L’istruzione superiore in Brasile: Una panoramica storica

0
463
DOI: ESTE ARTIGO AINDA NÃO POSSUI DOI SOLICITAR AGORA!
PDF

PINTO, Ana Cristina Cruz [1]

MATOS, Maria Almerinda de Souza [2]

PINTO, Ana Cristina Cruz; MATOS,  Maria Almerinda de Souza. L'istruzione superiore in Brasile: Una panoramica storica. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Problema 06. Anno 02, Vol. 01. pp 387-402, Settembre 2017. ISSN:2448-0959

Sommario

Si tratta di una riflessione storica sulla traiettoria dell'istruzione superiore brasiliano e, in questo modo, l'università in Brasile. Questa traiettoria è necessaria per comprendere le prospettive che giustificano la sua organizzazione contraddittoria. La storia, mettendo in evidenza la creazione dell'Università brasiliana; condensare le varie impostazioni che questo livello di istruzione ha assunto il XIX e XX secolo.

Parole chiave: conoscenza, State University.

Introduzione

Analizzando istruzione superiore in Brasile è una contraddizione; E 'in grado di riconoscere i progressi significativi d'altra parte si osservano ancora problemi da affrontare e superare per sviluppare lì. visione del mondo di riassestamento del reale nelle sue determinazioni da parte del mercato, aggiornamento professionale e legati principalmente il comportamento delle principali parti interessate: Governo, mercato del lavoro e le aziende.

Il concetto di educazione è stato galvanizzato in un modo che si desidera spiegare tutto con niente stabilito da un progetto didattico che mantiene le classi lavoratrici accesso alle conoscenze scientifiche. Quasi tutti bramano implementare lo sviluppo, e in particolare quelli che fanno contro lo sviluppo o di non-sviluppo (si veda l'attuale Brasile). L'istruzione superiore è quello con più sfide. C'è un'inversione dei valori più pronunciati con conseguente aumento del populismo a scapito della meritocrazia, e così gravi come questo, la banalizzazione dell'istruzione dalla cosiddetta "generalizzando l'unidimensionale"; ignorare l'importanza di un'istruzione di qualità e il riconoscimento degli sforzi dei singoli docenti per aumentare il numero di laureati. Il risultato è un mercato del lavoro insoddisfatto con i giovani professionisti e di conseguenza una produzione (intellettuali, prodotti o servizi) senza comprometterne la qualità. E 'necessario pensare alla catena di altri effetti causati da questa percezione irresponsabile dello stato brasiliano che l'istruzione debba essere standardizzato e di massa.

La traiettoria della istruzione superiore brasiliana

Secondo Cunha (2007: 53-60) in Brasile il primo passo verso l'attuazione di istruzione superiore si è svolta in modo mirato e molto limitata dove il primo insediamento fu fondato dai gesuiti a Bahia, sede del governo centrale nel 1550. Hanno creato scuole Lo scopo di questo edificio scuole per gli studenti interni ed esterni, i cui studenti erano figli di dipendenti pubblici, le fioriere, allevatori, artigiani e minatori più tardi, con l'avvento di esplorazione ferro e altri minerali. In questi collegi è stato offerto come i corsi che insegnano le prime lettere e l'istruzione secondaria. In alcuni casi acrescia alta formazione artistica e teologia.

Il corso di arte, la cui nomenclatura ha anche dato come scienze naturali e / o filosofia, della durata di tre anni, in cui l'insegnamento aggregata Logica, Fisica, Matematica, Etica e metafisica. Il corso di Teologia aveva quattro anni e ha conferito il grado di medico. Nel XVIII secolo, il Collegio di Bahia ha sviluppato i suoi primi studi dedicati all'insegnamento della matematica in cui una Facoltà specifico è stato creato per la vostra formazione.

Diversi corsi di alto livello sono stati offerti negli Stati di Rio de Janeiro, São Paulo, Pernambuco, Maranhão e Pará. Portogallo vietata la creazione di università mirati alla colonia, come previsto in tal modo a prevenire gli studi universitari elastico natura rivoluzionaria dei movimenti e indipendente contro la corona, per lo più dal secolo chiamato "luci", vale a dire, il movimento rivoluzionario illuminista richiede sia sociale, economico e politico per il nuovo movimento umano.

Con l'espulsione dei gesuiti della Compagnia di Gesù in Brasile nel 1759, ha portato alla chiusura dei collegi gesuiti e l'istruzione superiore ha preso altre forme e si è verificato altrove, ma non c'era la creazione di qualsiasi università. L'arrivo della famiglia reale in Brasile nel 1808 ha stimolato la creazione delle prime scuole di istruzione superiore. In precedenza la formazione si è concentrata sul sacerdozio della Chiesa cattolica, per servire gli interessi della Chiesa all'inizio del XIX secolo, il governo ha l'obbligo di creare corsi che si sono specializzati professionisti formati per soddisfare gli interessi della corte portoghese. Anche se l'istruzione superiore si è espansa in questo periodo, è necessario notare che questo cambiamento non ha comportato la creazione effettiva di qualsiasi università.

Secondo Cunha (2007: 65-71), con l'indipendenza del Brasile nel 1822, l'organizzazione di corsi di istruzione superiore è rimasto invariato, mantenendo la struttura dell'istruzione superiore. Tra i cambiamenti più evidenti durante questo periodo, è possibile indicare l'installazione del corso giusto "la Scuola Politecnica nel 1874, a Rio de Janeiro, e l'Ouro Preto School of Mines, un anno più tardi." Nel corso del XIX secolo, il Brasile, in campo culturale, ha seguito le idee francesi che sono stati portati dagli studenti che hanno studiato al di fuori della colonia. Con i suoi moderni studi scientifici e la riforma postale, Università di Coimbra è stata chiesta da questi studenti e può essere considerato come una vera madre di tutta una generazione di intellettuali e scienziati che hanno iniziato la coltivazione delle scienze naturali ed esatte. Questa forte presenza culturale che ha influenzato gli studenti che studiavano lì fatte al momento della realizzazione nel campo dell'istruzione superiore in Brasile, queste idee in Francia per quanto riguarda questo insegnamento sono state incorporate in Brasile. In aggiunta a questa influenza culturale francese, il Brasile aveva un obiettivo centrale, come aveva il diritto, alla formazione di professionisti che ha incontrato gli interessi del governo; Poiché tali fattori hanno contribuito al modello napoleonico dell'università guadagnato forza e estruturasse la nostra istruzione superiore. Napoleone per creare l'Università di Franca, utilizzare lo spazio universitario per il mantenimento del potere:

La rivoluzione francese per un breve periodo ha tenuto Comte speranza di conciliare il governo la dittatura con la libertà di pensiero. Tuttavia, Napoleão Bonaparte, per ripristinare l'Impero, ha firmato un concordato con il papa e ha creato l'Università di Francia destinato per l'insegnamento di controllo. Da questo movimento, l'università è diventata reazionaria, composto da studiosi che hanno mantenuto dai governi, uniti a loro per la "valorizzazione delle masse" (CUNHA, 2007: 90)

corsi di alta formazione, anche se trasformato in facoltà, gli istituti sono rimasti isolati, senza alcun interesse per le università di costruzione. In entrambi i casi, la particolare attenzione all'istruzione superiore rinforzato il carattere elitista e nobile formazione brasiliana che l'accesso privilegiato ai nobili, i proprietari ed uno strato intermedio, derivanti dall'espansione di quadri amministrativi e burocratici.

Durante il periodo iniziale della repubblica, con l'espansione dell'istruzione superiore, è stato possibile un maggiore accesso a questo livello di istruzione. Secondo Cunha (2007), in questo periodo c'era una moltiplicazione di scuole, che non sono subordinate allo Stato. In questo contesto, alcune università sono emersi, le cui scorte erano di passaggio. Quali sono stati l'Università di Manaus, che si è svolta l'anno 1909-1926; l'Università di São Paulo, a partire la sua attività nel 1912; Università di Paraná, con l'installazione nel 1912, si sciolse nel 1915. Quello che non si è verificato con le Università di Rio de Janeiro, creato nel 1920 e l'Università di Minas Gerais, fondata nel 1927, che sia aveva una durata più lunga rispetto agli altri citati.

Martins (2002) afferma che le prime scuole di istruzione superiore sono state fondate in Brasile nel 1808 con l'arrivo della famiglia reale portoghese per il paese. Sono stati creati in questo periodo le scuole Anatomia e Chirurgia nel Salvador (oggi Facoltà di Medicina della Università Federale di Bahia), l'anatomia e chirurgia, a Rio de Janeiro (ora Facoltà di Medicina di UFRJ) e l'Accademia della Guardia Marina anche a Rio. Due anni più tardi, ha fondato la Royal Military Academy (oggi la Scuola Nazionale di Ingegneria UFRJ). Seguì il corso dell'Agricoltura nel 1814 e l'Accademia reale di pittura e scultura. Fino alla proclamazione della Repubblica nel 1889, l'istruzione superiore si è sviluppato molto lentamente, seguito il modello di formazione di professionisti nelle scuole isolate, e volto a garantire un diploma professionale con il diritto di occupare posizioni di privilegio in un mercato del lavoro rigido oltre a garantire prestigio sociale. Va notato che la formazione del carattere non universitario non costituiva demerito per l'istruzione superiore in quanto il livello degli insegnanti deve essere uguale alla Università di Coimbra, ed i corsi sono stati di lunga durata.

Con l'indipendenza politica nel 1822 non v'è stato alcun cambiamento nel formato del sistema di istruzione, o la sua espansione o diversificazione. L'elite detiene il potere non vantaggi immaginati nella creazione di università. Contare fino 24 progetti proposti per la creazione di università, nel periodo 1808-1882, nessuno dei quali sono stati approvati. Dopo il 1850 c'è stato un lieve aumento del numero delle istituzioni scolastiche con il consolidamento di alcuni centri scientifici come il Museo Nazionale, la Commissione geologica imperiale e l'Osservatorio Nazionale.

L'espansione dell'istruzione superiore, limitato alle professioni in poche istituzioni pubbliche, è stata contenuta dalla capacità di investimento del governo centrale e dipendeva la loro volontà politica. Entro la fine del XIX secolo ci sono stati solo 24 istituti di istruzione superiore in Brasile con circa 10.000 studenti. Il settore privato ha creato i propri istituti di istruzione superiore, grazie alla possibilità legale disciplinato dalla Costituzione della Repubblica (1891).    Le istituzioni private sono emersi dall'iniziativa della cattolica locale e le élite religiose. Il sistema educativo di San Paolo è emerso in questo momento e ha rappresentato il primo importante rottura con le scuole modello sottoposte al controllo del governo centrale. Tra i corsi creati a San Paolo in questo periodo compreso l'Ingegneria Civile, elettriche e meccaniche (1896), l'attuale Università Mackenzie, che è presbiteriana confessionale. Per i prossimi 30 anni, il sistema educativo ha mostrato una notevole espansione da 24 scuole isolate a 133, 86 delle quali sono create nel 1920. L'idea dell'università mobilitato generazioni di fautori e critici di questa forma di insegnamento.

Il progetto preparato dalla intellighenzia laica ha difeso l'università pubblica in contrasto con il modello di singoli istituti e ha proposto l'istituzionalizzazione della ricerca all'interno. Alcuni paesi di America ispanica avevano università del periodo coloniale, e il primo creato in Messico nel 1553, grazie alla concezione imperiale di vario Spagna del Portogallo. Al contrario, il pragmatismo portoghese non ammessi Brasile università disposte nel periodo coloniale, e la formazione della formazione di base più alta è iniziata solo con l'arrivo della famiglia reale portoghese. Il suo sviluppo è stato rivolto alla formazione professionale sotto il controllo statale. Il modello adottato combinato pragmatismo della riforma Pombal in Portogallo (per liberare l'insegnamento delle barriere conservatori ritenute responsabili l'arretratezza del paese rispetto ad altri europei), e il modello napoleonico che ha incluso il divorzio tra l'insegnamento e la ricerca scientifica.

Nel 1920 il dibattito sulla creazione di università non era limitato più strettamente le questioni politiche (grado di controllo statale), come in passato, ma il concetto di università e le loro funzioni nella società. Impostare le funzioni sono state per ospitare le scienza, scienziati e promuovere la ricerca. Le università sarebbero non solo le istituzioni educative, ma centri di conoscenza mere disinteressato. A quel tempo, il paese aveva circa 150 scuole isolate e due università esistenti, il Paraná e Rio de Janeiro, erano solo le scuole isolate grumi. Esso si basa su queste discussioni che il governo provvisorio di Getúlio Vargas promosso (nel 1931) ampia riforma dell'istruzione, che divenne noto come Francisco Campos Reform (Primo Ministro della Pubblica Istruzione del paese), che autorizza e che regolano il funzionamento delle università, tra cui la raccolta di rendita dal momento che l'istruzione pubblica non era libero. L'università dovrebbe essere organizzato attorno a un nucleo costituito da una scuola di filosofia, Scienze e Lettere. Anche se la riforma ha rappresentato un passo avanti, ma non ha soddisfatto il movimento primario della bandiera del 1920 per non aver dato l'istruzione superiore pubblica in esclusiva oltre a consentire il funzionamento delle singole istituzioni.

Il periodo 1931-1945 è stato caratterizzato da un'intensa lotta tra i leader laici e cattolici per il controllo della formazione. In cambio del sostegno per il nuovo regime, il governo ha offerto alla Chiesa l'introduzione di insegnamento religioso facoltativo nel ciclo di base, che ha avuto luogo dal 1931. Le ambizioni della Chiesa cattolica erano più grandi e hanno portato a l'iniziativa di stabilire le proprie università nel prossimo decennio. Nel 1933, l'anno in cui ha iniziato a fare affidamento sulle prime statistiche sull'istruzione, il settore privato ha rappresentato il 64,4% degli stabilimenti e il 43,7% delle iscrizioni all'istruzione superiore, le proporzioni che non sono cambiati in alcun modo sostanziale al decennio 1960 perché l'espansione dell'istruzione privata è stata compensata dalla creazione di università statali e la federalizzazione con annessione di istituzioni private (REGINALDO, 2013).

L'interiorizzazione di istruzione superiore, che ha avuto inizio nel 1950, accentuata da avendo come una ragione fondamentale per la creazione di strutture o di ricerca clientela. Un'altra risposta alla stabilità della domanda è stato un forte aumento del numero di corsi e la frammentazione delle carriere nel settore privato per portare nuovi posti di lavoro per il mercato e, quindi, attirare i clienti. La frammentazione delle carriere (in vari settori della conoscenza) li rende meno costosi corsi e converge a ciò che accade in alcune aree in altri paesi. Nel periodo 1945-1964, secondo Cunha (2007), è un ampliamento rappresentativo di istruzione superiore in Brasile, soprattutto quando si tratta di università, in dittatura militare e civile c'era un maggior interesse dello Stato nelle Università di controllo . Il periodo 1945-1968 ha visto la lotta del movimento degli studenti e giovani insegnanti in difesa della scuola pubblica, l'opposizione in modello universitario alle scuole isolate ed esigente l'eliminazione del settore privato per assorbimento pubblico. Ero all'ordine del giorno il dibattito sulla riforma dell'intero sistema di istruzione, ma soprattutto l'università. La critica principale del modello universitario sono stati: l'istituzione della sedia, la compartimentazione causa l'impegno per la riforma professionale scuole del 1931 (che ha resistito l'adeguatezza e mantenuto l'autonomia), e il carattere elitario dell'università.

Il professore per tutta la vita, con poteri di nomina o la revoca di assistenti, è stato visto come un ostacolo per l'organizzazione di una carriera universitaria ed è diventata il simbolo della rigidità e anacronismo. Elitism è riflesso nella porzione minima della popolazione di servizio, in particolare gli strati più privilegiati. Ciò che è stato inteso era l'estinzione della sedia, con l'organizzazione dipartimentale dipendente da decisioni democratiche. Questo dibattito permeato la discussione della legge delle direttive e delle basi della Pubblica Istruzione, approvata dal Congresso nel 1961 che in modo diverso la riforma 1931, non ha insistito sul fatto che l'istruzione superiore dovrebbe essere organizzato preferibilmente in università. Per i "riformatori" la legge di linee guida e basi 1961 hanno rappresentato una sconfitta e una vittoria per i sostenitori del settore privato è stato considerato, sventolando la bandiera della libertà di educazione.

Il regime militare ha iniziato nel 1964, smantellato il movimento degli studenti e tenuto sotto sorveglianza università pubbliche, visti come focolai sovversive, che si verificano a seguito della purga importanti leader di istruzione superiore e l'espansione del settore privato, in particolare dal 1970. La riforma del 1968, nonostante si verificano in un clima di deterioramento dei diritti civili, ispirato da molti del movimento studentesco e l'intellighenzia dei decenni precedenti idee: (i) stabilito il reparto come unità minima di insegnamento; (Ii) ha creato le istituzioni di base (iii) organizzato il curriculum in cicli di base e professionale; (Iv) modificare l'esame di ammissione; (V) abolito sedia; (Vi) ha le decisioni più democratiche; (Vii) ricerca istituzionalizzata; (Viii) centralizzato decisioni in tribunale federale. Dal 1970, la politica del governo per l'area era stimolante laurea e la formazione degli insegnanti. Nel periodo 1940-1960 la popolazione è aumentata da 41.2 a 70 milioni (crescita del 70%), mentre l'iscrizione all'istruzione superiore è triplicato. Nel 1960, ci sono stati 226,218 studenti universitari (di cui 93.202 erano nel settore privato) e 28.728 eccedenze (superato gli esami di università pubbliche, ma non accettato per mancanza di spazi) (Martins, 2002).

Nel 1969 il surplus è pari a 161 527. Nonostante l'obbligo di legge di riforma nel 1968 impostare il modello unico di istruzione superiore con l'inseparabilità di insegnamento e di ricerca, in pratica, il sistema viene ampliato con la proliferazione degli stabilimenti isolati e c'erano poche università sono riusciti a stabilire la produzione scientifica. D'altra parte, la mancanza di riconoscimento della convenienza o necessità di eterogeneità, che influenzano le prestazioni del corpo normativo, può stimolare la falsità o la conformità formale, inibendo il riconoscimento di ciò che può essere positivo o innovativo nel modello alternativo. Tuttavia, l'insistenza sul singolo modello stimola l'idoneità di tutto il settore privato, la generazione di domanda aggiuntiva nel settore scuola di specializzazione prevalentemente pubblico (meglio attrezzate per questo tipo di istruzione) e promozione della ricerca (MARTINS, 2002).

Teixeira (1989: 86-93) ha dichiarato che il carattere effimero dell'istruzione superiore è stato perché è stato orfano di un vero e proprio progetto universitario nel corso di più di un secolo. E che anche dopo una breve "rinascita" del progetto universitario 1930, questo livello di istruzione aveva subito un processo di espansione indiscriminata negli anni 1940-1950, alla maniera perversa delle vecchie scuole professionali. Solo nel 1960 è che essa sarebbe stata presa l'idea dell'università, con il progetto dell 'Università di Brasilia. L'istruzione superiore è stato relegato alla formazione di un vero e proprio progetto universitario. E che ha anche uscire da questo abbandono nel 1930, tale insegnamento aveva subito un processo di espansione indiscriminata negli anni 1940 al 1950, ancora legata ai modelli delle vecchie scuole professionali. L'idea di una vera università sarebbe venuto con il progetto presso l'Università di Brasilia.

I decenni di 1950-1960 costituiscono il più periodi più ricchi di storia del Brasile, di grande effervescenza politica e culturale, grandi formulazioni e proposte per l'università brasiliana e, in generale, per l'istruzione superiore. Sviluppato un intenso dibattito sulla direzione dell'università, sostenuto ciascuno in diversi punti di vista e in diverse esperienze storiche, che sono stati anche nati progetti universitari. università critica', che riproduceva il modello francese ed è stato ispirato dalla rivoluzione del maggio 1968, il modello che è venuto da Darcy Ribeiro e il lavoro Anízio Teixeira, che ha portato l'Università di Brasilia, ispirato dall'esperienza americana (REGINALDO, 2002).

La dittatura militare Seconda soffocherebbe le cosiddette aspirazioni democratiche, impedendo l'impianto di un'università in Brasile, e imponendo la riforma o parafrasando il suo contrarreforma: 'L'ironia era la dittatura hanno chiamato per voi l'idea di una riforma, che è stato un processo colonizzazione diretta, assorbita dalla nazione associata 'la battuta d'arresto storico è stato reso possibile, secondo questo autore, perché la povertà politica dei nostri elite e la storia che abbiamo ereditato avrebbe mantenuto vivo il 'Frankenstein' di scuole isolate minimamente necessarie, di cui formato tramite l'aggregazione, la nostra università nel 1930 (REGINALDO, 2002).

Il consolidamento del regime dittatoriale dopo il colpo di stato 1964 è sicuramente una tappa importante per un cambiamento nel modo di pensare sulla politica educativa perché provoca una comprensione dei cambiamenti nel campo dell'istruzione superiore negli ultimi decenni del XX secolo. Nella chiamata brano "modernizzazione dell'istruzione superiore" Minto citato Cunha (2006: 90), si possono trovare alcuni elementi di base che ha approvato le riforme o contro le riforme subite dai istruzione superiore in Brasile. Secondo Minto citato Cunha (2006: 90), il senso storico delle riforme dittatura militare per l'istruzione superiore non dovrebbe essere inteso in un modo unico come un omogeneo trasformazioni di blocco. Tali politiche possono essere apprese dai complessi rapporti tra l'istruzione e il contesto storico politico, economico e sociale vissuta dal paese in questi anni strazianti in quella posizione, in particolare il rapporto tra uno stato militare il cui potere continuerà, in un modo senza precedenti nel periodo repubblicano, più di due decenni nelle mani di educazione militare, una dimensione importante del sistema, sia su funzione mediata e la legittimità e l'indottrinamento ideologico, è allo stesso tempo la formazione tecnica e professionale e fornendo la domanda richiesta dal nuovo scenario industriale per la formazione di una mano di manodopera qualificata per soddisfare il mercato.      La pressione della domanda ha portato ad una drammatica espansione nel campo dell'istruzione superiore, nel periodo 1960-1980, con l'iscrizione salto da circa 200.000 a 1,4 milioni, ¾ parti l'aggiunta servito da imprese private. Alla fine del 1970 il settore privato già rappresentato il 62,3% degli iscritti, e nel 1994 del 69%. Va notato che la scelta del settore pubblico da parte delle università di ricerca aliassem insegnamento alzato i costi di istruzione pubblica, limitando la loro capacità di espansione, e ha aperto lo spazio per il settore privato per soddisfare la domanda non assorbita dallo Stato. Tuttavia, il dinamismo del settore privato alla ricerca di una crescita dei profitti potrebbe essersi verificato a scapito della qualità (MINTO citato CUNHA (2006).

Come Martins (2002), dal 1980 c'è stata una progressiva riduzione della domanda di istruzione superiore a causa di ritenzione e gli studenti di grado 2 ° di abbandono, inadeguatezza delle università alle nuove esigenze del mercato e la frustrazione delle aspettative di potenziale clientela. Nel 1990 il liceo laureati rapporto e posizioni offerto nell'istruzione superiore è 1/1 nel Sud e Sud-Est, 1 / 1.3 nel Midwest, e 1 / 2,5 nel nord e nord-est. Mentre nel 1980 circa l'11% dei posti vacanti offerti nel settore dell'istruzione superiore non erano soddisfatte, nel 1990 la percentuale è salita al 19%. Tra il 1985 e il 1993 il numero di posti offerti nel settore dell'istruzione superiore è rimasta relativamente stabile a circa 1,5 milioni, con un relativo declino della partecipazione del settore privato.

Asserisce anche Martins (2002) uno dei più grandi cambiamenti nel campo dell'istruzione superiore nel ventesimo secolo consisteva in realtà destinato al servizio anche alla massa e non solo per la borghesia. In uno degli studi degli anni 1990, è stato osservato che nel campo dell'istruzione superiore, studenti provenienti da famiglie con redditi fino a 6 salari minimi hanno rappresentato circa il 12% degli iscritti negli istituti privati ​​e l'11% nelle istituzioni pubbliche. Sia nel settore privato come nel pubblico, la percentuale di studenti provenienti da famiglie con redditi superiori a dieci salari minimi supera il 60%, il che sfata la convinzione che i poveri sta frequentando un istituto privato. V'è un numero significativo di studenti universitari provenienti da strati di reddito medio; mettendo in evidenza i poveri che non godono di pari accesso alle opportunità di istruzione superiore, pubblici o privati, non per mancanza di posti vacanti o di ristrutturazione di questo, ma i problemi sociali e le carenze della scuola elementare. Nel 1990, la percentuale di giovani tra i 20 ei 24 anni che è entrato nella istruzione superiore ha rappresentato il 11,4%, dando il Brasile il 17 ° posto tra i paesi latino-americani, solo superando Nicaragua e Honduras. Si tratta di una posizione onorevole, come detto, non è ostacolata dalla mancanza di posti nell'istruzione superiore, ma il numero di diplomati della scuola secondaria (Martins, 2002).

Ammonisce anche Martins (2002) che le carenze delle scuole elementari pubbliche è stato rispettato in parte dalla eccellente qualità dell'istruzione in istituti privati. Ma questa soluzione di mercato discrimina grande popolazione meno privilegiati che rimarrà così, mentre non v'è alcun aumento della distribuzione del reddito, le scuole elementari pubbliche e il mercato del lavoro più ampio. Alcune decisioni del governo federale che cercano di aumentare l'offerta di posti nella scuola primaria e l'offerta sacchetto di scuola sembrano opportune misure ad hoc, ma di per sé insufficienti. proprie restrizioni del governo in caso di fallimento nella scuola elementare (adottata nello Stato di São Paulo), è ben compreso dai docenti dei rispettivi livelli e percepita come un aumento delle sue responsabilità nel recupero di studenti a cui sono soggette, rappresentano un altro tentativo di attuare la l'educazione della popolazione e aumentare il numero di laureati delle scuole superiori.

La waywardness dell'istruzione superiore brasiliana: modelli esterni

La vista neoliberale di Talcott Edger Parson e Walt Whitman Rostow predomina ancora. La crescita economica è accompagnata da prerequisiti (aumento della produttività, industrializzazione sostenuta da due o più settori strategici e investimenti esterni), essenziali per passare dalle modalità tradizionali a quelle più avanzate. E ogni economia ha bisogno di questi prerequisiti per la crescita economica da risvegliare per consentirgli di passare all’economia industriale moderna. Rostow sottolinea (1961) come presa per le economie arretrate dello sviluppo settoriale.

La tesi di decollo si concentra sugli investimenti in settori strategici dell’economia in grado di promuovere una “cintura” di trasmissione del progresso di questi settori ad altri settori dell’economia. Tra i tre teorici analizzati finora in questa dissertazione, Rostow (1961) è il più vicino che rimasto bloccato nella teoria neoclassica. La sua tesi è rimasta lontana dalla realtà economica e sociale dei paesi sottosviluppati, in particolare quelli dell’America Latina. Come giustificazione per il suddetto paragrafo; non esiste un concetto di sviluppo economico. Nella sua concezione, si stabiliscono le condizioni per un paese di lasciare lo stato di letargia economica per perseguire la crescita economica (GUMIEIRO, 2011: 71).

L’analisi degli scenari di istruzione superiore brasiliana può innanzitutto essere basata sull’ipotesi o sulla premessa che l’evoluzione del contesto macro-ambientale, sia globale che nazionale, non consentirà alcuna inversione nell’attuale quadro di aumento costante dell’istruzione; la grande merce è diventata conoscenza. Al contrario, un modello dinamico, in un modello produttivo che privilegia il dominio dell’informazione e la generazione di conoscenze, e in un contesto politico che valorizza la partecipazione e l’esercizio di un tipo di cittadinanza piena e non concessa. Dinamiche nel senso di implementare le trasformazioni per facilitare il processo di controllo sulla produzione di conoscenze scientifiche.

I diversi scenari considerati mantengono lo stesso ritmo e l’intensità dell’attuazione delle riforme educative o la ridefinizione dell’ambiente di lavoro degli istituti di istruzione superiore in America Latina. La “preoccupazione” con accesso universale, la qualità dei corsi e dei programmi e gli strumenti di regolazione e controllo del settore hanno variato in orientamento, ritmo e intensità, corrispondenti alle capacità e alle priorità di ciascuna nazione e allo sviluppo di organismi internazionali di regolamentazione. L’accesso all’istruzione, ai suoi vari livelli, non è solo un imperativo economico corrispondente alla società della conoscenza o alla società dell’informazione. È anche un indicatore di sviluppo. E con l’avanzamento del capitalismo, l’istruzione superiore è diventata una variabile culturale che agisce nella composizione delle identità degli individui.

Secondo Porto & Régnier (2003), l’istruzione superiore guadagna sempre più centralità quando analizza alcuni elementi della totalità. Quando si tratta di un passaggio dal modello di sviluppo industriale al modello di sviluppo dell’informazione, accompagnato da una intensa trasformazione nelle dimensioni economiche, politiche, sociali e culturali delle società, si percepisce che la capacità di produrre, interpretare , articolando e diffondendo conoscenze e informazioni occupa un posto privilegiato nell’agenda strategica dei settori produttivi e degli Stati. Il vantaggio competitivo di un paese su un altro comincia a dipendere dalla formazione dei suoi cittadini, dalla qualità delle conoscenze che sono in grado di produrre e trasferire nei sistemi produttivi e nella capacità di applicazione e di generazione della scienza e della tecnologia nella produzione di beni e servizi.

Per Porto & Régnier (2003) l’analisi delle possibilità di sviluppo dell’istruzione superiore a livello internazionale può considerare la dinamica dell’evoluzione delle altre sfere (sociale, politica, economica e culturale) assumendo e fornendo un quadro completo del contesto attuale e dell’ambiente circostante . Secondo Porto & Régnier (2003), sebbene il campo dell’istruzione superiore abbia una certa autonomia rispetto agli altri, con le sue idiosincrasie, le sue attività specifiche controverse e le proprie relazioni di potere, che permettono di osservare determinati fattori del contesto esterno , ritirando l’autonomia.

Infatti, ciò che si osserva a livello internazionale è che le trasformazioni strutturali in corso negli ultimi due decenni sembrano provocare un’ampia ristrutturazione e riorganizzazione dell’economia mondiale e delle relazioni politiche. Le trasformazioni sembrano coesistere e causano importanti conflitti e tensioni congiunturali, il cui risultato può essere percorsi diversi. In questo processo, le contraddizioni sociali e politiche aumentano, creando nuovi punti di conflitto e di tensione, inclusa la persistenza di grandi diseguaglianze.

Il dominante è il processo accelerato e contraddittorio della globalizzazione con l’integrazione economica, la formazione del blocco e l’innovazione tecnologica, che aumenta il progresso materiale ma allo stesso tempo disorganizza i sistemi di regolamentazione commerciale e accentua le disuguaglianze sociali. L’integrazione economica, accelerata dalle innovazioni tecnologiche, in particolare la telematica, ha creato un movimento intenso e rapido di capitali e di informazioni a livello internazionale. Il contesto internazionale è dominato da una serie di tendenze e eventi congiunturali che possono definire futures alternativi, a seconda della natura e dell’intensità dei cambiamenti. Il sistema capitalista passa attraverso gli impatti politici e gli sviluppi che tendono a provocare un’ampia riorganizzazione del contesto internazionale a breve termine. Anche se apparentemente sconnesso dall’ambiente specifico degli istituti di istruzione superiore, il loro sviluppo a medio e lungo termine si verifica in questo settore, in particolare in una maggiore o minore apertura verso i flussi liberi di conoscenze e informazioni e al processo di internazionalizzazione del consolidato quelli ancorati alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

L’esperienza comune di molti paesi è che l’istruzione superiore non è più una piccola parte specializzata o esoterica della vita di un paese. È al centro della società, un elemento essenziale del benessere economico di un paese o di una regione, un partner strategico nel settore del commercio e dell’industria, delle autorità pubbliche e delle organizzazioni internazionali (UNESCO, 1998 : 246).

Nei paesi cosiddetti “primo mondo” e soprattutto negli Stati Uniti, i cambiamenti nell’istruzione superiore negli ultimi cinquant’anni sono stati molto significativi sia in termini quantitativi che qualitativi. La caratteristica principale è la trasformazione dell’educazione tradizionale, basata su corsi quadriennali e fornita da istituzioni pubbliche e private (università) che hanno dominato negli anni 1940/1950 per l’istruzione superiore di massa, corsi brevi e fortemente concentrata in istituzioni private; da consolidarsi negli anni ’90, dando origine ad istruzione post-secondaria. Anche questa transizione è percepita da altre nazioni, in quanto molte delle forze esterne che esercitano pressioni sulle istituzioni educative sono simili, soprattutto dopo l’intensificazione della globalizzazione nelle sue molteplici dimensioni. Quindi, anche se non c’è certezza circa il nuovo paradigma universitario che sarà stabilito e consolidato nel corso del ventunesimo secolo, gli studi e le ricerche condotte e disponibili hanno indicato, in tutto il mondo, un ampio insieme di tendenze e forze di cambiamento in corso (UNESCO , 1998).

Un cambiamento nelle caratteristiche del settore dell’istruzione superiore è importante, introducendo nuovi elementi come: la ripartizione del monopolio geografico, regionale o locale, con l’emergere di nuove forze competitive; il passaggio dal modello organizzativo dell’istruzione superiore che si muove da un sistema sciolto e federato di collegi e università che servono solo le comunità locali ad un settore di conoscenza che opera in un mercato globale molto competitivo e sempre più deregolato; nella trasformazione di università grandi, forte e verticalmente integrate in istituzioni più specializzate e studentesche (non l’insegnante); la significativa ristrutturazione dell’istruzione superiore, che implica la scomparsa e la fusione delle università, nonché il rafforzamento delle interazioni tra di loro, allo scopo di scambiare attività e lo sviluppo e il funzionamento di progetti comuni.

Secondo l’Unesco (1998), le trasformazioni che si verificano nel settore dell’istruzione superiore implicano anche l’emergere di nuovi protagonisti che non solo competono con le università tradizionali, ma anche come complementi e partner: università aziendali, sponsorizzate o amministrate da grandi aziende, mirando all’apprendimento continuo e specializzato del proprio personale.

Le aziende di istruzione sono istituti di outsourcing che forniscono servizi alle università nel campo dell’istruzione superiore in nicchie specializzate di conoscenze, processi pedagogici o clienti, attraverso contratti che definiscono indicatori e obiettivi di risultati e le condizioni di apprendimento e apprendimento desiderate; Entità di intermediazione, la cui funzione è di colmare il divario tra fornitori di istruzione superiore e “consumatori”, al fine di supportare finanziariamente studenti futuri, fornire indicazioni e informazioni pertinenti e certificare le conoscenze acquisite da essi. Possono anche agire in difesa degli interessi degli studenti, mobilitare gli studenti e negoziare corsi specifici e sconti con le istituzioni educative, nonché promuovere la ricerca di occupazione e lavoro per gli studenti; Organizzazioni non tradizionali. Entrata nel settore di nuovi tipi di giocatori provenienti da altri settori dell’economia, come le telecomunicazioni, le società di informazione e di intrattenimento, nonché le organizzazioni governative e “terzi” impegnate in istruzione, formazione e sviluppo professionale. Anche se queste istituzioni sono state tradizionalmente considerate principalmente come fornitori o clienti del sistema di istruzione superiore, ora possono essere considerati parte di essa e quindi come potenziali contributori e / o concorrenti.

L’università, oltre ai ruoli classici dell’insegnamento, della ricerca e dell’estensione, hanno svolto altre funzioni dell’interesse della società (servizi sanitari e di benessere, sviluppo economico, divertimento), le barriere che lo proteggono dalle invasioni degli agenti politici ed economici vengono inondati . Così le università come istituzione stanno diventando sempre più visibili e vulnerabili e meno protette prima degli agenti della società, richiedendo così nuove forme di interazione e inserimento con l’ambiente esterno. La fornitura di servizi di istruzione superiore tende sempre più ad assumere le seguenti caratteristiche: l’apprendimento continuo, implicando la necessità che le istituzioni educative forniscano ai cittadini condizioni e apprendimento permanente per tutta la loro vita lavorativa, rispondendo alle esigenze di una società in cambio permanente; i confini rigidi tra i servizi, il che significa che diverse attività accademiche non solo diventano più interconnesse ma interagiscono.

Conclusione

La valutazione dell’insegnamento superiore istituita come un processo di supervisione dell’espansione e del mantenimento del sistema federale di istruzione superiore è conservativa; e per promuovere l’espansione dello spazio privato del settore privato senza qualificarlo come settore strategico per il paese. I benefici in generale erano e sono ovviamente necessari, ma l’azione non ha raggiunto le realtà intrinseche, in modo diffuso alla società e all’economia, alla sufficienza come politica di sviluppo del paese. Si considera pertanto la limitazione storica dell’università brasiliana quale fattore limitativo delle politiche di istruzione superiore al sistema federale (pubblico e privato) che può stimolare settori dinamici dell’economia, migliorare le politiche sociali e formare il capitale umano. La valutazione dell’istruzione superiore mira a ripensare la traiettoria dell’istruzione superiore e la formazione di una routine di valutazione, in particolare come strumento strategico delle politiche pubbliche.

L’istruzione superiore non può rispettare il principio del disaccoppiamento capitalistico che sottopone l’istruzione all’esecuzione economica e ai processi di prestazioni istituzionali burocratiche, base e identità in attuali patrimoniali, senza compromettere l’assoluta protezione dell’autonomia istituzionale e tutta la sua comunità accademica. Coltivando a procedure di efficacia, efficienza, produttività o inproduttività, proprio come nella storia della dipendenza brasiliana, un periodo in cui le persone sono state riconosciute solo per il loro uso supposto e il valore di utilità. L’impegno a decentrare il sistema di istruzione superiore alle università e alle istituzioni dell’istruzione superiore, sostituendo la centralizzazione del governo federale e del suo popolo “statistico”, con l’obiettivo di disumanizzare processi e azioni soggettivi, confondendo e alienando .

Un sistema contemporaneo, civilizzante e umanizzante di istruzione superiore deve garantire che, politicamente, punta alla piena indipendenza e autonomia delle istituzioni educative e si organizzerà trasferendosi in ogni Stato della Repubblica suddiviso nei suoi comuni e le sue regioni amministrative o macro-regioni territoriali, la leadership della gestione regolamentare dell’istruzione superiore in ciascuna località, esercitata dalla centralità delle università pubbliche pienamente autonome. Dovrebbero agire come reggenti regolatori dove, come satelliti, orbiranno istituzioni private di istruzione superiore che non si classificano come università (REGINALDO, 2013: 260).

E ‘molto difficile nel capitalismo conciliare i valori sostenuti dallo sfruttamento con quelli emanati dalla cultura popolare. Il capitalismo ha contribuito alla violazione dei diritti economici e sociali. Non esiste alcuna capacità di analisi specifica nel senso della comprensione che l’attuale società ha dispensato con lo spirito della comunità.

RIFERIMENTI

CUNHA L.A. L’università precoce. Rio de Janeiro: Francisco Alves, 1986.

CURI, Luiz Roberto Liza. Il parossismo di qualità: valutazione dell’istruzione superiore in Brasile / Luiz Roberto Liza Curi. Campinas: [s.n.], 2011.

DRUCKER, P. F. Un’epoca di discontinuità. Rio de Janeiro: Zahar, 1974.

GALBRAITH, John Kenneth. Società equa: una prospettiva umana. Rio de Janeiro: Campus, 1976.

GUMIERO, Rafael Gonçalves. Dialogo delle tesi del sottosviluppo di Rostow, Nurkse e Myrdal con la teoria dello sviluppo di Celso Furtado. São Carlos: UFSCar, 2011.]

MARTINS, Antonio Carlos Pereira. Istruzione superiore in Brasile: dalla scoperta fino ai giorni nostri, Acta Cirúrgica Brasileira – Vol 17 (Supplemento 3) 2002.

PORTO, Claudio & RÉGNIER, Karla. Istruzione superiore nel mondo e in Brasile – Condizionatori, tendenze e scenari per l’orizzonte 2003-2025: un approccio esplorativo. Brasília: [s.ed.], 2003.

REGINALDO, Arthus. Istruzione superiore, controllo statale, valutazione istituzionale e SINAES: matrici istituzionali storiche, contraddizioni politiche e prospettive di autonomia dell’istruzione superiore al di là di SINAES. Campinas, 2013. [tesi di dottorato].

ROSTOW, Walt. W. Fasi dello sviluppo economico: un manifesto non comunista (1960). Rio de Janeiro: Zahar Editores, 1961.

SANTOS, Boaventura de Souza. L’Università del XXI secolo: per una riforma democratica ed emancipante dell’università. São Paulo: Cortez, 2011.

UNESCO. Istruzione superiore nel XXI secolo – visione e azioni – documento di lavoro. Parigi, Ottobre 1998. In: Tendenze nell’istruzione superiore per il XXI secolo. Brasilia: UNESCO /

CRUB, 1999. Page 246 VEIGA, I. P. A. Tecniche didattiche, perché no? Campinas: Papiro, 1991.

WOLF, R. P. L’ideale dell’università. São Paulo: Casa editrice UNESP, 1993.

[1] Studente di dottorato presso la Scuola di Formazione dell’Università Federale di Amazonas.

[2] Medico

Ha conseguito la laurea in Pedagogia presso l'Università Federale di Amazonas (1997) e un Master in Educazione presso l'Università Federale di Amazonas (2008). Attualmente è professore presso la Facoltà Metropolitana di Manaus, professore presso l'Università Federale di Amazonas e coordinatore della Facoltà Metropolitana di Manaus, che lavora principalmente sul tema: produzione, dominio, regole

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here