e irrazionale, c’è l’applicazione tecnologica e consapevole della scienza. La rottura del legame familiare originario dell’agricoltura e della manifattura, che coinvolgeva la configurazione infantilmente non sviluppata di entrambe, è completata dal modo di produzione capitalistico. Ma crea, allo stesso tempo, i presupposti materiali di una nuova, più alta sintesi, dell’unione tra agricoltura e industria basata sulle loro configurazioni antiteticamente elaborate. Con la sempre crescente preponderanza della popolazione urbana che si accalca nei grandi centri, la produzione capitalistica accumula, da un lato, il motore storico della società, ma dall’altro disturba il metabolismo tra uomo e terra, cioè il ritorno di componenti della terra consumata dall’uomo, sotto forma di cibo e vestiario, alla terra, quindi, l’eterna condizione naturale di fertilità permanente del suolo. Di conseguenza, distrugge contemporaneamente la salute fisica dei lavoratori urbani e la vita spirituale dei lavoratori rurali. Ma, distruggendo le condizioni di questo metabolismo, sviluppato spontaneamente, lo costringe, contemporaneamente, a ripristinarlo in modo sistematico, come legge che regola la produzione sociale e in una forma adatta al pieno sviluppo umano. Sia nell’agricoltura che nella manifattura, la trasformazione capitalistica del processo produttivo appare, allo stesso tempo, come il martirologio dei produttori, il mezzo di lavoro come mezzo di sottomissione, sfruttamento e impoverimento del lavoratore, la combinazione sociale dei processi di lavoro come oppressione organizzata della loro vitalità, libertà e autonomia individuali (..) (MARX, 1996, p. 133).

Marx considerava fondamentale per lo sviluppo capitalista la creazione di un mercato interno che garantisse lo sviluppo della produzione commerciale con la divisione sociale del lavoro, compresa la produzione rurale, sostenuta dalla divisione delle varie procedure di lavorazione dei prodotti freschi estratti dall’agricoltura per, poi, trasformarsi nei propri settori industriali, tornando a interagire con il settore agricolo attraverso la vendita di beni, scambiando i propri beni con altri di origine rurale.

La figura 1 presenta una sintesi delle trasformazioni che avvengono in agricoltura con l’avanzare dei rapporti capitalistici nelle campagne.

Figura 1: Il processo di penetrazione del capitalismo nelle campagne

Fonte: Carvalho (2015, p. 27).

Si può vedere, secondo la Figura 1 sopra, che l’agricoltore era autosufficiente, produceva per sé e per la sua famiglia. Ora vende la sua produzione all’industria e poi acquista altri prodotti forniti da quel settore industriale. A poco a poco, il contadino ha perso la sua autonomia. La stragrande maggioranza non riuscì ad adattarsi alle nuove forme di produzione e finì per essere espulsa dallo spazio agrario, andando a concentrarsi nella periferia delle grandi città in cerca di lavoro.

Così, la grande proprietà rurale che è riuscita ad adattarsi alle nuove tecniche, e ha seguito il ritmo di sviluppo dell’industria, è riuscita a distinguersi e ha iniziato a subordinare la sua produzione agli interessi dell’industria. Con l’espansione e il consolidamento del capitalismo nelle campagne, c’è un aumento della produzione e della produttività e le trasformazioni nei rapporti di lavoro, nello spazio come nelle aree urbane. Marx conclude che l’agricoltura inizia a svolgere un ruolo subordinato al capitale industriale. (CARVALHO, 2015, p. 27).

In questa prospettiva, Marx sottolinea il meccanismo sociale della rendita fondiaria, poiché l’agricoltura dipende dal modo di produzione del capitalismo. Per Amin e Vergopoulos (1997), la sottomissione dell’agricoltura avviene in due modi. La prima, con una caratteristica economica, avviene attraverso l’intervento del capitale dominante, complesso alimentare industriale e commerciale, nel processo di produzione agricola, che imporrà ai produttori in campo la standardizzazione della produzione, programmi di lavoro uniformi, standardizzazione dei prodotti, concentrazione delle reti di raccolta delle merci, commercializzazione, tra gli altri fattori. La seconda forma, di natura politica, sono le alleanze di classe tra il capitale dominante e i proprietari terrieri. In questo modo, la sottomissione dell’agricoltura al capitalismo mondiale è sempre più enfatizzata.

Tuttavia, Silva (1981, p. 22) sottolinea che:

(…) La penetrazione del capitalismo nell’agricoltura trova una barriera nella proprietà della terra. In modo che la proprietà della terra diventi un monopolio, impedendo il trasferimento di altri capitali a questo settore. Questo monopolio assume due aspetti. Da un lato, deriva dalla produzione agricola su un dato terreno con determinate caratteristiche. D’altra parte, si dona per la proprietà privata della terra, disponendola come vuole. Sono questi due aspetti che generano reddito fondiario.

A sua volta, il reddito fondiario è diviso in reddito differenziale e reddito assoluto. Il reddito differenziale deriva dal suo utilizzo e sfruttamento. Perché i mezzi di produzione della terra hanno alcune caratteristiche monopolistiche, come la sua eterogeneità, estensione limitata e non riproducibile. Questo reddito differenziale può anche essere ricavato in due. Un primo che nasce dalla differenza di posizione e fertilità del suolo; e un secondo che proviene da investimenti di capitale e lavoro effettuati sul campo. La rendita fondiaria assoluta deriva dal pagamento che il proprietario fondiario riceve per lo sfruttamento della sua terra da parte dei capitalisti. Per AQmin e Vergopoulos (1977), la rendita fondiaria in Marx è un prodotto della società capitalista come gli altri prodotti generati da questo modo di produzione.

Tuttavia, un modo per superare questo ostacolo è attraverso il progresso tecnico, che porta alla subordinazione della natura stessa. Tuttavia, questa sottomissione non si verifica completamente, poiché è difficile opporsi completamente alle azioni delle forze naturali.

8. L’APPROCCIO NEOCLASSICO: LA FINE DELL’AGRICOLTURA COME SETTORE SPECIFICO DI ANALISI ECONOMICA

Il pensiero neoclassico abbandonerà la teoria del valore del lavoro, l’analisi strutturata nelle classi sociali e il concetto di surplus economico. In questa prospettiva, la struttura analitica si basa sui fattori di produzione: terra, capitale e lavoro. La funzione della produzione neoclassica è strutturata in modo moltiplicativo e con perfetta sostituibilità delle sue componenti: capitale, lavoro e terra (risorse naturali). Pertanto, lo sviluppo agricolo avviene attraverso l’evoluzione di fattori di produzione, che sono intercambiabili tra loro.

Nel contesto dell’agricoltura, nell’analisi neoclassica i primi approcci alle terme nascono dall’opposizione tra la produzione agricola nei paesi sviluppati e la povertà agraria nei paesi sottosviluppati. Le componenti da differenziare sarebbero le innovazioni tecnologiche assunte dalle prime e l’uso continuato dei fattori produttivi tradizionali da parte delle seconde. In questa prospettiva spicca il contributo di Thedore W. Schultz sulla teoria degli alti rendimenti degli input.

Per questo autore, l’efficienza del processo produttivo rurale nei paesi sviluppati è dovuta alla modernizzazione delle campagne e, nel caso dei paesi sottosviluppati, la povertà rurale deriva dalla bassa produttività marginale dei fattori di produzione tradizionali come la terra e il lavoro, scoraggia reinversione produttiva degli agricoltori.

Secondo lui:

Nella migliore delle ipotesi, c’è poca probabilità di crescita dall’agricoltura tradizionale, perché gli agricoltori hanno già esaurito le possibilità di produzione redditizie fornite dal livello di conoscenza che hanno. Una migliore distribuzione delle risorse, più risparmi e investimenti limitati solo ai fattori di produzione che hanno utilizzato, non serviranno molto per aiutare la crescita. Nonostante tutto ciò che è stato scritto su come migliorare la combinazione di fattori nelle comunità povere, ci sono piccoli aumenti del reddito reale da ottenere attraverso una migliore distribuzione dei fattori esistenti. Anche se un tale risparmio di denaro è stato un perfetto miscelatore nella distribuzione di ognuno. Uno dei fattori a loro disposizione, la comunità rimarrebbe povera. Ne consegue una conclusione analoga, per quanto riguarda la crescita che si vuole ottenere con gli aumenti dello stock di tali fattori. Sono costose fonti di reddito aggiuntivo e quindi offrono poche opportunità di crescita. Il significato di ciò è che l’agricoltura rimane infelice in tali circostanze. (SCHULTZ, 2005, p. 14).

Nel contributo di Schultz, l’agricoltura è considerata una fonte di crescita economica. Contrari a quegli economisti che hanno condizionato l’espansione delle attività economiche dal settore industriale.

9. LA VISIONE KEYNESIANA: IRRELEVANZA TEORICA DELL’AGRICOLTURA

John Maynard Keynes pubblicò, nel 1936, la sua opera più conosciuta e discussa, The General Theory of Employment, Interest and Currency. L’autore, in questo lavoro, sottolinea il carattere generale della sua teoria, in opposizione ai postulati degli autori classici che, secondo Keynes, si applica solo a un caso speciale, quello dell’equilibrio. (KEYNES, 1996, p.43).

La teoria di Keynes si basa sulla domanda effettiva che rappresenta il livello di prodotto che gli imprenditori intendono ottenere dall’occupazione di un certo numero di lavoratori. In altre parole, è il punto in cui la funzione di domanda viene abbinata all’offerta aggregata. (KEYNES, 1996).

Secondo Keynes:

Le linee generali della nostra teoria possono essere espresse come segue. Quando l’occupazione aumenta, aumenta anche il reddito reale aggregato. La psicologia della comunità è tale che quando aumenta il reddito aggregato reale, aumenta anche il consumo aggregato, ma non tanto quanto il reddito. Di conseguenza, gli imprenditori subirebbero una perdita se l’aumento totale dell’occupazione fosse destinato a soddisfare la maggiore domanda di consumo immediato. Quindi, per giustificare qualsiasi volume di occupazione, deve esserci un volume di investimenti sufficiente per assorbire l’eccesso della produzione totale rispetto a quello che la comunità vuole consumare quando l’occupazione è a un certo livello. A meno che non ci sia questo volume di investimenti, il reddito degli imprenditori sarà inferiore al necessario per indurli a offrire un tale volume di occupazione. Ne consegue, quindi, che, data quella che chiameremo propensione al consumo della comunità, il livello di equilibrio occupazionale, cioè il livello al quale nulla incoraggia gli imprenditori insieme ad aumentare o ridurre l’occupazione, dipenderà dall’ammontare degli investimenti correnti. L’ammontare dell’investimento corrente dipenderà, a sua volta, da quello che chiameremo incentivo all’investimento, che, come si vedrà, dipende dal rapporto tra la scala di efficienza marginale del capitale e il complesso dei tassi di interesse che incidono sui scadenze e rischi diversi. (KEYNES, 1996, p. 62).

Nella teoria keynesiana, come notato nel testo sopra, l’agricoltura non è più caratterizzata come una categoria di analisi specifica. Infatti, Keynes parte dalla comprensione che il sistema capitalista è profondamente instabile. E in queste crisi, lo Stato deve intervenire con investimenti sufficienti per adattarsi e generare la domanda necessaria. Pertanto, l’agricoltura non viene trattata in modo specifico, ma è considerata solo come una delle componenti della domanda aggregata. Ne consegue che devono essere adottate misure per aumentare la domanda effettiva nel suo complesso e non solo un segmento specifico dell’economia, come l’agricoltura.

10. IL SETTORE DELL’AGRICOLTURA DELLE GRANDI AZIENDE AGRICOLE

Dagli anni ’70 e ’80, le politiche keynesiane, che fino a quel momento erano state dominanti nelle principali economie capitaliste, furono sostituite da misure economiche neoliberiste volte a liberare il capitale dalle restrizioni imposte dal welfare state. Al fine di rinvigorire le condizioni per l’accumulazione di capitale.

Il neoliberismo è una versione aggiornata della dottrina liberale basata sul quadro teorico dell’economia neoclassica. È un insieme di idee economiche che predicano lo stato minimo nell’economia, cioè la non partecipazione dello stato all’attività economica; il libero flusso di capitali internazionali e il libero mercato commerciale in tutto il mondo.

Le politiche neoliberiste vengono messe in pratica, inizialmente, in Inghilterra da Margareth Tactcher (1979) e da Ronald Reagan negli USA (1981). Da questi paesi, le politiche neoliberiste si sono estese a diversi paesi, consolidando la loro egemonia mondiale.

In agricoltura, l’adozione delle politiche neoliberiste è avvenuta con la sua ristrutturazione basata sulla produzione di merci, sulle borse di merci e futures e sulle società di monopolio internazionale. La produzione di merci finalizzata a trasformare la produzione rurale in beni volti a soddisfare la domanda mondiale. La produzione alimentare era rivolta a chi aveva i soldi per acquistarlo sul mercato mondiale. Non era più destinato a servire un mercato nazionale. Tra le principali materie prime spiccano grano, soia, mais, riso, cotone, caffè, bovini vivi, tra gli altri.

Le borse di materie prime e futures sono diventate il centro di riferimento per i prezzi delle materie prime internazionali. Il Mercantile Exchange (CME), meglio conosciuto come lo scambio di Chicago, è lo scambio alimentare leader a livello mondiale. Partecipa al Gruppo CME, che possiede il mercato dei derivati ​​più vasto e diversificato al mondo, dove vengono fissati i prezzi di varie commodity come soia, frumento, bovini vivi, mais e altri.

Il quadro di ristrutturazione agricola si completa con la formazione di grandi aziende agroalimentari in tutto il mondo, che hanno iniziato a controllare la produzione di materie prime agricole. A livello internazionale, quattro società dominano praticamente il mercato alimentare mondiale: Cargill, Acher Daniels Company (ADM), Bunge Limited e Louis Dreyfus Group. Queste società agiscono in modo coordinato sui mercati internazionali attraverso fusioni, associazioni, acquisizioni, tra gli altri meccanismi. (OLIVEIRA, 2015, p. 240).

In agricoltura, le conseguenze delle politiche neoliberiste furono:

a) Le aziende agroalimentari iniziano a controllare il commercio mondiale di prodotti agricoli, principalmente cereali, in concomitanza al dominio dei mercati nazionali;

b) Concentrazione e denazionalizzazione di aziende agroindustriali in diversi paesi;

c) Standardizzazione della dieta alimentare per il consumo mondiale;

d) Eliminazione delle politiche statali per la protezione dell’agricoltura e degli agricoltori;

e) Il controllo da parte del grande capitale delle nuove tecniche da utilizzare nella produzione agricola;

f) Incursioni di capitali internazionali per controllare l’acqua potabile in tutto il mondo. (STEDILE, 2010).

Le tabelle 1 e 2 mostrano le principali caratteristiche dell’agricoltura prima e dopo il dominio neoliberista. Mostrano le grandi differenze nelle principali linee guida applicate all’agricoltura in termini generali.

Tabella 1: Politiche agricole prima del neoliberismo

Fonte: adattato da Oliveira (2015, p. 240)

In termini di regolamentazione globale dell’agricoltura, l’OMC sostituisce la FAO come entità che risolve le controversie commerciali tra i paesi. Al fine di dare un nuovo focus alle decisioni commerciali tra i paesi.

Tabella 2: Politiche agricole neoliberiste

Fonte: adattato da Oliveira (2015, p. 240)

Pertanto, la politica neoliberista in agricoltura si sta diffondendo nel settore rurale con la globalizzazione della produzione agricola. Perché questo processo, sotto il controllo del capitale finanziario, necessita di totale libertà di espansione.

CONSIDERAZIONI FINALI

Nelle prime analisi economiche l’agricoltura era considerata un’attività economica superiore alle altre per il fatto di fornire alla popolazione il cibo necessario. Questa enfasi sull’agricoltura si rifletteva nel piano teorico, essendo visto come un ordine naturale che governava l’economia.

Con la teoria fisiocratica, l’ordine naturale del pensiero economico lascia il posto all’ordine di mercato. La terra ei suoi prodotti vengono trasformati in merci sotto l’egida della rivalutazione del capitale e della legge del valore.

Con i pensatori classici, la terra perde la sua indiscutibile rilevanza ed è subordinata al comando del capitale industriale, così che l’origine del surplus della terra si sposta al lavoro. Tuttavia, l’agricoltura riesce ancora a mantenere il predominio nelle idee economiche del periodo.

La teoria economica neoclassica considera ora il settore agricolo come gli altri settori, come il lavoro e il capitale. L’agricoltura perde la sua specificità, assumendo un ruolo secondario, in quanto questi autori intravvedono già il predominio dell’industria nell’economia.

Con l’avvento del neoliberismo, c’è il predominio del capitale finanziario e delle sue grandi aziende agroalimentari. E la globalizzazione dell’agricoltura.

Si può quindi concludere che, durante tutta l’evoluzione della scienza economica, l’agricoltura è sempre stata presente nei principali testi economici. In modo differenziato e anche specifico, seguendo il ruolo che ha svolto nell’economia nel corso del suo sviluppo.

RIFERIMENTI

AMIN, Samir; VERGOPOULOS, Kostas. A questão agrária e o capitalismo. Rio de Janeiro: Paz e terra, 1977. 179 p.

CARVALHO, Joelson Gonçalves. Economia agrária. Volume único. Rio de Janeiro: Fundação Ceciere, 2015, 246 p.

CORAZZA, Gentil; MARTINELLI JR, Orlando. Agricultura e questão agrária na história do pensamento econômico. Revista Teoria e Evidência Econômica, Passo Fundo, v.10, n.19, p.09-36, Nov.2002.

GALBRAITH, John Kenneth. O pensamento econômico em perspectiva: uma história crítica. São Paulo: Pioneira: editora da Universidade de São Paulo, 1989. 289 p. ( coleção novos umbrais).

HUNT, E. K; SHERMAN, Howard, J. História do pensamento econômico. 13ª. ed. Petrópolis: Vozes, 1995. 218 p.

KEYNES, John Maynard. A teoria geral do emprego, do juro e da moeda. São Paulo: Ed. Nova Cultura, 1996, 328 p.

LENZ, Maria Heloisa. A teoria da renda da terra: Ricardo e Malthus. Ensaios FEE, Porto Alegre, v.6, n.1, p.81-104. 1985.

MALTHUS, Robert, T. Princípios de economia política – consideração sobre sua aplicação prática – ensaios sobre a população. São Paulo: Editora Abril Cultural, coleção os economistas, 1996, 382 p.

MARX, Karl. O capital, volume 1.São Paulo: Editora Nova Cultural Ltda, 1996, 381 p.

OLIVEIRA, A. U. A mundialização do capital e a crise do neoliberalismo: o lugar mundial da agricultura brasileira. Geousp – Espaço e Tempo (Online), v. 19, n. 2, p. 229-245, ago. 2015. ISSN 2179-0892.

QUESNAY, François. Análise do quadro econômico. Apresentação de Roberto Campos. Tradução de João Guilherme Vargas Neto. São Paulo, Abril Cultural, 1983, coleção Os economistas.

REZENDE FILHO, Cyro de Barros. História econômica geral. 8ª ed. São Paulo: Contexto, 005. 355 p.

SANDRONI, Paulo. Novo dicionário de economia. 4ª ed. São Paulo: Best Seller, 1994. 375 p.

SCHULTZ, Theodore, W. Fatores de produção encobertos sob o título de “mudanças tecnológicas.” Revista Brasileira de Inovação, Campinas, v. 4, n. 1, janeiro/junho 2005.

SILVA, José Graziano. O que é questão agrária. 4ª ed. São Paulo: Brasiliense, 1981. 45 p.

STEDILE, J. P. A natureza do desenvolvimento capitalista na agricultura. MST, 2010Disponível em: <http://base.d-p-h.info/pt/fiches/dph/fiche-dph-8244.html>.

[1] Economista e professore presso UNEB, PhD in Regional and Urban Development (UNIFACS).

Inserito: agosto 2020.

Approvato: agosto 2020.

5/5 - (1 vote)

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here