Panorama brasiliano del tungsteno (w) tra il 2008 e il 2014

0
80
DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/quimica-it/panorama
PDF

BARROS, Yara Lorrane Souza [1], ARAÚJO, Franciolli da Silva Dantas [2], FECURY, Amanda Alves [3], OLIVEIRA, Euzébio [4], DENDASCK, Carla Viana [5], DIAS, Claudio Alberto Gellis de Mattos [6]

BARROS, Yara Lorrane Souza. Et al. Panorama brasiliano del tungsteno (w) tra il 2008 e il 2014. Revista Científica Multidisciplinar Núcleo do Conhecimento. Anno 03, Ed. 09, Vol. 08, pp. 22-29 settembre 2018. Sistema iSSN:2448-0959, Link di accesso: https://www.nucleodoconhecimento.com.br/quimica-it/panorama, DOI: 10.32749/nucleodoconhecimento.com.br/quimica-it/panorama

I minerali sono sostanze chimiche naturali, che hanno una struttura interna ordinata e alcune caratteristiche costanti che ne consentono l’identificazione come minerale. Il tungsteno (W) è una sostanza chimica che ha un punto di fusione di 3.419 ° C e un peso specifico di 19,3 g / cm3 … Ci sono circa 20 minerali che contengono tungsteno nella loro composizione chimica, scheelite e wolframite sono i principali . I dati sono stati presi dal National Department of Mineral Production – DNPM (http://www.dnpm.gov.br/). I dati sono stati compilati utilizzando l’applicazione Excel, parte della suite Microsoft Corporation Office. La ricerca bibliografica è stata condotta su articoli scientifici presenti nel world wide web. I dati mostrano che tra il 2008 e il 2010 c’è stata una diminuzione della produzione di tungsteno sotto forma di minerale contenuto e concentrato. A partire dal 2011, la produzione è cresciuta. Il Brasile ha esportato quasi quattro volte quello che ha importato tungsteno nel periodo preso in esame. Tra il 2008 e il 2012 c’è stato un aumento del consumo apparente di tungsteno. Nel 2013 e 2014 si è registrato un forte calo rispetto agli altri anni. Il quadro brasiliano del tungsteno ha mostrato difficoltà, ma ha continuato a crescere, portando ricerche che possono migliorare i consumi e la produzione della materia prima nel territorio nazionale.

Parole chiave: Tungsteno, Produzione, Consumo, Commercio.

INTRODUZIONE

I minerali sono sostanze chimiche naturali, che hanno una struttura interna ordinato, e alcune caratteristiche costanti che consentono la loro identificazione come minerale. Caratteristiche come: composizione chimica e proprietà fisiche proprie. Minerale è il termine usato per riferirsi a uno o più minerali, con vitalità economica e tecnologica (BRASIL, 2016; NORONHA, 2017).

La concentrazione di minerali di interesse economico nella crosta terrestre è chiamata risorsa minerale. Presenta condizioni ragionevoli per l’estrazione economica. La risorsa minerale ha posizione, contenuto, quantità, caratteristiche geologiche e altre caratteristiche note o stimate. La parte economicamente lavabile della risorsa minerale è designata come riserva minerale (BRASIL, 2016).

Il tungsteno (W) è una sostanza chimica che ha un punto di fusione di 3.419 °C e un peso specifico di 19,3 g/cm3… Ci sono circa 20 minerali che contengono tungsteno nella sua composizione chimica, con scheelite e volframite come quelli principali. Il tungsteno metallizzato ha un’elevata resistenza alla durezza, all’usura e alla corrosione, resistenza alle alte temperature ed è un buon conduttore di calore ed energia (CANO et al., 2009). Questo è un minerale grigio acciaio, appartenente al gruppo 6 della tavola periodica, nella terza riga. Ha il punto di fusione più alto dei metalli, un punto di ebollizione pari a 5555 °C e un peso specifico pari a 19,3 g/m3. Ci sono circa 20 minerali di tungsteno, con scheelite e volframite come quelli principali. Il primo uso commerciale della tungstenite è stato negli additivi per indurire gli acciai nel 1868 (PAULINO e AFONSO, 2013).

Il tungsteno può essere commercializzato in tre modi: concentrato, prodotto intermedio e prodotto finale. Tra i prodotti intermedi spiccavano alcuni composti ferrotungsteni e chimici. Tra i prodotti finali derivati dall’industria di trasformazione del tungsteno, vi sono il tungsteno metallico, gli acciai speciali, le leghe non ferrose, tra gli altri (CANO e altri, 2009).

gol

Presentare il quadro del tungsteno nel commercio nazionale e può servire come base per aziende e ricercatori per comprendere il mercato brasiliano del tungsteno. L’obiettivo di questo lavoro è mostrare il panorama brasiliano del tungsteno (W) tra il 2010 e il 2014 e nazionale tra il 2008 e il 2014.

metodo

I dati sono stati presi dal Dipartimento Nazionale della Produzione Mineraria – DNPM (http://www.dnpm.gov.br/). Nella home page, nell’argomento “Raccolta”, è stata selezionata la scheda “Pubblicazioni”. Cliccato sull’icona dell’opzione “Statistiche ed economia minerale”. L’icona “Riepilogo minerali” è stata selezionata nella nuova pagina aperta. Le sintesi dal 2010 al 2014 sono state scaricate in PDF e i dati sullo stagno sono stati raccolti dalle tabelle “Riserve e produzione mondiale” e “Statistiche principali – Brasile”. I dati sono stati compilati all’interno dell’applicazione Excel, un componente della suite Microsoft Corporation Office. La ricerca bibliografica è stata condotta in articoli scientifici trovati nella rete informatica mondiale, realizzati in macchine del laboratorio informatico dell’Istituto Federale di Educazione, Scienza e Tecnologia di Amapá, Campus Macapá, situato sulla Highway BR 210 KM 3, s/n – Bairro Brasil Novo. CAP: 68.909-398, Macapá, Amapá, Brasile. I dati sono stati organizzati nell’applicazione Excel, un componente della suite Microsoft Corporation Office.

Risultati

La figura 1 mostra i dati sulla produzione di tungsteno sotto forma di minerale contenuto in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t). I dati mostrano che tra il 2008 e il 2010 c’è stato un calo della produzione di tungsteno sotto forma di minerale contenuto. Dal 2011 in su, la produzione è cresciuta.

Figura 1: Produzione di tungsteno in forma minerale contenuta in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t).

La figura 2 mostra i dati sulla produzione di tungsteno minerale concentrato in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t). I dati mostrano che tra il 2008 e il 2010 c’è stato un calo nella produzione di tungsteno minerale concentrato. Dal 2011 in su, la produzione è cresciuta.

Figura 2: Produzione di tungsteno concentrato a forma minerale in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t).

La figura 3 mostra i dati sull’importazione e l’esportazione di tungsteno in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t). I dati mostrano che il Brasile ha esportato quasi quattro volte quello che ha importato dal tungsteno nel periodo esaminato.

Figura 3: Importazione ed esportazione di tungsteno in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t).

La figura 4 mostra i dati sul prezzo medio annuo del tungsteno concentrato a forma minerale tra il 2008 e il 2014 (US$/MTU-CIF). I dati mostrano che il prezzo presentato dalla US-Platts Metals Week è stato quasi tre volte superiore al prezzo presentato da Europe-London Metal Bulletin.

Figura 4: Prezzo medio medio annuo del tungsteno concentrato a forma minerale tra il 2008 e il 2014 (US$/MTU-CIF).

La figura 5 mostra i dati sul consumo apparente di tungsteno minerale concentrato in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t). I dati mostrano che tra il 2008 e il 2012 si è registrato un aumento dei consumi apparenti. Nel 2013 e nel 2014 si è avuto un forte calo rispetto ad altri anni.

Figura 5: Consumo apparente di tungsteno concentrato a forma minerale in Brasile tra il 2008 e il 2014 (t).

Discussione

Il significativo calo della produzione tra il 2008 e il 2010 può essere una conseguenza della bassa efficienza nel recupero del tungsteno nei materiali a bassa granulometria in Brasile. D’altra parte, l’aumento rispetto al 2011 potrebbe essere avvenuto aumentando gli studi per recuperare l’elemento negli inchiodati, se contenuto in basso contenuto. I metodi di lisciviazione, come la lisciviazione con alcali sotto pressione, ad esempio, possono servire a trattare i preconcentrati con un contenuto approssimativo del 5% della materia chimica (FERNANDES e MACHADO, 2009). La miniera di Brejuí di Mineração Tomaz Salustino ha aggiunto più di 3.000.000 tonnellate di code alle sue pile, il che dimostra che il potenziale di recupero esiste (CARVALHO et al., 2002).

Rispetto al mondo, le riserve brasiliane di tungsteno sono cresciute dallo 0,39% del 2005 all’1% del 2006. Questa crescita ha promosso ulteriori studi per determinare trattamenti più appropriati per il concentrato di questo elemento. I risultati di questi studi sono probabilmente la causa dell’aumento della produzione a partire dal 2011 (PAULINO et al., 2012).

Ciò che probabilmente ha causato il maggior numero di esportazioni è stato il fatto che il Brasile non ha prodotto tungsteno metallico negli anni intervistati. Tuttavia, più della metà del tungsteno è stata trasformata in leghe metalliche nel 2012 per la produzione di lampadine a incandescenza e penne a sfera. Pertanto, probabilmente l’alternativa delle industrie per usarlo in questo modo era esportare le leghe metalliche (IBRAM, 2012; PAULINO et al., 2012; PAULINO e AFONSO, 2013).

Il rapporto tra domanda e offerta, in economia, The Supply and Demand Act, può giustificare la differenza di prezzo tra la Usa-Platts Metals Week e l’Europe-London Metal Bulletin. Questa legge spiega che quando c’è una grande offerta e poca domanda per un prodotto, la tendenza è che il suo prezzo diminuisca; in caso contrario, la stabilizzazione di questi due fattori genera una stabilizzazione dei prezzi. Gli Stati Uniti (USA) hanno la seconda più grande riserva di tungsteno al mondo, tuttavia, l’Europa ha importato più tungsteno degli Stati Uniti, circa il 28% della produzione mondiale. Inoltre, i dati dell’OEC (2014) mostrano che l’Europa ha esportato tungsteno più elevate rispetto agli Stati Uniti. Con questa maggiore quantità di tungsteno in Europa, diventa coerente il prezzo suggerito dal suo commercio per essere più economico del valore determinato dal fornitore di dati americano (MIRANDA, 2012; NORONHA e GUEDES, 2014).

L’aumento del consumo apparente nazionale è iniziato nel 1999 e ciò è avvenuto perché la produzione del concentrato accompagnava la domanda di consumo interno. Tuttavia, il calo dei consumi nel 2013 e nel 2014 è stato probabilmente il risultato della necessità di importare prodotti intermedi per il consumo interno. Inoltre, vi sono ancora le conseguenze della crisi economica che il paese ha attraversato, dove si è registrato un declino dello sviluppo e di conseguenza ha colpito il settore finanziario dell’industria e del commercio, ostacolando il consumo dell’elemento (CANO et al., 2009; CERVO e LESSA, 2014).

CONCLUSIONE

Il tungsteno è un metallo che ha ancora bisogno di più ricerca per continuare ad aumentare la sua produzione e guadagnare spazio nell’estrazione mineraria brasiliana. Durante il periodo di ricerca è stato osservato che, sebbene la produzione di produzione concentrata e contenuta sia aumentata annualmente, è stata influenzata dalla mancanza di sfruttamento delle riserve strategiche o di metodi più pragmatici per il recupero del metallo quando il contenuto è basso dello stesso. La crisi e l’instabilità del commercio mondiale e nazionale hanno colpito il consumo e i prezzi dei metalli sia in Brasile che nelle principali borse delle principali economie mondiali. Il quadro brasiliano del tungsteno ha mostrato difficoltà, ma ha continuato a crescere, portando ricerche in grado di migliorare il consumo e la produzione di materie prime sul territorio nazionale.

RIFERIMENTI

BRASIL. Glossário Geológico Ilustrado. 2016. Disponível em: < http://sigep.cprm.gov.br/glossario/index.html >. Acesso em: 27 de novembro, 2017.

CANO, T. M.; COSTA, J. L.; NESI, J. R. Tungstênio. Brasília: Departamento Nacional da Produção Mineral DNPM 2009.

CARVALHO, E. B. et al. Caracterização de rejeitos provenientes da usina de beneficiamento do minério da Mina Brejuí/RN. XIX Encontro Nacional de Tratamento de Minérios e Metalurgia Extrativa. Recife PE. 1 2002.

CERVO, A. L.; LESSA, A. C. The fall: the international insertion of Brazil (2011-2014). Revista Brasileira de Política Internacional, v. 57, n. 2, p. 133-151, 2014.

FERNANDES, B. B.; MACHADO, A. O. Lixiviação de Scheelita – Uma Revisão do Estado da Arte. IV Congresso de Pesquisa e Inovação da Rede Norte Nordeste de Educação Tecnológica (). Leite, J. Y. (2009). . , Belém-PA: CONNEPI 2009.

IBRAM. Você Sabe para Que Serve o Tungstênio? , 2012. Disponível em: < http://www.ibram.org.br/150/15001002.asp?ttCD_CHAVE=174627 >. Acesso em: 18 de agosto de 2018.

MIRANDA, M. B. A Lei da Oferta e da Procura e os Preços dos Produtos e Serviços. Rev. Virtual Direito Brasil, v. 6, n. 1, p. 1-2, 2012.

NORONHA, F. Minério. Rev. Ciência Elem, v. 5, n. 2, p. 18, 2017.

NORONHA, F., LIMA, A.,; GUEDES, A. Potencialidades de Portugal em minerais críticos. Geologia e Sustentabilidade, v. 2, 2014.

PAULINO, J. F.; AFONSO, J. C. Elemento Químico: Tungstênio. Química Nova na Escol, v. 35, n. 02, p. 141-142, 2013.

PAULINO, J. F. et al. Isolamento do Tungsténio da Volframita da Mina de Igarapé Manteiga (Rondônia-Brasil) por Lixiviação Ácida. Quim. Nova, v. 35, n. 9, p. 1854-1857, 2012.

[1]Studente delle superiori. Corso tecnico in Mineraria. Istituto federale di istruzione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP).

[2] Tecnologo dei materiali. Master in Scienze dei Materiali e Ingegneria. Ricercatore professore presso l’Istituto federale di istruzione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP[3])

Biomedica. Dottorato di ricerca in Malattie Tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Amapá (UNIFAP).[3] Biologo. Dottore in malattie tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA).

[4] Biologo. Dottore in malattie tropicali. Professore ricercatore presso l’Università federale di Pará (UFPA).

[5] Theologian. Dottorato di ricerca in Psicoanalisi Clinica. Ricercatore presso il Center for Research and Advanced Studies, San Paolo, SP.

[6] Biologo. Dottorato di ricerca in Teoria e Ricerca sul Comportamento. Ricercatore professore presso l’Istituto federale di istruzione di base, tecnica e tecnologica di Amapá (IFAP)

Teologo, dottore in psicoanalisi clinica. Ha lavorato per 15 anni con la metodologia scientifica (metodo di ricerca) nell'orientamento alla produzione scientifica di studenti di master e dottorato. Specialista in ricerche di mercato e ricerche sulla salute.

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here