REVISTACIENTIFICAMULTIDISCIPLINARNUCLEODOCONHECIMENTO

Caratterizzazione epidemiologica dei casi di Sifilide Congenita nel nord del Brasile, dal 2014 al 2019

DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/salute/nord-del-brasile
4.2/5 - (13 votes)

CONTEÚDO

ARTICOLO ORIGINALE

ALMEIDA, Carolina Gomes [1], ÁVILA, Gabriel Pereira [2], TEIXEIRA, Isabelly Montenegro [3], RODRIGUES, Raíza Júlia Viana [4], DIAS, Claudio Alberto Gellis de Mattos [5], OLIVEIRA, Euzébio de [6], DENDASCK, Carla Viana [7], ARAÚJO, Maria Helena Mendonça de [8], FECURY, Amanda Alves [9]

ALMEIDA, Carolina Gomes. Et al. Caratterizzazione epidemiologica dei casi di Sifilide Congenita nel nord del Brasile, dal 2014 al 2019. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 05, Ed. 12, Vol. 14, pp. 20-31. Dicembre 2020. ISSN: 2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/salute/nord-del-brasile, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/salute/nord-del-brasile

RIEPILOGO

La sifilide è una malattia causata dal batterio Treponema pallidum, acquisito, in gran parte, dalla trasmissione sessuale. La sifilide congenita è una malattia contagiosa di trasmissione verticale (dalla madre al feto). Questo studio mirava a presentare il numero di casi segnalati di sifilide congenita nel nord del Brasile, tra il 2014 e il 2019, e a caratterizzare il profilo epidemiologico dei casi. La ricerca descrittiva, trasversale e retrospettiva è stata condotta utilizzando la banca DATASUS. C’è stato un aumento del numero di casi nel periodo valutato, in particolare lo Stato di Amazonas, che ha presentato il maggior numero di notifiche. Per quanto riguarda l’assistenza prenatale, una media di quattro volte più donne si esibiscono rispetto a quelle che non lo hanno fatto. Le donne con grado scolastico materno dal 5 ° all’8 ° scuola elementare incompleta hanno avuto un numero maggiore di casi di malattia. Sebbene la regione settentrionale abbia avuto un’elevata performance prenatale, la maggior parte dei casi di sifilide congenita sono stati diagnosticati solo dopo il parto, indicando interpretazioni errate per quanto riguarda i test e conseguente errore nella diagnosi e nel trattamento. Poiché la forma precoce (emergenza fino al 2 ° anno di vita) è la maggior parte del numero di casi, c’è un’evoluzione favorevole della malattia.La scolarità e il reddito sembrano essere fattori che influenzano la diagnosi tardiva della malattia. C’è bisogno di un aumento dei partner trattati, riducendo la trasmissione della sifilide e, di conseguenza, della sifilide congenita.

Parole chiave: Sifilide congenita, Regione settentrionale, Prenatale.

INTRODUZIONE

La sifilide è un’infezione batterica sistemica, cronica, curabile ed esclusiva dell’essere umano. Se non trattata, si evolve in stadi di varia gravità e può interessare organi e sistemi del corpo (BRASIL, 2018). L’agente eziologico della sifilide è il batterio Treponema pallidum, una spirocheta, acquisita nella maggior parte dei casi durante i rapporti sessuali. La malattia è classificata, in base alle sue diverse vie di trasmissione, nella sifilide acquisita e nella sifilide congenita (CAVALCANTE et al., 2012, ROCHA et al., 2020).

La sifilide congenita è il risultato della diffusione ematogena di T. pallidum , della donna incinta infetta che non è trattata o non adeguatamente trattata per il suo conceptus, transplacentalmente (CRT, 2016). La trasmissione può verificarsi durante la gravidanza e il rischio è maggiore nelle donne in gravidanza con sifilide primaria o secondaria (GUINSBURG; SANTOS, 2010, BARROS et al., 2020).

È una malattia responsabile di circa il 40% dei tassi di mortalità perinatale, il 25% dei nati morti, il 14% dei decessi neonatali (CARDOSO et al., 2018). Inoltre, è in grado di comportare gravi conseguenze per il conceptus come complicanze sistemiche, sia nella sifilide congenita precoce (coinvolgimento osseo, neurologico, ematologico ed epatosplenico), sia tardiva (stimmi derivanti da rimodellamento e deformità ossee) (MOTTA et al., 2018).

Il controllo efficace della sifilide ha come premessa fondamentale lo screening sierologico e il trattamento appropriato delle donne in gravidanza e dei partner sessuali, poiché la qualità delle cure prenatali e del parto è un importante determinante nel ridurre la trasmissione verticale. La penicillina è il farmaco di scelta nel trattamento della sifilide e l’unico indicato per le donne in gravidanza: ha un’efficacia del 98% nella prevenzione della sifilide congenita, agendo in tutte le fasi della malattia (CAVALCANTE; PEREIRA CASTRO, 2017).

OBIETTIVO

Presentare il numero di casi segnalati di sifilide congenita nel nord del Brasile, tra il 2014 e il 2019, e caratterizzare il profilo epidemiologico dei casi.

METODO

Uno studio quantitativo descrittivo, trasversale e retrospettivo è stato condotto attraverso i dati del Notifiable Diseases Information System (SINAN/SUS) del Dipartimento di Informatica del Sistema Sanitario Unificato (DATASUS). I dati nazionali sono stati raccolti secondo le seguenti fasi: È stato effettuato l’accesso al collegamento http://indicadoressifilis.aids.gov.br e in “Copertura dei dati” sono stati selezionati “Dati regionali e nazionali” e in “Sottocategoria” “Brasile”. Il pulsante “Scarica dati” è stato cliccato e i dati relativi alla sifilide congenita in Brasile sono stati rimossi. Successivamente in “Copertura dati” è stato selezionato “Dati di stato” e in “Sottocategoria” abbiamo selezionato il nome di ogni stato della regione settentrionale del Brasile, sono state scaricate le tabelle di ogni stato e sono state rimosse le informazioni sulla sifilide congenita. I dati sono stati compilati all’interno dell’applicazione Excel, un componente della suite Microsoft Corporation Office.

RISULTATI

La percentuale di casi di sifilide congenita secondo la diagnosi finale per anno di diagnosi in Brasile tra il 2014 e il 2019 è mostrata nella Tabella 1. C’è stato un aumento della percentuale di casi dal 12,28% nel 2014 al 18,21% nel 2019.

Tabella 1 – Mostra la percentuale di casi di sifilide congenita secondo la diagnosi finale per anno di diagnosi, nel nord del Brasile, tra il 2014 e il 2019.

Nel nord del Brasile, la percentuale di casi di sifilide congenita secondo la diagnosi finale per anno di diagnosi tra il 2014 e il 2019 è stata di 11.071. Nel periodo, c’è stato un aumento del numero di casi, dall’11,13% nel 2014 al 20,19% nel 2019 (Figura 1).

Figura 1 – Mostra la percentuale di casi di sifilide congenita secondo la diagnosi finale per anno di diagnosi, nel nord del Brasile, tra il 2014 e il 2019.

Tra gli stati della regione del Nord, il Pará si è distinto con il maggior numero di casi (42,08%) e quello con la quantità più bassa, lo stato di Roraima (1,83%). (Figura 2).

Figura 2 – Mostra la percentuale di casi di sifilide congenita secondo la diagnosi finale per anno di diagnosi, per stato nella regione settentrionale del Brasile, tra il 2014 e il 2019.

La figura 3 – mostra la distribuzione percentuale dei casi di sifilide congenita nella regione del Nord per seconda razza / colore (etnia) tra il 2014 e il 2019. I dati indicano un numero maggiore di casi nel gruppo etnico bruno con 9.638 (87,06%), seguito dai bianchi con 608 (5,49%). I gruppi etnici con il numero più basso erano indigeni con 85 (0,77%) e neri con 32 (0,29%), rispettivamente.

Figura 3 – Mostra la distribuzione percentuale dei casi di sifilide congenita nella regione nord per seconda razza/colore (etnia) tra gli anni 2014 e 2019.

La figura 4 mostra il numero di casi confermati di sifilide congenita nella regione del Nord mediante esame prenatale tra il 2014 e il 2019. I dati mostrano un numero maggiore di donne che hanno subito cure prenatali 8.712 (78,69%) rispetto a quelle che non hanno subito 2.048 (18,50%) e quelle considerate ignorate sono state 311 (2,81%).

Figura 4 – mostra la distribuzione percentuale dei casi di sifilide congenita in base alle informazioni sulle cure prenatali della madre per anno di diagnosi tra il 2014 e il 2019.

La figura 5 mostra la distribuzione percentuale dei casi di sifilide congenita nella regione del Nord, secondo la scolarità della madre per anno di diagnosi tra il 2014 e il 2019. I dati mostrano un numero importante di madri analfabete di 62 donne (0,90%), la maggior parte dei casi con il grado scolastico materno dal 5 ° all’8 ° scuola elementare incompleta con 2.362 (33,80%), con un numero di donne che hanno completato la scuola elementare di 936 (13,40%) e una parte completata di scuola superiore 1.320 (18,90%), il numero più basso di madri con un’istruzione superiore completa era 62 (0,90%) e il numero di madri ignorate era 2.243 (32,10%).

Figura 5 – Mostra la distribuzione percentuale dei casi di sifilide congenita nella regione del Nord, secondo la scolarità della madre per anno di diagnosi tra il 2014 e il 2019.

La figura 6 mostra il numero di casi confermati di sifilide congenita nella regione settentrionale al momento della diagnosi materna per la sifilide, tra il 2014 e il 2019. C’è un maggior numero di infezioni durante l’esame prenatale con un numero totale di casi di 4.862 (43,92%) e anche al momento del parto con 4.258 (39,46%), con una minoranza di casi diagnosticati nel periodo postpartum, con un totale di 1.388 (12,54%) e quelli ignorati sono stati 447 (4,04%).

Figura 6 – Mostra la distribuzione percentuale dei casi confermati di sifilide congenita in base al momento della diagnosi nella regione Nord, tra gli anni 2014 e 2019.

Per quanto riguarda la classificazione finale variabile della sifilide congenita, i dati trovati sono stati 10.475 (94,62%) classificati come sifilide congenita recente; 24 classificati come sifilide congenita tardiva (0,22%); 256 (2,31%) aborti dovuti alla sifilide; e 316 (2,85%) nati morti dalla sifilide (Tabella 2).

Tabella 2 – Mostra la distribuzione percentuale dei casi di sifilide congenita in base alla diagnosi finale per anno di diagnosi, nella regione settentrionale del Brasile, tra il 2014 e il 2019.

DISCUSSIONE

C’è stato un aumento del numero di casi dal 2014 al 2019 (figura 1), in particolare lo Stato di Amazonas, che ha aumentato del 416% (figura 2) i record di notifica della malattia nel periodo osservato, pur essendo lo Stato della regione settentrionale con il più alto PIL pro capite (IBGE, 2016). Questa analisi della relazione tra l’incidenza della malattia e la capacità economica del sito è fatta dal fatto che la sifilide congenita è una malattia diagnostica relativamente facile ed è totalmente prevenibile quando il trattamento delle donne in gravidanza e del partner viene eseguito adeguatamente (ARAUJO et al., 2006), che rende la sua prevalenza generalmente correlata a un potere economico carente di fornire una salute di base di qualità, più specificamente, per offrire un’efficace assistenza prenatale per la popolazione (ARAUJO et al., 2006).

Tuttavia, il sottosviluppo non spiegherebbe da solo la causa dell’Amazonas essendo il principale stato di crescita della malattia nel periodo osservato, perché rispetto ad altri stati della regione settentrionale, è il miglior PIL, quindi il miglioramento nella notifica della malattia nello Stato, potrebbe spiegare il fatto che la regione settentrionale ha un’alta prevalenza di questa comorbilità. Nel 2016, il Dipartimento della Salute di Amazonas ha iniziato una campagna di decentramento per test rapidi per le malattie sessualmente trasmissibili, precedentemente superconcentrati in FMT (Heitor Vieira Dourado Tropical Medicine Foundation), ridistribuendoli alle quattro SAE (Specialized Care Services) della città (BRASIL, 2016).

Sempre sulle prospettive che cercano di spiegare l’alta incidenza della sifilide congenita nella regione del Nord, il sottosviluppo è anche legato a una popolazione con un livello inferiore di consapevolezza, cioè non sarebbe sufficiente solo la disponibilità di cure prenatali, ma la comprensione della società sull’importanza della sua realizzazione, che aiuta a capire perché è un problema di salute pubblica ancora così presente nella regione settentrionale del Brasile, la seconda regione brasiliana con il PIL pro capite più basso, seconda solo al Nord-Est (IBGE, 2016).

Per quanto riguarda l’etnia variabile nei casi registrati di sifilide congenita (figura 3), oltre il 90% dei casi erano di etnia mista (razza) che è anche il gruppo etnico più diffuso nella regione settentrionale, che rappresenta il 66,88% della popolazione di questa regione del Brasile (IBGE, 2010).

È anche importante tracciare un parallelo con due dati raccolti nella ricerca, la percentuale di madri infette che hanno subito cure prenatali è superiore al 70% nel periodo osservato (2014-2019) (figura 4), cioè la maggior parte delle donne nella regione fa questo follow-up, il che dovrebbe implicare una minore incidenza della malattia. D’altra parte, il numero di partner non trattati è elevato. La sifilide è una malattia della trasmissione sessuale, in cui è obbligatorio il trattamento del partner. Ciò riflette una difficile realtà del Brasile nell’esecuzione di un’assistenza prenatale efficace, la mancanza di un follow-up soddisfacente del partner nelle consultazioni. Uno dei principali problemi che esiste ancora nel controllo delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST) durante la gravidanza è l’approccio del partner (DUARTE, 2007). Inoltre, i problemi sorgono con la notifica e continuano nel tentativo di convincerli della necessità di diagnosi e trattamento aderente (DUARTE, 2007).

Un altro fattore è il livello di analfabeta, solo lo 0,9% era analfabeta e la percentuale più alta è di persone che hanno completato almeno la scuola elementare (Figura 5). Tuttavia, circa l’8% della popolazione nel nord del Brasile è analfabeta, la seconda regione peggiore, seconda solo alla regione nord-orientale (IBGE, 2019). Questo confronto dei dati porta a domande sulla sottostima, se la più alta percentuale di donne con sifilide nella regione abbia effettivamente un’istruzione superiore o se la percentuale che cerca assistenza e ha i casi segnalati è la maggioranza istruita e quella con l’istruzione più bassa segue senza cercare cure e non ha la malattia segnalata.

Un’assistenza prenatale inadeguata impedisce la routine per la diagnosi e il trattamento efficace e precoce (ARAUJO et al, 2006). I dati sul momento della diagnosi rafforzano l’importanza di un’efficace assistenza prenatale per combattere l’incidenza della sifilide congenita, poiché la maggior parte aveva la diagnosi al momento del parto o al momento del curettage (Figura 6).

CONCLUSIONE

A causa dell’alta incidenza di casi di sifilide congenita, c’è la preminenza della regione del Nord a scapito di altre regioni brasiliane. Il sottosviluppo della regione è un fattore fondamentale per spiegare questo fatto, quando c’è un deficit nei settori pubblici, specialmente nell’istruzione e nella sanità, l’evidenza si riflette nella popolazione. In relazione alla sifilide congenita, la maggior parte delle donne in gravidanza aveva un basso livello di istruzione, dati questi dati, in considerazione di una mancanza di informazioni sull’importanza delle cure prenatali, sia a causa della mancanza di interesse della popolazione che della scarsa diffusione del sistema sanitario pubblico. Ad esempio, lo stato di Amazonas, che era lo stato con il più alto tasso percentuale di casi segnalati nel periodo analizzato a causa di una maggiore performance nello screening delle infezioni sessualmente trasmissibili, tuttavia, la maggiore disponibilità di metodi di screening, esclusivamente, non è sinonimo di un miglioramento dell’incidenza dei casi di sifilide congenita.

Inoltre, il numero di partner non trattati ha una grande rilevanza, poiché la via più comune di trasmissione della sifilide è la via sessuale. C’è una mancanza di informazioni e resistenza da parte della maggior parte di loro. Pertanto, è necessario che la donna incinta insieme al suo partner sia sottoposta a screening durante le cure prenatali per evitare la possibile reinfezione di un paziente trattato o la diagnosi precoce.

Pertanto, si osserva che per la riduzione dell’incidenza dei casi di sifilide congenita, sono necessari una serie di fattori, dalla maggiore disponibilità di informazioni sull’importanza delle cure prenatali e sulla sua continuità da parte delle donne in gravidanza e dei loro partner. Pertanto, coprire la diagnosi precoce e il trattamento, al fine di evitare complicazioni per il feto o il neonato.

RIFERIMENTI

ARAUJO, Eliete da Cunha; Costa, Kelly de Souza Gama; SOUZA E SILVA, Rafaela; AZEVEDO, Valéria Nascimento; Lima, Fábio André Souto. Importância do pré-natal na prevenção da Sífilis Congênita. Revista Paraense de Medicina, Belém, v. 20, n. 1, p. 47-51, mar. 2006.  Disponível em:  http://scielo.iec.gov.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0101-59072006000100008&lng=pt&nrm=iso Acesso em: 24 maio 2019.

BARROS, Yara Lorrane Souza de. Et al. Numbers of confirmed syphilis cases in pregnant women in Brazil between 2009 and 2013. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Year 05, Ed. 11, Vol. 25, pp. 53-61. November 2020. ISSN:2448-0959, Access link in: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/health/syphilis-cases, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/health/syphilis-cases

BRASIL, Ministério da Saúde. Departamento de Doenças de Condições Crônicas e Infecções Sexualmente Transmissíveis: Manaus recebe apoio da ONG AHF para descentralizar o atendimento de HIV/aids. 2016. Disponível em: http://www.aids.gov.br/pt br/noticias/manaus-recebe-apoio-da-ong-ahf-para-descentralizar-o-atendimento-de-hivaids   Acesso em: 23 maio 2019.  

BRASIL, Ministério da Saúde. Departamento de Vigilância, Prevenção e Controle das Infecções Sexualmente Transmissíveis, do HIV/Aids e das Hepatites Virais: Protocolo Clínico e Diretrizes Terapêuticas para Atenção Integral às Pessoas com Infecções Sexualmente Transmissíveis (IST). 2018. Disponível em: http://conitec.gov.br/images/Artigos_Publicacoes/Diretrizes/PCDT_Atencao_Integral_  IST_22-10-18.pdf Acesso em: 23 maio 2019. 

CARDOSO, Ana Rita Paulo; ARAÚJO, Maria Alix Leite; CAVALCANTE, Maria do Socorro; FROTA, Mirna Albuquerque; DE MELO, Simone Paes. Análise dos casos de sífilis gestacional e congênita nos anos de 2008 a 2010 em Fortaleza, Ceará, Brasil. Ciência & Saúde Coletiva. v. 23, n. 2, p. 563-574, 2018. Disponível em: https://www.scielosp.org/article/csc/2018.v23n2/563-574/ Acesso em: 24 maio 2019.

CAVALCANTE, Ana Egliny S; SILVA, Maria Adelane M; RODRIGUES, Antonia Regynara M; NETTO, José Jeová Mourão; MOREIRA, Andréa CA; GOYANNA, Natália F. Diagnóstico e tratamento da sífilis: uma investigação com mulheres assistidas na atenção básica em Sobral, Ceará. DST Jornal Brasileiro de Doenças Sexuais. v. 24, n. 4, p. 245-245, 2012. Disponível em: http://www.dst.uff.br/revista24-4-2012/4-Diagnostico%20e%20Tratamento%20da %20Sifilis.pdf Acesso em: 23 maio 2019.

CAVALCANTE, Patricia Alves de Mendonça; PEREIRA, Ruth Bernardes de Lima; CASTRO, Jose Gerley Diaz. Sífilis gestacional e congênita em Palmas, Tocantins, 2007-2014. Epidemiologia e Serviços de Saúde. v. 26, n. 2, p. 255-264, abr./jun, 2017. Disponível em:  https://www.scielosp.org/article/ress/2017.v26n2/255-264/pt/  Acesso em: 23 maio 2019.

CRT. Centro de Referência e Treinamento DST/AIDS-SP. Coordenadoria de Controle de Doença, Secretaria de Estado da Saúde de São Paulo (SES-SP). Guia de bolso para o manejo de sífilis em gestante e sífilis congênita. 2 ed., 112 p. São Paulo: Secretaria de Estado da Saúde. 2016. Disponível em: http://www.saude.campinas.sp.gov.br/saude/doencas/sifilis/guiadebolsodasifilis_2edicao2016.pdf Acesso em: 23 maio 2019.

DUARTE, Geraldo. Extensão da Assistência Pré-natal ao Parceiro como Estratégia de Aumento da adesão ao Pré-natal e Redução da Transmissão Vertical de Infecções. Revista Brasileira de Ginecologia e Obstetrícia. v. 29, n. 4, p. 171-174, 2007.

GUINSBURG, Ruth; SANTOS, Amélia Miyashiro Nunes dos Santos. Critérios diagnósticos e tratamento da sífilis congênita. Documento científico – Departamento de Neonatologia. São Paulo: Sociedade Brasileira de Pediatria. 2010. Disponível em: https://www.sbp.com.br/fileadmin/user_upload/2015/02/tratamento_sifilis.pdf Acesso em: 24 maio 2019.

Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística (IBGE). Contas regionais do Brasil: 2010-2014, Coordenação de Contas Nacionais. – Rio de Janeiro: IBGE, 2016. 97 p. – (Contas nacionais, ISSN 1415-9813; n. 53). Disponível em:  https://biblioteca.ibge.gov.br/visualizacao/livros/liv98881.pdf  Acesso em: 24 maio 2019.

Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística (IBGE), Diretoria de Pesquisas, Coordenação de Trabalho e Rendimento, Pesquisa Nacional por Amostra de Domicílios Contínua 2016-2018. 2019. Disponível em: https://biblioteca.ibge.gov.br/visualizacao/livros/liv101657_informativo.pdf Acesso em: 24 maio 2019.

IBGE. Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística. Sistema IBGE de Recuperação Automática – SIDRA. 2010. Disponível em: https://sidra.ibge.gov.br/Tabela/3175#resultado   Acesso em: 24 maio 2019.

MOTTA, Isabella almeida; DELFINO, Isabella Rey de Souza; DOS SANTOS, Leticia Vettorazzi; MORITA, Maura Omori; GOMES, Rayanne Gonçalves Dantas; MARTINS, Talita Pouzas Soares; CARELLOS, Ericka Vianna Machado; ROMANELLI, Roberta Maia de Castro. Sífilis congênita: por que sua prevalência continua tão alta?. Revista Médica de Minas Gerais, Belo Horizonte, v. 28. Suppl. 6, 2018. Disponível em:  http://rmmg.org/artigo/detalhes/2418   Acesso em: 23 maio 2019.

ROCHA, Karina Dias. Et al. Number of congenital syphilis cases in Brazil between 2009 and Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Year 05, Ed. 05, Vol. 01, pp. 131-143. May 2020. ISSN:2448-0959 DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/health/congenital-syphilis-cases

[1] Accademico del corso di medicina dell’Università Federale del Pará (UNIFAP).

[2] Accademico del corso di medicina dell’Università Federale del Pará (UNIFAP).

[3] Accademico del corso di medicina dell’Università Federale del Pará (UNIFAP).

[4] Accademico del corso di medicina dell’Università Federale del Pará (UNIFAP).

[5] Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Istituto Federale di Amapá (IFAP), campus di Macapá, AP. Professore e ricercatore nel Graduate Program in Professional and Technological Education (ProfEPT), IFAP, Santana campus.

[6] Dottorato di Ricerca in Malattie Tropicali (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA), Campus Castanhal, PA.

[7] Teologo, Dottorato di Ricerca in Psicoanalisi Clinica. Lavora da 15 anni con metodologia scientifica (metodo di ricerca) nella guida alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in Ricerche di Mercato e Ricerca focalizzato sulla salute. Dottorando in Comunicazione e Semiotica (PUC SP).

[8] Master in Scienze dell’Insegnamento e della Salute. Professore e ricercatore presso l’Università Federale di Amapá (UNIFAP), campus di Macapá, AP.

[9] Dottorato di Ricerca in Malattie Tropicali (UFPA). Professore e ricercatore presso l’Università Federale di Amapá (UNIFAP), campus di Macapá. Professore e ricercatore nel Graduate Program in Health Sciences (UFPA). Prorettore per la ricerca e gli studi universitari presso l’Università federale di Amapá (UNIFAP).

Presentato: Dicembre 2020.

Approvato: Dicembre 2020.

4.2/5 - (13 votes)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

DOWNLOAD PDF
RC: 96426
Pesquisar por categoria…
Este anúncio ajuda a manter a Educação gratuita
WeCreativez WhatsApp Support
Temos uma equipe de suporte avançado. Entre em contato conosco!
👋 Ciao, hai bisogno di aiuto per inviare un articolo scientifico?