Início Formazione L'importanza della formazione continua e la sua relazione alla pratica di insegnamento

L'importanza della formazione continua e la sua relazione alla pratica di insegnamento

RC: 12201 -
L'importanza della formazione continua e la sua relazione alla pratica di insegnamento
4.5 (90%) 2 votes
259
0
ARTIGO EM PDF

CRUZ, Evandro Costa [1]

COSTA, Deuzeli Brandão da [2]

CRUZ, Evandro Costa; COSTA, Deuzeli Brandão da. L'importanza della formazione continua e la sua Relazione Educativa Practice. Rivista scientifica multidisciplinare Knowledge Center. Edizione 08. Anno 02, Vol. 03. pp 42-58, novembre 2017. ISSN:2448-0959

SOMMARIO

Questo lavoro ha come tema, l'importanza della formazione continua e la sua relazione con la pratica di insegnamento, affrontando i processi che influenzano positivamente e negativamente la pratica della formazione continua. Questa ricerca è stata basata attraverso riferimenti, articoli e altra natura scientifica dei materiali, questa ricerca presenta vari punti di vista teorici che hanno studiato e parlato della pratica pedagogica, la formazione continua e la sua importanza nel campo educativo. Lo scopo di questo lavoro è quello di mostrare l'importanza dello studio professionale sempre più. Quando si tratta di formazione continua si riferisce a competenze professionali, di proseguire gli studi e la valutazione delle nostre capacità. Con le dinamiche del moderno mondo professionale, in questo caso il maestro, che è sempre alla ricerca di una formazione continua, così come si sforzano di migliorare le proprie competenze tendono ad espandere il loro campo di lavoro. Sulla base di questo principio e un pensiero riflessivo, questo lavoro si propone di contribuire a ulteriori chiarimenti e l'esposizione di nuove idee per nuovi docenti e ricercatori che cercano ogni giorno per migliorare la loro pratica, ponendo informati con le difficoltà incontrate, e come per il fissaggio il processo di formazione continua.

Parole chiave: continua formazione per insegnanti, Pratica riflessiva di insegnamento, lo sviluppo professionale.

1. INTRODUZIONE

Sin dagli albori della civiltà dei modi sociali, le esigenze del mercato, in generale, hanno subito molte trasformazioni, dove i professionisti sempre più necessitano di qualifiche specifiche e migliorato per eseguire la funzione, nel campo dell'istruzione questo processo non è diverso, perché ogni anno ci sono nuove sfide da affrontare e l'insegnante dovrebbe essere in grado di risolverli.

Questo lavoro si basa sulla prospettiva di insegnanti che lavorano nella contea di Cornovaglia Roraima, la motivazione iniziale è stato costruito sulle difficoltà di detti insegnanti comune nel fare corsi di formazione continua. Per vicino dal vivo, avere amici che lavorano e vivono in loco e ad essere un lavoro di ricerca valida, è stato proposto per la ricerca delle situazioni problematiche nel campo della pratica educativa e presentare possibili soluzioni.

Il tema dell'importanza della formazione continua e la sua relazione pratica didattica nata dal monitoraggio e le relazioni da amici che vivono e lavorano in Cornovaglia, come le difficoltà che hanno nel fare corsi di formazione continua e come risolvere certe situazioni che appaiono in vita quotidiana dentro e fuori della classe.

Questa carta con il principale obiettivo di ricerca e descrivere attraverso l'analisi teorica, l'importanza della formazione continua in campo educativo.

Da questo punto è venuto gli obiettivi specifici sono: Per descrivere l'importanza della formazione continua per gli insegnanti che lavorano nella scuola elementare prime classi; mostrano che l'insegnante dovrebbe prendere una posizione riflessiva e critica delle pratiche educative; capire che la professione di insegnante deve essere guidata nel curriculum di proposte di educazione.

L'interrogatorio ha avuto luogo nel sapere ciò che il design che gli insegnanti hanno sulla formazione continua e il miglioramento del rapporto continuare con la pratica pedagogica?

Da questo precetto la formazione continua si presenta come un'altra opportunità di risolvere, o almeno ridurre al minimo le situazioni che si presentano per l'insegnamento in e fuori la scuola.

Gli autori Hengemühle, Ferreira, Paulo Freire, e Romanowski Christov, sono stati i principali fornitori di idee per questa ricerca, come hanno diverse esperienze in materia.

2. BREVE STORIA DEI DOCENTI IN BRASILE DI FORMAZIONE

La formazione degli insegnanti e l'istruzione inizia con l'arrivo dei gesuiti in Brasile, si trovavano sulla costa e da lì sono entrati nei villaggi indiani ed erano fondare conventi e collegi. In quel primo momento egli eccelleva in catechizzare indigena e offrono una formazione differenziata per l'elite.

Secondo Saviani (2008, p. 27).

[…] formazione istituiti nell'ambito del processo di colonizzazione, che è, ovviamente, acculturazione, come le tradizioni ei costumi che cerca di infondere staminali da un dinamismo esterna, vale a dire, che vanno dal colonizzatore culturale mezzi per la situazione di oggetto colonizzazione.

Istruzione in questo periodo è stata orientata a rendere internalize indigena making cultura europea di loro un oggetto di colonizzazione sotto il dominio elitario.

La formazione degli insegnanti in questo periodo era già motivo di preoccupazione, perché tutti devono essere preparati a svolgere la funzione a seconda delle situazioni che si presentano.

Hengemühle (. 2008, p 75) citato Capitán (1984) ha pronunciato la seguente disposizione:

L'ordine dei Gesuiti ha implementato progetti per la formazione degli insegnanti, "in modo che i loro insegnanti erano la formazione più perfetto possibile per consentire loro di vostro compito." metodi didattici devono essere uniformi in assoluto per tutti gli insegnanti: il passaggio dal modello stabilito rovinerebbe l'intero sistema. Al fine di garantire l'efficienza in questo sistema immutabili, gli insegnanti dovrebbero essere formati con la massima precisione. L'ordine dei Gesuiti deve essere attribuita all'introduzione della pratica della formazione degli insegnanti, ed i loro metodi di preparazione può essere studiato per l'applicazione in tutti gli istituti di formazione degli insegnanti.

I gesuiti conoscevano l'importanza della formazione degli insegnanti, così hanno creato un modello di formazione che soddisfi tutti e che sarebbe durato per diversi anni. Vale la pena notare che in questo periodo i gesuiti avevano il controllo totale sul curriculum, enfatizzando l'arricchimento e lo sviluppo di una minoranza, anche se implicitamente, d'altra parte favoriva la classe dirigente.

Con l'espulsione dei gesuiti, inizia il periodo di riforme Pombal segnata dalle idee illuministe, secondo Zotti (2004, p. 30), "dei gesuiti Pombal, l'istruzione è stato caratterizzato da l'obiettivo fondamentale della formazione della classe dirigente della società coloniale."

Dal momento che l'educazione è stata orientata verso la formazione degli insegnanti elite dovrebbe essere manipolato per soddisfare tali interessi, in modo da rendersi conto che l'istruzione è stato diretto secondo l'identità e la classe sociale dello studente, così come l'insegnamento aveva le sue intenzioni nascoste e diverse come le classi sociali l'obiettivo di modernizzazione dell'istruzione lungo le linee di formazione europea, aveva lo scopo di promuovere la nobiltà e soddisfare le esigenze dello stato.

Secondo Zotti (2004, p.27) citato (Xavier, 1994)[…] "questa mancata corrispondenza che esiste sviluppo coloniale e di degrado metropolitano è il principale fattore scatenante delle chiamate riforme Pombal." Le idee dell'Illuminismo erano proposte divergenti attuate dal insegnamento dei gesuiti, in modo da Marchese di Pombal portato cambiamenti alla formazione della colonia.

Il prossimo cambiamento nella formazione degli insegnanti è con l'arrivo della famiglia reale in Brasile, quando il Portogallo era in fase di difficoltà finanziarie e gravata loro colonia in carica tasse elevate, dal momento che l'attività mineraria in Brasile è cresciuto.

La formazione degli insegnanti è stato finalizzato alla formazione della corte e ai bisogni dello Stato, secondo Zotti (2004, p. 35), "la cre[…]azione di istruzione superiore, incentrata sulla macchina dello Stato è stato il punto di riferimento dei cambiamenti correlati educazione".

Durante questo periodo la scuola era già frammentata dove ogni corso è stato tenuto da un insegnante. Secondo Zotti (2004, p. 28),[…] "le scuole sulla base di reali enciclopedica, erano in unità didattiche, con un insegnante, installata per una particolare disciplina, che dovrebbe sostituire le discipline offerti nelle scuole dei gesuiti."

L'insegnamento decade in Brasile, perché in quel momento non aveva abbastanza insegnanti per soddisfare la domanda, vale a dire posti di lavoro creati per gli insegnanti, ma non era sufficiente per occupare lo spazio che era vuota.

Con la proclamazione della repubblica, un nuovo modello di governo guidato nella prima proposta presidenziale di cambiamento nel settore dell'istruzione è stato l'educazione gratuita e nessun collegamento con la religione che si è proposto sin dal periodo coloniale. Nel 1942, ha creato la legge organica decreto legge n 4073, del 20 regolando la Scuola Industriale gennaio agli articoli 3, 4, e 5 esprimere gli obiettivi dell'educazione. "Art. 3 L'educazione industriale deve soddisfare gli interessi del lavoratore, svolgendo la loro preparazione professionale e la loro umana". (Brasile, 1942).

Nella suddetta legge realizza l'oggettività di fronte curriculum per formare il cittadino a lavorare, è facile vedere anche la preoccupazione formazione in senso umano e valutativo del singolo, ma la formazione degli insegnanti non è visto come una priorità o di esprimere nel contesto.

3. FORMAZIONE CONTINUA IN BRASILE

La formazione continua degli insegnanti si è rivelata necessaria dall'inizio della colonizzazione portoghese e non è stato diverso in altri periodi storici, come ad esempio dopo l'indipendenza del Brasile, che è stato abbastanza per essere un maestro il contenuto che avrebbe insegnato.

Nagle (1990, p.102) afferma che:

La scuola è stata trattata dai personaggi pubblici e intellettuali che, allo stesso tempo, sono stati "educatori", in un momento in cui i problemi educativi non hanno, tuttavia, un'attività sufficientemente professionalizzato. Solo nel decennio finale della prima repubblica la situazione cambierà con l'apparizione del in materia di istruzione, la nuova categoria "tecnica" professionale: questo è ciò che vi darà su come affrontare quasi esclusivamente, di questioni educative.

Tra gli intellettuali affrontati dall'autore, molti hanno lavorato a tempo parziale e ha insegnato presso la notte o nel periodo opposta, che nelle scuole urbane, mentre nelle unità delle scuole rurali che hanno tenuto loro erano i proprietari di aziende agricole e la situazione degli insegnanti erano molto peggio.

Romanowski (. 2010, p 29-30) sottolinea che "gli insegnanti della scuola elementare, nella maggior parte dei casi, erano laici con piccole scolarizzazione […]maggior parte degli insegnanti non avevano una formazione adeguata."

Questa realtà è cambiata l'istruzione è venuto da intendersi come un servizio pubblico, di diventare un problema nazionale. Da lì inizia il processo di creazione di scuole con la responsabilità della formazione degli insegnanti.

Secondo Castro (2002, p.11) "i[…]n generale, l'evoluzione della Scuola Normale è stato lento e limitato per molti anni a fornire la formazione degli insegnanti nel breve termine."

scuole normali sono stati i primi a formare gli insegnanti nel paese, questi maestri insegnavano solo a scuola elementare, ma queste scuole erano soltanto test primitivi e non hanno avuto successo, per cui gli insegnanti addestrati non erano ben preparati per soddisfare la pratica insufficiente studenti.

Ma prima di questo modello di insegnamento naufraghi, già discusso un nuovo modello di formazione degli insegnanti. Con la creazione di un sistema di istruzione laica e pubblica, l'istruzione è diventata la responsabilità dello Stato, ha iniziato l'espansione delle scuole e aumentare il livello di istruzione della popolazione è migliorata.

Nel 1930 due scuole sono stati illustrati in formazione degli insegnanti, uno a San Paolo, l'Università di São Paulo (USP) e l'altro nel Distretto Federale, a Rio de Janeiro, l'ex capitale del paese, l'Università del Distretto Federale (UDF) queste istituzioni formano insegnanti per insegnare a livello di college.

Nel 1939 è stato creato il corso di pedagogia che è stato organizzato secondo la prima legge delle direttive e basi della Pubblica Istruzione (LDBEN) – Legge 4.024 / 1.961. Il corso di pedagogia è stato creato in due modi: bachelor e grado. Il corso di laurea ha costituito la formazione tecnica e, oltre a una laurea sia sufficiente per pagare le discipline di insegnamento.  Al contrario, il corso di laurea formato insegnanti per l'insegnamento dell'educazione scolastica normale.

Nel 1970 è stato creato un programma minimo che ha incluso il curriculum della pedagogia corso e quindi non vi sono stati diversi discursões contrarie legati a questi cambiamenti.

Secondo Romanowski (2010, p. 33) "la riformulazione dei normali corsi di livello medio, l'estinzione di lauree brevi, una nuova organizzazione di corsi di più alto livello di laurea e della pedagogia."

In questo senso, a insegnare nelle prime classi, l'insegnante avrebbe dovuto avere una formazione, cioè, ha consentito esclusivamente dal corso pedagogia. Così, gli insegnanti che non rientravano nella nuova normativa dovrebbero conformarsi fare complementazione.

Secondo Gonçalves e Pepper (1992, p. 106), "la formazione degli insegnanti per l'insegnamento nelle prime quattro classi della scuola elementare ha cominciato ad essere eseguita attraverso una qualifica professionale, tra i numerosi altri che sono stati regolati."

In questo senso, non vi era la necessità di formazione per diventare professionista e che la qualificazione degli insegnanti è stato molto importante essere in grado di irreggimentare l'esercizio della funzione. Non poteva essere nessuno, tanto meno senza avere i domini di base della conoscenza, sia le metodologie di insegnamento e di contenuti di essere davanti alla classe.

Ciò premesso, osserva che la formazione degli insegnanti diventa molto importante nel contesto attuale, inoltre, che i professionisti dovrebbero continuare a studiare e investire nella loro carriera professionale.

3.1 formazione degli insegnanti Importanza

La formazione degli insegnanti offerto dalla formazione agenzie disponibile nelle centinaia di mercato di insegnanti, ci porta a una formazione di molte incertezze, un apprezzamento della produzione e della concorrenza nei vari segmenti della vita, e l'educazione non è diverso.

Il ruolo dell'insegnante è stato spesso distorto la vera funzione di insegnamento, che è quello di insegnare.  Secondo Romanowski (2010, p. 17) "[…]Sappiamo tutti che l'insegnante è colui che insegna, che educa. Ma altri che insegnano ed educare e che non sono insegnanti, come genitori e religiosi. "

Per l'insegnante è un professionista qualificato per insegnare e contribuire alla costruzione della conoscenza, ma quando si tratta di situazioni scolastiche è ciò che rende la funzione cambiamento come calma, educare ed essere uno psicologo.

In questa stessa comprensione, Hengemühle (. 2008, p 85) citato Antunes (1998) fa la seguente dichiarazione:

L'insegnante mette da parte la responsabilità di essere un dolore insegna cose da trasformarsi in qualcosa di simile a un terapeuta mentale, incoraggiare l'apprendimento, stimolatore intelligenza che predica e fa lo studente vengono utilizzate varie competenze operative.

Si va oltre, prima di tanta indisciplina da parte degli studenti all'interno e all'esterno della stanza, v'è anche la mancanza di interesse a non vogliono studiare, il coinvolgimento con la droga, tra le altre questioni.  Sono alcune situazioni che l'insegnante deve sapere come affrontare ogni giorno a scuola.

E 'importante notare che il collegio non impara a che fare con tutte queste situazioni, molte delle quali sorgono tenendo conto dell'ambiente in cui viviamo.

In questo contesto è necessario capire che la formazione degli insegnanti come parte dello sviluppo della conoscenza, richiede la qualificazione, sviluppo professionale e politiche adeguate per il lavoro dell'insegnante.

Freire (1996:. 76) sottolinea che "gli altri sanno fondamentale esperienza educativa è quello che riguarda la natura[…] precisa conoscere le diverse dimensioni che caratterizzano l'essenza della pratica."

L'esperienza del maestro aiuta a prendere la decisione giusta per ogni situazione problematica, anche se non funzione docente, ma a volte, al momento ha solo allora ha altra scelta che cercare di aiutare. Tutte le varie situazioni è che fornisce l'insegnamento formazione degli insegnanti aggiunto a ciò che ha imparato in banca college.

La formazione degli insegnanti è strettamente intesa come preparazione professionale e docente per carriera di insegnante, prendendo come premessa l'impegno per formare il cittadino in base alla società in cui vive.

In questi stessi termini, Libâneo (2001:. 14-14) punti:

Formata è quello di prendere nelle loro mani il proprio sviluppo e il destino in un doppio movimento di espansione delle sue qualità umane e professionali, religiosi e l'impegno per la formazione della società in cui vive.

La formazione degli insegnanti è processo di maturazione di una persona, che si tiene dalle esperienze dei docenti universitari di formazione, come i soggetti stessi (formazione).

Secondo Freire (1996, pag. 25),[…] "che forma è costituito e ri-formata forma alla forma e che si forma e formare da formare." In altre parole, durante il processo di formazione, i guadagni insegnante esperienza e la conoscenza che trasforma, cioè, nel suo modo di pensare e di agire. Anche in molti altri punti di vista sulla stessa situazione attuale.

Il concetto di formazione degli insegnanti è flessibile, con molteplici prospettive associati con lo sviluppo di questo professionista che è l'insegnante con appropriazione pratica e teorica della funzione di magistero.

La formazione è un atto complesso che richiede tempo e dedizione di professionisti, sia dal requisito della funzione, come il tempo la concorrenza di mercato per selezionarlo al lavoro.

Come Oliveira e Tonini (2014, p.4) Apud Garcia

La formazione è presentato in un fenomeno complesso e diversificato in cui ci sono solo pochi concettualizzazione secondo e ancor meno per quanto riguarda le dimensioni e teorie più rilevanti per l'analisi. […] In primo luogo la formazione come realtà concettuale non è stato identificato o diluito all'interno di altri concetti che vengono utilizzati anche, come l'istruzione, la formazione, l'istruzione, ecc In secondo luogo, il concetto di formazione comprende uno sviluppo umano dimensione personale completa che deve essere preso in considerazione nei confronti di altri concetti altamente tecnici. In terzo luogo, il concetto di formazione ha a che fare con la capacità di formazione, nonché alla volontà di formazione.

Il concetto di formazione degli insegnanti si intreccia con l'importanza di essere un insegnante, in cui il punto di guida e il perseguimento di professionalizzazione è l'apprendimento dello studente che si assiste con classi dinamiche facilitare la costruzione della conoscenza.

Secondo Romanowski (2010, p. 53).

La dinamica della classe E 'caratterizzata da nostra interazione con gli studenti, essendo mediate conoscenza. processi di insegnamento e di apprendimento sono diretti allo stesso oggetto: la conoscenza; entrambi riguardano la cognizione e il rapporto tra i soggetti. E 'in questa dinamica, contraddittoria e conflittuale che la conoscenza di questa pratica professionale sono costruiti e ricostruiti.

Di qui l'importanza ai formatori acquisire le conoscenze, perché durante le situazioni pratica di insegnamento incontro di conflitto, in cui ha bisogno è disposta ad affrontare quello che avviene sul lavoro.

Romanowski (2010, p. 184) continua a dire che "riconoscere che l'educazione può contribuire al miglioramento della formazione significa comprendere l'importanza della professionalizzazione degli insegnanti."

La formazione è un modo di democratizzare la conoscenza, è uno strumento per rendere l'insegnamento di un professionista nel vero senso della parola, ma spesso non è così che succede.

Hengumuhle (. 2008, p 11) approfondisce l'argomento dicendo:

La formazione degli insegnanti poco ha esercitato pratiche pedagogiche che consentono ai futuri insegnanti di sviluppare lezioni prendendo come riferimento quanto sopra. Si installa come un circolo vizioso: la formazione carente dei formatori degli insegnanti che porta di conseguenza ad un atto di deficit futuri educatori.

Le conoscenze acquisite è di fondamentale importanza, così come la divulgazione in questo senso dovrebbe condividere lo stesso con altri professionisti dell'istruzione, da prendere come riferimento per nuove pratiche pedagogiche.

3.2 L'importanza della formazione continua

Formazione continua è diventata un campo con crescente domanda di professionisti non solo in materia di istruzione, ma in tutti i settori della conoscenza, perché più di apprendimento, più è probabile che questi professionisti rimangono nel mercato del lavoro.

Secondo Ferreira (2006, p 19-20.):

Una "formazione continua" è una realtà nel panorama educativo brasiliano e mondo, non solo come un requisito che è dovuto ai progressi della scienza e della tecnologia che sono state elaborate negli ultimi decenni, ma come una nuova categoria che è venuto in essere nel "mercato "formazione continua e, quindi, ha bisogno di essere ripensata al giorno al fine di soddisfare al meglio la legittima e degna formazione umana.

La conoscenza non è statica, ma è sempre in evoluzione e negli ultimi decenni si è verificato ancora più veloce questo processo e tutto ciò che coinvolge la conoscenza è influenzata da questi cambiamenti. In materia di istruzione non è diverso, come si può vedere.

Secondo Hengumuhle (2008, p. 11):

I cambiamenti della società, i mezzi di produzione richiedono nuovo modello di formazione. Le reti di comunicazione portano informazioni, allo stesso tempo, mai posti prima raggiunte. Le persone, soprattutto i bambini ei giovani non sono più persone da un sito limitato. Diventano persone del mondo. L'accesso alle informazioni nella trasformazione comincia a causare problemi nelle persone su una scala mai vista prima.

In altre parole, anche le persone che vivono lontano dalle grandi città o anche città, queste persone non sono isolate dalla conoscenza, la tecnologia ha reso le persone ovunque si trovino. Quando il posto non ha una struttura tecnologica, molti insegnanti utilizzare le città più vicine alla ricerca di tali informazioni.

In questo tema il termine "formazione continua" e la sua importanza per migliorare l'insegnamento e di apprendimento e di conseguenza l'istruzione, appariranno sempre in questo contesto, ma poi arriva la domanda successiva, che è la formazione continua? Ha cercato di, ad esempio, gli autori teorici esperto in materia che hanno contribuito i loro concetti per la ricerca.

formazione continua per Chimentão (2009, p.):

La formazione continua degli insegnanti è stato inteso come un processo continuo di miglioramento delle conoscenze necessarie per l'attività professionale svolta, dopo la formazione iniziale, al fine di garantire una migliore insegnamento di qualità degli studenti.

La professionalizzazione inizia con il primo grado, da lì è la necessità di approfondire la conoscenza che non sono stati raggiunti con la formazione iniziale. Sottolineando che anche imparare a praticare con i loro coetanei, in quanto tutti gli esseri umani hanno bisogno di formazione per soddisfare le esigenze del mercato, sia in materia di istruzione o no, tutto è conoscenza.

Secondo Christov (1996, 44): "Formazione continua è necessaria per aggiornare le nostre conoscenze, in particolare analizzare i cambiamenti che si verificano nella nostra pratica e di assegnare le indicazioni per questi cambiamenti attesi"

In breve ma completo Paulo Freire (1996, 44) fa la seguente collocazione "formazione permanente è un modo è possibile migliorare la pratica successiva."

Seguendo l'idea di altri, Romanowski (2010, p. 138). Concettualizzato formazione continua attraverso l'obiettività: "Lo scopo della formazione continua è quello di migliorare l'insegnamento … continuare gli studi corsi, programmi e progetti. "

Come si può vedere, il posizionamento di Chimentão, Christov, Freire e Romanowski erano in modo diverso, ma nessun altro sopraffatti o neutralizzata, comunque tutte le informazioni si riassume e forma un nuovo concetto completo. Che è definito come segue:

La formazione permanente è un meccanismo permanente per la formazione, l'aggiornamento e il miglioramento necessario per l'attività professionale, per migliorare la pratica di insegnamento al fine di garantire un'istruzione di qualità e di trasformazione sociale.

La scuola ha un ruolo molto importante su queste modifiche, è il luogo in carica e applicabili per la costruzione della conoscenza, ma non l'unico spazio in cui si acquisisce la conoscenza, come oggi la conoscenza è ovunque e sempre disponibile. Poiché la scuola è responsabile di questo continuo sviluppo, rimane una materia di procreazione e metodi obsoleti che non corrisponde alle esigenze attuali?

Hengumuhle (. 2008, p 11) afferma:

[…] che queste teorie non possono essere semplicemente trasportati dal contesto in cui si sono formati, al contesto in cui vivono i nostri studenti. Le realtà sono diverse oggi. Queste teorie hanno bisogno di essere ri-significato per gli studenti nella loro realtà, altrimenti solo diventare cose meccaniche di essere accolto e ripetuto.

Così, allo stesso modo come con l'insegnante, la scuola deve anche essere in linea con gli aggiornamenti per ricevere i clienti (gli studenti) che si occupa di conseguenza per le vostre esigenze. Da qui l'importanza del risveglio alla pratica della formazione continua attraverso i riflessi di ciò che accade tutti i giorni.

Secondo Christov (2003, p. 9): "La formazione permanente è richiesta dalla natura stessa della conoscenza e dell'attività umana, come le pratiche che sono in costante trasformazione."

L'insegnante, come è inserito nella scuola e una responsabilità primaria, si è dato anche il peso dall'impegno di questi nuovi cambiamenti, non può continuare a base e con le pratiche antiche, obsoleto. Ha bisogno di capire che la realtà del XV secolo è diverso da quello sperimentato nel XXI secolo e le metodologie utilizzate negli anni precedenti ha funzionato bene per quel tempo, ora può anche funzionare, ma hanno bisogno di essere riorganizzata per gli studenti in corso.

In quanto sopra, ci si rende conto che la scuola e l'insegnante devono essere aggiornati, non utilizzare solo una parte di svolgere il proprio ruolo, insegnante e la scuola sono inestricabilmente intrecciate, una parte l'altra è il complemento dell'altro, quindi la necessità per uno è anche la necessità dell'altro e viceversa.

Ritiene che il primo passo che si terrà il processo di cambiamento è l'insegnante a riflettere sulle questioni sollevate e controllare se le loro azioni sono all'interno del metodo flessibile, aggiornato o meccanizzata.

Per Christov (. 2003, p 11) citato Kemmis (1985):

La riflessione non è un processo meccanico, non semplicemente un esercizio creativo per costruire nuove idee, ma è una pratica che esprime il nostro potere di costruire la vita sociale partecipando in comunicazione, il processo decisionale e di azione sociale.

La pratica non può essere meccanizzata, è necessario passare attraverso il processo di ricostruzione, in modo che l'insegnante può sentirsi spinto a costruire nuove idee da realizzare la "nuova" ha bisogno di formazione, aggiornamento, accompagnati da valutazioni critiche circa la professionalizzazione.

Come affermato Hengumuhle (2008, p. 84) "postmodernità certamente ha portato gli insegnanti sfide affrontate e mai visto in momenti storici precedenti."

È interessante notare che il primo allenamento è molto importante perché ciò che l'insegnante impara durante il corso di laurea non è sufficiente per tutta la sua carriera nell'insegnamento, quindi è necessario continuare ad imparare, anche se ciò che si osserva non è così.

Secondo Ferreira (2006, p. 28):

Per quanto riguarda la formazione dei professionisti dell'istruzione, che può essere visto in tutte le riforme, il disimpegno con la formazione iniziale, la sopravvalutazione di una politica di formazione in servizio che si verifica, si verifica, generalmente di forma alleggerito e la mancanza di questo politiche di sviluppo professionale.

Illustrando, un insegnante che si è laureato più di dieci anni e non cercare di fare continuando corso di formazione, come ad esempio l'insegnamento sarà imparare nuovi metodi? Questo insegnante ottenere rispondere o risolvere le nuove sfide che appariranno nella vita quotidiana?

Christov (2003, p. 37) afferma che "la formazione degli insegnanti non ha incluso questi obiettivi."

Freire (1996, p. 32) sottolinea che "cerco di sapere ciò che non conosciamo e comunicare o annunciare la notizia."

L'indagine, che ha detto Freire è la ricerca della conoscenza e questa domanda è la formazione continua perché non tutto è stato raggiunto durante la laurea. Quando l'insegnante è che abilita le loro capacità e competenze vengono migliorato, rendendolo un buon educatore con la notizia che vengono offerti.

Un altro punto da essere sollevato alla pratica della formazione continua è la criticità del maestro, ma essere critica è capito che non è un insegnante che conoscono solo lamentarsi, per vedere gli errori a tutti e non fa nulla per correggere o migliorare ciò che è sbagliato.

Si riferisce alla parola critica quando qualcosa non va e fastidio, in questo senso, è chiaro l'errore e per questo non risolve il problema? Così fa i suggerimenti di esposizione o di ricerca di soluzioni strategie. La pratica di insegnamento non può mai essere dato come finito, non si può pensare che il modo in cui è sarebbe l'ideale in quanto ha sempre margini di miglioramento.

Hengumuhle (2008, p. 16) dice che "la storia dell'umanità è segnata da questa costante futuro in cui il prodotto finito è considerato insoddisfacente, a causa del un infinito desiderio è quello di indagare e, prima di ogni risposta, immagina già nuovo domande ".

Molti insegnanti sanno dove questa metodologia non sta avendo un effetto, lo studente non è l'apprendimento, gli altri non interessa più per le classi che insegna, ma questo educatore chiude un occhio o causa difficoltà a migliorare.

Non basta fare il corso troppo non è bene se l'insegnante non fa un giudizio di ciascuna azione. Nella formazione l'insegnante è il ricercatore e l'oggetto di ricerca e viceversa.

La formazione permanente è molto importante, ma non risolverà tutti i pratica di insegnamento, lei è solo uno strumento di lavoro per assistere, migliorare e crescere professionalmente.

3.3 Reciprocità Formazione Continua

Molto è stato detto circa l'importanza di formazione continua per gli insegnanti, ma questo processo è reciproco rispetto a scuola negli atti professionali e soprattutto per lo studente che è o dovrebbe essere l'obiettivo principale della pratica di continuare insegnante di educazione.

Il rapporto insegnante / allievo è diventato un tema importante e preoccupazione nel contesto scolastico, molti ricercatori cercano di scoprire questo rapporto che a volte diventa conflittuale, ma potrebbe trasformarsi in un lavoro più ricca e significativa.

Ci sono benefici per gli studenti quando viene aggiornato un insegnante. In questo contesto Moran (2004, p.3) Domanda e risposta "Che cosa deve avere una classe per una formazione di qualità? fondamentalmente bisogno di insegnanti ben preparati, motivati ​​e ben pagati e aggiornato la formazione degli insegnanti. Questo è forte. "

Un insegnante ben preparato, conosce diversi metodi per attirare l'attenzione degli studenti e, quindi, l'insegnante di risparmiare tempo, quei momenti che la impreparato spendere per calmare gli studenti, i più qualificati hanno già iniziato l'argomento del giorno e gli studenti cominciano a piacere scuola.

Il vantaggio della scuola è legata come la formazione continua, il lavoro offerto dagli insegnanti all'interno della scuola, può essere visto attraverso lo sviluppo degli studenti se gli studenti sono ben la scuola è buona, gli studenti e il termometro che ha continuato la reciprocità formazione degli insegnanti -scuola.

Christov (. 2003, p 13-14)) sottolinea che:

Sappiamo che una scuola organizzata da tutti coloro che lavorano in esso sono più probabilità di essere una scuola adatta agli interessi degli organizzatori … dopo tutto, la cooperazione e l'idea che "l'unione fa la forza" sono idee contro le quali nulla ha da dire.

L'organizzazione di una scuola dipende in gran parte delle competenze dei lavoratori in cui opera. E la formazione continua è parte di questo processo di contribuire allo sviluppo e all'aggiornamento della comunità scolastica. La scuola ha le caratteristiche dei professionisti che vi lavorano.

Quindi maggiore è il grado di formazione di un istituto di meglio concettualizzata sarà. I professionisti sono consapevoli di questo e stanno cercando di migliorare sia la pratica e il concetto di scuola.

CONCLUSIONE

Ogni professionista di sviluppare un buon lavoro ha bisogno di stimoli, in modo che si sviluppa bene i loro compiti, a partire da questa proposta ei concetti fornite dal citato teorica, la formazione continua dovrebbe essere preso più seriamente da persone coordinare l'educazione in Brasile.

La piena realizzazione di programmi per la formazione continua degli insegnanti è noto, ma gli incentivi per gli insegnanti condurre corsi e raggiungere coloro che vivono più lontano dal capitas, non è la realtà, per gli insegnanti che vivono in città e vicinali fino a che non si ottengono con queste formazioni.

Così è la mobilitazione urgente per l'accesso ai corsi di formazione continua per tutti, le scuole in cui questi professionisti lavorano come essi e gli studenti perdono la qualità dell'istruzione offerta.

È interessante notare che la valutazione degli studenti che si sono formati in istituti dove gli insegnanti non hanno la formazione continua appare il risultato quando lo studente va in serie più avanzata o anche il tempo di fare una gara pubblica o di selezione di lavoro perché la qualità dell'istruzione dipende in gran parte la formazione degli insegnanti e il loro sviluppo professionale.

Troppo sono le sfide da superare, perché, come è stato discusso nel corso di questo lavoro di formazione e di conseguenza l'istruzione e la formazione degli insegnanti non sono state le priorità dal momento che la colonizzazione del Brasile, c'è sempre qualcosa in sospeso, e questo pendency comprende la maggior parte dei professionisti del settore.

Dal punto di vista della formazione continua, è necessario che l'insegnante imparare a vedere la realtà, dato che si tratta, in pratica, lo scambio di conoscenze tra i docenti e professionisti nello stesso campo, l'audacia della ricerca che dà l'apprendimento reciproco. Quindi, è possibile che l'insegnante diventa un agente in grado di gestire la propria formazione.

RIFERIMENTI

BRASILE. organico legge il decreto legge n 4073 del 30 gennaio 1942, n. Disponibile a <https://www.planalto.gov.br/ccivil_03/decreto-lei/1937-1946/Del4073.htm>. L'accesso on 10 novembre Il 2016.

BREYNNER, A. Oliveira; Adriana M. Tonini. Management School e continua formazione degli insegnanti, Juiz de Fora: Edit 2004.

CASTRO, Michele Guedes di Brendel; una retrospettiva della formazione degli insegnanti: storia e domande. Rio de Janeiro, 2002. Disponibile all'indirizzo: <http://www.fae.ufmg.br/estrado/cd_viseminario/trabalhos/eixo_tematico_1/uma_retrospec_form_prof.pdf>. L'accesso on 12 novembre. Il 2016.

CHIMENTÃO, Lilian Kemmer. Il significato dell'insegnamento continuato formazione. Università di Londrina, 2009. Disponibile all'indirizzo: <http://www.uel.br/eventos/conpef/conpef4/trabalhos/comunicacaooralartigo/artigocomoral2.pdf>. Accesso: 20 Ottobre Il 2016.

CHRISTOV, Luiza Helena da Silva. coordinatrice pedagogica e formazione continua. Sao Paulo: Loyola 2003.

FERREIRA, Naura Siria Carapeto (org). formazione continua e formazione manageriale. 2a ed. Sao Paulo: Cortez, 2006.

FREIRE, Paulo. Pedagogia dell'autonomia: conoscenze necessarie per la pratica educativa. Sao Paulo: Paz e Terra, 1996.

Gonçalves, Carlos Luiz. PEPE, Selma Garrido. Rivedere l'insegnamento 2 ° grado: proponendo la formazione degli insegnanti. Sao Paulo: Cortez, 1992.

Hengemühle, Adelar. La formazione degli insegnanti: il ruolo di insegnare il riscatto di istruzione. Petropolis, RJ: voci, nel 2008.

Libâneo, Jean-Baptiste, la forma d'arte è 2. Ed. Sao Paulo: Basil Blackwell, 2001.

MORAN, José Manuel. I nuovi spazi prestazioni degli insegnanti con le tecnologie. Educational dialogo rivista. Curitiba, v. 4, n. 12, p.13-21, maggio / agosto 2004. Quattro mesi.

NAGLE, Jorge. Istruzione nella Prima Repubblica. In: BORIS, Fausto (ed.). Storia generale della Civiltà brasiliano. Volume III: Brasile repubblicano. V2. Società Istituzioni (1889- 1930). Rio de Janeiro: Ed Berton S / A, 1990.

Romanowski, Joana Paulin. La formazione e professionalizzazione. 4.ed.rev. Curitiba: IBEPEX 2010.

Saviani, Dermeval. Pedagogia in Brasile: storia e teoria. Campinas, SP: Autori Associates, 2008.

ZOTTI, Solange Aparecida; La società, l'educazione e il curriculum in Brasile: i Gesuiti al 1980; Campinas SP; autori associati; Brasilia DF; piano editoriale; Del 2004. Disponibile all'indirizzo: <https://books.google.com.br/books?id=9ZyCdrVMe30C&pg=PP10&lpg=PP10&dq=ZOTTI#v=onepage&q=ZOTTI&f=false>. L'accesso in 8 ottobre Il 2016.

[1] Academic Graduate Scienze della Formazione, Facoltà di pini; Laureato in Pedagogia presso l'Università di maiuscole TARIFFE Roraimense Istruzione; Professore di pubblico comunale a Boa Vista-RR.

[2] Laureato in Normal Superior State University di Roraima-UERR, laureato in Geografia presso l'Università di Roraima-UERR.

Como publicar Artigo Científico

DEIXE UMA RESPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here