Panorama nazionale del ferro tra il 2010 e il 2014

0
58
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/quimica-it/panorama-nazionale-del-ferro
PDF

ROCHA, Karina Dias [1], ARAÚJO, Franciolli da Silva Dantas [2], FECURY, Amanda Alves [3], OLIVEIRA, Euzébio [4], DENDASCK, Carla Viana [5], DIAS, Claudio Alberto Gellis de Mattos [6]

ROCHA, Karina Dias. Et al. Panorama nazionale del ferro tra il 2010 e il 2014. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 03, Ed. 09, Vol. 08, pp. 55- 62 settembre 2018. Sistema iSSN:2448-0959, Collegamento di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/quimica-it/panorama-nazionale-del-ferro, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/quimica-it/panorama-nazionale-del-ferro

L’estrazione mineraria è l’attività svolta con l’obiettivo di rimuovere un bene minerale dalla crosta terrestre, rappresentava circa il 5% del PIL del Brasile nel 2014. Il ferro è un elemento chimico facilmente ossidabile, duttile e magnetico. È il più comune, più economico e più importante dei metalli. L’ematite (Fe2 O3) è il principale minerale con un contenuto predominante di ferro nella sua composizione. Nel 2010, la produzione di ferro in Brasile rappresentava circa il 15% della produzione mondiale. L’industria siderurgica è responsabile del 99% del consumo mondiale di ferro. La rotta marittima è il principale mezzo di trasporto delle merci tra il Brasile e il commercio estero. La ricerca è stata effettuata accedendo al sito DNPM, i dati raccolti risalgono agli anni dal 2010 al 2014. In questo periodo l’Australia aveva la più grande riserva di minerali ferrosi e la Cina la più grande produzione mondiale. Nel 2013 c’è stato un calo della produzione brasiliana di ferro e del suo consumo effettivo. L’economia nazionale e il commercio mondiale sono stati i principali fattori di instabilità del settore minerario brasiliano tra il 2010 e il 2014. La diminuzione del prezzo del ferro nel mercato mondiale ha causato la caduta della produzione di ferro in Brasile nel 2013, anno in cui il consumo di il ferro in Brasile è stato duramente colpito dalla crisi economica che ha colpito il Paese. Gli elevati investimenti della Cina nel settore minerario hanno fatto leva sulla partecipazione del paese al commercio mondiale, diventando il principale produttore di ferro nel mondo, tra il 2010 e il 2014 la Cina è stata il principale acquirente di ferro prodotto in Brasile.

Parole chiave: Ferro, miniere, commercio nazionale.

INTRODUZIONE

Il ferro è un elemento chimico facilmente ossidabile, dubbioso e magnetico. È il più comune, economico e importante dei metalli (DNPM, 2017). ). Le principali fonti di approvvigionamento di ferro sono heatite, magnesite, siderite e pirite. L’ematite (Fe2 O3) è il principale minerale con contenuto di ferro predominante nella sua composizione (MEDEIROS, 2010; DNPM, 2017a). Il ferro è ampiamente utilizzato nella produzione di parti di auto, cancelli, ponti, chiodi e viti oltre ad essere utilizzato nella costruzione civile (MEDEIROS, 2010).

L’estrazione mineraria è l’attività svolta che mira a rimuovere un bene minerale dalla crosta terrestre (GANEM et al., 2016). Nel 2014 il settore ha rappresentato il 5% del PIL nazionale, raccogliendo circa 42 miliardi di dollari (BRASIL, 2015). Il minerale è ogni sostanza formata da processi fisico-chimici naturalmente nella crosta terrestre (DNPM, 2017). La riserva minerale è l’evento minerale identificato e può essere esplorato, che ha una connotazione economica (CURI, 2014).

Nel 2010, la produzione brasiliana di ferro ha rappresentato circa il 15% della produzione mondiale, con circa 372 milioni di tonnellate prodotte. Il consumo apparente è la produzione di un pozzo aggiunto alla sua importazione e sottratto dalla sua esportazione. Il consumo effettivo consiste nel consumo apparente sottratto dallo stock finale scortetto dallo stock iniziale (variazione di magazzino), sempre calcolato in un determinato periodo di tempo (HECK, 2007). L’industria siderurgica rappresenta il 99% del consumo mondiale di ferro (PEREIRA, 2012).

L’esportazione consiste nella partenza permanente o temporanea dei prodotti dalla produzione nazionale e può essere pagata o gratuita (BRASIL, 2015a). Il Brasile è il più grande esportatore di ferro al mondo. Nel 2010, circa 8000 società minerarie operavano nel paese, il 42% era concentrato nella regione sud-orientale, il 24% nel sud, il 16% nel nord-est, il 12% nel Midwest e il 6% nel nord (GONÇALVES e MENDONÇA, 2015).

Nel 2011, il commercio mondiale con Free on Board (FOB) ha rappresentato circa l’84% dei prodotti esportati e il 76% del volume importato (BRASIL, 2012). Il FOB consiste in un accordo tra acquirente e venditore, l’esportatore è responsabile solo delle merci verso il porto (prodotto all’interno della nave pronto per il trasporto), porto indicato dall’acquirente (IPEA, 2010). La rotta marittima è il principale mezzo di trasporto merci tra il Brasile e il commercio estero (BRASIL, 2012).

gol

Presentare la riserva mondiale, il prezzo e la produzione mondiale di ferro tra il 2010 e il 2014, nonché le esportazioni brasiliane e il consumo effettivo in Brasile, con l’obiettivo di creare un panorama nazionale del ferro in questo periodo.

metodo

La ricerca è stata condotta accedendo al sito web del DNPM (http://www.dnpm.gov.br/) secondo le seguenti fasi: nella pagina principale, è stato cliccato su “pubblicazioni”, quindi selezionato “serie statistiche ed economia mineraria”. Nella pagina successiva, hai cliccato su “riepilogo dei minerali”. Successivamente, “Brazilian Mineral Summary” è stato scaricato dal 2011 al 2015. Poi, nei riassunti scaricati, sono stati raccolti i dati da “Riserva Mondiale”, “Produzione Mondiale”, “Produzione Brasile”, “Esportazione del Brasile”, “Consumo apparente in Brasile”, “Consumo effettivo in Brasile” e “Prezzi”. Tutti i dati raccolti sono stati dal 2010 al 2014. I dati sono stati compilati all’interno dell’applicazione Excel, un componente della suite Microsoft Corporation Office. La ricerca bibliografica è stata condotta in articoli scientifici, utilizzando computer del laboratorio informatico dell’Istituto Federale di Educazione, Scienza e Tecnologia di Amapá, Macapá Campus, situato a: Rodovia BR 210 KM 3, s/n – Bairro Brasil Novo. CAP: 68.909-398, Macapá, Amapá, Brasile.

Risultati

La figura 1 mostra la media della riserva mondiale di ferro (10^6 t) tra il 2010 e il 2014. L’Australia ha avuto la media più alta, seguita da Russia e Cina. L’Ucraina aveva la media più bassa, seguita da India e Brasile.

Figura 1: Riserva mondiale media di ferro tra il 2010 e il 2014.

La figura 2 mostra la produzione mondiale media di ferro (10³ t) tra il 2010 e il 2014. Nel grafico, si percepisce che la Cina ha la media più alta, seguita da Australia e Brasile. L’Ucraina aveva la media più bassa, seguita da Russia e India.

Figura 2: Produzione mondiale media di ferro tra il 2010 e il 2014.

La figura 3 mostra la produzione brasiliana di ferro (t) tra il 2010 e il 2014. C’è stata una crescita tra il 2010 e il 2012, con un calo nel 2013. Nel 2014 è ripresa la crescita della produzione.

Figura 3: Produzione brasiliana di ferro tra il 2010 e il 2014.

La figura 4 mostra le esportazioni brasiliane di ferro (t) tra il 2010 e il 2014. Nel grafico, c’è un aumento delle esportazioni in questo periodo.

Figura 4: Esportazioni brasiliane di ferro tra il 2010 e il 2014.

La figura 5 mostra il consumo effettivo di ferro (t) in Brasile tra il 2010 e il 2014. Il consumo effettivo più elevato è stato osservato nel 2011, seguito dal 2010 e dal 2012. Il consumo effettivo più basso è stato nel 2013, seguito dal 2014.

Figura 5: Consumo effettivo di ferro (t) in Brasile tra il 2010 e il 2014.

La figura 6 mostra il prezzo del ferro (US$-FOB/t) tra il 2010 e il 2014. Nel grafico, vediamo il prezzo più alto nel 2011, seguito dal 2013 e dal 2012. Il prezzo più basso è stato nel 2014, seguito dal 2010. C’è un’oscillazione tra gli anni.

Discussione

La formazione di ferro fasciato (BIF) che si è verificata 2 miliardi di anni fa e ha colpito principalmente l’Australia, forse la causa per il paese di presentare la più grande riserva minerale di ferro nel periodo analizzato. L’Australia ha la più grande riserva BIF al mondo, che ha già posseduto circa 300 trilioni di tonnellate di ferro e coperto un’area di circa 150.000 km². Il BIF è costituito da rocce sedimentarie che hanno minerali ad alto contenuto di ferro, derivanti da processi chimici tra acqua ad alto contenuto di ferro e acqua con una grande quantità di ossigeno, causando precipitazioni di heatite (WAM, 2013).

Probabilmente il motivo per cui la Cina ha presentato la più alta produzione di ferro tra il 2010 e il 2014 è stato l’elevato investimento che il paese ha fatto nel settore minerario, promuovendo così la produzione di questo settore e di conseguenza aumentando la produzione di ferro (RÊGO et al., 2014).

Il calo della produzione di ferro in Brasile nel 2013 può essere spiegato dalla diminuzione del prezzo del prodotto sul mercato mondiale, che ha reso impossibile raggiungere il profitto desiderato e ha causato l’impraticabilità della produzione (ROCHA, 2016).

La causa della crescita delle esportazioni brasiliane di ferro tra il 2010 e il 2014 è stata probabilmente la crescita economica del principale acquirente di ferro prodotto in Brasile, Cina, un fatto che ha aumentato la domanda necessaria per alimentare il suo mercato interno e di conseguenza il volume delle sue importazioni (SILVA, 2014).

La diminuzione del consumo di ferro in Brasile nel 2013 si spiega con la crisi economica che ha colpito il Paese nel periodo, colpendo di conseguenza le industrie che utilizzano il ferro attraverso l’impossibilità di raggiungere il profitto desiderato e ha causato la chiusura di diverse sue sede, riducendo così il consumo di ferro nel Paese (PAULA e PIRES, 2017).

La ragione del calo del prezzo del ferro nel 2014 è stata probabilmente la grande offerta del prodotto sul mercato mondiale, superando la domanda necessaria. Ciò si spiega con l’eccessiva produzione degli anni precedenti, trainata dagli alti prezzi del prodotto sul mercato mondiale, a basso costo del ferro (BRASIL, 2014).

CONCLUSIONE

L’economia nazionale e il commercio mondiale sono stati i principali fattori di instabilità del settore minerario brasiliano tra il 2010 e il 2014. La diminuzione del prezzo del ferro sul mercato mondiale ha causato il calo della produzione di ferro in Brasile nel 2013, quando il consumo di ferro in Brasile è stato gravemente colpito dalla crisi economica che ha colpito il paese.

Gli elevati investimenti cinesi nel settore minerario hanno aumentato la partecipazione del paese al commercio mondiale, diventando il principale produttore mondiale di ferro, tra il 2010 e il 2014 la Cina è stata il principale acquirente di ferro prodotto in Brasile.

RIFERIMENTI

BRASIL. Panorama da Navegação Marítima e de Apoio: Superintendência de Navegação Marítima e de Apoio: 39 p. 2012.

______. Minério de Ferro: BNDES Setorial 39: 197-234 p. 2014.

______. Informações sobre a economia mineral brasileira: Instituto Brasileiro de Mineração: 25 p. 2015.

______. Exportação. 2015a. Disponível em: < http://idg.receita.fazenda.gov.br/orientacao/aduaneira/importacao-e-exportacao/despacho-aduaneiro-de-exportacao >. Acesso em: 13 de novembro, 2017.

CURI, A. Minas a céu aberto: planejamento de lavra. São Paulo: Oficina de Textos, 2014. 232 p.

DNPM. Ferro (Fe). 2017. Disponível em: < http://www.dnpm-pe.gov.br/Detalhes/Ferro.htm >. Acesso em: 14 de novembro, 2017.

______. Mineral. 2017a. Disponível em: < http://www.dnpm-pe.gov.br/Detalhes/Mineral.htm. >. Acesso em: 14 de novembro, 2017.

GANEM, R. S.; FILHO, A. F. F.; GANEM, R. S. I. Impactos Socioambientais de Mineração: Estudo de Caso em Pedreira. IV Congresso Baiano de Engenharia Sanitária e Ambiental. Cruz das Almas BA 2016.

GONÇALVES, R. J. F. A.; MENDONÇA, M. R. Expansão dos Grandes Empreendimentos de Mineração e Territórios em Disputa no Cerrado Goiano (Goiás/Brasil). Sociedade e Território, v. 27, p. 206-228, 2015.

HECK, N. C. Metalurgia Extrativa dos Metais Não-Ferrosos II. Porto Alegre RS, 2007. Disponível em: < https://www.academia.edu/29446651/ENG06632-Metalurgia_Extrativa_dos_Metais_N%C3%A3o-Ferrosos_II-A_Nestor_Cezar_Heck_-DEMET_UFRGS >. Acesso em: 20 de dezembro de 2017.

IPEA. O que é? FOB. 2010. Disponível em: < http://desafios.ipea.gov.br/index.php?option=com_content&view=article&id=2115:catid=28&Itemid=23 >. Acesso em: 07 de novembro, 2017.

MEDEIROS, M. A. Ferro. Química nova na Escola, v. 32, n. 3, p. 208-209, 2010

PAULA, L. F.; PIRES, M. Crise e perspectivas para a economia brasileira. Estudos Avançados, v. 31, n. 89, p. 125 – 144, 2017.

PEREIRA, S. A. C. O Mercado de Minério de Ferro. 2012. (Monografia). Universidade Federal de Minas Gerais, Belo Horizonte MG.

RÊGO, R. B. et al. Aplicação da Teoria das Opções Reais na Avaliação de um Projeto de Mineração. ENGEVISTA, v. 4, n. 16, 2014.

ROCHA, R. M. C. O Efeito China: Uma Análise para o mercado de Minério de Ferro entre 2002 e 2013. 2016. 54 p. (Monografia). Universidade Federal da Bahia, Salvador, BA.

SILVA, E. M. O Efeito China: Uma Análise para o mercado de Minério de Ferro entre 2002 e 2013. 2014. (Monografia). Pontifícia Univerdade Católica, Rio de Janeiro RJ.

WAM. Banded Iron Formation. 2013. Disponível em: < http://museum.wa.gov.au/research/collections/earth-and planetary-sciences/rock-collection/banded-iron-formation >. Acesso em: 20 de Dezembro, 2017.

[1] Studente delle superiori. Corso tecnico in Mineraria. Istituto federale di istruzione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP).

[2] Tecnologo dei materiali. Master in Scienze dei Materiali e Ingegneria. Ricercatore professore presso l’Istituto federale di istruzione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP[3])

Biomedica. Dottorato di ricerca in Malattie Tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Amapá (UNIFAP).Biologo. Dottore in malattie tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA).

[4] Biologo. Dottore in malattie tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA).

[5] Theologian. Dottorato di ricerca in Psicoanalisi Clinica. Ricercatore presso il Center for Research and Advanced Studies, San Paolo, SP.

[6] Biologo. Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento. Ricercatore professore presso l’Istituto federale di istruzione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP)

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here